Sei sulla pagina 1di 1

Titolo: Hecyra (La suocera) Autore: Publio Terenzio Afro Genere: Antica commedia latina Lingua originale: latino

Luogo e data di pubblicazione: Milano Ottobre 2003 Casa editrice: Oscar Mondadori Tempo: non specificato Ambiente: Atene(Grecia).Sulla scena compaiono le case di Simone, Fidippo e Bacchide. Personaggi: Panfilo (marito di Filomena, figlio di Lachete e Sostrata); Lachete (padre di Panfilo, marito di Sostrata, suocero di Filomena); Sostrata (madre di Panfilo, moglie di Lachete, suocera di Filomena); Filomena (moglie di Panfilo, figlia di Fidippo e Mirrina); Fidippo (padre di Filomena, marito di Mirrina, suocero di Panfilo); Mirrina (madre di Filomena, moglie di Fidippo, suocera di Panfilo); Parmenone (servo di Panfilo e Lachete); Bacchide (cortigiana) Trama: Panfilo sposa Filomena, che aveva violentato in precedenza senza sapere chi fosse, quando era ancora ragazza. Durante la colluttazione, le aveva tolto un anello, donandolo poi alla sua vecchia amante Bacchide. Dopo essersi sposato, Panfilo parte per Imbro con il servo Parmenone, senza ancora aver consumato lamore per la moglie. Ma poich la ragazza incinta, sua madre Mirrina per non far sapere niente a Sostrata la porta nella casa del padre, inscenando una finta influenza. Il suocero Lachete incolpa la moglie dell'accaduto, accusandola di non andare d'accordo con la nuora. Fidippo fa lo stesso accusando invece la moglie Mirrina di non volere lasciare la figlia a Panfilo. Intanto Panfilo torna dal viaggio e sentendo del trasferimento, si reca a casa di Fidippo dove scopre il parto, ma su richiesta di Mirrina non ne fa parola con nessuno. Tuttavia non vuole riprendersi la moglie in casa. Lachete non sospettando niente e dopo aver scoperto il parto e credendo che il bambino fosse di Panfilo, incolpa il figlio di essere ancora innamorato di Bacchide e per questo di aver fatto scappare la moglie di casa. Perci si reca con Fidippo da Bacchide, che cerca di discolparsi. Tematiche: il senso della famiglia (la "patria potestas") e il decoro sociale ("decorum"); temi che, pi che all'azione stessa, concedono spazio all'espressione di aspirazioni, desideri nascosti e dinamiche (dialogate) interpersonali. Commento: Nonostante l'intreccio complicato (come appare anche dalla lunghezza del riassunto sopra) e la presenza del colpo di scena finale, la commedia presenta due "interni di famiglia" ed quasi interamente "stataria .