Sei sulla pagina 1di 3

VERGA Novelle

La Roba
Nel dicembre 1880, raccolta poi Novelle Rusticane (1883) Trama: la storia viene raccontata inizialmente dal punto di vista di un viandante: tutte le terre intorno a lui appartengono a Mazzar. Poi lottica narrativa quella consueta al Verga verista, interna al mondo rappresentato, proveniente dal basso, da un narratore popolare( non c straniamento come in Rosso Malpelo, il protagonista non presentato in maniera da stravolgere malevolmente la sua figura, il narratore in sintonia con la logica delluomo che si fatto dal nulla: panegirico delluomo che si fatto dal nulla) Si dice sia diventato tanto ricco per vari motivi: lavorava con energia infaticabile,era intelligente testa come un brillante,si sacrificava mangiava solo pane e cipolla e non aveva nessun vizio, neanche quello per le donne (unica donna era la madre per la quale aveva speso 12 tar per il funerale). Da bracciante, diventa il padrone del suo barone e inganna le persone per farsi vendere i terreni pi fertili. Gli unici motivi di crisi per Mazzar sono la vecchiaia e la morte che lo porteranno alla perdita di tutto il suo lavoro e delle sue terr: mazzar prender quindi a bastonate le sue oche sperando di poter portare con s la sua roba dopo la morte. Temi: Verga, dopo i malavoglia, abbandona definitivamente la mitizzazione dellambiente rurale: la realt risulta dominata dalla logica dellinteresse. Prende invece il sopravvento il tema della dinamicit sociale, sulla scia del giovane ntoni, nella figura di un self-made man rurale, che si crea una prodigiosa fortuna dal nulla e la cui ascesa sociale inserita nel processo storico della modernit (ascesa della borghesia). Ammirazione per laccumulo capitalistico di beni di Mazz.( uso delliperbole : un esercito di mietitori.. accorrono villaggi per la vendemmia) Mazz appare quasi un eroe faustiano nel suo sogno di potenza senza limiti che lo spinge ad accumulare sempre pi ( vuole avere tanta terra quanta ne ha il re) Si perde ogni valore morale. Domina la religione della roba ( lavidit disumana e crudele di Mazz. ,descritta oggettivamente dal narratore, appare normale, legittima, meritoria. Ci mette in luce lo stravolgimento profondo di quel mondo che conosce solo linteresse economico senza che lautore intervenga con giudizi e condanne). Il protagonista eroico e disumano allo stesso tempo (come sar anche Gesualdo). La famiglia non pi il centro ideale (mazzar rimpiange i soldi spesi per il funerale della madre). Finale: mazz vinto dalla natura stessa, col limite naturale della vita( Mazz ammazza tacchini a bastonate) tra tragicit ( secondo la prospettiva dellautore) e comicit ( il narratore ritiene assurdo il gesto, non rispondente alla logica economica, avrebbe dovuto solo pensare allanima).

Fantasticheria
1878, poi raccolta in Vita dei campi nel 1880) Trama: la novella pu essere divisa in quattro blocchi: i primi due contengono la risposta dell'autore
alla domanda postagli dall'amica aristocratica, che ha visitato Aci Trezza, su come sia possibile vivere l. Il terzo un'anticipazione dei personaggi che in seguito saranno presenti nei Malavoglia e delle loro tragiche sorti. L'ultimo l'enunciazione dell'ideale dell'ostrica vale a dire l'eroico attaccamento dei miseri alla propria condizione e la celebrazione della rassegnazione coraggiosa al proprio destino. Temi: Rispetto ai malavoglia manca il coro del paese, polo essenziale che mostra il negativo della lotta per la vita.

vi ancora unidealizzazione del mondo rurale(Verga a met tra idoleggia mento romantico e rappresentazione duramente veristica). Al mondo aristocratico e raffinato della giovane dama, di cui
l'autore era stato affascinato all'inizio della sua stagione creativa, Verga contrappone il mondo degli umili e degli oppressi, con la loro vita semplice e povera ma pi autentica perch fondata sulla rassegnazione eroica al proprio destino. Alle "irrequietudini del pensiero vagabondo" lo scrittore contrappone "i sentimenti miti, semplici che si succedono calmi, inalterati di generazione in generazione".

assenza della regressione: il punto di vista del narratore rappresenta quello dellautore stesso. Vi sono inoltre atteggiamenti moralistici contro il bel mondo e di piet che avvicinano la novella alle opere giovanili Nella novella Giovanni Verga lo spiega bene "Bisogna farsi piccini, chiudere tutto
l'orizzonte fra due zolle e guardare col microscopio le piccole cause che fanno battere i piccoli cuori".

ideale dellostrica : bisogna rimanere attaccati agli affetti, chi se ne sistacca ( per curiosit del mondo, o per brama di meglio) viene ingoiato dal mondo, pesce vorace ( ideale conservatore)

Rosso Malpelo
1878, raccolta poi in Vita dei campi 1880

Trama: Il ragazzo vittima di un pregiudizio popolare, quello che associa i capelli rossi alla cattiveria. Inoltre Malpelo "era davvero un brutto ceffo, torvo, ringhioso, e selvatico". la vita che conduce ad averlo ridotto cos: la mamma lo trascura, la sorella si vergogna di lui. Il padre, l'unico che gli riservava una qualche forma di affetto, morto nella stessa cava dove lavora Malpelo, sepolto da un pilastro di rena. In seguito alla morte del padre, togliendo un pilastro pericolosissimo, lavro che nessunaltro aveva voluto fare, un dolore che lo segner per sempre, Malpelo coltiva un oscuro spirito di vendetta. Lavora alacremente, ma fa di tutto per meritarsi l'appellativo col quale viene chiamato: picchia il suo povero vecchio asino, cattivo con tutti. In seguito verranno trovati i resti del corpo del padre: M non vorr pi scavare in quella zona. Sviluppa un rapporto di amore-odio per un ragazzetto arrivato da poco alla cava, Ranocchio, cui una lussazione del femore impedisce di fare il manovale, obbligandolo, invece, a lavorare sottoterra. Malpelo lo picchia, ma gli insegna nello stesso tempo, con rabbioso affetto, le dure e feroci leggi della vita, le uniche che egli conosca: la continua lotta di tutti contro tutti e la sopravvivenza del pi forte.Un giorno colpisce Ranocchio che si accascia a terra senza pi rialzarsi. Il ragazzo gravemente malato di tisi e ha uno sbocco di sangue. Non pi in grado di lavorare. Malpelo, a

modo suo, disperato, lo va a trovare, gli porta del vino e della minestra, ma il ragazzo muore.
Sempre pi solo, - la madre e la sorella sono nel frattempo andate a vivere altrove -, Malpelo continua la sua bestiale vita alla cava. Persino un evaso, capitato a lavorare di nascosto nella cava, preferisce tornare in prigione, reputandola meno disumana di "quella vitaccia da talpa". A Malpelo toccano i lavori pi ingrati e rischiosi, tanto non ha famiglia e di lui non importa niente a nessuno. In un'audace esplorazione del sottosuolo, alla ricerca di un passaggio che colleghi a un pozzo, un giorno Malpelo sparisce, portando con s gli attrezzi che furono del padre, inghiottito per sempre dalla terra. E ora i ragazzi temono che il suo fantasma si aggiri per la cava, "hanno paura di vederselo comparire dinanzi, coi capelli rossi e gli occhiacci grigi". Temi: La novella d inizio alla fase verista di Verga. Gia in Nedda Verga aveva descritto gli ambiente popolari siciliani, in rosso sono per presenti gli espedienti narrativi: la regressione, il narratore si colloca al livello mentale e culturale dellambiente rappresentato eclissandosi, attuando cos il principio dellimpersonalit. Non pi presente, dunque, il narratore onnisciente il narratore per inattendibile in quanto on riesce a capire i sentimenti di Malpelo e spesso li attribuisce alla sua strana cattiveria (come qnd Malpelo scava con accanimento dopo la morte del padre). Straniamento: appaiono incomprensibili alcuni sentimenti (piet filiale, senso della giustizia, valori autentici di cui Malpelo portatore) che dovrebbero essere normali ma che non lo sono poich il punto di vista del narratore coincide con una visione del mondo disumano. In questo modo i valori risultano impraticabili in un mondo dominato dalla logica dellinteresse: pessimismo verghiano. straniamento rovesciato: appare normale ci che strano smentita della mitizzazione romantica del popolo che e dominata dalle stesse leggi. nella prima parte malpelo visto solo dall esterno, nella seconda emerge il punto di vista del protagonista, visione cupa e pessimista, legge del piu forte.

consapevolezza dell eroe della legge immodif. Che regola il mondo, orgoglio di averla capita dunque: eroe intellettuale in cui si proietta il pessimismo dell autore stesso che non sa porre alternative alla realta. la materia trattata potrebbe dare orgine al racconto umanitario ma il modo in cui viene raccontata la trasforma in unanalisi impietosa del mondo.