Sei sulla pagina 1di 1

DOMANDE & FAQ ROMANTICISMO E HEGEL (CARATTERI GENERALI FILOSOFIA) 1.

In che senso vi sono due definizioni del movimento romantico? 2. Cosa si intende con rifiuto del romanticismo della ragione illuministica e dell'esaltazione del sentimento e dell'arte? 3. Qual valori possiede per i romantici larte? 4. In che modo motivano i 0ormantici il loro rifiuto per la scienza? 5. nn ho capito molto bene la parte sul romanticismo riguardante "l'armonia perduta", potrebbe darmi una dritta, please? 6. Altra cosa che nn ho capito : "la terza caratteristica dell'amore romantico"...ho capito solo l'amore romantico tende a farsi carico di significati simbolici e metafisici. 7. il giustificazionismo di Hegel, non ci per niente chiaro...lo potrebbe spiegare con parole semplici, diverse da quelle usate da tutti i siti di filosofia del mondo?grazie :-) 8. Prof, anche se in sintesi, ho trovato queste come differenze tra H. e Kant. Sono corrette? manca qualcosa? 7. il giustificazionismo di Hegel, non ci per niente chiaro...lo potrebbe spiegare con parole semplici, diverse da quelle usate da tutti i siti di filosofia del mondo?grazie :-) GIUSTIFICAZIONISMO: il concetto simile a quanto vi ho chiesto oggi riguardo al romanticismo. Dato che per Hegel lo sviluppo storico il processo attraverso cui si realizza (cio diviene reale) l'assoluto (cio La ragione), ne consegue che tutto ci che accade nella storia sia razionale, pertanto ogni cosa accade come giusto e bene che sia, questo anche il senso della massima "tutto ci che reale razionale". Quindi ogni cosa che accade trova giustificazione nel fatto che manifestazione dell'assoluto (i romantici direbbero: "di dio"). Quindi Hegel giunge a considerare gli eventi storici (non proprio ogni cosa che accade, tipo che io sono mezzo calvo, ma solo gli eventi fondamentali) come razionalmente necessari e per ci giusti. Quindi: 1. hanno torto gli illuministi a criticare la storia come se ci che accade fosse irrazionale; 2. hanno sempre torto gli illuministi a dire che scopo della filosofia cambiare le cose, che le cose vanno gi bene cos come sono; 3. infatti non solo ci che reale razionale, ma reale (ci che accade) e ideale (come le cose dovrebbero essere) coincidono; 4. naturalmente questo discorso vale non per ogni evento accidentale (privo di importanza) ma solo per gli eventi essenziali occhei? 8. Prof, anche se in sintesi, ho trovato queste come differenze tra H. e Kant. Sono corrette? manca qualcosa? 1. Kant era il filosofo del finito, Hegel invece dell'infinito 2. Per Kant le idee erano solo schemi mentali, per Hegel "manifestazione" dell'infinito 3. Per Kant, l'essere non si adegua al dover essere, per Hegel s 4. Kant si mise il problema di conoscere il metodo del conoscere prima che il conoscere stesso ce ne sono tante altre ad esempio Hegel considera l'intelletto kantiano come limitato e considera invece la ragione come capace di andare al di l dell'esperienza, inoltre rifiuta il principio di non contraddizione che invece kant accetta, anzi proprio per questo che kant rifiuta la ragione in quanto va incontro a una serie di contraddizioni irrisolvibili, mentre per kant la dialettica un sapere illusorio proprio perch contraddittorio, per hegel la dialettica la legge stessa del pensiero e della realt. dire i che pu bastare :-)