Sei sulla pagina 1di 10

Il Petrolio e la sua formazione

Il Petrolio e la sua storia


Il petrolio deriva da depositi naturali sotterranei (organismi vegetali e animali, come il plancton, fanghi e detriti) che in assenza di aria, per opera di speciali batteri, sottoposti ad elevate pressioni e temperature si sono scomposti in sostanze chimiche formate da carbonio e idrogeno: gli idrocarburi. Essi possono essere sia liquidi che gassosi e tendono a spostarsi, (essendo pi leggeri dell acqua) migrando verso l'alto, attraverso le rocce porose, (rocce magazzino che sono permeabili) finch incontrano strati impermeabili del sottosuolo dove vengono intrappolati. infatti le rocce impregnate di petrolio da cui si estrae vengono dette trappole petrolifere . Dopo il processo di estrazione, il petrolio greggio viene raffinato attraverso la distillazione. Con questo termine si intende un insieme di processi che hanno lo scopo di isolare dal greggio sostanze o miscele di sostanze adatte a vari impieghi.

Il Petrolio e la sua ascesa


Dall'inizio del '900 il petrolio ha gradatamente sostituito il carbone fino a diventare, nel corso degli anni, la fonte energetica pi utilizzata nei paesi industrializzati in quanto di facile: estrazione trasporto utilizzo.

Dove possibile trovare l Oro Nero ?


La distribuzione mondiale delle riserve accertate di petrolio indica una forte concentrazione (oltre il 66%) nel Medio Oriente e in alcune aree dell Asia, dell Africa e dell Europa orientale (Russia), mentre molto pi modesti sono i giacimenti nelle altre aree del Pianeta, l'Europa raggiunge solo il 2%.

Il Primato dell Italia!


All interno dell Unione Europea spicca il dato dell Italia dove i consumi petroliferi rappresentano la quota preponderante (oltre il 48%) del fabbisogno energetico nazionale. Si tratta di un primato assai poco consolante per la fattura energetica nazionale, ove il petrolio gioca un ruolo determinante essendo la fonte di energia pi costosa. Esso infatti, come del resto anche le altre fonti fossili, quasi interamente importato dall Italia, con un grado di dipendenza dall'estero stabilmente superiore al 93%!!

Il Petrolio ha i suoi Pro ed i suoi Contro:


Dai combustibili fossili, petrolio, carbone e gas naturale, proviene la maggior parte dell'energia che utilizziamo attualmente, ma essi presentano vantaggi e svantaggi!

Il Petrolio ed i suoi Vantaggi :


Attualmente la fonte di energia pi economica ( ma tra i costi non si calcola quasi mai l'impatto ambientale del loro uso). E piuttosto facile da trasportare. Un impianto pu servire moltissime persone. E reperibile ancora in grandi quantit. E un ottimo combustibile ( anche utilizzato per produrre energia elettrica). Attraverso la lavorazione del petrolio si possono ottenere molti prodotti: Alcuni dei pi diffusi combustibili (benzine, Kerosene, gasolio). Le materie plastiche. Le fibre sintetiche. Il catrame. I concimi chimici. Prodotti farmaceutici, coloranti, detergenti, ecc.

Il Petrolio ed i suoi Svantaggi :


E una fonte di energia non rinnovabile. Si trova soltanto in alcune zone del mondo. Emette sostanze inquinanti durante la combustione, che possono provocare danni alla salute umana e all'ambiente (effetto serra, piogge acide), se superano determinate concentrazioni nell'aria. Gli impianti, le ciminiere, i tralicci hanno un forte impatto sull'ambiente. Determina dipendenza dai Paesi che lo hanno nel loro sottosuolo (che tra l altro potrebbero decidere di non venderlo pi o di aumentare notevolmente i prezzi). Le tecnologie moderne permettono di utilizzare le fonti con sempre minori emissioni inquinanti; purtroppo, per, tali tecnologie innovative sono molto costose e non sempre attuabili. Se durante la navigazione delle petroliere si verificano degli incidenti, il petrolio che fuoriesce dai serbatoi pu provocare gravi danni agli ecosistemi marini e ai litorali.

Una riflessione mi viene dal cuore:


Se l'uso di combustibili fossili svantaggioso, perch si continua a usare cos tanto il petrolio? E' ragionevole che l'Italia faccia ancora un uso modestissimo dell'energia solare e di altre energie alternative (eolica, idrica,ecc.)? E' giusto pensare di costruire nuovi impianti nucleari per la produzione di energia?