Sei sulla pagina 1di 1

Biografia : Otello Amantini nasce nel 1938 a Capodimonte, in provincia di Viterbo, ma Tarquinia diverr presto la citt cui trascorrer

gran parte della sua esistenza. Primo di una famiglia contadina avviato sin dall infanzia al lavoro nei campi, per il suo carattere inquieto lo porta giovanissimo alle prime esperienze artistiche, inizialmente come esponente di una Schola cantorum e poi come voce di un gruppo jazz ( 1951, 57, 63). soltanto nel 1963 che lo troviamo all VII Premio Vincenzo Cardarelli come pittore, da qui ha inizio la sua febbrile intensa attivit artistica. Sul primo periodo di quest artista, cosi ebbe a scrivere in una felice sintesi Leonida Marchese: il forte personale lirismo animatore di ogni opera pittorica dell Amantini, trova la sua immediatezza nella rapida fluidit della larga pennellata, nella robustezza cromatica, nel nervosismo della linea che non conosce pentimento. La sua pittura canta con affetto filiale e con poetico impressionismo la sua terra ispiratrice di poesia cardarelliana . Negli anni 70 fondatore di alcuni circoli culturali tar i quali : Centro culturale Pietro Ghignoni , Circolo culturale Giuseppe Volpini , Gruppo Studio e Ricerca di Tarquinia. Sempre negli anni 70 risalgono le sculture in ferro colate nel cemento, i collage, i primi sacchi dipinti con acrilici, tempere e terre, ed infine le strutture architettoniche realizzate con fiscoli di frantoio e doghe delle botti. Nel 1980, con la chiusura della Cartiera di Tarquinia , ha inizio un lungo ciclo di tempere su cartapaglia seguito poi dalle sue istallazioni e dai suoi interventi sulla natura , mare , terra e alberi, questo perch Amantini cantore delle sue gesta e delle sue sofferenze in libert . Attivo da quasi quaranta anni Amantini presente in varie rassegne di pittura e scultura, ed ha partecipato inoltre a numerosi eventi culturali promossi da Enti Pubblici. La completezza di tale artista si rivela anche nella sua produzione letteraria (poesie e monologhi) nata dal bisogno di esprimersi in una forma diversa dalla pittura che tuttavia mantiene con essa un intimo connubio