Sei sulla pagina 1di 5

PER NON DIMENTICARE

Il percorso dei Giusti


La memoria del bene patrimonio dell umanit Quel silenzio che opprimeva le coscienze individuali fu vinto dall incalzante avanzare dei giusti. Secondo quanto sta scritto nel Talmud - monumentale opera della letteratura ebraica post-biblica, in qualsiasi momento della storia, ci sono sempre Trentasei Giusti al mondo. Essi sono nati Giusti, non possono ammettere l'ingiustizia. E' per amor loro che Dio non distrugge il mondo. Nessuno sa chi sono, e meno che meno lo sanno loro stessi. Ma sanno riconoscere le sofferenze degli altri e se le prendono sulle spalle.

Esiste un luogo a Gerusalemme, sul monte delle Rimembranze, che prende il nome di "Parco dei Giusti", dove migliaia di piante ricordano i nomi di tutti coloro che aiutarono gli ebrei durante gli anni dell'Olocausto. Tra questi Oskar Schindler. Ragioniere alto, biondo, elegante, nonostante avesse sulla giacca un grande distintivo del partito nazista, riusciva ancora a distinguere tra bene e male. Aveva contatti con alti ufficiali nazisti con i quali beveva per corromperli, ai quali procurava sigarette altre suppellettili di lusso difficilmente reperibili in quegli anni. Scosso dal forte orrore provato di fronte al terrore provocato dai nazisti, cominci a boicottare questo sistema, avvert gli ebrei dell imminente saccheggio dei loro appartamenti , riusc in quattro settimane a liberare trecento donne dall inferno di Auschwitz. Venuto a sapere che moltissimi ebrei viaggiavano da giorni da una stazione all altra senza cibo n acqua, prese in mano i documenti di spedizione e inser Zwittan, la sua citt natale liberando cos i sopravvissuti che vennero accuditi da sua moglie. Riusc a salvare 1200 ebrei da morte sicura nelle camere a gas di Auschwitz. Il nome di Giorgio Perlasca non va a collocarsi e disperdersi nella mischia di coloro che assistettero come muti spettatori al consumarsi di una tragedia come la Shoah, ma al contrario il suo contributo fu fondamentale per contrastare lo sterminio degli ebrei messo in atto dalla follia della Germania nazista. Italiano di famiglia borghese , Perlasca, dopo l occupazione tedesca dell Ungheria, si finse un ambasciatore spagnolo e cos pot lavorare incessantemente per fornire agli ebrei assistenza, cibo e documenti falsi. Un uomo comune che mise pi volte a repentaglio la propria vita per salvare quella altrui senza lasciarsi intimidire dalle prime avvisaglie di pericolo. Perlasca con la sua semplicit riusc a salvare migliaia di ebrei da morte certa. Tra coloro che si adoperarono per contrastare lo sterminio degli ebrei attuato da Hitler un ruolo fondamentale venne svolto da Don Francesco Repetto. Giovane sacerdote, segretario del Cardinale di Genova, egli si adoper enormemente per nascondere e difendere, alloggiandoli presso conventi e privati, sia gli ebrei genovesi che quelli profughi giunti in citt dagli altri paesi d Europa; fino a fornire loro

documenti falsi e ad organizzare la fuga verso la Svizzera. La sua attivit di aiuto agli ebrei lo fece diventare ben presto un ricercato dai tedeschi, e per questo motivo egli dovette trascorrere l ultimo periodo della guerra da clandestino, sotto falso nome. E importante sottolineare poi, che nessuna delle persone aiutate dal sacerdote italiano fu mai invitata da lui a convertirsi al cattolicesimo. Ma ci sono anche Giusti di cui non conosciamo i volti, di cui ignoriamo lo sguardo ma che hanno mosso passi silenziosi nel cammino delle nostre libert, hanno agito nel buio di un epoca dilaniata da furori e basse ideologie, da odio e cinismo. Hanno affrontato la morte giorno per giorno, faccia a faccia, pur di seguire la strada della giustizia, pur di non annullare l essenza del bene. Anche a costoro va riconosciuto l appellativo di giusti perch tali sono stati, persone le cui caratterizzazioni rappresentano ritratti di semplicit, uomini e donne che non si sono fregiati dell attributo e del valore di eroe, professando modestia, rettitudine, umilt, ma dimostrandosi eroi nelle loro azioni, degli eroi sconosciuti sacrificatisi per liberare dai macigni dell insensatezza l impervio e tortuoso sentiero della giustizia, eroi che ora riusciamo a chiamare per nome. Gli ebrei, disperati, venivano a chiederci aiuto al comune e anche a casa. Noi allora rilasciavamo a ciascuno di loro, donne e uomini, documenti falsi per farli risultare cittadini italiani. In pochi giorni ne compilammo tanti e tutti presso gli uffici municipali. Si trattava di tesserini verdi, senza foto, i quali annotavamo semplicemente le generalit. Ricordo che ad una donna ebrea attribuii lo stesso nome e cognome di mia sorella. Grazie a questo espediente salvammo tanti ebrei. Io allora avevo appena 21 anni e mi resi conto di quanto avevo rischiato solo successivamente anche se mio padre spesso mi avvertiva del pericolo che stavo correndo. Falsificare i documenti per aiutare gli ebrei, per, a noi veniva naturale e spontaneo. Poi i tedeschi scoprirono il tutto, forse per alcune rivelazioni fatte proprio da un ebrea innamorata di un capitano tedesco. Io e una collega d ufficio fummo convocate al comando. Mi dissero che se non mi fossi presentata avrebbero fucilata tutta la mia famiglia. Mi mostrarono un tesserino chiedendomi se la calligrafia fosse la mia e io risposi di s. Mi ordinarono di tornare al comando il luned successivo. Durante le notti non dormivo per paura che mi venissero a prelevare da un momento all altro. Arriv quel famoso luned ma per fortuna arrivarono anche gli alleati. Ho rischiato grosso, sono salva per miracolo. In un punto del vasto giardino dei Giusti spiccano 15 alberi di ulivo. Al centro si erige una lapide sulla quale inciso il nome di Costanza Rufo. Attraverso il suo gesto rischioso e carico di coraggio, l eroina di San Donato Val di Comino, salv la vite di Ulla. Per farla sfuggire alla cattura dei tedeschi la nascose in un grosso cesto che avvolse con un lenzuolo e che copr con un po di letame per confondere gli odori. Grazie all aiuto di un abitante del luogo, Costanza si mise il cesto sulla testa e si incammin par oltre 1 km, trasportando cos la donna in periferia e quindi fuori dalla portata dei tedeschi. Ursula, detta Ulla, pot cos salvarsi dalla deportazione nei campi di concentramento e raggiungere suo marito che si era nascosto nella casa di un contadino. In seguito la famiglia Tanenmbaum, aiutata dalla fortuna, riusc a raggiungere Roma, evitando tutti i posti di blocco, e infine a sopravvivere alla guerra. Costanza morta alcuni anni fa, ma il suo ricordo ancora vivo. A piantare, nei primi anni 90, i 15 ulivi sono stati i coniugi Tanenmbaum, che attualmente vivono a Roma. Gli alberi non rappresentano solo un simbolo, ma un vero monumento in onore di chi, durante il periodo di persecuzioni, salv la vita agli ebrei.

Conosce il Signore la vita dei buoni, la loro eredit durer per sempre. Non saranno confusi nel tempo della sventura e nei giorni della fame saranno saziati Salmi-37,33 (La sorte del giusto e dell empio )

Guardiamoci dalle nostre inclinazioni al male. Dobbiamo ricordare il massacro di sei milioni di Ebrei avvenuto nel nostro secolo, al centro della cristianissima Europa . Giovanni Paolo II (Pensaci uomo la storia siamo noi)

Rendere odio per odio, moltiplica l odio, aggiunge oscurit pi profonda ad una notte gi senza stelle. La tenebra non pu scacciare la tenebra, solo la luce pu farlo; l odio non pu scacciare l odio solo l amore pu farlo. Io oggi voglio dire che io ho ancora dei sogni, perch so che nella vita non bisogna mai cedere. Ecco perch io ho ancora il sogno che un giorno gli uomini si rizzeranno in piedi e si renderanno conto che sono stati creati per vivere insieme come fratelli, che le bambine e i bambini potranno unire le loro mani e passeggiare come fratello e sorella. Questa mattina ho ancora il sogno che un giorno ogni uomo rispetter la dignit e il valore della personalit umana nella convinzione che tutti gli uomini creati sono uguali. Ora il momento di tradurre la giustizia in una realt per tutti i figli di Dio Martin L. King (I have a dream)

Meditate che questo stato , si legge in una poesia di Primo Levi. Il verso riflette l importanza della memoria, non solo affinch ci che stato non si ripeta, ma anche e soprattutto perch essa custodisca nel tempo l impossibilit di rassegnarsi al fatto che il mondo dei lager sia esistito, che sia stato introdotto irrevocabilmente nel mondo delle cose che esistono e quindi sono possibili .

Autore: Beatrice Addari Da: www.qumran2.net