P. 1
La maschera del vendicatore

La maschera del vendicatore

|Views: 75|Likes:
Published by Antonio Sgobba
Il volto di Guy Fawkes, papista cospiratore del Seicento, è stato trasformato – per errore di un fumettista – in una maschera dal ghigno sardonico indossata da milioni di manifestanti. Un’icona pop, come il Che Guevara e l’Obama di Obey, messa subito a profitto. La maschera ufficiale è prodotta da una delle big companies sotto accusa, la Warner Bros VITA 30 dicembre 2011
Il volto di Guy Fawkes, papista cospiratore del Seicento, è stato trasformato – per errore di un fumettista – in una maschera dal ghigno sardonico indossata da milioni di manifestanti. Un’icona pop, come il Che Guevara e l’Obama di Obey, messa subito a profitto. La maschera ufficiale è prodotta da una delle big companies sotto accusa, la Warner Bros VITA 30 dicembre 2011

More info:

Published by: Antonio Sgobba on Feb 02, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/02/2012

pdf

text

original

L’ANNO NERO

Getty Images

30 DICEMBRE 2011

VITA

10

il Vendicatore
Fawkes, simbolo della piazza, è un business da multinazionale

C

di Antonio Sgobba

HE COSA C ’ È DIETRO IL SORRISO di quella maschera bianca e ghignante? Di chi si stanno prendendo gioco tutti i manifestanti dietro il volto di Guy Fawkes? L’origine dell’enigmatico sorriso simbolo della protesta in realtà è uno scherzo della memoria. Lo racconta l’uomo che ha disegnato – quasi trent’anni fa – l’icona della protesta globale. «Era estate, non potevo comprare una delle maschere che si usano per il 5 novembre. Mi sono a dato ai miei ricordi, credevo che Fawkes ridesse, ma non era così. Però il risultato è stato spiazzante, felice», ha dichiarato David Lloyd, il fumettista che ha illustrato V for Vendetta, la graphic novel edita nel 1982 che ha riportato in vita Guy Fawkes. L’eroe inglese protagonista della “Congiura delle ceneri”, il cattolico difensore del Papa che, s dando il potere protestante, aveva progettato di far saltare in aria la Camera dei Lord proprio il 5 di novembre dell’anno 1605. «Remember, remember the fth of novembre», il suo motto, riportato in piazza oggi. «La maschera è qualcosa di visibile, che ci distingue dagli hippies o dai vecchi socialisti e ci da un’identità tutta nostra», ha detto alla Bbc un’anonima – ovviamente – londinese tra gli occupanti della Cattedrale di Saint Paul di New York. «L’uso dell’immagine da parte dei manifestanti mi ricorda il modo in cui

Il volto di Guy, papista cospiratore del Seicento, è stato trasformato – per errore di un fumettista – in una maschera dal ghigno sardonico indossata da milioni di manifestanti. Un’icona pop, come il Che Guevara e l’Obama di Obey, messa subito a pro tto. La maschera u ciale è prodotta da una delle big companies sotto accusa, la Warner Bros.
la celebre fotogra a di Ernesto Che Guevara, scattata dall’argentino Alberto Korda, è diventata un’icona fashion dei ribelli del ventesimo secolo», ha a ermato Lloyd. Un destino curioso per il personaggio ispirato a un militare cattolico. «È diventato un brand condiviso e un comodo manifesto da usare nelle proteste contro la tirannia. Una nuova icona della cultura pop». Perché scegliere proprio quel personaggio? Lloyd ricorda che quando lui e Alan Moore (l’autore dei testi della graphic novel) stavano lavorando al personaggio, avevano in mente l’idea di

una guerriglia urbana contro una dittatura fascista, ma volevano anche inserire un elemento più teatrale nella storia. «Sapevamo che “V” era scappato da un campo di concentramento in cui era stato sottoposto a esperimenti medici. Ebbi l’idea che nella sua follia avesse deciso di adottare il volto e la missione di Guy Fawkes», racconta Lloyd. Nel libro il nome del personaggio è semplicemente “V”. La sua rma è quella lettera racchiusa in un cerchio, con un chiaro richiamo al simbolo dell’anarchia. Shepard Fairey, alias “Obey”, lo street artist che nel 2008 aveva creato il manifesto Hope per Obama, quest’anno ha rielaborato la sua opera. Con Fawkes al posto del presidente. E quando il creatore di Wikileaks, Julian Assange, ha deciso di apparire in pubblico il 15 ottobre a Londra ha scelto proprio di nascondersi dietro quella maschera. Ma la prima apparizione del volto sardonico si registra in una protesta del 2008 contro Scientology. A produrre le maschere di plastica è la Rubies Costume Company, per conto del colosso Warner Bros., casa produttrice del lm ispirato al fumetto, uscito nel 2006. Ne vengono venduti centomila esemplari all’anno, di cui 16mila solo in Gran Bretagna (il costo? Va dalle 4 alle 7 sterline, non sono certo economiche). Il portavoce dell’azienda si è detto preoccupato: «L’essere associati agli attivisti può danneggiare l’immagine del-

la corporation», ma ha pure ribadito che le vendite andavano bene anche prima delle proteste. «È ironico il fatto che gli anticapitalisti abbiano inconsapevolmente supportato una multinazionale», ha scritto il blogger Paul Staines. In effetti la Warner è tra le prime 100 compagnie degli Stati Uniti, con un fatturato di 1,6 miliardi di dollari. Gli “Anonymous” hanno subito reagito alla critica incominciando a importare le maschere direttamente dalle fabbriche cinesi, per aggirare il controllo delle companies. E a partire dalle proteste di Madrid, si è di usa l’autoproduzione, con il fai-date dei volti di carta del vendicatore. «Credo che l’immagine sia stata scelta dagli Anonymous perché volevano mascherare la loro identità e allo stesso tempo difendere l’individualismo. E V for Vendetta è proprio la storia di un singolo, una persona, contro l’intero sistema», ha detto Lloyd dopo aver visitato di persona Zuccotti Park. Il disegnatore voleva vedere da vicino le proteste. Chi invece si è tenuto alla lontana dalle manifestazioni è Alan Moore, lo scrittore autore del soggetto. Lui è arrivato persino a disconoscere il libro, proprio in polemica con la Warner, dopo il lm. Ma apprezza la protesta. «Mentre lo scrivevo pensavo: non sarebbe meraviglioso se queste idee avessero davvero un impatto? Trent’anni dopo è come se il mio personaggio fosse scappato dalla ction per entrare nel mondo reale», ha detto al Guardian. E ha svelato un altro dettaglio sulla storia del vendicatore. Moore aveva deciso di intitolare ogni sezione del libro con una parola che iniziasse per “V”. Al trentottesimo, e ultimo, capitolo i vocaboli iniziavano a scarseggiare. Vittime, Vaudeville, Vicissitudine, persino Verwirrung - “confusione” in tedesco – erano già stati tutti usati. «Poi mi venne in mente “Vox Populi”, ricorda Moore: era quello che mi serviva. Il popolo. Quella misteriosa entità tanto spesso evocata. Il popolo era lì, dietro tutte quelle maschere».

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->