Sei sulla pagina 1di 16

L

edizione del Calendario della Greca Salentina per il 2012 la n. 20. Abbiamo scritto assieme (Istituzioni, Associazioni, Studiosi) venti capitoli di un libro affascinante non solo per chi lo ha sfogliato, anno dopo anno, ma anche per tutti coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione. Per sviluppare gli argomenti che di anno in anno sono stati trattati, ci siamo talvolta addentrati in territori quasi sconosciuti, li abbiamo esplorati e li abbiamo riproposti. Talvolta abbiamo dubitato che ci fosse ancora qualcosa da dire, ma bastato guardarsi attorno con pi attenzione per rendersi conto che non era cos. La Greca ha rivelato tanto di s, ma tanto altro ha ancora da far conoscere a tutti. Solo che diventa sempre pi difficile per noi realizzare lalmanacco, ma non perch manchino argomenti; solo che Enti Locali e Sponsor hanno sempre pi difficolt a farsi carico delle spese di realizzazione e il circolo Ghetona, che lo ha fatto nascere e crescere, non potrebbe farsene carico da solo. Forse domani vedr la luce un calendario diverso, oppure muteranno le condizioni di chi oggi in difficolt o si avranno nuove idee e nuove opportunit, magari grazie alla legge regionale sulle Minoranze. Di certo, non difetta la speranza in coloro che hanno creduto nella validit di una iniziativa che ha costruito, mattone dopo mattone, consapevolezza di una identit, quella della Greca Salentina.

Q
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

uestanno finalmente anche la Regione Puglia avr una legge a tutela delle minoranze linguistiche. Per preservare una parte importante del nostro patrimonio, linguistico e culturale, per continuare a promuovere la storia di un territorio come la Greca Salentina. Una storia di come intorno a una lingua si sia costruita cultura e sviluppo locale, una

storia di successi che hanno fatto di questa nostra terra una realt conosciuta oggi in tutto il mondo e questo il mio migliore augurio per il nostro bellissimo calendario. Sergio Blasi

GIORNI DEL MESE


mia du tr tssare pnte fse ett ett enna dka ndeka

Presso Palazzo Palmieri a Martignano Salento Griko ha organizzato, da gennaio ad aprile, i Seminari del percorso Dialoghi di Psicologia, incontri/dibattito dal titolo COMPRENDERE I GIOVANI NEL TERZO MILLENNIO. Vi hanno partecipato operatori scolastici, genitori e addetti alleducazione. LAssociazione Kaliglossa ha organizzato corsi di griko per lapprendimento ed il perfezionamento della lingua. Cominciati il 20/1, sono stati interrotti nel periodo estivo e ripresi in autunno, con la partecipazione di un centinaio di allievi.

Al Console Generale di Grecia a Napoli, dr. Emmanouil Apostolakis, che ha visitato la Greca Salentina il 17/12/2010, vanno gli auguri di Istituzioni, Associazioni, Scuole. Nella foto, lillustre Ospite in visita alla Casa-museo di Calimera.

Martignano ha celebrato tra il serio ed il faceto (27/2), in un convegno dal titolo 20 anni de Paulinu a Martignanu, il suo cittadino vivente/morente pi illustre. Sono intervenuti Don R. Delos - Parroco di Martignano, L. Sergio - Sindaco di Martignano, E. Imbriani - Universit del Salento, A. Apostolo - Curatore della pubblicazione, P. Rielli - Responsabile del Parco. Il Carnevale della Greca Salentina (6-8/3) ha accolto a Martignano migliaia di visitatori per la sfilata di carri e gruppi allegorici. Entusiasmante La Morte de lu Paulinu, sbarcata su Rai Uno, ad Effetto sabato. Lu Consulu, pranzo consolatorio offerto ai parenti del defunto, appuntamento amato dagli appassionati di cucina tipica, nel 2011 ha visto il ritorno della coddhima, piatto dolce a base di grano cotto, miele ed uvetta, offerta a chi rendeva omaggio alla salma.

accaduto nel 2011


La Carovana Internazionale Antimafie ha fatto tappa a Calimera il 30/4. La manifestazione di Arci, Libera, Articolo 21, organizzata a Calimera da Ghetona e da Nomeni per Antonio Montinaro in collaborazione con il Comune, ha visto la partecipazione di molte Scuole, Istituzioni locali, Associazioni di volontariato e di Responsabili territoriali delle Forze dellOrdine.

12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

ddeka dekatr dekatssare dekapnte dekfse dekatt dekott dekanna kosi kosi-mia kosi-du

23 24 25 26 27 28 29 30 31

STAGIONI inverno scimna estate calocri

kosi-tr kosi-tssare kosi-pnte kosi-fse kosi-tt kosi-tt kosi-nna trinta trinta-mia

Consigliere Regionale autore della proposta di legge regionale di tutela delle Minoranze Linguistiche di Puglia

GIORNI DELLA SETTIMANA

luned deftra marted trti mercoled tetrdi gioved pfti venerd prasse sabato smba domenica ciuriac

La comunit dei Greci di Calabria ha partecipato il 21/6 alla Festa dei lampioni di Calimera. Il gruppo Meglh Ellda (Megali

2012 20. (, , ) , , . , , . . , . , , , Ghetona, , .

Ellada), coordinato dallo studioso Prof. Filippo Violi, ha eseguito canti e musiche della Grecia e dellarea ellenofona della Bovesia.

Il Salento e Corigliano nel Risorgimento stato il tema di una conferenza tenuta da Orlando DUrso nel castello di Corigliano dO. il 2/2. Sono cos iniziate nella Greca Salentina le manifestazioni per il 150 dellUnit dItalia.

Canti di Passione, il Festival di Musica popolare a tema sacro della Greca Salentina, ha visto due tappe a Martignano: nella Chiesa Matrice, con lesibizione di Arakne Mediterranea, dei Cantori di Martignano e di Zollino (Bottega del Teatro) (9/4); nei pressi della Cappella del Mantovano (20/4), con gli Arakne Mediterranea, i Cantori di Martignano e Mascarimir.

20 studenti della Facolt di Architettura di Ferrara hanno effettuato a Martignano (28/5-5/6) il rilievo grafico del complesso conventuale di San Francesco illustrando poi rilievo e potenziale utilizzazione della struttura in un convegno presso il Parco Palmieri. LAssociazione Stazione Sonora, in collaborazione con lAmministrazione comunale di Zollino, ha organizzato il 10/6 lesibizione del noto gruppo folkloristico greco del Comune di Zitsa (Ioannina).

Il 21/6 a Martignano si svolto un incontro-dibattito su La sagra dellinsalata grika quale strumento di promozione del territorio, veicolo della produzione agroalimentare locale e della sana alimentazione. Degustazioni, musica, arte, laboratori hanno arricchito la manifestazione. Dall1 al 3 luglio si poi svolta la 20 edizione della sagra.

Diverse iniziative hanno arricchito il 150 Anniversario dellUnit dItalia nella Greca Salentina: ricerche, pubblicazioni, spettacoli, conferenze. Nelle foto, il municipio di Calimera illuminato con i colori della bandiera. Una giornata di riflessione su Minoranze Linguistiche e Diversit Culturali si tenuta il 26/2 a Martignano presso Palazzo Palmieri per linaugurazione del Centro Operativo per il Salento del C.I.C.C. Vi hanno partecipato il Presidente del C.I.C.C. Prof Giulio C. Giordano, il Dr. Pierfranco Bruni, del MIBAC, la Prof.ssa M. Rosaria De Lum, Presidente dellIstituto di Culture Mediterranee, Sindaci e Amministratori della Greca. Esponenti del mondo accademico, del giornalismo, delle istituzioni hanno animato a Martignano un interessante convegno (4/5), Nuove migrazioni nel Mediterraneo e nuove prospettive per le regioni meridionali, alla luce della primavera araba che ha riproposto lesigenza di una politica dellintegrazione. Il seminario stato organizzato da Assoc. Salento Crocevia Gianni Giannotti, Universit del Salento, Comune di Martignano e Parco Palmieri.

Si svolto il 18/6 a Zollino il workshop Classificazione, riconoscimento e promozione dei prodotti tipici locali a cui hanno preso parte giovani provenienti da tutta la Puglia. Il workshop rientrava tra gli appuntamenti della Fiera di San Giovanni, questanno primo evento salentino a rifiuti zero!

Nel Castello De Gualtieris di Castrignano de Greci si svolta il 18/6 la 2a edizione del Premio San Leonardo, curata dallAssociazione omonima. E un riconoscimento tributato a coloro i quali si sono distinti per la diffusione dei valori di solidariet, legalit, amore per il prossimo e per la conoscenza.

Sabato 2/7 le note di Kalinitta sono risuonate nel Gran Paradiso, a Ceresole Reale (To), comune francoprovenzale dove si svolta la manifestazione 150 dellUnit dItalia Omaggio alle Minoranze Linguistiche Storiche. Lincontro, curato dagli occitani di Chambra dc e dalla Provincia di Torino, ha visto poi lesecuzione di un canto tradizionale per ciascuna Minoranza.

Il Comitato, presieduto da D. Lenzi (Univ. del Salento) e F. Chielli (Univ. di Ancona) ha assegnato il Premio a Pantaleo Corvino e Salvatore Borsellino.

Linaugurazione di una stele per il 150 e la mostra LEpopea del Risorgimento hanno arricchito la manifestazione.

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

ADORAZIONE DEI MAGI Nella Chiesa Madre sono stati eseguiti di recente, da Francesca Romana Melodia, due accurati restauri di dipinti ad olio su tela. LAdorazione dei Magi una tela di notevoli dimensioni (cm 230 x 331), stata realizzata nel 1629, come si pu leggere con molta difficolt in un riquadro in basso a destra (Ortent. Brun. Pingebat A.N.S. MDCXXIX). La Banca Carime ha sostenuto finanziariamente lintervento. .. . 1629, . Carime .

CORIGLIANO DOTRANTO

GENNAIO2012JENNRI
1d 2 l 3m 4m 5g 6v 7 s 8d 9 l 10 m 11 m 12 g 13 v 14 s 15 d 16 l 17 m 18 m 19 g 20 v 21 s 22 d 23 l 24 m 25 m 26 g 27 v 28 s 29 d 30 l 31 m
Maria M. di Dio Ss. Nome del Signore s. Genoveffa s. Fausta s. Nazario Epifania di N.S. s. Raimondo Battesimo del Signore s. Giuliano s. Agatone, s. Aldo s. Igino s. Probo s. Ilario s. Macrina s. Mauro s. Marcello s. Antonio ab. s. Prisca s. Mario s. Sebastiano s. Agnese s. Vincenzo Sposalizio di M.V. s. Franc. di Sales Conv. s. Paolo Ss. Tito e Timoteo s. Angela M. s. Tommaso dAq. s. Aquilino s. Martina s. Giovanni B. STERNATIA: S. Sebastiano (fal presso la cripta omonima) : STERNATIA, SOLETO: S. Antonio Abate (Focara) , : () ZOLLINO: Festa di Ges Bambino / CARPIGNANO: Santa Teofania del Signore : / : STERNATIA: La strina (canto del periodo natalizio) : ( )

IANOYAPIO

Ogni manufatto artistico caratterizzato da un proprio stato fisico che ne determina il tipo di degrado e quindi la durata. I fattori di deterioramento, come perdita di adesione dei materiali pittorici, errate manipolazioni, urti e cadute, interazioni negative con lambiente determinano lo stato di conservazione dellopera. Il restauro ha due scopi principali connessi con lopera darte: ottimizzare la vita dei materiali costitutivi e rendere leggibile in maniera corretta laspetto estetico e il significato simbolico del manufatto. Dagli anni 90 del secolo scorso si molto riflettuto sulla necessit di assumere un atteggiamento di rispetto nei confronti dellopera che deve essere protetta da interventi troppo aggressivi, sorta di accanimento terapeutico responsabile di ulteriori problemi in futuro. Queste considerazioni hanno favorito lapproccio ad una nuova filosofia ed a nuove metodologie dintervento. Il principio del Minimo Intervento diventa il fondamento della pratica restaurativa e conservativa. La ricerca della riduzione dellinvasivit alla base di questo principio. Tutti gli interventi effettuati sul colore o necessari sul supporto assumono la medesima importanza e vanno affrontati singolarmente, con luso di sostanze e metodologie che interferiscano poco sui fragili equilibri dellopera darte. Oggi, molte delle sostanze chimiche, usate in passato sulle policromie, lasciano spazio a prodotti meno aggressivi, pi controllabili e meno tossici. Nel caso di dipinti su tela, la foderatura (incollaggio di una nuova tela), operazione particolarmente invasiva, viene effettuata solo quando il supporto originale realmente compromesso, preferendo la ricostruzione strutturale del tessuto ed una protezione con tessuti o supporti rigidi liberi; cos come la sostituzione di telai lignei valutata con attento esame e in molti casi possibile recuperare i telai originali. Grande importanza assegnata al contenitore dellopera darte e alla sua manutenzione; la salubrit del luogo di custodia prioritaria ad ogni intervento di restauro.

Restauro e conservazione di opere darte

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

SAN GIORGIO E IL DRAGO Il dipinto, della prima met del XVIII Secolo, ad olio su tela e misura cm. 173 x 258. Nellintervento di restauro, curato da F. R. Melodia nel 1991, lopera stata foderata e montata su di un nuovo telaio. Pulita la superficie pittorica, lopera ha riacquistato luminosit e la raffigurazione maggiore chiarezza e profondit. Nella scena, il Santo in armatura medievale ha ucciso il drago che giace ai suoi piedi. La principessa prega per la vittoria del cavaliere; alle sue spalle gli edifici di una grande citt (Silene/Beirut?) con figure di abitanti che assistono alla scena. La Madonna col Bambino in grembo seduta su una nuvola, con due angeli alle spalle ed un puttino alato con una mano porge una corona di rose al Santo, con laltra regge la palma del suo martirio. La Madonna e il Bambino benedicente, reggono il globo, simbolo di Salvatori del Mondo.

STERNATIA

FEBBRAIO2012FLERI
EBPOYAPIO
1m 2g 3v 4 s 5d 6 l 7m 8m 9g 10 v 11 s 12 d 13 l 14 m 15 m 16 g 17 v 18 s 19 d 20 l 21 m 22 m 23 g 24 v 25 s 26 d 27 l 28 m 29 m
s. Verdiana Pres. Signore s. Biagio s. Gilberto s. Agata s. Paolo Mitti s. Riccardo s. Girolamo E. s. Apollonia s. Scolastica N.S. di Lourdes s. Eulalia s. Benigno s. Valentino s. Faustino s. Giuliano s. Marianna s. Simeone s. Corrado s. Ulrico a. Eleonora Le Ceneri s. Policarpo s. Fortunato s. Adelmo I di Quaresima s. Onorina s. Romano abate s. Giusto
MARTIGNANO: La morte te lu Paulinu : MARTIGNANO: XXVII Carnevale Greca Salentina : Greca Salentina CUTROFIANO: SantAntoni de le Focare : () MARTANO: Fiera Candelora : CALIMERA: San Biagio :

18 , , 173 x 258 . ( ) .. 1991. , , . , , , . . . , .

MADONNA DE LU FARAULI (o LI FARAULI) Una cappella di impianto cinquecentesco in aperta campagna conserva un ciclo di affreschi che ha come riferimento la Vergine titolare del luogo di culto, rappresentata anche allesterno assieme a quattro figure di santi. Limmagine pi antica della prima met del Cinquecento (154..), una Vergine con Bambino dipinta nella nicchia della parete orientale. Le superfici affrescate si presentavano coperte da spessi strati carbonatici molto compatti e tenaci, tanto che i restauratori, Ianuaria Guarini e Gaetano Martignano, per asportarli hanno dovuto ricorrere ad una tecnica con strumentazione laser.

( ) 16 , , . 16 .

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

MADONNA DI COSTANTINOPOLI CON S. FRANCESCO E S. CATERINA Nel dipinto ad olio su tela, realizzato tra XVI e XVII secolo da autore ignoto, la Vergine col Bambino sovrasta una chiesa in fiamme. Tale rappresentazione si ritrova in molte localit vicine (Calimera, Soleto) e lontane (Biccari) ed un probabile riferimento alla presa, nel 1453, di Costantinopoli da parte dei turchi e, in maniera allegorica, alla fine del rito greco a favore di quello latino. Nel restauro, si proceduto alla pulizia del colore, alle integrazioni pittoriche con colori a vernice a tratteggio, ed alla protezione finale (restauro a cura di Francesca Romana Melodia).

CARPIGNANO

MARZO2012MRTI
1g 2v 3 s 4d 5 l 6m 7m 8g 9v 10 s 11 d 12 l 13 m 14 m 15 g 16 v 17 s 18 d 19 l 20 m 21 m 22 g 23 v 24 s 25 d 26 l 27 m 28 m 29 g 30 v 31 s
s. Albino s. Basilio s. Cunegola II di Quaresima s. Foca s. Marziano s. Perpetua e Felicita s. Giovanni di Dio Le Ceneri s. Emiliano III di Quaresima s. Massimiliano s. Arrigo s. Matilde regina s. Luisa s. Eriberto V. s. Patrizio IV di Quaresima s. Giuseppe S. Alessandra s. Benedetto da Norcia s. Lea s. Turibio di M. s. Romolo V di Quaresima s. Eginardo S. Augusto s. Sisto III Papa s. Secondo s. Guido s. Beniamino STERNATIA: Fiera delle Croci Coperte : MELPIGNANO: Festa Mad. Costantinopoli : STERNATIA: Fiera delle Mule :

MAPTIO

. 16- 17 , , . , (, ) ( ) 1453 . .. .

, , 17 18 , . : 959, , 1020. , , .

CRIPTA DI SANTA CRISTINA Lipogeo, dedicato a S. Cristina, ha subito la trasformazione, nei secoli XVII-XVIII, da cripta di rito greco a cappella di rito latino. Nella cripta troviamo gli affreschi datati pi antichi del Salento. Nellabside a destra, un Cristo in trono affiancato dallArcangelo Gabriele e dalla Vergine Annunziata. Il dipinto, del 959, del pittore Teofilatto. Labside a sinistra, affrescata da Eustazio nel 1020, mostra la Vergine con Bambino, il Redentore e una figura acefala. Lungo la parete si identificano S. Nicola, S. Vincenzo, la Vergine con Bambino, S. Giovanni Evangelista, S.Cristina e S. Teodoro a cavallo. Sulla parete a sud effigiata S. Cristina. Sul pilastro, un affresco con S. Teodoro, S. Nicola e S. Cristina ricopre uno pi antico. Un altare settecentesco dedicato a S. Maria delle Grazie, mentre su una tomba ad arcosolio si legge una iscrizione in greco per la morte di Stratigouls, giovane figlio di un funzionario bizantino. Il restauro degli affreschi stato curato da Brizia Minerva e Ianuaria Guarini.

GRECIA SALENTINA: Santu Lazzaru - I Passiuna tu Christ (Canto itinerante della Passione in griko) : ( )

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

CAPPELLA DEL CROCIFISSO Nella Cappella del 600, della famiglia Licci, un restauro del 1997 a cura di Brizia Minerva e Ianuaria Guarini, ha riguardato affreschi e Crocifisso ligneo. Nel primo affresco fissato il momento che precede la morte del Cristo (il cielo scuro). Il secondo mostra gli Evangelisti, lo Spirito Santo sotto forma di colomba e il Pantocratore, che completa la SS. Trinit. Nel terzo, tardo, la Madonna e S. Giovanni Battista piangono il Cristo morto; lo sfondo di colore chiaro. Il Crocifisso, del 600, attribuito al. Buffelli. Eliminato il colore sovrapposto a quello originale, si preferito non ridipingere la scultura, per ammirare meglio la buona tecnica di intaglio. Con le economie rivenienti dai restauri stato recuperato un trittico danneggiato dal terremoto in una chiesa di Foligno.

CALIMERA

APRILE2012APRLI
IN TUTTI I PAESI: Processione delle Palme (Ta vaia) :

1d 2 l 3m 4m 5g 6v 7s 8d 9 l 10 m 11 m 12 g 13 v 14 s 15 d 16 l 17 m 18 m 19 g 20 v 21 s 22d 23 l 24 m 25 m 26 g 27 v 28 s 29 d 30 l

APIIO

Le Palme s. Francesco di P. s. Riccardo SantIsidoro s. Vincenzo Ferreri s. Diogene s. Giovanni Batt. Pasqua di Resurrezione dellAngelo s. Terenzio s. Stanislao s. Zeno s. Ida s. Lamberto in Albis s. Bernadetta s. Aniceto s. Galdino s. Espedito s. Sulpizio s. Anselmo dA .

IN TUTTI I PAESI: Processione del Cristo Morto (Mali parassegghi) : ZOLLINO (alle ore 7.00) / SOLETO: Processione del Cristo Morto / :

PASKARDDHA / ZOLLINO: Festa Mad. di Loreto / SOLETO: S. Veneranda / CUTROFIANO: La Cuccagna Paskarddha / : / , :

CARPIGNANO: Mad. della Grotta / STERNATIA: Paskreddha / CASTRIGNANO: Mad. Arcona / / :

CORIGLIANO DO.: Fiera S. Giorgio (fino al 23) ': MARTANO: Madonna del Teofilo : STERNATIA E MELPIGNANO: S. Giorgio :

s. Leonida s. Giorgio m. s. Fedele s. Marco evangelista s. Cleto s. Zita s. Pietro Chanel s. Caterina da S. s. Pio V p.

MADONNA DELLA MISERICORDIA La tela della Madonna della Misericordia, nella Matrice di Calimera, gi citata in una S. Visita del 1611, ha subito nel Settecento un radicale restauro su committenza di Alessandro Iacovizzi. Nel 2011 ha avuto un intervento di pulizia, finanziato dalla Provincia di Lecce, che le ha ridato splendore. Ad eseguirlo stato Emanuele Villani.

. 17 . 18 . , . . , . ( 18 ) , . ( 17 ) . . .

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

SANTORONZO Il dipinto del XVII secolo, di autore ignoto, aveva subito, in restauri precedenti, interventi pesanti come linserimento di una grande toppa. Ridipinture e stuccature erano presenti un po ovunque. Lungo il perimetro era stata dipinta con colori ad olio una fascia gialla a mo di cornice. Nel 1999, la restauratrice Donatella Maddalo, dopo aver eseguito la pulitura, ha rimosso ridipinture e stucchi e, nel buco rettangolare, ha inserito un inserto di tela vista, mimetizzato con il fondo scuro. 17 , . , . 1999, . .

MARTIGNANO

MAGGIO2012MAI
1m 2m 3g 4v 5 s 6d 7 l 8m 9m 10 g 11 v 12 s 13 d 14 l 15 m 16 m 17 g 18 v 19 s 20 d 21 l 22 m 23 m 24 g 25 v 26 s 27 d 28 l 29 m 30 m 31 g
s. Giuseppe L. s. Atanasio Ss. Filip. e Giacomo s. Floriano s. Teodoro s. Giuditta s. Augusto s. Vittore s. Luminosa s. Alfio s. Francesco D. Ger. s. Pancrazio s. Emma s. Mattia ap. s. Torquato SantUbaldo s. Pasquale B. s. Giovanni I Papa s. Ivo Ascensione del Signore s. Valente s. Rita da Cascia S. Desiderio s. Maria Ss. Ausiliatrice s. Erminio s. Filippo Neri Pentecoste s. Emilio s. Ademaro s. Giovanna dArco Visitazione B.V.M. MARTANO: Madonna del Rosario : Rosario CALIMERA: Pellegrinaggio al Santuario della Madonna di Roca : CALIMERA: Fiera Madonna di Roca / GRECA SALENTINA: Chiese aperte : / : MARTANO: 1 Maggio a Kurumuny : } Kurumuny

MAO

( , ) , . , , .

CAPPELLA MADONNA DELLE GRAZIE (o Conella, Piccola Icona) Nasce come edicola votiva e successivamente viene realizzato un affresco pi ampio con la presenza dei committenti, insieme alle figure dei santi Donato ed Eligio. Nel restauro, effettuato da Giuseppe Tritto e Mariana Cerfeda e durato un anno, sono state rimosse vernici, frutto di interventi che avevano intaccato fortemente laffresco. I lavori sono stati finanziati dalla Provincia di Lecce e vi ha contribuito la famiglia Ruffo, di Martignano.

CAPPELLA DI S. GIOVANNI BATTISTA Nel 1999 sono stati condotti i restauri a cura del Laboratorio del Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, Direttore Antonio Cassiano.

1999, . , . .

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

CHIESA MATRICE: GLORIA DI MARIA Di notevole pregio artistico il fastigio in pietra del 700 che sovrasta la facciata principale. Rappresenta la Gloria di Maria ed stato oggetto alcuni anni or sono di un profondo lavoro di pulitura. : , 18 , , . . .

CHIESA MATRICE: NATIVITA, ULTIMA CENA, ASSUNZIONE DI MARIA E TRINITA Un restauro, diretto da Andrea Cappello, ha riguardato gli affreschi nei medaglioni della volta: la Nativit, lUltima cena e lAssunzione di Maria e Trinit. Durante lintervento riemerso un cielo di stelle su fondo dorato, probabile opera di Agesilao Flora, un rifugiato politico. E stato restaurato anche il bellissimo dipinto del 1651, ad olio su tela, di autore ignoto, Madonna, Santi e Clero del luogo. Il recupero dellantico organo del 700 di scuola siciliana con la balaustra in legno, stato curato dalla ditta Tollari di Modena. Gli interventi sono stati realizzati con il sostegno di Regione, Comune, Parrocchia e con le offerte dei fedeli.

ZOLLINO

GIUGNO2012TRO
1v 2 s 3d 4 l 5m 6m 7g 8v 9 s 10 d 11 l 12 m 13 m 14 g 15 v 16 s 17 d 18 l 19 m 20 m 21 g 22 v 23 s 24 d 25 l 26 m 27 m 28 g 29 v 30 s
s. Giustino Festa della Repub. Ss. Trinit s. Quirino s. Bonifacio s. Norberto s. Roberto s. Vittorino s. Primo Corpus Domini s. Barnaba s. Onofrio s. Antonio di P. s. Eliseo s. Vito s. Aureliano s. Ranieri s. Marina s. Romualdo s. Ettore s. Luigi Gonzaga s. Paolino da N. s. Lanfranco Nat. s. Giov. Bat. s. Prospero s. Virgilio di T. s. Ladislao s. Attilio Ss. Pietro e Paolo Ss. Prot. Romani CASTRIGNANO: Premio San Leonardo : Leonardo ZOLLINO: Fiera di S. Giovanni (continua fino al 26) : CALIMERA: S. Luigi, festa dei lampioni (continua fino al 21) : STERNATIA, SOLETO, CUTROFIANO, MELPIGNANO: S. Luigi , , , : Luigi MARTANO: Fiera di San Vito : STERNATIA E CARPIGNANO: San Vito : : SOLETO, ZOLLINO, CARPIGNANO, CALIMERA, MELPIGNANO e CUTROFIANO: Festa S. Antonio / MARTIGNANO: Li tre Ntoni , , , , , : .

IOYNIO

: . , , . . , , . , . . , , 1632. 18 .

MELPIGNANO

, , . , , .

SAN GIORGIO E MADONNA COL BAMBINO Due grandi affreschi nellabside della Chiesa Madre, che raffigurano a sinistra San Giorgio, a destra la Madonna col Bambino ed altri riquadri con angeli, mostravano, soprattutto nella parte inferiore, abrasioni, lacune, rigonfiamenti dovuti allumidit. Dopo una profonda pulitura, anche con bisturi e microtrapano, sono stati eliminati i sali solubili, sono stati consolidati intonaco e pellicola pittorica, quindi sono state integrate le lacune.

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

LUGLIO2012ALONRI
1d 2 l 3m 4m 5g 6v 7 s 8d 9 l 10 m 11 m 12 g 13 v 14 s 15 d 16 l 17 m 18 m 19 g 20 v 21 s 22 d 23 l 24 m 25 m 26 g 27 v 28 s 29 d 30 l 31 m
CARPIGNANO: Madonna della Grotta (cont. il 3) Prez. Sangue di Ges : s. Ottone s. Tommaso ap. s. Elisabetta s. Antonio M.Z. s. Maria Goretti s. Pompeo s. Adriano s. Fabrizio s. Silvano s. Benedetto ab. s. Goffredo s. Enrico s. Camillo de L. s. Bonaventura B.V. del Carmine s. Alessio s. Federico s. Arsenio s. Vera s. Lorenzo s. M. Maddalena s. Brigida s. Cristina s. Giacomo ap. Ss. Anna e Gioac. s. Celestino I s. Celso s. Marta s. Pietro Crisologo s. Ignazio di L. ZOLLINO: S. Anna / MARTIGNANO: S. Pantaleone : . ' / : . MARTANO: Notte Bianca : MELPIGNANO: Sagra dellanguria : MELPIGNANO: Santa Maria Maddalena / STERNATIA: Pizzica in festa (fino al 24) : / : Pizzica in festa STERNATIA/SOLETO: Madonna del Carmelo (festa popolare) /: Carmelo MELPIGNANO: Notte Bianca : MARTIGNANO: Sagra della salsiccia e insalata grika (fino all8) .. :

IOYIO

, , , .

PRESENTAZIONE DEL SS. SACRAMENTO Il dipinto con la Presentazione del SS. Sacramento era foderato e non rattoppato. A causa di deformazione del telaio, lo stesso stato rimosso, cos come sono state rimosse dal dipinto stuccature e ridipinture. Risarcite le lacune, sono state eseguite le integrazioni pittoriche con colori a vernice a tratteggio, quindi stata applicata la protezione finale. Tutte le tele ed il Crocifisso di Martano, riprodotti nel calendario sono stati restaurati da Francesca R. Melodia.

MARTANO

SAN GAETANO COL BAMBINO Il dipinto di San Gaetano col Bambino stato realizzato su tela ed incollato su supporto di legno composto di due tavole sagomate. Lo spazio tra le due tavole dappoggio ha causato la perdita di tela lungo la fessura, per il logoramento del tessuto. Nella fessura stata inserita una fascetta di riempimento per preservare la tela da polveri ed insetti. Dopo la pulitura del colore, sono state effettuate stuccatura, integrazioni pittoriche a tratteggio con colori a vernice. La protezione finale ha completato il restauro. , . , . .

, 17 , . 19 , . , .

CROCIFISSO Realizzato da ignoto nel XVII secolo in legno scolpito e dipinto, stato sottoposto a trattamento antitarlo. I saggi di pulitura hanno evidenziato il rifacimento ottocentesco della policromia originale e di alcuni particolari; tutte le ferite sul corpo risultano enfatizzate con stuccature. Il colore originale aveva tonalit pi fredda e le ferite erano pi attenuate. La rimozione dei rifacimenti non stata effettuata per motivi di culto.

MARTIGNANO: S. Pantaleone (festa patronale) / MARTANO: Cortili aperti (fino al 29/7) : / : CALIMERA: S. Brizio (festa patron.) : Brizio CALIMERA: S. Brizio (festa patron.) / CASTRIGNANO: Sagra della Pitta Rustica (cont. fino al 31) : Brizio / : t

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

MADONNA COL BAMBINO SAN TRIFONE IN GLORIA E SANTO VESCOVO Il dipinto, olio su tela di cm 172 x 250, stato eseguito da ignoto nel sec. XVII. E raffigurato, assieme alla Madonna col Bambino ed a San Trifone, un santo Vescovo che offre alla Vergine le cavallette dalla cui invasione stato liberato il popolo per intercessione del Santo. Si ritiene che sia San Nicola, a cui dedicato laltare del 1630, che reca lincisione NIKOlAOS NIKOS TOU lAOU. Il restauro stato effettuato da Francesca R. Melodia.

CORIGLIANO DOTRANTO

, ( ) 17 . , . , 1630, NIKOlAOS NIKOS TOU lAOU.

AGOSTO2012GOSTO
1m 2g 3v 4 s 5d 6 l 7m 8m 9g 10 v 11 s 12 d 13 l 14 m 15 m 16 g 17 v 18 s 19 d 20 l 21 m 22 m 23 g 24 v 25 s 26 d 27 l 28 m 29 m 30 g 31 v
s. Alfonso s. Eusebio s. Lidia s. Giovanni B.V. della Neve Trasf. di Ges s. Gaetano s. Domenico s. Fermo s. Lorenzo s. Chiara s. Euplio s. Ippolito s. Alfredo Ass. s. Vergine s. Rocco s. Giacinto s. Elena s. Giovanni s. Bernardo s. Pio X, papa s. M. Regina s. Rosa s. Bartolomeo s. Ludovico s. Alessandro s. Monica s. Agostino s. G. Battista s. Bonomio s. Abbondio CUTROFIANO: Festa degli anziani : MELPIGNANO: Notte della Taranta : Taranta MARTANO: Agor Cinefest (continua fino al 29) : Cinefest CORIGLIANO DO.: S. Nicola (cont. il 23) / STERNATIA: San Giorgio (festa patronale) '.: / : SERRANO: Festa te lu contadinu / CASTRIGNANO: Mostra del ricamo (fino al 25) : / : ' MARTANO: Festa patronale Madonna dellAssunta (continua il 15) : Assunta STERNATIA, SOLETO, MELPIGNANO: Madonna dellAssunta , , : STERNATIA: Festa di S. Rocco (sagra della pucceddha) :
CUTROFIANO: Mostra della Ceramica (continua fino al 25 agosto) : ' SERRANO: S. Giorgio Martire (continua il 9) / CUTROFIANO: Festa dellolio e del vino : / : dh kai oino ZOLLINO: Sagra della Scblasti (continua il 3) : Scblasti

AYOY

SOLETO: Festa Madonna delle Grazie :

MARTIGNANO: III Notte Grika : Grika


GRECA SALENTINA: Festival Notte della Taranta (continua per 10 gg.) :

MARTANO: Fiera Agor : Agor

Aspron e to chartn, aspro e to chioni, aspron e to chalazi ce aspri e krini, aspro to sfondil su ce e vrachioni, sta mesa u pettu diu mila vse asimi; se pingevsane diu mali mastori, cini psan e pleo left ce fini; ce se pingevsa ce se kaman oria, se fkane sto kosmon ja memoria. Bianca la carta, bianca la neve, bianca la grandine e bianchi i gigli, bianco il tuo collo e le tue braccia in mezzo al petto due mele dargento; ti hanno dipinta due grandi maestri, quelli che erano i pi sottili e fini; e thanno dipinta e thanno fatta bella, ti hanno lasciata nel mondo per memoria.

ZOLLINO: S. Antonio di Padova (festa patron.) / CASTRIGNANO DEI G.: S. Antonio di Padova : / :

Vito D. Palumbo aveva portato, nei primi anni del Novecento, alcuni suoi manoscritti a Costantinopoli, da dove, a seguito della guerra greco-turca del 1924, erano stati spostati allAccademia del Lessico Storico di Atene. I testi, in lingua grica, sono scritti con caratteri greci. Il Circolo Ghetonia, autorizzato dal Governo greco, ha effettuato la ripresa fotografica delle pagine dei manoscritti che saranno oggetto di studio.

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

. . , 18 . . , , , , .

MADONNA DEL ROSARIO CON S. DOMENICO E S. CHIARA Il dipinto di ignoto, ad olio su tela, da datare con buona probabilit al XVIII secolo. Vi sono raffigurati la Madonna del Rosario, le anime purganti e san Domenico con ai piedi il simbolo dellOrdine dei Domenicani, il fedele cane del Signore. Durante i lavori, eseguiti da Francesca R. Melodia, stato necessario rimuovere dalla tela residui di adesivo sintetico. Dopo il consolidamento e lapplicazione di toppe e rinforzo dei margini, stata effettuata la verniciatura a pennello, lintegrazione pittorica e la protezione finale.

SOLETO

SETTEMBRE2012SETTMBRI
0

ADORAZIONE DEL SACRO CUORE CON S. MARGHERITA M. ALACOQUE Lopera, in cartapesta su supporto ligneo, stata realizzata da Giuseppe Manzo nel 1928. Il restauro, effettuato da Francesca Romana Melodia per lArciconfraternita delle Anime Sante e del Rosario, ha visto prima la fase di fermatura delle parti scollate, poi la pulitura della superficie pittorica, quindi la verniciatura a pennello e il risarcimento delle lacune presenti. La protezione finale per nebulizzazione ha completato gli interventi.

SANTO STEFANO La chiesa edificata dagli Orsini del Balzo, completamente affrescata, ha avuto negli scorsi anni interventi di consolidamendo e di restauro dellapparato pittorico. Ultimamente si proceduto anche al recupero dellantica sacrestia.

, , (1928). , , .

1 s 2d 3 l 4m 5m 6g 7v 8 s 9d 10 l 11 m 12 m 13 g 14 v 15 s 16 d 17 l 18 m 19 m 20 g 21 v 22 s 23 d 24 l 25 m 26 m 27 g 28 v 29 s 30 d

s. Egidio s. Elpidio s. Gregorio s. Rosalia s. Giordano s. Imperia s. Regina V. Nat. s. Verg. s. Sergio s. Nicola da T. s. Proto Ss. Nome di Maria s. Giov. Crisostomo Esalt. S. Croce B.M. Addolorata s. Cornelio e Cipr. s. Roberto Bellar. s. Giuseppe da Cop. s. Gennaro s. Candida s. Matteo s. Maurizio s. Lino papa s. Gerardo s. Aurelia s. Cosma e Damiano s. Vincenzo s. Venceslao s. Mic., Gab., Raf. s. Gerolamo
CALIMERA: Fiera della Mad.di Costantinopoli / CUTROFIANO: Fiera di San Rocco : . / : MARTANO: Agor Design (fino al 3/10) : Design CORIGLIANO e STERNATIA: Festa della Madonna delle Grazie / MARTANO: Festa dellAnziano (continua il 9) : . / : CALIMERA: Premio Tekn : Brabeo Tcnh CARPIGNANO: Festa te lu mieru :

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

ANNUNCIAZIONE Il dipinto ad olio su tela, del secolo XVIII, attribuito ad Oronzo Tiso, ha le dimensioni di cm 125 x 185. Una cornicetta costituita da due fasce differenti distanziate tra loro di un cm ed applicate direttamente sul colore stata rimossa. Tra le due fasce, sul colore originale era stata stesa della porporina, anchessa rimossa nel corso del restauro. Un inserto di notevoli dimensioni ha risolto il problema di una grande lacuna, probabile bruciatura di candela. Un nuovo telaio ligneo, provvisto di tensori, ha sostituito il vecchio e la tela stata sottoposta, dalla restauratrice Francesca R. Melodia, alle operazioni di stuccatura delle lacune, trattamento pittorico con colori a tempera sottotono, integrazione pittorica a tratteggio con colori a vernice. La protezione finale stata realizzata per nebulizzazione.

MARTANO

18 , , 125 185 . , . . .

OTTOBRE2012OTTBRI
1 l 2m 3m 4g 5v 6 s 7d 8 l 9m 10 m 11 g 12 v 13 s 14 d 15 l 16 m 17 m 18 g 19 v 20 s 21 d 22 l 23 m 24 m 25 g 26 v 27 s 28 d 29 l 30 m 31 m
s. Teresa Ss. Ang. Custodi s. Gerardo s. Francesco s. Placido s. Bruno B.V.M. del Rosario s. Pelagia Ss. Dionigi e C. s. Daniele s. Firmino s. Serafino s. Edoardo s. Callisto I s. Teresa s. Edvige s. Ignazio s. Luca Ss. Isacco e C. m. s. Artemio s. Orsola s. Salom s. Giovanni s. Antonio s. Crispino s. Alfredo Re s. Fiorenzo s. Simone s. Ermenegilda s. Lucano s. Quintino CARPIGNANO: Salento produce (continua fino all1/11) : STERNATIA: S. Vincenzo Ferreri : Vincenzo Ferreri MARTANO: Sagra de la vola cazzata (continua fino al 14) : MARTANO, SOLETO: Madonna del Rosario , : CUTROFIANO: Li Ucci Festival : Li Ucci Festibl

OKTOBPIO

I manoscritti di Vito D. Palumbo ad Atene sono quattro. Nelle foto, i frontespizi dei quaderni.

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

MADONNA DEL ROSARIO E SAN DOMENICO Il dipinto un autentico capolavoro del maestro Nicola Malinconico, che si firma con data sul retro della tela. Lopera, nascosta sotto un pesante strato di ridipintura ad olio nel 1952 ad opera del pittore Caputi, un dipinto molto degradato a causa del tempo e dellincuria da parte delluomo! La tela, ridotta di 10/15 centimetri su tre lati probabilmente per il bordo logoro e strappato, fu riparata con fasce perimetrali e la foderatura del retro. Sul davanti tutti i dislivelli furono colmati da stucco giallo da falegname, ridipinto. Nel restauro sono state eliminate le manomissioni e lopera stata ricucita per renderla fruibile. Il restauro delle tele di Cutrofiano opera di Marco Fiorillo.

CUTROFIANO

NOVEMBRE2012NOVMBRI

1g 2v 3 s 4d 5 l 6m 7m 8g 9v 10 s 11 d 12 l 13 m 14 m 15 g 16 v 17 s 18 d 19 l 20 m 21 m 22 g 23 v 24 s 25 d 26 l 27 m 28 m 29 g 30 v
Tutti i Santi Comm. Defunti s. Silvia s. Carlo s. Magno s. Leonardo s. Ernesto s. Goffredo Ded. Basil. Lat. s. Leone Magno s. Martino s. Giosafat s. Diego s. Veneranda s. Alberto M. s. Margherita s. Elisabetta dU. Ded. Bas. Vat. s. Ponziano s. Ottavio Pres. B.V.M./Cristo Re s. Cecilia s. Clemente I Cristo Re s. Caterina s. Liberale s. Massimo s. Livia s. Saturnino s. Andrea Ap. MARTANO: Madonna del cattivo tempo : MARTIGNANO: Focara dellUragano : MARTIGNANO: Festa dellUragano : CALIMERA: Festa S. Brizio dinverno : Brizio CASTRIGNANO DEI GRECI: Fiera di S. Leonardo e mostra-mercato di artigianato : Leonardo CARPIGNIANO: Fiera di Ognissanti :

SANTANTONIO COL BAMBIN GESU Il dipinto del XVII sec., attribuito da Giovanni Giangreco (Sovrintendenza di Lecce) al Manfredi, mostrava grossi segni di degrado ed era in pessimo stato di conservazione. Ridipinta in molte zone, lopera risultava alterata cromaticamente e sbilanciata iconograficamente. Il restauro, eseguito da Marco Fiorillo, ha comportato la rimozione di strati di colore tenaci e spessi. Il dipinto stato foderato e tirato su un nuovo telaio ligneo.

. . 1952 , , . , , .

17 ( ), . , . , . IL PALAZZO DUCALE NASCOSTO Il Palazzo Ducale stato sottoposto da G. M. Costantini a unindagine per individuare decorazioni e forme alterate o occultate dal tempo. Notevoli sono stati i risultati: alcuni ambienti conservano forme e decorazioni rinascimentali, le sale del piano nobile sono coronate da un fregio pittorico, la sala delluccellino, in unantica torre decorato con voli duccelli. . . .

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

ADORAZIONE DEI PASTORI Il dipinto di notevoli dimensioni (cm 172,5 x 257), realizzato ad olio su tela da autore ignoto nel secolo XVIII, stato sottoposto alla pulitura del colore e, rimossa lopera dal telaio, allintervento conservativo del supporto. Fissata lopera su un nuovo telaio ligneo, stata completata, dalla restauratrice Francesca R. Melodia, la pulitura ed stata eseguita verniciatura a pennello, stuccatura delle lacune e integrazione pittorica a tratteggio con colori a vernice prima della protezione finale applicata per nebulizzazione. (172,5 257 .) , 18 , . .

MARTANO

DICEMBRE2012DICMBRI

1 s 2d 3 l 4m 5m 6 g 7v 8 s 9d 10 l 11 m 12 m 13 g 14 v 15 s 16 d 17 l 18 m 19 m 20 g 21 v 22 s 23 d 24 l 25 m 26 m 27 g 28 v 29 s 30 d 31 l
s. Eligio I dAvvento s. Francesco Sav. s. Barbara s. Zaccaria profeta s. Nicola di Bari s. Ambrogio Imm. Concez. II di Avvento N.S. di Loreto s. Damaso papa s. Giovanna s. Lucia s. Gioavanni di Cr. s. Massimino III di Avvento s. Lazzaro s. Graziano vescovo s. Dario s. Liberato s. Pietro Canisio s. Demetrio IV di Avvento s. Adele Natale del Signore s. Stefano s. Giovanni ev. Ss. Martiri Inn. s. Tommaso B. s. Eugenio s. Silvestro ZOLLINO: Festa de lu focu : SOLETO: Santo Stefano : CALIMERA: Mostra Naz. del Libro per ragazzi (fino al 16/12) / SOLETO, STERNATIA: S. Lucia, accensione fal (focare) : ' / , : . CASTRIGNANO DEI G.: Mercatino natalizio :

CALIMERA: La Pucceddhra trad.ne pop. della vigilia dellImmacolata : CUTROFIANO, MELPIGNANO: Festa dellImmacolata , :

ANGELO NUNZIANTE, MADONNA IN PREGHIERA, ANGELO CHE PORGE IL CALICE E GESU NELLORTO DEGLI ULIVI I dipinti, ad olio su tela, databili al XVIII sec., hanno richiesto, da parte di Francesca R. Melodia, interventi sia sulle tele che sulle cornici. Sulle tele, sono stati realizzati rinforzi, stuccatura, applicazioni di garza e velatino, fissaggio delle tele su nuovi telai, integrazione pittorica e protezione finale. Le cornici sono state consolidate ed stata ripulita la parte interna delle fasce. , , ( 19 , ) . , . . , .

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

Il 23/7, per lOlio della Poesia, stata premiata a Serrano la poetessa Jolanda Insana, autrice di numerose raccolte di poesie. Nel 2002 le stato assegnato il Premio Viareggio per la poesia con La stortura (foto di Carlo Elmiro Bevilacqua).

Sono stati ultimati ed inaugurati (17/7) a Martignano i lavori, finanziati con fondi regionali, che hanno riguardato via Chiesa: posizionamento di panchine, fioriere, cestini, realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione, sistemazione dei marciapiedi.

Attraversando il griko, la consueta festa itinerante di lingua, cultura, teatro e musica grika che caratterizza il ferragosto a Calimera, si svolta il 16/8 nei giardini pubblici del centro ellenofono. La collaborazione del Comune di Calimera con Ghetona, che organizza levento, ha consentito di migliorarne laspetto tecnico. Hanno partecipato attori, musicisti, studiosi di Calimera, Martano, Corigliano.

E stato presentato nella Matrice di Corigliano dO. (7/10) il restauro delle tele dedicate allAdorazione dei Magi e al Miracolo delle Cavallette. Sono intervenuti la restauratrice dott.ssa Francesca Romana Melodia, don Quintino Gianfreda per la Curia di Otranto, lo storico dott. Orlando DUrso, il dott. Francesco Avantaggiato della Carime, che ha finanziato lintervento.

Esponenti delle Minoranze Linguistiche Storiche dItalia si sono ritrovati a Vigo di Fassa il 13/10 per elaborare assieme la costruzione di una rete che consenta alle Minoranze di fare sistema e di rafforzare la propria presenza a livello nazionale.

Il 10/7, danze popolari greche sono state eseguite dal Gruppo folkloristico di AMFISSA (Amfissa) in piazza del Sole a Calimera. La manifestazione stata organizzata dal circolo Ghetonia con il Patrocinio del Comune di Calimera. Gli amici greci hanno voluto ringraziare cos il Circolo per la calorosa accoglienza avuta in una visita precedente.

Pizzica in festa si svolge da alcuni anni a Sternatia e coinvolge svariati gruppi salentini di canti e musiche tradizionali. Nella foto, Astria in concerto con Vito Giannone, dei Mascaramir

Alla presenza di Sergio Brio e di altri sportivi stato inaugurato (18/7) a Martignano il Centro sportivo Attilio Adamo. Il progetto a cura dellassociazione Polisportiva Greca Salentina.

Il 6/9 a Castrignano de Greci ha avuto luogo la cerimonia di gemellaggio tra il comune ellenofono e la citt greca di Argostoli (Cefalonia). Soleto archeologica: Lidentit messapica Limpronta di Roma stato il tema della conferenza tenuta il 3/10 a Soleto dal Prof. Thierry Van Compernolle, dellUniversit Paul-Valry di Montpellier, che da quasi venti anni conduce ricerche archeologiche nel comune griko. Sono stati illustrati i ritrovamenti effettuati, tra i quali la famosa Mappa di Soleto. Hanno organizzato la serata il Comune di Soleto e lUniversit PaulValry.

Il 26/10 si stretto un gemellaggio simbolico tra lAssociaz. Aristotele di Salonicco, guidata dal Vicesindaco Th. Aspasidis, e la Greca Salentina rappresentata dal Vicepres. Gianni Palma, dallAmbasc. onor. Antonio Anchora, dalloperatore cult. Giorgio V. Filieri, dai Comuni di Calimera, Martignano e Sternatia, e dalle Associaz. Asteria, Chora-ma, Nuova Messapia. Il Circolo Ghetonia stato autorizzato ad effettuare la

La sesta Commissione del Consiglio Regionale ha approvato allunanimit la proposta di Legge Regionale di tutela e promozione delle Lingue Minoritarie in Puglia, presentata dal Consigliere Regionale Sergio Blasi. La legge regionale integrer e completer la Legge 482/99. Le Minoranze interessate sono in provincia di Foggia (albanese e franco-provenzale), di Taranto (albanese) e di Lecce (greca).

Successo confermato, il 9/8, della Notte Grika, alla seconda edizione. La Notte con musica, arte, gastronomia, cultura grika, si svolta nel centro storico di Martignano.

Il 2/8 presso la stazione di Zollino stata inaugurata una mostra con video-installazione, curata dalla Associazione Salento Slow Travel, dal titolo Biodiversit: tra memoria e futuro, un viaggio allinterno di due vagoni delle Ferrovie del Sud Est, alla scoperta della tipicit grika.

Il Concertone finale della Notte della Taranta si svolto a Melpignano il 27/8 alla presenza di oltre 100000 spettatori che si muovevano al ritmo coinvolgente della pizzica, ma non solo. Canti damore, di lavoro, ninne-nanne hanno stregato giovani ed anziani.

IL 25/11 si tenuto a Campobasso un workshop per il progetto Mediterraneo delle Minoranze, dal titolo Per tornare alle fonti, organizzato da Universit degli Studi del Molise e Provincia di Campobasso. Nella foto, lintervento della Prof.ssa Letizia Bindi, organizzatrice dellincontro.
(Foto by Digital Studio Ifotop di Ivano Puzzovio)

ripresa fotografica dei Quaderni di Vito Domenico Palumbo esistenti ad Atene. Sono testi in griko scritti con caratteri greci. Nelle foto, la dott.ssa Christina Bassea, direttrice dellAccademia dove sono conservati i manoscritti e la copertina di un quaderno.

Uno scambio internazionale, Hello Europe: this is me a volunteer, stato realizzato (1- 9/9) dallInformagiovani di Castrignano dei Greci con il supporto della Commissione Europea. Vi hanno partecipato circa 50 giovani da Italia, Turchia, Bulgaria, Spagna, Romania, Belgio ed Austria.

Il 24/9 si concluso a Castrignano de Greci il progetto Raccontare il territorio. Giovani idee tra memoria e identit, con cui stato promosso un percorso di esperienze, eventi e momenti di formazione, con lobiettivo di incentivare la riscoperta e lutilizzazione, nelle attivit economiche, della cultura materiale e immateriale del Salento. Palazzo Raho a Zollino ha ospitato nel corso del 2011 la mostra fotografica di Roberto Tondi People e la personale di pittura di Giuliano Tondi.

Il neonato Comitato promotore Club Unesco di Zollino ed il Club Unesco di Bisceglie, assieme allAssociazione Italo-ellenica, nellambito di una iniziativa dedicata alla Dieta mediterranea patrimonio mondiale dellUnesco, hanno promosso (4/9) un percorso di conoscenza tra i luoghi simbolo della Greca Salentina ed i suoi prodotti tipici.

A fine novembre stato raggiunto, presso la Casa-museo di Calimera, il numero di 30.000 visitatori, provenienti da 47 nazioni.

E stato presentato a Martignano (30/9) il progetto Pos mtome griko, elaborato dallIstituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce con la consulenza scientifica della prof.ssa Isabel Bernardini. un progetto innovativo che prevede luso di nuove tecnologie e il partenariato con operatori greci, ciprioti e della Greca Salentina.

La Mostra nazionale del libro per ragazzi si svolta in dicembre a Calimera ed ha visto la partecipazione di numerose scolaresche che hanno visitato lesposizione, hanno partecipato ad incontri con Autori ed hanno conosciuto il centro storico di Calimera e la Casa-museo della Civilt Contadina e della Cultura Grika.

E stato pubblicato di recente il primo lavoro del giovane zollinese Marco Pellegrino intitolato La struttura concreta dellinfinito che affronta il difficile tema filosofico negare la storia delluomo, oltrepassando il pensiero di Severino.

CHIUNQUE ESPONGA AL PUBBLICO IL SEGUENTE CALENDARIO TENUTO AD ASSOLVERE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE COMUNALI ERARIALI OD ALTRE SULLE PUBBLICIT

I Beni culturali ecclesiastici riprodotti nel calendario sono di propriet dellArcidiocesi di Otranto. LUfficio Diocesano per lArte Sacra e i Beni Culturali ha autorizzato in data 1/12/2011 la riproduzione e la stampa delle immagini esclusivamente per la realizzazione del Calendario 2012 e il materiale fotografico non potr essere ceduto - neppure parzialmente e ad alcun titolo - a soggetti terzi. Regione Puglia
Assessorato al Mediterraneo

Il Calendario stato realizzato per i Comuni della Greca Salentina: Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Corigliano dOtranto, Cutrofiano, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia, Zollino Realizzazione: Circolo Culturale Ghetona Calimera Coordinamento, grafica e impaginazione: Silvano Palam Traduzione testi in neogreco: Roberto Aprile

Hanno collaborato: Circolo Culturale Ghetona Calimera; Eurodesk-Informagiovani Castrignano; Pro Loco Martano; Astria Sternatia; Museo della Ceramica Cutrofiano; Associazione Salento Griko Martignano; ed i signori: Antonio Amato, Giuseppe M. Costantini, Fernando Durante, Giorgio V. Filieri, Marco Fiorillo, Vito Marra, Salvatore Matteo, Francesca Romana Melodia, Brizia Minerva, Luigi Orlando, Silvano Palam, Leo Rielli, Rossana Stella. Archivi fotografici: Astria Sternatia, Bibliomediateca Comunale Calimera, Circolo Ghetonia Calimera, Museo Archeologico Provinciale Lecce, Silvano Palam Calimera, Salento Griko Martignano. Si ringraziano la Direzione del Museo Archeologico Provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce per la concessione delle immagini relative ai restauri e la Curia Arcivescovile di Otranto per lautorizzazione alluso delle immagini. Stampa: Editrice Salentina - Galatina (Le)

Potrebbero piacerti anche