Sei sulla pagina 1di 1

AT

LA STAMPA
MERCOLED 14 DICEMBRE 2011

Asti 65

il caso
ELISABETTA FAGNOLA ASTI

La storia Dal vecchio al nuovo piano regionale


Maggio 2007 Il piano Bresso
NellAstigiano, il vecchio piano sanitario della Regione deliberato dalla giunta Bresso prevedeva inizialmente 6 Case della salute: a Nizza (ha aperto nel 2009), Canelli (dove cera lex ospedale), a San Damiano e Villafranca (i cantieri sono in corso) e nel Nord ancora a Calliano e Villanova, progetti finanziati dal Ministero a cui si aggiunge in un secondo tempo Castello dAnnone. Nel Sud, ne era stata prevista una a Vigliano, ancora da finanziare.

Dicembre 2010 Progetti congelati


Proseguono i cantieri su Villafranca e San Damiano: il pacchetto appaltato costa circa 2 milioni e mezzo di euro. Vengono congelati invece i tre progetti pronti, ma non ancora aggiudicati perch le risorse nel bilancio regionale non garantiscono il cofinanziamento delle opere: 383 mila euro per Castello dAnnone su 1,5 milioni di euro, altri 4,4 milioni di euro per Calliano e Villanova su un progetto che nel complesso costerebbe 5 milioni 285 mila euro.

a costruzione delle Case della salute di Castello dAnnone, Calliano e Villanova dAsti non pi necessaria: la giunta regionale affida a uno scarno comunicato la dichiarazione scritta che lAstigiano aspettava da tempo. In particolare, i sindaci di Villanova, Calliano e Castello dAnnone in attesa di notizie sui tre progetti, finanziati dal Ministero, ancora in attesa di essere appaltati. Il cantiere della Casa della salute di Villafranca E luned mattina lassessore alla Sanit Paolo Monferino ha fatto una proposta approvata dalla giunta, da inoltrare al Consiglio regionale: Una modifica al programma di investimenti di edilizia sanitaria che stralcia dal piano i tre progetti astigiani non ancora avviati, spostando i finanziamenti disponibili per completare e adeguare alle nuove indicazioni regionali le due strutture in corso di costruzione a Villafranca e San Damiano e per convertire in Centro di assistenza primaria quella di Canelli. per dar mandato agli avvocati di impuDi fatto, il primo sintetico atto for- gnare la delibera: Sono state sostenute male dopo le dichiarazioni gi rilascia- spese sia dal Comune di Villanova che te dallassessore regionale (che ieri non dallAsl per la progettazione, qualcuno stato possibile contattare per appro- ne dovr rendere conto e risarcire i danfondimenti) negli ultimi incontri pubbli- ni precisa il sindaco, che aggiunge, rivolci: Una decisione to a Roberto Cota: illogica e antieconoDELIBERA DI GIUNTA In ventanni di ammica il primo I progetti su Villanova ministrazione non ho commento di Eleomai visto una RegioCalliano e Annone ne cos centralista conora Artesio, caponon saranno realizzati me questa, guidata gruppo della Federazione della sinida un governatore stra in Regione, che interviene col se- che si dice vicino al territorio. Pi cauti i gretario astigiano Nicol Ollino e a colleghi sindaci. Da Castello dAnnone, Roberto Peretti Valter Valfr Paolo Belluardo Marco Gambaudo del Circolo Fds Val- dove la Casa della salute avrebbe dovuto sindaco di Villanova sindaco Castello dAnnone vice sindaco di Calliano preda. Avrebbero potuto portare a un essere ricavata nellattuale distretto saniAndremo in tribunale Commentare senza Per noi quel progetto risparmio, segnalano: Una parte dei tario, Valter Valfr prende tempo: Non a far valre i nostri diritti documenti prematuro era funzionale allUnione costi potevano essere ammortizzati in collaborazione dei Comuni che si erano detti disponibili. Fra tutti, il caso giudicato pi grave resta Villanova: E un centro in espansione che soffre di mobilit passiva tra le Asl, i cittadini vanno a farsi curare verso Torino - precisa Artesio - una Casa della salute avrebbe contribuito a invertire il trend. Ed in effetti il sindaco di Villanova, Roberto Peretti, il pi amareggiato: per andare incontro alle richieste dellAsl, allepoca, il Comune aveva acquistato un terreno da 85 mila euro, donato allAsl di La Casa della salute di Canelli divente- mento della struttura di via Solferino. Asti con atto notarile. E vergognoso r un Centro di assistenza primaria. Co- Soluzione che il primo cittadino aveva che alle numerose raccomandate invia- sa significhi sul piano pratico ancora proposto dopo lannuncio dellAsl - acte in Regione nessuno abbia risposto - pesto per dirlo: la notizia dallultima compagnato da polemiche - di voler segnala Peretti - pensavo che le istitu- giunta regionale arrivata senza trop- vendere una delle palazzine tuttora inuzioni che noi sindaci rappresentiamo pe spiegazioni. Ma il sindaco Marco Ga- tilizzate attorno alla Casa canellese per godessero ancora di un certo valore. busi, dopo le prime consultazioni con i fare cassa. Obiettivo di Gabusi, evitare Dopo quelle di fine 2010, unultima vertici astigiani dellAsl, lha accolta co- che eventuali incassi finissero altrove, lettera stata spedita in Regione a fine me un segno positivo, almeno per quan- finanziando progetti sanitari non canelnovembre: Cos si nega anche una so- to riguarda lannunciato arrivo dei fi- lesi. Il bando di vendita congiunto con La Casa della salute di Canelli luzione - aggiunge Peretti - pur di avere nanziamenti spostati con lo stop alle reinvestimento diretto dei fondi sulla riun centro sanitario qualificato, sarem- Case della salute di Castello dAnnone, strutturazione dellimmobile che reste- no si sbilancia sul cosa conterr la pamo stati disponibili a contribuire alla Calliano e Villanova. Al momento non r allAsl, mi sembra la strada migliore lazzina ristrutturata (si pensa a quella spesa, come abbiamo fatto finora. A si ancora parlato di cifre, - dice Gabu- e la notizia arrivata da Torino non fa dellex Maternit). Le perplessit sulla questo punto - annuncia Peretti - la si - ma una conferma del fatto che in che darci ulteriore fiducia per prosegui- sua destinazione erano state sollevate questione verr chiarita in tribunale. Regione credono nel discorso che stia- re. Per adesso, anche in vista della tra- dai capigruppo di minoranza Oscar Gioved si riunisce la giunta villanovese mo portando avanti per il completa- sformazione della Casa in Cap, nessu- Bielli (Pdl/Lega) e Fausto Fogliati (Ca-

Stop a tre Case della salute La Regione: Non necessarie


abbiamo ancora ricevuto comunicazioni ufficiali e non mi pare corretto prendere posizione - spiega - il nostro distretto sanitario funziona e la priorit mantenerne i servizi. Da Calliano, per il vice Paolo Belluardo, il progetto di localit Pirenta valido: Mi devono spiegare come non sia pi funzionale una struttura su una strada principale, comoda per tutta lUnione - segnala - su queste decisioni aspettiamo indicazioni pi precise. E dalla Regione, arriva anche il dissenso di Angela Motta (Pd): Alle preoccupazioni sulle conseguenze del nuovo piano sanitario in termini di riduzione dei servizi e del personale, si aggiunge questa scelta, che ignora le esigenze e le richieste delle comunit locali.

Il sindaco di Canelli

Gabusi: Speriamo in risorse per completare via Solferino

nelli Futura) che avevano sottolineato il rischio di dilatare i tempi di vendita e la scarsa appetibilit dellimmobile. Ma i fondi permetteranno di terminare la sistemazione delle aree esterne alla Casa, annota Gabusi. [GA. F.]