Sei sulla pagina 1di 56

lunedì 12 dicembre 2011 ANNO LXVII N.

342

SPED. IN ABB. POST. COMMA 20B


ART.2 LEGGE 662/96 FIL.CT
del lunedì
edizioni: nazionale E 1,20 - Malta E 2,00
www.lasicilia.it E 1,00

Catania, da oggi all’Epifania non si paga sull’830 CATANIA

Bus gratuito Il turismo soffre la manovra


Calo di arrivi e partenze nel «ponte dell’Immacolata», anticipo del Natale PAGINA 43
per «avvicinare» GIARRE
il centro storico Banda del buco in gioielleria
PAGINA 43 Da un atelier di abiti da sposa i ladri sono entrati nel negozio di preziosi: svuotata la cassaforte PAGINA 52

«ESTREMA EMERGENZA». Allarme del governo, no ai sindacati. Previdenza, spiraglio per la classe ’52 CATANIA, PARI MERITATO A BERGAMO

Monti non cede, è sciopero


PENSIONI CASH FINO A 980 EURO. Abi: conti correnti gratis per i pensionati al minimo
SCHIFANI-FINI: TAGLIAMO LE INDENNITÀ. Regali ai parenti? Non oltre 999 euro in contanti
In 1 0
EDITORIALE MANOVRA
No di Monti
MODIFICHE
Dovrebbe salire
CAMERA
Schifani e Fini
EVASORI co n lo de
UNA SCELTA ai sindacati perché a 980 euro il limite contestano La scure
DI BANDIERA bisogna lasciare
invariati i saldi
per il pagamento
in contanti
interpretazioni
di stampa
del fisco
GIUSEPPE TESTA della manovra, della pensione. secondo cui sui ricchi
nata da un’«estrema Le banche aprono i parlamentari
N
on c’era da aspettarsi
nulla di diverso dal fac-
cia a faccia di ieri sera: emergenza ai pensionati non vogliono nascosti
lo spirito-guida del governo finanziaria» al minimo ridursi le indennità S. MORINA, T. MORINA
Monti è quanto di più lontano si PAGINA 5
possa immaginare dalla forma- ANNA LAURA BUSSA, YASMIN INANGIRAY PAGINE 2/4
zione ideologica di sindacati che
ragionano come vivessero tutto-
ra la fase suprema del capitali- RISCHIO BLOCCO TRASPORTI SOTTO NATALE Il Catania va in vantaggio con Legrottaglie ma resta in 10 (frettolosa
smo rampante. Non vi erano
spazi di manovra per un con- EFFET TO CR I S I espulsione di Spolli) ed è raggiunto dall’Atalanta. Poteva essere la secon-
fronto vero: le richieste avanza-
te dalle parti sociali sulla tassa-
POVERI COSTRET TI A RUBARE Caro gasolio da vittoria esterna stagionale, ma occorre accontentarsi del pareggio.
zione della prima casa e, soprat-
tutto, sulla riforma delle pen-
sioni erano già state dichiarate Riecco i ladri Tir e pesca G. FINOCCHIARO, C. MANNISI, M. TOSTO, G. TROINA, G. DI MARZIO E G. SCONZO PAGINE 19/23

in agitazione
«irricevibili» dall’esecutivo. D’al-
tra parte, tutto ciò che il governo
aveva da offrire in cambio
avrebbe potuto condurre alla re-
di biciclette Milan, pari. Stasera Roma-Juve
voca dello sciopero di oggi solo ANDREA LODATO LILLO MICELI, GIORGIO PETTA PAGINE 6 E 7 SERVIZI PAGINE 19/25
se Cgil-Cisl-Uil avessero deposto

E
le loro vecchie bandiere. ra il 1945 quando Luigi Bartolini scrisse
Scenario impensabile, impen- "Ladri di biciclette", da cui un anno dopo
sato e, di fatto, accantonato do-
po due ore d’inutile ping-pong.
Cesare Zavattini trasse la sceneggiatura
per il film firmato da Vittorio De Sica, destinato
RAZZISMO. Choc a Torino per l’assalto al campo rom per uno stupro inventato
Camusso e soci hanno scelto di a diventare un capolavoro del neorealismo italia-
arroccarsi sulle proprie posizio- no. Stava finendo una guerra disastrosa, il paese
ni; Monti e Fornero non hanno
battuto ciglio perseverando sul-
la sola strada praticabile adesso.
Il governo viene così (è la prima
era ridotto allo stremo, milioni di persone alla fa-
me. Così poteva capitare che rubassero al pove-
ro attacchino la bicicletta che la moglie aveva ri-
tirato dal Monte di Pietà lasciando in pegno le
Dal Nord al Sud allerta xenofobia
volta) sconfessato da una parte lenzuola.
del Paese: e che tutto questo Oggi è come se fossimo stati trascinati dentro CASERTA. «Sei diversa, sei nera», e docente riduce il voto ad alunna di colore
fosse in preventivo non restrin- un’altra guerra devastante, quella tra poveri,
ge la crepa apertasi. Non è tanto quella tra chi viveva ieri dignitosamente e ades-
la conferma della protesta, difat- so si ritrova disperato. La cronaca racconta ogni TORINO CASERTA
ti, a fare notizia, quanto il fatto
che il rifiuto sindacale di accet-
giorno anche storie di chi si trasforma in ladro
per sopravvivere. Le ultime arrivano da Padova e Indignazione dopo Compiti uguali, perfetti. La speranza dai bimbi
tare il tipo di sacrifici imposti da Sassari. A Piove di Sacco, nel cuore del ricco l’assalto di un gruppo Ma voti differenti: RINO D’ALESSANDRO
dall’emergenza, è destinato a veneto, è stato denunciato per il furto di tre bi-
scuotere, forse a spostare sensi- stecche, infilate sotto il giaccone, un pensionato
di persone che volevano 7 a una bambina italiana
vendicare il presunto ma di colore, 9 al suo
«D
bilmente l’asse politico dell’e- di 77 anni. Meritava una lezione, hanno detto i immi mà è vero che religione", come profeticamente
secutivo. responsabili del supermercato, perché quel pove- stupro. La ragazza compagno di classe. tutti gli altri sono enuncia la nostra cara vecchia
Di Pietro si è subito accodato ro pensionato era già stato beccato a rubare al- uguali a me? Costituzione.
alla drastica chiusura della Tri- tro cibo. E stavolta i 24 euro delle tre bistecche aveva inventato tutto Insegnante sott’accusa E no non è proprio così. Hey Mentre aspettiamo, come il
plice. E lo ha fatto, con ogni evi- non potevano proprio passare. mà, ma è vero che chi è più bianco bimbo della canzone, che questo
denza, per mettere in difficoltà il A Sassari, invece, un disoccupato aveva trova- RENATO BOTTO, FRANCESCO CERRI PAGINA 6 è più forte di me? E sì sarà sempre si realizzi, accade di dovere regi-
Pd. Avendo già dovuto inghiotti- to una soluzione alla mancanza di lavoro: ruba- così...». strare episodi che ci portano lon-
re più di una misura non esatta- va carciofi nei campi e li vendeva sulle strade, di- Sono due strofe del testo di un tano dai nostri confini precipi-
mente gradita al suo elettorato, rettamente ai consumatori. E’ il mercato a chilo- canzone scritta da Gino Paoli. Un tandoci nella cupa atmosfera del-
Bersani si troverà d’ora in avan- metro zero, si potrebbe ironizzare. Invece non c’è bimbo interroga la madre sul raz- l’apartheid. A Nord come a Sud.
ti in una condizione di difficoltà niente da ridere: è la speranza che sta a zero in zismo che permea la sua infanzia A Torino è bastato l’isterismo
oggettiva. Da un lato, continuerà questo paese. Dove, del resto, per fronteggiare la che condiziona la sua crescita che di una ragazzina per scatenare
ad appoggiare Monti per «senso crisi anziché fare i Robin Hood, chiunque gover- annebbia il suo futuro. Scritta ne- una caccia al rom stile Alabama
di responsabilità» contro una ni trova più facile indossare i panni dello sceriffo gli Anni 80 echeggiava una pro- («impicchiamoli al ramo più al-
bella fetta di partito che, confor- di Nottingham: togli ai poveri quel poco che han- blematica all’epoca abbastanza to»). A Caserta è stata invece la
tato dai sondaggi, avrebbe pre- no e lascia stare i ricchi in pace. In fondo è sem- lontana dai nostri confini. Non cattiveria ex cathedra di una inse-
ferito andare alle urne dopo la pre più facile denunciare il pensionato che frega era ancora caduto il muro di Ber- gnante per gettare nello sconfor-
caduta di Berlusconi; dall’altro, tre bistecche, che sbattere in galera chi evade o lino, non era ancora esploso il fe- to psicologico una studentessa
esporrà il fianco alle critiche di nasconde milioni di euro, poi magari chiude la nomeno dell’immigrazione di undicenne di colore: «Ti do un
quanti nel Pd, più vicini al detta- fabbrica, manda a casa gli operai, delocalizza e ci massa. Nessuno veniva ancora a voto più basso perché sei nera».
to sindacale, da tempo sospetta- racconta che la colpa è del mercato. Di chi, scusi? "invaderci" da Sud o da Est. Anche se in quest’ultimo caso i
no che il governo si ispiri davve- Oggi trent’anni dopo la situa- compagni della bambina, senza
ro al protocollo Pisanu: un’inte- SERVIZIO PAGINA 7 zione è radicalmente cambiata e timori, hanno ripetuto in coro al-
sa - per il momento non dichia- di sicuro non si è fatto abbastan- la preside le frasi pronunciate
rata, ma nient’affatto esclusa za per favorire nel nostro Paese dalla prof. Questo farà piacere al
per il futuro - fra un Pdl de-ber- Cultura una coabitazione positiva fra cul- presidente Napolitano che qual-
lusconizzato e il Terzo polo de-
finizzato. Incalzato dalle sini-
A Marcello Sorgi ture diverse, fra persone diverse
che dovranno inevitabilmente a
che giorno fa sollecitava piena
cittadinanza per i bambini stra-
stre, presto o tardi il Pd dovrà il Premio «Ercole Patti» imparare a convivere "senza di- nieri nati in Italia: i piccoli italia-
chiarire se vuol stare con Casini. stinzione di razza, sesso, lingua e ni sono già con lui. C’è speranza.
ORNELLA PONZIO PAGINA 13
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

2. il FATTO

POLITICA Incontro a vuoto. Senza intesa il


colloquio ieri a Palazzo Chigi tra il
ed economia presidente del Consiglio e i leader
di Cgil, Cisl, Uil e Ugl

«Emergenza estrema»
No di Monti ai sindacati
confermato lo sciopero
Modifiche alla manovra, presto le decisioni del governo
Uno spiraglio sulle pensioni dei lavoratori nati nel 1952 MARIO MONTI

CENTOMILA IN TUTT’ITALIA ROMA. Un incontro «per noi del tutto in- LA LEGA Il segretario della Uil, Angeletti, ha ta: come spiega il comunicato ufficiale
soddisfacente». E allora, «lo sciopero è motivato ancora meglio le ragioni del- diramato da palazzo Chigi al termine
«Ecco come avere
Donne in piazza confermato». Come ampiamente previ-
sto il «confronto informale» a palazzo i 5 mld che servono»
la conferma della protesta: «Dalle argo- dell’incontro, l’esposizione del governo
mentazioni adoperate per chiarire il «ha preso le mosse dalla situazione di
Chigi fra il governo e i sindacati si è perché non potevano fare diversamen- estrema emergenza finanziaria ed eco-
«L’Italia si salva chiuso lasciando ciascuna delle due
parti sulle proprie rispettive posizio-
«La Lega Nord ha la soluzione per te, non possiamo dedurre che questa nomica» in cui si trova il Paese e ha «ri-
idea della valutazione delle nostre pro- badito l’imperativo di mantenere inva-
soltanto se mette ni: Cigl, Cisl, Uil e Ugl, per un verso, a
chiedere maggiore equità in una mano-
trovare i 5 miliardi che servono per non
gravare sull’Imu prima casa e sulle poste sia foriera di grandi speranze». riati i saldi» della manovra, «nonché la
Confermata, quindi, per oggi la prote- composizione e la natura strutturale
pensioni». Lo afferma in una nota il
noi al centro» vrà più volte definita «iniqua e ingiu-
sta»; e, dall’altro, l’esecutivo a difende-
vice-capogruppo vicario dei deputati
della Lega Nord Alessandro
sta di tre ore (saranno otto per la Fiom dei provvedimenti».
che si ferma anche contro la Fiat), oltre Le eventuali modifiche alla manovra
re le proprie scelte, argomentandole Montagnoli. «Le proposte emendative a presidi davanti al Parlamento per tut- difficilmente toccheranno il capitolo
ROMA. Centomila in tutta con la paura della che abbiamo avanzato - spiega ta la durata della discussione sulla ma- Imu (Imposta sulla casa), mentre si sta
Italia, ventimila a Roma. A speculazione dei Montagnoli - sono tutte nel merito e novra e di fronte alle prefetture delle verificando la possibilità di un allegge-
distanza di 10 mesi dalla mercati e di altri bal- intendono reperire le risorse città capoluogo d’Italia. rimento dei sacrifici per le pensioni più
loro prima uscita, le zi all’insù dei tassi necessarie affinchè non si tocchino le Le proteste andranno avanti nei pros- basse, compensato da un intervento
donne di «Se non ora d’interesse. pensioni e non si reintroduca l’Imu simi mesi in quello che, ipotizza Bonan- più incisivo su quelle più alte.
quando?» tornano a farsi Dal primo mini- sulla prima casa: si va - continua il ni, senza concertazione ci potrebbe es- Intervistata in televisione nel corso
sentire. I numeri non sono stro, Monti - ha spie- leghista - dall’imposta anti evasione sere: «Un percorso di guerra» nel quale della serata, il ministro del Lavoro, Elsa
quelli del 13 febbraio, gato il segretario che vale dai 3 ai 5 miliardi di euro, alla «la politica sarà in difficoltà e dovrà ri- Fornero, ha lasciato poi intendere che è
quando scesero in piazza della Cgil, Camusso, tassazione delle rimesse all’estero; ci correre al voto di fiducia». possibile una modifica al nuovo regime
un milione di persone, al termine di un in- sono poi il contributo di solidarietà e i Pagano sempre i soliti, hanno ribadi- delle pensioni per i lavoratori nati nel
allora nel pieno delle contro protrattosi tagli ai ministeri, soprattutto esteri e to i sindacati, lavoratori e pensionati a 1952, i più penalizzati sul piano dell’at-
polemiche sulla vicenda quasi inaspettata- difesa con il ridimensionamento delle reddito fisso, colpiti anche dal rincaro tesa per l’uscita dal lavoro.
Ruby, ma la verve nel MANIFESTANTI A PIAZZA DEL POPOLO A ROMA mente oltre le due dei carburanti e delle addizionali d’im- Le Borse oggi non scioperano ed è in
missioni. Abbiamo proposto la
portare avanti la causa sì. ore - è arrivato «un patrimoniale anti-evasione e un ritocco posta. «Ancora una volta due pesi e due vista un’importante asta di titoli di Sta-
«L’Italia può salvarsi solo se si mettono al centro le impegno un po’ generico» a tener con- al ribasso delle cosiddette pensioni misure», hanno sottolineato. C’è la con- to (Bot). Non a caso, lo stesso Angeletti
donne - scandisce dal palco di piazza del Popolo una to di quanto chiesto dal Parlamento e d’oro; il taglio dei trasferimenti alle divisione da parte dei sindacati della ha ammesso: «Il governo ci ha spiegato
delle organizzatrici -. Diciamo a questo nuovo governo dai sindacati. Inoltre, «se la soluzione si imprese pubbliche e l’aumento a «condizione grave in cui versa il Paese», che esiste il problema dei mercati e che
che non si può chiedere alle donne di lavorare di più chiama indicizzazione e Imu, allora es- 1.000 euro del limite per il pagamento ma la soluzione non è quella proposta. bisogna recuperare credibilità» per pa-
senza dare indietro nulla. Noi non facciamo sconti a sa non corrisponde alle richieste che per contanti delle pensioni. Dall’altra parte del tavolo, però, la gare meno interessi in maniera da po-
nessuno». Più semplicemente, come era scritto su alcuni abbiamo fatto». posizione rimane ugualmente immuta- ter ridurre l’onere del debito pubblico.
palloncini rosa: «Solo con le donne di esce dalla crisi».
«Se non le donne chi?» il titolo dell’iniziativa che ieri ha
coinvolto diverse città italiane: da Torino a Messina, da
Genova a Venezia. A Roma, in una piazza del Popolo INSORGE IL PDL: «LA PROPOSTA CAMBIA LA NATURA DEL GOVERNO». NESSUN COMMENTO DAL PD
quasi piena, si è esibito il duetto Paola Turci-Marina Rei
con una versione di Patti Smith tutta al femminile,
«Women have the power». Il sostegno alla mobilitazione
è bipartisan: sotto al palco le parlamentari Giulia
Bongiorno (Fli), Livia Turco e Anna Paola Concia per il Pd.
«Oggi la piazza chiede che in un momento così difficile
Pisanu e Casini: «Monti candidato premier»
le donne non siano le uniche a cui viene chiesto un
supersacrificio - ha affermato Bongiorno -. L’età
ROMA. Monti candidato premier di L’ex-ministro.
una coalizione formata «da tutti colo-
Vuole tramutare
Duro anche il coordinatore del Pdl, governo». Rotondi invoca poi una ri-
Bondi, il quale bolla la proposta del flessione da parte del Pdl dopo l’ap-
pensionabile si può allungare ma contemporaneamente
non si può non dare aiuto quando la donna è più fragile,
ro che hanno sostenuto il governo fi-
no all’ultimo momento». A lanciare la
l’attuale maggioranza in un
presidente della commissione Anti- provazione della manovra economi-
mafia come una «fantasiosa e interes- ca.
durante la gravidanza o quando deve conciliare le proposta in un’intervista rilasciata a cartello elettorale. I finiani:
sata ipotesi politica» che «non giova al Un «no» alla proposta arriva anche
esigenze familiari ed extra». «Facciamo fronte comune un quotidiano è Pisanu, il presidente lavoro di Monti». Ragiona poi l’ex- dal vicecapogruppo piediellino al Se-
per l’occupazione femminile e per i servizi sociali - le ha della commissione bicamerale Anti- «Sarebbe nell’ordine delle cose»
ministro dell’Attuazione del pro- nato, Quagliariello, contrario a qual-
fatto eco Livia Turco -. Ci sono delle leggi per i servizi mafia ed ex-ministro dell’Interno che gramma, Rotondi: «Le parole di Pisa- siasi progetto che metta a rischio «il
sociali che vanno rifinanziate». fu tra i primi, qualche tempo addie- nu e Casini cambiano la natura del bipolarismo».
A Palazzo Chigi non c’è più Silvio Berlusconi, di cui in tro, a invocare un passo indietro di Se il Partito Democratico si chiama
tante avevano chiesto le dimissioni il 13 febbraio, ma Berlusconi a favore della nascita di un fuori evitando giudizi alle parole di
«anche questa manovra - sostengono dal comitato - altro esecutivo. IL TERZO POLO PREME, BERLUSCONI SI OPPONE, PASSERA STUDIA Pisanu, dal Terzo polo viene lasciata
penalizza molto le donne». «Il governo è cambiato, ma il L’idea, che è stata lanciata dal sena- una porta aperta. Chi non esclude,
Paese no - ha detto la regista, sceneggiatrice e scrittrice tore del Pdl, proveniente dalle file infatti, un futuro politico per Mario
Cristina Comencini -. E le donne non vanno via. Restano
per dire che vogliamo lavorare, vogliamo avere bambini,
della vecchia Dc, viene accolta in mo-
do differente dai partiti che attual-
Nove concorrenti per sei frequenze tv Monti è l’ex-presidente della Camera,
Casini: «Se vuole riconquistare il cen-
ed essere al centro del piano di sviluppo».
Susanna Camusso, segretario generale Cgil, è con le
mente appoggiano l’esecutivo. Un
«no» secco arriva dallo stato maggio-
ma non si sa se l’asta sarà mai bandita tro della scena, la politica deve appro-
fittare di questo scorcio di legislatura
manifestanti. «Nella discontinuità che speravamo con il re del Popolo delle libertà, mentre per superare il bipolarismo perfet-
precedente governo manca un cambio di passo Casini, il capo dell’Udc, preferisce non ROMA. Il governo sta approfondendo il tema, chiusa entro fine anno. Dopo il colpo di to», spiega il capo dei centristi in
nell’attenzione alla discriminazione contro le donne». sbilanciarsi sottolineando, però, che come ha ribadito anche ieri il ministro dello scena dell’uscita di Sky che, dopo aver un’intervista a un quotidiano a tiratu-
Nichi Vendola, leader di Sinistra Ecologia e Libertà, ha oramai sia l’ex-commissario europeo Sviluppo economico, Passera. Ma è certo presentato ricorso al Tar si è chiamata fuori, ra nazionale.
colto l’occasione per mandare un messaggio a tutto il sia l’attuale ministro per lo Sviluppo che il «beauty contest», cioè l’assegnazione contestando «i tempi troppo lunghi» e le Quanto poi al futuro dell’attuale
centrosinistra: «Senza questa piazza non c’è economico, Corrado Passera, «sono gratuita di sei frequenze per la tv digitale regole che «oggettivamente favoriscono i primo ministro e del ministro dello
l’alternativa». in politica». Il Pd, dal canto suo, sce- terrestre resta uno dei dossier caldi concorrenti già presenti sul mercato» come Sviluppo, Passera, il capo dell’Udc ag-
Nel resto del Paese le rivendicazioni sono state glie di non commentare la proposta. all’attenzione dell’esecutivo. Pd, Idv e Fli Rai e Mediaset, sulla procedura pesano giunge: «Sono a tutti gli effetti prota-
analoghe. L’idea dell’ex-ministro dell’Inter- premono per arrivare a un’asta che anche i ricorsi presentati sempre al Tar gonisti della politica e credo lo ri-
Dalla centralissima piazza Castello a Torino le donne no irrita, invece, i colleghi del Pdl. porterebbe nelle casse dello Stato ingenti anche da Rai e Telecom Italia Media, che marranno. Abbiamo bisogno di ener-
hanno chiesto di «costruire l’agenda politica». «In Italia L’ex-presidente del Consiglio, Berlu- risorse - le stime variano dai 2 ai 16 miliardi - saranno discussi il 13 dicembre. La tv gie e volti nuovi, e poi Monti - osser-
le donne sono nel volontariato, sono nei movimenti, ma sconi, e il segretario, Alfano, preferi- e potrebbe quindi contribuire ai saldi della pubblica, Mediaset e Ti Media sono in lizza va ancora - come senatore a vita or-
non sono nei luoghi dove si prendono le decisioni - ha scono non commentare ufficialmen- manovra, ipotesi sulla quale anche la Lega si per i due multiplex destinati ai soggetti già mai non può più riconvertirsi in Cin-
spiegato Laura Onofri -. Vi devono entrare». Dal corteo te e lasciano la replica al gruppo diri- è detta pronta a votare. Resta ferma, presenti sul mercato. 3 Italia, Canale Italia, cinnato».
di Genova anziane, ragazze, mamme con bambine, gente del partito. «Non possiamo se- tuttavia, l’opposizione del Pdl. La Prima Tv e Europa 7, dopo l’uscita di Sky, Gli fa eco il vicepresidente di Fli,
hanno rivendicato maggiore rappresentanza femminile guire i sofisticati progetti politici di commissione tecnica che deve decidere restano gli unici concorrenti in lizza per i tre Bocchino, che senza giri di parole
nella società e una diversa attenzione al welfare. Pisanu», è la replica secca del capo- sull’assegnazione, nominata dall’ex- blocchi destinati ai nuovi entranti. Ti Media è ammette: «Oggi Casini e Pisanu ipo-
Sui loro palloncini rosa, una semplice scritta: «Solo con gruppo del Pdl alla Camera, Cicchitto, ministro Romani, intanto è al lavoro per invece la sola in gara per il canale per lo tizzano un futuro politico per Monti.
le donne di esce dalla crisi». pronto a ribadire come sia necessario valutare i requisiti dei nove contendenti: la standard di nuova generazione del digitale È nelle cose e, infatti, nessuno si è
PAOLA LO MELE che «Pd e Pdl restino due forze alter- pratica - salvo sorprese - potrebbe essere terrestre DVB-T2. scandalizzato».
native». YASMIN INANGIRAY

Editrice Amministrazione: C.c.p. n. 218958 intestato a: Amm.ne Pubblicità: COMMERCIALI: Nozze, Culle, Lauree, ecc. Pubblicità politica o elettorale: Avvisi economici:
Domenico Sanfilippo Editore SpA fax 095 253435 Quotidiano «LA SICILIA» viale Od. da Publikompass S.p.A. b/n € 476,00, colori € 714,00, (min. 20 mm) € 6,20 a mm. per informazioni contattare da € 0,60 a € 3,80 per parola secondo rubrica.
Direzione e redazione: Pordenone, 50 - 95126 CATANIA Manchette di testata (mm 50x31,50): Iva 21%. Pagamento anticipato.
www.lasicilia.it v.le Od. da Pordenone,50 e-mail amministrazione@lasicilia.it Concessionaria esclusiva festivi o data fissa, posiz. rig. + 21%.
b/n € 963,00, colori € 1.514,00, fest. +21%.
telefonicamente gli uffici della
e-mail: amministrazione@lasicilia.it Richiesta pers. specializzato PUBLIKOMPASS di zona oppure telefonare Il giornale si riserva il diritto di rifiutare
Direttore responsabile 95126 Catania - tel. 095 330544 copie arretrate e 2,00 Direzione Generale: Milano - Via G. Finestra 1ª pagina (mm 104x77): qualsiasi inserzione. Per le tariffe in edizione
fax redazione 095 336466 Abbonamenti occasionali € 395,00, in sede allo 095/7306311.
Mario Ciancio Sanfilippo Annuale 7 num. e 269,50 Washington, 70 - tel. 02 24424611 - b/n € 4.467,00, colori € 6.759,00, provinciale rivolgersi alla PUBLIKOMPASS.
e-mail segreteria@lasicilia.it contrattisti € 360,00, Rubriche Teatri, Cinema, Ritrovi
Stampa: E.TI.S. 2000 S.p.A. fest. +21%.
Vicedirettore sms 340-4352032 6 num. e 221,50 www.publikompass.it festivi o data rig. + 21%. Pagina intera: (mm 320x437,50): ecc.: € 16,00 il rigo.
1 num. e 39,00 v.le O. da Pordenone,50 - Catania Finanziari: € 31,50 a mm, Necrologie a parola:
Reg.Trib.Catania n.8 [cron.8750]
Domenico Tempio Zona Industriale 8.a strada Filiale di Catania- Corso Sicilia, 37/43 b/n € 52.777,00, colori € 80.680,00. del 7giugno 1948
© L’utilizzazione o la riproduzione degli arti- Semestrale 7 num. e 143,50 tel. 095 7306311 - fax 095 321352 fest. o data rig. +21%. Ultima Pagina (mm 320x437,50): € 2,20; nome, apposizione al nome, Associato alla FIEG
Caporedattore coli e di quant’altro pubblicato in questo 6 num. e 119,50 Certificazione ambientale Legali, appalti, aste, gare, sent. conc.: intera b/n € 60.023,00, neretti e titoli € 12,60; adesioni € 2,80; Federazione Italiana
Giorgio De Cristoforo giornale sono espressamente riservate. 1 num. e 21,00 EMAS - N. IT 001292 A modulo (mm 50x21): € 31,50 a mm, fest. o data rig. +21%. colori € 87.061,00. croce € 21,00; foto € 94,50. Editori Giornali
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

il FATTO .3

PENSIONATI AL MINIMO. Le banche aprono anche sulle commissioni: in vista tagli

Conti correnti a costo zero


e cash pensioni a 980 euro
Monti: possibile recupero soldi da scudati. Forse scambio anonimato-Btp
EBA: RISCHIO DI STRETTA AL CREDITO SE LE BANCHE TAGLIANO I PRESTITI. Dopo ROMA. Le banche aprono sui costi delle promuove il decreto "salva Italia": «Il
aver sollevato le ire di molti con i propri test sulla patrimonializzazione, ora l’Eba commissioni e annunciano una disponi- giudizio delle banche italiane - dice il
avverte di un rischio di stretta al credito nel caso in cui le banche dovessero ridurre bilità «a ragionare su un conto corrente a presidente dell’Abi - è positivo: si va nel-
l’ammontare dei prestiti concessi. «Potremmo avere il problema che le banche zero spese per i pensionati al minimo» e la giusta direzione, ma è solo il primo
diventano troppo avverse al rischio», dichiara al Der Spiegel il presidente «sui costi delle carte di credito alla luce tempo di una partita complessa, che an-
dell’Autorità bancaria europea, Andrea Enria, e questo potrebbe portare a un «grave delle misure del governo». È il presiden- drà giocata sulla riduzione del debito e
credit crunch». L’obiettivo dell’Eba è che le banche non raggiungano i requisiti di te dell’Abi, Giuseppe Mussari, ad annun- non più sull’imposizione fiscale. I merca-
patrimonio richiesti riducendo la propria attività: «non permetteremo che i prestiti ciare le possibili novità, sottolineando ti finanziari sono indispensabili per la
vengano ridotti». Di credit crunch aveva parlato nei giorni scorsi anche il governatore però che non ci può essere la disponibi- crescita, ma non devono però dettare le
di Bankitalia Visco dicendo che la Bce fornirà credibilità e garanzia agli strumenti di lità in generale a dare gratuitamente ser- regole di politica economica.
firewall rafforzati dall’Europa nel suo vertice Ue. «In questo modo - ha detto - si vizi che alle imprese bancarie costano. «La collaborazione fra le imprese ita-
calmeranno le acque del mercato dei titoli di Stato con un calo dei rendimenti senza Intanto, il sottosegretario D’Andrea liane, vero fatto innovativo, politico e
monetizzare il debito. La massiccia liquidità fornita da Francoforte alle banche, poi, ha reso noto che «il governo darà parere sociale di questo 2011, ha risolto alcuni
permetterà ai Paesi più a rischio di piazzare più facilmente i loro titoli di Stato ai favorevole» ad un emendamento alla dei problemi, nella scala intermedia del-
ELSA FORNERO rispettivi sistemi bancari ed evitare il credit crunch alle imprese. manovra che innalza il tetto del "cash" le decisioni, ma l’Italia deve fare molto
pagabile dalle pubbliche amministra- nel colmare i suoi ritardi», ha quindi
zioni dagli attuali 500 euro a circa 980. spiegato Mussari, sottolineando che «in
Sempre in tema di manovra, poi, ieri il Europa vanno fatti i compiti a casa, come

Banche, Abi torna all’attacco: azione legale premier Mario Monti ha garantito che è
possibile chiedere il contributo a chi ha
usufruito dello scudo fiscale: «E’ possibi-
è stato chiesto all’Italia, ma poi deve es-
sere la stessa Ue a far sì che i compiti
vengano fatti tutti insieme, per essere

contro gli stress test dell’autorità europea le recuperare - ha detto Monti - perché
chi ha fatto rientrare i capitali è anonimo
ma ci sono banche e istituzioni finanzia-
rie, abbiamo fatto un’analisi attenta».
equi».
Sempre sul fronte delle imprese arri-
va l’appello di Confindustria che auspica
che «il decreto venga approvato rapida-
ROMA. L’Abi torna all’attacco dei test sulla patri- to nel nome banca, mettendo regole identiche presa. E proprio il prelievo sugli scudati resta mente, senza stravolgimenti. Siamo con-
monializzazione dell’Eba (l’autorità bancaria eu- per chi invece fa un mestiere totalmente diverso». «Potremmo avere il problema che le banche tra le coperture sulle quali si sta lavoran- sapevoli - dicono gli industriali - che la
ropea) che per le banche italiane hanno indicato Mussari trova l’appoggio incondizionato an- diventino troppo avverse al rischio», ha dichiara- do per le correzioni al decreto. Oltre al- manovra contiene sacrifici rilevanti per
un bisogno di maggior capitale di 15,4 miliardi di che dell’ex presidente del Consiglio, Giuliano to al «Der Spiegel», spiegando che l’obiettivo del- l’aumento dell’aliquota «si ragiona su un tante persone ma non ha alternative e
euro. Dopo il comunicato, che è stato emesso ve- Amato, il quale si è detto «fortemente critico sul- l’Eba è che le banche non raggiungano i requisiti contributo per l’anonimato. Chi vorrà consente di dare una speranza di ripre-
nerdì scorso, è la volta del presidente dell’Associa- l’esercizio dell’Eba, basato sul mark-to-market: il di patrimonio richiesti riducendo la propria atti- mantenerlo potrebbe dover sottoscrive- sa all’economia, all’occupazione, ai gio-
zione bancaria, Giuseppe Mussari, il quale usa che significa pensare alla possibile non solvibilità vita: «non permetteremo che i prestiti vengano ri- re Btp per un ammontare pari al valore vani e alle donne del nostro Paese».
toni decisi contro l’organismo europeo. del Paese. Un’ipotesi questa priva di qualsiasi fon- dotti». dei capitali scudati», ha riferito Bruno Intanto ieri serata di lavoro serrato
«È un esercizio sbagliato nel merito e nel meto- damento». Logici quindi i toni accesi che sono stati usati da Tabacci (Terzo Polo). per la manovra. Il premier Mario Monti
do che non tiene conto delle specificità delle ban- Ma, ad aggiungere danno alla beffa, ieri proprio Mussari: «Quale studio di impatto - ha detto - è Sullo scudo fiscale si sta studiando la ha incontrato alle 20, a Palazzo Chigi, i
che italiane, anzi le offende profondamente. Fare il presidente dell’Autorità europea, Andrea Enria stato fatto? Nessuno, ed è grave se pensiamo inve- fattibilità di un meccanismo per il quale sindacati, mentre, quasi in contempora-
riferimento ai credit default swaps per valutare la ha avvertito che, proprio il rispetto delle richieste ce a quanto è stato fatto per Basilea 3. È singolare si chiederà agli scudati o un prelievo ag- nea, alle 20.30 sono cominciate le vota-
stabilità dell’emittente è come dire al lupo di ba- formulate dall’Eba, potrebbe portare ad una stret- che l’Eba si riferisca alle analisi di un grande inter- giuntivo (dall’1,5%, previsto ora dalla ma- zioni degli emendamenti alle Commis-
dare alle pecore», ha spiegato di fronte alla platea ta del credito, con un conseguente danno alla ri- mediario finanziario (il riferimento implicito e novra, al 3,5% per i capitali e al 5% per gli sioni Bilancio e Finanze della Camera. A
delle banche cooperative. «È un evidente ingiusti- Goldman Sachs ndr) per giustificare le sue as- immobili) o «in alternativa la sottoscri- Montecitorio si sta lavorando ancora al
zia, chi scrive le regole deve esercitare l’arte del di- sunzioni». zione di Btp decennali con un tasso di in- pacchetto di modifiche.
scernimento e della conoscenza prima della tec-
nica».
«Ingiustizia». Mussari: «Un Senza considerare l’impatto che tali misure po-
trebbero avere sull’operatività nei titoli di Stato:
teresse al 2,5-3%. Il Tesoro sta verifican-
do queste ipotesi», ha riferito Tabacci a
Le priorità restano l’alleggerimento
della tassazione sulla prima casa, e quin-
Per questo, ha aggiunto Mussari, «l’associazio-
ne bancaria italiana percorrerà tutte le strade
esercizio sbagliato che «si mettono in grave difficoltà banche che hanno
sempre acquistato titoli di Stato. Con quale sere-
margine dei lavori in corso alla Camera.
Gli introiti andrebbero a copertura delle
di modifiche alla nuova Imu-Ici, e l’am-
pliamento della platea dei pensionati da
possibili, compresa quella legale, per contrastare offende gli istituti di credito» nità possono continuare a farlo, quando sanno che esigenze espresse dal Parlamento, ovve- salvare dal blocco delle indicizzazioni. Il
l’esercizio dell’Eba». Perchè si tratta di una eviden- le regole di ieri non valgono più?». ro le modifiche sulle pensioni e sull’Imu. problema fondamentale resta quello
te ingiustizia, con «la tragedia di identificare tut- R. E. Tornando poi all’Abi, sempre Mussari, delle coperture.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

4. il FATTO Gli stipendi dei parlamentari


Valori in euro
I presidenti delle Camere. «Il Parlamento
POLITICA assumerà presto comportamenti in DEPUTATI SENATORI

ed economia sintonia con il rigore che la grave crisi


economico-finanziaria impone» Indennità
mensile 5.486,58 5.613,63
al netto delle ritenute

Indennità, Fini e Schifani


Diaria
di soggiorno 3.503,11 3.500

Rimborso spese
3.690,00 4.180

«Sì a tagli, stop a polveroni»


rapporto
eletto/elettori

Rimborso spese 3.323,7 ogni 3 mesi


Trasporti fino a 100 km 1.650
forfettario mensile
per trasporti
Onorevoli stipendi, levata di scudi bipartisan: menzogne dai media 3.995,1 ogni 3 mesi
oltre 100 km
e telefono

ROMA. Basta con le polemiche sugli stipendi mente verrà recepito nel maxi-emendamento Telefono
della "casta". E basta parlare di ripensamenti, del governo che si dà sempre più per probabile) 3.098,74
annui
rinvii o ritardi. Le indennità dei parlamentari ita-
liani saranno adeguate in tempi brevissimi a
si potrebbe addirittura indicare che entro 30 o 60
giorni dall’entrata in vigore del decreto legge, le
Tecnici al lavoro. Si sta riscrivendo
quelle europee. Il Parlamento è consapevole del-
la necessità di dare l’esempio in un momento di
Camere dovranno intervenire sulla materia. «Sia-
mo indisponibili a difese corporative», avverte il
la norma sui salari dei parlamentari GRATIS i viaggi in treno, nave, aereo
e autostrade sul territorio nazionale
crisi come questo. E farà la sua parte. I presiden- leader Udc Pier Ferdinando Casini, pertanto gli inserita nel decreto «salva-Italia»
ti delle Camere, Renato Schifani e Gianfranco Fi- adeguamenti ci saranno «nei tempi previsti dal
ni, prendono posizione con una nota congiunta decreto». In più, tranquillizza Baretta, la commis- ANSA-CENTIMETRI
e puntano il dito contro il polverone sollevato ie- sione Giovannini probabilmente consegnerà il
ri dai giornali che- dicono - «non corrisponde al suo studio entro il 31 dicembre, così come pre-
vero».
L’altro ieri, infatti, ricordano alcuni deputati
tra cui Michele Ventura (Pd), non c’è stato alcu-
visto: «Nessuno ha chiesto rinvii - precisa il rela-
tore - né si ha intenzione di concederne».
E poi, osservano esponenti della maggioranza
Il Papa: «La crisi rende difficile il Natale
no slittamento della norma sulle indennità dei
parlamentari inserita dal governo nel decreto
"salva-Italia". Né un ripensamento. Semplice-
mente, ribadisce Giancaludio Bressa (Pd) scan-
tra cui Nino Lo Presti (Fli), i costi della politica
non sono soltanto quelli che riguardano i parla-
mentari. Ci sono direttori generali di ministeri,
ad esempio, che «guadagnano il doppio di noi».
cercate la vera gioia con la solidarietà»
dendo le parole, la commissione Affari Costitu- Così la "casta" si ribella all’attacco dei media ROMA . «So che è un Natale difficile, ma augu- cose da comprare - dice - ma andate anche gio, che hanno bisogno del vostro aiuto ma-
zionali della Camera ha dato un parere negativo giudicandolo «falso» e «non veritiero». Prima di ro a tutti Buon Natale». Si intravede chiara e incontro al Signore. Buon Natale a tutti!». teriale, ma anche e soprattutto della vostra
su tale articolo perché era stato «scritto male». parlare di queste cose, afferma Ventura, i giorna- netta la crisi sullo sfondo delle parole pro- Il Papa, in mezzo alla gente, non pronun- fede», ha detto il Papa. Il pensiero va agli stra-
Il governo cioè non avrebbe dovuto anticipa- listi «farebbero bene a leggersi le carte». «Basta nunciate ieri dal Papa all’uscita della parroc- cia mai la parola crisi. Lo farà poco dopo, nieri. Gli immigrati non sono pochi in questa
re in un decreto l’intenzione di intervenire con menzogne dai media», rincara la dose Lucio Ma- chia romana scelta per la tradizionale mes- rientrato in Vaticano per l’Angelus, affaccia- zona di Roma. Ma questa è soprattutto una
un altro decreto nel caso in cui la commissione lan (Pdl). Dai quotidiani, aggiunge Guido Croset- sa d’Avvento del Pontefice, che è anche ve- to su piazza S. Pietro. «L’ambiente esterno - realtà costituita da tanti giovani famiglie e
guidata dal presidente dell’Istat, Enrico Giovan- to (Pdl), sono arrivate «informazioni false». scovo di Roma. è il suo messaggio - propone i consueti mes- quindi, anche da tanti ragazzi e bambini.
nini, non avesse depositato entro il 31 dicembre E proprio Crosetto firma un emendamento Casal Boccone, pe- saggi di tipo commerciale, anche se in tono Anche il colpo d’occhio in chiesa lo testi-
2011 il suo studio comparativo sulle indennità alla manovra per far sì che gli stipendi dei parla- riferia nord ovest del- minore a causa della crisi economica». Ma moniava. Un gruppo di bambini, tra l’altro,
dei parlamentari in Europa.Uno studio prope- mentari, adeguati agli "standard" europei, diven- la Capitale. La chiesa, proprio da questo momento difficile deve ha accolto Benedetto XVI al suo arrivo, e so-
deutico alle decisioni da adottare. Tale formula- tino il «parametro» per tutte le altre retribuzio- S.Maria delle Grazie, è arrivare la spinta a «non lasciarsi distrarre lo di ragazzini era costituito il gruppo che ha
zione, osserva ancora Bressa, non poteva «che ni della Pubblica Amministrazione. In questo un edificio moderno, dalle luci» degli addobbi, e riscoprire «la ve- preso la comunione dal Papa. «Carissimi ra-
venire dichiarata incostituzionale», come è avve- modo, per Francesco Nitto Palma (Pdl), si dimo- squadrato: tre corpi ra gioia». gazzi, ragazze e giovani che mi ascoltate»,
nuto. strerà come al di là della «propaganda», gli "elet- quasi cubici, due grigi, Una riflessione strettamente legata a quel- «l’oggi e il domani della storia e il futuro
Così la norma dovrà essere riscritta. E, anzi, ti dal popolo" prendano meno di molti «manager uno giallo. È questa la la fatta nella parrocchia romana, dove ha della fede sono affidati in modo particolare
spiega uno dei relatori della manovra Pier Paolo pubblici». sede scelta quest’an- parlato di «città che oggi, spesso, sembrano a voi», è stato l’incoraggiamento rivolto loro
Baretta (Pd), potrebbe venire addirittura «raffor- La realtà, ipotizza Piergiorgio Stiffoni (Lega), è no per la tradizionale un deserto», e ha invitato a «portare la luce nell’omelia. Più tardi all’Angelus il Papa si è
zata». Nel comma 7 dell’articolo 23 del testo, in- che «potenze massoniche europee» «vogliono PAPA RATZINGER messa d’Avvento del nel nostro tempo», superando «i limiti del- rivolto ai più piccoli riuniti in piazza con le
fatti, non veniva fissata alcuna data entro la qua- eliminarci» perché anti-democratiche. Visto che Pontefice. Al termine l’individualismo, della chiusura in se stessi, statuine di Gesù Bambino in mano per la be-
le il Parlamento sarebbe dovuto intervenire per ordiscono campagne di odio contro di noi, per- della messa Benedetto XVI esce sul sagrato il fascino del relativismo», rifuggendo «pro- nedizione dei Bambinelli: «Cari bambini - ha
adeguare lo stipendio di deputati e senatori a ché, ironizza Francesco Giro, non ci tagliano «an- dove i fedeli si sono assiepati, e prima di sa- spettive di appagamento facili, ma illusorie». detto - quando pregherete davanti al vostro
quello dei colleghi europei. che la testa?». Cosa vorrebbero infine, domanda lire in auto non si limita a stringere qualche L’invito è di non abbandonare mai la solida- presepe ricordatevi anche di me come io mi
Nell’emendamento che i relatori potrebbero Stiffoni, «una classe politica di straccioni?». mano, ad accarezzare qualche neonato, ma rietà concreta. «Avete visto giungere molte ricordo di voi».
presentare già stamattina (ma che probabil- ANNA LAURA BUSSA si sofferma a parlare. «Non pensate solo alle persone in difficoltà e in situazioni di disa- EVA BOSCO

INFORMAZIONE PROMOZIONALE A CURA DELLA PK

Grande successo ieri della manifestazione canina, ma la festa nella “Città di Santa Claus” continua con sconti e omaggi per tutti

ETNAPOLIS
Natale allegro
con i Dog
Models
Natale più amici a quattro zampe
uguale grande e festosa partecipazio-
ne. Era frequentatissima ieri sera la Le foto sono
Galleria di Etnapolis, per le feste di fi- di Gisella Lauria 1 2
ne d’anno ma anche per la quinta edi-
zione di “Dog Model”, che si è rivela-
ta uno straordinario successo. sone nominate dall’organizzazione – ta sportiva, Sasha, un cane corso con sua bandana e terzo Pablo, un chow zato dalla Comunità Terapeutica Assi- Claus, con un Babbo Natale pronto ad
Giovanni Marziale, direttore di Zoe alcune sono state scelte tra il pubblico occhiali, tuta, collana e orologio, e chow con un vestito natalizio. stita Cenacolo Cristo Re di Biancavil- ascoltare tutti i desideri (foto 4) dei
World, catena di negozi di animali or- – ha selezionato i cani più simpatici Bianca, un altro cane corso con abito La passerella del “Dog Model” (foto 1) la e la musica dei tanti Babbi Natale piccoli. Insomma, la “Città del tempo
ganizzatrice della manifestazione, ave- e… meglio vestiti delle varie categorie: elegante, occhiali con strass e brac- e soprattutto i cani (foto 2 e 3) hanno che percorrevano la Galleria distri- ritrovato” è diventata da ieri la “Città
va previsto che, poiché le adesioni cuccioli, piccoli, medi e grandi. ciali. Nella categoria taglia media ha rappresentato una grande attrazione buendo a grandi e piccini buoni scon- di Santa Claus”.
negli anni erano sempre cresciute, sa- In mattinata, per i “modelli” di taglia vinto un cocker americano di nome per i bambini. Che hanno però ap- to e omaggi offerti da tutti i negozian- Nel pomeriggio la gara del “Dog mo-
rebbe stata superata la soglia dei cen- grande si sono classificati nell’ordine Alice con un cappello da Babbo Nata- prezzato anche gli alberi addobbati e ti di Etnapolis. E un grande successo del” è proseguita con la categoria pic-
to partecipanti. Ma non si poteva pen- Smit, un husky che indossava una tu- le, secondo l’husky Blue Sky, con la pieni di luce, il grande presepe realiz- l’ha avuto anche l’ufficio di Santa coli: prima è giunta Wendy, una
sare che il numero dei cani in passe- chihuahua con un coordinato in raso
rella sarebbe stato doppio e che, addi- rosa, seconda Cloé, una barboncina
rittura, si sarebbe stati costretti a bloc- con indosso un abito rosa e fiocchetti,
care le iscrizioni. terzo un altro barboncino, Charlie, con
“Lo abbiamo fatto a malincuore – ha una tuta in jeans. Tra i cuccioli ha pre-
spiegato Marziale – ma rischiavamo, valso Titti, una bassotta tedesco a pe-
altrimenti, di far protrarre troppo le lo raso con indosso cappotto e cappel-
gare. Siamo comunque felici di come lino, seconda è giunta Jole una volpi-
è andata: c’erano in passerella cani na di Pomerania con un abito elegan-
abbigliati in maniera davvero diver- te, terzi quattro fratellini chihuahua
tentissima, capaci di strappare ap- abbigliati in maniere diverse.
plausi ai tantissimi spettatori, in par- Nel gran finale, il cosiddetto “Best in
ticolare ai bambini”. show”, miglior soggetto dell’esposi-
“Dog Model” premia infatti i cani più zione come abbigliamento - ma tenen-
simpatici ed estrosi, a prescindere dal- do conto anche di bellezza e simpatia
la razza – la gara è aperta anche ai - è stato giudicato il cane corso Bianca.
meticci – che devono indossare o cal- Va ricordato inoltre che, per tutta la
zare uno o più accessori di moda: un giornata, è stato dato spazio ad asso-
collare particolare, una bandana, un 3 ciazioni animaliste e onlus con la mis-
cappello, un abito, una cravatta, degli 4 sione di… cercare padroncini per i
occhiali. Ieri una giuria di cinque per- cani abbandonati.
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

il FATTO .5
LA COMMISSIONE UE RESPINGE AL MITTENTE LA CRITICHE O GRAN BRETAGNA, TENSIONI NEL GOVERNO
Bruxelles: «Sbaglia, come sempre Clegg furioso
chi punta sul fallimento dell’euro»
«Già domani entrerà in
I «fino a 26 paesi» che «molto proba-
bilmente» - alla fine delle consultazio-
bozze di bilancio entro il 15 ottobre,
con valutazione della Commissione e
con Cameron
«Il suo no all’Ue
vigore il six pack con ni parlamentari nazionali in Svezia, due settimane di tempo per adeguar-
Repubblica Ceca e Ungheria - firme- si se rilevate «deviazioni».
multe salate per i Paesi ranno entro marzo, «un impegno sta- La Commissione sottolinea anche
che non rispettano le gno, impermeabile» al «rispetto delle il «benvenuto» dato da Mario Draghi
regole rafforzate per controllare debi- alla dichiarazione dei capi di stato de-
regole del deficit al 3%»
BRUXELLES. Chi ha puntato sul falli-
mento dell’euro, sul dissolvimento
dell’Ue, ha sbagliato «come molte vol-
to e deficit». Ma non si illuda, chi non
ci crede, di poter sfruttare il tempo
che manca fino a marzo per scom-
mettere contro l’Ue. Già da domani
entrerà in vigore il cosiddetto «six
finendolo «la base per un buon fiscal
compact», ovvero per quell’«accordo
con regole» che davanti al Parlamento
europeo, il primo dicembre, il presi-
dente della Bce definì come necessa-
BARROSO, PRESIDENTE COMMISSIONE UE

sanzioni che dovranno essere imposte


allo stato che cadrà sotto «Procedura
per deficit eccessivo». L’automaticità,
rischia d’isolarci»
te in passato». «Ne abbiamo dato la pack», con multe pesantissime (0,2% rio per dare una risposta veloce e im- spiegano fonti Ue, «non sarà uno stru- LONDRA. Il grande "slam" di David tannico, finiscono però qui. Oggi
prova» fa sapere la Commissione eu- del pil, almeno 3 miliardi di euro nel mediata ai mercati. mento smussato» ma si baserà su «un Cameron al vertice Ue di Bruxelles Cameron dovrà riferire ai Comuni e
ropea. In esso si passa al «come sem- caso dell’Italia) per i Paesi che non ri- Bruxelles ricorda poi che il Consiglio rapporto della Commissione fondato si sta velocemente trasformando l’appuntamento si prevede infuo-
pre» quando si sottolinea che «ogni spettano la regole del deficit al 3% e Europeo, ovvero tutti i 27 leader, han- su uno scoreboard preciso che dovrà in una vittoria di Pirro. I Liberal-De- cato.
volta che è stato necessario stare uni- non si attrezzeranno con le riforme no chiesto di dare una «fast track» ai essere defintio dall’Eurogruppo e dal- mocratici, partner di governo dei I laburisti sono scatenati. La fa-
ti e fare un passo avanti nella difesa strutturali necessarie per il rientro in regolamenti proposti dalla Commis- l’Ecofin». Ma qualcosa di molto simile Conservatori, hanno infatti dissot- zione pro Unione Europea dei Tory
dell’euro, quel passo lo abbiamo tutti venti anni (al ritmo del 5% l’anno) del sione il 23 novembre scorso sulle sor- è già le due direttive e i quattro rego- terrato l’ascia di guerra e hanno - minoritaria ma agguerrita - ha
fatto. L’unico paese che non ci ha se- debito pubblico nei limiti del 60% del veglianza sulle finanziarie. lamenti del 6 pack che entreranno in sparato ad alzo zero contro il pre- sguainato le spade. Il premier si
guiti è quello che ha l’opt-out», l’op- pil (l’Italia è circa al 120%). Di fatto già Il nuovo accordo che nascerà a mar- vigore domani (ed il supercommissa- mier britannico. Il leader Nick troverà poi a sedere al fianco del
zione per restarne fuori, sin dai tempi scatteranno il monitoraggio stretto e zo, senza Londra, aumenterà nell’Eu- rio per l’Euro, Olli Rehn, ha già antici- Clegg è furioso: «E’ stata una catti- suo vice, protagonista di un’intervi-
di Maastricht. scadenzato (con presentazione delle rozona allargata l’automaticità delle pato che l’attuazione «partirà subito»). va decisione, sono profondamente sta al vetriolo con la Bbc. E le con-
amareggiato» ha detto in televisio- traddizioni della coalizione di go-
verno emergeranno in tutta la loro
potenza.
Nick Clegg ha infatti detto chia-
FISCO. Un nuovo giro di vite con redditometro, spesometro e tracciabilità ramente che non c’è nulla da gioi-
re per la deriva «al centro dell’A-
tlantico» imposta dal primo mini-

Fisco, pure i ricchi piangono stro alla Gran Bretagagna. «Temo -


ha aggiunto Clegg - l’isolamento e
la marginalizzazione». Ecco allora
perché, ha assicurato, farà «tutto il
possibile» per far sì che questa

stanati 260mila falsi poveri


«battuta d’arresto» non diventi una
«divisione permanente».
E siccome chi di veto ferisce di
veto perisce, il leader dei Liberal-
Democratici ha messo in chiaro
che combatterà «con le unghie e
con i denti» per evitare che la Gran
Dovranno pagare tasse extra su auto di lusso, barche e aerei DAVID CAMERON E NICK CLEGG
Bretagna «esca dall’Unione Euro-
pea».
Via i guanti, dunque. Clegg infat-
SALVINA MORINA
TRACCIABILITÀ, ERRATA CORRIGE
sti rechino l’indicazione dell’unità da
diporto al cui servizio sono posti, non-
Euroscettici in aumento. ti non è il solo ad alzare i toni. Lord
Oakeshott, un peso massimo dei
TONINO MORINA
ché alle unità che si trovano in un’area Sondaggio rivela: il 60% Lib-Dem, ha dichiarato aperta-
Sacrifici per tutti, con i ricchi in prima di rimessaggio e per i giorni di effetti- mente che Cameron non aveva ri-
Non è consentito nemmeno tra familiari
linea. Il lusso costa e, come annuncia-
fare regali in contanti da 1.000 euro in su
va permanenza in rimessaggio. Sono dei britannici approva il cevuto nessun mandato per usare
to dal nuovo governo Monti, chi ha di inoltre esenti dalla tassa le unità da di- il veto (una prima assoluta nella
più deve dare di più. Insomma, anche porto possedute ed utilizzate da enti veto del premier. E il 48% storia della Gran Bretagna). «Ha av-
i ricchi piangono. Auto di lusso, imbar- Per un nostro errore, era sbagliata la collocazione di due «voci» nella ed associazioni di volontariato esclusi- visato Clegg a cose fatte; si tratta di
cazioni e aerei saranno perciò sogget- scheda sull’utilizzo del denaro in contanti pubblicata nell’edizione di ieri. vamente ai fini di assistenza sanitaria vorrebbe lasciare l’Unione un dietrofront unilaterale che noi
ti a tassazioni extra. La tassa sul lusso Pubblichiamo oggi la scheda corretta. e pronto soccorso. Le violazioni posso- non possiamo accettare», ha tuo-
è disciplinata dall’articolo 16 del de- no essere definite entro 60 giorni dal- nato davanti alle telecamere della
creto legge 6 dicembre 2011, n. 201, OPERAZIONI “FUORILEGGE” la elevazione del processo verbale di ne. La tensione è insomma alle Bbc. La coalizione, ha precisato, ri-
pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. • Regalo in contanti ad amici o familiari per importi pari o superiori a constatazione mediante il pagamento stelle. Anche perché gli ultras Tory schia di saltare. Su questo punto, va
284 dello stesso giorno. 1.000 euro. dell’imposta e della sanzione minima adesso sono su di giri e puntano al detto, Clegg è stato però inequivo-
Fisco a caccia dei ricchi che sono "falsi • Pagamento in contanti per importi pari o superiori a 1.000 euro presso ridotta al 50 per cento. jackpot: il referendum sull’Unio- cabile: una crisi di governo si tra-
poveri" nel 740 o nel 730. Per i ricchi, unico professionista, commerciante o artigiano. Tassa sugli aeromobili. L’altra tassa sul ne Europea. sformerebbe in «un disastro eco-
che per il Fisco sono "falsi poveri", il di- lusso è prevista dal comma 11 dell’ar- Il veto di Cameron ha infatti ri- nomico in un momento di grande
rettore dell’agenzia delle Entrate Atti- OPERAZIONI REGOLARI ticolo 16. Esso stabilisce che è istituita svegliato il mai sopito euroscettici- incertezza». Separati in casa, in-
lio Befera ha annunciato un nuovo gi- • Prelevamento o versamento in contanti superiore a 1.000 euro presso l’imposta erariale sugli aeromobili pri- smo di una parte - consistente - del somma. Ma per quanto ancora?
ro di vite, impiegando proficuamente istituti finanziari. vati, immatricolati nel registro aero- partito. La retorica dilaga. La stam- Per i Liberal-Democratici infatti si
gli strumenti a disposizione tra reddi- • Pagamento in contanti per importi pari o superiori a 1.000 euro, ma nautico nazionale. La misura dell’im- pa di destra batte il tasto sullo spi- «deve tornare al tavolo dei negozia-
tometro, spesometro e tracciabilità effettuati in diversi esercizi commerciali o studi professionali per singoli posta varia in base ai velivoli, da un rito "bulldog" della Gran Bretagna ti».
delle operazioni finanziarie, con il importi non superiori a 999,99 euro. minimo di 1,50 al kg, per i velivoli con e osanna la scelta presa a Bruxelles Il ragionamento incassa il favore
nuovo limite di 1.000 euro per le ope- peso massimo al decollo fino a 1.000 dal primo ministro. La mossa, del Labour. «Sono d’accordo con
razioni in contanti. Dal 6 dicembre kg., fino a un massimo di 7,55 al kg., quanto meno dal punto di vista Nick Clegg: usare il veto è stata una
2011, infatti, vale il limite di mille eu- per i velivoli con peso massimo al de- dell’immagine, sembra d’altra par- cattiva decisione» ha detto il se-
ro, a partire dal quale i pagamenti de- stazionano in porti marittimi naziona- proprietari residenti, come propri or- collo oltre i 10mila kg. te aver pagato. gretario Ed Miliband. «David Ca-
vono essere fatti con documenti trac- li, navigano o sono ancorate in acque dinari mezzi di locomozione, nei co- E’ inoltre disposto che per gli elicotte- Stando a un sondaggio pubblica- meron ha gestito male i negoziati.
ciabili, assegni, bonifici o altro. I falsi pubbliche, anche se in concessione a muni ubicati nelle isole minori e nella ri: l’imposta dovuta è pari al doppio di to ieri dal Mail On Sunday oltre il E il motivo non era per proteggere
poveri sono facilmente individuabili se privati, sono soggette al pagamento Laguna di Venezia, nonché per le unità quella stabilita per i velivoli di corri- 60 per cento dei britannici, infatti, la City ma per ragioni di partito.
si considera che il 66% dei contribuen- della tassa annuale di stazionamento, a vela con motore ausiliario. Per l’o- spondente peso, mentre per gli alian- crede che David Cameron abbia L’ala euroscettica dei Tory ha di
ti dichiara al Fisco meno di 20 mila eu- calcolata per ogni giorno, o frazione di messo, ritardato o parziale versamen- ti, motoalianti, autogiri e aerostati, fatto bene al summit e il 48 per fatto preso il sopravvento». Came-
ro di reddito e tra questi risultano esso. La misura varia da un minimo di to dell’imposta si applica una sanzione l’imposta è dovuta nella misura fissa di cento ritiene che ora sia il caso di ron, per i laburisti, si sarebbe dun-
188mila con auto di pregio, 42mila 5 euro per le unità con scafo di lun- amministrativa tributaria dal 200 al 450 euro. L’imposta dovrà essere ver- uscire dall’Unione Europea. La va- que macchiato del supremo pecca-
proprietari di auto di alta cilindrata e ghezza da 10,01 metri a 12 metri, fino 300% dell’importo non versato, oltre sata secondo le modalità che saranno sta maggioranza - il 66 per cento - to mortale per un primo ministro:
518 possessori di un aereo o di un eli- a un massimo di 703 euro per le unità all’importo della tassa dovuta. La tas- stabilite con provvedimento del diret- vuole comunque un referendum compiere una scelta storica non
cottero. con scafo di lunghezza superiore a 64 sa non si applica alle unità di proprietà tore dell’agenzia delle Entrate da ema- per poter dire la sua sulla relazione per il bene della Nazione ma per
Auto di lusso. Il comma 1, dell’articolo metri. La tassa è ridotta alla metà per o in uso allo Stato e ad altri enti pubbli- nare entro 60 giorni dall’entrata in vi- che il Paese ha con l’Europa. Le banali interessi di bottega.
16, della manovra Monti, stabilisce che le unità con scafo di lunghezza fino a ci, a quelle obbligatorie di salvatag- gore del provvedimento, cioè entro il 4 buone notizie, per il premier bri- MATTIA BERNARDO BAGNOLI
a partire dal 2012 l’addizionale eraria- 12 metri utilizzate esclusivamente dai gio, ai battelli di servizio, purché que- febbraio 2012.
le della tassa automobilistica è fissata
in 20 euro per ogni chilowatt di poten-
za del veicolo superiore a 185 chi-
lowatt. Occorre però precisare che già IERI A CALTANISSETTA IL PRESIDENTE DELLA REGIONE HA DELINEATO IL NUOVO MPA. APERTURA A MICCICHÈ
dal 2011 era stato previsto un paga-

Lombardo rilancia il partito delle tessere e fa pace con Leanza


mento extra, a titolo di addizionale
erariale, di 10 euro per ogni chilowatt
di potenza del veicolo superiore a 225
chilowatt (articolo 23, comma 21, de-
creto legge 98/2011, convertito dalla LILLO MICELI finire gli attacchi reciproci sui giorna- messa per il territorio», auspicando stra che non appoggia il governo
legge 111/2011). Ad esempio, il pro- NOSTRO INVIATO li: ci saranno le sedi del partito per un progetto comune tra la Sicilia e la Monti, mentre il Pd deve farlo. Nel
prietario di un’auto Lamborghini con confrontarsi. E rivolto a Leanza, che Calabria. Alla manifestazione ha par- Terzo polo dobbiamo fare sentire no-
515 chilowatt di potenza, mentre per il CALTANISSETTA. Un partito di militanti recentemente aveva manifestato tecipato anche l’ex-presidente della stra voce: sono partiti nazionali che
2011 doveva pagare 2.900 euro, cioè che ritrovi il gusto di lottare, di pre- qualche insofferenza, ha detto: «Mi Regione Calabria, Loiero, presidente non hanno le nostre pecularietà. A
10 euro per i 290 chilowatt di potenza miare il merito, facendo spazio ai gio- fa piacere che tu sia qui al mio fianco, federale dei movimenti autonomisti Palermo c’è la possibilità di fare na-
del veicolo superiore a 225 chilowatt, vani. E con Radio Autonoma, che ieri in primo piano, a lottare. Mettiamo da che hanno aderito al progetto della scere la "grande alleanza", Il Pd ci di-
dal 2012 dovrà pagare 20 euro per ha cominciato a trasmettere su web. Il parte i personalismi». Leanza, proprio «naturale evoluzione» (così l’ha defi- ca il suo punto di vista. Noi abbiamo
ogni chilowatt di potenza superiore a presidente della Regione, Lombardo, in virtù di questo rinnovato spirito nita Lombardo) dell’Mpa. proposto alcuni nomi: Russo, Chin-
185 chilowatt, cioè su 330 chilowatt, spinge sull’acceleratore per la forma- dell’Mpa, ha proposto di occupare le Tutto ciò nell’ottica della grave cri- nici, Armao, assessori tecnici che non
che, moltiplicato 20, comporterà un zione di un partito pesante, «non più stazioni ferroviarie siciliane per prote- si finanziaria e politica che ha portato fanno parte della nostra scuderia. Ma
pagamento extra di 6.600 euro, cioè lideristico», con tanto d’iscrizione e stare contro l’abolizione dei treni a al governo Monti «che noi sosteniamo al nostro interno possiamo contare
3.700 euro in più dell’anno 2011. In ca- pagamento di tessera. E’ il messaggio lunga percorrenza da e per la Sicilia. affinché restituisca credibilità all’Ita- su una personalità come Musotto».
so di omesso o insufficiente versa- lanciato ai circa duemila sostenitori Alle 11 di questa mattina Leanza, con lia. Siamo d’accordo sul rigore, sull’e- Una candidatura che Lombardo po-
mento dell’addizionale si applica la che ieri hanno affollato il Cefpas di un gruppo di militanti dell’Mpa, occu- quità ma non può esserci crescita sen- trebbe mettere in campo con deci-
sanzione del 30% dell’importo non Caltanissetta. Ma, ha avvertito Lom- perà la stazione centrale di Catania. za lo sviluppo del Sud». Con la gestio- sione, se avesse anche l’appoggio del
versato. bardo, non sarà un tesseramento qua- «La situazione è difficile - ha ag- ne tecnica del governo, secondo Lom- capo di Grande Sud, Miccichè, che ha
Diritti di stazionamento per le imbar- lunque: chi s’iscrive al partito, dovrà giunto il senatore Pistorio - ma l’Mpa bardo, «gli equilibri politici si scom- evocato quando ha chiamato tutti a
cazioni. Il comma 2, dell’articolo 16, firmare un modulo, impegnandosi, in Sicilia è il punto di riferimento del porranno, nel frattempo noi ci orga- prepararsi a una grande battaglia, a
del provvedimento, dispone che dal 1° anche sul piano civile, a rispettare de- cambiamento. Il Ponte sullo Stretto nizziamo. Per esempio, a Palermo è cominciare da quella sui prezzi della
maggio 2012 le unità da diporto che RAFFAELE LOMBARDO terminate regole. Soprattutto, devono dev’essere uno stimolo, una scom- saltato l’asse di ferro tra il Pd e la sini- benzina.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

6. i FATTI

LA CRISI DEL SETTORE ITTICO IN SICILIA

«Stato di calamità e mercato del pescatore»


GIORGIO PETTA ziali per gli imbarcati aumenteranno da mille a 2 mila reazione dello Stato e dell’Unione europea, a sostegno
euro. Ecco perché chiediamo alla Regione la dichiara- delle nostre marinerie. A partire dall’innalzamento del
PALERMO. Stato di calamità. È questa la richiesta che i pe- zione anche per quest’anno dello stato di calamità na- "de minimis" per ogni impresa e che attualmente am-
scatori di Scoglitti, rivolgono, per la seconda volta, alla turale, un provvedimento che possa dare un sostegno monta a 30 mila euro in tre anni». Tra i nodi irrisolti, an-
Regione Siciliana. Lamentano l’alto prezzo del gasolio e alla categoria dei marittimi in enorme difficoltà». La si- che il prezzo del gasolio, ieri quotato 820 euro a tonnel-
il crollo dei prezzi al mercato ittico. «Il pesce al merca- tuazione – come ricorda Giovanni Tumbiolo, presiden- lata, «il più caro del mondo», sottolinea Tumbiolo che
to resta invenduto – dice Nino Nicosia – e abbiamo chie- te del Cosvap, il Distretto produttivo della pesca di Ma- oggi, a Catania, parteciperà ad un convegno sulla pesca.
sto al comune di Vittoria di organizzare un mercato del zara del Vallo – in Sicilia è gravissima e «i pescatori di «Occorrono – prosegue – imbarcazioni nuove che con-
pesce sulla falsariga dei "mercati contadini" perché Scoglitti, ai quali va la mia solidarietà, hanno ragione a sumino meno gasolio. Quanto al prezzo del pesce, biso-
così non si può andare più avanti. Il nostro è un settore protestare. La situazione – aggiunge – è talmente gra- gna accorciare la filiera fino a fare incontrare pescatori
in ginocchio e non possiamo continuare a piangerci ad- ve che la Regione lo scorso ottobre ha dichiarato lo sta- e consumatori con forme inedite di mercati ittici. Fino-
ANCHE IL SETTORE DELLA PESCA NEL MORSO DELLA CRISI dosso. Inoltre, dal primo gennaio 2012 i costi previden- to di crisi per tutte le marinerie dell’Isola. Si aspetta una ra, a fare la parte del leone, sono solo gli intermediari».

IL RAID PUNITIVO. Due arresti e una trentina di indagati dopo l’assalto al campo rom per il finto stupro di una sedicenne
go hanno assistito senza intervenire,
ha scosso l’arcivescovo di Torino,

Torino sotto choc, il sindaco: «Inaccettabile» monsignor Cesare Nosiglia: «Mi sento
umiliato e ferito – è la sua riflessione
– sia come cristiano, membro di una
città che vanta nella sua storia la testi-
monianza dei santi sociali, sia come
cittadino di una città dove migliaia e
Sotto inchiesta gli ultras juventini. Cancellieri: «Non ci si fa giustizia da soli» migliaia di persone operano ogni gior-
no con grande generosità e gratuità
verso i poveri, gli immigrati e gli stes-
RENATO BOTTO Nei giorni scorsi Fassino aveva af- si rom».
frontato il tema dei campi rom, abita- Don Fredo Olivero, direttore della
TORINO. Torino è sotto choc per il raid ti a Torino da circa 2.000 persone, in pastorale Migranti del Piemonte, è al-
che sabato sera ha devastato un cam- un incontro con il neo ministro del- larmato: «Da quando sono a Torino –
po rom abusivo alla periferia della l’Interno, Annamaria Cancellieri. «C’è dice – non ho mai visto un atto così
città, poco lontano dal nuovo e mo- necessità – ribadisce il sindaco – di duro verso gli immigrati. È stato un
dernissimo stadio della Juventus. una regia comune tra governo ed en- episodio di razzismo inqualificabile».
Non ci sono state vittime né feriti – ti locali. Abbiamo bisogno di tenere Ieri don Olivero e don Luigi Ciotti,
solo due baracche andate in fumo. insieme sicurezza ed accoglienza».
Sono andate bruciate anche tende,
auto e roulottes e le fiamme hanno
Cancellieri condanna il raid di Tori-
no: «Non si fa giustizia da soli», e più
La condanna
lambito anche i muri esterni della ca- in generale «ogni azione violenta, giu- L’arcivescovo «umiliato
scina – ma l’indignazione è fortissima stizialista e razzista, in qualsiasi parte
dopo l’assalto scatenato da un gruppo del Paese». azzista, in qualsiasi parte e ferito». Caselli: «Fatto
di persone che volevano vendicare il
presunto stupro subìto, ad opera di
del paese. Non può, non deve e non
faremo passare l’idea che c’è qualcu-
gravissimo con chiara
«due stranieri» da una sedicenne. no, o qualche gruppo, che sta al di so- connotazione razzista»
Invece la ragazza aveva inventato pra degli altri. Con la presenza dello
tutto, probabilmente per nascondere DONNE ROM TRA LE BARACCHE BRUCIATE Stato, con l’educazione, con la cultura,
«la vergogna» provata dopo il primo con la solidarietà dobbiamo cancella- fondatore del Gruppo Abele e di Libe-
rapporto sessuale della sua vita. no con lo slogan «Adesso basta, ripu- re il concetto stesso di "spedizioni pu- ra, hanno fatto visita ai nomadi che vi-
Per l’assalto due uomini, un venten- liamo la Continassa», che ha fatto nitive", espressione che deve restare vevano nel campo assaltato.
ne e un cinquantanovenne, sono sta- scattare l’allarme, consentendo ai rom relegata ai libri di storia». L’indagine sul raid è stata affidata al
ti arrestati, per ora con l’accusa di di allontanarsi in tempo dalle barac- Le fa eco il ministro dell’Integrazio- sostituto procuratore Paolo Toso, che
danneggiamento aggravato. che. ne, Andrea Riccardi: «Un gesto inac- ha trasmesso il fascicolo del presunto
Si indaga su un’altra trentina di per- Quello che è successo «è inaccetta- cettabile, un segnale preoccupante, stupro alla Procura dei minori. «La
sone, anche tra gli ambienti del tifo bile – dice il sindaco Piero Fassino – che non può trovare alcuna giustifica- Procura e i carabinieri – spiega Gian-
organizzato. Ma al momento non c’è per la città capitale dell’accoglienza». zione: i roghi ci riportano a periodi carlo Caselli, procuratore capo di Tori-
alcuna prova che la regia del raid sia Per il primo cittadino di Torino il raid bui della storia europea che mai no – stanno svolgendo tutti gli accer-
nata in seno a gruppi di ultras juven- punitivo «è la spia di una situazione di avremmo voluto che si ripetessero». tamenti utili e necessari con la massi-
tini. grande difficoltà e disagio. Bisogna L’assalto al campo della Continassa, ma determinazione. Si è trattato di
Di certo c’è che l’azione è stata pre- affrontare le ragioni che hanno provo- dove molti dei partecipanti alla mar- un fatto gravissimo con chiari conno-
ceduta dalla diffusione di un volanti- cato questo scoppio d’ira». cia di protesta che ha preceduto il ro- tati di stampo razzista».

CASERTA. Episodio di razzismo in una scuola media. La prof, rimproverata dal dirigente scolastico, si mette in malattia
L’accaduto è venuto all’atten-

«Non sei come gli altri, sei nera» zione del corpo insegnante della
scuola al termine di un collegio
dei docenti svoltosi mercoledì
scorso. Ora il dirigente scolastico

e la docente le dà un voto inferiore regionale della Campania intende


vederci chiaro e commenta: «È in-
comprensibile tutto ciò. Sono
amareggiato - evidenzia Bocuhè -
parlerò al più presto con il diri-
Alunna italiana riceve 7 invece di 9 perché è di colore gente provinciale e della scuola,
poi deciderò il da farsi. Mi chiedo
come sia possibile, oggi, nella so-
FRANCESCO CERRI quentata da Simona, si chiude la questa scuola, le intima. E la do- altri docenti. Ha un buon profitto, cietà multirazziale, che accadano
porta alle spalle ed esige silenzio. cente comincia ad assentarsi. Nei si dice, e quel 7 in calce alla verifi- episodi simili... È insopportabile. E
NAPOLI. «Sono esterreffatto: se la Chiede di conoscere la versione suoi confronti non viene assunto ca di Geografia le brucia ancora pensare che proprio sabato sono
notizia fosse vera, saremmo di dei fatti dai bambini. Ne ottiene un provvedimento di sospensione, molto. Non quanto, però, quel stato in provincia di Caserta in un
fronte ad un fatto gravissimo. Farò una dolorosa conferma: «Tu sei di- almeno sulle prime: è in malattia. marchio di “diversa” imprudente- incontro al quale erano presenti
piena luce sulla vicenda». È l’ama- versa» sente ripetere dagli scolari: Simona, invece, è tornata rego- mente affibiatole. La rabbia è tan- molti responsabili della scuola ca-
ro commento del dirigente scola- «Tu sei nera». Assume quindi l’ini- larmente a scuola sin dal giorno ta ma stringe i pugni e manda giù sertana. Se tutta la vicenda fosse
stico della Campania, Diego Bou- ziativa di chiamare a sé la “prof” e successivo all’episodio. Lei è ado- un’altra lezione. La più dura che la confermata, saremmo in presenza
chè, alla storia di una alunna di di parlarle chiaro: tu sei fuori da rata dai compagni di classe e dagli scuola poteva riservarle. UNA CLASSE CON ALUNNI FIGLI DI IMMIGRATI di un episodio gravissimo».
seconda media di Caserta discri-
minata per la sua pelle. La ragazzi-
na - pur in presenza di un compi-
to di Geografia del tutto simile a
quello di un suo compagno - ha
avuto un voto inferiore (7 rispetto
Il Vaticano “assolve” maestra sospesa per l’«Apocalisse»
al 9 dell’altro alunno) unicamente
perché «diversa» come le avrebbe «È una cosa meravigliosa, che mi
detto la professoressa di fronte al-
la richiesta di spiegazioni.
L’insegnante era stata allontanata dopo una mette il cuore in pace, ora sento che
non può accadermi niente di male», è
La storia si svolge nella media lezione che aveva impressionato una bimba. stato il commento dell’insegnante.
«Giannone» del capoluogo di Terra «Mi auguro che la lettera del Papa -
di Lavoro, una delle più importan- Ora è bufera sul dirigente scolastico ha detto Garagnani - faccia chiarezza
ti. Due elaborati di geografia del una volta per tutte sulla perfetta orto-
tutto simili. Anzi: uguali. In tutto e FEDERICO BALLETTI deciso la sospensione, e che ora an- dossia cattolica dell’insegnante ed evi-
per tutto. Due voti, però, differen- nuncia un possibile esposto denuncia denzi l’arbitrio vero e proprio perpe-
ti. E alla bambina il 7 rimediato, ri- BOLOGNA. Ha ricevuto una lettera dal- per abuso d’ufficio nei suoi confronti. trato nei suoi confronti dal dirigente
spetto al 9 elargito al compagno di la Segreteria di Stato Vaticana la mae- «A fine novembre ho scritto una let- scolastico, che ha sino a prova contra-
classe, stava stretto.La ragazzina, stra sospesa nei giorni scorsi dall’inse- tera al Papa per raccontare le mia si- ria abusato delle sue funzioni per pu-
italiana di Caserta, chiede lumi ma gnamento nella scuola elementare tuazione - ha spiegato al Resto del re ragioni politiche intromettendosi in
l’insegnante - ora in malattia - dà “Bombicci” di Bologna per una lezione Carlino la maestra, Cristina Vai - e rin- questioni, come l’insegnamento della
una risposta che gela l’alunna e giudicata troppo “forte” sulla caduta graziarlo per la sua battaglia eroica religione, che competono all’autorità
l’intera classe: «Tu non sei come gli degli angeli tratta dall’Apocalisse, che contro lo spirito nichilista di questi Padre espressioni di devoto ossequio, tre auspica un sempre più generoso ecclesiastica».
altri, sei nera». avrebbe turbato una bimba della “pri- tempi». informandoLo circa la propria profes- impegno educativo volto alla forma- Il parlamentare Pdl ha quindi reso
Turbata dall’episodio, Simona - ma B”. A denunciare la vicenda era Ora l’insegnante ha reso noto il testo sione di insegnante, svolta con impe- zione umana e cristiana delle giovani noto che sta valutando gli estremi per
un nome di fantasia - racconta tut- stato il parlamentare Pdl Fabio Gara- della missiva, datata 2 dicembre, che gno e dedizione e chiedendo, allo stes- generazioni, di cuore imparte la Bene- un esposto-denuncia per abuso d’uffi-
to alla madre la quale si rivolge al- gnani, che aveva presentato un’inter- reca l’intestazione della Segreteria di so tempo, un segno della Sua spiritua- dizione apostolica, pegno di ogni desi- cio nei confronti del dirigente scolasti-
la dirigente scolastica, Maria Bian- pellanza per il ripristino della “legalità Stato e la firma di monsignor Peter B. le vicinanza. Sua Santità ringrazia di derato bene, che volentieri estende co, suffragato da una raccolta di firme
co. E questa tra un cambio di ora e scolastica”, fissando i limiti di inter- Wells, assessore per gli Affari genera- cuore per il fiducioso gesto e per i sen- alle persone care, con particolare pen- nella provincia di Bologna «contro l’i-
l’altra, entra nella seconda fre- vento del dirigente scolastico che ha li: «Ella ha voluto indirizzare al Santo timenti che lo hanno ispirato e, men- siero per i piccoli alunni». deologizzazione della scuola».
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

i FATTI .7
PADOVA, CRITICHE ALL’IPERMERCATO CHE LO HA DENUNCIATO. CITTADINO: «PAGO IO PER LUI»

Ruba tre bistecche per fame: «La pensione non mi basta»


PADOVA. Mentre il Natale bussa alle porte, È stato l’elemento della recidiva - l’uomo stato fermato altre due volte nel punto vendi- Intanto un cittadino di Prato, Alessandro
può capitare che qualcuno, pensionato o la- aveva tentato di rubare altre due volte - a por- ta con merce rubata, anche per importi non Maiorano, dipendente pubblico, dicendosi
voratore con stipendio minimo, si trovi co- tare la direzione dell’IperSimply di Piove di irrilevanti. Volevamo che a questa persona ar- indignato dalla vicenda, si è fatto avanti pro-
stretto a rubare per fame. «La pensione non Sacco a denunciare per furto il 77enne trova- rivasse un segnale». Del Menico, però, lascia ponendo di saldare lui stesso il prezzo della
mi basta per vivere» ha così confessato un to con 3 bistecche sotto il giaccone. Lo ha aperto uno spiraglio: «Sulla denuncia discu- merce che il pensionato voleva rubare: «Li pa-
nonnetto di 77 anni pizzicato sabato a ruba- precisato Carlo Del Menico, direttore respon- teremo con la direzione del punto vendita, e go io - ha detto Maiorano - i 24 euro di quel-
re tre bistecche dal banco frigo di un super- sabilità sociale d’impresa del gruppo Sma (di vedremo cosa fare...». Il dirigente sottolinea le tre bistecche, basta che a quell’anziano
market a Piove di Sacco (Padova). Scoperto cui fa parte il marchio IperSimply). «Natural- peraltro come il gruppo Sma e gli ipermerca- venga ridata la dignità che gli è stata tolta.
dalla vigilanza, che aveva chiamato nel frat- mente - spiega Del Menico - non è sulle de- ti che ne fanno parte lavorino molto sulla re- Non i carabinieri, ma il sindaco e gli assi-
tempo i carabinieri, per l’anziano affamato è nunce che impostiamo il nostro rapporto con sponsabilità sociale di impresa, sostenendo stenti sociali di quel paese padovano avreb-
AUMENTANO I FURTI «PER NECESSITÀ» NEI NEGOZI ALIMENTARI scattata comunque la denuncia per furto. il cliente. D’altronde questo signore era già attività solidali e onlus. bero dovuto occuparsi di questo pensionato».

EFFETTI DELLA CRISI. Il rincaro delle accise rischia di compromettere i bilanci delle imprese di trasporto
Nord soprattutto ortaggi». Ma anche i
committenti sono in crisi e c’è il ri-

Autotrasportatori sul piede di guerra schio che i clienti diminuiscano.


I costi aumentano, scarseggia il lavo-
ro e bisogna fare i conti anche con la
concorrenza sleale.
L’appuntamento è per i prossimi
giorni, a Roma, dove sarà fatto il pun-
«Gasolio troppo caro», pronti a paralizzare il Paese sotto le feste di Natale to della situazione regione per regione.
Assemblee spontanee ci sono già state,
oltre che in Sicilia, anche in Liguria,
LILLO MICELI con azioni di protesta, condivise su ma, sono sul piede di guerra. In un an- Abruzzo, Campania e Marche. Non ha
scala nazionale». no il costo del gasolio è aumentato di nascosto il suo pessimismo Paolo
PALERMO. Gli autotrasportatori siciliani Un’analoga iniziativa fu adottata da- circa 34 centesimi, mettendo in diffi- Uggè, presidente nazionale di Fai Conf-
aderenti al Fai, ma anche calabresi e gli autotrasportatori cinque anni fa: il coltà imprese piccole e grandi. Ma non trasporto e vice presidente nazionale
pugliesi, sarebbero pronti a spegnere i 10 dicembre del 2006, furono blocca- è solo il costo del carburante a creare di Confcommercio: «Personalmente
motori dei loro camion per protestare ti tutti i mezzi, creando un vero e pro- problemi. Le aziende pagano do 60 avrei già dichiarato lo stato di agitazio-
contro l’ulteriore rincaro del gasolio prio caos. L’85% delle merci, in Italia, giorni o addirittura 90 - a volte anche ne e preannunciato un fermo dei servi-
(13,5 centesimi), entrato in vigore con viene trasportato su gomma. «Abbia- oltre - creando problemi di liquidità, zi di fronte ad un atteggiamento del
la manovra varata dal governo Monti. mo chiesto l’incontro con il governo - mentre aumentano le difficoltà per governo che ha scelto di non persegui-
Rappresentanti del Fai di tutta la Sici- ha aggiunto Agrillo - lunedì scorso, ma l’accesso al credito. I costi delle assicu- re la strada del confronto. Il momento
lia si sono riuniti ieri a Catania, per non abbiamo ancora avuto alcuna ri- razioni si è quasi triplicato. è difficile e ogni azione condotta in
esaminare la difficile situazione che sposta». L’Unatras a cui aderiscono le «Ogni mille semirimorchi che vanno solitudine sarebbe però un grave erro-
rischia di mettere in ginocchio sia le aziende che fanno capo al Fai, ma an- al Nord sulle navi - ha continuato re che rischia di essere pagato dalla
grandi aziende di trasporto che i cosid- che a Confcommercio e Cidec, insom- Agrillo - 750 sono vuoti. Si portano al categoria».
detti «padroncini». Anche se ancora
non è stato proclamato lo stato di agi-
tazione, né alcuno sciopero, il fermo è
sempre più probabile: sotto le Feste di FIUMICINO. FERMATO UN COETANEO
Natale e potrebbe paralizzare l’intero
Paese, essendo la vertenza nazionale.
«Le drastiche e repentine azioni del- Lite per una sigaretta: ucciso ragazzo sedicenne
l’esecutivo tecnico - ha detto il presi-
dente di Fai-Sicilia, Giovanni Agrillo - ROMA. Un ragazzo di 16 anni è morto vicino a Roma dopo una raccontato - dopo pochissimi minuti è intervenuto il
porteranno ad incolmabili deficit nel lite, causata dalla richiesta di una sigaretta. E’ stato colpito personale sanitario di un’associazione di volontariato che ha
settore dell’autotrasporto, con eviden- con un pugno alla tempia da un coetaneo, suo amico al un presidio proprio al Parco Leonardo. Il ragazzo è purtroppo
ti conseguenze sul Paese. Il rincaro centro commerciale Parco Leonardo di via Portuense, a poi morto durante il trasporto in ospedale». Il centro
delle accise sui carburanti rischia di Fiumicino. L’omicida è stato fermato e portato in commerciale Parco Leonardo sorge nell’omonimo quartiere
compromettere irrimediabilmente i commissariato a Fiumicino. I due ragazzi sono entrambi di residenziale sulla via Portuense, quella che collega Roma con
bilanci delle imprese che a breve non Fiumicino. La lite è scoppiata nelle vicinanze di un locale di Fiumicino. È un punto di ritrovo per centinaia di ragazzi di
avranno più la possibilità di dare servi- cucina giapponese. A prestare i primi soccorsi al ragazzo Fiumicino. Al suo interno ci sono centinaia di negozi e
zio ai supermercati, centri di distribu- deceduto sono stati gli uomini della sicurezza privata del ristoranti, mentre nella parte esterna c’è un frequentatissimo
zione, farmacie, cantieri, ecc. Se il go- Parco Leonardo: «Siamo arrivati sul luogo e abbiamo provato cinema con 24 sale e 6.000 posti a sedere che di domenica
verno nazionale respingerà la nostra a rianimare il ragazzo, che aveva la lingua girata - hanno pullula di giovani in fila per vedere l’ultima pellicola uscita.
richiesta d’incontro andremo avanti
8. LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

L’orologio perfetto esiste.

Mai più batterie grazie


all’energia della luce.

Più resistente e più leggero


dell’acciaio inossidabile.

Regolato dallo spazio.


Preciso al milionesimo
di secondo.

VETRO
ZAFFIRO
Perfetta trasparenza,
preziosità
e inalterabilità
nel tempo.

AS2031-14W € 398

Scopri l’intera collezione


Eco-Drive Radiocontrollato
a partire da € 348

www.citizen.it
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

i FATTI .9

DAL WEB ALLA REALTÀ. Le influenze delle nuove tecnologie: dal titolo dello show di Fiorello ai modi di dire PALERMO, 4 «SOFFIATE»

Confidente
Basta un cancelletto per aprire il mondo anonimo
fa arrestare
Cambiano i segni della comunicazione: con Twitter il # soppianta @ corrieri droga
LUCA CILIBERTI JOVANOTTI gnati italiani, stufi di sentirsi fare pro- PALERMO. Due «corrieri» della droga
poste di lavori o stage gratuiti o sotto- che trasportavano circa mezzo
CATANIA. Una volta era la @ oggi è il #. pagati, invece ha preso forma in uno quintale di hashish nella loro auto
Se fino a qualche mese fa la chiocciola degli hashtag più usati: #nofreejobs. E sono stati arrestati ieri a Palermo
rappresentava anche graficamente le come dimenticare, nelle giornate dei dalla polizia grazie all’ennesima
nuove tecnologie multimediali e la re- rottamatori, la clamorosa vittoria di «soffiata» di un anonimo che ha
te, oggi per entrare nel nuovo mondo Civati su Renzi balzata alle cronache di consentito agli investigatori di
basta aprire un “cancelletto”. Non solo tutti i giornali: l’indirizzo di Pippo Ci- mettere a segno negli ultimi mesi
simboli, ma significante e significato. vati, consigliere regionale lombardo una serie di operazioni. Gli arrestati
Immagini di idee e concetti, libero che conduce la campagna per l’aboli- sono originari della provincia di
pensiero che viaggia sulle ali di inter- zione dei vitalizi dei politici e le prima- Napoli. Devono rispondere di
net. E i primi ad accorgersene, come rie per i parlamentari, ha superato in detenzione a fini di spaccio di un
spesso accade, sono stati i giovani e chi contatti quello creato dal sindaco di Fi- cospicuo quantitativo di sostanza
li ascolta e gli dà credito. renze, Matteo Renzi #leopolda. Così stupefacente. L’operazione è
Il # è comparso prepotentemente come #seneca, all’epoca degli esami di scattata in seguito della quarta
nel titolo del nuovo show di Fiorello: il maturità diventò in poche ore uno de- segnalazione anonima, giunta
#ilpiùgrandespettacolodopoilweekend gli hashtag più seguiti e popolari. sabato al centralino della Questura,
ha mandato in tilt tutti i correttori or-
Facebook è un bel giardino Lorenzo Jovanotti, twitter-addicted con la quale una voce maschile dal
tografici, mentre una buona fetta di chiuso, perfetto per mio tra i più seguiti, ha cercato di dare una marcato accento campano, forniva
pubblico poco avvezzo ai microblog- spiegazione al fenomeno, anche in indicazioni precise sull’arrivo nel
ging pensava che si trattasse di una papà che a 78 anni ha rapporto all’utilizzo di Facebook. «Mia porto di Palermo di un carico di
nuova trovata grafica pubblicitaria. E ritrovato un contatto IL DUELLO TRA FACEBOOK E TWITTER
moglie Francesca semplificando mi di- hashish. La stessa fonte aveva
invece il cancelletto e la mancanza di ce: Facebook è per le femmine e Twit- contattato la Questura la prima
spazi tra una parola e l’altra sono i quotidiano con i nipoti e ter è per i maschi. In realtà la differen- volta a metà giugno consentendo
tratti essenziali del news network che gli amici di una vita. za è un’altra: Facebook è concavo, gli investigatori di arrestare un
ha stregato il mondo. La famosa chioc-
ciola non serve più solo a indicare il Twitter è una città aperta I due social network Twitter è convesso. Sul primo si sta
insieme, si passa il tempo, ci si scam-
«corriere» e sequestrare 30 Kg di
hashish, e in altre due occasioni,
server del proprio interlocutore nelle
email, perché su Twitter diventa la
si copiano e si sfidano biano foto; il secondo invece è con-
temporaneo, è appuntito. Su Twitter
alla fine dello stesso mese, quando
grazie alle sue informazioni erano
“mention” una corrispondenza diretta calcio o di talent show e anche le lette- lanci frecce, su Facebook dei paracadu- stati fermati altri due trafficanti
tra l’utente che ha inviato il messaggio rine e i buoni propositi di Natale, visto ROMA. Un profilo più ampio in stile Facebook e più spazio alla pubblicità: te. Facebook è un bel giardino chiuso, che trasportavano rispettivamente
e l’utente che lo riceve. Cambia il mo- il periodo, devono essere ridotti. Cen- sono queste le principali novità annunciate da Twitter, il social network più è perfetto per il mio papà che a 78 an- un chilogrammo di cocaina e sei di
do di comunicare, cambiano le neces- tinaia di cip (come li chiama Sabina amato dalle celebrities anche italiane. E se il microblogging sfodera un ni ha ritrovato così un contatto quoti- hashish. Dopo essersi fatto
sità: 140 caratteri e massima sintesi. Il Guzzanti, ndr) al minuto. E c’è chi la look nuovo di zecca - gli utenti già ne discutono all’hashtag #newtwitter - diano con i nipoti e gli amici di una vi- riconoscere ed aver giustificato i
cancelletto (#) o l’hashtag indicano butta sul riso-amaro: «#CaroBabbo- Facebook ha iniziato dalla Nuova Zelanda la distribuzione in versione beta ta; Twitter invece è una città aperta. suoi 6 mesi di silenzio con una
una parola chiave o l’argomento tratta- Natale porta come regalo un Rolex al- della Timeline, la nuova veste grafica presentata da Mark Zuckerberg a Qui hai la sensazione di essere un me- «vacanza», l’anonimo suggeriva
to. la fidanzata di Lavezzi. Sta piangendo, settembre che ha provocato diverse polemiche. Tra le novità più dia mondiale e con la tua pallottola stavolta agli investigatori di
Per raccontare la storia politica degli costa lo 0.034% dello stipendio giorna- sostanziose proposte dal social network da 140 caratteri ci sono le pagine da 140 caratteri teoricamente puoi col- prestare attenzione a
ultimi giorni bastano i trend topic let- liero del Pocho». commerciali, le brand pages, segno che il sito punta a crescere pire chiunque ed essere raggiunto da un’autovettura Ford Focus grigia
ti in ordine cronologico. Si parte con Fiorello, uno degli utenti italiani più economicamente. Il make-up riguarda però anche il profilo utente dove chiunque. Ha una potenza gigantesca». che sarebbe sbarcata dal traghetto
#vivalafuga, si continua con #dimis- seguiti e più reattivi, che posta ogni c’è un’inversione (liste, favoriti, following e followers passano sulla A testimonianza di tutto ciò, in que- proveniente da Napoli. Gli agenti
sioni, #308, #laresadeiconti, #Colle, giorno video e foto personali, durante sinistra, mentre i tweet vanno sulla destra) e la homepage che è sti giorni si sono moltiplicati i politici della sezione «Antidroga» della
#dopolaleggedistabilità. Poi compare il suo show del lunedì sera ha lanciato ridisegnata per «tenere tutto quello che ti interessa in un unico posto», in che veicolano i loro messaggi. Ultimo il Squadra Mobile, hanno
#rimontiamo, con un gioco di parole un’imitazione di Salvo Sottile, il gior- stile Facebook. Infatti, video o foto verranno incorporati direttamente nei neo ministro degli Affari Esteri Giulio predisposto una serie di posti di
che sintetizza la voglia di cambiamen- nalista palermitano che conduce Quar- tweet e accanto ai pulsanti “preferiti”, “retweet” e “risposta” compare Terzi di Sant’Agata, che quattro giorni controllo, intercettando all’interno
to e il nuovo governo di Mario Monti. to Grado su Rete4. Il suo intercalare, la anche il tasto “open” con la possibilità di scoprire quante volte il nostro fa ha inaugurato il suo account su del porto l’auto segnalata dal
#Messina e #alluvione, invece veicola- sua gestualità e le sue movenze, le sue tweet è stato re-twittato. Infine, nella barra in alto lo spazio “discover” Twitter, dove si chiama solo Giulio Ter- confidente. Nel corso di una rapida
vano il messaggio: «Possibile donare espressioni “accigliate” davanti alla te- dove si troveranno i trend topic, i tweet, le foto e i video più interessanti zi, senza Sant’Agata. Ad oggi 48 tweet perquisizione gli agenti hanno
2€ inviando un #sms solidale al 45590. lecamera non sono di certo passate della giornata (come un sito d’informazione) e l’area “connect” dove e più di 8.400 follower. Il ministro se- scoperto all’interno dell’auto due
Aiutateci a diffondere». I twitter-ad- inosservate al pubblico e a Fiorello, co- sono visualizzate tutte le interazioni che abbiamo sul social network gue solo 13 profili. Tra questi: Franco grossi pacchi, contenenti oltre 40
dicted seguono i trend più seguiti del- sì la sua imitazione è già un tormento- (come avviene su Facebook). Lo scopo di Twitter è dunque quello di Frattini, i suoi colleghi WilliamJHauge chilogrammi di hashish, per un
la piattaforma, ovvero i topic più inte- ne e su Twitter è diventata #acciglia- diventare più completo e al contempo più intuitivo nella navigazione. Ma e Marty Natalegawa (ministri esteri valore al dettaglio di circa 400 mila
ressanti e chiacchierati. Non soltanto tissimo, lanciata in rete da Federica molti utenti hanno criticato le innovazioni. britannico e indonesiano) e BarackO- euro.
argomenti seri, ovviamente. Si parla di Panicucci. La rivolta dei giovani indi- bama.
10. LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

l’ ECONOMIA .11
DOMANI LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PANDA UN SUCCESSO I NOSTRI PRODOTTI ALIMENTARI ALL’ESTERO

Elkann, primo presidente a Pomigliano Il Natale in tavola è Made in Italy


NAPOLI. «Nuova Panda, siamo quello sindacati, diviso i lavoratori, e dato il ferenze. L’utilitaria prodotta a Pomi- ROMA. E’ record per il Made in Italy ali- vini (+13%) e pasta (+8%). A guidare la produzione complessiva di circa 400
che facciamo»: è il telone che cam- via all’uscita di Fiat da Confindustria. gliano, però, sarà anche il motore del- mentare sulle tavole delle festività di classifica di questo Natale è dunque lo milioni. Si tratta di risultati - precisa la
peggia davanti ad uno degli edifici Per la sua realizzazione il Lingotto ha la speranza per 4.367 lavoratori (dimi- tutto il mondo con l’export di vini, spu- spumante italiano che all’estero fa se- Coldiretti - che trainano l’intero setto-
dello stabilimento campano della Fiat. creato una newco (Fabbrica Italia Po- nuiti in questi due anni per la mobilità manti, grappa e liquori, panettoni, for- gnare un aumento record del 23% con- re dei vini per i quali si registra com-
Una pubblicità che accoglierà da do- migliano) e stabilito un contratto di di 500 persone), che dopo tre anni di maggi, salumi e pasta per Natale che quistando così il primato sullo champa- plessivamente un aumento del 13% in
mani i giornalisti italiani ed europei a primo livello (che dovrebbe essere al- cassa integrazione, e il rischio di chiu- supera per la prima volta i 2,5 miliardi gne. Un successo che - sottolinea la valore del’export.
Pomigliano D’Arco per la presenta- largato a tutti gli stabilimenti del sura dello stabilimento, possono fi- di euro, sulla base delle proiezioni rela- Coldiretti - è il frutto della crescita del- Ad essere molto richiesti - continua
zione e la prova su strada della nuova gruppo Fiat), dopo la rottura tra i sin- nalmente tirare un respiro di sollievo. tive al mese di dicembre 2011. E’ quan- le bottiglie spedite in Germania (+5%) la Coldiretti - sono anche i dolci nazio-
utilitaria, per la quale arriveranno, dacati al tavolo delle trattative: la La sua presentazione potrebbe arri- to stima la Coldiretti che sottolinea il che è il principale importatore, seguito nali come torte, panettoni, altri pro-
mercoledì, anche l’ad del Lingotto, Fiom, infatti, diversamente da Fim, vare pochi giorni dopo la firma del successo dei prodotti alimentari italia- dal boom negli Stati Uniti (+31%) e nel dotti della panetteria, pasticceria e bi-
Sergio Marchionne, e il presidente Uilm, Fismic e Ugl, non ha voluto fir- nuovo contratto sull’auto, attesa per ni all’estero dove, nonostante la crisi, Regno Unito (+21%). scotteria con le esportazioni in aumen-
John Elkann, che per la prima volta, mare l’accordo, definito «capestro per oggi a Torino e nato proprio ideal- cresce la domanda di prodotti tipici Tra i nuovi clienti del Made in Italy - to dell’8%. Ottimi risultati anche per la
unico tra gli Agnelli, varcherà i cancel- i lavoratori», che ha portato a Pomi- mente a Pomigliano, la sede dove si è nazionali per imbandire le tavole delle precisa la Coldiretti - arriva la Russia domanda di formaggi italiani che fanno
li del Vico. gliano 700 milioni di euro di investi- consumata la storica rottura con la feste. che si classifica al quarto posto con un registrare un aumento in valore delle
Data la portata dell’evento (si pun- menti. Fiom. Restano da risolvere i nodi sul- Ad aumentare - sottolinea la Coldi- aumento record del 46%. Complessi- esportazioni del 20% e si stima che nel
terebbe a vendere 230mila vetture Per l’attuazione dello stesso si è ri- l’assenteismo e la competitività, ma retti - è il valore delle esportazioni di vamente - sottolinea la Coldiretti - si mese di Natale saranno spesi all’estero
entro la fine del 2012), Elkann ha de- corsi ad un referendum tra i lavorato- pare proprio che oggi sia la data della tutti i prodotti tipici del Natale, dallo stima che saranno oltre 200 milioni le quasi 180 milioni di euro per gustarli,
ciso di presentare di persona la Panda, ri, svoltosi il 22 giugno 2010, che ha vi- firma definitiva, rimandata ormai da spumante (+23%) ai panettoni (+8%), bottiglie di spumante Made in Italy con il parmigiano reggiano ed il grana
l’auto che ha decretato la rottura tra i sto la vittoria del sì con un 62% di pre- tempo. ma crescono anche formaggi (+20%), consumate all’estero nel 2011 su una padano in testa (+28%).

IL DECRETO MONTI. La denuncia di Camerlo Gurrieri, presidente regionale della Cia

«Agricoltura, batosta per la Sicilia»


GIORGIO PETTA zie cattive, purtroppo non arrivano mai caduta della redditività per gli agrumi- CREDITO, LINEE STRATEGICHE
da sole. «L’aumento delle accise – sotto- coltori. Ecco perché, come Cia siciliana,
PALERMO. Tempi grami per gli agricolto- linea Gurrieri – hanno fatto lievitare an- abbiamo chiesto al Governo regionale Roma. Si è concluso ieri a Roma il
ri siciliani. «Se il 2011 non è iniziato per cora una volta il costo del gasolio che in- di intervenire per realizzare una serie di XIV Congresso Nazionale del
niente bene – spiega Carmelo Gurrieri, il cide in modo considerevole sui costi di interventi che possano contrastare azio- Credito Cooperativo, che ha visto
presidente regionale della Cia Sicilia – lavorazione della terra, di coltivazione e ni speculative e garantire la commer- per tre giorni oltre 2000
possiamo dire che rischia di chiudersi di movimentazione delle merci agricole cializzazione delle arance a prezzi re- rappresentanti del sistema Bcc
anche peggio. Infatti, l’ultima manovra e agroalimentari, così come sul riscalda- munerativi per gli agrumicoltori e cal- dibattere attorno al tema: «Futuro
varata dal Governo tecnico guidato da mento delle serre per l’orticoltura e la mierati per i consumatori. Ciò è indi- da scrivere. Sguardi, strategie,
Mario Monti ha dato una vera e propria floricoltura». spensabile perché in questo scenario en- strumenti delle Bcc per
batosta agli agricoltori italiani. Fra le Problemi – tutti questi – che saranno trano prepotentemente in gioco altri due accompagnare l’Italia». Un
nuove norme, che naturalmente avran- affrontati oggi a Palermo nel corso del- dati importanti che incideranno sull’eco- evento che ha voluto fare il punto
no una ricaduta sul debole tessuto im- l’Assemblea regionale della Cia, i cui la- nomia agrumicola regionale: da una sullo stato di salute della
prenditoriale siciliano, c’è il ripristino vori saranno conclusi con l’intervento parte, l’accresciuta produzione di arance cooperazione mutualistica di
delle imposte sulle proprietà immobilia- del presidente nazionale dell’organiz- da parte dei Paesi mediterranei (Maroc- credito del nostro Paese e sulle
ri rurali (ex Ici) che saranno estese anche zazione, Giuseppe Politi. co + 12%, Turchia + 10%) che sono nostri sue strategie di sviluppo. Come
ai fabbricati agricoli, finora esclusi». Sul piano della produttività, parados- diretti competitor; dall’altra, l’aumen- ha sottolineato il presidente di
Per le imprese agricole gli aumenti salmente, «c’è poco da stare contenti», to, quest’anno, della piccola pezzatura Federcasse Alessandro Azzi, in
delle imposte contenuti nella manovra afferma, amaramente, Carmelo Gurrieri, delle nostre arance». tempi di «inquietudini e timori», la
economica comporterà incrementi dal per quanto riguarda la campagna agru- La crisi spinge le famiglie a tagliare an- cooperazione di credito italiana
100 al 400 per cento. Secondo le stime micola nell’Isola. Secondo i dati raccolti che i consumi alimentari e le prospetti- ha voluto presentarsi di fronte al
del Centro Studi di Confagricoltutra, dalla Cia Sicilia, la produzione italiana ve per l’agricoltura dell’Isola sono pessi- Paese, da un lato per riaffermare
l’imposizione fiscale per un’azienda di prevista per la campagna 2011-2012 me. «Per questo motivo – conclude Gur- l’importanza del proprio ruolo di
circa 50 ettari (colture seminative e e fo- sarà, infatti, sui 23 milioni di quintali rieri – rilanceremo l’appello del presi- sostegno all’economia reale;
raggere) con 4 fabbricati rurali, che ver- ovvero il 18% in più rispetto allo scorso dente del Consiglio a consumare, per le dall’altro per dire che il modello
sava un’Ici sui soli terreni di circa 2.200 anno. «Considerando che la Sicilia contri- prossime festività natalizie, prodotti ita- delle Bcc ha ora bisogno, per
euro, con la nuova tassazione passereb- buisce al totale nazionale per i due terzi liani e come Cia Sicilia invitiamo i nostri riuscire a disegnare un futuro a
be ad oltre 8.600 euro, con un aumento – osserva il presidente – possiamo pre- concittadini ad acquistare preferibil- beneficio del sistema Paese, di
di oltre 6.400 euro, quasi il 300% in più vedere un surplus di produzione che po- mente prodotti agricoli e agroalimen- nuovi strumenti organizzativi.
rispetto all’attuale carico fiscale. Le noti- trebbe determinare una generalizzata tari made in Siciliy».

IL RILANCIO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE SICILIANO: CONVEGNO IRCAC OGGI A CATANIA


«Il rilancio del sistema agro-alimentare siciliano. Prospettive della direttore dell’Ipa di Catania; Salvatore Grillo, consigliere di
cooperazione agricola e della pesca. Il sostegno della Regione e il ruolo amministrazione dell’Ismea. E’ prevista anche una tavola rotonda su «La
dell’Ircac». Su questo tema si svolgerà oggi a Catania - inizio lavori alle 9,30 cooperazione agro-alimentare e di pesca, situazione attuale e prospettive»
- nella Sala convegni della Presidenza della Regione al Palazzo Esa in via a cui prenderanno parte Alfredo Ambrosetti, direttore generale dell’ Ircac;
Beato Bernardo n.5, un convegno organizzato dall’Ircac. Ai lavori, che Federica Argentati, presidente Fedagri-Confcooperative Sicilia; Giovanni
saranno conclusi dal governatore Lombardo, parteciperanno l’assessore Basciano, presidente Agrital Agci Sicilia; Antonio Crivello responsabile
regionale alle Risorse agricole e alimentari Elio D’Antrassi; il commissario regionale cooperative agricole dell’Unci Sicilia; Giuseppe Gullo, presidente
straordinario dell’Ircac Antonio Carullo; Francesco Attaguile, dirigente di Legacoop agricoltura e pesca Sicilia e Giuseppe Leto , dirigente del
generale Affari extraregionali Regione siciliana; Alfredo Alessandra, dipartimento agricoltura di Unicoop Sicilia.

ACICASTELLO ALESSIA TRANSEX totale CATANIA CENTRO. ITALIANA... dol- GIARRE dolcissima massaggiatrice RAGUSA ESOTICA MEDITERRANEA bel
25 OFFERTE LAVORO relax completissima massaggiatrice.
3490052150
cissima 40enne!!! Anche domani!!! ti aspetta in ambiente riservato relax corpo, bel viso. 333.6274189
3408686206 3806992666
RAGUSA novità bionda, incredibil-
Euro 2,30 a parola ACICASTELLO NOVITÀ FRANCESCA CATANIA DOLCISSIMA STUPENDA RI- LICATA dolce, sensuale fragolina, la
Italiana bellissima raffinata massaggi mente sexi, seducente per vero piace-
LASSANTI MASSAGGI ogni giorno. più bella e seducente. 334.9770236
re. 333.2123792
BOFROST* per nuovo e importante 3347025014 3665067305
programma di espansione commer- MODICA NOVITÀ POLACCA 20enne, RAGUSA prima volta, bellissima bra-
ACIREALE. Bellissima ragazza, dolce,
ciale in avvio a Catania e provincia, affascinante, statuaria...momenti com- CATANIA novità bellissima dolcissi- dolce, accattivante, indimenticabile.
siliana, per esaudire tue fantasie.
assume (Contratto Commercio - 14 ma stupenda 19enne corpo statuario. 366.3064881
pletissimo relax!!! 3473676997 333.2123748
mensilità) 6 Venditori che si occu- chiamami. 3271690404
peranno della vendita dei prodotti POZZALLO A. PAULINA argentina,
ACITREZZA. Bella, 45enne siciliana...in- 22enne, bionda, snella. 328.0573186 RAGUSA prima volta spagnola bian-
a catalogo al domicilio dei clienti. dimenticabili, frizzantissimi, massaggi!!! CATANIA prima volta bionda pas-
Garantiamo: portafoglio clienti, for- ca, bionda, molto coccolona, discreta.
Anche domenica. 3473842624 sionale tutti giorni anche domenica.
mazione, interessanti incentivi, auto- RAGUSA A. A. Vanessa bionda, irresi- 339.1748569
3483484915
mezzo aziendale. Età max 40 anni, ACITREZZA dolce eccezionale simpati- stibile, coccolona. 331.3011886
RAGUSA TRANS prima volta, mulatta,
patente B. Invia C.V. (D.lgs 196/03) a ca irresistibile vero relax anche dome- CATANIA spettacolare trans esegue
selezione.sud@bofrost.it oppure chia- nica. 3474929028 insuperabili massaggi di grande relax RAGUSA A. AFFASCINANTE dolcissima, grandiosa sorprendente, garantito.
ma numero gratuito 803030. paziente, bellissima, indimenticabile. 320.0603775
3405577973 SIRACUSA Erika e isabel 22enni bellissi-
CALTANISSETTA affascinante bambola 320.0655784
20enne fisico statuario dolcissimo mas- SCOGLITTI ASSOLUTA FOTOMODELLA me bionde dell’est aspettano per gio-
INCONTRI TELEFONICI E CATANIA stazione stupenda cubana RAGUSA A. affascinante latina, bam- care 3806495320
molto coccolona, dolcissima, affasci-
28 PRIVATI
saggi rilassanti. 3203007220 coccolona gentilissima completo re- bolina molto prosperosa, passionale. nante. 334.7206468
CALTANISSETTA affascinante bellissi- lax tardi. 3397974680 366.1999358 SIRACUSA FontaneBianche Trans Ruby
Euro 4,50 a parola ma massaggiatrice riservata indimen-
FONDACHELLO affascinante massag- SCOGLITTI bellissima bambola, latina 25enne prima volta novità femminile
ticabile pochi giorni. 3392286490 RAGUSA A. affascinante, travolgen-
giatrice bravissima bellissima gentilissi- te, prosperosa, completissima mas- esotica, molto coccolona, dolce, sen- 3279307509
A.A.A. Stupenda, spettacolare...sicilia- CANNIZZARO appena arrivata bionda ma completo relax. 3880517995 saggiatrice, incontri indimenticabili. suale. 334.1754886
na statuaria!!! 3284413893 dolcissima ogni giorno anche domeni- 333.2123721 SIRACUSA italiana massaggi com-
FONDACHELLO, novità assoluta! Fan- SCOGLITTI ESAGERATAMENTE BELLA pletissimi sino a venerdì 16 Dicembre.
ca. 3807459479
A.A. siciliana bella indimenticabi- tastica ragazza argentina, statuaria... RAGUSA A. perla prosperosa, 23enne, favolosa bambola sexi, incontriamoci. 3312421338
le incontriamoci per totale relax. CATANIA. ANDREA TRANSEX: strepi- relax assoluto!!! 3898885071 cubana, tutti giorni. 349.7042196 342.6260298
3464215556 tosa, italiana, femminile...statuaria!!! SIRACUSA massaggiatrice sarà facile
3311893798 FONTANEBIANCHE appena arriva- RAGUSA affascinante novità biondina SCOGLITTI prima volta bellissima bion-
conoscermi dimenticarmi sarà impos-
A. bella indimenticabile incontriamo- ta bionda 5a naturale senza fretta indimenticabile dolcissima 20enne. da prosperosa, passionale, anche do- sibile 3313301463
ci per total relax climatizzato Catania. CATANIA affascinante splendida bel- 3453188587 3205783613 menica. 334.7357494
3333244787 lissima bionda passionale. 3495866691
GIARDINI affascinante Cristal bellissi- RAGUSA appena arrivata biionda bra- SIRACUSA A bionda 22enne fisico SIRACUSA novità assoluta latina eso-
A. Catania affascinante bambola CATANIA appena arrivata biondissi- siliana alta magra, prosperosa, incon- perfetto massaggi rilassanti ambiente tica. 3335364100
ma bellissima massaggiatrice relax. ma fotomodella thailandese completo
20enne corpo perfetto dolcissima bra- triamoci. 333.2123711 riservato 3274536071
3294769594 relax. 3345324331
vissima. 3801577112 SIRACUSA SICILIANA BELLA DOLCIS-
RAGUSA appena arrivata!!! Dolcissima SIMA massaggi 3270218555
CATANIA APPENA ARRIVATA unghe- GIARDINI affascinante polacca bel- russa bionda, fisico eccezionale, indi- SIRACUSA A ORTIGIA prima volta gio-
A. CATANIA BIONDISSIMA UCRAINA lissima massaggiatrice con garanzia vane massaggiatrice 3275977946
20enne bellissimo viso. 3271481600 rese 20enne, bellissima dolcissima. menticabile. 348.6812223
3294438497 completissimo relax. 3388950196 SIRACUSA TRANS novità Tiara bellissi-
RAGUSA assoluta novità 20enne dol- SIRACUSA APPENA ARRIVATA bellissi- ma Sudamericana femmminile relax
A. CATANIA GLORIA TRANS bolo- CATANIA BIONDA TOP MODEL 22enne GIARDINI appena arrivata Ruby bella cissima indimenticabile corpo perfetto. 3336209468
gnese piacevoli momenti rilassanti. ma cubana, indimenticabile, dolcissi-
affascinante dolcissima. 3272383222 donna biondissima distinta. 3336518100 3272438686 ma. 333.2123800
3279045917
CATANIA BORGO. FRANCESCA: ITA- RAGUSA BELLISSIMA BAMBOLA fa- TRAPPITELLO, NOVITA’!!! Paulita: foto-
A. CATANIA Linda trans affascinante GIARDINI ARABA 20ENNE ALTA mas- SIRACUSA APPENA ARRIVATA FOTO- modella 20enne...viso, corpo perfetto!!!
LIANISSIMA 45enne...chiamami!!! volosa, 22enne, corpo mozzafiato.
mora indimenticabile ambiente riser- 3383479191 saggi rilassanti. 38999450437 349.4683956 MODELLA 19ENNE 3466995400 3209472170
vato. 3801271032
CATANIA centro giovanissima dolcis- GIARDINI NAXOS appena arrivata RAGUSA cinese giovane, bella, ese- SIRACUSA bella affascinante massag- VITTORIA 20enne bellissima bambo-
A. CATANIA Vulcania: massaggio 4 sima passionale massaggi rilassanti. bellissima dolcissima coccolona bion- gue massaggi rilassanti, tutti giorni. giatrice Canadese 27enne fisico stu- la snella tutti giorni anche domenica.
mani...oggi, domani!!! 3392023721 3381090452 dina. 3297831909 333.2314154 pendo 3662070047 3476486577
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

12. ggi I nostri tempi


FINESTRA PSICHE Stanno a metà tra gli
SUL MONDO &
A
metà tra gli ammortizzatori gico pesantissimo col quale un essere
sociali e i mediatori familiari SOCIETÀ ammortizzatori sociali umano comincia in salita la propria esi-
di GIUSEPPE GRASSO LEANZA naturali. Sono i nonni quando
i loro figli si separano ponen-
di ROBERTO CAFISO e i mediatori familiari stenza.
Se saggi i nonni talvolta placano gli
do in grave crisi il delicato equilibrio dei animi, responsabilizzano sul ruolo geni-

Nella nuova Ue Il peso dei nonni


bambini nati da unioni rivelatesi impro- toriale i figli, le nuore o i generi. Cercano
babili ed immature. in altre parole di mettere argini di buon
I nonni accolgono, compensano, si in- senso alle lotte irrazionali senza quar-

nulla sarà più


tersecano spesso oltre la faziosità di san- tiere , basate per lo più sul livore e sul ri-

nelle separazioni
gue, nell’interesse dei minori strattonati sentimento che non servono mai né alla
qua e là da adulti solo cronologici, asfitti- causa, né a chi c’è di mezzo suo malgrado.

come una volta ci nel loro egoismo ed accecati dal cini-


smo contro l’altro, disposti a battaglie le-
gali estenuanti, capaci di deformare l’ar-
E i nonni diventano così genitori puta-
tivi. Lo erano già anche prima, quando
quelli naturali erano impegnati per lavo-
chitettura psichica dei figli. ro, per hobby o sport vari, oppure per oc-

T
utto è iniziato con una passeggiata sulla spiaggia A volte, anche a causa dei consigli te- casioni sociali. Ma in quel tempo veniva-
di Deauville oltre un anno fa, Nicolas Sarkozy e merari di certi legali, i separati si sfidano no considerati babysitter a costo zero,
Angela Merkel riprendevano il dialogo franco-te- in un singolar tenzone, basato su giorni facilitatori degli spazi personali della
desco come non s’era visto più dal lontano 1999 e ed orari di affido, su impegni di ognuno, coppia. Dopo la frattura diventano pezzi
che è all’origine dell’Europa nuova delineata al vertice di assegni o spese extra per l’apparecchio pregiati per i nipoti, dispensatori di buo-
giovedì e venerdì scorsi. L’alternativa, è stato scritto, sa- dentario o la gita scolastica dei figli. Ed ne dritte e pazienti muri del pianto di ge-
rebbe stato "il superamento di quel limite estremo che - ogni cosa è un’istanza al giudice, una de- nitori frustrati e pieni di rabbia.
come nell’omonimo racconto di Conrad - segna il desti- nuncia ai carabinieri, un penoso, sfinen- Mentre sono lì, di nuovo presenti, co-
no dei protagonisti e la loro (in)capacità di disegnare il fu- te gravame che fa sentire d’ingombro i me se non dovessero riposarsi mai, i non-
turo". Adesso è invece verosimile che d’ora in avanti bambini. ni soffrono. Patiscono il fallimento di una
"nulla sarà come prima". Non è certo il big-bang ingenua- Sì, perché una separazione è sempre un famiglia in cui magari hanno creduto, gli
mente evocato o temuto, ma la prosecuzione d’un cam- evento inaspettato e traumatico per un fi- investimenti anche emotivi per costruir-
mino di lungo periodo. glio. Alla ricerca di un colpevole su cui la, la voglia di discendenza e stabilità, il
La semplificazione di quel risultato dice che si tratta di puntare il dito, disorientato dal reciproco desiderio di invecchiare sapendo che i
un accordo "diciassette plus", da un lato i 17 Paesi dell’eu- malanimo di mamma e papà che addita- loro nipoti avranno un futuro garantito
ro più sei: Bulgaria Danimarca Lettonia Lituania Polonia no l’altro quale causa della rissa, un figlio da genitori attenti, presenti e coesi. Gli
Romania. Poi gli altri, più tiepidi o indecisi, Cechia Svezia alla fine, più o meno coscientemente, si anziani più dei giovani sanno incassare i
Ungheria, che hanno condizionato la partecipazione alla auto attribuisce le responsabilità, con- salvifici salvagente di ragazzini sbigotti- un po’ dagli incubi quotidiani. colpi bassi della realtà, perché sono più
decisione dei rispettivi Parlamenti. Infine, dalla parte cludendo che non è poi così importante ti da tanta acredine e punti fermi di fami- I nonni diventano in certi casi lenitivi allenati.
opposta, la Gran Bretagna. La nuova Europa sarà senza da aver evitato il flop familiare. glie sempre più spesso in balia di turbo- dell’ansia ed del timore dell’abbandono, E mentre vorrebbero contrarre le ru-
Londra, ma questa volta sembra che non sia il Continen- Nel marasma di molte separazioni, co- lenze. Porto sicuro per i nipoti, le loro ca- a quell’errare da una casa all’altra con ghe del viso in una smorfia di dolore, si
te a restare isolato. Lo dice, e lo teme pure, la stampa in- me angeli del cielo, spuntano i nonni. se sono luoghi di riconciliazione tra un borsone più grande dei bimbi, carico sforzano di sorridere, perché sanno che
glese. Talvolta fomentatori della crisi, terroristi bambini ed adulti, spazi utili ad i sogni non solo del pigiama, di un cambio e dei questa è una vera medicina per i loro
La realtà delle cose è complessa. Intanto, l’esperienza in sotto traccia delle unioni. Ma più spesso con le fantasie più colorate, lontano per libri di scuola, ma di un fardello psicolo- sfortunati nipotini.
Europa è ricca di variabilità geometriche - si pensi a
Schengen - che, a partire dalla cooperazione intergover-
nativa, si sono poi rivelate efficaci sul terreno dell’integra-
zione comunitaria. C’è poi un altro aspetto interessante.
SPETTACOLO
&
"Ci si può chiedere - scrive Antoine Vauchez per Libera-
tion, a proposito del ruolo della Merkel - se le conseguen-
ze della crisi consolideranno la precaria legittimità della
SOCIETÀ
di NERINA SPADARO
La prova di democrazia di Woody Allen
democrazia europea". Gli fa eco Il deputato socialista

S
Arnaud Montebourg, secondo cui "la politica del cancel- e è vero che nella ricerca del succes- Questo aggettivo, "godibile", nel sorpren- venti", che era contenuto nel libro "Saper-
liere Angela Merkel è bismarckiana". so commerciale c’è anche qualcosa dente flirt senile di Woody Allen con il la lunga" e di questo film costituisce l’idea
Il lamento non convince. In questo ciclo economico s’è di democratico, allora un autore so- pubblico ha del resto un’importanza fonda- originaria.
colta la sciatteria diffusa fisticato come Woody Allen (nella mentale. Forse perché dietro c’è una mag- In effetti, un’idea molto lontana dal gusto
nei sistemi democratici. foto) sta dando notevole prova di democra- giore rilassatezza dell’autore, non disgiun- di massa. Ed è forse per questo che al pub-
Valga per tutti il caso gre- zia. Una prova iniziata a partire dai film eu- ta dal desiderio di cose piacevoli, e da un blico con un po’ di puzza al naso appare
co. Ma epigoni rilevanti ropei e che ha raggiunto il suo massimo rimpianto del passato che è appunto tipico migliore di quella del film attuale. A meno
resistono. Si veda il caso con "Midnight in Paris", attualmente ai dell’età. Si spiegherebbero così le cartoline che quel racconto scritto nei ’70 del secolo
italiano, che si dispiega a primi posti nelle classifiche mondiali. E in di Parigi, la rassegna di hotel e ristoranti a scorso non abbia semplicemente acquisito,
tutto tondo fra la reniten- Italia primo assoluto. cinque stelle, le ricostruzioni degne di un per alcuni di noi, il fascino del passato.
za della casta politica ad In un certo senso, è come se il pubblico lussuoso ballo in maschera, il "french can Un bel problema, questo del passato che
accettare i sacrifici neces- dei grandi numeri, che fino a poco fa senti- naggi del mondo letterario addirittura in- can" che fa sempre la sua figura… Insom- attrae più del presente. Sintetizzato da
sari, sì, ma per gli altri, e va Allen lontanissimo, all’improvviso ne teragiscono col protagonista. Oppure, al li- ma, tutto quello che a un altro tipo di spet- Woody Allen con un tocco da maestro, che
un revival semantico - "il fosse stato sedotto. Per quel titolo indovi- vello degli spettatori più semplici, il diver- tatore ha fatto dire: un’americanata. Dota- è poi il vero colpo d’ala di "Midnight in Pa-
grottesco della manovra nato, certo, ma anche per motivi interni al timento per uno spettacolo che risulta go- ta di perfetto congegno narrativo, certo, ris". Stiamo parlando dell’investigatore,
Monti… colpevole pigri- film. Ad esempio, la soddisfazione per esse- dibile anche se non si ha la più pallida idea ma pur sempre un’americanata. Niente a che come Alice nel paese delle meraviglie
zia etica di una borghesia re ritenuto capace di apprezzare una storia di chi siano Gertrude Stein o Scott Fitzge- che vedere con l’asciutto racconto satirico si perde letteralmente nel tempo, ritro-
MERKEL E SARKOZY esangue" - sciatto, oltre piena di rimandi letterari, e in cui i perso- rald. dello stesso Allen, "Memorie degli anni vandosi alla corte di Francia.
che obsoleto. La conside-
razione è a largo spettro, riguarda diversi sistemi di demo-
crazie decadenti, ognuna col proprio bagaglio di arnesi
non più idonei alla bisogna.
SCIENZA
&
In realtà l’accordo - con il metodo intergovernativo -
premia la Francia, mentre la Germania assieme alle auto-
rità comunitarie avrebbe preferito una modifica dei Trat-
TECNICA
di LUIGI PRESTINENZA
La rapida estinzione dei mostri
tati a 27. D’altra parte, regole comuni di bilancio e di au-

G
sterity e sanzioni ad automatismo condizionato per de- li scienziati si chiedono perché la ficile trovare una causa comune. Fu colpa dei un mostro peloso che infestava le pianure. Gli taccare l’uomo. Il nome Diprotodonte (che
ficit eccessivo sanciscono un’ulteriore cessione delle so- fauna del Pleistocene era "mega", cambiamenti climatici? avvistamenti continuarono nell’epoca colo- significa bidente) ricorda gli incisivi da rodito-
vranità nazionali. Certo, il metodo intergovernativo com- cioè si presentava in forme gigante- Di recente uno studioso Paul La Violette niale e si capì che qualcosa di vero c’era quan- re che sporgevano da un muso tutt’altro che
plica nell’immediato il raccordo comunitario; ma intan- sche. E perché si estinse rapidamen- ha attribuito l’estinzione della megafauna do, nel 1830, il maggiore Thomas Mitchell grazioso, con ossa nasali stranamente svilup-
to, con il fiscal compact, l’eurozona si rafforza, come ha te? Sono domande che tormentano gli studio- nord americana a un "super flare", un feno- scoprì in una grotta di Welligton, nel Nuovo pate. L’aspetto era quello di un rinoceronte
detto fra gli altri il presidente della Bce, Mario Draghi. si da quando il naturalista Charles Darwin si meno solare che 12.837 anni fa avrebbe bom- Galles, i giganteschi resti del primo Diproto- impellicciato con abitudini da ippopotamo: si
Il tema non è solo economico. Sta accadendo in Euro- imbatté nei resti di un bradipo gigante. bardato la Terra con una pioggia micidiale di donte, che furono subito spediti a Londra, nutriva di foglie e arbusti strappati dalla bo-
pa la declinazione controversa di nuovi equilibri istituzio- Negli ultimi 50.000 anni sono spariti dalla raggi UVA e indebolito il campo magnetico. successivamente i ritrovamenti si moltiplica- scaglia, ma prediligeva le paludi. Evolutosi
nali dentro una democrazia in fieri come quella europea. Terra circa 200 generi di animali dal peso su- Per i sostenitori della Blitzkrieg insomma fu rono, 10 anni dopo l’esploratore Ludvig Lei- da antenati più piccoli in un paio di milioni di
E’ significativa la tendenza ad accreditare la presenza di periore ai 45 kg. Una catastrofe selettiva che colpa del più temibile dei predatori, l’uomo e chardt aveva collezionato una tale quantità di anni, il bestione aveva raggiunto dimensioni
Autorità come quelle europee - si pensi alla Bce e alla Cor- ha cancellato il 75% dei grandi erbivori e i lo- della sua caccia dissennata che segnò ad ossa da convincersi che qualche esemplare impressionanti, oltre 3 metri di lunghezza, 2
te di Giustizia - politicamente indipendenti, tecnicamen- ro predatori, dal mammut alle tigri dai denti esempio la tragica sorte del bisonte america- doveva sopravvivere nel cuore del continen- di altezza al garrese e più di tre tonnellate di
te attrezzate, delimitate nelle competenze, quali stru- a sciabola. Questa catastrofe ha, però, rispar- no, una volta così diffuso e salvato dall’orlo te. Ne era tanto certo che, nel 1847, organizzò peso. In Australia era in buona compagnia:
menti idonei ad apprestare un’adeguata rete di protezio- miato gli animali di piccola taglia, le piante e della estinzione. Oppure, in realtà, furono al- una spedizione dalla quale purtroppo non fe- esistevano allora il leone marsupiale, non
ne in regimi di deficit democratico oppure in ipotesi di gli organismi marini. Questa estinzione non tre le cause tuttora ignote? Adesso la scoper- ce più ritorno. predatore, e il canguro Procoptodn, oltre alle
"incoerenze temporali" dei governi democratici. Il di- avvenne nello stesso momento in tutti i con- ta di uno scheletro quasi completo di Diproto- Come molti altri bizzarri animali australia- tartarughe giganti e all’uccello Genyornis
battito è aperto. Intanto, dopo quella monetaria, adesso tinenti. Ci furono ondate successive in Asia, don optatum in un banco di sedimenti fluvia- ni, il Diprotodonte era un mammifero marsu- newtoni, tutti di grandi dimensioni. Ci si è
con l’Unione fiscale un altro passo è stato compiuto. Non Africa e Australia, l’agonia si iniziò prima, le a Floraville, nel Queerland, in Australia, piale, il più grande mai esistito, oggi sopravvi- chiesti spesso se i nostri antenati convissero
è solo questione di convergenza finanziaria. Per questo è mentre in Eurasia e nelle Americhe arrivò porta nuovi elementi al dibattito. I racconti vono gli ultimi suoi cugini i Koala e i Womba- con questi "mostri" come alcune pitture rupe-
verosimile che d’ora in avanti nulla sarà più come prima. dopo, circa 11.000 anni or sono, quindi è dif- degli aborigeni citano "bunyip", il "diavolo", ti, più piccoli ma inquietanti e incapaci di at- stri suggeriscono: ebbene pare di sì.

ARCHITETTURA IL PERSONAGGIO
&
SOCIETÀ
di GIUSEPPE SCANNELLA
Le città ideali: Francoforte sul Meno La banchiera d’Arabia

V
iaggiare, visitare altre città di altre lificazione-senza fondamentalismi conserva- città nella quale ogni nuova architettura, nel- cità dei taxi. Aree pedonali che già nel pome- SALVO FALLICA
nazioni è un buon modo per arric- tori- dell’esistente, il motivo conduttore. la sua espressività, deve dimostrare consape- riggio si riempiono di persone, giovani, anzia-

I
chire la proprie conoscenze, illumi- Attraversandola non è infrequente notare volezza del luogo e della sua storia, obbligan- ni, famiglie , che affollano negozi e locali. n un paese, l’Arabia Saudita, nel quale le donne non posso-
nante anche per comprendere cause grattacieli riflettenti integrarsi e integrare do quindi gli architetti a una ricerca formale Non si notano a Francoforte lavavetri o ven- no nemmeno guidare una macchina, essere la prima a fon-
e conseguenze del decadimento che il nostro edifici storici, accuratamente mantenuti, non più profonda. ditori di fazzolettini ai semafori, eppure la dare e guidare una banca è un record assoluto. Nahed
Paese sta conoscendo in questo periodo. è infrequente vedere fabbricati degli anni ’70 Non è vero che una città bancaria, per giun- presenza di extracomunitari è sensibile, ne- Taher, 43 anni, è la presidente della GulfOn Investment Bank.
Sono stato qualche giorno a Francoforte sul e ’80 interessati da totali rifacimenti della lo- ta tedesca, sia triste: non lo è perché ogni in- gli hotel, nei negozi, nei cantieri: in quattro Dopo la laurea in economia alla "King Abd el Aziz University",
Main, dove ha sede la Banca Centrale Europea ro immagine urbana e della loro efficienza vestimento immobiliare di una certa consi- giorni, pur con un uso frequente, non ho in- ha scelto di andare a Londra dove si è specializza alla "Lanca-
per capirci, che può considerarsi il centro fi- energetica. Decine e decine di gru e cantieri stenza deve garantire alla collettività un’ope- contrato un solo taxista tedesco, solo extraco- ster University". Pur avendo iniziato a lavorare al Fondo Mone-
nanziario d’Europa; una città di poco meno costellano le strade, pur ordinatissime, che in- ra d’arte posta in uno spazio pubblico; non lo munitari peraltro efficienti e gentilissimi. tario Internazionale, è ritornata in patria con un impiego nel
settecentomila abitanti anche se, per l’impor- corniciano spazi pubblici urbani attenti alla è perchè le aree commerciali sono dentro la E’ una città in divenire che tuttavia non settore creditizio. Ma il suo destino non era quello di essere ’so-
tanza economica che riveste, soprannomina- qualità della vita. città, insieme piccole e grandissime, alcune rinnega se stessa, anzi nel suo intimo ricerca lo’ una funzionaria di alto livello e così ha realizzato il sogno di
ta "Bankfurt" o "Mainhattan" proprio a ri- Una città che investe molto in cultura, che opera di archistar come il My Zeil di Massimi- gli stimoli per la sua evoluzione e per compe- creare una banca in sinergia con Zyad Omar. Vi è da dire che
marcarne la rilevanza nel modo delle banche conta numerosi musei, alcuni prestigiosi an- liano Fuksas, spesso integrate con grandi aree tere nel mondo. Alla fine una città di sette- Nahed appartiene al ceto elitario arabo, ed in particolare pro-
e della borsa . che per l’autore della costruzione come il pedonali, distribuite nel centro cittadino e centomila abitanti in cui vi sono seicentomi- viene da una famiglia che si ispira a principi liberali. Questo gli
La cosa interessante è che la città, nel suo MAK di Richard Meyer, tanto da avere una ri- connesse da reti ciclabili oltre che costellate di la posti di lavoro e ogni anno di nuovi ne ven- ha permesso di superare ostacoli che per altre donne in Arabia
complesso, è percorsa da un fremito di rinno- va del Meno chiamata la Riva dei Musei - ve immensi parcheggi interrati che inghiottono gono creati, certo per la sua particolare condi- sarebbero insormontabili. Dal Bahrein all’Arabia, alla Germa-
vamento urbano che non conosce sosta, che ne ho contati almeno quattro o cinque in suc- migliaia e migliaia di automobili, di cui non c’è zione politica, ma soprattutto per la buona nia, per la banchiera del Golfo originaria di Gedda l’affermazio-
vede nella ricerca architettonica, nella sostitu- cessione-; per non dire della città universita- peraltro bisogno di far grandissimo uso vista amministrazione e la pragmaticità delle rego- ne è continua. Nei primi sei mesi del 2011, in una fase di crisi
zione dell’edilizia priva di valore, nella riqua- ria, sbalorditiva se raffrontata alle nostre. Una l’efficienza delle reti pubbliche e l’economi- le che vi si respira. internazionale, la sua banca ha guadagnato 3 milioni di dollari.
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

ggi Cultura .13

PREMIATI ANCHE DENTICI, PATANÈ, LA TORREGROSSA, LA CUCINOTTA E LA MARTELLI


Trecastagni, consegnato il premio letterario Ercole Patti a Marcello Sorgi
«Era de maggio…»: le note arpeggiate sullo Steinway&Sons campagna alle pendici dell’Etna vecchi e grandi castagneti premiati), premiato dal direttore Mario Ciancio Sanfilippo
scorrono fluide penetrando l’anima. Nicola Piovani per che non erano stati più tagliati da oltre cinquant’ anni e racconta di «gustose chiacchierate a Torino con l’Avvocato»,
Mariella Lo Giudice. L’ultima canzone. L’ouverture dell’ mandavano un’ombra fitta nel sottobosco», tratteggiando lo scenografo Marco Dentici docente all’Accademia di Brera
Ercole Patti è con il compositore premio Oscar che suona così una Sicilia ormai fuori dal tempo, ma ritrovata con una lancia il docufilm sulle tragedie del Messinese, il direttore
per l’amica perduta e per Trecastagni. E nella struggente freschezza di sensazioni che talvolta è proprio rimpianto per artistico di Cinenostrum Mario Patanè trasforma da qualche
song partenopea si condensa pure lo spirito del grande un paesaggio che scompare: «paesi che erano immersi in un lustro Acicatena in una Croisette in salsa etnea e sul red
scrittore e giornalista che amava l’ "amore" e le donne. «Se grande languore, in un dolcissimo letargo, (paesetti carpet delle Terme di Santa Venera scorrono premi oscar e
non ci fossero le ragazze la vita sarebbe orribile, squallida, sull’Etna) oggi fagocitati dalla città che si estende, mentre il grande cinema italiano, Giuseppina Torregrossa, medico
insopportabile». (Quartieri alti del ’73). riecheggia l’ebbrezza della vendemmia, della natura ginecologo per trent’anni è divenuta scrittrice da best seller
Attraverso un Premio letterario il Comune etneo rende, rigogliosa, del rito di socializzazione della caccia, in una ( «Il conto delle minne» pubblicato in una decina di lingue,
quindi, omaggio alla narrativa di Ercole Patti, «Ercolino», che terra che sorride, inebria la ragione e sconvolge i sensi». sull’alchimia tra sesso e cibo) e Maria Grazia Cucinotta
qui passava le vacanze della sua «meglio gioventù» marcata Patti scrisse molto per il teatro e per il cinema, il suo promuove il suo «nuovo senso del cinema e l’ impegno per
da un sensuale amore per la vita, in un locus d’ispirazione capolavoro resta comunque «Un bellissimo novembre» per la Sicilia»; a Norma Martelli ( moglie di Piovani), il premio
per le sue opere e per il suo Diario siciliano all’interno del la regia di Mauro Bolognini. Il Premio ad opera del Comune, speciale intitolato a Mariella Lo Giudice consegnato da
quale sui toni di poesia autobiografica annota tutti i motivi assessorato Cultura e Regione Beni culturali, condotto da Marella Ferrera. Frames musicali con il bravo soprano Piera
del tema: «La felicità di sentirsi giovani, pieni d’amore e di Michela Giuffrida, è stato assegnato a personalità di spicco Grifasi accompagnata da Diego Cristofaro, che gorgheggia
ammirato stupore per il mondo e la vita». E nel contempo del mondo artistico e culturale. Il giornalista Marcello Sorgi arie suadenti e passionali.
sembra dipingere i cari luoghi trecastagnesi: «Nella casa di editorialista de La Stampa (nella foto al centro fra gli altri ORNELLA PONZIO

ALLA RICERCA DEL MITO PERDUTO MED ITO R IAM


Il figlio di Ermete e Afrodite era un
bellissimo giovinetto: la Ninfa Salmaci «Più libri
lo abbracciò e fu respinta. Gli dei
fecero del giovane un essere ibrido
più liberi»
sfida
SILVANA GRASSO

on il termine Ermafroditismo
Scultura in
marmo pario la crisi
C
raffigurante
si indica, in patologia umana, Ermafrodito
una condizione assai rara, ca- dormiente, di MAURETTA CAPUANO
ratterizzata dalla presenza arte romana del I-
contemporanea, nel medesimo indivi- fida la crisi e conferma il succes-

S
II secolo d.c.
duo, del testicolo e dell’ovaio. In dirit- appartenente alla so dell’anno scorso con 56 mila
to canonico l’ermafroditismo è consi- Galleria degli visitatori la decima edizione di
derato impedimento alla recezione Uffizi di Firenze «Più libri più liberi», che si chiu-
del sacramento del matrimonio e ne de a Roma. Oltre 300 iniziative e 900 re-
consente l’annullamento. La medicina latori, 411 editori e 65 appuntamenti
saccheggia per infinite patologie la pensati per bambini e adolescenti sono
lingua greca e ne è, tutt’oggi, il più stati ospitati al Palazzo dei Congressi
grande veicolo di trasmissione anche all’Eur: nel giorno d’apertura è passato
per chi non conosce il greco il sottosegretario all’editoria della Presi-
classico.Parole come tachicardia, bra- credula per tanta considerazione, gli denza del Consiglio, Carlo Maliconico, e

L’Ermafrodito
chicardia, nefrologia, gastrite, podolo- chiede «in cosa posso aiutarti, marito alla chiusura il ministro dello Sviluppo
gia, stomatite, potremmo continuare mio, che capacità ho io? Tutto dipen- Economico Corrado Passera. Tra gli
all’infinito, sono sulla bocca di tutti, de da te, così mi raccomandò la madre eventi più seguiti l’incontro con Andrea
pur se di pochi comprenderne l’etimo- mia» , Iscomaco risponde: «E’ compito Camilleri, che ha chiuso oggi idealmen-
logia. d’entrambi operare e accrescere la fa- te la manifestazione in un affollato fac-
Il termine «Ermafroditismo» si ere- miglia con mezzi giusti e onesti…..tu cia a faccia con i lettori nella Sala Dia-

simbolo di ricerca
dita, dunque, in medicina da Erma- avrai il compito dell’ape regina che, mante, affiancato da Melania Mazzuc-
frodito, bellissimo giovinetto del Mito stando nell’alveare, non consente alle co: «Si dice "le sudate carte" - ha spiega-
greco, figlio di Ermete e Afrodite, come api di starsene in ozio, ma manda al la- to il padre di Montalbano - ma io non ho
chiaramente denuncia il suo nome. voro quelle che devono recarsi fuori a mai sudato sulla carta. Alla base della
Mentre un giorno il giovane faceva il lavorare, riceve e controlla il prodotto scrittura deve esserci il piacere: è come
bagno nelle acque di un lago («Meta- di ciascuna…..veglia sulla costruzione il lavoro di un falegname, che è il primo

della metà smarrita


morfosi» di Ovidio), una Ninfa, Salma- delle cellette e cura l’allevamento del- a divertirsi nel creare un bel mobile».
ci, presa da passione per la sua straor- la prole appena nata: quando è cre- Autrice superstar e la più venduta al-
dinaria bellezza, lo abbracciò per unir- sciuta e le piccole api sono divenute lo stand della Voland, Amelie Nothomb,
si a lui, ma respinta e ferita nel suo or- atte al lavoro, le manda a fondare co- che in una sala strapiena ha raccontato
goglio di donna, implorò gli dei che lonie sotto una giovane guida…..non è la sua idea di scrittura. Attesa e applau-
mai più i loro corpi potessero essere forse per siffatte premure dell’ape re- dita anche la scrittrice americana di ori-
separati. Fu così che Ermafrodito di- gina, moglie mia, che tutto l’alveare gini cinesi Sarah Shun-lien Bynum, alla
venne un essere ibrido, partecipe del- diente» per quel che chiamiamo donna sono con-viventi dall’origine del matrimonio o, comunque, della resta a lei legato, cosicché quando es- sua prima apparizione in Italia. E poi l’E-
la natura maschile e femminile. «Amore». del mondo, l’uno contiene l’altro e ne coppia. sa parte, nessuna delle altre api pensa terna giovinezza raccontata da Ricardo
In Biologia «androgino» ed «erma- Il Mito suffraga il concetto dell’im- centuplica la forza, il talento. Separa- «Moglie mia - dice Iscomaco - sap- di rimanere, ma tutte la seguono ?». Coler, l’impegno dell’attivista e giorna-
frodito» sono sinonimi, androgino (dal perfezione, anzi dell’impossibilità del- zione è debolezza, scippo di forze, di- piamo bene tu ed io che non ci sareb- Che lezione di dignità, di magnani- lista messicana Lydia Cacho, la passione
greco «anèr» e «gynè») significa uo- l’essere uomo senza l’essere e senza l’ sorientamento, vagabondaggio alla ri- be mancata una qualsiasi persona con mità, di etica ed economia domestica di Petra Reski, un’altra donna in prima
mo-donna, partecipe cioè dei due ses- essere donna. Una somma di forze, di cerca dell’altro per la ricomposizione cui andare a dormire….ma volendo a fronte dei miserabili contratti pre- linea nel denunciare, questa volta, i pe-
si. Secondo un mito che, nel Simposio talenti, di pulsioni, che non possono di sé, per la perfezione dell’essere. formare la più felice unione domesti- matrimoniali americani e della sepa- ricolosi intrecci tra mafia e potere. Il
di Platone, narra il poeta Aristofane, in essere dualizzati, ma monocompresi, Un autore ateniese, Senofonte (I ca io ho scelto te, tu hai scelto me. I fi- razione o comunione dei beni tra co- confine tra uomo e tecnologia è prota-
origine tre erano le specie di esseri monocontenuti in un essere esclusivo, metà IV a. C. nell’Economico, prezioso gli, se gli dei ce ne concederanno, cer- niugi italiani, che basta a decapitare fi- gonista di un dialogo tra il genetista
umani, i primi formati da due corpi per l’appunto. saggio d’economia familiare, indivi- cheremo di educarli nel miglior modo: danzamenti e pseudoamori decenna- Edoardo Boncinelli e il sociologo Derrick
maschili, i secondi da due femminili, L’esemplificazione del Mito è una dua nell’armonia uomo-donna la più anche questo è un bene comune per li, solo se non ci si mette d’accordo sul- de Kerckhove. Bagno di folla per Mar-
gli ultimi da uomini-donna, androgini grande lezione per l’infinita diatriba grande risorsa per la famiglia e la sua noi due, ottenere nei nostri figli i mi- la "roba" ! E la fides? Il sanctum foe- gherita Hack in fiera col suo libro «La
dunque. Zeus, determinato a punire uomo-donna, su cui moltissima igno- crescita, anche economica.Iscomaco gliori alleati che ci nutriranno nella dus, il sacro patto d’amore catullia- mia vita in bicicletta». Atteso lo scritto-
l’arroganza degli androgini, li tagliò ranza si è spesa alla ricerca di vette cui coinvolge la moglie, sua metà, in un vecchiezza………..metto tutto a di- no? re russo Zachar Prilepin rimasto a Mo-
in due, il maschio e la femmina, che da apporre la bandiera del primato, di bellissimo dialogo, che ci piacerebbe sposizione della nostra famiglia come Alla ricerca della coppia unita, alla sca per partecipare alla grande manife-
allora vissero in incessante ricerca del- volta in volta, maschile o femmile, a tanto sentire nelle coppie dei nostri hai fatto tu, e non bisogna badare a chi ricerca della famiglia cementata dall’ stazione di protesta.
la loro metà perduta. La rescissione seconda della «risacca» sociale e/o del tempi, tempi di chat, facebook, apo- di noi reca maggior quantità di beni, amore, ogni essere invochi, pretenda Soddisfazione tra gli stand degli espo-
violenta del maschio dalla femmina, la placet politico. Mentre il più grande e stasie e tradimenti continui, in web- ma credere che chi di noi due è miglior ed eserciti il suo "ermafroditismo" af- sitori: in un momento di crisi, la gente
separazione barbara di quel che prima nobile patrimonio, gene-sociologico, il cam o solo nelle intenzioni, che non compagno, questi adduce le ricchezze fettivo, sentimentale ed emotivo, ga- va meno in libreria ma qui viene agli in-
unito era, in perenne copula, fu «espe- Mito, indica con chiarezza che uomo e alleggeriscono affatto lo scannicidio più preziose….». Alla moglie che, in- rante esclusivo di felicità! contri e intanto fa i regali.

A FIRENZE LA MOSTRA «FIGLI D’ITALIA. GLI INNOCENTI E LA NASCITA DI UN PROGETTO NAZIONALE PER L’INFANZIA»

Prima degli anni Venti lo Stato non si cura dell’infanzia


ANTONIO PECORARO tutte le altre, da Genova a Venezia e Verona, da dati raccolti e dei documenti prodotti, si evi- slativo nella loro assistenza. Ai trovatelli erano,
Torino a Roma e a Napoli, fino a Cosenza. Resiste- denzia che nel triennio dal 1890 al 1892, i fan- infatti, riferibili solo poche norme del Codice ci-
entre volge al termine il centocin- va al cambiamento la sola Sicilia dove, alla data ciulli italiani a carico dell’assistenza pubblica vile del 1866 che imponevano a chi avesse trova-

M quantenario dell’unità d’Italia con-


viene ricordare che l’unificazione
del Bel Paese avrebbe comportato
anche l’adozione di protocolli omogenei nell’as-
sistenza ai minori abbandonati, ponendo così fi-
del l° gennaio 1897, erano ancora attive 118 "ruo-
te", la cui chiusura definitiva sarebbe stata dispo-
sta dal regio decreto del 16 dicembre 1923 che
stabiliva la consegna diretta dei bambini abban-
donati ai brefotrofi ed alle case di ricezione. «La
furono 144.737. Le bambine venivano abbando-
nate più facilmente dei fanciulli che, destinati
com’erano ad un lavoro precoce, avrebbero po-
tuto aiutare le loro misere famiglie. Tanto per da-
re qualche cifra, i neonati piemontesi che, al 31
to un neonato in luogo pubblico di farne la con-
segna all’ufficiale di stato civile. Erano poi con-
troversi gli articoli 189 e 190 sulle indagini per
accertare chi fossero i genitori, mentre il Codice
penale redatto dal ministro Zanardelli nel 1890
ne anche all’uso della «ruota» che assicurava l’a- miseria e la vergogna -scrive in catalogo Giovan- dicembre 1892, venivano assistiti negli istituti sanzionava l’abbandono dei piccoli negli ospizi
nonimato a chi si sbarazzava dei neonati. Del na Da Molin- spingevano all’abbandono dei figli pubblici erano 269, mentre quelli affidati a balie qualora questi fossero stati figli legittimi o figli
lento passaggio a procedure meno precarie nel indesiderati o che non si potevano mantenere. esterne erano ben 14.900. Al Mezzogiorno, i ca- naturali riconosciuti. Aride norme per nasconde-
soccorso all’infanzia illegittima si occupa ora la Un fenomeno largamente diffuso in epoca me- labresi negli istituti pubblici erano 249 e quelli re la durezza del cuore umano che nel 1895
mostra «Figli d’Italia. Gli Innocenti e la nascita di dievale e moderna, ma che tuttavia, tra Sette ed presso le balie 4. 268, mentre i siciliani ascende- avrebbe fatto registrare nel brefotrofio di Napo-
un progetto nazionale per l’infanzia (1861- Ottocento aveva assunto impennate di propor- vano rispettivamente a 485 e a 8.701. C’erano an- li una terrificante mortalità di bambini. Comun-
1911)», curata da Stefano Filipponi, Eleonora zioni rilevanti non solo nel nostro paese, ma che bambini assistiti direttamente dai Comuni: que, nei primi cinquant’anni dopo l’Unità l’Italia
Mazzocchi e Lucia Sandri al Museo degli Inno- nell’intera Europa. Stante la drammaticità del fe- 72 in Piemonte, 77 in Veneto, ma ben 8. 407 in non si riuscì a varare una legge organica. Solo ne-
centi di Firenze. Si apprende che nel 1867 la nomeno, lo Stato unitario appena costituito pro- Sicilia ed addirittura 9. 588 in Campania. Al gli anni Venti del Novecento sarebbero stati
provincia di Ferrara abolisce per prima le «ruote». mosse propedeutiche indagini statistiche prima grande numero di bambini abbandonati corri- adottati fermi criteri nella protezione della infan-
FIRENZE, BREFOTROFIO DEGLI INNOCENTI Poi, tra il 1869 ed il 1876, furono fermate quasi di porvi un argine». Pur nella disomogeneità dei spondeva purtroppo un sostanziale vuoto legi- zia abbandonata.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

14. i FATTI
ggi Spettacoli
NELLE SALE IL SEQUEL DIRETTO DA GUY RITCHIE SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL
Ancora sul filo dell’ironia la nuova storia del personaggio nato dalla penna di
Conan Doyle interpretato dalla stessa brillante coppia di attori
Parker: «La vita
di Berlusconi
I PRECEDENTI
Il detective ideato da Arthur Conan Doyle è
vale un film»
il personaggio letterario protagonista del TORINO. Sarà una love story. Una «storia d’amore molto delicata»
maggior numero di film, con folla di che sfiorerà anche il tema dell’immigrazione negli Stati Uniti con
interpreti ,anche se il volto il suo carico di dolore, di miseria e di speranza. Il prossimo lavoro
cinematografico di Holmes è per tutti di Alan Parker, nei tratti essenziali, è questo: tra una battuta e l’al-
quello di Basil Rathbone, con Nigel Bruce tra (senza risparmiare Berlusconi ma neppure Monti), tra un
nella parte di Watson, protagonisti tra il aneddoto e una riflessione, è lui stesso a parlarne, a Torino, incon-
1939 e il 1946 di 14 pellicole. Se l’ultimo trando i giornalisti a margine del «Sottodiciotto Film Festival-
film col detective è stato «Il mastino di Schermi giovani» (8-17 dicembre), dove è l’ospite d’onore.
Baskerville» (2002) e se è destinato alla tv Il cineasta, sul nuovo progetto, è parco di dettagli.
lo «Sherlock Holmes ed il caso della calza di Preferisce soffermarsi sulle sue opere del passato, sul suo rap-
seta» di Simon Cellan Jones con Rupert porto con personalità come Madonna («una grande professioni-
Everet, esiste una serie tv con uno Sherlock sta»), Mickey Rourke («un birbantello») e Robert De Niro («preciso
Holmes contemporaneo: nel 2010 la BBC fin nei minimi dettagli»), sul suo scetticismo verso il 3D. Regalan-
ha iniziato la messa in onda di Sherlock ed do, ad ogni risposta, scampoli di british humour senza mai perde-
è pronta alla seconda serie. Per non dire dei re la compostezza di bravo suddito di Sua Maestà che si fregia del
lungometraggi parodiastici come titolo di «sir».
«Sherlocko investigatore sciocco» (1962) «Al nuovo film stiamo lavorando da due anni - spiega - basando-
di Frank Tashlin con Jerry Lewis o come «ll ci su una sceneggiatura di un autore americano-portoricano. E ag-
fratello più furbo di Sherlock Holmes» giungerò solo che il film si farà se un attore, un attore in partico-
(1975), di Gene Wilder con Wilder nei lare, accetterà la parte. Altrimenti, niente».
panni del fratello minore di Holmes. E poi Sir Parker, nelle sue pellicole, non si è mai tirato indietro di fron-
l’animazione: la collaborazione di Hayao te a tematiche scottanti come la pena di morte («È assurdo che sia
Miyazaki ne «Il fiuto di Sherlock Holmes» e ancora in vigore negli States») o il razzismo, ma sulla crisi econo-
una serie fantascientifica, «Sherlock mica manifesta reticenza. È qui che sorride sul Cavaliere: «La vita
Holmes-Indagini dal futuro». Ma quello di del signor Berlusconi, per un film, è di sicuro più interessante di
Ritchie è lo Sherlock Holmes di oggi. E del quella del signor Mario Monti. Ma devo dire che adoro il nome Ma-
futuro (S.D.P.). rio Monti: mi ricorda, in qualche modo, la presentazione dell’Eu-

«Sherlock Holmes mi diverte «Preferisco però parlare di


Mario Monti» dice il
regista inglese
nell’annunciare una storia

ma non diventerò ridicolo» d’amore delicata come


prossimo lavoro

Robert Downey jr torna in campo con Watson (Jude Law) rovision». Un buon soggetto sulla crisi, scherza, sarebbe «la caren-
za di fondi per fare film».
Il problema è che le vicende finanziarie sono «difficili da trasfor-
SILVIA DI PAOLA ama l’azione, oltre che le armi e le pistole. pre fossero migliorabili. E cercavamo anche e in oltre 600 copie. Oltre ai due protagonisti mare in storie coinvolgenti, anche se - ammette - sono state rea-
Ama la boxe, non è il paludato personaggio un aspetto estetico molto fresco». Cioè forma torna anche la Rachel McAdams-Irene Adler lizzate ottime pellicole come "Wall Street" di Oliver Stone».
ROMA. Sherlock Holmes non invecchia ma Ro- che molte volte abbiamo visto sullo schermo. e sostanza, tutto rinfrescato, rinnovato, persi- che affascina Holmes, con parte un po’ rosic- E allora il discorso va sugli altri film di Alan Parker, veri pezzi di
bert Downey Jr., il suo interprete più recente, Per tutto ciò mi ha divertito un sacco». no rivoltato. chiata dall’altra donna del film, Noomi Rapa- storia del cinema: da «Fame», che toccò con largo anticipo il feno-
sì, anche se è sempre l’ Holmes più intrigan- Così Downey Jr. che , però, stavolta, giocan- Si è divertito, insomma, Downey Jr. e non ce (lanciata da «Uomini che odiano le don- meno dei «giovani ossessionati dalla ricerca del successo» come
te di sempre. Dal canto suo Sherlock negli ul- do a menar le mani qualche precauzione l’ha è solo. Con lui si divertirà in questo secondo ne»), nel ruolo di una zingara che legge il fu- quelli che oggi affollano i reality, a «Mississippi Burning», così aspro
timi decenni è stato in cura da Sigmund Freud presa: «Nell’azione mi son fatto guidare dal capitolo, lo spettatore che, piaccia o non piac- turo, poi fondamentale tassello del puzzle in da attirarsi, in America, «dove nessuno ama essere criticato», gli at-
o in lotta contro Dracula finchè, appunto nel regista e sono stato più attento che nel primo cia, si trova davanti a uno Sherlock Holmes un insieme che dà, stavolta, un grande peso tacchi dei bianchi e dei neri. E naturalmente «The Wall», di cui nel
2009, Guy Ritchie lo ha ributtato in pista iro- film a non farmi troppo male. Ho preferito mai visto (o meglio visto solo nel primo film alle donne. Antagonista (che nel primo film festival di Torino si celebrano i trent’anni: «Ha creato un genere, un
nico e irrequieto, ma per il suo interprete non fare l’eroe, non esagerare dato che sono a del 2009 di Richtie) perchè diseguale, diso- tramava nell’ombra ma non appariva mai) è il effetto domino. Oggi vorrei un euro per ogni videoclip che si sia
(che di cure per disintossicarsi ne ha fatte tan- un passo dai cinquanta anni e lasciare le sce- mogeneo, disconnesso da tutti gi altri (a de- terribile Professor Moriarty (Jared Harris), il ispirato a quel mio lavoro. E devo dire che, a mio parere, nella com-
te) cambiare significa invecchiare (ma se tut- ne più pericolose alla controfigura». cine) che si sono ineguiti su grande e piccolo «Napoleone del crimine» secondo Holmes. binazione fra musica e immagini in tutto questo tempo non è cam-
ti invecchiassero come lui vorremmo un Insomma meno lividi rispetto al primo schermo. Lo rifaranno? Sarà di nuovo un successo biato molto. Anzi, sono andati indietro: i video sembrano tutti
mondo di ultraquarantenni!) e lui, oggi qua- film, più action ( fuori di dubbio) e molti ten- Qui il detective interpretato da Robert mozzafiato? Sarà ancora vincente il mix clas- uguali».
rantaseienne, confessa che avviarsi ai cin- tativi per sfuggire alla banalità. Come dice lui: Downey Jr e il suo inseparabile amico-colle- sico + autore indipendente + soldi hollywoo- MAURO BARLETTA
quanta, e sia pure col cuore gonfio di felicità «Abbiamo cercato di evitare che questo se- ga-confidente Dottor Watson con la faccia di diani? «Sì perchè Conan Doyle ha creato un
per l’imminente nascita del figlioletto, non lo quel fosse, come spesso avviene per i sequel, Jude Law sono ancora piuttosto giovani (come personaggio alla Bond molto prima di chiun-
rallegra affatto. In compenso lo rallegra ( e una schifezza, inventandoci molte cose e la- del resto erano nei primi romanzi di Conan que altro, è stato un primo grande sceneggia-
non poco) vestire i panni dell’investigatore in vorando creativamente con entusiasmo. D’al- Doyle), energici, avidi di vita e combattenti e tore e sono felice che Downey sia riusciuto a
questo «Sherlock Holmes. Gioco di ombre», tra parte il personaggio, dopo oltre due seco- Sherlock è lontano miglia dagli stereotipi di tirarlo fuori. Ma il punto era farlo sembrare
sequel dello Sherlock Holmes del 2009, dal 16 li ancora tanto enigmatico, si presta e tutti sia- vittoriano ingessato di tanti film e serie tv. Il fresco e contemporaneo: se il pubblico lo tro-
sui nostri schermi. Parola sua: «I travesti- mo stati complici nel gioco creativo». E il re- 16 dicembre, dunque, appuntamento al cine- va eccitante come Batman o Bond abbiamo
menti mi hanno divertito un sacco, anche se gista: «Lavoravamo su tutte le scene e poi ci ma per questo secondo capitolo, sulla scia di raggiunto lo scopo. Vorrei tanto che questa di-
vedermi vestito da donna mi ha un po’ disgu- tornavamo per migliorarle, convinti che sem- oltre ventimila euro incassati dal primo film ventasse una saga cinematografica».
stato. E anche se devo ammettere che non so- E il futuro per la star sospesa tra «Iron
no mai stato un lettore delle avventure di Man» e «Sherlock Holmes», è un discorso di
Sherlock Holmes, leggevo poco da giovane. In Il protagonista. «Ho Il regista. «Cercavamo domani: «Oggi del mio futuro non riesco a
compenso , leggendo oggi Conan Doyle , ho parlare, sono troppo . concentrato su Sher-
capito che Holmes lo si può interpretare in preferito non fare l’eroe: anche un aspetto lock ma sono dell’idea che, d’altra parte, non
molti modi e questa è già una cosa molto di-
vertente. E’ unico e sfaccettato insieme ed
sono a un passo dai 50 anni» estetico molto fresco» si può fare l’ eroe d’azione troppo a lungo,
senza far ridere».

ANTICIPAZIONI Courmayeur Noir in Festival premia «Headhunters», «Policemen» e l’attore Jean-Pierre Darrousin come interprete di «De bon matin»

Casi WikiLeaks e Khodorkovsky: la realtà è un thriller modificarla. Leigh e Harding sono i


giornalisti con i quali Assange ha stret-
UMBERTO RONDI un sottile umorismo senza che mai la la serie «Poirot» (presto in Italia, su NBC to l’accordo per la pubblicazione sul
tensione perda di tono e il racconto di Universal Global Networks) con David «Guardian» dei documenti, e il libro è
COURMAYEUR. «Headhunters» un thriller credibilità, anche si sfiora la fantascien- Suchet che da oltre vent’anni inter- un contributo per capire sia chi è As-
molto originale, ha vinto il Leone Nero za. preta il leggendario investigatore, è sange sia come è nato il gruppo con cui
del Noir in Festival di Courmayeur, di- «Martha Marcy May Marlene» di nientemeno che «Assassinio sull’Orient ha iniziato a lavorare. Steven Spielberg
retto da Giorgio Gosetti e Marina Fab- Sean Durkin, sempre in concorso, ha Express», uno dei più amati gialli di avrebbe acquistoto i diritti per un film.
bri, 21ª edizione; Premio Speciale a «Po- raccontato una stroria inquietante, sul- Agatha Christie. Tra gli ospiti del festival anche
liceman»; per il Miglior interprete a la tragedia delle sette. Angoscioso il Uno degli incontri più attesi è stato Stephen Frears che è al lavoro su «Lay
Jean-Pierre Darroussin per «De Bon documentario «Khodorkovsky», di Cy- quello con i due straordinari giornalisti the Favorite»: «memorie di una giovane
Matin». «Calvet, ritratto di» è il miglior ril Tushi, dedicato alla parabola di del «Guardian», David Leigh e Luke Da- donna americana, che va a Las Vegas
documentario. Il Noir si è snodato in un Mikhail Khodorkovsky «prima sociali- niel Harding, autori di «WikiLeaks. La per fare la barista e finisce per essere
affascinante percorso tra film e lettera- sta perfetto, poi capitalista perfetto, per battaglia di Julian Assange contro il se- coinvolta in una storia di gangster».
tura, con proposte ed incontri di gran- ritrovarsi, alla fine in una prigione sibe- greto di Stato appena uscito da Nutri- Uscirà in marzo in Italia «In time», di
de attualità. Un cartellone ricco ma non riana e diventare un martire perfetto». menti». Accusati di aver diffuso una Andrew Niccol, che ha qui vinto il cu-
stracolmo,per fortuna,come accade, un Khodorkovky sfida il Presidente Putin. password, creando problemi ai criteri rioso premio Mouse d’oro “per aver sa-
pò ossessivamente, in quasi tutti i festi- Ha il coraggio di accusare di corruzione di sicurezza dei materiali e alla vita di puto raccontare in forma fantascienti-
val. l’amministrazione di Putrin il quale, Assange stesso, hanno contestato que- fica, seppur aderente alla tradizione
«Headhunters», di Morten Tyldum, è volto gelido, svia la domanda accusan- sta facendo presente come la password del noir gangster, la crisi economica e
uno di quei rari film in cui si esprimo- do il miliardario di evasione fiscale. fosse temporanea e come avessero da- sociale che stiamo vivendo, mantenen-
no una trama avvincente, suspence e Per le serie tv il nuovo episodio del- to sette mesi di tempo ad Assange per L’OLIGARCA RUSSO MIKHAIL KHODORKOVSKI CHE HA ACCUSATO PUTIN do una struttura da blockbuster».
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

lo SPETTACOLO .15
PRIME TEATRALI IN SICILIA
LA STAGIONE IN CORSO. Più di Verdi, Donizetti, Rossini e Puccini

Fra i grandi della lirica


fra le più popolari, in programma ad
aprile, con la direzione musicale di
Gabriele Ferro. Continuando nella
nostra panoramica numerose sono
Tra Parigi e Napoli
le rappresentazioni belliniane all’e-
amore e canzoni
Bellini è sempre
stero. Frequenti le messe in scena de
"I Capuleti e i Montecchi", secondo
quanto si registra in Germania a Al-
tenburg, Coburg, Gera. In particola- CARMELITA CELI na Bellassai e Maria Rita Sgarlato, attrici di straordi-
re allo Staatsoper di Monaco di Ba- naria duttilità, qui «cantano» la Storia, in una tempe-

il più rappresentato
viera dove sul podio sarà Yves Abel. CATANIA. Goncourt, Flaubert, Merimée. Ah, il salotto sta di cappelli piumati, pagliette, calze crèmisi: due
Altre rappresentazioni de "I Capu- di Sua Altezza Imperiale la principessa Matilde! «elfi» Belle Epoque in odore di purezza, grazie a quel
leti e i Montecchi" all’Opera di Lio- Sembra quasi di vederla, stile Secondo Impero fino prodigio di reviviscenza musicale che è Cavalieri lo-
ne, e persino in Argentina al Teatro all’ultimo, l’eterna collana di perle nere al collo. Qua- ro segnano il calendario con «Serenate di strada» o
de la Plata di Buenos Aires. In forma si ci si illude di potersi ancora scaldare a quel «foco- una ballata allo champagne, «l’ambrosia che piace al-
di concerto a Parigi al Théatre des lare» letterario dell’Ottocento, «salotto storico» abita- le dive».
Gruberova e Ganassi, due voci d’oro Champs-Elysées con la partecipa-
zione di Anna Caterina Antonacci.
to anche dal giovane Proust che ne scrisse su «Le Fi-
garo». Ma puoi sempre «vederlo» e sentirlo nella vo-
Non meno diffusi "I Puritani" in car- ce nostalgica e fermissima di Gianni Salvo: tàit di sce-
ETTORE ZOCARO tellone a Baden, in Svizzera a Biel, na argentato, il piglio carismatico e accogliente di un
Olten, Thun, in Slovacchia a Bratisla- "racconta-fiabe" a 78 giri, lui te ne dice i palpiti, i fre-
ROMA. Vincenzo Bellini, insieme ad va. "Norma" resta tuttavia l’opera miti, le affabulazioni. Così si apre il sipario di «Can
altri nostri grandi dell’opera lirica più amata di Bellini. La troviamo al- Can Frou Frou Champagne» (di Proust, Mallarmé ed
Verdi, Rossini, Donizetti, Puccini, lo StaatsOper Unter den Linden di altri) fino a ieri al Piccolo Teatro, regia di Gianni Sal-
continua ad essere rappresentato Berlino in un’edizione con Edda vo, scene e costumi di Oriana Sessa. Un sipario vero,
in Italia e all’estero. Il sommo auto- Gruberova e Sonia Ganassi, due vo- punteggiato di lustrini, d’un rosso "Moulin rouge" da
re etneo occupa costantemente i ci d’oro. "Norma" anche a Parigi al- cui sembra esser uscito quel pianista che altri non è
palcoscenici con la sua arte, indice la Salle Pleyel, a Stoccarda, all’opera che è Pietro Cavalieri, interprete irrinunciabile ma LO SPETTACOLO AL PICCOLO DI CATANIA
di un primato universalmente rico- di Oviedo, all’Opernhaus di Colo- anche camaleontico, generoso autore delle "Serena-
nosciuto e che onora la nostra pro- nia, a Leeds e a Nottingham in Gran te di strada" composte sui versi di Mallarmé nella tra- Con «Dove sta Zazà», semplicemente e liricamen-
duzione musicale richiesta da tutti Bretagna e un’edizione svizzera a duzione raffinata che ne fece Antonio Corsaro. te «detto» da Gianni Salvo, sono subito anni ’30 e ’40.
i pubblici. In Italia le rappresenta- Losanna curata da Massimo Gaspa- Il "cafè concert" come antenato dell’avanspettaco- E qui la fanno da padroni i «nobili» partenopei Dodo
zioni di questa stagione sono co- Eguale esito ha ottenuto al Socia- ron. lo napoletano che pure passava per la macchietta, e Gagliarde, «il» comico e la soubrette, Natalia Cretel-
minciate in Ottobre al teatro Gran-
Tra Germania le di Como e al Ponchielli di Cremo- In prima fila anche "La Sonnam- poi i giganteschi Totò, Nino Taranto, Pietro De Vico, i la, che per doti e comunicativa rammenta l’Angela
de di Brescia con i "Puritani", il ca- e Francia na. Intanto in questi giorni al Muni- bula" trionfatrice a Londra alla Royal fratelli Maggio. Gianni Salvo è il Virgilio malinconi- Luce dei tempi migliori. E’ follia d’amore sul palco-
polavoro tra Leopardi e Chopin, di cipale di Salerno va in scena "Nor- Opera House per la direzione di Da- co e irridente: memoria storica da un lato e dall’altro scenico che accarezzano, è un banchetto eterno d’e-
cui è stato regista Carmelo Rifici abbondano ma" diretta da Daniel Oren. Nelle niel Oren ed attesa a Vienna, in feb- una strizzatina d’occhio alla Toulouse Lautrec per le terna tradizione: «Il bel Ciccillo», «Sotto l’ombrellino»,
considerato oggi uno dei migliori settimane scorse "Norma" anche a braio, alla Staatsoper con la bac- sue amate e "screanzate" ballerine (Centro Studi «Il balbuziente» e «’A cura ’e mammà» tripudio di
direttori del nostro teatro e che si al- edizioni di Sassari con protagonista Maria Bil- chetta di Evelino Pidò. Bellini, dun- Danza Pas de Deux di Gabriella D’Angelo) tra il Can doppi sensi modello «La pansè», «Lily Kangy», «E al-
terna tra musica e prosa. Il lavoro è leri, la quale canterà ancora "Nor- que, un po’ ovunque nelle grandi e Can di Offenbach e charleston, boogie-woogie, lora?», l’irrefrenabile «Carlo Mazza» e le irresistibili
quindi passato, salutato con il suc- «Norma» e ma" al Regio di Torino nel prossimo nelle piccole città, non fa differenza, mambo. E un po’ come la cantante di strada di Eduar- «10 lire», siparietto «renforcé» da Gianni Salvo.
cesso di sempre, al Fraschini di Pa- Maggio. Alla Fenice di Venezia sarà per la gioia dei melomani che non do che in «Gli esami non finiscono mai» era musical- Signore e signori, entrate: dodici gambe dodici ma
via. «Sonnambula» la volta della "Sonnambula", opera conoscono confini. mente «responsabile» del passare del tempo, Tizia- forse anche di più.

ROMA. Michele Campanella e Monica Leone per beneficenza I «corpi parlanti» «Come vent’anni fa»
inquadrature ardite fantasmi di Euripide
Due piano per Lampedusa e tensione emotiva secondo Lelio Lecis
ROMA. Musica per Lampedusa. Un duo pianistico ec- sibizione ironica della bravura pianistica; nel «Parsi- Loredana Parrella e la giovane e attivissima compa- Sono le parole dolenti di Ecuba a vestire la solitu-
cezionale formato da Michele Campanella e Monica fal» , invece, il prosciugarsi del linguaggio strumenta- gnia Twain di Roma portano in scena al Teatro Libe- dine dell’anonima commessa di una polleria, che
Leone sarà impegnato questa sera alla Sala Petrassi le. ro "Lei e Tancredi denunce di corpi parlanti», lavo- identifica la propria intima disperazione con quel-
del Parco della Musica in un concerto di beneficenza E «Venezia e Napoli», supplemento della sublime ro che, partendo dalle relazioni complesse e tor- la della grande e sconfitta regina troiana. «Come
organizzato da Vises onlus, momento seconda «Année de Pélegrinage», è una mentate di alcune coppie di personaggi presenti vent’anni fa», in scena al Libero, è la proposta,
centrale del progetto «Natale 2011 per sperimentazione di tecniche pianisti- nella Gerusalemme Liberata, sconfina subito nelle scritta e diretta da Lelio Lecis, ispirata alla tragedia
Lampedusa», finalizzato alla realizzazio-
«E’ un onore che e di colori nuovi. Si potranno anche relazioni contemporanee, in quel gioco di ruoli nel euripidea e affidata alla versatile Lea Karen Gram-
ne di un impianto di produzione foto- mettersi a ascoltare due brani di rara esecuzione: il quale l’uomo e la donna entrano più o meno consa- sdorff. Sempre attento all’impianto musicale, Lecis
voltaica sulle coperture degli edifici sco- «Concerto pathétique per due pianofor- pevolmente, in quel continuo duellare di corpi che introduce un abile trio di archi ad eseguire il tema
lastici dell’isola .
disposizione ti», strana composizione che non è entra- si cercano per poi respingersi, in quegli sprazzi di che Palmas ha scritto per lo strazio di Ecuba, men-
La nota coppia di pianisti eseguirà un facendo "parlare" ta nel repertorio consueto per un suo ca- comunicazione che vengono subito invasi dall’altrui tre Bob Dylan accompagna le proiezioni fantasti-
programma di rarità lisztiane per uno o IL PROGETTO
due pianoforti comprendente due para- la musica, quella rattere tenebroso ed enigmatico e la
versione per due pianoforti delle «Rémi- «Natale 2011 per Lampedusa»
intrusione. La parola è un suggerimento che appa-
re nell’elenco dei nomi delle vittime di ingiustizie o
che della donna che scava nei ricordi. La poltronci-
na vuota in platea, che la donna fissa durante le
frasi operistiche tratte dal «Parsifal» di capace di niscences de Don Juan», una delle com- è un progetto finalizzato alla nella scansione di versi del poema; non omogenei prove, è occupata da volti del passato o da volti che
Wagner («Marcia al Santo Graal») e dal posizioni più significative di Liszt. realizzazione di un impianto nella preparazione tecnica e nel potenziale espres- si vorrebbero nuovi per scansare l’angoscia della
«Rigoletto» di Verdi , cui si aggiungono il infrangere Riferendosi, poi, allo scopo umanitario di produzione fotovoltaica sivo, i sette danzatori esplorano le possibilità dell’a- solitudine. Così, mentre le luci abbaglianti le impe-
«Concerto pathétique per due pianofor- barriere e steccati» del concerto, Campanella., considerato sulle coperture degli edifici gire, scrutati da una videocamera che, passata di discono la visuale, l’immaginazione galoppa, e
ti», le «Reminiscenze dal Don Giovanni di
Mozart» e il «Supplemento al Secondo dicono gli artisti uno dei più autorevoli interpreti del pia-
noforte di Liszt:, dichiara: «E’ un onore
scolastici dell’isola. La nota
coppia di pianisti (nella foto
mano in mano, proietta sul fondale dettagli ingigan-
titi o inquadrature ardite. Vincitore del «Fuori Rot-
quelle luci assumono la funzione della siepe leo-
pardiana. Ma, in questo brevissimo lavoro, a metà
Anno di Pellegrinaggi, Italia: Venezia e mettersi a disposizione per una giusta Campanella) eseguirà un ta» 2010/11, lo spettacolo gode di momenti in cui è strada tra il pretesto scenico e l’opportunità man-
Napoli». «Il concerto di Vises a Roma - afferma il pia- causa, specialmente facendo "parlare" la musica, programma di rarità lisztiane possibile sentire la voce dei corpi che si muovono su cata, Lecis si aggrappa ai classici per farli dialoga-
nista Michele Campanella - sortisce da una impagi- quella che tra tutte le arti sa parlare un linguaggio per uno o due pianoforti musiche di generi e ritmi assai diversi tra loro, ma re con l’inquietudine contemporanea senza che il
nazione che testimonia la varietà di proposte musi- universale , capace di arrivare a tutti, infrangendo bar- comprendente due parafrasi non mantiene costante la tensione emotiva e lascia connubio avvenga compiutamente. La dramma-
cali che possono nascere dal costume di parafrasare riere e steccati». operistiche tratte dal emergere qua e là qualche disarmonia. turgia è esile e l’interpretazione non la valorizza.
un motivo celebre. Nel «Rigoletto» emerge tutta l’e- OSVALDO SCORRANO «Parsifal» e dal «Rigoletto» AGATA MOTTA A. M.

Piacere, Porter

Motore turbodiesel common rail a iniezione diretta di 1.200 cc, fino a 20 km con un litro, fino a 1.100 kg di merce trasportabile e
innumerevoli possibilità di allestimento fanno di Porter il partner ideale del tuo lavoro quotidiano. Cosa aspetti a metterlo alla prova? piaggioveicolicommerciali.it

Vieni a conoscerlo presso la concessionaria Piaggio più vicina:


CATANIA CORDIO S.R.L. – Tel. 095.443443 • CATANIA PRIMOSOLE VEICOLI INDUSTRIALI S.R.L. – Tel. 095.5968011 • ENNA AUTOEMME S.R.L.
Tel. 0935.531532 • GIARRE (CT) SEBASTIANO RUSSO & C. S.R.L. – Tel. 095.932125 • RAGUSA PRIMOSOLE VEICOLI INDUSTRIALI S.R.L.
Tel. 0932.668563 • SIRACUSA MOTOR SUD S.R.L. – Tel. 0931.464166 • VITTORIA (RG) NEW CO.ME.R S.N.C. – Tel. 0932.987366
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

16.
ABC
a l ci n e m a
|677|M||R||DS| LO PO’ MULTISALA  095.316798
numero posti | M megaschermo | fparcheggio | iparcheggio custodito | sala climatizzata Rservizio bar |  accesso disabili | DD dolby digital | DS dolby digital sound | DBS dolby surround | DTS dolby DTS
Il giorno in più.Ore 18,10•20,20•22,45. BELPASSO GIARRE Real steel. Ore 17,30•20•22,30.
via P. Mascagni, 92  095.535382 via Etnea, 256 |700|M|||R|DS|DTS| Tower Heist: colpo ad alto livello. 1921 il mistero di Roockford.
THE SPACE CINEMA EDEN |200|M|||f|i||R|DD||DTS|
Stagione abbonamenti 2011/2012 con Teleprenota allo 095.316798 dalle 16 alle 22. Ore 20,20•22,35. Ore 18,15•20,25•22,35.
|2500|M|||f|i||R|DD||DTS| via A. De Gasperi, 45  095.932690
Enrico Guarneri. Locale dotato di tutti i comfort e delle massi- Happy feet 2 in 3D. Ore 18,20. Ligabue - Campovolo 2 3D.
Apertura cinema: da lunedì, martedì, Ligabue in Capolavoro 2011 3D.
me tecnologie audio-video: Dolby Digital Biglietti - Intero: da lun. a giov. non festivi Ore 18•20,25•22,45.
mercoledì giovedì, venerdì ore 16,20; Ore 18•20,15•22,30.
ALFIERI MULTISALA |677|M||R||DS| Sr.D.E.X. Cinema digitale 3D la perfezione euro 6,00; ven., sab., dom. e festivi euro Il giorno in più. Ore 18,10•20,25•22,45.
sabato, domenica ore 14,20. Spettacoli Martedì chiuso per riposo settimanale.
via Duca degli Abruzzi, 8  095.373760 d’immagine e suono in esclusiva in sala 1 7,00. Ridotto: da lun. a giov. non festivi Midnight in Paris. Ore 18,15•20,25•22,35.
Antonioni. 3 sale climatizzate. Servizio di tele- notturni (late shows) sabato. Biglietti: inte- Per i film in 3D sono tassativamente sospe- Biglietti acquistabili on line o presso
Prenotazione e prevendita posti al nume- euro 4,50; ven., sab., dom. e festivi euro
prenotazione gratuito allo: 095/316798. ro festivi e prefest. euro 7; da lun. a ven. se le entrate di favore e le tessere a qual- Cinestar.
ro 095/373760 - Servizio Bancomat - 2 sale 5,50. Film in 3D - Intero euro 8,50. Ridotto
Servizio Pagobancomat alle casse. Biglietti: escluso festivi e prefestivi euro 6; ragazzi siasi titolo rilasciate, nonché le Cinecard.
climatizzate - Dolby Digital 3D. euro 7,50 (sospesi tessere sconto e bigliet-
Intero feriali euro 5,00 - Ridotto euro 4,00. ti omaggio). Possessori Exclusive Card, sino a 12 anni 5,50 euro, over 60 euro 5; TRECASTAGNI
Strepitoso docu - film in 3D sul concerto di Intero festivi, sab. e dom. euro 6,50 - Ridotto universitari e studenti da lun. a giov. non student card da lunedì a venerdi euro CINE TEATRO GARIBALDI METROPOLITAN |800||DTS|
Ligabue a Campovolo. Ligabue - euro 4,50. Universitari dal lun. al ven. euro 5,50. Martedì rosa (solo per donne) euro c.so Europa, 60  095.7806615
festivi euro 3,50; ven. non festivi euro 6,00 via Garibaldi, 30/A  095.933972
Campovolo 2.0 3D. Ore 18•20,30•22,35. 4,00 presentando libretto o tassa (escluso 4,50, per tutti euro 5,50. Spettacoli in 3D La peggior settimana della mia vita.
(esclusi 3D, anteprime e film natalizi) +
Anche se è amore non si vede. Il nuovo proiezioni 3D). Il martedì euro 3,00 per tutti intero 10 euro, ridotto 9 euro. La proiezio- Anche se è amore non si vede Con Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi
20% di sconto sui cibi in èpizzeria da lun.
divertentissimo film di e con Ficarra e (escluso proiezioni 3D). Proiezioni 3D (listino ne del film inizia circa 20 minuti dopo l’o- Ore 18,15•20,30•22,30. e Alessandro Siani. Divertente.
a ven. non festivi. Lunedì non festivi pop-
Picone. Ore 18,30•20,35•22,30. valevole tutti i giorni): Intero euro 8,00 - rario indicato. Sala climatizzata. Ore 18•20,30•22,30.
corn euro 1,00 + pizza euro 1,00. Martedì
Intero: feriali euro 6,00 - sab. dom. e festi- Ridotto euro 6,50. Lo Pò card: 20 ingressi euro 1) Breaking dawn parte 1. Ore 18•22,40. Siamo anche su Facebook. Cerca Cine
non festivi biglietto ridotto per tutti euro
vi euro 6,50. Ridotto: feriali euro 4,00 - sab. 3,00 cad. utliizzabile tutti i giorni per qualsiasi MASCALUCIA Trecastagni. www.metropolitantrecasta-
4,50. Movie Card: 10 ingressi euro 40,00 Happy feet 2. Ore 20,25.
dom. e festivi euro 4,50. Film in 3D: intero film in programmazione (escluso proiezioni MODERNO |380||f|R|DTS gni.blogspot.com
validi tutti i giorni (max 5 ingressi al gior- 2) Anche se è amore non si vede.
feriali euro 8,00 - Intero sab., dom. e festi- 3D); valida per un anno. Richiedine una al via Li Pani, 38  095.7278246
no) e ricevi subito un biglietto omaggio Ore 16,40•19•21,20•23,40. Anche se è amore non si vede.
vi euro 8,50 - Ridotto euro 7,00. Martedì botteghino.
Anonimus. Ore 20,30•22,30. utilizzabile da lun. a ven. non festivi, esclu- 3) Anche se è amore non si vede. Ore 18,10•20,30•22,30.
non festivi biglietto ridotto per tutti euro
Midnight in Paris, scritto e diretto di Woody si film 3D + 20% di sconto sui cibi in pizze- Ore 17,50•20,10•22,35. Ampio parcheggio alle spalle del cinema.
TEATRI
3,50 - Per il 3D euro 6,50. Mercoledì non ria. Raccolta punti: vinci biglietti omag- 4) Lo schiaccianoci 3D. Ore 17,40•20,05
Allen. Un tuffo nella romantica Parigi anni 20, TEATRO MASSIMO BELLINI: nuovi abbo-
festivi ingresso a soli euro 3,00 per donne gio con il servizio gratuito di preacquisto Il giorno in più. Ore 22,30.
con Owen Wilson, Rachel Mc Adams e Carla MISTERBIANCO namenti stagione lirica 2012. Oggi botte-
e universitari muniti di libretto, escluso 3D. Bruni. Ore 16,30•18,30•20,30•22,30. e/o prenotazione del posto. Cinema e 5) Ligabue Campovolo 3D.
Giovedì spettacoli pomeridiani prezzo pizza party: la tua festa di compleanno è
TRINACRIA |300|M||||R|DTS| ghino chiuso.
Anche se è amore non si vede. La nuova Ore 17,25•19,50•22,250.
unico euro 3,00, escluso 3D. Famiglie: commedia natalizia di Ficarra e Picone al Planet! Info allo 095. 222685, prenota- via Roma, 209  095.463366
6) Il giorno in più. Ore 16,35•19,05•21,30. TEATRO MASSIMO BELLINI: stagione lirica
ven. sab. e dom. sconto per 2 adulti e 1 o Ore 16,30•18,30•20,30•22,30. zioni alle casse. Sabato e domenica spet- I soliti idioti. Ore 17•19•21.
7) 1921: Il mistero di Roockford. 2011 - Domani ore 17.30 turno R Rigoletto
2 bambini e pop corn in omaggio. Real steel - Unico spettacolo ore 16,30•18,30. tacoli anche ore 16. Martedì prezzo ridotto euro 2,50.
Ore 17,30•19,55•22,20. Consulta su Internet Cinema Trinacria di G. Verdi. Oggi botteghino chiuso.
8) Midnight in Paris. Misterbianco.
ARISTON MULTISALA |600|M|||DTS| MULTISALA PARADISO (RECUPERO) PER ADULTI Ore 17,35•19,55•22,10. TEATRO VERGA TEATRO STABILE: oggi ripo-
via Balduino 17/B  095.441717 via Duca degli Abruzzi 69  095.383596 so. Domani ore 20,45 t. AZ/4. La mennulara
FIAMMA 9) Happy Feet 2 3D. 17,20•19,40.
Locale climatizzato. Dolby Surround e Sala verde: Real Steel. RIPOSTO di Simonetta Agnello Hornby, rid. e adatta-
via Fischetti, 2  095.533017 Immortals 3D. Ore 22,25.
Digital DTS. Ore18,20•20,20•22,30 MUSMECI  329.4742107-3931970478 mento di S.A. Hornby e G.Savatteri,con Guia
Inizio matt. ore 9 - ult. 22. Proiezione no 10) Real steel. Ore 16,30•19,15.
Miracolo a Le Havre. Di Aki Sala blu: Faust. Leone d’oro al Festival di via Gramsci, 164 | 700 | |f| DD| Jelo e Pippo Pattavina. Continuano gli abbo-
Venezia come miglior film. stop sempre- buio in sala. Dolby Digital. Anonymous. Ore 21,50.
Kaurismakicon Jean Pierrre Darroussin - Aria condizionata. In prima vis. assoluta. Happy Feet 2. Ore 17. namenti.Vendita biglietti on-line www. teatro-
Ore 17,30•20•22,30. 11) Anche se è amore non si vede.
presentato al festival di Cannes 2011. Midnight in Paris. Ore 18,30•20,30•22,30. stabilecatania.it - Bott. chiuso
Paola Guerra in Adulterio latino. Vietato Ore 17,15•18,30•21,55.
Premio della critica internazionale Ridotto ragazzi dai 3 ai 13 anni euro 3,50.
ODEON |500|M|||R|DS| ai minori di 18 anni. 12) Breaking Dawn. Parte 1.
Fipresci. Ore 18•20,30•22,30. www.myspace.com/cinemusmeci. BELPASSO
via F. Corridoni, 19  095.326324 Ore 16,50•19,25•22. Facebook.
Midnight in Paris. Di Woody Allen con Il giorno in più commedia con Fabio MESSINA  095.383294 Per informazioni e prenotazioni il numero BRIGATA D’ARTE: 17/18 dicembre San
Carla Bruni, Owen Wildon, presentato al Volo e Isabella Ragonese. Via N. Giannotta 15. è 892.111 (senza prefisso) servizio con Giovanni Decollato di Nino Martoglio con
festival di Cannes 2011. SAN GIOVANNI LA PUNTA
Ore 18,15•20,30•22,30. Delitto imperfetto con Erika Neri e sovrapprezzo e anche sul sito internet Miko Magistro e Giovanna Criscuolo.
CENTRALE
Ore 18,15•20,30•22,30 Rassegna di cult anni 80- 90. Bambola. Viet. min. 18 anni. Apertura ore Regia Mario Sangani. Pren. Tl. 095/7911856.
www.thespacecinema.it via S. Ten. Scalia, 37  095.7411637
Anche se è amore non si vede di Ficarra Appuntamento lunedì 12 con Caruso 9. Proiezioni no stop.
La grande sala cinematografica più
e Picone con Ficarra e Picone, Ambra Pascoski di padre polacco di TRECASTAGNI
CALTAGIRONE ricercata dalle famiglie. Costo del bigliet-
Angiolini. Ore 18•20,30•22,30. Francesco Nuti, 1988. Ingresso fuori SARAH  095.7465362
CINE T. POLITEAMA  095.7306313 to d’ingresso sempre irrisorio. Da lunedì a TEATRO COMUNALE: abbonamenti stagio-
Il giorno in più di Massimo Venier con abbonamento euro 4. I revivals del cine- via A. di Sangiuliano, 128
via Giardini Pubblici, 4 giovedì euro 2,00. Da lunedì a giovedì ne 2011/2012. Bott. teatro Comunale e tea-
Fabio Volo, Isabella Ragonese, dal best ma Odeon. Cineclub Ambasciatore Nuova produzione cinematografica
Happy feet 2. Ore 18,30. per tutti i bambini dai 3 anni e per gli stu- tro Verga chiusi.
seller di Fabio Volo. Ore 18•20,30•22,30. Vendita abbonamenti al botteghino a 2010.
Midnight in Paris. Ore 18,30•21. denti compresi gli universitari euro 1,50. Vi
Tutti i mercoledì non festivi ingresso stu- prezzo ridotto. Feriali euro 6,00 - sab. dom. In prima visione assoluta dolby stereo.
Martedì ridotto. aspettiamo. ENNA
denti euro 3,00. e festivi euro 6,50. Ridotto: feriali euro 4,00 Perversione & lussuria con Lisa Rose.
Visita il sito www.cineteatropoliteam.com This must be the place di P. Sorrentino.
- sab. dom. e festivi euro 4,50. Martedì non Vietato ai minori di 18 anni. Apertura TEATRO STABILE AL TEATRO GARIBALDI:
Siamo presenti su Facebook. Ore 17,30•19,45•22.
festivi biglietto ridotto per tutti euro 3,50 - ore 9. No stop buio in sala. Locale cli- E’ vento di cultura. Abbonamenti stagio-
CAPITOL MULTISALA  095.506471
Per il 3D euro 6,50. Mercoledì non festivi matizzato. |500|M ||R| |DTS|P ne 2011-2012. Prevendita BoxOffice Sicilia.
via Vicenza, 14 |768|M|||DDEX| ingresso a soli euro 3,00 per donne e uni- CINESTAR MULTIPLEX (I PORTALI)
The Twlight saga: Breaking dawn parte 1. | 2500| | f| R| DS || Biglietteria 095/7225340. PrenoInternet:
versitari muniti di libretto, escluso 3D. CINE TEATRO S. ANNA www.ctbox.it.
Ore 18•20,30•22,30. ACIREALE Il massimo della tecnologia ez del
Famiglie: ven. sab. e dom. sconto per 2 v.le P.pe Umberto, 73  0933.50563
Anche se è amore non si vede. adulti e 1 o 2 bambini e pop corn in MARGHERITA MULTISALA  095/601265 comfort con lo schermo più grande del
|500|||f||R|DTS|
Ore 18•20,30•22,30. omaggio. Il cinema Odeon è anche su Anche se è amore non si vede.
Sud Italia. Apertura cinema e call-center CONCERTI
Da martedì a venerdì studenti universitari Facebook. Diventa fan di “Cine teatro Via Cavour 26 | 500|M|X|A|DD tutti i giorni dalle 17,30; sabato e festivi
Ore 18,30•20,30•22,30. dalle 15,30. Vendita on-line attiva 24 ore TEATRO MASSIMO BELLINI: Stagione
escluso festivi euro 3,00. Odeon Catania” Oggi chiuso. Da martedì:
Lunedì e martedì prezzo ridotto. Mercoledì su 24, Martedì, esclusi festivi, prefestivi e sinfonica 2011/2012. Abbonamenti per 14
Anche se è amore non si vede.
aperto. www.cineteatrosanna.it anteprime, ingresso unico euro 4,50; concerti (turno A) fino al 22 dicembre e
KING MULTISALA CINESTUDIO PLANET MULTISALA |1048|M||i||R|DD| Ore 17,15•19,15•21,15.
v.le della Costituzione, 47  095.334866 lunedì, mercoledì e giovedì, esclusi festivi, per 8 concerti (turno B) fino al 23 dicem-
via A. De Curtis, 14  095.530218 Happy feet 2 3D Reald sistem. Ore 17.
Caratteristiche cinema: 5 sale climatizza- FIUMEFREDDO prefestivi e anteprime, euro 6,00, ridotto bre.
www.cinestudio.eu |290|M||i||DS| Midnight in Paris di W. Allen. Ore 19,10•21,10
Oggi botteghino chiuso.
te, Dolby Digital D.T.S. e Sr. D.E.X., Digital Sala climatizzata. Per le proiezioni in 3D MULTISALA MACHERIONE over 65 euro 5,50, studenti euro 4,00.
Le nevi del Kilimangiaro di Robert
3D la perfezione di immagine e suono. Lunedì e giovedì possessori di Ikea Family
Guèdiguian; presentato al festival di sono sospese tessere e omaggi a qual- via Princ. di Piemonte, 90  095.7762103
Parcheggio custodito. Servizio gratuito di euro 3,80 film 35mm. Proiezioni 3D tutti i
Cannes. Ore18•20,20•22,30.
prenotazione e/o preacquisto on-line
siasi titolo rilasciati. In contemporanea nazionale l’evento
giorni intero euro 9,00, ridotto euro 8,00. CABARET
I primi della lista con Claudio Santamaria, www.margheritamultisala.it musicale dell’anno in 3D Ligabue in
www.multisalaplanet.it, telefonico allo Possessori di Ikea Family euro 7,50. GATTO BLU: dal 15 al 18 dicembre
presentato al festival di Roma. Campovolo 2011 3D. Ore 17,30•20•22,15. Abbonamento 10 ingressi euro 40,00.
095/334866 e solo preacquisto alle casse. «L’ultima tentazione» Comico Burlesque
Ore18,15•20,30. SPADARO Anche se è amore non si vede. Happy feet 2 35mm. Ore 18,15.
Anche se è amore non si vede. 095/312918 - 7225340.
Abbiamo un problema. Un film di Via Galatea 118  095.601447 Ore 18•20,20•22,30.
Ore 18,25•19•20,30••22,40. Twilight Breaking Dawn parte1. Ore 20,15.
Canecapovolto. Solo oggi ore 22,30. Midnight in Paris. Ore 18,20•20,30•22,30. Il giorno in più. Dal best seller di Fabio Martedì chiuso per riposo settimanale. Cambio vita. Ore 22,30.
Ingresso euro 1,00. Strepitoso docu - film in 3D sul concerto di Volo. Per tutti. Ore17,30•19,30•21,30. Per i film in 3D sono tassativamente sospe- Lo schiaccianoci 3D. Ore 18. LA PROGRAMMAZIONE DEI CINEMA
Ogni lunedì e mercoledì non festivo per tutti gli Ligabue a Campovolo. Ingresso euro 5 - Ridotto euro 4. Attivo ser- se le entrate di favore e le tessere qualsia- Anche se è amore non si vede. DELLE ALTRE PROVINCE NELLE
studenti euro 3,00 - Martedì prezzo ridotto euro Ligabue Campovolo 2.0 3D. vizio prevendita gratuito. Scopri le promo- si titolo rilasciate, nonché le Cinecard. Ore 17,25•18,25•19,35•20,15
4,00. Ore 18•20,30•22,50 zioni su www.cinemaspadaro.it. www.multisalamacherione.com •20,35•21,45•22,25•22,45. PAGINE LOCALI

A PALERMO SI È CONCLUSO IL «PREMIO PIPPO ARDINI» PER GIOVANI TALENTI

Tromba e sax: vincono due gemelli ragusani


PALERMO. Cala il sipario sul Premio "Pippo i nipoti di Pippo Ardini, hanno aggiudica- contrabbasso e Fabrizio Pezzino batteria ma musicale siciliano (Ignazio Garsia,
Ardini". La musica è stata di altissimo li- to il Primo Premio Sezione 1 a Giovanni & giocattoli (nonostante sia di recente Anna Bonomolo, Marco Betta, Alberto Matteo e
vello e si sono distinti tra gli altri, i gemel- (esibizione alla stagione concertistica di formazione il quartetto ha già partecipa- Asero, Piero Terranova e Riccardo Randi- Giovanni Cutello
li Matteo (tromba) e Giovanni Cutello curva Minore) e a Matteo il Premio under to a una serie di programmi televisivi e si), al sostegno di qualche piccolo sponsor di Chiaramonte
(sax alto) presentati dall’ Istituto Com- 18; a entrambi è andato inoltre il Premio radiofonici locali); Alessandra Mirabella e all’entusiasmo dei partecipanti. Gulfi
prensivo Statale "Guastella" - Chiaramon- del Presidente della Giuria Maestro Gar- e Seby Burgio degli Urban Fabula, vincito-
te Gulfi (RG) I due gemelli con curricula sia per la partecipazione ai Brass Jazz Cli- ri 2010, hanno passato il testimone a Gia-
artistici paralleli e allievi del Maestro Car- nics. Hanno vinto ex aequo il Primo Pre- como per l’esibizione al Ridotto dello
lo Cattano, hanno frequentato seminari mio Assoluto: Giacomo Tantillo: trom- Spasimo e ai D Quartet per l’esibizione al
sotto la direzione di Francesco Cafiso e bettista bagherese di 25 anni; I D Quartet: Vittoria Jazz festival 2012.
Giovanni Mazzarino. Gea Livia Zarba, Davide Rinella armonica cromatica, Ro- La manifestazione si è potuta realizza-
vincitrice Under 21 dello scorso anno, ed berto Gervasi fisarmonica, Bino Cangemi re grazie a grandi personaggi del panora-

QUESTA SETTIMANA SUL PALCO DI “INSIEME”... GRANDI OSPITI


Presenta Salvo La Rosa
con la regia di Natale Zennaro STASER
A “Ridiamo... Insieme”
12 Dic. puntata speciale sulla comicità siciliana
istrata
già reg

DOMAN
I Toti e Totino, Simona Molinari,
13 Dic. Andrea Barone

Martufello, Sugarfree
LEDÌ
MERCO Tre e un quarto, Massimo Spata
14 Dic.

In onda anche
sul satellite
sull’emittente
BLU
(Sky canale 940)

Consulenza casting: Tolomeo Spettacoli - tel. 0932 862322 PRENOTA IL TUO POSTO
Concessionaria pubblicità: Sige S.p.A. AL TEATRO ABC DI CATANIA
c.alecci@antennasicilia.it - tel. 330 368982 Tel. 095 535382 (dalle 17 alle 19)
iPad - iPhone - ANDROID Salvo La Rosa Insieme
SCARICA GRATIS Fan club ufficiale
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

in tv .17
RAIUNO RAIDUE RAITRE LA7
06.00 EURONEWS segnaliamo 06.30 CARTONI ANIMATI segnaliamo 06.00 RAI NEWS MORNING NEWS segnaliamo 06.00 TG LA7/METEO segnaliamo
06.10 UNOMATTINA CAFFÈ 08.55 L'APPRENDISTA 06.30 IL CAFFÈ OROSCOPO/TRAFFICO
06.30 TG1 18.50 L'EREDITÀ BABBO NATALE 19.35 SQUADRA SPECIALE 07.00 TGR BUONGIORNO ITALIA 15.30 LASSIE Informazione 11.25 S.O.S. TATA
06.45 UNOMATTINA Torna il gioco che unisce diverti- 09.15 BLU BALOON COBRA 11 07.30 TGR BUONGIORNO REGIONE Un ricco proprietario di bestiame 06.55 MOVIE FLASH Una mamma, due padri, cinque fi-
07.00 TG1 mento e momenti di grande 09.30 SORGENTE DI VITA Il figlio di Dieter, Johan, lavora per 08.00 AGORÀ reclama come propria la mucca di 07.00 OMNIBUS gli, una famiglia allargata, questo
07.30 TG1 L.I.S. suspance. Dall'edizione 2006/07 10.00 TG2PUNTO.IT una società di noleggio limousine, 09.00 AGORÀ BRONTOLO un povero minatore. Per il ricco Approfondimento e molto altro è la famiglia Prodi!
07.35 TG PARLAMENTO il programma è stato affidato a 10.15 TG2 DOSSIER uno dei clienti più ricchi e affiatati 10.00 LA STORIA SIAMO NOI proprietario si tratta solo di un ca- 07.30 TG LA7 Non è semplice per mamma Cri-
09.05 I TG DELLA STORIA Carlo Conti 11.00 I FATTI VOSTRI della compagnia è però Frank El- 11.00 APPRESCINDERE po di bestiame tra migliaia, men- 09.40 COFFEE BREAK stina far convivere due nuclei fa-
09.30 TG 1 FLASH 20.35 SOLITI IGNOTI 13.00 TG2 GIORNO mann, contrabbandiere di droga, 11.10 TG3 MINUTI tre per il minatore la mucca rap- 10.35 L’ARIA CHE TIRA miliari, per questo ha chiesto alla
10.55 CHE TEMPO FA Nuovo appuntamento con il gioco 13.30 TG2 COSTUME E SOCIETÀ proprietario di una piccola compa- 12.00 TG3 RAI SPORT NOTIZIE presnta l'unica compagnia. Lassie 11.25 S.O.S. TATA tata come deve fare per gestire le
11.00 TG1 delle identità. Fabrizio Frizzi ha co- 13.50 MEDICINA 33 gnia aerea: la Flight Cargo Ex- 12.25 TG3 FUORI TG e il ranger Corey riusciranno a ri- Reality esigenze di tutti i figli
11.05 OCCHIO ALLA SPESA minciato la sua carriera da giova- 14.00 ITALIA SUL DUE press. Egli non esita a picchiare la 12.45 LE STORIE DIARIO ITALIANO solvere la questione 12.25 I MENÙ DI BENEDETTA 14.05 GRAZIE
12.00 LA PROVA DEL CUOCO nissimo nelle radio e nelle televi- 16.10 GHOST WHISPERER propria moglie Nora pur di costrin- 13.10 LA STRADA 13.30 TG LA7 SIGNORA THATCHER
13.30 TG1 sioni private, per passare poi alla 16.50 HAWAII FIVE-0 gerla a fare qualsiasi cosa PER LA FELICITÀ Informazione 1989. In una cittadina mineraria
14.00 TG1 ECONOMIA Rai dove partecipò prima alla tra- 17.45 TG2 FLASH L.I.S. 14.00 TG REGIONE 14.05 GRAZIE SIGNORA dello Yorkshire, la banda locale
14.10 VERDETTO FINALE smissione Il Barattolo 17.50 RAI TG SPORT 14.20 TG3 THATCHER composta dai minatori rimasti di-
15.15 LA VITA IN DIRETTA 18.15 TG2 14.50 TGR LEONARDO 16.15 ATLANTIDE soccupati a causa della chiusura
16.50 TG PARLAMENTO 18.45 NUMB3RS 15.00 TG3 LIS 17.25 MOVIE FLASH della miniera di carbone, riesce,
17.00 TG1 19.35 SQUADRA SPECIALE 15.30 LASSIE 17.30 THE DISTRICT trascinata dal leader Grimley, ad
17.10 CHE TEMPO FA COBRA 11 15.55 COSE DELL'ALTRO GEO 19.20 G’ DAY arrivare all’Albert Hall
18.50 L'EREDITÀ 20.30 TG2 17.40 GEO & GEO 21.05 RITORNO di Geppy Cucciari
20.00 TG1 21.05 SENZA TRACCIA 18.10 METEO 3 A COLD MOUNTAIN 20.00 TG LA7
20.30 QUI RADIO LONDRA 23.25 TG2 21.05 SENZA TRACCIA 19.00 TG3 America, 1860. Il soldato Inman, Informazione
20.35 SOLITI IGNOTI 23.40 THE MESSENGERS Un uomo, la cui figlia è sparita tre 19.30 TG REGIONE ferito in battaglia, intraprende un 20.30 OTTO E MEZZO
21.10 PREFERISCO IL PARADISO 21.10 PREFERISCO 01.05 TG PARLAMENTO anni prima, scompare a sua volta. 20.00 IN 1/2 H difficoltoso viaggio di ritorno per 21.10 L’INFEDELE
23.40 PORTA A PORTA IL PARADISO 01.15 PROTESTANTESIMO La squadra dell'FBI collega l'even- 20.20 BLOB tornare da Ada, la sua amata. 23.55 INNOVATION
01.15 TG1 NOTTE Gigi Proietti è San Filippo Neri, de- 01.45 METEO 2 to al tentativo dell'uomo di aiutare 20.35 UN POSTO AL SOLE Intanto la donna si ritrova a dover 00.30 TG LA7
01.45 CHE TEMPO FA finito "Il santo della gioia". Tutto 01.50 ITALIA SUL DUE una coppia di genitori a ritrovare il 21.05 RITORNO impedire, da sola, che la fattoria nformazione
01.50 QUI RADIO LONDRA ha inizio quando Filippo si trasferi- 03.45 SECONDO CANALE loro bambino A COLD MOUNTAIN del padre finisca in rovina 00.40 (AH)IPIROSO 21.10 L’INFEDELE
01.55 SOTTOVOCE sce a Roma per chiedere ad Igna- 04.10 UNIVERSITÀ TELEMATICA 23.40 THE MESSENGERS 00.00 TG3 LINEA NOTTE 01.15 GANGSTER STORY 01.35 PROSSIMA FERMATA Gad Lerner propone uno sguardo
02.25 RAI EDUCATIONAL zio di Loyola di poter partire in INTERNAZIONALE I Salomon si trasferiscono nel 00.10 TG REGIONE Appena uscito da una lunga de- Approfondimento critico e autorevole sull'attuale si-
RITORNO AL PRESENTE missione. Il protagonista, avrà UNINETTUNO North Dakota per allontanarsi dalla 01.00 METEO 3 tenzione in prigione, Jack Martin 01.50 G’ DAY tuazione politica. Come sempre gli
02.55 MILLE E UNA NOTTE l'occasione di conoscere ragazzi 04.55 CONSERVAZIONE, frenetica vita cittadina di Chicago. 01.05 FUORI ORARIO finisce in una piccola cittadina do- 02.25 MOVIE FLASH ospiti in studio, esperti di vari set-
CINEMA vagabondi per le strade ai quali RESTAURO E GESTIONE Ma la nuova magione nasconde COSE (MAI) VISTE ve mette a segno un'ingegnosa 02.30 OTTO E MEZZO tori, politici, intellettuali si con-
04.50 DA DA DA deciderà di dare una mano DEI BENI CULTURALI un inaspettato segreto 01.15 GANGSTER STORY rapina in banca 03.10 LA7 COLORS frontano su temi di attualità

CANALE5 ITALIA1 RETE4 tv locali


tv locali
06.00 PRIMA PAGINA segnaliamo segnaliamo 06.35 TGCOM24 segnaliamo
07.55 TRAFFICO
13.40 BEAUTIFUL
06.05 TRUE JACKSON
Sitcom 06.55 ZORRO
12.00 DETECTIVE IN CORSIA
AntennaSicilia Telecolor Italia 7
08.00 TG5 MATTINA 06.50 CARTONI ANIMATI 09.45 UNA MAMMA PER AMICA Telefilm 6.25 MADDALENA Telenovela 6.45 DIAMOND Telefilm
08.40 LA TELEFONATA DI Hope è accanto a Liamquando in La rottura con Lorelai per Luke è 07.05 TGCOM24 Al Community General Hospital 7.00 SICILIA MATTINA in diretta.
08.30 UNA MAMMA PER AMICA 7.30 TELECOLORISSIMI
BELPIETRO ospedale si sveglia dal coma, e i quasi tragedia, trascura il lavoro e 07.25 STARSKY E HUTCH viene ricoverata un'affascinante Ad Alessandra D’Antona e 8.30 TELEVENDITE
due giovani si confermano inna- Serie Tv
08.50 MATTINO CINQUE strapazza i clienti. Lorelai si fa co- Telefilm ragazza che sostiene di soffrire di Valentina Lo Piero è dato il 11.00 TELECOLORISSIMI
morati l'uno dell'altro. Intanto Bill 09.00 TGCOM24
09.55 GRANDE FRATELLO raggio con dosi massicce di vec- 08.20 HUNTER amnesia. La giovane in realtà è un compito di dare il buongiorno 12.50 SUPERVERGATO SHOW
conduce Amber a Malibù, dove ha 09.45 UNA MAMMA PER AMICA
10.00 TG5 chi film, mentre Sookie cerca di 09.40 DETECTIVE MONK killer a cui è stato commissionato televisivo ai telespettatori di AS. 13.20 OROSCOPO
acquistato una villa sul mare ap- 10.35 GREY'S ANATOMY
10.05 MATTINO CINQUE distrarla come può 10.50 RICETTE DI FAMIGLIA un omicidio In redazione Giorgia Mosca, Sara 13.30 PRIMALINEA TG
parentemente per darle un luogo 12.25 STUDIO APERTO Rossi e Antonio Spitaleri ci danno 14.00
11.00 FORUM 13.00 STUDIO SPORT 11.30 TG4 SHOPPING
13.00 TG5 in cui vivere, ora che la sua casa 12.00 DETECTIVE IN CORSIA le notizie di agenzia e ci 15.00 TELEVENDITE
mobile è bruciata 13.40 I SIMPSON presentano una rassegna delle
Informazione 14.35 WHAT'S MY DESTINY 13.00 LA SIGNORA IN GIALLO 19.30 PRIMALINEA TG
18.50 THE MONEY DROP notizie del nostro quotidiano La 20.00 SHOPPING
13.40 BEAUTIFUL DRAGON BALL 13.50 IL TRIBUNALE Sicilia e delle prime pagine delle 20.50
14.10 CENTOVETRINE Al via il nuovo quiz preserale con- DI FORUM CORNER - La trasmissione del
dotto da Gerry Scotti. In palio ogni 15.00 BIG BANG THEORY edizioni provinciali. E ancora
14.45 UOMINI E DONNE 15.10 HAMBURG DISTRETTO 21 giorno dopo. A giochi fatti gli
sera ci sarà un montepremi di 1 15.35 NO ORDINARY FAMILY tante rubriche: il meteo,
16.15 AMICI 16.15 SENTIERI approfondimenti della domenica
16.25 LA VITA SECONDO JIM l’Almanacco del giorno, gli
16.55 POMERIGGIO CINQUE milione di euro in banconote poste 17.00 COMMISSARIO CORDIER appuntamenti, la ricetta del calcistica, le analisi della gara
di fronte ai concorrenti che 16.50 GIOVANI CAMPIONESSE
18.05 TG5 MINUTI 21.10 C.S.I. NEW YORK 18.55 TG4 21.10 SPEED giorno, i filmati strani del web e i del Catania. In studio, ospiti di
giocheranno in coppie 17.45 DRAGON BALL Angelo Patanè, tecnici, calciatori
18.10 POMERIGGIO CINQUE Il nuovo membro della squadra, Jo 19.35 TEMPESTA D'AMORE Un supercriminale di Los Angeles vocaboli siciliani.
18.30 STUDIO APERTO e dirigenti sportivi.
18.50 THE MONEY DROP Danville, e' una ex agente dell'FBI 20.30 WALKER TEXAS RANGER con sofisticate apparecchiature 8.05 PANTANAL
19.00 STUDIO SPORT 22.20 OROSCOPO
Gioco a premi e viene catapultata immediata- 21.10 SPEED tecnologiche mette su un autobus 8.45 TELEVENDITE
19.25 DR HOUSE 22.30 PRIMALINEA TG
20.00 TG5 mente nel suo nuovo lavoro con il 23.35 I BELLISSIMI DI R4 di linea, con quindici passeggeri a 13.15 MADDALENA Telenovela
MEDICAL DIVISION 14.00 TG LA SICILIA 23.00 TELECOLORISSIMI
Informazione caso di una giovane donna, il cui 23.40 RESA DEI CONTI bordo, un congegno che esplode
20.20 C.S.I. SCENA DEL CRIMINE 14.30 PANTANAL Telenovela 24.00 PRIMALINEA TG
20.30 STRISCIA LA NOTIZIA corpo viene ritrovato al trenta- A LITTLE TOKIO se il veicolo scende sotto gli 80
21.10 C.S.I. NEW YORK 15.40 TELEVENDITE
21.10 GRANDE FRATELLO quattresimo piano dell'edificio che 01.15 TG4 NIGHT NEWS km orari
23.00 WHITE COLLAR
00.30 MAI DIRE GRANDE FASCINO CRIMINALE ospita il laboratorio della scientifi- 01.35 VIVERE MEGLIO 23.40 RESA DEI CONTI
A LITTLE TOKIO
17.00
19.00
K-2 Programma per ragazzi
TELEVENDITE Video3
FRATELLO 00.50 MODAMANIA ca di New York ANTEPRIMA 20.15 TG LA SICILIA 7.25 HELP Cartoon
01.15 TG5 NOTTE 21.10 GRANDE FRATELLO 23.00 WHITE COLLAR 01.45 VIVERE MEGLIO Nel quartiere di Little Tokyo a Los
Nuova puntata del Reality condot- 01.25 POKER1MANIA 20.55 INSIEME - Presenta Salvo La 9.30 TELEVENDITE
01.45 STRISCIA LA NOTIZIA In seguito alla morte di Kate, l'ac- 03.05 TARZAN NELLA VALLE Angeles sono approdati dal Giap- Rosa, regia di Natale Zennaro.
to da Alessia Marcuzzi. I concor- 02.15 STUDIO APERTO LA 11.50 POLIZIOTTI CON IL CUORE
02.05 UOMINI E DONNE cordo di Neal con l'FBI e il posto di DELL'ORO pone gli yakuza. I terribili mafiosi 23.30 TG LA SICILIA 12.30 DIAMOND Telefilm
renti della Casa sono stati criticati GIORNATA
03.45 AMICI lavoro di Peter sono a rischio e per 04.35 PESTE E CORNA sono ben decisi a imporre sul 0.05 URBAN WEEK 12.40 SHOPPING
per gli atteggiamenti sopra le ri- 02.30 HIGHLANDER
04.25 GRANDE FRATELLO provare di essere ancora validi in- 04.40 NONNO FELICE quartiere la loro legge e i loro traf- 0.50 INSIEME (replica) 13.00 DIAMOND Telefilm
ghe: la conduttrice, coadiuvata in Telefilm
04.35 STILL STANDING vestimenti, devono mettere le ma- 05.15 TG4 NIGHT NEWS fici dopo aver eliminato il boss lo- 13.50 SUPERVERGATO SHOW
studio da Alfonso Signorini, ne 03.30 BOOM
05.15
05.40
TG5 NOTTE
METEO 5 NOTTE parlerà con i ragazzi 05.30 TRUE JACKSON
Sitcom
ni su un brillante rapinatore di
banche chiamato l'Architetto
05.35 PESTE E CORNA
05.40 GIORNALISTI Telefilm
cale. I poliziotti però tenteranno di
impedirglielo TelEtna 14.30 PRIMALINEA TG
15.00 POLIZIOTTI CON IL CUORE
7.30 7 DÌ ANTENNA 16.00 TELEVENDITE
7.55 TG SPORT
tv satellite 8.00 SALASTAMPA A cura della
10.00
redazione sportiva
VIDEO NATURA
19.10 SUPERVERGATO SHOW
20.00 SHOPPING
20.30 PRIMALINEA TG
12.50 PART TIME 20.50 POLIZIOTTI CON IL CUORE
21.30 DIAMOND
Ragazzi
13.35 VIDEO NATURA
Sport&News MATTINA 14.05 BORGO ITALIA I sapori delle
nocciole - Alla scoperta
23.30 PRIMALINEA TG

14.15 NUOTO: EUROPEI VASCA 10.45 PROVA A VOLARE le di un importante processo contro le multi- denti. 14.25 THE REGULAR SHOW dell’ambiente e della natura
CORTA Eurosport SKY CINEMA FAMILY nazionali del tabacco. La sua vita viene di- 12.20 THE LAST SONG Cartoon Network italiani, soffermandosi su un
prodotto coltivato in molte
TSCRete8
15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN Una sedicenne, costretta a sposarsi perché è strutta e, solo un giornalista gli restera' ac- SKY CINEMA FAMILY 14.25 SO RANDOM!
province meridionali ma anche in 14.35 TG8 Informazione
Sky Sport 1 rimasta incinta, decide di fuggire il giorno del canto. Tre anni dopo la separazione dei genitori, Disney Channel
Piemonte: la nocciola, conosciuta 15.30 TG8 SALUTE Rubrica medica
15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA matrimonio. La sua vita migliorerà. 11.30 MATRIMONIO IN FAMIGLIA Ronnie rivede suo padre in un turbinio di 14.40 ADVENTURE TIME 19.55 TG8 Informazione
sin dai tempi degli antichi romani
Sky Sport 1 10.45 INSIDER SKY CINEMA 1 emozioni. Cartoon Network che lo offrivano agli sposi come 22.30 PUNTO D’INCONTRO
16.00 PATTINAGGIO ARTISTICO: DIETRO LA VERITÀ 13.15 A LEZIONE 14.45 A DANZA CON VANESSA simbolo di fecondità. 22.45 VIAGGIO NEI QUARTIERI
Una coppia di promessi sposi è alle prese con
GRAND PRIX Eurosport Rai YoYo 15.00 TG LA SICILIA Intrattenimento
STUDIO UNIVERSAL i deliri dei rispettivi e avidi genitori. DA LEONARDO PIERACCIONI
16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 14.50 ADVENTURE TIME 15.25 SALASTAMPA 23.00 TG8 Informazione
Un ex dirigente della Brown & Williamson de- 11.45 PANDORUM SKY CINEMA 1 Cartoon Network
Sky Sport 1 17.35 MADDALENA Telenovela
cide di rilasciare un'intervista nella quale L'UNIVERSO PARALLELO Lezione di cinema con l"amato regista e at- 14.50 TARATABONG Rai YoYo 18.00 PANTANAL Telenovela
16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO
svela i retroscena che stanno dietro alla pro- SKY CINEMA MAX tore toscano che ripercorre la sua fortunata 14.55 PHINEAS & FERB 18.45 PART TIME
Sky Sport 1
16.30 GOLF: DUBAI WORLD duzione ed alla manipolazione chimica del ta- Due astronauti si risvegliano da soli nella lo- carriera, fra battute spassose e materiale Disney Channel 19.35 RITMO IN TOUR TeleJonica
CHAMPIONSHIP Sky Sport 2 bacco. L'uomo diventa il testimone principa- ro astronave e fanno delle scoperte sorpren- inedito. 15.00 LEONE IL CANE FIFONE 20.35 BORGO ITALIA 14.10 TG8 Informazione
Cartoon Network 21.30 TG LA SICILIA 19.00 TG8 Informazione
17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI
Sky Sport 1 POMERIGGIO 15.00 WONDER PETS Rai YoYo 22.00
22.25
MADDALENA Telenovela
PANTANAL Telenovela
20.30 VIAGGIO NEI QUARTIERI
17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS 15.15 LA PANTERA ROSA 21.00 TG8 SALUTE Rubrica medica
14.10 Z LA FORMICA Dopo aver consultato solo per gioco un indo- 17.25 DOUBLE IDENTITY Boomerang 23.05 RELITTI DI SICILIA 22.30 TG8 Informazione
Sky Sport 1 24.00 SUPERPASS
SKY CINEMA FAMILY vino, un uomo dovrà cambiare il proprio de- SKY CINEMA MAX 15.15 LEONE IL CANE FIFONE 0.05 SEVEN SHOW Varietà
18.30 BIATHLON: COPPA DEL 0.30 TG LA SICILIA
MONDO Eurosport Una formica cerca di distinguersi e si mette stino. In Cecenia, un medico decide di aiutare una Cartoon Network 1.00 SALASTAMPA (replica)
19.30 BILIARDO: SNOOKER nei guai, ma riuscirà a salvare il suo formi- 15.55 HAVANA misteriosa donna a fuggire dal suo aggres- 15.20 LIFE BITES Disney Channel
Eurosport caio. STUDIO UNIVERSAL sore. 15.30 PEPPA PIG Rai YoYo
21.00 GOLF: DUBAI WORLD 14.15 IL MATRIMONIO Cuba 1958. Negli ultimi giorni della feroce dit- 18.45 MASCHI CONTRO FEMMINE 15.35 I MAGHI DI WAVERLY
Cinema

Disney Channel
CHAMPIONSHIP Sky Sport 2
22.30 SALTO CON GLI SCI: COPPA
DEL MIO MIGLIORE AMICO
SKY CINEMA 1
tatura di Fulgencio Batista un giocatore pro-
fessionista di poker s'innamora della moglie
SKY CINEMA 1
Interviste e curiosità dal set di "Maschi con- 15.35 POCOYO Rai YoYo la radio
DEL MONDO Eurosport 15.40 BEYBLADE Cartoon Network
23.00 VOLLEY:
Julia Roberts lotta per riavere un suo ex, che
sta per sposare la bella Cameron Diaz.
di uno dei capi della resistenza. .
16.25 THE ROCK
tro femmine", l"ultima spumeggiante com-
media di Fausto Brizzi con Nicola Vaporidis,
15.45 DIXILAND Rai YoYo
15.50 MUSTI Rai YoYo
RADIO1 RADIO2
ITALIA - GERMANIA 15.35 L'ULTIMO DOMINATORE SKY CINEMA 1 Claudio Bisio, Paola Cortellesi e Fabio De • 06.00 GR1 • 06.10 HALLO ITALIA! LA • 07.20 RADIO2 SUPERMAX FLASH • 07.30
Sky Sport 2 16.00 A TUTTO RITMO Disney SVEGLIA DI RADIO1 • 07.00 GR1 • GR 2 • 07.53 GR SPORT • 08.00 IL RUGGI-
DELL'ARIA Un agente dell"Fbi e un ex detenuto devono Luigi. 07.20 GR REGIONE • 07.35 UN'ESTATE TO DEL CONIGLIO • 08.30 GR 2 • 08.38 SE-
SKY CINEMA FAMILY sventare il folle piano dinamitardo di un re-
Documentari Un bambino dai poteri straordinari deve fer-
mare una sanguinosa guerra tra quattro fa-
duce.
17.20 THE TWILIGHT SAGA: ECLIPSE
18.45 STREGATA DALLA LUNA
STUDIO UNIVERSAL
La vedova Loretta, più per ragionamento che
Intrattenimento FA • 08.00 GR 1 • 08.30 SEGUE UN'E-
STATE FA • 09.00 GR 1 • 09.05 RADIO
ANCH'IO • 10.10 START • 11.00 GR 1 •
GUE IL RUGGITO DEL CONIGLIO • 10.00 IO
CHIARA E L'OSCURO • 10.30 GR 2 • 11.00
RADIO2 SUPERMAX • 12.30 GR 2 • 12.48
11.55 PERMESSO DI SOGGIORNO • GR SPORT • 13.00 28 MINUTI • 13.30 GR 2
14.55 MEGAFABBRICHE zioni. SKY CINEMA FAMILY per amore, sposerà Johnny Cammareri, ma 14.35 N.C.I.S Fox Crime 12.00 GR1 • 12.05 GLI AFFARI • 12.35 • 13.35 UN GIORNO DA PECORA • 15.00
CORVETTE 15.40 PRESAGIO FINALE Mentre infuria la battaglia fra vampiri e lupi quando conosce Rony, il futuro cognato, è 14.50 I SIGNORI DELLA FUGA Fox BUONA CONDOTTA • 13.20 A TUTTO COSI PARLO' ZAP MANGUSTA • 15.15 OT-
National Geographic SKY CINEMA MAX mannari, Bella è contesa da Edward e Jacob. passione a prima vista. 15.30 LAW & ORDER: UNITÀ CAMPO • 13.25 GIAN VARIET • 14.00 TOVOLANTE • 15.30 GR 2 • 16.00TAXI DRI-
15.10 DOV'È HITLER? SPECIALE Fox Crime GR 1 • 14.05 CON PAROLE MIE • 14.45 VER • 16.30 GR 2 • 17.00 610 (SEI UNO
NO COMMENT • 15.05 SEGUE NO COM- ZERO) • 18.00 CATERPILLAR • 19.30 GR 2
The History Channel
16.05 LA STORIA SPORCA DI
SERA 15.45 LA VITA SECONDO JIM Fox
16.10 TUTTO IN FAMIGLIA Fox MENT • 15.35 BAOBAB L'ALBERO DEL- • 19.44 GR SPORT • 19.50 DECANTER •
LE NOTIZIE • 16.05 SEGUE BAOBAB 20.53 ITALIA150.BAZ • 21.00 MOBY DICK •
PARIGI The History Channel 16.25 LIFE ON MARS Fox Crime L'ALBERO DELLE NOTIZIE • 17.00 GR 1 22.30 GR 2 • 22.40 RAI TUNES • 00.00 ITA-
21.00 ADÈLE E L'ENIGMA DEL FARAONE Ronnie rivede suo padre in un turbinio di china del tempo, Dolf si unirà ad una crocia-
16.55 DOG WHISPERER 16.40 90210 Fox • 17.05 LE STRADE DEL TOUR • 17.20 LIA150.BAZ • 00.05 EFFETTO NOTTE
SKY CINEMA FAMILY emozioni. ta. RADIO 1 SPORT • 17.40 LIDO LAURA •
National Geographic 17.20 N.C.I.S Fox Crime
17.00 GLI EROI DEL GHIACCIO
The History Channel
Le surreali avventure sentimentali di una ra-
gazza parigina, tra spasimanti e strane crea-
22.55 THE EXPERIMENT - CERCASI CA-
VIE UMANE
00.55 FAR CRY
SKY CINEMA MAX
17.35 I SIMPSON Fox
18.15 CRIMINAL MINDS Fox Crime
18.10 SEGUE LIDO LAURA • 19.00 GR 1
• 19.30 ASCOLTA SI FA SERA • 19.35 RADIO3
SKY CINEMA MAX Un medico vuole trasformare i soldati in mac- LA MEDICINA • 19.40 ZAPPING • 20.45 • 06.01 QUI COMINCIA • 06.45 GR 3 •
17.55 INDAGINI AD ALTA QUOTA ture. 18.30 TUTTO IN FAMIGLIA Fox ZONA CESARINI • 22.00 GR 1 • 23.00 06.50 RADIO3 MONDO • 07.15 PRIMA
National Geographic 21.00 PREDATORS Un ex reporter accetta di partecipare ad un chine da guerra; Jack Carver deve fermarlo. 18.55 LA VITA SECONDO JIM Fox GR 1 • 23.05 DEMO • 23.20 UOMINI E PAGINA • 08.45 GR 3 • 09.00 PAGINA 3
18.00 A CACCIA DI MOSTRI: SKY CINEMA MAX esperimento credendo di aver trovato uno 01.05 IL TRONO DI SPADE 19.10 C.S.I. - 100% GRISSOM CAMION • 23.35 SUONI D'ESTATE • • 09.30 PRIMO MOVIMENTO • 10.10
L'UOMO FALENA Su un pianeta sconosciuto, un gruppo di scoop. SKY CINEMA 1 Fox Crime 00.00 IL GIORNALE DI MEZZANOTTE TUTTA LA CITTà NE PARLA • 10.45 GR 3
The History Channel 23.00 L'IMMORTALE Ned deve vegliare sul futuro erede al Trono di 19.20 LIE TO ME Fox • 10.50 CHIODO FISSO • 11.30 RADIO3
mercenari vengono catturati da misteriosi MONDO • 12.00 IL CONCERTO DEL MAT-
18.55 MEGASTRUTTURE: alieni. SKY CINEMA 1 Spade. Ma Cersei ha già preparato un piano 20.05 C.S.I. MIAMI Fox Crime TINO • 13.00 LA BARCACCIA • 13.45 GR
BATTAGLIA NAVALE Un padrino decide di chiudere con il passato, diabolico 20.10 I SIMPSON Fox 3 • 14.00 TRE COLORI • 14.30 ALZA IL
21.10 FEMMINE CONTRO MASCHI
National Geographic ma il viaggio di redenzione è pieno di insidie. 02.00 IL TRONO DI SPADE 21.00 I SIGNORI DELLA FUGA Fox VOLUME • 15.00 FAHRENHEIT • 16.45
SKY CINEMA 1 21.00 CRIMINAL MINDS Fox Crime GR 3 • 16.55 SEGUE FAHRENHEIT •
19.00 A CACCIA DI TESORI: PROVA 23.40 CUORI RIBELLI SKY CINEMA 1
DI CORAGGIO Le storie di tre coppie si intrecciano in un gro- 21.50 I SIGNORI DELLA FUGA Fox 18.00 SEI GRADI • 18.45 GR 3 • 19.00
The History Channel viglio di malintesi sulle note dei Beatles.
21.22 LA MIA VIA
STUDIO UNIVERSAL
Joseph Donnelly, giovane irlandese di belle
Lo scontro tra gli Stark e i Lannister è ormai
inevitabile: mentre il giovane Robb Stark è
21.55 CRIMINAL MINDS Fox Crime RADIO SIS HOLLYWOOD PARTY: CINEMA ALLA RADIO
• 20.30 SEGUE RADIOTRE SUITE- IL CAR-
19.55 MEGAFABBRICHE 22.45 AMERICAN HORROR STORY • 09.00 HIT ITALIA CLASSIFICA CON F. TELLONE • 22.50 SEGUE RADIOTRE SUI-
SUPER CARAVAN STUDIO UNIVERSAL speranze, ma nessuna sostanza, fugge in deciso a marciare verso Approdo del Re con Fox ZAPPALÀ • 10.00 WEEK END SIS CON D. TE • 00.00 BATTITI
Grazie alle sue doti musicali, padre O'Malley America con Shannon, bella ereditiera dalle un esercito per raggiungere il padre e le so- 22.50 N.C.I.S Fox Crime MANNINO • 13.00 CATTIVE FREQUENZE
RADIOTELECOLOR
National Geographic
20.00 AFFARI DI FAMIGLIA: ABITO riuscirà a risollevare le sorti economiche del- aspirazioni anticonvenzionali. relle, Tywin Lannister passa all’azione per 23.35 I GRIFFIN Fox IL MEGLIO CON G. ASTORINA. P. MILAZ-
00.45 DOLF E LA CROCIATA proteggere la sua famiglia. Intanto i Dothraki 23.45 C.S.I. - 100% GRISSOM ZO • 15.00 HIT ITALIA CLASSIFICA CON
DEL COLONNELLO la sua parrocchia. . F. ZAPPALÀ • 16.00 DISCO SHAKE •
The History Channel DEI BAMBINI schiavizzano una tribù selvaggia, ma solo Fox Crime • 07.00 NANDO SPILOTRI • 09.00
22.55 THE LAST SONG 18.00 HIT SIS CON F. ZAPPALÀ • 20.00 ROBERTA LUNGHI • 12.00 CLAUDIO
20.30 AFFARI DI FAMIGLIA: SKY CINEMA FAMILY SKY CINEMA FAMILY l’intervento di Daenerys puà evitare ulteriori 00.00 I GRIFFIN Fox AIRPLAY (HEAVY ROTATION NO STOP) • FALLICA • 15.00 DIFFUSIONE NO
TUTTI IN BICI Tre anni dopo la separazione dei genitori, Bloccato nel Medioevo a causa di una mac- violenze. 00.30 AMERICAN DAD Fox 23.00 SOULSEARCHING - COMPO- STOP SOLO GRANDI SUCCESSI
The History Channel 00.40 DEXTER Fox Crime STRADIO SHOW CON MICHEAL RUTTER • 17.00 CRISTIANO DI STEFANO
15ª giornata Serie A I L PUNTO

sport
Risultati Classifica Prossimo turno

Atalanta-Catania 1-1 Udinese 30 Roma 17


18-12-2011

Chievo-Cagliari 17/12 ore 18


CARATTERE
Bologna-Milan

Cagliari-Parma
2-2
0-0
Juventus

Milan
29
28
Parma

Atalanta (-6)
17
16
Fiorentina-Atalanta 17/12 ore 20.45

Milan-Siena 17/12 ore 20.45


E GRANDE
Inter-Fiorentina 2-0 Lazio 28 Fiorentina 16 Catania-Palermo ore 15 CUORE
Lecce-Lazio 2-3 Napoli 21 Chievo 16 Cesena-Inter ore 15
GIANFRANCO TROINA
Palermo-Cesena 0-1 Palermo 20 Bologna 15 Genoa-Bologna ore 15

A
lla fine il Catania si tiene stretto
Siena-Genoa 0-2 Genoa 18 Siena 14 Juventus-Novara ore 15
il pareggio, ma (molti ma) ha di

lunedì
Udinese-Chievo 2-1 Catania 18 Cesena 12 Parma-Lecce ore 15 che recriminare per quel che si
è visto agli «Azzurri d’Italia» con un pe-

12 I 12 I 2011 Novara-Napoli 1-1 Cagliari

Roma-Juventus oggi 20.45 Inter


18
17
Novara

Lecce
11
8
Lazio-Udinese

Napoli-Roma
ore 20.45

ore 20.45
santissimo cartellino rosso per doppia
ammonizione ad uno Spolli tanto gene-
roso quanto ingenuo.
ANSA-CENTIMETRI E giocarsi quarantacinque minuti con
l’uomo in meno non era proprio facile
su un campo come quello dell’Atalanta,

UN PUNTO
Atalanta-Catania 1-1. Solo in dove in molti ci hanno lasciato le pen-
ne. E così, messo alle strette, il Catania
inferiorità numerica, i rossazzurri ha dovuto fare buon viso a cattivo gio-
co portandosi via solo un punto, quan-
soffrono il ritorno dell’Atalanta do invece aveva dimostrato di aver sog-
giocato la Bergamasca di Colantuono e
l’aveva trafitta con un volo angelico di

MA CHE
!
Legrottaglie su un cross perfetto (toh,
finalmente) di capitan Marchese.
Un vantaggio strameritato con Almiron
in grande spolvero, un Barrientos dina-
mico, un Maxi Lopez pungente che vin-
ceva alla grande il duello a distanza col
capocannoniere Denis. Insomma un

RABBIA
Catania perfetto quello che Montella
aveva organizzato, ma poi ci metteva il
dito l’arbitro Giannoccaro con una de-
cisione frettolosa che inguaiava i ros-
sazzurri. Spolli out e a quel punto il
bunker rossazzurro tentava di non far-
si bucare dal bombardamento conti-
nuo degli atalantini.
Ovvio che, dai e dai, alla prima imper-
fezione potesse arrivare il pari. Così era,
ma il gran merito del Catania era quel-
lo di restare a galla nonostante tutto
mostrando il suo carattere con grande
Catania in gol con Legrottaglie determinazione. Dalla possibile vittoria
si passava ad un pari strameritato ma

poi rosso ingiusto a Spolli


sudatissimo.
Fossero arrivati i tre punti il Catania si
sarebbe presentato a quota venti nel

e l’Atalanta raggiunge il pari


derby di domenica col Palermo al Ciba-
li, invece i rosanero restano due punti
avanti. Sarà un derby non ad altissima
La corsa di Legrottaglie
dopo il gol del
momentaneo 1-0
Il difensore salterà il derby quota, ma una partitissima siciliana di
buon livello ai margini della zona Euro-
pa, ma senza voli pindarici c’è da pen-
[foto Filippo Galtieri] sare più a guardasri alle spalle e salvar-
GIOVANNI FINOCCHIARO, CONCETTO MANNISI, MICHELE TOSTO DA PAG. 20 A PAG. 23 si su entrambi i fronti, piuttostto che
pensare a obiettivi... continentali.

Milan, un pari tra le polemiche


al Bologna manca un rigorissimo
E l’Udinese se la gode in testa da sola aspettando la Juventus
IL COMMENTO Il Milan frena, l’Udinese no. Anzi rilancia, sorpassa e si go-
de il primato in solitario. Le emozioni non mancano nel tur-
JUVE PER LA VETTA, ROMA PER EVITARE LA CRISI no domenicale della serie A seppure in formato ridotto (so-
lo 4 gare): i rossoneri inciampano al Dall’Ara contro un Bo-
FILIPPO GRASSIA logna che ci ha messo gambe e cuore. Tra papere, rigori da-
ti e reclamati e proteste (super lavoro per l’arbitro Rocchi),

B
ando alla retorica e al minimalismo, l’Udi- ha chiuso gli occhi su un altro mani di Morleo e i campioni d’Italia devono accontentarsi di un 2-2 che li la-
nese gioca da grande e parla da grande non ha punito il fuorigioco attivo di Pato nell’azio- scia a due punti dalla vetta. Quella che l’Udinese di Guido-
senza nascondersi dietro falsi paraventi. ne conclusasi con il rigore di Ibrahimovic. lin si gode, almeno per una notte, in attesa del big match di
Che qualcosa sia cambiato nell’immaginario del Il Milan ha giocato a corrente alternata, bene in at- questa sera all’Olimpico tra Juve e Roma. Nel posticipo pa-
clan friulano, lo s’è capito alla fine della partita tacco, male in difesa, mentre il Bologna, dopo ri tra Novara e Napoli. servizi e commenti PAG. 24/25
vinta sul Chievo. Quando Guidolin ha festeggiato aver raggiunto il 2-2 con Diamanti, ha mancato
il successo, come se avesse tagliato per primo il due occasioni nel finale. Non c’è da stupirsi. Da
traguardo della Milano-Sanremo, in un’ammuc- quando c’è Pioli, la squadra rossoblù ha fatto pas-
chiata mai vista da quelle parti. L’ha spiegato lo si da gigante: in tre giorni ha costretto la Juventus RUGBY, IMPREVISTO IERI AL GORETTI ARGENTO ANCHE PER L’ALTRO ETNEO GALVAGNO
stesso tecnico che guarda lontano, con un’ambi- ai supplementari in Coppa Italia e il Milan a una
zione finalmente confessata: «Quello che più mi partita complicata al Dall’Ara. Allegri c’è rimasto
inorgoglisce è il vantaggio sulla quinta, non pen-
savo che fosse così importante a questo punto del
malissimo. Ma i suoi fanno fatica quando si alza il
ritmo per la scarsa propensione alla corsa di Aqui-
L’Amatori batte Milano Andrea Punzio sfiora l’oro
ai tricolori dilettanti di boxe
campionato. Se Milan e Juventus sono favorite lani, Seedorf e soprattutto Van Bommel. Ecco per-
nella corsa allo scudetto, come io penso, noi e la
Lazio possiamo batterci per il terzo posto».
ché ai rossoneri servirebbe un centrocampista
più che una punta.
con strip tease finale
Insomma l’Udinese ci crede, non è più un’outsider Ed eccoci alla sfida di stasera che oscilla fra le vo-
e basta, è una solida realtà: ne tengano conto le ri- glie di primato della Juventus e le paure d’una gra- SERVIZIO PAG. 41 SERVIZIO PAG. 41
vali che pensavano di ritrovarla sul ciglio della ve crisi per la Roma. La squadra bianconera accu-
strada con le gomme a terra. Ieri pomeriggio ha sa l’assenza di Vucinic, ai box per un infortunio
dominato il Chievo fino alle battute finali in cui ha muscolare, e ripresenta Marchisio, bloccato dal
corso qualche rischio. Nelle prossime due partite giudice sportivo con il Cesena e autore di un gran
capirà tutto di se stessa: domenica sul campo gol in Coppa Italia, il suo valore aggiunto. Fuori il Prima Divisione. Gli azzurri pareggiano a Lanciano e restano in vetta
della Lazio, mercoledì contro la Juventus nel recu- montenegrino, Conte cambia modulo schierando
pero della prima giornata rinviata per lo sciopero Estigarribia e Pepe ai fianchi di Matri. Una sola
dei calciatori. Una specie di esame di laurea. Con
il folletto Di Natale voglioso di guadagnarsi la
punta, direte. Ma i compagni vanno spesso e vo-
lentieri in gol. A cominciare da Marchisio che for- Siracusa, che peccato
sfuma la vittoria
maglia azzurra: «Lui davanti e i compagni dietro, ma con Vidal e Pirlo il miglior pacchetto di centro-
come nell’Udinese», il consiglio inviato a Prandel- campo. E pensare che Delneri e Lippi lo schierava-
li. no esterno di sinistra, fuori ruolo insomma.

a pochi minuti dal 90’


In attesa di Roma-Juventus, che si giocherà stase- La Roma, invece, è costretta a fare i conti con le
ra in omaggio alle regole televisive, la squadra squalifiche di Bojan, Juan e Gago, gl’infortuni di
friulana mantiene i due punti di vantaggio sulla Borini, Pizarro. Burdisso, Kjaer e Cassetti, l’idiosin-
Lazio, vittoriosa a Lecce con un grande Klose, e ne crasia del tecnico nei confronti di Borriello. In
guadagna altrettanti sul Milan, fermato sul pari a avanti Osvaldo, dopo la squalifica interna per lo Marcia alla grande il Siracusa che a Lanciano, sul campo di una rivale di-
Bologna. L’occasione perduta manda parzialmen- schiaffo a Lamela, farà coppia proprio con il giova- retta, raccoglie un pareggio, ma si morde le mani perchè sino a qualche
te all’aria la tabella stilata da Allegri per guadagna- ne argentino. Alle loro spalle, udite udite, Totti. I ri- minuto dalla fine la squadra di Sottil era in vantaggio (gol del solito bra-
re la testa della classifica prima di Natale o subi- schi sono tutti della Roma che non riesce a spec- vissimo Mancosu) vrebbe potuto incrementare il suo vantaggio in
to dopo le feste. Ma il risultato è corretto nono- chiarsi nelle idee di Luis Henrique e fra sette gior- classifica e preparare magari la fuga. Comunque una dimostrazione di
stante gli svarioni di Rocchi (ancora lui, fermate- ni sarà ospite del Napoli al San Paolo. O i gialloros- forza che la dice lunga sulle chances del Siracusa nella corsa verso la Se-
lo) che ha negato un rigore per parte (fallo di si si danno una mossa oppure rischiano. La pan- rie B, anche perchè alle sua spalle le altre arrancano. Comunque bella
Mudingay su Aquilani, mani evidente di Seedorf), china non è granché salda. vittoria del Trapani che ieri ha battuto il Sudtirol. SERVIZI PAG. 26
18. LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

20. CALCIO NAZIONALE

ATALANTA-CATANIA 1-1 Punto d’oro. In vantaggio con


Legrottaglie, gli etnei hanno
la partita comunque resistito 50 minuti in 10
prima del pari, difeso poi sino al 90’

Il Catania
vede rosso
Rabbia per l’ingiusta espulsione di Spolli
che permette ai nerazzurri di pareggiare
GIOVANNI FINOCCHIARO zione base, quello di Potenza sulla fa-
RETE: Legrottaglie al 19’ p.t. NOSTRO INVIATO scia destra, ora rinforzo della difesa,
Tiribocchi al 26’ s.t. ora uomo in più per le azioni dei cen-
ATALANTA: [4-4-1-1] Consigli; Masiel- BERGAMO. Eroici. Ci scappa un termine trocampisti.
lo, Ferri, Manfredini, Bellini (15’ s.t. che ci ricorda un urlo della nostra in-
Bonaventura); Schelotto, Cigarini, Car- fanzia quando, sopraffatti dalla calura Un po’ d’accademia
mona (5’ s.t. Tiribocchi), Padoin; Mo- estiva, sgranammo gli occhi dinanzi Il 4-4-1-1 dell’Atalanta sembra una
ralez (39’ s.t. Marilungo), Denis. alle imprese della Nazionale di Berzot. macchina ben oliata, Per quindici mi-
A disp.: Frezzolini, Bonaventura, Pelu- Il Catania non è l’Italia campione del nuti, gli uomini di Colantuono ese-
so, Raimondi, Minotti. Mondo, ma mette tutto il coraggio e guono gli ordini alla perfezione: gioco
All. Colantuono. l’amore di questo mondo per conser- sulle fasce, improvvise verticalizza-
CATANIA: [3-5-2] Andujar; Bellusci, Le- vare ora il vantaggio, poi l’uno a uno zioni, tocchi di prima, ordine e attac-
grottaglie, Spolli; Potenza, Almiron, finale. Un punto d’oro, conquistato chi ordinati, mirati. Il Catania di Mon-
Lodi (45’ s.t. Capuano), Delvecchio, nonostante i 50 minuti, recupero tella ha pazienza e aspetta. Aspetta e
Marchese; Lopez (22’ s.t. Bergessio), compreso, giocato in inferiorità nu- respinge, tenta di ripartire, quanto
Barrientos (32’ s.t. Sciacca). merica per via della cacciata ingiusta meno di crearsi lo spazio per affonda-
A disp.: Campagnolo, Gomez, Ricchiu- di Spolli. re i contropiede.
ti, Alvarez. All. Montella.
ARBITRO: Giannoccaro di Lecce (Nico- Rimaxi Tacco e rimorchio rimorchio arriva ancora lui, Nicola Le- rate a centrocampo è andato ad ab-
letti e Iori, quarto uomo Ostinelli). Un mese e mezzo dopo il match con la Sei minuti di prove: tiri da fuori (Al- grottaglie. Come a Novara, anche qui, bracciare tutta la panchina rossazzur-
NOTE: Spettatori quasi 14 mila (4058 Lazio, datato 29 ottobre, Maxi torna ti- miron e Potenza), tentativi al volo (Lo- a Bergamo, il colpo di testa è sotto la ra, baciando Pitu e Turi Libra, il mas-
paganti, 9658 abbonati). Espulso tolare. Non in tandem con Bergessio, di) dopo giocate corali e veloci parti- traversa. Vincente. saggiatore. Poi, in partita, proprio i
Spolli al 43’ p.t. per fallo su Denis (era bensì con il Pitu Barrientos. Coppia te dal piede di Barrientos, con la colla- due ex hanno dato vita a una sfida ru-
stato già ammonito), ammoniti Mar- inedita, se vogliamo, ma affiatata visto borazione di Almiron. Il Catania al 19’ Il Pelé di Barletta de. E se Delvecchio avesse segnato
chese, Carmona, Tiribocchi. Bellini per che avevano vissuto un’esperienza passa meritatamente in vantaggio. Applausi, sotto la curva, nel riscalda- (30’) in sforbiciata volante sullo stile
gioco pericoloso, Delvecchio per com- comune nella fredda, gelida, glaciale Dalla sinistra, zona bandierina, il col- mento per Delvecchio, vecchio cuore cinematografico di Pelè nell’epico film
portamento non regolamentare. Mosca. E il 3-5-2 di Montella, modu- po di tacco di Barrientos, spiana la atalantino, sì. Ma solo prima del via, al "Fuga per la vittoria"? Che peccato,
Recupero 2+3 lo confermatissimo, presenta altre no- strada per il cross millimetrico, di pri- pari di Schelotto che, ammirevole an- quel gesto avrebbe meritato sorte mi-
vità: il rientro di Delvecchio in forma- ma intenzione, griffato Marchese. A che il suo gesto, con le squadre schie- gliore.

Le pagelle rossazzurre di CONCETTO MANNISI

Legrottaglie, gol e non solo. Almiron straordinario. Marchese, che assist

6,5 6 7 6 6 6 6 7 6,5 6 6 6
ANDUJAR BELLUSCI LEGROTTAGLIE SPOLLI POTENZA DELVECCHIO LODI ALMIRON MARCHESE LOPEZ BARRIENTOS MONTELLA
Non deve fare Non la sua Conferma la Denis è cliente Gara di ben altra Combatte con Il playmaker ha le La spinta di Schelotto è Gara tutta cuore e Quando ha la palla Il Catania del primo
grandi cose nel migliore partita. crescita di assai difficile, ma sostanza rispetto spirito guerriero qualità per guidare Schelotto cliente determinazione, fra i piedi non sai tempo è quasi
primo tempo, ma Tiene condizione Nicolas lo a quella del dall’inizio alla fine il centrocampo ma costringe difficilissimo da che conferma mai quello che perfetto e ha la sola
offre la discretamente muovendosi con affronta con "Massimino" con del match. non sempre le Marchese a gestire, ma come Maxi abbia potrà inventarsi. colpa di non
sensazione di quando si tratta passo sempre più attenzione e il Chievo. Vero è Talvolta eccede dimostra. Un paio rinculare e l’ex l’esterno ritrovato passo e Talvolta, però, chiudere la partita.
attraversare un di chiudere, ma sicuro. Ciò lo determinazione, che in trasferta si con i suoi di alleggerimenti del Bari si trova rossazzurro voglia. Gli si può esagera in finte e Poi l’espulsione di
buon momento quando ha il aiuta anche commettendo un pensa più a interventi alla carlona fanno spesso con scarsa conferma di rimproverare finezze e si Spolli complica i
di forma. Pronto pallone fra i piedi quando si tratta errore grave difendere che ad scomposti, che sudare freddo i assistenza ai lati. essere atleta di qualche assist neutralizza da piani del tecnico
sulle uscite alte, sembra andare in di proporsi sui soltanto quando attaccare, ma portano compagni, però in Se ne lamenta affidamento: sbagliato per solo. Finisce che forse la grande
lascia un po’ difficoltà e calci da fermo, lo va a stendere a stavolta Potenza Giannoccaro a altre occasioni con Montella, ma sprinta, centimetri e, spompato per il colpa di non
troppo a sbaglia sia i come accade in centrocampo.Qu piace di più, fischiargli contro (specie nella ci mette il cuore e combatte e, soprattutto, un lavoro da esterno cambiare prima il
desiderare sui passaggi più occasione i rimedia il "giallo" anche se si a ripetizione, però ripresa) è prezioso. le gambe e, alla quando serve, contropiede non sinistro, in cui deve boccheggiante
rinvii di piede. elementari sia, dell’azione che che ne considera che in il suo in fase di Non quando fine, la sua prova piazza anche il finalizzato come contrastare. Non è Barrientos col
Nella ripresa dà quasi di vale il vantaggio condiziona la quel ruolo è pur rottura lo fa. spedisce alto da è da applausi. Col calcetto maligno. in momenti di compito suo. Catania in difficoltà.
sicurezza al conseguenza, rossazzurro. gara. La moviola sempre un Meno bene in fase posizione Catania in dieci, Peccato che in un fiducia avrebbe 6 SCIACCA Nel
reparto, quelli un po’ più Provvidenziale lo scagiona al adattato. di impostazione. favorevolissima. anzi, il suo lavoro caso scatti pure il certamente fatto. finale arrembante
risultando complicati. Un nel finale un suo momento Generoso quando SV CAPUANO è straordinario. giallo. Suo l’assist 6 BERGESSIO dei bergamaschi si
incolpevole sul passo indietro. intervento in dell’espulsione. gioco Una manciata di da applausi a Si batte, ma può guadagna la
gol. recupero. sull’esterno. secondi in campo. Legrottaglie. poco. pagnotta.

LE PAGELLE NERAZZURRE. Consigli fa gli straordinari. Tiribocchi parte in panca e diventa decisivo. Schelotto... quanto corre
7 CONSIGLI. Nel primo tempo nega la gioia del gol ai 5,5 BELLINI. Non è mai incisivo, si fa ammonire e 5,5 CARMONA. Partita del tutto incolore, infatti nella speranza di arpionare la vittoria in extremis. E
rossazzurri a più riprese, nulla può quando finisce sostituito. Colantuono lo cambia. la stava quasi azzeccando. 5,5
Legrottaglie gli sbuca davanti in solitaria. 6 BONAVENTURA. Peggio del suo compagno era 7 TIRIBOCCHI. Entra e fa quello che deve fare, ovvero 6,5 DENIS. Gran bell’attaccante, che ci mette il fisico GIANNOCCARO
6 MASIELLO. Inizia titubante, poi è costretto dal difficile fare. il gol. Certo, ci fosse stato qualcuno a rendergli la e pure qualche buon spunto tecnico. Spolli non Impeccabile fin
risultato a pigliare campo e ad affiancare Schelotto. 6 SCHELOTTO. Il giocatore più forte dell’Atalanta, ma vita dura.... finisce espulso per caso. quando non
Alla fine va in tilt. è indiscutibile che Marchese sia riuscito ad 6 PADOIN. Fa il suo in mezzo al campo quando 6 COLANTUONO. La sua Atalanta comincia bene, poi avverte la pressione
5,5 FERRI. Quando la difesa dell’Atalanta balla, lui si imbavagliarlo a lungo. Corre fino a quando... non l’Atalanta ha necessità di andare a recuperare il si impalla e dà spazio al Catania. Ha il merito di del pubblico di
dimostra all’altezza del... corpo di danza. rientra negli spogliatoi. risultato. cercare il pareggio prima e la vittoria poi, che viene Bergamo e dà
6 MANFREDINI. Varrebbe lo stesso discorso fatto per 6 CIGARINI. Sa cosa fare col pallone fra i piedi, non 5,5 MORALEZ. Temutissimo alla vigilia, non è che solo sfiorata, ma l’aiuto glielo dà la terna arbitrale, ascolto al proprio
il compagno di reparto, ma almeno lui sa spingere sempre l’esecuzione si sposa con... la velocità del riesca a fare chissà quali numeri. regalandogli la superiorità numerica. assistente di linea
e sa crossare. pensiero. SV MARILUNGO. Colantuono lo getta nella mischia C. M. espellendo Spolli
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

CALCIO NAZIONALE .21


Visto
da...
GIANNI DI MARZIO

Catania perfetto
finchè rimane in 10
poi esce il carattere
B
uon pari del Catania in una partita delicata per il mo-
mento di disagio dei rossazzurri dopo il passo falso al
Massimino e per la necessità di rifarsi in trasferta. Co-
IL GOL. Legrottaglie sbuca in area sul cross da sinistra di Marchese e non dà me novità nello schieramento etneo il ritorno di Delvecchio
scampo a Consigli con un colpo di testa che si infila sotto la traversa [foto Galtieri] e l’accantonamento della coppia Bergessio-Gomez a vantag-
gio della gran rentrée di Maxi in coppia con Barrientos,
porto di Denis e del Tir, anche se per LA MOVIOLA di Gaetano Sconzo mancino puro, posizionato sul centrodestra per sfruttarne il
lunghi non tratti non riesce a inne- suo piede vellutato per le conclusioni da destra a sinistra.
scarli per le buone chiusure di Mar- Per i primi 15’, però, il Catania trovava in difficoltà ad impor-
chese e Bellusci. Un’ora di gioco, entra La «sfortuna» re il proprio gioco, attaccava poco velocemente e si perde-
Bonanventura, un altro giocatore che di Giannoccaro va in un fraseggio fatto di passaggi laterali mentre l’Atalan-
si piazza ridosso dell’area rossazzurra ta sfruttava molto l’avanzamento degli esterni bassi e la su-
e il modulo bergamasco diventa 3-4- Paganini in questo caso concede periorità numerica in mezzo al campo quando, nella fase di
1-2. La pressione dei nerazzurri au- la replica. Sabato 22 ottobre non possesso, i due esterni rossazzurri si abbassavano per
menta. l’arbitro Giannoccaro ’fischiò il infoltire la retroguardia.
pareggio del Catania a Firenze (2- Vita dura, comunque, per i due attaccanti di riferimento, Lo-
Il Tir non perdona 2), lasciando però perplessi per pez da una parte e Denis sul fronte opposto, un po’ isolati dai
Il Catania soffre, ma non si piega. Al- una direzione più volte tre difensori che li bloccavano; Maxi, però, riusciva a fare la
meno fino al ’70 respinge colpo su indecifrabile. Ora la storia si ripete sua parte grazie alla sua abilità nel proteggere la palla per
colpo ogni tentativo dei padroni di a Bergamo (1-1) ma con ulteriori dare ai compagni il tempo di salire. Dopo un quarto d’ora, la
casa. Poi, su un angolo di Schelotto, i grosse, pesantissime perplessità. fase migliore del Catania che metteva sotto pressione i ber-
giocatori dell’Atalanta si dispongono Allora il quarantenne Antonio gamaschi; a rompere il gioco a favore degli etnei è stato Al-
in fila indiana salvo poi sparpagliarsi Danilo Giannoccaro, miron che presidiava l’area di rigore avversaria con acume
qua a là al momento della battuta, imprenditore a Lecce, al 42’ non tattico.
riuscendo così ad eludere alcune mar- espulse il viola Montolivo, autore Alla luce delle svariate occasioni costruite era meritatissimo
cature. A rimorchio, manco a dirlo, di un fallaccio su Catellani, ieri - il vantaggio che ha premiato anche il grande apporto di
arriva il Tir, al secolo Simone Tiriboc- vedi caso al 42’ (è li collocata la esperienza di Legrottaglie alla causa rossazzurra.
chi, e il pareggio diventa realtà con un sua Fossa delle Bermude?) ha Buona disinvoltura e sicurezza del Catania nel gestire il
tiro di controbalzo sul quale Andujar affibbiato una seconda vantaggio fino all’espulsione di Spolli, vittima di se stesso per
nulal può. Montella, che aveva già al- ammonizione a Spolli per una la prima ammonizione rimediata e dell’astuzia di Denis sul
ternato Lopez con Bergessio, stava splendida quanto misera debole fallo che ha determinato il secondo cartellino giallo.
cambiando un esterno con Capuano. sceneggiata dell’atalantino Denis. Montella, nella ripresa, era costretto a ridisegnare la squadra
Rapido ripensamento e fiducia a A Firenze perdonò a Spolli (fra i facendo scendere Potenza e Marchese e spostando Bar-
Sciacca per Barrientos (poteva forse due chiaramente non c’è una rientos a sinistra per fare il quarto centrocampista. Il 4-4-
entrare prima) con Fabiuzzu che si coincidenza astrale favorevole) 1 esaltava Almiron protagonista di una prestazione sontuo-
posizione proprio a sinistra, a centro- uno schiaffone a Cerci ed una sa di grande lucidità e straordinaria capacità di dettare i tem-
campo. sberla a Behrami, quindi a Silva pi.
un autentico spietato assalto a Nonostante l’inferiorità numerica, il Catania non sembrava
Che stress Catellani, a Gamberini e Natali in affanno, occupava bene gli spazi, era bravo a rallentare le
L’Atalanta attacca a oltranza, ma si due autentici attentati a Maxi azioni offensive dell’Atalanta e a limitarne le qualità con de-
Rosso relativo in 4-4-1, lasciando Lopez solo in avan- stressa, perché non trova il colpo del Lopez. terminazione e spirito di sacrificio.
FORZA
A due dal riposo Spolli entra per la se- ti, arretrando Potenza a destra, accen- ko definitivo (a 4 minuti dal termine Ieri nel finale della partita s’è Molto utile alla causa Lopez che ha permesso di guadagna-
conda volta su Denis. Giusta la prima trando Bellusci, consegnando a Mar- La grinta di va fuori di poco un colpo di testa di verificato un autentico re metri nel disimpegno, facendo l’uomo- boa. Non altret-
ammonizione, ma sul secondo inter- chese la fascia sinistra. A centrocam- Legrottaglie, Masiello). Il Catania tenta un paio di campionario delle scorrettezze, in tanto efficace, a mio avviso, Bergessio, subentrato a Maxi do-
vento pesa la decisione dell’arbitro po, stesso lato, retrocede Barrientos e inseguito da Maxi affondi, anche perciolosi, giusto per particolare nelle mischie da calcio po venti minuti del secondo tempo anche perché, se si vo-
che ha voluto punire oltremodo l’ar- il Catania copre bene gli spazzi senza Lopez. Il difensore alleggerire la fatica di chi difende con piazzato, senza che l’arbitro levano sfruttarne le eventuali ripartenze, non ha gamba per
gentino del Catania cadendo nella soffrire troppo l’inferiorità numerica. ha siglato un gol l’uomo in meno e a oltranza. Eroici, sì. facesse quanto meno notare la il contropiede sulla lunga distanza né fa salire la squadra co-
trappola del bomber dei bergama- Con l’innesto di Tiribocchi, Colantuo- di forza, saltando Primo tra tutti Andujar che non è Zoff propria presenza. me Lopez, né si fa rispettare sul gioco aereo nelle due fasi. Su
schi, bravo a fingere una trattenuta da no prova a volte il 4-2-3-1, ma so- di testa più in alto ma che al 90’ salva da campione pri- E gli assistenti, ma anche il quarto calcio piazzato il pareggio orobico, ancora una volta frutto di
parte del connazionale Rosso… rela- prattutto si affida al tridente, perché degli avversari ma su Marilungo, quindi sul tentativo ufficiale, dove erano; al bar? un’ingenuità della difesa che lasciava tutto solo e indistur-
tivo e Montella trasforma la squadra Schelotto resta alto a destra a sup- [foto Filippo Galtieri] di Cigarini. bato Tiribocchi.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

22. CALCIO NAZIONALE


Incredulo. «Non credevo ai mei occhi Il futuro. «Adesso dobbiamo
ATALANTA-CATANIA 1-1 quando ho visto l’arbitro estrarre il ritrovare il giusto equilibrio tra le
il personaggio cartellino. Ho provato a giustificarmi
ma lui è stato irremovibile»
prestazioni casalinghe e quelle fuori
casa. Possiamo fare grandi cose»

CONCETTO MANNISI
NOSTRO INVIATO L’arbitro I L PUNTO
Giannoccaro

Spolli: LO MONACO
BERGAMO. Ha un diavolo per capello. La mostra
partita è finita da un pezzo, ma Nicolas il cartellino
Spolli proprio non riesce a darsi pace. Si rosso a un
sposta dallo spogliatoio al pullman rossaz-
zurro con frenesia e alla fine l’invito a chia-
incredulo
Spolli
LA GIUSTA
rire quanto accaduto in quel maledetto mi-
RICETTA
«Rosso
nuto 43 del match con l’Atalanta risulta,
per lui, quasi terapeutico: «Volete sapere se
il fallo su Denis c’era? - parte subito in
quarta il difensore - Bene, ve lo dico subito: MICHELE TOSTO
non c’era! L’arbitro si è lasciato ingannare
dal volo dell’attaccante dell’Atalanta e mi Aveva ragione Pietro Lo Monaco, ad
ha sventolato sotto il naso un cartellino del Catania, ad «attaccare» la squadra

i n g i u sto »
giallo del tutto immeritato». rossazzurra: evidentemente, il
«Quando ho compreso quel che Gian- dirigente rossazzurro avrà studiato
noccaro stava per fare - prosegue Spolli - psicologia, tant’è vero che ha saputo
davvero non credevo ai miei occhi. Ho pro- colpire al momento giusto,
vato a fargli capire che Denis io neanche l’a- «risvegliando», rivitalizzando, i
vevo toccato, ma lui è stato irremovibile. E’ giocatori etnei, mentalmente
stato un peccato, perché la squadra è rima- parlando. Sì, Lo Monaco meriterebbe
sta in dieci e io sono convinto che in parità una laurea honoris causa in
numerica saremmo riusciti a portare in ca- psicologia. A Bergamo, infatti, s’è
sa la vittoria». rivisto il Catania autoritario, capace di
«Fino a quel momento, del resto - non si surclassare l’avversario sul piano
ferma neanche per riprendere fiato il difen- atletico e del gioco, almeno nel primo
sore argentino - l’Atalanta non ci aveva tempo: il vantaggio minimo dei
mai messo in difficoltà. Noi eravamo stati rossazzurri, conseguito nei primi 45
bravi a metterla sotto, a garantirci il vantag- minuti, è a dir poco troppo
gio. Poi, è chiaro, con un uomo in meno la striminzito per quello che s’è visto e
gara si è messa per noi in salita. E alla fine, per quello che ha saputo creare (sei
purtroppo, loro sono riusciti a pareggiare».
Due punti persi, insomma.
Lo sfogo del difensore: «Denis non l’ho nemmeno toccato» tiri nello specchio della porta,
altrettanti fuori) la squadra di
«Non ho dubbi. Anche se alla fine credo che Montella, che ha saputo giocare
abbiamo dato ugualmente una bella di- mene una ragione». «Questo non spetta a me dirlo. Magari è più senza. E anche di più». «Ne siamo consapevoli. Infatti andremo in veramente bene.
mostrazione di forza e di carattere. Sono Anche il Palermo avrà la sua assenza in di- facile che possiate dirlo voi giornalisti. Io Domenica bisognerà riprendere il cam- campo anche per questo». Poi, nella ripresa, con un uomo in
elementi che non fanno classifica, è vero, fesa: Munoz. Ci perde di più il Catania do- sono certo, in ogni caso, che il compagno mino che aveva fatto del Catania, sul suo Certo che è strano raccontare di una squa- meno - espulso Spolli che, a dire il
ma che servono per affrontare il futuro nel vendo fare a meno di Spolli oppure i rosa- che andrà in campo al mio posto farà il terreno, una delle squadre più temute del dra che al Massimino stenta e in trasferta vero, sembra come quelli che Dante
modo migliore». nero dovendo rinunciare al loro centrale? massimo per non fare avvertire la mia as- campionato. riesce a mettere in crisi anche squadre in posizionava in qualche girone
Prima di parlare del futuro, sicuro che lei condizione come l’Atalanta. dell’Inferno della sua Divina
non ha niente da rimproverarsi nella gara «Fa un po’ effetto anche a me, per questo di- Commedia, ma in sospeso per la loro
con i nerazzurri di Colantuono? co che occorre dare subito la svolta: dob- paura, nervosismo o indecisione che
«Ad esempio che cosa?». GLI AVVERSARI: IL TECNICO DEI BERGAMASCHI STEFANO COLANTUONO biamo cercare di trovare il giusto equilibrio dir si voglia - giocoforza il Catania s’è
Magari quel fallo su Denis, spalle alla por- fra le prestazioni in casa e quelle lontano dovuto adeguare, soprattutto
ta, a centrocampo. dal Massimino. Di sicuro siamo in grado di mentalmente, al pressing dei
«E’ vero, sono entrato un po’ fuori tempo e «Loro si difendevano in dieci: abbiamo fatto una grande partita» fare grandi cose». lombardi, subendo il gol del pareggio.
l’ho toccato duro. Ma con l’ammonizione si Proposito e considerazioni ambiziose, Ma - tenendo presente che pure con
continua a giocare, non è mica l’espulsio- BERGAMO. Stefano Colantuono accetta senza perchè anche se loro erano in dieci non era facile perché una volta trovato questo equili- la zona in area si marca sulle palle
ne... Invece l’arbitro... Vabbè, lasciamo sta- recriminazioni il pari. «Abbiamo iniziato molto far breccia. Siamo comunque riusciti a dare brio.... inattive - mi chiedo chi avrebbe
re, voi cominciate a parlare della partita col bene, ma loro si difendevano in dieci - spiega - Poi continuità ai risultati». L’Atalanta ha però «Fermi qui. Io so cosa possiamo fare, ma i dovuto controllare Tiribocchi, rimasto
Palermo, a me toccherà pensare da subito per 15’ hanno preso il pallino in mano ed è uscito il mostrato diversi uomini chiave sottotono. «Magari proclami lasciano il tempo che trovano. tutto solo al centro dell’area, dopo la
a quella col Parma». gol. Noi avremmo potuto pareggiare subito, ma qualcuno non era al top - ammette Colantuono - Pensiamo a raggiungere al più presto quo- sventagliata in apertura del «trenino»
Perché contro i rosanero, nel derby, Spol- non siamo stati fortunati. Nella ripresa ce ma ci può stare. Nel complesso abbiamo corso ta quaranta punti, poi, magari, con la sal- orobico su un calcio d’angolo? Una
li sarà costretto a mordere il freno. l’abbiamo fatta: siamo stati bravi ad avere molto. Il carattere non è mancato, la voglia di vezza in tasca, potremo guardare ad altro. scelta tattica, quella della squadra di
«Mi fa rabbia soprattutto perché questa COLANTUONO pazienza. Abbiamo fatto una grande partita rimettere in piedi la partita ci ha premiato». Ma prima guadagnamocela, questa salvez- Colantuono, che non è nuova, ma che
espulsione è stata ingiusta, ma dovrò far- za...». è diventata abituale in A.
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

CALCIO NAZIONALE .23


Contento a metà. «Abbiamo Un’unica sbavatura. «Il pari
ATALANTA-CATANIA 1-1 sfiorato un’altra vittoria esterna, ma l’abbiamo subìto su palla inattiva e
le interviste sono contento della prestazione e di
come abbiamo giocato anche in 10»
lì l’inferiorità numerica non conta
più di tanto, ma ci può stare»
IL SUPERTIFOSO

Montella: «Peccato L’albero


senza palle

in parità numerica servono...


domenica!

potevamo vincere»
GINO ASTORINA

C
he il signor Giannoccaro avesse
voglia di intimorire i rossazzurri
si era già capito e non dal primo
minuto della partita, ma addirittura
dall’arrivo degli etnei allo stadio

«Ma anche in 10 abbiamo fatto un solo errore Azzurri d’Italia. A quanto pare
blocchetto alla mano l’arbitro di Lecce
ha elevato, addirittura, una
che purtroppo ha vanificato i nostri sacrifici» contravvenzione all’autista del
pullman degli etnei, reo d’aver
posteggiato con le ruote anteriori che
sfioravano leggermente le strisce
O IL PRESIDENTE GIOVANNI FINOCCHIARO
NOSTRO INVIATO bianche. Sembrava volesse scherzare,
ma le ganasce brandite dal quarto
BERGAMO. Aveva ragione Montella: «Pa- uomo lasciavano presagire un
zienza, concentrazione, cuore impavi- pomeriggio per niente tranquillo.
do». Il Catania, prima e dopo la cacciata Poi il resto lo abbiamo visto tutti.
di Spolli, ha obbedito al proprio, giova- Cartellini gialli a senso unico e con un
ne, preparato nocchiero e commentare rosso mirato lo sappiamo tutti ci
la classifica, dopo un punto d’oro, diven- stanno benissimo ddu feddi di
ta piacevole. prosciutto ’nta l’occhi per evitare di
Giusto non accontentarsi, e allora, vedere determinati falli. Ora, una
Montella, con tutta la semplicità di que- preghiera, se c’è in città e ne sono
sto mondo, accenna ai rimpianti: certo, qualche amico del signor
«Avremmo potuto chiudere la partita Colantuono gli può dire cortesemente
con un successo. Abbiamo beccato il che, dei sei punti di penalizzazione
gol in inferiorità, e ci può stare. Tuttavia, inflitti alla sua squadra, unu su
il pari l’abbiamo subìto su palla inattiva, schittau cco Catania? E ca spatti cci ivu
laddove l’inferiorità numerica non con- ritta? Così cambia a solita litania pre,
IL PRESIDENTE IERI A BERGAMO PRIMA DELLA GARA [FOTO GALTIERI] ta più di tanto. Credo sia stato l’unico er- post e durante gara.
rore di questo confronto». Basta, parliamo del nostro Catania,
C’è rammarico, insomma. MONTELLA AGITATO NELL’AREA TECNICA [FOTO FILIPPO GALTIERI] avevamo bisogno di punti e stavamo
«Occasione sprecata «Noi, su quella situazione, siamo stati
ingenui nel lasciare il giocatore libero. asso che ho lasciato in panchina per ac- tuazioni diverse di gioco e di risultati.
per cogliere la seconda vittoria in
trasferta. È andata così ne è arrivato

ma ora pensiamo
La palla è andata in gol, un gesto impor- quisire potenza e velocità». Abbiamo modo e tempo per aggiustare solo uno, ma credo prezioso perché
tante per l’Atalanta. Peccato per noi che Legrottaglie ancora in gol fuori casa e la mira, perché, poi, vedi giocare la arriva dopo un periodo di magra e
abbiamo disputato un grande secondo il Catania raccoglie un altro punto pre- squadra e ti accorgi che è sempre più perché difeso con le unghia e con i

al derby col Palermo»


tempo con spirito di sacrificio: abbiamo zioso. solida». denti. Archiviamo questa trasferta
anche dimostrato forza fisica e volontà». «Il punto serve per confermare quanto Se ne accorge sempre di più, risultati a padana, ma a proposito ma con chi
Un risultato utile dopo i tre ko di fila e il di buono questo gruppo sia capace di fa- parte? confina questa fantomatica regione,
successo di Lecce. Qualcosa si muove, re. Perché anche quando abbiamo per- «Sì, in quanto i giocatori riescono a leg- nazione , stato, sta cosa va! Ma cchi ni
CONCETTO MANNISI merica». comunque. so, il nostro gioco non è stato, poi, così gere le situazioni e credono in quello ’nteressa, noi dobbiamo parlare di
NOSTRO INVIATO Qualcosa da dire sulla direzio- «Sono contento per la prestazione, per il male. Adesso abbiamo fatto risultato, che fanno. Meritano l’attuale classifica». calcio.
ne di gara di Giannoccaro? modo in cui ci siamo organizzati anche sfiorando un altro successo esterno». Schelotto tra i migliori degli avversari. Domenica prossima si ritorna al
BERGAMO. Petto in fuori. Il presi- «Dico che l’espulsione è stata dopo l’espulsione di Spolli. Sicuramen- Due punti persi? Ma anche senza quel- «L’ho visto molto migliorato: io non l’ho Massimino, spero che durante la
dente non è tipo che ama pavo- un po’ affrettata e che ha indi- te, prima, a parità di giocatori, avevamo li, il balzo in avanti, nella pur cortissima allenato, ma l’Atalanta è una squadra to- settimana si pensi solo a dare
neggiarsi dopo un risultato po- rizzato la partita su binari ben fatto benissimo noi, vantaggio a parte». classifica, è stato compiuto. sta, che ha meritato la rimonta dopo il spettacolo, ce lo meritiamo tutti, tifosi,
sitivo, ma questa volta sente precisi. Detto ciò, aggiungo pu- Il rosso a Spolli? «Sinceramente vi dico: c’è amarezza meno sei. Schelotto ha giocato bene, sportivi, calciatori, stuart, hostess,
quasi il dovere di fare un’ecce- re che un’altra squadra al posto «Io non giudico l’operato dell’arbitro. per l’episodio che ha portato i padroni ma tutto il gruppo ha dato il massimo e presidenti, direttori, magazzinieri e
zione. Perché la sconfitta casa- nostro avrebbe lasciato il campo Non l’ho mai fatto e non comincio ades- di casa alla marcatura. Stiamo a recrimi- la salvezza sembra già un traguardo più raccattapalle. Spero di non aver
linga di domenica scorsa, contro di Bergamo con un pugno di so. Dalla panchina non ho visto bene, nare due punti in meno per nostro de- che concreto, per loro». dimenticato nessuno.
il Cagliari, qualche segno sotto i mosche in mano. Non questo ma non ho voluto rivedere le immagini merito. Dall’altro lato confermo la qua- Il derby, adesso, Montella. Domani co- Siamo stanchi di sentire i diversi
cerotti poteva lasciarlo e qual- Catania, però, che ha conquista- in tv per non farmi condizionare». lità espressa è stata notevole, ma ci mincia una settimana che non sarà cer- movimenti di mercato in entrata, in
che mugugno di dolore poteva to un pareggio prezioso e che A parità di uomini non sarebbe mutato manca qualcosa in più per ambire a si- to come le altre. uscita, dei vari Tevez, Lopez, Gomez,
provocarlo.... Invece no. Invece il torna da questa trasferta addi- il vostro gioco. «Certo, il derby… Sarà una partita par- Caz e Maz! Lasciamoli allenare in tutta
Catania ha dimostrato capacità
di reazione e grande voglia di ri-
rittura rafforzata».
Forse, quando si era in undici
«Credo di no. Abbiamo concesso il pos-
sesso palla all’Atalanta, ma nulla di al-
E ora il derby. «Mi ticolare per il pubblico, ma per noi deve
rappresentare un impegno importante,
tranquillità, senza traforare i glutei alla
Lyristes plebejus (termine scientifico
prendersi quel che strada facen-
do è stato costretto a lasciare
contro undici, si poteva chiu-
dere la partita. La consideria-
tro. Siamo, anzi, riusciti a creare contro-
piede con Lopez, spingendoci in avanti
tuffo in questa bella da vincere. Mi piace presentare un mat-
ch del genere come una partita d’alta
della cicala). So che a Torre del Grifo
hanno già pronto l’albero di Natale,
nelle scorse settimane. E anche mo una pecca della squadra? con Almiron e con Potenza. Sicuramen- realtà siciliana e per di classifica. Ecco la novità. Io mi tuffo, per ancora non è stato del tutto
se da Bergamo si torna a casa «A me piace ricordare che per te, a parità di giocatori, sarebbe stato il la prima volta, in questa bella realtà addobbato, si aspetta domenica
con un solo punto in saccoccia, un tempo l’Atalanta è stata in Catania a condurre in porto la partita, ri- più è una partita tutta siciliana. E, per di più, sono felice prossima, perché le palle per ora
beh, stavolta è la prestazione balìa del Catania. Ho contato petendo la prestazione della prima par- che si tratti di una partita tra due club servono al Cibali.
quella che conta. Tanto più se si numerose occasioni da rete pri- te. E, poi, avrei potuto schierare qualche d’alta classifica» che mirano in alto».
ma e dopo il gol di Legrottaglie.
«Pur soffrendo Certo, avremmo potuto raddop-
piare, ma le situazioni avverse
abbiamo dimostrato possono sempre capitare. La-
sciatemi sottolineare, però, che
GLI ALTRI ROSSAZZURRI. Potenza vede positivo: «Abbiamo mostrato carattere e senza quel rosso...»
un grande carattere» in una situazione di sofferenza

considera che i rossazzurri han-


no dovuto giocare per un tempo
abbiamo mostrato un grandissi-
mo carattere. Possiamo pensare
al futuro convinti dei nostri
mezzi. Che sono notevoli».
Marchese: «Chi dice che non so crossare?»
in inferiorità numerica. Il futuro sa bene cosa vi riserva. NOSTRO INVIATO volto ai cronisti: «E qualcuno aveva an- andava cacciato, io credo che non ci fos-
«E’ vero - conferma Pulviren- «La partita più importante del- che detto che non so fare i cross, che li se neanche la prima ammonizione».
ti - conta la prestazione. E mi l’anno». BERGAMO. C’è Bellusci che passa e i tifosi sbaglio tutti quanti…». In aeroporto, intanto, gli ipad con i
viene da chiedere cosa sarebbe Perché è il derby? dell’Atalanta che lo riprendono. Il difen- Nessuna polemica, per carità. Ma la video della partita impazzano. Lodi ci
potuto accadere se il Catania «E per quale altro motivo, altri- sore risponde per le rime mimando il ri- delusione c’è. Non evidente, ma quasi. viene incontro e si rammarica: «Tre pun-
avesse potuto giocare per tutto menti? In una stagione ci sono sultato finale. C’è Almiron, seminudo al- Ammette Alessandro Potenza, rientrato ti meritati, ecco cosa avremmo com-
il match in undici contro undici. due partite per noi importantis- la méta, dopo aver donato la maglia nel- in maniera propositiva in squadra: «Que- mentato. Ma il pari ci dà forza». Sciacca,
Invece alla fine del primo tempo sime. Una è Catania-Palermo e la zona rossazzurra, lanciandola all’indi- sta squadra ha mostrato un grande ca- schierato in corsa in un momento delica-
abbiamo perso Spolli ed è chia- l’altra è Palermo-Catania. Sia- rizzo dei cinquanta fedelissimi tifosi ar- rattere; ci si attendeva un’adeguata rea- to, passa saluta e va oltre: «Pensiamo
ro che a quel punto la partita è mo pronti ad affrontare la prima rivati da Catania, ma anche da Brescia, zione dopo i tre ko in casa. Abbiamo alla prossima». Che partita c’è, domeni-
cambiata». e in campo vorrò lo spirito di Milano e da altre località del Nord. mostrato prontezza in una partita che ca? Se lo chiedeva ironicamente anche il
«Sì - prosegue - è cambiata, oggi». L’atmosfera, anche in aeroporto, nella s’era messa bene per quel che avevamo presidente Pulvirenti. C’è Catania-Paler-
ma il Catania è rimasto quello Si può cancellare quella mini sala in cui si riuniscono i rossazzurri, è messo in mostra nel primo tempo, fino mo, il derby di Sicilia che tutti quanti i
della prima parte del match: serie negative di tre sconfitte serena. Si parla, si rivede la partita al all’espulsione di Spolli. Quel rosso ha giocatori vorranno giocare.
una squadra tonica, determina- casalinghe consecutive fra computer, quanto meno le fasi salienti. Si cambiato la partita. A parità di giocatori Ma il rosso a Spolli costringerà Mon-
ta, capace di fare gioco e di met- campionato e Coppa Italia? giudica il pareggio come un risultato po- avremmo portato sicuramente a casa tella a rinunciare al difensore argentino,
tere in difficoltà una formazione «Si deve cancellare. Perché ab- sitivo con… riserva. Nel senso che il ram- noi i tre punti». scegliendo forse Potenza centrale, Alva-
in condizione come l’Atalanta. biamo i mezzi per farlo, perché marico per il mancato successo serpeg- Potenza ammette: «Vista dal campo rez laterale. Oppure Potenza lasciato lì, in
Certo, qualcosa abbiamo dovu- la partita lo impone e perché la gia ancora, a caldo… non posso che confermare: Spolli non mediana, con un altro centrale (Mar-
to per forza di cose concedere, nostra gente se lo aspetta». Marchese e Legrottaglie si rivedono in chese) e un laterale sinistro nuovo di
ma soltanto su calci piazzati,
perché loro su azione non sono
Peccato per l’assenza di Spolli.
«Ci sarà un altro al suo posto e
salastampa. Nick chiede: «Che bel cross,
che hai fatto, ti devo un mondo di gra-
Lodi: «Il pari ci dà zecca (Capuano).
Intanto, la squadra domani riprenderà
mai riusciti a sfondare».
Non ha il rammarico di non
sempre in undici giocheremo.
Non è un giocatore, per quanto
zie». E Marchese, di rimando: «Tu hai
spiccato un volo che sembravi un ange-
forza, ma avremmo a lavorare con serenità e a porte chiuse.
Nella speranza di ricevere segnali positi-
aver portato a casa i tre punti? importante come Spolli, che lo. Sei rimasto in elevazione per un tem- meritato tre punti» vi da Suazo, da Izco, da Biagianti che de-
«Io il rammarico ce l’ho per es- può cambiare le sorti di un po incalcolabile. Grande realizzazione, vono recuperare al più presto.
sere rimasto in inferiorità nu- match». MARCHESE IERI IN AZIONE [FOTO GALTIERI] complimenti». E, ancora, Marchese, ri- G. F.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

24. CALCIO NAZIONALE

BOLOGNA-MILAN 2-2
BOLOGNA [4-3-2-1]: Gillet 6, Crespo 6, Raggi 5.5, MILAN [4-3-1-2]: Amelia 4.5, Abate 6.5, Thiago RETI: NEL PT 11’ DI VAIO, 16’ SEEDORF;
Portanova 6.5, Morleo 5.5, Casarini 6 (1’ st Perez Silva 6, Yepes 5 (17’ st Bonera 6), Antonini 6, Aqui- NEL ST 27’ I BRAHIMOVIC (RIG), 28’ DIAMANTI .
6), Mudingayi 6.5, Kone 6.5, Ramirez 6.5 (31’ st lani 6.5, Van Bommel 6, Seedorf 7 (22’ st Emanuel- ARBITRO: Rocchi di Firenze 5.
Taider sv), Diamanti 7.5 (38’ st Cherubin sv), Di son 6), Boateng 5.5, Pato 5.5 (32’ st Robinho sv), NOTE: spettatori 26mila. Ammoniti: Ramirez, Ko-

la partita Vaio 7.
A disp. Agliardi, Loria, Vantaggiato, Acquafresca.
Allenatore: Pioli 6.5.
Ibrahimovic 6.5.
A disp. Roma, Mexes, Ambrosini, El Shaarawy.
Allenatore: Allegri 6.
ne e Perez per proteste, Aquilani, Yepes, Diamanti
e Antonini per gioco scorretto. Angoli: 11-2 per il
Milan. Recupero: 1’ e 5’.

Un pari fra mille polemiche


E il Milan rallenta a Bologna
I rossoneri non chiudono una gara condizionata da troppi errori arbitrali
LEONARDO NESTI a poco a poco smarrito, Pato e Boateng non hanno da una posizione di fuorigioco. Ibra dal dischetto ha
avuto la loro solita continuità ed il Milan ha comincia- scritto il suo nome nel tabellino di una partita che lo
BOLOGNA. Gli scudetti, di solito, passano da qui. Più che to a far fatica a trovare la via della porta. L’ha trovata ha visto protagonista solo a sprazzi.
dai big match di primavera, da queste partitacce in- solo al 27’ quando un intervento di Raggi in area su Il Bologna, però, per reagire ci ha messo meno di un
vernali, quando i punti servono soprattutto a far vo- Ibrahimovic è stato giudicato falloso da Rocchi: epi- minuto, ed è tornato in gol sia grazie a Diamanti (an-
lume. Il Milan a Bologna ne ha persi due, ma ne ha sodio contestato e complicato, creato da un interven- cora una volta il migliore dei suoi) sia grazie ad Ame-
conquistato uno. Sarebbe potuto scivolare in manie- to del difensore che ha preso la palla e, forse, viziato lia che se in occasione del primo gol aveva esitato
ra ancora più rovinosa, tenuto a galla da una magia di troppo sull’uscita, sul secondo si è visto quasi sfuggi-
Seedorf nel primo tempo, da un rigore molto conte- re fra le mani il pallone del pareggio.
stato nella ripresa e da altre decisioni di Rocchi che Ed è proprio qui, nell’ultimo quarto d’ora, che è di-
hanno fatto infuriare i padroni di casa. Il 2-2 finale è ventata una «partitaccia», di quelle che silenziosa-
la sintesi di tutto questo, di una partita tutto somma- mente ed anonimamente finiscono per decidere gli
to gradevole, fatta di quattro gol, due pali, un gioco di- scudetti. Il Milan non ha saputo, nemmeno con l’in-
vertente, e un sacco di episodi di quelli destinati ad gresso di Robinho, trovare un’idea per impensierire il
essere visti, rivisti e sezionati per tutta la settimana. Bologna. Allegri intasca un punto, ne lascia per stra-
Il Milan sui tre punti di Bologna ci faceva conto: da due. Nella lotta per lo scudetto peseranno eccome. ZLATAN IBRAHIMOVIC ESULTA DOPO AVERE REALIZZATO IL GOL DEL MOMENTANEO 2-1
Ibrahimovic dopo neanche tre minuti ha tentato di
inaugurare la cavalcata con una punizione che ha
centrato la traversa. Il Bologna, però, ha soprattutto ri-
trovato Di Vaio: un gran gol, quello del vantaggio
O LE INTERVISTE
rossoblù, quando il bomber capitano ha scavalcato
con un pallonetto Amelia. La risposta è arrivata però
con Seedorf che con una conclusione dal limite dell’a-
Allegri: «Abbiamo sbagliato e abbiamo pagato»
rea ha ricordato a tutti che una carriera come la sua
non arriva per caso. BOLOGNA. Lo dice anche lui, non si può e contro», taglia corto. Su questi non ancora. Ricordando che, frenata di oggi a
A fine ripresa, però, l’olandese è stato il protagoni- negare l’evidenza: «Rivedendolo sembra vorrebbe si sofferma più di tanto. parte, «nelle ultime nove partite abbiamo
sta dell’episodio più discusso della partita, quando su mano», ammette sinceramente Allegri «Purtroppo non siamo riusciti a tenere il tenuto una buona media. Ora vediamo di
una punizione dalla tre quarti ha allargato un po’ sull’intervento di Seedorf in area. «A occhio vantaggio nemmeno un minuto»: tanto è andare avanti».
troppo il braccio. Rigore per tutti, tranne che per nudo era netto», comincia il discorso poi sul passato tra il rigore di Ibra e il tiro di Chi si gode il punto è Stefano Pioli, che sulla
Rocchi. Il Milan avrebbe dovuto approfittarne, torna- rigore concesso al Milan per fallo di Raggi Diamanti che ha piegato le mani ad Amelia. direzione di gara e le polemiche si posiziona
re in campo e azzannare al collo la preda. Che però era su Ibrahimovic. Messo davanti alle «Loro hanno aggredito, e noi abbiamo perso su una linea di fair play: «Rocchi ha fischiato
ferita e arrabbiata. immagini, è però meno sicuro: «Lo ha palloni con troppa semplicità. Abbiamo quello che ha visto. L’ho salutato alla fine e
Di Vaio, in avvio ripresa, ha fatto tremare la base del calciato, lui si è buttato», concede ermetico. sbagliato cose che abbiamo pagato. Il mi è parso un po’ turbato. Mi ha detto: "Se
palo con una conclusione dalla distanza. Al Milan, co- Comunque, il pari del Dall’Ara, «non era Bologna non ha demeritato, ma noi ho sbagliato qualcosa, mi scuso"».
sì, sono cominciate a tremare le gambe. Seedorf si è LA GIOIA INFINITA DI DIAMANTI DOPO LA RETE DEL 2-2 facile arbitrarlo. Gli errori sono stati a favore dovevamo essere più lucidi», ha detto TOMMASO ROMANIN

IL POSTICIPO. I piemontesi, in vantaggio nella ripresa con un gran gol di Radovanovic, raggiunti soltanto nel finale da Dzemaili

Il Novara fa tremare il solito Napoli «post Champions»


NOVARA-NAPOLI 1-1
LA SQUADRA DI GUIDOLIN SI REGALA UN’ALTRA «DOMENICA SPECIALE»
NOVARA [5-3-2]: Ujkani 6.5, Morganella 7, Dellafiore 6.5, Centurioni 6.5, Ludi 6.5 (9’ st
Labrin 6.5), Gemiti 7, Marianini 6, Radovanovic 7 (33’ st Porcari sv), Rigoni 6, Mazzarani 6
(40 st’ Morimoto sv), Rubino 6. All.Tesser 6.5
Segna sempre Di Natale: l’Udinese vola
NAPOLI [3-4-2-1]: De De Sanctis 6, Campagnaro 6, Cannavaro 6,
Aronica 6 (30’ st Zuniga sv), Maggio 7, Dzemaili 6.5, Hamsik 5.5, Dossena 5.5 (35’ st Inler
batte anche il Chievo e si riprende la vetta
sv), Pandev 6, Lavezzi 6, Cavani 6 (21’ st Mascara 6).Allenatore: Mazzarri 6
ARBITRO: De Marco di Chiavari 6 UDINE. Di Natale e Basta. L’Udinese marca friulana, che si traduce però in
RETI: 24’st Radovanovic, 39’st Dzemaili. continua la sua marcia inarrestabile UDINESE 2 un nulla di fatto. Al 33’ l’Udinese inne-
tra le mura amiche (sette vittorie su CHIEVO 1 sca un rapido contropiede; Floro Flores
NOVARA. Ancora con la testa a Villar- loso come si temeva alla vigilia, osa di sette) e al Friuli batte anche il Chievo, UDINESE [3-5-1-1]: Handanovic allarga per Asamoah che entra in area
real e alla Champions, il Napoli si sve- più e sfiora il gol prima con Rubino, conquistando tre punti che la proietta- 6, Benatia 7, Danilo 7, Ekstrand stanco della galoppata e spreca mala-
glia troppo tardi e strappa a fatica il che di testa devia a lato un cross di Ge- no di nuovo al comando della classifi- 6.5, Basta 7, Isla 7.5 (44’ st Dou- mente calciando a lato. Al 41’ ci prova
pareggio sul campo del Novara. Una miti e poi con Mazzarani, che tocca di ca, in attesa del posticipo tra Juventus bai sv), Badu 6.5, Asamoah 6.5, anche Benatia con una gran botta dal-
zampata di Dzemaili evita la sconfitta, punta un tiro dal limite di Radovano- e Roma di domani sera. La squadra di Armero 6.5, Floro Flores 6.5 (27’ la distanza che costringe Sorrentino a
ma la squadra di Mazzarri si allontana vic ma la palla va alta sopra la traver- Di Carlo non rinuncia a fare la sua par- st Abdì sv), Di Natale 7. All. Gui- salvarsi in angolo.
dalla vetta della classifica: adesso è a sa. tita. dolin 7. La partita cambia volto in avvio di ri-
-9 dall’Udinese e a -7 dal terzo posto. Qualche minuto dopo ci prova an- Onore al merito. Ma l’allievo non CHIEVO [4-3-1-2]: Sorrentino 6, presa, con l’Udinese che trova il modo
Stadio al completo per una sfida che Rubino in contropiede e poi i pa- riesce ancora a superare il maestro Frey 6.5, Cesar 6, Andreolli 6, di bucare la difesa biancoceleste in un
che in serie A non si gioca da 55 anni, droni di casa passano, con un gran Guidolin. Tutto come da copione quin- Dramè 6.5, Luciano 6.5, Hetemaj paio di occasioni. Ma tutte e due le
con i napoletani residenti a Novara e destro su punizione di Radovanovic, di. 6 (45’ st Vacek sv), Bradley 6, volte spreca due clamorose palle gol.
nelle province limitrofe che si sono favorito dalla barriera dal Napoli. Il primo tempo scivola via piuttosto Sammarco 6 (30’st Paloschi 6.5), Al 12’ Floro Flores serve un assist pre-
aggiunti ai tifosi arrivati da Napoli. Il Napoli a questo punto si scuote: noioso e povero di occasioni. Nel do- Pellissier 6, Thereau 6 (42’st Mo- ciso per Isla in area che a sua volta ser-
Per la prima volta, Tesser cambia mo- va bene essere un po’ distratti e un po’ minio territoriale e di possesso palla scardelli sv). All. Di Carlo 6.5 ve Di Natale. Ma il fantasista biancone-
dulo, schierando un 5-3-2 che ha l’evi- stanchi, va bene non spingere più di dell’Udinese, il Chievo prova a tratti ARBITRO: Valeri di Roma 6.5. ro si lascia anticipare da Dramè prati-
dente scopo di contenere le scorri- tanto ma perdere proprio no. E e par- ad alzare il baricentro e portarsi dalle RETI: nel st 23’ Di Natale, 34’ Ba- camente sulla linea di porta. Passano
bande sulle fasce della squadra di tenopei fanno vedere di che pasta so- parti di Handanovic. Lo fa al 23’ con un sta, 38’ Paloschi. tre minuti e la palla del vantaggio capi-
Mazzarri. no fatti, trovando il gol del pareggio a suggerimento di Sammarco per Lucia- NOTE: spettatori 14mila circa. ta ancora sui piedi di Di Natale che
E la scelta tattica funziona alla gran- cinque minuti dalla fine nell’unica oc- no; solo in area calcia di prima, ma Ammoniti: Bradley, Thereau, Ba- questa volta inventa un bellissimo col-
de: i partenopei non costruiscono pra- casione in cui la difesa del Novara si fa non inquadra lo specchio della porta. du, Dramè, Isla, Moscardelli e po di tacco in area. La difesa del Chie-
ticamente nulla, se non qualche tenta- cogliere di sorpresa. La partita si ravviva solo nel finale di Pellissier. Angoli: 6-4 per l’Udi- vo si salva miracolosamente ancora
tivo di «imbucata» prontamente sven- Sul cross di Lavezzi, gli azzurri pie- DUELLO AEREO TRA MAGGIO E GEMITI tempo, con qualche buona azione di nese. Recupero: 0 e 3’. con una deviazione di Frey davanti al-
tato e un gran colpo di testa di Maggio montesi non riescono a liberare con la linea di porta. Nulla può, però, al 23’
a colpo sicuro uscito di un niente. decisione, la palla finisce che finisce sul colpo di testa di Di Natale pescato
L’idea di schierare contemporanea- fra i piedi di Dzemaili che, senza pen- UN PAREGGIO SENZA EMOZIONI FRA CAGLIARI E PARMA da un assist perfetto di Isla dalla linea
mente Hamsik, Lavezzi, Pandev e Ca- sarci troppo su, insacca al volo ripor- di fondo campo. Il gol cambia la parti-
vani non produce alla fine dei grandi tando la partita in parità. ta. L’Udinese spinge sulle ali dell’entu-
risultati, soprattutto perché lo slovac-
co si muove a centrocampo senza mai
Il Novara non si accontenta, Tesser
inserisce anche il giapponesino ex Ca-
Al «Sant’Elia» nessuno fa niente per vincere siasmo. Il Chievo prova a recuperare lo
svantaggio e si allunga, esponendosi
affondare. tania Morimoto ma è il Napoli a sfiora- inevitabilmente ai contropiedi della
Così Mazzarri spera che la partita re il colpaccio con Maggio che al volo CAGLIARI. Cagliari e Parma a piccoli pas- successo del definitivo rilancio. E inve- compagine friulana che centra il rad-
venga risolta da un guizzo del suo ter- fallisce la deviazione vincente. E all’ul- CAGLIARI-PARMA 0-0 si in mezzo alla classifica. A distanza di ce la squadra di Ballardini non ha trova- doppio poco dopo la mezz’ora, ancora
zetto davanti, ma il più pericoloso è timo minuto di recupero, un contrasto CAGLIARI [4-3-1-2]: Agazzi 6; Pisano 6, Ca- sicurezza un po’ da tutto: dal gol in to nulla di quello che cercava: nè gioco, sugli sviluppi di un calcio d’angolo.
sempre Maggio. E non è così che il in area novarese tra il portiere Ujkani nini 6, Ariaudo 6, Agostini 6; Biondini 5.5 (40’ campo e da ambizioni e pericoli nella nè i tre punti tutti insieme che al L’incornata vincente questa volta
Napoli potrà recuperare terreno in e Pandev porta gli ospiti a reclamare st Perico sv), Conti sv (24’ pt Ekdal 6), Naing- graduatoria. Tutti e due, nello zero a ze- Sant’Elia mancano da metà settembre. porta la firma di Basta che nell’occasio-
campionato. un calcio di rigore. Ma De Marco in golan 6; Cossu 6.5; Ibarbo 6, Larrivey 5 (18’ ro, hanno fatto davvero poco per vince- Niente gol e per la verità pochissimi ne si infortuna allo zigomo sinistro. Il
Non è che il Novara, bisognoso di questo caso lascia correre e fischia la st Ribeiro). All. Ballardini 6. re. Anche se per gli emiliani il pari del tiri in porta o emozioni. Ma almeno raddoppio non spegne le velleità ospi-
punti come mai, combini molto di più, fine della partita. PARMA [4-4-1-1]: Mirante 6; Zaccardo 6 Sant’Elia è un mezzo successo visto co- una grande occasione per parte. La più ti. Anzi il Chievo accorcia le distanze
ma almeno De Sanctis deve superarsi Finisce con il Novara che si mangia (11’ st Santacroce 6), Paletta 6, Lucarelli 6, me erano andate le cose nelle ultime clamorosa quella di Galloppa al 92’ la- con un gran tiro di Paloschi dal limite
su un tiro dal limite di Gemiti e Rubi- le mani per l’occasione sprecata. E un Gobbi 6; Biabany 6, Morrone 6, Galloppa 6, tre trasferte di Milano, Roma e Novara. sciato tutto solo in mezzo all’area dai dell’area che sorprende Handanovic e
no sfiora in un paio di occasioni il col- Napoli che conferma il suo mal di tra- Valiani 6; Giovinco sv (20’ pt Palladino 5.5, Più deluso il Cagliari che da questo difensori rossoblù, ma poco convinto (è si insacca nel sette. Il gol riapre la par-
po vincente. sferta. Anche se in questa circostanza 31’ st Modesto sv); Floccari 6. All. Colomba 6. match, dopo il successo di Catania, si riuscito solo a spizzare il pallone) nel- tita, combattuta fino al triplice fischio
Nella ripresa, il Novara, resosi conto si è salvato vede la vetta della classifi- ARBITRO: Brighi di Cesena 6. aspettava qualcosa in più, magari il la deviazione di testa davanti ad Agazzi. che regala però ancora una vittoria al-
che l’avversario non è poi così perico- ca allontanarsi. l’Udinese.
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

CALCIO NAZIONALE .25

SERIE A Il tecnico bianconero esalta la


filosofia di gioco di Luis Enrique i numeri
il «monday night» e avverte: «Attenti, non sarà
affatto una partita qualunque» della A
a cura di GAETANO SCONZO

Stasera Roma-Juve 20,3 MILIONI sono già gli


utili del Napoli, nell’ambito
dell’avventura nella Champions
League: 6,6 per gli incassi, il resto
per ’piccole competenze’ Uefa.

Conte: «Guai a fidarsi 180 PER IL CATANIA i gol


esterni in serie A, con quello di
Nicola Legrottaglie ieri a Bergamo.
Il primo il 19 settembre 1954 fu un
«gentile omaggio» della Fiorentina,

dei giallorossi... feriti»


con una autorete di Sergio Cervato
(2-1 per i viola). Il primo effettivo se
lo ascrisse invece Vittorio Ghiandi il
26 settembre a Bologna (4-2 per i
felsinei).

21 SU VENTUNO i punti interni

In cabina di regia torna Pirlo. Estigarribia favorito dell’Udinese (2-1 sul Chievo). Stop
invece alla analoga serie del
Palermo (0-1 dal Cesena) che paga
su Giaccherini per sostituire l’infortunato Vucinic la previste cambiali: fra l’altro si
può accettare che, giocando al
sabato, si prepari mercoledì e
TORINO. Non è una partita come le altre, Roma-Juve. ottimo lavoro». QUI INTER giovedì, rinunciando all’allenatore
Tanti incroci, tanti episodi, tanti duelli. Antonio Con- In sintesi, vietato fidarsi della Roma ferita e piena di Mangia, impegnato in un test
te l’ha vissuta da calciatore e ora apre l’album dei ri- infortunati e squalificati. «Sarà un banco di prova si- presso l’Atalanta per il Master di
cordi: «Io c’ero quando Francesco (Totti, ndr) ci fece il gnificativo, dovremo essere preparati a capire le spi- Coverciano? Siamo in serie A.
segno dei quattro gol con la mano, quando Cassano golosità della gara quando loro avranno il possesso
esultò con i compagni in cerchio facendo finta di but- palla ed essere bravi quando l’avremo noi». Con il 17 I PUNTI guadagnati in
tarsi l’acqua come in piscina. Sono sempre state sfide rientro di Pirlo, l’unico dubbio di formazione riguar- trasferta dalla Lazio (3-2 a Lecce).
toste, sentite, con ricordi positivi e negativi». Oggi è da il sostituto dell’infortunato Vucinic. «Qualche idea Sono il frutto di cinque vittorie e
un’altra storia, la sua prospettiva sarà diversa. E pro- ce l’ho, i candidati potrebbero essere due o anche tre due pareggi; per il momento è
prio dalla panchina nasce la sfida nella sfida: Conte - ammette il tecnico bianconero -. Ma ci sono equili- record stagionale.
contro Luis Enrique, due tecnici giovani, emergenti, bri da valutare, sceglierò il giocatore più adatto, anche
accomunati dallo stesso modo di intendere il calcio, se (sorride, ndr) so benissimo che se il risultato sarà 10 L’ATTICO nella fabbrica dei
che però stanno vivendo situazioni opposte. Il bianco- positivo avrò azzeccato, altrimenti avrò sbagliato». gol: lo occupano l’atalantino Denis
nero in testa alla classifica con una Juve di nuovo vin- Niente nomi, dunque, ma il ballottaggio è tra Estigar- e l’Udinese Di Natale. Quest’ultimo
cente e convincente, il giallorosso che fatica a trasfor- ribia (favorito) e Giaccherini. Per l’ex cesenate, Conte è a caccia del record della laurea di
mare in risultati le sue idee di origine blaugrana. «Per aveva speso parole di elogio giovedì sera dopo il gol e capocannoniere per tre stagioni di
me Luis Enrique sta facendo un ottimo lavoro - sostie- la bella prestazione in coppa Italia, ora torna sulla que- Zanetti: «Spero fila, stabilito dal mitico juventino
ne Conte - Bisognerebbe andare un pò più in là dei ri- ANDREA PIRLO IERI ALL’ARRIVO A FIUMICINO stione. «Toccatemi tutto ma non i miei giocatori. Platini fra il 1983 e l’85.
sultati, pur importanti, nei giudizi; nei giallorossi ve- Quando leggo critiche che non stanno nè in cielo nè in che siamo usciti
do la mano dell’allenatore, averne allenatori così». un concetto di gioco, una squadra che ha fatto benis- terra contro "alcuni Giaccherini" vado su tutte le furie.
dal periodo critico» 10 PIÙ 10 stasera «forse» farà
Complimenti sinceri e argomentati. «Mi aspetto la simo. Senza l’espulsione di Juan la gara si sarebbe con- Toccate me, non i calciatori perchè sono miei fratelli». venti. Alle 20,45 assisteremo
solita Roma, mi piace molto come gioca - aggiunge il clusa in altro modo». E ancora: «Siamo, insieme al Mi- «La mia esultanza al suo gol - spiega Conte - era ri- verosimilmente ad un allettante
tecnico bianconero - Ha un’idea di gioco e la porta lan, le due squadre che hanno il maggior possesso pal- ferita a ciò che avevo sentito e che era ingiusto nei MILANO. «Mi auguro che con la vittoria contro duello (alla camomilla) Totti-Del
avanti, fa la partita. Anche a Firenze domenica scorsa, la del campionato, basta questo. Ognuno ha la propria confronti di un ragazzo che ha grande disponibilità e la fiorentina l’Inter sia uscita dal periodo Piero in Roma-Juve. Acciaccati
in dieci, ha condotto le danze. Poi, certo, è inevitabile filosofia, ma la voglia di giocare a calcio ci accomuna. qualità. Ma viene dalla C1 e allora qualcuno lo consi- critico, ora dobbiamo pensare a chiudere come sono, auguriamoci che non ci
che nel giudizio si consideri il risultato, ma guardan- Spesso si pensa che il calcio sia matematica e si con- dera un pedalatore, invece ha dimostrato di essere im- bene l’anno»: così ha parlato ieri il capitano ispirino un pisolino.
do quella partita con gli occhi dell’allenatore si vede siderano solo i risultati ma per me Luis sta facendo un portante». dell’Inter, Javier Zanetti, al suo arrivo al Pupi
Christmas Gala, la serata di beneficenza 10 RISULTATI utili per il Catania
organizzata all’hotel Melià. «Sappiamo - ha sinora sul campo dell’Atalanta (ieri
IL PALERMO TORNA IN CAMPO DOMANI AL «BARBERA» PER GLI OTTAVI DI FINALE aggiunto - che possiamo fare molto di più. 1-1): quattro vittorie e sei pareggi.
Non guardiamo la classifica, andiamo avanti Le sconfitte restano quindici.
gara dopo gara per farci trovare pronti se

Domani la Coppa pensando al derby altri dovessero rallentare. La forza dell’Inter


è stare insieme, insieme con il presidente
Moratti, nelle vittorie ma anche nei
momenti no. Questo i tifosi lo hanno capito
5 APPUNTAMENTI per quattro
cene: stasera il posticipo Roma-Juve
(alle 20,45), domani il recupero
Genoa-Inter (20,45) e la sfida
NINO RANDAZZO no che Mangia non opti per la "solu- a Mangia anche per capire se le secon- e per questo ci danno sempre una mano. Palermo-Siena (21) in Coppa, poi
zione" Mantovani: con l’ex clivense a de linee possono rappresentare in Questa squadra - ha concluso Zanetti - ha nell’Europa League mercoledì
PALERMO. Domani c’è il Siena il Coppa sinistra e Balzaretti dirottato a destra. questo momento una valida alternati- sempre avuto la forza e il coraggio di Lazio-Sporting Lisbona (19) e
Italia, ma l’attenzione è già rapita dal Ma i dubbi in vista del derby non fini- va. L’obiettivo è, comunque, di cancel- reagire». E in più l’Inter vede vicino il rientro giovedì Udinese-Celtic (21,05). E
derby di domenica al Massimino con scono qui: con Munoz ed Acquah lare in fretta la brutta prestazione con di alcuni giocatori importanti come Sneijder, poi ancora serie A: tre partite
il Catania. Dopo aver perso l’imbattibi- squalificati e con alcuni giocatori in il Cesena. «Sabato sera siamo stati me- fermo da quasi un mese, e Forlan, anche lui sabato, il resto domenica.
lità in casa contro il Cesena, Matias Sil- condizioni atletiche non ottimali (Pi- no brillanti del solito - ha riconosciu- ai box da un mesetto. «Ho tantissima voglia
vestre vuole rifarsi proprio contro i nilla, Miccoli e Della Rocca), il tecnico to Silvestre - l’atteggiamento non è di giocare, da quando sono arrivato ho 2 I RIGORI, trasformati da Di
suoi vecchi compagni. «La prossima del Palermo potrebbe decidere di tor- stato quello delle ultime uscite al Bar- potuto dare poco, per altro in un momento Michele (Lecce) ed Ibrahimovic
partita sarà il derby e cercheremo di nare all’antico, e cioè di passare dal 4- bera. Eravamo concentrati sul Cesena, difficile, quindi non vedo l’ora di poter (Milan), rispettivamente contro
vincere la prima gara in trasferta dopo 3-1-2 al 4-4-2 provato con successo ora abbiamo l’incontro di Coppa Italia aiutare la squadra», ha detto l’attaccante Lazio (il primo per la squadra di
aver perso la prima in casa - ha detto nelle prime partite di campionato. e poi il derby. Possiamo vincere fuori, uruguaiano. «Se rientro a Genova o a Reja) e Bologna. Per Ibra sono già
il difensore rosanero - sarà la mia pri- In quest’ultimo caso, verrebbero ri- cercheremo di centrare l’obiettivo». Cesena? Ancora non so», ha risposto. quattro, tutti realizzati. Totale di
ma volta da ex e sicuramente sarà spolverati Alvarez e Bertolo sacrifica- Dopo la sconfitta con il Cesena, la 44; non ne ottiene la Roma, non ne
una partita diversa dalle altre». ti di recente "sull’altare" del nuovo squadra è tornata già ieri mattina ad A Milito il Bidone d’oro incassano Napoli e Novara.
Al Massimino Silvestre tornerà a modulo. La partita di domani sera al allenarsi al Tenente Onorato dove
fare coppia al centro della difesa con Barbera contro il Siena, valida per gli questo pomeriggio rifinirà la prepara- Sono passati solo 17 mesi da quel maggio 2 I «ROSSI», sventolati a Spolli
Migliaccio (al rientro dopo un turno di ottavi di finale di Coppa Italia, servirà zione. Zamparini non è assolutamen- 2010 quando, con 4 gol decisivi, Diego (Catania, il primo per i rossazzurri)
stop), ma c’è il rischio che Devis Man- te rimasto soddisfatto della presta- Milito regalava all’Inter il triplete (Coppa e il debuttante stagionale Munoz
gia debba fare a meno di Pisano, vitti- zione con i romagnoli ed ha chiesto a Italia, Campionato e Champions League). Da (Palermo, il secondo), entrambi per
ma contro il Cesena di una distorsione
alla caviglia sinistra. Se l’ex terzino
La carica di Silvestre. Mangia (con il quale ha parlato a lun-
go al telefono) un immediato riscatto.
quei giorni per il Principe nerazzurro è stato
un inesorabile declino sancito ieri
doppi «gialli». Ma la seconda
ammonizione per Spolli non stava
del Varese non dovesse farcela, al suo «Prima c’è il Siena, poi Contro il Siena giocheranno le riserve dall’assegnazione del più sgradito trofeo del nè in cielo e nè in terra. Totale 47:
posto giocherebbe a Catania il giova- (non Munoz che è squalificato pure in calcio italiano, giunto quest’anno alla nona nessuna espulsione per Atalanta e
ne uruguaiano Aguirregaray (che ha a Catania per vincere» Coppa), ma la società tiene alla mani- edizione: il Bidone d’Oro di Catersport, il Cagliari, cinque per Cesena, Genoa
comunque caratteristiche più offensi- festazione e vuole provare a ripetere il programma Rai di Radio2. e Roma.
IL ROSANERO MATIAS SILVESTRE ve del compagno infortunato), a me- cammino della scorsa stagione.
2 IL SEGNO che l’arbitro
Giannoccaro (Atalanta-Catania) ha
abolito nella personale schedina dei
 AMORE PLATONICO. A Quelli che il
visto
In attesa della Juventus, il campionato resta male: «Si riferisce anche a me?». E il li. Evidentemente ha problemi di messa a pronostici. Quando dirige lui, gli
trova la sua momentanea regina nell’Udi- tecnico ribatte prontamente: «A te no. calcio... Antonello Venditti ha un cruccio: fuoco, non inquadra l’azione». A Sky Cal- ospiti possono mettersi l’anima in
nese che, grazie alla doppia inzuccata del Tu hai tanta qualità, sotto tutti i punti di «La Roma ha un gioco platonico: è bella a cio Show Massimiliano Allegri è onestis- pace... E infatti: Cagliari-Novara 2-1,
solito Di Natale e del giovane Basta, vola vista». Proprio sotto... vedersi ma gli altri vincono». Victoria Ca- simo: «Il rigore per il Bologna c’era men- Milan-Cesena 1-0, Fiorentina-
 MI RITORNI IN MENTE. A San Siro, in
in tv in testa alla classifica: sarà così anche al
termine della supersfida dell’Olimpico?
 BUONARROTI? BUONANOTTE! Alla
Domenica Sportiva si parla della crisi del-
uno dei due anticipi serali, l’Inter risorge
al cospetto di una inguardabile Fiorenti-
na. Thiago Motta distribuisce pedate a
bello (presa di mira per la clamorosa ca-
duta della domenica precedente) prova a
fargli cantare gli inni di Lazio e Milan ma
il cantautore romano declina senza giri di
tre Ibra si butta… ». Ilaria D’Amico si con-
gratula: «Evviva la sincerità». Il rossone-
ro ammette: «Non si può negare l’evi-
denza». Cosa che, invece, fa, qualche mi-
Catania 2-2, Udinese-Palermo 1-0,
Genoa-Novara 1-0 e ieri 1-1 a
Bergamo.

la Roma nell’attesa del posticipo di stase- destra e a manca, Tagliavento lo grazia. parole: «E’ una str... ta». In effetti... nuto dopo, Seedorf. «Il pallone mi ha col- 1 LA DOPPIETTA, del laziale
ra contro la Juve, prima partita del cam- «Sembra godere di una dispensa papale»,  SENZA PADRONE. Restiamo su Quel- pito alla spalla», sostiene l’olandese. La Klose. Denis e Moralez (Atalanta),
di GIUSEPPE LO FARO pionato italiano ad essere trasmessa da ironizza, a Sky, Fabio Caressa. Che poi li che... Andrea Pezzi, inviato al Dall’Ara, gente in studio mormora. E Ilaria: «Sente Jovetic (Fiorentina), Ibrahimovic
Sky in 3D. Fulvio Collovati osserva: «A applaude il giovane Faraoni. «Ha fatto punzecchia Venditti: «Sono bolognese e il pubblico come rumoreggia?». Il colored (Milan) e Giovinco (Parma) ne
Parole di sfida sinistra giocherà Michel Angel». E Paola pure la trivela. Mi ha ricordato Quare- tifo anche per la Juve: vorrei ricordare ad del Milan non fa una piega: «E’ andata co- contano già due fra le 24
Ferrari: «Ti convince Michel Angel?». Pec- sma: solo che al portoghese non ho mai Antonello che noi bianconeri, a differen- sì, ve l’assicuro. Ma dalle immagini si ve- complessive. Scusate la freddura: il
del rosanero Silvestre cato si tratti di Jose Angel... visto fare qualcosa di diverso dalla trive- za dei giallorossi, abbiamo un padrone...». de diversamente… ». Caro Clarence, ma le Moralez è basso; non a caso
 QUESTIONE DI QUALITÀ. La giornata la». Appunto, un tri... bidone! Il romano replica stizzito: «Ma che vuole pare che tutti hanno la vista annebbiata… l’attaccante argentino è il
Parole «bugiarde» calcistica ha il suo prologo a Siena e a Lec-  ALLA RISCOSSA. Il Palermo frana dire? Non l’ho proprio capita». Interviene  GIORNATA NERA. Non piace neppu- calciatore meno alto nella serie A.
ce, nel pomeriggio. Amaro l’esordio di inaspettatamente alla Favorita contro il il milanista Renzo Rosso: «Certo però che re la direzione di Giannoccaro in Atalan-
del milanista Seedorf Serse Cosmi sulla panchina salentina. «La redivivo Cesena: Adrian Mutu regala ad la Juve, quest’anno, ha un c..o». Tanto per ta-Catania. Pietro Lo Monaco, a Salastam- 1 SOLO 1 - il punto casalingo del
Lazio non le porta bene», sottolinea, a Arrigoni un successo fondamentale e per farsi capire... pa, su Antenna Sicilia, tuona: «Ha influi- Lecce (1 pari e 6 sconfitte allo
Parole arrabbiate Serie A Live, su Mediaset Premium, i rosanero è notte fonda, proprio nell’im-  R…OCCHI MIOPI. A Bologna l’arbitro to sul risultato. Solitamente sto in silen- Stadio del Mare). Fiorentina,
Mikaela Calcagno. «I giornalisti italiani ri- minenza del derby. «Siamo incazzati e lo Rocchi ne combina di tutti i colori. A Sta- zio ma stavolta all’arbitro ho dovuto dire Novara e Palermo non riescono
di Pietro Lo Monaco vangano sempre questa cosa: non hanno dimostreremo a Catania», promette, a dio Sprint Bruno Gentili attacca: «E’ la se- qualcosina… ». E non saranno state paro- invece a ingranare in trasferta, dove
proprio fantasia... ». La bella conduttrice ci Sky Sport, Matias Silvestre. Vedremo... conda volta che capita, dopo Inter-Napo- le dolci… non vanno oltre 2 risultati di parità.
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

26. CALCIO NAZIONALE

1 Siracusa, un pari con molto rammarico


ª
Girone B
Divisione

Mancosu illude Vetta confermata


Nella foto
gli azzurri Il Milazzo spreca
Fofana si fa male in maglia bianca
schierati prima l’Aversa ringrazia
del fischio d’inizio.
LANCIANO. Il Siracusa pareggia a Lanciano nello scontro al ver-
tice e continua ad essere la prima della classe del girone B.
Per Mancosu
quarto gol
Per i mamertini
L’undici di Sottil conferma di essere in palla, portando la sua
striscia positiva a sette giornate consecutive. Partita vibrante,
in campionato
il terzo
due punti persi
combattuta, a tratti spigolosa. Il Siracusa segna con Mancosu lontano
dopo un bel primo tempo, poi resta in dieci e subisce il pareg- dal Nicola
gio degli abruzzesi bravi a non mollare. Nel finale si infortuna De Simone. MILAZZO 1
Fofana. E’ la sintesi di un pari di sostanza che alla lunga può an- Il pareggio AVERSA MORMANNA 1
che stare stretto ai siciliani. Il Siracusa gioca con personalità, permette MILAZZO (4-3-3): Croce 6. Dipasquale 6, Benci 6,
schierato col consueto 4-2-3-1 da Sottil, con Giordano sulla li- alla squadra Imparato 6, Quintoni 7, Cuomo 6, Bucolo 6.5, Fiore
nea difensiva, Baiocco e Spinelli sulla mediana, Fofana di pun- allenata 6, Proietti 6.5 (31’ s.t. Spilabotte n.g.), Scalzone 6
ta, con Pepe, Mancosu e Longoni a svariare. da Andrea Sottil (39’ s.t. Llama n.g.), Malafronte 6. A disposizione:
Nel primo tempo ospiti più manovrieri e determinati (privi de- di rimanere Pergamena, Simonetti, Urso, Ingemmi, Cucinotta.
gli squalificati Lucenti e Fernandez). Anche se il match è equi- da sola All: Trimarchi-Catalano.
librato, con rapidi capovolgimenti di fronte. Avvio brioso dei al comando AVERSA NORMANNA (4-4-2): Gragnaniello 7.5, Dia-
biancoblù dopo tre minuti: Baiocco affonda centralmente per della classifica. na 6, Mattera 6, Castaldo 6, Martucci 6 (4’ s.t. Var-
Pepe che si libera e di sinistro impegna Amabile che poi esce E senza i punti si 6), Petagine 6.5 (18’ s.t. Monda 6), Marano 6,
tempestivamente su Fofana. Al 13’ si vede il Lanciano sugli svi- di penalizzazione Zolfo 6, Letizia 6.5, Guarracino 6.5, Grieco 6 (21’
luppi di un corner di con un colpo di testa di Turchi bloccato da il vantaggio s.t. Secchione 6). A disposizione: Russo, Sgambato,
Baiocco che si ripete su un tiro dalla distanza di Volpe, mentre sarebbe Pisani, Sorrentino. All: Romaniello.
non ci arriva sulla punizione di Mammarella che scheggia la ancora più ampio ARBITRO: Abisso di Palermo (assistenti: Ficarra di
traversa (36’). Ma sono lampi. Al Siracusa basta accelerare al 45’ Palermo e Di Federico di Lodi).
con Fofana che guadagna una punizione al limite dell’area per RETI: 38’ p.t. Guarracino, 12’ s.t. Quintoni (rig.).
un ingenuo fallo di Massoni.
Il piede vellutato di Mancosu trova l’angolino giusto superan-
do la barriera frenata e fa secco Amabile (dodicesimo al posto
Davide Baiocco, una diga VIRTUS LANCIANO 1
NOTE: Spettatori 350. Espulsi: 14’ s.t. Mattera e
40’ s.t. Zolfo; 44’ p.t. il diesse del Milazzo Ferrigno
e 43’ s.t. il tecnico ospite Romaniello. Ammoniti:
di Aridità) proprio poco prima dell’intervallo. Gautieri sostitui-
sce un evanescente Piccioni con Chiricò. Una mossa azzeccata,
Squadra in buona salute SIRACUSA
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Amabile; Aquilanti, Amenta, Masso-
1 Dipasquale, Scalzone e Malafronte tra i locali, Guar-
racino e Marano tra gli ospiti. Angoli: 8-2 per il Milaz-
perché il peperino rossonero dà più vivacità all’azione offensi- ni, Mammarella; D’Aversa, Volpe, Capece; Piccioni (46’ Chiricò), zo. Recuperi 1’ e 7’.
va rossonera. Poco incisiva però in area siciliana. Troppo lento BAiOCCO P. 6: Al 14’ sventa la minaccia sul colpo di testa di Tur- Turchi (10’ st Titone), Pavoletti. A disp.: Casadei, Rosania, Vastola, MILAZZO. Non si può dire che tra Milazzo e
e compassato il centrocampo del Lanciano, controllato senza chi. Bravo a bloccare i tiri di Turchi e Volpe nel finale. Novinic, Zeytulaev. All.: Gautieri. Aversa siano mancati i colpi di scena. Al gol
affanni da Baiocco e Spinelli. Che al 28’ viene espulso per un fal- GIORDANO 6: Gara senza fronzoli, protegge efficacemente la SIRACUSA (4-2-3-1): Baiocco P.; Giordano, Ignoffo, Moi, Capoc- del vantaggio dei campani, nell’unico tiro in
lo proprio su Chiricò. Il Siracusa rimane in dieci, ma sfiora il rad- zona di competenza e riesce anche a spingere. chiano; Baiocco D., Spinelli; Pepe, Mancosu (36’ st Bongiovanni), porta della partita, si è aggiunto il pareggio su
doppio al 34’ con Mancosu: Amabile si supera e smanaccia il IGNOFFO 6,5: Autoritario nel governare il settore difensivo. Un Longoni (34’ st Zizzari); Fofana (30’ st Calabrese). A disp.: Fornoni, rigore del Milazzo, l’espulsione prima di Mat-
pallone in corner. Passa un minuto e la for- elemento di grande spessore nel cuore della di- Petta, Stringari, Pippa, Calabrese. All.: Sottil. tera e nel finale del capitano Zolfo, che di fat-
mazione abruzzese replica con un taglien- fesa aretusea. RETI: 45’ pt Mancosu (S), 41’ st D’Aversa (L). to fa chiudere in nove uomini la squadra ospi-
te traversone dell’effervescente Chiricò che MOI 6: Piccioni, Turchi e Pavoletti fanno molto ARBITRO: Borriello di Mantova. te.
attraversa tutta l’area di rigore ospite dove movimento, ma non va mai in affanno. Difen- NOTE: Spettatori 2.500 circa, con una ventina di tifosi ospiti. Espul- Sul piano prettamente tecnico, se i rossoblu
Mammarella prova la botta dal vertice sini- de con grinta e lucidità. E’ l’ex di turno e si con- so al 68’ Spinelli. Ammoniti: Capocchiano, Massoni, Chiricò. debbono lamentarsi per non essere riusciti a
stro ma Baiocco non si fa sorprendere. ferma elemento affidabile. sfruttare il vantaggio numerico e l’esito di
Ancora Chiricò cerca la prodezza dalla lun- CAPOCCHIANO 6,5: Quarto di difesa, costringe una partita che dall’espulsione del difensore
ga distanza, imitato al 38’ da un tiro di D’A- a volte Chiricò ad indietreggiare. Una gara at- MANCOSU 6,5: Quarto sigillo, il terzo lontano da casa. Si muove partenopeo è stata a senso unico, ma senza il
versa dai venticinque metri. Il Lanciano, tenta e dinamica sulla corsia di sinistra. Alla su tutto il fronte d’attacco da attaccante di manovra, mettendo in guizzo vincente, l’Aversa può fare una statua
con l’uomo in più, cerca il pari che arriva con terza stagione al Siracusa il giocatore monze- apprensione la retroguardia abruzzese. Cala nella ripresa. (Dal 30’ d’oro al proprio portiere Gragnaniello.
D’Aversa. Il capitano rossonero scarica un se è una pedina importante nello scacchiere st BONGIOVANNI sv.) Milazzo a trazione anteriore, ma è stato Quin-
destro potente col pallone, forse deviato, BAIOCCO SORTEGGIA IL CAMPO biancoblù. LONGONI 6,5: L’attaccante argentino torna titolare sulla sinistra toni che dalla sua posizione di esterno basso
che finisce alle spalle di Baiocco. A quel BAOICCO D. 7: Spezza il gioco e costruisce. Da e sfodera una prestazioe di qualità e sostanza. Crea preoccupa- è riuscito a far spiovere in area un’infinità di
punto la gara finisce qui. incontrista interpreta la gara nel modo giusto. Dai suoi piedi par- zioni alla difesa avversaria, poco incisivo però in fase offensiva. palloni non sfruttati a dovere. Al 38’ Guarraci-
Il Siracusa difende il prezioso pari nei restanti nove minuti. In te la manovra. Fosforo e cervello del Siracusa. Sbaglia qualche (Dal 34’ st ZIZZARI sv). no approfitta di una dormita generale della di-
parità numerica forse sarebbe stata un’altra gara. L’espulsione passaggio, quando perde un po’ di lucidità. FOFANA 7: Torna in campo dopo due giornate di stop, si procura fesa mamertina e ricevendo palla direttamen-
di Spinelli ha sicuramente favorito la squadra di casa. Ma un pa- SPINELLI 5: L’espulsione condiziona il voto finale. Il fallo su Chi- falli e fa reparto da solo. Poi al 35’ della ripresa è costretto ad ab- te dalla sua difesa, trova la strada spianata ver-
reggio a Lanciano è oro colato. Il Siracusa conferma di essere ricò è punito con l’espulsione che lascia il Siracusa in dieci. bandonare il campo per infortunio. L’auspicio è che non sia so la porta regalando il vantaggio agli ospiti.
una squadra che gioca bene e sa il fatto suo, senza avere spe- PEPE 6,5: Il suo rendimento cresce gara dopo gara. Gioca tra le li- niente di serio. Un giocatore che sta facendo la differenza. (Dal 34’ Preso il gol, il Milazzo cerca di accelerare i
so tanto. Domenica prossima sotto con il Frosinone. nee e la sua velocità crea ansia alla difesa rossonera. Conferma di st CALABRESE sv). tempi e le azioni diventano più convulse. Per
NICOLA NUCCI essere in forma. N. N. vedere qualcosa di più concreto occorre atten-
dere la ripresa ed esattamente il minuto 11,
quando Malafronte lancia per Scalzone, stret-
to in sandwich tra Mattera e Castaldo. L’arbi-
IL TECNICO SOTTIL SI GODE IL PARI E IL PRIMATO tro indica il dischetto ed assegna il rigore,
trasformato da Quintoni. Al 14’ Mattera com-

«Punto importante, sebbene avremmo potuto chiuderla»


mette una grossolana ingenuità andando a fa-
re fallo su Proietti, in una improduttiva azio-
ne di gioco e si fa espellere.
Da questo momento la partita cambia total-
LANCIANO. Il Siracusa difende il primato. Punto pesante nello questa strada. C’erano stro primo obiettivo è quello di chiudere in vetta alla classifica mente, il Milazzo diventa padrone del campo
scontro diretto al vertice in casa della Virtus Lanciano. tante insidie che la squa- il girone d’andata e ci proveremo. Pertanto dobbiamo restare e ha tutto il tempo per far sua una partita, un
Sottil, allenatore della formazione aretusea, esprime soddisfa- dra ha superato alla umili, procedere senza calcoli, bisogna marciare così fino alla successo che avrebbe permesso di aggancia-
zione per il risultato ottenuto in terra abruzzese. Quarto pareg- grande». fine. Domenica ci attende un’altra gara difficile contro il Frosi- re in classifica proprio l’Aversa e mettere die-
gio stagionale e serie positiva allungata a sette giornate (17 pun- Una tappa che era stata none. Sarebbe importante chiudere con una vittoria e girare la tro altre squadre in classifica. I rossoblu però
ti). definita come un esame boa del girone d’andata a quota 31 punti». non riescono a trovare la via della porta e
«Un punto importante - dice - al termine di una gara interpre- di maturità del Siracusa. La classifica, ribadisce Andrea Sottil, non è ancora delineata. «Il quando ci riescono ci pensa il portiere Gra-
tata nel modo giusto e giocata con personalità contro una «Tutte le prove sono im- Barletta verrà fuori, poi occhio alla Carrarese. IlLanciano meri- gnaniello a superarsi. Lo fa al 25’ su Proietti, un
squadra attrezzata come il Lanciano che tra le mura amiche ha portanti, ma se questa ta di stare queste posizioni. Credo però che serviranno altre 4- minuto dopo su Malafronte e al 34’ quando
sempre una marcia in più. Peccato per il gol subito nella parte era una sorta di maturità 5 giornate per capire quale sarà il gruppo che si contenderà fi- devia in angolo su ravvicinata girata a rete di
finale, forse potevamo avere la possibilità di chiudere prima la per dire chi siamo e dove no in fondo la promozione in serie B, quella diretta e quella at- Scalzone.
partita e portare via tre punti, ma sono comunque contento possiamo andare allora ANDREA SOTTIL traverso i playoff». Nel frattempo gli ospiti restano in nove per l’e-
della prestazione e del risultato che consente al Siracusa di dico che abbiamo dimo- La nota stonata della giornata è l’infortunio all’attaccante Fofa- spulsione di Zolfo e stringendo i denti per gli
mantenere la vetta della classifica». strato che possiamo dire la nostra ed essere protagonisti di que- na. «E’ uscito con le stampelle, si sottoporrà ad accertamenti fi- ultimi 12’ riescono a portare a casa un punto
Il tecnico della squadra siciliana evidenzia la condotta tattica e sto campionato. La squadra cresce in consapevolezza e perso- sici, spero non si tratti di un infortunio serio, ma l’entità la ca- mentre i milazzesi debbono recitare il mea
mentale del Siracusa. «Non abbiamo sofferto quasi mai, tranne nalità. La serie positiva contribuisce a portare entusiasmo e vo- piremo solo nelle prosssime ore. Montalto è in fase di recupe- culpa per non essere riusciti a trovare la con-
quando siamo rimasti in dieci nelle battute finali, un episodio glia di vincere. Dispiace un po’ per quel gol a tre minuti dalla fi- ro». centrazione necessaria per assestare il colpo
che inevitabilmente ci ha costretto a cambiare registro e a ne, preso in modo rocambolesco. Per il resto è una gara da in- Ultima domanda sul mercato di gennaio. Il Siracusa ha opera- decisivo e conquistare il successo pieno, pri-
quel punto abbiamo pensato esclusivamente a non sbilan- corniciare». zioni nel mirino? «Prima pensiamo a concludere bene il giro- ma del turno di riposo e della fine del girone
ciarci per difendere il pareggio. Il match alla vigilia si presenta- La classifica indica il Siracusa tra le big del girone. Primo posto ne d’andata, poi faremo un ragionamento con la società. Intan- d’andata.
va difficile, oltretutto il Lanciano era determinato a riscattare le con 28 punti e tre punti di penalizzazione. «Siamo davanti e vo- to spero di recuperare tutti gli effettivi della rosa». GIOACCHINO LO PRESTI
due sconfitte consecutive, mentre noi volevamo continuare su gliamo tenerci stretto il primato, sapendo che sarà dura. il no- NICOLA NUCCI

Al Trapani basta un grande primo tempo


Punti pesanti. Granata aggressivi e determinati, gol partita di Madonia. Al Sud Tirol resta l’inutile assalto finale
TRAPANI. Un grandissimo primo tempo e una ri- però viziata da fuorigioco. Al 14’ Madonia entra naller in area del Trapani, il tiro del giovane attac-
TRAPANI 1 presa più cauta regalano un successo di misura in area ed impegna in due tempi Iacobucci. Il Tra- cante del Sudtirol viene bloccato a terra da Ca-
SUDTIROL 0 ma meritato al Trapani. pani prosegue a macinare gioco e ne raccoglie i stelli.
TRAPANI: Castelli 6, Priola 6,5, Lo Bue 6,5, Pagliarulo I locali iniziano con il piglio giusto, al 5’ ci prova frutti al 38’ quando Pirrone entra in area da de- «Numero» di Gambino al 75’, su una palla che
6,5, Filippi 7, Pirrone 7,5, Barraco 6,5, Caccetta 6,5, Madonia dal limite dell’area ma il pallone va stra e serve un invitante pallone a Madonia il cui spiove nell’area avversaria il giocatore italo-tede-
Abate 6,5 (91’ Mastrolilli s.v), Gambino 6 (86’ Cianni fuori di poco. Un minuto dopo è Gambino ad in- diagonale si insacca nell’angolo alla sinistra del sco si inventa un destro al volo con la punta del
s.v), Madonia 7 (79’ Ficarrotta s.v). All. Boscaglia. volarsi sulla fascia destra ed a crossare basso al portiere: 1 a 0. Due minuti dopo granata vicini al piede che Iacobucci devia in angolo grazie anche
SUDTIROL: Iacobucci 7,5, Grea 6, Martin 6,5, Kiem 5,5, centro dell’area, Iacobucci esce in tuffo ma non raddoppio: su lancio di Pirrone ancora Madonia alla traversa.
Uliano 6, Cascone 5,5, Campo 5 (73’ Ferrari s.v), Callia- trattiene la sfera che perviene a Madonia il cui ti- è bravo con la punta del piede ad anticipare l’u- L’arbitro concede 4 minuti di recupero, i più ri-
ri 5,5 (61’ Chiavarini 6), Chinellato 5, Fischnaller 6, ro viene ribattuto con il corpo dal portiere del scita di Iacobucci ma la palla termina a lato. schiosi per il Trapani, con gli avversari che si ri-
Schenetti 5,5 (46’ Furlan 5,5). All. Stroppa, in panchi- Sudtirol. Al 9’ Lo Bue, nei pressi del vertice sini- Nella ripresa il Trapani è meno arrembante, la versano nell’area granata. Al 94’mischia davan-
na Guerra. stro dell’area, cambia gioco per Barraco che ri- formazione ospite guadagna campo ma non rie- ti a Castelli che si produce in una spericolata
RETE: 38’ Madonia mette al centro per Pirrone il cui tiro impegna se- sce quasi mai ad arrivare dalle parti di Castelli. I quanto provvidenziale uscita, la palla finisce sui
ARBITRO: Colarossi di Roma, assistenti Ernetti e Tozzi. veramente Iacobucci in tuffo. granata invece sfiorano ancora il 2 a 0 al 60’. Bar- piedi di Chiavarini che calcia alto da buona posi-
NOTE: Ammoniti Pagliarulo, Campo, Priola e Ficarrot- All’11’ l’arbitro annulla una rete del Sudtirol se- raco calcia una punizione da sinistra al centro zione. Finisce in gloria con la classifica che con-
ta per gioco scorretto. Calci d’angolo 7 a 3 per il Trapa- gnata da Fischnaller, bravissimo ad intercettare dell’area, Caccetta spizzica di testa e il pallone fi- tinua ad essere più che interessante.
MADONIA CALCIA IL PALLONE DEL GOL VITTORIA ni. di testa un calcio di punizione di Campo, azione nisce sul palo. Al 71’ Grea lancia lungo per Fisch- MICHELE CALTAGIRONE
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

CALCIO. CLASSIFICHE NAZIONALI .27

RENDIMENTO IN CASA RENDIMENTO FUORI CASA


CLASSIFICA PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S MARCATORI
15ª
GIORNATA
Udinese
Juventus
30
29
14
13
9
8
3
5
2
0
18
24
7
10
21
17
7
7
7
5
0
2
0
0
14
16
2
5
9
12
7
6
2
3
3
3
2
0
4
8
5
5
10 GOL: Denis (Atalanta, 2 rig.); Di Natale (Udinese, 2 rig.)
9 GOL: Ibrahimovic (Milan, 4 rig.)
8 GOL: Klose (Lazio)
Milan 28 14 8 4 2 31 16 17 7 5 2 0 19 4 11 7 3 2 2 12 12 7 GOL: Cavani (Napoli); Giovinco (Parma, 3 rig.)
Atalanta-Catania 1-1
18’ pt Legrottaglie (C); 25’ st Tiribocchi (A). Lazio 28 14 8 4 2 22 11 11 7 3 2 2 8 5 17 7 5 2 0 14 6 6 GOL: Jovetic (Fiorentina, 1 rig.); Palacio (Genoa, 1
Bologna-Milan 2-2 rig.); Marchisio, Matri (Juventus)
Napoli 21 14 5 6 3 22 14 12 7 3 3 1 13 8 9 7 2 3 2 9 6
5 GOL: Nocerino (Milan); Rigoni (Novara, 3 rig.);
11’ pt Di Vaio (B), 16’ Seedorf (M); 27’ st Palermo 20 14 6 2 6 16 16 18 7 6 0 1 16 7 2 7 0 2 5 0 9 Osvaldo (Roma); Calaiò (Siena)
Ibrahimovic (M) rig., 28’ Diamanti (B).
Catania 18 14 4 6 4 15 20 11 7 3 2 2 7 6 7 7 1 4 2 8 14 4 GOL: Moralez (Atalanta); Di Vaio (Bologna, 1 rig.);
Cagliari-Parma 0-0 Mutu (Cesena, 1 rig.); Pepe (Juventus); Miccoli
Genoa 18 13 5 3 5 16 16 11 6 3 2 1 8 5 7 7 2 1 4 8 11
(Palermo)
Inter-Fiorentina 2-0 Cagliari 18 14 4 6 4 12 13 8 7 1 5 1 3 5 10 7 3 1 3 9 8 3 GOL: Ramirez (Bologna); Conti (Cagliari, 1 rig.);
41’ pt Pazzini; 4’ st Nagatomo. Bergessio (Catania); Moscardelli, Pellissier (Chievo, 1
Inter 17 13 5 2 6 16 18 10 7 3 1 3 6 7 7 6 2 1 3 10 11
Lecce-Lazio 2-3 rig.); Cerci (Fiorentina); Milito (Inter, 2 rig.); Hernanes
Parma 17 14 5 2 7 15 20 13 7 4 1 2 10 5 4 7 1 1 5 5 15 (2 rig.), Rocchi (Lazio); Boateng (Milan); Hamsik,
12’ pt Di Michele (Le) rig., 28’ Klose (La); 2’ st
Cana (La), 14’ Ferrario (Le), 42’ Klose (La). Roma 17 13 5 2 6 15 17 10 6 3 1 2 10 8 7 7 2 1 4 5 9 Lavezzi (Napoli); Hernandez (Palermo, 1 rig.); Bojan
Novara-Napoli 1-1 (Roma); Destro (Siena); Basta, Isla (Udinese)
Atalanta (-6) 16 14 5 7 2 17 16 13 7 3 4 0 7 4 9 7 2 3 2 10 12
2 GOL: Acquafresca, Diamanti (Bologna, 1 rig.);
25’ st Radovanovic (No), 39’ Dzemaili (Na).
Fiorentina 16 14 4 4 6 13 13 14 7 4 2 1 12 4 2 7 0 2 5 1 9 Larrivey, Thiago Ribeiro (Cagliari); Almiron,
Palermo-Cesena 0-1
Chievo 16 14 4 4 6 11 18 12 7 3 3 1 6 4 4 7 1 1 5 5 14 Legrottaglie, Lodi (1 rig.), Maxi Lopez (Catania, 1 rig.);
18’ st Mutu. Paloschi (Chievo); Kucka, Rossi, Veloso (Genoa);
Roma-Juventus oggi (20,45) Bologna 15 14 4 3 7 13 20 7 7 2 1 4 7 11 8 7 2 2 3 6 9 Cambiasso, Motta, Pazzini (Inter); Vidal (1 rig.),
Siena-Genoa 0-2 Siena 14 14 3 5 6 14 14 10 7 3 1 3 11 7 4 7 0 4 3 3 7 Vucinic (Juventus); Lulic, Sculli (Lazio); Giacomazzi,
12’ st Rossi, 47’ Palacio. Grossmüller (Lecce); Cassano, Robinho, Seedorf
Cesena 12 14 3 3 8 7 15 6 7 1 3 3 5 7 6 7 2 0 5 2 8
Udinese-Chievo 2-1 (Milan); Campagnaro, Maggio, Pandev (Napoli);
23’ st Di Natale (U), 34’ Basta (U), 38’ Paloschi Novara 11 14 2 5 7 15 25 9 7 2 3 2 10 11 2 7 0 2 5 5 14 Morimoto (Novara); Ilicic, Pinilla (1 rig.), Zahavi
(C). Lecce 8 14 2 2 10 13 26 1 7 0 1 6 7 15 7 7 2 1 4 6 11 (Palermo); D’Agostino (Siena, 1 rig.)

PROSSIMI TURNI SERIE B/19ª g.


16ª GIOR. (18/12/2010-15) 1ª GIOR. (21/12/2010-20,45) LE PARTITE CLASSIFICA
Catania-Palermo Atalanta-Cesena Ascoli-Varese 0-0 Torino 41
Cesena-Inter Bologna-Roma
Brescia-Bari 1-3 Verona 37
Chievo-Cagliari 17/12 - 18 Cagliari-Milan 20/12 - 20,45
Fiorentina-Atalanta 17/12 - 20,45 Inter-Lecce
Cittadella-Reggina 3-2 Sassuolo 36
Genoa-Bologna Lazio-Chievo Grosseto-Modena 1-1 Pescara 33
Juventus-Novara Napoli-Genoa Gubbio-Padova 1-0 Padova 31
Lazio-Udinese 20.45 Novara-Palermo Nocerina-Crotone 0-2 Reggina 29
Milan-Siena 17/12 - 20,45 Parma-Catania Sampdoria-Juve Stabia 1-1 Varese
Napoli-Roma 20.45 Siena-Fiorentina 20/12 - 18 27
Sassuolo-Livorno 2-1
Parma-Lecce Udinese-Juventus Grosseto 27
Torino-Pescara 4-2
Sampdoria 26
Verona-AlbinoLeffe 1-0
FRANCIA GERMANIA INGHILTERRA OLANDA SPAGNA J. Stabia (-4) 25
Vicenza-Empoli 1-0
17ª giornata 16ª giornata 15ª giornata 16ª giornata 16ª giornata
Cittadella 25
PROSSIMO TURNO
Auxerre-Nizza 2-1 Augsburg-Borussia M. 1-0 Arsenal-Everton 1-0 AZ Alkmaar-De Graafschap 4-0 Athletic Bilbao-Racing S. 1-1 Vicenza 24
AlbinoLeffe-Gubbio
Lille-Dijon 2-0 Borussia D.-Kaiserslautern 1-1 Bolton W.-Aston Villa 1-2 Den Haag-Heracles 2-0 Espanyol-Atlético Madrid 4-2 Crotone (-1) 24
Bari-Vicenza
Lorient-Ol. Lione 0-1 Colonia-Friburgo 4-0 Chelsea-Manchester City oggi Excelsior-Heerenveen 0-5 Getafe-Granada 1-0 Bari (-2) 24
Nancy-Ajaccio 2-2 Hannover 96-Bayer L. 0-0 Liverpool-Q.P. Rangers 1-0 PSV Eindhoven-NAC Breda 1-0 Levante-Siviglia 1-0 Crotone-Ascoli
Empoli 21
Ol. Marsiglia-Bordeaux 0-0 Hertha Berlino-Schalke 04 1-2 Manchester Utd.-Wolverhampton 4-1 RKC Waalwijk-Ajax 0-1 Málaga-Osasuna 1-1 Empoli-Grosseto
Rennes-Brest 1-1 Mainz 05-Amburgo 0-0 Norwich City-Newcastle Utd. 4-2 Twente-NEC Nijmegen 2-0 Rayo Vallecano-Sporting Gijon 1-3 Juve Stabia-Cittadella Livorno 20
Sochaux-Paris S.G. 0-1 Norimberga-Hoffenheim 0-2 Stoke City-Tottenham H. 2-1 Utrecht-Feyenoord 2-2 Real Betis-Valencia 2-1 Livorno-Brescia AlbinoLeffe 20
St. Étienne-Caen 2-0 Stoccarda-Bayern Monaco 1-2 Sunderland-Blackburn R. 2-1 Vitesse-Groningen 0-0 Real Madrid-Barcellona 1-3 Brescia 19
Modena-Torino
Tolosa-Évian 2-1 Werder Brema-Wolfsburg 4-1 Swansea City-Fulham 2-0 VVV Venlo-Roda 2-0 Saragozza-Maiorca 0-1
Padova-Nocerina Modena 17
Valenciennes-Montpellier 1-0 WBA-Wigan 1-2 Villarreal-Real Sociedad 1-1
Pescara-Sampdoria Gubbio 17
Classifica Classifica Classifica Classifica Classifica
Reggina-Sassuolo Nocerina 15
Montpellier 36 Évian 19 Bayern M. 34 Colonia 20 Manchester C. 38 Swansea City 17 AZ Alkmaar 38 Roda 21 Real Madrid 37 Maiorca 18
Varese-Verona Ascoli (-7) 12
Paris S.G. 36 Caen 19 Borussia D. 31 Hertha Berlino 19 Manchester U. 36 Everton 16 PSV Eindhoven 34 Heracles 20 Barcellona 37 Real Sociedad 16
Lille 34 Auxerre 18 Schalke 04 31 Amburgo 18 Tottenham H. 31 Q.P. Rangers 16 Twente 33 NAC Breda 18 Valencia 30 Getafe 16
Ol. Lione 32 Sochaux 18 Arsenal 29 Fulham 15 Levante 29 Real Betis 16 PRIMAVERA C/13ª g.
Borussia M. 30 Mainz 05 17 Ajax 30 Utrecht 17
Rennes 29 Dijon 18 Chelsea 28 WBA 15 Siviglia 24 Granada 16
Werder Brema 29 Wolfsburg 17 Feyenoord 28 RKC Waalwijk 15 LE PARTITE CLASSIFICA
Tolosa 29 Brest 17 Liverpool 26 Sunderland 14 Málaga 24 Rayo Vallecano 16
Bayer L. 26 Kaiserslautern 15 Heerenveen 28 NEC Nijmegen 14 ABari-Ascoli 3-1 Roma 33
St. Étienne 27 Valenciennes 17 Newcastle Utd. 26 Wolverhampton 14 Osasuna 22 Villarreal 15
Ol. Marsiglia 25 Nancy 15 Stoccarda 22 Norimberga 15 Stoke City 21 Wigan 12 Vitesse 26 de Graafschap 12 Espanyol 20 Sporting Gijón 15 Gubbio-Roma 0-9 Lazio 32
Lorient 23 Nizza 14 Hannover 96 22 Augsburg 14 Aston Villa 19 Blackburn R. 10 Groningen 23 VVV Venlo 10 Athletic Bilbao 19 Racing S. 13 Juve Stabia-Crotone
2-1 Palermo 31
Bordeaux 20 Ajaccio 9 Hoffenheim 21 Friburgo 13 Norwich City 19 Bolton W. 9 Den Haag 21 Excelsior 8 Atlético Madrid 19 Saragozza 10 Lazio-Napoli 3-1 Reggina 22
Lecce-Reggina 1-0
Catania 22
LEGA PRO - PRIMA DIVISIONE girone B/16ª giornata - RISULTATI, PROSSIMO TURNO E TABELLINI Palermo-Nocerina 3-0
Lecce 22
Risultati Prossimo turno ANDRIA-PERGOCREMA 1-2 CREMONESE-LATINA 2-0 PIACENZA-BASSANO 3-2 Pescara-Catania 0-1
Andria-Pergocrema 1-2 Prato-Portogruaro 1-1 Barletta-Piacenza Portogruaro-Andria ANDRIA (4-2-3-1): Sansonna 5,5; CREMONESE (4-3-3): Alfonso 6; PIACENZA (4-4-2): Cassano 6,5; Juve Stabia 15
Meccariello 5,5 (12’ st De Giorgi 5), Polenghi 6, Rigione 6,5, Minelli 6,5, Sales Avogadri 6,5, Visconti 5,5, Di Bella 5,5, PROSSIMO TURNO
Carrarese-Barletta 0-0 Spezia-Triestina oggi Bassano-Trapani Siracusa-Frosinone Cossentino 6, Zaffagnini 5,5, Contessa 6; 6,5; Fietta 6,5, Pestrin 6,5, Dettori 6; Calderoni 5,5; Marchi 6 (24’ st Foglia 6), Nocerina 15
Cremonese-Latina 2-0 Trapani-Sudtirol 1-0 Feralpisalò-Virtus Lanciano Sudtirol-Cremonese Paolucci 6, Arini 6; Minesso 6,5 (12’ st Samb 5,5 (30’ st Bocalon 6), Musetti 6 Parola 7, Pani 6 (37’ st Volpe ng), Lisi 6; Catania-Nocerina
Frosinone-Feralpisalò 1-1 V. Lanciano-Siracusa 1-1 Latina-Spezia Triestina-Prato Loiodice 6,5), Del Core 6,5, Comini 5,5; (21’ st Nizzetto 6,5), Le Noci 6 (46’ st Guzman 6,5 (45’ st Ferrante ng), Guerra Napoli 13
Piacenza-Bassano 3-2 Pergocrema-Carrarese Innocenti 6 (9’ st Gambino 5,5). All.: Di Semenzato ng). All.: Brevi 6,5. 6,5. All.: Monaco 6,5. Gubbio-Lecce
Meo (in panchina Sassanelli) 5,5. LATINA (4-5-1): Martinuzzi 5; Gasperini BASSANO VIRTUS (4-3-1-2): Poli 6,5; Bari 12
PERGOCREMA (4-2-2): Menegon 7,5; 5,5, Cafiero 5, Farina 6, Maggiolini 6; Martina 6, Basso 5,5, Scaglia 6, Ghosheh Juve Stabia-Roma
RENDIMENTO IN CASA RENDIMENTO FUORI CASA Celjak 5,5, Romito 6, Cuomo 5,5, Mattia Carta 5,5 (10’ st Pagliaroli 5,5), Berardi 6; Mateos 6,5, Lorenzini 6,5, Caciagli 6;
Lazio-Palermo Ascoli 11
CLASSIFICA PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S PT GIOC. VIT. PAR. SCO. GOL F GOL S 5; Adeleke 7, Romondini 6,5, Angiulli 6 5,5, Matute 6,5, Giannusa ng (21’ pt Lucca 6,5 (24’ st Bonetto 5,5);
Siracusa (-3) 28 16 9 4 3 23 16 19 8 6 1 1 15 5 12 8 3 3 2 8 11 (28’ st Capua ng), Ricci 6 (35’ st Rizzo Tortori 6,5), Fossati 5,5; Bernardo 6,5. Longobardi 6 (37’ st Gasparello ng), Pescara 10
ng); Guidetti 5,5 (45’ st Settembrini ng), All.: Ghirotto 5,5. Guariniello 7. All.: Iaconi 6. Napoli-Crotone
Portogruaro 26 16 7 5 4 22 18 13 8 3 4 1 13 9 13 8 4 1 3 9 9 Pià 6,5. All.: Brini 6,5. ARBITRO: Cifelli di Campobasso 5,5. ARBITRO: Zappatore di Taranto 6.
Pescara-Bari Gubbio 9
V. Lanciano (-1) 26 16 8 3 5 20 17 15 8 4 3 1 11 8 12 8 4 0 4 9 9 ARBITRO: Gallo di Barcellona P.d.G. RETI: 41’ pt Minelli; 32’ st Fietta. RETI: 23’ e 48’ pt Guariniello (B); 3’ st
Cremonese (-6) 25 16 9 4 3 22 10 19 8 6 1 1 17 7 12 8 3 3 2 5 3 RETI: 14’ pt Del Core (A), 32’ Adeleke NOTE: espulso Cafiero (L) al 37’ st. Parola (P), 6’ Guerra (P), 44’ Guzman (P).
(P); 15’ st Pià (P). Reggina-Ascoli Crotone 6
Trapani 25 16 7 4 5 23 19 15 8 4 3 1 11 7 10 8 3 1 4 12 12 NOTE: al 43’ st Del Core (A) si è fatto FROSINONE-FERALPISALÒ 1-1 PRATO-PORTOGRUARO 1-1
Pergocrema 25 16 8 1 7 18 22 15 8 5 0 3 10 10 10 8 3 1 4 8 12 parare un rigore. FROSINONE (4-3-3): Nordi 5,5; PRATO (4-3-1-2): Layeni 6; Scrugli 5,5,
Carrarese 24 16 6 6 4 23 18 15 8 4 3 1 12 5 9 8 2 3 3 11 13
CARRARESE-BARLETTA 0-0
Catacchini 6, Guidi 6, Cordos 6, Vitale
5,5; Frara 6, Beati 6 (1’ st Carrus 6),
Manucci 6, Lamma 6, Varutti 6; Gori 6,5,
Fogaroli 6, Cavagna 6 (20’ st Geroni 6);
TOTOCALCIO
Barletta 24 16 6 6 4 16 15 12 8 3 3 2 8 7 12 8 3 3 2 8 8 CARRARESE (4-4-2): Nocchi 7; Piccini Bottone 5; Miramontes 5 (30’ st Baccolo Pisanu 6 (16’ st Silva Reis 6); Benedetti
Triestina 21 15 7 0 8 25 22 15 8 5 0 3 15 10 6 7 2 0 5 10 12 6,5, Benassi 6,5, Pasini 6,5, Anzalone ng), Santoruvo 5,5, Aurelio 5,5 (12’ st La 6, Pesenti 6 (28’ st Marongiu ng). All.:
LA SCHEDINA
Sudtirol 21 16 5 6 5 18 16 12 8 3 3 2 9 7 9 8 2 3 3 9 9 6,5; Orlandi 6, Pacciardi 6,5, Corrent 6,5, Mantia 6). All.: Corini 5,5. Esposito 6.
Giovinco 6 (38’ st Belcastro ng); Cori 6,5, FERALPISALÒ (4-3-3): Branduani 6,5; PORTOGRUARO (5-3-2): Bavena 6;
1 ATALANTA-CATANIA 1-1 X
Spezia 20 15 5 5 5 18 16 14 7 4 2 1 9 3 6 8 1 3 4 9 13 Merini 6,5 (38’ st Gaeta ng). All.: Sottili Turato 6, Camilleri 6,5, Leonarduzzi 6, Regno 5,5, Coppola 6, Fedi 6, Radi 6,
Frosinone 20 16 5 5 6 19 21 14 8 4 2 2 13 10 6 8 1 3 4 6 11 2 BOLOGNA-MILAN 2-2 X
(in panchina Bongiorni) 6,5. Cortellini 6,5; Drascek 6, Castagnetti 6,5, Pondaco 6; Lunati 6,5 (24’ st Luppi 6,5),
Piacenza (-4) 17 16 6 3 7 21 29 10 8 3 1 4 12 17 11 8 3 2 3 9 12 BARLETTA (4-2-3-1): Sicignano 6,5; Fusari 6,5; Bracaletti 6,5 (15’ st Montella Cunico 6,5, Herzan 6 (24’ st D’Amico 3 CAGLIARI-PARMA 0-0 X
Mazzarani 6, Migliaccio 6,5, Mengoni 6,5, 6), Defendi 6 (38’ st Bianchetti ng), 6,5); De Sena 6,5, Corazza 6,5. All.:
Latina 16 16 4 4 8 20 24 11 8 3 2 3 15 12 5 8 1 2 5 5 12 Pelagias 6,5; Guerri 6,5, Di Cecco 6,5; Tarana 6,5 (44’ st Dell’Acqua ng). All.: Rastelli 6. 4 UDINESE-CHIEVO 2-1 1
Andria 16 16 3 7 6 17 24 12 8 3 3 2 9 8 4 8 0 4 4 8 16 Simoncelli 6 (38’ st Menicozzo ng), Remondina 6,5. ARBITRO: Fabbri di Ravenna 6.
Bassano 15 16 3 6 7 12 17 8 8 2 2 4 4 5 7 8 1 4 3 8 12 Cerone 6 (27’ st Schetter 6), Infantino 5,5 ARBITRO: Aversano di Treviso 6. RETI: 19’ pt Corazza (Po), 37’ Pisanu (Pr) 5 FOGGIA-TERNANA 3-1 1
Prato 14 16 3 5 8 15 20 9 8 2 3 3 7 7 5 8 1 2 5 8 13 (23’ st Di Gennao 6); Mazzeo 6. All.: Cari RETI: 3’ pt Bracaletti (Fe); 40’ st La rig.
6,5. Mantia (Fr). NOTE: espulso Scrugli (Pr) al 17’ st. 6 PISA-MONZA 2-2 X
Feralpisalò 12 16 2 6 8 8 16 4 8 0 4 4 4 9 8 8 2 2 4 4 7 ARBITRO: De Faveri di San Donà 6.
7 REGGIANA-TARANTO 0-1 2
Marcatori 8 ANDRIA-PERGOCREMA 1-2 2
10 GOL: Godeas (Triestina) 1ª DIVISIONE Girone A/16ª giornata 2ª DIVISIONE Girone A/18ª giornata 2ª DIVISIONE Girone B/20ª giornata
8 GOL: Le Noci (Cremonese, 3 Avellino-Spal 2-1 Borgo a Buggiano-Renate 1-1 Aprilia-L'Aquila 1-2 Perugia 42 Aversa N. (-1) 23
9 LANCIANO-SIRACUSA 1-1 X
Ternana 34 Tritium 23 Casale 37 Renate 21
rig.); Barraco (Trapani, 2 rig.); Benevento-Viareggio 5-1 Taranto (-1) 33 Benevento (-6) 19 Cuneo-Poggibonsi 1-3 Treviso 34 B. a Buggiano 21 Arzanese-Melfi 2-2 L’Aquila 37 Ebolitana (-1) 22 10 COMO-LUMEZZANE 2-1 1
Giacomense-Rimini 0-0 Rimini 33 Bellaria I.M. 21 Campobasso-Chieti 0-3 Catanzaro 36 Neapolis 21
Pavoletti (Virtus Lanciano) Como-Lumezzane 2-1 Pro Vercelli 29 Foggia (-1) 18 Paganese 36
7 GOL: Corazza (Portogruaro) Foggia-Ternana 3-1 Como (-1) 27 Reggiana (-2) 16 Lecco-Savona 1-4 Cuneo 32 Mantova 21 Catanzaro-Fondi 2-0
Chieti 33
Vibonese 21 11 PRO VERCELLI-SORRENTO 4-0 1
Montichiari-Bellaria I.M. 1-1 Santarcangelo 30 Sambonifacese 21 Celano-Neapolis 1-2 Fano (-5) 20
6 GOL: Jefferson (Latina, 1 rig.); Foligno-Carpi 1-0 Carpi 26 Monza 13 Vigor Lamezia 31
Pisa-Monza 2-2 Pisa 25 Viareggio (-1) 11
Pro Patria-Alessandria 1-0 San Marino 27 Savona (-4) 20 Ebolitana-Giulianova 2-1 Giulianova 26 Milazzo 20 12 CARRARESE-BARLETTA 0-0 X
Guerra (Piacenza); Evacuo (Spezia, Sambonifacese-San Marino 1-4 Poggibonsi 25 Alessandria (-2)19 Fano-Paganese 1-1 Arzanese 26 Fondi 18
Pro Vercelli-Sorrento 4-0 Sorrento (-2) 25 Spal (-2) 10 Santarcangelo-Mantova 1-0 Virtus Entella 24 Pro Patria (-13) 17 Milazzo-Aversa Normanna 1-1 Isola Liri (-2) 17 13 TRAPANI-ALTO ADIGE 1-0 1
2 rig.) Aprilia 25
Reggiana-Taranto 0-1 Avellino 25 Pavia 9 Valenzana-Casale 0-3 Giacomense 24 Valenzana 11 Perugia-Vigor Lamezia 3-2 Gavorrano 25 Melfi (-4) 16
Tritium-Pavia 1-1 Lumezzane 24 Foligno (-4) 6 Virtus Entella-Treviso 2-2 Montichiari (-1) 23 Lecco 10 Vibonese-Isola Liri 3-2 Campobasso (-2) 23 Celano 9 14 NOVARA-NAPOLI 1-1 X
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

28. il CALCIO. SERIE D

Fra Adrano e Messina vince la paura di perdere


Etnei pericolosi con Arcidiacono ADRANO- MESSINA 0-0
gli ospiti frenati dalle 4 assenze ADRANO: Linguaglossa, Montella (70’
Bruno), Cunsolo, Grasso, Cristaldi, Ore-
fice, Santangelo (81’ Caputa), Di Mau-
ADRANO. Un risultato a reti inviolate - occasione per i padroni di casa: Santan- ro, Pasca, Arcidiacono, Calabrese (56’
quello maturato allo stadio dell’Etna fra gelo (un vero settepolmoni) lancia in Torcivia).
Adrano e Messina - che può essere defi- area Arcidiacono, Rossi Pontello "liscia" A disp.: Mancari, Scalia, Arena, Strano.
nito equo anche se, ai punti, i padroni di l’uscita sul pallone, ma l’attaccante bian- All.: Pippo Strano.
casa avrebbero meritato qualcosa in più. coazzurro non riesce ad agganciare la MESSINA: Rossi Pontello, Impagliazzo,
Gara molto tattica: i due tecnici non sfera che rotola fuori. Caldarella, Coulibaly, Occhipinti, D’An- Il centrocampista
hanno voluto rischiare più di tanto e un Il Messina non decolla, ma riesce tut- gelo, D’Alterio, Lo Nardo, Corona, Co- Arcidiacono
punto ciascuno li ha accontentati. Nell’A- tavia a controllare bene l’offensiva del- cuzza (75’ Mento), Ferraro (80’ Irrera). conclude
drano turnover per Scalia e Fabio Arena l’Adrano: così D’ Alterio libera su un A disp.: Cecere, Mastrogiovanni, Bion- sull’esterno
(in panchina pronti in caso di necessità), cross sottoporta di Montella. Sul fronte do, Capone, Scarantino. della rete
sostituiti dal sempre grintoso Cristaldi e opposto Corona serve Ferraro che tocca All.: Alessandro Bertoni. dopo avere
Grasso che di anni ne ha quasi metà di con la mano, rendendo vana la corsa ARBITRO: Diomaiuta di Albano Laziale anticipato
Giorgio Corona eppure non ha mai falli- verso la porta. Intorno alla mezzora, pri- (assistenti: Argento di Palermo e Yle- il messinese
to un solo pallone quando si è trattato di ma vera azione pericolosa per il Messi- nia D’Alia di Trapani). D’Angelo,
marcare il forte attaccante ospite. Nel na: ripartenza di Ferraro che sfiora il gol NOTE: cielo coperto, spettatori 350 (un sciupando
Messina, assenti per infortunio Coppola, con un tiro da posizione molto angolata. centinaio gli ospiti). Espulso: 81’ D’An- una buona
Criaco e Lo Piccolo, oltre allo squalifica- Sugli sviluppi di un corner a favore del gelo Ammoniti: Ferrario, Lo Nardo, Im- occasione
to Simone Grillo. Squadre schierate nel Messina si scontrano in area Cristaldi e pagliazzo, Di Mauro, Coulibaly. Ango- per portare
loro modulo classico: Adrano con un 4- Occhipinti, quest’ultimo rimane a terra li 6-3 per il Messina. Recupero: 2’ pt, in vantaggio
4-2 e Messina con un 3-4-3, ma con Co- curato dai sanitari. Riprenderà con una 3’ st. l’Adrano
rona e Cocuzza sempre pronti a dare vistosa benda sulla testa. Linguaglossa [foto G. D’Agata]
man forte alla difesa sulle incursioni de- respinge in angolo un tiro di Ferraro, su-
gli attaccanti locali. Da elogiare Giorgio gli sviluppi del corner paurosa mischia in
Corona che, nonostante l’età, ha giocato
anche da terzino appena l’arbitro ha san-
cito l’espulsione di D’Angelo.
area con i giocatori ospiti che reclamano
per un presunto fallo di mani.
Nella ripresa solita girandola di sosti-
Strano contento: «E’ un punto prezioso»
La gara. Si studiano per alcuni minuti,
le due formazioni: niente attacco alla
tuzioni, ma la musica non cambia. L’A-
drano sembra più determinato con Arci-
Bertoni: «Inutile parlare delle assenze»
baionetta. In entrambe le squadre gioca- diacono i cui tiri, però, non riescono mai
no uomini capaci di risolvere la gara con a centrare lo specchio della porta. Il Mes- ADRANO. Attaccanti dell’Adrano con le polveri Da Pasca, osserva qualche cronista, ci aspet-
azioni personali e, pertanto, niente ritmi sina tenta la via del gol con Caldarella su bagnate? Questo l’argomento in salastampa nel tavamo di più. «Pasca lavora per la squadra,
forsennati, ma azioni meditate e dise- corner, Linguaglossa blocca, Corona lan- dopo Adrano-Messina. «Non credo: abbiamo non è una voce isolata - lo giustifica Strano -.
gnate con raziocinio. Apre le danze l’A- cia due volte (la seconda volta con un giocato una buona partita, con cautela, non Consentitemi di complimentarmi con Giorgio
drano, che si rende pericoloso con Pasca, "cucchiaio") Ferraro in area, ma è tutto scoprendoci più di tanto e tenendo nella massi- Corona: quando gli ospiti sono rimasti in dieci,
ma il suo colpo di testa risulta inutile inutile e lo stesso Corona non riesce ad ma considerazione gli avversari - Pippo Strano non ha fatto una piega e ha giocato da terzino.
perché il giocatore viene colto in fuori- arpionare un pallone su corner di D’An- difende i suoi giocatori -. Siamo riusciti a crea- La classe e la professionalità non sono acqua.»
gioco. I giallorossi si affidano a un cross gelo. Piccolo litigio fra Occhipinti e Ros- re le nostre azioni da rete, ma non giochiamo da Il tecnico dei giallorossi messinesi si fa atten-
di Corona per Cocuzza, e a un tiro di Fer- si Pontello che non s’intendono e stanno soli. Avevamo di fronte fior di giocatori. Non sia- dere, poi giunge accompagnato da un dirigen-
raro, ma il pallone rotola fuori in en- per farsi infilzare da Arcidiacono, poi - su mo riusciti a violare la rete del Messina è vero, te che concede ai cronisti soltanto un minuto
trambe le occasioni. Il 19enne Cunsolo si un azzardato retropassaggio di Calda- sebbene i nostri attaccanti ci abbiano tentato perché Bertoni deve prendere l’aereo. «Una par-
toglie lo sfizio di rubare palla a Giorgio rella - Arcidiacono ruba il pallone, parte più volte: ma voi tutti sapete che, quando non si tita tattica, combattuta: due squadre bene
Corona, poi si invola verso la porta di come un diretto verso la porta avversa- segna, si rischia alla fine di essere anche infilza- schierate in campo con qualche spunto perso-
Rossi Pontello, ma il tiro conclusivo è ria, D’Angelo, in netto ritardo, è costret- ti. E avevamo di fronte giocatori con una grossa nale. Risultato equo».
troppo debole. Punizione di Arcidiacono, to a stenderlo e si becca l’espulsione esperienza alle spalle. Io sono contento, siamo Forse le troppe assenze hanno influito sul
Di Mauro colpisce di testa ma il suo tiro (81’). Il susseguente calcio di punizione riusciti a fare un punto prezioso contro una co- rendimento del suo Messina?
è innocuo. Santangelo viene messo a - battuto da Di Mauro - non produce ef- razzata. Credo che quando nella ripresa è venu- «Le gare vanno accettate e commentate con
terra, il calcio di punizione di Arcidiaco- fetti e sino alla fine non succede più nul- to fuori il Messina non abbiamo concesso più di chi gioca non con chi é assente», risponde Ber-
no è preda di Di Mauro che non indovi- la di importante. tanto. Un risultato che ci tiene in linea con i no- toni mentre va via di corsa, verso l’aeroporto.
na lo specchio della porta. Intorno al 20’, PAOLO LICCIARDELLO IL CAPITANO DELL’ADRANO CRISTALDI ANTICIPA CORONA [G. D’AGATA] stri programmi. » P.L.

O GRANATA SULLA DIFENSIVA, PIEGATI A 3’ DALLA FINE DA GALANTUCCI O SFORTUNATO L’ESORDIO DI GALFANO, IL NUVLA S’IMPONE NEL FINALE
ACRI-ACIREALE 1-0 NUVLA-PALAZZOLO 1-0
ACRI [4-4-2]: Mauro 6,5; Martucci 6, Bilot- NUVLA SAN FELICE [4-3-3]: Apuzzo 6; La-
ta 6, Deffo 6,5, Mancino 6; Berlingieri 6 gnena 6,5, Coppola 7, Cacace 7, Pappadia
(30’ st Bonomo ng), Perrelli 6,5, Filidoro 6 6 (22’ st Volpicelli 6,5); Circiello 6,5, Salva-
(7’ st Perri 6), Foderaro 6,5; Domanico 6 tore 7, Temponi 6,5; Di Fiore 5 (1’ st Liccar-
(13’ st Visciglia 6), Galantucci 6,5. A disp. do 6), Riccio 6, Ferraro 6 (32’ st
Gardi, Cavatorti, Zicarelli, Filippo. All. Fer- Pagano).All. Di Maio.
raro. PALAZZOLO [4-4-2]: Ferla 6,5; Piluso 6,
ACIREALE [4-5-1]: Zelletta 6.5; Vezzosi 6, Mondello 6,5, Romeo 6, Allocca 6; Liga 6,
Lombardo M. 6,5, Godino 6 (31’ st D’A- Arena 6, Martines 6 (44’ st Gennarini ng),
damo ng), Silvestri 6; Trovato 6, Zumbo Contino 6,5; Bonarrigo 6,5, Panatteri 6
6,5, Panepinto 6, Radicchio 6 (18’ st Frit- (16’ st Spampinato 6,5).All. Galfano.
titta 5,5), Savanarola 6,5; Lo Bosco 6. A di- ARBITRO: Liguori di Bergamo 6,5
sp. Romano, Lombardo G., Puglia, Ragu- RETE: st 43’ Cacace.
sa, Tomarchio. All. Gardano. NOLA. Il punticino ci poteva stare.
ARBITRO: Abagnara di Nocera Inferiore 6. Peccato per il Palazzolo, vista la rete
RETE: st 42’ Galantucci. incassata quasi allo scadere. I sicilia-
NOTE: Spettatori 400 circa. Giornata ven- ni tornano a casa senza punti e il nuo-
tilata, terreno in discrete condizioni. An- vo tecnico Angelo Galfano non può
goli: 4-3 per l’Acri. Recupero: pt 1’; st 4’. essere contento: «Il Nuvla ci ha cre-
ACRI. Prosegue la corsa in vetta al- duto sino alla fine, è stato premiato
la classifica dell’Acri, guidata dal tec- SAVANAROLA SI È RESO PERICOLOSO AL 25’ DELLA RIPRESA CON UN COLPO DI TESTA da una mischia e noi non siamo stati BONARRIGO E FERLA SONO STATI TRA I PROTAGONISTI A NOLA
nico Ferraro. La squadra bravi a chiudere nelle fasi
calabrese ha superato di più concitate. Ho visto al-
misura l’Acireale. L’undici
di Gardano ha lottato sino
in fondo, cercando di por-
tare a casa un punto pre-
L’Acireale s’inchina l’opera un buon colletti-
vo. C’è da lavorare, ma
possiamo migliorare».
Il primo tempo è equili-
Palazzolo beffato
zioso, ma un guizzo di Ga-
lantucci, complice una re-
troguardia poco incisiva,
ha regalato ai padroni di
alla capolista Acri brato, le due squadre si
sfidano a viso aperto e so-
no diverse le occasioni de-
gne di nota. Al 6’ Temponi,
in dirittura d’arrivo
casa tre punti preziosi, che permetto- La prima occasionissima della gara stregata. I siciliani battono il primo neoacquisto del Nuvla, che calcia a la- ormai battuto. Nuvla San Felice cerca di risalire posi-
no all’Acri di stazionare in solitaria in capita al 25’ sui piedi dello sguscian- colpo al 25’: Panepinto calcia un cor- to di poco, sulla sinistra della porta Nella ripresa, al buon avvio degli zioni nella classifica del Girone I. L’in-
vetta alla classifica. te Foderaro, che colpisce la traversa, ner preciso sul quale si avventa come difesa da Ferla. Al 15’ si vede la squa- ospiti, segue un monologo dei cam- gresso in società di Gennaro Iezzo, in
L’Acireale non ha creato grossi con Zelletta fuori dai giochi. Un mi- un falco Savanarola. Il colpo di testa dra ospite con Panatteri che conclude pani: al 12’ Ferla salva sul colpo di te- qualità di direttore generale ed ex
grattacapi. Ma alla squadra siciliana nuto più tardi tocca ancora a Filidoro del giocatore dell’Acireale è preda di da buona posizione alto sulla traver- sta ravvicinato di Temponi, che aveva calciatore del Napoli di Walter Maz-
va dato il merito di essersi saputa di- cercare la via della rete. Solo un inter- Mauro che con un balzo felino evita sa. Il gioco è fluido, tuttavia i tentati- indirizzato la palla nell’angolino. Do- zarri, ha certamente dato nuova linfa
fendere con ordine sino alla fine. Fat- vento della difesa ospite, che si rifugia all’Acri la beffa. Un colpo di reni de- vi da ambo le parti non impensieri- po una fase transitoria, il Nuvla San al progetto promosso dal presidente
ta eccezione per l’episodio che ha in angolo, evita il vantaggio dei pa- terminante. Dopo un quarto d’ora di scono più di tanto i portieri. Al 35’ Felice raccoglie le ultime energie e si Giuseppe Giugliano che - proprio
concesso ai locali di sbloccare il mat- droni di casa. stasi, la gara si riaccende grazie alla percussione di Pappadia, tocco al li- lancia all’assedio della porta siciliana: grazie all’approdo in bianconero di
ch. L’Acri scende in campo con un Dopo un primo tempo all’arrem- giocata vincente di Galantucci: l’at- mite per Coppola che batte alto. Al 37’ al 41’ Ferla nega ancora il gol a Salva- Iezzo - ha potuto beneficiare di nuo-
classico 4-4-2: Ferraro preferisce Do- baggio, l’Acri rientra in campo con le taccante di Ferraro entra nell’area si cambia ancora fronte e, stavolta, tore, che conclude da posizione invi- ve e importanti sponsorizzazioni.
manico a Visciglia e conferma in toto idee chiare: attaccare fino allo sfini- piccola e si fa largo tra i difensori del- Apuzzo si produce in un bell’inter- tante, sfera in angolo; dalla bandieri- Questo ha permesso alla squadra di
il quartetto arretrato. Gardano ri- mento. Gardano, tuttavia, piazza l’A- l’Acireale, scivola si rialza e riprende vento sul diagonale di Bonarrigo. Al na la palla arriva in area e ancora Fer- Nola di correggere il tiro sul fronte del
sponde con un 4-5-1 che ha come cireale in modo impeccabile e supe- la corsa verso la porta di Zelletta, che 38’ grossa occasione per i bruniani a la è miracoloso su un colpo di testa di mercato, apportando provvidenziali
vertice Lo Bosco. Nella prima frazio- rare la linea difensiva dei siciliani ap- viene trafitto per la rete dell’1-0. seguito di una punizione scodellata Coppola. Ancora corner e qui, pur- innesti alla luce della disponibilità di
ne l’Acri martella la difesa avversaria pare impresa praticamente impossi- Un’azione caparbia dell’attaccante si- in mezzo da Coppola: da una mischia troppo, il Palazzolo capitola: al 43’ nuovi finanziamenti esterni. Tra l’al-
sin dal fischio d’inizio. Al 1’ Galantuc- bile. Allora i padroni di casa si affida- lano, ma anche tanta ingenuità da in area gialloverde la palla perviene a l’ennesimo calcio d’angolo messo in tro, va ricordato che il Nuvla ha riot-
ci, solo davanti al portiere, calcia de- no alle conclusioni da fuori, per cer- parte dei difensori siciliani. Ultimo Cacace che svirgola clamorosamente mezzo da Circiello genera una mi- tenuto i tre punti persi in un primo
bolmente, divorandosi la rete del care di rompere il ghiaccio. Al 12’ è atto di una gara giocata praticamen- vanificando la ghiotta opportunità. schia furibonda nell’area siracusana, momento a tavolino della gara di
vantaggio. Ma l’Acri non si ferma al Domanico a scagliare una sassata dal te a senso unico, ma che l’Acireale Nuovo ribaltamento di fronte e anche Riccio fa da sponda per Cacace, con Sant’Antonio Abate (vinta sul campo
suo piccolo centravanti. Al 5’ tocca a limite dell’area. Nell’occasione Zel- aveva saputo tenere a bada fino a 3 il Palazzolo costruisce la sua grande un colpo di testa, e il difensore bian- col risultato di 1-2). Si attende questa
Filidoro impensierire il portiere av- letta è superlativo: prima respinge minuti dal triplice fischio finale. Se la chance: angolo di Piluso, palla re- conero riesce a insaccare l’uno a zero settimana la conferma - da parte del-
versario con una bordata da fuori la conclusione dell’attaccante dell’A- graduatoria sorride all’Acri, lo stesso spinta dopo un’uscita avventata di che vale i tre punti per la squadra na- la Corte di Giustizia Federale - cosic-
area: Zelletta para in due tempi la cri, poi anticipa di un soffio l’accor- non può dirsi per l’Acireale costretta Apuzzo, il cuoio finisce a Contino che poletana. Per la formazione di Galfa- ché i gigliati saliranno a quota 22
conclusione del giovane centrocam- rente Foderaro, già pronto a ribadire a inseguire posizioni migliori, essen- calcia a botta sicura ma Cacace salva no è una beffa. punti in graduatoria, affiancando tra
pista. in rete. La porta dell’Acireale sembra do impantanata nelle sabbie mobili. sulla linea di porta, col suo portiere Partito con ambizioni da playoff, il le altre squadre proprio il Palazzolo.
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

il CALCIO. SERIE D .29

Nissa affondata dagli ex, il Serre Alburni sbanca Noto


NISSA-HINTERREGGIO 1-4 NOTO-SERRE ALBURNI 1-2
NISSA: Saia 5; Marchese 5 (13’ st Mirabella 5), Di Marco 5; Marletta 5, D’Angelo 5, Perri- NOTO [4-3-3]: Farò 4; Scarpitta 5,5 (13’ st Misuraca sv), Piccirillo 6, Aguglia 5,5, Palladino
cone 5; Rabbeni 5,5 (30’ st Failla sv), Avola 6, Bruno 5, Butera 5 (12’ st Piangente 5), Guer- 5 (13’ st Leggiero 6); Perfetti 5, Rizzi 5,5, Gambi 5,5; Villa 5, Fontanella 5, De Souza 4.
reri 5,5. A disp. Boccardo, De Caro, Prestigiacomo, Accardo, Santuccio. All. Di Nola
A disp. Sanfilippo, Noto, Restuccia, Garrasi. All. Gaspare Cacciola. SERRE ALBURNI [4-4-2]: Spicuzza sv; Fariello 6, Pascuccio 7, Dell’Isola 7, Melcarne 6; Grimau-
HINTERREGGIO: Cambareri 6; Sciarrone 6, Marguglio 6; Vicari 6, Ungaro 6 (38’ pt Taverniti do 5,5 (19’ st Manganelli 6), Borsa 6 (5’ st Tulimeri 7), Pecora 6, Amarante 6,5; Senè 8 (42’
6), Franceschini 6,5; Iennaco 6,5, Lavrendi 6,5, Impallari 6,5, Ancione 6 (30’ st Crucitti sv), st De Cesare sv), Sica 7.
Eseola Aderinsola 6 (9’ st Trentinella 6). A disp. Brancale, Passaro, Maiese, Ferraiolo. All. Santosuosso
A disp. Cutrupi, Crisalli, Crea, Arigò. All. Gaetano Di Maria. ARBITRO: Bianchini di Cesena 7,5 (assistenti: Totaro e Cucè di Messina 7)
ARBITRO: Giua di Pisa 6 (assistenti Saieva e Napoli di Agrigento). RETI: st 12’ Sica, 25’ Villa, 35’ Senè.
RETI: pt 10’ e 24’ Impallari, 12’ Ancione; st 27’ Rabbeni (rigore), 38’ Franceschini. NOTE: spettatori presenti più di mille con nessuna rappresentanza ospite. Giornata nuvo-
NOTE: Ammoniti Lavrendi ed Eseola Aderinsola; quest’ultimo è stato riammonito e quin- losa, terreno di gioco in discrete condizioni. Noto in campo con la seconda maglia bianca
di espulso per un plateale gesto di stizza dopo essere stato richiamato in panchina dall’al- ed inserti granata, calzoncini e calzettoni granata; ospiti con in maglia rossa, calzoncini e
lenatore Di Maria. Ancora una volta presenza scarsa di pubblico sugli spati del “Marco To- calzettoni neri. Ammoniti: Gambi, Perfetti e Rizzi per il Noto; Dell’Isola per il Serre Albur-
maselli”. Angoli 6-2 (2-1) per i locali. ni. Allontanato dalla panchina del Noto al 26’ st il presidente Musso. Angoli: 7-3 per il No-
to. Recupero: 2’ pt, 5’ st.

Impallari e Ancione trascinano Senè gela


l’Hinterreggio di mister Di Maria il Palatucci
CALTANISSETTA. La Nissa sprofonda sempre di più. Il cambio del-
la dirigenza (con il passaggio dal gruppo Ilardo al gruppo Du-
Il calcio di rigore
trasformato da
con una
go di Avola) e il conseguente rinnovamento tecnico (Gaspare
Cacciola al posto di Sasà Marra) non hanno dato i frutti spera-
ti visto che al pareggio casalingo di domenica scorsa contro il
Rabbeni al 27’ del
secondo tempo prodezza dalla
Serre Alburni hanno fatto seguito le sconfitte di Acireale (nel
turno infrasettimanale) e con l’Hinterreggio. Ma soprattutto, SENÈ AUTORE DEL GOL-PARTITA lunga distanza
a preoccupare i tifosi - che dopo l’apertura di credito di otto
giorni fa, ieri hanno manifestato “nostalgia” per il tecnico PAREGGIO NEL DERBY SAMBIASE-VALLE GRECANICA NOTO. Sembra un film già visto, un anno fa di questi tempi. L’av-
esonerato - è l’involuzione tecnica della formazione biancoscu- versaria? Un’altra squadra campana. Il risultato? Un altro 1-2,

Il S. Antonio batte il Cosenza in rimonta


data che, pur se nel frattempo rimpolpata da quattro “nuovi” con la stessa progressione delle reti. Le differenze? Tante. Il No-
(teoricamente gente di categoria: Saia, Marletta D’Angelo, to saluta il proprio pubblico per il 2011 con una sconfitta, pro-
Perricone), ha accusato vistose smagliature soprattutto in di- prio come nel 2010, interrompendo la striscia positiva interna
fesa, regalando almeno due gol agli avversari tra i quali ieri c’e- (l’ultima sconfitta al Palatucci risaliva all’11 settembre, 3-2 per
rano tre ex: il tecnico Di Maria e gli attaccanti Ancione e Impal- il Marsala dopo che il Noto all’intervallo era avanti di 2 reti) al
lari (entrambi andati a segno). Se poi si considera che questa SAMBIASE-VALLE GRECANICA 1-1 S. ANTONIO ABATE-COSENZA 3-1 termine di una gara che ha annoiato i numerosi presenti.
Nissa non è capace al momento di produrre né gioco né trame SAMBIASE [4-4-2]: Andreoli 6; Cristaudo 6,5, Morelli 6, Porpora ng S. ANTONIO ABATE [4-3-3]: Della Pietra 6,5; Angelino 6, D’Aniello 7, Noto rimaneggiato, in campo con una formazione rivoluzio-
offensive capaci di mettere ansia agli avversari, ecco che il qua- (29’ pt Marchio), Curcio 6; Santoro 5 (4’ st Okolie 5), Carrato 6,5, Cassese 6,5, Visciano 6,5; Tommaseo 7, Corsale 7, Chierchia 6,5; Vi- nata in attesa che il mercato produca gli effetti decantati e gli
dro si completa. Per cui il nuovo gruppo di dirigenti presiedu- De Pantis 6, Fabio 6 (30’ st Perri ng); Lio 6, Mandarano 6. All. Erra. tale 7.5, Martone 6,5 (24’ st Costantino 6), Sifonetti 6.5. All. Cimmino. infortuni e le squalifiche la smettano di tartassare la squadra di
to da Antonino Monterosso dovrà fare qualcosa di importan- VALLE GRECANICA [4-4-2]: Nucera 6; Aloi 6, Sansone 6, Elefante 5, Cu- COSENZA [4-2-3-1]: Ramunno 6; Potestio 5 (13’ st A. Caputo 5), Sciglia- mister Di Nola, uscita tra i fischi del pubblico. Spettatori che pa-
te se vuole evitare che la Nissa sprofondi sempre di più, sino al- cinotti 5; Sapone 6 (1’ st Patera 6), Iozzia 6, Laurendi 6, Ike 6 (21’ no 5, Parisi 5,5, Varriale 6; Castellano 5 (32’ st Piromallo ng), Roma- gando il biglietto hanno il sacrosanto diritto di dire la propria.
la retrocessione. Questo organico ha bisogno di gente di cate- st Gallo 6); Alizzi 6 (48’ st Labate ng), Pirro 6,5. All. Dima Ruggiano. no 5; Fiore 5,5, Provenzano 5, Rapisarda 5; Mosciaro 5,5. All. Patania. Da salvare i 20’ dopo il vantaggio dei campani, quando le due
goria e soprattutto di qualità, ma an- ARBITRO: Lacagnina di Caltanissetta 6. ARBITRO: Rapuano di Rimini 6 (assistenti: Menicocci e Guglielmi). sostituzioni di Di Nola ne hanno cam-
I tifosi hanno che di qualche giovane che abbia i nu-
meri idonei per stare in prima squa-
RETI: st 3’ Pirro (VG) rig., 37’ aut. Elefante (S).
LAMEZIA TERME. Un altro rigore, concesso dall’arbitro Laca-
RETI: pt 10’ Fiore, 42’ D’Aniello, 45’ Vitale; st 1’ Tommaseo.
S. ANTONIO ABATE. La rincorsa del Cosenza si ferma a S. An-
biato il volto in intensità di gioco. So- Formazione
lo quello, però. Un Noto che ha lottato
nostalgia dra.
A questo gruppo, comunque, biso-
gnina, condanna il Sambiase al secondo pari interno in 4
giorni. Primo tempo equilibrato con un paio di occasioni per
tonio Abate, dove i rossoblù perdono in rimonta dopo aver do-
minato la prima frazione: al 10’ la rete di Fiore, su assist di Var-
come ha potuto e nonostante le fati- di casa
che della trasferta di giovedì con il
di Sasà Marra gna riconoscere una forza d’animo parte: Laurendi e Sapone per gli ospiti, Fabio e un rigore re- riale. Per i calabresi, però, si spegne inspiegabilmente la luce. Sambiase, giocata per più di un tempo modificata
notevole, visto che ieri, nella seconda clamato, per braccio di Cucinotti in area, per i locali. Succe- Dopo un grande intervento di Della Pietra su Fiore al 34’ e due in inferiorità numerica. E gli ospiti?
esonerato. parte della gara hanno tentato in tut- de tutto nella ripresa: dopo 3’ il penalty concesso per pre- belle parate di Ramunno su Sifonetti e Martone, il Cosenza ca- Presenti, eccome! Il Serre Alburni non per le tante
ti i modi di riportare il risultato in di- sunta trattenuta di Marchio su Pirro. Quest’ultimo trasfor- pitola per 3 volte: al 42’ pareggia D’Aniello, al 45’ sigla il 2-1 è certo la Casertana dell’anno scorso -
Preoccupa scussione. Ma anche in questa circo- ma. Inizia l’assalto del Sambiase e dopo i due pali di Okolie Vitale e a inizio ripresa cala il tris Tommaseo. Un duro colpo come del resto il Noto non è lo stesso assenze
stanza i limiti tecnici sono apparsi e Curcio e tre palle-gol per Fabio, ancora Okolie e Mandara- per la squadra di Patania, che al 16’ colpisce un palo con Mo- dell’anno scorso, capace di girare a 29
l’involuzione ben manifesti. Ha ben poco da spera- no, arriva il pareggio calabrese grazie all’autorete del capi- sciaro. Finale nervoso per gli ospiti, con Fiore espulso per dop- punti e poi smontato prima, e crollato, e fischiata
re per il futuro una formazione debo- tano del Valle Grecanica, Elefante. pia ammonizione. dopo -, però si è portato a casa 3 pun-
tecnica le in difesa, con un centro campo dai ti che fanno morale e classifica, nono- a fine gara
piedi... proletari (si salva il solo Avola stante una prestazione appena sopra
della che, per le qualità di cui dispone, me- la sufficienza. E il calcio ci regala una dai propri
riterebbe di giocare in contesti sicura- bella storia, quella di un centravanti
squadra sostenitori
mente ben diversi) e da un reparto of-
fensivo che produce tanto fumo e po-
Il Cittanova è in piena crisi societaria assente per lunghi tratti dell’incon-
tro, ma che al primo pallone giocato
co arrosto. Anche Cacciola non ha molte colpe da farsi perdo- trova l’eurogol da 3 punti - da quasi 40 metri, ma con la parte-
nare visto che è arrivato da dieci giorni e che negli ultimi otto
giorni la sua squadra ha dovuto disputare tre gare di campio-
ma il Marsala non ne sa approfittare cipazione del portiere netino, impreparato e fuori dai pali. A de-
cidere è il gol della punta campana Ousmane Senè, al 35’ del-
nato. Ma proprio per questo - è stato il ragionamento fatto a fi- la ripresa: il suo destro al volo dalla lunga distanza ha fatto ca-
ne gara da alcuni tifosi delusi - è stata probabilmente affretta- ster Mesiti, ha dimostrato ancora una re in campo per la qualità di gioco lare il gelo sugli spalti del Palatucci, che ha dimostrato la pro-
to l’avvicendamento sulla panchina, anche in considerazione CITTANOVA-MARSALA 0-0 volta alto senso di professionalità e at- espressa e per la quantità di palloni pria sportività, tributando un applauso al centravanti ex Vitto-
del fatto che a Noto (ultima gara di Marra) la Nissa aveva fat- CITTANOVA [4-4-2]: Di Matteo 6; Felipe 6, To- taccamento alla maglia, ma se le cose smistati. ria e Acireale al momento dell’uscita dal campo.
to bene e stava addirittura per portare a casa tre punti. daro 6, Paonessa 7, Audino 6 (12’ st Geno- dovessero continuare per come stan- Nella seconda frazione la musica Primo tempo impalpabile, zero occasioni da gol e portieri
Il primo gol dei calabri (spettacolare) lo ha realizzato Impal- vese ng); De Pasquale 6, Condomitti 6, no andando, la società calabrese giun- non cambia. Le squadre non accenna- pronti per le vacanze natalizie. Secondo diverso, che inizia con
lari al 10’, bravo a colpire in tuffo su cross di Vicari. Clamoro- Montesano 6 (28’ st Zagari ng), Di Piedi 6; gerà quanto prima al capolinea. Tutto no a modificare i ritmi di gioco e il ri- una pericolosa sortita degli ospiti con Piccirillo bravo a recupe-
so invece l’errore dei biancoscudati (in maglia rossa) due mi- Tiralongo 6, Zagaria 6 (20’ st Conversi ng). questo lo si è capito prima che la squa- sultato rimane inchiodato sullo 0-0. rare e mettere in angolo. Al 12’ il primo vantaggio ospite:
nuto dopo: Di Marco è finito addosso a Saia e i due hanno re- All. Mesiti. dra scendesse in campo e dallo stato Gli unici brividi arrivano al 14’ con Ti- Senè sfonda dalla sinistra e serve centralmente per capitan Si-
galato la palla ad Ancione che l’ha potuta spedire in fondo al MARSALA [4-4-2]: Di Masi 6; Trezza 6, Gene- d’animo che si leggeva nelle facce di ralongo, che sbuccia clamorosamente ca. Tutto solo, il numero undici campano elude il ritorno dei
sacco in assoluta tranquillità. La Nissa ha reagito (senza sover- sio 6 (27’ pt Pergolizzi 6), Giacalone 6, Im- tutti i giocatori, soprattutto su quella la sfera dopo un buon lavoro da parte centrali granata e appoggia in rete. Mister Di Nola rivoluziona
chie pretese) con Avola al 17’ (tiro alto) ma al 24’ è arrivato il piccichè 6; Matinella 6,5, Marino 6 (10’ st di mister Mesiti, il quale continua a dei suoi compagni di reparto. Al 34’, la squadra e il Noto ritrova spinta e coraggio, nonostante i fischi.
terzo gol dei calabri, realizzato ancora da Impallari che ha avu- Cusimano 6), Fina 6, Sorrentino 6; Conti 6, svolgere un ruolo molto delicato nel poi, Condomitti ha la concreta possi- Al 23’ Scarpitta centra la traversa da posizione defilata con un
to la possibilità di incunearsi nel cuore della difesa biancoscu- Daidona 6 (35’ st De Vita ng). All. Sciacca. tenere unito un gruppo che rischia di bilità di regalare ai suoi i tre punti, bel destro al volo; stessa sorte, 2’ più tardi, per una conclusio-
data senza alcun contrasto. Prima del riposo (al 29’) la Nissa ha ARBITRO: Rossi di Rovigo 6. sbriciolarsi da un momento all’altro. ma da posizione centrale spara cla- ne da lontano di Fontanella. Il pareggio netino arriva al 25’. Riz-
riprovato ad inquadrare la porta avversaria, stavolta con Rab- NOTE: Spettatori 500 circa. Giornata venti- Tornando alla cronaca, dopo una morosamente a lato. Per la formazio- zi scodella al centro una punizione respinta con affanno dalla
beni, ma la palla è stata neutralizzata da Cambareri. lata, terreno di gioco in discrete condizioni. prima breve fase di studio entrambe ne allenata da mister Sciacca un pun- difesa ospite, la palla arriva sui piedi di Villa che con un prege-
Ripresa senza sussisti fino al 27’ quando Bruno è stato atter- Angoli: 5-5. Recupero: pt 1’; st 3’. le squadre tentano l’affondo provando to che fa morale, ottenuto su un cam- vole pallonetto manda nel sette, rianimando i suoi. E quando
rato in area ospite; il conseguente calcio di rigore è stato tra- MELICUCCO. Si è concluso con un ri- di volta in volta ad avanzare il baricen- po difficile come quello di Melicucco. il pareggio sembra scritto, nonostante i timidi tentativi di Vil-
sformato da Rabbeni. Due minuti dopo lo stesso Rabbeni ha sultato a occhiali l’incontro tra il Mar- tro. Nei primi 20 minuti solo il Citta- A fine partita l’allenatore del Marsala la da una parte e Senè dall’altra, a 10’ dalla fine è il camerunen-
tentato la rovesciata acrobatica da ottima posizione ma ha sala di mister Sciacca e il Cittanova. nova ha avuto qualche occasione, ha commentato così la prestazione se a spaccare l’incontro con una prodezza da applausi e che
mancato la palla. Al 38’ l’Hinterreggio ha chiuso il conto con Non è stata una partita entusiasman- mentre il Marsala ha cercato di agire, dei suoi uomini. «I ragazzi si sono conferma la tradizione positiva di Senè contro il Noto, squadra
Franceschini che è saltato indisturbato in area nissena su cal- te sotto l’aspetto dello spettacolo, an- soprattutto con veloci azioni di con- comportati bene e hanno ottenuto un a cui ha segnato con tre maglie diverse: Vittoria, Acireale e ap-
cio di punizione battuto da Lavrendi. Finale generoso ma in- che perché le due formazioni sono tropiede, subito intercettate dall’at- punto che ci può stare. Avevamo di punto Serre Alburni. Il gol arriva come un macigno per la
fruttuoso dei nisseni, con Avola che al 44’ ha impegnato Cam- scese in campo senza carattere, molli tenta retroguardia biancoverde, che fronte un avversario coriaceo, che squadra netina, le cui speranze di pervenire al pareggio si
bareri su calcio di punizione e con lo stesso capitano nisseno nelle gambe, anche e si spera, a causa non si è fatta mai sorprendere. Ottima spesso ci ha messo in difficoltà. Sono spengono sulla punizione, calciata da Villa al 44’, ribattuta dal-
che al 47’ ha battuto un corner ed ha colpito la parte alta del- della gara infrasettimanale disputata la prestazione di Paonessa, vero e pro- felice per il risultato finale e mi augu- la barriera, e sulla cui respinta Rizzi ha calciato alto, e dopo i 5
la traversa. giovedì. prio baluardo della difesa di casa e ro che questo punto possa essere alla minuti di recupero assegnati.
LINO LACAGNINA La squadra di casa, allenata da mi- che, ancora una volta, è stato il miglio- base di tanti altri risultati di prestigio». OTTAVIO GINTOLI

BATTIPAGLIESE-LICATA 3-3 Licata irriducibile CAMPAGNA. Un Licata coriaceo e combattivo strap-


pa un punto importante sul difficile campo della
seguire e con un risultato utile ai siciliani, che
hanno saputo gestire al meglio le situazioni più
ruso dopo un’azione manovrata, al 9’ Zullo usa lo
sterno e non le mani per bloccare un pallone che
BATTIPAGLIESE [4-4-2]: Della Corte 5,5; De Battipagliese nonostante la doppia inferiorità nu- difficili, credendo in un risultato positivo nono- Cataruozzolo ruba, il portiere lo stende. Rosso
Feo 6 (38’ st Lamberti ng), Troisi 6, Maglia-
no 6, Follera 6; Panico 5,5 (12’ st Viscido
raggiunge sul pari merica. Dopo la prima espulsione di Pira, al 19’ del
primo tempo, Zummo ha dovuto raggiungere
stante i vari handicap accumulati. Dopo una fase
di studio e il Licata a propiziare il vantaggio di ca-
per Zullo, Licata in 9 e il giovanissimo Valenti tra
i pali che nulla può per bloccare il rigore di De Ce-
6), Caruso 6,5, Serrapica 6, Odierna 6 (21’
st Pingue 6); Cataruozzolo 6, De Cesare 7.
la Battipagliese anzitempo gli spogliatoi, all’8’ della ripresa. I
campani hanno gettato al vento la vittoria, facen-
sa. Al 19’ Pira serve il portiere Zummo, si inserisce
De Cesare e lo stesso Pira lo atterra al limite del-
sare. I bianconeri sembrano giocare sul velluto,
ma al 29’ arriva il Licata ha la sua fiammata d’or-
A disp. Loccisano, Biancardi, Pappalardo,
Volzone. All. Calabrese.
in nove uomini dosi raggiungere sul 3-3 a poco più di un quarto
d’ora dalla fine. Dopo il vantaggio firmato da De
l’area. Rosso per il difensore e punizione che l’ex
bomber della Salernitana trasforma, spedendo il
goglio. Il neo-entrato Pingue regala una punizio-
ne agli ospiti, Grillo crossa per La Marca che di te-
LICATA [4-4-2]: Zummo 6,5; Pira 4, Arme- Cesare è arrivata la rimonta targata Manfrè e Ric- pallone sotto l’incrocio. Al 24’ Odierna serve Pani- sta fa 3-3. La Battipagliese, prova a ricompattarsi,
nio 6, Cocuzza 6, Alletto 6 (8’ st Valenti ng); cobono. co che segna, ma la rete viene annullata per fuo- i siciliani si difendono in 9, in pieno recupero
Scopelliti 6, La Marca 6,5, Tiscione 6, Gril- Nella ripresa le zebrette hanno ribaltato il risul- rigioco. I bianconeri peccano di ingenuità al 29’, una traversa e un palo non modificano il risulta-
lo 6; Manfrè 6,5 (4’ st Cricchio 6), Riccobo- tato, grazie a Caruso e De Cesare, fino al definiti- quando un rimpallo favorisce Manfrè che pareg- to finale. A fine gara, l’allenatore della Battipaglie-
no 6,5 (31’ st Ortugno ng). A disp. Cirillo, vo pareggio che ha chiuso i conti. Il tutto condito gia. Manca la reazione della Battipagliese e, dopo se è l’unico a presentarsi in sala stampa. «Non
Calcagno, Mento, Saluto. All. Balsamo. da tre espulsioni a scapito dei siciliani, una diret- 4 giri di lancette, i siciliani capovolgono il risulta- posso rimproverare nulla ai ragazzi, la squadra ha
ARBITRO: Michieli di Padova 6. tamente dalla panchina (Calcagno al 27’ del primo to: Riccobono supera Odierna e dal vertice dell’a- giocato 3 partite in 7 giorni e la stanchezza si sen-
RETI: pt 20’ De Cesare (B), 29’ Manfrè (L), tempo), 5 ammoniti, 2 gol annullati ai biancone- rea fa partire una staffilata che si infila tra palo e te. Voglio solo dire che non si può pareggiare una
33’ Riccobono (L); st 3’ Caruso (B), 9’ De ri e altrettanti legni colpiti dai campani nel fina- portiere. Dopo l’intervallo la Battipagliese, in 9’, partita dove si è in vantaggio sul 3-2 e con 2 uo-
Cesare (B), rig., 29’ La Marca (L). ROSARIO LA MARCA, AUTORE DEL GOL DEL 3-3 le. Una gara al cardiopalma, vivace, piacevole da riesce a riportarsi in vantaggio. Al 3’ pareggia Ca- mini in più rispetto ai nostri avversari».
LA SICILIA LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011

30. CALCIO
E ccellenza

GIRONE A La prima volta del Ribera da capolista solitario


RIBERA
VIT TO RIA D I M I S URA 2 PAR I I N E X TREM I S

L’Alcamo soffre R. MARMI 0 Subito in salita


ma piega RIBERA: Talluto, Campanella (85’ Esposi-
to), Li Greci, Fallea, Geraldi, Ciancimino, Mar-
la partita
il Castellammare torana (85’ Angileri), Palazzo, Erbini, Galluz-
zo (75’ De Luca), Geraci. All. Totò Brucculeri. della Sancataldese
RIVIERA MARMI: Dragotto, Basilico, Di
Maggio, Lamia C. (58’ Nolfo), Lamia M., Cin-
CASTELLAMMARE 0 dauro, Marcenò (70’ Cernigliaro), Sciacca, SANCATALDESE 1
ALCAMO 1 Di Vita, Castiglione, Settecase. All. Filippo MAZARA 1
CASTELLAMMARE: Lo Monaco, Cilluffo, Cavatoio. SANCATALDESE: Fagone, Alessi, Martino,
Amico (21’ Accetta), Di Giuseppe, Ferrito, ARBITRO: Maugeri di Acireale, collaboratori Sangiorgio (55’ Ventura), Miraglia, Milane-
Turano, Mione F. (86’ Di Donato), Di Barto- Casamento e Oneglia di Palermo. sio, Marino (48’ Montagna), Cutaia, Genova,
lo, Bruscia, Mione G. (84’ D’Anna), Agueci, RETI: 57’ Li Greci, 63’ Palazzo. Concialdi, Maira (88’Luca Pignatone). A di-
All. Navarra. sp. Alaimo, Mangiavillano, Giuffrè, Sammar-
ALCAMO: Durantini, Monteleone, Unnie- RIBERA. Il Ribera, con il più classico dei tino. All. Pidatella.
mi, Lunetto, Perricone, Piccolo, Di Miceli (66’ risultati, grazie a due eurogol di Li Gre- MAZARA: Ilario, Toni Giacalone, Sicurella,
Venuti), Pirrone, Vabres, Papania (26’ Rinau- ci e di Palazzo, diventa capolista solita- Barbera, Terramagra, Terranova, Russo (79’
do), Norfo (60’ Iovino). All. Ciaramella. ria e allunga il passo sulle avversarie, FINISCE IN FONDO ALLA RETE IL PALLONE CALCIATO DA LI GRECI [FOTO CILIBERTO] Salvatore), Falanga, Palumbo (51’Omolade),
ARBITRO: Curti di Milano distanziate di due punti. Nella storia Jiroh, Cristian Giacalone (67’ Hriaech). A dip.
RETE: 78’ Vabres.
N OTE: Giornata poco nuvolosa, spettatori
600 circa di cui oltre la metà di sostenitori
del calcio riberese non è mai accaduto.
La squadra del trainer Brucculeri vince
meritatamente, non con il gioco spu-
Uno-due di Li Greci e Palazzo forte e rasoterra, fa secco il portiere
Dragotto, con il pallone che si infila a fil
di palo. Tripudio dei tifosi sugli spalti
Ingrassia, Benigno, Licari, Fuschi. All. Putag-
gio.
ARBITRO: Riso di Enna
ospiti. Ammoniti Turano del Castellamma-
re e Piccolo dell’Alcamo. Recuperi 2’ e 5’.
meggiante delle altre gare casalinghe,
ma in maniera cinica e pratica. Serviva-
e il Riviera va ko nella ripresa del "Nino Novara". Passano 5 minuti e
Palazzo è artefice di una eccellente gio-
RETI: 18’ C. Giacalone; 83’ Montagna.

no i tre punti e vittoria puntualmente cata personale. Dalla linea laterale, den- SAN CATALDO. Dopo il pareggio esterno
CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Va all’Alcamo arriva per mettere le ali ai tifosi bian- retta che ha visto prevalere per le sue goal. Al 40’ Geraci ha un’occasione d’o- tro la metà campo avversaria, azzecca contro il Kamarat, la Sancataldese era
il derby con il Castellammare non spet- cazzurri che riempiono ogni domenica migliori individualità il Ribera. ro, tira quasi dal dischetto del penalty e un tiro telefonato alla Mariolino Corso chiamata a conquistare la vittoria con-
tacolare ma molto corretto. I padroni di lo stadio "Nino Novara". Nel primo tempo, le squadre giocano la sfera diretta in rete viene alzata in e manda la palla sotto la traversa, con tro il Mazara per inserirsi nella zona dei
casa lottano per la salvezza, gli ospiti Non è una partita facile perché gli corte, si studiano e i portieri Talluto e angolo da un difensore, passando di il portiere ospite che indietreggia e fini- play off. Sulla strada, però, ha dovuto fa-
per il salto di categoria. La gara inizia ospiti trapanesi di mister Cavatoio fan- Dragotto restano inoperosi. poco sulla traversa. sce in rete con la sfera. Una bella rete re i conti contro la squadra di Antonio
con l’Alcamo subito in avanti al 2’ con no la loro onesta partita, giocano a viso La prima parata difficile di Talluto Nella ripresa arrivano subito gli euro- come quella di Calvaruso di qualche Putaggio che, nell’unica occasione pro-
Di Miceli che sulla fascia saltava il di- aperto e imbrigliano nel primo tempo arriva al 20’ di pugno su un tiro a fil di gol, dopo un tiro alto di Martorana. settimana fa. pizia e degna di rilievo, ha fatto centro,
fensore ed entrava in area di rigore e da il gioco di capitan Talluto e compagni. palo di Marcenò.Il Ribera risponde al Campanella al 57’ effettua un passaggio C’è la reazione tardiva del Riviera costringendo la compagine di mister
buona posizione tirava di poco fuori. Due lampi, ad inizio di ripresa, in 5 mi- 28’ con una botta a lato, su assist di Li lungo, da una parte all’altra della linea Marmi, ma la difesa riberese, la più for- Orazio Pidatella a rincorrere il risultato,
All’11’ Lunetto su calcio di punizione nuti, il primo di Li Greci e il secondo di Greci, del bomber Galluzzo che si ripe- laterale nella metà campo avversaria, e te del torneo fa buona guardia e capitan raddrizzato a 7’ dalla fine del match.
pescava in area Unniemi che tutto solo Palazzo, illuminano un pomeriggio gri- te 5 minuti dopo di testa con il pallone Li Greci si aggiusta il pallone e da oltre Talluto non corre mai pericoli seri. Correva, infatti, il 18’, quando, sul lato si-
all’altezza del dischetto di rigore calcia- gio di una gara vivace, combattuta, cor- che sfiora la traversa e che fa gridare al 20 metri lascia partire un siluro che, ENZO MINIO nistro del campo, un difensore della
va debolmente verso la porta. Al 12’ i Sancataldese perdeva palla e metteva in
padroni di casa si presentavano in area condizione Cristian Giacalone di invo-
avversaria con una punizione di Di Giu- larsi sulla sinistra e, giunto nei pressi
seppe che Vabres mandava di poco so- della riga dell’area di rigore, scagliava un
pra la traversa. Un minuto dopo un
gran tiro a volo dal limite di Mione G.
veniva mandato in angolo dal portiere
Due gol di Scilluffo lanciano il Kamarat tiro rasoterra, all’angolo basso della por-
ta, che Fagone, nonostante un tuffo feli-
no, non riusciva a neutralizzare. Passa-
con una spettacolare deviazione con i to in vantaggio, il Mazara - con un quar-
pugni. Al 23’ un forte tiro da 25 metri di to con Sgrò e Balistreri qualche palla gol. Ma soprattut- doio, l’affida a Di Piazza. Il centrocampista, "stranamen- tetto difensivo (Terranova, Tony Giacalo-
Pirrone impegnava il portiere ad una TERRASINI 0 to gli agrigentini sono stati cinici, quel tanto che basta te" veloce, rispetto alla gara disputata, entra in area, pro- ne, Barbera e Terramagra) abbastanza
plastica deviazione in angolo. Nella ri- KAMARAT 2 per portare a casa l’intera posta in palio. Non hanno de- tegge la palla quel tanto da essere mandato giù da agguerrito, con i due centrali (Sicurella
presa i bianconeri premevano il piede TERRASINI: Biondo; Spata (dal 52’ Candido), Giovenco; Casti- liziato la platea con grandi giocate, aperture, tocchi, geo- Giordano, esperto, ma ingenuo in questo frangente, ri- e Falanga) che facevano da filtro e i due
sull’acceleratore e al 46’ su calcio d’an- glia, Giordano, Cinquemani; Castellini, Marotta, Bommarito metrie, ma gli ospiti hanno badato di più all’essenzia- gore e espulsione per il difensore. Una mazzata per il laterali (Cristian Giacalone e Russo)
golo di Lunetto di testa Vabres sfiorava (dal 75’ Bondì), D’Oca (dal 67’ Grigoli), Bifara. All. Gaetano le e sono riusciti con loro bomber, Scilluffo, a gonfiare la Terrasini che, sino ad allora, aveva tenuto testa ai più molto mobili sulla sinistra e sulla destra
la traversa. Due minuti più tardi su Vassallo. rete avversaria. Poi non si è capito se è stato un caso, op- quotati avversari. Nessuna difficoltà per Scilluffo a bat- - controllava molto agevolmente gli at-
una punizione di Lunetto in area Vabres KAMARAT: Ilardi; Rappisi, Fragapane; Lupo, Scrudato, Privite- pure qualcosa di studiato, ma le occasioni da gol più pe- tere Biondo dagli undici metri. In difesa Giordano e so- taccanti sancataldesi Genova e Concial-
esaltava le qualità di Lo Monaco. I pa- ra; Balistreri, Scilluffo (dall’86’ Corsale), Barone (dall’85’ Can- ricolose e i gol sono venuti da azioni nate dalla fascia de- prattutto Cinquemani si dimostravano due mastini; a di, operando in contropiede.
droni di casa sembravano alle corde e zoneri), Di Piazza, Sgrò (dal 55’ Carioto). All. Renato Maggio stra del fronte d’attacco ospite. E questo soprattutto nel- centrocampo, pur con qualche difficoltà, il dinamico Ca- Nella ripresa, la Sancataldese ha ope-
invece a poco a poco venivano fuori ARBITRO: Santoro di Messina la ripresa. E pur vero che Giovenco è un nuovo arrivato, stellini e i più compassati Bommarito, D’Oca e Marotta rato un continuo forcing, giocando addi-
sfiorando la marcatura al 64’ quando su RETI: al 65’ (rig.) e all’84’ Scilluffo ma, a volte, si trovava a dovere fronteggiare due o te av- non erano da mano al cospetto di Di Piazza, Balistreri, rittura con sei juniores, di cui due attac-
cross di Accetta di testa Agueci si vede- NOTE: al 65’ espulso, per fallo da ultimo uomo, Giordano versari. Al 65’, nel gol del vantaggio ospite, la palla, in Sgrò e del mai domo Privitera. canti (Montagna e Pignatone) a soste-
va deviare dal portiere con la punta del contropiede, viene portata avanti da Lupo che, in corri- Nonostante la ricerca dell’assetto migliore, l’inferio- gno della punta fissa Genova e della
piede la palla sul palo e quindi in calcio TERRASINI. La dea fortuna gira le spalle al Terrasini. Il Ka- rità numerica, il Terrasini cerca, con molta caparbietà, mezza punta Concialdi. La mossa di mi-
d’angolo. Al 70’ Bruscia s’involava con la marat ringrazia e con i tre punti mantiene la privilegia- il pari che non arriva. Il giovanissimo Rappisi ,Scrudato, ster Pidatella è risultata azzeccata, per-
palla a piede verso la porta avversaria ta posizione a ridosso delle battistrada. Ben diretta da Fragapane fanno buona guardia; mentre Lupo, Privite- ché la Sanctaldese si è proiettata in
entrava in area ma la sua conclusione Santoro, la gara non ha offerto molto come occasioni da ra (a tutto campo), Di Piazza e anche Barone, arretrato avanti, mettendo a segno una rete con
da posizione angolata attraversava tut- gol. Anzi sono state col contagocce sopratutto da parte a centrocampo dopo che Carioto prende il posto di Montagna, annullata dall’arbitro per
to lo specchio della porta e si perdeva del Terrasini. Bifara, il nuovo arrivato, anzi è un ritorno, Sgrò, riescono a mantenere un certo equilibrio tra i va- presunto fallo sul portiere, ottenendo
sul fondo. Al 78’ arrivava il gol che de- è stato imbrigliato nella ragnatela tesa da Scrudato e ri reparti mandando, con una certa frequenza, Carioto tre angoli senza effetto e pareggiando
cideva l’incontro lo realizzava Vabres Fragapane e solo un paio di volte, nella ripresa, si è libe- e Scilluffo in contropiede. In uno di questi Lupo, dalla fa- con lo stesso Montagna, di forza, con
lesto come un falco a ribadire una re- rato al tiro con due bolidi di poco alti sulla traversa. scia destra, mette in movimento Carioto che vede, tut- una bordata da distanza ravvicinata. Un
spinta con i piedi dal portiere su una Il Kamarat, comunque, non ha rubato nulla. Ha crea- to solo, al centro dell’area, Scilluffo che non ha difficoltà pareggio, alla fine, equo che serve a
velenosa conclusione di Iovino. to le sue occasioni da gol, vanificate dagli ottimi inter- a barttere Biondo in uscita. smuovere la classifica.
MARIO FERRARA venti del sempre più positivo Biondo. Ha pure spreca- IL BOMBER SCILLUFFO, AUTORE IERI DI UNA DOPPIETTA ANTONINO RICCOBONO ANGELO CONIGLIO

Romeo trascina il Gemini Un bel tris per il Monreale Due Torri rimaneggiato
«sorpassato» il Valderice La Folgore recupera e pareggia ma travolge l’Acicatena
minare il match e al 19’ con Nuccio con Di Napoli, pronto in piena area a
SAN GIOVANNI GEMINI 3 sfiorava la traversa. Al 36’, senza la AUDACE MONREALE 3 FOLGORE SELINUNTE 2 DUE TORRI 4 depositare la sfera alle spalle di Calde-
VALDERICE 0 più stretta necessità, Nasca atterrava PALERMITANA 0 CAMPOFRANCO 2 ACICATENA 1 rone di piatto destro. Per gli ospiti a
GEMINI: Amella, Sciacca, Riccobono, Di ingenuamente Di Peri. Per l’arbitro vi AUDACE MONREALE: Enea, Di Giovan- FOLGORE: Montagna, Santomauro, DUE TORRI: Iacono, Marziani, Trovato, Cag- provarci al 31’ e Scudieri su punizione,
Peri (63’ Morello), Lo Bianco, Bonfatto, Pa- erano gli estremi della massima puni- ni, Girgenti, Alletto, Lepre, Marcoccio, Pi- Plà,Volpini (46’ Mangiaracina), DiMaria, Li- gegi, Guido (46’ Matera), Di Napoli, Com- ma Iacono ben piazzato devia in cor-
risi (46’ Curella), Barone, Romeo (73’ Zer- zione. Dal dischetto ancora Romeo cone (81’ Scimone), Correnti, Brusca, cata, Montepiano, Mancino, Angotti, Cirillo parato (73 Messeri), Orioles, Lima, Elam- ner. Al 32’ arriva il raddoppio, su un
bo), Nuccio, Giuffrida. All. Riccardo Chico. spiazzava Occhipinti gonfiando la re- Manfrè (65’ Russo), Rizzo (76’ Yusuf). (46’ Bono) Barraco (70’ Morici). All Gerardi. raoui (90’ Triccamo), Saggio. All. Alacqua. cross dalla fascia di Trovato, in area ad
VALDERICE: Occhipinti, Reina (58’ Alo- te per il 2-0. Al 41’ l’unico pericolo PALERMITANA: Campoluongo, Gervasi, CAMPOFRANCO: Semprevivo, Galeoto, ACICATENA: Calderone, Tutone, Daidone, anticipare tutti e Comparato che di
gna), La Sala, Nasca, Ernandez, Incrivaglia, per il Gemini scaturiva a seguito di Pecoraro, Contino (55’ Quattrocchi), Ra- Immesi, Tummiolo, Alderuccio, Provenza- Campanella (78’ Romano), Paltania, Manni- testa deposita la palla nell’angolino. Al
Cammareri, Lo Bue, Gambino, Grammati- una punizione che lo Bue sprecava. gusa, Mossa, La Barbera (64’ D’Ambra), no, Panepinto, Di Leo (82’ Restivo), Messi- no, Aleo (90’ Tosto), Castorina (46’ Marzia- 42’ Aleo calcia debolmente verso la
co, Melillo (11’ Corso). All. Giuseppe Cop- Nella ripresa il Valderice cercava di Cardinale, La Vardera, Beninati, De Lisi. na, Polito (61’ Lombardo). All. Mutolo. le), Scudieri, Reitano, Patti. All. Giuffrida. porta senza troppe pretese. Al 44’ su
pola. venire avanti, ma la formazione trapa- ARBITRO: Figuccia di Marsala. ARBITRO: Blanco di Acireale. ARBITRO: Gambino di Palermo. uscita del portiere calcia bene Lima,
ARBITRO: Cammalleri di Palermo; assisten- nese non era in grande vena per fare RETI: 19’ Brusca, 25’ Manfrè, 67’ Rizzo RETI: 15’ Messina; 32’ Panepinto; 39’ Di RETI: 3’ Patti, 16’ Di Napoli, 32’ Compara- ma l’estremo difensore dell’Acicatena
ti Ensabella e Cino di Enna. male al Gemini. Al 55’ era Nuccio a fa- (rig.). Maria; 76’ Angotti (r). to, 49’ Elamraoui, 70’ Matera. riesce a deviare la sfera a fior di palo,
RETI: 16’, 36’ e 70’ Romeo re gridare al goal, il suo bolide sfiora- con la porta vuota. Passa solo un mi-
va l’incrocio dei pali. Al 70’ l’ottimo MONREALE. Il Monreale si sbarazza CASTELVETRANO. Il primo tempo è stato GLIACA DI PIRAINO. Torna a vincere il Due nuto e Lima ci riprova, ma stavolta a
SAN GIOVANNI GEMINI. Un super Gemini Nuccio lanciava sulla fascia in contro- senza difficoltà della Palermitana e si quasi un monologo di Galeoto e com- Torri, targato Alacqua, che pur con as- salvare tutto e tutti e Mannino che a
trascinato dal nuovo bomber Salvato- piede Romeo che si involava e con un mantiene in posizione di centro clas- pagni. In questo contesto nasce il pri- senze di rilievo (Salmeri e Mondello portiere battuto salva sulla linea. Nel-
re Romeo autore di una tripletta, su- bel tiro superava faceva secco Occhi- sifica. La Palermitana parte bene e al mo gol per gli ospiti. Prolungata azio- squalificati e Librizzi ancora infortu- la ripresa al 4’ da fuori area a realizza-
pera non solo nel match, ma anche in pinti per il 3-0. Al 73’ lo stesso attac- 5’ Cardinale ci prova ma il suo pallo- ne di Panepinto; difesa folgorina in nato ndc) e con uno svantaggio dopo re un splendido goal è Elamraoui che
classifica, un Valderice per niente tra- cante, tra gli applausi scroscianti del netto finisce alto sopra la traversa. confusione e Messina che da pochi pochi minuti di gioco, alla fine incas- da fuori area beffa Calderone. Al 57’
scendentale. Per il Gemini di Riccardo pubblico di fede biancorossa, lasciava Poi inizia il monologo del Monreale. metri batte Montagna. Al 32’ Pane- sa tre punti preziosi. Per la cronaca, si ancora un’occasione per Lima che cal-
Chico, la classifica, dopo questi im- il posto al rientrante Tanino Zerbo. Il Al 10’ Brusca sfrutta un assist di Pico- pinto finta un primo tiro per poi spiaz- parte già al 3’ di gioco con il goal mes- cia sulla traversa. Al 63’ punizione di
portanti tre punti conquistati, si è fat- piccolo attaccante all’80’ per poco non ne per sbloccare il risultato con un zare il portiere. Applausi. Al 39’ la Fol- so a segno da Patti che al volo su cross Elamraoui con Orioles che perde l’at-
ta più tranquilla. Al 9’ il Gemini anda- bagnava l’esordio con la rete. Finiva colpo di testa da distanza ravvicinata. gore inaspettatamente va in gol con Di dalla fascia di prima intenzione man- timo propizio per deviare in rete. Al
va vicino al vantaggio con Parisi che così in gloria per i ragazzi di Riccardo Al 25’ corner di Rizzo e Manfrè di Maria. Al 54’ Polito viene steso appena da la sfera all’incrocio dei pali, con il 70’ ancora un’azione portata avanti
con un tiro dal limite impegnava seve- Chico, che dovranno confermare con- piatto realizza il raddoppio. Al 67’ Al- dentro l’area. Giusto rigore che lo stes- pallone che finisce la sua corsa alle da Elamraoui che dà la palla a Matera
ramente Occhipinti, bravo a respinge- tro la Palermitana il proprio stato di letto si procura un penalty che Rizzo so Polito che batte angolato; balzo fe- spalle di Iacono. Per i padroni di casa, che è bravo a trafiggere il portiere
re in corner. Al 16’ il vantaggio dei pa- grazia. Un eventuale successo sul trasforma. Al 72’ tiro-cross di Alletto lino di Montagna e palla in angolo. al una bella doccia fredda ma subito al 9’ ospite in uscita. All’80 si rifà vedere
droni si concretizzava grazie a Romeo campo del fanalino di coda togliereb- che centra il palo, Brusca ribadisce 60’ l’arbitro sorvola su un fallo in area di gioco con il capitano Guido si prova l’Acicatena con Marziale che su puni-
che superava il portiere ospite con un be definitivamente la formazione del in rete ma l’arbitro annulla per fuori- folgorina con proteste degli ospiti. Al a trovare la via del goal, ma la palla fi- zione batte a rete ma Iacono para. Lo
preciso tiro di piatto destro sfruttando presidente Nicola Mangiapane dalle gioco. Occasioni da gol sciupate al 77’ 76’ rigore per la Folgore. Batte Angot- nisce fuori. Lo stesso giocatore ci pro- stesso giocatore ci prova all’85’ ma la
al meglio un perfetto assist di Gero sabbie mobili della bassa classifica. da Di Giovanni e all’84’ da Yusuf. ti e pareggio. va su punizione all’11’ ma la palla va palla finisce fuori misura.
Giuffrida. Il Gemini continuava a do- TONINO BUTERA GIOVANNI DI SALVO GIUSEPPE MONTEROSSO fuori misura. Al 16’ arriva il pareggio SALVATORE CALÀ
LUNEDÌ 12 DICEMBRE 2011 LA SICILIA

CALCIO .31
E ccellenza

GIRONE B Il Città di Messina prova ad andare in fuga


D ECI S IVE LE S UE PARATE BAT TUTO I L CO M I SO
AQUILA C. 0
Un super Polessi CITTÀ DI M. 3 Il Vittoria ritrova
costringe il Ragusa AQUILA CALTAGIRONE: Scacco, Famà, Benefico,
il successo
al pari col Modica Santangelo, Buttiglieri (85’ Giarratana), M. Testa,
Longobardi (74’ Lupica), Cilio (68’ Buscemi), F. Te- e la serenità
sta, Brancacci, G. Alma. All. Di Dio.
CITTA’ DI MESSINA: Di Dio, Cappello, Fragapane,
RAGUSA 0 Cucè, Cordima, Frassica, Pirrotta (66’ Berti), Assen- VITTORIA 1
MODICA 0 zio (79’ Campanella), Fugazzotto, Giardina, Buda COMISO 0
RAGUSA: Pandolfo, Gona, Milazzo (22’ st Parente), Busce- (77’ La Rocca). All. Rando. VITTORIA: Maltese, Cucè (38’st Maniscalco) Chinzi, Ita-
ma, Vindigni, Fontana, Bonaffini, Pellegrino (36’ st Tru- liano, Raimondi, Crescibene, Scarnato, Chiaramonte, Mon-
glio), Saraniti, Arena, Sisalli. All. Rigoli ARBITRO: Miele di Torino, assistenti Polimeni e Tor- talto, Di Franco (39’st Patti) Randis (12’st Lo Giudice). All.
MODICA: Polessi, Paolino, Meli, Costanzo, Raciti, Porzio, re di Acireale Raciti
Vaccaro (29’ st Carpentieri), Privitera, Strano (6’ st Messi- COMISO: Annese, Cassibba, Boemia, Dipasquale (22’st
na), Filicetti, Sella (10’ st Teriaca). All. Sardelli RETI: 13’ Giardina, 20’ Fugazzotto, 25’ Assenzio. Tumino) Ravalli, Indigeno, D’Agosta, Nasello (37’st Vasi-
ARBITRO: Pennino di Palermo le) Di Bona (6’st Giudice) Gurrieri, Rizzo. All. Borgese
NOTE: presenti 250 spettatori circa, con una buona ARBITRO: Castorina di Acireale
RAGUSA. Un super Nicola Polessi salva il Modica. Il rappresentanza di sostenitori ospiti. Ammoniti Giar- RETE: 45’pt Di Franco
Ragusa inghiotte amaro per il secondo pareggio dina, Buttiglieri, Longobardi e Famà. Angoli 4 per par-
consecutivo e si ritrova a quattro lunghezze dal te. VITTORIA. La magia del Natale regala al Vittoria la
Città di Messina. Il portierone rossoblù le prende tanto attesa e ritrovata coesione societaria. Final-
tutte, salvando il risultato su Arena, Pellegrino Sara- ASSENZIO FESTEGGIA COI SUOI COMPAGNI IL GOL DEL 3 A 0 mente si può cominciare a parlare di calcio. Marcel-
niti, Sisalli, Parente e Bonaffini. Quando non ci sono lo Mascara sarà il nuovo presidente dei biancoros-
arrivati i guanti di Polessi, ci sono stati i legni della si a partire dalla prossima settimana. Giusto il tem-
porta a respingere le conclusioni degli attaccanti di
casa. Il derby è stato praticamente un monologo del
Ragusa. Dall’altra parte una squadra, quella del tec-
L’Aquila Caltagirone mai in partita po per risolvere gli ultimi passaggi burocratici lega-
ti al trasferimento di proprietà. Ma è giallo in meri-
to agli svincoli di Filicetti, Strano, D’Angelo e Cala-
nico Sardelli, completamente rivoluzionata, ma che brese. Le loro liste di svincolo portano ancora la fir-
non ha saputo impensierire quasi mai la difesa loca- ma di Salvatore Barravecchia, il quale si è dimesso
le. Il Polessi show comincia al 6’ quando Sisalli è lan-
ciato a rete e il guardiapali rossoblù si salva in usci-
Capolista in vantaggio di tre reti già al 25’ dalla carica di presidente ancor prima della ria-
pertura delle liste. E dunque non servirebbe anche
ta. Sulla successiva ribattuta è Saraniti a sbagliare per loro 4 (se le regole hanno ancora un senso) la
mettendo a lato. E’ solo la prima respinta di una lun- CALTAGIRONE. Il Città di Messina non ne a lato. Al 46’ l’Aquila potrebbe tor- firma di Pietro Cammalleri, nominato presidente
ga serie. Al 10’ gran conclusione di Pellegrino, Poles- consosce ostacoli e passa nettamente nare in partita, quando il signor Miele temporaneo dopo le dimissioni di Barravecchia?
si ci arriva in tuffo, poi Bonaffini colpisce clamoro- all’Agesilao Greco contro la formazio- di Torino concede un penalty ai calati- Non sono escluse pesanti squalifiche ai giocatori.
samente la traversa. Dall’altra parte, al 15’ c’è la ne di mister Di Dio. Gara chiusa dopo SU ni. Cross di Famà per Fabio Testa, che Dunque tocca al Comiso sacrificarsi nel giorno del-
buona conclusione di Sella che colpisce il palo. Sarà soli 25 minuti, quando i peloritani si colpisce il legno, sulla ribattuta il nu- la rinascita: sono Di Franco, Scarnato e Crescibene
l’unica azione degna di nota da parte modicana. Sul- portano avanti di 3 reti e spezzano Pirrotta mero 9 locale viene steso dal portiere (ovvero i superstiti del vecchio gruppo) a incarna-
l’azione successiva, infatti, è ancora Polessi a supe- praticamente le gambe ad una mode- Di Dio. Sul dischetto si presenta San- re già da subito il nuovo spirito di gioco. C’è grinta,
rarsi quando si ritrova a tu per tu con Bonaffini, sta Aquila Caltagirone. Troppo netto il l’ispiratore tangelo, che calcia malamente sopra la determinazione e fame di riscatto. Ezio Raciti ripar-
mentre al 20’ è Saraniti, di testa, a colpire in pieno la divario tra le due compagini, anche se traversa. Nella ripresa il Città di Messi- te dal 4-3-1-2 con Di Franco (ispiratissimo) poco più
traversa. La ripresa è giocata sulla falsariga del pri- i calatini nei primi minuti sembrano in Una vera spina nel fianco na gioca a contenere gli avversari e indietro la linea dei due attaccanti. Non c’è più Ca-
mo tempo. Dopo 6 minuti, altra gran conclusione da palla e al 9’ addirittura sfiorano il van- per la difesa calatina. Dai agisce di rimessa, ma non rischia mai labrese (si cerca di convincerlo a ritornare) e l’assen-
lontano di Bonaffini, Polessi ci arriva ancora metten- taggio con Giuliano Alma, buona la suoi piedi partono tutte le di capitolare. Anzi è proprio la capoli- za del centravanti puro pesa come un macigno là
do in corner con la punta delle dita, sul successivo prova del giovanissimo centrocampi- azioni più pericolose della sta a sfiorare il quarto gol al 24’ con Fu- davanti. Il buon Montalto corre e sgomita quanto
calcio d’angolo è Saraniti a battere a botta sicura, la sta calatino, rientrato dopo la parente- sua squadra. Fornisce a gazzotto, ma Marco Testa salva il suo può, ma per sfruttare il massimo delle sue qualità di
sfera centra il palo. I minuti scorrono. Filicetti si la- si di Vittoria. Il numeri 11 di casa im- Giardina e Fugazzotto due tiro sulla linea a portiere già battuto. Al attaccante d’area piccola servirebbe cambiare sche-
menta troppo con il direttore di gara, viene prima patta con il piatto sinistro un cross di assist al bacio, che vengono 32’ ancora pericoloso Fugazzotto, che ma e modo di gioco. E così, a scardinare l’equilibrio
ammonito quindi espulso, lasciando la propria Famà, ma la sfera finisce d’un soffio a tradotti dai compagni nelle colpisce il palo con un diagonale di si- tattico della gara, ci pensa il fantasista Di Franco,
squadra in 10 uomini. Pino Rigoli a questo punto lato. Al 13’ peloritani avanti con Giardi- prime due reti. nistro, e sulla respinta La Rocca, appe- match winner dell’incontro. A dire il vero la retro-
gioca il tutto per tutto, chiamando fuori Milazzo per na, che servito dall’ottimo Pirrotta na entrato, manda incredibilmente so- guardia comisana non gli prende mai le misure, la-
Parente, e schierano la difesa a tre. Ed è proprio il piazza un preciso interno destro in pra la traversa. L’Aquila cerca sino al sciandolo spesso e volentieri libero di fare la qual-
nuovo entrato, al 32’, a trovare la gran botta dal limi- fondo al sacco, con la palla che prima GIU’ 90’ il gol della bandiera, ma il Città di siasi a ridosso degli ultimi 30 metri. Poche ma buo-
te dell’area di rigore, ma è sempre Polessi a metter- di entrare in rete tocca il palo interno. Messina si difende bene e conduce in ne parole vanno spese anche per il solito Scarnato
ci una pezza in calcio d’angolo. Poco dopo altra Cresce il Città di Messina e al 20’ arri- porta la meritata vittoria. Adesso, in che non smette di correre un minuto insieme ai
gran castagna di Parente che arriva alla conclusione va il raddoppio. Pirrotta si libera di due casa Aquila Caltagirone, in settimana si compagni di reparto Crescibene e Chiaramonte (ot-
di gran carriera, ma super Polessi si oppone d’istin- avversari e imbecca a centro area Fu- La giornata no attendono importanti novità sia sul timo affare). Il Comiso del primo tempo - che tra ti-
to ancora come può. Un minuto più tardi è Saraniti gazzotto, bravo a girare alle spalle del fronte societario che sul fronte degli tolari e panchina presenta ben 8 vittoriesi al pubbli-
a battere in porta ma Polessi fa nuovamente il mira- portiere di casa con un perfetto stacco di Santangelo innesti. Dopo gli arrivi di Giuliano Al- co del Comunale - è bravo fino al 45’, perché l’uni-
colo. I minuti passano, nervosismo e stanchezza di testa. Prova a reagire l’Aquila che ma, Cilio, Longobardi e Benefico, per co errore di D’Agosta, con la grave complicità di Na-
prendono il sopravvento. I tifosi di casa sperano an- colleziona tre corner corner consecuti- Incappa in una giornata no. lottare per mantenere la categoria ai sello, costa alla squadra di Borgese il derby. Il primo
cora e incitano a gran voce la propria squadra, nei 5 vi tra il 22 e il 25’. Da un’azione d’ango- Il centrocampista biancorossi servirebbero altre tre pedi- trattiene troppo la palla a ridosso dell’area; il secon-
minuti di recupero concessi dall’arbitro il Ragusa lo calatina, però, al 26’ parte il contro- biancorosso, spesso tra i ne, una per reparto. E domenica pros- do cincischia sul seguente retropassaggio invece di
continua a gettarsi in massa dalle parti della difesa piede messinese. Assenzio ruba palla a migliori, sbaglia qualche sima, nell’ultima gara del girone di an- spazzare. Palla soffiata, assist a Di Franco e gran gol
ospite, ma la partita si trascina stancamente fino al Buttiglieri e si invola verso la porta passaggio di troppo e data, i calatini saranno impegnati nel- del numero 10 che vale i 3 punti. Nella ripresa la
triplice fischio. Dopo 23 anni, il derby tra Ragusa e biancorossa. Il numero 8 ospite, ap- persino un penalty, che la difficile, ma non proibitiva, trasferta stanchezza di Nasello e Gurrieri in mezzo al campo
Modica finisce 0-0. Per il Modica (squadra comple- pena entrato in area, con un preciso potrebbe riportare l’Aquila di Misterbianco, quando rientrerà do- scarica del tutto gli ospiti. Rizzo e D’Agosta (nono-
tamente diversa da quella che ha cominciato il collo destro trafigge per la terza vola in partita. po la squalifica l’attaccante Simone stante la pecca sul gol resta sempre tra i più attivi
campionato) è quasi una vittoria, il Ragusa invece l’incolpevole Scacco. Ci prova Famà Pardo. dei verdarancio) calano a vista d’occhio permetten-
vede allontanarsi sempre più il Città di Messina. per i padroni di casa al 31’, conclusio- IVANO MESSINEO do al Vittoria di alzare il proprio baricentro.
MICHELE FARINACCIO ANDREA LA LOTA

L’Orlandina approfitta Leonzio ancora un crac L’arbitro rischia di rovinare


dell’inesperienza dell’Atletico il Misterbianco passeggia la festa del Taormina
che sulla panchina dell’Atletico Cata- severo confronto. Alla fine si son testa di Adamo respinto da Ammen-
ATLETICO CATANIA 1 nia siede nuovamente, dopo le di- LEONZIO 0 dovuti inchinare al cospetto dei TAORMINA 4 dola, da dietro arriva Mancuso che ti-
ORLANDINA 2 missioni seguite alla gara non dispu- MISTERBIANCO 4 più quotati avversari. Gli ospiti ENNA 0 ra ma il guardapali para senza affan-
ATLETICO CATANIA: Caruso, Cannizzo, Cuc- tata contro il Città di Messina, il tec- LEONZIO: Meo, Lasaponara (68’ Sam- hanno dovuto attendere più di TAORMINA: Billè, Mancuso, Laquidara, ni. Al 25’ Totaro lanciato a rete e con
chiara, Pidatella, Leonardi, Grasso, Trico- nico che aveva ricreato un gruppo basile), Scalone, Tocco, Toscano, Fisi- mezz’ora per scardinare la difesa Messina, Trovato, Filistad, Adamo (75’ Ca- una chiara occasione da gol viene at-
mi, Giacona (78’ Risica), Intravaia (10’ che sembrava poter affrontare le dif- caro, Fortuna (46’ Di Benedetto), Au- locale. E lo hanno fatto con pieno sella) (80’ Randazzo), Scolaro, Totaro, Blat- terrato in area di rigore dal portiere
Ilardo), Calì, Signorelli. All. Richichi ficoltà di questo torneo e superarle rora, Rinaudello, Ortis, Salafia. All. Ri- merito grazie alle doppiette dei lo- ti, Proteggente (75’ Timpano). uscito “a valanga”: per l’arbitro acese
ORLANDINA: D’Agati, Minciullo (15’ Tru- senza grosse difficoltà. Il presidente spisi ro elementi più significativi, gli ENNA: Ammendola, Giacalone, Anzalone Adriano Grasso è tutto regolare. Al
glio), Gaglio, Marigò, Falanca, Diop, Nabì Orofino lo ha richiamato, e ha spiega- MISTERBIANCO: Nicolosi R., La Ma- sguscianti Cosimano e Salvatore (37’ Suffia), Accardi, Costantino (44’ Ster- 31’ bella azione sulla fascia di Davide
(83’ Mantegna), Carrello, Dell’Orzo (88’ to il perchèe: "Ripartiamo da Richi- stra ( 58’ Scuderi), Carta, Costanzo G., Nicolosi. Ai giovani bianconeri va rantino), Patti, Arcidiacono, Mirisola, Ga- Proteggente (ieri vero lottatore in
Pecorella), Ancione, Zingles. All. Emanue- chi, perché crediamo in lui; siamo Stracuzzi, Regalino, Sanfilippo,Aiello., il merito di aver giocato con impe- rettini (46’ Riccobene), Nasonte, Gnoffo. campo), cross per Totaro che perde
le fiduciosi per il proseguo del campio- Cosimano (46’ Mongerlli), Caruso (75’ gno e foga inusitati riuscendo a ARBITRO: Grasso di Acireale l’attimo giusto per deviare in porta.
ARBITRO: La Lomina di Agrigento nato". Ieri intanto per i locali è anda- Zappulla), Salvatore Nicolisi. All. Battia- contenere gli attacchi delle esper- RETI: 43’ Messina (rig.), 64’ Laquidara, 74’ Al 33’ Totaro se ne va in profondità e
RETI: 29’ Ilardo, 47’ (rig) Dell’Orzo, 57’ ta male, nonostante un inizio pim- to te punte ospiti, tanto che alla fine Totaro, 81’ Totaro. tira, ma Ammendola blocca. Al 38’
Ancione. pante e il vantaggio ottenuto grazie ARBITRO: Pirrotta di Barcellona Pozzo sono usciti dal rettangolo di gioco ancora Totaro, con un colpo di testa,
al gol del baby Ilardo, classe 1993, di Gotto. a testa alta e tra gli applausi. Il pre- TAORMINA. Il Taormina supera 4-0 il prova a impensierire la porta del-
CATANIA. L’Orlandina dopo aver fer- che al 29’ deposita in rete il pallone RETI: 34’ e 39’ Cosimano, 36’ 81’ Sal- sidente Alessio Virgillito a fine ga- fanalino di coda Enna, ma i biancaz- l’Enna, ma senza risultati. Al 43’ Man-
mato domenica scorsa la corazzata ribattuto malamente dall’estremo vatore Nicolosi ra ci ha detto che si sta attivando zurri, ieri pomeriggio, al “Bacigalu- cuso viene atterrato in area da
Ragusa, si conferma contro l’Atletico difensore D’Agati. Sembrava la fine di per " rifondare " la squadra maga- po”, hanno rischiato grosso a causa di Gnoffo: l’arbitro non può fare finta
Catania di Antonio Richichi, e si ag- questo periodo amaro, e le lacrime LENTINI. La Leonzio è scesa in cam- ri con l’innesto di una nuova cor- un arbitraggio alquanto discutibile. per la terza volta di non vedere il pe-
giudica lo scontro diretto per la sal- d’emozione di Orofino descrivevano