P. 1
UNI-EN-10208-2

UNI-EN-10208-2

|Views: 1,289|Likes:
Published by jonnyultimo

More info:

Published by: jonnyultimo on Dec 06, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF or read online from Scribd
See more
See less

08/25/2015

pdf

text

original

Sections

  • Generalità
  • Tipi di tubi e di saldature
  • Accordo
  • Simboli a margine
  • Esempio di ordine
  • Fabbricazione dei tubi
  • Stato di trattamento termico
  • Saldature di giunzione delle estremità dei nastri
  • Tubi giuntati
  • Caratteristiche meccaniche e tecnologiche
  • Masse
  • Tolleranze relative al tubo
  • Tolleranze relative al cordone di saldatura
  • 2 Possibili scostamenti dimensionali relativi ai cordoni di saldatura
  • Tollerane di massa
  • Provetta per la prova di piegamento
  • Metodi di prova
  • Analisi chimica (analisi di prodotto)
  • Prova di trazione
  • Prova di rottura mediante caduta di massa (DWT)
  • Prova di schiacciamento
  • Esame visivo
  • Pesatura
  • MARCATURA DEI TUBI
  • Marcatura generale
  • Marcatura speciale
  • RIVESTIMENTO PROTETTIVO TEMPORANEO
  • APPENDICE A CORRISPONDENZA CON I GRADI DI ACCIAI API

~~ ~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~~

~~~~~~
· ~· ~~~~· ~~~~ ~ ~~~~~~
~· ~~
~~~~~~~~
~~· ~~~~~~~ ~~~~~~ ~~~~~ ~~~~~ ~~~
~~· ~ ~~· ~ ~~ ~~· ~ ~~· ~~· ~~
~ ~~~~~ ~~~ · ~~~
- ~· ~ ~
· ~~~~~~~· ~~~~~~~· ~

~~
~~~~~~~~ ~~~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~

~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~

~~~~~ ~~
~~~~
-~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~~
~~~~~~~· ~~~~~~

~~~~~ ~ ~~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~· ~

~~~~~~ ~~~~~~~~~
~~· ~~~~~~
~~

~~~
~ ~~~~~
~~· ~~~~ ~~· ~~-~ ~~~~~~~~~~~~-~ ~~~~~~
~~~~· ~
· ~~~~~~~~~· · ~~~ ~~ ~~~~~ ~·
~~ ~~~~~ ~

~~~~~~~~

~~~ ~~~
~~~~~~~~~~~~
~· ~~~-· ~~~ ~ ~~~~~~~
~ ~ ~· ~~~~~~~~~~~~
~~

~~~~~
~ ~
~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~ ~~~~~~ ~
~~~~~~~· ~~~~~~~~~~

~~~· ~· ~~~~~~ ~· ~~~~
~~· ~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~ ~ -~~~
~~~~· ~~~~~~ · ~~~~-~~~
~ ~~~~· ~~ · ~~~ ~·
-~~~~~~ ~~~~~~~~-~~~
~~~~~~~~~~~ ~~
~~-~~~~ ~-~~~~~ ~~~~~·
~~~~~~~~~~~ ~-~~~~~~~~
~-~~
· ~~
~~
~~~
~~~
~~
~~
~~ ~
~~ ~
~~~
~~
~~ ~
~~~~
~~
~~
~~~
~~~~~~~
~~~~~~~
~ ~
~~~~~~~
~~~~~~ ~~
~~~

~~~~~
~~~~~~

~~~~~~
~~~~~

~~~~~
~~~~~ ~

~~~~~ ~

~~~~~~

~~~~~

~~~~~ ~

~~~~~~~
~~~~~

~~~~~

~~~~~~
~~~~~~~~~~

~~~~~~~~~
~~~~ ~
~~~~
~~~~~~~-~~ ~
~ ~~~~· ~~~
-
~· ~~~~~~~~
· ~~~~· ~~~~
~~~~~~~~
~~
~~~~· ~~~~~-~
~~

~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~ ~~ ~~ ~~~
~~~~~~~~~ ~~~
· · ~~~ ~~~~~~· ~ ~~~ ~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~-· ~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~ ~~~· ~ ~~~~
~~· ~ ~· ~~~· ~~~~· ~ ~~-~-~~~~~
~~~~~~~ ~
~~~~~~~~~~
~~·
~~~~~~~~~~~
~~~~

~· ~~~~~~

~
~~~~~~

· ~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~

· ~~· ~~~~· ~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~

~~~~~
~~~~~
~~ ~~· ~~~~~

~~·
~· ~~~~~
~~· ~~~~~
~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~~
~~~~~~~~·

· ~
~~~~~· ~~~~· ~~~~
~~~~~
~~~· ~~~~~~~
~~·

· ~· ~~· ~~

· ~· ~~· ~~~~~~~~~~~~~· · ~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~· ~~· ~~~~~~~~~

· ~~· ~~· ~~~·
~~· ~~~~~~~~~~~~-~~~· ~~~~~~~
~~~~ ~~~~-~~~
~~· ~~~~~~~~~~~~-~~~~~· ~· · · ~~~~
~ ~~~~~~~· · ~~~ ~~~~-~~~~~
~~~~~· ~· ~~~· ·

~~· ~~~~~~~~~~~~-~~~~~· ~· · · ~~~~
~ ~~~~~~~· · ~~~ ~~~~-~~~~~
~~~~~· ~· ~~~· ·

~~~~~~
~~ ~~ ~~~~~~ ~
~~~~·
~~~~~~

~~~~~~~~~~

~· ~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~

~~~· ~

~~~~ ~~· ~~~~~~~

~~~~ ~~~·
~~~~

~

~~

~

~~~~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~
~~~ ~~~~~·

~· ~~-~~

~ ~· ~~~~~-~· · · ~

~· ~~

~~~· ~~~~-~~~~~~~· · · ~~

~~~~~~· ~~~~

~

~ ~· ~~~~~· ~~~·

~~~~~~~~~~~~~· ~

~· ~~-~~~~~
~

~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~~· ~~· ~·

~~· ~~~~~~~~~~~~~~· ~ ~· ·
~· · ~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~·

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~·

~· ~~~

· ~~~~~~~~

~~~~~~~~~~~

· ~~-~~~~

~~ ~· ~~-
· ~-~~-~~~~· ~~

~~-~~· ~~~~~~~~-
~

~~· ~~~~~~~· ~~~~~~~~~· · ~~~~~
~~~~~~~~~· ~~~-
~

~-~~~· ~~ ~ ~~-~~~~~~-~· ·
~ ~~· ~~~~· ~~~-~~-~~~~~
~
~












~




~
~
~

~~~~~~·
~~-·
~~~~
~~~

~~~~ ~~~ ~
~~-~~·
~~· ~~~· · · ~~-~~~-~~~~~·

~-~~~-~~~~
~~~~~-
~~~~· ~~~~~~~~·
~-~~~· ~
~-~~~~~·
~-~~~~~~~~~~~· ~·
~-~~~~
~-~~~· ~~
~~~~~
~-~~~
~-~~-
· ~~~
~~
~-~~~~- ~
~~- ~· ~~~~-· ~ ~
~~~· ~~~~~~~~~ ~ ~
~~

~
~~~
~~ ~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~
~ · ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~· · ~~~~~~~
~~~~~~·

~~~-·
~~~~~~·

·
~-·
~~~~~~·

~
~-·
~
~
~~~~~~·

~ ~ ~~~~~~~~~

~~-·
~~~~~~
~~

~~~ ~~~ ~
~~~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~ ~~~~~~~~~ ~~~~
~~~~~~~~~ ~~~ ~
~~~ ~~~~~~~~~~~~~
· ~-~~-~~~~-
~~· ~~~~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~~· ~~
~~~~ ~~~~· ~~~~~
~~~~~~ ~~
~~~ ~~~~ ~
~~~~~~~~~~

~~~~~~~~~ ~~~~~~~~
· ~· ~~~~· ~~~~~~ ~~~~~~
~· ~~
~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~
~· ~~~-· ~~~ ~ ~~~~~~~
~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~
· ~~~~· ~~~~-~ ~ ~~~~~~~~~
~~~~~~· ~~~~~

~· · ~~~~· ~~~~~~~
~· ~· ~~~~ ~ ~· ~~~· ~
~~· ~~~~~~~ ~~~~~~ ~~~~~ ~~~~~ ~~~ ~~~~
· ~ ~~· ~ ~~ ~~· ~ ~~· ~~· ~~ ~~~
~~~ ~~~ ~· ~~~ ~- ~· ~ ~~

~


~~~~~~~-~~· ~ ~ ~~~~~
~~~~~· ~~-~~~~~~· ~~~· ~~· ~~·
· ~~~~~~· ~~~~~-~~~~ ~~~
~· ~~~~ ~· ~-~~~~·
~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~· ~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~
~~~~~~~· ~
~~~~~~~~~-~~~~~~~~ ~~~~
·
~~· ~~~~~~· ~ ~~~~~~~~·
~~~~· ~~~~~~~~~~· ~· ~~~~
~~-~~~~~~
~~~~~· ~~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~~~
~ ~~~ ~~~~ ~~~ ~~~ ~~~ ~~ ~~
~~ ~~ ~~-~ ~~~~ ~ ~~ ~~~~ ~~~
~~-· ~~~~-~· ·
· ~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~· ~~~~~· ~
· ~~~~~~~~~
· ~· ~~~~~~~
~~~· ~~~~ ~~~~ ~~
~· ~~~~
~~~~~~~~~· ~~~~-~~~~~~~· ~
~~~~~~
~~
~~~
~~~~~~~~
~~~~~~
~~~~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~

~~~~~-~~~~~~~~~~· ~ ~~~
~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~ ~~~~
~~~ ~~~~· ~~~~~~-~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~
~
~~~~~~~-~~-~· ~
~~~~~~· · ~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~
· ~~~~ ~~-~~· ~
~~~~~~~~~~~-~~~~~~~ ~~~~~~~
- ~~~ ~~~~· · · ~~~~~· ~
~~~~~~· · ~~~~~~~~~
~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~
~~~· ~~~~· ~~· ~· ~~· ~~~~~· ~~~~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~ ~~~ ~ ~ ~~~~
~~~~ ~~~ ~~~ ~~~ ~~ ~~ ~~~ ~~ ~~-~
~~~ ~ ~~ ~~~~ ~~ ~~-· ~~~~-~· ·
~~~~~~~~

~~~~~~
~
~~~~~~~~~~
~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~~~~~-~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~· ·
~~~~~· ~ ~~~~~· ~-~~~~~· ~~~~-~
~-~~~~-~~~~~~· ~-~~~· · ~~~~· ~-~~~~~
· ~· ~~~~~~~~~-~~~~-~
~~~~~· ~· ~~~~~~~· ~~~-~~~-~~~-~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

~~~-~~~-~-~~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~
~~~~~-~~~~~~~~· ~~~~~-~~~~~
~~~ ~~~~~~~~~· ~~~-~~~~- ~~
~· ~~ ~~~ ~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~
~~~~~~~~~~~· ~~~ ~~~~~~~
~~~~~
~~· ~~-~~~~~~· · · ~~~~~~· ~~~- ~
~~~-~~~~· ~~~~~-~~~~~~· ~~~- ~~~
~· ~~~~~~~~~~· ~~~· ~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~· ~· · · ~~~~ ~~~~~~~
~-~~-~~~~~~~~~-~~· ~~~~~~ ~
~~~~~~~~~-~~ ~~~~· ~~~
· ~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~~~~~~·
~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~· ~~~~~~~· · · ~~-~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~-
~~~~~~~~~~~· ~~ ~· ~~~~· · ~~~~~~~· ~
~~~~~~· ~~~~~~ ~~~· ~~~~· ~~~~~
~~~~~· ~~~~~~~~-~~
~~~~~~~~· ~~~~~-~~~ ~~~~~· ~~~~
~ ~~~· ~~~~~~· ~ ~~~~~· ~~~~-~~~~
· ~~~~~-~-~~~~~~~· ~ ~~~~~
~~~~~-~~
~~~~~~~~-~~~~· ~~~~· · ~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~· ~~~~~~~· · · ~~-~

~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~
~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
· ~~~~· ~-~~· ~~~~~~~~~· ~~~~~ ~·
· ~~~~~~~· · ~~~· ~~~~~~ ~~~~~~~~~
~· · · ~~~
~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~
~ ~~~~~-~~~~~· ~~· ~~ ~~~~~
-~-~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~· ~-~~~~~~~~~· ~~~~~~~
-~~~~~~ ·
~· ~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~
~~· ~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~
~~~~~~· ~~~~· ~~~~~-~~~~-~~~-~~~
~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~-~~~~
~· · ~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~· ~
~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~

~~~~~~

~~~~~~~~~~~~
~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~ · ~· ~~~~~
~· ~~~~ ~
~~~~~~~~· ~~~
~
~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~ · ~· ~~~~
~· ~~~~ ~
~~~~~~~~· ~~·
~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~
~· ~~~~~~~~~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~
~~~~~~ ~~~~~~~~~~ ~~~~· ~~
~~~~~· ~~ ~~~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~
~~~~-~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~ ~~-
~~· ~~-~~~~~~~~· ~~~-~~~~~
~~~~~~~~-~~
~~~~~~~~~~~
~~-~~~~~· ~~ ~· ~ ~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~-~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~
· ~~~· ~~~~~· ~~· ~~~~~· ~ ~
~~~~~~~· ~
~~~~ ~ ~~~~~· ~~~~~~· ~~~
~~· ~·
~~

~~~~~~· ~~~~~~-~~~~
~- ~ ~~~~~~
~~~

~~~~~~ ~ ~-~~~· ~
~ ~~~~-~~~
~~·
~~~

~~~~~~ ~
~-~~~· · ~ ~ ~ ~~~~-
~~

~~~· ~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~~

· ~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~
~~ ~

~~~~~~~· ~~~~~~ ~ ~~· ~~~
~~~~~~
~~ ~

~~~~~~~· ~~~~~~ ~ ~~· ~~~
~~~

~~~~~~ ~ ~-~~~~~· ~~-~· · · ~ ~~
~~~-
~~

~~~~~~~~~~~
~~ ~

~~~· ~~~~~~~~~~
~~~~ ~~~~~~ ~ ~-~~~· · ~~~-~~· ~~~ ~
· ~~ ~ ~~ ~~ ~ ~~· ~~-~~· ~~~~~~ ~~
~ ~~ ~~~~~·
~~

~~~~~ ~ ~~~~~~~~~~
~~

~~~~~~ ~ ~~ ~ ~-~~~· ~~
~~~~~~~ ~~~~~·
~
~~~~~· ~~~~· ~
· ~ ~-~ ~~· ~ ~~· ~~~~~
· ~~~~~~
~~·
~~~~~~~

~~~~~· ~~
~~~~~· ~~~~· ~
~· ~ ~~· ~~~~· ~~~~~~
~~·
~ ~

~~~~~~~~~~ ~~~~· ~
~ ~~~~~~~
~~~·
~~~~~~~ ·

~~~~~~ ~~~~~~~~~
· ~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~· ~~~· · ~~-
~ ~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~~

~~~~~~
~· ~ ·
~~~~
~~~~~
~~~~~~~·
~~~
·
~~~·
~~~ ~
~~~ ~
~~~~
~~~~ ~
~~~
·
~~~·
~~~
~~~ ·
~~~ ·
~~·
~~
~~~~~~ ·
~~~~~· ~~~~~~~~~~ ~ ~~· ~~
~~~~-· ~ ~~~~~~~~
~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~-~~~~
~- ~ ~~~~~~~~~· ~
~~~ ~
· -~~~~-~~~~
~ ~~~~~~
~~~
~~~~~· ~ ~ · ~~~· ~~~~~~
~~~· ~~~~· ~~· ~~
~-~~~-~~~~~~~~~~
~ ~-~~~~~

~-~~~~-~~~~~~~~~
~ · ~~~~
~~~~~~~~~-· ~~~~~· ~~~~~~~~
~~ ~· ~~~~~~~~·
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~~
~~~~~~~~· ~~~~~~~~~
· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~ ~· ~~~~~~~~·
~-~~~~-~~~~~~~~~
~
· ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~
· ~~~~~~~~~ ~· ~~~~~
~~·
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~
· ~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~ ~-~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~~
~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~
· ~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~
·
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~· · ~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~~~· ~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ · ~~~
~~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~~~
~~~· ~~~~
~-~~~~-~~~~~~~~~ ~ ~~· ~~~~
· ~~~~~-~~~~-~~~~-~~~~~~~
-~
~~~~~~ ~ ~-~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~ ~ ~~-~~· ~~~~~~
~-~~-~~·
·
· ~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~· ~~· ~~~· ~~~~~~
~· ~
· ~~~~~· ~
~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~-
~ ~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~~~~~~· ~~~
~~· ~~~
~~~~~ ~~~~~~~~~~~·
~~~~~~ ~~

~~~~~~

~~~~~~~~~~
~~·
~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~ ~~ ~~~~
~~~-~~~~~~~~~~
~~~ ~~~~~~~· ~~~~~~ ~
~~~ ~ ~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~ ~
~~~ ~~~~~~~~~ ~
~~~~~~~ ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~
~~~~~-~~~~ ~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~
~· ~~~· ~~~~-~~~~~~~~~~~
~~~· ~· ~~~~~~~~-~
· ~~~~~~~
~- · ~~~~~~~~
~~~~· ~· · ~~~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~~~-~~~~· ~-~~-~~~~ ~~
· ~~~~~~~
~~~~~~~-~~~~~~
~~~· ~~~~~· ~~~~· ~

~ ~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~~~
~· ·
~~~~
~~· ·
~~~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~· ~-~~-~
~~ ~~~~~~~~ ~~~ ~· ~~~~~~
~~~~· ~· ~~~~~~~· · ~-~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~-~· ~· · ~~~
~~~~~~~~~~~~ ~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~
~~~~~~~~~~-~~~~~~~
~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~~~~ ~ ~ · ~· · ~~
~~-~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~-~~~~· ~-~~-~~~~ ~~~~~~~~~
~~~ ~· ~~~~~~~· ~· ~· ~~~~~· ~· ·
-~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~-~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~· ~~~~· ~~~~ ~~~· ~~~~~~~
~· ~~~~
~~ ~~~· · ~~~~~~~~~~~~~~~~~~
· ~
~~ ~~~~~~~~ ~~~~ ~~· ~· ~~· ~· ~
· ~~~· ~~~~~~~· ~ ~~~~
~~~~~ ~~

~~~~~~

~~~~
~· ~~~~~· · · ~ ~~~~~~~~~~~~
· ~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~-~~
~~~~~~~-~~~~~~· · · ~ ~~
~· ~~~-~~~~~~~~~· ~~· ~~~~~~· ~
~~~~· · · ~
~~~· ~~-· ~~~~~~~~~~~~
~~~~~~· ~

~~~~~~~~
~· ~~~~-~~~~~~~~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~~~· ~·
~~~~~~~~~~~~~ ~~~
~-~~~~~~~~~~· · ~· ~~~~~~~-~~~· ~~
~~~· ~~-· ~~~~~~~~~~~~
~ ~
~~~~~~~~· ~~· ~· ~~ ~~~~~~· ~
~~~~~~~~~-~·

· ~~-~ ~
~~~-~ ~
~~~~~
~~~~~~~
~~
~~· ~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~

~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~-~

~~~~~~~~~~~~· · · ~~~~~~
~~~~· ~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~-~~~~~ ~~~~-~~~~~~~~
~~~· ~~ · ~~~~- ~~~~~~~ ~~~
~~~~-~· ~~~~~ ~~~~~· ~
~~~~~~~~-~~~~~· ~~~
~~~· ~~-· ~~~~~~~~~~~
~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~-~~~~~~~~ ~·
~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~-· ~~~~~~~~
~· ~~~· ~~~~~~ ~~~· ~~~~
· ~~~· ~~~~~~~~~

~· ~~~~~~
~~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~-~~~~~~~
~~~~~~~~ ~~~~· ~~~-~~~~~~~~·
~~· ~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~~~~~-~~~~· ~~~~· ~~~~~-~~


~~~~~~~· ~~~-~~~~~~~~· ~~~· ~~· ~~~~
-~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~
· ~~~~~~~· ~~~-~~~~~~~~~~-~~~

~
~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~

~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
· ~~~~~~~~· ~~~~~~

~~~~~~~ -~

· ~

~~~~~· ~~~~~~~~~~~ -~ · ~
~~~~~-~ -~

~~~~~~~~

~~~ ~~~

· ~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~
· ~~· ~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~~ ~~~~~~· ~ ~~~· ~~~~~~~~~
~
~~· ~
~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
· ~~~~· ~~~· ~~~~· ~~~~-~~· ~~~~~~· ~~
~~~ ~ ~~~~ ~~~~· ~~ · ~~~~· ~~· ~~~~~· ·
~~~~~
~ ~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~
~~~-~~~~~~~~~~~~~~~- ~~~~~~~~
~~ · ~~· ~~~~· ~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~
~~~~-~~~ ~~~· ~~~~~~~ ~~~~~~~
· ~~~-~~~~~~ ~~~~~· · · ~~
~-~~~~· ~
· ~~~~~~~~· ~
· ~~~~~~-~~ ~ · ~
· ~~~~~ ~
· ~~· ~~~~~~~~~~ -~~· ~
· ~~~~~~~ ~~~~~~- · ~
· ~~~~· · · ~~~ ~~- ~· ~~~· · · ~~ ~~~~-
-~~~~~~~-~
~~
· ~
~~~~~~ ~~ ~~~~~~
~~~~~~ · ~~· ~~~~~~
~~~
~~· ~~~ ~~· ~~~
~~
~~· · ~~~
~· ~~~~~· · ~
~~~~~~~~~~· ~~~
· ~
~~
~~~~~~ ~~ ~
~

~
~

~
~~
~~~~~~~~ ~

~
~ ~
~ ~
~~
~~~~~~~~~~· ~~~ ~
~~~~~
~~
~~~~~· ~
~~ ~
~~~~~~~~
~~ ~
~~ ~
~~ ~

· ~~~· ~~~~~~~~-~~~~~~· ~-~~ ~~~~~
~
~
~· ~~~~~~~~~-~ ·
~~~~
~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~· ~~~-~~~~ · ~~~~~~~
· ~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~ ~~~~· ~~~
~~~~~~~~~~· ~· ~~· ~~~~· ~~~~~~· ~~~~~· ~~~~· ~
-~~· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~~~~
· ~~~~~
~· ~~· ~-~~~-~~~~~~~
~~~~~~·
· ~~· ~~· ~~~~~~~-~~~ ~~~-~~ ~~·
~
· ~~~· ~~· ~~~~~-~~~ ~~~-~~
~· ~
· ~~· ~~~~~~~-~~~~~· ~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~-~~~~~ ~~~~ ~~ ~~
-~~~~~ ~~· ~
· ~· ~~~~~~~~~· ~~-~~~ ~~~-
~~ ~~· ~
· ~· ~~~~~~~~~-~~~~~ ~~~~-~~
~~ ~~· ~
· ~~~· ~-~~~~~~~~~ ~-~ ~~·
· ~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~·
· ~~~~-~~~~~· ~~~~~~~~~· ~-
· ~
· ~· ~~-~~~~-~~~~~· ~~~ ~· ~-
~ · ~
· ~~~~~~~~-· ~~~~~· ~~~~~~~ -~~ ·
· ~~~~- ~· ~~· ~· ~~~~~~~~~~
~~·
· ~-· ~~~~~~· ~~~~~~-~-~
~~~ · ~
· ~~~~· ~~~~~~- · ~
· ~~· ~~~~~~~~· ~~~~~- · ~
· ~~~· ~~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~· ~
· ~· ~- · ~
· ~~~~~~-~~ ~~ · ~
· ~~~-~~~~~~-~· · ~-~~ ~~·
~
· ~-~~~~~~~~~~~· ~· ~-~~~~~ ~~·
~
· ~~~~~~~· ~~-~~~~- · ~
~· ~~· ~~~· ~~~~~~~~~-~~~
~· ~
· ~~· ~~~· ~~~~~~~~-~~~
~· ~
· ~~· ~~~~~~-~ · ~
· ~~~~~~~~~· ~~~~· ~~~~~-~~
~ ~~· ~
· ~-~~~~~· ~~~· ~~~~- · ~
· ~~~~-~-~~ ~~· ~
· ~~~· · · ~~~~-~~~~· ~-~ · ~
~~~~~~
~~

~~~~~~~

~~~~~
~~~~-~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~
~~~~~~~~· ~~~~~~~~ ~~ ~ ~ ~~~· ~~~~~·
~~~~ ~~-~~~~~· ~ ~~~~~~~~

·
~~ ~~· ~~~~~
~~·

~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~-~~~~~~~~
~ ~-~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~

~· ~~~~-· ~~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~~
~~~
~
~~~~~ ~
~~~· ~~~ ~
~~~· ~~~~
· ~~~· · · ~~~~· · ~~~~-~~· · ~~~~~~~-
· ~
· ~~~-~~~· · ~~~-~~~~~· ~~~~-~~~~~
~~~~~~-~

~
· ~
· ~~· ~~~~~~~~~~~~~-~~
~-~~- · ~
~· ~-~~~· · ~~~~· ~~~~~~~ ~· ~~~~
~~~~~-
· ~
· ~~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~~-
~~~~~~~~~~~~~~-~-
· ~
· ~~~· · · ~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~-


· ~
· ~~~· · · ~~~~~~· ~~· ~-
~ · ~
· ~~~~-
~ · ~
· ~~-~~~~~~-~· ~
· ~~-~~~· ~~· ~~~~~~-~~~~-~~~~· ~~~~~·
~-~~
~
~ · ~
· ~~~· · · ~~~~~~~~~~~~~~· ~~
~· · ~~~~~~~~~~~~~~~ ~· · ~-~~ ~
~ · ~
· ~~-~~~· ~~· ~· ~~~-~~~~-~~~~· ~~~~~ ~·
- ~ · ~
· ~~-~~~· ~~~~~~-~~~~-~~~~· ~~~~~ ~· ~ -
~ · ~
~· ~-~~~~~· ~~~~~-~~~~~~~· ~~~~~
-~~ ~~~ ~~~ ~~~ ~ ~ · ~
· ~~~· · · ~~~~~~~~~~· ~~~~~~~· ~~ -~
~ · ~
· ~~~· · · ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ -
~
· ~
· ~~~· · · ~~~~~~ -~~ ·
·
~~· ~~~· ~~~~~~~~· ~~~~~ ~~~~

~~~~~~ ~~ ~~~~~~

~ ~~~~~~~· ~~~~~-~~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~~~~~· ~~~~

~~~· ~~~~~~~-~~~~-~~~~· ~-~~~~
~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~-~ ~-~~~-
~~~- · ~~~· ~~~~~~~~ · ~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~ ~~~~~
~~~~~~~-~~~~~~~· ~~~~~~~-~~~~-~-~
~· · ~~~~~~~~~~~~-~ ~-~~~~~-~~~~~~
~· ~~~~ ~-~ ~~~~~·

~· ~~~~~

~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~
~

~~~~~~~~· · ~~~~~~~~-~~~~· ~
~~~

~~~~~~-~~~~~~~~~

~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~
~~~~~· ~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~· ~~~~~~~~-~~~~~~~~
~~~~~~· ~-~~~~~~~· · ~~~-~~· · · ~~~~
~~~ ~-~~~~~~~~~~~~~~ ~-~~-
~

~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~

~~~~~~
~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~
· ~~~~~-~~~~· · · ~~~~~~~- ~ ~~~~~~~- ·
~~~~
~~~~~~~~~~· ~· ~~~-~· ~~~~~~-~~~~-
~~~~~~ ~~

~~ ~~

~~~ ~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~·

· ~
~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~ ~~
~~~~~~· ~ ~~· ~~~~-~~~~~
~~~~~~- ~~~-~~~~~~~~
~ ~~-~~~~~~~~~· ~~~ ~~
~~~~~ ~~~~~~-· ~~~ ~
-~~~~~~~ ~~~~-~~~~~~~~
~
· ~ ~·
~~
~

~
-

~ ~~~~~~ ~

~ ~~~~~~~ ~

~ ~~~~
~~~~~~
~~

~~~~~~
~~~~~ ~~~~~· ~~~~ · ~~~~~~
~~~~
~
~· ~~~· ~~~~~ ~~· ~~~ ~~· · ~~~
~· ~~~~~· · ~
· ~
~
~~
~~· ~~~~~~~~
~~
~~· ·
~
~~
~~~~·
~· ·
~~~~~~
· ~~~~~· · · ~
~~~
~~~~~~· ~
·
~
~~~~~
~

~~~~~
~~~~
~· ~
~~~~~~
~~~· ~~~
~· · · ~
~~· · ~~~~·
~
~~~~~~
~~~~~· ~~~~
~ ~~
~~~~
~· ·
~
~
~~~~
~~· ·
~~~~~
~~~· ·
~ ~~~~
· ·
~~~~~~
· ~~~~~· ~· ·
~ ~~~~~
~· ~· ~·
~
~~~~
· ~· ·
~~~~~~· ~
· ~~~~~~~~
· ~~~~~· · · ~
~~~ ~
~
~
~
~~~~ ~
~~~
~~~~~· ~
~~~~~~
~~~~· ~
~~· ~~~~~· · ~
· ~
~ ~
~~~· ~
· ~~~~~~~~
· ~~~~~· · · ~
· ~ ~

~~~~~· ~~~~· ~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~· ~~~~
~
~~· ~~~~~~ ~~~ ~~-~~-~· ~~~~
~~~~~~· ~~~~· ~~~~~-~~~~~~
~~~~· ~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~· ~~~~· ~~~~

~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~

~~·
~~~· ~~~~~~~~~~-~~~~
~· ~-~~~~~~~~· ~~~~~
~~ ~
~~~~~-~~~· ~~~-~~~~~~~~-
~ ~~ ~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~· ~~ ~ ~~
· ~~~~ -

· ~· ~~· ~~

~~~~~~
~~~~~~~~~~~~-~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~~~

~~~~~~
~

· ~· ~~· ~~~ · ~~~~~~~~~~~ ·
~~~~~~
~~~~~~~~~~~~ ~· ~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~~ ~-~~~~~~~~~~
~~~~~~ ~~ ~~~~~~
~~· ~
~~
~~~
~~
· ·
~

~~
~
~

~
~ ~
~

~

~
~

~~
~

~~
· ·

~~~~~~~· ~~~~
~~
~~~
~~
~~



~




















~



~



~



·
·
· ·
· · ·



~

~~~ ~~~· ~
~
~
~
~
~
~
~

~

~

~



























~












·
· · ·
· · ·
·
·




~

~~~~~~~~
~~
~~~
~~
~~
~~
~~
~~

~

~
~
~
~

~






~






~














~

















~
~

~



·
·
·
· · ·
· · ·
· ~· ~ ·
· ·






~

·
~~~~~· ~~~~~~~~~~~-~~~~~~· ~~· ~~-· ~~~~~ ~
· ~~~~~~· ~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~~~~-~~·
· ~~~· ~~· ~~~~-~~~~~~~ ~~~~~ ~-~~

· ~~~~ ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~
-~~~~ ~~~~~~~

~ · ~~~~~ · ~~~~
· ·

·

~

~~~~~ ~~

~ ~~-
~~~-~· · ~-~~~~~

~~~~~~~~~~~~-~~~~-~~~~ ~· ~~~~-~~~~~· ~~~~

· ~~· ~· ~ ~~~~~ ~ ~~ · ~- ~ · ~~ ~~~~
~~· ~~ ~~~

~
· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~-~~~~~~

· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~

· ~ ~~ ~~ ~~~· ~-~~· ~~~~~~ ~~· ~~ ~~~


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~~
~~~~~~
· ~~· ~~· ~~~·
~~~~-~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~ ~
~~~~~-~~ ~~· ~~~~~~-~~~ ~~~
~~~· ~~~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~· ~-~~ ~~
· ~~~~~~~· · ~~
~ ~ ~~~~~~~~ ~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~-~· ~~~-~
-~~~~~· ~~· ~-~~~ · ~~~~- ~-~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~
~~ ~~~· ~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~· ~
~~~~~~ ~~~~~~· ·
~~~~~~~· · ~ ~ ~ ~ ~~~~~~~~~ ~ ~~~~~~~~
· · ~ ~
~~~~~~ ~~

~~~~~~
~~~~~
·

~~
~
~
~

~
~~
~~~
·
~~
~
·
~~ ~
~
~~· ~~~~~~~~~~~~- ~ · ~~~~~~~~~~· ~

~~
-~~~
~~· ~~~~~~
· ~~~~ ~~·

~
~~· ~ ~~~~

~-
~~- ~· ~

~ ~~ ·

· ~

~~

~~
~-~~
~ ~

~

~~

~

~


-~ · ~-~ ·
·

·

~
~

~

~
~~~
~~~~
~~~
~~~
~~~
~~~
~~~
· ~~~
~~· ~~~~·

~

~
~
~
~

· ~~~
~· ~~~· ~~· ~· ~·
· ~·
~~

~
~~~~-~
~-~~~
~
~
~
~
~
~
~
~
~~~
· ~
-~
~-~·
~~
· ~~
-~~~~
~~~~~~~~

~~~~~~
~
· ~~~~· ~~· ~~~~~-~~-~~~~~~~ ~~~~~ ~-~~
· ~~-~~~~~~~~~~~~~~-~~~~· ~~· ~~~~~~~~~~~ ~~~~-~~~· ~~
·
~~~~~~~~~·
~~-~~~~~~~-~-~~-~~~~ ~~-~~~-~~-~~~~
·
-~~· ~~~-~~~~~-~~~~~~~~·
~~~~~~~
~~ ~~
~~
~~
~~~
~~~ ~
~~
~ ~
~~
~~ ~
~ ~
~~ ~
~ ~
~~ ~
~
~
~~
~
~ ~
~~ ~
~

~
· · ~
~-~~~~~· ~· · · ~~~~~~
~~~~~~~~~~· ~~~ ~~~~~~~~ ~~~· · ~~
· ~~~~~~~~~~~~~·
~
· · ~
~
~
~
· · ~~
~~
· ·
~~
~

~~~
· ~~~
~~· ~~~~~~
~~ ~~
~-~~· ~
~~~~~
· ~~~~~~
· ~~-~~~~~~~-~~ ~~~-~~~~~~ ~~-~ ~~~-~~~~~~~~~· ~~ ~~~-~~~~~~~~~~~- ~~~~-~~~~~~~~
~~~-~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~~ ~~·
~~~~~~~ ~~~~~~~~ ~~~~~-~~- ~~
~~-~-~~-~-~~ ~~~~ ~~~~~~~~~~-~~- ~~~~~~~~~~~-~~~· · · ~ ~~~·
~~· · ~
· ~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~ ~~ ~~~ ~~~~~~~~~~~~-~~ ~~~
· ~~~~~~-
-

~ ~~
· ~·
~
·
~

~

-~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~
-~~~~~~~~~·
~~~
~~ ·

~~
~~•
~~~
~
~~~ ~
·
~~~

~

~~
~~
~ ~ ·
·
~~ ·

~~ ~

·
~ ~
~~ ~
~ ~ · ~· ~· ~· · ~

~~~ ~

~ ~ ~· ~· ~· ~· · · ~· ~· ~ ·
~~~

~~ ~ · · ·
~

~ ~ · · · · · · · · ~ ·
~~ ~ · ·
~ ~·
~~ ~ ~ ~· ~ · · ~~
~ -~~~
~~~
~
~
~~
~~
~~~
~~~
~~
~
~~
~~
~
~~
~
~~
~
~~
~
~~



~

~

~
~
~
~
~
~
~
~
~
·
~~~

· ~~~~~~
· ~~-~~~~~~~-~~ ~~~-~~~~~~ ~~-~ ~~~-~~~~~~~~~· ~~ ~~~-~~~~~~~~~~~- ~~~~-~~~~~~~~ ~~
-~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~· ~~ ~~~~· ~~~~~~~~· ~~~ ~~·
~~~~~~~ ~~~~~~~~ ~~~~~-~~- ~~
· ~~-~-~~-~-~~~~~~ ~~~~~~~~~~-~~-~~~~~~~~~~~~-~~~· · · - ~~· ~
~· · ~
· ~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~ ~~ ~~~ ~~~~~~~~~~~~- ~~ ~~~
· ~~~~~~-

-~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~
-~~~~~~~~~· ·
·
·
· ·
·
· ~· · · · ·
· ~· · · · · · ·
~· ·
· · · · · ~· · · ·
~ · · ·
· · · · ~· ~ · · · ~·
~ ~· · ·
~~· ~
~~
~~~~
~~
~-~~~~~· ~· · · ~~~~~~
~~~~~~~~~~· ~~~ ~~~~~~~~~ ~~~~
~-~~· ~
~~~~~
· ~~~~~~~ ~ ~~· · ~~~ · ~~ ~~~·
~ ~ ~ ~ ~~ ~ ~ ~ ~~ ~· ~· · ~
· · ~ · · ~ ~ ~~ ~ ~ ~ -~~~
~~~

~~~·
~~~· ~~~~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~
~-~~~· ~~· ~~~~~~~ ~~~~~~~~-~~~-~~~~
~~~~~~-~· · ~-~~· ~~~~~~~~
~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~
~~
~~~-~-~~~~~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~ ~~· ~~~~~~~~~~· · ~~
~~· ~~~~~· ~~~~~· ~~~

~~~~-~~~~~~~~~· ~~~~-~~~~~~~~
~ ~~~~~~ ~~~· ~~~~ ~~~~~-~~~
-~~~~~~~~~~~~~~· ~~~-~~~~~~
~~· ~

~~~~ ~~· ~~~~~~

~~~~~-~~~· ~~~~~~~· · ~~· ~~~~
~~· ~~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~· ~~-~~~~~~
~~· ~~~~~~~· ~~~~-~~~~-~~-

~~~· ~~~~~~~~-~~~~-~~-~-~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~
· ~~~· ~~~-~~~~· ~~~~~~ ~~~~
~ ~~· ~~~~~~~~~~ ~-~~~~
~~· ~~~~~~~-~~~~~~· ~~~~~~
~~~· ~
· ~~~· ~~~-~~~~· ~~~~ ~~~~ ~
· ~~~~~~~~~~ ~-~~~~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~~· ~~~~~~
· ~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~~~~~
~
· ~~~· ~~~· ~~~~~~~~~~-~~~~~
~~~~~~-~~~~~~· ~~~~~~~~·

~~~~~~~~~~~~-~~~~-~~-~~~~~~~· ~~· ~· ~-~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~ ~· ~~~ ~·

~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~-~~~~-~~~~- ~~
~~~~~~ ~~~~~~~~~~

~~~~~~~-~~~~~~~~- ·

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~
~~~ ~~~~ ~~· ~· ~~-~~~~~~~~~~~
~~~~~~~
~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~-~-~
~ ~
~
~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~~~~~
~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~-~
~~~~~
~ ~~· · · ~~~~~~~· ~~~-~~~~~
· ~~~~~~
~~~~~~ ~~

~~
~
~~


~~~~~~· ~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~
-~~~-~~~· · ~~~~~~ ~· ~ ~ · ~-

~~~~ ~~~·
~~~~
~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~
~~~· ~~~~~ ~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~ ~~~-~~~~~~~·
~~~~~
~~~

~~~~~~· · · ~~~~~-~
~~~~~~~~~
~~· ~~~~~-~
~
~~~~~· ~~~· · · ~~~· ~-~~~~~· · ~~~
~
~~~~~~~~~· ~~~ ~ ~~~·
-
~

~~~~~· ~~~· · · ~~~~·
~
~

~~~~~~ ~~~ ~
~

~~~~ ~~~
~~~~~~~~~-~~~~· ~~~~ ~·

~~~~~~
~~

~~ ~~

~~~~~~~~~· ~~ ~~~ ~· ~~~~~~ ~~
~~·


~· ~~-~~
~~~
-~ · ~
~~~~~~~-~· · · ~ ~~~~~~~~~
~-~~ ~
~· ~~~~~~~

~
~~~-~~~~· ~~~~~~

~~~~~~ ~~
~~ ~~
~~

~

~

~~


~

·
~

~

~

~
~
~
~
~
~
~~
~
~

~
~
~

~· · ·

~~~ -~~~~~~~· · · ~~~~~~· · · ~~ ~~~· ~
~~
~
~· ~~~~~-~· · · ~
~~

~
~~~·

~~~~

~~~·

~~~~

~~· · ~

~~
· ~~~~

~ ~
~~~~~
~-~·

· ~· ·
~~ ~
~ ~~~~· ~
~
~· ~~~
~~ ~
~~~~~~
~~
~· ~~ · ~·
~ ~~
~ ~
~~~~~
~-~· ~
~~~~
~
~~
~-~· · · ~
~ ~

~· ~~~·
· ~·
~~·

~~
· ~~~-~~~· ~~· ~~~~~~~ ~~~~~~~~
· ~~~~~~· ~~~~-~~~~~~~~ ~ ~~~~~~~~~~-~~-~~~~~

· ~~~~~· ~· ~~~~~~ ~~~~~~~~~ ~~
· ~~~~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~
· ~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~~~~~~-~· ~~~~~~~
~~· ~~~~~~~-~· · · ~
~~~
~~~~~~ ~~
~· ~
· ~·
~ · ~
~~~~
~~ ~~~~~~~~-~·

~

~~

~
~~~~~~ - ~~~~~~ ~~~~~~ ~ ~~ ~~~-
~~~ ~ ~~~~~· ~~~~~~~~~~

~~

~~
~ ~~~~ ~
~~· ~~~·
~~~~~~~-~· ~~
~~~~~ ~

~ ~

~ ~

~~~~~ ~ ~

· ~ ~

~~· · · ~~~-~~~~~ ~· ~~~~-~~
~~~~· · · ~~~~~-~~·

~~· · · ~~~-~~~~~~· ~~~~~

~~· ~~~~-~~~~~~~· · · ~~

~~~
~~~~
~~~
~~~

~

· ~~~~~~~~~~~-~~~~· · · ~~~~~~~
~~~~· · · ~~~~· · · ~~~~~· · · ~~~~~
~· · · ~~~~
~ ~~-~~~

~-~~~

-~~~

~~~~·
~~~~~~~~~~~-~~~ ~~~· · ·
~ ~~~~~~~~~~· ~- ~· ~

~~~~~~· ~~~~

~~~~· ~~~~~-~~~~~~~~~~~ ~~
-~~~~~-
~~· ~~~~~· ~~~· ~-~~~· ~~-
~~~
~~~~~~-~
~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~
~ ~~ ~~~~~~~ ~ ~~~~~~~~~~~~~~~
~

~ ~· ~~~~~· ~~~·
~~·
~· ~~~~~·
~~~~~~~~· ~~~~~-~~~~~~~~ ~~- ~~
~~~~~~ ~~~~~ ~~~~~~~~~~~
~~~~~ ~-~~~~· ~~~· ~~~~· · ~~~· · ·
~~~-~~~~ ~ ~~~· ~~~~ ~

~~~~~~~~
~-~~~-· ~~~~· ~~~~~~ ~~
~~~~ ~~~~~~~~~~ ~~- ~~~
~~~~~~-~
~ ~~-~~~~~~~~~~~~~~· ~· ~
~ · ~~~~~~~~-~~~~~~~~~~ ~·
~~~~~~~~

~~ ~~



~~~~~~~~~~~~~· ~
~~~~~·

~~~
~
~
~· ~

· · ~·
~ ~

~

~· ~~-~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~· ~~~~~-~~~~~~~~~~-~~~· ~
~~~~~~ ~ ~~~· ~~~~~~~~~
~~~~ -~~~ ·
~

~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
~
~
~~~~-~~~~-~~

~~~~~

~~~~~~

~· · ~~~~~~~~
·
~· · ~~~~~~~~~
~~~~~~ ~~
~ ~

· ~~~~~~~~~~~~~ ~· ·
~ ~ ·

·
· ~~~~~~~· · ~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~· ·
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~· ·
~~
~~

~~~~~~~~~· ~~· ~· ~~~~~-~~~~~ -~
~ ~~~~~·
~~~~~~~~~~-~~~~~~~~~~

~~~-~~~~~~~~~~~· ~~· ~·
~~~~~·

~~~-~~~~~·

~· · ~
~· ~~· · ~
~~ ~

~~

· ~~~~~~~· ~~~~· ~~~~
~~~~~· ~~

~· · ~~-~~~~~~~-~~~·

~~-~~~~~~~~~~~~~~~~· ~ ~· · ~-~
~~~~~~~~~~~~~· ~~~~ ~~~-~~~~~
~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~ ~~ ~-
~~~~~ ~· ~~~~· ~~~~-~~~~~-~-~
~~~~-~~~~-~~~~~

~~~· ~~~~~~· ~~~~~~· ~~~~-~
~~~~~~~~~~~~ ~· ~~-~~~~~~~~~~~~~-~
~~~~~~~~
~ ~~· ~~~~~~~~~~~ ~~· ~· ·

~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~· ~-~~~~~~
~~~~~~ ~~~· ~~ ~~~~· ~~~~~~~~
~~· ~~~ -~· ~~~~ ·
~~· · ~~~~~~~~~~~~-~~~~~
~~~-~~~~~~~~
~ ~· · ~~~~~~~
~~~~
~~· ~~· ~·
~~~~~~-~~~~~~~ ~~~~~~~~·
~· ~· ~~-~-~~~~~~~~~ ~~~-~~~~~~~
~~~~~~~~~~~ -~~ ·

~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~· · ~~~~~~~~~~~· ~~~~~· ~· · ~ -~~~~·
~-~~~~~~~-~~~~~~~~
~~~~~~ ~~ ~~ ~~
~~~~~·

~~· ~~~~~

~ ~~
~· ~~~
~~ ~ ~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~· ~·
~~~~~·

~~~~~
~~~~~~

~· · ~
~ ~

~~~~
~~~~~~~~~~~-~~~~~~ ~~~~
~· ~~~~~~~ ~~~~~~ ~~ ~
· ~~~~~~~~

~~~~~~~~~~~

~~~· ~~~· ~~~~~~-~~-~~ ~~~~~~~~~~
~· ~~~~ ~~~~~-~~~~
~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~
· ~ ~~~~~~~~~~
~~~ ~ ~
~~~ ~
~~~ · ~
~~~
~ ~ ~~~~~~~~~- ~-~~ ~~~ ~· ~~~~
~~~~· ~~~~~~~~~~~~-~~~~~~· ~~
~~ ~-~~~~~~~~ ~~~ ~ · ~~ ~~~~ -~
~~~~~~~~~~· · ~~~· · · ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~-~~~~~~~
~

~~~~~ ~-~~~~~~-~~~ ~~

~~~~~~-~~~~~~~ ~~~~· ~~~~~
~~~~~
· ~~~~~~~~~

~~~ ~· ~~~~~~~~~~~ ~
~~ ~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~-~
~~~~~~~~~~~~ ~-~·
~
· ~
· ~~~~~~~~~- ~~~· ~~~~~-~~~~~~~~~-
· ~·

~· ~~~~~~~~~~- ~
· ~·

-~~~· ~
~
· ~·

-~~~~~· ~· · · ~~~~~~ ~ ~~~~~-
~ ~~· ~-~~~~~~~~~ ~
· ~· ~

-~~~~~~~~· ~~ ~
· ~· ~

~~~~~~~~~~~~ ~
~

~~-~~~~~~~~~~~~· ~~~
~~ ~
~~~~~

~~~~~-~~~-~~~ ~
· ~~ ~ ~· ~~~~~~~
~~~~~~
~~

~~ ~~

· ~~-~~~~

~~~~· ~~-

~~-~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~ ~~ ~~~
~~· ~~-~~~~~~~ ~~

~~~~~-~~~~~~ ~ ~-~~ ~~~

~~-~~~~~· ~~· ~~~~~~~~~~-~
~~ ·
~~~~~~-~~~~~~~~~~~-~~~
· ~~~~~~· ~~~~~-
~~~~~~ ~~

~~ ~~

~

· ~
·
· ~
· ~~
· ~
· ~
~
~~~· ~~ ~
~~~~~
~~
~ ·
~~~~~~-~~~· ~
~~~~~~
~~~~~~
~-~~~· ~
~ ~~~
~ ~~~~ ~~ ~·
~ ~~~~~~~· ~
~~· ~~~~ ~~ · ~·
~-~~~~~· ~· · · ~~~~~~
~~ · ~~·
·
~ ~~~
~ ~~~~~ ·
~~~~~~~· ~
~~· ~~~~
~-~~~~~~~~~
~~~
~~· ~~~~· ~~~~~~ ~
~~~~~-~~
-~~~~~~~~ ~
~~
- ·

· ~·
~~
~ ~
~· ~~-
~~~~~
~~~~~
~~· ~~~-~~~
~~~~· ~~~~· ~~
~ ~~~· ~~~~-
~~~~~~

~~
~~~~~
~
~~~~~~~

· ~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~~~
· ~~~ ~~~~~~~~~~
~~~~~~~· ~~
~· ~~~~~~~· ~~~-
-~~~~~~~~~~~~
~~~~~~· ~
~~· ~~~~ ~~~
-~~~
~-~~~~~~
~· ~~~-
~~~· ~~~~ ~~~
· ~~~· · ~
~~~~~~~~~~~-
~-

~
~

~~~
~~
· ~· ~~~~~~-~~~~~~~~~-
-

-
~~~~~~· ~~~~

~
~


~~ ~~~~~ ~~~~~~
~~~~~~
~~· ~~
-
~
~
~
~
~~
~

~~~~ ~
~~~

~~~
~~· ~ ~

~~

~~~~
~
~~·
~~~
· ~·
~

~-
~-

~· ~~~
~
~

-
~~~~
~~~ ~-

~~~· ~~~~~~~~

~~~~~~-~~~· ~

~~

~· ~~-
~~~~~~~~~ ·

-
~~~

~~~
~ ~· ~~~· · ~·
· ~· ~~~~~~-~~~~~~~~~-~~~· ~~
-

-

-
~~~

~
~~~~~
~-~~~~

~ ~~~~

~ ~~~~~~~~· ~

~~· ~~~~

~-~~~· ~~

~-~~~~ ~~~~~-
~~~~· ~~~
~~~~~

~~~~~- ~~

~ ~

~~~~~~~~~~
~~

~
~
~

~~~~

~~
~
~
~

~ ~

~~~~~- ~~
~~~~~~~~~~~~~
~~
·

~-~~~· ·

~~~~~~~~~~~~~~
· ~· ~~~~~~~~~
~~~~~~· ~~-~~~
-
·

~~~~~~
~· ~~~~~~

~

~-~~~

~~~~-~~~

~-~~-

~~~~-~~~
~

~~~
~~·

~

~

~~~

~~~
~~
-

~

~

~ ~
~
~

~

· ~~~~· ~ ~~ ~· ~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~ ~~· ~· ~~~~· ~~~~ ~~~
· ~ ~~~~~~~~~~-
· ~~-~~~~· · ~-~~~~~
~~~~~~ ~~~~~ ~~~~~~
~~~~~-

~~~· ~~
~
~
~~~
~

~~~~~
~~~

~~~
~~· ~· ~·
~~~~~~-~~~· ~ ~~
-~·
~· ~~- · ~· ~~~~~~-~~~~
-
~~~~-
-
~~· ~~
-
~

~
~
~~~~~
·
· ~~~
~ ~~~~~~~~
~· ~~~~-~· · · ~

~~~~~~~~~~~-~
-~~
~

~
~~
· ~ ~~~· ~~ ~
~
· ~~~~~· ~~~~ ~~
~~~-~~~~~~

· ~~
~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~



~
· ~ ~~~
~ ~~~~~~~~
~-~~~~- ~~~
· ~~~~· ~ ~~ ~· ~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~ ~~· ~· ~~~~· ~~~~ ~~~~ ~~~~~~ ~~~~~ ~~~~~~
· ~~~~~ ~~~~~~-

~~-~~· ~~~~~~~~-

~~~~-~~~~~~~~
~~~~-~~-~~~~-~~~~~· ~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~-~-~~~
~~~~~~~~~~~~

~~~~-~~~-~~·

~~·
~~~
~~-~~~· ~
~
~~-~~~~~· ~· · · ~~~~~~
~
~~-~~~~~~~~~
~~-~~~~ ~
~~-~~~· ~~
-~~-~~~~~~~-~~~~~· ~~~· ~~
~~~~~~~~~~~ ~~~~~~
~~~~~~~-~~~~~~~-~-~~-~~~~· ~~~~ ~~~~·
~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~ ~~

~-~~~-~~~· ~
~~-~~~~-~~~~~~~~-~~~
-~~~~· ~~~~~~~~~~ ~~~-~-~~-~~
~~· ·
~

~~~~~~~~· · ~-~~~~· ~~-~~~-~
· ~~~~· ~~~~~~~~~~~· ·
~~~· ~~~~ ~~~~-~~~~~~~~~~-~~~· · ~~
· ~~~~· · ~~-~~~~~· ~~~
~~-~~~~~~~-~~~~~~~~~~
~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~· ~
~-~~~~-
~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~ ~~

~~ ~~-~~~~· · ~~~~~~~ ~~~~~~
~· · ~-~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~ ~~

~~

~~
~

~~· ~~~~~~~· ~~~~~~~~~· · ~~~~~~~~~~~~
~~~~· ~~~-
~
~~~~~· ~~~~· ~~~~
· ~
~
·

~~~~~~ ~~
·
~
~-~~~· ~~~~~~-~~~~~~-~· · ~-~~~~~
~~~ ·
~
~
~· ~~
~· ~ ~~~
~· ~~~

~~~ ~~~~~~~~~~· ~~~
~~ ~
·
~
~

·

~~
~~

~ ~~· ~~~~· ~~~-~~-~~~~~~
-~~·
~-~~~-~~~~~· ~· · · ~~~~~~
~~-~-~~~~~~· ~~~ ~~ -~· ~~
~· · ~~~· · ~ ~~~~~~~~-~~~~
~~~~~ ~~~~~-~-~ ~~~~~~
~~-~-~~~-~~~~~· ~~~~ ~~
~~~~~~~~~~~-~-~~~~~~~~~~~~

~
~-~~~~~-· ~~~· ~~~- -~~~~
· · · ~~~~~~~~~~~~~~ -~~ ~· ~~~
~~~
~
~~~~~~-~-~-~ ~~~
~~~~~~ ~~ ~~
~~
~~~~~~ · ~- ~-~

~~~~~~
-~
~
· ~

· ~

~
~ ~~· ~~~~· ~~~-
-~~~· ~~~~~~~~~~~·
~~~~
~~· ~~
-
~· ~~ -~~ ~· ~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~~~
~~~·
~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~~~
~~ ~
~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~
~· ~~
~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~~~
~~ ~·
~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~
~· ~
~~~· ~· · · ~
~~~~
~~
~~

~~
~

~

~
· ~~~
~

~

~
~~

~~

~~
~~

~~

~~
· ~~
~

~

~~
~

·

·
· ~~~ ·

·

·

·
· ~~~ ·

·

·

·
~~~
~~ ~

~ ~

~
~ ~

~ ~

~ ~
· ~~
~

~

~ ~
~


· ~~~

·

·

·
·

·

·
~~~~~· ~

~

~~

· ~
~~· ~~

· ~

· ~

· ~
~
· ~

· ~

· ~





~~~~
-~~~~·
~~~~
-~~~~·

~~· ~
· ~·
~~·
· ~·

~~·
· ~·
· ~ ~· ~~~~~
· ~~~~-~~~~~~~
· ~ ~~ ~
· ~~~~~
-
· ~

~
~-
~~· ~~~~~
· -~~~
~~· ~· ~~~~~~~· ~~~~
~~~~ ~~~~~~~~~~-~ ~~

~
~~~~
~~· ~

~
~
-
~
~~
~~~~~~~~~~-~-~-~~~~~
~~~~ ~-~~~~· · ~~-~~~~~-~~~~
· · · ~~~~~~~~~~~~
~-~~~-~~~~~~~~~~~· ~·
~~-~-~~-~~~~~~· ~~~
~~· ~~~· · · ~~-~~~-~~~~~·
~~~~~~~
· ~~~· ~~~-~~~ ~- ~-~~~~·
· ~~· · · ~~-~~~-~~~~~~~~· ~ ~~~~~~

~-~~~-~~~~
~~-~-~~-~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~
-~~~~ ~~~~-~~~-~~· ~~~~~
~~· ~~~~~~~~~~
~~~~~~~-~~~~

~~~~~~~~~-~~-~-~~~~~~
~~-~~~~-~~~~~~~~~~~
~~~~~~
~~ ~~
~~
~-~~~-~~~~
~
~
~~~~~~~
~-~~~-~~~· ~~
~~-~-~~-~~~~· ~~~~ ~~~~· ~~
~~~~~~~~~~~
~~~~~-~~· ~~~·
~~~ ~~~~· ~~-~~ ~-~~-~~
~~~~~· ~~~~~~~~ ~~~~~
~~~~~-
~~~~· ~~~~~~~~·
~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~ ~· ~~~~~~~~
~~~~~~· ~~~~~~~~· · ~~~~~~~~~-~~
~-~~~· ~
~~-~~~· ~~-~~~~~~~~~
~~~· ~~· ~~~ · ~ ~~~~~~~-~~~~
~
~~~~~~~· ~-~~~~
~~~~~~
~~~~~~-~~~~~~~~~~
~~~~~~ ~-~~ ~~· ~~-~~~· ~~~~~ ~
-~~~· · ~~· · · ~~~~~~~~~~~~~ ~~
-~~~~~~~· ~~~~~~~
~~-~~~~
~~~~~~~~-~~- ~~~ ~~~~ ~~~~
~~~~~~~~~~~~~-

~~-~~~· ~~-~~~~~-~~~~~
~~~· ~~· ~ ~~ ·

~-~~~~~·

~~-~~~~~· ~-~~~~ ~~~~· ~~~~~
~ ~~· ~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~~~ ~~-~
~-~~~~~· ~~~~-~~~ ~ ~ ~· ~· ~~~~~
~~~~ ~~~~-~~~~ ~~
~

~-~~~~~~· ~·
~-~~~~· ~~~~~ ~~~~~~~~~· ~~- ~~~~·
~~-~~~~~~~~ ~· ~· ~-~~~~
· ~
~


~

· ~~~~· ~~-~~~· · ~-~-~~· ~~-~~~· ~~
~ ·
~~~~~~ ~~

~~ ~~
~






~

~~~~~~~-~~~· · ~-~-~~~· · · ~· ~~ ~~~~· ~
~-~~~~ ~-~~~~~~~~-~~~~~· ~~ ~ · ~
~~~· ~~-~~-~~ · ~~ ~~~~~·
~~~ ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~ ~~~-~~~
~~· ~~~~-~~-~~~~~-~~~~~~· ~ · ~~~~ ~ ·
~~· · ~~~

~
~~~

~-~~~~~~~~~~~· ~·
~~-~~~~~~~~~~~· ~· ~-~~~~~~~·
~~~ ~~~~~~-~-~~~· · ~-~-~~~~~
·

~-~~~~
~~-~~~~~-~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~ ~~~-~-~~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~

~~-~~-
· ~~~
~~
· ~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
· · · ~~~~~~~· ~~
· ~~~· ~~~~~ ~~· ~~~~~
~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~ ~~~~
~~~· ~· ~~~~~~~~· ~~~~~~-~~· ~~~
~~~· · · ~~~~~~~~-~~~~~-~~~~~~~~
~~-~~~~· ~~· ~~~~~~~·
~~~~~~~~~~-~-~-~~~~· ~~
~-~· ~~~~~~~~~-~-

~-~~~· ~~
~~-~~~· ~~~-~~~~~~~~ ~~~~~
~~~~~~~ ~~~~-~-~~~~~· ~~~~~
~~~~· ~~~-~~~~-~~~~~~
~· ~~~ ~~~~~~~-~-~~~~-
~~· ~~~ ~~~-~-~~~· ~~~~· ~~~~
· ~~~~~-~~~~-~~~~· ~
~
~~-~~~· ~~~-~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~
· ~
~ · ~~~~~~~~~~~~~~ ~~~-~~~~~
~~ ~
~ · ~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~-~~~~~~
· ~~ ~~· ~~ ~
~ · ~~~~~~· ~~~~~~~~~
~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~-~~~-~~~
~~~~-

~
~~~~~~~~

~~ ~~

~~~~~

~~~~~~~~· ~~· ~· ~~~~~~~~~~~~~~~ -
~~~· ~-~~-~~~~~~~
• ~~~~~~~~· · ~~~~~~~-~ ~~~~~~~
~~~~· ~~~~~· ~~~~~-~~~~~~-~~~~
~~~~~~~~-~~~· · ~~~~~~~-~ ~~~~~~-~~
~~~~~· ~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~ ~~
·

~~~~~~ ~· ~~~~~~~~~~-~~-~~
~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~

~~~~~~~~ ~~· ~~~~~~~~~
-~~~· ·

~-~~~

~~~~~~-~~~~-~~~~~~· ~~~~~~~

~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~ ~-~
~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~-
~~~~~~~~~~~~~~~~~-~~·

~

~~~~~~ ~~~~~~-~~~~~-~~~~~~
~~~~

~ ~~~~~~~~~ ~ ~
~ ~~~~~~~~ ~ ~

~ ~· ~~~~~· ~~~~~~~- ~~~ ~~~~~~~~
-~~~~~ ~~~~~~~~-~~-~~~· ~~~~·

~~~~~~~~~~· ~~~~~~~-~~~~~
~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~-~
~~~~~~~~~· ~~~~· ·

~~~· ~~~~~-~~ ~~~~~ ~~~~~
~~~~~~~ · ~~~~~· ·
~~~
~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~~~-~~~~~
~ ~~~ ~~ ~
~
-

~
~
~~
~ ~
-
~
~~
~
~
~~~~~~-~~~ ~~~ ~
~~~~~~~ ~~~ ~
~~~· ~ ~~~~ ~~~~ ~~~~~~~~~-~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~-~· ~~~~
· ~
~~~~~~~ ~~~
~~
~~~~~~~ ~~-~~~~~~~~~· ~
~~· · ~~~~~ ~~~-~~~~· ~~~~~~~~

~~~~~~~~~· ~-~~~~~
~~
~~ ~~
~
~
~
~~ ~ ~
~~~~~~-~~~ ~~~~
~~~~· ~~-~~~~ ~~~ ~
~~~~· ~~-~~~~ ~~~ ~
~~~~~~ ~~

~~
~~
~~

~~~~· ~~-~~~ ~~~ ~
~

~~~~~~~ ~~~ ~
~

~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~· ~~~
~

~~~· ~ ~~~~ ~~~~ ~~~~~~~~~-~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~-~· ~~~~
· ~
~~

~~~~~~~ ~~~

~~~~~~-~-~~~~~~~~~ ~~~~-~~~~~~
~~~· ~~~~-~~~~~~~~~~~-~~~~~~
~~~~~~~ ~
~~~· ~~-~~~~~~~~~
~~~~~~
~

~-~~-
· ~~~-~~~~-~~-~~~~~~~
~~~~
~~~~~-~~~~-~~-
~
~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~
~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

~~~-~~~~~~~· ~~~~~~~· ~~~~~
· ~~~
~~~~~~~~· ~-~~-~~~· ~~~~-~~~~~
~· ~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~~-
~-~· ~~~~· ~~~~
~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~
~~~· ~~· ~~~· ~~~~~~~~~-~~~~~·
· ~~~~~~~~-~~ ~~~~- ·
~· · ~~~~
~· ~~~~~-~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~
~~~~~~~~-~~~~~~· ~~~~
~~
~~~~~~~~· · ~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~
~~~
~· ~· ~-~~~~

· ~~~

~~~~~~~~-~~~
~~~~· ~~~~~· ~~~~· ~
~

· ~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~
~~~· · ~~~~~~~-~~~~~~~~~

~~-~· · · ~~· ~~~~~-~~~~~~~

~~~ ~
~ ~ ~~
~
-
~
~~~~~~~~~~ ~
~~

~~~~~~~~~~~
~
~

~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~·

~~~~-~· · · ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~-~~~~~~~~~~- ~~~· ~~~~~
· ~~~~~~~~~~
~~~~· ~~~-~· · · ~~~~· ~~~~~~
-~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~ ~~~· ~~
~~~~~~· ~

~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~
~-~~~
~
~~~~~~~~~~ ~~~~~~~-~
~~~~ ~
·
~~~~· ~~~-~~~~~~~~~
~~~~~~~~
~~~~~~

~~~-~~~~~~· ~~~~~~~~~· ~~~~~~ ~-
~~~· · ~~~~~~~~

~~~~~~~· · ~~~~~~~· ~~~~ ~~~~~~~

~
· ~~~-~~~~~~~~~ ~~-~~~
~ ~~~~~-~~~~~~~~~ ~~-~~~
~~~~~~~~~~~ ~~~· ~~~~

~-~~~~-
~~~-~~~~-~-~~~~

~~- ~· ~~~~-· ~
~~~~- ~~· ~~~~~-· ~~~~~~~~· ~~~~~~
~
~
~
~
~
~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~

~~~-~-~~· · · ~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~ ~
~~
~~~~~~~-~~~~~~~~~
· ~~~~~~~· ~~~~~~ ~· ~
· ~~~~~~~~~ ~
· ~~~· ~~~~~~~ ~
· ~~~~~~~~~~~· ·
~
· ~~~· ~~~~~~~ · ~
· ~~~~~~~· ~~· ~~~· ~~~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~~~~

~
~~~~~~~~ ~~~ ~~
~~~~~~~~-~~~~~~· ~- ~ ·
~~~~~-~~~~~~~~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~ ~ ~~~~~~~
~· ~~~~~~ ~~~-~~ ~~~~~~~
~~~~~~· · ~~~~~~~~~ ~~~~- ~~~· ~~~~~
~ ~~~~· ~~~~~-~~ ~~~~·
~~~~· ~~~· · ~~· ~
~
· ~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~
~~~~~~ ~ ~~~~-~~ ~~~· · ~
· ~ ~~~~~ ~~~· ~~~~~· ~~~~~~
~~~ ~~~~~· ~~ ~
· ~~~~~~~~-~~~~~~~~~~ ~
~~~
~~-~~ ~~~· · ~~· ~ ~~~~~~ ~~~· ~~~
~· ~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~

~~~~~~ ~~

~~ ~ ~~
~

~~~~~· ~· ~~~~· · ~~~~~~ ~~~
~~~~~· ~~~~~~~~~
~

~~~~~· ~~~~~~~~~~~· · · ~~~
~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
~~~~~~~-~~~~~~~~~~· ~
~~~~
~

~-~~~~~-~~~-~~~-~~~~~~
~~~· ~~~~-~

~

~~~
-~~~· ~~~~-~~~~~· ~~~~~· ~~~~~

~~~~~~~~~~-~~~~~

~~ ~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~~~~~-~~~~~~~~-~~~· ~~
~~~~~~~

~-~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~-~~

~ ~~· ~-~~~~~~~~~~· ~~~~~~~

~~~~~~ ~~

~~
~~
~~~~~~· ~~· ~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~· · ~~~~~~~
~~-·
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~· ~· ~ ~~~
· ~~~~~~~~~~-~~~~~~~~~~~- ~~~~
~~~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~-~
~~~~~~~~
~~~
~
~~
~
~
~
~
~

~~
~~
~
~
~~
~~
~~~~~~~~
~~~~~~~~~
~~~~~~~~

~~

~~
~~~~~~· ~~~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~· ~~~~~
~-·


~~~~-
~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~· ~~~~~
~· ~~~~~~~~-~ ~~· ~~~~~~· ~~~~· ~~~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~· ~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
-~~~~· ~ ~~~~~~~~-~~~~~~~~~~~~-~
~~~~~· ~ ~~~~~~~~~~~~~~~
~· ~~~~~· ~~~~~~~ ~
· ~~· ~~~~~~· ~
~~~· ~~· ~~~~· ~~~~~~-~~~~~~~~~· ~~~~~
~~~~~· ~~~~~~~~~~· ~ ~~~~~~· ~~~-~
~~~
· ~~~~~~~
~~~~
~~~~· ~~~~~~~~~
~· ~~· ~~~~
~~~~-~~~
~~~~~-~~~~-~~~~ ~
· ~~~~~~~
~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~
~~
~~~~-~~~~-~~~~~~~~
~~~· ~~~ ~~~~· ~~~~~~~~~
~~~~~
~· ~~~~~~~~~~~~· · ~~~~~
~~~· ~~~~~ ~~~~~· ~
~-~~~~· ~~~~
~~~~-~~~~~~~~~~~~~
~~~~~ ~·
~~~~~-~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
· ~~~~-~~~· · ~~· ~~~· ~
~ ~

~~~~~~~· ~~· ~·
~~~~~-~~· ~~~~~~~~~~-~~~· · ~~·
~~· ~
~~~· ~~~~~~~~~ ~
~~~~~~~~ ~-~~ ~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~
· ~~~~~~· ~

~~~· ~~~~~
~
~~~~~~~~
~~~~~~ ~~

~~ ~~

~-~~~~~· ~~~~~~~· ~
~~~~~· ~~~~~~~· ~~~-~~~~~~~-~
~~~~· ~~~· ~ ~~~· ~~-~-~~ ~~
~~· ~~· ~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~
~~~~~~· ·
~~~~~~~~

~~
~~
~~~~~~· ·
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~
~-·

~~~ ~
·
·
·
·
~~~~· ~~~~~~~ -~

~~~· ~~~~~~~· ~~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~~ ~· ~~· ~~ ~· ~-~~~~~~~~
~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~ -

~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
~~~
-~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~
~~
~~~~~· ~~~~~~~~-~~-~~~~~~-~~-
~~-~-~~~~~~~~~~~-~~~~-
~~~~~
~~~~~~· ~~-~~~~-~~~~~~
· ~~~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~ -

~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~~
~~~~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~· ~~· ~· ~~~~~~ ~-~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~·
~
· ~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~~~
~ ~~~~~~~~~~· ~~~~~~· · · ~~~~~
~
· ~~~~· · ~~~~-~~~~

~~· ~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~
· ~· ~~~~~~~~~~·

· ~· ~~~~~~~~~~· ~~
~-~~· ~~~~~~~
~~~· · · ~~~· ~~
~~~~~~~~~~~ ~~· · · ~~~~~~~~

~~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~~~~
~~~· ~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~· ~
-~~~~~~~~~~~~~ ~~~~~· · · ~~~~~
~
~~~~~~· ~~-~~~~~~· · ~~~~-
~~~~· ~~~~~~~~~· · ~~~~~~ ~· ~~~
· ~~~~~· ~

~~~~~~~· ~~~~· ~~~-~~~~
~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~~~~
~· ~~~~~~~~
~~~~~~-~~ ~~~~· ~ ~~~~-~~~
~~~· ~~~~~~~

~~~~~~~~

~~
~~
~~~~~~· ~
~~~ ~~~~~~~~~~~~~
· ~-·
~

~~~~~~~· ~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~-~~~~-
~~~·
~~~~-~~~-~~~~· ~ ~~~-~~~~~-~~~~-~~~

~~

~

~~· ~~~~~~-~~-~~~~-~~~~~~~· ~
~

~~~~~
~~~~~~~~~-~
~

~· ~~· ~~~~~~

~~~~~~ ~~-~~~~-~~~~~~~
~
~· ~~~~~~~~~~~~~~-~~~~-~~~· ~~~
~~~~~· ~~-~~~~~~~~~-~~~
~
-~~~~-~~~~~~~~~~~~· ~· ~· ~~~~~ ~· ~~~~~
~~~~~~~~ ~-~~~~~-~~~
~
~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~ ~-~
~~~~· ~~~~
~

~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~~· ~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~
~~-~~~~~~~~~~~~· ~-~~~~~ ~~~~~
· ~~~~~~~· ~~~~· ~~-~~~~~
~~~~~· ~~~~~ ~~~~~~~~ ~~~~~
· ~~~~~~~~· ~~~~~ ~~~· · ~~~
~~ ~~~· ~~~~~~~-
~ ~~· ~~· ~· ~~~~~~ ~-~~~~~~~~~~~· ~~·
~~ -~~~~-· ~
~~· ~~~~~~~· ~~ ~
~

~· ~~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~· ~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~~~· ~~~· ~
~~-~~~~~· ~~~~· ~~-~~~ ~

~~ ~~~~~-~~~~· · ~~~~ ~
~~~
~~~~~~~~

~~

~~
~~~ · ~-~~-~~~~-
~~~~~~ ~~
~~
~~

· ~· ~~~~~ ~~
-~
~~~~~~~~· ~ ~~-~~~· ~
~~~
~~~· ~~~~
~~~~~~~·
~~~
~~~~ ~~· ~~~-
~~~~
~~ ~~~~
~
~· ~~~~~~~~·
~~~
· ~~~~~~
~~~~~~~· ~
~~ ~~· ~
~
~~~· ~
~· ~~~~~~~
~~· ~~~~ ~-~~ ~
-~~

·
· ~~~~~~
~~~-~~~· ~
· ~ ~~~ ~·

~~~~~· ~~·
· ~~~~~~~~~~ ~~~-~~
· ~~~~ ~~~ ~~
~
~ ~
~~~~ ~~·
~· ~~~~~~~~~
~~~~· ~~~~
-~~ ~~-~~ ·
· ~~~~~~ ~~
~~~ ~~~-~~~· ~~· ~ ~~

~~~~~· ~~·
· ~~~~~~~~~~
~~~-~~
· ~~~~ ~~~ ~~

~~~~~~· ~~ ~~~· ~~
~~~· ~ ·
· ~~~~~~~~~~~
~~~-~~
· ~~
~~
~ ~
~
~
~· ~~~~~~~~

· ~~~~~~ ~~-~~~· ~
~~~~~~~ ~~-~~~· ~~
~ ~
~· ~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~
~~~
· ~~~~~~~~
~~~ ~~-~~~· ~~
~
~~~~
~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~
~· ~~~~~~-~
~
· ~~~~~~~ ~~-~~~· ~
~~~~~~~~~~· ~~~~
~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~~~~~
·
~
· ~~~~~~~~
~~~~~~· ~~
~~~~ ~~~~~~~~· ~~~~~~~
~
~~~~~~~~~~~~~~~~~
~
~· ~~~~~~~~~
· ~~~~~~ ~~~-~~~· ~~ ~

~· ~~~~~~~~~~
~~~~~~~·
~~~~~~
· ~~~~~~~~~~~
~~~-~~
· ~~
~
~~~~~
~~~~~-~~~~~~· ~~-~
~~~~~-
~ ~· ~~~~~~~~-
· ~~~~~-~· ~· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~·
~~~~~~~· ~-~~~-~~~~
~· ~~~· ~~· ~~~~- ~~~~~~
· ~~~· ~~~~-~-~~~~ ~

· ~~~~~~~· ~~ ~· ~~~· ~~~~-~-
~~~~-~~~~~~· · ~~~~~
~~~~~~· ~~~- ~~~~~~~~~- ~ ~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~ ~~~~-~~~~-~·
~~~~~-~~~~~~~ ~

· ~~~~~~~~· · ~· ~-~~~~~· ~~~~~~

~~~~
~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~· ~~~· ~~~~
~~~~~-~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~-~
~~~~~
~~~~~~-~~~~~~~· ~~~~· ~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~
~~~ ~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~~~~· ~~· ~· ~~~~~ ~~~· ~~· ~~~· ~~
~~~~· ~-~~
~-~~~~· ~~~~~-~~-~~ ~
· · ~~~~~~~~~~~~ ~· ~~~· ~~~~~~~~~~

~~~-~~~~-~~~~~· ~~~~~~·
-~~~· · ~~~~~~· ~~~- ~~~~~~~~~-~~~~~-
~~· ~~~· ~~~~~~~~~· ~~~· · ~~~~~-~·
· ~~~~~~~~~~~~~~ ~~~~-~~~
~~~~~-~· ~~~~~~-~~~~~~~
~~~~~~
~~

~~

~~
~
~· ~· ~~~~~ ~~
-~·
~~~~~~~~· ~ ~~-~~~· ~ ~~~
~~~~~
· ~~~~-~~
~~~~~· ~~
~· ~~~~-·
~~· ~~
· ~~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~
~~~· ~~~~~~
~~~-~~~· ~

~~~~~·
· ~~~~~~~~ ~~~~~· ~~
~~~~~-~~

· ~~~· ~~~~~~

· ~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~· ~~~-~ ~~~~~~~
· ~~~~~~~~~
~ ~~
· ~~~~ ~~~~~-~~~~~~· ~~-~
~

~- ~~-~~~~~· ~
~

~~~~· ~~-~~~~~~~~~~~~-~~
~~· ~~~~~~~~~~· ~~~~~ ~~~~-~~~· ~
~

· ~ ~~~ ~·
~ ~ ~~~- ~~~ ~~~~~· ~~-~~~~~~~~
~~~~~-~~~~~~· · ~~~~~~~~
~~~~ ~~~-~~~· ~~~~ ~~~ ~~

~~

~- ~~-~~~~~ ~·
~

~-~~~~-~~~~~~
~ ~~~~· · · ~~~~~~~~~~~~~~· ~-~
~~~~~~~~-~~~· ~~~~~~ ~~~~
· ~~~~ ~~~~~ ~~~~~~ ~~~~
-~~~· ~~· ~~ ~~~-
~

~~~~· ~~~~~~-~~~· ~~· ~~ ~~~-~

~

~~~- ~~~ ~~~~· · · ~~~~~~-~
~~~· · ~~~~~~~
· ~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~~~~~~~ ~~~-~~~· ~

~~ ~~~ ~~
· ~~~~~~~~~~~ ~· ~~ ~~~~~~~· ~~~~
~~~· ~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~ ~~~-~~~· ~~

~

~· ~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~· ~
~~~~~
~~-~~~~~· ~~~~· ~~-~~~~~~

~~~~~-~~~~· · ~~~~· ~~~~~
~~~~ ~~~· ~~~~ ~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~ ~~~~ ~~
~· ~~~~~~~~~~~~· ~~
~

~· ~~~~~~~~~~~~~~· ~~~ ~~~
~~~~~ ~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~ ~~· ~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~
~~· ~~~~~~~
~~-~~~~~· ~~~~· ~~-~~~~~~

~~· · ~~~~~~· ~~~~~~~~ ~
~· ~~~~ ~~~~~~~~~~ ~~~~· ~
~~~~~~~~~~· ~~ ~~~~ ~~· ~~~
~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~~ ~~

~~ ~~
~

· ~~~~- ~ ~
~~· ~~· ~·
~

· ~~~~~~· ~~~~~~~~-~~~~~~
~ ~~~~· · · ~~~~~~~~~~~~· ~~· ~· ~-~~
~~~~~~~-~~~· ~~~~~~~~-~~~
~· ~~~~~~~~~-~~~· ~~~ ~~~~-~
~~~~~~~~~~~· ~~·
· ~~~~~~· ~~~~~-~~ ~
· ~~~~~~~~~· · · ~ ~~~~~· ~ ~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~
· ~~~~-~~~~· · · ~~~~~~~~~~~~~· ~~
~~~~~-~~~~· ~~~-~~~~~~~· · ~~~~~~~
~~~~-~~~· ~~ ~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~~~~~~~~~-~~~~~~·
~~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~~-~~· ~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~ ~~~~~~~-~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~ ~· ~~~~~~-~~~~ ~~~
~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~· · ~~~~-~~~~~~~~~~~~-~~~~
~· · ~~~~~~~~~~-~~~~~~· ~
· ~~~~-~~~~· · · ~ ~~~~~· ~ ~~~~~~~~-
~
~~· ~~ ~~~ ~~~ ~~~· · ~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~· ~~~-~~· · ~~~~~~-~~~
~~~~~~~~~ · ~~~~~~~~~~·
~~· ~~~~~~-~~~~~~~-~~· · · ~~~~~
~~· ~~~~· · ~· ~-~~~~~~

~· · · ~~~~
~· ~~~~~·
~· ~
~~ ~~~· ~~~-~~~~~ · ~~· · · ~~~~~~~ ~
~~~~· ~~~~~~~ ~·
~~~~~~~~· ~~~-~~· ~~-~~~~~~~· ~~~~
~~~~~~~~-~~~~~~~~~~
· ~~~~~· ~~~-~~~~· ~~~-~~~
~~· · ~~~~~~-~~~· ~~
· ~~~~~· ~~~· · ~~~~~~~~~~~~ ~~~~~-~
· ~
~ ~~~~~~~~~~~~~~~· · · ~~~~~~· ~~~~
~· ~~~~~-~~~~~~~~~· · ~~
~~~· ~~~-~~~~~~~~~~~~~~~~· · ~~~~~~
~~~~~~~~ ~~~~· ~~~~~~~~

~~~~~~~~-~~~· ~~~~~~· ~~~~~~~~
~~~~~-~~~~~~~~~~~~~~
~· ~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~· ~~~-~~-~~
~

~· ~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~· ~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~ ~~~
~~-~~~~~· ~~~~· ~~-~~~~~~
~ ~~ ~~~~~-~~~~· · ~~~~· ~~
~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~ ~~~~~~~ ~~~· ~~~~ ~~~
-~-~~~~~~~~~~~~ ~~~·
~~~~~~~-~~~· ~~
~~~~~~ ~~

~~ ~ ~~
~

~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~

~~~~~ ~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~
~~~· ~~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~
~ ~~~~~~-~~~~~~· ~~~~~
~~ ~~· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~~-~~~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~-~~~· ~~~~~~~~~~~
~~-~~~~~· ~~~~· ~~-~~~~~~

~~~~~-~~~~· · ~~~~· ~~~ ~~~~
· ~~~~ ~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~ ~~~~· ~~~~~~~~-~~~· ~~ ~~
~~~~~~~· ~~~~~ ~~~ ~~· ~~~~~
~~ ~~~~· ~~~~~~~~-~~~· ~~
~

~-~~~~-~~~~~~~~· ~~~~~~~· ~~
~~~~~~~~~~~· ~~~· ~~~~~· ~~· ~~
~~~~· ~~~~~~~· ~~~~~
~~~~-~· · ~-~~~~~~~-
· ~~~~~-~~~· ~~~~~~ ~~-~~~
~~~~~· · ~~~~~~~~~-~~~~~~~· ~~~-

~~~~~~~ ~ ~~~~~~ ~~~~~~~
~· ~~~~~~~~ ~
· ~~~~~-~~~· ~~~-~ ~~~· ~~~~ ~
-~~~~~~~· · ~~~~~~~~~-~
~~~~~· ~~~-~~~~~~~~ ~~~~~~~~
~· ~~~~~~~~
~-~~~-~~~~~ ~~-~· ~~~~
~-~~~~~~~
~

· ~~~~~~~~
~ ~-~~~ ~~~~~~~~~~~~-~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~~ ~~~· ~~~~~~
~~~~· ~~·
· ~~~· ~~~~~~~~· ~~~~~~~
~~~~~~~~~~
-~~-~~~~~· · ~~~~~~~~~~~~~~~~ ~ ~~

~~ ~~~· · ~~~~~· ~~~~~- ~
· ~-~~~~· · ~~~· ~~~~ ~~~· · ~~~~~~~~

~-~~ ~~· ~~~~ ~~~~~~~~
~~~~ ~~~~~~~~~~~~~~~~
~~-· ~~~~~~~~~~~~~~
~
· ~~~· ~~~~~~-~~~~~~ ~~-~~~~~~
~~· ~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~ ~~· ~-~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~· ·
~~~~~~
~~

~~
~~
~~ ~~· ~~~~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~~· ~~~~~~~ ~~~~
~· ~~~~~
~

~~~~~~~~· ~~~~~~~~~~~~~~~-~~~
~~~~~~~~~~~· ~
· ~~~~~~~~· ~~· ~~~~~~· ~~
~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~ ~~~~ ~~· ~~~~~~~~~-~· ~
~~
~~~~~~~~~~~~~~· ~~~~~~ ~~~
~~~~~~~~~~~~· · · ~~~~~~~~~~
~~~~~~~-~· ~~-~~~~~~~ ~~~~~ ~~
~~~~~~~-~· ~~~· ~~~~~~~~~~~~~
~~~
~
· ~~~~~~~~~~~~-~~~~· · · ~~-~~~· · · ~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~-~· ~~-~~~· · ~
· ~~~~ ~ ~~~~ ~~~~~· · · ~~-~~~~~~
~~· ~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~~
· · · ~~~~~~~~~~~~~~~~~~-~· ~~-~~~
~~~~~ ~ ~~~· ~~~~~~~~~~~
~~~~~~~
· ~~~~~~~~~~~~~~~~~· · · ~-~~~~· ~~~~
~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~· · · ~~~~~~~ ~· ~~~~~
~· ~~~~~ ~~~~~~~~~~~ ~~~~
~~~ ~~~· ~~· ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~· · · ~~~~~ ~~· ~~
~~~~--~~~~~~ ~
· ~~~~~~~~~~~· ~~~~~~~-~~~~~-~~~
-~·
·
~~· ~~-~~~~ ~~~~~-~~
~~~ ~
· -~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~· · · ~~~· ~· ~~~~~~~~~~~
~~ ~~~~~

~ ~~~~~~~~

~~~~~~
~

~~~~· ~~· ~
~~~ ~~ ~~~~~~

~~~~~~~

~~~~~~· ~ ~~~~~~~~~
~~-·

~~~~~~~~ ~~~~~~~~~~ ~ ~~~~~~~~
~ · ~· ~~~~· ~~~~ ~ ~~~~~~~~· ~~

~~~~~~~ ~~~~~~~~~~~~ ~~ ~~~· ~~~~~
~~~ ~~
~
~· ~ ~~~~~~
~~ ~~ ~~ ~ ~ ~ ~~ ~~ ~~~ ~~ ~~ ~~ ~~· ~~
~~~~~~~~~· ~~~~~· ~~~~~~-~~
~· ~~~~~
~~~~~~~~~~· ~~~~~~·
~-~~~~~~~~~~~~~~~ ~~
~ ~~~~~~~· ~~~~ ~ ~~ ~~~
~~~~ ~~~~~~~~~
~~~ ~~~~
~· ~~ -
~~ ~ ~~~~~~~~
~~~~~~ ~~

~~
~~
~~~~~~ ~~

~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~·

~~ ~~~~~ ~~ ~
~~~ ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~ ~~
~ ~~ ~ ~ ~
~~~· ~ ~~
~

~

~~~· ~ ~~ ~ ~ ~· ~~~ ~ ~ ~· ~~~
~ ~~ · ~
~~
~

~~~~· ~~~~~~-~~
~~~-~~~· ~ ~ ~ · ~ ~· ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~

~· ~~~
~~~
~~ ~ ~ ~~~~· · ~~~~-~ ~· ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~
~

~~~
~~~~· ~ ~ ~~· · ~ ~· ~ ~ ~· ~~~~~ ~· ~~~
· ~~

· ~~-~· ~~~· ~~~~~~
~~~~· ~
~
~~· ~~ ~ ~ ~ · ~~~ ~ ~ ~ · ~~~
· ~

~· ~ ~ ~~~· ~~~~
~~· · ~ ~ ~ ~ ~~· ~
~
~
~~· ~~
~ ~ ~~· ~
~~·

~~~· ~~~~~~~-~~~~~~~·
~~ ~~ ~ ~~~· ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~
~~~· ~

~~~~· ~~~· ~ ~~· ~~~~-~
~~· · ~ ~~~~~~~~· ~
~ ~
~ · ~
~
~ ~ · ~ ~
~~

· · ~~~~~~~·
· ~~~~ ~ ~ ~~~ ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~
~

~· ~~~~~~-· ~~~· ~ ~~~~
~~· ~~~~- ~ ~
~~ ~
~
~· ~ ~ ~ ~· ~
~

· ~~· ~· ~~~~~
~~ ~~~ ~~~ ~~~ ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~~
~-~

~-~~~~
~~~ ~~
~
~~~~~~ ~~~ · ~ ~ ~· ~ ~ ~ ~· ~
~

· ~~~~
~~~~ ~ ~ ~~
~~~-~~~~~~~· ~
~
~· ~ ~ ~ ~· ~

~~~· ~~~~~~~-~~~~~ ~·
· ~~~ ~~~ ~ ~·
~
~ ~· ~ ~
~
~ ~· ~
~~
~~· ~~~~

~~~· ~~~~~--~~ ~~· ~~-~~~~~~
~~~~· ~

~~~~~~~~~~~
~~ ~~~~~ ~

~~· ~~-~ ~ ~~~~~~~~· ~~~~-~~~~
~~~ ~~~
~~~~~~ ~~

~~

~~

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 10208-2 (edizione giugno 1996 + errata corrige AC : 1996), che assume così lo status di norma nazionale italiana . La traduzione è stata curata dall'UNI . L'UNSIDER (Ente Italiano di Unificazione Siderurgica - viale Sarca 336, 20126 Milano), ente federato all'UNI, che segue i lavori europei sull'argomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha approvato il progetto europeo il 14 dicembre 1995 e la versione in lingua italiana della norma il 18 dicembre 1996 . Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e le norme italiane vigenti : CR 10260 EN 473 EN 10002-1 EN 10003-1 EN 10020 EN 10021 EN 10027-1 EN 10027-2 EN 10045-1 EN 10052 EN 10079 EN 10109-1 EN 10204 EN 10233 EN 10246-7 EN ISO 9001 EN ISO 9002 ENV 10220 EURONORM 168 UNI 10440 UNI EN 473 UNI EN 10002-1 UNI EN 10003-1 UNI EN 10020 UNI EN 10021 UNI EN 10027-1 UNI EN 10027-2 UNI EN 10045-1 UNI EN 10052 UNI EN 10079 UNI EN 10109-1 UNI EN 10204 UNI EN 10233 UNI EN 10246-7 UNI EN ISO 9001 UNI EN lSO 9002 UNI ENV 10220 UNI EU 168

• • • • • • • • • • •

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti . È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dell'ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti . Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato dell'arte della materia ed il necessario grado di consenso . Chiunque ritenesse, a seguito dell'applicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell'arte in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all'UNI, Ente Nazionale italiano di Unificazione, che li terrà in considerazione, per l'eventuale revisione della norma stessa .

UNI EN 10208-2 :1998

Pagina li di VI

INDICE PREMESSA INTRODUZIONE i 2 3 3.1 3 .2 3 .3 3 .4 3 .5 3 .6 4
prospetto i 5

2 3 3 4

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI DEFINIZIONI Generalità Tipi di tubi e di saldature Stato di trattamento Imperfezioni e difetti Accordo Simboli a margine CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE Classificazione e designazione degli acciai DATI DA FORNIRE DA PARTE DEL COMMITTENTE Dati obbligatori Altri dati Esempio di ordine

6 6 7 7 . 7 7 8 8 8 8 9 10

5 .1 5.2 5.3 6 6.1 6 .2 6 .3 6 .4
prospetto 6 .5 6 .6 6 .7 7 7 .1 7 .2 prospetto prospetto

FABBRICAZIONE 10 Generalità 10 Produzione dell'acciaio 11 Fabbricazione dei tubi 11 Stato di trattamento termico 11 Tipi di tubo e processi di fabbricazione (materiale di partenza, formatura del tubo e stati di trattamento termico) 12 Calibratura 12 Saldature di giunzione delle estremità dei nastri 13 Tubi giuntati 13 PRESCRIZIONI Generalità Composizione chimica
3 4

7 .3
prospetto prospetto

13 13 13 Composizione chimica all'analisi di colata per spessori <_ 25 mm 14 Scostamenti ammissibili per l'analisi di prodotto rispetto ai limiti prescritti di composizione chimica indicati nel prospetto 3 15 Caratteristiche meccaniche e tecnologiche 15 Prescrizioni riguardanti i risultati della prova di trazione e di piegamento per spessori 5 25 mm, e per la prova idrostatica Prescrizioni riguardanti i risultati della prova di resilienza Charpy con intaglio a V, con un fattore di sicurezza di 1,6, e per la prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) a 0 °C Prescrizioni riguardanti i risultati della prova di resilienza Charpy con intaglio a V, con un fattore di sicurezza di 1,4, e per la prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) a 0 °C Saldabilità Stato superficiale, imperfezioni e difetti Dimensioni, masse e tolleranze
Dimensioni

5 6

16

17

prospetto

7

7 .4 7 .5 7.6
7 .6 .1

18 19 19 20 20

UNI EN 10208-2 :1998

Pagina III di VI

6 .5 11 Prescrizioni relative ai gruppi di lunghezze casuali 23 23 Finitura delle estremità dei tubi 23 i Tolleranza di perpendicolarità (fuori squadro) 12 Angolo massimo dello smusso interno per i tubi senza saldatura 24 Tolleranze relative al cordone di saldatura 24 Possibili scostamenti dimensionali relativi ai cordoni di saldatura 24 Dislivello radiale massimo dei tubi SAW e COW 25 Profondità massima di scanalatura dei tubi saldati ad alta frequenza (HFW) 25 Altezza massima dei cordoni di saldatura dei tubi SAW e COW 25 Disallineamento massimo dei cordoni di saldatura dei tubi SAW e COW 26 Tolleranze di massa 26 CONTROLLO Tipo di controllo e documenti di controllo Controllo e prove specifici Tipo e frequenza delle prove 26 26 27 27 28 31 figura prospetto prospetto prospetto prospetto 7.3 .2.3 .4 8 .2 .4 9 9 .2 10 APPENDICE (informativa) Posizione del saggio e spiegazione dei simboli utilizzati nel prospetto 18 per specificare l'orientamento e la posizione della provetta 32 Prova di schiacciamento .2.6 8 8.3 .3 8 .2 8 .8 8 .2 .3 .6 .2 .Prelievo dei saggi e prova (schema) 32 Numero.6 . direzione e posizione delle provette da prelevare da ciascun saggio per le prove meccaniche : 33 Posizione e larghezza delle provette per la prova di resilienza 34 Provetta per la prova di piegamento Metodi di prova Analisi chimica (analisi di prodotto) Prova di trazione Prova di resilienza Prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) Prova di piegamento Prova di schiacciamento Esame macrografico e metallografico Prova idrostatica Esame visivo Controllo dimensionale Pesatura Prove non distruttive Riprove.2 8.2 .1 prospetto 8.6.3 8.2 .12 8 .3 .9 8 . compresa la cornice stessa) Tolleranze relative al tubo Tolleranze sul diametro e ovalizzazione Tolleranze sullo spessore 20 21 21 22 22 9 1o figura prospetto 7.3 .2 .7 8 .1 8 .2 .10 8 .1 8.6 8 .2 .2 prospetto 7 . selezione e rilavorazione MARCATURA DEI TUBI Marcatura generale Marcatura speciale RIVESTIMENTO PROTETTIVO TEMPORANEO 35 35 35 35 35 36 36 36 37 37 38 38 39 39 39 39 39 40 40 41 4 18 5 6 A CORRISPONDENZA CON I GRADI DI ACCIAI API UNI EN 10208-2:1998 Pagina IV di VI .5 8 .3 .3.2 .2 .2 .2 . 7.3 prospetto prospetto prospetto 7 .3 .3 .4 8 Masse Diametri esterni e spessori preferenziali (indicati nella zona del prospetto incomiciata.3 .3 .2 2 13 14 15 16 17 3 Consuntivo delle prove e delle prescrizioni Prelievo e preparazione dei saggi e delle provette figura figura prospetto figura figura 8 .2 .11 8.2 .1 9 .6 .

classe di qualità di immagine R1. iativa) APPENDICE (normativa) APPENDICE (normativa) prospetto prospetto B QUALIFICAZIONE DEL PROCESSO DI FABBRICAZIONE 42 C TRATTAMENTO DELLE IMPERFEZIONI E DEI DIFETTI RIVELATI DALL'ESAME VISIVO PROVE NON DISTRUTTIVE 44 45 D D . in conformità al prEN 10246-10 51 52 APPENDICE (informativa) E BIBLIOGRAFIA UNI EN 10208-2:1998 Pagina V di VI .1 D. APPENDICE (nor.2 Consuntivo delle prove non distruttive 46 Prescrizioni di sensibilità per il controllo radiografico.

UNI EN 10208-2 :1998 Pagina VI di VI .

composizione chimica. Italia. marcatura 23 .10 ics La presente norma europea è stata approvata dal CEN il 23 febbraio 1996. hanno il medesimo status delle versioni ufficiali . condotta in pressione. Francia. I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CENICENELEC che definiscono le modalità secondo le quali deve essere attribuito lo status di norma nazionale alla norma europea. senza apportarvi modifiche . condotta per fluidi. Portogallo. Grecia. dimensione. CEN COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE European Committee for Standardization Comité Européen de Normalisation Europàisches Komitee fúr Normung Segreteria Centrale : rue de Stassart. prova. Traduzioni nella lingua nazionale. Svezia e Svizzera. Regno Unito. accettazione. Spagna. fornitura. Lussemburgo.Rohre der Anforderungsklasse B EUROPÀISCHE NORM DESCRF TORI Tubo di acciaio.040.Tubi della classe di prescrizione B EN 10208-2 GIUGNO 1996 EUROPEAN STANDARD Steel pipes for pipelines for combustible fluids Technical delivery conditions . Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai membri del CEN . 36 . Finlandia. UNI EN 10208-2:1998 Pagina 1 di 54 . Islanda. Norvegia. I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria.B-1050 Bruxelles ©CEN 1996 I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN . Belgio. classificazione. fatte sotto la propria responsabilità da membri del CEN e notificate alla Segreteria Centrale. combustibile. francese e tedesca). caratteristica meccanica. Irlanda. Le norme europee sono emanate in tre versioni ufficiali (inglese.Pipes of requirement class B Tubes en acier pour conduites de fluides combustibles NORME EUROPÉENNE Conditions tec hniques de livraison . designazione. tolleranza dimensionale. Paesi Bassi.Tubes de la classe de prescription B Stahlrohre fúr Rohrleitungen fúr brennbare Medien Technische Lieferbedingungen . NORMA EUROPEA Tubi di acciaio per condotte di fluidi combustibili Condizioni tecniche di fornitura . Danimarca. Germania. fabbricazione.

l'utilizzazione dello spessore prescritto) . Portogallo. Belgio. Regno Unito. o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione. la base per il calcolo della pressione di prova idrostatica (spessore minimo . Germania. Islanda. Norvegia. per quanto concerne la struttura ed il contenuto dei documenti di controllo. In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC. Irlanda. Francia. gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea : Austria. mediante accordo. Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale. Paesi Bassi. la presente norma europea utilizza le designazioni numeriche degli acciai in conformità alla EN 10027-2 (vedere prospetto 1) . UNI EN 10208-2:1998 Pagina 2 di 54 . Spagna. la cui segreteria è affidata all'UNI . i numeri di codice ed i termini unificati di cui all'EURONORM 168 . PREMESSA La presente norma europea è stata elaborata dal Comitato Tecnico ECISSITC 29 "Tubi di acciaio e loro raccordi". Svezia e Svizzera . Italia. la 1SO 3183-2 prevede. Finlandia. Grecia. entro dicembre 1996. Lussemburgo. Danimarca. e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro dicembre 1996 . Le differenze tra la EN 10208-2 e la ISO 3183-2 [1] si limitano principalmente ai seguenti punti : i riferimenti normativi (vedere 2) . la presente norma europea utilizza.

2. La scelta della classe di prescrizione dipende da vari fattori . Tali requisiti più marcati corrispondono alla classe di prescrizioni B e sono considerati nella presente parte 2 della EN 10208 . Tali prescrizioni rientrano nella classe di prescrizioni C e sono considerate nella EN 10208-3 . La EN 10208-2 si applica ai tubi che vengono normalmente utilizzati per il trasporto di fluidi combustibili . nelle condotte per il trasporto di gas naturale povero e secco. Le prescrizioni di resilienza Charpy per la presente parte 2 della EN 10208 sono state derivate da valori sperimentati allo scopo di evitare propagazione di frattura duttile. nei calcoli di progettazione. in conformità alle raccomandazioni dello European Pipeline Research Group (EPRG) [3]. In terzo luogo vi sono delle utilizzazioni comportanti esigenze particolarmente elevate. un fattore di efficienza della saldatura pari a 1. Nota 1 . che hanno comportato per gli utilizzatori prescrizioni tra loro contrastanti. Per i tubi della classe di prescrizione B può essere utilizzato. Essa comporta prescrizioni qualitative e di prova più severe di quelle stabilite nella EN 10208-1 . II comitato ha anzitutto riconosciuto l'esigenza di prevedere un livello qualitativo di base simile in larga misura a quello specificato nella parte principale della ANSI/API 5L [2] . le regole di progettazione e le eventuali prescrizioni legislative dovrebbero tutte essere prese in considerazione . di dimensioni e di restrizioni tecniche. per le quali vengono imposte prescrizioni assai severe riguardanti la qualità e le prove . Rientra nella responsabilità del progettista di decidere se le sopracitate prescrizioni di resilienza possano essere sufficienti per le condizioni di utilizzazione previste . In taluni campi di impiego l'assenza di una norma europea unica sulla progettazione delle condotte ha avuto come conseguenza l'emissione di regolamenti nazionali differenti. Nota La presente norma europea comprende un'ampia gamma di tipi di prodotto. Questa tendenza è comune. le condizioni di esercizio.3. INTRODUZIONE Nel corso dell'elaborazione della presente norma europea il comitato competente è stato unanime nel tendere ad evitare di specificare la qualità dei tubi per condotte da utilizzare per una particolare applicazione . onde soddisfare le varie regole di progettazione nazionali . La pressione massima di esercizio ammissibile è indicata nelle corrispondenti regole di progettazione .0. rendendo così difficile l'armonizzazione tecnica. Detto livello qualitativo viene designato quale classe di prescrizione A ed è considerato nella EN 10208-1 . Le sopracitate modifiche dovrebbero essere specificate all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine (vedere 5 e la nota in 8.3. per le tubazioni per trasporto di fluidi .1) . per esempio. per esempio per quanto concerne la tenacità e le prove non distruttive . UNI EN 10208-2:1998 Pagina 3 di 54 . Rientra in definitiva nella responsabilità dell'utilizzatore lo scegliere la classe di prescrizione appropriata per le condizioni di utilizzazione previste . In secondo luogo diversi committenti impongono prescrizioni aggiuntive rispetto alla norma di base. La presente norma non fornisce pertanto direttive dettagliate . Il comitato ha tuttavia riconosciuto che esistono diversi livelli qualitativi in senso lato che vengono utilizzati usualmente ed ha previsto delle differenziazioni tra i detti livelli qualitativi . La presente norma europea deve tuttavia costituire il documento base di riferimento . Per esempio i gas ricchi o le miscele di fluidi a due fasi possono richiedere delle caratteristiche più elevate . in relazione alle condizioni specificate per quanto concerne la fabbricazione dei tubi e le prove delle saldature . Le caratteristiche dei fluido da trasportare. Può conseguentemente risultare necessario modificare determinate prescrizioni della presente norma europea. i SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente norma europea EN 10208-2 stabilisce le condizioni tecniche di fornitura per i tubi senza saldatura e saldati di acciaio non legato e legato (ad eccezione di quelli di acciaio inossidabile) .1 La presente norma europea non si applica ai tubi di acciaio in getti.

Tipi di documenti di controllo Materiali metallici . sviluppo. 2 RIFERIMENTI NORMATIVI La presente norma europea rimanda. Le prescrizioni della presente norma europea prevalgono quando differiscono da quelle figuranti nelle norme e nei documenti di seguito citati .Designazione numerica Materiali metallici . 45N.Condizioni técniche di fornitura .Modello per l'assicurazione della qualità nella fabbricazione.Sistemi di designazione degli acciai . all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine. Per quanto riguarda i riferimenti datati. UNI EN 10208-21998 Pagina 4 di 54 . CR 10260 Circolare di informazione ECISS N° 10 . simboli principali Sistemi di designazione degli acciai . 30N. B. C. 15T. Le altre parti della presente norma europea sono le seguenti : EN 10208-1 EN 10208-3 Tubi di acciaio per condotte di fluidi combustibili . installazione ed assistenza (ISO 9001 :1994) Sistemi qualità .Prova di trazione .Prova di schiacciamento Sistemi qualità . E.Metodo di prova Definizione e classificazione dei tipi di acciaio Condizioni tecniche generali di fornitura per l'acciaio ed i prodotti siderurgici Sistemi di designazione degli acciai .Condizioni tecniche di fornitura .Tubi della classe di prescrizione C 1 .Contenuti EN 10204 EN 10233 EN ISO 9001 EN ISO 9002 ENV 10220 EURONORM 168 1) 1) Fino al momento in cui questa EURONORM sarà trasformata in una norma europea si può utilizzarla oppure deve essere concordato.Prova di durezza .Metodo di prova Vocabolario del trattamento termico dei prodotti ferrosi Definizione dei prodotti di acciaio Materiali metallici . installazione ed assistenza (ISO 9002 :1994) Tubi lisci di acciaio.Prova di durezza Brinell . Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento . K) e prova Rockwell superficiale (scale 15N.Designazione alfanumerica. di fare riferimento alla norma nazionale corrispondente . a disposizioni contenute in altre pubblicazioni .Tubi della classe di prescrizione A Tubi di acciaio per condotte di fluidi combustibili . F. H. G.Metodo di prova (a temperatura ambiente) Materiali metallici . mediante riferimenti datati e non. saldati e senza saldatura .Simboli addizionali per la designazione alfanumerica (Rapporto CEN) EN 473 EN 10002-1 EN 10003-1 EN 10020 EN 10021 EN 10027-1 EN 10027-2 EN 10045-1 EN 10052 EN 10079 EN 10109-1 Qualifica e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive .Prova di resilienza su provetta Charpy . successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente norma europea come aggiornamento o revisione .Prova Rockwell (scale A. D. 30T e 45T) Prodotti metallici .Principi generali Materiali metallici . fabbricazione. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati dei testo e vengono di seguito elencati .Dimensioni e masse lineiche Prodotti siderurgici .Tubi .Documenti di controllo .Modello per l'assicurazione della qualità nella progettazione.2 In aggiunta alle prescrizioni della presente norma europea si applicano le condizioni tecniche generali di fornitura specificate nella EN 10021 .

Indicazioni per la lavorazione. all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine. di fare riferimento alla norma nazionale corrispondente .Principi ed identificazione Acciaio . senza saldatura e saldati (escluso all'arco sommerso) Prove non distruttive dei tubi di acciaio . In corso di preparazione . (Nota nazionale .Prova di piegamento Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni laminari su tutta la circonferenza di tubi di acciaio senza saldatura e saldati (esclusi all'arco sommerso) Prove non distruttive dei tubi di acciaio . senza saldatura e saldati (escluso all'arco sommerso) prEN 10246-53I prEN 10246-73I prEN 10246-83I Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Controllo automatico mediante flusso disperso e sonde magnetiche per la ricerca di imperfezioni longitudinali su tutta la circonferenza di tubi di acciaio ferromagnetico.Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni laminari delle lamiere e dei nastri utilizzati nella fabbricazione di tubi di acciaio saldati Prove non distruttive dei tubi di acciaio . Pagina 5 di 54 UNI EN 10208-2 :1998 . pubblicata dai membri del CEN .li prEN 10246-7 è stato pubblicato come norma europea nel 1996) .Prova di rottura mediante caduta di massa Acciaio e prodotti di acciaio .Controllo automatico mediante correnti indotte per la rilevazione di imperfezioni di tubi di acciaio.Acciai non legati e debolmente legati Acciaio e ghisa .Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni longitudinali su tutta la circonferenza di tubi di acciaio.Campionamento e preparazione dei campioni per la determinazione della composizione chimica Prove distruttive sulle saldature di materiali metallici .Controllo con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni laminari delle estremità del tubo di acciaio senza saldatura e saldati Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni laminari delle zone adiacenti al cordone di saldatura di tubi di acciaio saldati Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Prelievo e preparazione dei saggi e delle provette per prove meccaniche prEN 10246-9 3 I prEN 10246-10 3) prEN 10246-143) prEN 10246-15 31 prEN 10246-16 3) prEN 10246-17 3) prEN 102563) prEN 10274 prEN ISO 3773) 2) 3) Circolare di informazione dello European Committee for Iron and Steel Standardization (ECISS). IC 2 2) ISO 1027 ISO 2566-1 ISO/DIS 142843) prEN 910 3) prEN 10246-33) Acciai da costruzione a grano fine idonei alla saldatura .Controllo radiografico per la ricerca di imperfezioni del cordone di saldatura di tubi di acciaio saldati ad arco sommerso Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Qualificazione e competenza del personale per le prove non distruttive di livello 1 e di livello 2 Materiali metallici .Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni longitudinali del cordone di saldatura di tubi di acciaio saldati a resistenza elettrica e ad induzione Prove non distruttive dei tubi di acciaio . e in particolare per la saldatura Indicatori di qualità di immagine radiografica per le prove non distruttive .Controllo automatico con ultrasuoni per la ricerca di imperfezioni longitudinali e%o trasversali del cordone di saldatura di tubi di acciaio saldati ad arco sommerso Prove non distruttive dei tubi di acciaio . fino al momento in cui questo documento sarà pubblicato come norma europea dovrebbe essere concordato. senza saldatura e saldati (escluso all'arco sommerso) Prove non distruttive dei tubi di acciaio .Conversione dei valori di allungamento .

Nota 3.21998 Pagina 6 di 54 . Il tubo. l'intero tubo .6 3. nella EN 10052. viene fabbricato mediante il procedimento automatico di saldatura ad arco sommerso (vedere però anche 6.2. l'intero tubo. per quanto concerne la classificazione degli acciai . seguito dal procedimento automatico di saldatura ad arco sommerso con almeno una passata all'interno ed almeno una passata all'esterno del tubo . corpo del tubo : Per i tubi saldati.4 3 . viene fabbricato mediante una combinazione del procedimento di saldatura ad arco con elettrodo metallico in atmosfera di gas e del procedimento di saldatura ad arco sommerso .2 . per quanto concerne il trattameoti termico . senza aggiunta di metallo d'apporto . che presenta una saldatura longitudinale (COWL) od elicoidale (COWH). La saldatura longitudinale viene ottenuta mediante corrente ad alta frequenza applicata per induzione o per conduzione .2 . nella EN 10021 e nella EN 10204. escludendo la(le) saldatura(e) e la(le) zona(e) termicamente alternata(e) . con aggiunta di metallo d'apporto . che presenta una saldatura longitudinale (SAWL) od elicoidale (SAWH). tubo giuntato : Due spezzoni di tubo uniti tra di loro mediante una saldatura circonferenziale . Vengono eseguite almeno una passata all'interno ed almeno una passata all'esterno del tubo .2 .3 tubo saldato ad arco sommerso (SAW) : Il prodotto tubolare viene fabbricato mediante formatura a partire da nastro o da lamiera e saldatura dei relativi bordi che vengono a trovarsi adiacenti.2 Nell'ambito della presente norma europea si intende per alta frequenza una frequenza di almeno 100 kHz 3. tubo saldato mediante combinazione del procedimento di saldatura ad arco con elettrodo metallico in atmosfera di gas e del procedimento di saldatura ad arco sommerso (COW): Il prodotto tubolare viene fabbricato mediante formatura a partire da nastro o da lamiera e saldatura dei relativi bordi che vengono a trovarsi adiacenti. tubo saldato ad alta frequenza (HFW) : Il prodotto tubolare viene fabbricato mediante formatura a partire da nastro e saldatura dei relativi bordi che vengono a trovarsi adiacenti. È consentita una saldatura di puntatura intermittente o continua ad una sola passata. saldatura di giunzione delle estremità dei nastri : Una saldatura che unisce tra di loro le estremità di nastri .2 3.5 3.1 DEFINIZIONI Generalità Ai fini della presente norma europea si applicano le definizioni da 3 . Il tubo.2 . per quanto concerne i procedimenti di prelievo dei saggi.5) o da una finitura a freddo (vedere 3.4). con aggiunta di metallo d'apporto .1 3.3. 3 3.2 a 3 .2 .4 quando risultano aggiuntive o differenti rispetto a quelle riportate : nella EN 10020. II procedimento di saldatura ad arco con elettrodo metallico in atmosfera di gas è continuo e viene eseguito per primo. Tipi di tubi e di saldature tubo senza saldatura (S) : Il prodotto tubolare viene fabbricato mediante un processo di formatura a caldo che può essere seguito da una calibratura (vedere 6 . nella EN 10079.2 . eseguita con il procedimento di saldatura ad arco in gas protettivo con filo elettrodo fusibile . per ottenere le dimensioni desiderate .3). il controllo ed i documenti di controllo . per i tubi senza saldatura. nel prEN ISO 377. 3. per quanto concerne le definizioni dei prodotti di acciaio .7 UNI EN 10208 .

una o più volte. trattamento termomeccanico di laminazione : Un processo di formatura nel corso del quale la deformazione finale viene effettuata entro una determinata gamma di temperature in grado di sviluppare uno stato del materiale comportante determinate caratteristiche che non possono essere ottenute o ripetute mediante un solo trattamento termico .2 3. 3. il che la differenzia dalle operazioni di calibratura di 6. Si suppone che i difetti influenzino negativamente o limitino l'impiego previsto del prodotto . Pagina 7 di 54 UNI EN 10208-2:1998 . 3.4 3. Le imperfezioni aventi dimensioni e/o densità di popolazione che risultino entro i criteri di accettazione definiti nella presente norma europea sono considerate come non aventi implicazioni pratiche sull'impiego previsto del prodotto . senza apporto di calore . 3. con o senza rinvenimento.6 Simboli a margine I seguenti simboli sono riportati a margine delle pagine o dei prospetti per indicare le opzioni inerenti alle condizioni di fornitura : M Accordo obbligatorio [vedere 5 . o un mantenimento alla detta temperatura.5%. in modo che i valori specificati delle caratteristiche meccaniche restino in essere anche dopo un'ulteriore normalizzazione . O Accordo facoltativo [vedere 5 .3. U Lasciato a discrezione del fabbricante se non altrimenti concordato [vedere 5 .5 Accordo Se non altrimenti precisato. in condizioni tali che l'austenite si trasforma più o meno completamente in martensite ed eventualmente in bainite . rilevabili con i metodi descritti nella presente norma europea .1 Stato di trattamento laminazione di normalizzazione: Un processo di formatura nel corso del quale la deformazione finale viene effettuata entro una determinata gamma di temperature in grado di sviluppare nel materiale uno stato equivalente a quello ottenuto dopo normalizzazione. La designazione convenzionale di questo stato di fornitura è N .2 Nota i Nota 2 In conseguenza dei più bassi valori di tenore di carbonio e di carbonio equivalente il materiale nello stato di fornitura M presenta delle caratteristiche di saldabilità migliorate.5 . formatura a freddo e finitura a freddo : Nel presente contesto la formatura a freddo è un processo mediante il quale un prodotto piano viene deformato fino ad ottenere un tubo. comprendendo il rinvenimento spontaneo ma escludendo in ogni caso la tempra diretta e la bonifica. La designazione convenzionale di questo stato di fornitura è Q.2 b)] . 3.2 a)] .3 . La finitura a freddo è un'operazione di lavorazione a freddo (di solito una trafilatura) comportante una deformazione permanente maggiore dell'1.3.1 Imperfezioni e difetti Le imperfezioni sono irregolarità nella parete o sulle superfici del tubo. bonifica : Trattamento termico consistente in un indurimento mediante tempra seguito da un rinvenimento .3.3 3. L'indurimento mediante tempra comporta un'austenitizzazione seguita da raffreddamento. Un successivo riscaldo a temperatura maggiore di 580 °C può diminuire i valori resistenziali . I difetti sono imperfezioni aventi dimensioni elo densità di popolazione che risultano più elevate rispetto ai criteri di accettazione definiti nella presente norma europea . in modo tale che la struttura risulti modificata e vengano ottenute le caratteristiche specificate .3 3 . l'espressione "mediante accordo" significa "a seguito di accordo tra il fabbricante ed il committente all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine" .4 3 .2 c)] .4.4. La designazione convenzionale di questo stato di fornitura è M . 3. Il rinvenimento comporta un riscaldo ad una temperatura specifica (< Acl ). Il trattamento termomeccanico di laminazione che dà luogo allo stato di fornitura M può comportare dei procedimenti di raffreddamento a velocità accelerata. seguito da un raffreddamento ad una velocità di raffreddamento appropriata.

2 Un confronto tra le designazioni alfanumeriche di base e quelle stabilite nella ANSI/API 5L (2J.8977 1. prospetto i Classificazione e designazione degli acciai Stato di trattamento termico Classificazione degli acciai Designazione alfanumerica secondo EN 10020 L245NB L290NB L360NB L415NB L360QB L415QB L450QB L485QB L555QB L245MB L290MB L360MB L415MB L450MB L485MB L555MB Designazione numerica 1. 7) gruppo di lunghezze correnti o. sulla base dei valori minimi di carico unitario di snervamento. Designazione Gli acciai specificati nella presente norma europea vengono designati mediante designazioni alfanumeriche e designazioni numeriche .8978 Normalizzato o sottoposto a Acciai non legati di qualità laminazione di normalizzazione Acciaio legato speciale Bonificato Acciai legati speciali Acciai non legati di qualità Sottoposto a trattamento termomeccanico di laminazione Acciai legati speciali 5 5.8952 1 . almeno i seguenti dati : 1) quantitativo ordinato (per esempio massa totale in tonnellate oppure lunghezza complessiva dei tubi) . 2) forma di prodotto (e cioè tubo) . 4) numero della parte della presente norma europea .6.0582 1.8975 1 .0578 1 .3 e prospetto 11) . è riportato nell'appendice A .8947 1 .1 .2). nella richiesta d'offerta e nell'ordine.0484 1. il relativo valore in millimetri (vedere 7 .0418 1 .4 4. Nota 4. alla EN 10027-2 ed al CR 10260 (Circolare d'Informazione ECISS N° 10) sono riportate nel prospetto 1 . Le rispettive designazioni in conformità alla EN 10027-1.8957 1 . 5) designazione alfanumerica o numerica dell'acciaio (vedere prospetto 1) .8948 1 .8973 1 . 6) diametro esterno del tubo e spessore in millimetri (vedere 7.0457 1.8972 1 .1 CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE Classificazione Gli acciai specificati nella presente norma europea sono acciai non legati di qualità oppure acciai legati speciali .3 . 3) tipo di tubo (vedere prospetto 2.1 DATI DA FORNIRE DA PARTE DEL COMMITTENTE Dati obbligatori Il committente deve indicare. La loro classificazione in conformità alla EN 10020 è indicata nel prospetto 1 .0429 1 . colonna 1). UNI EN 10208-2:1998 Pagina 8 di 54 .6.8955 1 . qualora venga richiesta una lunghezza fissa.

UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 9 di 54 . 3) fabbricazione dei tubi SAWL con due saldature (vedere 6 . 6) organismo che deve rilasciare il documento dì controllo 3 .10 . c) Accordo facoltativo : opzione che può essere concordata (indicata a margine con la lettera O) 1) approvazione del sistema qualità o controllo del processo produttivo (vedere 6 .4 . nota 2) . 14) orientamento della provetta (vedere prospetto 18.6 . 4) accettabilità di saldature di giunzione delle estremità dei nastri nei tubi SAWH e COWH (vedere 6 .1) . 5) tolleranze sul diametro per i tubi aventi diametro esterno > 1 430 mm (vedere prospetto 9. 4) tolleranze sul diametro per i tubi senza saldatura aventi spessore > 25 mm (vedere prospetto 9.2 . b) Opzione lasciata a discrezione del fabbricante se non altrimenti concordato (indicata a margine con la lettera U) 1) metodo di verifica delle prescrizioni dimensionali e geometriche (vedere 8 . nota 4) . 5) tenore di molibdeno (vedere prospetto 3.4) .1 .2 Altri dati La presente norma europea prevede per il committente e per il fabbricante la possibilità di concordare dei dati addizionali (vedere nota 1 di 7 . 8) dati di saldabilità o prove di saldatura (vedere 7 . nota 2) .2) . nota 2) .2) .2) . 5 . 15) utilizzazione di provette cilindriche (vedere 8 .6 . nota 4). 9) applicazione delle tolleranze sul diametro al diametro interno (vedere prospetto 9.2 . 3) controllo radiografico per la rilevazione di imperfezioni longitudinali [vedere D . nota 4) .2 (vedere 8 .3 . 12) disallineamento delle saldature di giunzione delle estremità dei nastri (vedere prospetto 13.3) .1 .2) .2) .2 . oppure di concordare altre condizioni in aggiunta alle condizioni di fornitura normalmente applicabili.1) . 9) tipo di documento di controllo (vedere 8.5 .2 . in conformità a quanto di seguito indicato in a). nota 2) .3). nota 1) . a) Accordo obbligatorio : opzione che deve essere concordata ove applicabile (indicata a margine con la lettera M) 1) composizione chimica dei tubi aventi spessore > 25 mm (vedere prospetto 3.1 ed appendice B) . L'esigenza di dati addizionali oppure le opzioni richieste devono essere chiaramente indicate in fase di richiesta d'offerta e specificate nell'ordine e nella conferma d'ordine . nota 3) .1 .2 . 6) minor valore di carbonio equivalente (CEV) (vedere prospetto 3.2 . 10) applicazione delle tolleranze sul diametro al diametro esterno (vedere prospetto 9. nota 1) . 7) prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) (vedere prospetti 6 e 7.4 .1. 13) prova di resilienza per la zona termicamente alterata (vedere 8 . nota 7) . 11) configurazione particolare dello smusso (vedere 7 .2.4 a)] . 2) sequenza delle prove non distruttive dei tubi senza saldatura e HFW (vedere D . b) e c) .1) . nota 2) . 2) processo di produzione dell'acciaio (vedere 6 . 8) quali prescrizioni inerenti ai valori di resilienzaa vadano applicate : prospetto 6 o prospetto 7 . 2) caratteristiche meccaniche dei tubi aventi spessore > 25 mm'(vedere prospetto 5. colonne 2/3) . 3) prescrizioni inerenti alla prova di resilienza ed alla prova di rottura mediante caduta di massa per i tubi aventi diametro esterno > 1 430 mm e%o spessore > 25 mm (vedere prospetti 6 e 7.

qualora i prodotti vengano forniti tramite un commerciante.3.2.1 .4.3. D. D .1 6.5.1). con prova di rottura DWT.2).2). Può essere concordata l'approvazione del sistema qualità da parte di uno dei seguenti organismi : il committente . 25) livello di accettazione U2/C o F2 per la prova non distruttiva (PND) dei tubi senza saldatura (vedere D .2 e D.2).1 a)].3.2. caratteristiche di resilienza secondo il prospetto 7.1 .1 O FABBRICAZIONE Generalità II fabbricante dei tubi ed il commerciante. 23) marcatura particolare (vedere 9.3.1).4) .8.5-r2. UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 10 di 54 . 16) utilizzazione di spezzoni per la prova raddrizzati e trattati termicamente (vedere 8. un organismo terzo indipendente . 29) verifica delle prescrizioni qualitative per quanto riguarda le imperfezioni laminari (vedere D .3.1 e D.C.3 Esempio di ordine I dati dovrebbero di preferenza essere riportati nel modo indicato nel seguente esempio di ordine: 10 000 m di tubo SAWL EN 10208-2-L415MB-610 x 12.3. 19) prova di durezza nel corso della produzione per i tubi HFW trattati termicamente sul cordone di saldatura (vedere 8.1). 6 6.7.5 .2.2 e D .1 d)].4.2. 31) utilizzazione di penetrametri a foro in luogo del penetrametro ISO a filo [vedere D . 21) utilizzazione di dispositivi speciali per misurare il diametro del tubo (vedere 8. 18) sostituzione dell'esame macrografico della saldatura con metodi di prova alternativi (vedere 8. 28) livello di accettazione F2 per la prova non distruttiva (PND) dei tubi HFW [vedere D.3.5. 5.4.1 .3.10 .1 .4.2 e D.5.2 a)]. 17) temperature diverse da 0 °C per la prova di resilienza e per la prova di rottura mediante caduta di massa (vedere 8 .3.2.2).1 . oppure un'autorità di controllo regolamentare .2.3).5 . devono operare in accordo ad un sistema qualità conforme alla EN ISO 9002 4 . 24) rivestimento esterno ed interno (vedere 10) . 27) livello di accettazione U2/C (U2) per la prova non distruttiva (PND) dei tubi HFW (vedere D.5. documento di controllo EN 10204-3 . 20) pressioni di prova idrostatica maggiori di 250 o di 500 bar e fino al 100% del valore minimo prescritto di carico unitario di snervamento (vedere 8.1 ed 8.1).2.1 .4.2. 26) utilizzazione del controllo mediante flusso disperso (per i tubi senza saldatura e HFW) o del controllo mediante correnti parassite (per i tubi HFW) (vedere D . 30) utilizzazione di intagli di profondità fissa per la taratura dell'apparecchiatura [vedere 5 . 32) utilizzazione del controllo fluoroscopico [vedere D .1 . 22) utilizzazione della marcatura mediante punzonatura (a freddo) (vedere 9. il rappresentante del committente .3.1 b)] . 4) Questa prescrizione è anche soddisfatta da un sistema qualità conforme alla EN [SO 9001 .3.2.4.3).2).2.7 .

p

Nota

In casi particolari può altresì essere concordata la verifica del processo di fabbricazione mediante dati disponibili oppure in conformità all'appendice B . Tutte le operazioni inerenti alle prove non distruttive (PND) devono essere eseguite da personale PND qualificato e competente di livello 1 e/o di livello 2, approvato dal relativo datore di lavoro s) . A discrezione del fabbricante il detto personale risultare qualificato in conformità al prEN 10256 oppure certificato in conformità alla EN 473 . Tutto il personale PND di livello 1 e 2 e tutte le operazioni inerenti alle prove non distruttive devono essere autorizzate da un tecnico PND di livello 3, approvato dal datore di lavoro e certificato in conformità alla EN 473 (vedere 8 .2 .3 .12 ed appendice D) .

6 .1 .2

può

6.2
6 .2 .1 O

Produzione dell'acciaio
Gli acciai considerati dalla presente norma europea devono essere prodotti col procedimento basico all'ossigeno o col procedimento al forno elettrico . Mediante accordo possono essere utilizzati altri procedimenti equivalenti di produzione dell'acciaio . Gli acciai devono essere completamente calmati ed a grano fine .

62 .2

6.3

Fabbricazione dei tubi
I tipi di tubo accettabili sono descritti in 3 .2 e sono elencati nel prospetto 2 assieme ai processi di fabbricazione accettabili . Il tipo di tubo ed il tipo di trattamento termico figurante nella designazione alfanumerica dell'acciaio devono essere specificati dal committente . I tubi SAWH devono essere fabbricati utilizzando del nastro avente una larghezza non minore di 0,8 volte il diametro esterno del tubo e non maggiore di 3,0 volte tale valore . O Mediante accordo i tubi SAWL possono essere fabbricati con due cordoni di saldatura .

6.4

Stato di trattamento termico
I tubi devono essere forniti in uno degli stati di formatura e di trattamento termico indicati nel prospetto 2.

5)

li datore di lavoro è l'organizzazione per la quale la persona lavora su base regolare . II datore di lavoro può essere il fabbricante dei tubi oppure un organismo terzo che fornisce servizi inerenti alle prove non distruttive .

UNI EN 10208-2 :1998

Pagina 11 di 54

prospetto

2

Tipi di tubo e processi di fabbricazione (materiale di partenza, formatura del tubo e stati di trattamento termico) Simbolo del trattamento termico N

Tipo di tubo Senza saldatura (S)

Materiale di partenza Lingotto o billetta

Formatura del tubo' ) Laminazione a caldo

Stato di trattamento termico Normalizzato o sottoposto a laminazione di normalizzazione Bonificato

Q N Q N

Laminazione a caldo e fini- Normalizzato tura a freddo Bonificato Saldato ad alta frequenza Nastro sottoposto a lamina(HFW) zione di normalizzazione Nastro sottoposto a trattaFormatura a freddo mento termomeccanico di laminazione Zona di saldatura normalizzata Zona di saldatura trattata termicamente

m

Nastro laminato a caldo o Normalizzato (l'intero tubo) sottoposto a laminazione di Formatura a freddo e pasnormalizzazione saggio di riduzione a caldo a temperatura controllata, in modo da ottenere uno stato normalizzato Saldato ad arco sommerso (SAW) con saldatura longitudinate (SAWH) - con saldatura elicoidale ( WH) Saldato mediante combinazione di saldature (COW) - con saldatura longitudinale (COWL) - con saldatura elicoidale (COWH) 1) Vedere 3.3 .4 . Lamiera o nastro normalizzati o sottoposti a laminazione di normalizzazione - Formatura a freddo Lamiera o nastro sottoposti a trattamento termomeccarico di laminazione Lamiera o nastro allo stato naturale di laminazione Laminazione di normalizzao nastro normaliz- zione zati o sottoposti a laminazione di normalizzazione

N N

N

M

-

N

6.5

Calibratura
I tubi possono essere calibrati, in modo da ottenere le loro dimensioni finali, mediante espansione oppure mediante riduzione . Queste operazioni non devono dar luogo a tensioni permanenti eccessive . Qualora non venga eseguito alcun trattamento termico ulteriore, oppure venga eseguito soltanto un trattamento termico della zona di saldatura, il rapporto di calibratura sr ottenuto mediante la sopra accennata lavorazione a freddo, non deve risultare maggiore di 0,015 . Detto rapporto deve essere calcolato in base alla formula seguente:

Sr

_ I Da_
D

DbI

dove : • =

diametro esterno dopo la calibratura ; diametro esterno prima della calibratura ; diametro esterno prescritto .

• •

= =

UNI EN 10208-2:1998

Pagina 12 di 54

6 .6 6.6.1 O

Saldature di giunzione delle estremità dei nastri Per i tubi saldati con saldatura elicoidale la saldatura di giunzione delle estremità dei nastri può essere mantenuta entro il tubo, mediante accordo . Ove tale eventualità sia accettata, la saldatura di giunzione delle estremità dei nastri deve risultare situata ad almeno 200 mm dall'estremità del tubo. Per i tubi saldati con saldatura longitudinale non sono consentite nel tubo saldature di giunzione delle estremità dei nastri . Tubi giuntati Non è consentita la fornitura di tubi giuntati .

6.6.2

6 .7

7 7.1

PRESCRIZIONI Generalità Le prescrizioni specificate nella presente norma europea vanno applicate partendo dal presupposto che vengano rispettate le corrispondenti prescrizioni di 8 .2 .2 ed 8 .2 .3 per quanto concerne il prelievo e la preparazione delle provette ed i metodi di prova .
Nota

11 prospetto 17 fornisce un consuntivo dei prospetti e dei punti contenenti le prescrizioni e le condizioni di prova.

7 .2 7.2.1

Composizione chimica Analisi di colata L'analisi di colata dell'acciaio deve risultare conforme alle prescrizioni del prospetto 3 .

UNI EN 10208-2:1998

Pagina 13 di 54

6 0.15 0.020 0. o 5) 6) 7) 8) Per i gradi di acciaio con valori più elevati di 0.10 0. o 7 .01% di riduzione al disotto del tenore massimo di carbonio è consentito un aumento del tenore di manganese dello 0.45 0.025 0.04 0. Per questi gradi di acciai può essere concordato un tenore di molibdeno fino allo 0.025 0.16 0.06 0.45 0.21 0.25. Nb e Ti non deve risultare maggiore dello 0.40 0. La composizione chimica per valori di spessore maggiori.08 0.40 0.8955 1 .0484 1 .04 0.05 0. riportata nel prospetto 3.0429 1 .025 0.05 0. N.06 0. La somma dei tenori di V.05 0.42 0.42 0.450.05% al disopra del valore massimo prescritto.16 0.020 0. Cr s 0.40 0.45 0.025 0.43 0.020 0.45 0.45 0.8975 1 .2 1.5 1. Mo s 0.6 1. fino a 40 mm.08 . < 0.04 0.2% .04 0.40 0.06 0.025 0.43 0.025 0.012. 0.06 5) 5)6)7) 5)6)7) 0.8977 1 .05 0.2 .020 0.05 0.7 1.45 0.020 0.06 0.30 .06 0.35% .05 .025 0.05 0.41 0.20 0.060.45 0.160.7 1.8978 016 0.025 0.16 0.025 0.45 0.10 0. N >_ ? .8972 0.0582 1 .45 1.04 0. % CEV4) max. 0.16 0.6 1.8973 1 . con un aumento massimo dello 0.43 .30 .131.8 0. il valore di carbonio equivalente (CEV) viene prescritto soltanto per l'analisi di prodotto.16 0.060.025 0.6 1.16 0. Mo 5 0.020 0.45 1. deve essere concordata .45 0. 10.0418 1 .020 0.8957 0.16 0.10 0.42 0.020 0. UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 14 di 54 .05 0.43 mediante accordo 5)6)7) 5)6)7) 5) 6) 7) 5)617) 1) M 2) 3) Gli elementi che non sono indicati nel presente prospetto non devono essere aggiunti intenzionalmente senza l'approvazione dei committente.020 0.025 0.10 0.1 1.8 0.04 0.4 1.16 0.05 0.15% . prospetto 3 Composizione chimica' ) all'analisi di colata per spessori 525 mm2) Designazione dell'acciaio C3) Tenore massimo.45 0.04 0. devono rispondere a quanto indicato nel prospetto 4 . N 5 0.06 5) 5) 5) 0.0578 1 .09 0. CEV 4) = C+ Mn 6 + Cr + Mo + V Cu + Ni 5 + 15 .5 1.45 1.42 0. Cr 5 0.35. Ni 5 0. Alfanumerica Numerica I Si I Mn31 1 P S V I Nb I Ti I Altri Acciai per tubi senza saldatura e saldati L245NB L290NB L360NB L415NB 1 .015 S Ah.10 0.8947 1 .020 0.60 .8952 1 .05 0.16 0.06 0.04 5) 5) 0.43 può essere concordato un valore massimo di CEV pari a 0.2 Analisi di prodotto Gli scostamenti ammissibili rispetto alla composizione chimica prescritta per l'analisi di colata.0200.16 0.020 0.8948 1 .04 0.45 mediante accordo 5)6) 5)6)7) Acciai per tubi senza saldatura L360QB L415QB L4500B L485QB L555QB 1 .04 0. ad eccezione degli elementi che possono essere aggiunti per la disossidazione e per l'affinazione della colata (vedere nota 5) . Ni 5 0.020 0.10 0.06 0.17 0.025 0.025 0.0457 1 .05 0.45 0. 0.025 • 0.025 0.05 0.45 mediante accordo 51617) 06) Acciai per tubi saldati L245MB L290MB L360MB L415MB L450MB L485MB L555MB 1 . AVN e Cu: vedere nota 5).020 0.16 0.6 1. Per ogni 0.6 1.020 0.025 0.020 0. Al.50 .05 0. Cu 5 0.

I fattori di sicurezza 1.02 +0.05 ± 0.01 +0.2) . colonna 2) . prospetto 4 Scostamenti ammissibili per l'analisi di prodotto rispetto ai limiti prescritti di composizione chimica indicati nel prospetto 3 Elemento C Si Mn P S V Nb Ti V+Nb+Ti Cr Ni Mo Cu AI N Scostamento ammissibile +0.6 sono stati scelti come esempi tipici entro la gamma dei fattori di sicurezza comunemente usati.005 +0.3 Caratteristiche meccaniche e tecnologiche I tubi devono rispondere alle prescrizioni riportate nel prospetto 5 e nei prospetti 6 o 7. Nota i In caso di formatura a caldo e% di un successivo trattamento termico in situ di tubi forniti allo stato bonificato o di trattamento termomeccanico di laminazione possono risultare delle variazioni sfavorevoli nelle caratteristiche meccaniche (vedere per esempio 3.01 +0. un fattore di sicurezza . Le prescrizioni di resilienza di cui ai prospetti 6 e 7 sono state stabilite prendendo in considerazione.05 +0. tra gli altri parametri. ove del caso.03 +0. quali prescrizioni di resilienza vadano applicate. Il committente dovrebbe.005 +0.005 +0.01 +0. Nota 2 UNI EN 10208-2:1998 Pagina 15 di 54 . all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine.002 7.02 +0. per quanto applicabili (vedere prospetto 17.05 +0.3.10 +0. II committente deve specificare.05 +0.4e 1. in funzione del fattore di sicurezza da adottare . mettersi in contatto con il fabbricante per ottenere indicazioni più dettagliate .

90 0. Essi non possono venire richiesti per il materiale di partenza.0418 1 .5) (vedere 8 . L245NB L245MB L290NB L290MB L360NB L360QB L360MB L415NB L415QB L415MB L4500B L450MB L485QB L485MB L555QB L555MB M 1) 2) 3) 4) 1 . Questi valori si applicano per provette trasversali prelevate dal corpo del tubo . T= spessore prescritto del tubo .85 da 360 a 510 460 0.85 0.88 0. i valori di allungamento devono essere aumentati di 2 unità .3 .90 0.8977 1 .8975 1 . prospetto s Prescrizioni riguardanti i risultati della prova di trazione e di piegamento per spessori _5 25 mm').0578 1 .85 0. SAW.90 18 18 18 18 20 Si applicano 4T Ciascun tubo 21 % min . fino a 40 mm.0484 1 .0429 1 .65/) SAW.8947 1 .88 0. I valori del rapporto tra il carico unitario di snervamento e la resistenza a trazione si applicano per il prodotto "tubo' . COW Resistenza a Allungamento3l trazione (Lo = 5.90 da 555 a 675 625 0. COW Alfanumerica Numerica Carico unitario di snervamento RjO. devono essere concordate .8978 da 245 a 440 3T 3T deve sopportare la prova senza gli stessi valori relativi al corpo del tubo 5T mostrare perdite o deformazioni visibili 6T 6T 6T Le caratteristiche meccaniche dei tubi aventi valori di spessore maggiori.0457 1 .80 0. Qualora vengano sottoposte a prova delle provette longitudinali (vedere prospetto 18).0582 1 .8957 1 .87 da 485 a 605 570 0.2 . 5 Resistenza a trazione Rm Wmm2 min.8972 1 .8) Wmm 2 max.85 da 415 a 565 520 0. 0.8952 1 .2 .8948 1 .8955 1 . e per la prova idrostatica Corpo dei tubo (tubi senza saldatura e saldati) Cordone di saldatura Tubo intero Designazione degli acciai HFW.85 da 450 a 570 535 0.3 .90 0.8973 1 . 415 Res/Rm~ A Rm Diametro dei mandrino per la prova di piegamento`) Prova idrostatica (vedere 8.85 da 290 a 440 415 0. 22 N/mm2 min .85 0. UNI EN 10208-21998 Pagina 16 di 54 .

w 8 c ó o.0582 1 .0429 1 .8957 1 . Per provette di dimensioni ridotte vedere 8 .3.3. o 4) 5) Da effettuare a seguito di accordo per i tubi aventi un diametro esterno > 500 mm. Le provette devono essere prelevate trasversalmente rispetto all'asse dei tubo.8947 1 .0457 1 .8972 40(30) [60 (45)] 40(30) 40(30) à w d -• non applicabile o c t w w a ó ca 42(32) o w 40(30) 1 . i valori minimi singoli (75% dei valori medi) sono indicati tra parentesi tonde .8977 1 .0578 1 . I valori prescritti indicati senza parentesi sono i valori medi minimi di tre prove. uno spessore > 8 mm ed un carico unitario di snervamento prescritto > 360 N/mm2 .8955 1 .0484 1 .8975 1 .2. I valori si applicano per provette normali .8978 40 (30) 41 (31) 45 (34) 48 (36) 51(38) 53(40) 56 (42) 58 (44) 63 (47) 40(30) 42 (32) 43 (32) 47 (35) 8551 ~. fino a quando è possibile ricavare delle provette di dimensioni ridotte minime aventi una larghezza > 5 mm senza effettuare raddrizzamenti .8948 1 .2 .8973 1 .0418 1 .Designazione degli acciai Prova di resilienza Charpy con intaglio a V Valori minimi di resilienza in J per diametri esterni 51430 mm e spessori <_ 25 mm 21 Prova DWT^ l Valore percentuale dell'area duttile v a 0 Alfanumerica Numerica > 510 <_ 610 Corpo del tubo (diametro esterno dei tubo D in mm) > 610 <_ 720 > 720 5 820 > 820 <_ 920 > 920 <_1020 > 1 020 51 120 >1120 S 1 220 > 1 220 51 430 Cordone di saldatura D :5 1 430 rn 500 < D <_ N 1 430 -O y trasversalmente rispetto al cordone di saldatura C ó J -' trasversalmente rispetto all'asse del tubo (longitudinalmente rispetto all'asse dei tubo per i valori indicati tra parentesi quadre)31 m L245NB L245MB L290NB L290MB L360NB L3600B L360MB L415NB L415QB L415MB L450QB L45OMB L485QB L485MB L555QB L555MB 1) 2) M 1 . Le prescrizioni di resilienza non si applicano per la zona termicamente alterata (HAZ) . Valore medio di due prove .8952 1 . .3 . oCL ~ w [60 (45)] [62 (47)] [68 (51)] 48(36) 55(41) 61(46) 66(50) 72(54) 77(58) 82(62) 87(65) 96(72) N d8 [72 (54)] [83 (62)] [92 (69)] C3 0 À Vedere la nota 2 di 7. Per diametri esterni > 1 430 mm e/o per spessori > 25 mm i valori devono essere concordati.

I valori si applicano per provette normali .8952 1 .8975 1 . 3) Le provette devono essere prelevate trasversalmente rispetto all'asse del tubo.0578 1 . 5) Valore medio di due prove .8972 1 .Designazione degli acciai Prova di resilienza Charpy con intaglio a V Valori minimi di resilienza in J per diametri esterni 51430 mm e spessori 5 25 mm21 Prova DWT 41 Valore percentuale dell'area duttile Alfanumerica Numerica <_ 510 > 510 5610 Corpo del tubo (diametro esterno del tubo D in mm) > 610 <_ 720 > 720 5 820 > 820 5 920 > 920 51 020 > 1020 51 120 > 1120 51 220 > 1220 51430 Cordone di saldatura D!9 1430 trasversalmente rispetto al cordone di saldatura Corpo del tubo (D in mm) 500 < D <_ 1430 V trasversalmente rispetto all'asse dei tubo (longitudinalmente rispetto all'asse del tubo per i valori indicati tra parentesi quadre) 3) L245NB L245MB L290NB L290MB L360NB L360QB L360MB L415NB L415QB L415MB L450QB L450MB L485QB L485MB L555QB L555MB 1) 1 .8948 1 .8977 1 . uno spessore > 8 mm ed un carico unitario di snervamento prescritto > 360 N/mm 2 . fino a quando è possibile ricavare delle provette di dimensioni ridotte minime aventi una larghezza ? 5 mm senza effettuare raddrizzamenti .8957 1 .0418 1 .0457 1 . Per provette di dimensioni ridotte vedere 8.3. Le prescrizioni di resilienza non si applicano per la zona termicamente alterata (HAZ) .8955 1 .0484 1 .3. i valori minimi singoli (75% dei valori medi) sono indicati tra parentesi tonde .0429 1 . I valori prescritti indicati senza parentesi sono i valori medi minimi di tre prove .3 .0582 1 .2 . 2) . 4) Da effettuare a seguito di accordo per i tubi aventi un diametro esterno > 500 mm.8973 1 . Per diametri esterni > 1 430 mm e/o per spessori > 25 mm i valori devono essere concordati .8947 1 .8978 40(30) [60 (45)1 46(35) [69 (52)] 50(38) [75 (56)] 41 (31) [62 (47)] 55(41) [83 (62)] 83(62) 90(68) 96(72) 43(32) 46(35) 48(36) 51(38) 53(40) 40(30) 41 (31) 44(33) 46(35) 48(36) 40(30) [60 (45)] 40(30) 40(30) 42(32) non applicabile 51(38) 40(30) 57(43) 85 51 58(44) 62(47) 65(49) 68(51) 71(53) 77(58) 61(46) 68(51) 76(57) [92 (69)] [102 (77)] [114 (86)] 102(77) 108(81) 120(90) M O Vedere la nota 2 di 7 .2.

5. c) le imperfezioni che intaccano lo spessore minimo prescritto devono essere classificate come difetti e devono essere trattate in conformità a quanto specificato in C . devono essere classificate come difetti e devono essere eliminate mediante molatura in conformità a quanto prescritto in C . e che non intaccano lo spessore minimo prescritto.2) .4 Per le incisioni marginali rilevate mediante esame visivo nei tubi SAW e COW vanno applicati i criteri di accettazione indicati da D .3 .2 O 7.3 .5% dello spessore prescritto. Le imperfezioni superficiali rilevate mediante esame visivo devono essere esaminate. a seconda dei casi .2 f) .3 7 .10 . 6 mm per le altre ammaccature .5 . i risalti e le ammaccature formatesi a freddo con spigoli vivi sul fondo. secondo quanto prescritto in 8.5.2 .3.4.5.1 Stato superficiale. Si dovrebbe tuttavia tenere conto del fatto che il comportamento dell'acciaio durante e dopo la saldatura dipende non solo dall'acciaio.5 7 .5.7 Gli scostamenti geometrici rispetto al contorno cilindrico normale dei tubi. classificate e trattate in base a quanto di seguito indicato : a) le imperfezioni aventi una profondità minore o uguale al 12. I criteri di accettazione per le imperfezioni rilevate mediante le prove non distruttive.4 7 . che si manifestano quale risultato del processo di formatura dei tubi o delle operazioni di fabbricazione (per esempio ammaccature. Nel caso delle prove di saldatura devono altresì essere concordati i particolari inerenti all'esecuzione delle prove ed i criteri di accettazione . qualora ciò sia stato concordato . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 1 9 di 54 . Tutti i tubi devono essere esenti da difetti (vedere 3 .5 . imperfezioni e difetti II fabbricante deve prendere adeguate precauzioni per minimizzare la presenza di danni ed imperfezioni nei tubi .6 7 . ed in particolare quelle relative ai valori limite per il carbonio equivalente (CEV) (vedere prospetto 3).5% dello spessore prescritto.5. picchi).2 . 7 .5. 7 . e che non intaccano lo spessore minimo prescritto.2. non devono risultare maggiori dei limiti di seguito indicati : 3 mm per gli appiattimenti. b) le imperfezioni aventi una profondità maggiore del 12.1 .2 d) a D . oppure trattate in conformità a quanto specificato in C . ma anche dai materiali d'apporto utilizzati e dalle condizioni di preparazione e di esecuzione della saldatura . sono specificati nell'appendice D .5.2 7.4.12. Per quanto riguarda le ammaccature.5 .3. I suddetti limiti si riferiscono alla distanza tra il punto estremo dello scostamento ed il prolungamento del contorno normale del tubo . devono essere classificate come imperfezioni accettabili e devono essere trattate in conformità a quanto specificato in C .5 7 .4 .3 . 7. 7 . appiattimenti. Per la misurazione degli appiattimenti e dei risalti vedere 8 .1 Saldabilità In considerazione dei processi di fabbricazione dei tubi e delle tubazioni le prescrizioni relative alla composizione chimica degli acciai. Il fabbricante deve fornire dati di saldabilità od effettuare delle prove di saldatura per il tipo di acciaio considerato.5 . La finitura superficiale risultante dal processo di fabbricazione deve consentire il riscontro delle imperfezioni superficiali che possono essere rilevate mediante esame visivo . la lunghezza in qualsiasi direzione non deve risultare maggiore della metà del diametro esterno del tubo . sono state scelte in modo tale da assicurare che gli acciai forniti in conformità alla presente norma europea risultino saldabili .

6 .3 a 7 .6.6 . in mm .6 .2 .6 .4.2 La formula è basata su di un valore di densità pari a 7.024 661 5 kg/m dove: M D T è la massa per unità di lunghezza (massa lineica) .1 . per quanto riguarda la finitura delle estremità dei tubi vedere 7 .5. è lo spessore prescritto.6. 7 .85 kg/dm 3. UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 2 0 di 54 .3 7 .6 .6. 7.8 I punti duri (hard spot) la cui estensione risulti maggiore di 50 mm in qualsiasi direzione devono presentare un valore di durezza minore di 35 HRC (327 HB) (vedere 8.6 .3.9) .T) x T x 0. con le tolleranze indicate da 7 .1 Dimensioni. Per quanto riguarda la lunghezza dei tubi vedere 7 .6 . 7.3 .1 .3 . Possono essere scelte altre dimensioni .1 .6 7 . masse e tolleranze Dimensioni I tubi devono essere forniti nelle dimensioni specificate nella richiesta d'offerta e nell'ordine. I diametri estemi e gli spessori riportati nel prospetto 8 sono stati scelti tra quelli figuranti nella ENV 10220 e dovrebbero essere ordinati di preferenza .2 7 .1 7 . è il diametro esterno prescritto. in mm . Masse La massa per unità di lunghezza (massa lìneica) deve essere calcolata utilizzando la formula seguente : M = (D .

6 406.9 3. devono rientrare nelle tolleranze indicate nel prospetto 9 .2 25 28 30 32 36 40 - 7.2 UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 2 1 di 54 .4 48.9 355.3 7 . 7 .3 7.3 219.6.3 .6 4 4.6 2. così come definiti in 8 .7 42.5 14.5 20 22.3 168.4 457 508 559 610 660 711 762 813 864 914 1 016 1 067 1 118 1 168 1 219 1 321 1 422 1524 1 626 _ 2.2. prospetto 8 Diametri esterni e spessori preferenziali (indicati nella zona del prospetto incorniciata.3 88.2 3.10 .3 .3 60.1 273 323.1 ' 8 8.3 2.8 Spessore mm 10 11 12.5 5 5.2 16 17.3.6.6 6.2 .1 Tolleranze relative al tubo Diametro e ovali77azione li diametro esterno e l'ovalizzazione. compresa la cornice stessa) r Diametro esterno mm 33.6. Spessore Lo spessore deve rientrare nelle tolleranze indicate nel prospetto 10 .9 114.

con un massimo di ± 4 mm ± 2.5% 031 (il maggiore dei due valori). il valore massimo dello spessore. prospetto 9 Tolleranze sul diametro e ovalizzazione Diametro esterno D Tolleranza sul diametro Tubo. Se non altrimenti concordato la tolleranza sul diametro si applica al diametro interno . eccetto l'estremità' 1 Tubi senza saldatura t 0. per spessori maggiori i valori devono essere oggetto di accordo .5 mm oppure ± 0. prospetto lo Tollerane sullo spessore oppure ± 10% (il maggiore dei due valori) Tubi saldati T< 10 10<T<20 T>_ 20 + 10 mm - os +10% .5 mm oppure ± 0.6 mm è consentito superare localmente. con un massimo di ±3 mm ± 0.o mm . 1. di un ulteriore 5% dello spessore prescritto.75% D (il maggiore dei due valori) Tubi saldati Estremità del tubo ) ') Tubi senza saldatura Tubi saldati Ovalizzazione Tubo.5% D. in relazione all'ordine .5 +2. il diametro interno deve anche essere preso come base per quanto concerne le prescrizioni riguardanti l'ovalizzazione .6 . Mediante accordo la tolleranza può essere applicata al diametro interno se il diametro esterno è > 210 mm.3 .3. Nei casi in cui la tolleranza sul diametro si applica al diametro interno.6 .0 mm41 ± 1.6 mm41 1.6.3 7 . eccetto l'estremità c l Estremità del tubo') 2) 5) mm D <_ 60 60 < D 5 610 t 0.75% D (il maggiore dei due valori).c.6 mm (compresa nella tolleranza sul diametro) 2 0% 1.5% (con un massimo di 15 mm) per 1.5%per > 75 M D > 1430 mediante accordo mediante accordo4l mediante accordo41 o o 1) M 2) 3) 4) 5) Si deve considerare che restremità del tubo comprenda un tratto di 100 mm agli estremi del tubo stesso . con un massimo di ± 1. Va comunque applicata la tolleranza di massa di cui in 7 . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 22 di 54 .0% per 5 75.6 . 7 . Per i tubi senza saldatura i valori si applicano per spessori 5 25 mm .5% 610<D<_1430 ±1%D ±0.3 .5 mm oppure ± 0.1 Lunghezza I tubi devono essere forniti in lunghezze casuali oppure in lunghezze fisse.o Per diametri esterni ? 355. 2 < 75.

Qualsiasi scostamento locale della rettilineità deve essere < 4 mm/m .4 . con un massimo di 1.3. misurato a partire dall'asse longitudinale.3 .6. Tolleranza di perpendicolarità (fuori squadro) Tolleranza di perpendicolarità (fuori squadro) 7 .4.005 D.6 .3 .6 mm. L'angolo dello smusso.2 Le superfici di estremità dei tubi aventi uno spessore maggiore di 3.6 . La tolleranza di perpendicolarità (fuori squadro) (vedere figura 1) non deve risultare maggiore dei seguenti valori : figura i 1 mm per i diametri esterni minori o uguali a 220 mm . prospetto 11 7 . non deve risultare maggiore dei seguenti valori : i valori indicati nel prospetto 12 (per i tubi senza saldatura) . con una tolleranza di ± 0.8 mm . 0. 7.2 Le lunghezze casuali devono essere fornite conformemente alle prescrizioni relative ai gruppi di lunghezze specificati (vedere prospetto 11) .6 . deve essere di 30°.4 7. La larghezza della spalla dello smusso deve essere pan a 1.2 mm devono essere tagliate a smusso per la saldatura . o Possono essere concordate altre forme di smusso. per i diametri esterni maggiori di 220 mm . con una tolleranza di + 5°10° . misurato a partire da una linea perpendicolare all'asse del tubo. 7 . 7 . 7° (per i tubi saldati aventi un diametro esterno maggiore di 114. Qualora vengano effettuate una lavorazione di macchina od una molatura interne.4 Rettilineità Lo scostamento totale rispetto ad una linea retta deve essere S 0.1 Finitura delle estremità dei tubi Tutte le estremità dei tubi devono essere tagliate a squadro rispetto all'asse del tubo e devono essere esenti da bave .6.3 mm) .3.3.6 mm. l'angolo dello smusso interno.6 .3 Prescrizioni relative ai gruppi di lunghezze casuali Gruppo di lunghezze Gamma di lunghezze per il Lunghezza media minima 90% della voce d'ordine 1 l della voce d'ordine m m da 6 a 11 da 9 a 14 da 10 a 16 da 11 a 18 8 il 13 15 Lunghezza più corta della voce d'ordine m rt r2 r3 r4 1) Il limite superiore è il valore massimo della lunghezza di ogni singolo tubo . Le lunghezze fisse devono essere fornite con una tolleranza di ± 500 mm .2% dell'intera lunghezza del tubo. UNI EN 10208-2:1998 Pagina 2 3 di 54 .

5 .6. a) Disassamento radiale dei bordi del nastro (tubo HFW) IVI.5 11 14 7 .6. /////////*.5 10. . Altezza interna dei cordoni di saldatura A gi. prospetto 12 Angolo massimo dello smusso interno per i tubi senza saldatura Spessore prescritto (T) mm T< 10.1 Tolleranze relative al cordone di saldatura Dislivello radiale dei bordi della lamiera o del nastro Nel caso dei tubi HFW il dislivello radiale dei bordi del nastro non deve essere tale che ne risulti uno spessore residuo Tr in corrispondenza della saldatura minore dello spessore minimo prescritto [vedere figura 2 a)] .55T<14 14<_T<17 T> 17 Angolo massimo dello smusso gradi 7 9.1 . figura 2 Possibili scostamenti dimensionali relativi ai cordoni di saldatura Legenda Tr Spessore residuo dovuto al dislivello radiale • Disassamento radiale esterno • Disassamento radiale interno • Altezza esterna dei cordoni di saldatura h. _~4/r b) Disassamento radiale ed altezza dei cordoni di saldatura dei bordi della lamiera o del nastro (tubi SAW e COW) c) Disassamento M dei cordoni di saldatura (tubi SAW e COW) UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 24 di 54 .1 7 .6.5 7 .5 .W11.

1 T 2.1 T 0.5 .6. con una tolleranza di + 0. 7 . L'altezza del cordone di saldatura della parte restante del tubo non deve risultare maggiore dei valori indicati nel prospetto 15 .4 0. dove Tè lo spessore prescritto .5 . nella figura 2 b)] .0 Per le saldature di giunzione delle estremità dei nastri possono essere concordate altre prescrizioni . prospetto 14 Profondità massima di scanalatura dei tubi saldati ad alta frequenza (HFW) Spessore prescritto (T) mm T54.5. 7 .5 mm.3 I cordoni dì saldatura devono raccordarsi gradualmente col metallo base e. prospetto 13 Dislivello radiale massimo dei tubi SAW e COW Spessore prescritto (T) mm T<_ 10 10 < T<_ 20 T > 20 1) Dislivello radiale massimo') mm 1.5 .0 0.05 T.5 . Con l'eliminazione dei sovrammetalli lo spessore non deve venire ridotto ad un valore minore del valore minimo prescritto .6. per i tubi SAW e COW.2 Nel caso dei tubi SAW e COW il dislivello radiale massimo [vedere o o ed o. I sovrammetalli di saldatura interni non devono estendersi oltre il contorno dei tubo per più di 0.5 .0 4.3 mm + 0. prospetto 15 Altezza massima dei cordoni di saldatura dei tubi SAW e COW 7 .0 < T5 8 T > 8 Profondità massima di scanalatura mm 0.2 .5.05 T 7 . è tuttavia consentita la rettifica delle incisioni marginali [vedere D . La profondità della scanalatura risultante dall'operazione di eliminazione dei sovrammetalli di saldatura interni dei tubi HFW non deve intaccare il contorno del tubo per più dei valori indicati nel prospetto 14 . 7 .2 Il cordone interno di saldatura dei tubi SAW e COW deve essere molato fino ad ottenere una superficie liscia.5 .2.2 7 .6 .6. nella figura 2 b)] dei bordi della lamiera o del nastro deve rispondere a quanto indicato nel prospetto 13 .2.6.6. per una distanza di 100 mm da ciascuna estremità del tubo [vedere h.1 .3 UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 2 5 di 54 . non devono venire ad intaccare il contorno del tubo .1 Altezza del sovrammetallo o del cordone di saldatura (sovraspessore di saldatura) I sovrammetaili di saldatura esterni dei tubi saldati ad alta frequenza (HFW) devono essere eliminati in modo da ottenere una superficie essenzialmente liscia .2 d)]. Disallineamento dei cordoni di saldatura Qualsiasi disallineamento dei cordoni di saldatura dei tubi saldati ad arco sommerso (SAW) e dei tubi saldati mediante combinazione di saldature (COW) [vedere figura 2 c)] non deve risultare maggiore dei valori indicati nel prospetto 16 .

A . determinata in conformità a quanto prescritto in 7 .1 .6 .C .1 . Il documento di controllo deve contenere i seguenti elementi. per più del + 10% o del . prova di trazione . B . per i prodotti fabbricati in conformità alla presente norma europea.1) . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 2 6 di 54 . 3. prova di piegamento o di schiacciamento .1 CONTROLLO Tipo di controllo e documenti di controllo La conformità alle prescrizioni dell'ordine deve essere verificata. Qualora venga ordinato un documento di controllo 3 . b) i dati riguardanti C01-C02 C10-C13 C40-C43 C50-C69 C71-C92 D01 D02-D99 le provette.autenticazione dei documento di controllo . EN 10204-3. Nel caso del documento 3. 8. analisi di colata ed analisi di prodotto . mediante controllo e prove specifici . prendere in considerazione le corrispondenti prescrizioni delle nonne o dei regolamenti legislativi riguardanti le tubazioni . marcatura e verifica dell'aspetto superficiale e delle caratteristiche dimensionali . se applicabile (vedere prospetto 17.C o 3.5% . Nota i Nota 2 M Nell'effettuare la scelta il committente dovrebbe.2 deve essere concordato quale organismo deve rilasciare il documento stesso.1 .2 . Il committente deve specificare quali dei seguenti tipi di documenti di controllo viene richiesto.3.1 8 .6 . in conformità all'EURONORM 168 : a) i dati necessari riguardanti : A .6 Tollerane di massa La massa di ogni singolo tubo non deve scostarsi dalla massa nominale.1 . le condizioni di prova ed i risultati di prova : posizione dei saggi ed orientamento delle provette .B . LA.la descrizione dei prodotti cui si riferisce il documento di controllo (deve essere possibile risalire ai prodotti interessati : vedere anche 9 . nota 6). 8 8. EN 10204-3 . prova di resilienza Charpy con intaglio a V e.le transazioni commerciali e le parti interessate .2 c) Z . controlli non distruttivi e prova idrostatica .1 . il committente dovrebbe altresì indicare nell'ordine l'indirizzo dell'organizzazione o della persona da lui incaricate di effettuare il controllo e di emettere e convalidare il documento di controllo.2. ove necessario. EN 10204-3 . tenendo conto delle note di seguito riportate : EN 10204-3.2. prova di rottura mediante caduta di massa . prospetto 16 Disallineamento massimo dei cordoni di saldatura dei tubi SAW e COW Spessore prescritto (T) mm T<_ 10 T> 10 4 Disallineamento massimo dei cordoni di saldatura mm 7.1 .

colonna 5 . In aggiunta alle prove specificate nel prospetto 17 possono.1 . 3 e 4 .2 . colonne 2.2 8 . In tali casi devono essere altresì concordati i dettagli delle relative prescrizioni e le condizioni di prova .1 .2 . La frequenza delle prove è indicata nel prospetto 17.1 Controllo e prove specifici Tipo e frequenza delle prove Le prove da effettuare sui vari tipi di tubi sono indicate nel prospetto 17.2 .1 8 .0).2 p UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 27 di 54 . essere concordate delle prove di resilienza sulla zona termicamente alterata dei tubi saldati (vedere per esempio B . 8. ove del caso. 8 .

4 1) 2) 3) 4) 5) 6) S = senza saldatura . per ogni voce d'ordine . SAW = saldatura ad arco sommerso . T= spessore . m = obbligatorio . segue nella pagina successiva . saldati long . COW saldati saldati long .3 . Per quanto sia possibile ricavare provette di spessore 5 mm trasversalmente al cordone di saldatura senza effettuare raddrizzamenti . uno spessore > 8 mm e con un carico unitario di snervamento minimo maggiore di 360 N/mm2 . D = diametro esterno .2. le unità di controllo devono ogni consistere solamente di tubi : saggio 1 Lasciati a discrezione del fabbricante 8 .sul corpo del tubo .sul cordone della saldatura di giunzione delle estremità dei nastri (D >_ 210 mm) m . Da effettuare mediante accordo per i tubi aventi un diametro esterno 2 500 mm.2 .2 .2 .2 . = saldatura elicoidale.2 .2. saldati elio .sul corpo del tubo . o = facoltativo .2. = saldatura longitudinale.3 prospetto 6 e prospetto 7 x x 2 8 .3. HFW = saldatura ad alta frequenza .1 prospetto 3 prospetto 4 b1 b2 x x x x x x x .3 .Provette ture di giunzione delle estremità dei per nastri. di non più di 100 tubi b) altrimenti.sul cordone di saldatura (D 2 m 210 mm) m • della stessa colata dello stesso stato di trattamento termico 1 8 . al a2 x x x x x x x x Analisi di colata Analisi di prodotto Prova di trazione 3l m m 1 analisi per colata 1 analisi per colata Tranne che per le prove delle salda.2 . 1 Prova di resilienza Charpy con intaglio a V (per T>_ 5 mm) 4) c1 c2 c3 x x x x x 8 . t 2 Le prescrizioni di cui alle colonne da 3 a 8 si applicano per' ) i tubi S HFW 3 Tipi di prova o prescrizione 4 Status della prova ) 5 Frequenza delle prove 6 7 8 Condizioni di prelievo dei saggi Metodo di prova Prescrizioni vedere vedere vedere a ó V i tubi SAW.1 8 . COW = combinazione di saldature .delle stesse dimensioni e a) per i diametri esterni < 508 mm.2 prospetto 5 b3 x .3 .sul cordone di saldatura' ) sul cordone della saldatura di giunzione delle estremità dei nastri Prova di rottura mediante caduta di massa sul corpo del tubo 5l m m m o Per le saldature di giunzione delle estremità dei nastri l'unità di prova deve consistere in non più di 50 tubi contenenti saldature di giunzione delle estremità dei nastri. elic. Va prelevato un saggio per ogni unità di prova.1 e prospetto 18 x x x x x . di non più di 50 tubi . 3 3 8 .

9 7 .6 figura 4. continua dalla pagina precedente Prova di piegamento el 2 x x x .2 .3 . o = facoltativo .macrografia .1 7 .2 .2 m - sul cordone di saldatura di giunzione delle estremità dei nastri x Prova di schiacciamento m 4 prove per ogni rotolo .6 8.5 1) S = senza saldatura.2 . HFW = saldatura ad alta frequenza.metallografia m m Uno per turno di lavoro. prospetto 5 ed 8 .8 h2 x Da effettuare mediante accordo per i tubi HFW con cordone di saldatura trattato termicamente i x x x x Prova idrostatica m Ogni tubo deve essere sottoposto a prova - 8.3 8.7 . oppure quando cambiano le dimensioni dei tubi Uno per turno di lavoro.3.2 . 2) m = obbligatorio.2 .2 . saldati long . 8 .2 .6 .COW saldati saldati long. saldati elio.2 Esame macrografico e metallografico g1 g2 x x x .2 .2.2.2 8 .5. più 2 prove nel caso di un'interruzione della saldatura figura 4 e 8 .5 .3 8. COW = combinazione di saldature .2 . = saldatura elicoidale . = saldatura longitudinale .5 .9 7 .5 pros petto 5 ed 8 .2 .sul cordone di saldatura m elic.3 .6.3 . oppure quando cambiano le dimensioni dei tubi od il tipo di acciaio 8 .2.7 . 2 Le prescrizioni di cui alle colonne da 3 a 8 si applicano peri ) i tubi S i tubi 3 Tipi di prova o prescrizione 4 Status della prova21 5 Frequenza delle prove 6 7 8 Condizioni di prelievo dei saggi Metodo di prova Prescrizioni vedere vedere HFW SAW.7 .3 .2 h1 x x x Prova di durezza m Nei tubi formati a freddo tutti i punti duri (hard spot) che abbiano un'estensione di più di 50 mm in qualsiasi direzione devono essere sottoposti a prova - 8 .3 .3 8 8 2 . segue nella pagina successiva . SAW = saldatura ad arco sommerso .3.2 .2.8 e prospetto 5 j x x x x Esame visivo m Ogni tubo deve essere esaminato - 8. 7) I valori di durezza devono essere oggetto di accordo . vedere figura 6.3 .3 .3.

3 .3 .2 .3.3 . = saldatura elicoidale .2 .3.1. saldati elic . .4 k4 x x x .2 7 .3.10.2 .6. COW saldati long .1 e prospetto 9 8.6 .11 7 . 7 .3.2 e prospetto 10 k3 . = saldatura longitudinale. HFW = saldatura ad alta frequenza.6 .2 .2 . 8.4 7.3 .3 . o = facoltativo.4 7 . m = obbligatorio . SAW = saldatura ad arco sommerso .6 .3 . 8 .6 .3 . 3 Tipi di prova o prescrizione 4 Status della provai) 5 Frequenza delle prove 6 7 8 Prescrizioni vedere Condizioni di prelievo dei saggi Metodo di prova vedere vedere Controllo dimensionale k1 x x x x diametro esterno od interno delle estremità del tubo ed ovalizzazione k2 spessore delle estremità del tubo m Le dimensioni di ciascun tubo devono essere verificate - 8 .1 8 .10 . COW = combinazione di saldature . saldati long .10 .6 .6 .5 x x x x Pesata Prova non distruttiva Pesare ciascun tubo o ciascun lotto Vedere prospetto D .2 Le prescrizioni di cui alle colonne da 3 a 8 si applicano per') i tubi S HFW i tubi SAW.10 . comprese quelle relative al cordone di saldatura m Controllo a caso 8 .altre caratteristiche dimensionali.2 .4.3.10 . 7.cordone di saldatura m I particolari sono lasciati a scelta dell'incaricato dei controlli 7 . continua dalla pagina precedente saldati elic.6 x 1) 2) x x x S = senza saldatura .

6..2.2 a 8 . 8.2 8. essere prelevati e raddrizzati prima del trattamento termico . Qualora i tubi debbano essere sottoposti ad un trattamento termico.2. le imperfezioni locali possono essere eliminate.2. mediante accordo.1 Prelievo e preparazione dei saggi e delle provette Saggi e provette per l'analisi di prodotto I saggi devono essere prelevati e le provette preparate in conformità alla ISO/DIS 14284 . e per la prova di schiacciamento devono essere prelevati e le corrispondenti provette preparate in conformità alle condizioni generali del prEN ISO 377. A discrezione del fabbricante dei tubi il prelievo dei saggi e delle provette deve essere effettuato a partire dalla lamiera o dal nastro oppure dal tubo . I saggi per i vari tipi di prove devono essere prelevati dalle estremità dei tubi. ma la scaglia di laminazione non dovrebbe essere tolta dalle provette . ricavate mediante lavorazione di macchina a partire da un saggio non raddrizzato .1 8. tenendo conto dei dettagli addizionali specificati da 8 . in conformità a quanto indicato nelle figure 3 e 4 e nel prospetto 18. i saggi possono. Le provette trasversali devono essere raddrizzate. I sovraspessori del cordone di saldatura devono essere molati fino ad ottenere una superficie liscia. Provette per la prova di trazione Le provette rettangolari rappresentative dell'intero spessore dei tubo devono essere prelevate in conformità alla EN 10002-1 ed alla figura 3 .22.2 .per la prova di resilienza Charpy con intaglio a V. per quanto applicabili . per la prova di piegamento.2. Mediante accordo possono essere utilizzate provette cilindriche. 8.2.2. per sottoporre a prova il corpo del tubo di tubi aventi D<_ 210 mm può essere utilizzata una provetta comportante l'intera sezione del tubo .2. Il saggio raddrizzato deve quindi essere sottoposto allo stesso trattamento termico dei tubo .2.2.per la prova di rottura mediante caduta di massa.2 .2.2 8 .2.2. A discrezione del fabbricante. . .2 O o UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 31 di 54 . Saggi e provette per le prove meccaniche Generalità I saggi per la prova di trazione.2.

Prelievo dei saggi e prova (schema) (vedere gli ulteriori dettagli in 8 . uno da ciascun lato di una interruzione della saldatura c~ .1) Legenda 1 2 3 4 5 Saldatura Estremità del nastro Estremità spuntata. .3.6 .2. due saggi Interruzione della saldatura Due saggi.Z t) 2 I Ap 3 3 t// ///À ////íA r UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 3 2 di 54 . figura 3 Posizione del saggio e spiegazione dei simboli utilizzati nel prospetto 18 per specificare l'orientamento e la posizione della provetta Legenda 1 Saldatura di giunzione delle estremità dei nastri WS a) b) c) figura 4 Prova di schiacciamento.

2 8 . 3) Vedere prospetti 6 e 7.22.2 8.2.2 . o 2) 1T invece di 1 L mediante accordo . Nel caso delle provette prelevate nella saldatura.2 . Il diametro esterno minimo D.6 8 .2. vengano forniti tubi con due saldature.2.2.2 .2.3 8 . w/4 3T.2 .2 . nota 4 .2.2 .2 8 .4 Numero.2 . Trazione [vedere figura 3 a)] SAW e Resilienza Charpy con COW intaglio a V Rottura mediante caduta di massa3i 1L 3T Corpo dei tubo 1L90 3T90 Corpo del tubo 3W 1W 3W 2T90 1W 3W 1T90 3T90 2T 19) 3T 1 L2t 3T 1T90 3T90 8 .2.2 .2 .2 8 . L'asse dell'intaglio deve risultare perpendicolare alla superficie del tubo .2 .2 . w/4 3T.2. w14 Corpo del tubo 2T.2. direzione e posizione delle provette da prelevare da ciascun saggio perle prove meccaniche Prova Provette da prelevare da < 210 Diametro esterno in mm > 210 < 500 Tipo di tubo' ) Per ulteriori indicazioni > 500 vedere 8.2 . 4) Qualora. COW Piegamento Cordone di saldature ) 2W 2W 2W Schiacciamento Trazione Resilienza Charpy con intaglio a V Rottura mediante caduta di massai) Trazione Resilienza Charpy con intaglio a V Piegamento Vedere figura 4 1 L.2.4 8 . entrambi i cordoni di saldatura devono essere sottoposti alle prove.3 8.2 .2. a seguito di accordo (vedere 6 . w14 1T.3).5 8 . l'asse dell'intaglio deve venire a trovarsi in corrispondenza del centro del cordone di saldatura .2 .2 . è dato da: UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 33 di 54 .2.2.5 Trazione Resilienza Charpy con Cordone di saldature ) intaglio a V SAW COW HFW Saldato elicoidalmente [vedere figura 3 c)] SAW. w14 3T.2 . prospetto 18 Numero.3 8 .2.2 .2.2. 8.2 .2.2.2 .2. direzione e posizione delle provette (vedere la spiegazione dei simboli in figura 3) Senza saldatura [vedere figura 3 a)] Trazione Resilienza Charpy con intaglio a V Rottura mediante caduta di massa') Saldato longitudinalmente HFW. L'orientamento e le dimensioni della provetta devono rispondere a quanto di seguito indicato : Devono essere ottenute mediante lavorazione a macchina delle provette aventi la larghezza più ampia possibile compresa tra 10 e 5 mm [vedere figura 5 b)] .2 .2.2 .2 8 .2 .3 8 .3 Provette per la prova di resilienza Charpy con intaglio a V Le provette devono essere preparate in conformità alla EN 10045-1 [vedere anche figura 5 a)].2.2.2.2.2. SAW = saldato ad arco sommerso.3 8.2 .2 ..5 Cordone di saldatura 3W 2W 3WS 2WS 1 W 3W 2W MS 3WS 2WS 1 W 3W 2W 1WS 3WS 2WS Trazione Saldatura di giunzione Resilienza Charpy con delle estremità dei intaglio a V nastri Piegamento 1) HFW = saldato ad alta frequenza . del tubo necessario per ricavare provette trasversali. COW = saldato mediante combinazione di saldature .2 .4 8.2 .2 .. senza effettuare raddrizzamenti .2 8.3 8 .22 .2 . w14 8 .2.2 . w14 1T.2.

devono essere utilizzate delle provette longitudinali aventi la larghezza più ampia possibile compresa tra 10 e 5 mm .5 Provette per la prova di piegamento Le provette devono essere prelevate in conformità al prEN 910 ed alla figura 6 . Per i tubi aventi uno spessore > 20 mm le provette possono essere lavorate a macchina in modo da ottenere una sezione rettangolare con uno spessore di 19 mm .2 .2 . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 3 4 di 54 . Qualora non risulti possibile ottenere una provetta trasversale avente le dimensioni minime consentite. Il sovraspessore di saldatura deve essere eliminato da entrambi i lati .4 Provette per la prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) Le provette devono essere prelevate e preparate in conformità al prEN 10274 .2. trasversale rispetto alla saldatura) b) Larghezza della provetta (comprese le provette di dimensioni ridotte) [5 S w S 10] 8 .2 .2 .Dmin = (T-5) + 756.20 mm è obbligatorio ricavare delle provette curve comportanti l'intero spessore . 8 . Per i tubi aventi uno spessore :. trasversale.25 T -5 dove: T è lo spessore .2 . figura Posizione e larghezza delle provette per la prova di resilienza Dimensioni in mm a) Posizione delle provette (longitudinale.

3.2 .3.3.2 . 8 . in conformità alla EN 10045-1 .2 .5% nati nel corpo dei tubo .3 ..2 .2 .2 . Prova di resilienza La prova di resilienza deve essere effettuata a 0 0 0.3 Saggi per le prove macrografiche e metallografiche I saggi. È consentita l'analisi spettrografica .2.3 .) . il carico unitario di snervamento per un allungamento totale e l'allungamento percentuale dopo rottura (A) devono essere determidello 0. Leggere imperfezioni superficiali possono essere eliminate mediante molatura . Qualora vengano utilizzate altre lunghezze.2 .2 . per quanto applicabile .2 8 .1 Nota O Finchè gli esistenti regolamenti nazionali di progettazione specificano delle temperature di prova per la prova di resilienza e per la prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) differenti da quelle stabilite nella presente norma europea.3 8. 8.3 8 .65J dove S o è la sezione trasversale iniziale del tratto utile .2 . Nota 0 li valore di Rro. 8 . contenenti una sezione trasversale della saldatura.5 è considerato all'incirca equivalente al valore di ReH o di R. Tuttavia le prescrizioni della presente norma europea si basano sul principio che la prova di resilienza e la prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) vengano effettuate alla stessa temperatura. 8 ..3 .2 .5) . 2 entro la normale banda di dispersione dei risultati di prova Nella prova di trazione trasversale rispetto alla saldatura deve essere determinata soltanto la resistenza a trazione (RR.).2 .2 . In casi di contestazione il metodo da utilizzare per l'analisi di prodotto deve essere concordato.65/ deve essere determinato in conformità alla ISO 2566-1 . L'allungamento percentuale dopo rottura deve essere espresso con riferimento ad un tratto utile pari a 5.2 .1 Prova di trazione La prova di trazione deve essere eseguita secondo la EN 10002-1 .2 .2 8 .1 Metodi di prova Analisi chimica (analisi di prodotto) Gli elementi devono essere determinati in base ai metodi descritti nelle corrispondenti nome europee . La resistenza a trazione (R. UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 35 di 54 .2.2 . l'allungamento riferito ad un tratto utile di 5.6 Provette per la prova di schiacciamento Le provette devono essere prelevate in conformità alla EN 10233 . devono essere prelevati e preparati in conformità al prEN ISO 377.3 . 8 . figura 6 Provetta per la prova di piegamento Legenda 1 Saldatura Dimensioni in mm CO M 1 })`~ 150 L l 1) A meno che non vengano utilizzate provette lavorate a macchina (vedere le spiegazioni in 8. le necessarie varianti rispetto alla presente nonna europea possono essere concordate (vedere la nota al punto "introduzione") .

2 .2 . La prova di schiacciamento deve essere eseguita in tre fasi. La presenza di imperfezioni laminari o di bruciature del metallo non deve risultare visibile durante l'intera prova . una col fondo dello smusso di saldatura a diretto contatto col mandrino e l'altra con la faccia superiore della saldatura a diretto contatto col mandrino .6 .2. tranne che nella saldatura .3.2 8 . nella zona termicamente alterata o nella linea di fusione più lunghe di 3 mm e più profonde del 12.3 .6 8 .2 Nel caso in cui vengano utilizzate provette aventi una larghezza < 10 mm.2 . Le dimensioni del mandrino devono essere quelle indicate nel prospetto 5 per il corrispondente tipo di acciaio . devono essere indicati il valore di resilienza misurato (KVp) e l'area della sezione trasversale della provetta (S p ) in mm2 . in conformità a quanto previsto in 8 .3.3 .1) . non deve apparire alcuna apertura della saldatura . schiacciare fino ad 1/3 dei diametro esterno originario .2 . indipendentemente dalla loro profondità . nè b) presentare cricche o rotture nel metallo di saldatura estese per più di 3 mm in lunghezza. 8. misurata in corrispondenza dell'intaglio .5 . 8 .3 .5 8 .2 schiacciare fino a che le pareti opposte del tubo si toccano .2 . la provetta può essere accantonata e sostituita con una nuova provetta .3 .3 .2 . Entrambe le provette devono essere piegate di circa 180°. Qualora una frattura od una cricca in una provetta venga provocata da delle imperfezioni.4 Prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) La prova di rottura mediante caduta di massa (DWT) deve essere eseguita in conformità al prEN 10274.2 . non devono manifestarsi cricche o rotture.2 . Prova di piegamento La prova di piegamento deve essere eseguita in conformità al prEN 910 .2 . una delle due provette prelevate da entrambe le posizioni corrispondenti alle estremità del rotolo deve essere sottoposta a prova con la saldatura situata nella posizione "ore 12". Per consentire il confronto con le prescrizioni di cui ai prospetti 6 e 7 i valori di resilienza misurati devono essere convertiti nei valori di resilienza (KV) espressi in Joule (J) utilizzando la formula seguente : 8x10xKVp KV = Sp 8 . con i seguenti criteri di accettazione : schiacciare fino a 2/3 del diametro esterno originario.3.5% dello spessore prescritto. mentre le rimanenti due provette devono essere sottoposte a prova nella posizione "ore 3". Le provette non devono a) rompersi completamente . Le provette prelevate dalle estremità in corrispondenza delle interruzioni della saldatura devono essere sottoposte a prova solamente nella posizione "ore 3" .5 .1 Prova di schiacciamento La prova di schiacciamento deve essere eseguita secondo la EN 10233 .3 .3.2 . indipendentemente dalla loro profondità . La temperatura di prova deve essere 0 °C (vedere tuttavia la nota di 8 . In base a quanto indicato in figura 4. 8 . Le cricche che si manifestassero in corrispondenza dei bordi delle provette e che risultassero di lunghezza minore di 6 mm non devono costituire motivo di rifiuto in base a quanto previsto in b) e c). nè c) presentare cricche o rotture nel metallo base.6 .3 .3.2 .1 8. UNI EN 10208-2:1998 Pagina 3 6 di 54 .

la pressione di prova idrostatica non deve in alcun caso essere maggiore di: • • 8 . è il diametro esterno prescritto.2.8 . in mm 2 .tenuta stagna viene ottenuta sulla superficie d'estremità del tubo per mezzo di un pistone. Metodo A: Nei casi in cui la tenuta stagna ha luogo sul diametro esterno o sul diametro intemo del tubo va applicata la formula seguente: 20 x S x T min p= dove : p 8 . è lo spessore minimo prescritto. pari al 95% del carico unitario di snervamento minimo prescritto per il tipo di acciaio in questione (vedere anche la nota in 8 .3 .7 . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 37 di 54 . si sviluppa una sollecitazione longitudinale a compressione . In tali casi possono tuttavia aver luogo delle deformazioni plastiche. nel documento di controllo. Di conseguenza.1 Esame macrografico e metallografico Per i tubi SAW e COW l'allineamento dei cordoni di saldatura interno ed esterno [vedere figura 2 c)] deve essere verificato mediante esame macrografico .2 D è la pressione di prova idrostatica. in mm .8 8 . Nel caso in cui vengano utilizzati dei metodi alternativi. Ap D 2 T min dove : P.2. con riferimento allo spessore minimo prescritto del tubo.3 . in mm .8. è la sollecitazione.4 mm . Per i tubi HFW con trattamento termico del cordone di saldatura deve essere verificato mediante esame metallografico che l'intera zona termicamente alterata sia stata sottoposta a trattamento termico su tutto lo spessore . in N/mm2 . è l'area della sezione trasversale interna del tubo.2 .2 .2. Nota 250 bar per diametri esterni > 406. venga raggiunta una sollecitazione periferica pari al 95% del carico unitario di snervamento minimo prescritto per il corrispondente tipo di acciaio (vedere prospetto 5) .3 . = Ap A. in bar.2 • 8 . Ai Ap è la pressione di prova idrostatica.1 O 500 bar per diametri esterni 5 406. il controllo macrografico deve essere effettuato all'inizio della produzione di ciascuna dimensione di tubi (diametro e%o spessore) .1) . Può in aggiunta essere concordata una prova di durezza . è l'area della sezione trasversale della parete del tubo. in modo tale che.3 . in mm 2 . II metodo di calcolo per la determinazione della pressione di prova idrostatica necessaria per raggiungere una sollecitazione periferica pari al 95% dei carico unitario di snervamento minimo prescritto dipende dall'apparecchiatura utilizzata . Se non altrimenti concordato. Può essere concordata una sollecitazione periferica più elevata.2.2.3 . quali il controllo ultrasonoro . il fabbricante deve precisare.3 .7 .2. Mediante accordo possono essere utilizzati dei metodi alternativi. fino al 100% del carico unitario di snervamento minimo prescritto .4 mm .3 . Prova idrostatica La pressione di prova idrostatica deve essere calcolata in conformità a quanto indicato in 8. D S Tmin Metodo B: Nel caso in cui la. Per tenere conto di questa circostanza va applicata la formula seguente : PRxAR 10SP. La capacità di tali apparecchiature di rilevare il disallineamento deve essere dimostrata .8. in bar . 8 .3 .7 8 .2.8. quale dei seguenti metodi (A o B) è stato utilizzato .

8. Mediante accordo possono essere utilizzati altri dispositivi di misura riconosciuti . su tutta la superficie interna peri tubi di diametro esterno maggiore o uguale a 610 mm .5 . L'ovalizzazione (0) in per cento deve essere calcolata mediante la formula seguente : 0 = 100 dove : Dm . La superficie interna deve essere esaminata visivamente . in relazione al processo di fabbricazione .8).3 . in N/mm 2 . L'esame deve essere eseguito in condizioni di illuminazione sufficientis ) da personale addestrato in possesso di un'acuità visiva soddisfacente che consenta di verificare la conformità dei tubi alle prescrizioni di 7 . AR D pR S è l'area della sezione trasversale del pistone.1 O Controllo dimensionale Il diametro dei tubi deve essere misurato .10 .1) .3 .8 . Tmin 8 . mediante una sagoma disposta trasversalmente all'asse del tubo .3 La pressione di prova deve essere mantenuta per non meno di 10 s.da ciascuna estremità peri tubi di diametro esterno minore di 610 mm .3 .3 . in relazione alle prescrizioni di cui al prospetto 9 . X DmaxD 8. in mm.3 .2. 6) L'intensità luminosa dovrebbe essere dell'ordine di 300 Lux . ed i valori di pressione in funzione del tempo devono essere registrati nel caso dei tubi aventi diametri maggiori o uguali a 114. - 8.10 . in mm2 .10 . il punto duro (hard spot) deve essere eliminato .2 .10 8.8 . pari al 95% del carico unitario di snervamento minimo prescritto per il tipo di acciaio in questione (vedere anche la nota in 8 .2 . Dmin è il diametro esterno od interno minimo .3 mm .9 8 . in bar. se necessario (vedere 7 . è la pressione interna in corrispondenza del pistone di tenuta di estremità. la durezza in corrispondenza di tale area devono essere determinate in conformità alla EN 10003-1 od alla EN 10109-1 . è lo spessore minimo prescritto. ma indichi che le imperfezioni superficiali possano essere dovute ad un punto duro (hard spot). Qualora le dimensioni e la durezza risultino maggiori dei criteri di accettazione di 7 . 8 . Qualora questo esame non consenta di scoprire quali danneggiamenti meccanici siano la causa delle imperfezioni superficiali. La scelta del metodo di prova è lasciata a discrezione del fabbricante . La determinazione dell'ovalizzazione delle estremità dei tubi deve essere basata su corrispondenti misurazioni dei diametri interno od esterno.3 Lo scostamento massimo degli appiattimenti o dei picchi rispetto al contorno normale del tubo deve essere misurato : nel caso dei tubi saldati longitudinalmente.2 . Questa registrazione deve essere disponibile per l'esame da parte dell'incaricato del controllo .5 . è il diametro esterno prescritto. in mm . Per calcolare l'ovalizzazione del corpo del tubo i diametri esterno od interno massimo e minimo devono essere misurati entro lo stesso piano trasversale. è la sollecitazione.2. Esame visivo Ciascun tubo deve essere esaminato visivamente sull'intera superficie esterna .2 Dmin è il diametro esterno od interno massimo .5 .3 .2.3 . A discrezione del fabbricante può essere utilizzato un nastro circonferenziale oppure un calibro a corsoio .2 . le dimensioni della relativa area e. La superficie dei tubi saldati formati a freddo deve essere esaminata allo scopo di rilevare le variazioni geometriche nel contorno del tubo . UNI EN 10208-21998 Pagina 38 di 54 . D è il diametro esterno prescritto (oppure il corrispondente diametro interno calcolato a partire dal diametro esterno prescritto e dallo spessore) .

Riprove.3 mm : marcatura riportata su di una etichetta fissata al fascio oppure. iniziando in corrispondenza di un punto distante non meno di 150 mm da una estremità del tubo . ciascun tubo può essere marcato mediante verniciatura.4 9 9.2 . sulla superficie interna. In alternativa. b) per i tubi senza saldatura di tutte le altre dimensioni e per i tubi saldati aventi un diametro esterno minore di 406. 8 .3.1 . sulle piattine o sulle fascette di serraggio utilizzate per legare insieme il fascio .1 9 .1 MARCATURA DEI TUBI Marcatura generale La marcatura dei tubi deve includere almeno i seguenti dati : a) il nome od il marchio del fabbricante del tubo (X) .3). ma con un massimo di 200 mm . mediante una sagoma parallela all'asse del tubo .3 mm deve essere pesato separatamente . a discrezione del fabbricante . la marcatura obbligatoria deve essere applicata indelebilmente nel modo seguente : a) per diametri esterni del tubo minori o uguali a 48. se non altrimenti concordato . d) il tipo di tubo (S o W) . utilizzando una mascherina. Esempio: X EN 10208-2 L360MB S Y Z 9. c) per i tubi saldati aventi diametro esterno maggiore o uguale a 406. c) la designazione alfanumerica dell'acciaio .2 Tranne nel caso in cui venga concordata la marcatura mediante punzonatura (vedere 9 . b) il numero della parte della presente norma europea .4 mm : marcatura mediante verniciatura.6 devono essere utilizzati dei metodi idonei . in corrispondenza di una estremità. sulla superficie esterna. nel caso dei tubi saldati elicoidalmente. selezione e rilavorazione Per le riprove.1 . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 39 di 54 . iniziando in corrispondenza di un punto distante da 450 a 750 mm da un'estremità del tubo .3. e) il marchio dell'incaricato del controllo (Y) .1 .4 mm : marcatura mediante vemiciatura. f) un numero di identificazione che permetta la correlazione tra il prodotto o l'unità di fornitura ed il corrispondente documento di controllo (Z) . utilizzando una mascherina. Le sagome devono avere una lunghezza pari ad un quarto del diametro esterno prescritto.3 mm devono essere pesati singolarmente oppure in lotti idonei. I metodi da utilizzare sono lasciati a discrezione del fabbricante.11 8.2 .12 8 . Prove non distruttive Per le prove non distruttive vedere appendice D . Pesatura Ciascun tubo avente diametro esterno maggiore o uguale a 141.3 .2. la selezione e la rilavorazione si applicano le prescrizioni della EN 10021 .10. a discrezione dei fabbricante. - 8 . I tubi aventi diametro esterno minore di 141.4 U Per la verifica delle altre prescrizioni dimensionali e geometriche specificate in 7 . mediante verniciatura.2 . utilizzando una mascherina .

entro 150 mm a partire dall'estremità del tubo e ad almeno 25 mm dalla saldatura .1 .2 o Eventuali prescrizioni relative ad una marcatura addizionale oppure a posizioni particolari od a metodi di marcatura particolari devono essere oggetto di accordo .3 O La marcatura mediante punzonatura può essere utilizzata. Qualora venga applicato un rivestimento protettivo la marcatura deve essere leggibile dopo l'applicazione del rivestimento .4 9 . Marcatura speciale 9 . 9. a seguito di accordo. Qualora vengano richiesti dei tubi non protetti. ciò deve essere oggetto di accordo all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordine . 10 RIVESTIMENTO PROTETTIVO TEMPORANEO Se non altrimenti ordinato.1 . o UNI EN 10208-2:1998 Pagina 40 di 54 . i tubi devono essere forniti con un rivestimento esterno che li protegga dalla ruggine durante il trasporto . La marcatura mediante punzonatura a freddo (a temperature minori di 100 °C) delle lamiere/nastri o dei tubi non sottoposti a successivo trattamento termico è consentita soltanto se specificamente concordata e deve in tal caso essere praticata mediante punzoni arrotondati o smussati . oppure un particolare rivestimento esterno e%o interno.

. . . . L485 . . I gradi indicati come confrontabili possono tuttavia risultare differenti sotto altri punti di vista . . . . L415 . L450 . Tipo di acciaio secondo EN 10208-2 L245 . . . . L290. L555. Tipo di acciaio secondo ANSI/API 5L B X 42 X 52 X 60 X 65 X 70 X 80 UNI EN 10208-21998 Pagina 4 1 di 54 . . APPENDICE (informativa) A CORRISPONDENZA CON I GRADI DI ACCIAI API Il prospetto sotto riportato fornisce la corrispondenza tra i gradi di acciai definiti dalla presente norma europea ed i gradi similari della ANSI/API 5L (41 ma edizione) [2] . L360 . . tale corrispondenza è basata su di un confronto dei valori di carico unitario di snervamento . .

e per i tubi SAW e COW : risultati di prove meccaniche (compresi i risultati di prove di durezza sulla zona termicamente alterata) . procedimenti delle prove non distruttive delle lamiere o dei nastri. APPENDICE (normativa) B QUALIFICAZIONE DEL PROCESSO DI FABBRICAZIONE B. procedimento di prova idrostatica. per esempio nel caso di nuovi gradi di acciaio o di nuovi processi di fabbricazione. compreso il procedimento per le riparazioni mediante saldatura. compresi la preparazione dei bordi ed il controllo dell'allineamento e della forma. compreso il metodo di trattamento termico. b) per i tubi saldati : processo di fabbricazione delle lamiere o dei nastri. procedimento di trattamento termico del tubo. procedimento di trattamento termico del tubo .0 Nota introduttiva In casi particolari (per esempio prima fornitura oppure nuovi gradi di acciaio) il committente può. procedimento di produzione e di colata dell'acciaio. c) per i tubi senza saldatura : processo di formazione dei tubi . composizione chimica ricercata. prescrizioni sul procedimento di saldatura da utilizzare. compreso il trattamento termico del cordone di saldatura lungo la linea di produzione . analisi chimica del metallo d'apporto di saldatura .1 UNI EN 10208-2:1998 Pagina 4 2 di 54 . Tali indicazioni devono comprendere quanto segue: a) per tutti i tubi : produttore dell'acciaio. processo di formazione del tubo. Nei casi in cui non siano disponibili dei dati accettabili ricavati dalla precedente produzione. assieme alla precedente documentazione relativa all'idoneità del detto procedimento . procedimenti di prove non distruttive dei tubi . Caratteristiche del processo di fabbricazione Prima che la produzione inizi il fabbricante deve fornire al committente delle indicazioni riguardanti le caratteristiche principali del processo di fabbricazione . metallografia .2 . ove pertinente. B . nell'ordinare grossi quantitativi.1 e%o B . il committente ed il fabbricante possono concordare una qualificazione in conformità a quanto prescritto in B . Al riguardo devono essere presentati dati sufficienti del seguente tipo : per i tubi HFW : risultati di prove meccaniche per i tubi trattati termicamente sul cordone di saldatura. fabbricati a partire da nastri sottoposti a trattamento termomeccanico di laminazione (comprese le prove di durezza sulla zona termicamente alterata) . richiedere dei dati che dimostrino che le prescrizioni stabilite nella presente norma europea possono essere soddisfatte con il processo di fabbricazione prospettato .

UNI EN 10208-2:1998 Pagina 43 di 54 . B. Il committente può richiedere dei dati caratteristici riguardanti altre proprietà dei prodotto (per esempio la saldabilità) . La frequenza delle prove deve essere concordata .2 Prove di qualificazione del processo di fabbricazione Per la qualificazione del processo di fabbricazione le prove specificate in 8 devono essere effettuate all'inizio della produzione .

La molatura deve essere eseguita in modo tale che l'area riparata si raccordi gradualmente col profilo dei tubo . Nel caso dei tubi SAW e COW espansi a freddo non sono consentite riparazioni successive all'operazione di espansione a freddo .3 C . allo stato non espanso a freddo. coadiuvato ove necessario da idonei metodi di prove non distruttive . oppure a controllo radiografico in conformità a quanto prescritto in D .1 .3 .1 Trattamento delle imperfezioni superficiali [vedere 7 .5.3 a)] A discrezione del fabbricante le imperfezioni che non sono classificate come difetti possono essere lasciate nel tubo. C . È tuttavia consentito migliorare l'aspetto superficiale mediante molatura .4 . I difetti di saldatura separati da meno di 100 mm devono essere riparati mediante una singola operazione continua di riparazione della saldatura .5 . La lunghezza totale delle zone riparate su ciascuna saldatura del tubo è limitata al 5% della lunghezza totale dei cordone di saldatura . Ogni singola riparazione deve essere eseguita con un minimo di due strati/passate.5 . b) la parte del tubo contenente il difetto superficiale deve essere eliminata mediante taglio. Dopo la molatura lo spessore residuo nella zona molata deve essere controllato per verificare la rispondenza a quanto prescritto in 7 . APPENDICE (normativa) C TRATTAMENTO DELLE IMPERFEZIONI E DEI DIFETTI RIVELATI DALL'ESAME VISIVO C. Ogni tubo riparato deve inoltre.2 . Trattamenti dei difetti superficiali non riparabili [vedere 7 . su di una lunghezza minima di 50 mm . entro i limiti delle prescrizioni concernenti la lunghezza minima del tubo . UNI EN 10208-2:1998 Pagina 44 di 54 . Dopo la saldatura di riparazione tutta la zona riparata deve essere sottoposta a controllo ultrasonoro in conformità a quanto prescritto in D .4 Riparazione dei difetti mediante saldatura La riparazione mediante saldatura è consentita soltanto per la saldatura dei tubi SAW e COW. La saldatura di riparazione deve essere eseguita utilizzando un procedimento approvato e qualificato che.3 c)] I tubi che contengono difetti superficiali non riparabili devono subire uno dei trattamenti di seguito indicati : a) i difetti di saldatura nei tubi SAW e COW.5 .5 . devono essere riparati mediante saldatura in conformità a quanto prescritto in C . Trattamento dei difetti superficiali riparabili [vedere 7.5 .2. L'eliminazione completa dei difetti deve essere verificata mediante esame visivo locale. può essere basato sulle raccomandazioni della IC 2 . c) l'intero spezzone di tubo deve essere eliminato .3 b)] Tutti i difetti superficiali riparabili devono essere eliminati mediante molatura . senza riparazioni .6 .2 C .8. dopo la riparazione. nel caso degli acciai normalizzati o bonificati.3 . essere sottoposto a prova idrostatica in conformità a quanto prescritto in 8 .1.

a seconda dei casi.1 D PROVE NON DISTRUTTIVE Scopo e campo di applicazione La presente appendice stabilisce le prescrizioni inerenti alle prove non distruttive (PND) ed ai relativi livelli di accettazione . poichè in questo caso vi è equivalenza tra la densità di flusso e l'intensità di campo magnetico. Nota D. presso lo stabilimento del fabbricante.2. Un consuntivo di tali prove non distruttive è riportato nel prospetto D . In tal caso deve essere utilizzato un controllo ultrasonoro secondo il prEN 10246-17 . U Sequenza delle operazioni PND Se non altrimenti concordato. In corrispondenza della superficie di estremità o dello smusso del tubo. deve essere effettuato dopo la prova idrostatica.1 . e dei tubi HFW.1 D. dove 30 G = 30 Oe (nell'aria).2 D. UNI EN 10208-2:1998 Pagina 45 di 54 . La prova non distruttiva del cordone di saldatura dei tubi SAW e COW.3 Questa misurazione può anche essere effettuata in Oersted. utilizzando un flussometro tarato ad effetto Hall oppure un apparecchio di misura equivalente . vedere la nota appresso riportata . deve essere lasciata a discrezione del fabbricante . Prescrizioni generali relative alle prove non distruttive e criteri di accettazione Personale PND Per il personale PND vedere 6.2. La sequenza di tutte le altre operazioni PND specificate. in direzione parallela all'asse del tubo. La verifica della rispondenza a questa prescrizione deve essere effettuata solo mediante accordo .2. D. di diametro esterno maggiore o uguale a 200 mm. non deve risultare maggiore di 30 G (3 mT).1 . Le misurazioni per controllare la rispondenza a tale prescrizione devono essere effettuate a caso prima della spedizione dei tubi. APPENDICE (nòrmativa) D.4 o Imperfezioni laminari alle estremità dei tubi Entro 25 mm da ciascuna estremità del tubo non sono consentite imperfezioni laminari più estese di 6 mm in direzione circonferenziale .2 D.2. la prova non distruttiva del cordone di saldatura dei tubi HFW di diametro esterno minore di 200 mm e la prova non distruttiva della totalità del corpo dei tubi senza saldatura devono essere effettuati prima o dopo la prova idrostatica .2. Magnetismo residuo alle estremità dei tubi Il magnetismo residuo alle estremità di ciascun tubo.

vedere D .5. controlli a caso Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-17 . ove pertinente .4. livello di accettazione U3/C oppure. p < 0.5 . oppure metodo di taratura 'due lambda' (anche per la saldatura di giunzione delle estremità dei nastri per tubi saldati elicoidalmente) Controllo radiografico secondo prEN 10246-10 .2 D .5 .4 . livello di accettazione U2 D . o = prova da concordare per una prescrizione vincolante .2.3 D 4 . F2 oppure (mediante accordo per D < 250 mm .4.3 .1 D . livello di accettazione U3/C oppure.1 . livello di accettazione E2 Imperfezioni laminari nel corpo del tubo Imperfezioni laminari ai bordi del nastro o nella zona adiacente al cordone di saldatura o o Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-15.prospetto DA Consuntivo delle prove non distruttive ° Operazione PND Status della provai Tipo di controllo e prescrizione.1 . mediante accordo. mediante accordo. vedere D .2 D . segue nella pagina successiva UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 46 di 54 . U2/C oppure D .4 2 D . livello di accettazione 5 Riferimento Tubi senza saldatura e saldati 1 Magnetismo residuo alle estremità dei tubi Imperfezioni laminari alle estremità dei tubi Tubi senza saldatura 3 Imperfezioni longitudinali (comprese le estremità dei tubi.1 .5) m Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-7.1 D .2. U2/C oppure (mediante accordo per T< 10 mm) Controllo mediante flusso disperso secondo prEN 10246-5 .3 2 D . oppure secondo prEN 10246-14. livello di accettazione U2 Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-15 o prEN 10246-16 .1 m o Flussometro ad effetto Hall o apparecchio equivalente .4 D. limite di accettazion : 6 mm max. ove pertinente . T< 6 mm . livello di accettazione F3 oppure.. circonferenzialmente D . limiti di accettazione secondo quanto prescritto in D. livello di accettazione U2/U2H.2 . classe di qualità di immagine R1 . 30 Gauss/ Oersted max. F2 Tubi saldati ad alta frequenza 4 Imperfezioni longitudinali nella saldatura (comprese le estremità dei tubi.5..5 .5) m Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-7 oppure secondo prEN 10246-8 . livello di accettazione U2 . mediante accordo.1 .2 b (mediante accordo per T< 10 mm) Controllo mediante flusso disperso secondo prEN 10246-5 .2 a Tubi saldati ad arco sommerso/Tubi saldati mediante combinazione del procedimento di saldatura ad arco con elettrodo metallico in atmosfera di gas e del procedimento di saldatura ad arco sommerso 7 Imperfezioni longitudinali/trasversali nella saldatura m Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-9.3 m = obbligatorio .5 per i giunti a Tdi tubi saldati elicoidalmente Imperfezioni laminari nel corpo del tubo Imperfezioni laminari ai bordi del nastro o della lamiera o nella zona adiacente al cordone di saldatura o o Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-15 .18) Controllo mediante correnti parassite secondo prEN 10246-3 . livello di accettazione U2 D .2 . mediante accordo. livello di accettazione F3 oppure. livello di accettazione U2 Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-15 oppure secondo prEN 10246-16.3 D .

gli stessi parametri di prova e lo stesso livello di accettazione (profondità dell'intaglio di riferimento) utilizzati nel corso della prova che ha originariamente portato a classificare il tubo come sospetto .5 . gli stessi parametri di prova.1 . o = prova da concordare per una prescrizione vincolante .5. 0 .5.5 . per mezzo di qualsiasi metodo PND idoneo. oppure b) nel caso dei tubi senza saldatura HFW le estremità non sottoposte a prova devono essere sottoposte ad una prova manuale/semiautomatica utilizzando la stessa tecnica. livello di accettazione U21U2H oppure (se non altrimenti concordato) Controllo radiografico secondo prEN 10246-10. classe di qualità di immagine R1 (vedere D . la stessa sensibilità di prova. che le imperfezioni siano state eliminate totalmente.4. I N° 2 Operazione PND 3 Status della prova') 4 Tipo di controllo e prescrizione. Per la prova manuale mediante ultrasuoni la velocità di scansione non deve essere maggiore di 150 mm/s .2.5.2.5 Estremità dei tubi non sottoposte a prova È da mettere in evidenza che con molti dei procedimenti di operazioni PND automatiche specificate nella presente norma europea può esservi un breve tratto ad entrambe le estremità del tubo che non può essere sottoposto a prova .5) sulle imperfezioni longitudinali e Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-9 oppure controllo radiografico secondo prEN 10246-10 sulle imperfezioni trasversali . oppure c) nel caso dei tubi SAW e COW vanno applicate le prescrizioni di D . Ogni prova non distruttiva manuale applicata a zone localmente sospette (riparate o no) deve utilizzare la stessa sensibilità di prova. La riparazione mediante saldatura è consentita soltanto sulla saldatura dei tubi SAW e COW non espansi a freddo. UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 47 di 54 .4 .6 Tubi sospetti In tutti i casi i tubi che danno luogo ad indicazioni che producono un superamento della soglia di intervento e di allarme a seguito delle operazioni PND specificate devono essere considerati come sospetti .1 sulle imperfezioni longitudinali . Per le prove manuali la velocità di scansione non deve essere maggiore di 150 mm/s . livello di accettazione 5 Riferimento continua dalla pagina precedente 10 Controllo non distruttivo del cordone di saldatura alle estremità del tubo (estremità non sottoposte a prova) oppure nelle zone riparate m Controllo ultrasonoro secondo prEN 10246-9 in base alle prescrizioni di cui in D . D. D . In tali casi a) le estremità non sottoposte a prova devono essere eliminate .4 1) m = obbligatorio .4 vengano rispettate . limiti di accettazione secondo quanto prescritto in D . Qualora venga effettuata la riparazione mediante molatura deve essere verificato. I tubi sospetti devono essere trattati in conformità al punto "Accettazione" di cui alla corrispondente norma europea per le PND dei tubi. tranne nel caso in cui sia altrimenti stabilito nella presente norma europea . a condizione che le prescrizioni di C .5 .5 D . ecc . specificati nei corrispondenti punti della presente parte della EN 10208 ..

con livello di accettazione E2 . l'intera lunghezza del cordone di saldatura deve essere controllata utilizzando uno dei seguenti metodi : a) Per i tubi con uno spessore prescritto < 10 mm : il metodo mediante flusso disperso secondo prEN 10245-5.18: il metodo mediante correnti parassite (tecnica con bobina concentrica od a segmento) secondo prEN 10246-3. per mezzo di un controllo ultrasonoro che abbia luogo presso lo stabilimento. imperfezioni laminari singole o multiple che risultino superare il limite di accettazione U2 del prEN 10246-15 od il limite di accettazione U2 del prEN 10246-16 .2 • Imperfezioni laminari nel corpo del tubo Non sono consentiti entro il corpo del tubo imperfezioni laminari singole o multiple che risultino superare il limite di accettazione U2 del prEN 10246-15 od il limite di accettazione U2 del prEN 10246-14 . i tubi senza saldatura aventi uno spessore prescritto minore di 10 mm devono essere controllati utilizzando il metodo mediante flusso disperso secondo prEN 10246-5.4. D. con livello di accettazione F3 oppure.1 Prova non distruttiva dei tubi HFW Prova non distruttiva dei cordone di saldatura L'intera lunghezza del cordone di saldatura dei tubi saldati ad alta frequenza deve essere sottoposta a controllo ultrasonoro per il rilevamento delle imperfezioni longitudinali.1 O Prova non distruttiva dei tubi senza saldatura I tubi senza saldatura devono essere controllati mediante ultrasuoni per il rilevamento delle imperfezioni longitudinali in conformità al prEN 10246-7. in conformità al prEN 10246-14 con limite di accettazione U2 . Mediante accordo può essere adottato il livello di accettazione U2/C od U2. rispettivamente.1 . mediante accordo. secondo prEN 10246-7 oppure secondo prEN 10246-8. con livello di accettazione U3/C od U3. Imperfezioni laminari ai bordi del nastro o nelle zone adiacenti al cordone di saldatura Non sono consentiti. con un livello di accettazione U3/C oppure.4.3. uno spessore prescritto T < 6 mm ed un rapporto T/D < 0. oppure sul tubo saldato. rispettivamente . con livello di accettazione F3 oppure. La verifica della rispondenza a tale prescrizione deve essere eseguita soltanto mediante accordo. La verifica della rispondenza a tale prescrizione deve essere eseguita soltanto mediante accordo. In alternativa. a discrezione del fabbricante. a discrezione del fabbricante. In tal caso deve essere utilizzato un controllo ultrasonoro che abbia luogo presso lo stabilimento. mediante accordo.3 D. O D. In alternativa.4. mediante accordo.4. in conformità al prEN 10246-16 con limite di accettazione U2 . U2/C . F2 . in conformità al prEN 10246-15 con limite di accettazione U2. entro una zona larga 15 mm lungo entrambi i bordi longitudinali del nastro oppure nelle zone adiacenti al cordone di saldatura. oppure dopo la saldatura. D. mediante accordo. D.4.3 . a discrezione del fabbricante. in conformità al prEN 10246-15 con limite di accettazione U2.12 o • D. mediante accordo.3 • UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 4 8 di 54 . sul prodotto piano prima della saldatura. F2 . nella zona adiacente al cordone di saldatura. prima della saldatura dei bordi del nastro.2 O DA D. b) Per i tubi con un diametro esterno D < 250 mm.1 D.

5 e con i limiti di accettazione ivi previsti .5 D .5 . L'ampiezza totale del segnale proveniente da ciascuno di tali intagli deve essere utilizzata per predisporre la soglia di intervento e di allarme dell'apparecchiatura .5 . in modo da dar luogo a risposte separate di segnale ultrasonoro chiaramente identificabili . orientati ad angolo retto rispetto al cordone di saldatura e centrati su di esso . che viene calcolata mediante la formula seguente : Lunghezza d'onda = Velocità degli ultrasuoni (tr) Frequenza ultrasonora O (per esempio. per una frequenza di prova di 4 MHz la lunghezza d'onda risulta di 0.1 . Gli intagli devono essere sufficientemente separati l'uno dall'altro in direzione longitudinale. I giunti a T ove le estremità della saldatura di giunzione del nastro incontrano il cordone della saldatura primaria devono inoltre essere sottoposti a controllo radiografico in conformità a quanto prescritto in D . D. D .2 Imperfezioni laminari nel corpo del tubo Non sono consentiti entro il corpo del tubo imperfezioni laminari singole o multiple che risultino superare il limite di accettazione U2 di cui al prEN 10246-15 . ìn conformità al prEN 10246-15 con livello di accettazione U2 . D .1 .1 Controllo non distruttivo dei tubi SAW e COW Controllo con ultrasuoni delle imperfezioni longitudinali e trasversali nel cordone di saldatura L'intera lunghezza del cordone di saldatura dei tubi SAW e COW deve essere sottoposta a controllo ultrasonoro per il rilevamento delle imperfezioni longitudinali e trasversali in conformità al prEN 10246-9 con livello di accettazione U2/U2 H.1 D. In questo caso (conosciuto come metodo "due lambda") la profondità degli intagli deve risultare pari a due volte la lunghezza d'onda corrispondente alla frequenza ultrasonora utilizzata. d) In alternativa all'utilizzazione.5 . nonchè rispetto ad altri sovraspessori di saldatura.6 mm) .5 . a) La massima profondità dell'intaglio deve essere 2.0 mm. per la taratura dell'apparecchiatura. b) Non è consentita l'utilizzazione.2 Per i tubi saldati elicoidalmente l'intera lunghezza della saldatura di giunzione delle estremità dei nastri deve essere sottoposta ad un controllo ultrasonoro utilizzando la stessa sensibilità di prova mediante ultrasuoni e gli stessi parametri ultrasonori utilizzati per il cordone della saldatura elicoidale primaria. nelle vicinanze immediate e da entrambi i lati degli intagli di riferimento . utilizzare intagli interni ed esterni di profondità fissa ed aumentare la sensibilità di prova per mezzo di dispositivi elettronici (e cioè aumento dei dB) . a discrezione del fabbricante. di intagli con livello di accettazione U2.5 . L'aumento di sensibilità di prova richiesto deve essere stabilito in funzione dello spessore del tubo ed il fabbricante deve dimostrare al committente in modo soddisfacente che la sensibilità di prova raggiunta è sostanzialmente equivalente a quella ottenuta utilizzando intagli con livello di accettazione U2 . in quest'ultimo caso. La verifica della rispondenza a tale prescrizione deve essere eseguita soltanto mediante accordo . tenendo conto delle varianti di seguito indicate da a) ad e) . O UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 49 di 54 . di intagli longitudinali interni ed esterni situati in corrispondenza del centro del cordone di saldatura .1 . In tal caso sia il sovraspessore di saldatura interno che quello esterno devono essere molati fino ad ottenere una superficie liscia continua rispetto al contorno del tubo di base.4 per risottoporre a prova le zone sospette . In tal caso deve essere utilizzato un controllo ultrasonoro che abbia luogo presso lo stabilimento di produzione delle lamiere oppure presso lo stabilimento di fabbricazione dei tubi . mediante accordo. per la taratura dell'apparecchiatura. in conformità a quanto prescritto in D .5 . è consentito.5 . e cioè profondità dell'intaglio = 1. e) Il fabbricante può utilizzare uno dei metodi descritti in D .8 mm.1 . c) In alternativa all'utilizzazione del foro di riferimento per la taratura dell'apparecchiatura per il rilevamento di imperfezioni trasversali è consentito utilizzare intagli interni ed esterni con livello di accettazione U2. il controllo deve aver luogo sul prodotto piano prima della saldatura oppure sul tubo.

imperfezioni laminari singole o multiple che risultino superare il livello di accettazione U2 di cui al prEN 10246-15 od il livello di accettazione U2 di cui al prEN 10246-16 . con schermo di piombo . la velocità di scansione non deve essere maggiore di 150 mm/s . Mediante accordo sono consentiti metodi fluoroscopici. una prova ultrasonora manuale/semiautomatica utilizzando gli stessi parametri di prova e la stessa sensibilità di prova specificati in D . nelle zone adiacenti al cordone di saldatura.1 Controllo radiografico del cordone di saldatura Ove applicabile. dopo la saldatura. In tal caso deve essere utilizzato un controllo ultrasonoro che abbia luogo. utilizzando pellicole a grana fine e con contrasto elevato diretto. nelle condizioni di seguito indicate da a) a c) : a) le prescrizioni di sensibilità indicate nel prospetto D . il controllo radiografico del cordone di saldatura deve essere effettuato secondo prEN 10246-10 con classe di qualità di immagine R1.3 o Imperfezioni laminari ai bordi del nastro o della lamiera nella zona adiacente al cordone di saldatura Non sono consentiti. b) per il rilevamento delle imperfezioni trasversali.5. in conformità al prEN 10246-15 con livello di accettazione U2. mediante accordo. La verifica della rispondenza a tale prescrizione deve essere eseguita soltanto mediante accordo .5 . a discrezione del fabbricante.1.5 .1.5 .5 e che venga ottenuto il massimo contrasto per il tipo di pellicola utilizzata .5.1 . a discrezione del fabbricante. un controllo radiografico in conformità a quanto prescritto in D . Qualora venga effettuata una prova manuale mediante ultrasuoni. • • UNI EN 10208-2:1998 Pagina 50 di 54 .5 D . b) devono essere utilizzate soltanto radiazioni X.5 .5 . D.5. se non altrimenti concordato. oppure. oppure presso lo stabilimento di fabbricazione dei tubi.5 . lungo i bordi trasversali del nastro oppure nelle zone adiacenti alla saldatura di testa.5 .4 • D .0 e deve essere scelta in modo tale che la densità inerente alla parte più spessa dei cordone di saldatura non risulti minore di 1. ma soltanto quando il fabbricante sia in grado di dimostrare l'equivalenza con la tecnica ai raggi X mediante pellicola . in conformità al prEN 10246-16 con livello di accettazione U2 . nel caso dei tubi saldati elicoidalmente.5. c) la densità della radiografia non deve essere minore di 2. entro una zona larga 15 mm lungo entrambi i bordi longitudinali del nastro oppure nelle zone adiacenti al cordone di saldatura e.4) devono essere sottoposti alle seguenti prove : a) per il rilevamento delle imperfezioni longitudinali. oppure un controllo radiografico in conformità a quanto prescritto in D. una prova ultrasonora manuale o semiautomatica utilizzando gli stessi parametri di prova e la stessa sensibilità di prova specificati in D . utilizzando un penetrametro a foro che risulti equivalente .2 con riferimento al materiale di base devono essere verificate utilizzando il penetrametro a filo ISO dalla ISO 1027 oppure.1 . presso lo stabilimento di produzione delle lamiere oppure presso lo stabilimento di fabbricazione dei tubi prima della saldatura dei bordi del nastro o della lamiera. Prova non distruttiva del cordone di saldatura alle estremità dei tubi e nelle zone riparate Il tratto del cordone di saldatura in corrispondenza delle estremità dei tubi che non può essere controllato con l'apparecchiatura ultrasonora automatica e le zone riparate del cordone di saldatura (vedere C . D.

lungo qualsiasi tratto di cordone di saldatura di lunghezza pari a 150 mm od a 12 T(prendendo il minore dei due valori).0 mm o di 0. quando la separazione tra le singole inclusioni risulta minore di 4 T.50 0. classe di qualità di immagine R1. c) le inclusioni di scoria singole sviluppate in lunghezza ed aventi una lunghezza fino a 12.5.40 D. 'l UNI EN 10208-2:1998 Pagina 51 di 54 .4). sono accettabili .5 T(prendendo il minore dei due valori). di qualsiasi lunghezza e profondità.0 mm.63 0. oppure il tubo deve essere eliminato.16 0. in conformità al prEN 10246-10 n Spessore mm maggiore di 4.52 I limiti di accettazione inerenti al controllo radiografico del cordone di saldatura devono rispondere a quanto di seguito indicato da a) ad 0: a) non sono accettabili le cricche.80 1. Le incisioni marginali singole di lunghezza massima pari a T/2. quando la separazione tra le singole inclusioni risulta minore di 4T. non deve risultare maggiore di 12.40 0.0 mm o fino a 1 T(prendendo il minore dei due valori). La somma dei diametri di tutte le predette imperfezioni singole consentite. La massima lunghezza complessiva di tutte le predette imperfezioni singole consentite. che coincidano in senso longitudinale sullo stesso lato della saldatura. non deve risultare maggiore di 6.5 10 16 25 32 fino a 10 16 25 32 40 Visibilità richiesta per un foro di diametro mm 0.0 mm o fino a T/3 (T= spessore prescritto) (prendendo il minore di due valori). una penetrazione incompleta oppure una mancanza di fusione. che abbiano una profondità massima di 0. sono accettabili .8 mm e non risultino più profonde del 10% dello spessore prescritto sono accettabili. b) le inclusioni circolari di scoria isolate e le soffiature circolari isolate di diametro fino a 3.25 0. e) tutte le incisioni marginali che superino i predetti valori limite devono essere riparate (vedere C .6 mm. non sono accettabili .2 Prescrizioni di sensibilità per il controllo radiografico. lungo qualsiasi tratto di cordone di saldatura di lunghezza pari a 150 mm od a 12 T(prendendo il minore dei due valori).00 per un filo di diametro mm 0.20 0.4 mm sono accettabili . oppure la zona sospetta deve essere eliminata. d) le incisioni marginali singole di qualsiasi lunghezza aventi una profondità massima di 0.32 0. e che tutti i predetti avvallamenti siano riparati . a condizione che non risultino presenti più di due di tali incisioni marginali lungo qualsiasi tratto di cordone di saldatura di lunghezza pari a 300 mm. oppure aventi una larghezza fino a 1. f) eventuali incisioni marginali sulle passate interna ed esterna del cordone di saldatura. prospetto D.

Arlington. 13 pagine. 1 aprile 1995 Demofonti. . 41 m a edizione. G . 7 figure. Vogt. D . Texas (1993-09-26/29) . 1515 Wilson Boulevard. Virginia 22209 USA] UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 5 2 di 54 . . Re. .G . G .Tubi di acciaio per condotte . APPENDICE (informativa) E BIBLIOGRAFIA 111 [2] [3] ISO/DIS 3183-2 : Industrie del petrolio e del gas naturale .Condizioni tecniche di fornitura . G . . G . Order and Billing Department. 5L : Prescrizioni per i tubi per condotte . Norma ANSI/API Spec. : Raccomandazioni EPRG riguardanti la tenacità d'arresto delle cricche per acciai ad elevata resistenza per tubi per condotte Documento presentato dallo European Pipeline Research Group (EPRG) all'ottavo Simposio sulla ricerca nel campo dei tubi per condotte . 3 prospetti [Da ordinare a: American Gas Association. Houston. Pistone. Jones.Tubi della classe di prescrizione B American National Standard.

UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 53 di 54 .

Tel. PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI Milano (sede) Via Battistotti Sassi. 118 20133 Milano. 58 .Tel .unicei .unicei .it Via delle Colonnelle.95126 Catania .40068 San Lazzaro di Savena (BO) .36100 Vicenza .Tel.18 .70010 Valenzano (BA) .Fax (051) 6257650 do AQM Via Lithos.Fax (02) 70105992 Intemet w ww.Tel. Giovanni al Natisone (UD) .E mail : diffusione@uni .Fax (0422) 608866 do CATAS Via Antica. 165 -10127 Torino .20133 Milano . (0187) 728225 . (080) 8770301 . (095) 445977 .Tel .T .80143 Napoli .25086 Rezzato (BS) .Tel. (06) 69923074 . Italia La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci.31020 Lancenigo di Villorba (TV) . 22 .Legge 22 aprile 1941 N° 633 e successivi aggiornamenti .09126 Cagliari .Tel .Fax (080) 8770553 do CERMET Via A .Fax (085) 61487 do Centro Estero Camere Commercio Piemontesi Via Ventimiglia.50123 Firenze . (0422) 608856 .Tel . (02) 70024200 .Tel.33048 S .Fax (06) 6991604 Email : uni. (011) 6700511 . 2 .Fax (0444) 545573 Roma Bari Bologna Brescia Cagliari Catania Firenze La Spezia Napoli Pescara Tomo Treviso Udine Vicenza UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi.Tel.Tel .Fax (0187) 777961 do Consorzio Napoli Ricerche Corso Meridionale. (081) 5537106 . (055) 2707268 .Tel.Tel .Fax (070) 34996306 do C .F. SICILIA Piazza Buonarroti.Fax (011) 6965456 do Treviso Tecnologia Via Roma. 9 .00186 Roma . 4/D .Fax (081) 5537112 do Azienda Speciale Innovazione Promozione ASIP Via Conte di Ruvo.Fax (0432) 747250 do Associazione Industriali Provincia di Vicenza Corso Palladio.65127 Pescara .Tel . 15 .Fax (095) 446707 do Associazione Industriali Provincia di Firenze Via Valfonda. (0444) 232794 . (030) 2590656 -Fax (030) 2590659 do Centro Servizi Promozionali per le Imprese Viale Diaz. 22 . 11 B . (070) 349961 . Promozione e Sviluppo Piazza Europa. Riproduzione vietata .i t . 53 . (0432) 747211 .Fax (055) 2707204 do La Spezia Euroinformazione. 14 . (051) 6250260 . (085) 61207 . dell'Industria e dei Ministeri .Tel .inetit do Tecnopolis CSATA Novus Ortus Strada Provinciale Casamassima . 221 . Moro. 16 -19124 La Spezia . UNI EN 10208-2 :1998 Pagina 54 di 54 .roma@unil .

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->