Sei sulla pagina 1di 10

Circolo Nuraghe, FASI, Regione Sardegna, Comune di Fiorano, Comune di Maranello

Giornata della Poesia, edizione 2011 Fiorano Modenese 3 Dicembre 2011 ore 17,30
Con la partecipazione degli autori: Gigi Angeli (Sardegna) Emilio Rentocchini (Emilia Romagna) Rafael Prugger (Ladino)

Letture di Rafael Prugger Lingua: ladino, variante gardenese


La tentazion de Sant Antone I ruva adalerch zapan sun n uluch, falusc elafonc ala zibla sbingan semea aranies sun croces balan te linges pra troi sun sablon da paluch. Fii scialdi sutii cun sainsom ciampanii, mascin de marueia, penic dala mueia, alauta cialde la ve cherda cun ueia: tortli salansei y chelesc da giuei. Ciavei drt da temi cun na lnga lizia se mponta dan su al Sant bel desnut che mpo uel tlup n ciof nia destlin. Permez ala jnt che m dila se cruzia, puere pitli dalonc trabunii tl uet, l idealist ie, danz, purmp sprigul. Traduzione letterale:

La tentazione di Santo Antonio


Arrivano camminando sul velluto, elefanti fallaci al limite dondolando sembrano ragni in bilico su stampelle in fila lungo il sentiero sulle sabbie mobili. Fili molto sottili con in cima campanili macchina meravigliosa, telaio del rincrescimento guardate in alto, lei vi invita con desiderio: riccioli sciacquati e calici ingemmati. Cavalli terrificanti con una lingua liscia si impennano davanti al Santo nudo che vuole cogliere un fiore non ancora scompigliato. Rispetto alla gente che si occupa di se stessa, poveri piccoli smarriti lontano nel vuoto, lidealista , purtroppo, comunque spaventato.

Mi camejot tacadic Na tacia de linus blanda mi camejot, lunan da viere it, lora m vnt dlaci, sent sun mi lerch, tres calon sons ciaci. L taca da redus, ju da l rampin agut. Dedite, laurit bel mujel dut arneghea mescededa cun bon tofs da mai ass nublida cun pultrec, zizules, canap. n strevi l caf, la mania nsangheda. Pernanch da porta it air fiers marjonjer l cufer ros pesoch, sura mi c sun curona. Mi camejot tacadic tlo se deschujer. I s che n in chsta gran aurit, dlonch ora tuni ozean, dedite o dedora segur stlefer permez alautorit. Traduzione letterale

La mia giacca collosa


Una macchia di luce bagna la mia giacca, proviene dalla finestra, fuori solo vento gelido seduto al mio posto, sospinto nella colonna, appesa a rovescio alluncino appuntito. Allinterno, la verit morbidamente annega tutto Miscelata con profumi dellabbondanza Nobilitata con foto, arzigogoli e divani. Adesso rovescio il caff, manica insanguinata. Appena laria calda dalla porta mi giunger La valigia marrone pesante, sul ripiano sopra la mia testa La mia giacca collosa qui si scucir. Io so che adesso nuovamente questa grande verit Dappertutto in ogni oceano, interno od esterno sicuramente si scontrer con lautorit.

2-11-2008/Scul peton (hommage a Franz S.) In min de mud l culur dl ciel Ten permez giut ass, tr bel l penel Chl egoism da uem de Rimbaud da junn Znza gheneda la fam, chla de Dylan De Ork la liedia man, avisa cun si vision. Do misa ite sent a cart n pea Minonghes a ndrez, i bagatelisea D via bel bret tla lases, mei vester da zoh Blanch o fosch, nsnies, possa m un bieh La regules plu beles ie chles dl scioh. Min che l ie ass nia f pea I lasc inant zaperl, no ten la scela Stuep de pluia tumeda sun fonz nia bland Film de natriza maleda, cial pro sgrici Liede da Atlantida, da duc tan mbinci. L fuech ie destud n, fiers ie mo l buri Chi tol pa ju larpejon, restel pa mo zachei Che ie conseguent ass nchin a rest sul Znza nse lasc cumand, nrass ariciul Cun ideies stersces da scribl peton tres l chul. Traduzione

2-11-2008/Frantumare i massi (dedicato a Franz S.)


Credere di nuovo di cambiare colore al cielo Resistere a lungo, stendere la vernice con cura Legoismo sfrontato del giovane Rimbaud Linarrestabile sensazione di fame di Dylan La mano libera di Orc guida con visione. Seduto al tavolo a giocare con gli altri Tentare compromessi senza forzare Parlare liberamente addosso ai calvi, mai brutale Il bianco o il nero, ci insegni, si pu solo sporcare Le regole migliori sono quelle degli scacchi. Credere che basti non partecipare Tenerli sospesi, non approvare Polvere di pioggia caduta su terra asciutta Film di unattrice malata, visto con ribrezzo Libero da Atlantide, da tutti desiderata. Il fuoco ormai spento, la brace scotta ancora Chi si accoller leredit, rimane qualcuno? Che coerente fino alla solitudine Senza farsi manovrare, ostinato assai Con idee forti da frantumare i massi. 4

n uel duc zeche da me (I'm not there) Ne uei nia sent danca per prim Jnt do me che scoa ite l fulim Vester sun stangia per defnder mi lim Da chi che pertnd n dut defin. Ne uei nia svai daniura plu adaut Apust, crauni y for rujen dant Chi achiet bujn dl ciaut Degun filosof n n amplificant. Ne uei nia mai znza avi fam Cun crianza ciari do la sciadon Rujen sun butla y d de cumedon Cuin la desnudes tenian duc adum. n uel duc zeche da m n tuchssi ald da mastil Duc aspieta less da inier Ma l vnter zanca y mina restier. Ne uei nia me lasc n avis L fundamnt uei lasc tum Rujen sinzier znza tan pens L suenn dssa me arlev. Traduzione letterale:

Adesso tutti si aspettano qualcosa da me


Non voglio sedere in prima fila Gente dietro che raccoglie lo sporco Essere in bilico per difendere i miei confini Da coloro che pretendono tutto subito. Non voglio urlare sempre pi forte Ordinare, sgridare e spiegare I silenziosi necessitano di calore Nessun filosofo usa lamplificatore. Non voglio mangiare senza fame Usare il cucchiaio con educazione Parlare con astuzia di menzogne Schernire tutti insieme donne nude. Adesso tutti si aspettano qualcosa da me Dovrei comportarmi come loro Tutti stanno aspettando sin da ieri Ma il ventre si ribella e si oppone.

Non voglio adesso farmi guidare Voglio scartare la ragione Parlare con franchezza senza riflettere Che il sogno mi possa sollevare. Scaramaic custumei Tes aud scaramaic custumei fin tl miol in bater la mans a svaions dac inant. Fundamnc snuzei dant che mpifa tl col, bel fac itcun daun ma pitei via debant. Tes ud gran blasons sura tc y verzons, mefun viertles de drap de n mont bel pass. N reclam ntussi mustr dant sun berdons. Giaudiamnt jit mprns bluch su nrass. Stl i udli mujel, te lasc cun biadum svatui ncantur, desluf tl ngian; tu nevic, ches ment per pudei te ncias. Ti pensier danterlums se mescida adum, vighes it che m sce deditora crescian na tel gran mudazion unir a se l d. Traduzione letterale

Marionette ammaestrate
Hai udito marionette ammaestrate fino allosso applaudire urlatori riciclati. Strozzano in gola ragionamenti eruttati incartati di futuro ma offerti senza costo. Hai visto enormi stemmi su tetti e giardini scuse tessute di un mondo passato avvelenata reclam ostentata su stracci godimento cagliato ribollire di odio. Chiudi gli occhi dolcemente, lasciati beato fluttuare, rilassato nellinganno; tu sposo, che menti per poterti accasare. Il tuo pensiero la sera si dissolve e ti accorgi che solo se cresce da dentro quel grande cambiamento potr avvenire.

I dis cun/znza t I dis che te sntes cun m pra misa canche adum maion nosta spisa la sires che te lures te majon cul computer canche la fertuna ne pudssa junt auter Mi corp stlopa suaut, mi fui smacia termnt, mi butla romp ora adaut. I dis che la nibles se cria de uet canche tu ies in dalonc da mi liet l mumnt che l cianta: ne son nia i canche mussssi avi blita ass Mi corp jeta n sanch, mi vnter mina ora sterch, mi spinel se sfnd adalerch. Traduzione letterale

I giorni con/senza te
I giorni che ti siedi con me a tavola Quando insieme mangiamo il nostro cibo Le sere che lavori in camera la computer Quando la fortuna non potrebbe aggiungere altro Il mio corpo esplode Il mio fegato corrode La mia vescica prorompe I giorni che le nuvole si caricano di vuoto Quando sei lontana del mio letto Nel momento in cui lui canta: non sono io Quando dovrei essere libero Il mio corpo erutta Il mio ventre deflagra La mia schiena si fende.

For in jufa (ncie sce mude cianel) n iel in jufa te fana sun misa Do banch ite me cufe cuntnt pra la jufa La pisa chsta jufa, che da smauz tofa Tosc bria mi jenodli da tant che la druca Arsian for plu sot nostana tan lisa. Bel plan tr la sida, nia massa invia Mescida la jufa nchin che la stufa Regor n plu tocia, sul rispl - juflusa, Dlot ite pustomes, cur pro la poejia Bl ciafes de jufa che strfla y mpifa. La jufa mo tiebia sun misa te cla La trifa te fejela znza crianza, La stn n la raspa, ti man rafa da zonfa Y te resta sci jufa: m chla da mufa. Mostro de mafia vie ca che te ciufe. Dlonch ora jufa dala medemura Condles de jufa jeta ju cansles Che spriza tla urdles, tla runfles di uedli njiniedes da crafla cun ciotes da sgrinfles. Destuda debota, diaul! Mina pu ju Scherzo intraducibile

Ini Banderlan ncantur, fr ti ciantons. Chsta berca tisa plu navisons. Nfraidida lega, rot l motur, surdl smar l dr culur y gonfs svatuieia petan sprizons. I d tres dassira la usc di strions: N rustl senester se tacherons! Sciautrsc Spina de Mul furn da seniur, banderlan ncantur. Laur su da ciarbon, cla a ti mans. Juda pro, tiza it, for a ventrons. Che tebes io trica a f ti lur, segur no n aniel tn l celur y deguni nuel d che ini ne ruvons, banderlan ncantur. Traduzione letterale

Da nessuna parte
Girovagando, urtare gli angoli Questa barca ebbra pi non guidiamo Marcia lacqua, guasto il motore, il sole ha scolorito il giusto colore e le onde sbattono con violenza Trasmettono la sera la voce degli stregoni: Un morbillo terribile presto ci contagia! Spaventa Spina de Mul 1 vestito da signore, girovagando. Sporco di carbone, osserva le tue mani collabora, alimenta il fuoco, disteso prono Abbi sempre ansia facendo il tuo lavoro Non un agnello chi ti regge il soffitto E nessuno vuole dire che non arriviamo da nessuna parte, girovagando.

figura spaventosa della mitologia ladina dolomitica L Reiam de Fanes.

Breve profilo dellautore Rafael Prugger Collaboratore in passato delle riviste L Brunsin e La Usc di Ladins. Nel 2001 pubblica il primo racconto in ladino standard Perchel jola i corfs tant aut. Nel 2009 si qualifica con il Diploma di Merito al concorso nazionale per lingue minoritarie Mendrnze n poejia. Nel 2010 stato invitato dalla Union di Ladins a presentare i suoi testi ad una serata letteraria. Ha studiato a Padova, a Milano e in California. Attualmente lavora a Milano nel campo della ricerca scientifica. Contatto: rapru@teletu.it Sito con la raccolta dei suoi testi: http://www.scribd.com/Rafael_Pru

10