Sei sulla pagina 1di 4

Delacroix, La furia di Medea, 1838, olio su tela, cm 260x 165, Lille, muse De Beaux-Arts

Eugne Delacroix (17981863), pittore francese, fu uno straordinario disegnatore e un prodigioso colorista. Come si visto fin dagli esordi, limmaginazione figurativa di Delacroix era catturata allo stesso tempo da un ampio ventaglio di temi. Nellestate del 1836 Delacroix decide di affrontare questo argomento sempre in concomitanza con altri temi. Delacroix ha dentro di s la consapevolezza di essere lerede della tradizione classica. Con Medea, Delacroix avvia una nuova riflessione sullAntico, non pi inteso come paradigma sicuro di norme equilibranti, ma come momento originale della cultura occidentale, carico di tutte quelle passioni e contraddizioni che il mito ha trasmesso nel tempo, fino alla modernit. La storia di Medea tradita e abbandonata da Giasone, capo degli Argonauti, dopo averlo aiutato a conquistare il vello doro e pronta a vendicarsi dei suoi figli, si tinge ora di uninedita drammaticit, aspetto che gi allepoca fu colto da tutta la critica. Limmagine di Delacroix punta sulla rappresentazione, profondamente umana, del travaglio psichico della protagonista, della follia che attraversa la sua mente prima della tragedia. Per questo la fonte e gli occhi spiritati sono in ombra, nel buio della ragione, cos come il movimento delle gambe rivela latteggiamento inconsulto che, come una fiera, la porta nascondersi nella grotta per compiere il misfatto. Vi tuttavia nel corpo luminoso e tornito e nel profilo statuario un carattere monumentale, che offre una dimensione archetipica dellevento. Il pittore coglie limmagine proprio nel momento pi drammatico e cio mentre sta per uccidere i figli. Infatti nel dipinto possiamo notare il pugnale, impugnato nella mano sinistra, che sta per essere utilizzato per il suo scopo. Lo spettatore nellosservare questo dipinto viene pervaso da un sentimento di piet e di sgomento per ci che sta accadendo. Lartista accentua molto la drammaticit dellevento grazie allutilizzo di questi colori cos freddi. Le tonalit di colore della tela assomigliano molto ai colori che usavano e utilizzavano i veneziani e infatti Delacroix prende spunto da questa scuola e riesce ad arrivare ad un armonia di accordi e a una potenza di toni meravigliosa.

Il volto di Medea pervaso da una forte carica di odio e di rancore verso la persona amata. Il volto dei figli pervaso dalla paura perch sono consapevoli di ci che sta per accadere. Uno dei due fanciulli guarda verso lo spettatore ed come se volesse entrare in contatto con esso per poter chiedere aiuto. Le tre figure umane nude formano una specie di piramide animata, colpita da una luce obliqua che penetra nella grotta in cui Medea si nascosta. Questopera stata presentata al Salon nel 1838 e fu acquistata dal governo per il Museo di Lille. Anche se il dipinto viene presto acquistato dallo Stato, Delacroix rimane deluso quando viene a sapere che stato inviato al Museo delle Belle Arti di Lille, perch vorrebbe che fosse esposto alla Galleria di Lussemburgo insieme a La barca di Dante e Il massacro di Scio. Il grande successo ottenuto da Medea, soggetto caro e frequentato dal pubblico, spinse Delacroix a realizzare diverse repliche del dipinto. La pi nota la versione del 1862 acquistata dal finanziere e magnate delle ferrovie Emile Pereire. Oggi questa copia si trova al Museo del Louvre. Successivamente Cezanne si rifar al capolavoro di Delacroix per dipingere il soggetto di Medea.

CEZANNE