Sei sulla pagina 1di 16

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

TESTI: LA MIA GRANDE FAMIGLIA


LA FAMIGLIA ITALIANA

VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:


LA FORMA RIFLESSIVA DEI VERBI LINDICATIVO PRESENTE DEI VERBI RIFLESSIVI LE PREPOSIZIONI USATE CON IL VERBO ANDARE I VERBI SERVILI IL
NOME.

IL GENERE DEL NOME SECONDO IL CONTENUTO IL GENERE DEL NOME SECONDO LA DESINENZA LA FORMAZIONE DEL FEMMINILE IL PRONOME I PRONOMI INDIRETTI I
PRONOMI

DIRETTI

I PRONOMI COMBINATI

ESERCIZI ABC DIVERTENTE BARZELLETTE, TUTTI


FRUTTI

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

LA MIA GRANDE FAMIGLIA


Io sono il primogenito dei miei genitori. Ho una sorella secondogenita ed un fratello. Mia madre e mio padre hanno anche loro fratelli e sorelle, che sono i nostri zii e le nostre zie . I genitori di mia madre sono i nostri nonni materni ed i genitori di mio padre sono i nostri nonni paterni. Gli zii miei e del mio fratellino e della mia sorellina sono fratelli del nostro babbo e della nostra mamma. I loro figli sono i nostri cari cugini e cugine. Il fratello del babbo il cognato di mia madre e la sorella della mamma la cognata di nostro padre. Mia madre la nuora dei miei nonni paterni ed il mio babbo il genero dei miei nonni materni. Con i giovani ed i vecchi suoi, la nostra una grande famiglia! A volte, i nonni ci raccontani dei loro genitori cherano i nostri bisnonni. Loro ed altri parenti vissuti tanto tempo fa, sono i nostri avi.

LA FAMIGLIA ITALIANA
Fino a 100 anni fa, in Europa e in Italia, le famiglie erano pi numerose di quelle di oggi, e tutti vivevano insieme: i nonni, i loro figli grandi con le mogli e i figli di questi ultimi, cio i nipoti. Un bambino di quei tempi, quindi viveva con tanti fratelli insieme ai genitori, ai nonni, agli zii, alle zie e a tanti cugini. Chi comandava era il capofamiglia, che di solito era il nonno. Tanto in citt, quanto in campagna cerano case grandi che potevano ospitare tutti quanti. Oggi la magior parte delle famiglie italiene vive in citt, in appartamenti piccoli, e le famiglie sono composte dal marito, dalla moglie, e da uno o due figli. Spesso tutti e due i genitori lavorano fuori casa, e i figli vanno a scuola. In Italia, dal 1975, c una nuova legge: il capofamiglia pu essere il pap o la mamma, e le decisioni importanti devono essere prese da tutti e due. Ancora oggi, in Italia, le famiglie, con i nonni, gli zii, le zie e tutti gli altri parenti, si riuniscono per le feste. Soprattutto per le feste familiari come il battesimo di un bambino appena nato. Per il battesimo, il bambino vestito con un bellabito bianco. Tutti i parenti e gli amici gli fanno un regalo. I pi bei regali sono quelli della madrina e del padrino. La madrina e il padrino di solito non sono parenti, ma sono persone importanti e amiche dela famiglia. Anche il loro nome, che significa piccola madre e piccolo padre, ci dice che dora in poi faranno parte della famiglia e della vita del bambino. In Italia, le famiglie si riuniscono anche per le feste dei grandi: per i fidanzamenti e per i matrimoni. I pi begli avvenimenti sono le nozze. Gli sposi sono vestiti elegantamente e a tutti piace labito bianco e il velo della sposa. La sposa ha poi un bel bouquet che alla fine della cerimonia lancia nel gruppo delel signorine che laccompagnano. Chi riesce a prenderlo si sposer presto! Gli sposi regalano i confetti! Le nozze si fanno in chiesa, come anche il battesimo.

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Ci sono poi le feste dei nonni: le nozze dargento, dopo 25 anni di matrimonio e quelle doro, dopo 50 anni di matrimonio. Anche qui si regalano confetti che hanno il colore o dellargento o delloro! La famiglia si riunisce anche per le feste religiose. La pi importante festa religiosa per tutta la famiglia il Natale. C anche un proverbio che dice La Pasqua con chi vuoi, il Natale con i tuoi.
labito accompagnare appena nato apprezzato lavvenimento gli avi il babbo il bambino il battesimo battezare il bisnonno la bisnonna il bouquet la campagna candido il capofamiglia caro, cara cattivo il celibe, il celibatario la cerimonia la chiesa il cognato, la cognata colorato comandare composto, composta il confetto il coniuge costoso il cugino , la cugina dare la decisione divorziato, divorziata la donna incinta dovere elegantamente la famiglia fare la femmina la femminuccia la festa festegiare il fidanzamento il figliastro, la figliastra il figlio, la figlia il figlioccio, la figliaccia il fratelastro il fratello il fratellino il genero i genitori mbrcmintea a acompania nou nscut apreciat evenimentul strmoi tticul copilul botezul a boteza strbunicul strbunica buchetul cmpia, campania cald, candid capul familiei drag, drag ru celibatarul ceremonia biserica cumnatul, cumnata colorat a comanda compus, compus bomboana fondant sotul, sotia scump vrul, vara a da decizia divortat, divortat femeia nsrcinat a trebui elegant familia a face fetita fetita, bebelua srbtoarea a srbtori logodna fiul vitreg, fiica vitrg fiul, fiica fin, fin fratele vitreg fratele frtiorul ginerele printii insieme a insieme lanciare lasciarsi il maschio il maschietto la madre la madrina la mamma la matrigna il matrimonio maritarsi nascere il neonato il nonno, la nonna i nonni paterni i nonni materni le nozze la nuora la nbile il padrino i parenti partoire il parto il patrigno il primogenito, la primagenita i promessi sposi regalare il regalo riunirsi riuscire lo scpolo il secondogenito, la secondagenita separarsi soprattutto la sorella la sorellastra gli sponsali sposarsi lo sposalizio lo sposo, la sposa il suocero, la suocera il testimone, la testimone unirsi il vedovo, la vedova il velo il vestito la zitella mpreun cu a arunca a se desprti biatul biatul mama naa mmica mama vitrag cstorie a se cstori a nate, a se nate bebeluul bunicul, bunica bunicii din partea mamei bunicii din partea tatlui cstoria nora necstorit naul rudele a nate naterea tatl vitreg primul nscut, prima nscut logodnicii a drui darul a se reuni a reui burlac cel de-al doilea nscut, cea de-a doua nscut a se desprti mai ales, n special sora sora vitreg cstoria ca ceremonie a se cstori cstoria ca ceremonie sotul, sotia socrul, soacra, cuscru, cuscra na, na a se uni vduvul, vduva vlul mbrcmintea fata btrn

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

PENTRU A NTELEGE MAI BINE


fino a 100 anni fa pn acum 100 de ani tutti quanti (pe) toti la maggior parte cea mai mare parte devono essere prese trebuie s fie luate una volta odinioar tanto in citt quanto in campagna att n ora ct i la tar lavorano fuori casa au servici dora in poi de acum nainte

SINONIME
prendere

= togliere (a lua) vestito ambedue (amndoi) neonato (nou nscut)

labito (mbrcmintea) il regalo

il = il

tutti (e) due = il dono (cadoul) appena nato = mazzo (buchetul)

il bouquet= bouquet=

ANTONIME

spesso (deseori) morire (a muri) prendere (a lua) femmina (fetit) allegro/lieto (ncntat, bucuros)

raramente (rar) lasciare (a lsa) triste (trist)

vivere (a tri) maschio (bietel)

sposare(si) (a se cstori)

divorziare

(a divorta)

EXPRESII CU CUVINTELE
Insieme (adv.) reuni, a alctui ansamblul la vita (subst.) = viata = mpreun insieme a/con = mpreun cu mettere insieme = a aduna, a strnge, a acumula, a linsieme (subst.) = grupul, totalitatea, multimea, dare la vita = a da viat togliere la vita = a lua viata essere in fin di vita = a fi pe moarte vendere cara la vita = a-i scump pielea fare la bella vita = a o duce bine fare una vita da cani = a o duce ru a vita = pe viat godere la vita = a se bucura de viata rendere felice/infelice/nervoso = a face rendere omaggio/onore = a aduce omagiu, a face rendere conto = a da socoteal

rendere (v.) = a da, a reda, fericit/nefericit/nervos a restitui, a da randament onoare

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


rendersi conto = a-i da seama

GRAMATIC
Verbele Reflexive indic o actiune care se reflect asupra persoanei care o ndeplinete: Io mi chiamo (eu m numesc), Tu ti prepari (Tu te pregteti). Formele pronominale care preced aceste verbe sunt: mi, ti, si, ci, vi, si. Si este sunt: pronume reflexiv, mi, ti, ci, vi, sunt forme atone ale pronumelui personal ntrebuintate reflexiv, vi, pentru diateza reflexiv. reflexiv.

VERBELOR

LA FORMA RIFLESSIVA DEI VERBI

FORMA REFLEXIV A

PREZENT

LINDICATIVO PRESENTE

INDICATIVUL AL VERBELOR
(a se apra) io mi difendo difendo tu ti difendi difendi egli / essa si difende difende noi ci difendiamo difendiamo voi vi difendete difendete essi / esse si difendono difendono
DIFENDERSI

DEI VERBI RIFLESSIVI

REFLEXIVE

LAVARSI (a se spla) Io mi lavo lavo Tu ti lavi lavi Egli / essa si lava lava Noi ci laviamo laviamo Voi vi lavate lavate Essi / Esse si lavano lavano pentono pentono

( a se ci + Ac.) io mi pento pento tu ti penti penti egli / essa si pente pente noi ci pentiamo pentiamo voi vi pentite pentite essi / esse si
PENTIRSI

FOLOSITE

LE PREPOSIZIONI USATE

PREPOZITIILE
CU

CON IL VERBO ANDARE

ANDARE
Vado a

VERBUL

De obicei verbul ANDARE se folosete nsotit de prepozitiile urmtoare:


Cu nume de orae Cu numele locurilor comune Cu numele locurilor care indic destinatii precise Cu verbele la infinitiv Cu nume de tri i regiuni Cu nume de locuri deschise sau de localuri Vado a Roma, a Parigi Vado a casa, a teatro, a scuola, a letto Vado al mare, al lago, al centro, al cinema, alla stazione, al bar, al ristorante, alla mensa, alla posta, allo stadio Va a vedere uno spettacolo, a far la spesa Andiamo in Inghilterra, in Piemonte Andate in campagna, in montagna, in citt, in piscina, in albergo, in classe, in ospedale, in chiesa, in banca, in biblioteca, in farmacia, in pasticceria, in lavanderia, in pizzeria In se folosete cu toate numele feminine terminate n eria Vanno dal ragazzo, da Maria

Vai al, alla,allo... Va a Andiamo in Andate in

Vanno da

Cu nume de persoane (propri, comune) comune)

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

Anumite verbe ca DOVERE (a trebui), POTERE (a putea), VOLERE (a vrea), SAPERE (a ti trebui), putea), vrea), cnd este sinonim cu verbul *POTERE*), SOLERE (a obinui) se folosesc cu verbele la infinitiv. P , * *) Aceste verbe au trei caracteristici de baz: 1. nu cer prepozitie: Voglio cantare. Dovete partire. Sogliamo passeggiare. prepozitie: 2. cnd sunt acompaniate de pronumele personal aton, acesta poate fi pus la oricare dintre verbe: Ti verbe: devo raccontare la storia. Devo raccontarti la storia. raccontarti 3. La timpurile compuse acestea sunt conjugate cu auxiliarul cerut de cel de-al doilea verb (de infinitiv): Ho dovuto comprare una casa. Mi son dovuto comprare una casa. Hai potuto scrivere. Non casa. sei potuto venire. Abbiamo voluto comprare la macchina. Ci siamo voluto comprare la macchina. NOTA: Verbul SAPERE (a ti) este modal doar cnd a sensul de POTERE (a putea), ESSERE CAPACE (a fi capabil): Ho saputo prendere la strada giusta. (Am tiut s merg pe drumul bun). Mi sono saputo sistemare. (Am tiut s m aranjez). n rest verbul SAPERE este un verb independent: Ho saputo fare/risolvere questo problema. INDICATIVUL PREZENT AL VERBULUI SOLERE (a obinui)
Io soglio sogliono Tu suoli sogliono Noi sogliamo Voi solete Egli suole Essa suole Essi Esse

VERBELE MODALE

I VERBI SERVILI (VERBI AUSILIARI DI MODALIT)

Verbul SOLERE (a obinui) este defectiv. Poate fi conjugat la prezent, la imperfect, la passato prezent, imperfect, remoto i la gerunziu. gerunziu.

SUBSTANTIVUL IL GENERE DEL SUBSTANTIVELOR CONTINUT

IL NOME (IL SOSTANTIVO)


NOME

GENUL DUP

SECONDO IL CONTENUTO

n limba italian sunt dou genuri: genul masculin (il genere maschile) i genul italian maschile) feminin (il genere femminile). Sunt de genul masculin: masculin: 1. Numele care indic fiinte masculine: Mario, Giuliano, il ragazzo, il gatto. masculine: 2. Numele lunilor i zilelor: il marzo, il giovedi. Exceptie: la domenica. Exceptie: 3. Numele de mri, lacuri, munti: il Mediterrneo, il Como, il Vesuvio, i Carpazi, i : munti Pirini, gli Appennini. Appennini. Exceptie: le Alpi, le Dolomiti. Exceptie: Dolomiti. 4. Numele de ruri: il Po, il Danubio. Exceptie: la Marna, la Senna, la Dora. ruri: Exceptie: 5. Numele pomilor fructiferi: il noce, il melo, il pero, larancio, lalbicocco (cais), il pesco (piersic), il ciliegio (cire). Sunt de gen feminin: 1. Numele care indic fiinte feminine: Rosa, la fanciulla (copila), la gatta. Exceptie: gatta. numele de profesiuni de gen masculin ntrebuintate la feminin: il soprano Maria Meneghini Callas. Callas.

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI 2. Numele de orae i insule: la Firenze, la Bucarest, la Sicilia, la Corsica. insule: Corsica.

Exceptie: il Ciro, il Exceptie: Madagascar. 3. Numele fructelor: la noce, la mela, la pera, larancia, lalbicocca, la pesca, la fructelor: ciliegia. Exceptie: il . ciliegia fico (smochinul), lananasso, il ribes (coacz), il limone (lmi), il lampone (zmeura), care aceleai forme pentru arbori ct i pentru fructe. 4. Cteva nume de plante: la vite (vita de vie), la palma (palmierul), la quercia plante: (stejarul). Aprope toate numele de arbori sunt de genul masculin. 5. Numele trilor i continentelor: La Romania, lItalia, la Francia, lAmerica, continentelor: lEuropa, lAsia. Exceptie: lAsia. il Giappone, il Belgio, il Brasile, il Portogallo, il Canada. 6. Numele regiunilor: la Toscana, la Liguria, la Transilvania, la Valachia. Exceptie: Valachia. il Piemonte, il Vneto, il Banato. 7. Numele tiintelor: la fisica, la matematica, la chimica, la medicina. Sunt de gen PROMISCUO (AMBIGEN):

cteva nume de animale care au doar o singur form pentru ambele genuri: il genuri: leopardo, la mosca, la tigre, la zanzara. Cnd se dorete specificarea genului acestor . zanzara nume se va spune: il leopardo maschio, il leopardo femmina, il serpente maschio, il serpente femmina. Anumite substantive au aceeai form pentru ambele genuri distinctia fcndu-se prin articol: il nipote la nipote, il cantante (cntretul) la cantante (cntreata), lartista (artistul, artista), lautista (oferul, oferita), linglese (englezul, englezoaica), lolandese artista), (olandezul, olandeza) etc. SUBSTANTIVELOR
SECONDO LA DESINENZA

IL

GENERE DEL NOME

GENUL DUP

DESINENT

luopmo, il tempo, llbero, lo scoittolo (veverita). Exceptie: la mano (mna), la dinamo (dinamul), la Exceptie: radio, la biro, la eco, la moto (motocicleta), lauto (maina), la foto (fotografia). (fotografia). 2. Numele care se termin la singular n a sunt de genul feminin: la donna, la casa, feminin: la scuola, la porta. Exceptie: numele de origine greac care se termin n a, ma, ta: il Exceptie: a, ma, programma, il sistema, il problema, il poema, il teorema, uil telegramma, lenigma, il poeta, il pilota, latleta. 3. Substantivele terminate n ista, cida sunt ntotdeauna de genul masculin: ista, masculin: lartista, lautista, il pianista, il farmacista, il turista, lomicida (ucigaul), il patricida (patricidul). Cnd aceste nume definesc persoane feminine, genul se schimb n mod corespunztor prin feminine, articol: la farmacista, la pianista. articol: pianista. 4. Cteva substantive terminate n a sunt sunt de genul masculin: il collega, il papa, il duca, il monarca, il patrirca, il boia (clul), il vaglia (mandatul potal), il nonnulla (fleacul), il peana (imn antic din rzboi), il gesuita (iezuitul). Uneori cteva dintre aceste nume i schimb articolul i odat cu acesta i schimb i semnificatia: il vaglia (mandatul potal) la semnificatia: vaglia (bravura, valoarea) 5. Numele care se termin n e sunt fie masculine, fie feminine: il padre, la madre, feminine: il latte, larte, il

1. Numele care la singular se termin n o sunt de genul masculin: il quadro, masculin:

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


mare, la carne, il nipote, la nipote. Exist nume propri masculine care se termin n a: nipote. a: Nicla, Enea, Andrea. 6. Numele care se termin n (cuvintele tronche) sunt feminine sunt substantive abstracte sau colective (la virt, la trib, la giovent) i masculine, cnd sunt substantive concrete giovent) masculine, (il bamb, il caucci). Aceeai regul este valabil i pentru cuvintele tronche terminate n caucci). a, o, e, i: il podest (ef de justitie), il fal (foc de tabr), il caff, il marted, la o, e, i: bont, la novit. 7. Numele care se termin n e, i sunt masculine sau feminine: il dolore, il timore e, (teama), il brndisi (toastul), la madre, la tesi, lanlisi, la crisi. crisi. 8. Numele care se termin n consoan sunt de genul masculin: il tram, il lapis, il cmion, lutobus, il filobus, il film, lo sport. sport. SUFFISSI SPECIFICI PER IL GENERE DEL NOME SUFIXE SPECIFICE PENTRU GENUL SUBSTANTIVELOR 1. MASCULIN: - - ore: ardore, calore, fiore, cuore, colore, timore, valore, onore, dolore, ore: sudore - - one: filone, mattone (crmida), fannullone (pierde-var), etc. Exceptie: la one: Exceptie: canzone. - - ale: animale, maiale, ospedale, locale, pugnale (pumnal), segnale, ale: (pumnal), stivale (cizm), tribunale etc. Exceptie: numele provenite din adjective: la morale, la capitale, la adjective: cambiale (polita), la spirale - - ile: campanile (clopotnita), cortile (curtea), fucile (puca). ile: - - ule: grembiule (ortul). ule: 2. FEMININ: - - ione: azione, lezione, opinione, questione, omissione, ragione, ione: regione, riunione etc. Exceptie: il rione (sector al oraului), il bastione. Exceptie: bastione. - - aggine: stupidaggine, sfacciataggine (obrznicie). aggine: - - iggine: vertiggine (ameteal). iggine: - - uggine: ruggine. uggine: NOMI CON SIGNIFICATO DIVERSO
il capitale (capitalul) il tema (tema) il fine (scopul) il vaglia (mandatul potal) il fronte (frontul) il baleno (filgerul) il fldero (teaca) il mento (brbia) il costo (costul) il pianto (plnsul) il mnico (mnerul, la la la la
AL

MASCHILE E FEMMINILE SUBSTANTIVE CU SEMNIFICATIE DIFERIT


il boa (arpele) il moto (micarea) il radio (radiumul) il camerata (camaradul) il pianeta (planeta) lo scalo (escala) il foglio (foaia) foglio il mostro (monstrul) il banco (banca) il modo (modul) il filo (firul)

LA

MASCULIN

I LA

FEMININ

capitale (capitala) tema (teama) fine (finalul) vaglia (bravura)

la fronte (fruntea) la balena (balena) la fldera (cptueala) la menta (menta) la costa (coasta) la pianta (planta) la manica (mneca)

la boa (geamandura) la moto (motocicleta) la radio (radioul) la camerata (dormitorul comun) la pianeta (patrafirul) la scala (scara) la foglia (frunza) la mostra (expozitia) la banca (banca de investitie) la moda (moda) la fila (irul, coada)

Alte substantive schimb, odat cu vocala final, genul:

UNIT 5

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


teaca) il mazzo (buchetul) il colpo (lovitura) il collo (gtul) la mazza (mciuca) la colpa (vina) la colla (cleiul)
FORMAZIONE DEL FEMMINILE

il razzo (racheta) il pizzo (ciocul, dantela)

la razza (rasa) la pizza (plcinta)

Distinctia ntre genuri poate fi fcut n dou moduri: adoptnd cuvinte diferite pentru oricare dintre cele dou fiinte de sex opus, sau crend cuvinte noi prin adugarea de sufixe la substantivele masculine: 1. Unele substantive au, ca n limba romn, forme lexicale total diferite pentru cele dou genuri: genuri: luomo la donna, il padre la madre, il babbo la mamma, il marito la moglie, il maschio la femmina, il genero la nuora, il padrino la madrina, il bue la mucca (de lapte) / la vacca (de carne), il porco (viu) / il maiale (sacrificat) la scroffa (scroafa). 2. Unele substantive comune sau propri, care se termin la masculin n o, e, i propri, formeaz femininul n a: il ragazzo la ragazza, il signore la signora, lo scolaro la scolara, il bambino a: la bambina, lo zio la zia, Carlo Carla, il padrone la padrona, Giovanni Giovanna. Giovanna. 3. Anumite substantive masculine care se termin la masculin n a, e, o, formeaz o, femininul cu sufixul essa: il poeta la poetessa, il duca la duchessa, il professore la essa: professoressa, il medico la medichessa, lavvocato lavvocatessa, il dottore l la dottoressa, lo studente la studentessa, il principe a la principessa. n acelai mod se formeaz femininul numelor de animale: il leone la leonessa, lelefante animale: lelefantessa. lelefantessa. 4. Anumite subsantive masculine, formate cu ajutorul sufixului tore, formeaz masculine, tore, femininul cu sufixul trice: lo scrittore la scrittrice, il pittore la pittrice, lautore lautrice, lo scultore trice: la scultrice, il direttore la direttrice, limperatore limperatrice. Substantivele ca limperatrice. difensore, possessore formeaz femininul difenditrice, posseditrice. posseditrice. 5. Anumite substantive masculine care se termi n a, i toate cele terminate n ista a, sau cida nu se schimb la feminin: il patriota la patriota, il turista la turista, il collega la feminin: collega, il matricida la matricida, lautista lautista, il belga la belga. Genul belga. acestor substantive este notat prin articol sau este dedus din context: Lautista molto context: bravo/brava. bravo/brava. 6. Substantivele masculine terminate n e rmn neschimbate la feminnin: il feminnin: cantante la cantante, il custode la custode (paznicul, supraveghetorul), il cliente la cliente, lrede (motenitorul, motenitoarea). 7. Putine substantive masculine care se termin n o, e sau n consoan formeaz femininul n ina: leroe leroina, il gallo la gallina, il re la regina, lo zar la zarina. ina: zarina.

FEMININULUI

LA

FORMAREA ORMAREA

COMPLEMENTE (COMPLEMENTI) INDIRECTE


UNIT 5

I PRONOMI INDIRETTI

PRONUMELE RONUMELE

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


PRONUMELE INDIRECTE sunt pronumele personale cu functia de complement indirect exprimate prin formele atone n DATIV: a me mi, a te ti, a lui gli, a lei le, a noi ci, a voi vi, a loro loro: loro:
D a me il libro. Mi d il libro. (mi d cartea.) cartea.) D a te il libro. Ti d il libro. (ti d cartea.) cartea.) D a lui il libro. Gli d il libro. (i d cartea.) cartea.) D a lei il libro. Le d il libro. (i d cartea.) d cartea.) D a noi il libro. Ci d il libro. (Ne d D a voi il libro. Vi d il libro. (V d D a loro il libro. D loro il libro. (Le d D a loro il libro. D loro il libro. (Le

Complementul indirect rspunde la ntrebarea A chi do (offro, parlo etc.)?

PRONUMELE DIRECTE sunt pronumele personale cu functia de complement direct exprimate prin formele atone n ACUZATIV: me mi, te ti, lui lo, lei la, noi ci, voi vi, essi li, esse le: le: Mario vede me mi vede // vede te ti vede // vede lui lo vede // vede lei la vede // vede noi ci vede // vede voi vi vede // vede essi li vede // vede esse le vede. vede. (Mario m vede // te vede // l vede // o vede // ne vede // v vede // i vede // le vede)

COMPLEMENTE (COMPLEMENTI)

I PRONOMI DIRETTI

PRONUMELE DIRECTE

PRONUMELE COMBINATE rezult din combinatia formelor atone ale PRONUMELOR DIRECTE (n ACUZATIV) cu cele ale PRONUMELOR INDIRECTE (n DATIV) n forma: DATIV + ACUZATIV + VERB = C.I. + C.D. + VB
MI + LO, LA, LI, LE TI + LO, LA, LI, LE GLI + LO, LA, LI, LE LE + LO, LA, LI, LE LE + LO, LA, LI, LE CI + LO, LA, LI, LE VI + LO, LA, LI, LE LORO + LO, LA, LI, LE LORO + LO, LA, LI, LE ME LO, ME LA, ME LI, ME LE TE LO, TE LA, TE LI, TE LE GLIELO, GLIELA, GLIELI, GLIELE GLIELO, GLIELA, GLIELI, GLIELE GLIELO, GLIELA, GLIELI, GLIELE CE LO, CE LA, CE LI, CE LE VE LO, VE LA, VE LI, VE LE LO, LA, LI, LE .....LORO GLIELO, GLIELA, GLIELI, GLIELE MI-L, MI-O, MI-I, MI LE TI-L, TI-O, TI-I, TI LE I-L, I-O, I-I, I LE I-L, I-O, I-I, I LE VI-L, VI-O, VI-I, VI LE NI-L, NI-O, NI-I, NI LE VI-L, VI-O, VI-I, VI LE I, O, II, LE........LOR VI-L, VI-O, VI-I, VI LE

COMBINATE (CI + CD)

I PRONOMI COMBINATI (ACCOPIATI)

PRONUMELE

Ca i n limba romn, complementul indirect precede complementul direct. direct. Atunci cnd acestea se combin cu pronumele directe, formele atone n dativ, mi, ti, ci, vi devin me, te, ce, ve PRONUMELE INDIRECT de persoana a III plural are aceleai forme pentru masculin i feminin cnd este combinat cu PRONUMELE DIRECT: GLIELO Mario mi da il libro, la rivista, libri, le riviste...Mario me lo da, me la da, me li da, me le da. Pentru plural loro sau Loro riviste...Mario va rmne invariabil, dar topica va fi schimbat: Da loro il quaderno Lo do loro (Le invariabil, schimbat: dau lor caietul Li-l dau lor), Scrivo questa lettera La scrivo Loro (V scriu Dumneavoastr aceast scrisoare V-o scriu). PRONUMELE ATON MASCULIN n ACUZATIV - LO se folosete i n expresiile impersonale, cum ar fi: Lo so, lo capisco, non lo devi fare = tiu, nteleg, nu trebuie s faci acest lucru. Atunci cnd acompaniaz verbe la moduri nepredicative (infinitiv, gerunziu, participiu) aceste forme pronominale se gsesc n pozitie enclitic: Dandomelo, farcela, scrittovi, Dandomelo, farcela, scrittovi, parlandogliene = dndu-mi-o, a ne-o face, care v-a fost scris, vorbindu-i despre acesta. parlandogliene Formele pronominale enclitice (n acuzativ) se unesc i cu cuvntul ecco (iat), n modul urmtor: eccomi, eccoti, eccolo, eccola, eccoLa, eccoci, eccovi, eccoli, eccole, eccoLe. eccom eccoti, eccolo, eccola, eccoLa, eccoci, eccovi, eccoli, eccole, eccoLe.

UNIT 5

10

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

EXERCITII

1. Fai delle frase con i seguenti gruppi di parole:


moglie, marito, figli, famiglia, insieme, formare regalare, fiori, persone, cioccolatini, ospitare, vacanza sposa, velo, nozze, vestire, abito, bianco importante, essere, avvenimento, vita, battesimo, matrimonio oro, prezioso, metallo, argento, bello, caro, essere 2. Trova la parola che non centra con le altre: riuscito ricco un matrimonio pu essere povero distratto rosso lungo colorato bello bianco candido elegante severo attento un capofamiglia pu essere cattivo buono chilometrico caro costoso il regalo pu essere utile pigro

il velo della sposa pu essere apprezzato

3. Combina: a). Sinonimi tutti e due defunto femmina vivo il regalo casa il vestito raramente neonato separatamente 4. Traduci in italiano: morto b). Contrari lavora fuori casa togliere la vita vivente dare la vita la il maschio la madrina insieme spesso il padrino lavora in

ambedue appena nato il dono labito

Familia este un lucru important. Membrii ei trebuie s fie uniti, s se iubeasc i s se ajute ntre ei. Odat familiile erau mai numeroase. Acum sunt mai mici. Deseori bunicii

UNIT 5

11

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


triesc separat de copii i nepoti. Toate fetele vor s fie mirese cu rochie lung, vl de dantel i un frumos buchet de flori, mai ales trandafiri albi. 5. Traducete in italiano: Eu m numesc Maria. Sunt student i locuiesc n Romnia, la Iai. n fiecare zi m pregtesc pentru seminarii. nvt cteva ore, scriu, citesc, repet verbe la limba italian, apoi m odihnesc. Dimineata m trezesc la ora apte, m scol, m duc la baie, m spl, m pieptn, m mbrac, mi iau micul dejun i apoi plec la cursuri i la bibliotec. mi pregtesc singur de mncare, pentru c mi place s gtesc. Seara iau cina, m uit la televizor, dac este un program plcut, m intereseaz s aflu tirile din tar i din strintate, apoi m duc la culcare. mi iau o carte s citesc pn mi se face somn i adorm. Uneori visez c studiez la o universitate din Italia. 6. Traducete in italiano: Vrul meu i sora ta sunt rudele noastre. Unchiul meu i mtua ta sunt frati. Tatl nostru este cumnatul mamei tale. Surioara ta este verioara frtiorului lui. Printii nostri sunt cumnati printilor ti. Cumnata lor este nora mamei mele.

UNIT 5

12

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Bunica mea este mtua ta. Cum se numete bunica ei? Dar strbunicul ei? 7. Traducete in romeno: Andiamo a vedere un dramma. Nel programma della TV c una magnifica serata! LEnigma del romanzo il patricida. Non mi piace vedere il boia. Preferisco i film con un pilota, un atleta, dove lartista vivo e nessuno viene punito per fatti cattivi. Cerano insieme il papa , il duca ed il patricida. Cerano anche gli allievi del liceo dei gesuiti. La virt della giovent e la bont. E per questo che si tratta della felicit. Il podesta ha qualche novit. Luned sar un fato nel bosco. Se non prendiamo il filobus o lautobus, prendiamo il tram o la metropolitana. Suo padre fa lautista su un camion. I punti cardinali sono: il nord (od il settentrione), il sud sud (od il meridione, il mezzogiorno), lest( o loriente) e lovest (o loccidente). LEst si chiama anche il levante e lovest , il ponente, che si usano in delle espressioni come: tira il vento dalloriente o dal levante, tira il venti dalloccidente o dal ponente. 8. Traducete in romeno sostituendo i puntini con le forme dellindicativo presente che corrispondono ai verbi: Non si ........................ (mangiare) e non si ....................................... (andare a letto) prima di finire i compiti. Ci ......................... (prepararsi) per gli esami. Stiamo imparando molto perch .................... (volere) ottenere degli ottimi risultati. Ti .............................. (consigliare) di non fare sbagli quando ..................... (scrivere) e ..................... (leggere). 9. Trducete in italiano: italiano: Martea viitoare mergem la teatru. Marea Neagr este cunoscut din

UNIT 5

13

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


antichitate. Mrul i prul sunt pomi fructiferi foarte Mrul des ntlniti. mi plac merele i perele. ti plac cireele sau caisele? Ei nu-i plac piersicile i smochinele, ei i place ananasul. n tara noastr nu crete palmierul, ci stejarul. Matematica i fizica sunt tiinte exacte. Istoria i filosofia sunt tiinte umanistice. arpele este pretios pentru pielea lui. Era o femeie rea ca o erpoaic. Nepotul lui Giorgio este un ofer bun. i sora lui este o oferit bun. Cntreata cea mai bun este mezzosoprana. mezzosoprana. Aud ecoul vocii tale i simt bucuria ta. Am fotografia ei i o pstrez cu plcere. Mergem cu maina sau cu motocicleta? Dobrogea este o regiune a vitei de vie.

10. Traducete in italiano: Naa lui este avocat. Profesoara o ascult pe student. Mergem la doctor i la doctorit. Educatoarea merge cu copiii la teatru. Eroina filmului este o artist foarte bun. Regele i regina Rusiei se numeau tar i tarin.

UNIT 5

14

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Paznicul supravegheaz leii i leoaicele, elefantii i elefantitele. n curte se afl multe psri: gini, rate, cocoi, rtoi, gte i gscani. Ctelua mea se numete Jessy. 11. Sostituite i nomi ed i pronomi diretti + indiretti di qui sotto con le forme pronominali accopiate, secondo il modello: Mario mi d il libro, la rivista...... Mario me lo, ma la d...

Mario ti d il libro, la rivista........ Mario gli d il libro, la rivista........ Mario le d il libro, la rivista........ Mario ci d il libro, la rivista........ Mario vi d il libro, la rivista........ Mario d loro il libro, la rivista........ 12. Sostituite i pronomi diretti ed indiretti del testo di qui sotto con i pronomi accopiati secondo il modello: Mario d a me la mela. Mario me la da. mela. I ragazzi danno a noi il denaro. Offro a Lei questo mazzo di fiori. Voglio ringraziare a te per la bella sorpresa. Dovete dare ai bambini i dolci. Spiegate a lui questa storia. Lei ti parla spesso di questo.

Chi si accontenta di pubbliche verit, vive di menzogne private. (Jean Josipovici) Una minoranza ragionevole rester sempre minoranza. (Roberto Gervaso) Il prepotente meno sopportabile quello che pretende anche l'applauso.

UNIT 5

15

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


(Dino Basili) Ad una grande festa un invitato si avvicina ad un uomo senza sapere che il padrone di casa e gli fa: - Lei non trova che questa festa sia noiosissima? Poi gli invitati... sono tutti brutti... guardi per esempio quella signora seduta l in fondo! - Quella mia moglie!!! - Eh ehm... ma non quella... quella accanto! - Quella mia sorella!!! " Jenny, non lo so se mamma aveva ragione, se, se ce l'ha il tenente Dan o, non lo so, se abbiamo ognuno il suo destino, o se siamo tutti trasportati in giro per caso come da una brezza, ma io credo, puo' darsi le due cose, forse le due cose capitano allo stesso momento "(Forest Gump)

UNIT 5

16