Sei sulla pagina 1di 10

Recettori con attivit tirosina chinasica

Recettori tirosina-chinasici
Il legame di un ormone induce dimerizzazione e autofosforilazione dei recettori che in tal modo si attivano

EGF = Epidermal growth factor IGF-1 = insulin-like growth factor NGF = nerve growth factor PDGF = piastrine derived growth factor M-CSF = factor stimulating Colonie - macrophages FGF = fibroblast i growth factor VEGF = vasculare endothelium growth factor

I recettori per l'insulina sono gi in forma tetramerica e di conseguenza il legame dell'ormone al suo sito provoca interazione allosterica fra le due met del recettore che induce l'autofosfilazione del recettore, che si attiva e i suoi domini catalitici fosforilano una proteina chiamata IRS-1 (substrato 1 del recettore dell'insulina)

Struttura e attivazione di un recettore con attivit tirosina chinasica

FGF = fattore di crescita dei fibroblasti

La formazione di dimeri pu (ma non sempre) coprire una mutazione

Trasduzione del segnale attraverso un recettore con attivit tirosina chinasica

Trasduzione del segnale attraverso un recettore con attivit tirosina chinasica

I recettori con attivit tirosina chinasica agiscono sia attivando Ins P3 e DAG sia attraverso chinasi specifici (le MAPK) che inducono la trascrizione

Come avviene la traduzione del segnale dellormone attraverso il recettore di membrana? Lormone il primo messagero In questi casi, lormone si lega ad un recettore di membrana con 7 segmenti transmembranali, che in seguito interagisce con una proteina detta PROTEINA G Allora, c bisogno di un secondo messagero allinterno della cellula. I secondi messageri sono: -cAMP -inositolo trifosfato (IP3), diacil glicerolo (DAG) e calcio Ca2+ Cosa fanno i secondi messageri? In linea generale inducono la fosforilazione di proteine sui residui amminoacidici serina e treonina, allora ne inducono lattivit che permette alla cellula di rispondere allo stimolo ormonale. Alcuni ormoni (a.e. insulina) si legano ad un recettore con 1 singolo segmento transmembrana, che lui stesso induce la fosforilazione di proteine bersaglio (ai residui tirosina), tali recettori hanno attivit tirosina chinasica

Recettori con attivit tirosina chinasica Esistono proteine che hanno sia funzione di recettore che attivit enzimatica chinasica. Lazione delle chinasi quella di aggiungere un gruppo fosfato su determinati amminoacidi della proteina che fa da substrato. Molti recettori con attivit tirosina chinasica stimolano allinterno della cellula una catena di eventi di traduzione del segnale che culminano con linduzione della crescita, della proliferazione, o della specializzazione della cellula. Questi recettori, tipicamente, sono formati da una catena polipeptidica unica con un unico segmento transmembranario. Lattivit chinasica, in genere, parte integrante della proteina recettore.

Linterazione con il ligando induce laggregazione di due molecole di recettore. In altre parole, i recettori con attivit tirosina chinasica funzinano come dimeri. Quando i recettori dimerizzano, la tirosina chinasi di ciascun recettore fosforila le tirosine del recettore vicino. Questo processo di fosforilazione di un recettore da parte di recettori dello stesso tipo detto processo di autofosforilazione. Proteine addattrici presente nel citosol interagiscono con il recettore fosforilato attraverso il dominio SH2 (dominio di omologia 2 della proteina SRC) Esempio di essi, PLC e GRB2 (growth factor receptor bound protein 2), esso lega a Sos Il bersaglio di GRB2-Sos la proteina Ras (piccolo proteina G monomerica un piccolo recettore di membrana che attiva le MAP chinasi Per il rilascio di GDP e il legame di GTP, Ras ha bisogno di una proteina detta Proteine di rilascio dei nucleotidi guanina (GNRP). La GNRP che attiva Ras Sos (Son Of Sevenless).

La via di Ras -cascata di eventi indotto da Ras. LEvento pi importante lattivazione di una classe di proteine chinasi, le MAP chinasi (MAPK, o proteine chinasi attivate da un mitogeno.)

I recettori attivati e fosforilati interagiscono con un specifico fosfolipasi C, che induce la produzione di IP3 e DAG, rilasciando cos il calcio dal reticolo endoplasmatico e attivando la proteina chinasi C. In pi, la cascata dei segnali attiva le chinasi MAPK (chinasi attivati dai mitogeni), che (come PKC) fosforilano la proteina jun del dimero fos-jun (AP1) nel nucleo. AP-1 si attiva, e la trascrizione di geni bersaglio attivato.