Sei sulla pagina 1di 9

Ingresso del nuovo Parroco Don Fabio Arlati

20 novembre 2011

Accoglienza alla chiesa


Il nuovo parroco viene accolto nel cortile della casa canonica e riceve il saluto di un rappresentante della Comunit parrocchiale. Processionalmente si va verso la Chiesa. La processione dingresso giunge sulla porta della Chiesa, dove il Vescovo porge al nuovo parroco il Crocifisso da baciare e recita la seguente preghiera:

O Dio, pastore e guida di tutti i fedeli, guarda benigno il tuo servo, il sacerdote don Fabio: concedigli che con le parole e con lesempio possa giovare al tuo santo popolo, e giungere alla vita eterna insieme al gregge che gli hai affidato. Per Cristo nostro Signore. Amen.
Si entra in Chiesa cantando:

Canto: NOI CANTEREMO GLORIA A TE 1. Noi canteremo gloria a te, Padre che dai la vita, Dio dimmensa carit, Trinit infinita. 2. Tutto il creato vive in te, segno della tua gloria; tutta la storia ti dar onore e vittoria. 3. La tua Parola venne a noi, annuncio del tuo dono; la tua promessa porter salvezza e perdono. 4. Dio si fatto come noi, nato da Maria Egli nel mondo ormai sar: Verit, Vita Via. 5. Cristo apparso in mezzo a noi, Dio ci ha visitato; tutta la terra adorer quel bimbo che ci nato.
(blog: http://parrocchiadimontecatone.blogspot.com; email: parrocchiadimontecatone@gmail.com)

Ad Jesum per Mariam


1

6. Cristo il Padre rivel, per noi apr il suo cielo; egli un giorno torner, glorioso, nel suo regno.

7. Manda Signore in mezzo a noi, manda il Consolatore, lo Spirito di santit, Spirito dell amore. 8. Vieni, Signore, in mezzo ai tuoi, vieni nella tua casa: dona la pace e lunit, raduna la tua Chiesa.
Alla sede il Vescovo apre la celebrazione:

Vuoi adempiere degnamente e sapientemente il ministero della parola nella predicazione del Vangelo e nellinsegnamento della fede cattolica? S, lo voglio. Vuoi celebrare con devozione e fedelt i misteri di Cristo secondo la tradizione della Chiesa, specialmente nel sacrificio eucaristico e nel sacramento della riconciliazione, a lode di Dio e per la santificazione del popolo cristiano? S, lo voglio. Vuoi implorare la divina misericordia per il popolo a te affidato, dedicandoti assiduamente alla preghiera, come ha comandato il Signore? S, lo voglio. Vuoi essere sempre pi strettamente unito a Cristo sommo sacerdote, che come vittima pura si offerto al Padre per noi, consacrando te stesso a Dio insieme con lui per la salvezza di tutti gli uomini? S, con laiuto di Dio, lo voglio. Prometti a me e ai miei successori filiale rispetto e obbedienza? S, lo prometto. Dio che ha iniziato in te la sua opera, la porti a compimento. PREGHIERA DI BENEDIZIONE Sii benedetto, Dio nostro Padre, pastore dei pastori, per i grandi doni del tuo amore. In Cristo tuo Figlio, presente e operante nella santa Chiesa, ci hai fatto rinascere dallacqua e dallo Spirito Santo, per formare ununica famiglia, riunita nella celebrazione dellEucaristia, centro e fulcro della vita cristiana. Guarda con paterna benevolenza il nuovo parroco, a cui affidi uneletta porzione del tuo gregge; fa che la comunit parrocchiale di San Biagio, cresca e si edifichi in
4

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Dio Padre, fonte di ogni dono e ministero, Cristo, maestro e pastore delle nostre anime, lo Spirito Santo, artefice di comunione nella carit, sia con tutti voi. E con il tuo spirito. Carissimi, la comunit parrocchiale di San Biagio in Montecatone, riunita in questo giorno di festa, vive un momento di particolare gioia e solennit, perch riceve dal Vescovo il suo nuovo parroco nella persona del presbitero don Fabio Arlati. Nella successione e nella continuit del ministero si esprime lindole pastorale della Chiesa, in cui Cristo vive e opera per mezzo di coloro ai quali il Vescovo affida una porzione del suo gregge. LETTURA DEL DECRETO DI NOMINA
Al termine tutti rispondono:

Rendiamo grazie a Dio. RINNOVAZIONE DELLE PROMESSE SACERDOTALI Figlio carissimo, davanti al popolo affidato alle tue cure, rinnova le promesse fatte al momento dellordinazione. Vuoi esercitare con perseveranza il tuo ufficio, come fedele cooperatore dellordine dei vescovi nel servizio del popolo di Dio, sotto la guida dello Spirito Santo? S, lo voglio.
3

tempio santo del tuo Spirito e renda viva testimonianza di carit, perch il mondo creda in te e in colui che tu hai mandato, il Signore nostro Ges. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen. RITI ESPLICATIVI CONSEGNA DEL BATTISTERO Ti affido il battistero, perch, per mezzo del Battesimo, gli uomini, ottenuta la remissione dei peccati, sono trasferiti allo stato di figli adottivi; rinascendo dallacqua e dallo Spirito Santo, diventano nuova creatura: per questo vengono chiamati e sono realmente figli di Dio; incorporati a Cristo, sono costituiti in popolo di Dio. CONSEGNA DEL CONFESSIONALE Sii fedele e diligente nelladempiere il ministero di rimettere i peccati, esercitandolo con prudenza e discrezione, discernimento e fermezza temperata da mansuetudine e bont. CONSEGNA DELLA CHIAVE DEL TABERNACOLO Ti consegno la chiave del tabernacolo, che custodisce il Pane della vita. Sia gioia tua e del tuo gregge, adorare Dio nella sua dimora. La volont di Dio la nostra pace. CONSEGNA DELLA SACRA SCRITTURA Per lautorit che mi viene dal Signore Ges Cristo, ti consegno la Scrittura. In religioso ascolto della Parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, edifica i tuoi fratelli nella verit e nella carit. CONSEGNA DEI VASI SACRI Custodisci mondi e decorosi questi oggetti, destinati al culto del Signore, sicch il popolo ti veda sempre compreso della santit del ministero sacerdotale, al quale per sorte felicissima sei stato chiamato.

CONSEGNA DEGLI OLI SACRI Ricevi in consegna lOlio sacro con cui disporrai i catecumeni al lavacro battesimale, ed il Crisma per ungere i neofiti in segno di totale consacrazione a Dio in Cristo Salvatore, nel nome del Signore, a loro conforto e in remissione dei peccati. CONSEGNA DEL POPOLO DI DIO Ti affido questa comunit parrocchiale di San Biagio: custodiscila e cammina davanti a lei nella via della salvezza. Con laiuto della grazia del Signore. ASPERSIONE, INCENSAZIONE DELLALTARE
Il Vescovo porge al nuovo parroco laspersorio. Il nuovo parroco, dopo se stesso, asperge i fedeli. Quindi il Vescovo infonde lincenso nel turibolo, il parroco bacia laltare e lo incensa nel modo consueto.

Aspergi il popolo di Dio e venera il santo altare: guida i discepoli di Cristo Maestro e Signore, nel cammino della verit e della vita, dal fonte battesimale alla mensa del sacrificio eucaristico. Intercedano, per te e per tutti, la Beata Vergine Maria e tutti i santi.
Questi gesti vengono accompagnati dal canto.

canto: CAMMINERO Camminer, camminer nella tua strada, Signor, dammi la mano, voglio restar per sempre insieme a te. 1. Quando ero solo, solo e stanco del mondo, quando non cera lamor, tante persone vidi intorno a me; sentivo cantare cos. 2. Io non capivo, ma rimasi a sentire, quando anchio vidi il Signor. Lui mi chiamava, chiamava anche me, e la mia risposta salz.

3. Or non mimporta se uno ride di me, lui certamente non sa del gran tesoro che trovai quel d, che dissi al Signore cos. 4. A volte son triste, ma mi guardo intorno, scopro il mondo e lamor; son questi doni che Lui fa a me, felice ritorno a cantar. INSEDIAMENTO Il Signore ti conceda di presiedere e servire fedelmente, in comunione con il tuo Vescovo, questa famiglia parrocchiale, annunziando la parola di Dio, celebrando i santi misteri e testimoniando la carit di Cristo.
Il Vescovo lascia la celebrazione che prosegue, presieduta dal nuovo parroco, con linno del Gloria. La S. Messa prosegue come di consueto.

ge quando si trova in mezzo alle sue pecore che erano state disperse, cos io passer in rassegna le mie pecore e le raduner da tutti i luoghi dove erano disperse nei giorni nuvolosi e di caligine. Io stesso condurr le mie pecore al pascolo e io le far riposare. Oracolo del Signore Dio. Andr in cerca della pecora perduta e ricondurr allovile quella smarrita, fascer quella ferita e curer quella malata, avr cura della grassa e della forte; le pascer con giustizia. A te, mio gregge, cos dice il Signore Dio: Ecco, io giudicher fra pecora e pecora, fra montoni e capri. Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio. Salmo Responsoriale Il Signore il mio pastore: non manco di nulla.. Il Signore il mio pastore: non manco di nulla. Su pascoli erbosi mi fa riposare. Ad acque tranquille mi conduce. Rinfranca lanima mia, mi guida per il giusto cammino a motivo del suo nome. Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici. Ungi di olio il mio capo; il mio calice trabocca. S, bont e fedelt mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, abiter ancora nella casa del Signore per lunghi giorni. Seconda Lettura 1Cor 15,20-26a.28 Dal Salmo 22

Gloria Colletta Dio onnipotente ed eterno, che hai voluto rinnovare tutte le cose in Cristo tuo Figlio, Re dell'universo, fa' che ogni creatura, libera dalla schiavit del peccato, ti serva e ti lodi senza fine. Per il nostro Signore Ges Cristo tuo figlio che Dio e vive e regna con te nellunit dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Liturgia della Parola Prima Lettura Dal libro del profeta Ezechiele Cos dice il Signore Dio: Ecco, io stesso cercher le mie pecore e le passer in rassegna. Come un pastore passa in rassegna il suo greg7

Ez 34,11-12.15-17

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi Fratelli, Cristo risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti. Perch, se per mezzo di un uomo venne la morte, per mezzo di un
8

uomo verr anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, cos in Cristo tutti riceveranno la vita. Ognuno per al suo posto: prima Cristo, che la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo. Poi sar la fine, quando egli consegner il regno a Dio Padre, dopo avere ridotto al nulla ogni Principato e ogni Potenza e Forza. necessario infatti che egli regni finch non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. Lultimo nemico a essere annientato sar la morte. E quando tutto gli sar stato sottomesso, anchegli, il Figlio, sar sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perch Dio sia tutto in tutti. Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio. Alleluia, alleluia. Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide! Alleluia. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Dal Vangelo secondo Matteo. Gloria a te o Signore. Mt 25,31-46

no: Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?. E il re risponder loro: In verit io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli pi piccoli, lavete fatto a me. Poi dir anche a quelli che saranno alla sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perch ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato. Anchessi allora risponderanno: Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?. Allora egli risponder loro: In verit io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi pi piccoli, non lavete fatto a me. E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna. Parola del Signore. Lode a te o Cristo.

Omelia
Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Ges Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero; generato, non creato; della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo; e per opera dello Spirito Santo si incarnato nel seno della Vergine Maria e si fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, mor e fu sepolto. Il terzo giorno risuscitato, secondo le Scritture; salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verr, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avr fine. Credo nello Spirito Santo, che Signore e da
10

In quel tempo, Ges disse ai suoi discepoli: Quando il Figlio delluomo verr nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, sieder sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separer gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porr le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. Allora il re dir a quelli che saranno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredit il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perch ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderan9

la vita, e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre e il Figlio adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verr. Amen. Preghiere dei fedeli Maria, Madre del Signore, splende sul cammino del popolo di Dio, segno di sicura speranza e consolazione. Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza, la provvidenza del Padre ci dona Cristo parola e pane di vita eterna. Certi della sua potente intercessione innalziamo al Padre la nostra preghiera. Preghiamo insieme dicendo: Ascoltaci, Signore. Ascoltaci, Signore. Per il Papa Benedetto XVI, il nostro Vescovo Tommaso, il Vescovo emerito Giuseppe e per tutti i Pastori della Chiesa perch, guidati dallo Spirito Santo, si impegnino con tutte le loro forze a mostrare a tutti gli uomini la via della salvezza, preghiamo. Per i governanti della terra perch, attraverso la via del dialogo, sappiano cercare sempre le strade della pace per tutte le nazioni e per tutti i popoli del mondo, preghiamo. Per tutti gli uomini e le donne della terra ed, in particolare, per quanti soffrono nel corpo e nello spirito perch, sentano lamore di Dio attraverso il nostro impegno e la nostra testimonianza, preghiamo. Per la nostra Comunit parrocchiale di Montecatone, che oggi accoglie nuovo Parroco, don Fabio, perch in lui possa trovare la guida sicura del Pastore, laiuto fraterno dellAmico e la mano forte del Padre, preghiamo.
11

Per noi qui presenti, perch sperimentando la beatitudine di chi ascolta la Parola di Dio e la mette in pratica, possiamo formare comunit vive e unite, preghiamo. Per tutti gli ammalati, specialmente dellospedale di Montecatone, perch possano sperimentare la consolazione che deriva dallaccogliere la volont di Dio. preghiamo. Un ricordo particolare per don Riccardo e per tutti i defunti della nostra comunit. Possano tutti godere il premio della vita eterna, preghiamo. Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo e fa che contemplando il mistero di Maria, associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio, riconosciamo in ogni persona umana il segno della tua immagine ed il riflesso della tua gloria. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Liturgia eucaristica Canto di offertorio: GUARDA QUESTA OFFERTA 1. Guarda questa offerta guarda a noi, Signore, tutto noi toffriamo per unirci a Te. Nella tua Messa, la nostra Messa. Nella tua vita, la nostra vita. 2. Che possiamo offrirti nostro Creatore? Tutto il nostro niente prendilo Signore. Sulle Offerte Accetta, o Padre, questo sacrificio di riconciliazione, e per i meriti del Cristo tuo Figlio concedi a tutti i popoli il dono dell'unit e della pace. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.
12

Prefazio Cristo sacerdote e re dell'universo. E veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Tu con olio di esultanza hai consacrato Sacerdote eterno e Re delluniverso il tuo unico Figlio, Ges Cristo nostro Signore. Egli, sacrificando se stesso immacolata vittima di pace sullaltare della Croce, oper il mistero dellumana redenzione; assoggettate al suo potere tutte le creature, offr alla tua maest infinita il regno eterno e universale: regno di verit e di vita, regno di santit e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace. E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine dei Cori celesti, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria: Santo, Santo, Santo il Signore ... Padre veramente santo, fonte di ogni santit, santifica questi doni con l'effusione del tuo Spirito perch diventino per noi il corpo e il sangue di Ges Cristo nostro Signore. Egli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie, lo spezzo, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. Dopo la cena, allo stesso modo, prese il calice e rese grazie, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME. Mistero della fede.
13

Annunciamo la tua morte, Signore, proclamiamo la tua risurrezione, nell'attesa della tua venuta. Celebrando il memoriale della morte e risurrezione del tuo Figlio, ti offriamo, Padre, il pane della vita e il calice della salvezza, e ti rendiamo grazie per averci ammessi alla tua presenza a compiere il servizio sacerdotale. Ti preghiamo umilmente: per la comunione al corpo e al sangue di Cristo lo Spirito Santo ci riunisca in un solo corpo. Ricordati, Padre, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra e qui convocata nel giorno in cui il Cristo ha vinto la morte e ci ha resi partecipi della sua vita immortale: rendila perfetta nell'amore in unione con il nostro Papa Benedetto XVI, il nostro Vescovo Tommaso, il Vescovo emerito Giuseppe, e tutto l'ordine sacerdotale. Ricordati dei nostri fratelli, che si sono addormentati nella speranza della risurrezione e di tutti i defunti che si affidano alla tua clemenza: ammettili a godere la luce del tuo volto. Di noi tutti abbi misericordia: donaci di aver parte alla vita eterna, insieme con la beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con gli apostoli e tutti i santi, che in ogni tempo ti furono graditi: e in Ges Cristo tuo Figlio canteremo la tua gloria. Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te, Dio, Padre onnipotente, nell'unita dello Spirito Santo, ogni onore e gloria, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Riti di Comunione Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino insegnamento, osiamo dire:
14

Padre nostro canto di comunione 1: IL TUO POPOLO IN CAMMINO

grazia mi circonda non temer alcun male. Tinvocher, mio Redentor, e rester sempre con Te. Riti di conclusione

Il tuo popolo in cammino cerca in te la guida. Sulla strada verso il Regno sei sostegno col tuo corpo: resta sempre con noi o Signore. 1. E il tuo Pane Ges che ci d forza e rende pi sicuro il nostro passo. Se il vigore nel cammino si svilisce la tua mano dona lieta la speranza. 2. E il tuo vino, Ges, che ci disseta e sveglia in noi lardore di seguirti. Se la gioia cede il passo alla stanchezza, la tua voce fa rinascere freschezza. 3. E il tuo corpo, Ges, che ci fa Chiesa, fratelli sulle strade della vita. Se il rancore toglie luce allamicizia, dal tuo cuore nasce giovane il perdono. 4. E il tuo sangue, Ges, il segno eterno dellunico linguaggio dellamore. Se il donarsi come te richiede fede, nel tuo Spirito sfidiamo lincertezza. 5. E il tuo dono, Ges, la vera fonte del gesto coraggioso di chi annuncia. Se la chiesa non aperta ad ogni uomo, il tuo fuoco le rivela la missione. canto di comunione 2: SE TU MI ACCOGLI 1. Se Tu maccogli, o Padre buono, prima che venga sera, se Tu mi doni il Tuo perdono, avr la pace vera. Ti chiamer mio Salvator, e torner, Ges, con Te. 2. Pur nellangoscia pi profonda, quando il nemico assale, se la Tua
15

Dopo la Comunione O Dio, nostro Padre, che ci hai nutriti con il pane della vita immortale, fa' che obbediamo con gioia a Cristo, Re dell'universo, per vivere senza fine con lui nel suo regno glorioso. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Consacrazione della Parrocchia alla Madonna Maria, Vergine Madre della Chiesa, oggi risuonano in modo particolare per noi le parole del tuo Figlio Crocifisso: "Donna, ecco il tuo figlio! Ecco la tua madre!" Tu sei splendore che nulla toglie alla luce di Cristo, perch esisti in Lui e per Lui. Tutto in te "fiat": tu sei l'Immacolata, sei trasparenza e pienezza di grazia. Ci raccogliamo intorno a te per affidare alla tua premura materna don Fabio, noi stessi, la Chiesa, il mondo intero. Ti consacriamo tutto il nostro essere e tutta la nostra vita, tutto ci che abbiamo. Tutto ci che amiamo: il nostro corpo, il nostro cuore, la nostra anima. Ti consacriamo tutta la comunit parrocchiale: le famiglie, i giovani, le attivit pastorali e soprattutto i nostri ammalati. Desideriamo. O Maria, che la nostra consacrazione sia davvero efficace e porti frutti di vita sempre pi conforme al Vangelo. Perci ciascuno di noi rinnova oggi, davanti a te, le promesse del battesimo. Rinnoviamo la volont di aderire, con amore e coerenza, alle verit della fede e agli insegnamenti della Chiesa. Ti chiediamo di accompagnarci nel nostro cammino per vivere con fedelt i Comandamenti, santificare il giorno di festa, restare come te in ascolto della Parola, attingere forza dai sacramenti e collaborare all'annuncio del Vangelo nel nostro ambiente. Vogliamo, infine, offrirti il nostro impegno comune di preghiera e di azione e le nostre sofferenze quotidiane, perch sotto la tua guida tutti gli uomini scoprano Cristo, unico Salvatore, ieri, oggi e sempre. Amen.

16

Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. La gioia del Signore sia la nostra forza. Andate in pace. Rendiamo grazie a Dio. Il Signore vi benedica e ci protegga. Amen. Faccia risplendere il suo volto su di voi e di doni la sua misericordia. Amen. Rivolga su di voi il suo sguardo e vi doni la sua pace. Amen. E la benedizione di Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo, discenda su di voi e con voi rimanga sempre. Amen. Glorificate il Signore con la vostra vita, andate in pace. Rendiamo grazie a Dio. canto finale: MILLE VOLTE BENEDETTA Mille volte benedetta, o dolcissima Maria; benedetto il nome sia di tuo Figlio salvator. O Maria consolatrice, noi t'offriamo i nostri cuor. O Maria consolatrice, noi t'offriamo i nostri cuor. O Maria, nostra avvocata l'universo in te confida perch sei rifugio e guida ed al giusto e al peccator. O conforto degli afflitti, d'ogni grazia dispensiera, di salute messaggera, nostra speme e nostro amor. Sul sacerdote:
Dice la Beata madre Teresa di Calcutta: Tutti sono chiamati ad amare Dio con tutto il cuore, l'anima, l'intelligenza e le forze e, per amore di Dio, ad amare il proprio prossimo. La notte prima della sua morte Ges ci ha dato due grandi doni: il dono di se stesso nell'Eucaristia e il dono del sacerdozio per continuare la sua presenza viva nell'Eucaristia. Senza sacerdoti non abbiamo Ges. Senza sacerdoti non abbiamo l'assoluzione. Senza sacerdoti non possiamo ricevere la Santa Comunione Penso che molti, moltissimi giovani siano chiamati, anche senza comprenderlo, a donarsi totalmente al Signore. Si, il mondo ha una grande necessit di Sacerdoti, Sacerdoti Santi, del celibato sacerdotale, perch il mondo ha bisogno di Cristo. Dice San Francesco dAssisi: Se dovessi incontrare un sacerdote e un Angelo, saluterei prima il sacerdote. Dice il Santo Curato DArs: Il sacerdote lamore del cuore di Ges Tolto il sacramento dell'Ordine, noi non avremmo il Signore. Chi lo ha riposto l in quel tabernacolo? Il sacerdote. Chi ha accolto la vostra anima al primo entrare nella vita? Il sacerdote. Chi la nutre per darle la forza di compiere il suo pellegrinaggio? Il sacerdote. Chi la prepara a comparire innanzi a Dio, lavandola per l'ultima volta nel sangue di Ges Cristo? Il sacerdote, sempre il sacerdote. E se quest'anima viene a morire per il peccato, chi la risusciter, chi le render la calma e la pace? Ancora il sacerdote... Dopo Dio, il sacerdote tutto!... Lui stesso non si capir bene che in cielo. Dice San Giovanni Bosco: Il sacerdozio la pi alta dignit a cui possa essere innalzato un uomo .

Ringrazio di cuore i parrocchiani per la festa e tutti coloro che pregano e pregheranno per il sacerdozio ministeriale di Ges in me. Sono personalmente molto grato al Signore per il dono della mia famiglia e soprattutto dei miei nipotini, sostegno fondamentale verso la comunione gioiosa dei santi. Grazie a tutti, don Fabio

17

18