Sei sulla pagina 1di 2

Io sono diversa da loro

Susan era una ragazza di 14 anni che non riusciva a trovare la sua autonomia e la sua personalit. Da tutta una vita, infatti, dipendeva dalle labbra di qualcuno in particolare che la ispirava e che le dava sicurezza. Quando era piccola era attaccata alla mamma (le incuteva molta sicurezza e sapeva di volerle bene, come tutti i bambini oltretutto). Ma Susan era comun-que diversa: copiava la madre in tutto e cercava di essere uguale a lei. Da quando inizi a frequentare la quarta elementare, le amichette che lei nemmeno considerava pi di tanto, a causa delladorazione perenne nei con-fronti della madre e di nessun altro, cominciarono a cambiare: il grande grup-po di gioco si divideva , i sottogruppi si formavano e presto Susan rimase sola. Questo non dava molto fastidio alla bambina , per ben presto le altre ragazzine della classe, diventate altezzose e vanitose, cominciarono a prende-re in giro Susan per la sua solitudine e per il suo modo di vestirsi diversa da loro. Cos cerc in tutti i modi di essere uguale a quelle spocchiosette, dimenti-candosi presto della sua perenne adorazione per la madre, e quando riusc a comportarsi come tale entr in uno dei gruppi: quello formato da Samantha, Valery, Lola, Megan, Rose e ora anche da lei, il gruppo pi idisciplinato e cattivo con gli altri ragazzini e che si chiamava Super Girls, uno di quegli appellativi con cui si auto battezzano i mini club delle bambine che vogliono gi essere ragazze vissute. Passarono gli anni e quando and alle medie, Susan, si segn alla sezione F e l, in quella sezione, trov il suo vecchio gruppo con gran parte della classe delle elementari. Ormai era da tanto che Susan era nel gruppo, ma ancora non riusciva ad am-bientarsi a pieno: non fingeva di divertirsi con le ragazze, ma in fondo al cuore sapeva che fare laltezzosa non le si addiceva e che non era nemmeno giusto farlo; comunque sentiva lo stesso il bisogno di appartenere a un gruppo di amici per sentirsi protetta dalle risate di scherno degli altri. Per caso conobbe il club di arte, un gruppo di attivit extrascolastiche che si dedicava al disegno, alla pittura, allartigianato, ecc Inizi a frequentarlo per caso, convinta dalla sua professoressa di educazione artistica e l scopr di essere davvero dotata nellarte, anche al di fuori delle normali lezioni. I suoi compagni le stavano simpatici, la rispettavano per ci che era e per la sua bravura e lei rispettava loro; aveva trovato dei veri amici, cos abbandon il gruppo delle spocchiosette e si un al gruppo della sua classe in cui cerano alcuni dei membri del club di arte.

Finalmente aveva trovato la sua vera personalit e il gruppo di amici che aveva sempre sognato!!!