Sei sulla pagina 1di 8

Pura Vida questo il saluto che sentirete praticamente in ogni occasione in Costa Rica, una specie di augurio, speranza,

, una frase che racchiude cordialit, ospitalit, gioia di vivere, che spesso fanno parte del background di alcuni popoli latini. Ma il saluto in questa occasione pu essere tranquillamente utilizzato per definire lo stato danimo che ha accompagnato un gruppo di 31 persone, per 3 settimane. Quasi tutti conosciuti in precedenti esperienze di viaggio, hanno dato fiducia ad un giornalista passato allaltra sponda, quella organizzativa, anche se supportato da un professionista del settore. Testo di introduzione Bene, siamo nella dogana di Veracruz, i container finalmente sono chiusi, sebbene siano passati quasi 10 gironi dalla partenza dei partecipanti. Si torna a casa. finita. Veramente no, in realt il mio biglietto di ritorno per lItalia fra pi di 2 mesi, ma andiamo per gradi. Un viaggio anteprima, una novit mai proposta da altre agenzie del settore, per attraversare ben 6 paesi del Centro America: da Panama al Messico, passando per Costa Rica, Nicaragua, Honduras e Guatemala. Alla fine poco meno di 6000km, 10 attraversamenti di frontiere, colori, difficolt doganali, incontri, culture e situazioni sociali assai diverse tra loro ma soprattutto belle strade, una sorpresa per la totalit del gruppo, a parte il sottoscritto, che ha tratto spunto da un viaggio compiuto in solitaria nel 2004. Tutti contenti? Speriamo. Altre idee bollono in pentola e credo proprio che io personalmente ripeter lesperienza. PAESI ATTRAVERSATI- Panama, Costa Rica, Nicaragua, Honduras, Guatemala, Messico. LUNGHEZZA- KM 5775

Testo e foto Giovanni LAMONICA ARTE E CULTURA San Juan de Chamula Per molti tzoztiles, Chamula la capitale religiosa dei Maya. Qui si pu avere limpressione di non essere graditi e ripartire dopo 10 minuti, oppure si pu trovare molto gradevole passeggiare per le sue stradine, molto dipende dalla sensibilit personale. Per favore non date denaro ai bambini, molto meglio comprargli qualcosa da mangiare e da bere che non siano dolci o bevande gassate. La sua chiesa davvero interessante. Tassativamente proibito fotografare il suo interno e le processioni religiose. Nessun problema invece allesterno, anche se preferibile sempre chiedere il permesso. Infatti gli indios di Chamula credono che lobiettivo risucchi lanima, anche se negli ultimi tempi, alcuni accettano in cambio un piccolo dono. I tzotziles praticano la loro religione utilizzando gli strumenti del culto cattolico, importato qui dai gesuiti spagnoli. Gi da 2 secoli hanno cacciato lultimo parroco e sono i soli padroni della chiesa, senza banchi e che ha il pavimento coperto di aghi di pino; hanno per mantenuto le decorazioni dellinterno e venerano i loro dei sotto laspetto dei santi spagnoli. Gli specchi attaccati al collo delle immagini servono ai fedeli il riflesso della loro anima. Cristo stato rimpiazzato da san Juan, che porta nelle braccia un montone umanizzato, animale sacro dei tzotziles. Essi, una volta acceso un lumino, si confessano e la statua risponde attraverso la loro stessa bocca, grazie allo specchio attaccato al collo. Fin che brucia il cero, il fedele salmodia e colloquia con il dio, consumando lui stesso lofferta, di solito acquavite. Inoltre non c da stupirsi nel vedere persone bere bibite gassate mentre pregano, poi che credenza che il ruttare estirpi il male dal corpo (!!) Per tutto lanno si tesse per vestire San Juan. Il 27 giugno si lavano i suoi vestiti in una bacinella e lacqua viene bevuta da tutti i fedeli. Una volta rivestito il santo ha inizio la processione. In questo periodo dellanno arrivano nel villaggio tutti i malati della zona per essere curati dai curadores. I tzotziles hanno una venerazione enorme, che arriva al fanatismo, per le immagine sacre, in particolar modo per la croce, che assimilano allalbero della vita degli antichi maya e che piantano dappertutto. Nellamministrazione dei pueblos i sindaci eletti regolarmente secondo le leggi della repubblica, si fanno spesso da parte di fronte alle confraternite religiose, che i tzotziles si scelgono con le loro usanze. Effettivamente i 2 tipi di autorit convivono in perfetta armonia. Anche se, questa forma di governo bipolare, a met strada tra lamministrativo ed il religioso, da loro un potere tale da permettergli di cacciare dal villaggio chi li contesti apertamente. A Chamula sono stati espulsi pi di 25.000 di questi protestanti (in tutti i sensi del termine). Box piccolo con tema da scegliere di volta in volta In Costa Rica spingendosi allinterno, verso la capitale, inizia la zona montuosa vulcanica, con strade tortuose e panoramiche, ben asfaltate, che conducono ai 2 punti di maggiore attrazione turistica: il Parque National Iratzu, spettacolare!! Consigliato larrivo verso le 12-13 per poter godere da diversi punti panoramici questo lago vulcanico a 3432m con le sue incredibili acque verdi. Il parco chiude alle 15.30 e lingresso costa circa 8$. Il secondo il parco nazionale Poas, con i suoi crateri vulcanici, fra i pi famosi e fotografati del paese. ITINERARIO Si inizia da Panama, Panam come viene chiamata in spagnolo e non potrebbe essere diversamente. Le sue chiuse, il canale, questa vena dacqua, inaugurata nel 1913, che separa in 2, che taglia come una cicatrice il continente americano. Il canale oltre ad avere deciso la storia del paese, ha influenzato leconomia di un intero continente e rivoluzionato il trasporto delle merci a livello mondiale. Il fatto che ormai le imbarcazioni vengano costruite rispettando un Panama-size la dice assai lunga. Obbligatoria la visita alle chiuse di Miraflores ed il passaggio con foto di rito dal Puente de las Americas. La Panamericana una lama dasfalto che a parte un breve tratto che si interrompe nella foresta del Daren, unisce le Americhe. Va detto che, a parte levidente fascino che suscita, spesso un percorso noioso e trafficato, soprattutto da camion. Lalternativa entrare in Costa Rica, dal lato

dellAtlantico, fiancheggiando le coste che nel 1492 videro sbarcare le 3 caravelle di Cristoforo Colombo. Qui fascino, avventura ed un pizzico di spregiudicatezza verranno stimolate dallattraversamento di 2 ponti ferroviari, ormai relegati al transito di persone, merci e veicoli. Alla fine cadranno in 5, ma il morale alto nonostante dei problemi in dogana, che dilatano i tempi di attesa, per mancanza di personale dal lato costarichegno, quella che, fra laltro, doveva essere tra le pi semplici dellintero percorso. Il tempo finalmente volge al bello ed il Costa Rica a livello naturistico, ha tanto da offrire: parchi nazionali, vulcani, attivi e non, spiagge incontaminate, laghi, strade spettacolari. 2 giorni nella zona del Volcan Arenal e 2 giorni di riposo al mare, nella fantastica penisola di Nicoya, per potersi rigenerare ed affrontare al meglio il primo attraversamento doganale degno di nota. Si entra in Nicaragua con tempi accettabili, per arrivare nella coloniale Granada. Il giorno dopo, purtroppo il tempo tiranno, ci aspetta un'altra dogana, probabilmente la pi rognosa: si entra in Honduras. Saranno 5 ore circa tra uffici, tramites, fotocopie e pagamenti vari, davvero niente male!! LHonduras stato, a detta di tutti, la sorpresa pi piacevole per quanto riguarda strade e paesaggi. C da dire che anche in questa occasione abbiamo cercato di evitare le vie di comunicazione pi trafficate per concederci una strada panoramica secondaria che attraverso paesaggi affascinanti, strade poco trafficate immerse tra piantagioni di caff, piccoli villaggi indigeni e circa 90km di sterrato, ci ha permesso di raggiungere Gracias, una delle citt coloniali pi affascinanti del paese, grazie anche alle sue 3 chiese, quelle di S. Marcos, S. Sebastian e Las Mecedes. Lindomani, visita delle rovine di Copan, una chicca per intenditori di siti archeologici, con la scalinata dei geroglifici e le stele della Plaza grande che sono assai interessanti e rare per il mondo maya. Terminata la visita possiamo entrare in Guatemala, lobiettivo Antigua, patrimonio dell'umanit sicuramente una delle citt pi spettacolari ed affascinanti dell'America latina. Ma le cose da vedere sono ancora parecchie: lago Atitln, definito uno dei laghi pi belli del mondo, circondato da villaggi indigeni, in un contesto naturale spettacolare, con i vulcani S. Pedro (3020 m) e Taliman (3158 m) che si specchiano nelle sue acque. I colori, la gente, il traffico sono per solo la preparazione allo spettacolo del mercato di Chichicastenango. Siamo ormai agli sgoccioli, pochi giorni s, ma non senza sorprese. A farla da padrona sono soprattutto le strade. Il Chiapas, di cui sono personalmente innamorato una conferma gradita. Per la quarta volta nella mia vita, ma con la solita soddisfazione, percorrer la S. Cristobal de las Casas-Tuxtla Gutierrez. Il Messico per, viariamente ha tanto da offrire ed i partecipanti non tardano ad accorgersene: la splendida costiera 200 fino a Huatulco, poi la fantastica 175, che congiunge i 2 oceani, per giungere prima a Oaxaca (si pronuncia Uacaca) e poi sulloceano nel fantastico villaggio di Tacotalpan, uno dei pi antichi porti del paese. Siamo alla fine, da qui meno di 90km, Veracruz, il Camino Real, la cena di commiato, la consegna delle moto, il rientro in Italia.beh, non proprio, ad essere sincero, questo stato il programma dei partecipanti a questo viaggio anteprima. Il sottoscritto se ne va a nord, ma questo un altro itinerario inedito, unaltra storia e, speriamo un altro articolo. Box Quando partire In teoria, dicembre- gennaio dovrebbe essere il periodo o uno dei periodi migliori, non troppo caldo relativamente secco, ma con questo clima che tanto sta cambiando negli ultimi tempi, ormai non si possono avere pi certezze. Infatti gli acquazzoni, a volte anche violenti e di forma tropicale hanno accompagnato il gruppo fino in Costa Rica. Box Labbigliamento Per il casco ho preferito, nonostante mi fosse arrivato il nuovo EVO 5, ripiegare sul sicuro. 3 mesi in moto meritano qualche certezza: quindi ancora EVO4. Che dire? La sicurezza: comodo, con la possibilit di trasformarlo in jet in pochi secondi, ben aerato, abbastanza leggero. Preferisco i modulari e questo sicuramente uno dei migliori che ho provato. Nel corso del viaggio ho cambiato lingranaggio dx che regola la chiusura della mentoniera e della visiera: il fango laveva seccata e si spezzata. Un ricambio da portare sempre con se. Comunque piena soddisfazione: speriamo che il nuovo EVO sia allaltezza. Abbigliamento: un bel dilemma viaggiando con molto caldo, ma molte volte in altura. Oltre al discorso delle protezioni, valido in tutte le occasioni, ho optato per un completo che avesse buone doti di traspirabilit e la possibilit di poter usufruire di una membrana

interna per le situazioni pi fresche. Il completo Ralle 2 della BMW si dimostrato assolutamente allaltezza, lho usato anche nel prosieguo del viaggio, e credetemi, tre mesi con indosso la stessa roba per diverse ore al giorno sono un bel test. Ottima con le alte temperature, grandi cerniere che permettono il ricircolo daria, con eccellenti protezioni e membrana in gore tex, leggermente imbottita per giacca e pantaloni. Molte le tasche, come piace a me, anche se solo una impermeabile e grande tasca posteriore che alloccorrenza si trasforma in un marsupio. Perch non munirla di unimbottitura per i climi ancora pi rigidi? In caso di pioggia bisogna ripiegare, almeno per la giacca, su unantipioggia, dato che la cordura tende ad impregnarsi dacqua, e quindi ad appesantire notevolmente il capo. Per le calzature: provali e poi mi dici! mi aveva suggerito un amico di fronte al mio scetticismo sugli stivali in goretex. Gli stivali Savanna, sempre della BMW, sono i primi stivali in goretex che ho utilizzato per un raid e senza pentirmene. Robusti, impermeabili, comodi, leggerissimi, ma soprattutto freschi e con una traspirabilit eccellente. Anche nelle camminate lontano dalla moto in cerca di angoli panoramici per le mie foto, non mi hanno fatto mai rimpiangere i miei stivali sfoderati. Un nuovo punto di riferimento. Vediamo alla lunga sulla durata, dato che oltre i 20.000km del Centro America e circa una decina di migliaia prima di partire, ho intenzione di usarli anche per le attivit locali, fino al raid in Islanda di agosto. Casco BMW SYSTEM EVO 4 Giacca e pantalone BMW RALLYE 2 PRO Stivali BMW SAVANNA Guanti BMW SUMMER Completo KLIMAKONFORT Box Che moto utilizzare Percorso prevalentemente asfaltato ed adatto a tutti i tipi di moto. I tratti di sterrato nella penisola di Nicoya, poche decine di km sono facilmente percorribili da qualsiasi mezzo. Per quanto riguarda lo sterrato in Honduras, c la variante asfaltata che conduce a Copan. Nel gruppo comunque per diritto di cronaca cerano solo due moto stradali su 25, le altre erano enduro con preferenza per le grosse bicilindriche. Unico punto di difficolt incontrato dai partecipanti ed ampliamente rimproverato da 2 di essi nel corso dellultima sera, lattraversamento dei 2 ponti ferroviari per entrare in Costa Rica, che per rimarranno nellitinerario per la qualit del percorso che attraversa il passo del Diavolo e la zona di Boca del Toro, a parte la suggestione che il transito in questo punto di confine suscita. Informazioni utili DOGANE Questa sicuramente la parte del viaggio pi complessa: spesso lunga ma mai realmente difficile. Pi in basso sono riportate le varie formalit burocratiche richieste per lingresso via terra nei paesi centro americani. Le informazioni sono aggiornatissime. Lingresso del mezzo viene segnalato a volte anche sul passaporto. buona cosa controllare sempre i dati onde evitare spiacevoli e fastidiose sorprese. Per guadagnare un po di tempo, pu essere utile procurarsi preventivamente delle fotocopie di tutti i documenti (patente internazionale, passaporto e documento di circolazione). PANAMA ENTRATAtimbro passaporto: gli italiani non pagano limposta di $10 Documento di circolazione da ritirare al controllo veicular. Necessari: passaporto in originale, documento di circolazione del veicolo e patente. USCITAtimbro passaporto e riconsegna documento di circolazione COSTA RICA ENTRATATimbro passaporto, fotocopia del timbro sul passaporto stesso Assicurazione $14

Fumigazione $ 4 Rilascio documento di circolazione USCITAtimbro passaporto Riconsegna cedola assicurativa NICARAGUA Qui ci siamo affidati a dei tramites, locali che si occupano del disbrigo delle pratiche doganali, anche cos calcolare almeno 4 ore per lingresso ed il disbrigo delle varie formalit. Da soli possibile tentare in autonomia. ENTRATAFumigazione $3 fotocopie (patente, passaporto e libretto di circolazione) Timbro passaporto con tassa dingresso $5 Controllo veicolo con rilascio di una carta con i dati della moto costo $14. Diritto rodario per utilizzo della strada $10 Assicurazione $10 Rilascio documento di circolazione temporaneo con timbro sul passaporto, fare 2 fotocopie. Ritornare da chi ha controllato il veicolo per firma e timbro su una delle 2 copie. Polizia nacional per ispezione veicolo: anche qui timbro e firma sulla fotocopia vidimata precedentemente. Ritorno alla dogana per controllo della polizia di tutti i documenti e pagamenti. Si lascer una delle 2 fotocopie, quella timbrata e firmata servir per uscire dallarea doganale. Facile eh? USCITAvisto passaporto $2 Annullamento sul passaporto del timbro per il veicolo Controllo polizia del veicolo

HONDURAS
Anche qui , come in Nicaragua, ci siamo affidati agli onnipresenti tramites, calcolare comunque almeno 5 ore per lingresso. Per chi viaggia solo o in piccoli gruppi vale lo stesso discorso del Nicaragua. ENTRATAvisto sul passaporto con tassa ingresso $3; controllo dati veicolo con rilascio foglio con i dati del mezzo con il quale si andr allufficio per il rilascio del permesso di circolazione. Da qui altro sportello dove verr compilato il coupon per il pagamento ($ 10) da effettuare allo sportello bancario. Una volta effettuato il pagamento ritorno al primo sportello-ufficio per timbro sul passaporto e pagamento rodario (utilizzo della strada!!) e la revisione della moto, $ 30. A questo punto, fotocopia delle ricevute di pagamento e del passaporto, con il nuovo timbro con i dati del veicolo ed il gioco fatto. USCITAtimbro passaporto, dogana per il mezzo con timbro di annullamento per il mezzo e controllo del veicolo della polizia.

GUATEMALA
ENTRATADisinfestazione veicolo $ 2 Timbro passaporto. Rilascio documento di circolazione temporaneo con timbro sul passaporto, $6 USCITAtimbro passaporto Annullamento sul passaporto del timbro per il veicolo

MESSICO ENTRATA Timbro passaporto con compilazione di un modulo. Rilascio della carta di circolazione, costo $ 29.75, pagabili con carta di credito (non accettata la American Express). Importante: la carta di credito deve essere intestata al proprietario della moto, in caso contrario dovr essere presentato un contratto di noleggio che la stessa Mototouring vi fornir. Se ci non fosse possibile o non foste in possesso di carta bancaria, dovr essere versata una somma a garanzia di $430, che saranno restituiti (a parte i 29.75) al momento della partenza compilando un modulo di rimborso ed attivando una pratica che richiede almeno 2 giorni per il suo espletamento. USCITA Riconsegna del documento di circolazione con lo sticker. In aeroporto riconsegna del modulo e pagamento della tassa in uscita che spesso inclusa nel biglietto, controllare. INFORMAZIONI TURISTICHE IN RETE Per chi vuole saperne un po di pi prima della partenza Guatemala- Inguat www.guatemala.travel.gt o www.travel.guatemala.org.gt o www.portalmundomaya.com Honduras- www.letsgohonduras.com o www.honduras.com o www.destinationhonduras.com Nicaragua- www.intur.gob.ni o www.bcn.gob.ni Costa Rica- www.tourism-costarica.com per i parchi nazionali www.nacion.co.cr/netinc/costarica/Parques/Parquesnac.html Panama- www.ipat.gob.pa o www.panamainfo.com o www.visitpanama.com o www.panamatours.com CARTOGRAFIA Consigliamo: per quanto riguarda il Centro America, InterNational travel map (530 west Broadway, Vancouver, B.C. Canada) tel. 604.8793621, fax 604.8794521 www.itmb.com hanno in commercio una carta di tutto larea geografica o dei singoli paesi. Per il Messico guia Roji www.guiaroji.com.mx un atlante stradario che viene aggiornato ogni anno. COLORI E SAPORI (paesaggio, gastronomia, ecc.) Il canale di Panam Il Canale di Panam senza dubbio unincredibile opera dingegneria, che attraversa listmo e unisce il Mar dei Caraibi con lOceano Pacifico percorrendo tre chiuse e tre laghi artificiali, un complesso sistema in cui labilit delluomo e la sapienza della natura giocano un ruolo fondamentale. Lungo 81,1 km (compresi i prolungamenti in mare), unisce l'Oceano Atlantico a quello Pacifico. Ha una profondit minima pari a 12 m, e la larghezza varia tra i 240 e i 300 m nel lago Gatun, mentre di 90-150 m nel tratto di terraferma. costituito da un sistema di chiuse, con 6 conche, che permette alle navi di superare un dislivello di 16 m, evitando in tal modo la circumnavigazione dell'America meridionale. Il tempo di percorrenza compreso tra le 8 e le 10 ore. Limboccatura in corrispondenza del Mare delle Antille si trova nella baia di Limon, attraversa il lago di Gatun e il serbatoio di Miraflores, terminando nel Golfo di Panam. Il canale attraversato da migliaia di navi all'anno per un tonnellaggio di decine di milioni di tonnellate in entrambi i sensi. Il pedaggio dovuto per la navigazione la principale fonte dell'economia dello stato di Panam, pagato in anticipo e in base al tonnellaggio e dimensioni delle imbarcazioni. Le navi che attraversano il canale non possono superare i 300m di lunghezza a causa della distanza tra le chiuse. Il progetto originario del canale risale al XIX secolo; nel 1879 fu caldeggiato dal Congresso Internazionale di Parigi ed ebbe tra i suoi promotori Ferdinand de Lesseps, gi costruttore del Canale di Suez.

Nel 1881 Lesseps fond una societ per raccogliere fondi e inizi i lavori secondo un progetto molto complesso che non prevedeva l'impiego di chiuse; il suo tentativo fall per gli ostacoli di natura tecnica e finanziaria oltre che per le terribili difficolt ambientali che decimarono letteralmente la forza lavoro della compagnia con diverse migliaia di morti: malaria, malattie tropicali e calore si rivelarono un nemico terribile per il progetto. Nel 1885 Lesseps fu sostituito da Gustave Eiffel ed unaltra cordata di imprenditori ma anche questa societ fall, nel 1889. Nel 1901 gli Stati Uniti ottennero dal governo Colombiano (che comprendeva anche l'attuale Panam) l'autorizzazione per costruire e gestire il Canale per 100 anni. Nel 1903 per il governo della Colombia, in un sussulto di orgoglio nazionale, decise di non ratificare laccordo. Gli USA allora non esitarono ad organizzare una sommossa a Panam e a minacciare l'intervento dell'esercito se fosse avvenuta la reazione del governo legittimo. Panam cos, come gi Cuba, divenne una Repubblica indipendente ma sotto la tutela degli Stati Uniti che ottennero l'affitto perpetuo della Zona del Canale e l'autorizzazione ad iniziare i lavori. I lavori iniziarono nel 1907, intrapresi dal genio militare statunitense, e si conclusero il 3 agosto 1914, seguendo i progetti del colonnello Gothal, inventore del sistema di chiuse, su cui il canale si basa. Nel 1915 la nave Ancn effettuava il primo passaggio del Canale da un oceano allaltro, riducendo a otto ore la traversata, che prima che prima durava pi di sessanta giorni. L'inaugurazione ufficiale fu per rinviata al 1920, a causa dell'insorgere della prima guerra mondiale. Dopo 85 anni, il 31 dicembre gli Stati Uniti hanno riconsegnato a Panama il suo celebre canale. Un evento storico, che ha occupato le prime pagine dei media di tutto il mondo. Nell'aprile 2006 si concluso lo studio durato cinque anni per un ampliamento del canale. L'ampliamento verr eseguito in quanto il referendum popolare ha dato, con il 75,25% dei s (anche se solo il 43,3% degli aventi diritto ha votato) l'approvazione del progetto. I lavori sono gi iniziati e dovrebbero terminare nel 2014. Un po di curiosit: Il pedaggio di transito pi alto: 165.000 dollari pagati dalla nave da crociera Rhapsody of the Seas Il pedaggio pi basso: 36 cents pagati nel 1928 dal viaggiatore, scrittore e avventuriero americano Richard Halliburton per aver attraversato il canale a nuoto La media del costo di un passaggio: 44mila dollari Le navi in transito ogni giorno: 38 circa Le navi in transito ogni anno: 13mila circa Il viaggio da New York a San Francisco si accorcia di 12.666 chilometri se si passa per il canale di Panama anzi che circumnavigare la costa del Sud America Tempo medio necessario per il transito di una nave: dalle 8 alle 10 ore Lunghezza: 81 chilometri e 100 metri Profondit minima: 12 metri e mezzo Larghezza minima: 30 metri e mezzo Spesa sostenuta dagli americani nei dieci anni della costruzione del canale: 387 milioni di dollari Numero massimo di uomini impiegati dalle aziende di costruzione francesi nei lavori di costruzione (1884): 19.000 Numero massimo di lavoratori impiegati dagli americani (1913): 44.733 Colpo docchio A Chichicastenango, i giorni di mercato durante la settimana sono 4 e sarebbe una vera follia capitare da queste parti senza rispettare questa semplicissima regola di rispettare i giorni stabiliti: marted, gioved, sabato e domenica. Tutto inizia dalla prima mattina nella citt maya per antonomasia, dove cattolicesimo e religione indigena si amalgamano e sintetizzano. Sicuramente

una delle ferie pi colorate e spettacolari di tutto il Centro America, un arcobaleno umano, ricco di profumi e sensazioni. LA COMPAGNA DI VIAGGIO La moto GS 650F Innanzi tutto un ringraziamento ad Eligio ed alla sua Mototouring che ha gentilmente messo a disposizione il mezzo utilizzato per questa parte del viaggio. Avevo gi usato in un paio di occasioni la versione Dakar, compresa la ricognizione in centro America che ha poi generato lidea di questo viaggio da riproporre ad un gruppo. A parte lassetto pi stradale, sospensioni pi basse e ruota anteriore da 19, le differenze sono praticamente minime. Secondo me, una delle moto ideali per compiere questo tipo di viaggi. Affidabilissima, consumi dolio nulli, una percorrenza chilometrica che pu raggiungere anche i 30km litro, ma che non scende mai comunque sotto i 2425. Che chiedere di pi ad un mezzo per un viaggio extra continentale? Certo il motore, tanto affidabile, sicuramente la parte migliorabile,. In un utilizzo diciamo nostrano entra subito in crisi, per ripresa e quantit di cavalli a disposizione, anche se va detto che lestrema maneggevolezza ne fa un modello assai adatto ad una clientela femminile. I nuovi modelli della serie X hanno in gran parte sopperito a tali lacune. Le strade La vera sorpresa del viaggio. Alla fine non uno (ed erano 23 piloti pi 8 passeggere) che si sia lamentato. Non solo spesso panoramiche ma anche molto motociclistiche, con lunghi tratti assai ben asfaltati e ricchi di curve: uno sballo, una vera gioia per la guida. Su tutte quelle dellHonduras, del Messico ed alcuni tratti di Costa Rica e Panama.

e-mail: giovanni.lamonica@gmail.com web: www.landsails.it http://landsails.blogspot.com/