P. 1
Le monete dell' Italia antica : raccolta generale. Pt. 2: Monete coniate / del P. Raffaele Garrucci

Le monete dell' Italia antica : raccolta generale. Pt. 2: Monete coniate / del P. Raffaele Garrucci

|Views: 1,571|Likes:
Digital Library Numis (DLN)

sites.google.com/site/digitallibrarynumis
Digital Library Numis (DLN)

sites.google.com/site/digitallibrarynumis

More info:

Categories:Topics, Art & Design
Published by: Digital Library Numis (DLN) on Sep 29, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/21/2013

pdf

text

original

LE MONETE DELL' ITAIIA

EACeOlTA (lENERAlE
DEL

AUnCA

R

Raffaele Garrucgi
D. c. D. e.

PARTE

SECONDA

MONETE CO NI AT E

^G)Cg)(a-

ROMA
COI TIPI

DEL CAV.
1885

V.

SALVIUCCI

INDICE DELLE CITTA E DEI POPOLI D'ITALIA
CHE HANNO CONIATA MONETA

/;

primo numero arabico indica

il

prolegomeno,

il

romano

la

tamia

col

numero

della moneta, l'ultimo la

pagina che

lo

dichiara.

Aesemia 99

XC

17-24

99.
73.

Consa-Populonia
Consentia 170

LXXII

18

51.

Lucerla 109

XCII 23-31
11,

110.

Alba LXXXIII 17-19
Aletium
V.

CXVII 33-36
144.

170.

W

LXXIV

12

56.

Balethium.

Copia 144

CVII 27-35
74.
53.

Malies 98

XC XCV

13-15
v.

98, 99.
sociale.

AUpha
Alliba

LXXXYin 20, 21 91. 93 LXXXIX 37-42 95, 96.
CTII 36-38
76.

Cora

LXXXII 22

Marsicum bellum
Matiolum
74-76.

Bellam
119.

Cortona LXXIII 11

43-45

Aminei 144, 145

145.

Cosa Volcientinm
Croton 147, 148

LXXXII 23-25

Mesma

165, 166

CXVI

1-8

166.
136, 137.

Ancona LXXXII 27
Aquilonia 99, 100

CVIH

26-37

149, 150.

XC
26

25

101.
77.

1-39

150, 151.

ex

1-44

— CIX 152, 153. —

Metapontum 134-136

CU

20-35

CHI

1-28

137,138.— CIVl-34 138,139.—
139, 140.
53.

Aquinam 77
Ariminam
Arpi

LXXXII

30-32
76.
112.

CXXV
Croto-VeUa
111.

15 185, 186.

CV
8.

1-41

evi

1-6

140.

LXXXH

Croton, attr. err.
falsa

CXXV

Metlia
47. 188.

LXXIII 6

IH

XCm 1-23
HO
1-8

CXXV
57.

2

Neapolis82,83
1-19

LXXIV

18-38

83,84.— LXXXV
1-14
86.

Asculum Apalum
Atella

XCII 32-36
90.

Ct»a LXXIV
Cubulteria

14

81-86.

LXXXVI

LXXXVIII

LXXXVHI

13, 14

90. 81.

Neapolis ApnUae 118

XCV
22-30
47. 48.

33-38
91.

118.

Atìnum
Atiniom

attr. erron.

attr. erron.

Aurunca 78
Azetium 116

CXXV 7 186. CXXV 11. 186 LXXXHI 2-4 79. XCV 2-4 116.

Cumae 80
v.

LXXXIII 20-13
55.

Nola 91

LXXXVin
LXXI
1-6

Valentia.

Echethia LXXIII 34, 35
Etruria 13-47.

Nethu

aur.


LXXVI
LXXIV
22
15-9
39. 57.

arg.

LXXI

15-17

^ Euota.
1-3
122.

R.

Bipenne
Vetulonìa

Nuceria Alfaterna 96

XC

1-5

97.

Balethlnm sen Falethium 122

XCVII
80.

Patluna
Feinat

=

Nncria Brattiorum 168

CXVI

28-33

168.

Baibarorum plagia
27-30
Barioni 116
51.

LXXX
8-14

18

LXXVII

v.

Venafrnm.

Orsentum CXVII 20, 21.
47, 48.

— LXXVIII 1-13
116.

61,62.

Felzna, Felsnna
185.

LXXI 12-14

— CXXV
1-13

13.

Orra 120
187.

XCVI

14-26

120. attr. err.

CXXV,

9

XCV
XC
16

Bellum

sociale 102, 103,

104

XCI

1-32

106-107.

Fensernia vel Sensernia 93

LXXXIX
10

93.

Oxentam 123
Paestnm 179

XCVII 6-13

123.

Benventiun

99.

Fercna

LXXIV

13

58.

CXXI

41-44.

CXXII

1-41.

Blera (Sieda),
Brettii

aurum rude
7-31.

LXXI

2,

3

47.

Fetalu

=

Vetulonia

LXXIV
26

56. 94, 95.

CXXIII 1-23 179-182.
Pai Mol CXVII 22. falsa

183

CXXIV

Fistelia 93,

94

LXXXIX
XC

14-36

CXXV
77.

10, 11

187.
IS-'i.

Brundisium 121

XCVI

27-39

121,122.
5-7
116.
R.

Frentrum 101
Fuflnna
Civetta

101.

Pallanum

LXXXII

28,

29

—CXXV 14

Bytontnm sea Bytnntum

XCV
di

LXXIV

10. v.

Pnpluna
plagia.

Pandosia 154
Peithesa

CXI

5-8
59.

154.

C, Testa

di

Apollo
6,

o

Pallade

Galli Cisalpini v.

Barbaroram
1-12

LXXVI
Teutha.

1-5

LXXVI
>
,

7
,

59.

Graxa 119

XCVI

119-120.

PeteUa 157
119.

CXII 1-19

157.

ì

,

W

,

/V\

Testa di moro. R. Elefante

LXXV
59.
59.

Gry =

Grumbestiui

XCV

39-41

Pisae

V.

11-15

58.

Heraclea 131, 132

CI 16-40

132, 133.

CU
167.

Pitanatae Peripoli 98

XC
47.

11, 12

98.

5

,

ì

,

V, Enota, R Bipenne

LXXVI

11-19

1-19

133.134.

Populonia

LXXI
1-11

1-11

— LXXIV 10
51.

56.—

D, W1,

M,

Testa

di Lare. R.

Cane LXXVI 8-10
20, 21 59.

llipponium, sive Iponium 166

CXVI
123.

9-19

CXXV
Pnpluna

184, 185.

D

,

Enota. R. Ancora

LXXVI

Hydruntnm 122
Hyria, Hyrina 92

XCVII

4, 5

Populonia-Consa
92, 93.

LXXn
LXXIV

18

Gielinm 117
Caiatia

XCV 15-32 LXXXVni 15, 16
LXXXIII 13-18

117, 118.

LXXXIX
XCII

1-8

= Populonia LXXII 1-32. — LXXIII 1-5

90-91.
89.

Hyrinm Apuliae 109

21, 22

109.

50-53.


51.

1-9

55, 56.

CXXV

CalatiaLXXXVini9-21 89.— LXXXIX 1-3
Cales 79
79.

Incertae sedis Etmriae aes incnsum
57, 58.

LXXV

1-10

1-11

Posidonia 175, 176
49, 50.

CXX 1-22.CXXI 1-40
CXXI
1-40.

177, 178.

Campani 86-87

LXXXVI
59
v.

13-19

87, 88.

Can LXXVI

3

— non incusum LXXI 21-30 — LXXIII — CXXV 12 185. 7-10, 12-28
53.

Pnpluna

v.

Populonia

Kegium

161, 162

CXIV

1-38

163, 164.

— 163
LXXX
LXXIX

Ca

vel Ka,

Eoma

Eoma.

Imum

97
V.

XC

6-9

98.

CXVl-28
Eoma, nummi

164,
cusi

165.— attr.err.CXXVS 186
extra

Camars

LXXIV 10 56. anmm mde LXXI 1
XCIV
CXI
1-7

U Eoma
47.

Eoma

urbem 62-65

Larinum

101, 102

XC

27-37

102.

1-22

67, 68.
cusi intra

Cannsium 114

114.
89.

Latinm aes a
1-3
59.

latinis magistratibus

cnsum LXX^'I

Eoma, nummi
1-16

urbem 62-65

Capna

LXXXVI 22-35 88.— LXXXVII 1-18
1-4
153, 154.

65,66.
cusi

Casarium 153
Canlunia

Laus 170

CXVII

1-19.
159, 160.

Eomanor. nomine

a

sociis

LXXVII 4-26

155,156

CXI U-30

156,157.

Locri 15S, 159

CXII 16-32

— CXIII
1-6.

60, 61.

CXXV
Clnsìum
T.

16-17. 1S6.

1-22
Locri

160,161.
attr. err.

Eoma KA CA LXXXI17-25.— LXXXn 1-4
,

71.

Camars.
v.

(AO)

CXXV

12

186, 187.

Eoma L CXXX

24-34.
14, 15

— LXXXI 1-13
70.

68, 69.

Compnlteria

Cubalteria.

Lucani 182

CXXm 26-33. —

CXXIV

Eoma P LXXXI

Koma S LXXXI
Eoma

16

70.

SP
Sty

Koma XCVI

T.

Eoma.
120.

Tianum Sidicinum 79
Tiate

LXXXIII 5-12

79.

SP LXXXI 23. Soma Quirit. falsa CXXV
Entastini 115

13

Apnlum 107

XCII 1-20

lOS, 109.

10

187
66, 67.

Suessa

LXXXII

33-39.

LXXin
14-34

1

77, 78.

Tla (Telemon) falsa Trebula mutuesca

CXXV
35.

1

ISS.

EomaD. Famil. nummi LXXIX 17-24

Sybaris 145, 146

CVIII 4-25

146, 147.
125, 126.

LXXI
58.

XCIV
LXXVII

23-33

115, 116.

XCV

Tarentum 123-125

XCVH
126,

Tuder

LXXV
v. v.

16-18

1

116.
1,

XCVIII 1-28
2
59.

127.— XCIX

1-53

127121.

Vrsentnm

Orsentum.

Eab, C- Eub

129.

C

1-68

129-131.

— CI 1-15
186.

Vxentum

Oxentum.

S

Eoma

T.

Eoma. XCIII 24-38.

Tarentum,
Telesia

attr. err.

CXXV
91.

1

Valantea, falsa,

CXXV

11 187.
167.
90.

SaUpia 113
Samnites 98

LXXXVHI

19

Valentia 166

CXVI

20-26
9-12

XXV

11.

XC

10

98.

Temesa 167
161.

CXVI 27

168.

Velecba 90

LXXXVIII

Scylaciam 161

CXm 23-27
73.

Terina 168

CXVH

1-32

168, 169.
49. 54, 55.

Velia-Croton, falsa,

CXXV

3 188.
1-39.

Sidinm
Signia
Siris

XLV 42 119. LXXXni 20, 21
CVIIIl-3
9,

Teutha

= Pisae LXXI

18, 19

Velia

CXVIII 23-49.


8-22

CXIX

Thezi, Tliezle

LXXm 29-37
CVI 7-32
143, 144.

Venafrum LXXXVIII

17, 18

91.

145

145.

Thurium 140, 141

140-147.

142

Vennsia 114

XCIV

114, 115.

Ser

CXI

10

154.

CVII 1-26

A.WTSO
Il

dare una raccolta generale delle monete coniate

d' Italia

conoscerlo. D' altra parte
pesi
:

sembra che troppo

si

dia oggidì ai

era di per sé un'impresa così vasta, che non si sarebbe potuta

ed

io

credo che non di rado questa troppa fiducia noccia.

condurre a fine senza
musei,
durre le
far

gli aiuti e il favore di molti, o direttori dei

Ottima

è la considerazione del

privati possessori,

quando non

si

fossero volute ripro-

conio usciti dalla officina
fra loro

Imhoof-Blumer che dei pezzi fior di medesima delle buone volte difi'eriscano

stampe

altrui,

ma

cominciare del tutto da capo a
ovvero
il

nuovi disegni sugli originali, dovrà fare perciò maraviglia
in

sulle loro

impronte.

prepai-are

da 10 a 15 Vo per la poca cura posta di certo nel i tondini {Le sistème euboique, Paris 1882 5, note).
contano l'un dopo l'altro gli editori: e in ciò

Non

sapersi che siano passati
di

Si fa caso della così detta biografia di ciascuna moneta, nella

parecchi lustri in viaggi,

ricerche, in esami
l'

collezioni

quale

si

si

va

puhliche e private, fuori e dentro

Italia. Il frutto

che da questi

tanto innanzi da imputare a colpa se

una

citazione per avven-

viaggi e pervestigazioni si coglie, la Dio mercè, è destinato a

tura

si è
:

omessa.
io

E

questo un giogo che deve portare chi se lo ha
altra legge vi sia, se

vostro profitto, o studioso lettore,

e lo troverete, se

meco andrete

imposto

non penso che

non

di citare

cercando in questi fogli ciò che di meglio e di nuovo ho potuto
scoprire e mettere a profitto della scienza.

se vi è alcuno del quale si vuol dare notizia utile a chi scrive

a chi legge. Del resto quando
e

si

volessero citar tatti, spesso

Passando ora al metodo tenuto nella Descrizione
razione delle monete, dirò,

Dichiale

neanche
sono

si

potrebbe o per ignoranza della lingua nella quale
di

che

i

numismatici descrivendo
il

scritti gli articoli

numismatica, o per la ignoranza dei
ovvero perchè quei libri
o alla

monete sogliono notarne

il

metallo,

modulo,

il

peso, lo stato

libri e periodici nei quali si leggono,
e quei periodici

di conservazione, la rarità di ciascuna.

À

tutte queste cose non
di

non sono mai pervenuti a notizia
dei
tipi

mano

mi sono

creduto

astretto,

pubblicando
il

ciascuna moneta
e lo

il

di chi scrive.

disegno, dal quale risulta qual sia
servazione.

modulo

stato di con-

Per

la

dichiarazione

non posso fare a meno di
e dell' altrui

La

qualità del metallo è stata iniìiSttaT sulle tavole

esporre nettamente le ragioni della propria

sentenza,

con le cifre au. ar. ae. Quanto alla rarità, essa se è insigne
solo notabile risulta e facilmente si

cercando sempre di evitare che
è atto di perfetta giustizia, e e

il

lettore

sia

defraudato, che

deduce dalla descrizione:

non per umani riguardi lodando
'Ir^aov.

ma

in generale si sa oggi che il valore dipende da cause varie.

biasimando chi che

sia.

Vivi felice iv Kvqìoì

Del peso poi se ne tiene conto, quando pare che sia utile, opportuno, necessario
il

Infine resta che io renda a tutti coloro che poco o molto

farlo

;

di tutti

i

pezzi,

non
si

è possibile, è

quando
agio di

mi hanno

aiutato le grazie dovute.

non

si

su dove sono

gli

originali, o

non

avuto

l'

Errata-Corrise
nel testo

pag

62

rXTKA VEBEM
sannica

aggiungi
correggi
» »
»

EXTEA
sannitica

pag.

119
125

Narvegna
n. n.

correggi

Nervegna
Taranto

70
71

22 Falanto
24-26 invece di

»

lo stesso tipo in incavo, si
i

Oralione

Crotone

riformi coù: Il n. 24 ripete in incavo
del n. 23 i

tipi

72

73,74
74 108

WVITRIT Lxxxni
Jlarsiliam
n. 5
n.

mVITNIlT LXXXII
Massiliam

un. 25, 26 ripetono

il

tipo

del dritto - indi invece di tutti e tre questi

»
j)

didrammi kggi:
123
il

1

due esemplari 23, 26.
correggi »

VM

VAA
24

n. 8 e

il

n.

9 vanno scambiati

n.

28 Falanto
198

Taranto

113

23

»

158

n.

158

PAETE SECONDA
MONETE CONIATE

ETRUEIA
Nel pubblicare
non ben
Vescia e
il

A, e IK, le quali

talvolta

insieme

uniscono

con im tratto

a.

traverso; ovvero adoperano

la greca lettera

§

dinotante del pari
il

nummo

d'argento del

Museo Borgiano

che

il <,

mezza

unità. Cotesta

forma di
S

cifra

supponendo

sigma

letto dal Sestini e attribuito

ad ima confederazione di
di altri

di quattro linee e non

piìi di tre

come

si scrisse

in tempi piti

Minturnae nella Campania mi giovai

due esem-

remoti

ci

serve di

buon argomento per dedurre che questi pezzi
fino

plari, scoperti di poi, ancor essi monelli nella leggenda,
il

come

durarono a lungo almeno

a tanto che la forma della lettera
era certamente
di piìi

§

primo

e col loro aiuto potei ristabilire
:

la

leggenda ben sin:

ebbe origine
del
l'

ed uso

,

lo che

avvenuto prima

golare in lingua etrusca, che fu

Ì3A

:

m\l•\^\l^

\W\.

La
:

notizia

276

di

Koma. Dedurremo

che quando la cifra del-

ne fu da

me
e

divulgata nelV Annuaire
si

numismalique

ma cM

argento era duplicata sicché in luogo del

X

la unità

superiore

poteva allora prevedere che

sarebbe trovato
il

un esemplare

portava col peso medesimo la doppia cifra XX, le frazioni inferiori

dopo cento

piìi

anni da che era apparso
e

Borgiano che rife-

non conservavano più

il

tipo
i

medesimo. Ciò

si

dimostra non

risse intera la

leggenda

che mi facesse lieto di averla tanto

solo dalla cifra X, che recano
altri tipi,

pezzi del peso di gr.

4

e

con

prima indovinata? Serva questo esempio per provare che riguardo
alla

ma

dal validissimo argomento che risulta dall'esame

monetazione etrusca

si

è lavorato

molto e tuttavia

si

lavora

del deposito di Sovana, dove sono stati trovati insieme colle unità

in raccoglierla e
provvisti.

nondimeno siamo
duopo che
e io

ancora troppo scarsamente
i

a testa di gorgone del valore di
e le loro

XX

e

peso di circa 8 grammi,

Però

è

avverta

lettori che
le

non

si

aspet-

metà con

teste di profilo giovanili laureate, e mulie-

tino se

non poche

povere considerazioni
all'alta
e

quali

sono
si

ben

bri diademate in

buon numero.

A

questa serie devono

quindi
quelli

limgi

dal

corrispondere

giusta

idea

che

ha di
si

riportarsi gli argenti con la cifra

A

e

HA

e

finalmente

cotesta nazione e

non provano un gran commercio che pur

che recano
di profilo.

il n.

1

ed hanno ancor essi per tipo la testa

umana

faceva dai Greci e dai Penicii, di Asia e di Africa nei suoi porti.

n

piìi antico
:

argento ed oro dagli Etruschi monetato
e il leone.

ha

Tutta questa monetazione
pluna,

emana

dalla

officina

di

Pu-

tipi stranieri

la

Gorgone

La Gorgone

è

rappresen-

come dimostra
si

la

leggenda che
anche
il

vi si trova al riverso.

tata dalla sua testa di

prospetto
;

con la lingua sporgente le
il

In questa epoca

è

cambiato

tipo

della

maggiore

labbra aperte e le gote contratte

rovescio è liscio

ma

piii

unità sostituendo alla
di prospetto con allato
e il n.

Gorgone

la testa di Pallade galeata posta

tardi comincia a portare qualche simbolo o segno, ed indi anche
il

un

delfino

simbolo di

città

marittima,

nome

della zecca che è

fll1V>I'1V'l;

il

suo peso da principio
e di

XX.
della cifra vicenaria sono da congiungere que-

superò gli otto grammi, poi
sotto.

si

abbassa agli otto grammi

Al sistema
gli aurei

La sua

divisione è in

metà

e quarta. Coteste condizioni
e

che recano teste umane di profilo con le note di vale

convengono pienamente col didramma Attico-Euboico di Solone

lore

X

e del peso di oltre a 0,50 gr. e con

note

di

AXX

però non potendosi riferire ad un caso, uè credere che gli Ateniesi prendessero dagli Etruschi, che

del peso di gr. 1,30 ad 1 e 40: dai quali ragionevolmente dedu-

come abbiamo detto non

ciamo che

ci

manca

tuttavia l'aureo colla nota 1^ e
•!

con ogni

ebbero propria moneta, ragion vuole che gli Etruschi l'abbiano
presa da loro.
del 160 di

probabilità le frazioni inferiori 3I1X, A,

Non può

quindi darsele un' antichità maggiore questo di proprio che gli Ateniesi
e gli

Ora ho da por mente ad una non ha niente
finora.

serie di ori e di argenti che

Eoma.

V

è solo

di

comune con quelle che abbiamo considerate
e

dividono

il

loro di dramma in otto parti che dicono oboli
e

Queste consistono di aurei a testa di leone

rovescio
le

Etruschi invece in dieci X,

quindi

la

dramma ne

contiene

liscio dei quali si

sono finora trovati tre che portano
5IIX.

note
città

cinque e

la

quarta parte due e mezzo

che notano

colle cifre

di valore 1^,

AXX,

E

in

prima

si

dimanda a qual
6

44

BTEUEIA

della Etruria appartengono. Essi sono stati attribuiti

finora

a

a 16

ben

si

deduce che da

gr.

4,24 avendo per la quarta parte
di argento di gr.

Populonia

ma

non

si

saprebbe dire per qual serio motivo. Peè finora

gr. 1,06 si otterrà

una unità

16,96 qual è
:

rocché sulle monete sicuramente populoniesi non
il

apparso

presso a poco

il

valore del

nummo

coll'intero leone
si

e però si

tipo della testa leonina. Il tipo del leone intero
e

in argento

può

dir certo che le

due frazioni non

corrispondono con la

con lingua egualmente sporgente
attende la sua destinazione
lonia,
solito
:

del peso di gr. oltre a 16

unità di gr. 4,24

ma
e

con altra più debole.
l'oro

ma

questa non sarà di certo Popudella

Dopo

l'argento

di

Pupluna,

e di

Nethu
vi è

e l'oro di

sebbene quella

tal

città

quale

si

legge
del

il

nome

Felzna passiamo ad altre
nobile metallo che
porti

città etrusche.
il

Non

moneta

di

scolpirsi in questi

tempi sul campo

liscio

riverso.

nome

di Tarquinia,

di Vulci, di

È

solo esso per quanto so dei quattro esemplari a

me

noti che

Telamone,
piii

di Vetulonia, di

Volterra, di Chiusi o d'altra delle
:

porti

una leggenda

e l'ha dato a conoscere
1).

il

oh. Poole (A Catal.

note città nella storia, se ne eccettui Cortona

si

può solo

of the greek coins, p. 7 n.
dai

Vistane l'importanza ne dimanla

congetturare
si

che Cosa ebbe

la

sua,

ed

ecco

in

qual

modo

un

calco ed è da questo che fo dipendere

mia lezione

procede.
di

Un nummo

col tipo della testa di

Gorgone del va-

alquanto diversa da quella dell'editore. Io convengo con la trascrizione di tre lettere,

lore

due decine, XX, fu posseduto dal dottor Puertas, che

ma mi

diparto solo da queir una che

al

ne lasciò memoria in una scheda conservata nel Museo di Firenze.

Poole è sembrata im h e a parer mio dev' essere un 3 con le
appendici traverse non riuscite nel conio, che ha lasciato anche

Egli ne disegna

il

rovescio ponendovi

un pesce probaIl

bilmente tonno e di sotto la intera voce
si

KOSM.

Puertas non

una nappa

di metallo.

La voce adunque non può
si

essere

che

è

mai

citato fin ora che con lode,

ne

v' era

motivo di trascriallora

ìOm
non
fa

ovvero =I03I1 voce non intera la quale
città

accosta al

nome

vere in moneta ben nota di

Pupluna un nome

non

inteso.
:

^HV03h. Questa

dove fosse non è chi
si

lo

possa dire:

ma

Intanto ai nostri studi questo

nome ha un

valor singolare

pe-

maraviglia perchè neanche

sa dove fu
011513=1,

AJBOB'I, dove

rocché

ci

offre

in greche lettere e in dialetto dorico

la vera e

A+3W, dove 3>JI30, dove EYE®, dove
ci

nomi

tutti che

originai denominazione di Cosa, della quale qualche debole traccia
se ne
1, 6)

sono rivelati dalle monete etrusche, per tacere di quelli noti
le sole iniziali

ha nei codici

di Plutarco

dove

si

legge

(l'ito

Fta-

per

A, V,

/V\,

!).

A

questa unità maggiore con la
quella monetina

min.,
di

Kàraa;

e Consa, Consantts si legge in parecchi codici
Ili,

epigrafe

303t1 parmi

corrisponda

che

porta

Livio (ed.

Draken. T.

250, 512).
in

È

proprio del

dia-

per tipo la testa del leone e pesa gr. 1,07 dichiarando col peso
di essere la

letto cretese di

mutare

Movaa

Móvaa, vnà^xovaa

in vTiaQ-

decima parte,

e

con la nota

X

che ha sotto di se

ypvtìa.

È

quindi chiaro che la Kàtsa e

Eóoaa

si

poteva essere

dieci parti inferiori.
Il tipo

detta Kóvcta,

cambiato solo Vco in o nel manoscritto di Pluil

del leone è notissimo per le monete dei Focosi di

tarco. Il tipo del rovescio ricorda
ferire di

Qvvvoaxónstov che

al ri-

Velia, che fondarono

Alalia

in

Corsica.

Può quindi

stabilirsi

Strabene era fabbricato presso

di Cosa per la pesca

con fondamento ohe questa Nethu sia una loro colonia mentre
un' antica tradizione attribuiva ai Corsi la fondazione di
lonia (Servius

dei tonni..

Non meno

evidente

è

il

nummo

del

Museo
il

di Fi-

Popu-

renze battuto dai Cortonesi. Costoro come Etruschi
beto rifiuta la vocale o
si

cui alfa-

ad Aen. X, 172). Anche questo
la

tipo

evidentepiìi
il

appellano Curt... I tipi sono al dritto

mente focose prova che
presto verso
il

monetazione
i

dell' oro

cominciò al

una

testa giovanile

a d. e alla

nuca

la

nota

A

del valore: al

160 nella quale epoca

Pocesi trapiantarono

riverso due tentacoli di polpo e a d.
riore uscita
di conio,

TQV)
si si

con la metà supe-

loro soggiorno in Corsica.

ma
il

che facilmente

compie Curtuna.

Gli Etruschi ancora inventarono

una moneta d'oro

liscia

Meno

agevole sarà
si

modo

che

dovrà tenere per divi-

da ambedue
solo

i

lati

e

per lo

piìi di

forma globulare schiacciata

nare quale città

abbia coniata la moneta che porta per tipo

marcando

la

minore unità della nota

!

fra

due punti, del
dall'antica

un calamaio

detto loligo dai Latini, e di sotto

un X

:

di questo

peso di gr. 0,06.
Blera, oggi Bieda
:

La
il

serie di queste

monete viene

nummo
sotto
il

si

é trovato
il

anche

il

duplicato con lo stesso tipo e di

pezzo maggiore di gr. 5,24 ce lo ha man-

XX:

peso del

X

è gr. 11,5 e quello del
si

XX

di gr. 22,55.

dato Chiusi.

Già sapremo a qual
è l'arte di

città

possano

probabilmente attribuire

Notilissima

Bolsena, oggi Orvieto, nei tre pezzi

quei

nummi

che hanno di peso undici

grammi
che

:

che ne abbiamo con la leggenda Il1flm<l33
inferiore è abbreviato in

che nella frazione

porta è la provenienza: perchè sappiamo

il

ma ciò che imXX in doppio

VN3ì

il

cui intero darebbe

Felsuna
e

esemplare

è stato recato al

marchese Strozzi da Pisa. Ora ceril

ovvero Felsfia stando

al

Felznani della maggiore unità,

al

cando quale analogia passa fra

tipo del calamaio e Pisa la

Felsnach ravvisato nelle pitture vulcenti {Diss. archeol. II p. 64).
Questi pezzi secondo che ha già notato
il

troveremo nel racconto di Plinio che presso Servio
X,
179)
si

[ad

Virq.

Gamurrini

si corri-

attribuisce

a Catone, essere

stata

Pisa in prima
i

spondono esattamente fra loro dacché la quarta parte pesa un

fondata dai Greci Teutoni, detti anche Teutones e Teutae,
la loro città dissero

quali

grammo
cine

e quindici

centigrammi

e

l'intero che porta

due de-

Teuta,

il

qual

nome

poscia

i

nuovi coloni
i

XX
il

ne pesa quattro e 67. Sono

della più bella e florida

cambiarono in Pisa.
alludendo
al
i

Non

par quindi inverosimile che

Pisani
cala-

epoca e però notabilmente posteriori a

quella
si

degli aurei di

primitivo lor

nome

si

siano dati per tipo

un

Nethu

cui

^

pesa

grammi

4,25,

ma
la

divide in
inferiori

metà AXX
ben
si

maio che
e

Greci per l'appunto chiamano in loro lingua Tsvdog,
il

e in quarti XIIC, nei quali le

due frazioni

cor-

TsvOig. Così la seppia, (Xì^nid diede
i

nome

arjnovg alla città

rispondono,

ma non

ragguagliano

maggiore unità dandoci
le

clie

Latini dicono Sipontum.

gr. 2,86 in luogo di gr. 4,24.

Stando

proporzioni dell'uno

Una moneta

d'argento

del

peso

di

gr.

22,55 del valore

ETRUEIA

45

di

XX
si

unità

la

cui

metà pesa grammi 11,5 del valore
liattuta

di

X

Le medesime

terre etrusche ci

mettono poi innanzi
i

la città

non

conosce

altrove

in Italia;
al

non dai Greci, né
coi Fenicii delintrodotti nelle

detta Echethia nella moneta che porta

tipi

di

una testa mue al riverso

dai Latini. Attribuiremo
l'Africa e dell'Asia
città etrusche.
i

adimque

commercio
seguiti
e

liebre laureata con pendenti agli orecchi volta

ad.

vari

sistemi

un gufo con la leggenda

3

EtE®

< .

Lasciando stare l'insolito simbolo

dell'uccello funesto che forse vi sta
piti

come sacro aUa

ninfa Orfne

B

questa opinione sembrerà

verisimile se vi aggiun-

sua madre e moglie dell'Acheronte, diciamo che probabilmente
di questa Echethia parla Stefano
il

giamo in conferma un secondo
di altra serie etrusca,

fatto che ci risulta dall'esame

di Bizanzio in

un luogo che
si

che porta per tipo l'ippocampo.

Meineke

col

Cluver ha creduto
città nota e

corrotto

sostenendo che
sol tre linee

I pezzi trovati tìnora sono oro

debba leggere "Ex^^qa
dallo stesso
(tav.

nominata

dopo

grammatico geografo.
il

Ma

eglino dovrebbero anche
il

A
C

gr. 2,75

CXXV,
LXXI,
27).

13).

sostenere che

derivato 'Exénaróg sia sbagliato,

che non fanno
Dionigi.

argento

gr. 2,02 (tav.

28).

né ponno fare avendo contro l'autorità

dell' Alicarnasseo

ce

gr. 4,18,
gr.

4

(ibid.

L
È

Niente pertanto
5,35
(ib.

si

guadagna intorno

al sito di questa Echethia

30). etrusca. Resta finalmente Metl.Ai-BWi posta innanzi ad

una testa

chiaro che l'aureo rappresenta la

metà

di

una unità magil

giovanile laureata in

moneta che ha

il

riverso liscio.

Che

sia

giore, che deve avere avuto

di peso gr.

5,50,

cui duplicato

Mèlelia o Metilia e congettura,

ma

del sito ove fu,

non abbiamo

che supponiamo, perchè
sai-à

il

cinque

rappresenta

una

frazione,

nulla da dire.

stato di gr.

11,00. Parimente se poniamo la minore imita

Non debbo

qui omettersi una singolarità che giova a for-

dell'oro in ragione del

16 di argento, avremo

1

:

16

=

gr. 8,30,

marsi un alto concetto del commercio marittimo degli Etruschi
coi popoli di Oriente. Ciò si

e poiché

il

pezzo di argento con la nota CC pesa gr. 4,18, cioè
il

deduce dal bisogno che

essi

mo-

là metà, dedurremo che
di

pezzo di gr. 8,30 portava
il

il

valore

strano di adoperare sulla moneta, oltre alle proprie cifre espri-

ecce

cioè

XXXX
al

e

progredendo:

pezzo di gr. 16,60

=
del

menti

il

valore, anche le cifre greche e persiane. Questo sistema

tXXX

e quello di gr. 20,90

=

DIC.

che ora a noi reca imbarazzo e incertezza non
cerbero
al riverso

doveva recarlo

Passiamo

pezzo di argento

col

una

volta

quando

le serie erano

complete

e le città distinte.

peso di gr. 5,35. Questo porta la nota della metà
vi fa
gr.

<

,

adunque
di
ci

Non può

però dirsi altrettanto
siasi
il

delle

monete

di

Pupluna dove
del quale

un pezzo
del

di gr. 10,70

del valore

di X,

e

un pezzo
e multipli

non pare che
il

mai coniato un pezzo

di

XXX

21,40

valore di XX.
al

Le quali

divisioni

AX
si

ovvero

A

sotto altra

forma esprimesse la metà del tutto.
cifre, e

portano evidentemente

tridrammo (vedi Eeggio)

o alla

puche

Parliamo ora delle nuove
è veduta nel sesterzio

cominciamo dalla greca

§
A

nica monetazione dell'oro e dell'argento in Sicilia.

etrusco scambiarsi colla cifra

Tra

le città di

nome

e di sito ignoto

possono prendere
Il

il

primo

di altro esemplare.
di

Un
un

secondo esempio l'ho da una monetina
al dritto

posto quelle che troviamo scritte

Thezi e Thezle.

confronto

bronzo rappresentante
C,

la testa

di

Mercurio sotto

della doppia e triplice maniera di scrivere

una
e

città

Felzna e

alla quale è notato

nel riverso v'è la civetta con la epi-

Felsw,

Pupluna

e

Furlana,
la

Fati,

Fatalu
che

Fetlunfa può in
la

grafe
la

A^BOn-l

e

a sinistra della civetta la cifra

^

,

dinotante

certa

guisa giustificare

ipotesi

come

prima

e

la

metà

al pari della cifra

etrusca C impressa nel dritto.
si

seconda moneta che portano scritto 0EII così anche la terza
sulla

In una moneta
nel

della quale

hanno due esemplari l'uno
e

quale

si

legge

OEIUE
i

appartengano ad un sol popolo.

Museo

Britannico,

ma

cosi guasto

coperto dall'ossido in
del valore che al
é nel

Bisogna però

far notare che

pesi della

prima

gr. 11,12 gr. 11,30
gr.

quella parte
eh. Poole

dove sogliamo cercare la nota
é riuscito decifrare:

non

si

corrispondono

col

peso della seconda
:

8,23 né con

non

ma l'altro
ci fa

esemplare che

quelli

della terza gr. 9,91

anche
sistemi

i

tipi

appellano ad epoche
cambiati
:

Museo

di

Firenze è cosi netto che

conoscere di sopra del-

diverse.

Può

darsi

che

i

siansi

v' è

peressi

l'ippocampo accanto ad
che qui
ci

un

delfino la nota

CC deUa quale occorre
coi tipi

tanto da fare

gran caso

dei tipi della

seconda moneta:

occupiamo. Pesa gr. 4,18.

Un nummo

me-

sono al dritto la testa diademata di
e volto di terzo a sinistra

un uomo

in tetro sembiante

desimi del peso di una metà, cioè di gr. 2,02 del quale pure
si

dalla qual
:

parte sono volte le due

hanno due esemplari con questa varietà

,

che nel primo v'è
;

serpi che le guizzano intorno

al riverso poi v' è la sfinge

che
evi-

per cifra un

X

e di sotto

all'ippocampo un

C nel secondo esemè volto a sinistra

siede a destra:

nelle

quali

rappresentanze parmi troppo

plare fattoci conoscere dal
e

Bompois l'ippocampo
D,

dente che

si

abbia coUa sfinge tebana anche la testa di Edipo,
si

ha di sopra la sola cifra

omessa ogni

altra.

Ma

ecco

un

quale dicevasi che

elevasse dal suolo presso l'ara delle furie
i

aureo cogli stessi

tipi della collezione Strozzi

dove la

cifra sot-

a cui alludono le serpi, per maledire di nuovo poi la favola tebana sia divenuta

figli suoi.

Come

toposta all'ippocampo è

un

A. Il suo peso è di gr. 2,75.

\m

tipo della

moneta

di Thezi

Comparando queste preziose monetine noi deduciamo che
la cifra

etrusca in tanta oscurità di emigrazioni
facile
il

e di storia io

non credo

CC

contiene

il

doppio valore di quello che ha la cifra D
il

poterlo conoscere.

Aggiungasi nella moneta di Thezle
al-

corrispondendovi anche

peso che è la metà
i

:

ma

in pari

tempo

la

protome del bue che non senza verosimiglianza direbbesi
il

dobbiamo conchiudere che
fronto, plare.

C vale X, non

solo per questo con-

ludere aUa Beozia, mentre

mostro marino del riverso

facil-

ma

perchè vediamo l'X scambiarsi col D del secondo esemil

mente allude
pili

al

mare. La furia deUa prima moneta sebbene
al

Impariamo anche dall'esemplare Strozzi che
cifra A,

cinque è

vagamente può ancor essa alludere

mito medesimo.

anche significato dalla

cioè che la

C del secondo esem-

.

46

ETRUKIA

piare ha
lo che

il

valore
la

generico di metà,
osservazione
il

e

particolare
di

di

dieci

:

nel pezzo di cinque

si

è

surrogato

un simbolo. L'ippocampo

conferma

fatta

sopra relativa alla

che è sul riverso della maggiore unità sembra riportare questa
serie a quell'argento che
stico animale.

doppia maniera di significare
tivamente
Ci
si

numero

o in sé

come X
C,

o rela-

ha per tipo cotesto medesimo fanta-

alla

unità maggiore

come A ovvero
si

cioè

metà.

potrebbe

da taluno dimandare, come

può

spiegare

Alla classe delle monete fuse sembrano doversi assegnare
quei piccoli bronzi che sono contrassegnati dalle due facce con
tipi

questo doppio significato della cifra
ora
il

C che ora dinotala metà
spiegare se non
confronto.

numero

dieci.

Io invero

noi saprei

mi

incusi.

Tre sinora

io

ne

conosco,

tutti

però trovati in

si offrisse nella scrittura orientale

un buon
si

luoghi diversi. Quello di Belona nell'Orvietano che è fuso nelle
staffe,

Questo

ci

viene dalla Fenicia, che
il

serve della lunetta D

l'altro di Ancarano,

e il terzo,

che

è

venuto in

Roma

per esprimere

dieci e questa pei multipli raddoppiano scri-

al sig. Stettiner

da Perugia. Portano questi da un lato una specie
il

vendone due

tre o quante

ne abbisognano (Gesen. Script, lincf.

di croce equilatera e

primo ha dal riverso un' àncora,
il

gli altri

guaeq. phoenio. inonum. pag. 87:

Pihan, Exposé dea ùgnes
i

due una mezza luna;

lor peso

non

è

maggiore

dell'oncia.

de numération, p. 165)

:

le quali

cifre

Penicii le hanno co-

Ad un
colla nota

terzo sistema
iniziali

riferiremo quelle eleganti monetine
AA battute
e

muni

coi Persiani

e

cogli Assiri che nell'alfabeto cuneiforme
il

delle

5, ì, \M,

verosimilmente

ai

esprimono con la lunetta ad angolo
il

daca

<,

e il visali

«

cioè
si

tempi

di Pirro,

quando anche Todi
si

Peithesa battono la loro
5, ]M, N\.

dieci e

il

venti (Pihan, op.

oit.

pagg. 45,46). Ecco quanto

moneta, e quelle tre città che
Dalle quali
si

dissimulano nelle lettere

può per ora dire

a fin di spiegare cotesta

nuova

e ignota

ma-

debbono

distinguere

per anteriorità e per sin-

niera di cifre numeriche adoperata dagli Etruschi, nel cui uso

golarità di tipo che è

ruota al dritto e accetta bipenne al risi

volgare etrusco la cifra D è una variante

del A, che

si

scrive

verso quella serie che
i

rende singolare per le

iniziali 5, 1, V,

anche giacente or sull'uno or sull'altro lato >,
L'osservazione

<

e boccone r\

quali bronzi constano della nota e del peso che valsero, l'unità,

che sono

per fare

mi conferma

nella sen-

la

metà

di essa e la quarta parte. Il peso delle
ai

maggiori unità

tenza che a spiegare queste cifre bisogna rivolgersi ai Penicii.

non suole arrivare

dodici grammi.
e di

In quelle monete che in prima a riverso
rilievo si legge notato il

liscio poi di
gli
".

doppio
riori

Le monete
alla
è

di

Pupluna

Patluua non mi paiono antepeso che
si

numero

XX

che

Etruschi sogliono
,

dominazione romana.

Il piii alto

abbiano

dividere interponendo

or

quattro globetti

or
si

due

:

che di

non

maggiore della mezz'oncia

incirca.

La

nota di valore fuil

frequente chiudono fra due linee parallele

1:1

vedono ancora

rono da principio due globetti che pei Latini segnano

sestante;

esternamente a destra

e a sinistra

due piccoli cerchi, che chiacifra.

ma ben
moneta

tosto
coi

i

globetti furono quattro e si hanno esempi della

meremo

zeri,

perchè identici a cotesta

Incerto è tuttavia
l'uso però

due globetti ribattuta per quattro. Di cotesto

nummo

che a noi l'abbiano comunicata gli Arabi; facciamo che
è di multiplicare
si

che ne
del

col tipo di Pallade al dritto e la civetta volante al riverso coi

per dieci

il

numero dopo
come
è chiaro.
il

quattro globetti

conosciamo

una

serie

composta

di tre pezzi,

quale lo poniamo, non

può rivocare

qui,

Bi-

che chiameremo alla latina, triente, quadrante (or ora trovato e

sogna dunque rivolgersi ad una scrittura nella quale
è

numero,

posseduto dal

sig.

Mazzolini) e sestante.

Questi due spezzati

preceduto o è seguito da un zero, non perciò cambia di va-

minori non
bile che

si

sono peranco trovati ribattuti, ed è però probavi fosse in origine che
si
il

lore.
il

E

questa è la Fenicia ove le cifre numerali che dinotano

non

solo sestante, riconiato
si

dieci con

una linea retta

orizzontale, ovvero con
o

una curva

5,

per triente, quando
i

creò coi tipi medesimi e gli

diedero

si

accompagnano indifferentemente a destra
cit. p.

a sinistra con un

spezzati minori suddetti.

zero (Gesen., op.

87; Pihan, op.

cit.

p.

185). Gli Etruschi

Populonia coniò di poi sestanti con questi

tipi.

Testa di

usano di separare ima parola dall'altra con due punti vertical-

Vulcano

e al riverso
il

martello e tenaglia: Testa di Mercurio e
essere
ribattuti
sia stato,

mente posti:

il

principio e la fine
in contrario

dell'epigrafe adornano con

al riverso

caduceo. Cotesti bronzi sogliono
;

una lunetta volta

a
il

destra e a sinistra: pongono

sui sestanti col tipo della Pallade

e il

motivo parmi

talvolta due astri o compiono

vuoto se l'epigrafe

è circolare

perchè ne fu cambiata la

nota di valore,

da due globetti a

ponendovi

i

segni del sole e della luna.
a

Le

quali cose è d'uopo
si

quattro, e vi si aggiunse una seconda nota che fu

un

X, dino-

avvertire anche perchè gli astri

quattro raggi non
al P.

pren-

tandosi così che

i

quattro globetti

equivalevano ad una unità

dano per numeri come
care ima

è

avvenuto

Eckhel nel pubbli-

che a guisa dell'obolo attico conteneva dieci unità minori.
Si hanno separatamente da tutti questi due bronzi del peso

moneta etrusca del Museo

di Firenze

{Numi

vel.

pag. 10

tab. I n. 9).

medesimo ma
antica serie di bronzo coniato in Etruria
si è

colla nota del sestante. I tipi del
e e

primo sono testa
attestante

La più
che ha
il

quella

di Vulcano.

R. Tenaglia

martello con l'epigrafe
Felalu
(ib.

camp_o del dritto convesso col tipo in rilievo, al quale

un' alleanza con
n.

Camars

n.

3

Tav.

LXXIII

è congiunto

un

riverso piano coi tipi incussi.
il

Non

vi si è letta

10): quei del

secondo sono testa di Ercole giovane diademata
al collo,

finora veruna epigrafe; e le divisioni e

peso non dipendono

e colla clava

presso

al cui riverso

sono l'arco, lo strale,

per nulla dal sistema romano della moneta coniata di bronzo.
1 pezzi

la clava e la

leggenda

MNMV^

con due globetti.

che ne abbiamo
e

vanno dal cinque di
di gr.

gr. 3,07 al cin-

Questa Fetalu

è di certo Vetwlonia, la quale

separatamente

quanta

dal cinquanta

20,40 al cento di gr. 40, 80.

batte piccoli bronzi con la nota di sestante, e la

metà

di esso

Portano costantemente

sul dritto per tipo la testa di

una

di-

ma

senza nota di valore. Il tipo costante

si

è

una

testa gioil

vinità e sul riverso l'imagine di

un animale

a lei sacro, a cui

vanile coperta dalla

spoglia di cignale e al riverso

ferro di

T.

LXXI

ETEUEIA

47

tridente fra due delfini

in atto di
e

sommersarsi nelle onde del

n.

6 è Xll> cioè
si

dodici e mezzo;
la scoperta di

il

peso è di

gr.

0,72.

mare.

Il

nome

della
ci lia

cittii

+Aì, ovvero >ltAì.

Ora mi

annunzia
il

im secondo esemplare con
trovato nei pressi di

Yetulonia

dato di recente due esemplari di

uu bronzo
una

testa di leone e
lonia,
il

numero AXX

Popu-

che porta dalle due facce la nota del quadrante,
testa giovanile coperta della spoglia

e al dritto

suo peso è di gr. 1,50.

Ho

dichiarato nella
ivi

mia
il

a quanto

si

può giudicare

Sylloge la origine delle cifre numeriche:

dissi

che

di

un

delfino, ài riverso un' àncora,
fl

dove a rincontro dei tre glofra le quali è
il
il

cinquanta
e così
il

'^ è

nato della metà della cifra che dinota cento >K,

betti appare un'epigrafe

a +3

di tre lettere;

cinque

A

dal X.

Fanno insomma

gli

Etruschi
di

l'in-

globetto di grandezza eguale ai tre dinotanti
è ancora
il

valore.

Nuovo

tero e lo dividono in due parti servendosi

una

d' esse

bronzo che reca per tipo una testa muliebre galeata
a

per esprimere la metà. La linea verticale moltiplica per
dieci.

a sin. e al riverso un mezzo mostro marino
testa fantastica:
il

zampe

collo

e

Or aggiungo che
o

il

cinque

A

si

esprime con la metà
su
di

nome
di

della città è ^f)H^Q3ì.

Erano finalmente
iniziale della
d.

inferiore
lati a

laterale del

X

e però giacente

uno dei
a

noti

i

due esemplari

un bronzo che pone per

destra < di che abbiamo qui

un esempio, ovvero

sua zecca un
verso un

W,

e

per tipo ima testa giovanile a
di

e al ri-

sinistra, >,

che vedremo appresso. Queste due lunette
>!< il

o linee

campo ornato
è

mezze lune

e

stelle.

angolari volte di fuori fanno

cento, volte in dentro

CD
ha

Questo

quanto

si

è finora scoperto

e

saputo del bronzo

fanno
il

il

mille.

La

linea verticale

inchiusa

nella

cifra

coniato dagli Etruschi.
7.

valore di moltiplicare per dieci.
di -Firenze. Testa
è

Museo

di

donna con collana volta a

d.

BLERA, CAMAES
Tav. LXXI.
1.

Alla nuca
gr.

la

nota

AXX. Proviene da Eoselle

e pesa

1,30.

Un

secondo esemplare di cotesto tipo viene dalle

Museo

di Firenze.

Apre

la serie delle

monete

di oro etrusche

terre di Populonia ed è nella coli. Strozzi: pesa gr. 1,40.

una piastrelUna rotonda senza tipo
sul piano del cerchio che la serra.

e rilevala

come gemma

Un

terzo della coli,

medesima proviene

dalle terre di

Buon-

È

stata trovata a Chiusi e

convento: pesa gr. 1,38.

Un

quarto è posseduto dal conte
(Vedi Ga-

pesa
del

grammi

5,24. Il G-amurrini che l'ha publicata (Period.
n. 10)

Mancini in
murrini, op.

città
cit.

di

Castello e pesa gr. 1,36
5, 6).

march. Stro-zì, an. VI pag. 64 Tav. Ili 14 che questo pezzo possa rappresentare

opina a

Tav. Ili, 4,

Un

quinto è nella col-

pag.

le cento litro

lezione Mazzolini in Campiglia.

etrusche assai scadenti. Egli pone adunque un

grammo

d'oro

8-11. Coli. Lovatti

(').

Testa giovanile nuda con capelli

corti,

uguale a
uguali

XX litro di argento, cioè a XX litre, e però le Gorgoni
un mezzo grammo
i

le

monete

di gr.

16

volta a d. ha davanti la nota

X

del valore e dietro la nuca

del valore di

X

litro

una mezza luna
n.

>.

pesa gr. 0,53. Nell'esemplare posto al
il

uguaglieranno

d'oro.

DaUe

terre

mede-

9 che è nel Eircheriano la testa guarda la destra e

sime provengono
1.

seguenti pezzi della collezione Strozzi:
o di

segno di valore sta davanti prendendo la forma di un forcipe:

Tondino d'oro senza tipo

forma globulare schiac-

pesa gr. 0,52. Il Migliarini

me

ne

descrisse

uno

ciata,
2.

ma

grossa, del peso di gr. 0,120.

appartenente ad un suo amico,

nel quale dic'egli la testa

Piastrellina di

forma parimente globulare schiacciata

nuda era dentro un

circolo

volta a sin. e aveva dinanzi

di

gr. 0,090.
3.

un X:

il

peso era di gr. 0,525. Il n. 10 della nostra tavola
8, gli

Tondino della medesima forma.

Ve

pure sul piano
gr. 0,060.

è simile al n.
il

manca

solo la
d.

mezza luna
non porta
il

alla nuca,

liscio rilevalo il

numero

-l-

fra

due globetti. Pesa

n.

11 che ha la testa volta a

numero X
non sono
dieci e
il

Or anche Bieda ha mandato pezzi

d'oro senza tipo che si con-

davanti

come

il n.

10,

ma

alla nuca. Questi aurei

servano egualmente nella ricca collezione del march. Strozzi,
alla cui cortesia io
1.

cosi rari
di tre

come

gli altri: il
i

Gamm-rini ne descrive
cit.

debbo anche

le indicazioni

che seguono

:

ne dà anche

disegni (Tav.

u. 7, 8, 9),

loro

di

forma globulare schiacciata

ma

di

molto spessore:

peso va da gr. 0,52 a gr. 0,60. Dal duca di Luynes ebbi
descritto

pesa gr. 0,760,
2. di
8.

quello della sua collezione così:
gr. 0,53.

Téte

imberbe à

forma globulare non schiacciata: pesa
forma globulare non schiacciata: pesa

gr. 0,530, gr.
gr.

gauche: devant X,

di
di

0,380,

PELZNA
12.

4.

forma globulare non schiacciata: pesa

0,180.
sol-

2, 3.

Di

tutti cotesti pezzetti la
il

mia tavola porta

incisi

due

Museo

Britannico. Testa giovanile con capelli crespi coro-

tanto cioè

n.

4

di

Bieda (Tav. n.

2), e il n.

3 di Chiusi

nata di mirto volta a sin. Le note
l'uua davanti,
l'altra

XX

di valore sono divise

(Tav. n. 3).

alla nuca. B.

Toro che va a
:

sinistra

NETHV
4-6. Coli. Strozzi. Testa
di

sorvolandogli un

uccello con corona nel rostro
si

nel

campo

a sinistra è una stella e nell'esergo

legge
il

\y\(\y\1-\3^.

leone

messa
testa

di

profilo
la

a

d. 1^

con
del

Il

suo peso

è

di gr. 4,67.

L'ha pubblicata

Friedlaender:
n. 3), e

lingua sporgente. Di sotto

della
il

v' è

nota

ma

vi è stata
è

omessa

la corona {Beitr. pi.

V

la Fel-

valore, che vuol dire cinquanta,

suo peso è gr. 4,24. Nella
infe-

sua lezione

stata Felzpapi.

Che

vi si

debba leggere

medesima insigne
riori

collezione si trovano due frazioni

con questo tipo, variando solo la noia che nel n. 5
{')

Questa collezione ora
i

è dispersa:

ma

io

qui e in seguito indico dove

è

AXX,

cioè venticinque

:

il

cui peso è di gr. 1,43, e nel

si

trovavano

pezzi quando

li

feci disegnare.

ETEUEIA

T.

LXXr

znani

e

non Felzpapi

l'ho

detto la seconda volta nella Civ.
storia
di

Sestini di averlo restituito aVelia (^Manuel de numism .11,70)

Catt. serie

XI

voi. 11 a.

1880 quad. 720 tessendo laverà

L'Avellino tenne prima pel Caronnni poi pel Sestini {Op. 11
pag. 100-106). Il
di

di cotesta moneta, veduta da

me

e così letta nel

Museo

MuUer,

{Etruscher.
gli

1.

1 p.

334) la stimò
r

Londra l'agosto del 1857; dove anche
doversi attribuire a quella Felsina, che

dissi a parer
i

mio

Volsinii. Il
il

peso di ambedue

esemplari è di gr. 1,15

Komani

dissero
rigetil

donde

Gamurrini conchiuse che dovessero tenersi per

la

Volsinium.
tare questa

Il

Deecke ha trovato im argomento da
fra le
false,
e

quarta parte della moneta di Pelsina, ed usciti dalla zecca

moneta

questo è che

toro

medesima. Ne pare a

me

che debba fare ostacolo la leggenda

porta la coda alta come se fosse in attitudine

d' investire

negli uni Felsu e nell'altro Felznani trovandosi variate anche
altre

mentre cammina
che propriamente

di passo. Gli si

potrebbe però far notare,
,

leggende

etrusche,

Pupluna, Fufluna

e

Puplana

;

non
gli si

va,

ne corre

ma

si

arresta.

Poi

Fetl{una), Fetalu{na) e Fatl{una),

Thezi e Thezle.

Questa
ai

quanto alla coda

può far osservare che

gli antichi

doppia denominazione

Valso e

Volsinium fu nota anche

non ponevano questa coda alzata fra
che
tota
si

le attitudini del toro

Eomani
lio

nei cui fasti trionfali al

460

si

legge che

M. Atie

eccita

:

Plinio ha scritto dei tori che (H. N. Vili, 70)
stai

Eegolo trionfò

DE VOLSONIBVS ET SAMNITIBVS
furono vinte e
si

comminatio prioribus in pedibus:

ira glisoente

consta da Livio (X, 37) che Volsinii, Perusia ed Arretium,
tres

alternos

repUcans spargensque in alvum arenam. Parise

validissimae urbes,

arresero.

Non

mente EMano

ha notato del leone (come anche
si flagella i

fa Pli-

trovo che veruno abbia finora notato questa sinonimia.

nio H. N. Vili, 19, 2) che con la coda

fianchi

per eccitarsi alla

lotta

{H.

Anim. VI,
ciò

1)

:

6

le'cov

ly
15.

NETHU
Museo
coda
Britannico. Mostro a corpo
di

àXxaia èavxòv èjisydQsi fiagTi^oxr,
colla proboscide
;

che gli elefanti fanno

leone

desinente

in

però del toro non altro osserva che quanto
i

testa di serpente volto a sinistra che

sembra stare

ne ha detto Plinio. Noi vediamo di fatto che non sempre
tori cozzanti sulle monete hanno la coda alzata,

in agguato. R.

E

liscio

ma

vi si leggono quattro lettere in

ma

talvolta

rilievo disposte in

due

linee.

L'ha pubblicate
gesso

il

Poole (Calai.

dimessa come in un mio didrammo di Turio,
di Salpi (T.

e in

un bronzo
p.

xeni,

13), però appuntano le corna e coi piedi

7 n. 1) e vi ha
la

letto -.^i nel

che

ho

davanti

spargono l'arena (vedi la Tav. CXXI, 31, 82). Per lo contrario

parmi che

seconda lettera sia invece un 3, sicché unendo
si

vediamo quei

tori che

non investono portare nondisugli

per ipotesi le quattro lettere

avrà

ì03H

cioè

Nethu che po-

meno

talvolta alzata la coda, di che ho per esempi

trebbe essere

il

nome

etrusco di Nettuno, JI1V03I1 (Pabretti,
il

occhi due monete fuse (Tav.

XXXII,

4, 5), e

im didrammo
Turio

Lex.

p.

1223). Se poi vale

confronto di questa moneta con
il

di Napoli col toro androprosopo, e

un

tetrobolo di

quelle di Pupluna, che inscrivono
sul

loro

nome parimente
16, 17, 30,

(Tav. CVII,

1).

Non

si è

poi ancora niente notato dal

Deecke

campo

del riverso

(Tav.

LXXII,

12, 15,

riguardo alle code dei tori che sostano
corso,

d'improvviso nel

che piegano

le

ginocchia per adagiarsi sul campo

CXXV, 1, 2, 8, 9), questa non sarà moneta di Populonia, ma di una ignota città denominata Nethu (na), alla
31, 32;

come l'androprosopo
13, 14. Il

di

Reggio

(T.

CXIV,

1).
,

quale dovranno quindi attribuirsi anche gli aurei 4, 5, 6 e
poi nel
l'argento n. 22 che portano per tipo la testa del leone, del

primo aureo

stato

già della Eegiua Cristina

Museo

del duca di Bracciano, indi nel Vaticano, ove l'addita
,

qual tipo non

si

ha riscontro nelle monete

di

Populonia

(').

l'Eckhel {add. ad Doctr. p. 16)
(Caronni,

poi

nel

Museo Wicza]'
ad Eckhelii
16.

Pesa

gr.

16,653.
Firenze.
il

Viaggio p. 144, Steimbuchel in not.

Museo
liscio.

di

Simile

al

precedente,

ma

a rovescio

add.), ora è nel

Museo

di Gotha. Il secondo è nel Parigino
d.

L' ebbe

Millingen

che
(1,

il

pubblicò nei
il

Suppléè

Gab. delle medaglie. Testa di donna volta a
con pendenti
agli

diademata
R.

ments ause considérations,
16,46. Se ne ha
del Gen.
coins,

11):

suo peso

di gr.

orecchi; davanti è la

nota A.

Cane

un terzo esemplare che fu

nella collezione

pomerano che corre a
Nell'esergo del primo

destra, preso per leone dal Bestini.
si

Fox [Engraving of inpublished,
pi. 1.

or rare

grcek

legge i-Q^ e di sopra del cane
;

A

;

1862

4) ed é ora nel
il sig.

Museo

di Berlino.

Un

nell'esergo del secondo V^>l3ì

ed è privo della nota

A

posta
17.

quarto é ora presso

Alessandro Mazzolini in Campiglia.

nel primo di sopra del cane, al quale

manca anche

la testa

Museo
balze
:

Vaticano. Cignale che va a destra

camminando sopra

per difetto di conio. Quell'A che nella prima moneta messa a
confronto colla seconda poteva sembrare nn' ultima lettera
della leggenda Vi<l3ì, ora siam certi ohe

pesa gr. 15,8.

Il

Mionnet narra (Supplém. 1 pag.

200

n.

17) di averne avuto
delle

un esemplare che fu

il

primo

non

è se

non

la

ed é ora nel gabinetto

medaglie: pesa gr. 16,117.

nota del valore. Perocché un terzo esemplare se

n' è tro-

Un
nel

terzo esemplare trovato di recente in Pullonica é nella
Strozzi. Altri
di

vato nelle campagne di Monteflaseone, ora nella collezione
Strozzi, che ci

collezione

tre esemplari se ne

hanno l'uno

ha dato nel riverso intera
di

la

leggenda Vi•i3^

Museo

Pirenze
il

del

peso

di

gr.

16,67, l'altro in
del peso

e

non

di

meno

sopra del
n., 13).

cane la nota

A

del cinque

quello di Grosseto,
di gr.

terzo nel

Museo Britannico

(v. la

Tav.

CXXV,

Il

Millingen ragionando (Consid.

16,42.

p. 172)

dell'esemplare pubblicato dal Bestini avverte che
poscia
il

cotesto numismatico l'attribuì a Velia:
lo die' a Telsina (Bologna).

Caronni
il

(') Facciasi attenzione alla

opinione del Millingen, al quale pare che

Ma

l'Hennin sembra lodare

Populonia

sia

nome umbro,

o romano,

non

dei Pelasgi-Tirreni.

T.

LXXI

ETRUEIA

49

TEUTHA-PISAE
18. Coli. Strozzi. Pesce chiamato loligo dai Latini e da noi cala-

25. Coli. Strozzi. Testa di

montone volta a

sin.
il

Ve

ne hanno due

esemplari ambedue
gr. 0,91; 0,72.

guasti

dall'ossido:

loro

peso è di

maio,
dal
otto
la

fatto

però di strana foggia come di vaso a grossa pancia
del

26.

Museo

di Firenze. Testa giovanile a destra: alla

nuca la nota X:

collo

quale

come

se

fosse

testa,

sporgono

gli

intorno al
fra

campo

è

un cerchio

di grosse perle. R.
di balaustro

Fulmine

tentacoli aventi nel

mezzo un bulbo, che sarà
ritirate

forse

due mezze lune. E une specie
il

che dico ful-

pannocchia di una delle sue braccia
;

nel sacco

mine. Tale è di certo
(Tav. ex,
33).

fulmine in un bronzo di Crotone

intestinale

termina poi nel basso in un bottone

e porta

come
27.

di ordinario le pinne laterali.
gr. 22,55.

Di

sotto v' è la nota

XX; pesa

Museo
v'è

di Firenze. delfino

Ippocampo volto a destra:
lui la

in alto a sinistra
il

Fu

recato da Pisa

insieme con altro esemplare
si

un

e presso di
:

nota CC del valore:
n'è

che è nella collezione predetta e

trova pubblicato

dal

rovescio è liscio

pesa gr. 4,18.

Ve

un esemplare nel
numerica
e

Bompois
gr. 21,40.

[Revue archéol. 1879

pi.

XVIII).

Questo pesa

Museo Britannico
il

[Catal. 7, 2), dove

la nota

delfino per difetto di conio non sono
gr.
il
i

distinti,

ma

fanno

19.

Museo
dente,

di Volterra.

Lo

stesso tipo del calamaio che nel prece-

una sola massa. Pesa
numerica deve valere
28. Coli. Luynes. I tipi sono
solo varia la nota che

4,53.

Vedremo

ora che la nota

ma le
X
il

pinne

e le

braccia non vi sono espresse: di sotto

XX.

la nota è

e

pesa gr. 11,5. Io ne ebbi un gesso dal quale
:

medesimi che nel pezzo precedente,
qui è

ho cavato

mio disegno

fu noto al Micali che lo ha dato
4.

X

posta di sopra dell' ippo-

negli Antichi

monumenti, 1840, Tav. LIX,

Era

tradi-

campo:
Il

e di sotto al

medesimo

vi si

vede una mezza luna

C.

zione ricordata da Plinio (III, Vili, 1) e da Catone (presso

peso è di gr. 2,02.
Britannico. Ippocampo volto a sinistra: di sotto v'è
il

Servio

ad

Virgil.

Aen. X, 169 seg.) che Pisa fosse in prima Teutones e Teutae e che

29.

Museo

fondata da Croci detti Teulani,

delfino e di sopra la nota

numerica
n. 9).

D.

Pesa

gr.

2,55 (Bompois,

questi chiamarono la città col loro

nome

Teuta,
:

che poi
30.

Revue, 1879

pi.

XVIII
si

dai Lidi che vi si stabilirono, si disse Pisa

Alii incolas

Museo

Britannico. Vi

vede l'ippocampo volto a destra in
:

eius oppicU

Teutas fuisse
postea

et

ipsum oppidum Teutam nolingua sua lunarem
col tipo
il

mezzo a quattro
lore.

delfini

egli

ha davanti

la nota

A

del vain

minatum, quod
portum

Pisas Lydi

R.

Cane cerbero a
gr.

tre teste

stante a

destra

un

significare

dixerunt.

Or queste monete
che

campo quadrato. Pesa

5,35 (Bompois, Revue

cit. p.

28).

del calamaio vengono da Pisa, ed è notevole

calail

Non

v'ha dubbio
e

che le cifre di queste

monete sono

maio dai Croci

si

dica TsvOig e

Ttvtog.

Ricordo che

numeriche
è

quanto alla forma loro non sono nuove:
le

ma

nome

ISìjTiovg

ovvero ^luoìg, alla città di Siponto lo die-

pur vero che

due CC

della

prima

vi sono

adoperate

dero le seppie, di cui quel mare era pescosissimo.

in

20. Museo di Volterra (Micali,

op. cit. Tav.

LIX, 7

:

Bompois,

modo nuovo. Se la cifra C vale in etrusco metà del dieci dunque due CC varranno dieci. Pertanto invece della
:

Revue arch. 1879
sulla

pi.

XVIII, 11). Cane accovacciato come
:

cifra

C

si

vede un

X

sulla

moneta del

n.

28
le

il

cui peso è la
cifre

moneta fusa

di

Todi (Tav. LV, 2)

il

rovescio è liscio.

metà

di quella del

numero 27. Adunque
cioè dieci,
ci è

due

CC non

valgono cinque e cinque

ma

dieci e dieci, cioè

SEDIS INCEETAE
21.

venti.
6).

E

questa deduzione

confermata paragonando fra
il

Museo Britannico (Bompois,
zampe
e

loc. oit. n.

Mostro con testa
a coda di pi-

loro le

due monete 28, 29 dove, essendo uguale
la cifra

peso,

corpo

di leone,

lingua

sporgente

troviamo

X cambiata
Adunque

in 3, che necessariamente deve la cifra 5 è eguale a X, e
la cifra D in altre

strice desinente in testa di drago nell'esemplare del sig.

Maz-

spiegarsi per dieci.

le

zoUni, che ho
di gallo.

davanti,

ma, secondo

il

Bompois, in testa
il

due CC sono eguali a XX, mentre
etrusche vale cinque e la

monete

L'esemplare del Britannico pesa gr. 10,15,

se-

X

vale dieci.
il

condo del Mazzolini è di gr. 10,60. Abbiamo appreso che
cotesto statere si divide in terzi di gr. 3,85,

Potrebbe quindi essere che questo fosse

caso

mede-

un

cui primo

simo notato in quelle monete col tipo della Gorgone, nelle
quali sebbene
il

esemplare

è del

Mazzolini ed ha per tipo la testa, collo e
sporgente volta a
sin.

peso
in

sia lo stesso,

nondimeno

si

vede

il

torace di leone con lingua

numero X cambiato
volta in

XX

(Tav.

LXXII

nn. 1, 2) e tal-

22. Kircheriano, indi è passato nel Museo Britannico (CaJaLp. 8
n.

A

e in

AX

(ib.

nn. 5, 6).

6}

:

pesa gr. 1.67. Testa di leone di
si

stile

barbaro volta

Ma

v'è di

nuovo

e d'insolito l'uso di cifre che ora si-

a sinistra. Nel campo di sopra
e di sotto alla testa

ha

la nota di valore X,

gnificano cinque e dieci

come
il

in tutti
dieci e
il

i

monumenti
venti.

etruciò ?

una linea quasi retta posta orizzonil

schi a noi noti, ora invece Io penso che dal

D'onde

talmente.

Una

simile linea si vede dopo

numero
n.

X ma

commercio

coi popoli d'Oriente cioè

coi

obliqua nel bronzo di Populonia (Tav.

LXXIV
:

9).

Penicii e per loro

mezzo
i

coi Persiani e cogli Assiri.

Pe-

23. Museo Vaticano. Lepre volta a destra e giacente
gr. 4.

è del peso di

rocché sappiamo che
zontale

Penicii oltre alla linea retta orizil

Nel Museo Britannico ve
7,

n'è

un

altro esemplare e

,

si

servono della cifra ) per esprimere

dieci che

pesa gr. 4,21 {Catal. pag.
24.

3).
è

pei multipli raddoppiano (Gesen. Script. Hnguaeq. phoenic.
del peso di

Museo

Vaticano. Civetta posta quasi di fronte:

monum.
Paris,

p.

87: Pihan,
p. 165).

Exposé des signes de numération,
gli antichi Persiani e gli Assiri

gr. 2,10.

Nella

coli.

Strozzi ve n'è

un

altro

esemplare.

1860

Parimente

50

ETRUEIA

T.

LXXII

che

si

servono dell'alfabeto cuneiforme fanno
nostro decem in questo

il

loro daca,

Sovana, due dei quali del peso di gr. 8,30; 8,00.

Il

terzo
è di

che è che è
eit.

il
il

modo

<

,

e pel loro vinati

esemplare mancante a destra per difetto di metallo
gr. 6,60. Il tipo è la testa della

nostro vigiliti raddoi)piano le cifre << (Pihan, op.
;

Gorgone senza diadema:

pagg. 45, 46)

di che

non

vi è cosa

che

piti

rassomigli

di sotto si

vedono queste

cifre

oA::Xo,

dalle

quali si

alla cifra

CC

della
si

moneta (Tav.
avvicina al

LXXI
(ib.

n. 27),

mentre

il

raccoglie

il

numero AX

diviso da quattro punti e lateral:

daca
resto
il

<

di tanto
si

<

n. 30), la quale del

mente chiuso da due
seguente.
8.

zeri

dei quali sarà detto nel

numero

non

distingue dalla cifra che
si

esprime in etrusco

cinque, che

scrive

giacente

ora a destra

<

,

ora a

Museo

Vaticano. Il tipo è
la nota di

il

medesimo che nel precedente

:

sinistra

>, ora boccone A.

ma
due

valore

è

questa o

X

:

:

X o,

il

numero XX

POPULONIA
Tav. LXXII.
1.

diviso in quattro punti è terminato a destra e sinistra da
zeri.

Pesa

gr. 8,10.

Quattro miei esemplari provenienti
a
cotesto vaticano

dal deposito di Sovana simili in tutto

Kircheriano.
sporgente, e

Testa
i

della

Gorgone diademata

,

con lingua
di prodelfini:

mostrano però la testa della Gorgone cinta del diadema e
nel

capelli discriminati e sciolti posta

mezzo

delle note numeriche hanno solo due punti ver1 :
j

spetto: di sotto v'è la nota

del valore

X

fra

due

ticalmente disposti e fra due linee rette
è di gr. 8,15, ne più ne

.

Il loro

peso

pesa gr. 8,18. L'esemplare del Museo Vaticano è di gr. 8,15.
Il

meno.
non intendo perciò
di

primo esempio fu noto
i

al

Micali (op.

cit. tav.

LIV,

1) che

Quel cerchietto se

lo dico zero,

lo vide presso

sigg. Della Gherardesca. Io ne conosco altri

metterlo a confronto della nostra cifra numerica, la quale

esempi inEoma, in Firenze, in Milano, in Parigi, coU.Luynes,
in

messa innanzi

ai

numeri non accresce valore

e posta

dopo

Londra nella coli. Blacas {H.de

la

monn.T.IVpag.21n.7),
30).

è segno di multiplo. Questa

moderna

cifra,

qual che ne sia la

nel

Museo Britannico

(Catal. p. 6,

Non

è

dunque da

sua origine o araba ovvero boeziana (Vénoent, Revue arch.lV

far caso del

Mommsen,

che

il

solo

esempio da se veduto

601

segg.:

Journal de mathémat. de Liouville,

t.

IV

p.

261)

nel

Museo

di Berlino sentenziò doversi tenere per

uno sba-

non ha che fare
ne toglie
il

colla nostra cifra etrusca, la quale

non dà

glio dell'incisore.

valore ai numeri: essa

mi sembra

posta in-

2-4, 5. Collezione Lovatti al quale furono tutti e tre questi pezzi

nanzi e dopo come nella numerazione fenicia, ove precede
la nota del dieci scrivendosi

insieme recati dalla collezione Fanelli di Sarteano. I
sono
qui nel n. 2 simili al n.
delfini attorno all'X.
è priva del
1,

tipi
i

— O, ovvero segue
pag. 165).

O^

,

senza

se

non che mancano

che perciò quelle cifre abbiano un nuovo valore (Gesenius,
op.
cit.

due

Pesa
e

gr.

8,10.

Nel

n.

3 la Gor-

p.

87; Pihan, op.
cifra

cit.

E

dovrà dirsi lo

gone

diadema

non ha discriminatura nei cae

stesso

quando la

X

ovvero

XX

si

scrive dentro a co-

pelli: la nota del valore è
i

un A,

pesa gr. 4,10. Nel
il

n.

4
è

testi zeri (v.

Tav. LX-XII nn. 24, 25).

Il ripostiglio di

So-

capelli

della

Gorgone sono discriminati,
il

diadema

vana mi ha pure fornito un esemplare, nel quale
linee e due punti di
in questo

alle

due

omesso, la nota del valore è HC:

peso è di gr. 1,85.

Fu

mezzo

si

vede

sostituita la cifra

O

dunque una

volta, e ciò

non

si

era saputo finora, che le zecche

modo:

oXOXo.
non pareva innanzi possibile a
ri-

di Etruria emisero col tipo della

Gorgone

il

denario,

il

qui-

La

questione dei numeri A,AX,XX di monete che non

nario e

il

sesterzio.

Ma

cotesti spezzati inferiori sono oggi

differiscono nel peso, se

assai rari, ed io del quinario

non conosco che

vi sia altro

solversi, oggi si risolve al confronto della

monetazione dei

che quello del

sig.

Mazzolini in Campiglia, e pesa gr. 4.

Fenicii di Africa,

il

cui sistema è di ritenere

sempre

il

me-

Del

sesterzio

ve n'è un secondo esempio nella collezione
1
1

desimo peso e

di

cambiar solo

le note di valore (Miiller,

Luynes con

le nota

§

da
si

me

inciso qui al n. 5

:

ed ora

Numism. de Vane.
vescio di

Afrique,I'g. 120, II pag. 134). Il ro-

se n'è avuto
{Catal.

un

terzo che

conserva nel

Museo Britannico

questa moneta finora liscio comincia a vedersi

pag.

396, 2), la cui nota di valore non dovrebbe

ornato di segni, di leggende e di tipi in rilievo, dei quali

avere nell'originale la forma di tre linee rette,

come

ce la

diamo qui appresso

gli

esempi, e nella tavola di supple-

rappresenta la stampa del catalogo, e che

in ciò è anche

mento CXXV.
9-11.

discorde dal testo, che vi pone una linea retta fra due lunette

Museo

di Firenze.

La

specialità di questi tre pezzi cone decussate

opposte C 5

;

esse

debbono essere due rette con
lo fa

la terza

siste nelle

linee di rilievo

che

si

hanno nel

curva volta però a sinistra, come ce
tista che l'ha quasi
6.

indovinare l'ar-

rovescio. I
il

due primi esprimono nettamente quattro decussi;

espressa nella incisione.
Il tipo
il

terzo ha invece ima lista attraversata da due simili liste

Nella collezione mia.

è il

medesimo, se non che
;

il

parallele fra loro.

Già
1,

il
:

P. Bckhel ne aveva dato un esempio
io

diadema
cifra

è

omesso
è

:

peso è di gr. 8,00

ma

ecco che la

nella Sylloge, tav.
di

10

ne ho veduti dei simili nei Musei

numerica

im

A.

È

però simile in ciò alla cifra
decine XX,
o delle

<
CC

Roma,
il

di

Parma,

di

Milano, e ve n'è anche qualcuno
Il

posta in luogo delle due
nella
7.

lunette
n. 30.
io l'ho
:

presso

march. Strozzi.

Poole ne descrive uno del Museo

moneta dichiarata
di

di sopra Tav.

LXXI

Britannico (Catal. 2,
ve-

6).

Quattro novelli esempi

me

li

ha

Museo

Vienna trovasi però anche altrove ed

forniti il ripostiglio di Sovana.

duto in Firenze e a Parigi nella collezione Luynes
tre

inoltre

12. Coli. Lovatti.

La maschera gorgonia non ha

il

diadema

nuovi esempì sono a

me

pervenuti col ripostiglio di

come

le

tre precedenti: la nota del valore è XX,

ma

vi

T.

LXXII

ETKUKIA

51

si

vedono

tra

mezzo due punti verticalmente
si

posti. Il rovescio

16.

Museo

di

Monaco.

Ho
è

espresso

il

solo rovescio, perchè

il

mal impresso
di

può ora interpretare per l'ottimo confronto
della

dritto porta la larva gorgonia simile

a quella del n. se-

UE secondo esemplare
ivi

mia

collezione proveniente
(v.

guente. Nel centro

figurato

un

astro intorno al quale
è uscita fuori di conio,
Pi:

da Sovana. Sono
cioè

queste lettere V>I0

Tav.

CXXV n.
si

2)

avrebbe dovuto girare l'epigrafe che

Phlu, le quali ritengono parte della leggenda che do(fll1)V'J0(V({)),

eccetto la prima lettera A e l'ultima

nell'intervallo di

veva essere
variamente
sclie
:

Populonia. Questo nome

trova

scritto,

come

dirò,

ma sempre

con lettere etrusi

queste due lettere è una mezza luna e accanto un globo dentro un anello.
17.

qui però è la prima ed imica volta che al A

vede

Museo
R.

di Firenze. Testa della

Gorgone

e di sotto la nota
le stelle è
e

XX.
in-

sostituita la lettera 0, e la

prima

sillaba vi è omessa,

non

Astro nel mezzo fra globetti figuranti
fll1V<J'IV('1)
:

però, a

quanto

pare, per notevoli

difetto di conio

o di metallo.
o

torno

nell'intervallo

della

leggenda

una
pro-

Noi abbiamo

altri

esempì di sillabe

lettere

mezza luna. Questa moneta
prio
il

colla precedente ha

di

soppresse a principio della leggenda alla maniera dei Prenestini
(Sijll.

tipo del rovescio che

non

è la

mezza lima

col ferro

del Lazio

che scrivono

METiO

per

PROMETIO,

del tridente

come quella

del n. 15,

ma

l'astro a sei raggi

539), dei Fistelini di

Campania che scrivono §TAIilN
22) e dei Posidoniati, che

fra sei globetti.

per (l)l$TAinN (Tav.

LXXXIX,
(Tav.

pongono 0/V\E per
di

POME

CXXI,
8,00.

6, 20).

L'esemplare
18.
Coli. Puertas.

POPULONIA-COSSA
Testa della Gorgone. R. Pesce tonno
Il

mia collezione pesa grammi
di

e di

lo.

Museo
tro.

Pii-enze.

Spettro

gorgonio

senza

diadema

:

di

sotto

KO^SA.

Migliarini

lucidò per

me

da una scheda
il

sotto XX. R.

Due caducei giacenti l'uno in contrario dell'ai-Ve ne ha esempio nei musei di Parma e di Parigi
imo trovato nel
ripostiglio di So-

conservata in Firenze fra le carte del dott. Puertas

di-

segno che
e ne posseggo ancor io

qui

pubblico:

la

moneta originale non

si

sa

dove
vana, dove però l'imo dei due

sia.

Le

caducei è uscito di conio

lettere della epigrafe sono precise e
è

non equi-

:

voche; laonde
inoltre vi si vedono di sotto chiare tracce della leggenda

d'uopo che

si accetti

la leggenda, che è

AVA
14.

(Tav.

CXXV

greca di alfabeto e di lingua.
n. 7).

La

testa della

Gorgone fu

Dal Museo Vaticano. Larva gorgonia.
tacoli. Il

anche tipo proprio della NeapoUs di Macedonia,
R.

Polpo a sette tendel valore. Sicché la

ma

questa

Se ne ha esempio nei musei

di Parigi e di Vienna.

porta nel rovescio un quadrato incuso, e non segna la nota

Poole ha stampato quello del Museo Britannico {Catal.

moneta

è

veramente etrusca,

ma

la

leggenda non è Pupluna.
2, 4).

Il caso

Nel

non

è

ripostiglio di

Sovana ne ho trovati dieci esemdi

nuovo che

ai tipi
:

una

città si

plari, nei quali
(v.

domina
3),

il

polpo che occupa tutto
vi
si

il

campo
altri

veda congiunto un nome non proprio
e

noi

p. e.

CXXV,
ferro
si

ma

ne abbiam veduto
talvolta

ne vedremo

altri

esempi.

vedono anche

Non

so poi

polpi teste nati andare a nuoto: in due esemplari è da notarsi

imaginarmi verun ostacolo dalla parte del nome greco,

un

KOHIK, che vedo regolarmente formato, quantunque
di

tridente
i

figui'ato

due volte nel campo,

in

dove anche
n. 4).

distendono

tentacoli del polpo (Tav.

CXXV
Ca-

dialetto

cretese, nel quale si disse, per

esempio,

Móvaa,

n

Micali publioa

un esemplare

vTtaQxoraa. Alla forma vetusta del
nel cui rovescio sono

nome Kovaa successe

rappresentati quattro piccoli polpi (Tav.
relli,

LIV

la più recente
n. 3: cf.

Kuiaa

e

Kóaaai, nella quale per compenso
in vece dell' oi',

della V si surroga

T. VII, 6). Il

Sambon ne

cita

uno del Museo Bri-

un «

ovvero

si

rad-

tannico, nel quale si vedono, die' egli, due polpi {Recherches, pag.

doppia la consonante, oaa. Plutarco però deve aver scritto

55

n. 35)

;

ma

Kóvaa
questa moneta nel Catalogne del
lezione
scritti

(v.

Flamin.

I, 6),

le cui vestigia noi

troviamo nella

Kùvaa, tuttocchè
e ritenuta nelle

erronea, conservataci nei

Poole non è indicata.
15.

mano-

Museo
R.

di Firenze.

Larva gorgonia:
il

di sotto la nota ferro di

XX.
:

stampe. Questa città fu dunque di

Luna

crescente e sopra di essa
si

un

greca origine e venne poi occupata dagli Etruschi di Vulci,
tridente
astri

di che è

argomento

il

intorno

legge

flUfl^l'IV'I

e

nell'intervallG

due

vederla chiamata Cossa Volcientium.
è

a

L'insegna del tonno
quattro raggi divisi da due punti. Pesa gr. 7,50. Il P. Bckhel
lo

che

sul rovescio
al

ricorda la pesca
effetto vi

stampò [Numi
I).

Vel.

p.
I

10 Tab.
pag. 95
al

1

n.

9)

e

di

nuovo

che se ne faceva in questo mare,
lo

quale

fu

fabbricata sul promontorio una specola detta da Strabene
descrisse nella del

N.

V.

notando la singolarità
pose due
8).

Puplana: dove però
stelle
(cf.

riverso

XX

OvvvoaxÓTvsiov (L. V, 225 Casaub.), specola dei tonni.
invece

deUe due

CareUi.Tab. VII,

Ma

il

Millingen

POPDLONIA
19.

{Consid. pag. 166) seguito dal Cavedoni {in Tab. Car. p. 2)

condannò questo Puplana
stato preso per

di

errore, sostenendo

che

sia

Museo
n.

di Parigi

(Luynes,

Revue nuinism. 1859

pi.

XV
altri

un R

l'V

mal

figurato. Pertanto l'Eckhel
di Firenze,

2).

Testa d'uomo barbato e coronato di lauro a tre or:

ha ragione non solo per l'esemplare

ma

di piìi

dini di foglie volta a d.

la lettera h,

che

si

vede in

per un secondo del Gabinetto delle medaglie, e per quattro

esemplari, manca perchè uscita di conio.
20.

nuovi che

il

ripostiglio di
il

Sovana ha mandato
di
flIIflvI'IV'l

alla

mia

col-

Museo

di Parigi.

Testa d'uomo
alla

barbato

con lunghi

mu11.

lezione, nei quali

primo N

è a chiarissima

forma

staeci volta

a sin.:

nuca

la lettera h.

Pesa

gr.

scolpito (v. Tav.

CXXV

n.

1).

Non

v' è finora

riscontro di cotesto h solitario nelle
7

mo-

52

ETEUEIA

T.

LXXIl

nete che sono certamente di Populonia: lo troviamo invece
in quelle che portano
i

per ripercussione di conio come scrive
p. 206), della

il

Millingen (Consid.
.

tipi e il

nome

disteso

Peithesa.
3).

quale rimane

^

:

V E5

:

NVI

:

Dal Bestini

in poi
:

21.

Museo

di Parigi

(Luyues,

Rcvue numism. XV,
e cinta

Testa
volta

non so che
io

altri
il

abbia veduto ed esaminato questa moneta

barbata con mustacci lunghi
a sin.: alla nuca 22.
h.

di

un diadema

ne presi

calco e ne feci trarre
la

un diseguo nel 1846.
die' la descrizione

Il
il

Pesa

gr.

11,13.

Sestini

che

vide
Descr.
e

il

primo ne
vet.

e

Museo
a d.
:

Vaticano. Testa giovanile coronata di lauro e volta
alla

disegno
lesse

nella
:

num.

(1796, Tab.

I, 6).

Ei

vi

nuca

h.

VES

NVI

l'attribuì

ad una confederazione di due

23.

Museo

di Firenze.

Testa giovanile
:

laureata

con

accenno

città della
Class,

Campania,

Vescia e Minturnae.

di basette alle gote volta a d.

alla

nuca

h.

general, (pag. 12 ed. 2) tenne che
Il

Ma dipoi il nummo
(Saggio,

nelle
fosse

24.

Museo Vaticano. Testa
nugine
alla gota

giovanile
:

laureata

con

fior

di laR. Il

di Populonia.
p.

Lanzi la
si

die' ai Vestini

T. II

volta a d.
e

alla

nuca
la

la lettera h.

641) nelle cui terre,

trovano gli spezzati di aes grave
:

numero X

in rilievo

accanto
gr.

cifra

medesima entro

che portano la leggenda VES

ma

noi persuase all'Eckhel
i

due cerchi concentrici. Pesa
25.

11,25.
:

(D.n.

D. I,

99), né valse
p. 206), che

a sgombrare
si

dubbi

al Millin-

Museo
alla
il

di Parigi.

Simile testa giovanile laureata volta a d.
la lettera

gen {Consid.
del Sestini,

accostò alla seconda opinione

nuca manca

h per difetto

di conio.

R.

V

è

ma

quanto alla leggenda egli non la spiegò,

numero X dentro due
24,

cerchi concentrici. Questa
ribattute

moneta

invece pronunziò {Considerat. pag. 206) che la moneta era
ribattuta e la leggenda interamente svisata. Il Sestini

e la precedente,

sono
19,

sopra due esemplari
in

non
e

simili a quello del n.

apparendovi

uno

il

profilo
il

dava luogo nel disegno che ne publicò a questo appiglio
però
il

del volto barbato che guarda- a d. e nell'altro tutto
tice.

vervolle

Cavedoni non avrebbe dovuto scrivere {ad Cavell.
1),

Da

cotesti

due pezzi possiamo dedurre che
ci

si

Tab.
ziati

XXX,

che l'epigrafe e
il

il

tipo erano del pari vipiìi

apporre ima nota numerica, e che un tal senso

convien

a motivo di essere stato

metallo

e piìi volte

dare aache alle note dei riversi nei nn. 9, 10, 11,

ma non

ribattuto per colpa del mouetiere: bis pluriesque monetarii

sappiamo a qual
volta

fine.

Che
o

il

numero X

si

ponesse talil

culpa percussum. Pece però notare che doveva attribuirsi
a Populonia pel confronto di altro esemplare publicato dal

dentro

un cerchio

zero

me V ha
di

confermato

Migliarini

descrivendomi l'aureo

un suo amico simile

Micali e riprodotto

dal

Carelli

nella

Tav. VII n.

1,

nel

a quelli della Tav.

LXXI

n.

8-11.

cui riverso è quasi intera l'epigrafe di Populonia, V>i'1V^,

26.

Museo

di Parigi.

Testa di Ercole giovane

coperta dalla

con in mezzo la luna crescente
confronto
vale

e l'astro.

Ma

se cotesto

pelle di leone volta a sinistra.

Pesa

gr.

8,33.

ad additarci la patria della moneta non

27.

Museo

di Parigi.

Testa di Ercole coperta dalla spoglia di
In tre miei esemplari che prochiari
i

serve poi a spiegare e supplire la epigrafe dell'esemplare

leone posta di prospetto.

borgiano di Propaganda. Eesta quindi a noi di renderci conto
dell' H
il
:

vengono da Sovana

si

vedono

pizzi della lanu-

l-ES

:

NVI

:

Sul quale argomento perchè non perisse
di

gine sulle guance e così anche in altro della provenienza

frutto dei miei studi

parecchi anni

addietro io

mi

medesima
Strozzi.

di recente entrato nella collezione del

marchese
(H.

affrettai di porli in luce

per mezzo àelVAnnwaire de nuche alla lezione del Sestini

L'esemplare del Blacas pesa gr. 7,20

de la

mismatique. Ivi

io avvertiva

monri.

pi.

XVIII, 5 pag. 21): quello del Museo Britannico
8,78 {Catal.
n.

era d'uopo aggiungere quell'avanzo di lettera, che ho qui

è di gr.

1):

quei

della

mia

collezione

espressa e

mi

è

sempre parata un A,
il

di poi che

per

me

è

hanno
28.

di peso gr. di Parigi.

7,50; 8,20; 8,30.

un U quella

lettera che

Sestini espresse per V. L'iscri-

Museo

Testa

di

Ercole giovane messa di pro:

zione va da sinistra a destra e a parer mio comincia da NVI.

spetto con la pelle- di leone annodata al collo
vi
Il
si

da due

lati

Dico che comincia, perchè
offertoci

l'

imparo da un bel confronto
Gabinetto
delle

vede la nota

XX
gr.

di valore.

R. Clava in

campo

liscio.

da un

esemplare

del

medaglie

suo peso è di

8,20. L'Eckhel in quello del

Museo

espresso qui nella Tavola al n. 32.
31, 32. L'epigrafe che è
ai

Witzay stimò

fosse rappresentato
v. I, 93).

un

volto di donna e pensò

monca legge
i

NVI ...

.

NA, dove
v' è

oltre

ad Gufale {D. n.
ripostiglio di

Ma

gli

esemplari venutici dal
sia Ercole,

due punti che distinguono

vocaboli
fine.

un

astro e

Sovana rimuovono ogni dubbio che

vuol dire che la leggenda ha qui
ci

Questo supplemento

avendogli espresso la prima lanugine sulle guance.
29.

è

confermato dal riscontro di altro esemplare che fu già

Nel Museo Vaticano. Testa
spetto e coperta

di Pallade

messa quasi
a
:

di pro-

nella collezione
Catal. 396, 1)

Wigan
dove
che

e ora è nel

Museo Britannico
e accanto
:

(Poole,
altro

del trifale,

ossia

elmo

tre pennacchi.
la nota di vaè liscio. I

si

Jegge
stato
le
\\M,

V^J'l

in

un
II

Ha

i

capelli sparsi e

un monile

al collo
Il

cerchio

.

.

.

.

M

sarà

(AM)V>I'1(V')

l)W
e

Poole

lore è

XX

divisamente scritta.

riverso

due

non ne ha dato se non
della terza e quarta. Il
iscrizioni

due prime linee

un accenno

miei esemplari provenienti da Sovana pesano gr. 7,50; 8,60.
30.
iSTel

come consta
in

dalle più antiche
il

Museo Borgiano

di

Propaganda. Testa di Pallade coquasi dì prospetto,

etrusche

ebbe

quella

lingua

senso
i

del

perta dell'elmo

trifale
/?.

ma

non bene
e

greco

l/V\3,

della qual formola fanno uso anche

Tarentini
H/V\(l).

impressa nel conio.
di essa

Nel mezzo

la

luna crescente
:

dentro

in qualche loro moneta, scrivendo

TAPANTINilN

un

astro composto di cinque globetti

intorno è una

(Minervini, Bull, ardi- n.
citarsi la

s.

1860, p. 26). Potrebbe forse

leggenda uscita in parte fuori di conio, non però sformata

moneta del bar. Behr descritta da Pr. Lenormant

T.

LSXIII

ETEURIA

53

(Descr. des médailles

du baron
testa

Behr,

Paris,

1857) nella
di
il

5.

Eirch. Testa giovanile volta a
la nota

d.

con capelli corti e ricci:

quale al riverso
laiu'sato

della

di Pallade

coperta

elmo
toro

X

è a sin.

:

il

suo peso è di gr. 2,15,

ma un esem-

con civetta a

sin. si

leggeva

ANO$

sopra

plare

pili

conservato pesa gr. 3,10.

andropvosopo
supplisce
e si

a sin. e nell'esergo: N\\

AKIAAOY. Il'Lenormant
sia di
si
è,

(KAAAP)ANOS

a

me

pare certo che
,

Hyrium
perchè
i

METLIA
6.

debba supplire

YPIANOS
i

e il

motivo

Coli. Strozzi. Testa giovanile cinta di laurea volta a d.

:

alla

Campani non hanno mai posto
lade,
la

la civetta sull'elmo di

Pal-

nuca

v' è

un avanzo

della nota
è

X

:

a d. l'epigrafe At3VV\.
di conio è

come fanno

Nolani

e gli Iriani.

È

però singolare
del
i

L'ultima lettera che
bilmente un
A.
Il

in parte uscita

proba-

formula

MI

'JxMoif adoperata

dall'artefice

conio.

Gamurrini ne ha data notizia nelVApp.

Per l'ultima voce UES dell'esemplare borgiano
finora

riscontri

al C. inscr. ital. del Pabretti pag. 10 n.

54 dove interpreta

mancano. Proporremo a modo di congettura, che con
abbiano voluto gli Etruschi tradurre
il

metallum,

e gli pare che la città siasi chiamata Metallia o in altro

tal vocabolo

greco

MeduUia
luogo di
la
-J

modo

somigliante.

DeUa

lettera

A

in

ró,uo^, dapoichè il

NO/V\Og

è UES,
5,

o

sia

la

UEX,

la

qual

abbiamo esempi

nelle epigrafi, fra le quali basta

lettera

X

si

trova scambiata in

perchè gli Etruschi non
alfabeto.

tomba vulcente da me

illustrata,

ove ho letto Larnai

ammisero
parere
si

la lettera

doppia nel

loro

Se cotesto
il

così scritto: \m\(\K.

accetta

si

potrà dire di aver trovato
il

vocabolo
e
7.

SEDIS
Coli. Strozzi.

adoperato da
gli

questa nazione per significava
ci

nummo

mCERTAE
cinta
di largo

Etruschi

appariranno ancor qui a contatto commer-

Testa muliebre

diadema come
Sul volto

ciale coi Latini, coi

Greci d'Italia e di

Sicilia.

quella del n. 3: al riverso ruota a otto raggi.
si

Tutto questo ragionamento erasi da

me

fatto

da parecchi
8.

vede intagliato quasi contromarca un X.
di Firenze. e

anni, ed ora ci è dimostrato verissimo, avendoci la terra di

Museo

Testa di donna coronata

di

spighe con
:

Sovana mandato
dove
si

il

deposito, del

quale ho di sopra detto,

pendenti
al riverso

collana

come quella
a corpo

del n.

1

e volta a sin.

trovano gli esemplari col tipo al dritto di Pallade e

rm mostro

umano con

testa e coda di

al riverso la
stiglio

leggenda intera.
è passato

Un

quarto esemplare del ripo9.

cavallo.

medesimo
Strozzi.

ad arricchire la collezione del
altro avvertire che la

Nel Museo Vaticano. Testa giovanile volta a
la nota A. Il peso è di gr. 2,45, cioè della

d.

:

alla

nuca

marchese
delle

Debbo per
si

leggenda
IW\,non

metà

di quelle

monete 31, 32

può solo allegare per

la voce
scritta.

monete che sono qui
10. Kirch.

ai nn.

1-8.
capelli ricci volta a sin.
:

però per la voce UES, che non può esservisi

Le

leg-

Testa giovanile
la nota

coi

alla

gende adunque

al riverso della Pallade, sono tre.

In rma che
solo

nuca ha

A

di

metà del denaro predetto. Pesa

gr. 2,40.

ha nel centro
AIIVnI'IV'I,

la

mezza luna con un

astro, si legge

CORTONA
11.

CORTUOSA
come
la 9

ed offre

un secondo esempio

alla

moneta del

Micali
sei

;

negli altri due, nei quali l'astro è rappresentato da

Nel Museo

fiorentino.
d.

Testa giovanile,
'\

prece-

punti intorno ad un globetto centrale, la leggenda va
NVI
:

dente volta a

colla nota

alla nuca.

Nel riverso sono

da sinistra a destra e dice:
nn.
1,

hVhUVNA UES
:

(Tav.

CXXV
:

impressi due tentacoli propri del polpo del qual particolare

2),

come appunto

nel

monco esemplare borgiano
:

ho un buon riscontro in una delle monete

di

Sovana
soltanto

nella terza si ha soltanto flhV>l'1V'1

WM.

che ha sul dritto la larva gorgonia,

e sul riverso
il

due

dei

tentacoli

che

si-

distendono per tutto

campo.

Sull'orlo di questo rovescio a dritta si leggono da destra

Tav.
1.

LXXni.
d.

internamente
con pendenti
e collana,

i

resti di alcune

lettere uscite di

conio, le

Testa di donna volta a
di spighe: v' è

coronata

quali compiendosi paiono potersi leggere IQVD e darei una

da

sin. la

nota del valore X, a destra un

metà del nome
quali due
e

di Cortona in etrusco

o
si

di

Cortuosa (Liv. VI,

4),

i

pentagono. Collezione Strozzi. Pesa gr. 4,00.
2.

nomi

dovevano scrivere Curtvtisa
Corythus, perchè non ne fa

Kirch. Testa giovanile a
coronata di lauro
piìi
:

sin.

con accenno di peli alla guancia
a
d.

Curtuna.
la

Non ho nominato
storia.

dietro

la

nota X.

Ve ne hanno
diadema con
nota X.

menzione

esemplari: cotesto è del Kircheriano e pesa gr. 4,36.
di

3.

Nel Kircheriano. Testa

donna cinta

SEDIS INCERTAE
12. Testa di

di largo

pendenti agli orecchi e capelli

sciolti: dietro a sin. la

uomo barbato

e cinto

di tenia volta a d.

:

dietro

Pesa

gr. 4,20.

Nel deposito

di

Sovana

di.

cotesto

monete del
n. 3.

la nota A.

È

nella

mia

collezione e pesa gr. 2,00. Se ne
di
il

n. 2 se Il loro

ne sono trovate quattordici, quattro di quelle del
peso
è

hanno esempi nei musei
nel Kircheriano e presso

Parma,

di Milano,

di Parigi,

generalmente
la

di gr. 4,00.

Sono adunque

marchese Strozzi.

da tenersi per

metà

di quelle

che portano per tipo la

13, 14. Testa giovanile con capeUi corti e ricci coperta di pileo
alato volta a sin. Quella del n.
gr. 3,90,

testa della Gorgone, o di Pallade, o di Ercole, tutte trovate

13

è presso di
di

me

e

pesa

insieme nel deposito medesimo.
4. Kii'ch. Testa virile con accenno di basette coronata di laurea e

la seconda

che

è

nel

Museo

Firenze ha di

peso gr. 3,92.
15. Testa simile

cinta di

un cordone

al collo. Dietro a d. la nota X.

Pesa gr.4,10.

a

quella del n. 14

ma

volta a d.: l'orlo del

54

ETEURIA

T.

LXXIir

petaso non
il

è

periato,

e

dietro

la

nuca

v' è

la

nota 5

:

27.

Nel Museo Britannico
tragica di prospetto:
il

(Poole,

Catal. 8, n.

7).

Maschera

peso di cotesto

nummo

che è nel

Museo

di Firenze è

riverso è liscio. Pesa gr. 0,51.
coi

di gr. 0.90, cioè la quarta parte dei

due precedenti.

Non
D,

28. Ivi (Poole, Catal. 8, n. 9). Testa di prospetto

capelli

pertanto

la cifra del

valore è
13, 14.

quella che dinota

metà

discriminati e ondeggianti, del peso di gr. 0,38.

come
un

il

A

dei

numeri

inoltre ivi

medesimo

aljtro

nummo

col tipo di

una testa nuda imberbe volta
e
d.

THEZI,
29.

THEZLE
una
furia che

a d. che ha alla nuca

un A

pesa un grammo.
talvolta

Museo

Britannico. Eappresenta
e

rapidamente

16-19. Testa
di valore

giovanile

volta a

a

sin.

eolla
il

nota
è
e

va a sinistra

guarda di prospetto stringendo in ciascuna
fl.

variamente figurata IO; HA;
del cinque,
colle

Ali,

dove

A non
metà
:

mano una

serpe,

Euota etrusca

di antica in

forma a cui

già la nota

ma
un

vale
il

come segno
due
e

di

fanno da raggi due semicerchi
grosso nel
versata
dal
il

infissi

im legno bistondo,
dell'asse
si

però esprime

due linee

mezzo

dai

Eomani

centro, dove

riceve

la

testa

attra-

notato con due unità e
è nella

S{einis).

Uno

di cotesti

nummi
.

cavicchio.

Fra

i

due

semicerchi

legge

coUezion mia

:

pesa gr. 0,80 e porta la cifra 11$
sia la

06II:
poli

suo peso è di gr. 11,11.

Fu

trovata nella necro-

Onde deduco, che questa

minore unità nella serie
etc.

di

Vulci e recata a

Roma

al Capranesi, tav.

che pubbli1

che porta per tipo la testa della Gorgone
e la testa di

della Tav. 1

colla negli

Ann. dcWInst. (1840, XII

P

pag. 208);

donna o d'uomo

dei mi. 2-5 di questa Tavola.

poi la vendette al

Museo

Britannico.

Insieme con questo

20. Nel

Museo

di Firenze.

Testa simile a quelle dei nn. pre-

ne fu trovato un secondo esemplare che fu acquistato pel
Kircheriano ed è qui espresso al n. 31. Era esso coperto
di ossido

cedenti ed è segnata parimente dalla nota HA,
di essere ribattuta vedendosi sul riverso

ma

dimostra

una testa simile

ma

ripulitone per industria del Tessieri apparve
si
il

che è in parte

uscita di conio.

,

Su

di questo rovescio si
e

ancor esso scritto ed è quello che

vede stampato neWAes
suo peso è di gr. 9,13.

vedono impresse a rilievo linee geometriche decussate

grave

alla classe III, suppl. n.

9

:

framezzo ad esse un S ed un O. Le monete della Gallia

Di coteste monete niuna
e

se ne è trovata finora a Fiesole,
(loc. cit.), gli

danno esempi
del

di simili tipi

(vedi la lievue archéologique

nondimeno
37),
il

il

Capranesi
di

autori dell' aes grave
pi.

1881 a pag. 209). Sembra però che questo
nella
Gallia
e

nummo
in

(p.

Duca

Luynes {Ckoix, 1840,
il

1

n.

5),

il

sia stato ribattuto

poi

abbia ricevuto

Eochette (Journ. des Sav. 18-41 p. 263),
Inst.

Cavedoni (Bull.

Etruria sulla parte liscia l'impronta che ho descritta colla
nota di due e mezzo.
21. Coli. Lovatti. Testa giovanile con capelli corti volta a d.:

1842

p.

156) l'attribuiscono a Fiesole.
si è fatto

Ma l'epigrafe non
{Revue nue

è

(DEIV né

®EIU come
pi.

presumere, sibbene ©Eli,
di opinione

cioè

Thezi. Il

Luynes cambiò poi

davanti ha per segno dell'unità una linea verticale. Il peso
è di gr.

mism. 1859
che- la

XV

n.

4

ed. sep. pag. 47,
il

48),

tenne

0,90.

Il

Gamurrini publicandone un esemplare

moneta

fosse di Vei,

che otteneva dando a due
il

nel Period. nitmism. del march. Strozzi (an.
n.

VI Tav.

Ili

delle lettere
e

un valore

latino, pel quale

O

diveniva

un

O

11) del peso di gr. 0,90 ha dato

un elenco
la nota
:

dei pesi di
si

r I un

F,

considerando la ruota come allusiva al

nome

simili

monete,

le

quali
cit.

non portano
p.

che
Coli.

vede

di Vei. Il sig.

Hennin

la tolse a

Faesulae per attribuirla
t.

in queste
gr. gr.

due

(op.

68 nota)

nella

Strozzi

a Telamone {Manuel de
epigrafe
30.
Coli.

numism.

Il p. 70),

come

se la

0,72; 0,74; 0,76; 0,82; 0,90: 0,80; 0,85.
di Firenze.

nel Museo di Firenze

OEII non dovesse
tipi

valer nulla.

Luynes. I

sono quei medesimi che nei due esem-

22.

Nel Museo

Euota etrusca

di singoiar

forma che

plari precedenti, l'epigrafe vi si vede omessa.

Pesa

gr. 11,30.
v. 1,269),

ha per raggi due

semicerchi

opposti fra loro dalla parte

Simile a questo è l'esemplare che l'Ecthel [D. n.

convessa con una traversa
riceve
il

che passa loro nel centro e vi
dell' asse

trasse dal Catalogue raisonné dello Schachmann, 1774, p. 57, dal quale
derato.
si
si

mozzo

coli'

estremità

o

sala

su cui

apprende che fu trovato in Malta ed era
lo

fo-

la ruota gira.

Nel campo

del riverso che è liscio è espressa

Per

che nasce
di

il

dubbio non sia quello che oggi

la sola nota dell'unità. Il suo peso è di gr. 0,82
rini,

(Gamur-

ha nel Museo

Gotha

di gr. 11,35, anepigrafo e foderato

Period.

cit.

T. III n. 12).
privo però della nota di valore.

ancor esso.

La donna

alata in lunga tunica quivi espressa,
(loc. cit.)

23. Altro simile

nummo

È

nel

che

io

credo una furia, fu giudicata dall'Eckhel
di certo a

una

Museo
24.

di Firenze e pesa gr. 0,85.
di

Nemesi, non

motivo della ruota, perchè egli stimò
e

Abbiamo due esempi
presso

questa moneta, l'uno trovato da

me

che fosse una tal sorta di clipeo
a Camarina.
p. 664),

però inclinò ad assegnarla
il

un

rigattiere in

Perugia ed

è

nella

mia

collezione;

Una Gorgone

vi vide

Creuzer {Symbol,

t.

II

l'altro fu del Lovatti

che l'ebbe da Corneto, ambedue di

ma

ravvisò al riverso

una ruota stranamente consi

peso poc'oltre

ai gr.

0,80. Eappresentano da

una

faccia la

figurata, ove

anche affermò, non

sa come, che molti

esemsi

rana, dall'altra la

mosca ambedue

di finissimo

lavoro.

plari di poi provennero da Cere e da Vulci, sui quali

25. Maschera comica di fronte, e al riverso uno scarabeo, colla

leggeva OESV. Gorgone la disse anche
dal

il

Luynes seguito

sua pallottola che inchiude l'uovo. Pervenne nella mia collezione da Chiangiano. Il suo peso è di gr. 0,95.
26.

De Witte
il

(//.

de la monn. IV p. 18), Furia l'Hennin,
le

Faturn, aiaa,
calco
e talora

Cavedoni, attribuendole

zanne, che non ha,

Maschera comica ripetuta
(Fox, Greek coins, pi.
I,

sulle
1).

due facce:

l'ho

da un

anche la lingua sporgente, della quale particolarità

non

si

scorge nei migliori esemplari verun indizio. Io, per

T

.

L XXIV

ETRURIA.

55

me,

la tengo

per furia

e

me

ne couvince la favola di Edipo
i

fra
il

due

lunette

opposte. Pesa gr. 3,80.
pi.

L' ha publicata
8).

espressa nello spezzato inferiore, dove appaiono

due serpi

Bompois {Revue arch. 1879

XVI,

In Stefano di
e

intorno alla testa di Edipo, che emerge dal suolo per
ledire
i

ma-

Bisanzio è nominata una città 'Exsti'a
tre linee dopo si legge
:

nóhg 'hah'ag,
'IraXt'ag. Il

due suoi
piti

figli.

Coteste spiagge occidentali dell'Italia
si

'Exéxqa.

nóhg

Mei-

furono assai
che.
di

che non

crede frequentate da colonie gre-

neke annota 'Egeria ex 'ExérQce corruplum vidit Cluverus.

Ma

Sono

citati e noti

Tarcone, Evandro, Damarato conduttori
di Pelasgi

può ben essere che non

sia cosi

:

e di fatti il

grammatico

Pelasgi

forse Tessali,

Arcadi, di

Corinzii.

insegua che da 'Exixqa deriva 'Exsxqaróg voce adoperata da Dionigi d'Alicarnosso,
j'óg,

Giustino scrive (XX, 1): Midtae urbes adhuc post tamtam

ma

da 'Ex^iCa dice che deriva 'Exsnce-

vetustatem vestigia graeci

moris ostentant.
Il

.

in Tuscis Tar-

come da Kagdia deriva Kaqdiavòg. La ^Ex^tia siiriscontra
di Etruria,

quinii a Thessalis (vedi l'Alicarnasseo.

geografo Dionigi

colla 'Ex^D

se

cambiasi solo in tenue

l'aspi-

(De situ orbis
TvQ^rjvol
^ O'ì

v.

347

segg.) canta in versi:
35.

rata 0.
Coli. mia.
e di

Testa muliebre volta a
di lauro con

sin.

ornata di pendenti

,(tìi'

TTQMz' ijiì òé aqiiBi (pvXa IlsXaayiàv

una corona
il

contromarca di forma piragr.

TCOTS Kvi.hjvrj^£ f

s'cp

éaTCSQi'ijv

aXu

(iavzsg

midale:
dalle

rovescio è liscio. Pesa
di

2,20.

Mi

fu recata

AvTÓ^ivtj^cai'To aì'v àvÓQaOi TvQQip'oTai.

campagne

Monteleone in Sabina,

l'antica Trebula

Esiodo

ci

ha conservato
figli
i

la tradizione antichissima di Cii'ce e di Ulisse
si
(').

che

Mutitesca.

faceva Agrio e Latino
l'epoca

Nel-

medesima che

Focosi

stabilivano in

Cimo, in
Tav.
1.

PUPLUNA
LXXIV.
di Pallade
:

Populonia e in Marsiglia l'anno 104,

una

greca colonia fon8).

dava Cessa, Damarato approdava in Tarquinia (Paus. X,
Dietro
tutto
ciò

Museo Kircheriano. Testa
il

volta a

-d.:

di sotto è

non sarà riprovevole

il

riconoscere una

segno del valore

....

Nel riverso
:

la nottola che vola e
stelle l'una

città fondata dai G-reci e detta

da loro Thessala, sulle spiagge

vi si ripete la nota del valore

nel

campo due

occupate poscia dagli Etruschi, che vi batterono la moneta
coU' epigrafe

a

d. l'altra a sin. della nottola.

Quantunque cotesto
di città,

triente

0EII

e

OEIUE.
medesimo nummo trovato
di leggenda.

non porti
era già

inscritto

verun nome

nondimeno esso

31. Coli. Luynes. Altro esemplare del

computato

per moneta etrusca: ora poi è dimo-

insieme con quello del n. 29 a Vulci privo

strato di Populonia dai

non pochi esemplari che vengono

Pesa

gr. 11,30.

da quella riviera come ho appreso dal march. Strozzi. Nella
recato a

32. Coli. Luynes.

Fu

Eoma

dall'Btruria trastiberina e
terzo

collezione Mazzolini trovasi

un quadrante
i

di cotesta serie

per mia
cinta

mano

passò al duca di Luynes. Testa di

venuto or ora alla luce, dove

tipi sono gli stessi che quei

da diadema e in atteggiamente flebile posta fra due

del sestante, la nottola è in riposo,

ma

i

tre globetti che

serpi con intorno la leggenda

OEII

:

nel riverso è la sfinge

stanno sul dritto, sul riverso non sono visibili per difetto
di conio. 2.

sedente e volta a destra. Pesa gr. 8,23.
plare se ne ha ora nel
(op. cit. p. 55, t)

Un

secondo esem-

Museo

di

Firenze. Il Gamurrini

Coli. Strozzi.

Testa molto svanita di Pallade galeata volta
e di
d. e

opina che sia la testa di Esculapio con

a d.

R.

Nottola levata a volo, di prospetto
fra

sopra una
a
s.

sopra un serpente,

ma

i

serpenti sono due, e io stimo che

mezza luna decrescente
nottola
si

due

globetti.

A

della

vi sia rappresentata la testa di

Edipo che dalla terra

si

trovano due ruote impresse a
si

modo

di contromarca.

eleva presso l'ara delle Erinni, significate dalle serpi, per
ripetere
le

Cotesto sestante
io

trova

ribattuto e senza contromarche:

maledizioni

ai

figli.

La

sfinge

tebana che è

ne ho veduto un esemplare nella collezione Mazzolini,
i

sul riverso a tale interpretazione ci è di guida. 33.

dove

tipi

sono del triente n.
la

1,

ma
i

dietro

il

collo della

Museo

Britannico. Protome di bue volta a
letto

d.:

intorno interin

Pallade rimane
stante che fu

luna decrescente fra

due globetti del senot-

namente

OEIl-E: da

sinistra a destra,
d. Il

come

OEII.

il

primo

tipo,

e

al riverso di sotto alla

Nel riverso

cavallo

marino volto a

suo peso è di

tola che vola si leggono le lettere •'IV'1. Il sestante
è anteriore o

adunque

gr. 9,33 (Bompois, Revue, pi.
1).

XVI,
il

8,

Poole, Catal. p. 397,
l'ag3.

contemporaneo

al triente

e

ambedue appar-

Cotesto

nome

ThezLe parmi

medesimo Thezi con

tengono a Pupluna.

giimla dell'ultima sillaba.

Nel

Kii-cheriano.

Pesa

gr.

12,20. Testa imberbe di Ercole
:

cinta di diadema e colla clava accostata al collo

nel riverso

ECHETHIA
34.

vi si agli

vede

l'arco, la clava, la freccia,
il

i

due globoletti segno
Il Carelli la

Nel Museo Britannico. Testa muliebre con pendenti
orecchi e coronata
di

del valore e

nome

della città

fll1V>l'1V"l.

laurea,

volta a d.

Nel riverso un

(Tav. Vili, 30),

ma

omette la clava nel

dritto,

che vi è

gufo e al lato destro quasi in esergo la leggenda,

Ef E®,
4.

stata poi espressa dal Poole (Catal. 5, 24).

Nel Kircheriano del peso

di gr. 9,70.

La

coli.

Strozzi ne

(')

II sig.

Helbig ha voluto di recente sostituire ad "Jyqiov
18S4)
figli
:

il

nome

possiede un esemplare con quattro globoletti in contromarca,
I tipi

T«p;fmv

(Bull. Imtil.

ma non

si

è

sovvenuto

elle

Licofrone ha dato
seg.)
:

sono

:

testa di

Minerva e nota del valore .. R. Not:

Tarcone e Tirreno per

a Telefo frigio (Lycoph.

v.

1248

tola stante sopra

due simili globoletti

a sinistra

una mezza

Tuqyuìif xtà

Tvoaìivòg, tudliìveg Xvxoi

Tiày Hop.x'/.slùìv iy.yeyiìireg Ki^uttov.

luna fra due

astri,

in basso l'epigrafe flMV>l')V'l.

Abbiamo

56

ETRUKIA

T.

LXXIV.

dunque un
e 5.

altro

esempio del sestante ribattuto per triente,

fin di
il

determinare le lettere numeriche a cui

si

vuol dare

ne vedremo

altri nei nn. 5-9.

valore millenario (Franz, El. epigr. gr. pag. 349).

Nel Eircheriano. Testa
B.

di

Vulcano a

d.':

dietro del

la nota X.

La

tenaglia e

il

martello

colla nota
gr. 8,12.

triente ....;

PUPLUNA-VETULONIA-CAMARS
10.

intorno al

lembo

fll1V^J'lV'1.

Pesa

Un

esempio reca-

Nel Museo

di

Parma.
Vitzai/,

Un
non

simile

tomi

di recente da la

Campiglia pesa
fra

nummo
16
n.

fu

stampato dal

gr. 7,50. Sotto il

martello

Caronni {Mus.

rimane
(3.

mezza luna
di

due

part. I p.
altro.

stelle del conio precedente.

325),

ma
il

egli

vi

lesse

Nel Museo

male
a

V<Ifl^3ì e

Cotesto

Vetaru

Parma. Moneta

coi tipi del n.

4 ribattuta con
l'attribuì

Sestini

Massa

di

Maremma, Massa
nome Veterna
si

Veternensis,

quei del n. 5. Appartengono al rovescio del primo tipo le
credette un' antica città di

che

poche lettere della epigrafe AVA,
della testa di Minerva.
7.

e al dritto la

debole ombra
_

(Ciass. Gen. p. II

ed. 2);

ma

di

questa

Veterna non

hanno

indizi

prima di

Ammiano
In Parigi nel Gabinetto delle medaglie. Data dall'Bckhel {N.
e
vet. tab.
i

Marcellino. Al Millingen parve che questo
ribattuti e da
attribuirsi

nummo
come
l'at-

simili fossero

II n.

1.5).

Questo bronzo ha

i

tipi

del n.

4 ed

a Populonia

è

ribattuto con quei del n. 5. Del primo conio rimangono

(Consid. p. 173). Tale opinione fu anche del Carelli,
i

annota

il

Cavedoni (in Carell. tab.

.

.

due globoletti sul volto del Vulcano

e

uno dei due

p.
:

2 n. 20);
ivi si

ma

astri

:

nel riverso è superstite l'elmo della Minerva.
testi

Uno

tribuzione ne ha poggiato finora sul falso
di co-

legge Fetalu

nummi

che è manifestamente Vetulonia. I
ribattuti si deve dire che fosse quello figurato

tipi soìio.

Testa coperta

di pileo conico laureato volta a d. alla cui

nuca vedesi spundella nave

dal

G-uarnaeci
28).

(Tav. XII, 8) e ripetuto dal Carelli (Tab.
5,

Vni,

Nei bronzi
e

6 sono

insieme unite due sorte
il

tare

una mezza nave. Non credo che l'insegna
il

di cifre

numeriche

discordi nel rappresentarne

valore

possa cambiare in Ulisse
:

Vulcano dei Populoniesi, presono le
tenaglie e
il

perocché alla nuca del Vulcano è un X, dieci, e fra la tenaglia e
il

valendo le insegna
martello.

del riverso che
si

martello un

. . . .

,

quattro. Sono
e le

dunque due
unità

i

A
i?.

Vulcano

è data la

prova per dinotare la città
e del

valori di cotesti bronzi nel

cambio

dieci

deb-

marittima che faceva gran commercio del rame
lavorato,

bronzo

bono equivalere nei conti a quattro unità. Abbiamo veduto
nelle

Martello a

sin.,

tenaglia a destra, in

mezzo due
bene

monete
il

di argento

cambiarsi la cifra del valore ri-

globoletti, nota del valore: intorno a sin. V>lfl+3ì assai

manendo

peso medesimo e l'abbiamo spiegato col buon

impresso, a destra flHV>J8V8, e in cima esteriormente scritto
si

confronto della monetazione cartaginese, e di altre grandi
città di

legge

(\-V.

In altri esemplari questi due nomi sono assai svadal march. Strozzi,

commercio nelle quali

il

magistrato faceva coniare

niti.

Tali

mi sono sembrati i due posseduti
si è

insieme monete di sistema diverso (Miiller, Ancien Afrique,
voi. I p. 120, Il pag. 134).

in

uno dei quali

letto ^ISV-I soltanto, e in altro AHV>i8V't ed
al C. inscr. ìt.

Vedremo
e

di poi

anche in

Roma

V>)A+3, di che
il

il

Gamurrini dà notizia nell'ipp.
10 nn. 55, 56 (Tav. III
i

denario

con

la

cifra

XVI,

in

Puglia

ai sestanti

conunita

del Pabretti pag.

n.

56).

È una moi

giunta la cifra

S, e

nella

moneta

di Brindisi la nota

S

neta di confederazione dei tre popoli
plunesi e
i

Vetuloniesi,

Pu-

coi quattro globetti.
8.

Camarti. Nel
si

nome

di

Pupluna

é singolare lo

Nel Museo

di

Parma. Testa

di

Mercurio

:

dietro la quale

una
11.

scambio che vi

fa

due volte del Pe in Pi.

mezza luna: in basso due globoletti appartenenti
anteriore che
in contrario,

al conio

Museo

di Firenze. Testa giovanile
alto.

nuda volta a

d.

ohe sembra
e nel

ebbe

i

tipi del n. 4.

R.

Due

caducei volti

guardare in

R.

Due

astri e

due mezze lune

ambedue

decorati di lemnisco, nel

mezzo

basso un terzo astro al quale probabilmente era congiunta
l'epi-

grafe flMV>l'lV^ e la nota
linea

^X

del valore, dove appare
al

una

la

sua mezza luna, e però

si

può opinare che

sia

uscita

obliquamente posta accanto

numero X. Abbiamo

di conio: nell'orlo superiore vi si legge \N\.

Fu

inciso dal

di sopra

avuto un esempio di cotesta linea sebben non conseparata dall'X (Tav.

Carelli T. Vili n. 32, che

non

si

avvide della lettera

W,

giunta

ma

LXXI,

22).
si

La sua

giaci-


12.

altri

dopo di

lui.

tura singolare può essere indizio che non

volle con essa

Museo

di

Monaco. Altro esemplare del

nummo medesimo

indicare l'unità. Sarà quindi d' uopo conchiudere che

non

trovato da

me

nel

Museo

predetto, ed era stato ancor esso

ebbe valore numerico,

ma

si

adoperò

per cifra di signifi-

inciso dal Carelli (Tav. Vili n. 38)
I

cato analogo al cerchietto
9.

O dopo le decine (T. LXXII, 7,8).
come
il

Nel Eircheriano. È
indizio certo
i

ribattuto

precedente

;

di che sono

FERCNA
13.

due globoletti

e l'astro superstiti.

Nel basso
vece
di tre

Museo
plari

di Firenze.

Di cotesta moneta
dal

si

hanno due esemil

del riverso è

un caduceo lemniscato ma in

alto in

ambedue

scoperti

Gamurrini e

primo anche

della forma nota del caduceo se ne ha
anelli con la estremità volte in fuori.
n. 8, e in

uno composto

stampato dal medesimo. Nel primo la leggenda erasi conservata

Ancor qui come sopra
di Parigi edito

per metà \(W>

,

e

fu

ragionevolmente
si

supplita

un simile nummo del Museo
(iV.

if)l/l>(<lflT),

con

quella

verosimiglianza che sol

poteva.

dall'Bckhel
di sé

vel. II p.

1) la nota del valore

X ha dopo
di sopra

Venne
legge

di poi fuori l'altro

esemplare, che do
tipi

qui,
:

ove

si

una linea obliqua, la quale come ho detto

invece

interamente JflUXlBì. I
a sin.
tigre.

sono

testa
di

di

vi starà

come

la cifra

O

a significare
si

il

valore numerico
i

Pallade

galeata e volta

R.

Metà

anteriore

un

delle X.

Di una simile

linea obliqua

servono

Greci a

mostro marino a testa di

T.

LXXV

ETEURIA

57

CT«A
14.

ne possiede di gr. 5,050, che ha come
i

il

nostro del n. 16

globetti sotto

il

collo della testa giovanile.
gr. 3,18
:

Museo

Britanuico.
il

Aucor

di questa

moneta

si

hanno due

19.

Nel Kircheriano. Pesa

ma

ve n'è
il

un

altro esemplare

esemplari
Calai, p.

primo nel Museo Britannico datoci dal Poole
n.

di gr. 5,00. L'epigrafe è qui sotto

collo e

non

vi si

vede

14

II) del peso di gr. 14,19: l'altro di reil

verun segno di valore.

cente scoperto dal sig. Falchi che
13,(300.

possiede ed è di gr.
d. la

Ha

per tipo ima testa giovanile volta a

quale

AES INCUSUM SEDIS INCEETAE
Tav.
1.

porta sul capo a

modo

di copertura

im

delfino volto a sini-

LXXV.
Vaticano. Il Capranesi ne pubblicò un esemplare (Diamilla,

stra verso la nuca.

Nel campo

di sopra è la nota del quaalla cui sinistra si ri-

Museo

drante

oa•
i

.

R. Àncora coU'anello

Mem. numism.

tav. I n. 1

pag. 9),

ma
il

stranamente
riverso inri-

petono

tre giobelti, e a destra si legge fl»+). In cotesto

contrafatto, e

neanche fu
si

chiaro

se avesse
wa. solo

nome
vi

di città v'è di singolare il globetto

schiacciato che

cuso.

Al 1860 non

conosceva che

bronzo a

tiene luogo di lettera alfabetica.

Un

caso che

può

dii'si

verso incuso, ed era quello dato dal Micali [Ant.

mon.

pi.

simile a questo fu notato dal Eiccio in
Kiibria dove l'epigrafe è
scritta

un semisse
cioè,

della
il

CXV): noi dunque ne daremo
Testa barbata e
cinta di

la

prima volta tutta una
volta a destra;
R. Cavallo

serie.

così

D«S,

dice

lawo
3IC.

dietro la

Borghesi scrivendone

al

D'Ailly (25 marzo_ 1840 Oeuvers,
la lettera

nuca Pesa

è la

nota del valore

marino incùso.

VII pag. 369), che quello che sembra

O

è piuttosto

gr. 40,80.

L'esemplare del Capranesi non ben con-

una specie di scudo rotondo senza ornati e que cosa sarà?
che più volte

liscio.

Chi sa dun-

servato pesava gr. 32,00.

Da

cotesto

nummo

appresi e feci
il

ma DOS

non

è certo. Così egli.

E noi diciamo
globetto

noto ai miei amici, che l'hanno divulgato, la forma e
della cifra DIC presso gli Etruschi.

valore
il

si è

veduto l'O in forma di piastrella rotonda,
il

Ora da Campiglia

sig.

per arte o per difetto del conio. Qui poi
vale

o

Mazzolini mi ha recato un terzo esemplare,

ma

roso nella

un Q, ovvero

è

veramente un segno

di valore

da pa-

superficie del dritto, e accecato dalla ruggine nel riverso.

È

ragonarsi ad

un simile globetto egualmente seguito da una
»S, che
si

del peso di gr. 30,80.
2.

lettera alfabetica

ha in un bronzo di Venosa.
nella epigrafe ha fatto
ribattuta.
Il Graital.

Museo
testa

.di

Torino (Sambon, Recherches,

pi.

IV, 26). Nel dritto

La

strana inserzione di
al Poole,

un globetto
la

barbata coperta dalla spoglia probabilmente di un

credere

che

moneta

fosse
al

delfino, dietro la

nuca

è la

nota

'^.

R. Aquila volta a destra
le si drizzi

murrini che ne dà notizia
del Pabretti pag. 73 n.

nell'/l/)/!.

Corpus inscr.

e respiciente a sinistra, dove è

un serpe che par

848

lascia incerto se questo ton3.

contro.

Pesa

gr. 21,25.
d.

dino sia

un globetto
il

o

un buco. Posso assicurare che nei

Museo

Vaticano. Testa barbata volta a

coperta della spoglia
,

due esemplari

tondino è in rilievo pari alle lettere e a

simile a quella del

numero precedente

dietro

T

uscita

superficie piana; però la leggenda

non

è

Cati,
il

come

la si

per metà di conio. R. Grifo che va a destra. Pesa

gr. 19,100.

vede trascritta dal Poole e in ciò ha ragione

Gamurrini.

Un
4.

esemplare che è del march. Strozzi trovato in Val d'Orcia

Eimane dunque che

si

legga Ct o a.

La

testa coperta dalla

pesa gr. 19,30

ma

è

alquanto logoro.
volta a d. e coperta della

spoglia del delfino allude senz'altro ai Tirreni cambiati in
delfini dal figlio di

Nel Museo Vaticano. Testa barbata
spoglia

Semole.
(Vetulonia)

probabilmente di un cane pomerano. Plutone in
si

una pittura etrusca

copre con pelle di cane (Conesta-

PATU

bile,

PUt.

mur.
Pesa

tav. XI); di dietro è la nota

XXX.

R. Testa

15. Gabinetto delle medaglie (Monfaucou, Supfl. Ili,

XLVIII,

9).

di asino.

gr. 13,43.

Ve

n'era

un esemplare

nella col-

Testa giovanile coperta della spoglia di cignale. B. Ferro
di tridente fra due delfini.

lezione Lovatti.

Fra

le schede

Kircheriane di

mano

del

La nota

del valore

»•

,

qui è
e

Puertas

si

ha un disegno

di questo

bronzo

e nel

Museo

monca,

ma

si

vede intera nell'esemplare del Kircheriano
si

di Firenze se

ne conserva un altro di mano del Sestini,

nel Viennese. L'eroe che

vede coperto della spoglia del

dove

si

vede aggiunta l'epigrafe flHV>l')V1 dimezzata nel

cignale ricorda probabilmente Elpenore uno dei compagni
di Ulisse trasformato da Circe in

dritto e intera nel riverso.

A me
le

non

è

avvenuto di vederne
di ornato

forma

di cignale

;

il

se-

alcun riscontro

:

penso che

Unee del cerchio

polcro di lui

yedevasi

sul Circeio cinto

intorno di belle
1.

siano state trascritte per
n.

lettere. Il Carelli

dà nella tav. Vili

piante di mii-to (Theopkrast. H. V, 9; Plin.//. N.
Il

XV

e.

86).

31 un

bronzo simile nel dritto al nostro;

ma

egli vi
rilievo.

Mommsen

che cambia questa spoglia in pelle di leone,

ha rappresentato al riverso una larva gorgonia di
Il

tiene quindi erroneamente per Ercole l'eroe che ne è vestito
{H. de la

Gamurrini

(op. cit. p. 62)

stima che vi sia nel dritto la

monn. voL

I pag. 388).

testa di Ercole e nel riverso

una colomba
l'altra

e

un serpe pro-

16-18. Apprendiamo da questa serie che la leggenda, quando è
piena, conta quattro lettere
•^i-f\^.

babilmente per equivoco con
5.

moneta

riferita di sopra.

Sono sestanti

e
;

ne poril

Nella collezione Strozzi. Testa di donna coperta dì elmo a
destra
sin.
;

tano la nota ripetutamente sul diitto e sul rovescio

peso

davanti la nota
gr.

AXX.
n'è
;

R. Gallo

che canta volto a

ne

è vario

:

la collezione Strozzi

ne conta di gr. 13,750 e

Pesa

11,20.

Ve

un esempio nel Museo Vatisi

giii. fino

a gr.

5,350.

H

sig.

Falchi fra un gran numero
Vetulonia, Prato 1881) uno

cano del peso di gr. 10,72 un terzo

conserva nel Parigino
gr.

di cotesti bronzi (Ricerche di

Gabinetto delle medaglie del peso di

11,60. L'Arigoni

58

ETEDRIA, UMBRIA

T.

LXXVI

l'ha dato nel T. Ili, Vili, 9 fra gl'incerti,

ma non

lia in-

dal censore Sulpicio Saverrione dopo la giornata di Ascoli.

dovinato la lìgura del riverso.
6.


e

deve far ostacolo
:

il

vedere quivi ritratto

il

moro custode

Nel Museo Vaticano. Testa barbata
a
d.:

cinta di corona volta

della bestia
gli indiani

perocché cotesti mori erano anche in Asia, e

dietro

ba

la

nota

XX.

R.

Aquila rivolta a sinistra

insieme cogli africani adoperavansi per la singoiar
addestrare
gli elefanti,

respiciente a d. con le ali aperte e a doppia testa,

ma

per

perizia in

di

modo che

a

ra-

sbalzo di conio. Pesa gr. 11,4.
7.

gione Lelio trattando di costoro pone insieme gli Indiani

Nel Museo Vaticano

(Micali, Ant.

mon.

Pir.

1832

tav.

CXV
v' è

e gli

Africani da sé veduti in Africa nel
di Scipione (Cic.

tempo che era
:

nn. 9, 10). Simile al precedente,

ma

nell' aquila

non

legato

De reputi.
{bello

II,

40)

Non

et tibi

sbalzo di conio. Pesa gr. 9,3.

Un

esemplare cbe se ne ba
10,70
(cf.

{Scipioni)

cum

essem legatus

punico

tertio)

saepe vidi.
et

nel Gabinetto delle medaglie pesa gr.

H. de la

Ergo

ille

indus aut poenus
et

unam

coercet

belluam

eam
14

mon. IV
8.

pi.

XVIII,

9).

docilem

humanis moribus adsuetam. Pirro
di

a testimoe.

Nel Museo
richiamati

di Firenze. Testa cbe par

muliebre con capelli

nianza di Dionigi
pag.

Alicarnasso

{Fragm.

LXIX

e ritenuti dalla tenia, con monile al collo. Sta

134

ed. medio!.) si serviva di Indiani, che gli saranno

dentro un

periato e una

laurea ed

ha dietro

la

nuca

la

stati spediti

da Tolomeo di Egitto suo suocero, dei quali
l'

nota X, di sotto al collo la nota ID. Pesa gr. 6,40. R. Serpe

erasi giovato anche per ricuperare

Epiro.

con pelle screziata o più veramente
murrini (op.
9.
cit.

punteggiata. Il G-a-

p. 63) crede

che la testa sia di Bsculapio.
barbata volta a
d.;

TUDEE
16.

(in

Umbria)
di pileo

Nella collezione Strozzi. Testa
la nota

virile

dietro

Nel Museo Kircheriano. Testa giovanile coperta
a doppia gronda. R. Scrofa
quali volti verso la madre,
di sopra
ci.
il

X

dentro un periato e una corona di lauro. R. Pesce

con

tre

porcelletti, 'due dei
:

simile al capriscusYolio a d. dentro una laurea. Pesagr. 2,49.
Il

terzo va di passo

vi si legge

Gamurrini
{Ant.

(loc.

cit.)

cita dalla tav.

CXV

n.

13 del Mi-

3<13+V+ (Marchi
;

e Tessieri,
1).

U aes
Pesa

grave, Suppl.
gr.

cali

monwn.) un bronzo

nel quale è

una testa bar-

II,

2

Poole, Calai, pag. 397,

9,25.
sulla

bata e dietro X. R. Quadrato incuso. In altro simile bronzo
assai detrito ha
egli letto il

17. Kirch. Testa di Sileno coronata di edera con
fronte

un corimbo

numero V

:

ma

è

chiaro che

male espresso

finora nelle

stampe come un bitorzo (Ca-

deve essere X, perchè se fosse
così in etrusco.

V non

si

sarebbe scritto

relli, tav.

XXI,

42). R. Aquila stante a sinistra in atto di pren-

dere

il

volo e 3"^3tV+

È

di gr. 3,80.

L'esemplare di mia col-

10. Parigi,

Gabinetto delle medaglie.
di

Testa probabilmente di

lezione pesa gr. 4,20.
18.

donna coperta
cinque, o

elmo

frigio volta a d.; dietro
tutto.

>

nota del

Nel Kircheriano. Testa
lati

di

fauno con orecchi lunghi e
R.

affi-

metà

di

un

R. Quattro fiori simili ai gi-

e

corna di caprio

in fronte.

Cornucopia con spiga
o baccello di

giiacei coi loro calici volti

ad un centro. L' ha comunque
III,

di grano, grappolo d'uva, e

un guscio

legume

pubblicata

il

Sestini {Museo Fontana,

XI,

1).

Il

sig.

che par di fava o pisello

e

leggenda 3'^3+V+. Pesa gr. 1,75.

È

Mazzolini ne possiede un esemplare del peso di gr. 3,07.
>, ì,

stato notato dal Cavedoni che le corna del fauno furono

omesse

dal disegnatore del Carelli (Tav.

XXI,
9,

44).

Ebbe adunque

M,

/V\

SEDIS INCEETAB
di

Todi ima moneta coniata
anello
all'

di gr.

come

l'obolo greco, la

11-14.

Museo Kircheriano. Testa

moro con

orec-

metà

di esso

e il quarto. Il tipo dell'obolo

rappresenta

un

chio volta a d. R. Elefante asiatico con la squilla al collo
stante, volto a destra. I bronzi che portano questi tipi si

porcaio coperto di

un

pileo simile a quello che ha in capo

Eaustolo sul denaro di Sesto Pompeo.

Ambedue
p.

cinti

da

distinguono fra loro per quattro diverse lettere alfabetiche,

doppia gronda. Al Millingen pare {Consid.

169) che sia

che vi

si

vedono
/V\

al

riverso e sono

>,

ì,

141,

/V\:

tre

di

un petaso

di

forma singolare portata forse da un Mercurio.

esse > HI

si

ripetono talvolta anche sul dritto.

15. Nella collezione Strozzi.
.

Questa monetina ha

i

tipi predetti
;

PEITHESA
Tav.
1.

C, W\,

M,

5

e per lettera distintiva

un

/V\

al dritto e al riverso

ma

nel

LXXVI.
di

dritto allato all'WV vi sono

due altre

lettere. Il

Gamurrini

Nel Kircheriano. Testa
volta a d.
Il sig. p.

Mercurio coperta dal pileo alato

ritiene che le lettere del dritto siano latine e dicano
io

C PISO:

R. Civetta e quasi di prospetto e a d. fli30l3'1. di

invece confessandone la difficoltà pure devo dire che tale

Hennin, scrive
:

Peithesa {Manuel de

numism. Il

lettura

mi pare

impossibile: io vi trovo

invece

C^\^A. e
il

70)

Les pèces attribuées

à

cette ville

ont été restituées
il

questa terza lettera N\ rivedo dimezzata nel rovescio dove

à Veientum

d'Etrurie.

Ebbe dunque ragione
inscritto
il

Millingen

Gamurrini ha

letto

un

5.

La lettera
il

M segna
e

il

conio

come

al

di notare che questo

nummo
il

ha fornito un ampio
dato

riverso. Il Cr\

parmi dinoti

due

mezzo. I bronzi con
il

campo

di

congetture,
t.

avendolo

Lanzi

a Perugia
Itahj, vol.I

questi tipi
è di gr.

si

sogliono trovare in Val di Chiana e
;

loro peso

{Saggio, II,

I fig. II),

Cramer a Pisa {Anc.
Vei {Suppl.

2,40

2,80.
ci

pag. 173),
riporta al secolo sesto

il

Mionnet a Veientum o

1.

1 p. 204),

L' imagine dell' elefante non

attribuzione sostenuta anche dal citato Hennin.
piccoli bronzi si sogliono trovare in
ivi

Ma

cotesti

quasi che fosse di razza africana,
della guerra punica tali elefanti

sapendosi che ai tempi

Val

di Chiana, e perf>

furono veduti in Italia;

deve essere stata una volta la cercata Peithesa.

ma

essi invece sono gli asiatici di Pirro mostrati a

Roma

2. Kirch. I tipi

medesimi,

ma

la

leggenda fliSOB'l è sul dritto:

T.

LXXVII

ETRUEIA, LATIUM

59

al rovescio invece a destra

della civetta vi si trova

il

se-

LATIUM
AES A LATINIS MAGISTKATIBUS CUSUM

gno
3.

g

in parte logoro.

Coli. mia. I tipi sono gli stessi,

ma

sotto

il

collo del

MerTav,
1,

curio al dritto v'è
e

un C

:

al rovescio vi si

legge

ftGOGA

LXXVII.
Nel Kircheriano. Testa
di Ercole barbato cinta di

inoltre a sinistra

presso l'ala della

civetta

uu

g

.

Qui

2.

diadema

abbiamo dunqne una prova novella che dimostra
multaneo
di

l'uso si-

con clava

al collo volta a d.

R.

Cane cerbero a tre teste

due segni

iu

due alfabeti diversi

l'

un greco

volto a d. nell'esergo C- RVB. 11 sig.

Imhooff-Blumer [Monn.

l'altro etrusco. Il loro

peso è di gr. incirca 3.
soltanto
la

qraecq. 13) pone

un S invece

della clava e la testa laureata,

4.

Kirch.

I tipi

sono

i

medesimi,
lettera

epigrafe è qui
ripete sul

dove

io

vedo im diadema. L'epigrafe di questa moneta fu

espressa per la sola
dritto e sul rovescio.
5.

iniziale A che si

letta dal Sestini

AARVB

[Class, gener. pag. 12) e però at-

tribuì

il il

bronzo a Marrubium, capitale dei Marsi. Insorse
Millingen, che nell' esemplare da lui posseduto,
1,

Kirch. Testa di Apollo cinta di laurea colla faretra al collo
volta a desti'a
:

contro

dinanzi v'è la lettera

h.

R. Civetta quasi di

ed

è

quel medesimo che qui publico, n.

vide

un punto da-

prospetto: a destra vi si ripete la lettera h e sopra di essa

vanti a RVB, e

un

vestigio di lettera avanti a quel punto
il

un

po' logoro

il

segno

g

.

È

certo
;

che
altro

il

$
l'

ancor qui

comunque non

gli bastasse l'animo di accertarne

valore:

dinota la

metà come nel
sul
di-itto

n. 3

l'

segno giacente
iniziale di

nondimeno propose che
mente
il

vi si dovesse riconoscere probabil-

che

si

vede

e a

destra

pare sia

nome

di

im magistrato della famiglia Rubria [Con-

Peithesa.
(3.

siderai, p. 233). 11 parere del Millingen è confermato da

Coli. mia.

Testa di

Pallade

galeata

volta a d. e di sopra

un simile nummo veduto da me nella
dove però
in
il

collezione

Luynes

un
7.

C.

R. Civetta quasi di prospetto e a destra C.
tipi

prenome

è

omesso

e si

legge nettamente

RVB

Kirch. I

sono gli stessi, soltanto nel dritto la lettera C
di

campo

liscio

[Sylloge, pag.

139) la quale che
ci

particolarità

non

è posta

sopra
il

dell'

elmo,

ma

davanti

della

Pal-

non

è sfuggita all'Imhooflì-Blumer

dà un suo esemplare

lade a destra. Qui

C mi sembra
gr.

lettera iniziale.

Queste

col solo

RVB

nell' op.

cit.

pag. 13. Ivi anche descrive
tipi diversi

uu
e

due monete
8-10. Nel Kirch.

6,

7 pesano

2,00.

triente del sig.

Waddington con
Testa di
R.

da questi
la
il

Testa giovanile coperta della pelle di cane

r

epigrafe

RVB.
.

Cibele

turrita

e

nota
piede

del
si-

pomerano,

la cui figura è rappresentata al riverso in atto

triente

®®©a

Leone aggruppato che leva

di correre a sinistra, di sotto fra le

gambe

vi si legge ima.
I,

nistro ed

ha dietro un astro ad

otto raggi e nell'esergo si

delle tre

lettere 5, \M,

M.

L' Eckhel {D. n. v.

95) e
3.

legge egualmente RVB.

ilEochette {Journal des Sav. 1841 p. 24) la dicono erronea-

Nel Museo

di

Parma. Testa muliebre coronata
che colla

di edera a d.
l'

mente

testa di Ercole coperta della pelle di leone.
3,

R. Pantera

zampa

sinistra tiene

asta di una

ì,

V

lancia appoggiata sulla spalla: nell'esergo CA/.

11-13. Nel Kirch. Euota a sei raggi e nota dell'oncia. R. Ferro
della

Sugli
scritto

esemplari
e
il

letti

finora si

è

detto che
dal

vi

fosse

bipenne

e

la nota

delle tre lettere D, ì,

medesima, inoltre a destra una * V.

CAP

Mazzocchi seguito
il

Daniele (Nuin.

cap. n. 9 pag. 33), e
11

Combe

l'hanno attribuita a Capua.

14-16. Nel Kirch. I
varia soltanto
il

tipi

sono gli stessi e cosi anche le lettere,
la

Capranesi nega che vi sia mai stato scritto

CAP ed aven-

peso donde risulta che queste valgono od unità maggiore.

dovi egli invece di poi letto CAI stima col Priedlaender che
si

metà

dell'oncia,

debba attribuire a Caiazzo, che chiama Calatia latina [Ann.

17-19. Nel Kirch.

Il tipo

del dritto è lo stesso dei precedenti

dell' Inst.

1843 T. XII pag. 214

tav. d'agg.
si

Pnn.

5, 6).

Ivi

nn. 11-16: nel rovescio le lettere sono parimente D, 1,

V

nota che simili monete

ma

senza leggenda

trovano di fre-

ma

la bipemie è qui

munita

di manico.

Ecco qual'è

il

peso

quente nelle terre romane.

Una

di fatto ne è stata trovata

dei nove pezzi:
nn. 10
gr.

or ora presso Albano. Il Piorelli pensò che dovesse appar-

11

12
8,70

tenere a Sardes della Lidia essendogli sembrato che vi

si

10,70

11,00

leggesse in lettere greche

CAP

[Oss.

numism. 1843

p. 80).

nn. 13
gr.

14
2,70

15
6,70
-

Nell'esemplare che qui esprimo ho letto in

monogramma CA/
ed epigrafe è di

3,70

che dà

la

leggenda CAN. Con questi

tipi

nn.
gr.

16
2,20

17
1,70

18
3,40
il

recente stata trovata una moneta nelle campagne di Orvieto,
l'antica Bolsena,

donde
e le

altre 9 senza

leggenda
il

si

sono in

20, 21.

Nel Kirch. Kuota

a sette raggi e a sin.
il

segno del-

pari

tempo raccolte

ho vedute presso
tipi

march. Strozzi
è nel

l'oncia.

R. Ancora, a sinistra

medesimo segno, a destra

in Firenze.

Un

bronzo coi

medesimi ohe

Museo
n. 22).

nel n. 20
Il loro

un D nel

n.

21 un

1; la lettera

V manca

finora.

Britannico porta l'epigrafe

S

(Poole, Catat. pag.

84
il

peso è gr. 8,00; 8,80.
di Torino,
e

Per
'

le

quali osservazioni è d'uopo convenii-e che

nome
;

22.

Museo

ne ho veduto un altro

esemplare in

notato nell'esergo non è

nome

di città,

ma

di magistrato

Parigi presso l'esperto sig. Hoffmann. Euota ad otto raggi.
R. Ferro della bipenne in
tanti

che però la moneta non è latina di Capua ne di Caiazzo ne
di Caieta, ne greca di 2àgóig, e

mezzo a quattro globetti dino-

può

solo probabilmente as-

un

triente: di sopra

un

ì.

Pesa

gr. 25,00.

segnarsi alla zecca della Bolsena romana, se si vuol tener
s

60

LATIUM, EOMA

T.

LXXVII

conto delle terre donde n'è venuta fuori la maggior copia.
Inoltre non è di un'epoca molto remota dalla guerra sociale,

!

che ha nella sinistra,
al

e

il

fa

giovandosi della zona o lemnisco

quale la

corona è

annodata.

Nel campo a
;

d.
;

sogliono

avendo notato

il

sig.

Imhooff-Blumer (Mon.

graecq.iì.

36

n. 84)

essere inscritte

una o due
gr. 6,07,

lettere

qui è un

a sinistra

che se n'è trovato un esemplare ribattuto sopra un bronzo
questorio di Sicilia portante sul dritto
e al
il

ROMANO.
dente
d.ritto

Pesa

Dei due miei esemplari quello
di tri-

bifronte barbato,

che ha nel dritto per
e al

insegna monetale un ferro
gr. 6,40
:

riverso entro corona di lauro
di

il

nome

OP-PI. Noi lo di-

riverso

K pesa

l'

altro

che ha

nel

remo

epoca incerta della Eepubblica,

ma
sia

probabilmente
quest'Oppio ne
17.

un cornucopia

e al riverso

T

pesa egualmente gr. 6,40.
sin.

anteriore al 664.

Ma

non sappiamo chi
(Klein, ,Die

Nel Kirch. Testa barbata
scello di quercia.
R.

di

Marte a

dietro

un ramo-

come
ecc.

siasi

prenominato

VerwaUungsbeamten

Testa di cavallo frenato posta sopra

Bonn, 1878 pag. 161).

un
SOCIIS
gr.

plinto

che porta la leggenda

ROMANO

;

dietro spiga

di grano.

Pesa grammi

7,29.

Due miei

esemplari pesano

NDMMI
4.

CUSI NOMINE
di

ROMANORUM A

7,10, 7,35.

Nel Kircheriano. Testa

Apollo coronata di lauro. R. Ca-

18. Edita dal Piorelli (.4nn. di
di

numism. 1846
R.

tav.

I,

9).

Testa

vallo libero che corre a sin.; di sopra
5.

ROMA. Pesa

gr. 6,77.
:

Marte barbato volta a
d.;

d.

Protome

di cavallo frenato

Nel Kirch.

I tipi sono

i

medesimi che nel precedente

esso

\olta a

nel
di

campo a
grano. Io

d.

ROMA,

di dietro a sinistra è

però ne è la metà, e pesa gr. 3,28.
6.

una spiga
e

stimo che alla leggenda

manchi

Nel Kirch. Bronzo
nario precedenti
è in basso.
:

coi tipi

medesimi che nel denaro

qui-

l'ultima sillaba

NO

uscita di conio e che questa sia l'unità
n. 16, che porta
i

ma
gr.

il

cavallo è frenato, l'epigrafe

ROMA

minore dello statere

medesimi

tipi: il

Pesa

3,70.
di peli alla guancia:

suo peso non può essere che di gr. 0,65 incirca, parte due-

7.

Nel Kirch. Testa

di

Marte con accenno
d.,

decima della maggiore unità o se

si

vuole divisa in seste

dietro clava. R. Cavallo libero a

sopra clava, sotto

ROMA.
19.

una hemiecte,

rifiCsxTov.

Pesa
8.

gr.

6,77.

Un mio

esemplare pesa gr. 6,40.

Nel Kirch. Testa
vanti

di Apollo cinta di lauro volta a sin.

da-

Nel Kirch. Bronzo
Pesa
gr. 3,70.

coi tipi

medesimi del denaro precedente.

ROMANO.

R. Cavallo frenato che corre a destra, di

sopra è un astro. Pesa gr. 7,2.
di

9.

Nel Kirch. Testa
B.

Marte con grifo per ornato sulla cocca.

20. 21.

Nel Kirch. Testa muliebre

volta a destra, talvolta

a

Protome

di cavallo frenato, dietro falcetta, sotto

ROMA.

sinistra, coperta di elmo, intorno
/(.

ROMANO

ovvero ONAMOJI.

Del peso
10.

di gr.

6,77.
coi tipi

Protoma

di cavallo frenato volta a destra o a sinistra

Nel Kirch. Quinario
di gr. 3,28.

medesimi del denario del peso

colla epigrafe

medesima intorno Ol/lAMOJl retrograda. Nei
916 nelle acque
i

Un mio

esemplare è di gr. 3,00 incirca.

due modi
22. Era presso
dei

se ne trovarono
jil

di Vicarello. di quelli
e

11.

Nel Kirch. Bronzo

coi tipi

medesimi dei due nummi pre-

Depoletti. I tipi sono
21,

medesimi
rivolti a

cedenti del peso di gr. 3,20.
12.

nn. 20,

però

ambedue sono

sinistra,

Nel Kirch. Testa
R.

di Ercole giovane con la

clava al collo.
gr.

l'epigrafe vi è soltanto al riverso
alla

OHAMOfl.

Inoltre sotto
;

Pegaso: sopra clava, sotto

ROMA. Pesa
di

6,80.

protoma di cavallo

vi

ho letto SVES assai basso

onde

13.

Nel Museo Britannico. Testa
R.

Minerva, volta a sinistra.
d.

potrebbe parere che questo'
di altro conio precedente.

nome

sia

una traccia rimasta
che
le

Aquila di prospetto volta a
da presso a
sin.

stante con

un fulmine
al giro

Ma

si osservi, e

monete

di

negli artigli,

un pugnale, intorno

Sessa

leggono sempre SVESANO,
sette lettere.

qui non vi è posto

ROMANO- Ne
n'è
si

ho veduto tre esemplori uno qui in

Koma

per

le

La somiglianza

di queste

monete con

nella coli. Lovattr,

uno nel Museo
I tipi di cotesto di Locri,

di

Vienna

e

so che ve

quelle di Cosa
copia
:

dimostra che l'una dell'altra può credersi

uno a Berlino.

bronzo sono quegli che

il

gran numero, ohe se n'è trovato nelle acque di
che
i

vedono su di un bronzo

dove però l'aquila guarda

Vicarello ne fa certi,

Eomani

1'

hanno coniato nella

a sinistra (Tav. CXIII, n. 9, 10). Il

Sambon ne

descrive

un

zecca dei Sabatini. L'epigrafe SVES è prova, che una moneta

esemplare {Racherches,

p.

131) del peso di

gr.

17,00. Il

con questo tipo fu anche coniata per alleanza nella zecca di
Sessa non prima forse del 441.
23. Nella coli. mia. Testa giovanile diademata.
/?.

modulo,

il

peso, e

i

tipi si

accordano a farci argomentare

che cotesto bronzo

si

è battuto pei

Romani

nella Brezzia

Leone volto

probabilmente nella zecca Locrese.
14.

a destra che
frigio a

morde

il

ferro abbrancato colla
gr.

zampa

sini-

Nel Kirch. Testa
di grifo coi lacci

di

donna coperta del pileo
al

becco

stra.

Nell'esergo

ROMANO. Pesa
è

14,00.

Un

secondo

da annodarlo

mento.

R.

Cane che va

esempio di egual peso
stato finora osservato

parimente presso di me.
si

Non

è

a destra: nell'esergo 15.

ROMA. Pesa

gr. 1,10.

da veruno che

fossero battuti

una

Nel Kirch. Testa

di Ercole giovane

cinta di diadema con
R.

volta

dei

dioboli o dei dilitri.

Ne vedremo un

esempio

la spoglia di leone e la clava al collo.
alle

La lupa ohe ha
Pesa
gr.

anche nel bronzo napolitano (tav.

LXXXV
Il

29), la cui fabbri-

poppe

i

due gemelli, nell'esergo

ROMANO.

cazione deve essere contemporanea.
24.

7,29.

Un mio

esemplare è di gr. 6,71.
di

Nel Kirch.

dalle

acque di Vicarello.
si

bronzo
:

è ribattuto

16.

Nel Kirch. Testa
dietro

donna coperta

di

elmo a becco di

grifo:

su di un tipo che tuttavia vi

distingue

Testa di Net-

ha l'insegna

di un' ala. R. Vittoria coperta a
al

mezzo dal
di

tuno al

dritto, delfino al riverso, e di sotto U, tipi noti nella

pallio in atto di

appendere una corona

ramo

palma

serie lucerina;

ma

in questi tipi^ l'epigrafe è intera

UOVCERI,

T.

LXXVIII

LATIUM,

EOMA

61

qui è la sola iniziale

L-

sotto al delfino.

Lucerà ebbe uua

delle
Il

monete greche

e latine (V. la tav.

LXXII,

12, 13, 15).

colonia latina nel 440. L'epigrafe del secondo conio non è

numero Vili ne
il

sia

una prova della
di

gallica officina, es-

25,

ma dal confronto ROMANO. Pesa gr. 6,80. 26. Nel Kirch. Do questi
leggibile,

si

deduce che deve esservi

scritto

sendo gallico

costume

mettere queste cifre numeriil

che in luogo dei globettini indicanti

valore. Inoltre la

due esempi, uno simile
vede chiaramente
la

al pre-

voce >IOMA se non
erroneo
il
>l

vuol tenersi per

ROMA mutando come
i

cedente n. 23, dove però
leone
;

si

zampa

del
è

in

51,

avrà un riscontro fra

nomi propri

dei

l'alti-o

di conio diverso.

La leggenda

in

ambedue

capi Galli, su di altre contraffazioni galliche, tra le quali,

ROMANO

;

di

queste monete se ne sono raccolte dalle acque

seguendo

il

Robert

(1.

e), nominerò BRIC,

COMA, Vili D COMA.

di Vicarello

1156 esemplari,

e se ne sarebbero avuti piìi

ancora, se
cati.

i

fanchi di quelle acque fossero stati ben cer-

Kagione vuole,

che ancor questi

bronzi siano usciti

Tav. LXXVIII.
1, 2.

dalla zecca dei popoli

sabatini, di che è

buona conferma

Nel Kircheriano. Testa
ornati di lamine in
e

di

donna con capelli acconciati
figurare

e

anche la testa dell'Apollo Sorano.

modo da

un elmo con cresta
e

pennacchi

laterali.

XUMMI

Porta pendenti agli orecchi
dietro vi si vede
la

una lancia

CUSI A PLAGIANIIS GALLIS CISALPINIS
al fianco

sinistro:

nota del triente.

27, 28. Testa di donna

coperta di elmo
:

volta a sin.

R. Pro-

R.

Centauro raggiunto

alle spalle dal giovine

Ercole che

toma

di cavallo frenato

dietro è scritto nel primo

ROMAAC
aulo-

l'ha preso pei capelli e lo minaccia colla clava levata. Il

nel secondo R

MM

C.

centauro esprime
vata alla
l'esergo
fronte.

il

suo dolore con la
d.

mano che

si

è le-

29. Nella coli. Lovatti. Testa di donna coperta di elmo

Avanti a
gr.

è la

nota del triente; nel-

pide decorato suUa cocca di un grifo. R. Protoma di cavallo frenato volta a sin., dietro

ROMA. Pesa

49,50. Vedi anche al n. 2 la testa
mia,
del

30MA05I. L'epigrafe varia-

della donna

presa da un esemplare della collezione
Il

mente

scritta è

però uniforme nella ultima lettera che nel-

dove l'acconciatura dei capelli è più decisa.

peso

l'alfabeto latino è

un C;

ma

quel qualunque popolo che
di certo scri3, 4.

bronzo

è

di gr. 49,95.

scrisse

Raomoc, Rommoc, Rommc, non volle

Nel Kirch. Testa

giovanile son capelli corti e ricci co:

vere

il

Romano

dei bronzi ohe portano

il

tipo

medesimo.

perta dalla spoglia d'un cignale

a sin. è la nota del quai

Non

v'è analogia fra la desinenza in o gen. plur. e quella

drante. R. Toro che corre a destra avendo tra

piedi

un
si

in oc; egli

ebbe piuttosto in mente
si

Roma{i)os.
il

Cerchisi
in

serpente munito

di cresta

che strisciando sul terreno

dunque

in qual parte d'Italia

potè' usare

C greco

slancia verso la destra medesima.

Di sopra
Il

vi

è il

segno

luogo dell'E latino, cioè una letteratura mista di elementi
greci e latini, e troverassi, se non erro, la nazione dei Galli
Celti, che

del

quadrante,
il

nell' esergo
(n.

ROMA.

primo

(n.

3)

pesa

gr. 42,00;

secondo

4) è di gr. 41,00.
v.

Un mio esem1.

nelle loro

monete scrivono AOVKOTIKNOC,

Pl-

plare

pesa gr. 39,60. L'Eckhel (D. n.
spiegare cotesto tipo

138)

crede

TANTIKOC, VENEXTOC, AEIOVIGIAGOC, BIATEC. Questa
confusione di due alfabeti e
latino
il

cosa difiìcile

altrimenti che con la

C del greco equivalente

all'S

favola di Giove trasformato in toro, onde Cerere ebbe Persefone, e, cambiato in serpente, dal quale Persefone

parmi

sia dimostrato

da un

nome

gallico che si legge
e degli

ebbe

doppiamente
vezii.

scritto sulle
i

monete dei Seguanosi

Bl-

un figlio tauriforme, secondo
aal Squ/Uov xavgov TrdrrjQ.
5.

il

noto verso: Tavqog Sqccxovtoq

Perocché ove
gli Elvezii

Seguanosi scrivono in greco

alfabeto

KCOlOC
chéol.

hanno nel latino

COIOS {Revue ardritto

Nel Kirch. La lupa che
la nota del sestante. R.

allatta

i

due gemelli, nell'esergo

è

1868 pag.

138).

Noi adunque rilegheremo a buon

Aquila che porta nel rostro un
sestante, a destra
si

fiore

al settentrione dell'Italia queste

monete. I Oalli che imiG-reci di Marsiglia,
tipi di Marsiglia

aperto: a sin. vi è la nota del

ROMA.
peso di

tavano

i

tipi

romani

e quelli dei

ne

Tre esemplari

di questo

bronzo
:

ebbero dalle aeque di
è del

introdussero inoltre dei propri.

Ai

può

Vicarello. Pesa gr. 29,70
gr. 24,20.

un mio esemplare

riferirsi l'aureo trovato a Vercelli nel

quale

si

vede la testa

Niuno

s'

è finora accorto della singoiar

coda che

laureata di Apollo col riverso DIKO di sopra del leone (Bruzza,
Iscr. ani. vercellesi pref. p. CVII), a cui
si

porta la lupa nella moneta romana di questa epoca, la quale
è cotanto

deve paragonare
p.

simile

alla leonina

anche pel fiocco

di

lunghi

la

dramma

citata dal

Robert [Ann. numisin. 1879
e al riverso

272)

peli che

ha

alla punta.

Una coda egualmente
notata

lunga, spoglia
sulle

con

la testa di

Diana

DIKO
\la

e il leone a dritta,
fig.

di peli, e di

pannocchiuta in punta ho
(v.

monete

che è stampato nel

Dici, archéol.

de

Caule,

48.

Hanno

argento
si

la tav.

LXXVII,

19): e non è perchè in

propri tipi le due monete d'oro edite dal Promis (Ricerche sopra alcune monete
trovate nel
Vercellese, 1865), e

Koma
(tav.

brattasse così, ohe anzi le

monete

della

Pompeia

LXXIX,

19, 20) figurano la lupa quale l'ha descritta
piìi

riportate nel Bull, dell' List.

1866 pag. 187.
di

Plinio con
pari vellosa

coda
(//.

corta di quella

delle

pecore,

ma

al
et

30.

Nel Museo Britaimico. Testa
perta di elmo
;

donna volta a destra e coR. Testa di cavallo

N. XI, 411): (Caudae caulis) vulpihiis

ha davanti un meandi'O.

lupis villosus, ut ovibus, quihus procerior.
6.

frenato volto a destra;ha davanti
ili

una

stella, dietro

>IOMA

Vili

Nel Kirch. Testa del

sole raggiante

messa

di prospetto

con

sotto T.

È

troppo evidente che questo
cisalpine, le quali

nummo

è uscito
i

accenno della clamide abbottonata sul petto:
nota dell'oncia.
R.

a sin. è la
il

dalle

oiEcine celtiche

copiavano

tipi

Luna crescente con due

astri e

segno

1

62

LATIUM,

KOMA

T.

LXXVIIl

dell'oucia nel centro

;

di sotto

ROMA. Se
II

ne ebbero quattro
è di gr.

dannò Varrone per aver confuso
la cui

il

nummvs

greco d'argento

esemplari dalle acque di Vicarello.
7.

suo peso

35,20.

decima parte

è

la libella d'argento col

nummus

de-

Nel Kirch. I

tipi

sono quei del quadrante (un. 3, 4), sola-

narius romano che valse dieci assi di bronzo.
Il

mente
Pesa

vi si

Tede aggiunta una spiga di grano al riverso.

duca di Luynes dal canto suo non trovandosi bene
perchè
i

ai

gr.

13 incirca. Esso dimostra una prima diminuzione.
questi tipi fu ribattuta coi tipi al dritto
il

conti,

due

nummi
col

prescelti

non pesavano sette

Una moneta con

scrupoli, sibbene undici, si
di

volse

alle

monete
le
;

di

Alba
e

e

della testa di Cerere e al riverso Ercole che raggiùnto

Segni che prese

Mommsen

per

Hbellae

sem-

cervo l'ha preso per le corna
al 8, 9.

:

ma

il

suo valore è dinotato

lieiiae d'argento,

dal cui peso di gr. 1,100

1,115

;

1,283 ecc.

dritto con

un S che

vale semis o sia metà.

dedusse che
cit. p.

il

nummo
che è

serviano doveva pesarne 11,99 (ed.
il

Il n.

8 fu già presso Depoletti. Tipi del quadrante di sesimili del

12,

13),

peso predetto delle sue due mose è vero che queste

conda diminuzione
zione prima,

tutto a quei della

diminun.

nete credute serviane.

Ma

monete
altro

val-

come appare
si

dal n. 9,

perocché nel
il

8

il

gono l'obolo
sostiene
e
il

e il

diobolo

tarantino,

come

in

luogo

serpente del riverso non

scorge essendo
II,

bronzo ribat-

Mommsen, come potranno

tenersi per la decima

tuto sopra una moneta di Gerone

del cui

nome rimanSicilia

vigesima parte della unità maggiore?

gono
dal

le
:

lettere lEPIl.
è quindi certo

Cotesto

principe

regnò in

Varrone parla di nuovo del
libro

nummus argenteus antico

nel

478
si

che a questa seconda diminuzione
Il

V de

L. L. (§ 173, ed.

Muller) e dice, che la sua maggiore

non

venne innanzi alla epoca predetta.

suo peso è

di

unità valeva dieci assi di bronzo e però dicevasi denarius,
la

gr. 7,80.

sua metà ne valeva cinque

e

denominavasi quinarius,
assi e

10.

Nel Kirch. Testa

di

donna cinta da corona turrita con pen-

alla quarta parte che valeva di sestertius
:

due
si

mezzo davasi nome
libello,

denti agli orecchi e con
lì.

lembo

di tunica attorno al collo. e fa scoppiare il

la

decima parte
bronzo,
e
la

appellava

perchè

Fantino a cavallo ohe corre a destra
il

valeva una libbra di

e così la

metà

della libella
al

frustino eccitando

cavallo alla corsa

:

di sotto

ROMA.

Il

avea
(issis,

nome scmbella
perchè

quarta rispondeva

teruncius

suo peso è di gr. 8,20. Di questi esemplari se ne ebbero
dalle acque di Vicarello 11, 12.
gr.

valeva tre once di bronzo.
dice impossibile
il

non meno

di

31.
Il
il

Il

Mommsen

dimostrare che queste
impossible de
;

Nel Kirch.

Sestante coi tipi romani.

sestante

pesa

monete siano mai realmente
démontrer
qu^elles

esistite: il est

19,80, la semoncia gr. 5,43. Se ne dà

saggio in prova

aient jamais léellemént existó
i

non

dell' asse 'trientale.

pertanto riconosce che
tipi

Populoniesi ebbero le tre divisioni
il

13.

Nel Kirch. Triente con
anteriore, del quale

romani battuto sopra un bronzo
la

dell'argento,

il

denaro X,

quinario A,

e

il

sestertio HA.

riman quasi intiera

leggenda

ROMA
saggio

Egli però non potè' dimostrarlo che unendo
diversi.
di
è

insieme

tipi

dietro la testa della Minerva.

Pesa

gr. 28,00.

È un

Non

era ancora noto che vi fu

una volta una

serie

che

si

dà in prova dell'asse quadrantale.

queste tre divisioni, X, A, HA, col medesimo tipo, che
(v. la

quello della Gorgone
il

T.

LXXII

un. 2-4). II

Mommsen
e

ROMA
NUMMI
CUBI INTRA URBEII

credeva ohe

numero X

in luogo del

XX non

avesse altro

esempio che in una sola moneta del Museo di Berlino,
però dichiarollo sbaglio dell'incisore.

Non
di

conosceva la metà,
il

L'esperienza c'insegna che

il

denaro pesava

ai

tempi

di

ohe

si

mostra oggi anche nel Museo

Londra, e presso

Varrone

tre scrupoli.
il

Or

egli attesta

ohe dicevasi aver Servio

Mazzolini in Campiglia; non seppe del sesterzio e ohe queste
tre divisioni esattamente si corrispondono di peso. Inoltre

Tullio coniato
scrupoli

denaro e che questo aveva di peso quattro
dei

sopra quello
p.

tempi

suoi

(ap.

Charis.

Inst.

che levavansi,
tenza di
lui

come dimostrai

altra volta,
se

contro la sen-

(Iramm. I

103

ed. Keil):

Nwinmum argenteum
lo

flatum

non pochi esemplari che

ne hanno nelle
diversi.

frimum a fuit quam
gr.

Servio
iiunc.

Tullio clicunt: is

Ili l scrupulis maior
scrupolo

collezioni pubbliche e private e sono di coni
le frazioni inferiori

Ne
X

Patto
i

adunque

uguale a

avrebbero ragione di essere, se
il

si trat-

1,12 ne segue che
notato altra volta

sette scrupoli siano pari a gr. 7,84.

tasse di sbaglio
in luogo di XX.

dell'incisore,

quale avesse

scolpito

Ho

il

grave errore del Borghesi (Oeuvr.

Vi fu dunque una volta un

nummus
:

ar-

II pag.

287) seguito dal

Mommsen
js

[H:de
il

la

m.

II p.

26

ed.

genteus colle divisioni della metà e del quarto

la serie è

Bl.)

che facevano di quattro scnipolì
11 1

denaro di Servio,

anonima,
tipo della
li

né finora vi ha riscontro di

nummi

denarii col

quasi ohe Varrone avesse scritto:

scrupulis (constans)

Gorgone che abbiano segui
i

o tipi al riverso, sia

come

maior

fuit

dice chiaro
piìi

che

quam nunc est, cum constai Iribus. Varrone quel nummo valeva quattro scrupoli di
ne
valeva tre;
e

hanno

nummi

dei

due X. Diremo noi che
il

questa

la

moneta coniata da Servio ? Se alcuno

dicesse

non

sa-

che

il

denaro dei tempi suoi, che

premmo ohe

opporre. Dimostrai tempo fa le origini etrusche

quattro più tre fanno sette.
Il

del re Servio Tullio, messe fuori di controversia dalla sco-

duca di Luynes videil vero senso {Le

nummus

de Ser.

perta

delle pitture

vulcenti. I fasti trionfali

e'

insegnano

Tullius,

1859

p. 6 ed. sep.), nel che fu poi seguito dal

Mom-

che egli fu di frequente in Etruria e la guerreggiò, e ne
ottenne non

msen
del

(op. cit. I pag.

243

nota),

nummus

di Servio. Il

ma non fu felice nella scelta Mommsen (loc. cit.) invece con-

meno

di tre trionfi negli anni 182, 186, 190.

Cicerone potè' quindi con verità scrivere che Servio vendicò

T.

LXXYIII

LATIUM,

EOMA

63

colla guerra le ingiurie degli Btrusclri: Eltuscoriim iniurias

dovesse valere trent'assi del peso librale.
avvide, che così
e il

Ma

egli

non

si

Mio

est V'Itus

(de rep. II
ai

e.

21), e Livio narra ohe Servio iu

ammetteva un rapporto incredibile
che uno

fra l'oro

mosse guerra

Veienti e ne mise
I,

rotta

uu

esercito

bronzo, stabilendo

scrupolo d' oro stesse in
si

sterminato (Liv.

42), fuso ingenti hostium exercitu.
le

Può

proporzione con 1800 scrupoli di bronzo che

hanno dalla

quindi

ben essere che per

spese

di

guerra abbia in
gli attribuisce.

somma

di sette assi librali e mezzo,
il

dopo di aver posto,
effettivo
dell' asse

Etruria battuto l'argento che l'antichità

quantunque erroneamente, che
era di gr.

peso

Eoma
asserii'e

intanto

non aveva propria zecca
si

e Livio potè'

240

(').
il

che l'anno 350 non

era ancora in questa città

A

sciogliere

nodo era

d'

uopo supporre che

1'

aureo

battuto argento (L. IV, 60): nonchim argcntum signalum
erof. nel che

fosse stato battuto allorché l'asse
fino a quasi un'oncia.
il

romano
tempo

erasi diminuito

pienamente sottoscriviamo

al parere del

barone

Ma

in tal

erasi

già emesso

d'Ailly (Beclìcrches sur la

monnaie romaine,

T. Ip. 160),

sesterzio e ragion vuole che le note di valore dell'aureo

col quale anche ci troviamo d'accordo per concedere a
la

Roma

si

riferiscano all'argento quando questo vi è
si

non

al bronzo.

propria monetazione di argento e di oro prima dell'epoca

Se

vuole adunque ritenere
al pari
dell' argento'
il

l'alta

età
il

dell'aureo e mettipo

indicata da Plinio. Il d'Ailly die' ragione ai

PP. Marchi

e

terlo

che porta

medesimo,

si

Tessieri sostenendo, appoggiato anche all'autorità del Borghesi, che la serie di

dovrà dire che

XXX

riguardi la minore unità d'argento,
col bifronte e
il

monete d'argento

e

di

bronzo colla

che é la metà del
'

nummus

Giove fulmi-

epigrafe

ROMA

e

ROMANO,
egli

le quali si vogliono

da

altri

nante in quadriga, non essendosi in quella età battuta ve-

battute nelle

zecche campane,
:

siano invece
si

state

emesse

runa frazione
minori unità

inferiore.
e

Così uno scrupolo d'oro varrà sette

dalle zecche del Lazio

pure

attiene al parere già

mezzo, cioè l'oro starà all'argento come uno

da

altri

emesso, che

i

bifronti d'argento col

Giove in qua-

scrupolo a ventidue e mezzo, essendo ciascuna minore unità
del peso di due scrupoli
;

driga e fulminante al riverso siano stati emessi dalla zecca
di

ovvero supponendo diminuito di
di fatti si trova per espe-

Koma

prima dell'epoca additata da Livio
eit.).

(Epìt.

15)

e

poco

il

peso del
starà

nummus, come
a venti.

seguita da Plinio (loc.

Le ragioni da

lui

allegate ci

rienza,

come uno

Si deduce quindi

che

il

paiono

solide e

specialmente notiamo

quella, che

deriva

numero

XXX
il

segnato sull'aureo
Borghesi, e

non vale trenta sesterzi
assi

dalle restituzioni di Traiano. Imperocché consta che Tra-

come pensa
librali,

non vale neppure trenta

iano restituì le monete della repubblica battute in
e

Eoma

:

ma

trenta minori unità del

nummus

argenteus

non avrebbe con esse riprodotto

il

bifronte

col Griove

diminuito (vedi appresso), che sono pari a trenta quinarii
primitivi della

fulminante al riverso, e solo esso, se non fosse stato certo

romana monetazione.
il

che quella moneta
coniata in
.

al pari delle altre

da lui riprodotte era

A
'della

parere del lodato barone d'Ailly
coi propri spezzati

denario e gli aurei

Eoma.

Il

peso primitivo
si

della sua unità

mag-

romani

furono emessi insieme al tempo
al

giore è di sei scrupoli che
poli 3 ciascuna (Tav.

divide in due
18, 22).
si

metà

di scru-

nuova monetazione assegnata da Plinio

485;

ma
si

LXXVIII,

egli stima che questa cominciasse ad emettersi quando

CoU'argeiito è d'uopo dire che

battesse anche l'oro:
i

crearono

i

triumviri monetali, che a detta di Sesto

Pom-

ma
tipi

noi non conosciamo di questo metallo che l'aureo,

cui

ponio furono instituiti insieme coi triumviri capitales (de
orig. iuris. leg. Il)
:

furono poi riprodotti

dallo zecchiero Ti.

Veturio nei

constituti

sunt eodem tempore

et

trium-

primi anni del secolo settimo di Eoma. Noi abbiamo anche
la

viri monctales aeris argenti auri flatores et triumviri capitales, qui carceris

sua metà in oro

e in elettro,

e lo

deduciamo dal peso,
otto

custodiam haberent; e

si

sa dalla Epi-

non portando segni di valore. La maggior unità pesa
scrupoli e la

trtmeXl di Livio che costoro furono creati nel 465: Triumviri
capitales tunc

metà ne pesa quattro. È però venuto
al

fuori
tipi

primum

creati sunt.

un esemplare, che

peso di scrupoli

quattro e ai
:

predetti congiimge singolarmente la nota di valore
è il

questo

numero XXX. Dal primo possessore che fu

il

negoil

Ma Pomponio assegnandole il 465 commette a giudizio del Mommsen (pag. 47) un errore manifesto. E quale ? Egli non lo ha detto, ma si può congetturare che sia di aver supposto
i

ziante Sibilio se ne diede tosto ragguaglio al Borghesi,

triumviri monetales prima che

si fosse stabilita la

quale vedendo che quel

nummo

pesava una sestula o sia

zecca sul

Campidoglio nel tempio della Griunone Moneta
essendosi

la sesta parte di un' oncia opinò che nel

numero

XXX

si

donde trassero la denominazione di monetales,

dovessero ravvisare trenta sesterzi! Egli però non s'avvide

quel tempio costruito quando erasi dichiarata la guerra a
Pirro e
ai

che facendo

il

valore di

quattro scrupoli

d'oro uguali a

Tarantini

:

ir

t'ìi

rtoòi lliSgov xcà

TaoavTtrovg

trenta sesterzi d'argento si abbassava di
dell'oro,

troppo

H

valore

un

cui scrupolo

si

pareggiava così a sette scrupoli

e mezzo, essendo noto che pochi anni dopo

uno scrupolo
egli
il

(')

n Mommsen

suppone che l'asse romano pesasse allora dieci once
J-

d'oro valeva venti sesterzi d'argento,

mentre
Il

faceva

e l'oncia fosse di

grammi 20
tale

Ma

l'esperimento

preso dal

barone d'Ailly

dimostra che gli

assi di allora

generalmente arrivano a grammi 312 pari ad
di fatti si raccoglie

valuto

prima

sette

sesterzi

e

mezzo.

Mommsen
il

andò

once 11 gr. 24.

Una

somma

da 288 scrupoli. Inoltre
si

iu altra sentenza: perocché

considerando che

sesterzio
in-

avverte che la maggior parte dei sestanti e delle once
di 12 once effettive.

riportano all'asse
alla

non precedeva l'epoca della nuova divisione del denaro
trodotto per legge del 485,

Tarrone ha pur detto che
r.

la

moneta anteriore
e.

prima

gnerra punica pesava 288 scrupoli {D.
scripula

Tust. L. I

stimò

che

il

numero trenta

288, quantum as antlquus noster

Jugermn habel ante bdium punicum pendebai.
10):

.

64

LATIUM,

KOMA

T.

LXXVIII

noXs'fKii

(Snid. v.

,itoi');T«).

A

noi non par strano che

Pom-

lore del bronzo l'unità
la

maggiore d'argento,

la sua

metà

è

ponio possa aver nominati monetales questi triumviri col

quarta parte. L'oro fu egualmente diviso in tre frazioni
scrupoli

nome divenuto
creato

dipoi solenne, e niente
tre, coll'antico

osta,

che sia stato
di

da tre

ad uno,

di
i

modo che
due terzi 2

la

maggiore unità

un

collegio di

nome

collegium

pesasse soli tre scrupoli,

e l'un terzo 1, va-

aerarioruin
il

fabrum

di

numero non
che

definito per legge.
si

Mommsen

trova improbabile

battesse

in

Ne Koma

lendo ogni scrupolo 20 sesterzii di argento. Queste porzioni
dell'argento e quelle dell'oro portarono
dell'un tà maggiore;
il
i

il

tipo

medesimo

l'argento

prima dell'epoca pliniana

al

tempo della guerra

segni numerici per l'argento furono
il

di Pirro (p.
l'atelier

30): « Rien ne prouve que l'établissement de dei

X,

il

V, e

il

US

;

per l'oro

LX,
al

il

XXXX,

il

XX.

Ma

monetane

Romains dans

le

tempie de Junon mo-

quanto alla proporzione dell'argento
si

bronzo, questa,
si

come

neta ne coincide pas avec l'epoque de la guerre de Pyrrhus
et

è di sopra notato,

sarebbe incredibile, se non sappiamo,

dovesse

par conséquent avec l'émission de

la

mannaie d^argent

»

supporre,

ciò che
il

altronde

essersi con

questa

Egli è certo che prima della nuova creazione la moneta
d'argento e di bronzo erasi diminuita
di valore effettivo,
,

legge abbassato
il

valore reale dell'asse, onde avvenne che
alle

sesterzio

non stesse

due libbre

e

mezzo

di peso ef-

l'asse semissale era calato a quadrantario sei scrupoli era disceso a quattro.

il

bifronte dai
le

fettivo,

cioè a gr. 830, posto l'asse di gr.

336 della libbra

Noi ne abbiamo
:

prore

effettiva,

ma

a gr.

224

dell'asse quadrantario o piuttosto a

in quanto alla diminuzione del

bronzo

un' oncia ribattuta

gr.

280

dell'asse trientale.

sopra una moneta di Gerone II (Tav.
op.
cit.
i.

LXXIX,

35; d'Ailly

II p. 135) del peso di gr. 5, 61, 22, la quale
il

E possiamo aggiungere, che quando il valore del nummus si abbassò a 4 scrupoli gli si aggiunse una minore
unità, della quale

non può antecedere
gnare, né

478, quando G-erone cominciò a real

abbiamo due esemplari l'uno nella

col-

può essere posteriore

485, allorché l'asse era

lezione Priedlaender di peso ignoto, l'altro nel

Museo- di
gr. 0,96:
il

disceso al peso di due once e si diceva sestantario. D'al-

Napoli nella collezione Santangelo del peso di
suo tipo è
l'altro
il

tronde sono notissimi nei
semisse
e

musei
di

gli assi del

peso

di

un

bifronte da

un

lato e

un

cavallo sfrenato dal-

di

un quadrante;

che rendono

piena ed au-

colla epigrafe
si

ROMA.
del

tentica testimonianza le diligentissime ricerche del eh. ba-

Donde anche

deduce che era impossibile l'esistenza

rone d'Ailly

(v.

voi. I pag. 47,

48

e

155).
il

del sesterzio prima

465
il

o

del 485.

Noi abbiamo

di

In quanto al

nummus

argenteus col bifronte e
il

Giove

fatti

veduto che l'argento,

bronzo

e l'oro altrimenti si

fulminante in quadriga ecco
dal prelodato d'Ailly (op.

risultato degli studi fattivi

corrispondevano, allorquando era coniato un

nummo

d'ar-

cit.

pag. 159).

Il

suo peso mas-

gento del peso di sei scrupoli

e

la sua

metà

di scrupoli tre.

simo, però eccessivo per esuberanza di metallo (pag. 180),
é di gr. 8,03,
colla
il

Se l'oro fosse stato battuto la prima volta 62 anni dopo
dell'argento,

minimo

è di gr. 4,27. Egli

ne ha pesato 99

come

dice Plinio, non gli corrisponderebbero

leggenda
i

ROMA

ineusa,

56

colla leggenda in rilievo ed
gr. 5,70:

che gii assi

ridotti al peso effettivo di

un' oncia.
il

Or noi

ha notato che
e

primi variano di peso da gr. 6,77 a
stanno
tra
i

abbiamo aurei che portano per simbolo
il

ferro di lancia
si

che

i

secondi

gr.

6,82

e

4,27.

La mia

bastone nodoso,
assi

il

pentagono, l'ancora, e però
sestantarii

corri-

privata collezione ne novera dodici e di questi sei con leg-

spondono cogli
detti.

impressi coi

simboli pre-

genda ineusa

e

altrettanti con
i

leggenda in

rilievo.

Lo scan-

Adunque

l'oro
il

non

si

cominciò a battere dal 547, e
dell'asse onciale

daglio fattone conferma
sì gli

dati del d'Ailly, in

quanto che

viceversa dopo
piti

537 epoca

non

si
i

ebbero
simboli

uni come gli altri non vanno al di sopra di gr. 6,60:

aurei,

non trovandosene alcuno che ripeta

ve n'è anche rmo con epigrafe iuousa (Tav. LXXVIII, 21)
che pesa
gr.

impressi su quegli assi onciali, o denari di 84 alla libbra.

4,30 poco più di quello di

gr.

4,27 con leg-

Per
battono

tutto ciò siamo certi ohe

i

magistrati romani che
i

genda in
si

rilievo pesato dal d'Ailly. Dalla quale esperienza

moneta non cominciano

ad imprimere

simboli

può dedurre che

gi'incusi o
il

non hanno precedenza

di

verso l'anno 553 ossia verso la fine della seconda guerra punica,

tempo come ha opinato
ovvero, che non
si
;

d'Ailly, sugli inscritti in rilievo,

come ha

stabilito
e

il

Mommsen
in

p.

43; anzi
si
il

è di-

è cessato di coniarne anche
lo

quando

il

mostralo che e simboli
nell'epoca
col

nomi

monogramma

hanno
denario

peso era diminuito

che

si

dimostra vero anche per altro
si

dell'asse sestantario.

Siane esempio

argomento. Nel tesoretto di
tipo dei Dioscori e
l'

Mas era

trova

un denario

col

monogramma

A/ e quello con A'E e con
l-

PX

,

e quei

ohe

insegna dell' àncora orizzontale (Tav.

portano una delle lettere Q, V,
di peso

acuto, per ometterne altri

LXXVIII, 25)
ineusa
;

ribattuto sopra
e di

un bifronte con
buono
stile
;

la

leggenda

non ancora accertato. Sappiamo anche che Plinio
il

è

ben conservato

il

suo peso è

confuse

tipo primitivo del

nummus

denarius con

la

mo-

di gr. 4,90. I denari coi Dioscori e senza simboli di questo

netazione iniziata al 485, se scrisse che nota argenti fueri'
bigae atque quadrigae.

ripostino non superano di peso

i

gr.

4,40

:

dei 75 che hanno

Le

quadriglie su questi denari fu-

simboli, nessuno eccede

il

predetto peso di 4,40.

rono impresse verso la fine del secolo
la

VI

e le

bighe con

Colla legge del 485 fu determinato che da una libbra
di argento si tagliassero

Diana anche dopo.
tipo, fino

I denari

romani dal 485 in poi ebi

72 denari

e

però che
si

il

denaro

il

bero per
e così
i

ad un certo tempo costante,
i

dioscori,

quale risultava del peso di 4 scrupoli
narii e sesterzi!
:

divideva in qui-

quinarii, e
i

sesterzii.
si

così

denominando dal corrispondente va-

Perocché

primi denarii

tagliarono a 72 per libbra.

T.

LXXIX

LATIUM,

ROMA

65

come

si

è detto, e però pesarono gr. 4,50; che poscia siansi

driga è volta a sinistra: quello di
11

mia

collezione pesa gr. 3,20.
se ne

diminuiti a gr.

3,86

il

proviamo dal

fatto,

concliiudendo

n.

23

è

un bronzo

inargentato.

Di questo metallo

che se ne spezzavano perciò 84 da ciascuna libbra. Questa

trovano in certo numero e anche senza traccia di argento,
di tal che di
si

diminuzione avvenne con ogni probabilità nel 537 quando
l'asse fu ridotto

è

creduto
tipi.

che

si

fosse battuta

una moneta

ad un' oncia (d'Ailly, T. Il parte I

p.

114).

rame con questi

Si è cominciato a dubitare della origine del vittoriato
stabilita dal

24. Coli. Santangelo. Bifronte.
sotto

lì.

Cavallo galoppante a destra:

Borghesi

al

527 dopo

il

trionfo sull'Illirico.

ROMA

del peso di gr. 0,96.

È

quindi una hecte la

Questa regione batteva
siglia: sicché
il

la

dramma; non

altrimenti che

Mar-

cui unità maggiore avrebbe da unire al tipo del bifronte
(nn.

vittoriato corrispondendo di peso alla

dramma

14-23) quello del cavallo libero, che

si

ha nei

nummi
nel

deve essere slato consigliato dal bisogno del commercio coi
popoli confinanti dei due mari
l

della Tav.

LXXVII,
coli,

4-8.

il

Mediterraneo e l'Adriatico,
il

25.

Nella mia

dal

deposito di Maserà ora passato

due depositi quello

di Eiccia e

più recente di Maserà
si

Museo

di Napoli.

Testa di

Eoma

con elmo alato

e

a testa

ci

hanno dimostrato, che quantimque
col vittoriato
il

fosse introdotto dai

di grifo, con

pendenti e collana: dietro la nota X. R. I due

Eomani
si

denaro
il

e le

sue frazioni, nondimeno
del vittoriato, sicché
il

Dioscori con le lance
destra
:

impugnate correnti a cavallo verso

preferì in quei luoghi
vi

comodo uso

di sotto vm' àncora, nell'esergo

ROAAA. Moneta
tipo

ri-

denaro

aveva poco o niun corso. Le monete dei primi 100

battuta sopra

un nummo che aveva un

il

del bifronte,

armi sono state trovate in questi tesoretti o conservate o

del quale rimane

sicuro vestigio nel taglio e contorno

ruspe mentre

i

vittoriati sono logori al

maggior segno. In

del collo sul riverso, e al dritto resta la

metà

della epiIl

Ispagna

e forse

anche in Italia

si

coniò
il

un doppio
primitivo

vitto-

grafe

ROMA

incisa in incavo misto e retrograda.
è di gr. 4,90. Il

peso

riato che pesa 6 scrupoli, quanto cioè
ìiìus

numbat-

di questo

denaro

barone d'Ailly ha pesato

argenlcus di Roma.

Il

vittoriato é stato

impresso a
si è

29 esemplari con
maggior peso è

la leggenda in incavo ed
gr. 6,

ha notato che
gr.

il

Corfìi conquistata dai

Eomani

nell'anno 525, e vi

di

77,

il

minore di

5,70.

Ha

tuto anche

il

quinario.
le "prime emissioni di vittoriati fossero

pesato anche 56 esemplari colla leggenda in rilievo e scrive

Pare certo che

che vanno da gr. 6,82 a 4,27 (Recherches voi. I p.
160).

159,

fatte a scopo di provvedere in

modo

speciale e abbondan-

Un mio

esemplare

(u.

21) con leggenda in incavo

temente

di tale

moneta coloro che commerciavano immei

pesa gr. 4,30, come ho già notato nella dissertazione pre-

diatamente coi popoli dei due mari, presso

quali era in

messa,

la quale

gioverà di leggere a schiarimento
e descritte in

delle

voga la dramma.
testi vittoriati

E

si

conferma considerando che con costati trovati quinarii
soli,

monete che ho distribuite
descriverò nella seguente.

questa Tavola e

non sono

né sesterzii,
in-

ma
14.

sono stati trovati
soli denarii.

come a Taranto, ovvero

Nella qual dissertazione non trovo nulla da cambiare

sieme coi

dopo di aver letta

la

nuova distribuzione che se ne è pro-

Nel Museo
/?.

di Marsiglia. Bifronte

imberbe coronato
l'

di laurea.

posta dal

De

Petra. Qualche lieve differenza nelle

somme
la tu-

Due uomini armati

di

lancia e di spada

uno senza

parziali degli

esemplari, se vi

è,

può spiegarsi per
e vittoriati

barba e in corazza,

l'altro

barbato e in corta tunica feri-

multuaria aggiunta di quei denari
rimessi da Maserà

che vennero
il

scono colla punta dei loro pugnali una porchetta tenuta sulle
braccia da

quando

si

volle che

fosse

tesoretto

un ministro cho ha piegato un ginocchio
ciò

e

guarda

materialmente intero.

l'uomo che è a destra, significando con
parla
:

che è colui che

nell'esergo
si

ROMA. Ho

prescelto questo esemplare fra
Ta^'.

quei che

trovano nei musei in memoria dell'amie 1854 nel

LXXIX.
l

quale cominciai da Marsiglia lo spoglio dei musei numismatici

1-4.

nn.

1,

3,

4 sono dal Kircheriano;
pi.

il

n.

2 è dal Blacas

di Francia. Il suo
tipi

peso è di gr. 6,72 cioè di 6 scrupoli.

(H. de la
è di

monn. IV
e

XXIII, 11).

Il

peso di questi aurei
3,36;

15.

Nel Kireh. I
dente.

sono quei medesimi che nell'aureo prececioè 3 scrupoli.
I tipi sono
gli stessi dei

due

di

uno scrupolo,

cioè \^X di gr.
Il

XXXX

Pesa

gr. 3,36

di gr.

2,24 e

XX

di gr.

1,12.

n.
si

2 porta per insegna

16.

Nel Museo Vaticano.

due am-ei

una clava, o bastone nodoso, che
sui vittoriati e sull'asse che
è

trova anche sui denari,
alla cui

precedenti, se non che sotto al collo del bifronte è segnata
la nota del valore

sestantario,

epoca

XXX. Pesa

gr.

4,46 cioè

4

scrupoli

meno

debbono assegnarsi, mentre
dimostrano
il

gli assi sestantarii cessati nel

537

due centigr.
17.

limite estremo di emissione.

Nel Kirch. Bifronte come nei numeri precedenti.

B.

Giove ful-

5.

Dal deposito
lana

di

Maserà. Testa di donna con pendenti
alata: dietro X.
R. I

e colri

minante in rapida quadriga. Elettro delpeso di gr. 2,60 a 3,20.
18-23. I tipi di questa serie fino al
nell'elettro del n.
n.

coperta di galea

due diosco
:

23 sono
R.

gli stessi

che

con lancia abbassata corrono cavalcando a destra

di sotto

17. Bifronte imberbe.

Giove fulmisi

ROMA

di rilievo sopra fondo incavato.

Pesa

gr. 4,30.

Questa

nante in quadriga guidata dalla Vittoria. Nel n. 18 solo

maniera di conio che consta insieme del rilievo
cavo e la

e dell'in-

vede aggiimta una spiga di grano
grafe

al tipo del riverso

;

l'epi-

diremo per

ciò

forma mista,

è stata avvertita
pi.

ROMA
il

è in incavo

nei nn. 19, 21.

Nel

n.

22 che

anche dal barone D'Ailly (V. Recherches
6-8. Denaro

XLIV,

4).

rappresenta

quinario o mezzo denaro primitivo la qua-

quinario e sesterzio primitivo del peso di quattro,

66

LATIUM,

KOMA

T.

LXXIX

due

e

uno scrupolo,

colle note del valore X, V, US e l'epi-

melli a pie' di

un albero

sul quale si è posato

un uccello
i

grafe
9,

ROAAA.
di

mentre
ilaserh, è tratto
il
il

il

pastore Paustolo

guarda con stupore

gemelli

10.

Dal deposito
n.

vittoriato ohe dò qui

alle
il

poppe della lupa:

in altri esemplari si legge accanto
è

inciso,

8

;

ma

semi-vittoriato n.

9

l'

ho preso dal

nome FOSTLVS che qui

uscito di conio,

il

nome

del

duca di Blacas. In ambedue manca
trofeo
la

la cifra S a destra del

magistrato monetale

è Secctiis

Pompenos che
e nel n.

vi si è e.-presso

quale in due esemplari
(Decad.

del Borghesi
t.

appariva

nel n. 17 colle lettere SEX.

POM
si

20 con erronea
Questa sigla

evidentissima
Il

XVII

;

Oeuvr.

II pag.

295

):

metatesi SEX-

PMO.

Neil' esergo è

ROAAA.

peso di cotesti due esemplari era di
li

grammi

1,44, 1,48.

POAA

è

ora la prima volta che

legge sull'argento. Brasi

Ora non

trovo

nel catalogo che di questa insigne colin

stabilita in fatti questa differenza fra la
di questo

moneta
che

di bronzo
il

lezione borghesiana si è stampato

Eoma 1881
altrove.

;

ne alla

magistrato e

quella di argento:
1'

bronzo

pag. 112, dove erano da cercarsi, uè

leggeva sempre POW\ e
questa differenza non
si

argento invece sempre
i

PO.

Or

11. Il Blacas ne ebbe l'impronta dal sig. Zobel di Zangroniz,
e lo die' inciso.

sosterrà più per

due esemplari

Dopino

vittoriato del peso

di gr.

6,37.

del deposito di Maserà, che ci danno sull'argento

una volta

12.

Dal Blacas

(ft,

IV

pag. 28 pi.

XXXIII,

4),

comunicatogli
è

POAA

e un' altra
si

per errore

PMO. Al

Cavedoni v enne in

dallo Zobel:

vittoriato nel quale la

leggenda

incusa, di

mente che

potessero attribuire queste

monete
p.

alla fa;

che se ne conoscono tre esemplari del peso di gr. 2,99;
3,11; 8,47.
13. Nella coli. mia. Testa di Apollo

miglia Pomponia o Pompilia [Saggio d'osserv.
p.

17
si

Appena.
dimostra

147)

ma

il

Borghesi rifiutata

la

Pompilia

a destra. Pezzo ribattuto
ri-

convinto che sia la Pompeia, e assegna questo Sexto che

sopra

il

tipo

di

una testa coperta di elmo del quale
R. Vittoria che incorona

crede figlio di

un Pompeio

bisavolo di

Pompeio Magno

alla

mangono

le vestigia.

un

trofeo:

prima metà del secolo VII [Oeuvr.
alla legge Petronia.

II pag.

129 segg.) avanti

nell'esergo

ROMA

;

nel

campo

L.

Nel 650

il

vittoriato si

uguagliò al quinario, che portò per tipo la testa di Giove
ovvero come qui
riverso.
di

21.

Dal deposito

di

Maserà.

Il

monetiere Veturio
dritto e nel riverso

adottò per

Apollo sul dritto, e

la Vittoria

sul

proprio tipo un Marte nel
di feda'azione ohe

quel tipo
primitivi.

A

darne un esempio ho prescelto questo mio,nummo,

abbiamo osservato negli aurei

perchè

il

d'Ailly non s'imbatte' mai, nella serie dei vittoriati

Dicono che

il

facesse in

memoria
consolato

del suo antenato T.
(a.
il

Vee ai

distinti

con lettere monetali, in veruno che portasse un L.
è di

turio Calvino,

nel cui

420) ai Sanniti

Questa lettera poi

forma normale quadrata; perchè

tale

Campani fu accordato
suffragio (Veli. 1, 14):

colla pace

dritto della città sine
est civitas

paleografia si usava in questo secolo settimo di

Eoma.
i

Campanis data

partique

14-16. Al tipo costante dei Diosoori succedettero nei denari
tre tipi che

Samniliurn sine suffragio; ovvero per
coi Sanniti alle
hilis

la

pace

conchiusa
1)
:

ho espressi

qui, la

luna in biga in atto di

Porche Caudine nel 333 (Liv. IX,

nu-

guidare

soltanto, poi, n. 15, in atto di

maneggiare

la frusta:

clade romiina

Caudina pax

(cf.

H. de la rnonn. ed.

in terzo luogo, n.
ria

16, dove alla luna è sostituita la Vittoi

Blac. II p. 806). Il nostro denaro ci toglie dall'incertezza
in che ne lascia la descrizione se la testa sia di

in atto di sferzare

cavalli che

guida.

mommseniana, dubitando

egli

17.

Un

quarto tipo succeduto a quello della luna fu la Diana in biga

Marte giovane ovvero della dea Eoma.
fior di
si

di cervi colla faretra alle spalle e

una

fiaccola accesa nella
l'astro falcato.

L'accenno delle basette in cotesto
dubitato, che è un Marte. fronto di

conio mostra in-

destra.

Nel basso

v'è per insegua

monetale

E

tanto ci

conferma dal conMarsica

18. In quell'epoca, che diciamo dei segni monetali anteriori alle
iniziali dei

questo

nummo
il

con altro

della guerra

nomi

del magistrato, venne

l'

idea del denaro

(Tav. CXI, 21), che

Cavedoni stima

sia stato dagli Italici

a contorno dentato. Il magistrato che l'emise vi pose per

copiato (ad Carell. tab.

CCII

n.

26), dove la guancia del

insegna una ruota a sei razzi.

Marte

è tutta

fiorita.

È

da notare

che qui

i

due guer-

Non

è

né può essere nostro pensiero di inchiudere nella
i

rieri del riverso

sono in punta d'armi, laddove nell'aureo

nostra raccolta

tipi

delle

monete

introdottivi dai magi-

colui che indossa la corazza ha in

mano una

corta lancia

strati ai quali era

commesso

di batter

moneta. La
si

è questa

rovescia e nella

sinistra la guaina colla
egli si

clamide o palu-

una branca

di

numismatica che per uso

tratta separa-

damento: qui invece
la
si

appoggia alla lancia e porta

tamente. Nondimeno dopo gli esempi dei tipi introdotti suc-

guaina del parazonio a tracolla. Porse col tipo dell'aureo
volle

cessivamente dalla repubblica ho voluto dare un qualche
saggio dei tipi triumvirali e a tal fine ho prescelto
i

esprimere una federazione per la quale
la cittadinanza
:

si

accordò

primi

ai

Campani

e nel

denaro di Tiberio Vetu-

quattro

denari

(nn.

19-22), e se ne vedrà

il

perchè nelle

rio si è inteso invece di

esprimere la pace caudina avve-

note seguenti.
19. 20. Testa galeata di

nuta stando ambedue

i

popoli sotto le armi.

Eoma,

dietro la nuca
sacrifizi,

un vaso ad im

22.

Dal deposito

di Maserà.

È

il

riverso di

un denaro

di P. Cal-

manico creduto orciuolo dei

ma

dichiarato dal Bor-

purnio, che nel dritto porta la testa di

Eoma

e dietro alla

ghesi {Oeuvres,Y, 130) per la mulctra o vaso da
il

mungere

nuca

la

nota

del valore X. I

numismatici non san dire
coronata

latte.

Donde acutamente

il

Borghesi arguisce che Fosthis
della
i

quale divinità sia quella
dalla Vittoria.

che va in biga e vi è

sia piuttosto

cognome del Sesto Pompeio autore
R.

me-

Pure
dei

si

ha da considerare quell'astro ad otto
porta impresso
sul fianco.
Il

daglia che del pastore.

La lupa che

allatta

due ge-

raggi

che

un

cavalli

T.

LXXX

LATIUM,

EOMA

67

Mommsen,
IV

il

De Witte

e

il

Blacas

[fi.

de in monn.

II,

betto segno dell'oncia. Pesa gr. 6,70. Il lodalo sig. d'AiUy
se ne giova a dimostrare che questa oncia non
si

pag. 41) lo

hanno creduto ed espresso qual nota del

sarebbe
al

denaro, e dicono perciò che questa nota
volte, dietro la testa di

X

vi si trova

due

potuta coniare prima del regno di Gerone, che esordi né dopo
il

478

Koma

e sul fianco del cavallo.

Ma

486 epoca
il

dell'asse sestantario che ridusse alla

da quando in qua

si

sono avute note di denari ad otto raggi?

quarta parte

peso dell'asse.

A

ragione quindi

si

deduce

Inoltre appare ben chiaro

un globo nel centro:
prenda per

le

quali

che vi fu in tal tempo una diminuzione dell'asse trientale a
quadrantario o sia di tre once.

due
lore.

pai-ticolarit^ vietano che si

X

nota di va-

Esso

è

dunque un

astro,

che definiremo con tutta

26-33. Nella, coli. mia. Bifronte barbato e coronato: di sopra,
il

verosimiglianza pel pianeta della dea Venere, che va in
biga. Il trovarsi poi sul fianco del cavallo

segno della libbra, R. Prora di nave a

d.,

di sopra

ramo
non

ha buon risconpiìi volte

di lauro, di sotto

ROMA. La

serie dell'asse sestantario

tro nelle

monete

di Napoli,

dove vi

si

vede

un
14,

ha in prima verun segno
cominciano
i

oltre ai tipi della repubblica; indi
si

astro sul fianco del bue

androprosopo (Tav.

IXXIX,

magistrati ad apporvi alcun segno, poi
i

passa

LXXXIII,

1).

A

questa dea infatti sta bene la ricca treccia

ad inscrivervi

nomi

abbreviati.

Ho

qui omesso

il

semplice

di capelli che le scende sulle spalle, cosa notata

anche dal

asse e sostituito l'asse parimente sestantario che porta per

Borghesi {Oeuvres
che fosse Venere,
nata dalla Vittoria
e

I,

p. 141).

Questi però non ha creduto

segno un ramo di lauro, per dare così insieme \m saggio
di quelle serie

ma
si

che con quella donna in biga coroalludesse ad un
trionfo marittimo
il
:

che portano

i

segni. I tipi in

questa età
1'

mai

variati del

bronzo romano sono questi: dopo
il

asse
e al

di questa

sua spiegazione allegò per tutta prova
questo
delfino del Borghesi
è forse

del-

descritto

avanti;

semisse
la

(n.

27)
della
il

testa

di

Giove

fino.

Pertanto

non

si

è

mai

riverso costantemente

prora

nave volta a
(n.

d.

;

il

veduto su questi denari, se non
cavalli

che la coda di imo dei

triente (n. 28) testa di Minerva;
di Ercole

quadrante

29) testa

ha potuto sembrare un

delfino. Il

Publio Calpurnio
il

imberbe;

il

sestante (n. 30) testa di Mercurio;

non

ci è

noto: può pertanto proporsi per congettura

P. Cal-

l'oncia (n. 81) testa di

Eoma

galeata: l'epigrafe è
(n.

ROMA

purnio Lanario che viveva nella seconda metà del secolo
settimo, perchè nel ripostiglio di

con l'A ovvero A, ovvero A. La mezz'oncia

32) senza

Maserà nascosto certa-

veruna nota; ovvero con la nota della semoncia, che nell'esemplare del
cente

mente prima del 630
tutti ruspi.
pili

se ne sono trovati otto esemplari e
si

Museo Vaticano da me
p-)

inciso (n. 33) è gia-

A

ragione dunque gli

è

assegnata un'epoca
la sopraintendenza

boccone

a guisa di un
in

i»,

ma

talvolta è quasi
al

antica, nella quale potè esercitare

verticale

3

come

un sestante appartenente

sistema

della zecca solita darsi ai giovani sui primordi della loro

semissale, del peso di gr. 23,00 privo dei due globetti che

carriera politica.
2:3.

ho nella mia collezione. La sua origine
Maserà. Testa di

è di certo il

S

Dal deposito
alato
:

di

Eoma

coperta

di

elmo

greco,

del

quale

si

servono

anche

gli altri popoli italici
5,

dietro la cui

nuca

è

un' urna senza

manico con coil

a distinzione del segno del semisse S,

che sogliono notare

perchio terminato a cono dalla cui cima penzola
del nastro

fiocco

con un

s latino a linea curva od angolare.

che

serve a sollevarlo.

R.

Donna

iu,

quadriga

veloce con in

mano

un'asta che ostenta

eolla d.
;

un

pileo

conico

privo

di gronda.

Nel basso

C*

CASSI

nell' esergo

Tav.
1.

LXXX.
rimangono
toposta
le tracce sicure nella prora colla epigrafe sote nella S

ROMA.
24. Nella coli. mia. Testa di donna coronata con segno di con-

Presso Depoletti. Moneta ribattuta sopra un semisse del quale

tromarca sul volto: a sinistra

si

legge

LIBERT, a destra

ROM

nota
d.

di valore.

Testa di Minerva
d.

Q. CASSIVS.

R.

n

tempio perittero di Vesta, con dentro
sin.

con elmo corinzio volta a
delfino in rilievo presso
le
il

R.

Prora volta a

con un

una sedia curale: nel campo a
una tavoletta
colle lettere

una

sitella,

a

destra

rostro; di

sotto vi si leggono
1

A C

(Absolvo,

Condemno).
contromarca

due prime lettere

di

ROMA,

di sopra è la nota,

1,

del

Questa moneta oltre

alla singolarità della

valore.
Il

Fu

dunque, da semisse che era, battuto per dupondio

che nelle monete dei Cassii non ha
stata da

finora altro

esempio

è

suo peso è di gr. 39,15. Il

Mommsen
monn.

{Rull. Inst.

1862

me

qui incisa pel confronto della moneta n. 23,

p.

49) lo assegnò all'epoca dell'asse onciale (debole o forse
H. de la

la cui spiegazione

ho data nel Periodico dello Strozzi

e

alla serie semonciale,

T. Il p.

215

n.

1),

nella Civ. Cattolica, dove dimostro che C. Cassio nel tipo
n. 23 vanta la legge tabellaria proposta dal padre suo re-

e

soggiunge: La moneta non

è certamente

un

triente ri-

fatto,

perocché
il

i

trienti coniati più

pesanti sorpassano di

lativa alla libertà del suffragio nei

comizii

,

e Q.

Cassio

poco
la

peso di

grammi

20.

Non

si

avvide egli dunque che
il

col tipo
fa

del n.

24 mentre ricorda questa medesima legge
del

moneta era prima un semisse. Dopo
il

Mommsen

l'ha

pompa insieme
il

celebre

giudizio delle Vestali che

pubblicato

d'Ailly

il

quale pensa che sia battuto sopra

rese famoso

suo antenato.
t.

un
I pi.

asse sestantario (Recherches,T. II p. 131). Si vede poi

25. Nella coli, del bar. d'AiUy {Recherc.hes,

XLI,

8).

riprodotto dal Blacas {H. de la
pag. 24);

monn.

voi.

IV

tav.

XVI, 3

Testa di
R.

Koma

doppiamente impressa per sbalzo di conio.
il

ma

ancor questa volta vi è omesso ogni indizio

Prora di nave battuta sopra

tipo del tridente che suole
II: di sotto

del semisse anteriore.

A

riscontro di cotesto bronzo ho in

vedersi nelle monete di Gerone

vi è

il

glo-

questa tavola medesima stampato al n. 25 un altro semisse
9

68

LATIUM, KOMA.

T.

LXXX

il

cui peso è di gr. 47,00.

Ambedue dunque appartengono
il

10. Testa giovanile galeata.

/?.

ROMA

(id.

LXV,
R.

20).

ad un

asse quadrautario, e
l'asse era onciale.

dupondio potè' essere battuto

11. Testa giovanile coperta di pileo frigio.

Prora di nave,

quando
2, 3.
i

ROMA
12. Testa
(id.

(id.

LXV,

15).
di

Do

qui

per saggio delle diminuzioni onciali e semonciali
2, 3, e

radiata

del sole. R. Prora

nave

e

sotto

ROMA
teste.

due

assi nn.

di

questi

1'

uno semplice

1'

altro

LXV,

16).

con emblema della Vittoria che corona un ferro di lancia.
4.
Il

13. Bifronte barbato colla nota della libra in
R. Vittoria

cima

alle

due

semisse di questo numero pesa gr. 3. l'ho prescelto perchè
ignoto al d'Ailly. Esso appartiene alla serie dell'asse
di-

con corona volta a d.

(id.

LVI, 111).
(id.

14. Bifronte laurealo. R. Cornucopia e a d.
15. Testa di

ROMA
(id.

LXXVIl,

4).

minuito ad un quarto
valore, Semis, ripetuto
è

di oncia.

Porta oltre alla nota del

donna con sparsi capelli

alla cervice, dietro glo-

un

altro S sulle

due

facce, che

non

betto.

R.

Due

cornucopie e

ROMA
alato.

LXXVIl,

8).

altro se
il

non un segno distintivo dei conii preso

dall'al-

16. Testa di
e

Mercurio col petaso
(id.

R.

Doppio cornucopia

fabeto,

qual costume ha volgari esempi nelle monete di

ROMA

LXXVI,

8)

famiglie,
tici

ma non
nomi

è

finora

concorde l'opinione dei numismasono da tenersi per

17. Testa giovanile nuda. R.

Cornucopia

e

ROMA

(id.

LXXVIl,

1).

intorno al quando queste lettere
di città e

18. Bifronte barbato in cerchio di perle. R. Vittoria che corona

iniziali dei

quando debbono reputarsi segni
dirsi però

un

trofeo (id. LVII, 10).

dei fabbricanti dei conii.
le

Può

generalmente che
o delle città o dei
le

19. Testa barbata e laureata simile a Lucio Vero. R.
allatta
(id.
i

Lupa che

lettere siano iniziali dei

nomi propri

due gemelli a
17).

pie' di

una palma, nell'esergo

ROMA
13).

magistrati in tutte quelle classi di

monete

cui zecche

LXV,

non

le

adoperarono per distinzioni di conii o delle autorità

20. Testa giovanile diademata.

R.

Prora

di

nave

(id.

LIV,

che le

hanno emesse.
serie di piccolissimi bronzi che portano

21. Paustolo appoggiato al bastone solleva la destra. R.

La lupa

Segue ora una
con
tipi svariati il

che allatta

i

gemelli a pie'

di

una palma.

È

nella collezione

comun

delle volte lo stesso
7,
il

nome ROMA

;

mia che

il

rinvenni negli scavi di vigna Velluti in Palestrina.
R.

tutti

di peso inferiore

ai gr.

qual peso fu stabilito

22. Bifronte barbato.

Ercole stante che soffoca

il

leone.

Da

dal bar. d' Ailly

come ultimo

limite di diminuzione del-

un mio calco preso forse nel Museo di Vienna.
23. Al bar. d'Ailly parve inesplicabile questo asse coi tipi ro-

l'asse semonciale. Egli però crede che cotesti bronzi siano
stati

battuti al
il

714 quando cessò

l'asse
si

semonciale, per
sostiene.

mani

e

con un nome greco

letto

da lui per metà -VCOC

tutto

715.

Ma
di

questa opinione non

Noi ab-

(Tav. CXIII, 13).

È

della serie onciale pesando gr. 17,34.

biamo a modo
ha per

esempio

al nostro n.

15 un bronzo che
e al riverso

Corfù potrebbe esserne la patria; perciocché nella sua monetazione
Il
si

tipo sul dritto la testa di

donna galeata
il

serve dei tipi della mezza nave e del bifronte.

un doppio

cornucopia. L'ha pubblicato

PioreUi (Mon. ined.

nome
I

è

per

me

quello del magistrato locale.
a proprio conto in

Tav. I n. 4) fra le monete urbiche della

Campania opiil

Komani batterono monete
lasciando ad

Lucerà

nando che probabilmente
secolo di
di peso
n.
n.
'

sia stato battuto verso

quarto

e in Canosa,

ambedue queste

città di apporvi
C,

Koma,

forse in Napoli che emise

un

piccolo bronzo

col

nome ROMA anche

l'iniziale

U

e

KA, ovvero

ovvero CA.

uguale col cornucopia nel riverso

(v. la

T.

LXXXVI
p.

Ciò ò dimostrato dalla provenienza di cotesto monete fre-

10). Il

Cohen

Mécl.

consul. pi.

LXXI

n.

16

348

quenti nella campagna di Lucerà

e

di

Canosa. Vi è però

40)

e il d'Ailly (pi.

LXXVIl,

8) dietro la testa del loro

una
e
si

serie ohe alle lettere predette sostituisce
e

P

ovvero un
il

T

esemplare vi hanno veduto ed espresso un globetto, qual
segno
di valore.

questo or solo ora congiunto con un U

così

P che

Se

è così,
il

non

si

potrà questo

bronzo

vede una volta insieme con un S su di un bronzo coi

annoverare fra quei che

d'Ailly

crede appartenere alla

tipi del sestante

romano; Di queste diremo

poi.

Ora

ci trat-

riduzione dell'asse al quarto di oncia.

E
i

neppur vediamo
che

tiene la serie lucerina.

come

si

possano ridurre a questa classe quei pezzi
6, 7,

24. 25.

Abbiamo veduto

nella serie delle

monete fuse

di

Lucerà

portano la nota S (nn.
(n. 9).

8) ovvero

tre globetti

« ««

coi tipi

romani ancora un asse ed un semisse

'del sistema

Intanto ne daremo la descrizione:

quadrautario; or qui abbiamo posto in primo luogo un se-

5.

Bifronte barbato. R. Prora di nave,

AMOJI

(d'Ailly,

LXII,

5).

stante

romano
(u.

insignito della

U

iniziale di

Lucerà che pesa
dell' asse

6.

Bifronte
(id.

barbato. R. Prora di
7).
R.

nave

sopra C, sotto

ROMA

10,20 gr.
trientale.

24) e però

appartiene al sistema

LVII,

Abbiamo

inoltre (n. 25)

un semisse

di gr.

47,10

7.

Testa di donna galeata.

Giovane nudo che

si

appoggia ad
S,

che appartiene all'asse quadrautario. Questi due pezzi coniati

un

trofeo colla sinistra e porta
(id.

una clava

:

davanti

dietro

dimostrano che in
si

tali
i

prime riduzioni
pezzi

dell'asse prila

ROMA
8.

LXV,

8).

mitivo
e capelli raccolti intorno al

usò

di fondere

maggiori riservando

Testa con barba aguzza
che
(id.
li

diadema

coniazione per gli spezzati minori. Il primo pezzo è nella
collezione mia,
frontespizio
cf.
il

lega in massa alla cervice. R. Prora di nave, di sotto S
9).

secondo fu del Eiccio
Il

{Repertorio, nel

LXV,

p. 30).

mio disegno

è tratto

da un calco,

9.

Testa coperta di pelle leonina che pare doppia,

ma

deve essere

che ne posseggo.
26. Dall'Avellino {Bull. Arch. Napol. T. III. tav. 3 n. 3). Testa
di

uno sbalzo
betti (id.

di conio.

R.

Prora: sopra

ROMA,

a d. tre glo-

LXV,

11).

donna coperta

di galea alata a

becco di grifo e collana

T.

LXXXI

LATIUM,

EOMA

69

al collo
R.

:

dietro è

il

seguo

(lell'oncia, di sotto al collo

im

U.

XCVI,

38). Conchiudasi

dunque che queste monete, mentre

Prora di nave di sopra

ROMA,

di sotto

il

seguo dell'oncia.

sono sestanti e trienti nella propria lor serie, fauno anche
parte di altra serie che ha pesi e denominazioni
Il

Pesa

gr. 5, 36. Il tipo del dritto è simile a quello dei quinarii

diverse.

e dei sesterzi! d'argento battuti nella zecca lucerina.

sestante

romano

è insieme

un S

,

£,

cioè
1'

una metà di
obolo
,

27-30. Coli. mia.
ai tipi

I

due

quinarii,

il

sesterzio

e

il

vittoriato

altra unità che

può essere probabilmente

la cui

romani aggiungono

la lettera U,

ora sul dritto ora
ai

metà

è

di

quattro

grammi

e

poco

piti.

In quel tempo

sul riverso: è nel dritto ai

numeri 28, 29, nel riverso

adunque l'hemiobolo equivaleva ad un sestante romano
ridotto.
5.

numeri 27, 30.
31-34. Serie della moneta di bronzo coi tipi romani battuta in

Nel Museo

di

Vienna

(cf.

la coli.

d'Ailly, pi.

CIV,

17).

Lucerà:
scio,

l'iniziale

U

trovasi ripetuta nel dritto e nel rovesi

n

suo peso è di gr. 3,43. Bronzo coi tipi romani del se-

ovvero da una sola parte, di che
triente (nn.

dà un saggio nel-

stante,

omesse però

le
il

note dei globetti, e

sostituitovi

r

asse e

31, 32), nell' oncia e nella semoncia

nel

campo superiore

segno del semis

£_:

La

lettera

U

(nn. 33,

34).

iniziale della città è sul dritto e si ripete sul riverso,

dove

è anche
6.

ROMA.
(cfr. d'Ailly, pi.

Presso L, Sambon
cole

CIV, 18). Testa di Erdi leone, iiresso
il

Tav.
1.

LXXSI.
di

imberbe coperta della spoglia
d.

mento

U-

Nel Kirch. Testa
scori che sotto

Apollo laureata, dietro U. R.
le lance

I

due Dio:

R.
si

Pegaso a

sopra

£:

sotto

ROMA.

Nella Tav. 75 n. 12

hanno appuntate
;

correndo a cavallo

trova un bronzo coi tipi che sono qui riprodotti. Lucerà

ROMA

neir esergo

la

nota del

quincunce. Pesa

se ne è servita per tipo della mezz'oncia.

gr. 21,20.
2.

7-9. Coli. mia. Vittoriato coi tipi comuni,
di Cerere coronata di spighe.
,

ma

battuto in Lucerà,
si

Nel Kirch. Testa

R. Vittoria
;

della qual città porta l'iniziale U; inoltre gli

vede nel

che guida una quadriga : sopra U

sotto
l'

ROMA
ha
il

nell'esergo
valore, che
e

campo

del riverso

im T, ovvero queste due

lettere sono

$••••,
metà

nota del destante, dove

S

insieme congiunte in

monogramma

nel solo riverso n. 9. Il

nell'asse duodecimale romano, di significare
dell' asse decimale,

sei,

non

la

peso del n. 7 è di gr. 3,00; del n.

9, di gr. 2,75.

Ma

noi qui
let-

come

nei bronzi di Atri. Il suo
i

non possiamo acconciarci
tere siano iniziali di
la lettera
n. 30.
l-

al

parere che

queste

due

peso è di gr. 16,85. Intanto avremo imparato che
a marcare
si
il

Lucerini

nome

proprio di un magistrato, perchè

valore deU'asse ebbero due modi, imperocché

si

legge anche sola nel vittoriato della Tav.
il

LXI
ivi

servirono dell'unità (Tav. LXIII, 23) ovvero della cifra
l'asse decimale

È

notevole

riscontro fortuito di
1)

un

UT

suUa mo-

dinotante

che significarono

con un semis

neta fusa (Tav. XXXIII,

che ho attribuito a Eieti:

seguito da quattro globetti. Del segno della libbra, U, in
tal senso

poi tengo per certo che siano iniziali del magistrato
netale.

mo-

essi

non

si

servono mai; gli Atriani
dell'

sì,

che fanno

Lucerà può ben essere entrata in confederazione
il

anche uso in pari tempo
dinotare la
3.

S

e

dei cinque globetti a

con uno dei due Teani l'Apulo o
il

Marruccino
l'iniziale del

e

seguendo
suo

metà

della loro lilibra decimale.
coi tipi del sestante

costume avrà a

tal

uopo inscritta

nome

Nel Kirch. Bronzo
drante
:

romano dato per qua-

sulla moneta. D'altronde

non vi ha esempio sulle monete

sotto

al

collo
;

del Mercurio v' è

un U
e vi

,

sopra vi
ripetono

lucerine d'argento di nomi propri dei magistrati dissimulati in sigla.

sono
i

i

tre globetti

e

nel riverso

ROMA

si

A
di

Teate hanno pensato
il

altri

prima

di

me

(pr.

tre globetti. Il suo peso è di gr. 10,00.

L'ha dato anche

Minervini, Oss. pag. 91), mentre

Cavedoni stimolli amII,

il

bar. d'Ailly

{Recherches, pi. CIV, 4, 5), e l'ebbe nella
il

bedue nomi
8.

magistrato {Rull. arch. nap.
(cf.

133).

sua collezione

Lovatti. Lucerà

si

è servita del sestante

Nel Museo

di

Vienna

d'Ailly, pi.

CVI,

7).

Testa giovaR. Giovane a

romano elevandolo
ler,

al valore di tre calchi deboli (cf.
I.

Mul-

nile coperta di galea corinzia a d. sotto U.

Anc. Afr. voi.

pag. 123).
pi.

testa
14).

nuda che cavalca a

sinistra; nell'esergo

RoMA,

sotto
S.

4.

CoU. d'Ailly {Recherches,
romani ed un
oltre ai
L-

CIV,

Sestante
al

coi

tipi

il

cavallo

T

con la linea traversa assai logora, a sinistra
è

sotto

al

coUo del Mercurio:

riverso,

L'esemplare viennese
d'Ailly pela gr. 0,98.
tero

usato e pesa gr. 0,90: qifello del
cifra S

due globetti,

vi è nel

campo superiore un

S.

È ma-

La

può

significare metà, l'ini

nifesto che le

due note

di valore sono l'una dall'altra indiil

non

si

è

ancora veduto:
e

ma

è certo che avrebbe

pendenti. Se

si si

voleva dimostrare che

pezzo valeva due
nelle

tipi propri

lucerini,

non

i

romani. Però non dobbiamo

once e mezzo
di

doveva scrivere
e

•»$
scrive

come
«S.

monete
il

imaginare

che

questo S

significhi
il

mezzo
si

vittoriato.

La

Venosa, un'oncia

mezzo

si

Ma

se

tipo

moneta

è

dei tempi in che

vittoriato

sarebbe ripro-

del sestante che

abbiam veduto divenire anche quello

della

dotto in Lucerà col tipo romano,
Il
IS

come

la sua unità.

mezz'oncia, doveva qui essere adoperato per semoncia, non

Borghesi tenne che nei semivittoriati romani la cifra

occorreva la nota del sestante e
disi,

si

doveva omettere. Brin-

a parer suo si doveva spiegare per

un

sesterzio e mezzo.
tipo la Vit:

a quanto pare,

ci

ha dato un simile esempio (Tav.

XCVI
hanno

Si hanno di fatto delle
toria coronante
il

monete che portano per

n. 38) servendosi del conio di

un

triente sul quale
i

trofeo e nel

campo

di

mezzo

le lettere IS

impressa la lettera S, lasciando intatti
al

quattro globetti
(v.

ma

queste non hanno per tipo del dritto la testa di Giove
i

luogo dell'esergo, così nel dritto come nel riverso

Tav.

come

vittoriati e

i

veri semivittoriati (T.

LXXIX,

9, 10)

70

LATIUM,

ROMA

T.

LXXXI

sibbene la testa di Apollo;

e

si

sa clie queste cominciaao
si

è nell'alta

Puglia e Paestum in Lucania.

Ma

sia

pure

:

e

ad emettersi verso

il

650 quando per legge Clodia

ri-

come

si

vorrà che in Perugia etrusoa
si

e in

Pesto colonia
si

pigliò la soppressa fabbricazione dei sesterzi! assimilali però

romana

abbiano

coniate
?

monete che giammai

sono

nel valore ai quinarii,
ci

come ho detto
il

a suo luogo.

Noi dunque

trovate in cotesta terra
tali

E

poi come volere porre in Pesto

maravigliamo come

Borgliesi abbia potuto essere se-

monete,

ovvero

a Perugia,

che non sappiamo perchè
il

guito dal

Mommsen

in questa sua sentenza.

dovessero appropriarsi coi tipi luceriui
decimale,
del quale certamente
in

sistema dell'asse

Inoltre la cosa è in se assurda. Perchè se la S significa di per
se la
a

Pesto non vi è verun
I

metà, cioè un sesterzio e quarto
le

(cf.

Tav.
,

LXXXII,
che
il

9),

riscontro, e

neanche in tutta la Lucania.
vi

Romani battendo

che

deve

stare

davanti

quella unità
sesterzio
?

Bor-

moneta in Lucerà

hanno posta

l'iniziale

U

e

quando

ri-

ghesi pretende significare

un

Conchiudasi che
le diverse lettere,

produssero queste serie di monete nella Peucezia che co-

queir

IS

ha quel valore d'iniziale, che haimo

minciava dal fiume

Cervaro dove
finis

terminava la Daunia
(Plin.

:

le quali sogliono trovarsi sui quinarii tra la Vittoria e il trofeo.
Il

amnis Cerbalus Dauniorum
quando ne emisero altra

H. n. Ili, 12), e

Borghesi anche attesta {Oeuvr. 11

29.5) di avere nella

sua

serie in Siponto città posta allo

collezione mezzi vittoriati con la S a destra del trofeo che
è al riverso, e

sbocco del medesimo fiume, ovvero nella vicina Salpi non
vi apposero la U,

che una ripetizione ne vide presso
t.

il

d' Nott,
p. 206).

ma

la lettera S,

come vediamo qui nel

che fu poi acquistata dal bar. d'Ailly (Oeuvr.

Vili

numero seguente. Apprendiamo anche da Stefano che presso
Argirippa osia Arpi v'era una città di nome Paesus ovvero

Ma se nel catalogo
cenno, giova però
se è così,
e la

di vendita della collezione
il

Nott non

se

ne fa

sapere che
il

si è

trovato anche altrove. Che
vittoriato, sarà cotesta

Apaesus
ed.

il

cui etnico era
:

Paesius ovvero Paesinus (p. 102

S dinota

mezzo
la

Meinek.)
fjg

eari xal

Tr^g

Javviag nóXig Ilalaog xal
?^,

'Ag-

una nuova ragione
valore che
si

di rigettare

spiegazione di nota di
IS.

yvQiTTjTa,

rò iOrixòv naioiog,

oniQ afietvov, ncctalvog.
e

è voluta

dare alle lettere

Potrebbe quindi essere che fra questa Paesus
sia stata

Luccria vi
i

10. Parigi, Gab. delle medaglie. Testa di Minerva, di sotto v'ha
la nota del valore,

una

lega:

ma può
ai

anche proporsi che

Lucerini

due globetti

e U.

i?.

I

due Dioscori colla
e le destre

abbiano fatto alleanza coi Pentri, che dopo la battaglia di

propria stella sul vertice,
elevate correnti a cavallo a

le lance nella sin.
d.,

Canne non

si

diedero

Cartaginesi

come

il

resto della

sotto

i

cavalli

T; nell'esergo

nazione sannioa (Liv. IX, 31: XXII, 615, e poterono confederarsi con Lucerla loro vicina.
16.

ROMA.
11,12. Testa di donna coperta di pileo frigio a becco di grifo:
sotto U, dietro la nota dell'oncia.
lì.

Museo
un

di Torino,

edita dal Fabretti, cinta
di

e

qui riprodotta da
dietro
alla

Dioscoro corrente a
nell'esergo

calco.

Testa di Cerere

spighe;

cavallo con lancia impugnata, sotto
Il

T;

ROAAA.
I

nuca un S: rimane
riore.

la spoglia del cignale
il

dal conio ante-

Fiorelli

stampò

la stessa

moneta

[Oss.

mon. rare Tav.

R. Ercole che arresta

cervo:

v'

èia clava da presso

n. 6)

con la particolarità della lettera
al riverso, e
il

T- ripetuta in

mono-

e nel basso

ROMA

:

rimane in

alto la spiga e

uno dei gioir

gramma
la quale

cavaliere coperto di elmo cristato,

betti del conio precedente.

La moneta

è ribattxita sopra

un

ho

io riprodotta al n.

12 sulla fede
p.

di lui, l'epi-

quadrante di prima diminuzione appartenente alla serie
che rappresenta la testa giovanile coperta della spoglia di
cignale e al riverso
e la
il

grafe

ROMA

vi

manca. Egli attesta a

3

il

monogramma

sembrargli incerto,
la

ma

che ha procurato far disegnare con

toro
.

che corre, la spiga in alto e

maggiore esattezza.
teste dei Dioscori coperte di pileo conico: dietro T.
cavalli dei Dioscori con le due" stelle: nell'esergo U.

nota del valore

•oe

(Tav.

LXXVIII

n. 7). Cotesto S

13.

Le due
/?.

è in tal luogo,

dove suole scolpirsi

l'iniziale

della zecca

I

due

ovvero la nota di valore.

Roma può
di sopra;
il

averla emessa in Si-

Quel

T

che in tutte le monete di questa serie tiene

il

posto

ponto come ho avvertito
ciò

ovvero in Salapia: se
valore di metà.
16, 18;

del riverso cedendo alla lettera

U

il

posto del dritto qui

non

fosse quel S dinoterebbe
clies, pi.

prende

il

posto del dritto, e la epigrafe

ROMA

vi è

omessa.

17-19. Coli. d'Ailly (Reche.

LXXXI,
iii

LXXXII,

1).

Sarà pertanto questa la sola moneta battuta indipendente-

Monete

coi tipi

romani battute

Canosa con

la epigrafe

K^^

mente

dalla zecca di

Eoma

e di carattere *

puramente mu-

ovvero K. Nella classe delle monete romane coniate di bronzo
portanti lettere di alfabeto e credute rappresentare iniziali

nicipale.

14.

Nel Kirch. Testa
driga

di Cerere cinta di spighe, dietro P. R.

Qua-

di zecchieri erasi ancora annoverata cotesta serie e la seguente
il

con

KA

guidata

dalla

Vittoria

,

sotto

ROMA
d.

;

nell' esergo

con la leggenda medesima, scambiato solo
latino.

S****
15.

nota del destante. Pesa gr. 17,00.
di

K greco in C

Ora da questo novero

si

sono se-

Nel Kich. Testa

Apollo laureata a

dietro P.

fi.

I

due

parate quelle che portano la leggenda predetta, e la loro
serie si è annoverata,

Dioscori correnti a cavallo colla lancia impugnata, di sopra
brillano
i

come

la lucerina, fra quelle

che no-

loro astri, di sotto è

la nota del

quincunce

ROMA •••••. Pesa

:

nell'esergo è posta
gr. 8,00.

minano per

iniziali la zecca.

All'argomento gravissimo della
io

Si è cer-

provenienza non vi è che opporre, ed
fermarla con la mia esperienza.
20. Kircheriano. Sestante battuto sopra
col tipo della lesta di

posso invece con-

cata la patria di cotesta serie la
Il bar. d'Ailly

cui iniziale fosse

un P.

ebbe l'idea di attribuirla a Perugia, ovvero

un bronzo

di Gterone II

a Paestum, la qual città, die' egli, dista poco da Lucerà. La di-

Giove a
al

sin. e il tridente al riverso.

stanza fra le due

città

invero non è poca, poiché Lucerà

Ha

la testa di

Mercurio

dritto e al rovescio la prora

T.

LXXXII

LATIUM, KOMA

71

a d.

e

la lettera

K:

di sopra è la spiga di grano, di sotto
al

5, 6.

Quinario e sesterzio coi tipi romani. Testa galeata nel dritto:
i

ROMA.
gr.

Gerone

II

regnò dal 478

540

e

il

bronzo pesa
,

due Dioscori nel riverso dove
i

si

legge nell'esergo
si è

ROMA

8

e

però accennando così all'asse sestantario

non

è

e sotto

cavalli

M

.

Questo monogramma

diversamente

anteriore al 486.

spiegato. Il Kiecio l'attribuisce

ad una famiglia Eomilia.
egli

Noi manchiamo
la

tuttavia dell'oncia
8)

ma

invece abbiamo
il

Ma
il

leggendosi nel

monogramma un A avrebbe
Eomania come ha
sia,

dovuto
di poi

semoncia (d'Ailly, CXII,

dove la testa del dritto che

cercare piuttosto la famiglia

fatto

d'Ailly ha rappresentato per muliebre dovrebbe essere in-

Cohen nel supposto che
R.

la

prima lettera
il

come

è di fatto

vece di Mercurio.
21. Kirch. Sestante coi tipi romani e la leggenda

un

Può

essere ancora che

Eiccio quando imaginò la spiefa

ROMA:
in

inoltre
e

gazione abbia letto
invero lesse
il

RoM, come

supporre

il

Cavedoni, e così

accanto alla prora del rovescio la sillaba

KA

mon.

di

Burton nel catalogo della collezione Pembroke

sopra la spiga di grano. Pesa gr. 5.
22. Coli. d'Ailly {Recherches, pi. CX). Testa di donna coi capelli raccolti alla

pubblicato nel 1848. Più singolare è Carlo Lenormant, che
vi

ha trovato

Q

MARI. Le quali

interpretazioni avendo
H. de la

il

nuca volta a

d.

R. Prora volta a d. di

Mommsen
nel voi.

riferite nella nota (') al voi. II

monn.

sopra la spiga di grano e accanto KA.

La leggenda ROAAA

pag. 225, conchiude con rigettarle tutte. Il bar.

deWilte
difllcile
il

manca per

difetto

di

conio.

E una
19).

semoncia: stimo però

IV

della stessa opera a p.

29

si

mostra

che la testa debba essere di Mercurio, non muliebre.
23. Coli. d'AiUy (16, pi.
stante

a chi crede che si potesse qui
di

due volte ripetere

nome

CVIH,

Bronzo

coi tipi 19).

del sesin-

Roma. Questa

interpretazione parmi sia stata proposta
il

romano

edito dal d'AiUy (Tav.

CVin,

Ha di

da Fr. Lenormant,

quale

stima che
è

ciò

siasi fatto

per

golare due lettere SP sotio la prora del riverso.
cia che

È una semon-

attestare che questa

moneta non
in

stata
stessa.

emessa

in altra

deve appartenere alla serie di tipo romano: non par

zecca a

nome

di

Eoma, ma
si

Eoma
in

Or ciascun vede,

Terosimile che la S così congiunta col
e il

P

sia cifra del valore

che in questo
tutte le

modo

sarebbe dovuto ripetere due volte su

P

si

debba

riferire

ad una incerta zecca di Puglia. Po-

monete romane battute
è

Eoma

il

nome

stesso di
s'incittà.

trebbe invece pensarsi a Spoletium colonia latina del 512.
24. 25. Serie di bronzi coi tipi romani e l'epigrafe CA. L'asse
è stato

Eoma, mentre
tendesse

sempre bastato dire moneta
è

ROMA,
il

perchè

che

la

stata
:

emessa da questa
barone

in

prima da

me

espresso da

un esemplare non

ri-

Ma

ecco

un nuovo
la

ostacolo

perocché

d'AiUy

battuto edito dal d'Ailly (Tav. CI,

1).

Poscia ne ho dato

non legge R
anche
tutti
il il

prima

lettera, sibbene

O, ed ha

così letto

un secondo che

è ribattuto,

ove

il

conio

non

è

ben riuscito

Cohen nella tavola XLIII
il

n. 7, e

similmente dopo

per dissestamento del metallo. In ambedue pertanto sono
chiare le due teste

Blacas e
n.
5,

de Witte nella tav. XXIII,

Tom. V.

H. de la

barbate

del bifronte

e

non

si

dovrà
Lett.

mannaie,

pubblicando a pag. 2 l'esemplare del qui-

concedere

al

Borghesi

{Oeuvr.

VI

pagg. 371, 373

nario conservato nel
la

Museo

Britannico.

Ma

è certissimo

che

dal 1828) che l'un volto è imberbe, barbato l'altro. Il n.
è nella collezione mia.

26

prima

lettera si deve leggere

R la qual lettera apparisce
posseduta dal
sig.

È

stato ribattuto sopra
tipi
la testa

un bronzo
Giove
e al

limpida
lini,
il

e netta in tutta la serie e

Bel-

degli

Oeniadac portante per

di

che ho davanti;
il

sono

riverso la protome dell' Acheloo con l'epigrafe

OINIAAA(N).
è

semisse,

quadrante, e

U denaro, il sesterzio, l'asse, U sestante. Stabilito adunque
è

L'asse descritto dal Borghesi pesa gr. 25,80 ed tenuto piuttosto per onciale,

perciò

che la prima lettera nel che
tere
di

monogramma
o

un R non rimane
nelle quattro letsi

che semonciale: gli fa però

leggervi
:

un nome
quali poiché

cognome

meraviglia l'A nel secolo settimo che dovea essere andato

ROMA

le

abbiam mostrato che non

da lungo tempo in disuso. Egli l'assegna a Capua
e cita l'Avellino
(ivi p.

(p.

372)

possono leggere Roma,
dersi che sono

nome

della città, conviene persuasi

(Giom. numism.

n. 1 pag. 3)

:

al

Cavedoni
e sog-

un cognome

forse abbreviato, o forse
il

deb-

372)

parve piuttosto impresso nella Puglia
questa sua
opinione

bono invertire, ponendo a modo di esempio
e così

MA

davanti

giunge che

fu poi dimostrata vera
di

avremo Maro,

o invece Varo, se consideriamo che la

dall'opera del Eiccio intorno alle

monete

Lucerà

:

ma ora

lettera

M

vi

si

trova
il

apparentemente piuttosto che realnesso in

non

v' è

numismatico che ne dubiti. Kiguardo

all'A- ado-

mente sciogliendosi

V ed

R.

perato oltre al secolo sesto ho già notato nella Sylloge a
p.

Cotesta serie appartiene all'epoca dell'asse sestantario sca-

42 che cotesta forma

è

adoperata anche nel secolo settimo

dente verso l'onciale
gr. 18,50;
il

:

perchè l'asse pesa gr. 34,50
e il

;

il

semisse

in

nummis

Apuliae, ed è solo nella voce

ROMA
il

della

mo-

quadrante gr. 9,00

sestante gr. 6,20. Il peso

netazione romana che ne cessa l'uso dopo

610.
7.

poi del denaro è di gr. 4,45 e quello del sesterzio è di gr. 1,10.

NeUa

coli,

mia, dal deposito di Maserà. Ciò che qui avanti ho

detto della serie di

monete portanti

ROMA

in

monogramma
che fosse
Metilius

Tav. LXXXII.
1-4. Nella eoli. mia.

si

può dire anche del
di

CROT
,

11

Borghesi

stabilì

Segue

la serie

deUa

tav.

precedente che
l'oncia che
(n. 4),

un cognome
piuttosto

famiglia
Ti.

offreudoglisi

un

T.

porta l'epigrafe CA.

Di questa abbiamo anche
KA,
e la

un

Maecilius Croio luogotenente di Appio

manca
che

tuttavia alla serie inscritta

semoncia

Claudio pretore in Sicilia l'anno 539 (T. Liv. XIII), 31.
Altri poi

ho avvertito dover rappresentare in

quella serie la

comunemente opinano

e

con essi
e

il

Momms«n

che

testa di

Merciuio

e

non

di

una donna.

cotesti vittoriati sono battuti in

Orabone

però ne portino

72

KOMA, GALLIA

GIS.,

LATIUM

T.

LXXXII

il

nome.
il

Ma

io

non sono
di

di questo parere, e ragiono così.
il

che quella città greca per indicare

il

suo

nome avrebbe

do-

Se

monogramma

Corcira, KoP, e
i

nome

del magicittà

vuto servirsi della greca lingua come fa Corfù e non della latina, se
si

strato,

Af

e l'anno in
certi,

che

Eomani occuparono questa

non forse nel nome

ROMA. Ora
bronzo
di

dopo quei

nummi

che

ne rendono

che quei vittoriati sono stati hattuti in

tengono emessi dai Eomani coi propri
altri di
il

tipi fuori di

Eoma
hanno
tipi

quell'isola, per contrario
stati

non

si

prova che in Vibo siano
della colonica deduzione
'

soggiungerò alcuni
tipi

e

di argento che

emessi questi

nummi prima
le
si

romani senza

nome

Roma, ovvero portano

in quella città,
il

quando solo
di CEIB o

poteva essere cambiato
in

stranieri col
]

nome

di

Eoma.
Testa giovanile laureata R. Protoma

greco

nome

EIPnNION
si

VALENTIA

che

2.

Nel Museo

di Firenze.

costantemente porta sulle sue monete. Di
della colonia,
i

piìi al

565, epoca

di cavallo frenato, sotto

K^ i\0. La
però
il

lettera
si

X>

vale

A

nel-

vittoriati

non

battevano più e non se ne
al 650,

l'alfabeto

euganeo

,

e

nome
di

legge

Kasio. Il

ripigliò la fabbricazione se

non circa un secolo dopo
quiuarii

Mommsen

ne ha descritte alcune

cotesto

rare monete
p. 253),

quando
di

si

equipararono

ai

e vi si alternò la testa

(Die nordtctrusck. .ilph. pag.

213

n. 36,

37

;

che

Giove con quella di Apollo.

Come

poi

si

spiegherà

il

furono trovate a Jonquières fra Grange e Sorges

insieme

lungo viaggio di questi vittoriati, fino nel Sannio e nella
Gallia cisalpina dove si sa che
tuttavia, dimostrandoceli
si

con monete di Marsiglia.

Ma

la desinenza vi è

sempre in

sono trovati, e
scoperta di

si

trovano

OS K^^IOS K/'^
, ,

lOon (Taf 37 A, B); talvolta retrograda

la recente

Gambolò

t\j

Olrj A>l

(ib.

e),

non mai K^<IO, come in questa nostra.

Lomellina, dove è venuta in luce un'olla contenente 170
vittoriati,

13. D'Ailly {Recherch. pi.

LXVI

n. 2).

Testa di dorma diademata
R. Vittoria che

con la sola leggenda

ROMA,

e fra

essi

imo con

con pendenti agli orecchi volta

a. d.

guida

la epigrafe

CROT

[Noi. degli scavi,

1884 pag. 167), mentre

una biga

di cavalli: nell'esergo la epigrafe COA... I tipi del

ninno ha mai sentito che neUe terre di Crotone e di Monteleone in Calabria se ne trovino, e neanche se n' è trovato

riverso di questa e della

moneta antecedente sono romani

;

ne mi par dubbio che ancor questa come la precedente

sia

alcun esemplare nel tesoretto di soli vittoriati scoperto non

una imitazione del denaro romano con
rovescio. Il

la Vittoria in biga al

ha guari nel suolo Tarantino.
8.

nome può

essere integrato

COMa

(cf Eobert,

Nella
si è

coli,

mia

dal deposito di Maserà.

È

singolare, perchè

non

.innuaire che
i

numism. 1879

pag. 285)

;

ed è ben verosimile
Italia cisalpina

veduta finora la Vittoria portare nella mano sinistra
trofeo.

Galli abbiano avuto

una zecca nella

una corona, mentre un'altra ne pone in cima del
leggenda in tre esemplari di questo deposito
è

La

(Bull. Jnstit.

1866 pag. 187; cf Bruzza,

Vercelli,

pref CVII),

come

l'ho
il

come ne ebbero

nelle Gallio, e fra gli Elvezi.

Noi ne abn.

espressa \B: la seconda delle due linee che compogono

V

biamo avuto un esempio nella Tavola LXXVII
la

30 dove

non

è

più

alta,

ma

sono ambedue uguali. Diremo adunla congettura

moneta romana con

la testa di
si

Minerva

e al rovescio la

que anche per questo nuovo riscontro eselusa
del Cavedoni che ci proponeva di leggere
n.

protoma frenata del cavallo
leggenda >IOW\A
la qual
;,

vede riprodotta insieme colla
vi si

VB

{Ripost. p.

176
che

se

non che

aggiunge

il

numero VIII,
il

155)

:

non però accettiamo

l'opinione del

Mommsen

usanza di

cifre

numeriche indicanti

valore dei

riconosce nelle monete dei n. 7, 8 due zecche aperte dai
l'una
della in Crotone
e l'altra in

Eomani

pezzi ha esempi analoghi nella monetazione dell'oro celtico
trovato in Colombey, in Porto del Vallese, in Val d'Aosta
fra
i

Vibo. I
;

due

vittoriati

CROT

mia

coli,
;

pesano gr. 2,70

2,90. 1 tre

con\S usati pe-

Salassi

,

nel

gran

S.

Bernardo
1

(v.

Mommsen,

'

Die

sano gr. 2,80

2,90. Quei della collezione Blaoas hanno di
14.

nordtetr. Alphab. pag.

202 Tav.

un. 1, 2, 3, 4).

peso gr. 3,30; 3,21; 3,00.
9.

Nel Museo

di Vienna. Testa di Apollo laureata a. d. R.

Mezzo

Coli. Blaeas {H.

de la monn. T.
Il

IV

fol.

XXIII, 19

p. 30). Il

bue androprosopo con astro
in alto

in rilievo sul corpo volto a d.

suo peso è di un grammo.
plari

Borghesi ne ebbe due esem1,44. Se \B
fosse

PilMAIilN. Sarebbe strano se

Eoma

battendo ima

che
si

pesavano

gr. 1,48.

nome

di

libra od obolo
il

campano

coi tipi napolitani vi avesse inscritto

Vibone
\EIB
testo
,

sarebbe dovuto
si

con

antica ortografia scrivere,

proprio

nome
i

in greca lingua e letteratura

PilW\AiAN. Ben

come

legge sulle monete antecedenti CEIB.

Ma

co-

però possono
ficare

Napolitani aver ciò fatto a motivo di signi-

nome non si è mai

trovato sulle monete di questa colonia
il

una confederazione. Imperocché questo è appunto imo
di esprimerla adoperandoil

che portano costantemente
dai Eomani. Altri

nome
si

di

VALENTIA,
esposti

impostole

dei

modi

una

città

i

propri tipi e
i

motivi

leggono

nel prole-

inscrivendo

nome

della città con la quale
il

ha

stretto

patti.

gomeno

alla

tav.

LXXIX.
CHI,
3, 4).

Vero
Quinario e viti

è

però che in tal caso

carattere e la lingua suol

10. 11. Coll.D'Ailly (Recherches, pi.
toriato coi tipi

essere quello dell'alleata,
cano. Così spiegai

ma

esempi del contrario non manla

romani: hanno inoltre sotto
«8:

cavalli del
di Eóqxvqcc,

ima volta

epigrafe osca l'MVITRIT in

riverso

un monogramma
altro

indicante

il

nome

moneta del Teate Apulo

e la greca epigrafe

AAPINilM
i

in

ed

un

a

destra

contenente

due

iniziali

Af

del

moneta del frentano Larino, nei quali due bronzi

tipi

sono

magistrato monetale. I
e

Eomani occuparono Corcira nel 526,

campani. Quanto al bronzo di Cirene che talvolta s'inscrive

come
il

si

vede vi batterono moneta lasciando che s'indidella zecca locale e
si è

KVPA
esso

al

rovescio, e tal altra IMfll al dritto (v. Mùller,
I pag. 36; ef. p.

casse

nome

anche dal magistrato.
esposto di sopra rela-

La numism. de Vano. Afrique,

29

n. 100),
i

Serve ciò a conferma di quanto
lalivamente al

mi pare analogo
i

alle

monete allegate, nelle quali
inscritto in greca lingua

nome CROT che

è in lettere latine,

parendo

Cirenei e non

Eomani hanno

il

T.

LXXXIII.

LATIDM

73

uome

di

Eoma.

Il

Du

Chalais pensa che a motivo di signi-

ficare la loro riconoscenza a
p.

Koma

(Revue numism. 1851
»7.

SIGNIA
Komani
dedussero una
in

85-87), rEctliel stima che per farle onore {D.

v.

V,

4),

e così

anche Locri scrive in greco PilMH

e

(liSTIs: in

una

Segni era città dei Volsci
colonia l'anno

e

i

vi

sua moneta coniata

in segno di onore e gratitudine.

259 rinnovando quella che dicevasi
1,

prima

15. Nella coli, mia, da Pistoia. Testa di Apollo volta a sin. da-

dedotta da Tarquinio (Liv.

56) a tutela di

Roma: prae-

vanti l'epigrafe
e

TAMOA^
Bue

e nel

campo un

S davanti al collo

sidium urbi futurum
reco

(id.

11, 21): Signia coionia,

quam

un

altro S dietro. R.

andi-oprosopo coronato dalla Vitè

Tarquinius deduxerat, suppleto numero colonorum
est.

toria, tra le cui

gambe uu T. La leggenda

che vuol credersi equivalente a

Raomoe per

RAOMAT nome ROMAOC

ìteruin deducta
curio, a cui

Sulla moneta prende

per tipo Merdi

il

petaso alato:

ma

in

un esemplare

mia

16. Nel Kircheriano dalle acque di Vicarello. Testa di Apollo

collezione

,

gli si

vede in capo un pileo frigio parimente
di larga fascia ricamata per anno-

volta a d.

/?.

bue androprosopo coronato dalla Vittoria: nel,

alato e inoltre

munito

l'esergo --HAMO..

cioè

Romano.

darlo al mento, di

modo che
certo

viene dubbio se sia piuttosto

un Perseo:

ma

è

che se ciò fosse non gli converla

LATIUM
ALBA
Alba Pueente
^enus (Paulus in
considerata perciò
il

rebbe

il

caduceo,

sibbene

liarpe,

o sia spada da ferir
lati.

di punta e di taglio con ronchetta dall'uno dei

Questa

di origine marsa, Albenses
P'esto p. 4), è sita

qui sunt Marsi

colonia ci dà

uno dei primi esempi della

lettera G, che nel-

sui confini degli

Equi

e

l'alfabeto latino comincia a distinguersi dalla
fino allora erasi dato il valore della

C

,

alla quale

come equa da Livio

(X, 1) e da Strabene,

C

e della G.

Fu dunque
virgoletta

quale la pone a contatto coi Marsi é^iogovaa

Magooìg
Si è
:

creata

una nuova

lettera e ciò si ottenne con

ima

(V, 111, 13).

Ebbe una

colonia

romana l'anno 452.

aggiunta all'una delle

due estremità della
finì

C,

ponendola di
costantemente
quinto in

dubitato se abbia coniata moneta prima di questo anno

a

sopra, ovvero di sotto:
l'estremità

poi

col

tener
nel

me
e il

pare che

il

tipo della monetina d' argento con l'aquila
e così la
serie

inferiore, e fu adottata

secolo

fulmine se non lo dimostra, lo persuade:

Lucerà e altrove. La testa calva del Sileno congiunta ad una

Minerva. Agii Albensi fu attribuita dal
di

Mommsen ima

protome

di

cignale a

modo

del

Janus geiainus, sono a
consociati alle sel-

moneta fusa

di bronzo.

La

serie assegnatale dal
città, nelle cui terre

Mommsen,
non se
n' è

quanto pare simbolo dei

fertili vigneti

non può appartenere a questa

vose balze opportune alla caccia del cignale.

Nota

il

Casi

mai trovato verun pezzo

e

neanche nel lago. Gli Albensi venee ce

vedoni [Spicil. numism. p. 12) che diverse congetture
sono
fatte

ravano un dio tutelare che chiamavano Albensis Pater,
fa fede

ne

da altri su questo tipo
p.

[Giorn.

Arcad. 1828

una lamina trovata in Alba con dedicazione AL-BSI PAveneravano
il

tom.
leno
il

XXXIX
Marsia

244), ed egli ne propone una sua che Si-

TRE.
i

I Prenestini
il

Twpenus
vet.

Pater (SijlL 1491),
Réat. pag. 7) che

sia

simbolo frequente di colonia romana, e
alludere al

Reatini

Pater Beatinus {/nscr.

cignale sembri

nome Seignia essendo una

probabilmente sarà stato VAuctor gentis, lo xzidTrig in coteste
città,

delle insegne dell'esercito romano, onde deduce che Segni

come Enea fondatore
pater

di Lavinia, ivi venerato col

nome
20.

fu colonia militare

di Indigens
17.

(vedi Civ. Catt.

quad.

778 pag. 467).
d. R.

Nel Kirch. Testa
costo al collo

di

Mercurio coperta del petaso

alato: ac-

Da un'impronta
che prende
il
il

in zolfo. Testa di

Mercurio a

G-rifo

un

delfino, davanti

un caduceo. Segni ebbe
I,

volo a destra, e

AUBA

(Carell. Tav.

X

n. 8),

una colonia romana nel 259
carnasso, IV, 63):
Veli.
I,

(T. Livio

56

e Dionigi (Liv.

d'AU-

qual

riverso si vede

in parte

duplicato
e fatto

per sbalzo di

Alba

assai dopo nel

451

X, 1;
Segni

conio in
relli

un esemplare già posseduto
I,

delineare dal Pioè di gr.
1,

44).

Questa coniò la sembella d'argento,
libella.

ma

{Mon. ined. Tav.

1).

Il

suo peso

28

e

emise anche la
alla

R. Testa di Sileno a sin. congiunta

in altri esemplari, 1, 25; 1, 11; 1, 02.

La controversia

rela-

protome

di

un

cinghiale a d. nel

campo

di sotto SEIC

tiva alla natura deU' animale alato se grifo o pegaso

sem-

disoprala lettera A, segno monetale
tere e
il

di

minutissimo carat-

bra per questi due esemplari ben conservati risoluta contro
il

però omesso finora perchè non veduto. L'ha inciso
il

Caronni e a favore

del Sestini. Esso è grifo composto

Carelli e
il

Sestini

ma

ninno prima del Capranesi vi ha

della parte anteriore di aquila e posteriore di leone,
lo descrive il P.
1

come

espresso

delfino {Ann. Instit. T.

XII

tav.

P,

2).

L'esem-

Eckhel (D. n.
simile

v. I p.
si è

100).

plare di Vienna è uno di quei che leggono ^EIC, in altri

8.

Dalla

coli.

mia.

Un

nummo

pubblicato dall'Avelt.

come fu già notato
porta

dal Ritsohl e da

me

l'

ultima lettera

lino (Opuso. II

num.
d.

11; R. M. Rarb.
R.

II Tav.

XVI,

8).

un

apice ora in cima,

come l'esemplare Kircheriano,

Testa di Minerva a
a d. Pesa gr. 0,60.
19.

Aquila sopra un fulmine volta

ora in basso G, col quale si volle dai Segnini distinguere
il

C dal G che

circa

il

quinto secolo
fino a

si

introdusse nell'al-

DaUa

coU. mia. Questa
100).

monetina è descritta dall' Eckhel
Testa di Minerva a
d.

fabeto latino

non essendosi

quel tempo adoperata che

[D. n. V. I pag.

R.

AquUa
sopra

la sola lettera C,

come ho notato nel prolegomeno.

(sopra

un fulmine)

volta a d. e respiciente a sin.:

21. Nella collez. mia. Testa di Mercurio

ma

in singoiar

modo
sono

AUBA. È nel
u. 6, 7.

Pellerin,
gr.

Ree. pi. VII, 5 e nel Carelli, Tav.
altri

X

coperta di un pileo frigio alato e munito di largo nastro

Pesa

0,60 e in

esemplari 0,59; 0,58

e

meno.

pendente, decorato di ricamo.

Il delfino e il

caduceo

vi

74

COSA VOLCIENTIUM

T.

LXXXIII

espressi
alla

come nel
di

n.

20. R. Testa di Sileno a sin. congiunta
cignale a d.

pide trovata in Orbetello, che quella repubblica dei Cossani,

protome

un

Nel campo

di sotto SEIC,

RESP

COSSANORVM

(Or.

971)

,

dedica a Gordiano
B. civ. Ili e.

di sopra la minutissima lettera monetale
editori.

omessa iìnora dagli

terzo.

Ma im'altra

Cosa vi fu che Cesare (de

22)

Pesa

gr.

0,60 ed

è

però un obolo. Il pileo frigio

pone nelle terre dell'antico Turio, scrivendo che Celio Viniciano simulando di andare da lui andò invece a Turio e ivi
tentò di sollevare
irritati gli tolsero
il

alato si vede più volte in capo a Perseo clie taglia la testa
alla

Gorgone. Si sa che egli ebbe da Mercurio
si

i

calzari,
il

ma

presidio dei suoi Galli ed Ispani,

i

quali

non

legge che quel
i

nume
i

gli avesse dato

anche

pileo.

la vita nel

tempo

stesso che

Annio Mi-

Adunque

Signini sono

soli fra gli antichi

che facciano

lone levati alcuni schiavi dagli ergastoli cercava, dic'egli, di

Mercurio in abito di Perseo, mentre comunemente a Perseo
sono tributate le insegne di Mercurio.

oppugnare Cosa nell'agro
stulis

di Turio:

quibusdam

solutis erga-

Cosam in agro Thurino oppugnare

caepit; e aggiugne

che Milone vi morì di un colpo di pietra lanciatagli dalle mura,

COKA
22. Parigi gabinetto delle medaglie.
volta a sinistra. R.

lapide ictus ex

muro

periit; e Plinio piìi particolarmente

Testa di Apollo laureata
di pileo arcadico

ci fa

sapere che Milone aveva cominciato ad operare dal ca-

Eroe a cavallo coperto

stello Carissano

ma

che

ivi

presso fu ucciso
T.

(//.

N. II, 57):
est.

vestito di clamide e di calzari a

mezza gamba

in atto di

Juxla [Castellum Carissanum)

Annius Milo occisus

E

lanciare
gr. 6,70.

una verretta o giavellotto correndo a destra. Pesa
Il

parmi che non

sia Cesare
lei

il

solo che parli di questa Cosa
le circostanze della

Carelli che possedette questo

didrammo

lo die'
il

perocché vedo stare a
scritta

bene

Cosa deil

inciso nella sua tavola

LIS,

1.

Il

produsse di poi anche

da Ecateo Milesio presso Stefano bizantino,
città nella Enotria, e dentro terra
tuì p^aoyeù/i.
:

quale

Millingen quando le tavole carelliane erano ancora inedite:

pone questa

Kóogk nòXig
scrive
:

ma

vi lesse

SORANO,

e lo attribuì a

Sora {Anc.

coins.

OlrmtQav sv

So che Velleio

(L. II, 68)

pi. I, 1 Consider. pag. 237).

Poscia corresse la sua lezione

essere avvenuta la morte di Milone a

Compsa

fra gli Irpini

e diede la moneta rettamente a Cori [Suppl.
pi. II, 17; pag. 21, 22). Io

aux

oonsid.

ma

è

un

errore, perocché Cesare, che
i

ben sapeva dov'erano

ne ho tratto un calco dall'ori-

di presìdio

suoi Galli ed Ispani, narra la morte di Celio
e

ginale che ho fatto disegnare.

La

epigrafe

CORANO

è in-

avvenuta nel municipio di Turio
Cossa nell'agro turino.
Vendicati
i

Milone tolto di vita a

dubitata; v' è inoltre, ciò che nessuno

ha prima

notato, che

l'eroe porta calzari a

mezza gamba,

la qual particolarità
al pileo

passi che parlano

delle

due Cosse, quella

conferma l'opinione del Cavedoni che
riconobbe
il

argivo vi

dei Volcenti e

quella dell'agro turino, resta ora che ve:

Coras fratello di Catillo e di Tiburte fonda-

diamo

se si

ha verun' altra Cossa
in

perocché

il

Lessico fur-

tori di Tivoli (Serv.

ad Aen.
251

VII, 672). Cori era colonia

lanettiano

stampato

Lipsia

pone ima Cossa in sinn
la quale cita a

latina (Liv. II, 16) nel

e ribellò

passando dalla parte

paestano Campaniae prope Pompeins, per
torto
il

degli Aurunci

:

tornò quindi alla confederazione latina, sic-

luogo di Cesare

che abbiam veduto

indicarla in

ché nel 370 vi figura nella lista che ne dà Dionigi, dove però
si

agro Thiorim. Nel che oltre alla confusione tutta sua del
sinus paestanus col sinus puteolanus e della Campania dov'è

legge Kógvoiv (V, 61).

Il

Eiocio descrive

un suo bronzo

coi tipi

campani

e la

leggenda

KORANO
al

(

Repert. pag. 3).

Pompei,

colla

Lucania dove

é Pesto,

quel Lessico, dico, pare
i

Egli

mi

scrisse di averlo

venduto

barone Beher di Stral-

che abbia adottata la sentenza di coloro fra
renzo Giustiniani {Oizion. geogr. tom.

quali è

Lo-

sunda [Lettera del 28 settembre 1863),
qual tempo.

ma non

dice

in

IV

p.

102) che pon-

È

però certo, che in questa collezione, cono-

gono una Cossa in Conca

città

poco lontana da Amalfi; e

sciuta pel catalogo del sig. Pr. Lenormant, Description de

secondo cotesti scrittori una delle cinque città che avemmo,
dice Giustiniani, sotto

médailles

du baron

Beher, Paris 1857) non era ancora en-

nome

di Cossa. Egli

non nomina quali

trata nell'anno in che

ne fu stampata

la descrizione.

sono a suo credere queste cinque Cossae,

ma

non

é

mala-

gevole indovinargliele, ponendo insieme la Cossa

Volcien-

COSA VOLCIENTIUM (ETKURIA).
Si sa di certo che vi fu

tium

e la Cossa

in agro
è

Thurino, la Cossa che
,

si

pretensi

deva essere dove

Compsa

la

Conca della quale qui

una Cosa

o Cossa presso Orbetello,

parla, e la Cosa

ad Lirim,

la quale si é supposta senz'altro

dove ora è Ansidonia: dano
:

i

testi degli antichi scrittori

abbon-

fondamento che di un fiume chiamato Cosa che per la valle
di

tra
n.

i

quali

mi

piace
si

additare

l'

Itiner.

marit. (ed.

Prosinone va a scaricare
Strabene

le

sue acque nel Liri. Di questo

Partney

514) dove

assegnano novanta stadi di distanza

fiume parlano

(L.
hist.

V

p.

237)

ed Eliano in due

dall'isola del Griglio, Igilium, a Cosa: e Cesare, che nel (L. 1

luoghi controversi (Var.
tavia si

II,

26; IV, 17): ora tuté

cap.

34 de

B. civ.) racconta di

Domizio aver costui prese
Cossa e
dall' isola

chiama con
ci

tal

nome. Premesse queste notizie

sette navi
e fattivi

da privati cittadini

di

predetta

duopo che
è stato
il

volgiamo alla questione numismatica che ne
si

montar sopra

servi, liberti e coloni suoi, li

menò

motivo. Trattasi di saper da quale Cossa

è co-

seco

ad occupar

Marsiglia:

Domitium ad occupandam
septem
,

niata la

moneta che porta

il

nome

Coza,

e

dei Cosanesi, dalla

Marsiliam navlbus actuariis
Cosano a privatis coaotas,
pleverat.

quas

,

Igilii

et

in

Cosano. Molti dicono che

tali

monete provengono
una
il

Camnelle

servis, liherlis colonis suis

com-

pania, onde é stata forza trovare

città di tal

nome

A

questi due testimoni aggiungo una vecchia la-

terre campane.

Di

tal sentenza fu

Carelli nella cui De-

T.

LXXXII

COSA VOLCIBNTIUM

75

script

io

si

legge la prima volta la supposta Cosa ad Lirim.
di

che

i

Eomani felicemente guerreggiarono
meridionale
et
:

allora in Etruria

A

lui si

oppone l'Avellino nelle note dicliiarando, che
si

e nella Italia

res

prospere in Etruscas Luda Plinio,

questa città non

aveva notizia. Egli però sostiene invece

canos Bruttios

Samnitos

gestae. Infine consta

che

la

Cosa delle monete deve cercarsi nella città degli

che una colonia fu dedotta dai Eomani nella Cossa etrusca:
Cossa
8, 51):

Irpini anticamente detta

Compm, nomine

vetusto,

e poi

Valcientium a populo
e

Romano deducta

{li.

N. III,

Cassa

(ad Carell. descript.).

Questo parere fu seguito dal

ne avevano ben ragione di
lato,

fortificarsi sopra

mare
l'ar-

Millingen [Coìuider. p. 229, 230). L'Avellino non allegò
altra

da cotesto

perchè prevedevasi xma guerra contro

prova che una iscrizione gruteriana trovata in Compsa,

mata

di Cartagine che era stata chiamata dai Tarantini in

nella quale si leggeva REIP.

COSSANAE
il

(Grut.

DCCCX);

aiuto e che di fatto venne in questi tempi
epist.

medesimi

(Liv.

Ma
hit.

ora

si è fatto

noto, che questa voce fu inserita nel testo

XIV), Carthaginensium

classis auxitio

Tarentinis

dell'Apiano, dal quale l'ha tratto
ed.

Gruferò

(cf.

hiscr.

r.

n.

venit.

Monims. n./207).
dichiarato che non vi fu una Cossa
gli Irpini
è
:

Eesta ora un altro argomento, che l'Avellino prudente-

Abbiamo

ad Lirim,

mente non

tocca, quello della provenienza di tali monete.
il

né veruna Cossa fra

diciamo ancora che la Conca
stata

Ne

parla però

Sestini ove scrive di coteste

monete cesil

in sinu paestanu non

mai

Cossa:

non

si

possono

sane, che

vengono dalla parte d'Italia che fu
il

regno di

adunque assegnare monete
di

a cotesto Cosse imaginarie, sia

Napoli; e
sola

Eiccio {Reperì, p. 19), che rinvengonsi nella
di

Campania

sia degli Irpini

che abbiano

coniate

monete

Campania. Queste due testimonianze l'una
l'altra di

un nucol-

con la leggenda

COZA

e

COSANO.
per quanto a

mismatico toscano e di gran fama,
lettore di

un gran

Ma donde
tivi diversi
:

ebbe mai origine questa così ferma persuasione
?

monete
si

e negoziante sagace in

Napoli avrebbero

nel Carelli e nell'Avellino
il

me

pare da due mo-

gran peso, se

potesse provare che essi parlino per espe-

Carelli perchè teneva questa

moneta

di fab-

rienza e non per opinione preconcetta.

Certamente

i

fatti

brica campana, e però cercava loro uaa sede, e non tro-

non provano che
soli

le

monete

di Cosa, delle quali

conosciamo

vandone alcuna, imaginò che accanto

al

fiume Cosas
si

ci

do-

due

tipi, si

trovino in Campania e nella sola Campania

vesse essere stata una città di tal nome: l'AveUino poi

lasciò

ovvero nelle regioni meridionali che furono già regno di
Napoli.
zione

persuadere dalla epigrafe interpolata dell'Apiano
che

e credette

Se così fosse sarebbe inesplicabile come

la colle-

Compsa

si

fosse chiamata anche Cassa; negò poi alla
tal

Santangelo ricchissima di monete
e

campane non ne

Cosa degli Etrusci

moneta, non parendogli

possibile,

possegga neppure un esemplare,

come l'Avellino pubtav.

che una città etrusca potesse emettere
di tipi e di epigrafe

nummi

di fabbrica,

blicando nel R. M. Borbonico (voi. II
la serie di

XVI, XLVII)
,

non etrusca
ti/pis,

:

nam

etruscis Casis tribui

monete campane del regio medagliere
(presso Eiorelli,

e de-

non

posse a fabrica,

epigraphe manifestum. L'Avel-

scrivendole

Ann.

di

Num.

II

pag. 4),
Il

lino, a quanto pare, era di parere che

Koma

spedisse la
degli

non ne abbia trovato verun esemplare da delineare.
relli poi

Cacosì

colonia non
Irpini
e del
;

nella Cosa etrusca

sibbene in Compsa

nel catalogo

della sua collezione si mostrò

e

questa è veramente anche l'opinione del Eunkenio
si

poco esperto di coteste monete cosane che tenne per tale una

Madvig, pei quali

è

ultimamente dichiarato

il

Momm-

moneta

sulla quale l'Avellino attesta che si leggeva

RO-

sen, e per le ragioni allegate da costoro, e perchè stima
eertissimo, che questi bronzi sono coniati nell'Italia meridionale, probabilmente in Campania.

MANO

dall'una e dall'altra faccia

:

Epigraphen

ROMANO
solo esem-

in utraque facie depi-ehendi, non
plare è dunque che
il

COSANO. Un

Carelli

ebbe e descrisse nella sua

Poi dice che stando a Tito Livio; dove scrive (XX, VII, 10):
El ab altero mari Pontiani
et

lunga carriera di numismatico, e questo col tipo di Pallade
e
;

Paestani

et

Cosani; non

si

l'altro
il

che ha per tipo la testa di Marte non l'ebbe
vide presso l'Eckhel per farlo incidere nelle
il

può pensare a Compsa

città

mediterranea, sibbene ad una
,

neanche

città sita sulla costa occidentale dell' Italia

ma

non

alla

sue tavole. Al Eiccio fu parimente ignoto

tipo della testa

Cosa etrusca, che Euhnken
tata per due motivi
:

e

Madvig a ragione hanno

riget-

barbata di Marte: quello della testa di Minerva lo diede
Reperì, p. 19) si,

perchè Livio la dice dedotta insieme
si

ma

erroneamente
il

trascritto.

Nei quali
di

con Pesto,
deducessero
l'anno 481
ria,

e

che per lor giudizio non può essere, che

due

difetti

cade egualmente

Sambon
;

altro collettore

ambedue

nello

stesso

anno,

e

perchè verso

Napoli, ed editore {Recherches, p. 58)
nostri

cotanto estranei ai

Koma non

distese le sue conquiste verso l'Etru-

numismatici furono questi bronzi che pur dicono

sibbene nell'Italia meridionale. {Hist. de la

monn.

1,

186).

trovarsi in

Campania,

e nella sola

Campania.

Qui invece
e di

Egli dunque mostra d'ignorare che a coteste due ragioni

nelle pubbliche e private collezioni di
le
il

Eoma

Toscana

aveva già risposto lo
n. 3,

Zumpt (Comm.

epigr. 1

pag.

257

monete
Borgia
il

di Cossa
ai

quantunque rare non mancano. L'aveva
dell'

1850)

:

la

prima non valendo

nulla, perchè vi

hanno
p. e.

tempi

Eckhel nel suo Museo
il

di Velletri:

altri

esempi di due colonie dedotte nel medesimo anno,
io (Liv.

l'ha
nella

Museo

Vaticano, l'ha
e

Kircheriano, l'ho ancor io
Chiusi. Final:

Eimini e Benevento, anzi tre soggiungo
Coloniae civiìim romanci um eo
Puteolos,

XXXIV,

45):

mia privata raccolta
il

mi proviene da
così

anno (558) deductae

sunt,

mente
di

marchese Strozzi mi scrive ora
si

«

Le monete

Vulturnum, Liternum. E molto naeno valore ha

Cosa realmente

trovano come tante volte fu detto nelle

la seconda, constando di fatto dalla epitome di Livio (L.

Xin),

vicinanze di Ansedonia. Dagli scavi fatti dai signori Vivaio

76

ACER GALLICUS, PICENtTM

T.

LXXXII

relli

a Talamone quattro

o

cinque anni or sono ne ebbi

di parazonio la

munito nel basso
quella
parte

di larga piastra.

Ha nuda
nel-

diverse ».

testa

e

del corpo
di

che non

è occultata

Dopo

tutto ciò

parmi che non

si

voglia tuttavia persitali

dallo scudo,

mentre

va

buon passo
il

a sinistra:
pileo
di

stere nella falsa opinione

che assegna

monete a due
degli Irpini.

r esergo ARIMN. In
si

alcuni esemplari
il

Vulcano

zecche ignote la Cosa del Liri e la

Compsa
fl.

vede cinto di laurea: e

P. Marchi notò anche un torque
Il

23, 24. Testa di Marte barbala e galeata a d.
cavallo frenato

Protome

di

al collo del milite p.

che è sul riverso.

P. Eckhel

(fl.

n. v.

volta

a

d.

ovvero a sinistra, col

delfino

96) attesta di aver letto

ARIMNO
non

in piìi esemplari dei
di trovarne

accosto al collo e l'epigrafe al riverso
25. Mus.

COSANO, OMA205
e
l'

vari

musei
in
tali

di Italia.

A me
e

è avvenuto

Kirch. Testa di Minerva a
R.

sin.

intera epigrafe

alcuno

verun museo,

neanche in quello di Pesaro,

AZOD.

Protoma

di cavallo frenato a destra e
il

COZAMO.
i

che di

esemplari è fornitissimo, ne tampoco altrove;
taluni

Dai tempi del P. Eckhel che publioò

primo

due

ma

solo che in

esemplari

l'

epigrafe è ARIM, e va

esemplari delle monete di Cosa che serbavansi nel Museo

talvolta da

destra a sinistra. Eimini coniò
la

questo bronzo

Borgiano l'imo colla testa di Pallade

l'altro

con quella di
90) a quei

allor che vi fu dedotta

colonia

romana nel 486, come

Marte

{Syll.

I.

num.

vet. pag.

81, D. n.

V. I.

fecero altre colonie latine Benevento, Isernia, Cosa, Copia,

del Carelli
nostri

(Tab. X, 17, 18, 19), e da quei del Carelli ai
si

Valenza

e Pesto.

Stimò

l'

Eckhel che

l'

uomo barbato

coperto

non

è

ancora notato da veruno
e

che

le

due leg,

del pileo conico fosse Vulcano {N. vet. anecd. p. 6),

non

gende

COSANO
è

COZANO

non sono promiscue

ma
il

la di

Ulisse come aveva opinato

il

Khell

e sul riverso

riconobbe

prima

costantemente così scritta nei bronzi col tipo

un
p.

soldato gallo,

non Diomede. Al Millingen {Considerai.

Marte, e la seconda è soltanto in quelli che hanno
di Minerva.

tipo

222) non piacque Ulisse,

ma

neanche Vulcano, perchè,
sibbene di un elmo.

Non ammettiamo
il

quindi l'idea proposta dal

die' egli, la testa

non

è coperta di pileo
si

Mommsen
caico di
tarda.

che

Z

sparisse di

buon ora

dall'alfabeto ar-

Conchiuse quindi che vi

dovesse riconoscere un eroe locale.

Eoma, per
i

farvi di poi novella
l'

comparsa nell'epoca
e

A me

pare che
il

i

coloni latini abbiano voluto rappresentare

Sono
il

Cosani che

introducono
i

non

i

Romani:
Segni
è di col

Vulcano,

dio delle ofBcine dei fabbri erarii e
il

nume

tute-

Così

G

si

vide prima tra

Palisci, in

Lucerà
in

e in

lare delle colonie. Invero

Carelli nella Descriptio
:

pone in
il

e poscia sugli esordi del secolo
piìi

sesto

Eoma. Vi
le

capo a cotesta figura un elmo con cresta
corresse
riverso
(cf.

ma

l'Avellino

un'altra distinzione

da fare: perocché

monete

Cavedoni in

tab.

Carell.

p. 7).

Vedo poi

al

tipo di
piii di

Marte non hanno
una sola epigrafe

finora sugli esemplari a

me

noti

un

soldato Gallo Senone nel suo
di

costume. Citasi

e questa al riverso: quella invece

un

nummo

Rimini posseduto dal Tanini, in doppio esemSenone oravi per tipo una rana.
e il

col tipo di

Minerva hanno sempre doppia leggenda l'una
riverso. Sulla

plare, dove

in luogo del

dalla parte del dritto l'altra da quella del

Se ne ha notizia dal Bestini che n'ebbe un esemplare
nella collezione Ainsleiana {N. vet. p. 6;
n. V. Eckhelii,

pose

moneta

col tipo

di

Marte

è

COSANO
si

ovvero

su quella
al riverso

col

tipo di
e
il

Minerva
ancor

legge al dritto
talvolta

ONAZOD, COZA,

cf

Add.

ad D.

1826 pag.

12).

COZAHO

questa

retrograda.

Ebbe quindi ragione

Carelli,

quando diede

COSA

PICENUM
ANCON
27. Nella collezione mia.
in

per

leggenda monca a riverso della moneta
scriptio,

n. 1 della

sua DeTesta
e

non però l'Avellino

che disse parergli intera: in-

Venere coi capelli legati
di

tegra videtur in hoc

numo

epigraphe fuisse

COSA non
anche
il

massa

alla

nuca

coronata

mirto

:

dietro M. R.

abrupta ut Careltio visum.
Cavedoni che pone

Correggasi dunque

Una mano
un ramo

col braccio destro piegato in
di

gomito che stringe
sotto

COSA

due volte

al dritto e al riverso

palma: in

alto

due

stelle,

AfKilN.
l'

della moneta, col tipo di Pallade.

Avrà

inoltre

ben notato

Neil' esemplare che

do inciso appare
fettuccia

assai certa
i

estre-

l'Avellino che sulla

moneta

incisa al n. 2" dal Carelli ove
di

mità svolazzante della
dea Venere.

che lega

capelli alla
i

è la testa giovanile coperta

elmo

cristato

volta a si-

A

fondare

questa città vennero

Siracusani

nistra

non fu ben

letto

RO/\AANO

e al riverso

COSANO, ma si doveva leggere egualmente ROMANO. Si è ancora
il

per sottrarsi secondo Strabene (V, IV, 2) alla tirannia di
Dionigi 2vQaxo<TÌù)v
:

xTt'ai.ia

tcòv (pvyóvTwv Tr^v .JmvvaCov

cercato se la lettera
sia

Z

abbia

valore suo proprio ovvero

vvQttvvCSa.

una variante ortografica
i

dell'S.
le

A

tal

questione parmi

La
loro
il

condizione del sito marittimo che fa gomito suggerì

rispondano
si

Cosani che non

adoperano promiscue

ma

nome

'Ayxàv, che vuol dire gomito e questo gomito
tipo.

servono della S in quelle monete che
e del

hanno per tipo
tipo di Pallade;
all'altra.

come arma parlante presero per

La dea Venere che

Marte

Z

nelle altre che recano
il

il

ebbe in questa colonia culto principale (Catull. Carm. 37;
Juvenal. Sat. IV, 40) servì loro di tipo sul dritto della
neta:
i

dimostrando così

passaggio

da una ortografia

mo-

ACER GALLICUS
ARIMINVM
20. Testa

due

astri posti sul riverso

richiamano

i

due gemelli

che questo popolo marino prendeva a protettori della navigazione.

La

lettera

M

forse deve essere

un

3

e dinotare

barbata coperta

di

pileo

conico
di lancia

volta

a

sin.

R.

l'emiobolo: una simile

C

si

trova sopra un bronzo che ho

Uomo armato

di clipeo elittico,

che impugna, e

attribuito a Scyllatium. Il suo peso è di gr. 5,70.

T.

LXSXEI

PELIGNI, AQUINDM, CAMPANIA

77

PELIGNI

AQUINVM
'Axovìvov, scrive Strabone (V. 237), fiaydXrj nóXtg, zag'

PALLANVM
28. Nel

Museo

di Milano. Testa di

Vulcano imberbe

e

coperta

ov ó Mt'Xnig

Troraftóc. Si sa che fu

uno dei municipii

di pileo conico

volta a destra, ed ha dietro la tenaglia. R.

volsco-latini più popolosi e però ingens

Aquinum
né poi

è detto

Testa alata

di
:

Medusa posta
di sotto stanno
si

di prospetto

con bocca largasi

da Silio (Vili, 405):

ma

dei suoi fasti municipali e della
:

mente aperta

due serpi che

drizzano in

sua storia primitiva non ne sappiamo nulla
neta ha un proprio tipo. Aquino
si

la

mo-

contraria parte: intorno

legge

PALACNVS. Nell'esem-

vede che entrò in al-

plare della collezione Borghesi (Calai, p. 3 n. 32 Tav. I
n.

leanza con Napoli e coi mimicipii e colonie di Sessa, Calvi,
Caiazzo, Venafro, Telese, Tiano sidicino le quali tutte im-

32) invece è

PALACNVS.
di

29. Nel Kircheriano. Testa

donna

coperta di un elmo sul
:

pressero una moneta col tipo del gallo che canta.
ortograiìa

La sua
e

quale a

modo

di visiera è

un
si

dragone alato prominente
leva a volo.
R.

scambia

il

QV

col

CV,

e

scrive

AQVINO

sopra di esso è un grifo che

Vi

si

legge

PAL
fé'
il

entro una corona di quercia.
(PI. Ili, 13)
al e

Fu

del Millingen che la

ACVINO come i Latini, MIRQVRIOS [Syll. 536) e MERCVRIVS, PEQVNIA e PECVNIA, AQVTIVS e ACVTIVS. Singolare
si

incidere

ne mandò un zolfo al Borghesi,
(21
dee.

è la

forma aperta del

Q

nella

paleografia degli
11

quale scrisse

Cavedoni

1R43) che esamilo spa-

Aquinati, che non ha finora verun altro riscontro.
di questi

peso

nandolo attentamente con una buona lente vi trovò
zio,
e,

bronzi è di gr. 6,15-6,61.
di

come anche

gli parve, le vestigia di

due righe che

30-32.
sin.

Testa
R.

Pallade

coperta

di

galea

corinzia

volta a

potrebbero ben dire PALA/CINV [Ocuvr. voi. VII p. 449, 450).
Il

Gallo che canta volto a sin. dietro un

astro e la

Cavedoni senz' altro abbandonata la lezione del Millingen
secondo
il

lettera C, davanti

AQVINO.

Trovasi ancora scritto, n. 31,
32, dove
il

la publieò

Borghesi (Bull. ardi.

nap. an. II

OHI Vi) A ed ACVINO (mia
a destra.

coli.), n.

gallo è volto
alla

Tav.
nella

I, 1).

La

S finale si stimò che fosse nota del semisse,
n.
si

Aquino

città

volsea non fu

colonia avanti

moneta del

28. Questi

due bronzi appartengono
di Palacno e Palacino.

guerra marsica,

ma

di certo deve annoverarsi fra
di

le città
il

ad un popolo che

il

nome

che ebbero un trattato

alleanza con

Roma, come

fa

Non

è

quindi la nazione Palatina ovvero Pallantina che

supporre l'uso che gli Aquinati fanno della lingua latina
nella moneta, al pari dei Teanesi, dei Caiatini, di Calvi e

abitasse la vetusta città Palatium. Il

nome Palacnus
di

'può

essere

un sinonimo
il

di

Palanus come oprugnus
(//.

aprunus.

Sessa colonie latine, che battono un simile
del gallo.

nummo

col tipo

In simil guisa

Niebhur

ro7n. I, 98)

deriva Aurun-

cvs da Aurunus.

Una

tradizione conservataci da Festo (p.

222

ed. Muller) narrava che dal re

VolsimioLucullo nacquero due
i

CAMPANIA
SUESSA
Suessa cominciò a dirsi aurunca od auruncorum, quando
accolse nelle

nepoti Pacinus e Pelicus, dai quali ebbero origine due popoli

Pacinates e

i

Peligni. Questi in principio si

debbono essere

appellati Paligni e

Palini come gli appellano Diodoro ed
i

sue mura

gli

Aurunci

salvatisi

fuggendo da
e

Appiano,
editori

naXriVoi',

naXirioC e naXiyrol, al quale
l'

moderni

Aurunca che

fu distrutta dai Teanesi.

Le sue monete

hanno

sostituito

e

ed hanno anche voluto correg90) in 'Ardyrioi, (Niebhur, V,

quelle di Calvi non

adoperano altra lingua che la latina
di
il

gere

il

TtaXiroi (Diod.

XX,

quantunque siano osche ambedue non meno
I Suessani veneravano Apollo, e vantavano
sidtores,
sia di coloro,

Teano

sidicino.

363

ed. Golb.), e così il padre della loro gente si sarà chia-

giuoco, dei de-

mato Palicus non Pelicus.
L'ordine alfabetico serbato da Pesto che pone PaeanaPeligni- Pales-Partus dimostra che Verrio avrà dovuto scri-

che cavalcando tiravano seco un altro
nella corsa, della

cavallo, sul

quale

saltavano

qual loro
il

prodezza davasi spettacolo al popolo e se ne premiava
vincitore con

vere Paligni, come sopra non avrà scritto Pellices
laces
(cf.

ma

Pal-

un ramo di* palma. Ebbero anche

in onore

Svetonio,

Vespas. 21, e gli annot.).
derivarsi

Ma

neanche

Mercurio a cui davano im pileo tessalico rotondo alato e
leggermente acuminato nel centro. Appropriaronsi ancora
il

da Palicus ovvero Palignus può

Palacnus, se

non nel supposto che
Questa
Peligni
detto
v' è di fatto si

vi fosse

anche la forma

Palanus,

tipo

campano del toro androprosopo

e

coniarono la
più.

mo-

nella denominazione che nelle terre dei
il

neta di alleanza col gallo. Figurarono di
di soffocare
il

Ercole in atto
è loro

diede al monte di Palena sul quale era
di

campo

leone.

La leggenda PROBOVi
ne eccettui
lo

comune

oggi

Giove dove

si

venerava

il

Jovis Palanus:

coi coloni beneventani, se

scambio del B in

e alla città
.

Pallanum
e così

nei Prentani. Prevale però la odierna

P, scrivendo

i

Beneventani

PROPOM.

I

Eomani

si

resero

forma Palena

abbiamo Valle Palena con

tre grosse

padroni di Sessa, come ebbero disfatta la lega latina a Trifano, e vi

borgate dette Palena, Gesso Palena, Letto Palena. Del Paci-

mandarono una colonia

nell'a. 441.

Si ha

una
tipi

nus non

si

sa nulla: e a
e

me

viene in mente che forse fu
di Lucullo. Così
ci

moneta di particolare alleanza
campani.

fra Sessa e

Napoli coi

Palacinus

non Pacinus questo nipote
i

lasceremmo in pace

Paligni o Peligni e

appiglieremmo

33, 34. Nella collezion mia. Testa di Apollo
d. dietro, n. 33, il Palladio,

laureata volta a

al Palacinus per attribuirgli la moneta.

preso dal Carelli e dall'Avel-

78

CAMPANIA

T.

LXXXIII

lino per trofeo

{Catal. Suesa,

1,

Avell. Suppl. p. 8 n. 28)
n.

questi

confronti per giustificare l'uso della greca lingua di

e

"un

indeciso

segno

monetale,

34, astro.

R.

Fante

una
ai

città

non

di certo greca sopra
latina.

mi pubblico monumento

desultore che cavalcando trae

seco l'altro

cavallo: egli è

tempi della colonia

coperto di pileo conico e porta nella

destra
spalla.

un ramo

di

39. Testa laureata di Apollo volto a d. dietro

O.

R.

Bue

an-

palma lemniscate, che appoggia

alla

Neil' esergo
e pare
i

droprosopo coronato dalla Vittoria In
e
altri

:

nell'

esergo

SVESANO.
del toro,

SVE5AN0. Sessa Aurunca
molto
si

fu colonia

nel

441

che

esemplari

si

legge

is:

o

P

fra le

gambe

applaudisse dei

giuochi equestri fra

quali era

dietro la testa di Apollo alcune di queste lettere K, N,

T

quello del desultor che essa prescelse a rappresentarla.

notate già dal Carelli.
sin.

35-38. Testa di Mercurio coperta di petaso alato volta a

Davanti n. 35 nROBO/V\, n. 36
n.
i

PRBOM,

n.

37

PRBOVW,
Tav. LXXXIII.
1.
il

38

PROBVM.
il

R. Ercole di prospetto

con la clava fra
Si è cercato

piedi strozza

leone

e

a sin.

SVESANO.

Nella mia collezione. Testa
pide volta a
iello in
d.,

di

Minerva coperta

di galea aulo-

senso del vocabolo Probom variamente scritto sul dritto di

ha nella massa dei capelli inserto un giodi

questo bronzo

e

che sembra dover essere lo stesso del

PRO-

forma
R.

rosaceo,

e

al collo

una larga zona per

POAA

inscritto sulla

moneta
si

di

Benevento.

È mia

opinione

collana.

Gallo che canta volto a d. dietro astro, davanti
gli

che con questa singoiar voce

voglia significare essersi quella

SVESANO. Fra

esemjDlari

che portano questo tipo ho
si

moneta coniata

a

norma

di legge e

come

tale riconosciuta ed

prescelto questo, perchè più ornata vi

rappresenta l'ima-

approvata; e paragono la legge puteolana {SylL 017 vers.
32, 33):

gine della dea,
tratto

e

dà fondamento

di credere che siasi ri-

Quod eorum qui in

Consilio esse solent viginti turati

un principal simulacro venerato

in

questa colonia.

probaverint,

probum

esto;

quod
che

ieis

improbarint,

im-

AURUNCA
Grli

probum

esto.

Stimo per

ciò

probum

valga lo stesso

che proba moneta, come per opposito dicesi moneta reproba
quella, che
il

Aurunci a nome dei quali

è

battuta la moneta di

non

è approvata. Inoltre

che

il

probum non

indichi

bronzo, in osca lingua, sono quei popoli che abitarono

Au-

peso debitum pondus,

ma

la qualità del metallo, speciei

runca capitale degli Ausoni, che dicevasi fondata da Auson
figlio di

probae (Dirksen,
p.

Manuale fontiu,m

iuris civ. rom.

1837

Circe e di Ulisse (Fest. pag. 18). Questa città le cui
si

760

V. probu.s);

sicché potrebbe esservi sottinteso aes,
di scrivere il

mine
fina,

oggi

mostrano sul monte santa Croce di Eocca Mor-

metallum, non pondus. Le quattro maniere
vocabolo probum,
notate di sopra,

piccola terra distante quattro miglia da Tiano egualla propria moneta, la quale

sono

le

sole

che

ho

mente che da Sessa, ebbe dunque

trovate sinora. L'Avellino corresse l'ARBO,

ARBOV/Vi

letto

fu dai numismatici per lunghi anni attribuita a Marcina città

dal Carelli (Descr. 21, 22, 24) attestando che nei nn. 20, 21
si

annoverata da Strabene fra le campane (V, 251).
si fu,

Il

motivo

leggeva

OBVM

e nel n.

24

P- BOV/V\. Egli

ammise

tre

perchè vi leggevano che una sola epigrafe quella cioè

lezioni

PROBOM, PROROM o ilROBOVM e aggiunse
del n. 22 si doveva a parer suo

che l'AR-

che è posta, non quella che sta di sopra, e questa che sta
di sotto al delfino del riverso, la quale dice in osca lingua
^II51>INW,

BOVM
Le
e

emendare PROBOO/V\(').
Recueil, IX,
49),

lezioni

niKEOVM

data dal Pellerin

ovvero

JII>I>INI41,

ovvero ^1I>1>IRRH1

il

qual Macdes

AAOSTAS:

(Hunter, p. 287 n.
il

3, Carelli tab.

LXV,

19)

nome

del

magistrato traducevasi MarrAna non
si

Madcina,
51

non hanno riscontro:

PROROM, PROBOM,
il sig.

ohe

ci

trascrive

quando non

era ancora inteso

il

valore della lettera

l'Eckhel [Catal. M. Caes. p. 6 pag. 19) è mal trascritto.

nell'osca letteratura. Questa attribuzione durò fino ai giorni
nostri, e solo
e
il

Queste monete, mi scrive

Kenner, direttore del Museo
e vi
si

Millingen non se n'era mostrato persuaso
il

Cesareo, sono tuttavia nel
n. 21,

Museo imperiale

legge,

aveva pensato invece che
(Consid. p. 195).

bronzo fosse di Arpi ovvero

PROBOVM,
(H. de la

n.

25,

PROBOM. Non
è

ometterò che la
possibile dal

di Salpi

greca leggenda

AAOSITAS:
m.

ammessa come

Nel 1847 studiando

la collezione del e

Kircheriano vitroyai
iscri-

Mommsen
tieri
si

Ili, f. 180, nota), stante

che

i

mone-

un esemplare di questa rara moneta,

avvedutomi della

servono talvolta delle lettere greche, come segni

zione quantunque assai logora che pur v' era di sopra del delfino, la presi

monetali. Egli inoltre vede non so qual mistero nel

PRBOVM,

meco per determinarne
e

la lezione.

Avvenne dun-

ove scrive (C.

I.

L. voi. I,

9):

Ut Leucios,

Oscorum. Luvk,

que che dopo lunghe

ripetute prove vi leggessi la voce
pr. di

Graecorum ytevx respondet, ut noundinum ex novem deri-

mOUd^^^N, confermandomi due esemplari l'uno del
s.

vatum

est, ita

in

prboum sane aliud

latet

ac simplex voca-

Giorgio l'altro del cav. Santangelo.

La

notizia ne fu di-

bulum probom.
prboum ove

A me par
sia

strano cercare

un senso ignoto nel

vulgata da

me nel

Bull. ardi, napol.

1852

tav. IV,

4 pag.

65).

è evidente

dal confronto di

PROBOM PROBVM

La moneta fu dunque
e
il

d'allora in poi assegnata ad

Aurunca,
di

di altri conii che
l'

una semplice varietà ortografica delaltra cosa
e
il

Macdes ovvero Macces apparve dover essere nome

un

O, V, OV.

Ed

è

ben
;

servirsi di lettere greche

magistrato monetale.
I cittadini di

come segni monetali

però sorprende che siansi allegati

Aurunca erano

socii del

popolo romano,

ma
(')

essendosi messi a predare nelle terre vicine diedero ai
indizio
di meditata ribellione,
e

Stimo che

il

fi

e

l'OO

in queste lezioni JcH'Ayellino si

debbano

Romani

però fu mandato
li

attribuire ad erruri di stampa.

lor contro

M. Furio

Camillo, che nel 409

disfece.

L'anno

T.

LXXXIII

CAMPANIA

73

seguente
dicini

il

console Tito Manlio

li

accettò per deditizii. I Sie gli
5.

Venafro

e

Caiazzo

abbiano avuto di qua l'impulso di co-

mossero poi loro guerra con l'aiuto dei Caleni:

niare moneta.

Auninci ebbero ricorso a Roma:
l'aiuto implorato dai

ma

tardando di troppo
la città si

Nel Museo Santangelo. Testa
spoglia di leone

di Ercole
/f.

imberbe coperta dalla
ti-iga

Komani
si

essi

abbandonata

SVUNkT.

Vittoria che guida una

rifuggiarono in Sessa e iri

fortificarono (Liv. Vili, 15).
I

di cavalli; nell'esergo SVUDIIJIR (Minervini, Bull. arck. nap.
an.
6. I tipi

La

cittìi

abbandonata fu quindi presa

e disfatta dai Sidicini

:

IV

tav.

IX

n.

4).

moenia antiqua eorum urbemque ab

SUlicinis deletam.
il

non sono diversi

da

quei della moneta precedente,

Così ebbe fine Aurunca e cominciò Sessa a darsene

so-

manca però

l'epigrafe nel dritto e solo si legge nell'esergo

prannome

;

quae nunc Aurunca appellata,
il

scrisse Livio.
7.

del riverso SVMflhT.

2-4. Sono qui rappresentati tre esemplari,
cheriano,
il

primo è nel Kiril

Testa di Apollo laureata e volta a d.

ivi

JIVI/IFil-T.

B.

Bue

secondo nel Museo Britannico,
Tutti
gli

terzo

nel
8,9.

androprosopo a

d.

sopra lira nell'esergo SVUDIIJIR.
d.

Museo

Santangelo.

esemplari

cbe

si

conoscono

Testa di Mercurio volta a
davanti

dietro

un

astro e astro

il

caduceo,
di
sopra,

finora sono logori.

JIVUNIT.

B.

Bue androprosopo,

Nel

dritto v' è la testa

di

Apollo

coronata di lauro e

}IVHI>II51I(^)

nell'esergo. Nella

mia collezione

vi è

un esem-

Tolta a sin. dietro ha
sin. di

una patera.
di

B. Delfino

nuotante a

plare con due tagli profondi di contromarche sul volto del

sopra mi>ll/lNqNN

sotto

^ll>l>INNW.

Nel secondo

Mercurio, che

io

qui rappresento

(n. 9).

esemplare la leggenda
sia l'I

è WV>ll'IN^NN

dove sembra che vi
terzo
il

10,11. Testa di Apollo volta a sin. davanti

9MV\WT.

R.

Bue

andi-o-

in

monogramma

coll'Ud.

Nel

nome

del

ma-

prosopo a

d.

coronato dalla Vittoria, la un mio esemplare
si

gistrato è ^IIJDIRUI dove l'N

non

si

raddoppia come nel
Jl

conservatissimo

legge >IVHRiT. Lo do inciso

(n.

11) per

numero
diis). lì

2, e il

secondo

>l

è

scambiato erroneamente in

[Mac-

conferma

di cotesto

scambio del

>l

e del

51

il

quale s'in-

magistrato è Maccius,

nome

raro che io non ne

contra come ho detto anche in ^IIJDINWI talvolta scritto in

ricordo più che
di recente
la

un

solo

esempio ed
degli

è in

una lapida trovata
1881
p.

luogo di
12. Testa di

^ll>l>INkM.

in

Pompei (Giorn.

scavi,

141),

Minerva coperta dall'aulopide volta a
d.,

sin.

R. Galla

quale correttamente a pag. 324

si

legge così:

che canta a

dietro astro, avanti

TIANO.

C
r

TILLIVS

C MACcivs
II

F
r

RV
F
• •

ITER

selas
Calvi dopo
nell'anno
di aver

CALES
combattuto
ai e

VIR

IVR

DEIC

EX

D D

FAC

COER

distrutto

Aurunca
presa

419 mosse guerra

Eomani,

e fu vinta,

TIANUM SIDICINUM
Una
dalle
e

e predata dal console
sciato

M. Valerio Corvo. Vi fu
fin
1,

inoltre lasi

a

guardia un presidio

che non

vi

collocò
il

splendida prova dell'arte osca di Campania
di

ci

viene

nell'anno
di Cales
la storia

420 una

colonia {Veli.
fatti

14), che prese

nome

monete
li

Teano

sidicino.

Veneravano

essi

Ercole
ri-

Ausonum. Dei
è

e del

governo di Calvi libera
ci

Apollo e

rappresentarono sulla moneta ponendo nei

muta.
i

Della sua prosperità,
vi fecero

fa fede Livio,

versi dell'argento la triga

come

i

Caleni, e nel bronzo po-

ove nota, che

Romani

ima preda ingente: monete
e
i

ma
suoi

sero Mercurio col toro androprosopo dei Campani.

È

sin-

dell'epoca in che fu colonia parlano le sue
fittili

golare che
e che

il

loro Mercurio porti
di

un
le

pileo largo, acuminato
ali

donde apprendiamo

l'alto

grado

di

coltura

a

che

pare intessuto

paglia,

che

si

vedono nel

era giunta.

Mentre

le famiglie

dei Canulei, degli Atilii e

pelaso del Mercurio di Sessa vi sono omesse. Questa città

dei Gabinii erano venuti in tanta
creta,

fama pei loro lavori

di

venne in potere dei Eomani dei quali aveva implorato
l'aiuto contro
i

quanta ce la rivelano
il

il

gran commercio che se ne

Sanniti e

i

Greci

;

e nella

guerra annibalica
finalmente vi fu
i

faceva per tutto

Lazio, in Etruria e in Sabina, la zecca

essa ne era la prinoipal

piazza d'arme:

coniava quei didrammi, che fanno oggi così bella mostra
nelle raccolte numismatiche.

dedotta una colonia da Augusto. In tutte le monete
nesi fanno uso della lingua osca,
se

Tia-

La Pallade
a

è di

stUe perfetto,

ne eccettui soltanto

e la Vittoria in triga lanciata
il

gran corso ben sostiene

quel bronzo che ha per tipo la testa di Minerva e al riverso
il gallo,

confronto dei bassirilievi del Partenone. Il bronzo sembra
dell'argento,

dove ancora l'epigrafe

è

latina

TIANO.

Cotesto

più antico
la lettera

nel

quale solo s'incontra spesso
I due

tipo si vede

comune ad

altre città fra le quali

Napoli vi

U non acuta ma media forma.

metalli

adopera l'argento, e ritiene la propria lingua, che è la greca,
Telese
e

sono tagliati sul sistema della Campania,

come quei

Venafro la osca, Caiazzo,

Calvi, Sessa,

Aquino

Sessa e Tiano,

ma non

si

conoscono frazioni.

È

nota una

mo-

la latina.

Teniamo come verosimile, che Napoli
che
ci si rivela dalla

stesse a capo
tipo,

neta di confederazione fra Calvi e Napoli (Tav.

LXXXV, 32).
è ribattuto

di questa alleanza
e

comunanza del

In un bronzo napolitano di mia collezione che

che mancando a Napoli la corrispondente moneta di bronzo
tipo,

sono tuttavia visibili alcune lettere della leggenda in greco
alfabeto

con tal

sia

avvenuto che
si

si

confederassero ad uno
piìi

KAAE

(Tav.

LXXXV,
di

30).

scopo nell'epoca in che non

coniava

l'argento in

13.

Nel Ejrcheriano.

Testa

Minerva coperta dell'aulopide
d. sotto al collo

Sessa e Calvi. Sembra anzi che Aquino, Telese e forse anche

con corona in rilievo sulla cocca volta a

0,

80

CAMPANIA

T.

LXXXin

dietro

ferro

di lancia.

B.

Vittoria

che guida una biga,

le si attribuisce

non

si è

mai trovata

in

Campania

:

si

cerchi

nell'esergo
14.

CAUENO.
Lo
stesso tipo che al n. 13 suU'aulopide è

nella

Brezzia fra le locresi. Nel Museo di Parigi vi fu
d'oro, della quale ebbi

Mia

collezione.

un
è

una moneta
indorato
bouillet,
:

dubbio che fosse d'argento
il sig.

grifo, sotto al collo

un B

dietro

un pentagono. L'epigrafe

il

Cohen interrogatone da me, presente
il

Cha-

uscita di conio.

La

lettera

U

d'ordinario è della forma detta

non volle dare

suo avviso.

Ora

la

monetina

media

cioè

né acuta né normale.

messa
dittico. R.

in luce dal Poole, della quale

non possiamo dubidi contro-

15. Testa di Apollo Tolta a sin. dietro

uno scudo

Bue

tare, se

non ne dubita

l'editore,

ha posto fuor

androprosopo coronato dalla Vittoria, nell'esergo CAI'ENO.

versia che in
e
il

Cuma

fu una volta battuto l'oro. L'alfabeto

La
16.

lettera

I'

nel bronzo è sempre acuta.

dialetto del quale si serve

Cuma

è quello
è a

primitivo
:

17. Testa di

Minerva volta a
Gallo che
(n.

sin.

davanti
d.

(n.

16) CAl'ENO,

dei Calcidesi

nel quale la

lettera
il

sigma

tre aste l

dietro A.
(n.

7?.

canta

a

dietro

astro,

davanti

però vi fu introdotto anche

più recente alfabeto nel quale

16 A),

A^EN^

17).

È

opinione del Minervini {Oss.

questa lettera ha la forma cosidetta dell'arco scitico 5. Fra
i

p.

23, 24) che quell'A del riverso e del dritto, maggiore

tipi delle

monete

è singolare quello

che esprime tre teste
e le

delle solite lettere, dinoti l'iniziale di
sia questa

Aqicinum

e

però che

di fiere, l'una di fronte che sta nel
di profilo.

mezzo

due

laterali
p.

moneta

di

confederazione.

Al Millingen [Anc. coins

pi. I p. 4,

ConsuL

121)

18.

Nel Museo

di Vienna.

Testa giovanile volta a
canta volto

d. coi capelli

parvero tutte e tre teste di cinghiali e ricordò l'antica pretensione dei
denti del

annodati alla nuca. R. Gallo che
astro, davanti

a

d.

dietro

Cumani

di possedere nel

tempio di Apollo

i

CAUEUO. Parmi

che sia una contrafazione in
si

cignale di Erimanto.

Ma

è certo che la fiera di
i

argento della litra od obolo di rame, a cui
il

è

cambiato

mezzo

è

un

leone.

Par quindi chiaro che
tre
fiere

Cumani hanno
quasi
si

tipo del dritto: ne fo autori

i

Galli cisalpini.

messe insieme queste

di natura discorde

in domestica compagnia per rappresentare un mito, qual

CUMAE
I Calcidesi di eolica

è quello delle le

stalle

di Circe,

donde ancora hanno presso

rappresentanze di Scilla cambiata da Circe in mostro
e vi

Eubea dopo aver

rifabbricata in Asia la
e in

marino

hanno figurato Glauco, per

le relazioni

sue con

Cuma

vennero nelle nostre terre,

prima

si

stan-

Scilla che provocarono la vendetta di Circe e

perchè era

ziarono in Aenaria, detta da

Omero Inarime

e dai

Greci

favola Euboica donde
Virg.

i

Cumani traevano

origine (Serv.

ad

d'Italia Pithecusa, oggi è Ischia:

ma non

guari dopo abban-

Ed. VI, 74): Glaucus deus marinus,

dum
in

ipse

amare-

donata l'isola presero stanza in terra ferma, e vi fondarono

tur a Circe et

eam

contemneret:

illa irata,
;

fontem in quo

Cuma. Loro colonie furono Dicaea, detta anche Dicaearcliia,

Soylla solebat se abluere infecit venenis
soendisset puella inedia

quem cum

deest.

Palaepolis e Neapolis.

Fondarono anche Zancle in
il

sua parte in feram mutata
io

Sicilia l'anno

primo della Olimpiade XIII che è
fondazione di

tren-

Per

tal

motivo accetto ancor

che sia Glauco col Cave-

tesimo dalla

Roma
li

(Tucid. VI, 4). Sostenrespinsero con l'aiuto di
di

doni {Spie,
sti!.

numism.
806)

p.

14

e

301), col

Luynes {Ann. Inp.

nero gli attacchi dei Tirreni e

1830

p.

e col

Millingen

{Sìjll.

13),

il

quale

Gerone

I,

non pertanto soggiacquero all'ambizione
il

uno

prima {Recueil,
cetto, dico,

p. 3-6)
il

aveva stimato che fosse Aegeon, acsia

dei loro prodi generali Aristodemo
il

Malaco, che ne usurpò

che

mostro

Glauco. Il Cavedoni

(1.

oit.)

governo. Tarquinio Superbo vi prese soggiorno dopo la

aggiunge, che Glauco tenevasi padre di

Deiphobe, Sibilla
stesse spiagge

disfatta al lago Eegillo e vi

morì l'anno 259.

I Sanniti in-

cumana. Gli Allibani che abitarono

le

cu-

vasa

Campa

nel 319, e impadronitisi di Volturno nel 331,
d'assalto nel 335, e vi fecero massacro dei

mane rappresentavano
stra

Scilla in atto di portare colla sini-

presero
cittadini

Cuma

un

delfino e colla destra

un

polpo; le protome dei cani

costringendone

molti a trasferire la loro stanza

latranti si

levano dalle spalle soltanto, ovvero anche dal-

in Napoli. Essi però vi

dominarono per pochi anni essen342. Dal confronto di due

l'inguine, essa talvolta gine, e

ha

il

torace coperto di marina lanuvestito di peli. Eitornando al cignali è d'uopo avvertire, che
p.

done

stati scacciati nel

nummi,

Glauco ha

il

mento
ai

l'uno dei quali coi tipi campani congiunge l'epigrafe

Cume-

tipo del leone in
il

mezzo

nis (T.

LXXXIV,

6) e l'altra di simil fabbrica (T.

LXXXI, 14)
ci

Millingen l'ha poi tacitamente riconosciuto a

231, 232,

che cambia l'epigrafe in Fiscinis, possiamo dedurre che
fu un' alleanza
cora
il

dove riporta una novella spiegazione del Cavedoni {BuUett.
Instit.

f^ a i

Cumani

e

i

Pistelini, e

troveremo an-

1840

p.

9),

che nel leone vorrebbe trovare una re-

motivo della conchiglia marina dei cumani presa

miniscenza della Dicaearchia, fondata dai Samii, e di più

per tipo dei Fistelini, popolo mediterraneo, come è dimostrato appresso.

una

loro alleanza.

Ma

il

Cavedoni non ha considerato che

Un nummo
l'epigrafe

veduto solo dal Mionnet rap-

col leone
ciò

simbolo dei Samii vi sono due cignali, che per

presentante da un lato mezza ranocchia e dall' altro una
conchiglia
u. 139) del

dovrebbero dirsi simbolo, se non adoperato dai Samii,
ciò

con

KVAAE
5,44
è

(Mionnet,

I

p.

114

almeno dei Cumani,

che non sappiamo come
il

si

possa

peso di gr.

sembrato
loro

al

Mommsen

provare. Però fa senso che

Millingen abbia considerato

battuto sul sistema eginetico.

La

moneta

è lo statere,

questa congettura non solo come ingegnosa, più verisimile di quante
19. Parigi, nel Gabinetto
si

ma come me

la

che dividono in sesti e dodicesimi. Coniarono l'oro e l'ar-

erano proposte.

gento non però

il

bronzo

:

la

moneta

di questo metallo

che

deUe medaglie preso da

a calco.

T.

L5XXIV

CAMPANIA

81

Testa della
ìndi O.

Cuma

volta a d.

i?.

Conchiglia e intorno 3AAV>I

che per divorare la conchiglia gitta dentro alle aperte sue
valve un
sassolino, e cita

Una moneta

simile fu da
il

me

veduta anche nel

Mu-

per ciò Oppiano,

Halieut.

II,

seo di Torino e ne presi

calco.

Ora fattane ricerca per

ver. 169-180.

conoscere
i

il

peso e prenderne esperimento se di puro oro,

direttori dei
si

due Musei mi hanno

fatto sapere

che

ivi piìi

non

trovano. Il

Cohen prima non

volle, interrogatone

da

Tav.
I.

me, dire che ne pensava. Nella collezione Santangelo se ne

LXXXIV. Testa di Cuma
Cerbero
n. 4; cita

volta a d.

R.

Conchiglia e sopra di essa un

ha una con
dritto.

la testa di

Minerva coperta
il

di

aulojjide

sul

Cerbero a due teste: intorno KYN\AION. Il Millingen dà al
tre teste (Syll. of ano.

Questa come ha ben avvertito
di recente.

Fiorelli nel Catalogo

Greek Coins
il

p.

10

pi.

1

è

dorata

Forse

le

due monete saranno state

Considerat. pag. 126). Egli ricorda
(v.

Cerberium e

riconosciute per tali e sottratte.

Scimno

340, ed. Muller), che lo dice oracolo sotsi

20. Nel

Museo

Britannico. Aulopide volta a sin. R. Conchiglia

terraneo, vjzoyfiòviov navTEÌov, dove Ulisse

recò ritornando

e intorno 3AAV>I. Il Poole (Catal. 85, 1) attesta che è d'oro

da Circe.

Non mi
Cuma.

par probabile

il

sospetto del Letronne e

del peso incirca di 0,32.

di altri che si riferisca all'impresa di Ercole.

21.

Nel Museo

Britannico. Testa di

Cuma

con monile

al collo

2-4. Testa di

R. Conchiglia e acino di grano. L'epigrafe

e tenia intorno ai capelli.

R. Conchiglia sopra della quale

è n. 2 l/i01A/V\Y>l, n. 3 (KV)/V\AION, n.
n.

4 KVMAION. Questo

sorge una palma e intorno vi è scritto KVAAE. Pesa gr. 7,58
(Poole, Catal. p. 85, 2).

4 è della

collezione mia

e

si

rende singolare per la

lettera

5

alla

nuca della testa nel

dritto.

Ve

n'è

un esempio

22. Nella collezione di Luynes. Testa di
sollevati
alla
lì.

Cuma
il

a d. coi capelli
capo; davanti
di
5.

anche nel Museo Britannico [Catal. 87, 116).

nuca dal nastro che cinge
di leone di

Mia

collezione. Il Minervini l'ha da

un

altro esemplare [Bull.

KV/V\E.

Protome

mezzo a quelle

due

ci-

ardi. nap. Ili tav. Vili, 3).
lezione Luynes. Testa, di

Ve n'è un
a
d.
/?.

terzo nella col-

gnali. Il
di

Millingen vi ha veduto invece

la testa o spoglia

Cuma

Bue androprosopo
ripetuto due

un

cignale fra le spoglie di due fiere domate da Ercole

coronato dalla Vittoria; nell'esergo
volte per sbalzo del conio.

KYCOAION

(Considerai, pag. 126, 127).

23.

n

disegno che ho inciso

deriva da un zolfo.

La protoma

6.

Nel Museo

di Napoli.

L'ha pubblicato
Ili,

il

Fiorelli [Ann. di

del leone e dei due cignali stanno qui sul dritto rimanendo
sul riverso la solita conchiglia e con essa

numism. 1876 Tav.

5) dall'esemplare

medesimo che
la

un turbine maKV-

-porta nel dritto la testa di

Cuma

e al

riverso

conchi-

rino: intorno si legge due volte per isbalzo di conio

glia e sopra un acino di grano eolla epigrafe che io leggo

MAION.
24.

IW\ B'I'IV!) precedente

una linea che sembra improvvidamente
il
>l.

Da un
essa
il

zolfo.

Testa di

Cuma

a d.

R. Conchiglia e sopra di
e
7.

staccata dal D col quale doveva unirsi e formare

mostro Scilla cinta intorno di cani che latrano
in

Testa di donna volta a
di sotto

d.

R. Conchiglia e sopra

un

sorcio:

desinente

coda tortuosa di pistrice, in alto MOIA/V\V>l.

KVUAI.
di Firenze.

25. Nel

museo

di Milano.

Testa di

Cuma

volta a d.

R. Con-

8.

Nel Museo una
testa

Testa di donna. R. Conchiglia e sopra
è l'epigrafe

chiglia e sopra di essa

un busto d'uomo barbato desinente
9.

d'uomo barbato: intorno

KV((0AI)ON,
d. R.

in coda di pistrice; di sotto KV/V\(AIO)N.

Testa di

uomo barbato

coperta di aulopide e volta a

Con-

26.

Da un

zolfo.

Se ne ha un esemplare nel museo Britannico

chiglia e sopra KV.

[Catal. p. 89, 27). Testa di

Cuma

volta a sin. R. Conchi-

10. Collezione Santangelo. Testa giovanile

imberbe coperta

di

glia e sopra di essa

il

mostro Scilla con indosso una corta

aulopide e volta a
plare è dorato.

d. R.

Conchiglia e sopra KV. Questo esem-

veste tessuta di lunghi velli ed epigrafe 27.

KVMAIOld
coperta di

NI.

Nel Museo

di Napoli. Testa di Pallade

galea

II. I tipi sono simili a quelli del n. 10: v'è di piìi nel riverso

laureata e volta a d. R. Conchiglia e sopra di essa
e MOIAW\V>l.

un serpe

una conchiglia pecten, sopra
intera KVCOE.
12.

la solita conchiglia è l'epigrafe

28. Coli. Luynes. Testa di Pallade coperta di galea laureata e
fregiata della civetta volta a sin. R. Conchiglia e sopra di

Nel Museo Britannico
stessi

[Catal. p.

88

n.

17). I tipi sono gli

che

ai nn.

10 11,

ma

l'epigrafe del rovescio è re-

essa

un acino

di grano, sotto

OMOIAWV)!. Torna qui
il

quel-

trogada e tronca AAftV)!. Sul corpo della conchiglia v'è scolpito

rO
29.

che abbiamo veduto nel n. 1
ci

cui valore egualmente

un

AA.

Pesa

gr. 0,77.

che quello della sillaba NI

è ignoto.

13. Avell.

Op. 11, tav. Ili, 13.

Elmo

aulopide. R. Conchiglia

Nel Museo Britannico. Testa

di Pallade

coperta

di

elmo

e

(KV)M.
Op.
II,

laureato volta a d. R. Conchiglia e sopra di essa

un cane

14. Avell.

tav. Ili, 3. I tipi

medesimi che nel

n.

13.

pomerano che va a

sinistra

camminando sopra una linea con15.

L'epigrafe è FV. Pesa gr. 0,10.

cava: intorno KV/V\AION.
30. Coli. Luynes. Testa di Pallade coperta dall' aulopide volta
a d. intorno
colle

Kuota a

tre razzi con tre globetti negli intervalli. R. DelCatal. 89, 24).

fino e sotto V>l (Poole,

Pesa

gr. 0,12.

KWVAION.
la

R. Granchio marino che sostiene
si

16.

Elmo Elmo

aulopide.

R. Conchiglia e V>l (Id. Catal. 89, 25).

Pesa

due chele

conchiglia. Questo tipo

spiega dal
17.

gr. 0,06.

Millingen come un apologo tolto dall'istinto del granchio

aulopide volto a

sin.

R. Conchiglia (Minervini, Bull.

82

CAMPANIA

T.

LXXXIV

ardi, napol. Ili,

XH, 4

;

Oss.

IV, 4). Nel Museo Britandi gr. 0,32

perchè noi abbiamo una moneta napolitana con
tale

tali tipi e
(

nico ve n'è

un simile esemplare del peso

con

letteratura
6).
e

ribattuta

dalla

zecca

d'

Hyrium

tav.

l'epigrafe KV63E. Il Minervini {Oss. p. 34) osserva che po-

LXXXIX,
sig.
rie,

Vi ha una monetina da

me
lato

letta presso il

trebbe essere anche di Napoli

:

ma

i

tipi della galea

plu-

Eiccio

illustrata nel Bull. Arch. Napol. fnnova se-

tonica e della conchiglia del Lucrino sono

cumani.

1852

n.

3)

i

cui tipi sono da

un

una

testa giovitulino,

vanile sulla cui fronte

spunta

un piccolo corno

NEAPOLIS
I

ed ha intorno la leggenda SEPEI0OS: nel rovescio è una

donna alata sedente accanto ad un monumento, ed ha da

Cumani avendo presa
Miseno mandarono

terra

all'

occidente del promon-

presso un'urna giacente al suolo. Quel fiamicino che

i

latini

torio di

tre loro colonie a pigliar stanza

costantemente scrivono Sebethus e fra
il

i

Greci Teognosto (58)

a mezzodì del medesimo lungo la riviera del cratere e furono
Dieaearchia, Palepolis e Parthenope detta anche Neapolis

chiama ^éfiidog voluto cambiare dal Lobeck (PathoL
^e'iSrjdoc,
si si

pag. 365) in
sta

è poi finalmente

appreso da que-

quando

vi si stabilirono

i

Calcidesi, coi Pitecusani e cogli
o,

moneta che

appellò IsTteidog. I latini fecero sempre

Ateniesi, dice Strabene (V. IV, 7),

come

scrive Lutazio,

lunga la prima
è il citato

sillaba,

sembra però che
serbato

i
1'

Greci fra
s

i

quali

quando

i

Cumani

gelosi del

concorso dei popoli a quella

Teognosto abbiano
il

in quel luogo.
ci

loro colonia essendo venuti in deliberazione di distruggerla
e

La

radice e

significato di questo

nome

è

ignoto.

lavorando a tal fine ebbero ordine dall'oracolo di aumenciò

La
il

Sirena Partenope
figlia

non fu ninfa acquatica: ben però
che fu madre di Ebaio, e questa
Sebeihis
in quella
è

tarne gli abitanti

che

essi

fecero

e

col

nuovo nome
Virgil.

Sebeto ebbe una

v' instituirono feste

solenni (ap. Philarg. in

Georg.

è

che Virgilio chiama

Nympha

(Aen. VII, 735).

IV, 562). Questo avvenimento data dall' anno 307 in circa
di

Io ravviso la Sirena Partenope

donna alata che
tenuta per la forla

Roma. Essendo

poi nati tra gli abitanti dissidii e stando
i

siede accanto al suo

monumento. Essa

divisi da partiti

furono costretti ad accogliere anche

Campro-

tuna della Città la n'x»; nóXsoic, come
che però prende
ivi

Serena Ligoa,

pani in

civil società e affidarsi piuttosto
:

ad

essi
si

che

ai loro

anche

il

nome

di Terina.

È

loro attri-

prii concittadini

onde

è

che fra
cit.).

i

demarchi

trovano nomi di

buto r idria, nella quale raccolgono acque salubri e perenni,
che rendono lieta
e

osca origine (Strab. loc.

Questa ammissione di coloni di

felice la città lieti

e fecondi

i

campi.

versi è dimostrata dal dialetto ora cuboico, ora gionico nei

I Napoletani avevano drizzata

una statua

alla Sirena

Par-

nomi NEOPOAITAS:, NEOPOUitEilN, NEHP0H2:.;La forma
del

tenope e la sua testa posero sul dritto della moneta, ovver
quella di Pallade attica.
sia il Delfico,

sigma

è

doppia: essi

adoperano

il

5

che durava tut-

V

è

anche l'Apollo
i

sia il

Cumano

tavia allorché fu introdotto l'alfabeto euclideo, stante che
gli Ateniesi

per ordine del quale

Cumani ripopolarono

furono

piìi lenii dei

Dori ad accettare la forma

la città che volevano distruggere.

dell'arco scitico

S.
.

Così abbiamo

NEOPOUITHJ, NEOPOcambiato
il

Se Palepoli

e

Napoli erano due

città
e.

l'una presso del-

UITHS

e

NEHPOUS
il

Al 429,

erasi già

primitivo

l'altra e come afferma Livio (Vili

22) abitate da

un

sol

U

in A, se

Carilao della

moneta

è

quel medesimo, che
e

popolo,

duobus urbibus populus idem habitabat, non peri

aprì le porte di Palepoli ai

Eomani,

per altra via mise
la nolana. Allora

tanto ai Palepolitani solo

Eomani

attribuirono

i

danni

fatti

fuori la guarnigione sannitica e

rimandò

nell'agro

campano

e nel

Salerno

e contro essi soltanto rivol-

fu anche rinnovato

il

foedus noapoUtanum, del quale parla

sero le armi. I Palepolitani aveano chiamato a difesa della
loro città Sanniti e Nolani. Carilao e Ninfio che erano principi di quella città e

Livio (VIII, 26). Credevasi che una delle Sirene di

nome

Partenope gittatasi
nel

dall' alta roccia dell' isola

da

lei abitata

parteggiavano pei Eomani ve

gì' intro-

mare

sottoposto approdasse alle foci del Sebeto e quivi
i

dussero mettendone fuori Sanniti e Nolani. Si venne quindi

poi fosse sepolta, a cui

Napolitani fabbricarono un tem-

ad una nuova alleanza con Eoma.

Ma

Livio non l'appella

pio e instituirono feste e sacrifizii. Il fiume da Lieofrone
è

foedus Palaepolitanum, sibbene Neapolitanum, mentre a

chiamato Glanis

il

quale anche nomina la torre di Palerò,
e

Eoma
larità
poli,

si

trionfò, de Falaepolitanis. Tutte queste partico-

dove dice che abitò la Sirena,

dove ebbe la tomba.
all'

dimostrano che Palepoli altro non era che un'acro-

Ci sarà facile assegnare alcune monete
sizione nella quale si vede

epoca di tran-

una cittadella

di Napoli,

e

però
i

ivi

erano le forze
fatti.

una

testa muliebre coi capelli
il

militari e a lei sola si
e Ninfio, se sono

attribuivano
si

guasti

Carilao

sparsi e diademata di prospetto e al riverso

bue andro-

quei ohe

leggono sulla moneta, avremo

prosopo che va a destra o a
pari

sinistra.
il

Queste adoperano in
recente inscrivendosi

indi conosciuto quando furono emessi questi didrammi.

Po-

tempo

l'alfabeto antico e

pivi

tremo anche

opinare

che

la.

moneta

di

bronzo inscritta

NEOPOUITES,

ovvero

NEOPOUITH5,
si

ovvero

NEOPOAlTHg
sinistra

.

Pil/V\AlilN fu impressa all'occasione del foedus neapolita-

Ad

epoca posteriore

debbono assegnare quelle dove
o a

il

num

ad

onore

dei

Eomani

e a dichiarazione

del

patto.

bue androprosopo mentre va a destra
la testa di

volge

Della società coi Tarentini fanno prova le monete coi tipi
di quel popolo,

prospetto sorvolando una vittorietta, che lo incoil pivi

sebbene quando
si

agli aiuti

che

i

Palepolitani

rona. In queste monete l'alfabeto è sempre

recente,

se ne attendevano,

sa che furono delusi (Liv. Vili, 25, 27).

dove sono

le lettere H, il,

e la

A

e la

$ Ma
.

questa epoca
:

Abbiamo anche

dei bronzi col doppio

nome

di

Napoli e di

è di certo anteriore alla cessazione della zecca degli Iriani

Sessa, di Napoli e di Calvi: e una confederazione fu fatta

,

T.

LXXXIV

CAMPANIA

83

con queste due
lia e

città e iaoltre

con Compulteria, con Piste-

di essi coi quali è l'Eckhel {D.

n.

v. I,

138 segg.) tenendo

con Isernia, non prima però del 491, la cui espres,

che così fosse rappresentato
dalla

il

Bacco soprannominato Ebone
volesse rappresentare l'Ache-

sione io ravviso nella sigla 1$

nome dissimulato

dal capo

barba ;

l'altra

che vi

si
il

di essa. Sulla qual sigla di significato così controverso, che

loo fiume dell' Acarnania,

cui culto fosse trapiantato in

fu da

un

tale detta perciò

enimmatica, io non posso ravvidella natura
solitarii,

Campania

col prendervi terra la
lui.

salma della Sirena Partesi

sare, che

r iniziale
nomi
o

di

un magistrato

medesima

nope, ima delle figlie di

Questo culto non

potè in-

che

i

tanti

accorciati, talvolta

talaltra in-

trodurre in Napoli se non quando ebbe un tal nome, rimessa
in piedi dai

sieme con uno

due

colleghi. Trovansi
lE;

di fatti questi
e trascritti

Cumani,

e

ciò dovette accadere avanti al

319

esempi: IS, Piì; IS
dal Carelli e
collezione non
altro

1$,

OS,
,

KE veduti
(in

sia alla occupazione sannitica di

Campa,

anzi

prima che
i

dall' Avellino.

XA

monogr.) di mia

cotesta città fosse dominata dagli Etruschi. Perocché

Cam-

ben

letto

ISX

dal Carelli,

1$,

XA
26

yvt in
n.

pani allora coniarono col tipo del toro androprosopo e greca
epigrafe in pari
stra

mio esemplare. Nella
,

carelliana
letto JVB

Descr. pag.

185

tempo che

i

Napolitani, siccome ci dimo-

abbiano l§

NS, non

ben

dall'Avellino.

U

somigliantissimo tipo ed arte delle monete dei due

Cotesto IS se è

nome

di
si

magistrato, come ho proposto

popoli.

Non
i

si

sa se fu un'alleanza o qual altro motivo che
il

rimane a spiegare come
sospettato dal
sigla

trovi con tanti colleghi.
iììstii.

Pu

già

inducesse

Campani ad adottare

tipo napolitano. Allora

Cavedoni {Bidl.

1850

p.

197) che la

fu ricevuto anche in Hyrina ed Alife, poscia lo copiarono

le

si

riferisse

ad una moneta convenzionale di quelle
lo stesso peso e valore

Cuma
e

e

Nola, e vi aggiunsero la vittoria coronante

il

toro,

regioni

che

avesse

per tutte le

che però deve credersi già introdotta dai Napolitani in segno

città e però dovesse spiegai'si 'I^ódooTrog 'I-ririi.(og 'I—6vo!.ioi

memoria

dei giuochi instituiti in onore

deUa Partenope.
filza di

in simile modo.

Ma

in tal

caso panni, non
cifre e

si

sarebbe

18. Collezione Luynes. Testa di
ai

donna cinta da ima

perle

dovuto vederla confusa con altre
scritta.

non interamente

capelli e al collo con pendenti di perle all'orecchio dentro
di olivo, volta a destra.
ai fianchi di

una corona

R.

Mezzo bue andro-

L' elefante asiatico messo per insegna su di un
e sulla corrispondente

didramma

prosopo che nuota cinto

zona gemmata, intorno
di cotesto

dramma

c'insegna che anteriormente

NEHPOUS. Pesa
Ed. VI, 40, 41):

gr.

7,60.

Al costume

cingolo

agli appresti per le guerre annibaliche si era cominciato a bat^

bullato intorno al corpo allude Calpurnio

Nemesiano {Bucol.

tere la

dramma. Allora anche dovettero imprimere quella mo-

neta di bronzo che ha per tipo una testa di ritratto coi capelli
a doiso quae totnra circoit alvum
corti e ricci, e quell'altra che porta

un personaggio cavale

Alternai vitreas lateralis cingala buUas,

cante coperto di

un

pileo a larga falda

con un para-

zonio sotto l'ascella sinistra, avendo pur la destra elevata.

dove cingula nom. sing.
tando
s.

è detto il cingolo degli animali,

no-

Non

è

un Dioscoro che non avrebbe portato

il

parazonio

Isidoro che: cingula

homìnum, cingulas animalium

sub axilla,
propria di

ma

la lancia in

pugno: ha però un'attitudine non

diciinus. Il Minervini attesta{ Oss. p. 67), che un tridi'ammo con

uomo

privato, la destra in alto. Io vi riconosco
di Pirro

questi tipi ed epigrafe fu posseduto dallo Spinelli principe di
S. Griorgio.

una statua equestre ad onore

venuto nel 473 in

L'esemplare che qui pubUco
Spinelli passò a
il

è quello

appunto, che
è di-

soccorso delle colonie greche di Italia. Egli è rappresentato

daUa collezione

queUa del Luynes, ma

come

nelle

monete siracusane
1 n. 16):

(Eaoul Rochette
la

Mem. de

dramma. Questa moneta porta
non degli

nome

della città NsrjTvoXic,

numism.

Il, pi.

ma

elevazione della destra

abitanti che si dicono

NsomlÌTut. Al Ner/TTohg

dimostra che viene a liberare.

fa riscontro IIulm'TzoXig

non nalaiónoXi^. Strabene scrive

È una

singolarità fra le colonie greche della

Campania

il

Nsàjioh:

e NsccTiolTrca in
greci.

comune

dialetto, e così generalil

diobolo di bronzo o dilitro che voglia dirsi, di cui ora conosco più di
coi tipi

mente

gli scrittori

Pa

senso che
citi

Berkelio nelle

un esempio. L'hanno
testa di Apollo e
il

battuto anche

i

Eomani
:

note a Stefano bizantino (pag. 584)
attesta aversi d'ordinario presso
i

lo

Spanemio che

deUa

leone al riverso
i

il

suo
in

negozianti monete inscritte

peso è di gr. 12,00. I magistrati pongono
sigla,

loro

nomi

NEAnOAITilN, ma anche
Perocché altra leggenda

in alcune leggersi
di

NEOnOAE.TilN.
si

anche sul bronzo come
io

si

è veduto, ovvero interasei:

questa

epoca non

ha che

mente. Di questi nomi

non ne conosco sull'argento che
,

NEOnOAITilN,
19.

e

di rado

NEOnOAlTEilN.
di Pallade coperta di

APTEMIOV, TNAIOY, AIO(l)ANOYS
Klill,

XAPIAEil

,

TAV-

Da un' impronta in zolfo. Testa
reato a d. R.

elmo lauil pie' si-

OAVMPIS
è stato
:

:

onde appare che fu libero inscriverli in

Bue androprosopo

a d. che ritira indietro

caso retto ovvero in obliquo, genitivo e dativo. QuelF'J^irftiiov

nistro anteriore, e leggenda di sopra

NEfOUT, a

destra 9 nel-

trascritto
i

finora

ARTEMIA,
da

e

così si è letto

l'esergo 5 e a sin.

un

delfino.

Un

esemplare del Museo Britan-

XAPIAEilS

vari

esemplari

me

veduti

leggono

nico legge egualmente [Catal. 92, 1)
l'esergo S e a sin.

NEPOUIT, a destra 3

nel-

XAPIAEil, come ho attestato.
Napoli è la

un

delfino.

prima che introduce in Campania

il

tipo

20-22. Pongo tre riversi
confronto, che ne

di

altrettante

monete a motivo

del

del toro androprosopo e lo rappresenta in seg^iito coronato

porge

l'epigrafe, la

quale nel n. 20 è

da una vittorietta sospesa a volo.
simbolico
i

A

spiegare questo tipo

rEOnOAIT,

in fine

HS

,

y.iovr^dóv,

nel n. 21 è reti'Ograda al
ai nn. 23, 24, 26, 29,

numismatici

si

sono divisi in due schiere, l'una

pari del n. 22 e (Sovatqo(fi]Sóv,

come

n

H

.

84

CAMPANIA

T.

LXXXV

e leggendosi
si

boccone

nei

nn.

21, 22 invece

di

§

,

che

gambe

81,

nell'esergo

NEOPuAITilN,
didramma

L'insegna dell'ele-

ha nel numero

20. Dai quali

esempi

si

può dedurre

fante dinota che cotesto

fu battuto dopo l'ar-

che la finale
Colla

S

si

rappresenta talvolta giacente come un
i

M.

rivo di Pirro.

medesima giacitura scrivono
e

Campani

il

S

or boc-

34. Coli,

mia

fior

di conio. Testa di

donna diademata con pencoronato

cone or su di un fianco,
che mal
ci

quindi anche couchiuderemo

denti e collana volta
dalla Vittoria
:

a d.

/?.

Bue androprosopo

siamo apposti finora credendo doversi leggere
in genitivo

nell'esergo

NEOnOAITHg
didrammi sono
i

KAAAnANO/V\

plurale

di

osco dialetto. Ivi è

35-38. Coli. mia. I
cedenti:
i

tipi di questi

simili ai

due pre-

KAMPANOS
23.

tutto greco.

simboli e le epigrafi sono

seguenti: n. 35. Die-

Museo

di Napoli.
il

Testa di donna messa

di prospetto

coi

tro la testa della donna coperchio forse di un' ara accesa,
forse della incudine
collo

capelli sparsi e

capo cinto di larga fascia. R.

Bue andro-

su cui

si

conia

la

moneta, sotto al
n.

prosopo

volto a sin. e sopra

NEOPOUI
H non A
:

;

nell'esergo iET.

APTEMIOY.

R.

OE

nell'esergo

(NEOP)OAIT;
gambe

36.

L'introduzione della vocale lunga
il

trasse seco

dunque

Dietro la testa una giovinetta daduca con due fiaccole nelle

cambiamento del lambda U

in

perocché noi troTÌamo
più recente dell'

mani, sotto
neir esergo

il

collo

APTEMI.
;

R.
n.

Tra
37.
il

le

del bue N,

l'antico

U congiunto

colla

ortografia

NEOHOAITilN
d'uva,

Dietro
collo

la testa della

euclidèo.

donna un grappolo
Testa simile alla precedente.
nell'esergo ^HT.
R.

sotto
;

A10(1)AN0Y§.
gambe

24. Coli. Luynes.

Bue

volto

R. Nell'esergo

NEOPOAITilN

n. 38.

Dietro la testa della
R.

a

sin. e

(NE)OnOH;
si

La

lettera i anteriore
colla

donna una daduca, sotto

al collo

PAPME.

Tra

le

alla

§

trova qui e nei nn. 23, 25, 26 congiunta

del bue un'ape, nell'esergo

NEOPOAITIIN.

L

e colla

E per H.

Ma

si

è già avuto esempio del

§

con-

giunto ad H ed U in
25.

NEHPOUIS

del n. 18.

Museo Britannico
larga benda

(Catal. 92, 3).

Testa di donna cinta di

Tav.
1,2.

LXXXV.
Le due monete rappresentate qui
compiono
ramente
la serie delle
scritti

dalla quale

presso alla fronte spuntano due
di lauro.

dalla sola parte del dritto
di

foglie e dimostrano R.

una corona probabilmente
a
d.,

monete insignite
piti di

nomi

o inte-

Bue androprosopo

sopra una conchiglia pecteti e

ovvero in

una

sillaba e solite citarsi

l'epigrafe

NE)OnOL.ITES.
{Catal.

da coloro che trattano definire se questi siano nomi di ar93, 4).

26.

Museo Britannico
sin.

Testa di donna volta a
e

tefici dei

conii ovvero di magistrati. In
si

primo luogo
V

vi è

dietro

alla

nuca A.

R.

Bue androprosopo

sopra

XAPIAEil

vorrebbe che costui fosse quel Carilao che con

NEOPOH{T)
esempi (V.
il

tra le

gambe

del bue iA. Questa desinenza

Ninfio, a cui si attribuisce la
di Palepoli ai

moneta

col

N

aprì le porte

in as notata già dall'Ecthel ci è

confermata anche da

altri

Romani escludendone con
pongo
il

arte la guarnigione
si
il

Catalogue

cit.

pag. 97, 98 nn. 39, 40, 41).
di

sannitica. In secondo luogo

NionoXir che

legge

27. Coli. Santangelo. a
d.,

Testa di
R.

donna cinta

diadema volta
volto a sin.

in

un esemplare

al quale

non manca sul riverso

nome

davanti
;

IAOTOEU.
nell'esergo
tav.

Bue androprosopo

NEOnOAITilN.
di popoli

Si

hanno anche qui nelle mie tavole monete
si

sopra n031/l
di cavallo

un serpe marino
33).

ideale a testa

che vi
;

inscrivono ripetutamente sul dritto e

(cf.

LXXIII,
d.

sul riverso

ma

è notabilissimo
si

che questo
i

Nsonahr

abbia

28. Testa di donna volta a

R.

Bue androprosopo
i

a sin. sopra

preso posto dove
sone.
3-5. Si danno

sogliono leggere

nomi

proprii di per-

NEOPO.

In questi due numeri 27, 28
e

capelli corti e la

omissione dei pendenti

della collana sono singolari.

Era
si

esempi

di piìi

nomi

inscritti sul dritto n.
e

3

§ TA, X
n.

:

pertanto tradizione che Partenope approdando a Napoli
tagliasse
i

veramente insieme sul dritto

sul riverso
di

4 OA,

capelli.

OAYM(PI§
non
6.

).

Al

n.

5 v' è

un esempio

nome OYIA, che

29. Avellino, Opuso. II, 3, 5. Testa laureata di Apollo volta a d.
R.

è di greca origine.

Bue androprosopo a

sin.

sopra n03(M); nell'esergo

THS.

Coli. Santangelo. Testa

muliebre cinta di largo diadema
fronte,

ri-

80. Collezione Santangelo. Testa di donna cinta di diadema volta

camato a meandro e annodato sulla

con orecchino

a d. R.

Bue androprosopo

e sopra

MEOI.

a tre pendenti, TQiyhjvr], volta a d. R.
volto a d. coronato
dalla Vittoria:

Bue androprosopo

31. Collezione Luynes. Testa di donna di prospetto coi capélli
sparsi
e decorata

nell'esergo AOIPYiiNA.

d'alta

stefane

con palmette

e pegasi e

La

publicò

il

Minervini (pag. 71), che vi lesse un' epinei due esemplari
allora noti

una

filza di perle

intorno al collo. R.

Bue androprosopo

co-

grafe di
(Oss.

carattere punico
t.

ronato dalla Vittoria, tra le

gambe fAVZIill;

nell'esergo

num.

Illn. 4; VII, 3, pag. 54).

Un

terzo esemplare

leggenda di carattere cieco per difetto di conio preso a
torto per fenicio.

nitidissimo si possiede ora dal sig.
basso. Osservati attentamente
i

Dom.

Bellini in

Campo-

caratteri di coteste monete,

32. Collezione mia. Testa di Pallade coperta di elmo ornato di

ecco

il

parer mio.
v' è

laurea e di una civetta.

R.

Bue androprosopo

volto a sin.

Non

dubbio che talune lettere espresse dal Minervini

e coronato dalla Vittoria: nell'esergo

NEOPOAIT.
nuca un
:

siano fenicie, o meglio puniche, e però non avendo consultato
l'originale si poteva solo discutere sul valore del senso. Il

33. Coli. mia. Testa di donna ornata di pendenti e di una filza
di perle intorno al collo volta a sin. dietro la
fante.
R.

duca

ele-

de Luynes se mai ebbe una volta questi caratteri per fenicii,

Bue androprosopo

coronato dalla Vittoria

tra le

come

al

Minervini

scrisse

il

Eochette {Oss. p. 56),

T.

LXXXV

CAMPANIA

85

certo parlandone

meco tenne un
il

contrario linguaggio. Ora

19.

Nel Museo Britannico
gruppo di
droprosopo
capelli alla

{Calai. 95, 21). Testa

nuda con grosso

considerata l'originai moneta

parer mio è che l'epigrafe

nuca

e lettera

A.

R.

Mezzo bue an-

tuttoché barbara e retrograda ostenta nuUadimeno elementi
greci e tali che si possono interpretare per

a d. sul cui dorso stassi una civetta: intomo

Nsvnoh,
prende
il

erro-

è la leggenda

NE(0)P(0)A.
{Calai.
d.

neamente
di E,

scritto Nsi'TTiol.
si

Dove

l'italico

II

luogo

20. Nel

Museo Britannico

95,

17). Testa di

Pallade

r

O

vede cambiata in Y, di ohe abbiamo

altri

esem-

coperta di aulopide volta a

ed epigrafe

0(3)1/1. R.

Mezzo

pi nel greco dialetto di

Napoli che però pare fosse l'eolico
21.

bue androprosopo

e intorno

03H.
18). Testa di Pallade e nella

quando fu coniata questa moneta. Anche l'Ahrens ha noverato
et'

Museo Britannico
collezione

{Calai. 95,

per eo

come

eolico

(de dial.

aeol.

pag.

103).

mia coperta
Luynes

di aulopide volta a d. intorno

0(3H).

Il novello

esemplare recatomi dal

sig. Bellini

la chiara

Nella

coli.

leggenda

è intera

NEO.
R.

R.

Protome

leggenda:
7.

AOPYiM.
Nel Museo
di Marsiglia lessi già in

del bue androprosopo volto a sinistra.
22. (Fiorelli, Mon. ined.
I,

È un
di

simile esempio di erronea leggenda iiE/vTOii in moneta

3).

Elmo

aulopide.

Conchiglia e

di bello stile.

moneta

sopra N.
23. 24.

Napoli chiaramente

NEOAHO.
di

Testa di Apollo coi capelli
in

corti volta a d.

:

sotto al

8.

Collezione Santangelo.
capelli ricci
;

Testa

ApoUo

cinta di laurea con
E. Cavaliere

mento API
il

mon.

R.

Ercole sulle ginocchia che strozza
n.

volta a d. davanti

NEOPO.

nudo

leone; sopra

(NEOP)OAITilN. Nell'esemplare

24 dove

con clamide svolazzante che armato di elmo corre vibrando

la leggenda è intera,

manca

il

monogramma,

e v'è al ri-

un
9.

giavellotto.

verso la clava dietro di Ercole.

Esempio

della

dramma

che reca

i

tipi

comimi. Testa di donna

25, 26. Testa laureata di
volta a d.

ApoUo

coi capelli lunghi e ondulati

volta a sin. dietro

un cornucopia.
;

R.

Bue
:

andi'oprosopo co-

R. Vittoria che guida

una biga

di cavalli a d.
e nel-

ronato dalla Vittoria

fra le
si

gambe l§

nell' esergo

NEO-

Nel

n.

26

v'è sul dritto l'epigrafe

NEOPOAITilN,

POMTflN. Le
10,11.

lettere 1$
di Napoli.

trovano ancora nei didrammi.

l'esergo del riverso

TA.

la Vittoria guida a sinistra.

Nel Museo

Testa giovanile del fiume Sebeto
e e

27, 28. Testa di Apollo coi capelli lunghi coronata di lauro, a
destra.
R.

con corno sulla fronte
n.

cinta

di

diadema: intomo nel

Gallo che canta. Nel

n.

28

v'è al dritto l'epi-

10

si

legge 5EP..QOS

n. 11

SEPEI..5 onde io inversi

grafe

NEOPOAITilN
Museo

e al riverso l'astro del

mattino su in

tendo anche l'erroneo
cio,
ti-assi

0OSSEPE

che

era letto dal EicR.

alto dietro del gallo.

la intera

leggenda 5EPEI005.

Donna

alata

29. Bronzo del

di Arezzo.

Testa di Apollo coronata di lauro
R.

sedente con ramo di lauro nella sin. ed ha da presso im'urna
giacente. Essa è
e

volta

a d. e

NEOPOAITilN.
gambe

Bue androprosopo
Pesa

volto

seminuda ed in

atto di volgersi indietro
alata, porta la dèstra e

a d. sopra astro, tra le

03 nell' esergo E.

gr. 12,00,

guardare in

alto.

Nel
di

n.

10 la donna

Nel Museo Britannico
plare che pesa gr.

{Catal. 110, 158) se

ne ha un esemtrattando delle

ad un monumento

forma incerta

non

le

si

vede

il

14,00.

Ho

già notate
città del

ramo nella
cioè di
gì'.

sinistra. E.

peso delle due monete è di gr. 0,61
allora
lo

monete battute dai Eomani nelle
sono di
nel peso quelle
il

Lazio che ve ne

un hemiecta, pesando

statere di Napoli

che raggiungono come cotesto napolitano
si

7,40 in circa. Questa imagine non fu ben interpretata

doppio obolo o litra di bronzo che

debba
sin.

dire.

finora nelle due edizioni che se ne sono fatte fra noi.

30. Nella collezione mia. Testa di Apollo volta a

davanti

12. Testa giovanile con capelli corti cinti di laurea, volta a d.
R. Testa di prospetto del

NEOPOAlTilN.
toria: tra le

R.

Bue androprosopo
12.

coronato dalla Vit-

bue androprosopo,

di sopra è la

gambe
si

Moneta

ribattuta sopra
il

una

di Calvi

stessa cifca X.

deUa quale

è

conservato

abbastanza

nome che

è in

13. CoUezion mia. Testa giovanile coperta di pelle leonina volta

greca lingua senz'altro esempio: KAAH(NflN).
31.

a d.

intorno

NEOPOAITH^

.

R.

Donna

alata

sedente e

Bronzo del Museo
n. 30.

di

Vienna simile pei

tipi al

precedente
ri-

volta a sinistra. 14. Coli. mia. Testa di Pallade coperta di a d.
R.

V'è di proprio soltanto un astro nell'esergo del

elmo laureato volta
sopra

verso, e sul corpo del
di Suessa,

bue l'impronta VESA della moneta

Mezzo bue androprosopo a

sin.,

NEOPO,

donde deduciamo che questi bronzi sono conposteriori a quelli di Sessa fatta colonia

pesa gr. 0,61.
15.

temporanei
(Catal. 104, 97;

romana

Nel Museo Britannico
3, 6; Eiorelli,

AveUino, Opusc. U,
Testa di Pal-

nel 441.
32. Dalla collezione

Ann. di Numism.
R.

tav. 3, 6).

mia passata

al parigino

Gabinetto delle

me-

lade con elmo alato volta a d.
volto a sin. sopra NEoft.

Mezzo bue androprosopo

daglie. I tipi sono gli stessi che nei
v'è di proprio
il

due bronzi precedenti:

P dietro

la

nuca di ApoUo e l'epigrafe

16. (Minervini, Rull. arch'.

napol. VI tav. VII, 5). Testa di
d.

desinente in

Sì..

Nel

riverso è

un

astro fra le

gambe

del

Pallade coperta di
rito dentro la nota

elmo laureato volta a

R.

3M

inse-

toro, e nell'esergo si legge

CAUENO.
di

H che

dinota l'emiobolo.
di

33. Questo secondo esemplare
R. Conchiglia

deUa confederazione
Vienna;
il

Napoli e
è è

17. Testa di
e sopra

PaUade coperta

elmo volta a

d.

Calvi

si

ha nel Museo

di

la lezione del dritto

NEO.
Britannico {Catal. p. 96
d.
n. 24).

NEOPOAITilN
Testa di
NE.

nel riverso

bue a volto umano non

18.

Nel Museo
cinta di

donna

coronato dalla Vittoria, in cui
lira,

vece è in quel posto una

diadema volta a

R. Conchiglia e

fra le

gambe

vi si legge

un C

e nell'esergo

CAUENO.

86

CAMPANIA

T.

LXXXVI

34.

Nel Museo
è

di

Napoli (MineiTini,

Ois. tav. VI, 11).

Sul dritto

volti alla

nuca.

R.

Mezzo bue androprosopo ed
Sul
collo del

epigrafe
la

come

nei nn. 30, 31, 33 nel riverso v'è la leggenda l§

NEO(PO)ACTEnN.

bue

è notabilissima

fra le
e

gambe

del

bue omessa

dall' incisore

del

Minervini

figura dell'ala di sparviere o scarabeo che pur si trova di-

nell'esergo

5VESAN. In Andria presso D. Lorenzo Troya
un
altro esemplare. Testa di

pinto sugli Api di Egitto, non
essi [Ailièn. frane.

meno

che l'astro sul fianco di

ne ridi molti anni addietro

1855 pag.

54). Il Mariette

avrebbe potuto

ApoUo
R.

volta a sinistra e ivi

SVESANO,

dietro alla nuca N.
d.

pensare a decorazioni dipinte su quell'animale sacro, delle
quali sembra essersi fatta imitazione dai Greci di Napoli.
4.

Toro a volto umano coronato dalla Vittoria volto a

tra le

gambe ig

e intorno a sin.

(NEO)nOAIT.

Testa di Apollo laureata volta a
prosopo volto a
d.

sin.

R.

Mezzo bue androcampo a
sin. e

35.

Nel Museo
avanti

di Napoli. Testa di Apollo laureata volta a d.

con un

§

inscritto nel

NEOPOAITCON.

R.

Bue androprosopo, sopra

il

busto
:

(N)EOPOAITE
5.

di sopra.

raggiante del sole di prospetto fra le due lettere
le

<t)l

tra

Bronzo simile
a sin. è

al

precedente n. 4

ma

la lettera

nel

campo

gambe

del bue si

hanno due monogrammi TA63 AE.
Minervini. Testa di
R.

un P.
sin.

36. I due esemplari dati dal

Apollo laua d. Sopra

6.

Testa di Apollo volta a

davanti

NEOPO.
sin.

R.
.

Mezzo bue
togliere

reata a d.

NEOPOAITilN.
:

Bue androprosopo

androprosopo, sopra delfino, nel campo a
il

§ A
e

astro ad otto raggi
coi punti

nell'esergo MA... /V\A0.., sono segnate

sospetto che questo

§

nei due

nummi 4

avesse

un

come monche.

Un mio

esemplare col

MA

non

valore di cifra dinotante metà, ho dato questo n. 6, nel quale
ricorre l'S
,

lascia dubbio che la leggenda è intera.

quantunque

il

pezzo sia la quarta parte del
il

37. Dalla collezione mia. Testa di Apollo laureata volta a

sin.

nummo.

Collo stesso intento ho hato

n. 5,

dove in luogo

innanzi
sin.

un N

e alla

nuca

P.

R.

Bue androprosopo
due manichi

volto a
e

della lettera

S

è

un

P,

e

nondimeno ancor questo bronzo

sopra del

quale è un cratere a

nel7.

pesa la metà dell'intero

nummo.
398,
1).

l'esergo
38.

MIA.
di

Nel Museo Britannico

{Catal.

I tipi sono gli stessi

Nel Museo

Napoli (Avellino, R. M. Rorhon. IL 48,
d.

5).

dei nn. 4, 5, 6, l'epigrafe è
la sillaba finale
il

NEOPOAi
Catalorjue

a cui è soprascritta

Testa di Apollo volta a

R.

Onfalo e lira verso la quale
destra e nella

TilN. Nel

non

è stato

notato

una Vittoria vola portando la corona nella
sinistra la tenia:

peso,

ma

pare dal confronto

di altro simile

bronzo di mia
fra-

Cuin corona

et

taeniis. Nell'esergo

NEO-

collezione che sia la parte quarta del

nummo. Queste
non
si

nOAITilN. La
l'Avellino.

tenia fu omessa nel disegno che
sotto

ne trasse

zioni appartengono ad un'epoca nella quale
il

batteva

Di

NEOPOAITilN.
nei quali
alla testa

mezzo
che

nummo
si

col

bue androprosopo coronato dalla Vitn.

39. 40.

Do

qui due bronzi,

di

ApoUo
:

si

toria, 8.

vede espresso nel

seguente.
R.

vede congiunto

al riverso la lira e la cortina di lui

nella

Testa di Apollo laureata volta a
coronato dalla Vittoria volto a
d.,

sin.

Bue androprosopo

prima

v'è di più

un ramo

di

lauro a cui è annodato

un
9.

nell'esergo

NEOPOAITilN.
d.

nastro svolazzante e nella seconda poi
il

un bucrauio, supplendosi
primo bronzo 3PA nel
è

Testa giovanile

con corti capelli diademata volta a

R.

lauro da ramoscelli che intorno cingono la rete della

Cavallo libero che corre a d. sotto fra le

gambe un

ful-

cortina. L'epigrafe del dritto è nel

mine, sopra NEOPOAI...
10. Testa di

secondo IP

:

inoltre nell'esergo del

primo

NEOPOAITIIN
AI(T....)

Diana coronata

di lauro volta a d. con

pendenti

con \m fulmine, in quello del secondo

(NEO)PO

agli orecchi e

una

filza di

perle al

collo:
e

dietro la nuca

spunta l'arco e la faretra. R. Cornucopia

intorno

NEO-

POAITilN;
Tav.
1.

nel basso

AP

in

mon.

e

un

astro.

LXXXVI.
gli

11. Testa giovanile

nuda con

capelli corti volta a d. dietro la

Testa di Apollo volta a d. coi capelli che

cascano

lisci alla

nuca un

astro.

R. Cavaliere

coperto di

pileo conico

con

nuca

e sono

cinti di

un ramo

di lauro con foglie e frutti

clamide svolazzante che galoppa a sinistra elevando al cielo
la

che diconsi bacche. R. Mezzo bue androprosopo con un astro
a quattro raggi in rilievo sul fianco.
2.

destra; sotto nell'esergo

N)EOPOAI

tra

le

gambe

del

cavallo
R.

PO. In
tipo nel

altro
dritto,

esemplare AY.

Testa di

ApoUo

laureata e volta a d.

Mezzo bue andro-

12. Simile

ma
e

il

cavaliere

del

riverso

porta

prosopo nuotante sulle onde.
dimostrare che non è come
torio pag.
n.

Ho
si

inciso questo bronzo per

un parazonio

sotto l'ascella sinistra e la clamide vi è omessa;

credette dal Eiccio [Reper-

di sotto è scritto

,

nell'

esergo
sia

NEOPOAIT. Non
uno dei due
con testa
e coronala

si

VI

p.

27

e n.

30) e dal Minervini (Oss. tav. I

può dire che questo personaggio
13. Nella

Castori.
di

4

p.

48) a bocca aperta sgorgente im grosso zampillo di
il

collezione mia. Elegantissimo

nummo

acqua quale anche
nelle

disegno lo rappresenta. Io ho avuta
e

riti-atto

in

formam

Afollinis volta a sin.

di

mani cotesta moneta

non vi ho trovato che un
e

alloro.

R. Tripode ed epigrafe

NEOPOAITilN.

apparente zampillo formato
disotto alla quale e di
illusorio filo di acqua.

dall'ossido
alla

a bocca chiusa,

14. Testa di

ApoUo

laureata e volta a sin. dietro la nuca una

mezzo

barba comincia questo
ed espressa dagli
1'

cornucopia. R. Tripode ed epigrafe

NEOPOAITUN.

La

lira descritta

CAMPANI
T. Livio dice che la città di Volturno, la quale ora
s i

editori a sinistra

non

l'ho disegnata,

perchè non

ho po-

tuta scoprire. L'epigrafe legge: NEOPOAITI...
3.

Testa di Apollo laureata volta a

d.

con capelli lunghi

e

av-

chiama Capua fu

(nel

352) presa dai Sanniti (IV, 37)

Voi-

,

T.

LXXXVI

CAMPANIA

87

liirnuin, Etrtiscoruni

urbeiìi,

quac

nunc Capua

est,

ab

per nota di valore. La prima non ha che sestanti ed once,
la

Samnitibus caplam.
Volturno omonima
al

Ma

egli si sbaglia; perchè la città di

seconda corre intera dall'asse all'oncia: ambedue
il

però

fiume fu dodici miglia

distante

da

seguono

sistema decimale usitato nelle regioni transap-

Capua, ove ora è Castel Volturno, cioè alle foci del fiume
e la città dei

penuiue. Emisero anche

contemporaneamente monete sul

Campani deuomiuossi Campa
la

fin dal

309, nel
15.

sistema delle città greche, oboli ed emioboli.

quale anno secondo Diodoro Siculo

gente campana co-

Nel Museo Britannico

{fiatai, p. 75, 3) forse

quel medesimo

minciò ad aver vita
stì-i'og

civile e proprio

nome
di

(L. XII, 31);

esemplare che fu del Sambon (Minervini, Oss. tav.
Testa di Pallade coperta di elmo attico volta a

IV

n. 3).

ràr Kaf.i7iavwv

avriOTrj. 11

nome

Capua non

è

d. E.

Bue
dove

anteriore al

319 nel qual anno fu occupata

dai Sanniti che

androprosopo gradiente a

sin.

:

di sotto del

listello,

nel 332 cacciarono gli Etruschi

da Volturno.
fra

poggia le zampe, un doppio ramo di lauro, in alto KA/V\il
1'

La moneta campana deve chiudersi
e
il
il

due limiti

309
arte,

PANOA'. L'ultima
si

lettera

non

è

compita; pare però che

319. I Campani hanno comuni coi Napolitani

debba leggere
esemplari

col Minervini e col Poole

KA/V\PANON.

tipo e la paleografia, se
e

non che

i

Napoletani fanno uso
già, che

Negli

da

me
:

finora esaminati

non ho trovato
di quelli che re-

promiscuo deU'i
costantemente
il

S

,

i

Campani non

adoperano

esempi del KA/V\PANOW\
cano

ben ve ne ha
/V\

secondo sigma.
è simile

U

peso ordinario di cotesto

KAN\PANO

sopra del toro e un
p.

fra le

gambe dove
Io

il

monete campane

a

quello degli stateri di
è il

Cuma

e

Millingen [Cons.

14) ammette im

W\ o

un N.

non ne

di Napoli. L' alfabeto dei grafia è

Campani

greco gionico, la ortoil

conosco esempi, tutti quelli che ho veduti danno costantemente

queUa degli

osci grecizzati. Essi scrivono
, ,

loro

nome

un

M

tra le

gambe,

e di

rado davanti a destra. Si è fatta

in più

modi
,

KAMPANOS
ma

KAPPANOS HAMPANOS
si

questione se qitell'M debba cougiungersi col
no. L'

KA/V\PANO
1'

o

APPANOS
PANUN
KarrTru

non mai KaTTvavóg: la loro città non

chiamava
il

Eckhel {Doct. n.
assente (Ital.

Vet.

I

p.
I,

108) ha opinato,
32)
7),

Avellui
il
:

dunque Kanva,

Kàiina, come anche dimostra

KA/V\-

lino

vi

num.
tab.

e

dietro

di

ritenuto dai

Campani

di Sicilia, e

per assimilazione
si affievo-

Cavedoni {ad Carell.
a

LXIII,

che debba separarsi

('),

e la lettera iniziale nella loro

pronunzia
si

me

pai'e il contrario. I

Campani scrivono interamente
e forse

in

liva cambiandosi in aspirata e

però anche

ometteva. I

greca ortografia
sto

KAMPANOS,

KAW\PANON. Que-

Eomani dovevano sapere che una
volta stanza in

colonia falisca prese una

nome

è tutto in linea retta di sopra del bue,
i

ma

tal-

Capua perchè

la porta che
Grli

menava a Capua

volta seguono

Napolitani che scrivono in linea retta segui-

r appellarono Porta Capena
origine

(").

Osci erano sabini di

tamente, ovvero di modo, che le ultime lettere girano quasi
sparse
e

come

i

Ealisci

:

la città capitale di costoro si disse

disseminate nel campo e anche neU'esergo. Nel
si
/V\

Capena presso
stellate e

alla quale v'era

un campo che chiamavasi
campagna

qual andamento circolare
volta giacente in guisa di

vede

la

$

da un lato e taldel bue. Siano
di as-

un

altro

campo

stellate si trova nella

tra le

gambe

di Capua.

La

notizia viene da Verrio Placco (Pest. p. 343):

esempi

i

nn. 21,
i

22 della

tav.

LXXIV. Oseremo noi
l'ultima lettera?

Stellati{na tribus dieta
est,

non a campo)

eo qui in

Campania

serire che

Napolitani hanno scritto
e staccare così

NEOPOAITHM ?

ov-

sed eo qui{prope abest ab urbe Ca)pena, ex quo Tust(ellatinuìn illuni

vero

NEOPOAITH
il

certo

sci profecti

campum

appeilaverunt).
Tusci gli Osci

che no. Tal è

caso delle monete campane. Dicasi dun-

Nel qual passo
Tirreni, perchè
lisea.

è necessario intendere per
i

que che in

cotesti luoghi la lezione è

KA/V\PANOS quan,

Tusci non sono di origine sabina, né Pa-

tunque paia KAW\PANO/V\.
della

Un

simile scambio di giacitura

Questi

Tusci secondo Plinio possedettero anche la
i

è

,

si

può notare in un didramma di Turio del musi

campagna dove
Nocera
e
il

Eomani

allogarono poscia

i

Picentes fra

seo di Vienna dove

legge suUa base del toro
.

MOAO$ -

Sele. Alla voce patronimica

KAAAPANOS
vau
fa

fu
16.

§ 0/V\
elmo

in luogo di

MOAOS 2 Og

sostituita

EuTivcaói nome derivato dall'osco sannitico, HHR)!,
lingua come nella
vocale
di

Nel Museo

di Napoli.

Testa di Pallade coperta di semplice

nella qual
veci di

etrusca

il

anche

le

attico volta

a

d. R.

Bue androprosopo

tra le cui

gambe

u

come WVHIci>lìVH equivale
Capua

a Novxgiraiv.

una cicogna, sopra
tera N\ ossia

KAPPANO
Il

e separatamente l'ultima letsi

I Sanniti osci

ristabilirono tardi la

loro

zecca,
il

$

.

Cavedoni non

è apposto

giudicando

cioè

alla

metà

incirca del secolo quinto di
;

Koma:
:

loro

che l'uccello possa essere del genere dei falconi {Bull. Inst.

argento pesa gr. 5,90

5,49,

il

bronzo

è

decimale

l'unità

1850, 198). Egli anche ammette col

Friedlaender

KA/V\-

maggiore del peso di due once,
tario

analoga all'asse

sestan-

PANON
17.

e

KAPPANON.
di

romano. La serie di questo bronzo porta

le stelle

per

Nel Museo

Monaco. Testa

di Pallade coperta di

elmo lau-

nota di valore e vi fu anche una emissione posteriore ana-

reato volta a d. R.

Bue androprosopo

e leggenda retrograda

loga all'asse onciale. In questa serie adoperano

i

globetti

gOUAHXA.
lino ad

Questa è la tanto celebre moneta data dall'Aveltav. I, 4),

Arpi (Opwsc. Ipag. 151
contro ad
i

perchè

vi lesse

^OUAHSA- Ma
(')

attribuzione
il

così

nuova sorsero
il

Non
il

fo conto del passo di

Ecateo
s.

(fr.

27), nel qnale si deriva da

KÓTiv;

nome

di Kdnvcc {Ap. Slepli.

v.).

Essa

è

un'aggiunta poste-

i

numismatici, fra
il

quali furono

Priedlaender e

MommMi-

riormente fatta, la quale suppone accettata la tradizione del frigio Capijs.

sen,

Eochette

e il

Lenormant nei luoghi

citati dal

che prese vigore dopo l'anno 417, quando Capua divenne prefet-

tura dei Eomani.
(')

nervini {Oss. pag. 92 nota 8).

Nondimeno

il

Cavedoni la

Stefano la chiama Kàniyytc

sostenne {Bull.

inst.

1853

p. 125). Il

didi-ammo veduto da

me

.

CAMPANIA

T.

LXXXVI

ha veramente 50MAn>IA, che
trasposta la
la iniziale K,

si

può ridurre a
ad

§OHAmA>l
omessa

dere su questa moneta due

matrone sedenti

e velate dal

prima

lettera,

ovvero

§OHAmA

manto, Agathe-Cerere
Akad. 1847
p.

e la

Bona Dea {Aband. der

Berlin.
fos-

come nei due didrammi

dei nn. 19, 20. AlFried-

471

tav. II, 6).

Al Cavedoni sembrò che

laender parve un
invece di

abbaglio dell'Avellino questo JOKIAnflA
la qual

sero due simulacri analoghi al Palladio, fatto doppio per difficultarne
il

KAPPANOS,

condanna sembrò

al

Cave25.

rapimento del vero (Bull.

Inst.

1850, 197).

doni acerba di troppo e cotale abbaglio stimò quasi incredibile in quel

Da un mio
doni (L

calco.

Testa simile alla precedente

n. 24. R.

Spiga

numismatico
la

{Bull.

cit.

p.
e
l'

204). Il

Mommde
la

di grano, a d.
cit).

un

tripode per tale giudicato anche dal Cave-

sen ritrattò poscia

sua condanna
dell'

scrisse

(G.

e dal

Minervini (Oss. p. 26).

A

sin.

IVX^X

m.
di

I p.

255), che prima

Avellino

Ignarra avea detto
retrogrado:

26.

Museo
d.

di

Vienna. Testa di Giunone velata e diademata a
R. Spiga di grano, tripode e

veder
si

APPANOS
in «

e l'Avellino
egli,

ARPAN05,

dietro la nuca lo scettro.

ma

potrebbe, die'

credere errore, se non vi fosse
giustifica la lezione del-

DPRDi 3,84.
27. Coli. mia. Testa di Apollo laureata a d. R. Barbito e 3PR>I,
gr. 4,61.

l'esemplare
l'Avellino.

Monaco che ne
et

MM. Ignarra

Biccio (Mon. di eiltà p. 37)
et

ont cru voir la legende
p.
et

APPANOS

Avellino [Opusc. II

28.

Da un mio
l'esergo

calco.

Testa di Ercole giovane diademata e volta a
la clava.

151 pL /n. 4)

ARPANOS
se

retrograde. Le type

campanien

d. dietro la

nuca sporge

R.

Cane a

tre teste, nel-

une legende qui

rapproche tellement de
et

KAPPANOS
29.

DHN)!.

pourraient faire croire à uue erreur
l'attribution qui

(aire hésiter sur

Mio

disegno. Testa di Ercole

nuda

colla clava presso al collo
lV\f\)\.

en a

été faite

à Arpi, mais Vexernplaire

volta a d. R. Cerva che allatta Telefo: nell' esergo

In

de Munich justifie complètement la lecon d'Avellino ».
è

Ma

questo bronzo e nei due seguenti
sentato
il

i

Capuani hanno rappreMisi e padre di

pur troppo vero, che cotesto esemplare legge

§ OHfn>IA
luogo

frigio Telefo figlio di Ercole, re dei

che però deve dirsi un errore
di

dell' incisore del conio in

Tareonte e di Tirreno. Licofrone racconta che Enea e cotesti

SOl/lAmA.
didrammo simile
pei tipi al precedente
n.

due
17 se

figli di

Telefo s'incontrarono con Ulisse in Italia e vi

18. Questo

fecero alleanza. Il Minervini (Oss. p. 29, 30)

ha richiamato
tipi

ne distingue pel eambio del K in H nel nome ^Ol/IAn/V\AH. Lo
pubblicai quando era nella collezione
p. 66,
t.

un

tal racconto

per ispiegare

il

motivo di questi
i

su

mia
sotto

(Bull. arch. napol.
il

monete capuane,
ranti

e cerca trarre alla stessa favola e di

due giurito

IV

n. 6) e allora lessi

HVR

collo della Pal-

espressi

,

anche dagli Atellani

più

il

del

lade. altra

L'esemplare che ora posseggo non ha questa, né veruna
leggenda nel luogo indicato. La cicogna che abbiamo
androprosopo e le
30.

porchette tenuto dal ministro che è ginocchione. Indi de-

duce che Capua vanta

le origini frigie al pari di

Eoma.

notata nel n. 16 qui è davanti al bue

Mio
che

disegno. Testa di Telefo coperta di pileo frigio. R. Cerva
allatta,

ravvicina ambedue. Scrivevasi adunque contemporaneamente

nell'esergo HflN)!.

KAPPANOg

e

§01/lAnfV\AH.

31.
testa

Museo
frigio.

Britt. (Catal. 85, 21).

Testa di Telefo coperta di pileo

19, 20. I tipi di codesti due

didrammi sono

nuda ma
d. R.
:

R. Trofeo

di

armi con corazza, gambali, parazonio,
:

diademata incerto se di uomo o di donna volta a

Bue
im32.

elmo e clipeo rotondo

nell'esergo DPN)!.

androprosopo e un serpe che gli striscia fra le gambe
porta però
il

Museo

Britt. (Catal. 84, 21). Testa di
d.
fi.

donna coperta

di

elmo

vedere che

si

ha nella seconda intero

il

nome

volta a

Elefante africano con campanello appeso al

APPANOg
CAPUA
21, 22. Proviene
(gr. 5,90), il
il

collo: nell'esergo

DPRX.
astri

33. Testa di Giove laureata volta a d. dietro due

messi

per nota di valore. R. Aquila ad

ali

aperte sul fulmine:

primo esemplare dalla collezione del Luynes

nel

campo due

astri; di

sotto

IVHA.
i

secondo dalla collezione di Santangelo (gr.5,49).
d. R.

34. Testa di Giove simile alla precedente e

due

astri. R.

Dianad.

Testa di Giove laureata e volta a

Aquila sopra un ful-

luna che guida una biga di cavalli che corrono a

nel

mine come per prendere
{in Passera pici. vasc.
t.

il

volo e a d.

IHWÌ. L'Amaduzzi
cita

campo due
munite
al

astri, nell'esergo

1VH>\.

Le ruote

della biga sono

Ili pag.

LXXVIII)

un

si-

di raggi e

non a timpano, come parve che fossero
Inst.

mile

al riverso,
lio

nummo d'argento con la t. di Giove al dritto e l'aquila ma vi legge tutere e l'attribuisce a Todi Cime:

Cavedoni nei tre sestanti del Museo Estense (Bull.

1850, 197).
35.

tam singulari quae

sit

habenda

fides,

scrive l'Eckhel
Itali.

Da un

calco.

Moneta ribattuta sopra un'oncia romana
il

della

{D. n. V. I, 97), ignoro, viderint eruditi

A me

non

quale rimane
collo della
la

globetto che ne è
R.

il

segno, e

un

po' del

par dubbio che sia stato letto

il

nome BOa+Vt

invece di

Boma.
della

La Diana-luna La moneta

in biga

impressa sopra

prora

nave.

osca

del, valore di due

23. Coli. Sant. Testa di Giunone diademata volta a d. con iscettro presso la nuca.

once è battuta sopra l'oncia del sistema semissale romano.
Il

E.

Fulmine

alato, tripode e I1PN>I.

Minervini (Oss. p. 25, 26 tav. IV, 2) ne pubblica una
il

24.

Museo

di Vienna.

Testa slmile alla precedente. R.
e posti sopra
si

Due

busti

simile, ove conferma alla dea del dritto

nome

di

Giua
ri-

coperti da

un velo

due

piedistalli decorati di

none

;

non

è

però

egli

alieno dal

crederla. Vesta

drappo: una larga tenia

stende sopra le due teste, a sin.

guardo dei Penati che riconosce nei due simulacri
del
riverso.

velati

un

tripode, a d. UflR)! di gr. 6,26. Il

Gerhard credette

di ve-

Egli

ricorda

a

tal

riguardo

il

culto

degli

.

.

T.

LXXXVII.

CAMPANIA

89

dei Penati introdotto in Italia dal frigio Enea, e che

Capua

infranto nella estremità dell'asta e ricordò
gilio (Aen.

il

luogo di Vir{Bull.
Inst.

dicevasi fondata da Capys ancor esso frigio di nazione.
i

Che
28)

XII, 8) impavidus

frangit

tdum

Penati solessero tenersi velati
e

il

Minervini

lo

prova

(n.

1850, p. 197).
12. Testa di

con un passo di Licofrone

commentato dal suo

scoliaste.

Diana diademata volta a

d.

coll'arco

e la faretra

presso alla nuca. R. Cignale che va a destra; nel campo di

sopra la nota dell'oncia, nell'esergo DDR)!.

Tav. LXXXYII.
1.

13. Coli. Luynes. Testa 19. Testa di

di

Diana

coronata

di

salcio

volta a

Carelli,

LXIX,

Capua
il

cinta di corona turrita sulla

d.

dietro la nuca è l'arco e in luogo della faretra v'è
R. Simile al n. precedente.
d.,

una

quale è scolpito in rilievo

fulmine.

È
:

volta a d. e dietro ha
di più
si

lampada accesa.

due

astri,

che sono la nota del valore
il

uno strumento

14. Coli. mia. Testa giovanile diademata volta a
R. Cignale a destra, nell'esergo HflR)!, nel
la

dietro l'arco.
di

incerto, secondo
il

Friedlaender,
Instit.
il

ma

che

può dire secondo

campo

sopra

Cavedoni (Bull.

1850, 197) una cornetta da caccia.

nota dell'oncia.

Ivi

anche opina che

fulmine scolpito sulla corona turrita
i

15. Testa di fauno con due corna che gli spuntano sulla fronte:
dietro ha

alluda ai campi flegrei, ove Giove fulminò
valiere

giganti. R. Ca-

una verga ricurva

e nodosa.

B.

Cignale che corre

armato

di corazza, di

elmo

e di

clamide che corre
i

a destra, sopra nota dell'oncia, nell'esergo DHIN)!.
16. Testa di Giove laureata volta a d. di sotto :nR>l: è di gr. 22, 173.
17.
I

a destra con la lancia abbassata; dietro al cavallo
astri,

due

B.

Aquila sul fulmine,

di sotto

un turbine maiiuo;
medesimi
e il

nell'esergù DIIN)!
turbine. L'astro

2.

Coli. Sant. I tipi

medesimo

tipi

medesimi

ma

il

suo peso è di gr, 11, 14 e pare che

dinota che vale un'oncia; nell'esergo UHN)!.
3.

la lunetta che si vede a destra dell'aquila sia la nota del
d. dietro

Carelli, tav.

LXIX,

7.

Testa di Giove laureata volta a
lì.

valore, che è la

metà

della precedente,
il

sia

essa

un

asse

due

astri

segno del valore.

Due

giovani in tunica cinta,

ridotto
p. 90),

ad

onciale,

come stima

Kochette {Fonili, de Capue
il

clamide

e alti calzari,

che insieme sostengono una porchetta
i

ovvero un triente, come pensa
Oss. p. 22).

Mommsen

(pr.

il

e levano alto al paro

pugnali pronunziando insieme la
;

Minervini,
18.

formola del

giuramento

a

sin.

i

due

astri;

nell' esergo

Museo

di

Vienna. Testa di Ercole giovane diademata e volta
R. Cavallo

DDR)!. L'Avellino {Op. 11, 3, 1) ha stampato un esemplare

a d. con la clava presso la nuca.

senza

freno

con tre
4. Calco.

astri,

credo per errore.

che corre a

d.,

nel

campo

di sopra la nota del

quadrante

• • •.

Testa di Giove simile alla precedente, dietro l'astro

È

ribattuta sopra

una moneta romana

della

quale rimane

indice del valore. B. Vittoria che coronali trofeo; a d. l'astro;
nell'esergo DnR>l.
5.

sul dritto la leggenda

EOMA

e parte dalla prora di nave.

Calco. Testa

di

Pallade coperta di aulopide volta a

d.

B.
ivi

CALATI!
19. Testa di

Vittoria che ostenta una corona volta a sin., nel

campo

un
6.

astro; nell'esergo DilR)!.

Giove laureata volta a
R.

d.

dietro

la

nota del se-

Calco.

Due

teste congiunte l'una di Giove e l'altra di
si

Giunone

stante in due astri.

Diana che guida

la biga di cavalli

alla quale in altri esemplari

vede aggiunto
lo scettro

lo scettro

sopra

i

due

astri nell'esergo ITR>IR>I.

dietro

il collo. /?.

Giove con in mano

fulmina tratto

20. Coli. Luyn. Testa di Giove volta a d. R. Vittoria che co-

in rapida quadriga; nell'esergo HflR)!. 11 peso è di gr. 57, 43.
7.

rona un trofeo: nell'esergo ITN>1N>I, nel campo un astro.
21. Coli. Luynes. Testa di Giove laureata volta a d. dietro la

Mus.

di Napoli. Bifronte

imberbe coronato di lauro.

R.

Giove

in quadriga guidata da

una

vittorietta stringe lo scettro

neUa
noto

nota del triente

•••»

.

B.

Giove con lo scettro nella
il

si-

sinistra e fulmina colla destra: nell'esergo UflN)!.

Fu
un

nistra montato in rapida quadriga scaglia
è la

fulmine: sotto

dai

tempi del Micali {Italia av. Rom.

tav.

LIX,
e

14). Se

nota del triente; nell'esergo ITR>IN>1.

ne hanno due esemplari nel Museo di Napoli
è nella collezione 8.

terzo

Luynes.
di

E.

peso del nostro è di gr. 45, 38.
a

Testa giovanile coperta
crestato,

elmo
in

due

fall

e nel vertice

Tav.
1.

LXXXVIII.
il

ha

i

capelli

divisi

liste

lucignolate e guarda
le sue

Manca, finora
di

quadrante.

H

sestante ha per
i

tipo

la testa

a

d.

R.

Pegaso in atto di volare, tra

gambe

DflR)!:

Giove laureata volta a destra: dietro Giove fulminante in quadriga volta a
nell'esergo

due globetti • •
dietro
i

disotto la nota del qaùncunce
9.

•»••».
e

R.

d.

due glo-

Testa di Giove volta a

d. R.

Fulmine

nota del triente
R. di

••o•
2.

betti,

KNURT.
3.

10. Testa di Cerere coronata di spighe.

Bue

volto a destra

Millingen Anc. coins. I,
di

Testa barbata, giudicata essere
e nella

che guarda di prospetto quadrante

;

nel

campo

sopra la nota del

Nettuno

asfalio dal
Instit.

Cavedoni qui
p. 198),

moneta

se-

•••

nell'esergo HflR)!.

guente {Bull.
i

1850

e ne allega per motivo

11. Testa di Ercole giovane volta a d. colla clava dietro l'occipite.

frequenti tremuoti.

È

volta a d. e dietro ha
T1Q>llfl>l.

un

globetto.

R.

Leone che stringe

colla

zampa del
campo

pie' sinistro di sopra è la
3.

R. Ferro del tridente e l'epigrafe

una lancia appoggiandola
nota del sestante

al collo; nel

Nel gabinetto parigino
volta a d.

delle medaglie. Testa barbata laureata
:

••,

nell'esergo HflN)!.

Non
il

vale la os-

R. Cavallo senza freno che corre a destra

fra le

servazione del Cavedoni, a cui parve che

venabolo fosse

gambe im

globetto, nell'esergo l'epigrafe ITR>)N>I.

90

CAMPANIA

T.

L XXXIII

dio

supremo

in Creta, e detto

ZEYS:
il

CEAXANOS

,

e qui

ATELLA
4.

probabilmente assimilato a Vulcano,
leggenda

cui simulacro colla

VOLCANOAA

vediamo dedicato qual nume prolatini d'Isernia. I tipi

Nel Museo

di

Napoli (Avellino, Opusc.

II,

2, 9).

Testa del
R. Ele-

tettore nella loro

moneta dai coloni

sole coronata di sedici raggi, a sinistra

uu

astro.

delle
la

prime loro monete sono
le

la testa raggiante del sole

con

fante africano volto a d. nell'esergo (<JQ)3JiR.
5.

luna e

stelle, e

il

busto di cavallo e di poi l'elefante.
di

Nel Museo

di Firenze. Testa di

Giove laureata volta a
.

d.

Pare quindi che

sia un' accozzaglia

mercenarii al ser-

dietro la nota del

triente

• o •o

R.
;

Giove fulminante
sotto
i

vigio dei Cartaginesi, che, essendo costoro cacciati di Sicilia
dalle armi di Pirro, siano venuti seguendo
litoni oschi a stabilirsi nella fertile terra
i

in quadriga guidata da
cavalli
6.
>l<]3511fl,

una

vittorietta

piedi dei

loro

commi-

nell'esergo la nota del triente. Pesa gr. 29, 60.
d.,

campana. Proba,

Testa di Giove laureata volta a
R.

a sin. la nota del sestante.

bilmente vennero con

essi

dei

Mamertini

le

cui

monete

Due

giuranti
le

sulla

porchetta

che

sostengono insieme

vediamo ribattute
trodussero
il

dai Velecani e vennero dei Cretesi che indio Vulcano. I

avendo levate
del sestante.

destre armate di pugnali, a sin. la nota
nell'esergo >)Q3}!N.

culto del

Campani avevano
nomi-

••,

Ve ne ha un esemTesta di Pallade

occupata Messina nel 472 (Polyb.
nati Mamertini.
9.

XX)

e vi si erano

plare

(fl.

M. Borb. 11,

XVI, 13) ribattuto sopra un bronzo

dei Eomani, (Cf. tav.
volta a
7.
s.

LXXVH,

n.

13).

Nel Museo

di

Monaco

(Avell. Opiisc. II p. 4 tav. II n. 11).

e

ROMANO.

R. Aquila sul fulmine e

ROMA

NO.

Bronzo ribattuto due volte sopra una moneta romana che
portava la prora sul riverso. Testa del sole
e di

Simile testa di Giove e globetto segno dell'oncia. R. Vittoria

prospetto

che corona un trofeo di armi composto di una corazza, elmo
trifale,

due globetti del sestante.

R. Elefante
il

e

sopra l'epigrafe FÉ
al

lancia, clipeo e gambali, a d. la nota dell'oncia, nel-

omessa dall'Avellino: nell'esergo
lato

segno del sestante:

l'esergo >ia35IR.
8. Coli. di

destro

IE

residuo del primo conio /.laMEourcav.

Sambon

(Minervini,
s.

Oss.

num.T.
e

III 1 pag. 21). Testa

10.

Bronzo ribattuto sopra una moneta dei Mamertini della
quale rimane la traccia della testa e
il

Giove laureata a

R.

Aquila

a

d.

>I^3{IN.

Il

Mi-

nome MAAAE

nel

nervini è di parere che l'aquila dovesse avere
negli artigli ed opina

un fulmine

riverso. I tipi sono gli stessi che nella
il

moneta precedente,
Ann.

che

la

monetina abbia perduta la

nome pero

è piìi intero

CEAEXA

(Priedlaender,
Piorelli,

sua foglia d'argento: nondimeno non intende opporsi a chi
la crede

InstiLlSiG T. XVIII
raism.
I).

pag. 150 seg.;

Ann. di nu-

una riduzione minima

del bronzo (ib. in nota).

11. Testa del sole.

R.

Busto di cavallo: sopra CEAEXa. (Pried1.

VELECHA
Le monete che recano
tronca
si

laender,

1.

cit.;

Piorelli,
R.

cit.

n. 2).

12. Testa del sole.
l'epigrafe

Busto

di

cavallo sopra

CEAEX;

sotto la

CIEAEXA

or piìi or

meno

testa del cavallo O... Questo bronzo fu ribattuto col tipo

tiene che siano della Campania, perchè tale è la proci

del cignale che corre a destra e la leggenda

ROM

(Pried-

venienza assegnata loro dal Priedlaender. Se ciò non fosse

laender,
I

1.

cit.;

Piorelli,

1.

cit. n. 3).

saremmo probabilmente

volti alla città dei Volcei sugli estreal

Campani occuparono Messina nel 475

e cioè

alquanto dopo

mi

limiti della

Lucania verso la Campania, corrispondente
il

emisero la moneta a nome dei Mamertini, MAMEPTINjCIN, cioè
dei
V. I,

moderno Buccino,
grande
affinità

qual

nome non può

negarsi che abbia

Campani che

si

erano dato

un

tal

nome (Eckhel

D. n.

con

Velecha.
e

XXXI)

dal patrio loro dio

Marte in osca lingua Mamers.
i

Or

si

dimanda, come

quando
Il

si

è potuto stanziare questo
i

Alcuni di cotesti bronzi furono ribattuti dai Velecani,

quali

nuovo popolo in Campania.
danno
li

nome che

suoi abitanti si

prima

si

erano fusa la

moneta coi

tipi del sole tav.

e del

busto

manifesta di osca origine,

ma

grecizzanti, servendosi

di cavallo e colla

leggenda 3D. (V. la
di

LXVI

nn. 3-10).

qui del greco alfabeto. Sono pertanto estranei al sistema

mo-

La monetazione fusa
l'epoca di Pirro
riportarsi al
;

questa città può appartenere al-

netario dei Campani, che usano l'asse decimale, mentre costoro
si

ma

la coniata ohe

ha

tipi

africani dovrà

servono dell'asse duodecimale. Sembra poi che non abbiano

tempo

delle

due guerre puniche.

aperta la loro zecca prima della seconda
di

metà del

secolo quinto
di ri-

Roma, siccome fanno palese

CUBULTERIA
13. 14. Testa di Apollo

le

loro

monete fuse
il

duzione quadrantale. Inoltre per dinotare

semisse, non

laureata volta

a

sin.

R.

Bue
si

andi'o-

adoperano la cifra
globetti, che è

S,

come fanno quei del

Lazio,

ma

i

sei

prosopo coronato dalla Vittoria. L'epigrafe osca
dritto

legge nel

un costume proprio
,

in Sicilia degli
,

Agra-

come nel

n. 13, l41VHq3T>l3nV>l,

ovvero nell'esergo del
14, ove
1'

gantini, dei Camarinesi

dei Leontini

dei Mamertini, dei

riverso è talvolta erronea

come in questo n.

U

è volto

Misistratesi e dei Liparesi. Dalle quali osservazioni risulta

a d. In altri esemplari del n. 13 v'è anche l'O o altra lettera
alla

che cotesto popolo Velecano
dalla Sicilia circa l'epoca

si

è traspiantato in
,

Campania

nuca dell'Apollo

e

ri§

fra le

gambe

del bue.

medesima
si

che

i

Campani, Oschi

CAIATIA
15. Testa
le

ancor
loro

essi,

occuparono Messina e
principale

chiamarono Mamertini dal
di

nume

Mamers.

JPorse costoro si saranno de-

Apollo

laureata

volta

a

sin.

dove
al

rimangono
anteriore.

nominati Velecani dal loro Dio Volcano,

nume

venerato per

tracce della leggenda

NilA

relativa

tipo

T.

LXXXVIII

CAMPANIA

91

/?.

Bue androprosopo

coronato

dalla Vittoria;

uell'esergo

in questo
di questa

modo ALI-O-HA.
leggenda con
le la

Il

confronto che possiamo fare

VAKV\\Tfìtfly\.

seguente AUlSfl ne guida a con-

16. Testa di Pallade coperta dell'aulopide volta a sin.

R. Gallo

chiudere che

due lettere -O-H sono adoperate per un
la -o-

che canta a
il

sin.

una

stella, a d.,

CAIATINO. Al 1841 quando
si

semplice 0.
e l'alfabeto

È dunque
è

una nuova forma del

$

greco,

Milliugen die' alla luce le Considerations non

distingueva

greco con la sola particolarità della ridon-

la Caialia

campana

dalla Calatia osca, e però è che egli attri-

danza

dell' aspirazione H.

La

lettera

o

con le asticelle
di Corinto,

buisce a Caiazzo le monete osche appartenenti a S.

M.

delle

orizzontali erasi già veduta in

una epigrafe

ma

Galazze {Consid. n. 191, 192).

con le asticelle verticali

^
't

{C. inscr. gr. I, 26).

Gli Etrusci

scambiano ancor

essi

il

col 8 e

ne abbiamo esempio in
il

VENAPKUM
17. Coli. mia. Testa di Apollo laureata a sin. davanti
R.

fll1V>l'1V-1 scritto

egualmente che AHVnISVS. Credeva

duca
nella

di

Luynes

di avere

un esempio

di cotesto

didrammo
è

WVQìNNa.
gambe

sua collezione {Bull. Ins. 1858 pag. 50) ed
dal Minervini {Bull. arch.

pure citato
p.

Bue androprosopo

a d. coronato dalla Vittoria; tra le

nap. FV, 144; Osserv.

11).

K. Sul volto dell'Apollo furono impressi due glohetti in con-

Tal moneta l'ho veduta; essa non porta che qualche lettera
della sua leggenda e questa

tromarca. Questo bronzo appartiene ad
sulla

un

deposito trovato

non può essere AUl-o-HA, ma
io

montagna

di Prosolone nel Sannio.
di Pallade

AI/IEQY coli'

E volto a

d.,

come
di

leggo su

di

una conserva-

18.

Nel Museo

della Università di Glasgow. Testa

tissima moneta del
21. Testa di leone
volta

Museo
a

Campobasso.
R.

volta a sin. R. Gallo a d. che canta, a sin. l'astro, a d.

FEINAF

destra.

AH8R

scritto

in seno

Un

secondo esemplare fu già nella collezione Willenheim

deU' H, segno di valore dinotante la metà sia di un obolo
sia di

(Ca«ai. n. 503) così descritto: Téte de

Pallasadr. R.
si

ENAF

una

libra. Il

Cavedoni tiene questo seguo della metà
il

coq a dr. /E 2

1

:

Nelle tavole Hunteriane

legge FEINAF,

per simbolo, del quale cerca
conico H, quantunque
si

significato

nel óàra^ la-

ma

nella impronta che

ho davanti quel

I

non misura quanto

abbia una sola traversa dinotante
1,

le altre lettere della epigrafe. Il p.

Milliugen sentenziò {Consid.
di Calvi, con leg-

l'amor fraterno dai Dioscori {Bull. Ins. 1850,

98).

A

Be-

206) che

la

moneta Himteriana era
dall'ossido.

nigno Tuzi

si

deve la scoperta di cotesto due monete e
:

genda alterata
Fiesole nella

Un

esemplare è ora venuto da

l'attribuzione che è poi stata seguita quasi da tutti

peroc-

mia

collezione nel quale la leggenda è
di

FE'NRF

ché

il

duca

di

Luynes prese per

fenicia la leggenda

AUI8A.

come nell'esemplare

Hunter.

NOLA
TELESIA (SAMN.)
Se
19. CoU. Santangelo (Minerv. Oss. p. 20). I tipi sono simili al
n. precedente, l'epigrafe è 5I513T nei
si

ha da ammettere per genuino un testo

di

Ecateo

trascrittoci da Stefano di Bizanzio,

Nola con questo nome
ol.

due esemplari che se ne
l

esisteva già

all'

epoca in che
ed
era

egli scriveva, cioè alla
città

hanno. I Latini dicono Telesìa.

È

noto lo scambio del d in
i

LXXI,
Nola

1 (253

u. e.)

osca,

Tróhg Avaóvuiv.
;

nelle voci latine (Varrò, R. R., Ili, 87), e così
nitico fllHHV5IV>IR fecero Aquilonia.

Eomani dal sanesempio di queletto

di fatti porta

im nome che ne
I,

dinota la origine osca
e.

Un terzo
il
..513...

e tale la dichiarò

Catone (VeU.

7).

Pu

poi occupata

sta

moneta

si

avrebbe se veramente
in

Keynier avesse

dai Calcidesi, che la trasformarono in greca (Justin.
Sii. It.

XSl

;

come stampa
plirsi

una moneta frusta

che potrebbe sup-

XII, 151). Allora

dunque

e

non prima cominciò

con JIJ13T ;
..

ma
.351
.

i

tipi

sono atellani e però deve essere
del Eeynier è citata dalp.

la sua

monetazione qhe
si

è tutta in

greca lingua ed alfabeto,
la

slato ivi scritto

..

La moneta

quale

osserva

in

Campania dopo che ebbe ricevuto

l'Avellino
di

(Op.U

p. 31); il

Minervini (Oss.
la

21) la stima

gionica letteratura.

È

però certo che ella era tuttavia osca
cf.

dubbia attribuzione per

monca

epigrafe.

nel 429 scrivendo Dionigi {Exc. legai,

Livium, VII, 22)
ai greci

che

i

Nolani erano grandemente affezionati

EUeni

ALIPHA (SAMN.)
20. Testa di

confinanti colla loro republica: òiióoun' ovton' xcà aipódga

covg èUSjvag àGTia^onévair.

La
i

signoria dei Calcidesi non

PaUade coperta

di

elmo

attico cinto di laurea sulla

durò che

pochi anni, quando

Nolani, presa d'assalto la
il

quale poggia una civetta. R.

Bue androprosopo

volto a sin.

città e l'acropoli nel 441,

passarono sotto

dominio dei

sopra AL-l-o-HA. Questa moneta fu scoperta da Benigno Tuzi
in
s.

Eomani,

e

gran parte del loro territorio fu diviso all'eser-

Germano ed

è questa che si conserva nella collezione

cito vittorioso (Diod. Sic.

XIX,

101). Dalla breve notizia
alla opinione di

Santangelo. Poi se ne ebbe

un secondo esemplare ma

fo-

di Nola risulta mancare ogni fondamento

derato ed entrò nella collezione medesima.

Ma un
di

esem-

coloro che vogliono fondere insieme Irina e Nola,

o

che con

plare anteriore

si

aveva già nella collezione del card. Ste-

questa città
tal

si

chiamasse una volta Irina,

e coniasse

fano Borgia, donde era passato nel

Museo
il

Propaganda.
è figurata

nome, ovvero che Irina fosse l'acropoli
di

di Nola.

Le

La forma
assai

delle lettere che ne

compongono

nome
coli.

monete

Nola sono

rare,

maggiore però
si

si

è la rarità

meglio che nei due esemplari della

Santangelo

delle monetine di argento, che

possono paragonare alle
12

92

CAMPANIA

T.

LXXXIX

hemiectae: estremamente rari poi sono

i

bronzi. L'epigrafe

varne menzione in Igino {de lim consl)i. tav. 24
ed. Lack.)

fig.

197

quando

è

intera non

è

altro
si

che

NilAAIOS

ovvero Nil-

dove

si

nominano

i

Jines

Hirrensium sulla via

AAIiiN. Una sola volta
posito di Castellini
in

è

letto

NilAAljaiN e nel de-

consularis che da Napoli va a Capua, poco prima di arrivare

provincia

di

Campobasso recentein vece del

aWoppidum
relli

Alette.

Questo passo era stato citato dal Fio,

mente esaminato da me
sono adoperati due

e descritto

primo

Sì.

{Ann. numism. I p. 83)
farebbe
accettare
la

e

certamente la vicinanza
e

OO, NOOAA..
i

di Atella

la proposta, di

trovare

così

22-25. Di due tipi

si

servono

Nolani nei loro didi'ammi, la

meno improbabile
sium

mutazione
e

Hirrensium

in Hyrien-

Pallade coperta di elmo attico cinto di laurea sulla quale

Hyrinensium

di iltilenatium in et

Atellanatium
si
I,

posa la civetta e al riverso
grafe

il

bue androprosopo con
di

l'epi-

derivandolo -da

AteUanas, come da AbeUinas
dell'

deduce

NHAAlilN, ovvero Testa
il

donna diademata volta

Abellinatium. Ai tempi
si

Bckhel

(Zi.

n. v.

141) non

a d. con al riverso

bue androprosopo coronato dalla Vit-

era ancora deciso nulla intorno alla sede di questi Hyri-

toria e l'epigrafe NilAAlilN, NilAAlillN,

NIIAAION, NOv' è altra
il

nenses, se in Campania, ovvero nel Sannio, o altrove, e l'Avellino pensò alla

AA10$

e

NOOAA... Del magistrato monetale non

Hyrium

di Puglia, poi al ^vqqsvtov, detto di

iniziale clie il

monogramma
simile

/ìl

fra le

gambe

del bue;

peso

SvQaiov

in alcuni

codici

Strabene {Op. XI, 105), la

di tre miei esemplari è di gr. 7,00.

qual sua opinione egli poscia abbandonò.

Ma

il sig.

Adriano

26.

Un

mio didramma

a quello del n. 23 ha una episotto
al collo della
cioè,

De Longpérier
Hosidia
(Paris

in

ima dissertazione sul

tipo della famiglia

grafe in carattere minuto

donna dia-

1852, pag. 14) dolendosi

che

l'Avellino

demata che
KoCXov.

si

può leggere >IOIAOY

a quanto pare,

avesse rigettata la prima sua che chiama eccellente attribuzione della

moneta

di

Hyrina a Sorrento

se ne
l'

dichiara

27

Minervini,

Oss.

nuniism. T.
a

Ili,

4

p. 71, 72.

La

testa del

partigiano col sig. C.
siasi

Lenormant

e sostiene che

aspirata i

dritto somigliantissima

quelle di Nola consigliarono al

potuta cambiare in

H

dai Greci e ripigliarsi poi dai La-

Minervini
il

di dare a questa città la

moneta singolare dove
la

tini, i

quali anche abbiano aggiunta la
si

n che

in

YPIETES

si
il

bue ha la testa di sua specie, non

umana. Nella
al

serie

vede omessa. Ora taluni

sono decisi per Salerno presso

delle

monete napolitane rassomigliano
epigrafi

tipo del dritto

fiume Imo, altri opinano che abbia a cercarsi in Nola, la
quale talvolta
si

quelle che hanno

sbagliate

(tav.

LXXXV,

6, 7).

sia appellata
e il

con questo nome, tal altra

Non
al

ho pertanto rimossa questa moneta dalla serie delle
il

con quello di Hyrina;

Cavedoni avverte di essere stato

nolane. Dice

Minervini che

il

toro

può

essersi sostituito

dubbioso, che Note ed Hyrina fossero nomi di una stessa
città abitata
stìt.

bue androprosopo dai Sanniti che occuparono per breve ora
della terra Italia.
si

da due popoli diversi
199) che
il

e

soggiugne {Bull. Inpiìi

Nola come insegna
fosse,
il

A me

pare che, se ciò

1850

p.

Priedlaender rese vie'

probanuovi.

toro non

sarebbe dovuto vedere coronato della

bile cotale opinione

con più argomenti

del tutto
la

Vittoria, la quale invece nelle

monete della guerra marsica
toro

Altri
lis

si

limitano a dire che questa
Osk.

Hyrina era
p.

PalaeopoH.

corona

l'

Italia.

Nondimeno

il

rappresenta ancor esso
la
,

di

Nola (Priedlaender,

Miinzen

37

;

Momms.

r

Italia

quando corre rapido ovvero calpesta
tranquillo
allato

lupa
o

o

de la
il

monn.

I p.

162). Il popolo Iriese declina variamente
sulle monete. Esso è Hyrietes, Hyrinaeus,
i

riposa

del

guerriero

sannita

gli è

proprio

nome

imposta la mano sul capo.
28-30.

Hyrianus, tutti

quali derivati nascono da
del Gargano e

un Hyria od
'Yqia della
il

Da

questo

sistema

si

dipartono le monetine d'argento
la testa di

Hyrium omonimo zìVHyrium
Calabria.
alfabeto

all'

che nel tipo

del dritto rappresentano

Apollo

La lingua
è

della quale si servono è greca,

loro

laureata e volta a sinistra colla leggenda davanti ND.AAI,
e nel riverso
il

parimente desunto dai Greci,
sulle lettere

ma

vi si

vedono

bue androprosopo coronato

dalla Vittoria

introdotti dei punti
di sotto
1 ;

V

e I

che talvolta gli ha

volto a destra. Sono quindi contemporanei al bronzo al pari
di essi assai raro che

rY

è ancor fatto in guisa da avvicinarsi al chi

ha

i

medesimi

tipi.

Le

particolarità

psi Y. Essi adoperano in prima la forma del sigma a tre
linee
la P;
S,

sono nel bronzo
tra le
soli
v' è

un A

dietro la nuca

di

Apollo e im MI

poi a quattro i, prima l'V e la
lo spirito aspro

r,

t>,

poi la

Y

e

gambe

del bue:

nei due

esemplari dell'obolo che

prima
il

H

avanti alPV, che poi omet-

conosco l'uno n. 26 in Vienna l'altro n. 27 in Napoli

tono:

loro ^^ è arcaico. Cotesto doppio- alfabeto

non

si

questa differenza,

che nel primo

si

ha un

M

tra le

scorge nelle monete nolane, e ciò dimostra, che non furono

gambe
un X

del toro (Carelli, tav.
ivi,

LXXXIII,

12, 13) e nell'altro

contemporanee, ne che

gli Iriani

stessero

mai insieme in
dirsi

e

un MI

nell'esergo

(Avellino, Giorn.

numism.

una

città

medesima

coi Nolani, e

molto meno può

che

T. I tav. IV, 3). Pesa gr. 0,58 e devono considerarsi come

essi successero ai Nolani.
1.

due hemiectae.

Nel Museo

dell'

Università

di

GlasgOTv. Testa di Pallade
R.

coperta di elmo laureato volta a dr.

bue androprosopo
vidi

HYKIA
Tav.

HYEINA
si

a

d.

tra le

gambe A

5 4'

di sopra
sig.

HVPIETES. Ne
e vi lessi

un
al

LXXXIX.
Della città Hyria o Ihjrina in Campania non
antico scrittore che ne
additi
il

esemplare nelle mani del

Sambon

AS^',

ha verun
altro,
il

riverso

:

ma

nelle Recherches a p.

165 ne sono da

lui de-

sito,

e tab.

se

non

scritti due,

nel primo dei quali l'editore legge
di arpione,
espi;ce

A

e a dritta

nome. Credette

il

Cavedoni (ad Carell.

pag. 31) di tro-

vede una sorta

de harpon, nel secondo

T.

IXXXIX

CAMPANIA

93

riconosce soltanto le
vi

due

lettere

AS. Io

fin

da principio
Il

gere Frelernum, come
vesse

si

è detto, e fu
città,

di avviso

che
si

si

do-

aveva veduta la leggenda ohe bo

riferita.

direttore
di

assegnare ad una

che diversamente

leo'o'e

del

Museo

di

Glasgow

prof.

Joung mi fu cortese

un

detta nei codici di Livio Cerfennia o Censennia. Poi non ne

buon

calco, clie

ora pubblico. Pare che cotesto popolo fosse
piìi

fu pago e

si

rivolse a

Tifernum, [Bull. arch. nap. 1846
si

p. 25),

vago di appellarsi in

modi.
si

La

città

se denominossi
il

che stimò essere Q>hsQvov come

legge nei codici di Tolo-

Hyria ovvero Ht/rium indi

poteva ben dedurre

patro-

meo

la quale Piterno pose a Termoli.

Fu

parere del Millingen
fosse
il

nimico HYPIETE5 ossia 'Yqu]vì]ì ed anche 'YQiàrag in dorico
dialetto.

{Considerai, p. 205) che cotesto

Fensernum

campano
fiume Ve-

Ma

essi

ne derivano 'l'Qiavóg e ^YQìrog, donde ha
il

e alle radici del Vesuvio, dove Livio
seris (L.

nomina

origine
2-i5.

il

più frequente ^YqCvu e

suo derivato ^YQivcàog.
la terza n.
n.

VIII

e.

19).

A me

piace cotesta proposta, e credo

Le due prime nn. 2,3 scrivono YPINAI, AhllY

4

ohe possa accettarsi avuto riguardo al

nome

del fiume che

Ahiqy

(v' è

anche esempio di flUNY), la quarta
si

5 YPiAsi

bene

si riscontra, e

singolarmente ancora al tipo della moneta,

IMO?. L' aspirata non
il

vede che nel n. 1 HV, ove

usa
i

che sembra alludere al prossimo monte Vesuvio, del quale
era antica fama, dice Strabene, che

sigma

5,

poscia

si

scrive
il
i.,

sempre Y ed S
loro
fi,

,

quando

una volta ardesse

;

alla

Napolitani hanno
E, L,
$,

cambiato
H, A,

alfabeto

e

invece di
il

qual circostanza, penso, vollero alludere gli antichi quando
posero la chimera ttvq nvéoiau (Pindar. 01,

P

scrivono

come dimostra

n. è

6
riil

Xni, 128

ed.
di

dove un didramma di Napoli con (NE)OnOA(ITHS)

Heyn.) combattuta

e

domata da Bellerofonte. Non lascerò
i

battuto per (A)HI(qY). Il tipo della Vittoria che corona

avvertire la grande somiglianza che passa fra

nomi

delle

bue androprosopo non fu mai adoperato dagli abitanti

-di

due

città sannitiche la Aisernia e la Fensernia.
si

Hyrina come da
7.

quelli di Nola.

9-13. Della città che batte questa moneta
coi

hanno esemplari

Testa di Giunone

posta

di

prospetto
cilindrica

capelli sparsi e

creduti anepigrafi, onde

il

Kiccio che uno ne riporta, ha opi-

fluttuanti coperta di corona

ornata di palmette

nato della leggenda che fosse una perfetta visione {Repert.
n. 7);

nel mezzo di
d. sopra 8.

due

cavalli

marini R. Bue androprosopo a

ma

poscia confessa a p. 14 che in quella del Kochette
v' era e si

AhiqV.

da lui veduta e giudicata senza leggenda,

leggeva

Lo

stesso tipo della precedente n. 7:

ma

il

bue va a

sini-

5EN5EP a testimonianza
quando
le

del duca di Luynes. Questa città
si

stra v' è inoltre

un f segno

di zecca ripetuto al dritto a d.

leggende non sono uscite di conio

chiama dop:

e al riverso tra le

gambe

del bue e l'epigrafe superiore

piamente come ho di sopra detto Fensernia e Sensernia della

nei due esemplari che ho davanti è appena visibile: della
epigrafe poi che
si

prima

epigi-afe ci
i

sono garanti gli esemplari 9, 10, della

legge

nell'

esergo

rimangono deboli

seconda

nn. 11, con l'epigrafe

13S\A35

e il

12 dove

si

tracce

ma

certe

come

se fosse stata martellata di proposito.

legge q3^NA3^.

Non ha dunque
(})

l'Avellino creduto di vedere

Un

novello

esemplare

venuto fuori da un deposito in
la

un
gli

S in

luogo di im
il

(Opusc. II p. 134,

IV

p.

81) come

provincia di Campobasso porta

leggenda F1HE1Y che
d' altro

è

appone

Millingen {Consicl. pag. 205). Alla quale Sen-

una buona conferma
plare attribuito
dal

della

mia sentenza su

esem-

sernia l'Avellino, cercò per altro paragonare la Censennia
sannitica secondo alcuni codici (Liv.

Luynes ad Alipha. Vedi

ciò

che ho

IX
del

e.

44): gli venne

notato sopra questa moneta nel proleg. di Alipha.

quindi alle

mani

quell' esemplare

Panelli

nel quale
detto,

erroneamente lesse Freternum

e aggiudicollo,

come ho

FENSEENIA
Pochissimi
tutti la
si

o

SENSEENIA
:

a Fiternum. I tipi sono la testa della Giunone Lacinia posta di prospetto R. Bellerofonte sul
l'

Pegaso che combatte

noverano gli esemplari di Pensernia

ma

in

la chimera.

Questa ha due teste

una

di leone

e

l'

altra

leggenda è uniforme. Quello della collezione Luynes

di capra, il corpo è di leone e la coda termina in testa di

edito dal

MiUingen {Ano.

coins, n. 8) reca

M Vlia3^H38.
il

Conterzo

serpente.

È

notevole la lettera

f

ripetuta sul dritto e

sul

corda con esso quello del museo di Panna,. .VMQ3^I13X,
è

riverso dell'esemplare di

Parma

n.

13 perchè ricorre nella

queUo

della collezione Panelli, ora mia, dal quale l'Avellino

moneta del

n.

8.

La moneta

di Pensernia fu di

dunque

incisa

ritrasse

mAHC]UT3<]8,

ma

la vera lezione

dopo studio maturo
in tre degli
i

contemporaneamente a quella

Hyrium

e

dall' incisore

mi si

è

mostrata esser

la stessa,

che

si

ha

esem-

medesimo che marcò

il

conio colla lettera f.

plari allegati, I41VHQ3^M38, dai quali si discostano

tre se-

guenti, ove la lettera iniziale si vede cambiata in

k.

Due

di

PISTBLIA
La
che sulla propria moneta
inscrive in primo

questi esemplari si trovano nel

Museo
il

di Napoli, Coli. San-

tan gelo, e leggono
nico ove
si

?ENSEP;

terzo è nel
(cf.

Museo BritanPoole, Catal.

città,

s'

legge

egualmente tEN^EP

e sesto caso, di

lingua e carattere sannitico, W>IT^18, ^IV>IT^I8,

p. 128). Ciò dimostra che la iniziale

8 era considerata come
valsero lo stesso.

sopra le piccole monete che sono bilingui dicesi in greco
(J)I$TEA1A.
sia

un'aspirata, e però

Fensernum
I,

e

Sensernum
il

Niun

antico

ha

lasciato
la

memoria

di lei che
si

L' Eckhel {D. n. v.

171) conobbe

primo questa moneta;
l'

pervenuta a noi e però
questa
città. Il

prima dimanda

è

dove

ma

eUa era forse logora
diede

se gli parve vedervi

epigi-afe

KPO,
sin

fosse

Mazzocchi (Tab. Heracl.

p.

590) e
si

e la

a Crotone. Questa

attribuzione le

rimase

rignarra

{De palaestra neap. p. 261), che lo

segue,

a tanto che l'Avellino in altro esemplare credette di leg-

lasciarono guidare dalla analogia dei suoni quando proposero

94

CAMPANIA

T.

LXXXIX

Paestum.

Il

Friedlaender a cui sottoscrive

il

Sambon

{Re-

si

trovano più che altrove frequenti

tali

monete:
si

ma

que-

cherches pag. 46, 47), a quanto pare slette per Puteoli credo
pel

sta

pruova parmi manchi

finora, e

nondimeno

afferma che

motivo medesimo della vicinanza

di

suono

dai

due

le fisteline sono di Pozzuoli.
il sig.

Ho
le

fatto interrogare a

mio nome

nomi, egualmente che l'Avellino allorché

die'

queste monete

Sambon che mi sembrava
il

potesse avere

un qualche

ad Histonium

{Bull.

nap.

an.

IV

p.

27).

Finalmente

il

argomento, perocché

padre

aveva attribuite a Pozzuoli,

Minervini {Osserv.
di

numism.

p. 13) ce

lo fissò

in provincia

ed egli mi fece rispondere, che da Pozzuoli non vengono
le

Campobasso in quel luogo che
di Toro, preso

dioesi

Campo

Laureili,

monete

di Pistelia, le quali
e

del resto

si

trovano nella

comune

argomento dalla scoperta

di quaranta-

Campania

per lutto.
si

tre esemplari che misti a

monete diverse
:

si

trovarono negli

Fra tante opinioni delle quali ninna
messo di proporre una mia.

sostiene

mi

sia per-

scavi fatti in
lia
si

un antica necropoli

e

pensò che questa Tiste-

V

é

una

città fra le

nominate

potesse essere la Fulfulae di T. Livio.

A
p.

tale opinione

da Livio, che meritava più che ogni altra essère ravvicinata a Fistlus, Fistelia;
del

attennero
e
il

seg.),

De Petra [Condizioni delle Von Duhn {Bull. Instit. 1878
il

città ital. p.

86
il

questa

è Plistia, che le edizioni

31, 163),

1472 romana
di

e

parmense concordemente chiamano Phi-

quale anche scrive che « le monete fistelline non hanno a

listia: i eodici

Diodoro L.

XIX

la dicono JlXifSvixì'iv, e
città

che fare con questa città

(di

Pozzuoli)

».

L'argomento

alle-

così anche alcuni codici di Livio.

Questa

non fu guari

gato dal Minervini avrebbe valore se la indicata
avesse qualche
riscontro
locale.

scoperta
è

lontana da Saticola, e però sui confini del Sannio verso la

Perocché

altro

che le

Campania,
ora
dai

e

quindi occupata or da Sanniti, ora dai Greci,
Saticola.

dette monete siansi trovate in

quella regione del Sannio,

Eomani, come

Oggi

i

geografi

pongono
Virg.

altro che ne sia ordinaria la provenienza. Il caso è diverso.

Saticola che Servio chiama popolo della

Campania {ad

Scavandosi una necropoli in
di città raccolte ivi, le piìi
Fistelia.

Campo

Laureili, fra le

monete

Aen. VII, 729) a

s.

Agata dei Goti

e Plistia a quattro

miglia

numerose sono

state queste di
si é

nel luogo detto Pletia (Lor. Giustiniani, Diz. geogr. T. Vili
p. 250). Livio narra che l'anno

Ma

né prima né dopo questo scavo
ci

udito che

489 avendo

i

Sanniti per-

monete simili

fossero recate sovratutto da quella regione.
Il

duta la speranza di ritenere Saticola misero l'assedio a Plistia socia dei

Le

fistelie si

trovano specialmente in Campania.

Millingen

Eomani (L. IX,
ipsi,

21): spe abiecta Saticulae

l'aveva appreso per esperienza: « Des

monnaies nombreuses
egli

tuendae, Plistiam
e che l'esito fu e
i

socios

romanorum, circumsidunt
ai

;

sur

les qvelles

on Ut

Phistltiis,

scrive
et

{Considerai.

(e.

22), che Saticola si arrese

Eomani

p. 199), oìi Phistelia, que leurs types

leurs provenance

Sanniti presero

per forza Plistia: Saticula

Romanos

indiquent apparterJr à la Campanie

».

Keeentemente da

per dedilionem, Plistia per vim Samnis potitur.

una tomba

di

Capua ne furono

estratte alcune con alquante

Or intenderassi anche
le

il

motivo per cui Fistelia conia

napolitano. Io paragono questa scoperta di

Campo

Laureili

sue monetine in doppia lingua, sannitica nel dritto, greca
essa sui
alle

ad un'altra avvenuta nella stessa provincia sulla montagna
detta Prosolone. Ivi

ner riverso: perchè stando
della

confini

del Sannio e
il

erano monete

osche di Tiano,
col bifronte e
il

ComGiove
14.

Campania

fosse

agevole

due nazioni leggere

pulteria, v'era qualch'una di

Koma
numero

nome

nelle patrie loro lingue.
di Milano.

fulminante in quadriga

:

v'

erano le napolitane, e quelle di
vi si trovarono quelle

Nel Museo
p.
'

La pubblicò

l'Avellino {Opusc. T. II

Arpi in Puglia,
di Sessa e

ma

in gran
:

56

n.

13) e mostrossi disposto

a

crederla di Vescia e

di Calvi

queste

sommavano

a circa sessanta.

combatté quei che la davano a Picentia. Altri però la davano a Fistelia che identificavano a Picentia.
la
Il

Nel Sannio dove non
merciava
colla

fu costume di batter
di

moneta
Puglia

si

comdella

Millingen
sia
:

moneta

Campania,

di

e

tiene per moneta imitata dai barbari
si

e

non par che

Magna
si

Grecia. Frequenti sono oggi le monete d' Irina, che

convinto che vi
«

legga veramente FI5K1NIS {Consid. p. 144)
lire

trovano nelle terre di Campobasso, e di recente ho esa-

sur la quelle on a cru
fosse

FISKINIS

en

lettres

osques ». Il
I,

minato un ripostiglio trovato in Castellini fra Campobasso
e Larino,

Fiorelli dubitò che

di

Fistelia {Ann.
R.

num.

82).

che

si

componeva

di

monete della Magna Grecia mi-

Testa di donna volta a

sin.

Conchiglia e sopra di essa

ste alle

campane

in guisa che fra le trentasei tutte di argento

im

sorcio volto a sin. con la leggenda ^INN^I'I.
col sorcio al riverso è nella Tav.

La moneta
7.

tredici erano d' Irina, sette le nolane, cinque le napolitane,

cumana

81

n.

Questa

ma

una soltanto

di Pistelia.

Le monete raccolte

in

Campo
l'

epigrafe Pislinis é da paragonare a Cumenis.
15. Coli,
di
di

Laureili le conosco tutte dalla relazione che ne fece
caricato sig. Trotta
il

in-

Luynes. (Fiorelli Ann. numism. II

tav.

1).

Testa

di 5

maggio 1855,

e le

ho pure veerano

donna messa

di fronte coi capelli sparsi e cinta di diasin.

dute

io,

che dimoravo allora in Benevento.

Ve ne
ili

dema. R. Bue androprosopo a
16. 17. Testa di

e sopra ^IV>JTil(8.

parecchie di Taranto, altre di Metaponto, altre
altre di
tanati.

Caulonia,

donna

coi capelli sparsi e

diademata posta di
R.

Napoli : v'erano

le

fisteline,

e con esse

due dei Pi-

fronte con

una

filza di perle

attorno al collo.

Bue

an-

droprosopo a sinistra, nell'esergo un delfino, che assegna a Puteoli queste

sopra n.

16

L'altra opinione
fisteline,

monete

8UTUVU,

n.

17 81STUV5.

e

che

il

Millingen {Consid. p. 291) chiama consi

18, 19. Testa di donna con pendenti agli orecchi e monile al
collo volta a destra ovvero n. 19 volta di fronte e coi capelli sparsi

gettura la più ragionevole, non

sa

donde

sia nata.

Do-

vrebbe almeno potersi provare che nelle terre puteolane

come nei

n.

15-17.

R.

Bue androprosopo

a si-

T.

LXXXIX

CAMPANIA

95

lustra, uell'esergo

un

delfino, sopra

SISTUVU. Può
81STUVI/1
sia

dirsi clie
e

36. Testa di Pallade coperta di
e della civetta volta a sin. E.

elmo

attico

ornato di laurea

SISTUVS

sia

nomiuativo plurale
{Fistli,

genitivo

Mezzo bue audroprosopo volto

31STUV15 sia locativo
20. Nella coli. mia.

Fistlon, Fistiis).

a d. in alto 5IV>JT5I8 (Minerviui, Bull. arch. nap. Ili, XII,7).

Testa di Giunone con

diadema cilindrico
e

sul capo ornato di palmetta nel
i

mezzo

di ippocampi,

ha
an-

ALLIBA
L'Avellino, anche dopo che
chio, tenne che questa città
il

capelli sparsi, collana di perle e sta di fronte.

E.

Bue

droprosopo che guarda a destra coronato dalla Vittoria.
foderata e priva di epigrafe

È

Cavedoni ebbe citato Esi-

ma

è dello stile delle fistelie.

non fosse mai stata ricordata

21. Nella coli. mia. Testa di donna diademata volta a sinistra.
/?.

dagli antichi

e a ragione.

Perocché quel tratto di Esiehio
{Spicil. p.

Bue audroprosopo che guarda

di prospetto coronato dalla

che

il

Cavedoni additò
di 'Ali^ag

e trascrisse

13 an. 1838)
così:

Vittoria; neir esergo (ST)AYilN.
22. 23. Testa di Apollo laureata volta a sin. davanti
B.

non parla

ma
rj

di 'AXv^ag e dice

'AXv§ag

^TAIilNT.

OQog nccgà 2o(poxXsT,
€i>

nólic,

ol

oh

XC/xrrj

iv 'IxaXia xaì

Bue

andropirosopo a destra che guarda di prospetto cofi-a

Troice.

Quanto ad 'AXi^ag scrive Suida che vale morto,
'Ali^ag ò vsxqog, ^ d)J§ag xaì rò o^og. Per la
:

ronato dalla Vittoria
nel n. 23 DIAATVAI.
ste

le

gamhe

1^

nell'esergo /y\TV^R

ovvero un fiume dHnferno, ovvero l'aceto
Tvorafuòg év

A

buona ragione ho messo insieme queil

àSov. léystai
dell'

tj

monete

nelle quali

nome

di Pistelia è

variamente tra-

qual menzione
perciò
città

"ASr^

avvertì

l'

Avellino,
p.

approvato

dotto: ciò che più importa si è la emissione della prima
sillaba in Stliont dei n. 22,

dal Millingen

{Consid. 1841

141), che questa

23

ai
il

quali perciò ho stimato
cui Ujon superstite

poteva essere stata vicina a Cuma, e presso l'Averne,

dover aggregare la moneta n. 21

mi

cioè in

una regione sacra a Plutone; ea in regione quaa

dà fondamento a dedurre che deve esservi stato scritto stlyon.
Fisleliont pare,
Fisteliotae
,

Plutoni

maxime
al

sacra habetur (Suppl. ad

Ital.

numism.
Alibas.

un genitivo
si

del patronimico Fisteliontes o sia
dialetto.

pag. 12), e forse dove scorreva

un fiume

di

nome

che

può stimar possibile nel barbaro
di cotesta

Quanto poi

monte Alibas

si

è allegato per riscontro
si

un

Un

nuovo esemplare

moneta trovata
sig.

di recente

monte nella regione puteolana che oggidì
vano,
e

chiama Ole-

nelle

campagne

di

Tiano è posseduta dal
quale

Marchese

di

credesi che si dicesse 'AXC^ag. Tiensi anche per
il

Campodisola nella

moneta

l'epigrafe

del rovescio,

dimostrato che Alliba non è Alife ed è questo
del Minerviui,
il

parere

perchè fuori di conio.

quale giustamente dichiara di greco caratè

24-27. Testa di donna volta di prospetto

coi

capelli sparsi e

tere

AH

(J)

HA, ond'
si

che

le

due denominazioni essendo ad im linguaggio mede-

bella collana di gioie in forma di ghiande. R.

Leone volto

diverse non

possono adattare
131).

a sin. e talvolta n.

25 respiciente a

destra. V'è nell'esergo

simo {Oss.

p.

Aggiungasi che
il

quando

gli

Allifaui

un serpe

n. 24, 25, 27, nel

campo

di sopra di raro

un elmo

hanno voluto trascrivere
tere

nome

della loro

città in carat-

frigio n. 25,

un

astro n. 26.

Il tipo

del leone al riverso
ri-

osco

r hanno chiamata ASMA, non ASM-JA. Indi
ci

ha

fatto attribuire cotesti oboli
dritto,

ad Eraclea: io, avuto

segue che quando gli agrimensori latini
l'

parlano del-

guardo alla testa del

gli aveva aggregati alle

mo-

ager Allifanus non

si

deve intendere che parlino di AlItalico

nete di Fistelià, quando

mi

è occorso di

trovarne nella coli,

liba,

ma

di Alife.

osta che Silio

nomini Alife

mia una con una metà
riduce a W>JTJI8.
28, 29.

di leggenda iV^, che facilmente si

fra Calvi e Casino [Punic. L. XII, 526) e poi fra

Ndìa ed

Acerra
mia,
il

(L. VIII, 537) per dire

che

si

parla di due città
le fa

H

n.

28

è nella coli,

29

in quella di Santangelo e fu

che

il

poeta se non distingue di
Il

nome

però distin-

già pubblicato dal Piorelli {Ann.

numism.

I,

pag. 11 tav.

1,

6)

guere dalla località diversa.
sostenersi, se

quale argomento non può
si

dopo la notizia datane dal Lenormant (Revue numism. 1844
pag. 249). Testa di donna coperta di elmo triphalus volta
di prospetto. E.

non

si

suppone, ciò che non

può, che

i

poeti
le

debbano seguire l'ordine geografico quando descrivono
città,

H segno 5T

della

metà,

e

intorno

num. 28
pensò che

che in caso di guerra, o per altro motivo sono da loro
Alifa ed Alliba hanno

poeticamente nominate e descritte.

N 8 A

-V

'

'^^

^^

"'^'

•'^^fillino

81

dopo

altri

sulle loro

monete

tipi diversi

:

quei di Alife non adoperano
il

questa fosse moneta di Histonium. [Bull. arch. «ap. 1846,25).

simboli marini, come gli Allibani, che prendono

mostro

30-34. Testa imberbe con capelli discriminati a guisa di coppi dei
tetti.

Scilla per propria insegna e le teste di Grlaueo, di Apollo,
di Pallade.

Nelle tavole del Carelli

è inciso ct)I^TVAlA,

che non fu

corretto dall'Avellino e neanclie dal Cavedoni [ad Car. tab.

Alifa per contrario non pone sui
soliti tipi

suoi

didrammi che

i

LXII, 5-8). La greca epigrafe nelle due prime

è

OlìTEAIA.

della Campania, testa di Pallade e al riverso

il

E. Conchiglia, delfino, acino d'orzo e leggenda osca variamente
scritta n.

toro androprosopo.
alle

Pone anche

la testa di leone

allusiva

30 IV>JT^I8; 31

^IV>JT^I8, indin.
il

32 1/V\V\AVI0, 33

sue origini forse dai Samii che abitavano le spiagge. Gli

^VVT^IS, 34 yVTWIS. Avvertasi che

Millingen ha preso

Allibani non seguono altra tradizione che quella sostenuta

per acrostoUum la conchiglia che in cotesto
rappresenta [Coìisid.
p.

monetine

si

anche dai Cumani della magica verga e della potenza dei
veleni di Circe, onde avveniva che si popolasse di mostri e
di belve feroci la terra e
il

201).

35. Testa a quanto pare diademata, messa di fronte e la lettera V.
E.

mare

circostante.

H segno

del semis e 5IVn'T^I8 (Fiorelli, Ann.

num.

I,

5).

37.

Mia

collezione. Testa di Apollo laureata volta a d. intorno

9G

CAMPANIA

T.

LXXXIX

tre delfini.

/(.

AAAIBANON.
di cane

Il

mostro Scilla con turgide
si

dusse

il

racconto serbatoci da Svetouio (De dar. rhct.
di

e.

4) di

mammelle

e

due teste

che le

spiccano dalle spalle

un nucerino

nome Epidio che

dicevasi aifogato nella fonte

ha nella destra un polpo
dal Cavedoni (Spie,

e nella sinistra

un

delfino creduto

del Sarno, e dopo alcuni giorni fattosi vedere colle corna uscir
dalle

numism.

15)

il

pesce Glauco, la sua
di sotto è

acque

e

dileguarsi; onde poi gli furono tributati gli onori
i

coda è munita di cresta: nel
chiglia del genere

campo

una con-

divini. Cotesto Epidio contavasi fra

suoi antenati da queU'Bpidio

pinna. Pesa

gr. 0,70.
sin.

ohe fu maestro di Antonio e di Augusto. Hic Epidius ortum
..

38. Testa di Apollo laureata volta a
R.

davanti: AH^IBAN.

se

ab Epidio Nuncione

(')

praedicabat,

quem

ferunt olim prae-

Mostro marino bicipite
di creste
:

e desinente in

coda di pesce ar-

cipitatum in fontem fluminis Sarni paulo post
extitisse,

cum

cornibus

mata

due protome
:

di cane si slanciano dalle sue

ao statim non comparuisse, in numeroque deorum

spalle abbaiando

esso porta sulla sinistra

un

delfino e

un

habitum. La spiegazione dell'Avellino fu seguita dal Millingen
ed ebbe da sua parte
il

polpo nella destra ed è accompagnato da due cigni che le
aleggiano intorno. Parmi evidente che gli Allibani abitassero sul mare.

Minervini (Osserv. p. 45):

ma
il

il

Millin-

gen eambiò poscia

di avviso dichiarando di credere che sia la testa

La doppia

testa

del mostro credo che sia

dell'eroe Sarnus, dal quale prese

nome

il

fiume, e

popolo

si

simbolo di sua confederazione forse
in

con

Cuma,

la quale

appellò Sarraste {Consid. pag. 198).

una singoiar moneta prende per impronta del riverso
Scilla.
d.

Ma
dimeno
edjè

il

racconto serbatoci da Svetonio quantunque non dica

una

di quali corna era R.
al

munito Epidio, quando uscì

dalle acque, non-

39-40. Testa di Apollo laureata fra delfini volta a
stro

Mo-

ce lo descrive apertamente qual novello
ai

nume

acquatico

:

marino ad una testa simile però nel resto

prece-

ben noto che

fiumi non

si

davano corna convoluta in anfra-

dente: nel basso una conchiglia: l'epigrafe è

AAAIBANON

cluni,

come sono

le arietine, bensì infesta

come
figlio

ai tori: le

corna

più

meno compiuta.

arietine davansi invece ad

Ammone

e al

suo

Dioniso, perchè
i

41. Nella coli. mia. Testa barbata e laureata volta a d. R. Si-

custodi

ambedue

delle pecore così rappresentati da quei popoli,

mile
42.

ai tre

precedenti.

quali traevano la lor ricchezza dalle

mandre

di questo bestiame.

Museo

di Berlino. Conchiglia. R. H,

segno della metà e in-

Noi non abbiamo alcun
cera
dell'Apollo

indizio del culto di

Bacco libico in No-

torno I3AAA od AAAEI (Piorelli, Annal. di
pag.

numism. 1846
Osk.

Carneo voluto

sulla nostra
il

moneta dal

Du

82

tav. Ili

n.

4).

Il

Priedlaender,

Munzen,

Chalais (Rev.

numism. 1850
gli

pag. 394-404),
le

quale gratuita-

pag. 25) la attribuisce ad Alife persuaso che .alliba ed Alife

mente ancora

ha attribuite

corna di ariete (Muller, Monn.
poi ci è possibile
il

sono due nomi della medesima

città. Io

non sono

di questo

de Vane. Afr. I pag. 104). che
i

concedere

parere e attribuisco col Piorelli (Mon. ined. p. 19) e col

Nucerini ponessero una volta la loro miglior fortuna nel
il

Minervini {RuU. arch. nap.

Ili,

53; IV, 145) cotesta mo-

commercio del minore armento, come farebbe supporre
niso di Libia, tipo

Dio-

neta ad Alliba città greca e marittima, non mediterranea

principale delle loro monete. Kesta quindi
state

ed osca, come Alife.

ohe alla imagine

siano

attribuite le eorna

d' ariete

per

motivo a noi ignoto,

ma

verosimilmente per un racconto analogo

NUCEKIA
Nocera, scrisse Cenone citato da Servio {ad Aen. VII, 738),
è

a quello di Carano fondatore di Aegae, che fu rappresentato con

corna di

capro, perchè
il

traforatosi

in. città

con un branco di

capre invase

regno.

Non sapendo

trovare alcim rapporto simile

rma

delle
i

molte

città fondate dai Pelasgi e dai

Greci del Peil

a quello che fé dare ad Alessandro

Magno

e

ad alcuni suoi suc-

loponneso,

quali diedero al fiume della contrada
il

nome

patrio

cessori le corna arietine, pare che ragionevolmente c'inchiniamo

di Sarno e presero per se
di

soprannome

di Barrasti.

Le monete

ad un mito locale qual' è, per esempio, quello dei Romani che rappresentarono sulla porta raudusoulana Genucio Cipo con le corna
(Val.

Nocera appartengono
si

tutte all'epoca in che essa era occupata

dagli Osci e questi

denominano Sarasneis

e

s'

inscrivono a

Max. V,
Quanto
al

6, 3,

pi.

XI, 45).
il

distinzione, pare, di altri Nucerini coli' appellativo di Nucerini

tipo del riverso
il

Cavedoni vuole {Bull.

Instit.
il

Alafaterni.

È
i

facile

rimuovere dal Sarasneis

la lettera S, e sa-

1850, 198) che

giovane nudo sia un Dioscoro che frena

ca-

ranno però
portano
il

Sarani, popoli del Sarano o Sarno. Altre

monete
a

vallo colla destra ed abbia nella sinistra

una verga per reggere
:

nome

dei Decuini, altre dei Decuini

Ranì popoli

ed eccitare alla corsa
tiene in
sulle

il

eavallo. L'è
(e

un errore

il

giovane non
frusta,

noi ignoti,

ma

che dimostrano di aver fatta alleanza coi Nuce-

mano una verga

dovrebbe essere una
un' asta con alla cima

come

rini Alafaterni.

Pompei,

città osca e la più vicina d'ogni altra
rjV

monete tarantine)

ma

un

fiore in-

a Nocera, era posta sulla riva del Sarno,

naQaq^sT

6

JÙQvog
o-p-

torno al pomo, nel qual

modo

suole figurarsi lo scettro, di che
di

notajxóq (Strab. V, 170), potrebbe essere ima delle multa

abbiamo esempi

sulle

monete

Eoma

e di

Capua. Cotesto gioche

pida fondate dai Greci del Peloponneso
gine greca,

;

certo è che fu in ori-

vane adunque è un eroe deUa città ne fu una volta capo o dinasta

e lo scettro fa arguire

siccome dimostrano alcune
;

fabbriche superstiti di
ci si è rivelato

e conduttore.
i

antichissimo dorico stile
aiuti

ma

finora

non

nulla che

I Nucerini venerarono ancora Apollo e

Dioscori che rap-

ad interpretrare

il

tipo delle

monete nucerine,
il

cioè la testa

presentano sulla maggiore unità di bronzo

;

Apollo e Diana caccia-

giovanile munita di corna d'ariete e

giovane eroe nudo che
sinistra

frena colla destra
asta

un

cavallo e porta nella

una lunga
(')

Questo vocabolo è diversamente scritto nei codici e nelle stampe,
i

con un

fiore in cima.

L'Avellino {Num. anecd. 22)

ad-

Nuncione, Nuncino, Mancino; donde

critici

hanno

fatto Nucerino.

T.

XC

SAMNIVM

97

itrce, la

quale figurano per mezzo del suo simbolo,

il

cane le-

nella testa laureata di Apollo coi capelli alla nuca retrocessi ed
il

vriero, al riverso della unità, minore.

semplice loro a testa

umana

al riverso,

pure

Le

epigrafi osche sogliono essere spesso scorrette fuor di
artefici di zecca.

l'alfabeto e l'ortografia
si

non

è di osco,

né di latino puro,

ma

dubbio per ignoranza degli
potestà dei

Nocera venne in
profectus

avvicina al più vetusto di Lucerà e al
si

comune
il

di Larino,

Komani

nel

456

(Liv. IX, 41): (Fabius)

nei quali

nota la lettera

D

che prende

luogo della

R

ad Nuccriam Alfaternam, tum pacem

petentes, quocl uti ea,

latina contrariamente al dialetto osco nucerino e di Aurunca,

quum

daretur,

nohiisserìt,

aspernatus,

ohpugnando ad dedi-

che

ritiene

la

9.

Essi

adoperano

anche

un

altra

let-

tìonem mhegit.

tera di forma assai nota negli alfabeti greci e nell'etrusco
arcaico,

ma

in senso a parer

mio

diverso. Questa è la let-

tera

©

che nella monete
IDNffi,

da

me

attentamente trascritte

Tav. XC.
1-3. Testa giovanile con lunghi capelli diademata e

ha questi esempi:
munita
di

IDffiN,

IDN®D,

ma

si

trova an-

che figurata cosi: 1DH®I,
che possiamo fare
di

IDNOlrj. L'evidente confronto

corna arietine volta a sinistra di raro a destra come nel Alla nuca nel
3n>lN
del
e
al
n. 1 è

n. 3.

1DN012 con 8I$TUVR ne convince
all'

uu

delfino, intorno si legge n. 1

:

NVV3N

che
(D.

essa
n.
V.

è,
I,

come parve
19), anche

Eckhel

una variante
la

dell' o

WWM)
riverso

n. 2. /V\Vl/ia3TI/18Nx|N W\Vl/!iai>|]

e all'esergo

quando imita
è notabile

forma del

th

JIBH^NQRJ
KlIIDIl

n. 3.

NYPKPlNVNVi<lUfl8flTCtlNV
scettro

nelle voci soprascritte.

Ed
trova

l'esempio di un
il

©

riverso:
tiene

R.

Giovane nudo con

nella
il

dove la linea verticale che è nel centro prende

posto di

sinistra

per la briglia

un

cavallo

che

muove

un punto,
th

il

quale

si

usato non solo per la lettera
si

passo.
4.

ma

anche per la lettera o nel greco alfabeto. Sicché

Testa di Apollo volta a
B. I

sin.;

davanti

WNmiTMf\ WNY\miyy\
la sinistra

vede che quanto a ciò v'è anche un analogo scambio di queste

due Dioscori nudi a cavallo che corrono verso

due lettere presso
che ha origine
e

i

Greci

:

sarà poi nuovo in
frentano,

un

alfa-

alzando la destra; uell'esergo mVI/lRNQ WV1/1G>I35Ì
I Nucerini conosciuti sotto
di .fatto
il

beto

dall' osco

dove

si

legge:

nome

di Alfaterni si

danno
negli

SDENTDEI
male.

UADINOD;

Frentrei e Larinor,

ma

la o è nor-

questo
di

appellativo sulle
altri

loro

monete,
caso

ma

eserghi

esse aggiungono

nomi nel

genitivo

6-8. Testa di Apollo
alla nuca.

laureata coi capelli lisci e
a
sin.,

quasi rivolti

plurale ovvero nel nominativo, e sono probabilmente loro
alleati

R.

Bue androprosopo

sopra la leggenda
:

che

si

appellano Decuini, Decuini Raani e Sarasnei.
i

che varia nel caso ora locativo plurale, ora singolare

Koi possiamo nel Sarasnei riconoscere
Decuini
e dei

Sarani

ma
Il

dei
9.

IDNOU, 1DN®D, IDN®.
Testa di Apollo simile alle precedenti 6-8. R. Conchiglia in

Decuini Raani non troviamo che dire.

Poole

{Catal. 121, 7)
5.

pone una lacuna davanti W1VHN.
sin.

mezzo a
Cane
le-

tre delfini che le guizzano intorno.
la somiglianza dello stile

Non ha
i

epi-

Coli. mia.

Testa di Apollo laureata volta a

R.

grafe,

ma

ha persuaso

numis-

vriere in agguato a destra e intorno l'epigrafe H1Vl'lia>l=lVH

matici di aggregarla alle monete di Irno.

kMVHQ3TN8fì>IR In

altri

esemplari non

si

vede la laurea

ma

invece

il

segno di un diadema.

SAMNITES
Non
fu costume dei
citare che

lENVM
Non ha
si
il

Sanniti di

batter monete,
il

ed

io

non posso
molti anni che in due sepolcri oschi di Pompei

una

sola eccezione,
la

raro bronzo di
ai

Aquilonia nel Sannio Pentro,
confini,

quale del resto, stando
circostanti,

rinvennero due

monete

di

Imo

coi

tipi

dell'Apollo e
(/Jwrn.

deve aver imitati

i

popoli

come

le

bue androprosopo

al riverso, e l'epigrafe

IDH®H

città sannitiche

che confinano colla Campania.

E

però venuta

degli scavi

1874

n. 21).

Altronde era noto che simili mo-

alla

luce in due esemplari una monetina d'argento, in-

nete provenivano

dalla

Campania

:

era

dunque

facile

il

scritta del
sia

nome
di

retrogrado

^AYNITAN,
i

né può dirsi che
di alcuna

dedurre che in Campania vi fu una città chiamata Irnum.

moneta

alleanza,

perchè

tipi

non sono

La Campania

dal

lato

di

mezzodì aveva per
i

confine

il

delle città greche d'Italia,

ma

simbolici

della nazione.
:

A

fiume Sele prima del 463 nel qual tempo
sportarono in Campania
i

Komani

tra-

me

pare che sia stata coniata dai Tarantini

la

lingua della

Picenti e

li

allogarono nelle vaste

epigrafe è dorica appunto

come quella

dei Pitanati, e postesta muliebre coil

terre che dal Sele si distendono fino a Salerno. Quivi
e
si

dunque

sono assegnarsi all'epoca medesima.
perta di

La

propriamente presso Salerno scorre un fiumicino che oggi
appella Irno e sembra persuadere che vi stanziasse sulle
si

un ricinium a

piii

ripieghe deve rappresentare
e la

costume delle donne sannitiche,
riverso deve

punta di lancia

al

sue rive quel popolo che

chiama col nome medesimo,
età.

ritenersi pel craiU'tov, peculiare

arma

della

costume notissimo dell'antica

nazione sannitica.

È

oscurissimo come e quando cotesto popolo venisse a

Era tradizione che

i

Greci avessero dato nome di ^avche adoperavano per
asta

collocarsi o se vi fosse trapiantato dai

Romani insieme

coi

vlrai a quella tribìi di Sabelli
il

Picentini.
stile e

La

loro
i

moneta

è di bronzo e del

più barbaro

saunium;

i

Latini

li

dissero Samnitae.

Ma
il

non

si

sapeva

sebbene

tipi

imitano le monete di bronzo di Napoli,

qual particolare forma avesse quest'asta, e

Dacier seguito

98

SAMNIVM

T.

XC

dal Muller {ad
giavellotto in
chìltma,

l'eUum

^.

326) l'aveva confuso con quel
che Virgilio (Aen. VII, 665):
tereti

forma

di spiedo

MALIES
Si è cercata la patria di cotesti bronzi assai rari,
e,

veru sabellum ove scrive:
sabello.
Il

pugnant mucrone
citato la

veruque
clie
i

Muller poi nel luogo
voluto

opina

da

G-reci

avessero
al latino

spiegare così

versione

Mdes

di Livio creduto l'odierno
il

Molise dove
p. 3) e

il

posero da

^avvitai data

Samnitae.

Ma

quanto siano andati

principio

Millingen [Anc. coins

l'Avellino (Suppl.
di

lungi dal vero lo fa ora manifesto questa monetina, dove
è

ad

II.

vet.

niom. p.

48), si è

opinato

trasportarli

a

messo

in bella evidenza clie il

saunium non ebbe forma
nome
^avvitai dalla

Malventum
identità di

detto poi dai coloni latini
cotesta Malies
il

Beneventwm. Della

di spiedo e
i

mal

si

è

confuso col veru dei Sabelli, e che
i

delle

monete con Maleventum

G-reci diedero loro

primi

il

di

degli storici sono incerti
e il

Priedlaender {Osk. Mun. 67),
Ili p.

singoiar forma della loro lancia, e per

arma parlante l'hanno

Mommsen
il

[H.

de la

monn.

187),
p.

non
1),

è per-

rappresentata sulla moneta. Questa sorta di punta a larghe
ale

suaso
sicuro

Rochette (Journ. des Sav. 1854

243,

non

è

non riconosciuta prima nelle collezioni pel oavvtov ha

il

Minervini {Osserv. p. 19).

Il

Mommsen
p.

ora tiene

ora

un insigne esempio

recatoci dalle

campagne

di Pietrab-

che la leggenda /V\AHES

non

è

puramente

latina,

'come

bondante, l'antica

Bovianum

Yelus dei Pentri, che fa l'ornadi

aveva opinato altra volta (Unterit. Dial.
riconosce con quei che
il

192),

ma

vi

mento del Museo municipale
10. Testa di
locale, e

Campobasso.

Minervini chiama ultimi numidi greco e di latino. Io
e

donna con

ricinio in capo piegato in
R.

modo

del tutto

smatici

(1.

cit.)

una mistione

non

leggenda HATIHYA?.

Ferro di lancia dentro una

sono però di questo avviso,
fette lezioni dichiaro

corrette

le

false o

imper-

corona di lauro.

che la leggenda
alla

AAAUES

unica vera,

non dà fondamento

mistura pretesa di elementi greci
greca non meno della moneta
adoperate le due let18).
Il

PITANATAB
Il

e latini

;

ella è perfettamente
si

napolitana dove

leggono insieme
la Tav.

Millingen ricorda {Consicl.

p.

117) di aver dato alla
si

tere

l ed i (Vedi

LXXXIV,
nel

MALIE

letto

luce [Anc. coìns 1831 p. 13) la monetina dei Pitanati che

dall' Avellino è imperfetto, e

MAllE?

già citato dal
si

davano

il

soprannome

di Peripoli.

Prima

di ciò essendosi la

Millingen {Comid. 224 not. 1) è verissimo che
in vece di L, probabilmente per difetto di conio. e la e
il

legge I

moneta

letta dal

P.Khell soltanto per metà

erasi attribuita al
e,

La MAUIEZA
tempi
nostri,

castello deiLocresi detto IIsQinóliov (Thucid. L. Ili,

99);

MAHES

non

si

sono mai riscontrate

ai

ma

il

P. Eckhel l'aveva posta fra l'incerte {N.

v.

anecd.

Minervini ha lodevolmente stimato che nella moneta

p. 308). Il

Millingen tenne adunque che la moneta essendo dei

del Lauria che egli pubblica la inferiore asta dell'? è ri-

Pitanati Peripoli fosse battuta dai Tarantini per cotesti Pilanati

masta fuori del conio.
Stabilitala vera lezione
l'è

venuti da Pitana, ovvero così detti in memoria della

MAL-IE? potremo ormai

dire che

origine tarantina, chiamati Peripoli, o sia guardie a difesa
dei confini. dei

una colonia greca

stabilitasi in quel

luogo medesimo che

Ma

cotesti confini

non sono a mio avviso quei

fu poi occupato dai Sanniti ed era in loro possesso nel
(Liv.

442

Tarantini; se così fosse, a che coniare per loro una
altri confini

IX

e.

26,

X e.

15), sotto

nome

di

Maleventum nato da

moneta speciale? Essi adunque stavano sopra
e questi erano dei Sanniti, pei quali si era

Mah'sg per anadrome
Pesto
sia

del caso quarto Mah'evzor. Paolo, cioè
i

dai Tarantini

Verrio Fiacco aveva scritto di Benevento, che

procurato quel presidio a tutela d'ogni invasione straniera
e

Greci suoi abitatori così la chiamarono (Fest. p. 39,
Earii urbein

ed. Muli.):

conferma del patto di alleanza che
i

si

era stretto fra

i

antea Graeci incolentes Malóev%ov appellarunt,

due popoli. Nel tempo medesimo

Tarantini coniavano una

dove soltanto dovrà correggersi-

MAUIFENTON

e

per sincope

moneta a nome dei Sanniti
il

(il

che grandemente convalida
in soli

MAUFENTOÌVJ, sostenendo
eolico.
Il

la vocale

O

le veci del

digamma

parer mio), di recente

scoperta

due esemplari
della

nome

MaXi'eg,

messo evidentemente per MaXCsig,
ha un buon riscontro
in

passati

ambedue

nella collezione del Luynes. I tipi

come

Jlv'^ósg

per

Ilv'gósig,

MaXisvg

moneta

dei Pitanati sono tarantini, quei delle

monete dei

nome

della città dei Malli insieme e del popolo che l'abi-

Sanniti sono proprii e singolari.

tava (Steph.

642, sub

v.).

Dalle cose dette deriva che la
1'

Di questo antico impianto dei Pitanati nel Sannio per
opera dei Tarantini era giunta la notizia a Strabene (V, 250),

moneta non fu battuta dopo
opinai
nelle
Iscr.

occupazione romana

come
era

di Bencv. (pag. 18, 19), uè quando

ma
il

egli

non

vi prestò fede, giudicandola
i

una invenzione dei
sperimentato
fanti

dominata dai Sanniti,
padroni
i

ma

nell'epoca in che l'abitavano da

Tarantini per conciliarsi
prò,

Sanniti, avendone

Greci, quantunque con loro vivessero insieme faIl

quando spedirono in loro soccorso ottantamila
1.

miglie osche numerose, e certamente nobili e ricche.

de-

e ottomila cavalli (Strab. V,

cit.).

sumo
nuca
"E.

dalla famiglia dei Fabii che
Otacilii di

si

apparentò cOn quella
ultimi periodi del
il

11, 12. Testa di

donna diademata volta a
il

sin. alla

R.

Er-

degli

Malevento,

fin

dagli

cole che strozza
Il

leone

:

intorno

FllTANATAN nEPinOAHN
n.
1'

secolo terzo di

Eoma,

dal qual connubio nacque

N. Fabio

monogramma

dell'altro

esemplare
del quale

12 è /E

(cfr.

Poole,

Vibulano che fu console nel 333 (Borghesi, Oeuvr. T. IX
pag. 99,, 100).
13. Testa giovanile volta a d. B.

Catal. 398,
il

4), al riverso

Ercole che strozza

leone è volto a sinistra.

Bue androprosopo

la cui testa

T.

XC

SAMNIUM

99

è uscita

(ili

couio; di sopra

uu elmo con

i

guanciali, uell'esergo
{Bull. ardi, nap.lll,

Cotesti coloni

sembrano ancor nuovi

al

dialetto

del Lazio

:

MAUIE^. L'ha pubblicato ilMinerriui
XII, 9).

già variano le arcaiche inflessioni del genitivo plurale che

esprimono in tre modi diversi: AISERNIM, AISERNIOM, Al-

14, 15. Testa di douna diademata coperta di una cuffia con fiocco

5ERNIN0M

e

omessa

la

M

finale

AISERNIO, AISERNINO

:

pendente dal vertice; davanti MAL-IE^

(Sestini, M.

Fon-

danno inoltre
Vulcano,

la desinenza dell'accusativo al

nome

del dio

tana

III,

12). E.

Bue androprosopo
MAIIE?.

volto a d. e guarda di

e scrivono

VOL-CANOM

,

singolarità che oggi si

prospetto, sopra una testa

di fauno barbato. L'epigrafe del
Il llillingen {.incicns

suole scusare richiamandola all'uso greco di esprimere nel
tipo l'imagine di
e
il

secondo esemplare
pi. 1, 2)
sid.

è

coins

una statua dedicata, dove

il

verbo àviO-r^xs

ha ben

letto

MAIIE?

e

ben giudica nelle Con-

nome

del popolo è sottinteso.

a p. 224 che la linea orizzontale dell'L non è visibile.

17, 18. Testa di Pallade coperta di

elmo corinzio con cresta:

Egli primieramente attribuì questo bronzo a Mela e ovvero
Melos nel Sannio, quando
altri lo

davanti (AI)SERNIOM e nel n. 18 AISERNIM. R. Aquila che

giudicarono di Malvcn.

combatte un serpente serrato fra
le

i

suoi artigli.

Due sono

tum; poi
deve

si

attenne a cotesto parere. Questo
scritto
il

nome MaXdc
di

leggende che

si

dipartono nelle monete con questi tipi

supporsi

come Jlv^ófc

in

vece

MaXutg,
dall' ac-

dalla

comime
in

AISERNIOM ed AISERNIM ambedue vedute

llv^ósig omesso

iota soggiuntivo. Indi
è

siccome

da

me

due esemplari che furono già del barone Oliva.

cusativo Jlv^ósig

si

per auadrome creato dai Latini Busi

19, 20. Testa di dietro la

Vulcano coperta del pileo laureato volta a
la tenaglia, davanti

sin.

xentuin, così da

MalUrza
il

è

formato

il

caso retto
I

Ma-

nuca

VOUCAiMOM.
n.

R. Divi-

lientum

e

inseritovi
il

digamme, Maliventum.
in Bcniventura e

Eomaui
la vo-

nità fulminante in biga, talvolta
la Vittoria
Il

come nel

20 sorvolando

cambiarono
cale
si
i

Maliventum

omessa

che reca la corona. Neil' esergo AI5ERNINO.
difficile

Benventum. La fondazione primitiva

di codesta città
il

Millingen dice {Consid. 2,19) essere

rendersi conto

appartiene adunque ai Greci. In altri esemplari
10) trascrive

Ca-

di questa desinenza in

OM,

in

Volcanom che non può pren-

relli {Dsscr. p.

MALIEM

,

la

qual lezione a che

dersi per accusativo.
21. Coli. mia. Testa di Vulcano con l'epigrafe
e

]-agione

non

si

trovò buona

dall' Avellino,

esaminò

la

tenaglia

l'esemplare descritto dal Carelli {Descript, p. 15); e nean-

come

nei nn. 19, 20.

7?.

Vittoria in biga, nell'esergo AIdal
Piorelli

che da

me

che ho studiato

le

originali
di

monete nella

colleè

SERNIM.
{Ann. di

Un

esemplare simile fu pubblicato
1846, tav.
Ili,

zione Santangelo e nel

Museo

Vienna. La lettera t
S

num.

2).

costantemente così scritta non mai
scrive (H. de la

ne

i.

Il

Mommsen

22. Testa di Vulcano con l'epigrafe surriferita. R.

La

Vittoria

monn.

Ili,

187),

che la leggenda non è

che guida la biga, nell'esergo lATINO. La stampai già in
altre isernine nella Storia d'Isernia (Nap. 1847),

puramente latina com'egli l'aveva creduta prima, trattando
dei dialetti dell'Italia inferiore pag. 102.

ma

ivi

non

bene interpretai
che
si

la

I

per L, per la persuasione nella quale era

dovesse leggere Calatino: ora invece stimo che vada

BENVENTUM
16. Testa di Apollo laui-eata

supplito

calATINO.

23. Nella collezione Santangelo. Alla lezione .4iscrnionì contravolta a sin.
e intorno

BENVEN-

detta dal

Mommsen

dà solido appoggio Aiserninorn,
lui.

non

TOD.
'

R. Cavallo senza freno correndo a d. intorno

PRO-

meno oppugnata da
Apollo laureata a
Vittoria, tra le

Essa è conservatissima. Testa di

POM.

n

Millingen erra opinando che Benventod sia nomi-

sin.

R.
\i,

Bue andoprosopo
nell'esergo

coronato dalla

nativo neutro e

Propum
Il

sia

Probom nome

di

un magistrato

gambe

AISERNINOM.
Aventino. Testa di
alla

{Consid. p. 225).

cavallo

libero ricorda l'antica tradile

24. Nella coli, mia, trovata

in

Roma

sull'

zione che riferiva a

Diomede

origini della città.

Apollo come nel
stella.

n.

23 davanti AI2ERNINO,

nuca una

R.

Bue androprosopo

coronato dalla Vittoria tra le

AESBENIA
Questa colonia dedotta nel 491 prese per tipo la testa
di Pallade

cui

gambe T.

AQUILONI!
Il

nume

custode e personificazione della città non
al riverso
1'

senza allusione al Palladium e porge

aquila

bronzo con l'epigrafe
erasi dal P.

51RIM1/IV51V>IN,
{Stjll. 1)

quando

si

leggeva

che combatte

il

serpente segno, SioarjUiìov, ostentunt, del dio

Acurunniar,

Eckhel

attribuito ad

Ace-

supremo.
tettori e

Il

dio di

Lemno

prese

il

secondo posto fra

i

pro-

reuza, detta dai latini .icherontia

(/).

n. v.

I,

140),

ma

dacché

vi fu

espresso al

riverso Giove fulminante

con

fu avvertito che

il

51

in osco valeva

il

D

latino, e si lesse

Am-

quell'arma, cioè, che gli fu fabbricata
in fine
i tipi

da Vulcano. Copiò

duìiniad, per conseguenza fu dal Carelli assegnato ad Aquilonia, oggi detta Lacedogna. Tutti
i

campani col bue androprosopo. La novità delil

numismatici, a parere del
p.

l'aquila che combatte

serpe serrato fra

i

suoi artigli, del

Minervini {Bull. ardi. nap. IV, 1856,

146), tengono ora-

qual tipo non v'è in tutta la numismatica d'Italia
solo riscontro
sotto
il

che un

mai questa Lacedogna come patria
non era però da contarsi
il

della moneta.

Fra costoro

neUa lontana Crotone, induce
si

il

sospetto che

Eiccio {Reperì, p. 5 nota 6) che

simbolico óioariinTov

asconda una allusione rela-

nel 1852 aveva scritto {Reperì, p. 5 nota 6) volersi rico-

tiva all'impianto di

una colonia romana nel cuore del Sannio.

noscere questa Aquilonia nei ruderi di Pietrabbondante vicino

100

SAMNIUM

T.

XC

Agnone.

Ma

i

geografi con la tavola Peutiugeriana pongono

che fn preso
il

e

saccheggiato. Questo Boviano ohe sta presso
il

Aqnilonia dopo

Aedanum

fra

Subromula

e il

Pons

Auficli,

Biferno non è dunque

Bovianum che

sta

presso
si

il

Tolomeo

la colloca fra le lonivòiv

jtoXeTg e Plinio

nomina
Ili

Trigno,

ma

è

quello degli Undecimani,
è

come poi
il

disse,

gli Aquilonii
0.

in secunda regione

Hirpinorum

{H. N.

e si è detto

da Plinio. Ben

però vero che

Bovianum vetus
e forse

XVI,

6).

Tutto parebbe deciso,

ma

pur non

è così.
"v'

Per

ac-

ritornò in potere dei Sanniti la seconda

anche la
le

cettare questa attribuzione è d'uopo sapere se

è un'altra

terza volta. T. Livio
dell'anno

il

dice chiaro descrivendo
:

gesta

Aquilonia,

e se le

monete,

quantunque

rare,

vengono a noi

456

(L.

X, 11, 12)

ivi

attesta che

i

due consoli
si tratti

recate da Lacedogna, lo che non consta. Imperocché vi furono

Cornelio e Fulvio riuscirono a riconquistarlo; e che

di

nel Sannio due Aquilunie,

come due

Boiani, ed è errore del

questo Boviano

il

dimostra l'impresa condotta subito dopo da

Cluverio seguito in ciò dall' Harduiuo e dal Cellario (Nnt.
orb.

Fulvio che conquistò Alfidena: Fulvius

Bovianum

aggressus,

ani. p.

699-700)
i

e dai vecchi

commentatori
li

di Livio
Il

nec

ita

multo post Aufidenam vi

cepit.

Ho

detto che forse

di aver confusi

testi

che distintamente

nominavano.

la terza volta,

perchè all'anno 461 nella splendida giornata
dell'eser-

loro

torto

è

di

non aver badato che T. Livio
41,
il

parla )iel
sta nei

presso Aquilonia dice Livio (X, 38) che l'avanzo
cito sannitico corse a chiudersi negli

L.

X

e.

38,

30,

44

di

un' Aquilonia
l'esercito

che

accampamenti presso

Pentri, alla quale

console

menò

passando per

Aquilonia, e ohe

i

nobili aquiloniesi e la cavalleria fuggendo

Atina, mentre
ci si

silV Aquilonia di

Plinio sita nella regione irpina
e

dalla battaglia si ricoverarono in Boiano; ciò che fa arguire

va

T^er

Aedanum e Subromula,
il

però involgono nel

me-

che allora questa
niti.

città

era

tornata in possesso

dei

San-

desimo errore anche

Bovianum

dei Pentri con altro Bovia-

Peditum agmen quod superfuit pugnae in castra ad
est,

num

ambedue

nello stesso Sannio, è vero,

ma

in luoghi
(III,

Aquiloniam compulsum
perfugerunt.

nobilitas equilesque
dell' antica

Bovianum
Aquilonia.
.

distanti,

ambedue nominati da Plinio ove
qxios Sabellos
et

scrive

17),

Ora diciamo

sede

di

Samnitium

Greci Saunitas dixere, colonia

Sulla riva del Trigno non molto lungi da
zodì di Pietrabbondante, dalla quale dista

Agnone a mezun cinque miglia
mare, la

Bovianum

velus

et

allerum cognomine Undecimanorum.
parli Livio (IX, 44).

Dì questo secondo deve intendersi che

in circa è un' antica città deserta cinta tuttora di

Vano

è

dunque riprendere
ed.

lo storico

(vedi la pag.

1021

,

chiamano

la Civitavecchia.

In questo luogo è mio parere

1022 del T. II
e.

Drakenboroh) ohe dopo aver detto nel
fii

che fosse l'antica Aquilonia. La poca distanza da Pietrab-

31 che Boviano

presa

torni

al

e.

44 a

dire

che

bondante ora riconosciuta per
ciò

Bovianum

spiega assai bene

Boviano fu presa. Parassi anche ragione a Frontino che
di

che scrive Livio (X

,

41) gli avanzi dell' esercito san-

Boviano

fatta colonia parla a p.

231

nell'elenco delle
di

nitico incalzati e spinti dai

Eomani

essersi rifugiati negli
,

colonie di Campania, e poi a p.

259 nomina

nuovo
Il

la co-

accampamenti che erano presso Aquilonia
i

ma

i

nobili e

lonia Boviano fra le civitates regionis

Samnii.

Bovianum
il

cavalieri aver cercato colla fuga di salvarsi in

Bovianum.

Undecimanorum
fiume Biferno;

tuttavia dicesi Boiano ed è sito presso

Questa

Aquilonia

esser

poi

discosta

un venti miglia

ma

del
sito,

Bovianum
se

vetus sarebbe stato arduo
al

(Liv. X, 39) da

Cominio assediato dal console Carvilio sicché

assegnare l'antico
si5.

una insigne scoperta dovuta

Papirio vi potè mandare un messo dal campo che fu a lui
di ritorno nella notte.

Fr. Sav.

Cremonese non l'avesse additata in Pietrabil

Cominio era in quel luogo che

ritiene

bondante presso
è
stato

fiume Trigno. Di questa notizia egli mi
alla

tuttavia l'appellazione di Val di Comino.

cortese

rispondendo

dimanda che

io glie

ne

Provato che due fnrono le Aquilonie sorge la questione a
quale di esse spetti la moneta, cosa cotanto insolita al costume
sannitico ove la vicinanza o
il

feci,

cercando-sapere dove fosse quell'Anglona, nella quale
il

l'Avellino e altri sull'autorità di lui collocavano

Bovianum
ivi. Il

dominio

di città

greche noi

vetus appellandosi ad una antica lapide scoperta

Cre-

consigliassero. Il bronzo di Aquilonia è assai raro, pur non-

monese dunque
di

scrive così: Agnone,

23

ott.

1880.

La

lapide

dimeno, interrogato

il

Cremonese mi risponde,

« di averne

che Ella

mi dimanda proviene sicuramente da Pietrabciò le dico

acquistati in diversi tempi ben due conservatissimi esemplari da

bondante.

E

francamente, perchè fu scoperta da

un mercante

di

Agnone,

il

quale ne accertava di
contorni
».
,

me

nel 1840 dentro l'abitato di Pietrabbondante in mezzo

averle avute nei paesi di

Agnone

e

ai

quali

si

ad altre pietre destinate ad uso di fabbrica e provenienti

estendeva

il

suo piccolo commercio

con la lapide medesima dal

sito dell'antica città, propria-

L'esame dei

tipi (testa di Pallade, dietro alla

nuca una pa-

mente dov'è
Ora
stabilita

il

teatro.

tera da libazione.
e

B. Personaggio militare in corazza
e corto

elmo

in

Pietrabbondante l'antica sede del Bovianum
osservare
e.

scudo con patera nella destra
si

bastone nella sinistra)
la principal

vetus dobbiamo far

che Livio

parla di cotesto

parmi

accomodi assai bene a rappresentare

Boviano nel L. IX

31

(a.

u. e. 443),

dove lo chiama cae.

parte del rito chiamato antichissimo della nazione dal sacerdote Ovio Pactio presso Livio (X, 381. L'imperatore, ben

put Pentrorum Samnitium,
libro

ma

non nel
i i

44

dello stesso

IX

(a.

u.

e.

449),

come pretendono
e

critici.

Mercecchè
il

determinato per tale dal corto bastone, fa la libazione previa
al

in quest'anno occupando

devastando

Sanniti

campo

sacrifizio

esigendo da ciascun soldato che giurasse di non
i

Stellate di Capua,

i

consoli

Postumio

e

Miuucio entrarono

abbandonare
nemico.

suoi duci e di far fronte

e

non cedere

al

nelle terre del Sannio e presero a combatterli nella valle
del Biferno e a forze congiunte
li

La patera

posta dietro

alla-

nuca

di Pallade è

un

disfecero presso

Bovianum

nuovo segno che conferma

la spiegazione data.

Lo

strata-

T.

XC

SAMNIU.M

101

gemma

del giiirameuto uoii riuscì è vero a bene,
di essere in rispetto

ma

il

rito

zia,

ambedue poste

al

mezzogiorno

di

Venosa, alla quale
il

il

non cessò per questo

ed
sia

osservanza
stata co-

Millingen nel luogo sopra citato
Frenter bronzo
del

attribuisce

bronzo di

dei Sanniti: solo siamo incerti se la

moneta

quale

parliamo.

Non

è

possibile che

niata

prima della giornata

fatale alle

armi sannitiche.

Aulio menasse l'esercito taut'oltre nella Puglia lasciandosi
i

25. Nel Kircheriano. Testa di Pallade coperta di galea corinzia

nemici alle spalle in Teate apulo

e in

Canosa

,

le quali

con cresta volta a
tera,
li.

d.

davanti 5!RIMHV/)V>li'3, alla nuca una pa-

città

non

si

arresero che un anno dopo nel 436 (Liv. IX,
al console L. Plauzio.

Personaggio militare armato di corazza, galea corined asta in atto di stendere la destra, con la quale
all' atto

20; Diod.

XIX, 10)

Le imprese narGiunio

zia, clipeo

rate da Diodoro

debbono riportarsi

al consolato di C.

tiene

una patera, accennando così

della libazione.

Bubulco dell'anno 437, quando anche Livio racconta, che
Perento, ovvero Perento, nei quali due modi
città,
si

Negli esemplari da
appare
la

me

veduti di questa rara moneta non
al collo

disse questa

punta dell'asta di dietro
il

del guerriero,

fu da Giunio presa

(1. o.

e.

20):

nam

Forenlo quoque

come crede

Uavedoui {Dwlt.

Inst.
è pura,

1850, 199).
qual
si

poi

valido oppido iunius potitus eral: e ciò sta bene dopo aver
egli

deve esservi, stante che l'asta

conviene al-

domata

la Pnglia,

Apulia pcrdomita.

È

da notarsi in
trova

V Imperalor, duce supremo (Borghesi Oeuvr.

VI, 106).

Vedo

conferma che

la lezione

cum

Fientanis
i

si

almeno

poi dietro la nuca di Pallade una patera convessa nel mezzo,

nel codice di Lej'da: questi sono
di

Frentrani, gli abitanti
il

non già un

clipcits aereus,

come

il

numismatico modenese
_^

Frentrum, che

si

dicono FrentcMi, come
le

rimanente della
il

la definisce.

nazione,

che occupava

terre poste

tra

Fortore

e il

Biferno.

PRENTKUM
Il locativo Frcnlrei,
vi fu

26.

Mia
sin.

coli.

Testa giovanile coperta

di petaso

alato

volta

a

davanti I3<5TH3Q8. R. Cavallo alato che corre a sin. tra
tripode nell'esergo I3QTH3<Ì8.

come Loucrei

e Larinci, ci prova,

che

le

gambe im

una

città di

nome Frentrum,

la quale

doveva essere la

capitale dei Prentani e sulle rive del Frento, oggi Fortore.

LAEINUM
Questa Larino confinava colla Puglia Daunia
e

Ai tempi dell'Eckhel non
il

s'era letto che
v.
I,

BQTHa.i

e davasi
il

bronzo

ai

Pentri (D. n.

102),

1'

Eekhel sospese
con intera

però dagli
si
il

suo assenso

attendendo

che

un nummo

epi-

antichi è attribuita ora aiDaunii ora ai Frentani. I Larinati

grafe insegnerebbe a dover piuttosto assegnare questa
ai

moneta

servono dell'alfabeto latino, nel quale
valore dell' R
:

però

danno

al

D

Prentani

(ib. p.

119). Stefano bizantino
Bull. laslit.

nomina una FreiUa-

trovasi anche
e

una moneta con

AAPiNUN

in

nwm (cf. Cavedoni,
lia
;

1850

p. 199),

come

città d'Ita-

lingua e alfabeto greco
testa

coi tipi della

Campania.
il

Ma

codi

ma

egli cita
il

il

quinto libro di Strabene, e in ciò sbaglia,
città,

moneta non meno che quella che porta

nome

perchè

geografo non parla ivi di

bensì del popolo

ItlViTRIlT,

Teate apulo in osca lingua, di cui abbiamo detto

frentano (L.

V

e.

4 §

2).

Frenter egualmente

che

Frenil

a suo luogo, sono per

me monete

di confederazione e

deb-

taivus derivano dalla

medesima voce che ha denominato

bono essere state coniate nella Campania, della quale portano
ai
i

fiume Frento. Cotesto frentanus trovasi talvolta per colpa
dei copisti trasfigurato nei codici, e però non è stato sempre ravvisato dai critici. Fra questi luoghi parmi che si debba

tipi:

come

in

Napoli fu di certo battuta quella che
greca
lingua
l'

tipi

napolitani

congiunge in
e

epigrafe

'Foì^icdav.

Larino conia oboli

ima

serie di sistema deci-

noverare quello che che
il

si

legge in Livio

(t.

IX, 16), ove narra
i

male: sugli oboli è scritto L-ADINEI e

UADINOD

la

quale
serie

console Aulio Cerretano l'anno 435 combattè

Fe-

seconda leggenda è constantemente
decimale. Questa ha

adoperata nella

rentani, la città dei quali gli si arrese: Aulius

cum

Ferenipsatn,

per tipo nel dritto del quincunce,

non

tanis
fjuo se

uno secundo

praelio dehellavU

urbemque

avendo emesso
ricci e
i

l'asse,

una testa galeata con

capelli corti e

fusa contulerat acies, obsidibus

imperatis in dc-

pizzi alle gote, particolarità da ninno
il

finora os-

ditionein accepil. Li riconosceremo ancora nel
città Ferentimi,ra conquistata nel

nome

della

servata, se ne eccettui

sig.

Imhoof-Blumer.

Il

Cavedoni

432 dal console Postumio
codici,

ovvero la definisce un Marte giovane,

ma

sol

per la chioma

Albino (L. X, 34), luogo corrotto variamente nei

breve e rannodata
[Bull,
lnst.it.

e la

penna

o

ramoscello che orna la galea
si

che danno, Feritram, Fortoriam, Foreirium in vece di Frcn-

1850, 199), la quale del resto non

è

mal

trum: dove non può pensarsi che

si parli

di

Ferenlum

o

da

me

veduta. Quello che parve al dotto numismatico
o

mo-

Forentum
il

di Puglia,
si

come

in Diodoro di Sicilia (L.

XIX,

65),

denese una penna

un ramoscello

altro
si

non

è

che una

cui passo
e.

è citato a torto

insieme con quello di Livio
e.

lamina, talvolta ornata, sulla quale

vedono in un mio

(IX

16, 20) dal Millingen {Consid.

181), confondendo

esemplare due capocchie di chiodi ohe rattengono la cresta
dell'elmo.

Forentum

con

Frentrum.

Livio

dice

che Postumio

da
:

È anche da
Pallade,

notarsi la serie, a capo della quale

llilionia città del Sannio

Pentro menò l'esercito a Frentrum
.

è la testa di

perchè

queste due serie

si

distin-

Milionìam oppugnare aggressus
legiones (non

.

.

inde Frentrum ductae

guono anche per

la lettera

V

che

si

vede

al riverso

della

Ferentinum come
Diodoro

le stampe).
si è,

prima, e non della seconda. Si
{Bull. Insta.
1.

avverti
i

già

dal

Cavedoni
si

La

città di cui parla

anche detto, Ferenlum
e

e.)

sembrare che

tipi del dritto

cor-

della Puglia, che Orazio

nomina insieme con Acerenza

Bau-

rispondono con quei del rovescio.

Le

relazioni

di

Giove

102

SAMNIUM

T.

XC

col falmine

,

di

Ercole col centaui'O

,

di Teti col delfino,

coperta di elmo aulopide cristato volta a
Bl.

d. Il

sig.

Imhoof-

del Genio col cornucopia, di Diana col cane da caccia sono
evidenti.

[Mann.

gr.

p. 5 n. 5), che pur

si è

avveduto di coteste

Non faremo

quindi caso di ciò che
si

il

lodato nu-

gote fiorite sembra volere che in altre simili vi sia la testa
di Pallade. Egli crede la

mismatico aveva scritto prima che
corrispondenza dei
tipi,

avvedesse di cotesta

prima una testa
e

di Marte. B.

Ca-

essere

il

delfino in città mediter-

valiere

armato

di

elmo acuminato

munito

di cresta con

ranea forse allusivo

al

larinus

nome

di

un

eerto pesce,

clamide svolazzante alle spalle che va di
sin.

gran galoppo a

secondo Bsichio {Spicil. p. 13).
nel quincunce così la Pallade

A me

sembra che anche
del

egli porta lo

scudo rotondo con l'insegna probabilmente
la lancia abbassata nella d. nel

come

la testa

giovane

di
è

un fulmine ed ha im V,
tra
i

campo
,

eroe debbono avere una relazione

col cavaliere
dritto.

armato del

piedi

del

cavallo

si

legge

UADINOD

nel-

rovescio

,

tipo

comime

ai

due del
il

Questo cavaliere

l'esergo la nota del quincunce.
31.

porta

un elmo acuminato che
clipeo rotondo.
p.

dimostra apulo non

meno

Mia

coli.

Testa

di

Pallade coi capelli lunghi e sciolti coperta
d. B. Il

che
a.

il

Quanto

al

V

l'Avellino {Bull. nap.

dell'aulopide cristato volta a
la nota di valore è la

cavaliere, l'iscrizione e
n.

IV

71) crede che sia l'iniziale del

nome

del valoroso
il

medesima, che nel precedente

30

;

larinate,

che lanciandosi

ferocemente

contro
le
file

re Pirro

manca

solo la lettera V, la quale si

ha in

altri

esemplari

nella battaglia al Liri turbò in
costrinse
il

modo
pugna

nemiche che
1, 18):

e si ripete sul triente, sul quadrante, sul sestante e sull'oncia.

re a sottrarsi dalla
et

(Fior.

Apud

32. Testa di Giove coronata di 'quercia volta
col fulmine negli artigli: nel

a

d.

B.

Aquila
nel-

Heradeaui
(a.

Campaniae fluvmm Urini, Levino consulo

campo V
un

e

UADINOD;

474) prima pugna quae tam atrox fuit ut Frenlanae
Obsidius
invectus in
regeni

l'esergo la nota del valore che è
33. Testa
B.

triente.

praefect'iis

turbaverit coegc-

di

Ercole

barbato
d.

coperto

della

spoglia di leone.

ritque

proiectis

insignib^is praelio
si

excedere.

Ma
,

cotesta
Ulsiniiis

Centauro che corre a
sinistro
:

portando un ramo di albero sul-

spiegazione suppone che in Larino

pronunciasse

r omero

di

sotto

L-ADIMOD,

nell' esergo

la

nota

come

lo

scrive

Dionigi

d'

Alicarnasso
si

(XVIIl

2) e

non

del quadrante.
34. Testa di Teti coronata e velata

Obsidius, né

Opsidiiis

come

legge nei testi di Floro e
si

a d. B, Delfino

,

di sotto

di Orosio. Inoltre

non dà ragione perchè questo V

ripeta

UADINOD
35. Testa
di

e la

nota del sestante.
laureata
a d. dietro V.

sugli spezzati inferiori, parendo che dovesse bastare di ap-

Apollo coi capelli corti

porlo sul quincunce dove Obsidio

è

rappresentato non al-

R. Cornucopia,

UADINOD,

e globettino, segno dell'oncia.
ciuffo sul vertice:

trimenti che

il

sulla

moneta romana dinota che in essa
il

36. Testa

nuda

di

Diana eoi capelli legati in
e

è rappresentato Filippo

macedone.

A

mio credere adunque
alla

dietro al collo l'arco

la

faretra.

B.

Cane levriere "che

queir

V non

è

che

un segno monetale appartenente

corre a

d.,

sopra una clava e LA, compito di sotto DINoD;

distinzione dei conii.

E

questa spiegazione sembra
di

anche
sulle

nell'esergo

L segno della metà. L'Avellino pone

di sopra

uno
II,

convalidarsi

dal

confronto

altre

simili

monete

spiedo da caccia, e di sotto qualche cosa incerta (Opusc.

quali all'Avellino parve che questo

V

fosse

preceduto
4).

da

23) e così

il

Cavedoni;

il

Sambon

lascia
R.

il

campo vuoto.
crescente con
è

una unità
si

IV

{ad Carellii Description. pag. 14,

Se poi
l'U,

37. Testa di Giove laureata volta a d.

Luna

avvera che questo
il

V

scambiasi

non

di
1.

rado

con

dentro l'astro del giorno, sotto LA. Il suo valore
del

quello

come

Cavedoni vuole [in Cai eli. tab.
dirsi

e), quell'V do-

nummo

precedente.

vrebbe

iniziale

etnico

,

ma

è probabile

che siasi da

lui preso

per U im
è

V

arcaico nel quale talvolta l'una delle

BELLUM SOCIALE
Le monete degli Italici
insorti confederatisi contro

due aste
27.

poco più breve dell'altra.
di

Mia
a d.

coli.

Testa

Pallade coperta di elmo con la cresta volta
e

Soma furono

B.
coli.

Fulmine

sopra I-ADINOD, sotto un caduceo.

battute nella zecca di Corfinio scelta da loro per capitale e deno-

28.

Mia

Testa di Pallade coperta di elmo aulopide con la
a d.,

minata singolarmente VN3TI-D e ITALIA nelle due lingue dei
popoli
confederati.

cresta volta a sin. R. Cavallo libero corrente
astro, sotto L-ADINEI.

sopra

Per

Italia

intendevasi

allora

quella parte

Come Frentrum

così

Larinuni ado-

della penisola che dai Bruzzii della Enotria erasi propagata fino
al

perano

il

genitivo singolare in cotesto due monete.
volta
a
sin.

Kubicoue

e

comprendeva quei popoli ohe dimandavano

di es-

29. Testa di Apollo laureata
B.

davanti AAPINilN.
Il tipo e l'epi-

sere incorporati alla

romana

cittadinanza. Il rimanente della pe-

Bue androprosopo

coronato dalla Vittoria.

nisola fino alle Alpi era Gallia togata e governavasi a

modo

di

grafe in greca lingua sembrano dimostrare che
è battuta in

la

moneta

provincia da
a

un

pretore, magistrato romano. Poscia

i

triumviri

Campania, come quella che

ai tipi

campani ac-

nome

di Giulio

Cesare che ne aveva fatto
Italia.

il

decreto l'aggre-

coppia la leggenda Pi^tMAIHN, ovvero W1VITNIIT. Quando son due le epigrafi e rendono
i

garono al resto della
gine di questo

Alle antiche tradizioni toccanti l'orii

nomi

dei due popoli, è general-

nome sembra che
il

Sanniti sostituissero le proprie,

mente usato

di inscrivere ciascun

nome
e

nella

lingua sua

secondo le quali
letto vitello

giovane toro sabino che dicevasi in loro dia-

propria. Così leggiamo

NEOPOAITilN

CAUENO, SVESANO.
solo
il

aveva guidata la gioventù sabella a stanziarsi nelle
il

Ma
30.

quando l'una
dell'altra
il

città alla

moneta propria pone

terre osche e costituiva ivi

Sannio

:

ond' è che dal vitello essi

nome
Mia

fa in lingua e carattere proprio suo.

vollero dare

un nuovo nome

alla loro capitale.

E

questa tradi-

coli.

Testa giovanile coi pizzi di barba nascenti sulle gote

zione del vitello sembra che essi abbiano voluto esprimere sulla

T.

XG

SAMNIDM

103

moneta osca dove

si

vede im vitello che riposa da presso ad un
il

Iseruia. Ivi elessero cinque pretori a capo dei quali posero Silone.

militare armato di parazonio e di lancia,
la

quale ne ha rivolta
pie' sinistro sopra
il

Questi ricomposero l'esercito che divenne forte di cinquantamila

pimta a terra

e

stando in piedi poggia

il

uomini
battè

e mille cavalli (Diod.

Sic. L.

XXXVII,
le parti,

11, 9). Si

com-

un elmo, od

altro arnese. Il

Cavedoni credette che costui fosse

con varia fortuna da ambedue
piìi le

ma scemando
tal fine
re, il

conduttore della gioventù sabina, Comio Castronio {Bull. ardi,
napol. T.
ap.

sempre

forze degli Italici

si

pensò di sollecitare Mitri-

V
V.

p.

6,

7),

che

si

sia voluto rappresentare

(Sisenua
il

date re del Ponto che venisse in loro aiuto.

A

manquale

Non.

ver sacrum, Fest. pag. 326). Ebbero
e 'crearono
gli

adunque
quali

darono legati che furono ben accolti dal potentissimo

loro senato

annuali

loro consoli

ai

affi-

promise loro che domata l'Asia approderebbe in Italia col suo
stuolo (Diod. fragm. 11, L.
ài'Scoatv

darono l'amministrazione della guerra. Ai consoli come a magistrato

XXXVII).

d óì MitgiSatrjc cmóxqiaiv

sommo

e

capo supremo militare era anche concesso di batter
i

a^siv Tctg Svvdusig
'Aaiar, loìno

sìg rijv 'IxaXiuv, STtsiSàv

avruì xara-

moneta. Abbiamo quindi da distinguer

nummi
a

che conia la
dei consoli

OTr[arj

Tifjv

yÙQ xal sTiQaTTe.
e Jeio

A

SÌ lieta

novella gli

nuova repubblica da quelli che sono impressi
e

nome

Italici

ripresero
,

coraggio
io,

per

sollevare

gli

animi dei

che ne portano

i

nomi.
consoli C. Papio Mutilo forse

confederati
esjjresse

cred'

fece battere

una moneta, sul cui riverso
di stringersi le destre

Nel primo anno 664 furono
sidicino,

due personaggi militari in atto

ma sannita d'origine (Diod. Sic. XXXVII, 2) e Q.Pompedio

avendo Pun dessi cioè Mitridate
promesse. Coniò ancora l'oro
sivi alle coi

alle spalle lo stuolo delle navi

Silone marso.
tale ove erano
tilo

A
i

costui toccò la regione settentrionale e occiden-

simboli di Bacco

forse allucol quale

Marsi,

i

Peligni,
e

i

Testini

e

i

Picenti, a

Mui

spedizioni asiatiche e trionfi di quel
il

nume,

la regione orientale
i

meridionale dove avevano stanza
i

poneva così in glorioso raffronto

re del Ponto ambizioso oltre-

Marruccini,

Sanniti, gli Apuli e

Lucani. Sono questi gli otto
si

modo

di tale gloria, ond' è che si faceva chiamare réog Jiówcro;

popoli dei quali fa specialmente ricordo la storia. Pajjio

servì

come impariamo da Ateneo {Dipnos. V,
menzione della legazione
Ojiitg

49),

il

quale anche fa

della lingua sannitica, Silone della latina che era la lingua dei

italica e cartaginese loc. cit. 30: ngt'ì'Oviin'

Marsi.

La zecca

della capitale

battè

nelle

due lingue. Tutte

ov iióvov ix ràv 'hcchxon'

àXXà

xal

ttccocc

Kaoyj-

queste classi pongono indistintamente otto congiurati al riverso,

Sorioìv cviiiiuxiTv ci'Siovyrfg stiì tìjV Tijg 'Poiiirig àrccioediv.

ma

le

monete dei due consoli battono ancora
i

coi

quattro che

Volse l'anno 665, Mitridate non

si

era ancora veduto e le
si

rappresentano
I successi figurati sulle

popoli alla difesa di ciascuno assegnati.
felici

perdite dei confederati crescevano; gli Italici
Siò TTcevTSÀoig ol diToatùtca

perdevano d'animo:
àjtsyivtoaxov.
i

delle

loro

armi

furono

pomposamente
sopra una con-

Tsranaivaijitvoi
i

Già

monete,
è

dove

l'Italia

residente

Gneo Pompeo aveva sottomessi
si

Vestini e

Peligni,

i

Marsi

gerie di

arme

coronata dalla Vittoria, ovvero alla sua testa

erano arresi,

allorché

Pompedio Silone avuto uno

sconti'O

coperta di elmo sta per imporre la corona una vittorietta sospesa
a volo.

con Emilio

Mamerco

presso Boiano, vi cadde estinto.
i

La guerra

Koma

è

anche allegorizzata dalla lupa
i

e l'Italia dal vitello,

potea dirsi finita se non che
tilo niti

Sanniti

si

ostinarono. Papio
di

Mu-

che r ha sotto
eziandio

piedi

e

l'

investe colla corna. Il vitello figura
allato

proscritto da Siila e perciò

messo fuori

Nola

dai San-

come simbolo determinante
pie' sinistro

ad un personaggio

per paura che

si

venisse all'assedio, non essendo neanche in
alla porta di casa

armato stante col

poggiato sopra

un elmo

o altro

Teano voluto ricevere da sua moglie, innanzi
si

arnese giacente sul terreno. I numismatici hanno cercato finora
d'interpretare che cosa fosse quell'oggetto
in verità

uccise (Licinian.
C.
I,

Ann.

p.

43 BeroL 1857

;

Livii Epil.

LXXXIX;

mal

fatto

Appian. B.
la battaglia

40, 42, 51). L'ultimo crollo ai Sanniti lo die

che l'uomo armato preme col piede, e chi l'ha creduto un'insegna

guadagnata da Siila nel 672 su Ponzio Telesino

romana
luno
al

e chi

un

sasso,
è

e chi

una corazza.

stato anche ta-

loro duce a porta Collina (Liv. Epit.

LXXXIX).
si

quale non

sembrato strano che premesse \m piede del
tipo attentamente

Gli ultimi casi della vita di Papio Mutilo
avanti
:

sono ricordati
dell' Acad.

toro giacente.

Le diverse monete con questo
oggetto

ma

il
t.

Millingen condannando l'Olivieri [Mém.
II p. 59)

esaminate

da me, fanno cotesto

simile ad

un

piccolo

de Cortona

perchè aveva supposto Papio morto in

sacco pieno legato nel mezzo, del quale due sono le parti gonfie
e tondeggianti. Potrebbe quindi rappresentare la primitiva in-

qualche fatto d'armi, cade poi in altro errore appoggiandosi ad

una correzione dal Vesselingio introdotta nel
{de Bl'U. Civ.
e.

testo di

Appiano

segna militare romana che consistè in un manipolo di fieno posto
in

25)

dove

si

leggeva Slatius

ed egli vi pose

cima

di

una pertica; perticas manijmlis foeni varie fonnatis
iunctas (Aur. Yict. Orig. gent. roin. 22), allusivo però

Papius, dando così per fatto storico che Papio Mutilo vivendo
in

in

summo

Eoma

nell'anno 711

come

si

udì proscritto dai triumviri aprì

alle origini dell'esercito
Italici.

romano

rinfacciate

per dileggio dagli

la casa al

saccheggio ed egli dandole fuoco vi morì dentro con-

sunto dalle fiamme.

Noi abbiamo dimostrato che Papio morì

Ifel secondo anno

655

i

due consoli dell'anno precedente
i

in

Teano Sidicino.
Ciascuno avrà notato che non poche monete appartenenti alla

ritennero

il
:

comando militare come pur facevano
e inoltre furono creati
i

Komani quando

era d'uopo

due nuovi consoli. Questi

zecca degli Italici sono copiate dalle monete della zecca di

Eoma.

sono, secondo sulle

me, Lucio

e leio
loro.

i

cui

nomi

si

leggono impressi

L'Avellino
(decade

{Opusc. Il

p.

18) l'ebbe
alcune,
e

avvertito
e

e
di
i

il

Borghesi
anche
il

monete coniate da

XVI) ne ha noverate
i

dopo
cercati

lui

In quest'anno piegando male

le spedizioni e gli scontri dei
si

Cavedoni ne ha allegati
Instii.
i

riscontri,
il

motivi

{Bull.

due consoli

i

Marsi

e

i

popoli vicini

diedero ai Piomani
a

e

1850 pag. 201)

e

Millingen {Conskl.

p.

187) ricorda

però gl'Italici

abbandonata Corfinio andarono

fortiiìcarsi in

tipi della famiglia Sulpizia.

104

SAMNIUM

T.

XC

Kimaue ora che diamo ragione
relativa

della uosti-a interpretazione

essi

non ne riportarono che delle ciance

e

delle vane

promesse
»,

ad una delle monete

di ootesta

guerra della quale

il

per cui rebelles spe atque opihus dciccti animos despondcrunt
e

Borghesi portò una opinione diversa, in forza della quale essa dovrebbe rigettarsi dal numero di
quelle

soggiunge:

«

Bel risultato invero

di questa

ambasceria per
»
!

che furono coniate

meritare

che se ne menasse vanto sui

nummi

Cosi egli

:

e

dai collegati ed essere attribuita ai fatti di Siila con Mitridate.

veramente se

la cosa fosse raccontata cosi

da Diodoro non sa-

Io

adunque convengo che
significa
vi
il

si

tratti di
:

un accordo

preso, ciò che

prei trovar ragione da giustificare gl'Italici che avessero voluto

mi

congiungere le destre

ma mi
si

pare che la prora
fra
i

conservare la memoria di un' ambasciata per loro cosi desolante
e

armata

stia a

determinare ciò di che

è trattato

due

funesta.

Lo

storico afferma invece che Mitridate
si

promise

agli

personaggi, cioè di im' armata di soccorso ohe l'uno dei due di-

ambasciatori che

recherebbe collo stuolo in aiuto degli

Italici

manda

e l'altro

promette.

Serve

anche a rettamente interprepersonaggio a sinistra, e che
il

tosto che avesse assestato l'impresa
piere, l'assoggettamento dell'Asia.

ohe aveva allora da com-

tare l'asta che

è data soltanto al

Queste promesse poi egli non
i

può ben

significare l'arma propria dei Sanniti,
i

saunioii, donde

mantenne. Ciò

è vero,

ma

è e

anche vero che

legati tornarono

ebbero presso

Greci

il

nome

di Saicnitar. Il personaggio a destra

in Italia con le promesse,

però gl'Italici non dovevano trovar
si

visibilmente di miglior taglia sembra anche sull'esemplare del

male che

a incoraggiare gli alleati
e
il

promulgasse questo risul-

Vaticano cinto di alta corona e porta
l'altro particolare sta

le

anassinidi,
il

ma

l'uno e

tato felice dell'ambasciata

se ne facesse

pompa

sulla moneta.

bene a chi rappresenta
si

re del Ponto:

Ma

donde mai ha appreso

Borghesi che costoro invece ripor-

l'asta per contrario

mal

attribuirebbe a Siila generale romano,

tarono agli alleati che Mitridate aveva date delle ciance e delle

la cui

arma

fu la spada che cingevasi ai fianchi e perciò chia-

vane promesse

?

Che queste promesse
presumere,
il

di Mitridate fossero
si

vane

mavasi parazonio.
II
tarsi

non

si

poteva
si

subito

ben

cominciò a diffidare

Borghesi fa plauso ad E. Q. Visconti ohe stimò tratdi

quando

vide trascorrere

tempo

in che si lusingavano che

qui del colloquio

Siila

con Mitridate

in

cui fu con-

approderebbe, e le cose della lega andavano assai male. Lo sco-

chiusa fra loro la pace {Oss.
p.

numism.
il

Dee. Vili 1;

Oeuvr.

I

raggiamento sopravvenne

e allora sì

che non saprei approvare

374, 375).
il

È

però da notare che

Visconti prende per Mie

chi pretendesse che delle vane promesse si

menasse vanto
si

:

seb-

tridate

personaggio a sinistra che porta la lancia

per Siila
il

bene taluno potrebbe anche supporre che
la e

cercasse rianimare

colui che è a destra, nel che è seguito dal Borghesi,

quale

speranza col far rappresentare sulla moneta labboccamento

poi quanto

alla

nave nega che possa significare

il

viaggio di

da presso una delle navi che avrebbero recato

il

soccorso bra-

Siila, stante che andò per terra a

Bardano ove seguì quell'abboc-

mato:
che che
si
i

ma

ciò è poco probabile: è per contrario assai naturale

camento, e opina che la nave voglia alludere ad uno dei principali articoli della pace che fu la cessione di settanta o ottanta

stampasse sulla moneta la consolante promessa subito
legati furono
di

ritorno.

Mitridate dall'altro lato come

triremi: che però conchiude che acconciamente, dopo ricevute le
navi, stringe la destra del re. Dietro tutto ciò gii è forza dire

uomo

accorto e che aveva dichiarata inimicizia ai
e colla cattura

Komani

colla
farsi

strage fattane

del proconsole
si offriva di

non doveva

che la medaglia sia stata fatta coniare
nel seguente, e appartenga
derla dal
Il

nello stesso anno

669

sfuggire la bella occasione che gli

portare la guerra

a Siila, onde converrebbe esclu-

in Italia con si felici auspicii, specialmente perchè
soli Italici

non erano

i

numero

di quelle che furono coniate dagli Italici.
di

che lo avrebbero aiutato e sostenuto

Cavedoni annota quivi che egli fu già
si

altro avviso
italici

altresì ancor essi
tisi

bramosi

di

veder distrutta
il

ma gli Africani Koma e però unida niuuo
ci

opinando che

trattasse del colloquio di

uno dei legati

cogli Italici a sollecitare

potentissimo re del Ponto. Coavvertita

con Mitridate e in ciò fu approvato e seguito dal Friedlaeuder
e

testa notizia

che non vedo essersi

vien

dal

Mommsen. Nondimeno

il

Borghesi avendo conosciuto

le

data da Ateneo
agli Ateniesi
i

dove riferisce l'aringa che Atenione tenne
die' egli,

ragioni del Friedlaeuder tuttavia sostenne la interpretazione del

reduce dall'Asia, dove,
Italici

sonn presso

del,

re

Visconti e sua in una lettera che

il

Cavedoni stampò nel lìu'L
il

legati degli

non

solo

ma
1).

anche dei Cartaginesi ohe
la

JeW

Insl.

1S51

pag.

61-63.

pertanto

Cavedoni trovò

gli

dimandano alleanza per portar

guerra di sterminin
il

che opporre,
le

anzi

in conferma

del parere

che queste monete

sopra

Roma

(Athen.

Dipnos. V,

Abbiam veduto come

abbia battute Siila nelle zecche degli Italici pose in riscontro

passo di Diodoro allegato dal Borghesi non faccia ostacolo alla
nostra interpretazione, ora
è

a p.

63 l'aureo

di

M. Antonio

il

quale vedendosi aver un doppio

II

duopo vedere come

ella si presti

invece di E nelle parole DIISIG ITIIH

UT TIIRT

mostrasi, dice,

a spiegare tutta la composizione di questo tipo singolare a cui,

impresso in qualche città della Campania.

Ma un

tal

argomento in

parmi, non

si

è

bene atteso

forse

per mancanza
fatto

di

originali

vero non ha valore alcuno; in prima perchè ora conosciamo parecchie lapidi

ben conservati,
e

o per

non avervi

uno studio più attento
è

romane che usano
e

l'ortografia ristretta alla
si tratta si

Cam-

minuto. La nave che è a destra non
al colloquio

di Siila,
si

perchè egli

pania dal Cavedoni,
lingua che
nelle
in

perchè non

di

ortografia

ma

di

andò

viaggiando per terra, neanche

può dire che
si

monete predette
esse

deve supporre sannitica,

rappresenti una delle triremi che Siila dimandi gli
dal re Mitridate, perchè
se ciò fosse
,

cedessero

adoperandosi

monete

le

note numeriche dei conii sol

non

si

mostrerebbe essa
i

proprie di questa nazione.

armata di soldatesca orientale
la spiegazione,

il

cui simbolo evidente sono
;

due

Al Borghesi non pare soddisfacente
presenti l'udienza data da Mitridate
doro, eh' è
il

che

si

rap-

fasci di strali

che vi

si

vedono dentro insieme cogli scudi

calamis
65).

ai legati dei

Sanniti. « Dioil

orierUis popidi bella conpciunt, scrive Plinio [H. N.

XVI,

La

solo a farne cenno, ci dice, scrive

Borghesi, che

figura prossima alla nave non è di chi la cerca

ma

di quei

che la pos-

T. XCI.

SAMNIUM

105

siede. Questi

non èSillamaJMilridateacui stanno bene

le nuassiridi

d'albero dal quale pendono quattro scudi: nelPesergo vi

si

e la
la

mano

sul

pomo

della spada

:

ma quella figura a
è di

cui egli stringe
e vigor militare

legge

il

numero

HA. Tutto è chiaro in questo rovescio, solo
l'

mano che

in qualche

esemplare

minor taglia

rimane incerto
L' Avellino
{It. nuìii.

oggetto

che

il

personaggio armato calca.

assai piìi si appressa a figura muliebre che virile,

il

che anche

ci si
il

stimò che fosse ima insegna militare romana,
il

conferma dall'esemplare del Museo Vaticano ove pare chiaro
rilievo del petto.

suppl. p. 5), e trasse

Cavedoui in questa opi-

Questa figura mostrasi ancora o coronata ove

nione.
7, 8.

vero col capo cinto da largo diadema

porta oltre al pugnale
si

11

primo esemplare

è preso

da un calco,

il

secondo è di
con pendenti

anche una lancia.
ravvisarvi

Per tutte queste ragioni non

potrà mai

mia

collezione. Testa di

donna laureata

n. 7

un

Siila,

ma

o l'Italia, o alcuno dei legati spediti a

agli orecchi, u.

8 con collana al collo, volta a sinistra, a
il

Mitridate dagli

Italici.

La

corta gonna non sarebbe

un

ostacolo

destra vi

si

legge

nome

della città
n. 6, se

VNBThl.

R. Il pergli si

a reputarla figura muliebre, perchè in simile assetto si vede effi-

sonaggio medesimo descritto al

non che non
a sinistra
il

giata

Venere armata nei denari
//.

di

M. Mezzio
pi.

e L.

Buca monetieri
5,

vedono al braccio le due armille.
e
il

Manca

trofeo

di Cesare (Blaeas,

de la mon. voi. II
e

XXXII,
di

6 pag. 71).
edito

toro, che nel n. 6 si è

impetuosamente lanciato

al corso,
:

Parimenti
dal

la

Spagna

la Gallia

in

un aureo

Gall)a

qui invece riposa accanto al guerriero stando di prospetto
nell'esergo vi è la lettera 3.

D'Amecourt vanno ancor
pi. Ili, 1).

esse

in

corta gonna

{Aanuaire

È

stato detto che

il

guerriero
e
il

numisiu. 1879

La

lancia
stata

che non

si

adatta ad

un

aveva posto

il

piede sulla zampa del toro giacente;
il

pacifico congresso vi

può essere
è il

espressa per l'Italia dai

Cavedoni scrisse che
gli

toro era posto tra le fiamme, e queste

Sanniti,

il

cui

stemma

aavrioi;

come ho dimostrato

trat-

divampavano

il

petto.

Cotesta idea è falsa:

si

sono cre-

tando della moneta dei Sanniti (Tav.

XC

n. 10).

dute vampe le rozze pieghe della pelle pendente dal collo
del toro che dicesi pagliolaia e giogaia. Di questa composi-

zione
T.iv.

si

serve la sola zecca sannitica di Corfinio e dei capi

XCI.
donna laureata con orecchini
e filza di perle
il

sannitici. Il
al

Cavedoni credette di vedere in questo perso-

1-3. Testa di

naggio militare la persona reale di Comic Castronio duce
della gioventù sabellica nel suo primo impianto nel cuore

collo volta a sin. dietro ITALIA. R. Otto armati, che

Cave-

doni chiama Impcratores sago indutos, e non vestono che

del Sannio. L'oggetto
bocca, ed è forse

che

calca

sembra un vaso a larga

semplice tunica cinta, coi ferri

nudi

nella destra, le cui

un elmo.
alle qui descritte fu

punte sono rivolte ad una porchetta tenuta da un ministro
a pie di im' insegna
conficcata
al

Una

rappresentanza simile

veduta

suolo

;

nelP esergo,

INI.

e narrala dall'Avellino in

una moneta

della collezione Zurlo
si

Avendo

gì' Italici

chiamato Itaiia la
lega l'hanno
dritto

città di Corfiuio scelta

[Opusc. II p. 16 n. 19), la quale mi

dice oggi posseduta

per capitale

della

poi

personificata ponen-

da persona privata. Vi era da un lato la testa galeata del-

done la testa nel

con la epigrafe ITALIA,

ovvero

r Italia volta a
armato di spada

sin. e al riverso

un uomo

in pelle leonina
e di sten-

come
del n.

in lingua saunilica la
1,

dissero VI>J3TI-3. Neil' esergo
cifre

in atto di appoggiarsi
il

ad un'asta

è notato il

novero dei conii con

numeriche,

dere la destra verso
in
9.

toro che vi

si

vedeva da quel lato

in quello del n. 2 è indicato lo stesso con lettere alfabetiche, e questa è
4, 5.

mezza

figura.
Sijll. I, 3).

un P

:

la terza ci

ha dato un dieci X.

(Millingen,

Testa di donna diademata coi capelli
e filza di perle al collo, volta

Nella

coli.

mia. Busto di uno dei due Castori, coperto di

raccolti in

massa alPoecipite

pileo acuminato cinto di laurea,

ma

v' è

inoltre
di

una

stella

a d.
nelle
10, 11.

R.

Vittoria alata e assisa a d. con
:

un ramo

di

palma

in alto,

non avvertita come pare dal duca
Vulcano (Ann.

Luynes, che l' ha
p. 129).
è

mani

nelP esergo ITALIA.
di

definita per testa di

Instit. t. XIII,

N. 10. Testa

donna laureata a

d-,

dinanzi è la nota

X

Veste una clamide abbottonata sull'omero destro ed
di tunica,
li.

privo

del denario. R. L'Italia sedente sopra
col parazonio nella sin. che si

una congerie
d.

di clipei,
all'asta,

Donna armata

di elmo, scudo e lancia che guida

appoggia colla

ima biga a
di

dritta, sotto la

quale nel n. 4 è la testa di un bue
n.

ed

è coronata

dalla Vittoria

che le sta alle

spalle:

nel-

prospetto con due globetti accanto. Nel

5 invece è

un

Pesergo ITALIA. N. 11
donna volta a
d.

(Coli.

Luynes). Testa laureata di
sin.

semplice
6.

T

e

non

altro.
sin.

dinanzi X,

a

ITALIA.

R.

Lo

stesso

Da un
a

calco.

Busto di donna galeata volta a

con corazza de-

tipo del n.

10,

ma
e

nelPesergo è un A.
di

corata di

gemme. Essa

è

coronata da una vittorietta, e però

12, 13.

CoU. Luyn.
filza di

Museo

Parma. Testa laureata
d.,

di

donna
d.

me

pare che rappresenti una personificazione della città
in piedi e

con
/(.

perle al collo volta a
assisa

a sin.

ITALIA a
clipei
:

XVI.
di

detta dagli Italici, Italia. R. Personaggio stante
di prospetto coperto di

L'Italia

su di un cumulo di

armata

elmo crestato con largo paludamento
da

parazonio e di asta è coronata dalla Vittoria

nelPesergo D.

alle spalle, che raccoglie davanti colla sinistra decorata

È un buon
la

esempio di due conii in pari tempo usciti con
alfabetica D.
i

duplice armilla sostenendo

il

parazonio nella vagina, e apla

medesima nota
Lujm.
I tipi

poggiando la destra ad un'asta che ha
basso, calca col pie' sinistro

punta rivolta in
si

14. Coli.

sono

medesimi

dei

due conii precedenti

:

un oggetto nel quale

distinil

soltanto la lettera dell' esergo è qui

un G.
di

guono due prominenze globose. Dal

lato destro si vede

15, 10.
d. e

Da

calchi.

Testa

di

donna coperta

elmo volta a

toro italico lanciato a gran corsa e dal sinistro

un tronco

coronata dalla Vittoria. Veste una clamide decorata di

100

SAMNIUM

T.

XCI

un

gioiello,

lì.

Due personaggi
ambedue
in

che venuti a colloquio strine

Garelli (iJescr.
alla

pag.
il

118

u.

29

ed.

Caved.), che assegnò

gono

la destra

tunica corta, cinta,

sago mi-

guerra marsica

nummo

della famiglia Vibia, omessa
il

litare: colui

che è a

sin. è

cinto di parazonio e porta

una

l'epigrafe del riverso, e cambiato nel dritto

genitivo LIBERaccettarsi, che

lancia con la punta in alto
la sinistra sul parazonio:

ma

volta indietro, l'altro con

TATIS

nel nominativo LIBERTAS.

Può dunque

alle
il

spalle di lai a d. vedesi

una

l'Orsino abbia sbagliato. Quanto poi alla opinion mia, che

prora di nave con entro
e

vessillo lemniscato,

due scudi
il

risolutamente rifiuto la spiegazione del Visconti applaudita
dal Borghesi, si veda ciò che ne ho scritto nel prolegomeno. 17. Coli. Blacas
(//.

due

fasci di dardi

:

nell'

esergo del n.
il

15

è

num. A

e in quello del
Qitioo.

numero 16

numero

IIIIA

in alfabeto sandice

De la monn. T. II 531,

1).

Testa di donna
intorno una co-

L'Avellino {Opusc. II p. 16

n.

17, 18) non

coronata di ellera volta a d. a cui corre

d'

nulla della nave,

ma

descrive invece una piccola Vittoria
il

rona di lauro.
i

B.

Toro che

ferisce di corno la lupa già sotto

che corona alle spalle

personaggio a destra

e

il

Riccio

suoi piedi

:

nel

campo

Pi,

nell'esergo VIn|>I3TH.

Ve ne ha
Catal.

{Reperì, p. 8) ha scritto « che una figura militare con asta e

un esemplare
n.

nella collezione Santangelo
il

(Fiorelli,

scudo

dà,

la destra

ad altra figura militare che

le sta di-

509).

Ma

Riccio {Repert. p. 9) sbaglia attribuendole
al
n.

rimpetto e che appoggia la sinistra sul parazonio. Presso

al dritto la

leggenda della moneta posta

26

e al ri-

questa seconda figura

vi è

una base dalla quale sorge una

verso la leggenda VITELIA in luogo della osca predetta.
18. Coli, di

piccola Vittoria che la corona e in altra

moneta evvi una

Luynes (Avel. Opusc.

II, 2, 7).

Imitazione del dei

figura discesa or ora dalla nave che le sta dietro carica di

naro primitivo di Roma, del quale porta
del riverse
si

tipi.

Nell'esergo

istrumeuti bellici ». Il Riccio ha di certo preso per scudo la

legge VI43TI-I1 nel campo del dritto L, del

clamide militare del primo. Quanto poi alla distinzione dei

riverso A. Il Cavedoni trova che questo
tato dai denarii dei

nummo

siasi

imi-

due

conii, in

uno dei quali

la vittorietta corona

il

militare

triumviri,

M.

Atilio Serano, Q. Marcio
la

a destra, nell'altro v' è invece la nave, è evidente che egli

Liboue, L. Sempronio Pizione, specialmente per
Tot'yXijVog dell' orecchino.

forma

ha voluto dar luogo
che vedeva

alla descrizione dell'Avellino,

e

a ciò

coi propri occhi, la nave,
sia

non

la vittorietta,

19. 20. Coli. mia. Testa di

donna laureata a

d.

R.

Otto giuranti

che però parmi
a cui
si

uno sbaglio da addebitarsi

all'Avellino,

attorno alla
sillo

porchetta tenuta dal ministro a pie' del ves-

appoggia ancora la descrizione della moneta Zurlo
L' Orsino pubblicò
il

militare. Nell'esergo

rimane un O.

È

questa una delle
otto giuranti al

riferita di sopra.

])rimo

una moneta

due monete a

me

note

che portino

gli

coi tipi

medesimi da me

descritti, cioè

con la Vittoria, sopra

riverso e la testa del dritto volta a destra (Car. tav. Ili, 13);
e

ima base che incorona
del riverso invece del

il

militare a destra,
IIIIA

ma

nell'esergo

però l'ho posta accanto alla celebre ed unica moneta di Q.
si

numero

lesse l'epigrafe
si

SVLLA IW\P.
dai dotti.

Silone n. 20. In essa dietro la testa della donna

ha

l'epi-

Vediamo ora
Il

le spiegazioni

che

sono date

grafe ITALIA che non è stata impressa dal conio neln. 19
e

Borghesi ammise (Oeuvr. I pag. 374 segg., II p. 273)

al

riverso

si

legge intero
t.

Q

SILO.

Pu
il

sogno del Mévessillo abbia in

la

moneta dell'Orsino

(pr.

il
t.

Morelli tav.
II p.

V

n. 2) e

quella

rimée {Bevue

num.

X

p. 93,

103) che
si

del Zurlo (Avellino

Opusc.

16

n.

17, 18) e siilla

cima un toro

di prospetto

che

slancia.

fede della prima stabilì doversi seguire la spiegazione che

21. Coli. mia. Testa virile con
di

fior di

lanugine sulle guance coperta

ne aveva di recente proposta
ivi

il

Visconti,

che

si

trattasse

elmo pinnigero dalla cui cima pende sulle spalle una 'filza
guarda a
d.

del famoso abboccamento di Siila con Mitridate, in cui

di perle che gli fa da cresta. Egli

ed ha alle

fu conohiusa tra loro la pace. Solo una cosa notò non poter
essere che la nave
recato per terra,
fosse di Siila,

spalle l'epigrafe VI-J3T1-II.

R.

Quattro armati giurano sulla
Il

da poi che

egli si era

porchetta tenuta da un ministro: nell'esergo •>-linflKin>.

ma

ohe sia uua delle trenta ovvero ottanta

Millingen {Consid.

p.

185

n.

5)

descrive questa moneta

triremi di Mitridate cedute a Siila,
articoli di quella pace.

come uno

dei principali

come

se la testa del dritto fosse di donna; al Cavedoni parve

Pone quindi

Siila a destra e

Mi-

invece che fosse testa di Marte {Bull. Instit. 1837 p. 199).

tridate a sinistra. Siila

armato di parazonio
il

e Mitridate co-

Oramai non occorre che

si

esaminino e

si

confrontino gli

ronato del diadema, avente un'asta sotto
colla

braccio sinistro

esemplari per decidere la questione, se è possibile, come

punta rivolta

all'

indietro.

Da

ciò

deduce che la mefatto,

brama
cisa
il

il

Millingen, pag. 253, avendola bella

e

chiara de-

daglia è stata coniata nel

669

in cui

avvenne questo
alla

doppio mio esemplare conservatissimo.

tutt'al più nell'anno seguente.

Quanto poi

moneta

22. Testa di donna coperta di elmo pinnigero con cresta e ra-

del Zurlo dice parergli probabile che siasi in essa voluta

beschi volta a sinistra davanti <]VTi^<iai413->li-T\/m. B.

Due

ar-

rappresentare la pace conchiusa nel 667 da Ponzio Telesino
col vecchio
1.

mati in atto di giurare ferendo la porchetta sostenuta dal
ministro.
Il

Mario, della quale ragiona Appiano
già sin
dal 1850, {Bull.
Instit. p.

{B.

vìe.
il

vessillo appare soltanto nel tipo degli otto ar-

e.

90).

Ma
il

201)

mati: nel riverso •>-inNNn->. L'epigrafe dunque comincia
dal riverso e termina al dritto della moneta.

Cavedoni mise in sospetto l'epigrafe dubitando che l'Orsino
prendesse

numero

IIIIA

per
il

nome

proprio e ne facesse
dichiara di parergli

28. Testa di donna coperta di elmo alato volta a

d.

intorno fra

SVLLA

aggiuntovi poi IMP e

Mommsen

due cerchi

di perle >lhTVltl

•>-inRNn->. R.
il

Uomo

armato

di

certo che tale iscrizione sia del tutto dall'Orsino foggiata.

lancia e di parazonio che pone
certo: ivi presso è

piede sopra un oggetto inVI<J3TI-3.

Noi invero ne abbiamo un esempio non dissomigliante

nel

un bue

in riposo: a sin.

T.

XCI

SAMNIUM, APULTA

107

24, 25. Testa di douna coperta di elmo
^liTypII R.

come

nel n. 22: davanti
u.

APULIA
TIATE APULUM
Gli Apuli Dauni tennero la regione
tani a settentrione fra
il il

Uomo
24

armato col toro accanto come nel

23

in

alto a d. n.

8, n.

25

fl,

a sinistra WIHISNi. Il Millingeu
confinante coi Prei:

opina [Consid. p. 187) che questa moneta sia stata coniata
dai Sanniti rimasti soli a continuare la guerra, e però in luogo
di Italia si è scritto

cui limite fu

il

Biferno

ma

le terre

poste

Saphùiìm, nome del Sannio:

ma

non

Biferno e

il

Fortore appartennero in parte ai Frentani di
:

pare. Quella che oggi diciamo lupa fu creduta

un

coccodrillo,

Larino, in parte agli Apuli di Teano

Larinatium

Clitórnia, Tea-

ma questo
/{.

errore

il

corresse lo Scklichtegrolle (ap. Avell.

num Apulorum,
SI'

scrive Plinio

(//.

N. Ili, 16) e Strabene (VI, 11):
Ò!.id»'i\itov
ti[>

vet.

num.

T. I p. 96, 97). L' unione di una leggenda

i^iscfoyaia

rò "AttovXov
si

Tsccvov

2idtxh<o>.

Le

in latina lingua col

nome

sannitico di C. Papio è spiegata
dei Marsi e dei Sanniti

monete che oggi

attribuiscono a questo Teano furono lungaal quale l'Avellino {Bull,

dal Cavedoni col gaudio

insieme

mente credute del Teate Marrucoinum
arca. TMp. IV, 25) assegna la
e
i

per la morte di Q. Servilio Cepione o piuttosto di C. Servilio

moneta con

l'epigrafe

WVITRIIT

proconsole {ad Carelli Tab. CCII
deuario romano di C. Servilio

n. 30).

Ma il n.

27

coi

tipi

campani. Io la credo battuta in Campania del pari che

tipi del

figlio di

Marco,

e la sola

quella di Larino che porta la leggenda greca coi tipi medesimi.
L'alfabeto osco estraneo alla Puglia

epigrafe latina, dimostra che C. Papio lo riprodusse, e così
vi

mi ha indotto a stimarla
il

appose

il

suo

nome

in lingua e carattere sannitico.
•>IITVIt1.

coniata dagli Osci campani, non però

tipo

campano: perchè

i

26. Testa coronata di ellera volta a d. davanti qVTNqait13
E.

Teauesi oltre

alle

monete

coi proprii tipi

ne hanno battute anche

Toro che

ferisce di corno la lupa

come nel

n. 17: nel-

coi tipi di altre città, e vi si distinguono quelle di Taranto, di
lia e di Brindisi, le quali

Ve-

l'esergo iriNRn-). V'è

un esemplare nel Museo

di Berlino

stando alle leggi stabilite

si

potrebbero

ove

il

toro e la lupa sono volti a sinistra.

dire

monete

di confederazione. Il Teate

Apulum

fu anche detto

27-29. Imitazione del denaro di C. Servilio: nell'esergo del riverso
n.

Teanum,
Téarov

e così Io

nomina Strabene nel luogo

citato rò

"AnovXov
Tia-

27 ITALIA

e

un

astro; n.

28

•> IDlNirvin-) e dalla

parte del
si

éfiióvofiov zoj 2i6ixh'(g. Gli antichi

marmi chiamando
la miglior

dritto sotto il collo, >lhTVH1 e

un

astro.

Nel

n.

29

leggono

tini gli abitanti del

Tianum Apulum danno
Tianum
si

prova della

unitele due leggende del rovescio dei
al riverso

n. 27, 28,

una però

verità del parer nostro, perchè da
sis,

può dedurre Tianen-

•>-inNNn-> l'altra al dritto ITALIA preceduta da

ma

Tiatinus necessariamente deve nascere da Tiate. Tianum.
fu

astro a sei raggi 'da

non confondersi

colla nota del denaro.
si

Apulum non
città
:

dunque

in origine

il

nome

piìi

volgare di questa
gli Osci.

In tutta cotesta monetazione marsica non
la nota

vede usurpata
,

essa chiamossi Tiate, e così anche la

denominano

^

ovvero

*

,

se

ne eccettui

i

nn. 28

29 copiati

Ma

cotesta sinonimia
in

non fu capita da Livio (IX, 20), che pose

dal denaro

romano

di Servilio.

due popoli
Niebhur,
relli,

Puglia l'uno in

Teanum

e l'altro in

Teate

(v.

30, 31. I tipi di queste
n.
7,

due monete sono simili a quelli dei
aggiunta la nota

III,

261;

Momms.
e

negli Ann. di

numism.
si

del Pio-

8 vi si vede soltanto

X

nel dritto

1846

p.

105

106). Perocché così egli

esprime:

Ex

e nell' esergo del riverso n.

30

Jl.

La

epigrafe del riverso

Apulia Teanenses Canusinique popwlationibus
L.

fessi,

obsidibus

è

nuova: ^H1

l>IDV>|-IH,

Niumeres Lmci{es) M{a)r(as), (Nu-

Plaulio consuli datis, in deditionem venerunt... Inciinatis

merìus Lucius Marii
letto

filius).

Nel nummo

del n. 31
I

si

era

semel in Apulia rebus Teates quoque Apuli ad novos consules
C.

Luvius,

e così è

di fatto:

ma

il

primo

si. è

di poi

lunium Bubulcum, Q.Aemiliam Barbulam foedus petitum

ve-

veduto che deve essere
scusano
gli

un » mal espresso:
alla

onde

se

ne

nerunt, pacis per
àuctores.

omnem Apuliam

praestandae populo

Romano

editori anteriori

scoperta.
di

Ma

non deve far sorpresa questo equivoco
i

di T. Livio

32. Coli. Liiynes. Questa
"

moneta tenuta prima in sospetto
falsa.

mo-

dove distingue
loro
e

Teanenses dai Teates, coi quali due modi nei
si

derna fu poi data per

Ma
la

essa è certamente vera a

monumenti doppiamente
pensa anche
il

appellano.
Instit.

Tiate è voce intera,

mio giudizio

e del

Luynes che
Il

comprò ed aggiunse

alla

così

Cavedoni {Bull.

1850, 199), non già

sua insigne collezione.

Priedlaender l'ha pubblicata {Die

tronca, e deriva dal neutro Teate, che è adiettivo.

Può

darsi adun-

Osck. Miin. 73). Testa di

donna coronata di edera. R. Istrucista,

que che
tronco,

il

TIA
il

di qualche

didrammo

e

di qualche obolo

non

sia

menti del culto

di

Bacco,
si

nebride, tirso che qui è

ma

proprio

nome

primitivo.
si

Su qualche
secondo

altro
il

obolo

lemniscato: nell'esergo

legge: im-^IK3l-im. Quest'aureo

insieme
{Oss.

con ITAIT retrogrado
1. 1,

legge,

Minervini
è

finora unico pesa gr. 8,47 quanto

uno statere ateniese,

e

num.

5-8)

lfll>lfH

lAAIS la cui prima lettera i
è 3.

imdi-

im am'eo
leio

di Mitridate.

Lo credo battuto
fin di

dal console Minazio

perfetta,

perchè in altro esemplare

È nome

di

alcun

figlio

di

Minazio a

sollevar l'animo dell'esere

nasta Bidaeus Haciaeus, in apulo dialetto che

forse in

latino

cito e dei confederati colla

promessa del re Mitridate,
Il

pro-

risponde a Vedius Accius. L'obolo coi
osca è

tipi

campani
dai

e l'epigrafe

babilmente coll'oro portato dall'Asia.
e

Priedlaender prima

divenuto

celebre. Esso era apparso fin

tempi

del

poi

il

Cavedoni hanno scritto che

il

tirso

termina in testa

Pellerin {Suppl. Ili p. 95),

ma

Ietto a rovescio fu dato a

Mur-

di montone,

ma

è

un

errore, che si vede corretto dal Blacas

gantia città del Sannio. Questa lezione ed attribuzione furono
accettate dal

nella edizione dell'//.

De la monn. T. IV

pi.

XXX,

11, quan-

Lanzi
il

{Saggio II

p.
s'

601)
illuse,

e dal Caronni {Mus.

tunque

siasi sbagliato

prendendo per cappio di tenia la se-

Hederv. p. 20),

quale

anche

vedendovi
L' Avellino

per
il

tipo

conda deUe tre foglie d'edera che coronano l'estrema ferula,
n.

un leone invece del bue androprosopo.

primo

30.

trovò erronea la leggenda e falsa l'attribuzione illustrando
14

un

108

APULIA

T.

XCII

simile

nummo

del

r.

Museo, sul

quale
jiari

lesse

WVlTRilT,

ma
io

nio. R.

Bue audroprosopo,

di sopra

un fulmine. Che
aveva dato

la leil

l'aggiudicò a Teate Marruecino. In

tempo avveniva che

zione del

Pellerin fosse erronea ne

avviso

ne trovassi in

Koma

nel

Museo Borgiano

di

Propaganda un esem-

Millingen {Consid. pag. 180). Egli cercata la moneta
Pellerin nel Gabinetto Parigino delle medaglie
chiaro
vi

del

plare novello e senza sapere del Pellerin, ne tenni discorso nel-

scorse
della

TAccademia Ercolanese, l'anno 1847,
campana.

e

lo

dichiarai di fahbrica

WV

e

si

avvide che erano le ultime
è

lettere

desinenza di

un nome, qual

quello di Nuceria,

Compul-

I Teatini nei primi tre spezzati della propria serie pongono

teria e di altre in osco dialetto.

Ma

si

arrestò qui. Dipoi

per tipo in

prima

G-iove, poi

Minerva, poi Ercole: nei tre rimanenti

nel 1845

il

Piorelli {Mon. ined. pag. 21) sostenne ohe in
di

ripetono laPallade. Il loro sistema è decimale, e la maggiore unità
la dicono

due esemplari del Museo

Napoli era chiarissima

la leg-

nummus,

signiiìcandolo

colla iniziale N.

Nel sestante
delle
let-

genda

MVRTANTIA,
di

e

ne

citò

un

terzo del

Museo Santan-

l'Avellino veduto a destra un i di maggior taglia
tere

gelo, inedito pel simbolo

che recava sul toro del riverso.
a
d.

TIATI stimò che
e

fosse

un monogramma da
si

sciogliersi
;

in

10.

Protome

eavallo

col

freno volto

a sinistra IflAlS

VM

da unirsi al TIATI, onde
si

leggesse
trovato

TIATIVM ma
K,
o

in altri
e

IAI>IAH. R. Cavallo gradiente a sin. sopra
Oss.
il

ITAIT (Minervini,
tale

esemplari

è in

quel luogo

un

una corona,

numism.

I,

5).

Dico cavallo

e

non leone, perchè

l'oncia porta talvolta

un T. Sembra quindi che queste

lettere,

manifestano nel disegno le unghie, la coda e la criniera.
R. Aquila stante

come

la corona, siano talvolta sesui monetali.

11. Testa di Giove coronata di lauro volta a d.

sul fulmine ad ali spiegate 12. Testa
di

:

ad.

N

e

TIATI.
d.

Minerva coperta
TIATI, a

ài
d.

elmo corinzio a

R. Civetta

Tav. XCII.
1, 3.

di fronte, a sin.
sin. R.
i

fulmine, nell'esergo la nota del

Testa di donna diademata volta a
valcando corona
il

Fantino che ca-

pentoncio

•••••.
e

suo cavallo tra
n.
1,

cui piedi è
n.

un

delfino:
si

13. Testa di Ercole barbato
d. le

coperto dalla spoglia di leone a

r

epigrafe

è

TIATI nel

TIA TI nel

2 e vi

R.

Leone ohe va a

destra, sopra la clava e

TIATI

tra

vede nel campo un
provarsi perciò che

A
si

di

maggior dimensione: non può ap-

gambe un

astro, nell'esergo la

nota del triente
R. Civetta.

••••.

legga seguitamente TIATIA come
(1.

14. Testa di
15.

Minerva coperta
sono
i

di aulopide.
n.

sembra proporre

il

Minervini

cit.

pag. 112 nota 2).

Nel
6).

16. I tipi

medesimi che nel
si

14

solo nel n. 16

n. 3 si legge soltanto

TIA

(cfr.

Minervini, Oss. tav.
tarantini.

VI n.

a destra della civetta vi
zioni superiori alla

vedeva un sigma greco di propor.

I tipi di cotesto
4.

monete sono

forma del TIATI

L'Avellino {Opusc.

Testa di Pallade coperta di elmo attico decorato
a

di

gemme
Recher-

Ili pag. 115 tav. VII, 8) opinò che fosse

un monogramma

e

modo

di fiori.

E. Ercole in ginocchio
il

con la clava nella
,

dovesse congiungersi al
genitivo

nome

della città e formar così
le

un

sinistra
ches,
5.

soffoca

leone

:

sopra TIATI (Sambon

TIATIW, dove quel
mi

W valesse

due lettere

VM.
voca-

XV,

14).

Alla quale opinione
coperta di

pare che faccia ostacolo la novità
il

Testa di Pallade

elmo aulopide con
il

cresta.

R.

leggendosi in tutta la serie costantemente TIATI ove
bolo non è accorciato, in TIA,
del creduto
fosse

Ercole in piedi volto a sinistra soffoca
lui è la clava
:

leone, dietro di

TIAT:

poi la taglia maggiore

davanti TIATI. Questi due

nummi

(4,

5)

monogramma.

Altri hanno stimato che questa
;

sono una imitazione di altrettanti tarantini.
6.

una
p. e.

M
il

e citano altre lettere che diconsi monetarie

Testa di donna con corti capelli volta a

d. R.

Civetta sopra

come

K

di

un

triente notato in

un catalogo

di

monete

\m ramo

di olivo volta a destra: davanti dalla sin.
i

TIATI.

stampate a Milano nel 1881 (pag. 27
Kiccio vi pone

ai nn. 310, 311). Il

Ancor questa moneta porta
Veliesi.

tipi
il

non propri
pr. di
s.

ma

tolti dai

un U {Reperì,

p.

21) ed è ripreso dal Eried-

L'ebbe data
tav.

alla luce
n.

Giorgio {Monu-

laender perchè omette d'indicare dove {Osk. Miinz. p. 52)
se a destra, se a sinistra, se nel dritto o nel riverso e in

menti inediti

8

1

pag. 109). Il Priedlaeuder {Osk.

Miinz. 1850 pag. 50) crede che la testa sia d'uomo a
tivo dei
capelli corti e della

mo-

quale frazione della serie. Io del resto non
chi credesse che le

mi oppongo

a

mancanza

di

pendenti alle

monete teatine abbiano

talvolta lettere
i

orecchie. Altri numismatici l'hanno rifiutata,
tivo. Essi
sti

ma

senza

mo-

monetarie,

come

di fatti mostrano altri segni fra

quali è

avrebbero dovuto considerare lo studio di cotei

anche una corona in loro luogo a destra del riverso. Solo

Teanesi d'imitare

tipi di altre città, e inoltre l'antico

mi pare

si

debba

fare eccezione della i, per

le

sue pro-

modo

di esprimere un'alleanza

aggiungendo

il

proprio

nome

porzioni, e perchè

non pare a

me una

lettera latina né
il

un

ai tipi altrui.

Or

se si vuol tenere che la testa sia virile
di Crotone di

monogramma, ma un sigma
pesa grammi 4,50.
17, 18. I tipi sono
i

greco. Il sestante dove è

S

^

avremo da confrontare questa moneta con una
(tav.

ex

n. 2),

se muliebre, le
n. 7).

metteremo accanto una

medesimi che nel

sestante, solo a destra
n.

Velia (tav.
7. 8.

CXIX

della civetta nel n. 17 vi è
d.

una corona. Nel

18 l'oncia

Testa di Pallade coperta di elmo crestato volta a
Civetta stante e volta a destra
:

R.

porta a destra del riverso un T.
19.

l'epigrafe nel n. 7 è

TIAT
che

Nel Museo

di Vienna. Testa di

Nettuno laureata.

R. L'eroe
tri-

nel n. 8 è TIA.
9. Testa di Apollo laureata a
sin.

Taranto a cavallo al delfino coronato e barbato con un
davanti
ItlVITRIlT
il

dente nella sin. e in atto di porgere un vaso colla destra:
in alto

Pellerin lesse

MVRTA/VTIA

e attribuì a

Murganzia nel San-

TIATI, presso

il

piede

sinistro la

nota del qua-

T.

XCII

APULIA

109

cbante. Il Carelli T.

LXXXVIl,

15 conta cinque globetti che uno di essi
il

poli

non

so che

altri

ci

parli.

Noi abbiamo un' Atina nei

nel suo esemplare,

imagiuando

globetti
si

Volsci e un' altra Atina nella Lucania
ranee.

ambedue mediter-

stesse occultato dal piede dell'eroe,

ohe non gli
il

può
che

A

cotesti Atinati
il

che vivevano sul mare pensai una
di

concedere. Prende inoltre per globetto

pie' destro,

volta di assegnare

bronzo del Museo Borgiano
3) con
il

Pro-

però non
Calai,
al

si

vede nel suo esemplare. Giulio Sambon nel

paganda (Tav.
e la

CXXV,

busto di Pallade sul dritto

della collezione Borghesi n.
e altrettanti al dritto

314 ne conta quattro

leggenda ATlNilN

e al riverso

una intera nave

:

ma
così

riverso

di quell'esemplare, e cita

me

ne sono ritratto considerando che nelle monete d'Italia
di busti,

le Recherches del

padre p. 218, 15.

Ma

il

Poole nell'esem-

non v'ha esempio

se

non del solo Ercole

plare

del

Museo Britannico [CataL
e

pag.

147

n.

16) ne

espresso dai Venosini e non da altri: in figure muliebri
è poi

conta tre soltanto nel dritto,
il

tre

ne ha riconosciuto anche
dei

senza esempio.

Piorelli

nel

dritto

e

nel

riverso

due

esemplari

21. Nella coli. mia. Testa di Pallade coperta di elmo aulopide
crestato.

della

collezione Santangelo {Calai, mi. 2109, 2110). lo non
e

R.

Timone

e

delfino,

VPlATINilN
d. R.

ho iìuora veduto che gli esemplari di Vienna
e

di

Napoli

22.

Da un mio
e

calco. Testa di

Giove laureata a

Fulmine

mi par

certo

che se in

altri

esemplari hanno contati

YPIATlNilN.

quattro e cinque globetti ciò

è stato

perchè hanno preso

per
20.

tali

anche

i

piedi

di

Taranto.
e

LUCERIA
velata a d. die-

Coli. Imhooff-BI.

Testa di donna laureata
R.

tro due globetti.

Colomba

a volo a sin.

TIATl,
così
di

e a d.

i

La

serie coniata della

moneta lucerina

si

vuole porre a

due

globetti.

erasi già da

Un me

altro

esemplare

ma non
Museo

compiuto

confronto colla serie fusa che ho data a suo luogo. Nella
fusa se ne eccettui la maggiore unità sono simboli e non

preso a calco nel

Parma.

imagini degli dei

:

queste invece

si

vedono impresse nella

HYEIUM A
V.

serie coniata e portano per riverso

uno dei simboli espressi
donde risulta che in
figurati.

nella corrispondente

moneta fusa
si

:

tal
le

settentrione del

monte Gargano

vi

fu

una

città

di

senso quei simboli

sono da principio

Dopo

nome Hyrium, ultima
379),

della lapigia (Dionys.

de situ orbis

prime

tre

monete, che appartengono alla serie degli oboli
comincia
la serie

presso alla
il

quale mostravasi su di

im
i

colle

di

tagliati sul sistema greco,

decimale dal

nome Joiov

sepolcro di Calcante, che domati

Lucani
che ai

quincunce

i

cui tipi sono Pallade e la ruota.

Segue Ercole

prese soggiorno in quelle terre (Strabo, VI,

3, 9),

con

le

sue armi, indi Nettuno col delfino, poi la Teti con

tempi di Plinio

{H. N. Ili

e.

16) erano abitate dagli Atinati;
è il colle additato
'AqCiov,
il

la conchiglia e

Apollo con la rana
il

e

Diana con

la

luna cre-

quae loca nunc tenent Atinates. Altro
da Scilace che
vocabolo
il

scente.
di

Eimangono
il

fulmine, l'astro, l'astragalo, la spiga
assai noti di Giove, di Apollo-

chiama, non è ben certo,
si

qual
rivo-

grano,

tirso simboli

dal Muller

vuole cambiare

in

'SìqCwv,

Sole, di Venere, di Cerere e di

Bacco.

Non

pare

dunque

cando a tal

fine la favola di

Orione della Hi/ria beotica,
i

che
e

si

verifichi l'allusione quasi
al

armi parlanti

della luna
il

la tradizione che fa venire

Beoti nella lapigia con Mes-

dell' astro

nome

di Lucerla,
e l'Avellino

come congetturavano
{Op. 11, 64).

sapo, dal quale la Messapia ebbe

nome [ad
ci

Scylacis Peripl.

Cavedoni (Saggio, 16)
considerarsi

Hanno da

pag. 23 ed. Didot).
lidi

Le monetine che

vengono da quei

come

singolari la ruota e la ranocchia.

Ma

si

chiamano quei popoli 'Yqucvivoì, forma patronimica, che

avverta, che codesti dei sono distribuiti sulla
pie.

moneta a cop-

deriva da 'YQiàxì]c. (Millingen, Consid. p. 119),
li

ma

Plinio

Minerva ed Ercole, Nettuno
venire qualche

e Teti,

Apollo e Diana,

appella Hyrini, derivandone

il

nome da Hyrium. Hyrial'Bckhel,

donde può
trova

luce. Perocché se

Minerva

si

tini è

forma

insolita,

come notò
dicono

ma
così
si

parmi anaanche
gli

insieme

con

Ercole ciò è perchè gli fu compagna

loga

al

Tiates,

che

si

Tiatini e

costante in tutte le sue imprese; era la sua Nemesi, la sua

abitanti dell'

Hyrina

campana

diversamente

appellano
il

Tyche. La rana poi può considerarsi come un simbolo fatidico; perocché tenevasi che col suo
e pili chiaro del solito presagisse le

Hijriatae, Hyriani, flyrinaei, sulle loro monete. Strabene è

gracidare più

forte

solo che dà

alla città il

nome

di

Ovqhov. Incontro

al

Gar-

imminenti fecondatrici
e.

gano
di

si

hanno

le isole di Tremiti, in
si

una delle quali detta
il

pioggie (Aelian., de nat. anim. IX,
ysyiovÓTSQov (f&ayyoìVTai, xal
Tpjg

13): oTav ^àTQuxoi,

Diomede, Diomedis insula,
il

venerava

sepolcro di

ffvvrj-S-sCag

Xa[i7TQÓT£Qov,

cotesto eroe, ad inombrare

quale, circa

il

364
si

vi si era

inidriniav S-^Xavaiv veroìi, e Plinio (H. N. XVIII, 85, 87)
scrive: Est et

trapiantato

un

platano, la cui coltivazione poi

diffuse in

aquarum significatio

.

.

praesagiunt

et

animaun una

Sicilia e fu poscia
lia (Plin. H.

da Dionigi
:

il

vecchio trasportata in Itaest

malia.
altro

.

Ranae quoque

ultra solitum vocales. V'è però

N. XII, 3)

Platanus haec

mare ionium

Iato dal quale se si considera la rana apparirà

in Diomedis insulam eiusdem tumuli grafia
vecta, inde in

primum

in-

novella relazione simbolica col dio al quale qui

si riferisce.

Siciliam transgressa, atque inter primas

Questo è

il

molto uso che

fé'

della rana la magica super-

donata

Italiae.

stizione a guarire parecchie specie di morbi.

Chi ne ha brama

Nel

citato passo di Plinio è notevolissima la notizia che

legga
e.

il

citato Plinio che diffusamente

ne parla (L.
il

XXXII

ci dà di

Lucani

e di Atinati sul

Gargano, dei quali due po-

18).

Non

deve omettersi di far considerare

bel riscon-

110

APULIA

T.

XCII

tro che a questa serie lucerina porge la serie delle
larisati, nelle quali,

monete
porta

aspra

battaglia ai

Romani che nondimeno ne riportarono
Asculum melius

come

si

è

notato,

il

riverso

vantaggio (Fior. 1,18): In Apulia apiiid

un simbolo

della divinità rappresentata nel dritto. Luceria

dimicatum

est

Curio Fabricioqua consulibus. 1 Greci la di-

fu anche oiHcina della

moneta romana che riprodusse

in-

cono "Affxlog e "AaxXov, le monete
fu letta

AYCKAA. La

qual voce

dicandovi la zecca lucerina colla sola iniziate U.
23.

AVCKAA

dal Pellerin onde attribuì la

moneta a Dus-

Nel Kircheriauo, moneta ribattuta trovata nelle acque
carello.
sti tipi

di Vi-

celado dell'Illirico. Trovasi anche una moneta che reca per
tipo la

Testa di Nettuno a d. R. Delfino a

d. e sotto U.

Que28.
si

protome del cavallo frenato
la

e sul rovescio la spiga
Il

divennero poi propri del quadrante Incerino

v. n.

ripetendo sulle due facce
stini in

leggenda AYhYSKAI.
{Leti.
t.

Se-

24. Coli. Lippi in Biccari. Testa barbata a d. R. Leone ohe
arresta a
d.,

prima lesse AYPYfKilN
Aurunci
;

II p. 3 lav. V, 1)

di sopra

un caduceo, nell'esergo

U.

e l'attribuì agli

ma

vi aggiunse, ut
si

videtw, non

25.

Nel Museo

di Napoli.

Testa di Ercole giovane coperta della
e

essendo certo {Catal. gen. Ainsley) che
gere
:

dovesse così leg[Lett.

spoglia di leone.
di cotesto

R.
lo

Arco

clava

UOYKDEI. La desinenza
simile 13QTI/13Q8. Nella
e trascrissi
il

poi gli parve che vi

fosse scritto

AYCKAlilN

nome

ravvicina al
in

tom.

V

p.

38)

e

la diede

ad Ascoli. Nel 1814 l'Avellino

collezione

Lombardi

Lucerà vidi anche

un

avendone veduto un esemplare, sul quale lesse AYPYfKHIVl
da un lato
e

esemplare con l'epigrafe
prio di questa città fu
ceria.

UOVKEDOV,
che

sicché
i

nome pro-

AYPY...

dall'altro,
il

ne

fissò

l'antica attribuzione

Lucerwm

Latini dissero Lu-

agii Aurunci,

onde

Bestini
{CI.

per tal motivo ritornò

inil

La

lettera

D

vale r nell'alfabeto osco ed etrusco nel

dietro al parere di

prima

gen. p. 5), e così, anche

pari che nel greco arcaico.

La moneta

di

Lucerà non

iscrive

Reynier dichiarando di esservisi condotto per l'autorità del

in veruno di questi alfabeti,

ma

in

uno tutto suo proprio
,

numismatico napolitano {Précis d'une

coli,

de méd. p.

II).

che gli è comune con quello dei Frentani
di Irno.

di

Larino,

e

Intanto l'Avellino tornò ad esaminare la sua lezione e gli

parve che dovesse essere

AVPYSAi

:

per la qual cosa cercò
t.

26.

La

serie dei

nummi

od assi decimali emessa dai Lucerini adoil

a qual popolo potesse attribuirsi e gli parve {Op.
p. 119-121) che dovessero essere gli
/lj-wsj?it, il

III

pera l'alfabeto latino. L'asse o unità maggiore manca,

qual

nome

quincunce o semisse che pesa circa mezz'oncia ha per tipo
la testa galeata di
la

traeva

dai codici di Ploro, di Frontino e di Orosio, dove

Minerva con
razzi
si
il

la nota

e>

o »a»

e al riverso
Il

sono chiamati Aiirusini quei campi che Livio chiama campi
Taurasini.
il

ruota fra

i

cui

legge

UOVCERl.
che

Cavedoni
simbolo

A

tutte queste false attribuzioni
il

pose termine
il

(Sar/gio,

16) tenne contro

Bestini

cotesto

Millingen ohe conobbe

primo quale fosse

vero va-

non fosse ruota, mancandole
gona
ai legni decussati sulle

il

giro dei quarti. Egli lo para-

lore della terza lettera presa per

un P

dal Bestini e dal-

tede o fiaccole, e queste schegge
Il, 13,

l'Avellino e dichiarò che era invece uno spirito posto tra-

riconosce coli' Avellino (Op.
tapontine, le quali

175) nelle

monete me-

mezzo a
sivscrisse
si

questi

due Y scrivendosi AYhYSKAl, dove
si

poi

non sono

ivi a

parer mio né razzi di ruota,
il

AYCKAl. Ciò che

è

qui dimostrato per l'obolo

né schegge di
nelle

fiaccola, di

sibbene

groma agrimensorio.

Ma

deve anche stimar

detto per l'emiobolo,

che

il

Carelli

monete
si
i

Luceria è di certo così espressa la ruota,

(tab.

LXVI,

2

Catal. p. II)

diede agli Aurunci e l'Avel-

come
tante

dimostra dal confronto della moneta coniata portipi

lino agli Aurusini. Il Priedlaender assegnò di poi

ad Ascoli

medesimi

che la fusa.
coperta
della pelle
di

anche un bronzo
leone. R.

che
in

davasi ad Arpi, avendovi letto

AY-

27. Testa di Ercole giovane

CKAIN retrogrado
si

un

suo esemplare. Alla città di Ascoli

Arco, clava e faretra,

i

segni di triente sono ripetuti sulle

deve anche attribuire la serie fusa di sistema semissale,
il

due

facce.

donde abbiamo
d.

triente,

il

quadrante,

il

sestante, l'oncia

28. Testa di

Nettuno diademata volta a
d.,

dietro la nota del

e la semoncia, di

che vedi la dichiarazione della Tav. per
tipo

LXV.

quadrante. R. Delfino a

sopra un ferro di tridente, sotto

Gli Ascolani

hanno

una Vittoria che porta

UOVCERl.
29. Testa di Teti laureata e velata,
R. Conchiglia e
dietro la nota del sestante.

nella destra una corona pendente da un nastro, o lemniseo,
e

sembra volerla legare ad un ramo
Il

di

palma che ha nella
si

UOVCERl.
il

sinistra.

Cavedoni credette che con
i

ciò

alludesse alla
di Ascoli,

30. Testa di Apollo laureata a d. dietro
R.

globetto dell'oncia.

giornata di Pirro contro

Romani

presso le

mura

Kana

e intorno

UOVCERl.
fronte, l'arco e

onde nacque

il

proverbio Oscularla pugna, qua significa-

31. Testa di

Diana col pianeta crescente sulla
collo.

tur vietos vincere.

Ma

io

non capisco come legando

la co-

la faretra dietro il sai di

R.

Mezza luna

e

UOVCERl. As-

rona alla palma

si

possa esser voluto alludere al signifi-

buon' ora e sin dal secolo quinto di

Roma

cominciò
di-

cato di chi vinto vince. Il legare la corona alla

palma con
il

in

Lucerà a scambiarsi

l'U acuto col normale,

come ho

lungo lemniseo, vuol dire tutto al piti addoppiare

pre-

mostrato altrove {Ann. deWInstituto 1860, pag. 232, 233).

mio della

vittoria.
si

Quanto poi
il

al

significato di

Osculana

pugna mal

è afRdato
(s.

Cavedoni a Verrio Placco, che
chiamata Osculana

ASCULUM
Di Ascoli
tin.

disse presso Pesto

v.) essersi
i

pugna

quella battaglia dove
della Puglia si
1.

Romani

battuti da Pirro ad Eraclea

ha memoria

fin

dal

475 (Pron-

nel

474 vinsero

nel

475 ad

Ascoli.

Ma

strana è tale spiesingolare per

Stmtag.

e.

3) allor

che nei suoi campi Pirro diede

gazione di

un

fatto che

dovea essere stato

T. XCII

APULIA

111

dar luogo ad uu iiroverbio, mentre

è

comuue a molte

giortori

Ad
di

onta di tutti cotesti nomi

che

si si

leggono negli scrit-

nate campali che chi vince in una possa perdere in altra.

greci,

Arpi nelle

sue monete

non

dà altre nome che

Verrio
che
ed.
ci

adunque non
è narrato

conobbe

il

fatto

singolare di Ascoli

APRA

ed

APHANUN.

Dico APflA, perchè mi pare, vedendolo
e

da Dionigi Alicaruasseo (Exc.
p. |9). I

ex

1.

XX

pili

volte ripetuto,

debba essere intero

non tronco, siccome

Didot ad calcem Josephi Hebr.

Eomani erano
i

è

per contrario

APHAN. La

vece cìgna di apule dialetto è in
ccqttìj,

già vinti da Pirro ad Ascoli, quando sopraggiunsero
ausiliarii
si

Darmi

lingua comune lo stesso che
il

uncino,

il

quale strumento
parlante, paragoin su d'una

da Arpì,

ma

troppo tardi e però costretti alla fuga
di

Carelli stimò essere
la figura

un harpago, quasi arma

volsero al

campo
:

Pirro e trovatolo senza difesa lo
e

nandone

ad un simile
(tav.

uncino espresso
40).

saccheggiai'ouo
coloro che da

il

che cambiò ad un tratto la fortuna,
lato erano

moneta dei Brezzii

CLXXII,

un
le

costretti a fuggire dall'altro

Gli Arpani dividono la maggiore unità in metà, in terze e in
seste parti, ai quali spezzati
plice,

raccoglievano
polsi,
ùscv.1.

spoglie

del nemico:

Qui in{de)
(ap.

fugere
in

danno per tipo la spiga di grano sem-

hinc spolia

collicjunt,

scrisse Titinio

Festum

doppia e tripla. Hanno inoltre coniate monete di alleanza,
il

pugna

p.

197

ed. Muli.).
il

ponendo
collo

loro

nome con

quello della città alleata, e talvolta
il

32. Protome di cavallo frenato volto a sin. sotto
B. Spiga di grano e

AYl-Y?

omettendolo, probabilmente perchè
Il

tipo lo indicava a bastanza.

AYhYSKAl.
a
d.

Minervini mise in luce cinque monetine {Oss. tav. VII,

33. Cane levriero
di

volto

nell'esergo

AYhYSKAl.

R. Spiga

6-10 pag. 87) tre delle quali ho riprodotte nella mia tavola.
Il tipo

grano

e

AYHY.
corsa a
R.
d.,

comrme
il

a tutte si è la testa di Pallade al dritto e l'Ercole

34. Cignale

in

sopra ferro

di

lancia,

nell'esergo

che soffoca
al dr. e

leone al riverso.
al riverso:
:

La leggenda
seconda
si

nella

prima

è

CEP

r«JlA>l)YA.

Spiga di grano.
sin.,

APflA

nella

legge soltanto nel

35. Testa di Ercole giovane volta a
R. Vittoria che sospende

dietro

il

collo la clava.

dritto

APPACEPT

nella terza è parimente al dr.
fare

CEPA.

.

.

Dal

una corona pendente da un lem-

confronto

ohe possiamo

risulta indubitato
di essi è

che sono due

nisco ad

un ramo
i

di palma, dietro in

AYCKAA
l'epigrafe

nomi ora
manca.
nella
l'altro

divisi ora uniti e l'uno

sicuramente Arpi,
di Arpi. Rifiutata

36. I tipi sono

medesimi
Osk.

minor modulo,
56,

è

Vert preposto e
(e

messo dopo quello

(Friedlaender,

Miinz. pag.

Taf. VII).

Fu

la
il

prima idea

a ragione) che sia queste
si

nome

di magistrato,
il

collezione di Onofrio Bonghi.

Minervini fu di opinione che in CEPT
llerdonea tramutata in Lsqrwvia
(p.

ascondesse

nome

di

89) per la durezza della
gl'Ir-

ARPI
Strabene dedusse dall'ampio recinto delle

pronunzia messapica
tini della Japigia

ed epicoria. Mette però da parte

di

un marmo trovato

sul

monte

Irso,

e

i

mura

di

Arpi

e

Vertini, Ovsqtìioi, della

Lucania memorati da Strabene (VI,

2, 8).

di Canosa che l'antica loro grandezza doveva vincerla su tutte
le città italiche

Nuove

scoperte

mi hanno
il

pei convinto che alla Vertina di Stra-

(VI, 3, 9).

Oggi

di

Arpi non rimane
e

altro che

bene fu d'uopo cedere

poste e accordare la preferenza. Delle

la

non molta copiosa monetazione dell'argento
qual
è
il

del bronzo,

due monete che
mostra che dopo
leggendosi
ivi

io
il

aggiungo alle tre del Minervini la prima dit

dalla quale apprendiamo,

suo vero nome. Strabene
si

seguiva nel

nome meno dissimulato un
ci

I,

afferma

(1. cit.

6, 7)

che essa in origine

chiamò "J^yog mrciov,
d'è'§ ciQxfjg

CEPTi, la seconda poi
è

dà piena

e certa l'appella-

poi 'Agyi'QiTTTca, e infine ai suoi tempi "Aqtioi: ^ExciIsìto

zione cercata: questa

CEPTIENA, vocabolo assai poco lontano

dalle

"A^yog TnTxiov sIt 'AgyvQcuTia, sìzavvv

'Aqtzoi.

Stefano di Bizanzio
si

OvsQzhai
Verzina,

di

Strabene. Questa Verliena può essere la odierna
al Barrie,

aggiunge
avTr^

(v.

HgyvQiTiTTa), che innanzi tutto
sxaì.sÌTo.

chiamò Acéfint]:

come piace

città posta ai confini della

Lu-

AckijiTTì]

La qual voce

il

Berkelio, seguito ora

cania verso Venosa, discosta
diocesi di Acerenza.

circa

due miglia dal Bradane in

dal Meineke, ha voluto cambiare, sostituendovi 'Aqtzoì, senza riflettere
i

che così contradicono a Strabene
il

e a
piìi

Dionigi {Exc. L. XX),
recente.
città

Seguono due monetine della collezione
della testa di

di

Luynes

coi tipi

quali dicono che "Aqtcoì fu

nome

Minerva da un
v' è

lato e

un

cavallo brigliato dall'altre:

Nondimeno amano

gli scrittori greci

quando nominano questa

ma

nella

prima

per leggenda KA, nella seconda
scritte
e

seno tre

di chiamarla 'AgyvQiTrna (Licophr. v. 592;
1.

Polem. fragm. 20,
;

lettere

sparsamente

retrograde H

A
che

>l:

il

nome

di

Strabo,
le

cit.

;

Dionjs. Halic, Exc. vai. 20, 6)
di "Agyog senz' alti'a
'loi'ioì

Appiano poi
:

Arpi manca in ambedue
alla zecca di Arpi.

e v' è invece il tipe

le fa

assegnare

il

nome

aggiunta (De reb. syriac.)

Cercando
iniziali

ora

nelle città

d'Italia

una che

tÒ (Agyog) év rm

Xayòixsvov olxiaca

Jioi-irjSrjV àXcó/jisvov.

cominci con queste
ciderci col
celi,

siamo necessariamente condotti a de-

Narravasi adunque che Arpi era ima delle città fondate da Dio-

duca di Luj-nes per Cliternia, non quella degli Equidei Larinati (Plin. Ili,

mede

vagante

dopo la guerra troiana, che venuto in soccorso

ma

XVI, 4): Larinatium

Cli-

del re Dauno, essendo allora queste terre abitate dai Monadi e
dai Dardi, prese e distrutte due loro città Apina e Trica, fabbricò quest'Argo presso una città che
H. N. ni, 16, 5; Serv.
si

ternia, scrive Plinio, e

Mela

{de situ orb. II, 4:

Danni

(hahent)

Tifcrnum omnem, Ciiterniam, Larinum, Teanum, oppida, montcmque Garganuin.

chiamava Filarne (Plin.
e la

ad Aen. VI, 246);

soprannominò

Due

sono

i

dinasti e magistrati che inscrivono
e

il

loro

nome
male

Tuniov. Egli dopo morte vi ebbe gli onori divini, e Polemone
scrive (ap. Schol. Pìnd.,

sulla moneta,
finora

Dazo

lemano. Cotesto secondo

si

è letto
Il

Nem. X.

12) di aver veduto

un tempio

su di una delle due monete che lo recano.

Minervini

a lui sacro in essa

città.

credette che fosse scritto EihAAAN e giudicò per tal motivo che

.

112

APULTA

T.

xeni

la terza lettera fosse

uu' aspirata anclie nell'altro

nummo

dove

7. 8.

Testa di Apollo laureata volta a
Cavallo frenato corrente a
anello e a d.
d.

d.

R.

Lira
R.

e

intorno

HAHQA.

è internamente

inscritto

EIHMAN

(op.

oit. p.

79).

Ma
rj

consta
e la
o>,

sopra

A

Eampino con grosso

che

dove fu ricevuto l'alfabeto euclideo
si

e

però la
I-:

A
un
grifo

lo spirito

espresse

con la metà della lettera
che
il

se

dunque
v' è

9-12. Testa di Pallade coperta di elmo attico ornato di
volta a d. davanti CEP; n. 10

nell'alfabeto di Puglia,
la h

Minervini chiama messapico,

APPCEPT;

n. 11 CEPA..; n.
d.

12
il

non può avere ugual valore
I-

la intera H. Sta però di fatto

CEPTI. R. Ercole ginocchioni con clava nella
leone: davanti
forse B; n. 12

soffoca

che questa

nel

nummo

non

v' è,

come

io

medesimo ho

veri-

iìcato pili volte.

APPA APPA

e

nel

campo A; campo
di

n.

11 nel campo b
n.

e nel

A

come nel

9.

Arpi nel tempo in

che

i

Sanniti

sostenevano lunga

ed

13.

Nel Museo

di

Parma. Testa

Pallade

coperta da elmo
R. Ercole

aspra guerra contro Koma, deliberò di darsi ai

Romani

e riuscì

attico senza ornato volta a d. davanti

CEPTIENa.

loro di gran soccorso somministrando opportunamente grano, e
ciò fin dal 428.

stante

che

strozza

il

leone. Il

nome CEP, CEPT, CEPTI
di Arpi,

Li aiutò anche colle armi nel 475 nella disa-

congiunto senza intervallo col
cede

nome
ci si

che ora pre-

strosa guerra contro Pirro combattuta presso le

mura
i

di Ascoli

APPCEPT

ora segue

CEPA,

mostra intero in cosi

Apula. Furono quattromila
ella spedì all'esercito

i

fanti e quattrocento
e

cavalli che

testa ultima monetina
il

CEPTI EN A, dove anche

omette

romano

avrebbero preso parte alla giorgiunti

nome

di Arpi sul dritto che doveva forse essere scritto nel

nata

campale

se

non fossero

troppo

tardi.

Costretti

riverso su quella parte della

moneta che per rottura manca.
si

quindi a fuggire coi Eomani

già,

rotti e sgominati dal

nemico,

Cotesta Vt^rtiena di certo

piìi

accosta alla Vertina della

pensarono rivolgersi
fiamme,
il

al

campo

di

Pirro che presero e diedero alle
ai

estrema Lucania verso Venosa di Puglia ohe non ad Her-

che die' vinta la battaglia

Eomani, onde poi passo
significavasi che
i

donia
di

e trattandosi di

una confederazione non

vi è

motivo

in proverbio la oscularla

pugna con che

vinti

volere che le due città siano vicine.
nella

Herdonia fu di-

vincono. Avvenne dipoi che la fatale giornata di Canne travolgesse
la

strutta ed arsa da Annibale
e
i

seconda guerra punica
e

mente degli Arpani ed

essi prestarono orecchio a

Dazo Altinio

cittadini
1).

mandati

in

Metaponto

in

Turio (Liv.

"uno dei loro

due dinasti accostandosi nel

.537 alla parte oartagi-

XXVII,

nese che accolsero nelle loro mura.

Ma

quattro anni da poi quel
ai
i

14. Testa di Pallade coperta di

elmo

attico ornato di

un

grifo volta

Dazo medesimo che
ginesi rivolse
il

gli

aveva condotti a dar la mano

Carta-

a
R.

sin.,

sotto al

mento la

lettera

J normale

e retrograda.

popolo di Arpi a favorire di auovo
gli

Eomani.
il

Ercole ginocchioni con la clava nella destra in atto da
il

Della qual
stante che
a Calvi,

versatilità,
i

fu

fatto
il

meritamente pagare

fio,

soffocare

leone: nell'esergo

(P)YAAOY.
elmo attico

Eomani presa Arpi

mandarono

in libera custodia

15, 16. Collezione Luynes. Testa di Pallade coperta di

come impariamo da Livio (XXIV,

45).

volta

a

d.

ovvero

(n.

15)

a

sinistra.

R. Cavallo frenato

corrente a destra: sopra n. 14 KA; nel n. 15 HA>I.

Manca
è

Tav. xeni.
1.

il

nome

di

Arpi
che

e

vi si legge

Kl

o KXì],

donde

nata

Nel Kircheriano. Testa

di

Cerere coronata di spighe volta

l'opinione

queste

due monetine siano state emesse

a sin.: davanti APriANjClN, alla nuca ima spiga di grano.
R. Cavallo libero che corre a sin. tra le di sopra
2, 3.

dalla zecca altronde ignota della frentana CUternia.
17. Dalla collezion
n.

gambe AAIOY,

mia

di

una volta (Minervini,
coperta

Oss. pag.

78

un

astro.

4

tav.

I n. 9).

Testa di Pallade

di

aulopide

(Avell. Opusc. Ili 1, 4). Testa di Pallade coperta di
attico decorato

elmo

crestata volta a d. R. Grappolo d'uva e intorno
e

APHANOY

con un grifo volta a
sopra

d.

R. Cavallo libero

XA

iniziale del magistrato.

11

Minervini ha stampato
letto e trascritto

S

che corre a

sin.

APPA

e tra le

gambe

del cavallo

in vece di

AP,

ma

io

ho sempre

questo

NilN.

Un

simile

nummo, ove però
Luynes
:

la galea di Pallade la epigrafe legge

non
18.

nome come qui senza monogrammo.
Coli. Santangelo. (Minervini, Bull. arch.

ha ornato,

è nella collezione

APPA

nap. 11, IX). Testa

e conferma la lezione dell'Avellino (loc. cit.)

di Apollo laureata volta a sin.,

davanti APPAISI. R.
;

Leone

4-6 Testa di Pallade a
volta a sin. R. (n. 4).
(n.

sin.

coperta di aulopide con la cresta
ai

gradiente a destra
19.

;

sopra

il

pentalfa

nell'esergo

APPANIiN.

Tre spighe opposte
11

gambi ed APPA;
delle spighe si

Museo

di Vienna. (Avell. Opusc. II, Tav. V, 7; Minervini,

6) una spiga sola ed APPA.
il

numero
la

Oss. pag.

78

tav.

II 6, 7).

Testa di Diana volta a d. alla

crede esprima

valore,

e

veramente

monetina con una

nuca

l'arco e la faretra: davanti APPAIVI. R.

Fulmine, sotto

spiga pesa gr. 0,616; 0,51

negli esemplari della coli, di

ma

sopra /V\AN cioè EIH/V\AN,

nome

del magistrato. 11

Mi-

Santangelo e di L. Sambon;

ma quella
;

di

due spighe presso

i

nervini legge qui
testo
I-

come

l'Avellino H/QAAH13, e dal veder co-

medesimi ha
ha
gr.

di peso gr. 2,104

1,43

:

e quella di tre

spighe

ed H davanti una consonante deduce doversi loro
valore di

2,053; 1,38.

poi

il

Mommsen

da tre esemplari

dare

il

un V.

pesati ha ottenuto che gr. 1,78;
napolitani.
e

1,83 pari a

40

e

41 acini

20. Testa di G-iove laureata volta a sin. davanti

AAIOY.

R. Ci-

Noto che un esemplare con

la testa di Pallade

gnale che corre

a

destra,

sopra

un

venabolo, nell'esergo

CEPT

e al riverso l'Ercole con l'epigrafe

APOA

di sopra

APPANniM.
21. Testa di Giove laureata volta corsa a destra, sotto a
sin.

e

A

di sotto è stata attribuita

ad Eraclea dal Poole (Catal.

R. Cavallo libero in

pag. 221 n. 24).
scritto

A me

pare che in luogo di

APOA

sia ivi

APPA.
le

APPA.

22,23. Toro cozzante a destra, tra

gambe PYAAO.

R.

Ca-

T.

xeni

APULIA

113

vallo corrente a destra: sopra APflA sotto

NOY.

lu un esem-

23-25. Testa giovanile

coronata
fl.

di

canna palustre volta a
d.,

d.,

plare

di

mia

collezione n. 21 vi

si

legge tra le

gambe

del

davanti ^AAAniN(ilN).
le
il

Cavallo libero corrente a
n.

tra

toro Dq e

AYFATOY

nel riverso.

gambe DYAAOY, ovvero
cavallo

24

TPn?ANTIO$
ovvero
si

e sopra n.

un ramo

di salcio

lemniscato:
e
al riverso

SALAPIA
Vitruvio afferma,

25

si

omette
da Diomede,
sopra
il

la epigrafe nel dritto

ha un astro

che Salapia fu fondata

cavallo e tra le sue

gambe ^AAfl.
e

mentre

altri

«

dice » la stima fondata da Elpia di Kodi.
:

26, 27. Testa giovanile coi capelli lisci

lunghi alla cervice
d.

Egli non dichiara chi sia l'autore di questa notizia
certo che non è Strabene,
.

ma

è

con l'orecchia aguzze e due corna sulla fronte volta a
lì.

il

quale ha scritto

(L.XIV

e. 2,

10),

Cavallo

corrente

a

d.

sopra un

ramo
e

di

salcio

sotto

che
e

i

Eodii con quei di Coo fondarono Etpiae nella Daunia,

TPil«(A)NTIO?, ovvero
(Coli.

TPOAANTIO^
n.

non già che Elpia fondò Salapia: sy Javrioig nsrà Krpcov

Sant.

cf.

Catal.

2047-48) ovvero

27

TPOAANTIOY TPfìAANTOS

(Bxiiaav) 'Elniag. Stefano di Bizanzio riconosce una

'Elma

nel

Museo

di Vienna. Il Minervini tiene l'imagine del dritto

fondata dai Eodii,
Salapia
si

il

cui patronimico
i

è

'EXmavóc,

ma

di

per quella del fiume Aufido {Oss. pag. 411).
28, 29. Il n.

tace, forse

perchè

Greci dicono 'Elnlu o 'Elniag

28

è nel

Museo

di

Vienna. Cavallo andante a destra,
Delfino
volto

quella stessa città che gli Apuli denominano 2aXaTiia, ed

sopra

(C)AAniNIlN.
e

/?.

a d.

EAAMAIPE
Sambon, Redi

avrà ragione
resto
il

il

Coray

di aver

qui emendato ^alniag.

Del

AAIE(NI)

una mezza luna volta a

sin. (cf

derivato etnico di cotesta Salapia non è Salpianus,

cherches tav.

XV,

18). Il n.

29 che

è nel

Museo

Londra

sibbene ^aXamrog; conchiuderemo dunque che 'Elicla non
è Salapia. Salpi fu emporio di Arpi,
rive del

aggiugne nel dritto Bil

e inverte le iscrizioni nel riverso
d.

però

situata

sulle

ponendo di sopra del delfino volto a
sotto

(E)AA/V\AIPE

e

di

mare

fra l'Aufido
e

e

una palude;
il

ma
per

l'aria
si

ne
30.

AAIENi.
di Pesto, del quale

era

pestilente
ai

però circa

547
dal

i

Salapini

rivoldi

Moneta ribattuta sopra un bronzo
l'epigrafe PAIS,

rimane

sero

Eomani dimandando

senato
sito.

mezzo

un avanzo del
(v.

delfino, e sul riverso parte

I. Ostilio Tubolo di cambiar loro
si

Ostilio ottenne che

della testa di

Nettuno
d.

Tav.

CXXI

nn. 43, 44). Cavallo
in

comprasse

il

suolo a quattro miglia di distanza, dove
loro
abitazioni.

andante di passo a
fino

tra le

gambe AK

mon.

R. Del-

trasportarono

le

Li

provide

inoltre

di

che nuota a

d.

sotto OHIH.

un buon porto scavando un
in comunicazione col

canale che ponesse la palude
I,

31. Nella

coUezion mia.

Cavallo

andante

di

passo

a destra

mare (Vitruv. L.

4, è

dove Lucio da Lucano
32.

(C)AAn(l)NilN. R. Delfino che nuota a

sin. e

?A(AP1)NLAN.
d.

Ostilio è prenominato Marco).

Questo porto
coi

Nel Museo
fino

di Vienna. Cavallo
sin.

andante di passo a
sotto

R.

Del-

messo a confronto per capacità

porti di Otranto, di

che

nuota a

sopra

VNV,

ENT^-A,
del

forse

Vnu
di

Taranto e di Leuca (Phars. V, 377): iubel cunctas revocare rates, quas avius Bi/drus,

entod,
Berlino.
33.

come

AOMVAAQ

d'altro esemplare

Museo

antiquusque

Taras, se-

cretaque littora
lapia battè

Leucae, quas recipit Salapina palus. Sadi bronzo,

Da un

calco.

Nella collezione Hunter della Università di

monete
il

nelle quali è singolare che

Glasgow. Testa di Pallade coperta di aulopide crestata volta
a d. cinta di

ometta talvolta

proprio

nome
di

sostituendovi quello
è

del

un

periato
del

che

ne
R.

restringe

il

campo
astro,

alla

magistrato monetale.

Uno
si

costoro

Dazo omonimo a
;

metà

di quello

riverso.

Fulmine ed

sopra

quel Dasio, del quale
Ili, 8,
cfr.

narra (Liv.

XXVI, 38
il

Val.

Mas.

KAI^IE

sotto

EOVAAENTHI. Al nome
il

della città

che

ha

7)

che nel 544, tenendone
Biasio
a

dominio Annibale
Salpi ai

emesso questo bronzo supplisce

nome

del

magistrato

indotto

dal

collega

restituir
i

Eomani

Cesia Eumente. Io l'ho noverata fra le monete di Salpi non

riuscì di rimetterla a Marcello con

cinquecento

Numidi
divinità
e la

sapendo a qual zecca
l'omissione del
di

si

debba attribuire.

Il dialetto è apulo,
il

che v'erano stati posti da Annibale in presidio.

Le

nome

della città, a cui è sostituito
e Salpi.

nome

che ebbero culto in Salpi furono Giove, Apollo

Pa-

un magistrato, ha esempi in Arpi

lude divenuta lor porto. I nomi dei magistrati sono in no-

34. Testa giovanile diademata volta a d. dietro

alla

nuca una
simile
al

minativo come
dantios e anche
dal

Trosantios,

in

altri

bronzi
è

si

legge

Tro-

cornucopia,

davanti
d.

^AAAniNUN.

R.

Uccello

Trodantos,
accorciato.

se

non

questo un genitivo
si

pappagallo, volto a
innanzi
35.

stante sopra base, in alto

un

astro,

nome Trodas

Al

caso genitivo parmi

debba

PYAAO.
di Vienna. Testa di fauno, o simile ad esso, con

assegnare Troadiu, al dativo Damaìre Dazeni, come Caisie

Nel Museo
corna
il

Eoumentei

e all'ablativo Vnuentod. Cotesto magistrato Caesia

caprigne

suUa fronte ed orecchi aguzzi
e

alla

nuca

Burnente l'ho collocato qui perchè vi prende luogo invece del

bastone

nodoso

ricurvo

proprio

dei pastori, davanti

nome

della

città,

quantunque

i

tipi

siano piuttosto anai

^AAAPIINilN.
alto è

R. Uccello stante

sopra base volto a d. in

loghi a queUi

degli Azetini.

Nel
vi

loro alfabeto

Salapini

un ramo
nn. 36
,

di pianta palustre.
,

adoperano l'alfabeto greco,
figurato l'omega 4'.

ma

hanno in singoiar modo

36-38.

I

38 da calchi
e al

il

37 è nella mia colL Delal n.
le

fino al dritto
sin.

riverso.
n.

La leggenda che
37
si

36

è

22. Testa di Giove laureata volta a
i?.

davanti (l/lilHin)AAA?.

SAAAPINilN:

quella del

è

WVAPNil
Il

con

due

Cignale corrente a

d.,

sopra ramo di salcio: nell'esergo

prime lettere capovolte, e vi
globoletti; quella del n.

vedono

al riverso

quattro

TPilAA'OY.

38

è

NiHAA).

Cavedoni diman-

114

APULIA

T.

XCIV

dava che
"uno dei

si verificasse o

dileguasse uq suo sospetto, ed era, che
p. 16). I pesci

6.

(Id. ib.

IL

9).

Testa di Mercurio col petaso alato volta a d.

due pesci fosse una salpa (Saggio
di Salapia sono

R.
7.

Clava fra due globolettì e l'epigrafe KANV.
d.

delle

monete

sempre

delfini.

Testa di Giove laureata volta a
alla quale

R.

Corona di lauro dentro

una clava

fra le

due lettere KA.

CANUSIUM
VENUSIA
Di Canosa non sappiamo
altro se

non che dicevasi fondata da
e ricca.

Diomede

e che era

ima

città assai

grande

Se ne

fa

men-

Cotesta colonia fuse da prima la sua monetazione poi
la coniò.

zione onorevole nel disastro dei
accolse dentro le sue
e con essi anche
il

Komani

a Canne

(a.

438), perchè

Della fusa vedi

ciò

ohe ne ho detto nella descri-

mura

fino a dieci

mila superstiti dalla strage

zione della Tav.
alla

LXV,

qui dirò della coniata. I Venosiui
di
il

console, e si

ricorda con gran lode la ricca
e

maggiore unità della serie coniata danno nome
i

Numdoppio

matrona

di

nome Busa
XXII, 52)

che fu liberale con loro di frumento
:

mus, come

Teatini Apuli,
II,

ma

essi battono di piti
il

di vesti (Liv.

Eos qui

Canusium perfugerant mulier
divitiis,

nummo N.
e di
i

al quale

danno per tipo

busto di Ercole

Apula nomine Busa genere darà ac
tectisque

moenibus tantum
viatico etiam

due Dioseori. Nel

nummo

che è onciale pongono la testa
ellera e sul riverso l'intera

a Canusinis qua
ei

acceptos, frumento,

veste,

Bacco giovane coronato
del nume, che siede

di tal

iuvit: prò

munificentia postea bello perfecto ab senatu
(cfr.

figura

volta accanto ad

una cesta
e

honores habiti sunt

Val. Max. IV,
si

e.

8, 1).

Erano allora

i

di vimini
il

poggiando

il

pie' destro

ad un sasso

reggendo

Canusini alleati dei Eomani, e loro
rivolta dei Pugliesi del 437, e tali
alla guerra sociale
lici.
;

mantennero fedeli nella
mostrarono di poi
fino

tirso nella sinistra, poiché solleva colla destra

un bel grap-

si

polo d'uva. Egli è vestito

della corta tunica riointa ed ha

allora fu che fecero causa

comune

cogli Ita-

calzari ai piedi. Il quincunce ha per tipo Giove e l'aquila

Canosa coniò moneta nei due metalli,
si

ma
1'

non fu in prima

ministra del fulmine: poi, omesso, a quanto consta,

il

triente,

riconosciuta dai numismatici e le

negò

obolo d'argento dal

ha

il

quadrante doppio

;

doppio
al

è

anche
il

il

sestante,

il

primo

Combe, che

vi

lesse

ZA

in vece

di

KA
lo

e

lo diede a Zacinto. Il

col tipo dei due delfini

riverso,

secondo con quello

Sestini che vi lesse rettamente
{Letter.
si

KA

concesse prima a Canosa

della civetta. Simile a questo è l'esemplare recato a

me

di

II

p.

35 Tav. II

n.

17) poi cominciò a dubitare
[Adcl.
p.

non

recente

:

è ribattuto, sopra

un sestante

di Brindisi del

quale

dovesse dare piuttosto a Cassope

584). Il

Magnau

serba la nota di semisse nel dritto e al riverso la
del Taranto che cavalca
rietta che lo corona.
il

gamba

(T.

IV

tab.

18) e l'Eckhel che vi
(1
,

fu

indotto
il

daUa autorità
,

delfino,

e il braccio

con la vitto-

dello

Chaupy

191)

le

attribuirono
e

bronzo

nel

cui

Doppia

è l'oncia:

seguono quindi due

dritto è

una testa nuda giovanile
solo dall'elmo
;

sul rovescio

un

cavaliere

bronzi l'uno col tipo di Mercurio segnata di un S l'altro col
tipo

nudo protetto
assalire
sid.
il

e

con lancia abbassata in atto di

della civetta che

ha per nota

di valore

un

i.

Questi

nemico

di sotto

KANYSlNii. Nota ilMillingen [Consi

sembrano appartenere a due sistemi
e la

diversi, nei quali la S

pag. 152) supporsi che questi tipi
di Canosa variamente fosse

riferiscano a
dall'

Diomede.

? valgono

la

metà

di

un

tutto; e forse

troverassi

un

Il triente

stampato
e

Avellino

KAAY
II,

sestante di

Venosa che porti un $ analogo

a quello di fiate

quasi
dritto

AY

nome

di magistrato,

dal Fiorelli, che trovò nel

descritto di sopra (T.
u.

XCII

n.

15). Gli ultimi due bronzi,

una

testa galeata {Oss.

sopra monete rare Tav.

5

21, 22, che si conoscono, sono privi della nota di va-

pag. 6 n. 10) invece della testa di Ercole coperta della spoglia

lore.

Oltre a

questi

pezzi

i

Venusini coniano anche la

leonina è stato dal Minervini
nella

(p.

100) rappresentato come
il

si

vede

sescuncia, o sia l'oncia e mezzo, che segnano con

un
il

glo-

mia tavola

e

vi

ha congiunto

sestante con la

epigrafe

betto seguito da

un

S

accanto al quale pongono

mono-

medesima che ne ha data una conferma.
di cotesta città io stimo

A
il

riguardo degli oboli
sestante siano piut-

gramma \f
errore
il

iniziale

del loro

nome,

lo

che ha indotto in

che

il
i

triente e

barone D'Ailly che leggendo © 5\E ha dato questo

tosto once di

rame

nelle quali

Canusini abbiano diviso l'obolo
8.

bronzo, che chiama oncia, a Suessa.

d'argento.

Busto

di Ercole

giovane con pelle di leone e clava nella
d.

d.

appoggiata all'omero volta a
R. I

dietro \E,

dinanzi

N.

II.

due Castori con

le lance abbassate

corrono a destra:

Tav. XCIV.
1, 2.

di sotto
fra

CAQ

iniziali

del

nome

del magistrato.

Vaso a due manichi
globoletto in

un

orciuolo e

una patera con un
intorno che gli

9, 10.

Testa di Bacco coronata di edera volta a destra, dietro

W.

mezzo

e

otto simili globetti
lettere

R.

Bacco diademato sedente con un pie'appoggiato ad un sasso
cista,

fan corona. R. Lira fra due

KA. In im mio esem-

avendo da presso una

in stivaletti e

corto

chitone,

plare là lettera
3. Lira.

\f

è

capovolta.
e in

col tirso lemniscate nella sinistra,

un grappolo d'uva nella

R.

Corona di lauro

mezzo KA.
armato
di lancia

destra. Alla cista è affìsso

un

fiore a quattro petali: a destra

4. Testa giovanile volta a sin.

R. Cavaliere

che

N.

I.

La

testa di

Bacco nel

n.

10 è inoltre cinta di diavimini.

va di galoppo a destra: di sotto KA/VY^INil
5.

dema

e al riverso

la cista è intessuta di

(Minerv. Oss. Tav. II

n.

8).

Testa di Ercole giovane coperta
R. Clava fra quattro glo-

11. Testa di

Giove laureata volta a

sin. dietro la

nota del quin-

della pelle di leone volta a d.
boletti e l'epigrafe

cunce.'

i?.

Aquila sopra un fulmine e a siaistra \E.
sin. dietro la

KANY.

12. Testa di

Giove laureata volta a

nota del qua-

.

T.

XCIV

APULIA

115

drante.

E.

Tre lune

falcate con entro

un

astro a ciascuna

formandosene uno tutto proprio, 'Pv^aareìrog, che dedussero
da un supposto 'Pv^darr/g, come gli Hi/riatini che dichiarono discendere da xm
copiando per l'argento
i

aggruppate dalla parte convessa.
13. Testa di
alla

donna diademata
la

e velata volta a sinistra, davanti \E,
/?.

VgicxTr^g. tipi

Battono nei due metalli
Metaponto, di

nuca

nota del quadrante.

Simile

al

precedente

di Taranto, di

numero

12.

Canosa; ne hanno però anche dei propri. Quei delle monete
di

14. Testa di Pallade con aulopide crestata volta a d. in alto la

bronzo

si

corrispondono coi tipi del riverso: perocché
l'arco e la faretra

nota del sestante.

R.

fra

due

delfini

die soppozzano.

pongono l'aquila con Giove, la clava e

15. Testa di Pallade con aulopide crestata volta a sin. in alto
la nota del sestante. B.

con Ercole, la tv/jj nóXeoig con Pallade. Questa zecca fu
riconosciuta dal

Civetta sopra

un ramo

di

palma

Magnan, a cui assentì anche l'Eckhel
piir

{D.

volta a sin.: a d. \E.
16. Kircheriano. Busto del sole volto di prospetto con clamide
aifibbiata sul petto.
R.

n.

I,

142), sebbene con qualche difficoltà;
il

facile

mo-

strossi

Sestini (Class, gen. II pag.

10

ed.

pr.).

Lorenzo

Luna

crescente con dentro

un

astro:

Giustiniani aveva intanto scritto nel Dision. geogr. T. Vili
a.

di sotto

©S

(cf.

CatoL Poole, pag. 152) segno della sesquiCotesta

1814

p.

8)

,

che

« nelle

private collezioni ruvesi del
e

oncia

sesqrdobolus e \E.

moneta vagò incerta
\E
si

cel.

D. Domenico Cotugno

dell'ab. D.

Ciro Minervino
il

come

altre di questa zecca che per la leggenda
il

at-

se ne conservavano e

una ne aveva pubblicata
n.

Miner-

tribuivano a Velia. Quando
le

Millingen pubblicava nel 1841

vino (Etim. del
grafe
p.

monte Vulture Tav. 3
dal

6)

».

La

epi-

sue Considérations,

si

era già

convenuto che dovessero
dell'
il

PT, stimata

Mola

(Giorn. encicl. di Napoli

1794

alcune di esse darsi a Venosa sulla proposta
e del Sestini, e
il

Avellino
suo asaltre

82)

nome

di

magistrato fu rettamente
del popolo
altre
è

dal Millingen
101).

Millingen a pag. 241 vi dava

spiegata per

nome

[Consid. p.

Le modi

senso (cf p. 93).

Nondimeno soggiugneva che per alcune

nete ruvesi hanno
strati, v'è
il

sigle
facile

che

sono

nomi

magi-

v'era tuttavia incertezza non avendosi altro argomento che
l'iniziale

AA, che

spiegare

col confronto di
e a

\E: anzi una di esse sembravagli piuttosto della

alcune dove

si

legge interamente

AAIOY

:

me

pare pro-

lapigia,

dove vi fu una

città di

nome

Veretum. Fra le

babileche anche ^1 creduto dall'Avellino
lov e dal

nome

di città 2CXov-

monete non comprese dal
il

Carelli nella sua DescripUo, dove
la quale si trova da lui ag-

Minervini sospettata sigla di 2movg, Siponto (Oss.

\E sta per Velia, ve ne è una,

p. 110), sia
stini,

nome

di magistrato, nel che

mi accordo

col Se-

giunta alla Tav.
disegno datoci
si

LXXXIX
vede del

n.

16, ed è questa nostra. Sul

ma non

lo spiegherò

con lui

2Cix7tXrj^. Si

legge ancora

.tutto

omesso

il

globetto prece-

in

un

terzo bronzo

fPoECoE, nome

di apulo dialetto forse

dente le lettere S\E. L'Avellino invece vi ha letto un O,

Grò. Evoe. L'Avellino in altro esemplare lesse

TPaCEaK.

notando innanzi qualche cosa d'incerto
n.

(0/)m.sc. II, tav.

II

23. Testa di Pallade coperta di aulopide decorata di un astro.
R. Spiga di grano, cornucopia e PY.

12) "OS.
.

Dopo

tutti il

barone D'Ailly non altro lesse
la S,

che S\f

Il

Sambon posposta
semoncia fra

W

S

{Rech. pag. 96)

24. Testa di Pallade con elmo attico ornato del mostro Scilla
volta a destra.
R. Ercole in ginocchio

la die per

le fuse.

che strozza

il

leone
:

17.

Busto di Ercole giovane con

la spoglia del leone e la clava
d.,

a

sin. ^1

a destra in altri esemplari

PY

qui uscito di conio
Ili,

appoggiata all'omero destro volto a

davanti

il

globolo

neir esergo AAIOY(Minervini, Bull. arch. nap.
25. Vaso a due manichi fra

XU,

3.)

segno dell'oncia.

R.

Leone aggruppito in nna lancia

atto di stringere
e

un
e

creinolo e

un cornucopia,

e le

tra le unghie del piede destro
collo: davanti

appoggiarla al

due lettere AA. R. Lira
26. Testa del sole
ste sopra
il

PY.

\E
1

(cf.

Imhcoff-BL Choix

pi.

Vili

n.

253;

messa
ai lati

di prospetto. R.

Due mezze

lune oppo-

monti, gr.

1,

di gr. 3,30).

AA

PY

e

due globettini. « Avellino, scrive
255) a suffisamment prouvé

18. Testa di Ercole barbato e cinto di laiirea volto a sin. dietro
la

Mommsen

[H. de la va. I,
:

clava e sotto

il

collo la noia dell'oncia.

R. Il

riverso

(dans sa

belle dissertation

Epistola de argenteo Rubastino-

è simile al precedente n. 17.

rum nummo,
stini

Nap. 1844, in 4°) que la pièce des Rubala téle

19. Busto di Mercurio colla clamide affibbiata sull'omero destro
e col petaso alato volto a d.

au

lype

du

du

soleil

a

élé

frappée à la suite
roi
d''

R. Calzare alato, caduceo, S

d'un
et

traile d'alliance entre cette ville,
et

Alexandre
».

Epire

segno della semoncia
20. Civetta sul

e

\f

Tarenle

par conséquent vers Van 420

ramo

di olivo e \E. R.

Protoma

di cignale volto

27. Bucranio con vitto pendenti dal collo. R.

Fulmine

alato e PY.
lira.

a sin. e i segno della semoncia.

28. Bucranio come

nel n. precedente e sopra PY. R.

21. Testa di bue messa di prospetto e \E. R. Protoma di aquila
volta a destra.

29. Testa di Giove laureata volta a d. davanti

mezza luna.

R.

Aquila sul fulmine volta a
sin.

sin.

a

destra

mezza lima a

22. Granchio e \E. R. Kana.

PYt.

30. Testa di Ercole giovane laureata a d. R. Clava, faretra, arco

EUBASTINI
I Eubastini ebbero origine da 'Pvnai dell' Achaia, essi

e

sopra

PY^

con mezza luna in corona di
d.,

laiu'o.

31. Testa barbata semicalva.e laureata volta a

intorno

fPoECoE

E.

Donna con cornucopia
In
altri

nella sin. e patera nella destra,

però usarono un doppio patronimico, ritenendo Achivi e rifiutarono
il

il

"Fvìp degli
s. v.),

dietro PY.
letto

esemplari l'Avellino attesta di
tal

aver

derivato 'Pvjiaiog (Steph. Biz.

rPaCEoK;

in

caso

fa

d'uopo considerare quel
15

116

ABULIA

T.

XCV

rPoECo come
al pari di

caso analogo a flYAAO, che
sulle

si

legge scritto
L' E
e il

sin.

e porta nella sin.

una

clava, nella d.

un vaso a due

DYAAOY

monete

di

Salpi.

K
7.

manichi; di sotto
Civetta sopra

BYTONTINilN.
di olivo. R.

saranno segnacasi.
32. Testa di Pallade con aiilopide
toria stante
d.

un ramo

Fulmine a BYTONTINilN.

crestata volta a d.
sin.

R.

Vit-

con ramo di palma nella

e

patera nella

BARIUM
Due
città nella lapigia

dietro

PVy.
i

33. I tipi sono

medesimi del

n.

32

ma

l'epigrafe è

PYBA.

ebbero nome di Baris, quella che

era sita negli estremi confini dei Salentini e chiamavasi ai

tempi di Strabene con altro nome Ov&qìjtóv (VI, 281),
Tat.
1.

e la

XCV.
aulopide
crestata

Baris di lapigia che
volta a d. sopra

si

chiamò prima Japyx. Questa

è posta

Testa di Pallade con
R. Civetta sopra
d. A.

K
a

sul mare, però prende per tipo Nettuno e pone sul riverso

ramo

di olivo e a sin.

PYBASTEIN^N
si
dà,

una mezza nave
di scoccare

rostrata, sulla quale sta
e fa riscontro al

un Cupidine

in atto

Nel

Zeitsclirift fiir

Numism.

t.

VII, 1881,

noti-

un dardo

Cupidine della moneta

zia di

una simile moneta, nel cui
voce

diritto è di sopra della

dei

Brezzii che

stando sul

dorso dell'ippocampo di Teti
p.

testa la

HAATVA
letto

(cf.

Bull. Arch. Instit. 1878, 7,

saetta.

Pensa

il

Millingen (Consid.
:

149)
è così.

che la nave

173 dalla
p.

coli. Jatta)

e sulla civetta

PY LAAilAwC, ma
nel

a

baris alluda al

nome Barium
si

ma

non

Questo nome

357

è

stato

hOAAillOL, mentre

disegno è

straniero alla greca lingua
Il

trova usato in Egitto e in Siria.

invece

KAAMOC.

nome Baris
e

si

dà dai

Siri ai palagi dei grandi edificati

con mura

torri a guisa

di

castelli,

onde
est

s.

G-irolamo

AZETIUM
Quantunque Plinio ovvero
gli Azetini,
i

scrive in Ps.

XXIV, 10

:

Bdoig verbum

'Etilxwqiov Paet

laestinae
suoi copisti possono aver omesso
il

et

usque hodie domus ex omni parte conclusae
aedificatae

in

modum

turrium

et

moenium publicorum
sua radice è m''^ casignifica

nondimeno

io

stimo che

Millingen ben

siasi

BaQstg appellantur. In
stello,

tal senso la

apposto in riconoscerli negli Aegetini di cotesto scrittore e

palazzo.

Lo

stesso
di

nome Bagic
e

in Egitto

nelV Ehetium della Pentingeriana. Esclusi adunque gli Azetini dell'Attica, tipi attici

una barca tessuta
coptica

palma

di papiro e la sua radice è

imaginati dal Froelioh a motivo, pare, dei
v. I.

Bai

Qi,

cioè cosa fatta di

palma (Peyron,

Leoo.
il

Un-

(Eckhel D. n.

222), ed

il

pago Azanio del1,

guae copticae, pag.
baris non
si

25). Indi si

può dedurre che
rostrata,

nome

l'Attica credutone autore dal Pellerin {Peupl. et villes,

attaglia ad

una gran nave

ma

ad una

148)
se

e dal

Proelich (Eckhel,
indi

loo. cit.),

anche perchè non

barca

fluviatile,

che però fu da Properzio messa in contra-

ne

può

dedurre
l'Acacl.

AIETINAN,
des
Inscr. et

teniamo col Walfi.

posto per dispregio delle navi di Cleopatra, ove scrisse essere essa venuta quasi sopra le zattere del Nilo che
si

chenaer {Méin. de

L.

t.

VII) che

spin-

quell'H in Ehetium vi stia in luogo del I; precipuamente

gono innanzi con lunghi pali ad inseguire
strate dei

le

liburne ro-

perchè,

come ha

già avvertito l'Eckhel, in qaella carta
al

Vh

è

Eomani
et

:

più volte sostituito

z [D.n.v. 1,149), leggendovisi Cyhico,
8.

Baridos

contis rostra liburna sequi.
d. dietro alla

per Cizico, .4/iotonper Azoton. Questo Azetium è segnato nella
citata carta Pentingeriana

Testa di Giove laureata volta a

nuca due

astri
:

dopo la città di Caelium apula

segno del valore. R. Prora di nave dalla quale
intorno

un

erote saetta

verso Polignano, che oggi sappiamo essersi detta Neapolis-.non

BAPINCON,
i

di sotto alla prora
n. 8,

un
il

delfino.

può quindi confondersi con

la JStjtiov di

Strabene (VI,

3, 7),

9. I tipi sono è è

medesimi che nel
stella;

ma

segno dì valore

che stette in opposta parte fra Ceglie e Canosa. Hanno però
torto
il

una sola

manca

al riverso il delfino e la

leggenda

Millingen che pone
e
il

i

NrjTÌi'ot fra Ceglie

e Neapolis

BAPINilN.

V

è di notabile la

contromarca sul volto di
concavo.
in luogo

{Consid. p. 148),

Kramer

nelle note a Strabene, ohe
il ISiqTiov

Giove fatta per impressione
10. I tipi

e a fondo
n.

crede VElielium della carta essere
2. Il tipo

del geografo.
la civetta col

sono

i

medesimi che nel

9

ma

di

due

medesimo che nel precedente
di lauro è

n. 1,

ma

astri vi si vedono due globettini dietro la testa di Giove,

ramo

poggia sopra

un

capitello gionico: la leg11.

piuttosto di Nettuno.

genda poi
3.

AIETlNilN.
ali

Museo

di Napoli. I tipi sono
d. /E.

i

già detti; al riverso

si

legge

Aquila sopra fulmine con

aperte. R. Spiga di grano e sotto

BAPl, e a
12-14. Il
tipo

AIETlNilN.
4. Conchiglia. R. Delfino, sopra al delfino

è
si

sempre

lo

stesso, che nel n.
il

11,

ma
non

nel
così

tridente e framezzo A, di sotto

n.

12 vi

vede anche

rostro

tricuspide, e

AIETl.

basso come nel n. 11; nel n. 13 colla epigrafe BAPl è un

U

latino di

forma acuta, che in altro esemplare pubblicato

BTTONTUM
5.

dal Minervini {Bull. arch. nap. VI, 111, 13) ha forma lunata, dal cui centro parte

una linea orizzontale € che pare
dell'

si

abbia

Testa di Pallade come le precedenti dei nn. grano e leggenda

1, 2.

R. Spiga di

il

valore

medesimo

U sopradetto,
in

d'indicare

cioè

una
6),

BYTONTlNilN.
cavalca

metà. Si paragonino

le

monete di Eoma
e

Lucerà (LXXXI,

6. Conchiglia. R.

Giovane nudo che

im

delfino volto a

di Brindisi (tav.

XCVI, 27)

di

Larino (tav. XC, 36)

T.

XCV

ABULIA

117

Q. Fabio e

i

codici gli fan dire che costui prese a viva forza
:

CAJELIUM
Quella città della Puglia
che
di Bari è

Ceglie e Nola colla sua rocca

Ksh'av xcà np' JScolàvmv

àxoÓTTohv
dicesi

i^STTof.lÓoxI^OS.

Ceglie

Eettificata l'erronea citazione

mi rimane

di togliere dalla

nominata da Stratone sul ramo dell'Appia che da Brindisi
va a

mente

dei miei lettori

il

dubbio se veramente queste moe

Canosa

passando per Egnatia

e

Netium (VI, 282).
delle

nete appartengono alla Celia della Peucezia
alla Ceglie della Calabria,

non piuttosto

Nei

codici però si legge K^h'cc a differenza

monete
De Co-

che è una seconda città di tal

che portano inscritto KaO.ia. Dopo Strabene
loììiìs

è il libro

nome

a circa dodici miglia di distanza da Brindisi,
e

medi-

dal quale impariamo che Vespasiano
le è

mandò

suoi ofSziali

terranea ancor essa

dove dicono essersi trovate ghiande

a limitare

terre

della Puglia e della Calabria; Vager
il

missili colla leggenda

KAl

(iVof.

degli scavi, 1878, p. 75, 76),
di avere ivi

Caelinus tì
Col. pag.

nominato fra
Ceglie
è

Bitontino e

il

Genusino {De
vi
si

e

mi

attesta

il

sig.

Nervegna

comprata

una

262).

mediterranea

e
p.

va

da

monetina d'argento con la stessa epigrafe KAl. Di cotesta
città v'è

Bari per quattro o cinque miglia (Holsten.

276). « Nel
t.

un

solo scrittore che la nomini, e questi è Plinio

suo territorio, scrive
si

il

Giustiniani (Dizion.
anticaglie

Ili p.

419)

in quel luogo nel quale novera le città della Calabria poste

sono scavati molti pezzi di

e la

sua necroterra posta

sul

mare Ionio con quest'ordine

(III,

161)

Lwpia, Bale-

poli è nella vasta pianura di Canneto piccola
fra Ceglie ed

sium,
il

Caelium, Brundisium. Escluso Capo Cavallo dove
e

Acquaviva». L'egregio
volte scritto

sig.

cau.D. Carlo Kuvasi che

Mannert stanziò questa Cae/ràm,

Cellino,
si

dove

l'edi-

biai

mi ha due

dandomi notizie dei
di Canneto, e

tore

piemontese di Plinio pensa che

debba collocare,
popolata Ceglie
di

ha trovato nelle sue possessioni

deUe monete
ne indica
i

noi diremo che fu dove oggidì è la ben

di Ceglie che serba nella sua collezione, e
tipi

me

che

si

distingue col soprannome di
di

Messapica ovvero
Dizion.
Ili
p.

citando

i

numeri della tavola mia 15, 22, 25, 28.

Ceglie

Brindisi

(Lor.
il

Giustin.

418);

Alcuni anni or sono fu venduta in

Eoma una

collezione di

ma
con

avvertiremo che
Ceglie

Cellario l'ha erroneamente confusa

monete provenienti da
di Ceglie con

Bai'i e v'erano in

buon numero quelle

di Bari noverando Caelium di questo luogo

Euvo, Canosa
io.

e

Bari e ne acquistammo in-

fra le testimonianze della Ceglie

Barina (Geogr. I
zecca
se
di

p. 715). e dì

sieme

il sig.

G. Lovatti ed
il

Il

Sambon

{Rech. p. 76) copia
scrive,

A

risolvere la
ci
il

questione

della

Puglia

probabilmente

MiUingen {Considèrat. 149), quando
si

Calabria noi
attestandoci
le

gioveremo della esperienza
sig.

di negozianti
(p. 76),

che la sola notizia storica che

ha

di questa Caelia è in
,

Luigi Sambon, Recherches

che

Diodoro, ove dice nel libro XIT, C. 10

che fu presa dai
notice

monete

di Ceglie

vengono giornalmente dalla Puglia.
sig.

Komani

nell'a.

312

av. G.

C.

:

La

seule

historique

Citeremo inoltre im signore di Acquaviva amico del
can. Eubini, che ci scrive aversi nella sua collezione

qui nous en
le

reste, dice il
le

Millingen,

est celle

de sa prise par

molte

Romaitis sous

dictateur Fabius dans la guerre
Sic.
lib.

Sam-

monete

di Ceglie acquistate tutte in questi nostri paesi e in Ceglie Messapica. Indi passa a nominarle cidella

nite

u e 312
e il

(Diod.

XIX

e.

101). Il Millin-

non punto
tando
ai
i

gen
fu

Sambon non hanno
315
(n.
e.

torto, solo si ari'erta

che Fabio
lo era

numeri

mia

tavola, e sono

:

36 corrispondenti

dittatore nel

439), e che

nel

312

nn. 15 e 16 argento, 9 al n. 21, 6 al n. 28, 5 al n. 29,

4

Sulpicio Longo.

Ma

io giudico

che lo storico siciliano deve
:

al 30. Inoltre ve

ne hanno di non corrispondenti per sim-

rigettarsi del tutto, posto a confronto con T. Livio

la lezione

boli e segni altre 19. Sicché cotesto solo collettore ne

ha

forse deriva da corruzione di codici, che invece di Kuj.axiu della

messe insieme

la

non piccola somma
il

di

settantanove da
di aver

Campania hanno Eeh'a, che

è nella

Peucezia in Puglia.

opporre a quell'unica, che

sig.

Nervegna dice

Questo paese era stato già sottomesso interamente fin dal 487, Apulia domita (Liv. IX, 20),
volte a combattere
di
i

comprate
che

in Ceglie di Brindisi.

Bimane quindi dimostrato
Ceglie
di

e le
,

armi romane nel 441 erano
il

coleste

monete sono

della

Puglia
si

e

non

Sanniti

che dopo

disastro

romano
in

della Ceglie Messapica; e così veramente
attestato dai numismatici.

era fin ora

Gaudio e la pace ignominiosa sperando un movimento

Capua, distolti dalla proposta impresa deUa Puglia, erano
tornati indietro nella città di Gaudio, da poi che da quel
lato della

Questa discussione intorno
Bari mi

alla

zecca

della

Ceglie

di

è stata imposta da chi bramava vedere decisa la

Campania occupavano Pregelle, Nola ed

altre

controversia. Potrebbe ancor essere che la Ceglie di Brindisi

città, fra le quali è

nominata Atina e Calatia. PeteUio creato

abbia coniato la

propria moneta.

Lo che

noi accetteremo

dittatore

volse le armi a ricuperar Fregellae: ciò fatto e
forte presidio tornò in

quando sarà dimostrato.
15, 16. Coli. Luynes. Testa di Pallade con elmo attico ornato
di
il

lasciandola munita di

Campania

a
il

respingerne

i

Sanniti, lo che fece egli, o

come altri vogliono

im

grifo volante volto a d. R. Ercole in ginocchio strozza

console C. Giunio, essendo egli richiamato in

Eoma

per

fig-

leone; dietro di lui è la clava: l'epigrafe n. 15 è KAl
;

gere

il

chiodo

ai

primi sentori della peste, al quale Giunio
presa
di

e neU'esergo Al iniziale del magisti-ato

nel n. 18 è solo KAl.

anche attribuiscono la

Atina e di

Calatia: qui

17. CoU. Lauria (Minerv.

Oss. tav.

12). Testa di

bue messa

di

captae decus Nolae ad consulem Irahunt adiiciunt Atinam
et

prospetto con infule pendenti dalle eorna: sopra KAl. R. Lira.
18, 19.

Calatiam ab eodera captas. Quasi

le stesse cose
il

conta

Da

calchi.

Testa giovanile coperta

di

elmo conico lausfoggiata.

Diodoro, se non

che le pone accadute sotto

dittatore

reato acuminato in cima con di

sopra una cresta

118

APULIA

T.

XCV

R.

Vaso

a

due manichi
IT.
Il

e intorno

KAIAINON

sojjra la

bocca

telia fu
n. p.

giustamente dal Cavedoni
e

(in Carell. tab. pag.
st.

101

del vaso

Nel

n.

13 manca IT

e l'epigrafe è retrograda

17;

dal Marineola (Opusc. di

patria, Catanz.

1871

HOHIAIA>l.
il

Cavedoni pensa che IT voglia essere \TaXia,

139) concesso a Ceglie.

Minervini (Oss.n. 99) che sia Tiazi.
n.

U duca di Luynes

mo-

strandomi la moneta del

15 ohe

ei

leggeva seguitamente

NBAPOLIS
Al Komanelli prima che ad ogni
tarci in
altro

KAIAI diceva che per questa epigrafe erasi assicurata a Ceglie

anche

l'altra (n. 18)

dove

si

legge solo KAI

:

ma non

è così,
l'

venne

fatto di addi-

ed

altri esemi3lari

dimostrano che quel Al al pari che

IT

Polignano una nuova zecca, che ne portava l'antico
lo

non va congiunto col KAI. La collezione Santangelo che ha pur due esemplari con questo Al
possiede un terzo, ove
che,
si

nome, Neapolis. Egli
nete,

dedusse dalla provenienza delle mo-

(fiatai,
(ib.

nn. 1795, 69), ne

ma

volle confermarlo allegando
e.

un passo
xaCrrjv

di Polibio

legge Ilin
questo

1797)
sono

e

dimostra

{H. Ili,

108), nel quale

nomina una

nóhv.
il

II

come ho

io

stabilito,

Al,

TI,

iniziali di

Bestini se ne mostrò persuaso,

ma

non l'Avellino,

quale
di

magistrati monetali.
20. Coli,

osservò {Op. 11, 50), che se Polibio voleva intendere
Oss. t.

Sambon

(Minervini,

IV, 13). Testa di bue con
eorna. R.

una
il

città

chiamata allora Neapolis non

le

avrebbe cambiato

le infnle

o sia vitte e

pendenti

dalle

Vaso

a

due

nome

sostituendo a NsÙTiohs la xcdvrj nóXig. Gruari però
praticati a Polignano ebbero

manichi

leggenda KAIAIN.
d. R.

non andò che nuovi scavi
Trofeo
fuori altre
72),
al

messo

21-24. Testa di Pallade con aulopide crestata volta a
di

monete

col

nome

NEAPO
si

[Bull. arch.

nap. VI,

armi

e accanto

un fulmine,

e nel n.

21 due

astri, nel n.

22

qual fatto

l'Avellino

arrese.

Questa ritratta-

un

solo:

l'epigrafe al riverso in

ambedue

è

KAIAINilN.

zione sfuggì al Cavedoni, non ricordando egli (ad Carell.
tab. pag. 39),

Ho

prescelto questi due numeri, dove non vi sono ornati
in altri esemplari, nei quali si vede aggiunto all'elmo

che la sola opposizione fatta al Romanelli con

come

le parole, obloquente Avellinio.

Pu dunque

bandita l'erronea

di Pallade

un

grifo volante e un'insegna sul clipeo del rin.

attribuzione alla Neapolis di Macedonia, la quale del resto

verso che in
altro n.

un mio esemplare
un

23

è

una Medusa, in
anche uno

era

mal

fondata,

non riscontrandosi
tipi, colla

i

tipi e il

metallo della
e col

24

è

astro; di piìi nel trofeo è posto

Neapolis di Macedonia coi

epigrafe

NEAP

me-

degli stinieri. 11 simbolo dello zecchiere, che qui è

un

ful-

tallo di quella Neapolis di Puglia,

che sono di solo bronzo

mine, varia, e vi

si

vede invece, ad esempio, una clava, un

(Minervini, Om. pag. 107, 108). Polignano vanta nei tipi delle

ramo

di palma.
R. Vittoria

sue monete le

fertili

vigne e

i

campi frugiferi

:

ma

fa

d'uopo

25. Testa simile alla descritta n. 21 e due globetti.

confessare, che la coltivazione di quei terreni oggi sia del

tropeofora che

cammina a

sinistra in atteggiamento

di de-

tutto cambiata, stante che

il

vino non primeggia, e

i

campi

porre oifrendo una corona: nell'esergo KAIAINilN.
babile che'
il

È

prosi

sabbiosi non

si

prestano gran fatto al grano: essa invece

tipo

del riverso,

che è nel sestante non

abbonda
ciatrice e

di
il

olivi.

Venerarono Bacco

e Cerere,

Diana cacper

ripetesse d'ordinario nell'oncia,

come vediamo

essersi fatto

Genio della

città marittima, a cui diedero

del trofeo nei due numeri precedenti. 26. Testa di Pallade
l'oncia.
R.

insegna
del-

il

tridente

come a signore

del mare, dove ora pe-

come

al n.

23

e

un globetto segno
sin.

scano in buona copia le sarde.'
33.

Aquila stante sul fulmine volta a

sopra

Mia

coli.

Testa di baccante coronata di oliera con lembo di

(KA)IAEINnN.
27. Testa di Pallade volta a d.

tunica attorno al collo volta a d. dietro ha un tirso a punta

come

nei nn. precedenti. R.

Tre

di lancia, a d.

NI.

R.

Grappolo d'uva con due foglie

:

di

mezze lune con dentro a ciascuna un globetto
parte convessa e negli intervalli KlAAINilN.

volte dalla

sotto

NEA.
CI,
4).

Può ben

essere
si

34.

Dal Carelli (Tab.

Maschera

di

Bacco coronata

di

che questo numero sia un tricalco,

e in cotesto

modo

pampini messa di prospetto. R. Grappolo d'uva con
e sopra

viticci

spieghino in tre globoli e le tre lune.
28. Testa
di'

NEAP.
di Napoli.

Giove laureata volta a

d.,

sul vertice due globo-

85.

Nel Museo

Testa

di

Cerere

coronata di spighe
sulla quale è

letti. R.

Pallade armata di elmo, di scudo e di lancia che

e velata volta a d.

R.

Spiga di grano

im-

corre a sinistra: intorno,

KAIAINUN
un K
e

presso un

caduceo in

contromarca

e

NEAP. Una

simile a

29. Testa simile alla prec. dietro

un

globoletto. R. Pulil

questa

ma

senza contromarca, fu pubblicata dal Minervini

mino

e

KAIAINfì.N. In altro esemplare

manca

globoletto
36.

[Bull. arch.

nap. Ili

tav.

VII!

n. 10).

e la lettera

K

e

vi si legge al riverso

KAIAINCON.

Mia

collezione. Testa di Cerere con acconciatura di capelli

30. Testa di Pallade con aulopide
I

come

nei nn. precedenti. R.
la d., nell'esergo KAIAI.

diversa dalla precedente n. 34 coronata di spighe di grano
e velata. R.

due Diosoori correnti a cavallo verso

Spiga di grano e
di Vienna.

NEAPO.
d.,

31. Testa di Pallade

come

la precedente

ma

v'è di più sopra

37.

Nel Museo
alla

Testa di Diana laureata volta a
R. Arco, faretra e

un

globoletto. R. Araldo stante con borzacchini ai piedi, pallio

nuca

la faretra.

NEAP. me-

sulle spalle a pileo in capo in atto di mostrar volto a si-

38. (Milliugen, Suppl. II, 14). Testa giovanile con corona
tallica

nistra

un ramoscello, accanto
/?.

KAI.
d. dietro

orlata

di

gemme

volta a

d.

R.

Ferro di tridente e

82. Testa simile.

Araldo con ramoscello nella

KAIAI-

NEAnOAI. Il Cavedoni (ad

Carell. CI, 5) dice, che è

chioma a

NON

a sin. fulmine. Questo

nummo

dato per errore a Pe-

foggia di corona composta:

coma

in

suinmo

vertice in co-

T.

XCVI

APULIA

119

ronae formam composita
(Car. T.

e cita

una

testa in

moneta di Napoli

prendere

il

posto dato a Silvium, a spiegare quel

i\,

che

si

LXXII,

15), clie dice avere

una acconciatura simile
e

legge sopra alcune monete di Euvo, quasi iniziale di città
confederata. I Sidini possono credersi originati dalla Side,
-iSìj del

a questa: lo che io

non

gli

concedo,

neanche che
p.

sia

chioma nella moneta
vi vede

di Neapolis. Il

Poole (Catal.
il

142)

seno beotico (Pausan.

Lacan.

III.

22

n.

265),

una

testa di

donna coronata ;

Millingen una testa

Un'

altra 2i'Sì] colonia dei

Comani

era nella Panfilia e Des-

singolarmente ornata. Io non altro vedo che una corona.

sippo la pone nella Licia (fragm.

ad calcem Josephi

ed.

Di-

Nel giornale numismatico
1880
p. 2)
si

{Zeitschr.fiir Nuinismatìk, VII,

dot p. 15)

il

cui patronimico è SiórjTrig.

trova descritto da
col

Von Duhn un hronzo
al dr. e
al

del

Museo
timone

di

Carlsruhe

delfino

riverso

un

MATIOLUM
43. Nella coli,

NEADoA
mia (Millingen
SijU.
d.
:

Ili,

5).

Testa di Pallade
R.

GRUMBESTINI
39.

con elmo corinzio

volta a
d.

sopra due globoletti.
la

Leone aggruppito volto a

con

zampa
destra
si

sinistra regge

Museo

di Vienna.

Testa

di

donna con

capelli

legati alla

ima lancia appoggiata sul

collo; a

MAT

in

mon.

nuca. R. Cavallo che corre a d. e sopra TPY. L'ha publicata l'Avellino {R. Mus.
Borii.

Lo

stesso

gruppo di lettere da alcuni

scioglie in

NAT

Voi.

IV

tav.
n.

XV

n.

10).

ovvero in
io

TMA,

da
il

altri in

MAT,

e

con essi opino ancor

40. Coli. Santangelo (Mmervini,

Oss.

T. VII

U

pag.

117).
d. R.

parendomi che

T

si

deve posporre come, per esempio,

Testa giovanile con capelli ricci diademata e volta a

l'O nel

monogramma
come

ft di

Kógxvoa.
appoggia l'ascella

Toro che investe volto a

d.

sopra rPY.
riferita

Il

Minervini {Oss.

44. Testa di Pallade

al n. 41. R. Ercole

117) novera coloro che hanno

questa moneta a Grudifficoltà dagli

falce colla clava e

stassi così in riposo

avendo la destra

menlum

e

annota non farsi ormai più
patria
di

ar-

rivolta sulla schiena
in

come

l'Ercole di Glicone: a sin.

W\AT

cheologi sulla

queste medaglie.

Ma

io

non so

mon.

spiegarmi come sulle

piìi alte e

fredde montagne della Ludi cotesta zecca lascian-

45. Testa

come

la predetta n. 42.

R.

Cornucopia

e

MAT

in

mon.

cania si voglia collocare la sede

dosi indurre a ciò da una immaginaria etimologica origine
di fgv,

GKAXA
Tav. XCVI. Se cerchiamo quale località
antica Graxa, ci
si offre si

quasi da Egufiosig. Il Minervini
cavallo

pensa che

i

tipi

del toro cozzante e del

confermino la congettura

che fosse colonia di Turio: solo non vede doversi seguire

accosti al suono di questa

assolutamente l'etimologia proposta dal Niehhur seguita dal
Corcia,

Grassano in terra Basilicata distante
:

quantunque non ripugni che f
i

siasi

cambiato in K.

da Matera diciotto miglia

ma
ho
di

le

monetine con
nei

la

leggenda
di

V'è però anche da considerare che
/.lavTor,

Greci scrivono FqovIII,

Tqa
e nel

si

trovano in buon numero
:

contorni

Pasano

non FQVfisvT.ov. Plinio (H.

11)

fa

menzione

suo territorio

io le

vedute uscir fuori ai primi

dei

Grumbestini nell'antica

Calabria,
e

ovvero non molto
ivi

colpi di zappa presso S.

M.

Agnazzo.

Non
o,

si

creda perscrive

lungi, e sui confini. Ivi fu

Fqu

Pv

Mar

e

Km,

che

tanto che

Gra

sia equivalente a

Gnatliia,
si

come

similmente accorciano

le loro

denominazioni.
si

Strabene 'Ey varia.

Questa

città

chiamava una volta

Può

credersi che da

Grumo

è derivato

Grumbestinus

Gnathia,

i

suoi cittadini Gnathini,

come abbiamo appreso

come da Euvo Rubastinus. Del
Puglia distante
solo

resto

im

altro
i

Grumo

è in

dalla epigrafe di

un

suo caduceo inscritto

TNAGlNilN. Né
ai

12

miglia

da Bari,

cui

cittadini,

può

dirsi

che di poi cambiasse nome, perchè

tempi di

scrive il Giustiniani, fanno industria di vacche, pecore e giu-

Orazio dicevasi tuttavia Gnatliia.

La

distanza di S.

M.

di

menti.

A

questa

Grumo
i

il

Carelli

attribuì le

monete con
la con-

Agnazzo da Pasano
che in Pasano
si

è di quattro

miglia in circa ed io credo
l'antica sede dei

l'epigrafe

PPY:

e

tipi di cavalli e di tori

non che

debba cercare

Graxani,

dizione del suolo confermano tale opinione.

da poiché in una delle sue monete in luogo del
è stato letto la

monco fPA

41. Coli. Narvegna in Brindisi. Testa di donna volta a sin. con

TPAHA. Cedano dunque

il

Crastus della lapigia, e
il

pendenti agli orecchi e coronata dì canna palustre. R. Toro
che investe volto a sin. sopra TPY.

Graia urbs a cui successivamente

Millingen (Recueil,

p. 19; Consid.^. 146, 148) volle attribuire la

Gra delle no-

stre

monete

;

errore notevole, quasi che fosse

nome

di città

SIDIUM
42.

l'appellativo di greca, che

Mela dà a

Gallipoli (11, 4): urbs

graia CallipoUs. Cotesta Graxa fu nella Peucezia che comin-

Da un

calco.

Testa di Giove laureata volta a

d. R.

Ercole stante

ciava

una volta dai

confini di Brindisi, e si

chiamò terra dei
(//.

in piedi facendosi puntello della clava sotto l'ascella sinistr-a

Salentini, dove Plinio
II,
1.

stanzia la Egnatia Salentina

N.

dal qual lato pende la spoglia del leone, ha la destra sulle reni

140)

:

In Salentino oppido Egnatia.
stella,

come

l'Ercole di

GUcone che porta
Catal. del

i

pomi:

a sia. ^lAINilN.
si

Fulmine, sopra una

sotto
II,

FRA.

R.

Conchiglia.

Se ne ha descrizione nel
serva la moneta
,

M.

Britannico, dove

con-

2.

(Minerv. Bull. ardi. nay.

IX; Oss. pag. 102). Testa gioR.

che qui è messa a stampa la prima volta.
il sito,

vanile che par coperta di pileo laureato volta a d.

due

Questi Sidini dei quali s'ignora

sono degni per altro di

aquile stanti e volte a d. neU'esergo

TPASA

120

APULIA, CALABEIA

T.

XCVI

3.

Nella collezion mia. Testa giovanile laureata. R. Due aquile
stanti sopra

quatuor (triremibus) acceptis, praeter oram Italiae superveclus Calabriae
si noti

un fulmine,

di sotto

fPA
i?.

e tre

globetti.

extremum proinontoriwm. Dove

anche

4, 5.

Testa di Giove laureata volta a d.
sopra un fulmine, sotto

Due

aquile stanti
-X- fra

che trattasi di un popolo stanziato nel gonfo taranil

fPA

e in

contromarca

due

tino,

perchè s'incontrava prima di superare

capo di Leuca,

glotetti. In altro esemplare n. 5 che è nella collezion
la

mia

cioè l'estremo promontorio della Calabria antica.

contromarca ha due linee parallele -^^

in

luogo dell'-X-

Gli Orrani venerarono in

sommo

grado l'eroe fondatore,
il

Goteste linee parallele pare debbano significare due cinque
e così la cifra sarà

Marte, Venere
tipi in

e

Ercole.

Coniarono

bronzo

coi

propri

equivalente

all'X

ohe dinota le dieci

quattro serie; nella prima mostrano di aver avuta una
di

once.
6.

certa

comunanza

forma con

gli

elmi della Coglie di Bari,

Testa

d.

Giove laureata

volta
e

a d. sotto

tre giobettini. R.

che sono acuti in cima e su quella punta pongono la cresta.

Un'aquila sopra fulmine
7.

di sotto

FPA.
segni del quadrante.

Nella seconda serie manca l'unità maggiore:
la

si

ha

soltanto
il

Testa simile di Giove, dietro tre
R.

astri,

metà

e

il
il

quadrante

:

della terza

abbiamo soltanto

quinil

Aquila sopra fulmine volta

a

d.

davanti KPH, sotto

FPA

cunoe e

triente: della
il

quarta possediamo parimente
triente e si

(Minervini, Bull. ardi. nap.
8.
9.

II,

IX, 11).
a d.

quincunce, manca poi

ha

il

quadrante

e il

Aquila ad

ali

aperte sopra

un fulmine, davanti
sotto

una

sestante. Il carattere da loro costantemente adoperato si è
il

mezza luna con piccolo globettino,
glia.

FPA.

R.

Conchicerchio

messapico.
conico con
R.

In im mio esemplare n. 9 v'è impresso

un

14. Testa giovanile coperta di pileo

piccola cresta
e

in contromarca. 10. Aquila stante volta a d. dietro

quasi fiocco in cima, dietro

OA.

Aquila sopra fulmine

FPA, davanti un
13).

astro. R.

Con-

in alto

ORRA.
AA.
il

chiglia (Minervini,
11.

1.

cit. n.

15, 16. Testa simile alla precedente, sotto al collo

R.

Aquila
del

Aquila

e sopra

FPA.

R.

Conchiglia.

sul fulmine: sopra

OR:

nel n. 16

si

cambia

nome

12. Delfino sopra

una

serie di giobettini che diminuiscono gra-

magistrato che è

E/V\.

datamente di volume, sotto FPA. R. Conchiglia.

17, 18. I tipi sono gli stessi, soltanto nel n.

18 l'aquila volta

a destra è respiciente

a

sinistra.

Questa serie non porta
la

STT
13. Aquila ad ali aperte, sopra
chiglia. Cotesta

veruna nota
sotto

di valore, se la

non che

leggenda

è

OR, pro-

babilmente ad indicare

un fulmine,

^TY.

metà

dell'intero.

R.

Con19, 20. Testa di Ercole giovane coperta della spoglia di leone

moneta davasi dall'Hunter

a Sti/ra in Eubea,

ma

l'Eckhel vi riconobbe lo stile delle monete della

Magna

volta a d. sotto

al collo ?"

non avvertito dal Gorelli

(tav.

CXVI,
Grecia (D.n.v. 11 pag. 325).
Il n.

14). R.

Fulmine, sopra ORRA, sotto del fulmine FOR.
gr.
9,

19 pesa

5

;

il

n.

20

gr.

4. di tre fali e

ORBA
La
fondazione di Orra da Erodoto
si

21, 22. Testa giovanile con

elmo

ornato

di

una
d.

penna: sotto
attribuisce ai CreSicilia.

al

collo

AR. R. Aquila sul fulmine volta a

davanti

ORRA,

di sotto al n.

22 cinque globoletti nota del

tesi che
si

avevano accompagnato Minosse in
dubbioso
se
di questa
città,

Strabene

quincunce, al n. 28 quattro globoletti nota del triente. Il
n.

mostra

che egli

chiama

21 pesa gr. 10,7;

il

22

gr.

5,9,

v'è anche

il

sestante

OvQi'a ed Erodoto 'F^h'k, si debba intendere ovvero di Ovsqi]róv, Vert'tum.

del peso di gr. 3,4.

Ma un'altra

tradizione erasi suscitata
il

un treutesto di

28-25. Testa di donna laureata a

d.

con lancia a
la lira
:

sin.

R.

Erote

tasette anni or sono

proponendo

Mommsen un

alato che cammina a destra suonando
globoletti, davanti

dietro cinque

Varrone che narrava di una Orra fondata dai Locresi. La
falsa lezione della quale

ORRA. Pesa

gr.

5,4. Il tipo dei

due quail

moneta sarà dimostrata nella

ta-

dranti è
il

il

medesimo, soltanto
di peso gr. 4,7
;

l'erote porta in

mano

cesto:

vola
e

CXXV,

n. 9,

dove tratterremo delle monete mal lette

n.

24 ha

il n. il

35

gr.

3,4. Il triente

non

male

attribuite.
il

si è

finora vedato. Quello che

Carelli (Descr. 17)

ha dato

Basti per ora dire che
allegato dal

testo di Varrons con tanta

pompa

per triente col tipo del Cupido che porta una fiaccola, ed
è accettato dal

Mommsen

in

prova di una Orra fondata dai

Mommsen
come
un

{H. de

l.

m.

t.

III pag. 386), deve

Locrosi erasi già allegato dal Romanelli, là dove anche intese di provare che cotesto popolo di Orra erasi da Livio

essere stato

im quincunce,

se

il

Cupido tenne invece in
ovvero un quale descrizioni

mano

la

lira,

giudicò

l'Avellino,

additato sotto
è manifesto.

nome

di Uritae (L.

XLIF, 48).

Ma

lo sbaglio

drante, se ebbe
dei tipi dati dal

Trattasi ivi di navi imprestate ai Romani, una

È bene notare qui Mommsen {II. de la monn.
cesto.

III pag. 365,

trireme

dai Regini,

due dai Locresi

;

Orra poi ne avrebbe

366).
las.

La

testa giovanile dei nn. 21,
si

22

è detta lete

de Pal-

date quattro, non essendo città marittima, né avendo porto

Quella di Venere nn. 23-25

dice téle
si

d^un jeune

navale sul mare. Quel testo di Livio dove
i

si

legge che

homme

couronné,

e il cesto n.

25

prende per

un banche

Romani

dagli Uriti ebbero quattro
Siritibus.

triremi deve emen-

deleite. Finalmente nel n. 19 la pelle di leone legata alla

darsi ab

Sono

i

Siritae gli abitanti dell'antica

gola di Ercole

si

prende per un
téte

fulmine

e si attesta

Siri divenuti

per

opera dei Tarantini

emporio

e navale

manca

il

seguo di valore:

sur

un

foudre sans indication

degli Eracleesi fin dalla Olimpiade

LXXXIV:

Ab Siritibus

de valour.

T.

XCVI

APULIA, CALABRIA

121

26. Testa di donna simile alle precedenti.

R.

Colomba che vola
due globoletti.

27. Vittorietta con

palma lemniscata

e

corona
L-,

volta

a d.

lì.

portando una corona cogli artigli
L'oncia non
si

;

di sotto

Delfino volto a sin. sotto

BRVN, sopra

segno di metà.

è finora veduta.

Pesa

gr. 1,18.

BRUNDISIUM
Gli antichi non erano concordi sulla origine di Briudisi.

28. Coli. Sant. {Calai.
glia.

2224; Avellino Op.
sotto

11, V, 11). Conchi-

R. Delfino e

un

tridente e

BRVN. Manca ogni

segno di valore.
29. (Carelli, tav.
d.

Alcuni dicevano che era colonia

di Cretesi di

Guosso condotti

CXX

n. 8).

Testa di Nettuno laureata volta a
/?.

in Italia da Teseo. Altri narravano che lapige figlio di

De-

sotto

due globetti nota del diobolo.

Genio nudo a

dalo e di una cretese

l'aveva popolata coi Cretesi venuti
di Minosse,

cavallo del delfino con cetra nella sin. e porta

un vaso a

seco in Sicilia per vendicare la morte

scrive

due manichi nella
ripetuta.

d.,

sotto

BRVN

e la

nota del sestante

Erodoto (VII, 170), ovvero per cercare Glauco, come attesta

Ateneo (XII,
i

e.

5).

Non

pertanto lapige tenevasi per

30.

(Car. ib. n. 6). I tipi sono

i

medesimi soltanto

vi

hanno sim-

fondatore perchè
e

primi Cretesi eransi partiti per Bottièa,

boli e segni che variano in ciascuna serie, delle quali si

nuovi

seguaci di lapige erano sopravvenuti (Strab. VI,
è

danno qui soltanto dei saggi. Nell'oncia che do qui

al n.

30
e il

282). Un'altra tradizione

riferita

da Giustino (XII,
Brindisi

2),

Nettuno è coronato da una Vittorietta sospesa a volo
genio porta nella
sin.

secondo la quale la fondazione
agli Etoli seguaci del celebre

di

deve riferirsi

un cornucopia

e

nella d. la Vitto-

Diomede: Eral urbs Apulis
lune oh

rietta che si leva sulle ali per coronarlo.
è

Nel campo a destra

Brundisium, quam

Aetoli seculi

famam rerum
ducem
che

in
31.

una

clava.
tab.

Troia yestarurii clarissimum ac nobilissimum

Dio-

(Carelli,

CXX
non
è

n.

4).

La

testa

del

Nettuno sempre

medem

condiderunt.

Ma

dicevasi

insieme

costoro

laureata,
v'è qui

ma
il

coronata dalla Vittoria, in quella vece

erano stati di poi scacciati dagli Apuli.
I Brindisini

tridente.

Al
di

riverso

il

tipo è lo stesso dei
vi
si

due

erano governati da un re in quel tempo, nel
cogli Spartani

numeri precedenti:
grafe

sotto al delfino

legge l'epi-

quale Falanto
loro territorio.

conquistò molta
lo

parte

del

BRVN, ma

la nota del valore, creduta dal Carelli es-

Ciò

non

ostante
e,

accolsero quando fu

sere quella del semisse, è della

metà

di
Il

un

intero, che forse
fatti

mandato fuori da Taranto,

morto, lo onorarono di splen-

fu
gr.

un

obolo, forse fu

una semoncia.
n.

pezzo di
gr. 9,70.

pesa

dida sepoltura. Poscia divenuti colonia romana lo scelsero
a tipo delle loro monete, quasi patrio eroe, figurandolo sul
delfino, come la vicina Dalctium.

4,03 mentre l'oncia
di

30 ne pesa
d.

32.

Nel Kirch. Testa

Nettuno a

coronata dalla Vittoria:

di sotto la nota del sestante. R.

Giovane nudo che cavalca
e la Vittoria

Coloro
seguisse

che
il

credono

ohe la

monetazione

delle

colonie

il

delfino portando la
d.,

lira nella sin.

che lo

peso e la riduzione legale della vecchia
il

Roma

corona colla

di sotto è la nota del sestante e l'epigrafe

non potranno mai spiegare come dopo

510

i

Brindisini

BRVN
NAr,

:

di sopra del delfino

un nome greco

in

monogramma

battono una moneta la cui maggior unità, è di circa venti

APN. Cotesto

sestante suppone una prima riduzione
si

grammi, mentre porta

la

nota di sestante, lo che suppone

del sestante, quando non
il

era coniato ancora

il

trienle e

un

asse di quattro e più once.

quadrante.
ib. n.
si

Noi stimiamo che

i

globetti in questi bronzi non siano sol-

33. (Carelli,

14). Alla testa
il

di

Nettuno coronato dalla
sotto v'è la nota
il

tanto segni di once locali,

ma

anche di

altri
il

sistemi, ossia

Vittoria

vede aggiunto

triente: di

che

i

Brindisini abbiano insieme seguito

proprio sistema

del triente. R. Giovane nudo che cavalca
la cetra nella sin. e la Vittoria

delfino recando
d.,

e quello della regione vicina.

Però non rigettiamo come er-

che lo corona nella

di sotto

roneo ed impossibile

il

pezzo del peso di grammi quattro

BRVN
34.

e

la

nota del triente. Pesa gr. 8,6
nel dritto la Vittoria e
il

notato di quattro globetti e

insieme della nota di sewis,

Nel Kirch. Manca

tridente:
la

il

tipo

perchè interpretiamo
equivalenti alla

i

quattro globetti per quattro unità
di peso di altro sistema, significata
i

del rovescio non differisce dal precedente

:

nota è sulle

metà

due facce quella del quadrante.
35.

con

l'altra cifra S.

Quei che vogliono ritenere

globetti per

Nel Kirch.
vi si

Il tipo sulle

due facce è

il

medesimo, qui però
il

segno di once debbono anche accettare che la colonia non ha
seguito
n.

vede sul dritto aggiunta la Vittoria che corona:
è

Roma
di

nel valore

della

libbra, e quanto al pezzo

suo peso

di gr. 4,3

:

e però dimostra

una serie

di questa

38 udiremo come spiegheranno che quattro globetti sono metà

riduzione, dove questo
e
i

nummo

era

il

quadrante. I trienti

la

un

tutto, o sia di

un

sestante, o di altra unità

quadranti

si

cominciarono a coniare in Brindisi prima
il

maggiore che noi non conosciamo. Dovranno ancora sostenere che Brindisi continuò a coniare
il

deUa terza riduzione. In questa riduzione, nella quale

suo bronzo dopo

la

triente è del peso di grammi 4,30 la zecca emise ancora
il

guerra italica sul sistema del

66-5,

ossia della legge

Pa-

semis del peso di grammi 7,60.

Ne ho

qui davanti un
sia pel valore

piria per cui l'asse era legalmente ridotto a semonciale.

esempio ribattuto dai Venosini per sestante o
di

Venosa ancor
del peso di
disi lo

essa colonia

romana coniava un bronzo
la

due

globetti. Porta nel dritto la testa di Pallade e al
la civetta,

grammi 7,60 con
tipo,

nota del

S,

quando Brin-

riverso

la cifra S è

benissimo conservata

con

improntò dal suo
sia del sestante.

notandovi la nota di due glo-

al riverso la vittorietta
il

sulla destra del genio cavalcante

betti

delfino.

122

APULIA, CALABKIA

T.

XCVII

36. (Carelli, ib. 7). Il Nettuno di quest'oncia è coronato dalla
Vittoria, ed

3. Coli,

Luynes

(Miuerv.

1.

oit.

Vili,

II,

4),

ora se ne ha

un
d.

ha a

sin. il tridente e

sotto

il

collo la nota del
la nota è del-

secondo esemplare nella

coli.
,

Nervegna. Delfino volto a

valore. Il riverso è simile al precedente,
l'oncia: pesa gr. 1,7.

ma

e l'epigrafe intorno i/<lffi3Afl3

hE e h, nota della metà. S,
R.

che non
differisco dal

è.

stata

finora

notata.

mezza

luna, di sotto
è

87. (Car.

ib.
il

2).

Questo

nummo
la

precedente in ciò

i/^®3Aflfl, di sopra hE.
linea; ciò
il

La

lettera

E

ancor qui

fuor di

che

giovane al riverso non reca la cetra,

una patera. Manca
gr.

nota del valore,

ma ma

in
il

suo luogo

dimostra che fu aggiunta nei due conii dall'inquale ha sbagliato inoltre
collocando sul dritto

peso è di

cisore,

1,33.

della

moneta l'aspirazione

H dopo la vocale E.

38. (Car. ib. n. 30). Questo triente coi tipi
n.

medesimi del

triente

33 ha però

di

peso una metà, cioè gr. 4,9. Vi

si

legge

HYDIiUNTUM
Hi/drus non sra ancora fabbricata quando in quelle spiagge

inoltre a sin. del riverso

MA

nome

del zecchiere, e sulla

coda del delfino
di quei
dirsi

la

nota S indicante semis.
si

È dunque uno

nummi

che

vedono forniti

di

doppia nota e dovrà,
e in altro

ove ora è Otranto approdarono alcuni Cretesi
stanza,

e ivi

presero

che in un sistema era computato per triente

scrive
Trjg

Stefano

(s.

v.

Bisvroi)

:

olxfj'jat,

Sé tivag

per metà, di un tutto, forse un obolo, ovvero alcun altro
peso, che ignoriamo.

^YÓQOVVta

'huXiaq

ov/rco nsTioXu/fisvov. I Latini la dissì,

sero Hi/dru7Uum.
e

Si è cercato se questa città piccola

39. (Car. ib. 23). Testa di Nettuno laureata

coronata dalla

ma

provista di buon porto, avesse

mai battuto moneta.

Il

Vittoria

:

dietro la nuca

il

tridente, di sotto al collo la nota

Carelli pubblicò tre piccoli bronzi e glieli attribuì.
essi (tav.

Due

di

del semisse.

R. Giovane

nudo sonante

la cetra portato

da

CXXIII,

1,

2)

hanno per tipo

la testa di Ercole

un
sin.

delfino a d. e coronato dalla Vittoria: di sotto

BRVN, a

giovane

e al

riverso le armi di lui, arco, clava, faretra. L'epiil

ARR, a
i

d.

la

nota

del

semisse. In quest'epoca sono

grafe è inscritta fra terzo
(ib.

nervo teso e l'arco,

YAP

e

AY

:

un

frequenti

nomi

dei magistrati monetali.

3)

ha per

tipo la conchiglia,
l'

e al riverso lo

armi

predette e fra l'arco e la corda

epigrafe

YAP.

Ma

bisogna

BALBTIUM
Tav. XCVII.

considerare che in queste monetine cogli stessi tipi variano
le leggende.

Ve ne ha

per es. di quelle che leggono

AY

e

altre che in vece portano per .?pigrafe AE.

Queste di certo non
le

Non ha
monete

molto che

si

è scoperta

questa nuova zecca in
,

appartengono ad Hijdrus,

ma

le
di

prime a Dyrradiium,

di argento colla epigrafe k.l\®M9r\

e

furono pubbli-

seconde a Leucas. Era Leucade

contro ad Otranto. Da

Leuca

cate dal duca de

Luynes

[Bull. ardi. nap. I p. 169), che l'atil

ad Otranto scrive Strabene v'hanno 150 stadii: 'Eh Sé rwv
Aavxòìv dq ^Yd-Qovvca Ttah'xrrjV graSiot PY;
Scilace
e p)rima di lui

tribuì al Valetìum di Mela,

Balesiwn diPliuio
è

(III, 16),

che

taluni hanno

emendatoi^e*mm,ed

chiamato 'Alriria da Stra-

§ 27

:

'Eni

'jrSQÓsi'za

nóXiv iv ty 'lanvyia dnò

bene (VI, 282), Valentia nell'itinerario gerosolimitano (609).
Il

xmv xsgavviiav
brevissimo
al
il

ffraóia
tragitto

tov
di

StavXov

mg

(f.

Plinio
i

dice

Minervini

si

volse invece ad Àletium detto Balelium nella

miglia 19

che pone
:

termini

Peutingeriana.
il

Ma la Foie*ÌM'm
fra

del Luynes è

da cercarsi presso

mare Jonio ed Adriatico
niillia

(Plih. L. Ili e. Il)

Hi/drun.fonti

fiume Pactius,
i

Brundisiurn. e Lupine, donde provenil

tum decem ac novem
et

paasuum ad discrimen

gono

due esemplari che ora ne possiede
Baletium del Minervini
lolla,

Nervegii;;

;

VAle-

Adriatici maris,

qua in Graeciam hrevisHnm,^ tranle

tium

è

dalla

sponda di mare ad

situs.

Quando

il

Millingen scriveva

Considératinns non

si

occidente

penisola idruntina; Bah-jdàg è contratto ed
vi fa le veci

erano impresse le tavole del Carelli. Egli attesa la descrizione
dei
tipi

ha innanzi un B che

del F

;

tolto

il

qual

digamme
p-e-

letta nella Desoriptio

sospettò che una
si

moneta

di

rimane Aletium. Sarebbero adunque due ^ieiwtm nella
nisola
;

Alessandro con

NAPO
Or
la
di

superstite

fosse

trasformata in
in

ma

già

il

Cluverio p. 1351 ha mostrato che in luogo

YAPO

(p.

122).

monetina da
Vienna,
e

me

incisa,

primo

del secondo Aletium fa d'uopo leggere

Saltentium,

città,

luogo, è nel

Museo

dice chiaramente

YAP.

mediterranea dei Sallentini ad occidente della Messapia fra

Stefano Bizantino in questo

articolo di
:

VSQoiJg è eviden-

Neretum. oggi Nardo,
letium
piuttosto

e

Uhintmn
è

la

moderna Ug?nto

:

il

Ba-

temente monco.

Il

testo

dice
cóg

'yS(>ovg (pqovoiov àqqsvixwg-

Baldhium
il

sinonimo di Falethium. Codall'eroe

f&vixóv 'YSgovvTiog

2sXivovvTiog.

fa%ì

xal nókig
Il

testi Faletini

prendono

nome

che

cavalca

il

'haXiag. to i&vtxóv 'YSgovffceìog xal 'YSQOvfftog.
addita invero una lacuna,

Meineke
e

delfino,
1.

sia

egli

Taras ovvero Folanllm.i.
i.avullo del delfino
e

ma

la

pone

fra

qgovqmr

A^ae-

Coli.

Nervegna. Taranto a

volto
R.

a

d., di

vixwg.
ivi,

A me

pare che una lacuna vi debba essere,
n' è

ma non

sotto

un piccolo

delfino

l'epigrafe
e.

iR®BAR1.

Mezza

ove non ce

bisogno.

Perchè 'YSgoimog non può
è

luna

delfino volt(> » fin.,

nel

centro un globetto con
sol-

essere etnico di 'YSgovg, al quale anche

stato già assegnato

le lettere

3h: intorno la
=1

medesima leggenda cambiata

'YSgoiivTwg.
scritto

Fa quindi d'uopo

ricordare

che

Stefano ha

tanto
2. Coli.

il

digamino

in

B: if^®3Afì8.
Bull. ardi.

alla voce

"Axga che questa

città per alcuni era sino-

Luynes (Minervini,

nap. VII,

II,

3).

Simile

nima

di 'YSgov<Ta:"AxQa 'laTTvyìag

nóXig xarci Tirag 'YSgovaa
la

al n.

precedente, anche nella

E

posta fuori del giro asse-

XsYoi.i,6vrj.

Ciò posto è chiaro che

vera

lacuna è

dove

gnalo alle altre lettere.

manca

il

nome, dal quale deriva 'YSgovaaTog. Però bisogna

,

T.

XCVII

CALABEIA

123

supplire

così

:

aatt

xcà

nóhg ^haXiag 'Ydqovaa
Pone adunque

:

quindi

11. Testa di Pallade

come

al n. 8. R.

Ercole giovane colla spo-

gli si poti'ìi far seguire l'etnico

che ne deriva: xà èdvtxòv
Stefono. per sino-

glia di leone avvolta al braccio sinistro e in atto di appoggiarsi alla clava che
e

'ySQovaceìog xcà Y^Qotaiog.

ha nella destra; intorno OIANTlNfliN

nimo deir«xo«

'IccTTvyia

una

città T(fgofio'a, e tiene
il

^YSqoìk

presso Ercole ZH,

nome

di magistrato, forse Zi^vóSoùQog.

per \m castello, (fgovQior. Ecco

passo

come

si

deve leg-

12. Bifronte
sta.

imberbe coperto

di galea

con pennacchio per crespoglia
del

gere: 'yàQoì'g tpQOVQior àgaerixàg; rò

idrixòr "^yiQovvnog

R. Ercole stante con cornucopia e

leone

àg ^sXirovìTiog.

ì'ari

Sé xaì 'ì'Qàovffa nóXig 'Itah'ag,
^YSqovaiog.

nella sinistra, clava nella destra, dal qual lato
rietta volando l'incorona: a destra

una Vitto-

i&nxor 'VSgovacùog xcà
neta
di
il

Non

osta

che la
d'

mo-

OIAN
ornato
di

Otranto sia sconosciuta
fa

nella

terra

Otranto

13. Testa di Pallade

con

elmo

corinzio

un serpe

ove

Nervegna che vi

da più anni raccolta

di

monete

volta a d. davanti

una

lancia.

R. Ercole barbato con cor-

e risiede in Brindisi attesta che

non

l'ha nel suo copioso

nucopia
sinistra

e

spoglia di leone nella sin. clava nella destra: a
del semisse e

medagliere.

un S nota

un ramo, a

d.

OIAI

così

4 Museo
leone

di Vienna. Testa

di Ercole

difesa
fra

dalla spoglia del
l'arco
e

non

OIAN

a sin. R. Arco, faretra, clava,
si

la

sua

corda vi

legge netta l'epigrafe YAP.
(Calai,
al n.

Un

bronzo simile
Welzl

TAEENTUM
I barbari discendenti

fu descritto dal "Wehl

della

coli.

de

Welda lapige
figlio di

lenheim, Vienne, 1844

580), però vi è supplita in

Dedalo condusdi

mezzo
5. (Carelli,

la lettera
t.

A.
3).

sero in Italia

una colonia

di Cretesi ai

tempi

Minosse

II,

CXXII,

Conchiglia

B.

simile al precedente

e la città da loro costrutta al fiume vicino

denominarono
(VI.
e.

con le stesse tre lettere

YAP

Taras in onore
tal

di

un

eroe, dice Strabene

2,2),

di

nome. Questo eroe aggiunge Pausauia (X

10) cre-

OXENTUM
La
città che ora si

devasi figlio di Nettuno e di ima ninfa locale:

Tàqavza
naXSa

tÒv

ìjgooa Iloasidtòvóg

(fcccfi

xcà

imywqiag

vviiBcpr^g

chiama Ugento fu già dai Latini detta
cui quarto caso òiccevra die' per anaIIv'§àg die'

elvcti,

ànò Sh zoì
TTorafif^

iJQCoog

xe&rjvai

rà àvójiara ry nòXsi ts

0::a, dai

Greci 'O^cig,

il

xcà

TCj)

xccXsXtcii ycco órj

Tdqag xarà rà avrà zy
di Taranto

drome Ozentum come
nella

Buxentum. Questo nome
Uhintum, in To-

nólsi xaì ò

7T0Tai.ióg.

La

ninfa

madre

chiama-

tavola

del Peutinger è

trascritto

vasi Satira, scrive Celio {Hisl. L.
Virg.

V

ap. Schol. Leijd. ad
le

lomeo OvSsrToi; nelle monete AOIEN(ir[i'Mi'). I moderni
seguono Tolomeo e scrivono

Georg. II v.

197),

il

qual

nome

era

comune
:

col

Vxentum, ma

i

Messapi

la

luogo che abitava detto Satirio (Steph. Byz.
Qiov,

s. v.)

^azv-

dicono Aótevxov, se pui-e questo elemento

I non
delle
dall'

ebbe ancittà

yaqu

7th]aiov TaQavtog. In queste terre venne di poi
di Spartani dalla piccola città di

che

il

valore di greco

^T.

Plinio trattando

di

ima colonia

Amicle

cele-

codesta penisola ealabra in un passo corretto
sui mss. scrive

Harduino

bre pel culto di Apollo soprannominato Giacinto. Cotesta
colonia era condotta da Palante Amicleo al quale l'oracolo
di Delfo aveva
tae, e

Senum,
è,

(al.

Saenum)

Callipolis,

quae nunc

Anxa. E
lipoli si

se ciò

vuol dire che ne' tempi di Plinio Cal-

mandato a dire pei messi degli Epeunaule terre poste fra

denominò Anxa.

Ma

vi deve essere

una erronea trachiama con
ai

che non andassero ad abitare

Sidone
Taranto,

sposizione, perocché

Callipolis ohe tuttavia si

Corinto,
le

ma

invece

quelle
il

del Satirio

e

di

questo nome, Gallipoli, non può credersi che
Plinio
si

tempi di
si

dove
n.

onde bagnavano

tragus (Diodor, fragm. L, Vili

chiamasse Anxa. Io imagino che quell'ina;»
e leggo
:

16 ed. Mai.).
2ccTVQiov (fQci^ov Tccqavxóg ts àyXaóv vóoìq,

debba emendare Aoxa
Graia urbs

Aoxa quae nunc Oxenlum,

Callipolis: Così si sarà trovata la propria sede

Kal

Xijxévtt

^xaióv, xcà ortov TQÓyog àXjXvqòv

ol'àjxa

a quell'ignotissimo
di
6, 7.

Senum

o

Saenum, supponendolo

in luogo

'Afiipayanà ikyyiùv axQov noXioTo ysvEtov,
"Evdoc

Oxenlum.

Tdqavca noiov sui 2atvQiov

^s^ccóòra.

Testa di Pallade con elmo corinzio crestato volta a destra.
R. Ercole giovane stante appoggiato alla clava con cornucopia e pelle leonina nella sin. I tipi sono simili

Cotesto tQciyog doveva intendersi essere la piantolina detta

ma

nel

da noi salsola. La quale significazione riuscendo oscura fu
allora che
il

bronzo n. 6 Swppl.
pi.

si

legge

AOIEN,

nel n. 7

AO

(cf.

Milling.
dell'

dio disse a Palante

:

io ti

ho dato ad abitare Satiai Iapigi.

11, 29).

Talvolta la linea ti-asversa

A

è

rio e Taranto,

popolo dovizioso, e tu farai danno
si

Le

omessa, come nei due numeri seguenti.
8, 9.

parole dell'oracolo omesse da Pausauia
e

leggono in Stra-

Aquila sul fulmine a destra. R. Vaso a due manichi

bene (VI, 279): ^arvQióv 101 dwxa Tàvavcàrs
oìxfjdai, xcà Tcrjjia

nel basso a destra e a sin. due astri (Mill. Suppl. 11, 10).

mova

drjfiov

Nel
astri

n.

9

l'epigi-afe

è retrograda

AO

e sta a destra,

i

due
'lanvyaaai ysvs'a&ai
golfo

mancano. L' Avellino

ne diede

imo senza epigrafe
Postosi in mare coi Partenii di Amicle fé vela verso
n. 8.
il

{Bull. T.

Vni

n. 13).

10. Nella coUezion mia. Testa di Pallade come quella del

di Crissa, spinto dal vento

;

ma

naufragò e fu un prodigio

R. Civetta di prospetto e a destra

OI

che

si

salvasse

,

preso in dorso da un delfino che lo con16

124

CALABEIA

T.

XCVII

dusse al porto (Paus.

X

e.

IS).

Falanto
ivi

ripreso

il

mare

cotesti efori,

dava

il

nome

all'anno e dioevasi perciò epo-

giunse finalmente al lido delle salsole,
i

combattè

e vinse

nimo.

È

parere dell'Avellino
sia di quest'eforo

che

il

nome

inscritto sulle

barbari Iapigi e s'impadronì di Taranto, la più grande e
ricca
di

monete
prove
:

eponimo,
il

ma

di ciò

non abbiamo

la più

quante barbare o sia non elleniche città
:

invece io osservo che

costume

di inscrivere i

nomi

abitavano sul mare (Paus. X, 50)

Tàgarza

tcòv

^ao^d-

dei magistrati sulle

monete

siasi introdotto

quando

si tolse

Q(ov ilXe nsyi'OTi.v xal £v6aij.iov&aT(ÌTip' Tcòv ini daXocaOij

a tipo la milizia equestre,

e

questo
:

mi pare che appar-

nólscov.

Vinti

e

cacciati
i

i

Iapigi gli Spartani di Amicle
i

tenga all'epoca del governo militare
sostituito al

allora lo ffTQarijyóg era

ebbero a combattere

Messapii e

Peucezii uniti in lega

BaaiXevg ;

lo che

avvenne prima della guerra
constando

coi Iapigi. Kiusciti ancor qui vittoriosi

mandarono doni a

di Pirro. Questa opinione si convaliderebbe se

Delfo cbe

li

riconobbe. Furono questi per la prima impresa

che sulle monete s'inscriveva l'eponimo
scere alcuno
degli
:

si

potesse ricono-

cavalli di bronzo e

donne messapiche prigioniere (Paus. X, 10);
contro
i

strategi;

ma
si

noi finora non ne cono-

ma
a
il

per

la

seconda
re

Peucezii,

che

erano

stati

sciamo più di tre
%vrag, e Agide,

questi sono Dinone,

Juvmv,

Archita, 'Agletti sulle

aiutati da

Opi

dei

Iapigi,
di

commisero un gran lavoro
e Caneto.

'''Ayig,

che non

sono

ancora
i

due scultori
re

Oneta

Egina

Questi fecero

monete. Spesso non uno
viati,
e

ma

due o tre sono

nomi abbre-

Opi morto disteso

in terra presso del quale posero
e

un

di essi

talvolta è disteso, che si leggono sui

l'eroe Taranto, lo
il

spartano Palante

non lungi da
ot

lui

campi della moneta. Ciò vale a provare che sono nomi di
magistrati monetali
,

delfino che

lo

aveva salvato (Paus. X, 13):

dì aìmf

ma

non

è

chiaro

se la diversità del

xsiHév(-) i(f£atrjxÓT£g ò riQiag

Tàgag, iati «al <PaXàv6og, ò

numero

sìa

apparente o reale. L'Avellino c'invita a considerare

ix AaxsSaìixovog xal ov ttoqqùì iov <PaXdv&ov deXtpig. Qui
è luogo da dimandarsi
tipo solenne del

se possa cavarsi alcun partito dalle tavole di Eraclea, dalle

come

Aristotele
è

abbia scritto che
figlio

quali

si

rileva

come ha notato

il

Mazocchi, ohe di ciascun
detta dagli Spartani),

nummo

tarantino

l'eroe Taranto

personaggio è notata la tribù
poi lo stemma, poi
il

(ò'/Sag

di

Nettuno che cavalcali delfino (Pollux, IX, 80): 'ÀQiazo«aXalOdaC
cpì]Oi vóp,iaj.ia

nome

personale: e però quando due

TéXrig iv Tjj TagavTsCt'cov noXizsCa

sono

i

nomi personali

l'un d'essi deve spiegarsi per nota ge-

nad

aixoXg

vovi-ii-iov,

ftp'

ov èvrszvnàad-ai

Tagavra tòv
certamente

nealogica dell'altro. Per esempio CE

TPinOYS (t)lAnNYMO$
figlio

IlotìsiSàvog SsXqiìvi Ì7io%ovnsvov. I

Tarantini
il

liiriYPISKil dovrà spiegarsi così: LE (nome della tribù),

nel donativo mandato a Delfo non posero a Taranto
,

delfino accanto

stemma, un tripode, nome Philonymus

di

Zopyri-

ma

presso Palante

,

e la

tradizione che narra

di Palante salvato dal naufragio per opera d'un delfino

non

racconta dell'eroe figlio di Nettuno che approdasse a Taranto cavalcando

HE KAscus, PYKEION AnOAAUNIOS IHPAKAHTA: HE (nome della tribù), stemma caduceo, nome ApoUonius Heracleti etc.
posto perciò in genitivo di dorico dialetto.

un

delfino.

Bisogna però dire che

i

Ta-

Ma

cotesta considerazione potrebbe valere se le sigle dei fossero insieme
e

rantini attribuissero a Taranto quell'avventura ohe si nar-

nomi

unite

con certa
del

dipendenza
e

e

non

rava di Palante, forse anche volendo alludere all'oracolo di
Delfo.
I Partenii trasportarono seco da Amicle
il

separate

sparse

pei campi

dritto

del
in tre

rovescio.

La monetazione
culto di Apollo
la

di Taranto

può distribuirsi

epoche
;

:

prima

arcaica coi tipi

dei fondatori della città
il

la seSijfjLog,

Giacinto, e a costui costruirono

un sepolcro (Polyb. fragni.

conda nella quale domina
la terza nella quale

tipo del popolo di Taranto,
la milizia equestre,

L. Vili,

30,2) foggiato

verisimilmente ad imitazione di

campeggia

mentre

quello che in forma di ara serviva di base in Amicle al
colosso di Apollo. Instituirono

sugli aurei sono rappresentate le imagini del culto.
zioni inferiori al

Le

fra-

anche in

suo onore feste

diadrammo

e la

moneta

di bronzo portano

solenni, tolsero inoltre a tipo nelle
G-iacinto, che rappresentarono
,

monete incuse l'Apollo
l'intese
3),
il

queste ed altre particolarità della città e delle campagne.
I

come ben
340
pi.

Duca
lira

Eomaui condussero
,

nel 631
,

una colonia

a Taranto, città
allora,

de Luj-nes (Ann. Instit.

t.

II p.

M,

con la

federata

e

questa colonia fu
n. 99), o

come

dicevasi

con-

nella sinistra e in atto di elevare

il fiore

del giacinto (ib.

tributa (Plin. Ili

sia

attribuita e

assegnata di

pag. 24-26). Il Bocchette

ammette Apollo,

ma

gli

vorrebbe

modo da comporre ima
nia Tarentum.

città sola,

che denominarono Nepl/u-

porre nella destra la pianta satt/rion [Mém. de
pag. 192),

numism.
dove
il

come per alludere

al

campo

satjjrion,
si

Le prime monete

dei Tarantini appartengono ad un'epoca

suo oracolo aveva ingiunto che Taranto
si

edificasse.

Ma
il

di transizione, siccome si fa palese dall'uso promiscuo dei

osservi che l'oggetto tenuto da Apollo colle due prime

due
il

alfabeti, l'arcaico nel quale è la lettera
si

3 con

la' i,

ed

dita e che appressa agli occhi

non è una pianta quale

più recente dove
I tarantini

trova la 1 e la ?.
vóf-wg, lex,
:

satyrion, e la cynosorchis,

il

cui valore è nella radice, sib-

chiamano

ovvero

voìi/.i^uog

la

mag-

bene im

fiore della specie dei giacinti.

giore unità di argento

questa da principio ebbe di peso
e

Non sappiamo

qual forma di governo introdusse Palante in
si servisse di

grammi
metà del

otto, nei
i'ó,«oj

tempi più recenti sette

anche

sei.

La

questa colonia. Possiamo però credere che

quella

in vece della nota di valore si riconosce al
è il tipo e
si

degli Spartani, e probabilmente vi stabilisse

un magistrato
efori,

mezzo ippocampo, che ne
rói.iog

che

si

vede intero nel

supremo

col

nome

di

BaaiXevg

e
,

i

cinque ispettori od
tarantina.

predetto.

Ogni mezzo vóiiog

suddivide in quattro
sé dieci

'come gli ebbe di poi Eraclea

colonia

Uno

di

parti ohe si dicono oboli, ogni obolo ha sotto di

T.

XCVII

CALABRIA

125

uuilà iuforiorì,
ottanta once.

che

si

dicono once

:

il

vòftog

adunque vale

che vi avessero anche arcieri a cavallo iTtnoxo^óxcci, l'uso
dell'arco e

Sappiamo che
;

in Siracusa la

maggiore unità
e il

deUe frecce
dell'eroe

è

certo

,

vedendosi
delfino (ib.
piìi

queste armi
7,

dividevasi doppiamente
e

v'era

VhcinUUrion

pentoncion,

nelle

mani

cavalcante

il

13).

La

vuol diceva che v'era doppio sistema, quello della litra e
si

corsa con

un

cavallo, rò

Inmxóv, ha

esempii sui

num-

quello degli oboli: ciascuna litra
parti e ciascun

suddivideva in dodici
della litra condelil

mi
due

(ib. 1,

4) dove anche si vede quella che si faceva con

obolo

in

dieci:

la metà,

cavalli a

cambiamento da quei

cavalieri che dicevansi

stava

di

sei parti e dicevasi

hemilitrion e la metà

cqitfiJTTToi,

desultorii (ib. 25). Questi
li

montavano sui
legati

cavalli
:

l'obolo constava di cinque parti che dicevansi once e

suo
il

a

bisdosso e

menavano

alla corsa

insieme

xcà

nome

era pentoncion. Tutto ciò l'abbiamo daAristotele,

ànifiTcnoi
,(tsj'o(

/.ih'

ol

ini SvoTv cIqtqo'ìtoiv OviSsSsixs'riai' ó^oi'-

quale nomina anche gli spezzati inferiori,

ma

non

il

tetranle

(Suid.

V.

ÌTrjrixij).

Le corse a
galoppo
si

cavallo nelle

quali

i

che però abbiamo imparato da Esichio
sti i

:

sono adunque quesSàg {^i'ìdrTiof
):,

cavalcanti

correndo

di

passavano le lampade

loro

nomi

e

i

segni: rsTgàg

::

TQ(àg

.-.

accese e dicevansi Xaiunccóoógófioi, si vedono accennate in

e òyxi'a

la litra si calcola a gr. 0,87, l'obolo a gr. 0,73.
il

A

quel solo cavaliere che porta la fiaccola accesa

(ib. 13).

Sotto

conoscere
dare
i

valore

di

cotesti

spezzati fa
i\

d'uopo guarjjentoncion ha
è

questo governo cominoiossi a coniare la dramma.
14. Nella collez. mia. Taranto sul delfino va

globetti che sono le note: e però
sei.

a destra; dietro

cinque globetti, V hemilitrion ne ha

Questo

sicuro

:

TAPAi

sotto

conchiglia.

B.

Euota a quattro raggi simidetto

che quanto al peso non che non
litra
si

è

da fidarsene, variando in guisa

lissimi a quelli dei carri

dipinti sul vaso chiusino

può

talvolta
io

esser certi se

una monetina

sia
si-

del Francois (vedine
Instit.

il

frammento dato dairHeydemann(/lnn.
D).

od obolo. Però

sostengo che non vi sono prove

1868

tav. d'agg.

cure della litra tarantina voluta dal che
si trovi

Mommsen,

fino

a tanto
sei

15-16. Nella collezion mia. Taranto a cavallo del delfino va a
destra e
si

un hemilitrion
si trova,

o sia

una monetina notata di
il

reca

un

polpo: di sotto n. 15

MQAT,

n.

16 TAPA^.
:

globetti,

come

e si è trovato
il

pentoncion.

La

R. Cavallo marino alato volto a d. di sotto

una conchiglia

moneta tarantina
oro
si

o sia

rovi.ifios sia

d'argento ovvero di
il

nel n.

15 l'epigrafe

M^AT
di

è cosi scritta al riverso.
d.

divide earualmente. L'unità masafiore u^uagrlia
attico gr. 8,73 la sua metà, o
il

di-

17. Testa di

donna diademata volta a
forma

coi

capelli

annodati

dramme
indi
il

dramma, ha
gr, 2,18,

gr.

4,34:

alla estremità in
letto,
lì.

pomo

:

dietro la testa è
d.

un globosinistra sotto

tetrobolo gr. 2,91,

triobolo

il

diobolo
l'ima-

Taranto sul delfino a
:

stende la

mano
ili

gr. 1,46, l'obolo gr. 0,73.

Le prime monete serbano

e

appoggia la destra al delfiuo

dietro

TAPA?
un

un

gine di Satyra, ninfa locale, e di Taranto o Palante sul delfino: poi

turbine marino.
18. Testa giovanile tosata a s.; alla nuca
globetto.
s.,

l'Apollo

di

Amido
giovane
:

soprannominato Giacinto.

A
il

R.

Tad.,

questi che possono chiamarsi fondatori o yaiarcd succede
SfjHog or vecchio or

ranto sul delfino colle braccia protese a
di sotto conchiglia.

TAPA?

a

non

senza ima

allusione a

nuova forma

di governo
i

la conocchia di lana e il cratere

19. Testa giovanile
in

diademata a
R.

s.

chiusa come la precedente

di vino significano

vantati prodotti del suolo tarantino.
il

un cerchio
le

rilevato.

Taranto sul delfino protende amsinistra, dietro

É
dere

ancora indizio di una nuova forma di governo
il

ve-

bedue

mani andando a

TAPA^
e

cangiato

tipo del

(fj;,«os,
(

in

quello della

milizia
(s. v.

20. Testa di donna coi capelli raccolti in

massa sul vertice

equestre.
ÌTziziy.r-),

Sapevamo da Eliano

Taci. 43) e da

Suida

diademata volta a

d. dietro

AT.

R.

Mezzo ippocampo

alato

che doppie furono le armi dei cavalieri tarantini,

volto a d. sotto conchiglia e l'epigrafe

iM
Mezzo
ip-

lo scudo e la lancia, e

due

o piuttosto tre

i

modi

di

com-

21. Nella collezion mia. Testa di donna coi capelli lunghi alla
cervice e desinenti in
'

battere. V'erano
(tav.

dei

cavalieri

armati di aste e di scudo
portavano le aste dal lato
(Aesch.

un globetto

volta a d. R.
;'

XCYIII,

8, 17, 20), e costoro

pocampo
22.

alato volto a sin. sotto

conchiglia

a d.

TAPAS
di

deUo scudo, come osserva l'Hermann
V.

VII ad Teb.

Museo
nuca
lauro.

di Milano. Testa di
e cinta di

donna coi
d.

capelli ripiegati alla

605

p.

321. Lips. 1852). V'erano di quelli, che portavano

diadema volta a

entro

una

corona

soltanto l'asta, e questi propriamente dicevansi dooavoffÓQoi,

R.

Giovane nudo Palante sul delfino colle mani pro-

assalendo

il

nemico

e

combattendo da vicino. Altri portaol
'xh-,

tese andando a destra, di sotto

una conchiglia,

dietro

MJIAT
Ta-

vano soltanto giavellotti da scagliare:

dice

Suida,
costoro

23. Nella collezione Luyues. Taranto sul delfino a destra: dietro ^flJIflT retrogrado.

dooaTiov xoòivTui, oì xaJ.ovyruL Taouvrìvoi

(ib. 18):

R.

Lo

stesso tipo incuso, dove

combattevano da lontano

o

chiamavansi dy-go^oAtozcd; e
il

ranto va a sinistra,
a destra.

e

la leggenda

TAPAS

va da sinistra

quando erano a cavallo dicevansi InnaxovTWzaC, scrive
sopranominato Suida,
Sé ToTg no),six[oig
ovf_

ot

éè fióvov àxovTi^ovaiv,
y.al

slg

ystqag

24-26. Giovane nudo genuflesso diademato volto a
nella sin. in atto di accostare

sin.

con lira

ioyovxai,

y.aXovOiv

iTrnccy.ovTi-

im

fiore aperto

agli occhi,

avcd. Costoro propriamente si appellavano tarantini, ló((og
TccqurvTivoi.

davanti 5AJIAT. R.

Lo

stesso tipo in incavo. L'esemplare
il

V'erano inoltre di

quei che portavano
;

due

24

è nella coli. Luj'nes,

25

in quella del

Dupré,

il

26

giavellotti che scagliavano da lontano

ma

venuti da presso

è nel gabinetto delle
sti

medaglie a Parigi. Tutti e tre quela

prendevano a combattere

coll'asta.
(ib.

Di queste maniere ab17).

didrammi hanno presso

mano

desti'a

a minutissime

biamo esempi

sulle

moneta

13, 16,

È

probabile

lettere

nro dal Kochette supplito mohoì'xog.

126

CALABRIA

T.

scvm

27.

Uomo
alla

barbato coi capelli lunghi vestilo di semplice pallio
sin.

Giovane nudo a cavallo di gran galoppo volto a
al ventre del cavallo
2.

d. di sotto

esomide sedendo ha nella

una conocchia di lana
volto a d. dietro

I
con un vaso a due manichi nella

nella destra
R.

un vaso a due manichi

TAPA5

Taranto sul delfino a
d.

sin.

Taranto sul delfino stende le mani a destra, sotto la

sotto

TAPAS.
il

R.

Giovane

nudo

che

agita

il

frustino

conchiglia a sin.

^AQAT
sin.

esercitando
e

cavallo.
sin.

28.

Uomo

barbato sedente volto a
:

sdraiato

l'a-

3.

Taranto sul delfino volto a

scorrendo sui

flutti

con un
d.

scella sinistra col bastone

veste

un semplice
superiore:

pallio che lo

ramo

nella sin.

R. Giovane
il

equestre

con frusta nella

involge
destra
è

lasciando

nuda

la

metà

ei

solleva

la

della quale si vede chiaro

mozzone già quasi ultimo svercapelli son le-

mostrando

la conocchia di lana: intorno al

campo

zino, che serve a fare gli schiocchi: i suoi

una corona

di lauro. B. L'eroe Palante

come nei nn. 27,
4.

gati in

un

ciuifo sul vertice alla xÓQVfi^og.

28: l'epigrafe è Idni/IITl/lAqAT 29. Giovine involto
di appoggiar
la

Collezione Sant. Taranto

sul delfino in
R.

mare tempestoso va

a

mezzo nel
destra ad
:

pallio

sedente a
e

d.

in atto

a

d.

protendendo la

sinistra.

Giovane equestre che va

un bastone

tenere colla d.
5.

a d. appoggiando la d. sul dorso del cavallo.

un vaso
fino

a due manichi
le

dietro logoro.
sin.

R. Taranto sul deldietro

Nella collezion
nella d.

mia. Taranto

sul delfino va a sin. recando
di sotto,

protende

mani a

sotto la conchiglia,

un vaso a due manichi,

TAPA5

R.

Pan-

TARA5
30. Giovane sedente

tino a cavallo coi capelli legati in

forma

di

pennacchio sul

con bastone alla

s.

e

conocchia

di

lana

vertice
le

:

davanti a destra v'è un erma d'uomo barbato, fra
del cavallo sono due spighe
di grano

nella d. B. Taranto sul delfino va a d. e protende la
sinistra

mano

gambe

sui

loro

appoggiando

al delfino la destra,

sotto la conchi6.

gambi.
Taranto assiso sul delfino in attitudine mesta, di sotto
R.

glia, intorno

TAPANTINilN
involto a
.e il

81. Giovane sedente
stra protesa

mezzo nel

pallio con nella de-

Giovane sul cavallo che va
le

di passo a sin. Egli è

nudo

un vaso

tridente nella sinistra. R. Taranto

ed imbraccia un clipeo: tra
7.

gambe

del cavallo A.

sul delfino che va a destra portando nella destra
di sotto al delfino è
ter,

un

polpo:

Nella collezione mia. Taranto sul delfino volto a destra con
arco e freccia nelle mani: sotto
R.

una conchiglia;

l'epigrafe

manca (Hun-

un

elefante, sopra
al cavallo

TAPA$

Tav.

LV

n.

7).

Giovane nudo che stando davanti

colla sin.

32. Nella collez. mia. Giovane

nudo sedente sul
che
è

pallio gittate

ne ritiene le briglie e al fantino ohe lo cavalca parla col
dito disteso,

sulla coscia

destra

alla

bestiuola

forse

un

gatto

come

chi prescrive: tra le

gambe

del cavallo

e si è levato sulle

due zampe, mostra

per giuoco e tra8.

API^Tin

dietro al fantino TV.

stullo

un bastoncello

coi lucignoli di lana intorno avvolti

Taranto sul delfino che scorre sulle onde del mare porta un
tridente: a d.
vallo

aizzandolo alla presa, mentre nella sinistra pendente perla
il

TAPA^

sotto al delfino K. R.
e

Giovane a cadi lanciotto.

^uaTQoXì'jxvdor, ossia
striglie,

un

vasellino

di

olio

insieme con
/?.

armato di galea crestata, di clipeo

una

strumenti da bagno e di palestra.

Taranto

9.

Taranto sul delfino con una conchiglia in mano, di sotto
e

TA

sul delfino a sin. con in capo
nella sin. e

un elmo
:

cristato,

una parma

TAPAS.

R.

Fantino nudo con parma e lanciotto in atto

una pianta nella destra

di sotto è

un tonno,

di saltar giti dal cavallo, sotto P.

intorno al

campo TAQAUTINil. Quella bestiuola che ho
si

10. Nella coli. mia. Taranto sul delfino con parma, sulla quale
è l'insegna di

dubitativamente chiamato gatto

è

da

me

procurato col-

un ippocampo

e

due lanciotti nella
l'

sin. so-

r aiuto

di altri esemplari che fosse al sig.

bene espressa: a me,

stiene

sulla destra a sin. FY. R.

una Vittorietta che

incorona,

dietro

come sembrò

Lenormant, pare un gatto.

TAPA5,
;

Due

giovani nudi a cavallo con semplice
la clava nella sin.:

33. Giovane sedente sul pallio

come quello

del n. 32

ma

sul

clamide svolazzante sugli omeri; uno ha
nel mezzo
(JJY in

dorso della destra

porta un uccello e nella sin.

dimessa

mon.; fra le gambe dei cavalli: KAAAIN

una conocchia
cia
è la

di lana.

R. L'eroe sul delfino a sin. imbracla destra è fuor di conio
:

11. Nella coli. mia. Taranto seduto a sin. del delfino nuotante

uno scudo beotico,
conchiglia.

sotto vi

con parma

e

tridente, dietro

TAPAS:,

sotto al

delfino A.

R. Cavallo stante volto a d. con

un giovane nudo che

sta
cli-

34. Parigi gab. delle

med. (Raoul-Eoch. Meni, numism.
sedente
involto a

p.

1,

per montarvi sopra ed è armato di elmo crestato, di peo
12.
e

IV

n.

34).
il

Giovane

mezzo
un

nel

pallio
il

di lancia a cui si appoggia: a destra è

un

h.

poggia

pie'

destro sull'imbasamento di

sepolcro,

cui

Da un
gli
sin.

calco.

Taranto sul delfino

con

capelli

lunghi

che

coperchio è di forma piramidale. R. Taranto sul delfino e

cadono sull'omero sinistro con conocchia di lana nella
e

va a

sin.

con un aplustre nella destra e la sinistra appog-

grappolo d'uva nella

d.

sull'omero destro, di dietro

giata sulla fiera che cavalca.

a destra

ANO,
un

di sotto

al

delfino

TAPAS.
un
al

R.

Giovane a

cavallo con elmo crestato, due lanciotti e
rato
di astro,

clipeo decol-l

dietro

/V\,

sotto

cavallo

e presso

Tav. XCVIII.
1.

all'orlo
e vi

inferiore

ADOAA...

Taranto sul delfino
destra ima

appoggia

la

sinistra portando nella

13. (Carelli, tav. n. 151). Taranto sul delfino col capo coperto
di

pianta a tre foglie e breve stelo (Plin. H. N.
il

una causia recando
a sin.

frecce nelle due

mani: a

destra

XXVI,

19, 62, 63) qual è

Satyrion

;

di sotto

TAPA«.

R.

TAPAS,

XP

in mon., sotto al delfino

un vaso a due

T.

XCIX

CALABEIA

127

manichi

e

A.

7?.

Giovane nudo che corre a

cavallo

por-

TAPAi.

a sin.
il

C e una lamina quadrata. R. Giovane nudo
cavallo del fantino
il
il

tando una fiaccola accesa nella d. sotto hHPAKAH.
14.

che rattiene con
d.

quale è coronato dalla

Nel museo

di Vienna.

Taranto

sul

delfino,

coronato

Vittoria: sotto

cavallo

I
sin.

tridente nella sin. e porta
allato

un vaso a due manichi nella

24. Nella coli. Lippi in Biccari. Taranto siede sul delfino che

S,
e

sotto

TAPAS.

R.

Due

giovani] a cavallo coperti

nuota a
vaso: a
il

sin.
d.

e porta

una parma nella
il

e nella d.

un

di

elmo

con clamide

aifil>biata

sull'omero vanno di ga-

TA,

sotto

delfino

P.

R. Fantino che corona

loppo a destra, nel basso

NIKYAOS.
all'

suo cavallo mentre un giovanetto in ginocchio cava l'xm:

15. Taranto sul delfino con tridente appoggiato
stro e

omero dealato
:

ghia del pie' sinistro anteriore
25. Nella coli,

davanti

(j).

parma

nella sin, insignito di

un ippocampo

mia Didrammo

foderato. Taranto sorto in piedi

avanti 01 dietro

TAPA^

:

sotto conchiglia turbine. E. Giocristato,

punta un ginocchio sul dorso del delfino

nuotante

e te-

vane a cavallo armato di elmo
lanciotti e in atto di scagliare

di scudo, di

due

nendo nella sinistra la parma
la

e

due

lanciotti stende a sin.

un

terzo lanciotto va di ga-

mano

:

ivi

TAPAS

e

lOP.

R.

Una

vittoria alata con ciiiifo
il

loppo a destra

:

sotto AAl.

di capelli legato sul vertice fattasi incontro al cavallo,
trattiene:
il

16. Nella coli. mia. Taranto sul delfino a sin. con conocchia di
lana, nella d.

cavaliere che vi sta sopra è armato

di galea

Un
:

ciuffo dei

lunghi capelli egli porta eledi sotto vi è la
clipeo,

crestata, e di

parma con due

lanciotti.

vato sulla fronte

dietro

TAPAS,
un

prua di

26. Taranto sedente di prospetto sul delfino scaglia
di tridente

un
a sin.

colpo

una nave.
ciotti e

R.

Giovane nudo a cavallo con
terzo
:

due lan-

ad un pesce che nuota fra
A.
R.

le onde,
sin.

TA-

in atto di scagliarne

sotto

TA.

PAS, a

d.

Due

cavalli

volti

a

con un fantino

17. Nella coli. mia. Taranto sul delfino a d. con in

mano una

desultor che cavalca ed è coronato dalla Vittoria, sotto 01.
27. Taranto sul delfino volto a d. con tridente nella sin. e cor-

galea fornita di visiera, paraguatidi e ad alta cresta e dietro

TAPAS,

sotto 01.

R.

Giovane nudo a cavallo con
scagliarne
e

cli-

nucopia nella

d.

dietro

un oggetto simile ad un suggello

peo, due

lanciotti e in atto di

un

terzo.

Nel

in lamina; sospeso per

un manico,

sotto

TAPAS.

R.

Pan-

campo AA,

sotto al cavallo

KAA

$1.

tino a cavallo volto a d. coronato dalla Vittoria: davanti

EYN,

18. Nella coli. mia. Taranto sul delfino volto a sin. con

un

cor-

sotto

AAMOKPIT
mare
dai quali è tutto intorno cinto
d. egli di
:

nucopia nella

sin.

e

un vaso

a due manichi

nella d.

nel

28. In mezzo ai flutti del
il

campo a

d.

un

tripode, sotto

TAPA^.

R.

Giovane a ca-

campo, Taranto siede sul delfino volto a

pro-

vallo armato di corazza in atto di scagliare
dietro

un

giavellotto,

spetto ferisce di

un colpo

di tridente
il

un pesce

a destra

ima corona

di lauro, sotto

OAYMPIS.
un

TAPAì.
mentre
tra le
R.
e

R. Fantino corona

cavallo

che trotta a destra
volo,

19. Taranto sul delfino nuotante a sin. eleva la destra con

egli è coronato da

ima Vittorietta sospesa a

oggetto a destra

1AT,

sotto

una conchiglia.

Giovane
acumi-

gambe

del cavallo AP.

a cavallo con in capo un elmo a larga

gronda

nato vestito di tunica esomide, che lancia un giavellotto.
20. Coli. Luynes. Taranto sul delfino nuotante con clamide svolazzante, con tridente sull'omero destro volto a sin. coro-

Tav. XCIX.
1.

Taranto sul delfino volto a
sin.

sin.

con una conocchia di lana nella

nato

dalla Vittoria:

sotto

al

delfino

A

a d.

TAPA^.

B.

ha

capelli lunghi e scendenti sugli omeri, e stivaletti

Giovane a cavallo armato
e di

di

elmo

crestato, e di clipeo,

ai piedi: dietro

ANO

di sotto al delfino

TAPA?

R. Giovane

un

lanciotto che porta nella destra, ha indosso la claal cavallo

nudo sul cavallo che va
sotto
il

di trotto: ei si corona: dietro i.Sl
e

mide, sotto
21. Taranto

AA.
trifale

cavallo

SAAO

un

capitello gionico sul collarino

sul delfino

nuotante con elmo

in

capo e
2.

della colonna.

tridente appoggiato sull'omero destro solleva colla sinistra
la sua clamide: di sotto è

Mia

coli.

Taranto sul delfino volto a
di tridente

sin. in atto di lanciare

un polpo

a sin.

TAPA^

a d.

un colpo

avendo la sua clamidella sul braccio

Sii

in

monogramma.
:

R.

Giovane a cavallo volto a destra
trifale,

sinistro disteso: dietro

ha una

civetta, nel busto
il

TAPA$.
suo ca-

va di trotto

è

armato di elmo

di corazza, di para-

R. Fantino che andando di trotto a sin. corona
vallo
3.
:

zonio sotto l'ascella sinistra, di clamide e solleva in
la destra:

alto

dietro

EY

tra le
sin.

gambe

del cavallo

AYKINO^
sin.

dietro

TK

in

mon.

e

un campanaceio

di

sotto

Taranto sul delfino a
ivi

con tridente nella
sotto
il

e nella d.

SENOKPATHS:.
22. Taranto sul delfino col tridente nella sin. è coronato dalla
Vittoria: alato ^E, sotto
vallo

E

e a destra

un erma barbato;
il

delfino

TAPAS
gambe

R. Vittorietta che corona
il

fantino nel
:

mentre

egli corona

TAPAS.
clamide

R.

Uomo

barbato a cadi

suo cavallo ohe trotta a destra

davanti K tra le

armato di corazza
si

e

andando

galoppo a

APl«TOKPATH?
4. Coli. Sani.

destra

volge di fronte e spande la destra mentre è co-

Taranto sul delfino a

sin.

con vaso nella

d.,

die-

ronato dalla Vittoria, ^disotto

KAAAKPATHS

(cosi) e in

mi-

tro

MY

in

mon.
d.,

R. Giovine

nudo a cavallo con palma lemni-

nutissimo carattere, a

sin. vi si

legge EFIKPA in un mono5.

scata nella

dietro

S,

in basso APISTIP, di sotto

TAPAì.

gramma

sul quale è una luna crescente.

Nella

coli.

mia.
d.

Dramma. Taranto
e Vittorietta

sul delfino a sin. con tril'

23. Taranto siede di prospetto sul delfino volto a d. e dà un
colpo di tridente ad un pesce che guizza sulle onde: a d.

dente nella

che

incorona nella
R.

sin.

da-

vanti EflIK in

monogramma, nel basso TAPA^.

Fantino

128

CALABKIA

T.

XCIX

che va di trotto sul suo cavallo verso la destra e tenendo
nella sin.
cavallo
6.

33.

Museo

di

Londra. Kuota a quattro
n.

raggi

ripetuta nel ri-

un ramo

di

palma

lo incorona

:

tra le

gambe

del
34.

verso (Poole, Catal. p. 168

68).
R.

KPITO$
di

Museo

di

Londra.

Conchiglia.

Ruota a quattro raggi

Dramma

mia

coli.

Taranto sul delfino nuotante a
d.
ali,

sin.
:

con

(Poole, Catal. p.

168

n.

69).

vaso a due manichi nella
un' aquila
liere

e tridente

nella sin.

dietro

35. Coli.

Luynes.

Delfino,

conchiglia,

M51AT

R.

Ippocampo

che spiega le
e

nel basso

TAPAS.
gambe

R.

Cava-

alato e

MSfltT.
d.,

a sin.

armato di corazza

d'elmo con palma lemniscata nella
fra
le

36. Delfino a
chiglia.

di sopra

MSAT,

di sotto conchiglia R. con-

destra va di

trotto verso la d.

del

cavallo
37.

^nKAIMNA^
7.

Coli.
la

Luynes. Taranto sul delfino volto a

d.

con in

mano

Nella

coli.

mia.

Dramma.
sin.

Ilaranto

sul

delfino

a sin. con
d.

conocchia di lana, sotto

TAPA^

R.

Cavallo frenato che
n. 324); cf.

cornucopia nella
nel basso

e Vittorietta

che l'incorona nella
incorona
il

corre ad. sopra

TA

(Carelli, tav.
1,

CXVH
d.

Mil-

TAPA^
sin.

R. Fantino che

cavallo che

lingen, Ano. coins,

18).

va di trotto a
8.

a d.

IH

tra le

gambe ^SHFENHl
sin.

38. Taranto a sin. con corno potorio nella

e

ramo

di

palma

Dramma

di

mia

coli.

Taranto sul delfino a

con oggetto
nel basso
39.

nella d. R. Conchiglia pecten (Carelli, tav.
Coli.
d. e

CXVII, 288).

incerto nella d. e tridente nella sin. dietro

HPA

Luj'nes. Taranto sul delfino volto a sin. con vaso nella

TAPA^
9.

R. Fantino che corona

il

suo cavallo stante fermo
del cavallo

conocchia

di lana

nella sin.

ad.

S

R. Conchiglia

e volto a d. a sin.

KAH

tra le

gambe

SHPAMBOS

(Carelli, n. 287).

10. Testa di donna diademata a sin. e al n. 9 con pendenti agli
orecchi.
R.
le

40. Testa di

donna volta a

d. R. Delfino,
'pl.

pesce e
10).

TA

(cf.

Raoul

Fantino che corona

il

cavallo andando di trotto
;

Roehette, Méin. de

nwmism.

I,

a d. tra

gambe

TA

e

nn

delfino

e al n.

10 un cornu-

41. Nella coli. mia. Testa di donna con chioma alla nuca, cinta
di laurea volta a d.
R.

copia a sin.
11, 12. Testa
d'ellera

Ruota a quattro raggi.

barbata e cinta
volta

di

diadema ornato

di

un ramo

42. Dalla

coli,

mia, ora nel parigino gabinetto delle medaglie.

a d. R. Civetta di fronte e

lettera

A

a d.

Testa

di

Ercole giovane coperta dalla spoglia del leone volta

nel n. 12 vi si aggiugne a d.
13. Testa di Pallade con a sin.
R.

INVANII!
mostro Scilla

a d. R. Pallade armata di elmo e di clipeo in atto di tirare

elmo

attico insignito del

un colpo

di lancia volta a sin.

davanti
Il

DK

in

mon. Questa

Civetta a sin. iQ. a d.

KNVANin
un ramo
di olivo ed

monetina mi fu mandata da Gallipoli.

Millingen ne incise
pl. Ili, n. 5.

14-19. Testa di Pallade con elmo attico ornato del mostro Scilla
volto a d.
a sin.
R. Civetta stante sopra

un

altro

esemplare nella tavola non illustrata

ha

43. Nella coli. mia. Testa di Pallade volta a d. R. Ercole fanciullo strozza
i

NEYMHNIOS,

da destra

POAY;

nel n. 15 è

H?TIA-

serpenti, a sin.
13), nell' esergo

MY

in

mon.

(cf.

Millingen,

PXO? La
EY
e

civetta sta

sopra un fulmine ed ha a destra
n.
;

Recueil.

t.

I,

un fulmine.

un bel grappolo d'uva; nel
ha a
destra

16 sta sopra un canel n.

44. Nella coli. mia. Testa di Pallade quasi di prospetto. R. Ercole che

pitello gionico ed
gli artigli

TAP

17 ha sotto
e

lottando con
alla

Anteo

l'ha sollevato

da terra
d.
(J)l

e lo

un

serpe, in alto l'epigrafe

(TA>PA(NTI)NilN
n.

stringe
tav.

vita colle robuste

braccia: a

(Carelli,

a d. iSl, essa -ha le ali aperte; nel

18 ove

la nottola e a d.

CXVI, 282).

ha davanti un ramo

di olivo vi si legge
si

TAP

lOP
il ri-

45. Nella coli. mia. Testa di Pallade coperta di aulopide crestata

nel n. 19 al dritto, che solo

rappresenta, essendo

con lacci pendenti. R. Ercole che
nel

doma

i

cavalli di

Diomede
283).

:

verso simile al n. 18, la Pallade
nel Carelli (Tav.

sta quasi di fronte, qual'è

campo TA, ed
coli.

MY

in

mon.

(Carelli, tav.

CXVL

CXY), l'elmo

è TQi'cfa^.oc, e

a

d. il

mon.

\E.

46. Nella a
sin.

mia. Testa di Minerva con elmo corinzio volta
il

20-24. Testa d'uomo ovvero di donna talvolta coi capelli tagliati
corti e volta or a destra ora a sinistra.
R.

R. Ercole ritenendo
d.

leone per la coda gii dà un

Conchiglia.
R. Delfino.

colpo di clava e; a
47. Nella
trifale
coli.

l'epigrafe

TAPA?
il

25. Testa di Ercole coperta da pelle di leone. 26. Coli. Luynes. Pennecchio di lana attorno ad

mia. Testa di Pallade di prospetto coperta del

un bastoncello

ornato del mostro Scilla. R. Ercole che ritenendo
il

dentro corona di lauro.
arch. nap. 1, Vili, 2).
27. Ippocampo: di sotto

R.

Clava ed arco (Avellino, RuU.

leone per la coda e puntandogli

ginocchio sul fianco gli

dà un colpo di clava: nel campo a destra un tripode.
48. Nella eoli. mia. Testa di Pallade
di prospetto

una mezza luna (Avellino, RuU. arch.

coperta da

nap.

1,

VII, 10).

R. Aratro e sopra

una mezza luna.
Vittoria.

un aulopide con due
strozza a destra
sotto
il

creste laterali.

R. Ercole di prospetto
s.

28. Coli. Luynes. Delfino volto a sin. coronato dalla
R. Conchiglia.

leone; nel

campo a

è la clava e

di

im oggetto simile ad ima
d.

pelta, fra le

gambe AP

in

29. Coli. Luynes. Delfino volto a d. e di sotto
R.

un Palladio

e

A

mon. a

TAPA..

Conchiglia. Britannico. Conchiglia. R. Ruota (Poole, Catal. p. 168

49. Testa di Pallade con aulopide crestata volta a sin. R. Ercole
stante che soffoca
il

30.

Museo
n.

leone, a d.la clava, a sinistra l'epigrafe

58).

TAPANTl(NilN)
un manico.
R.

81. Vaso scanellato ad
ali

Aquila

di

prospetto ad

50. Testa di Pallade coperta di semplice elmo attico volta a d.
R. Ercole di prospetto soffoca
il

aperte dentro una corona di lauro (Carelli, n. 372).

leone; a d.
la clava.

TAPANTINnN

32. Conocchia di lana, di sotto

AT.

/?.

Conchiglia (Carelli, n. 76).

tra le

gambe

di Ercole

f a

sin.

T.

C

CALABEIA

129

51. Tesla di
alato.

PaUade con elmo

attico ornato di

un ippocampo
il

cima al coperchio un
uccello
;

fiore a tre foglie

sormontate da un
fili

R. Ercole che col braccio sinistro soffoca

leone e

a sinistra una massa pendente di grossi
Oss. tav. le lettere

a guisa

coUa destra mena
t.

la clava: a sin. arco e faretra (Carelli,

di fiocco (cf Minervini,
13.

V, 4

a).

CXVI

n. 244).

Vaso a due manichi tra
corona di lauro.

Yi

R. Lettera

f

entro

52. Testa di Minerva

simQe

alla precedente
il

:

di sotto al
:

mento
in

A
14. 15.

R. Ercole coronato che soffoca e la clava.

leone a sin.

TAY

mon.

Vaso a due manichi. Vaso
lauro.

7?.

P

in

mezzo ad una corona

di lauro. di

ad

un manico.

R. Lettera

P

dentro una corona

53. ìfeUa coli. mia. Ercole quasi di fronte coperto dalla pelle
di leone e con la elava da presso a sin. R. Simile al n. 51:
di sopra (T)A, tra le

16- 18.

Due protome

di cavalli

accoppiate nel dritto e nel riaccollate nel n. 16 e al dritto

gambe

d'Ercole (p

verso. Queste sono invece vi si vedono

aggiunte due mezze lune unite dalla parte

convessa di sopra e di sotto delle due protome, nel riverso

Tav. C.
1. Coli.

n'è

un N

di sotto.

11

n.

17 pone

al dritto le

due pro-

mia. Testa di Pallade a

d.

coperta di elmo attico or-

tome
19.

accollate, al riverso le

medesime accoppiate.
dove ha a

nalo del mostro Scilla.

R. Ercole
il

aggruppato che posata la

Protome
destra

di

cavallo frenato

ripetuta al riverso

clava coUe braccia soffoca
in

leone. Sul dorso di lui si legge

un

Palladio.
:

carattere

minutissimo
(cf.

A$XO. Una

civetta posa

sul

20.

Protome

di cavallo libero al dritto e al riverso

ma

i

crini

tergo del leone
2.

Carelli, tab.

CXVI, 276).

del collo variano rabbuffati e svolazzanti sul dritto, dimessi sul riverso.
21.

Testa di Pallade coperta di elmo attico coronato di olivo volta
a sin.
R. Ercole coronato in ginocchio con la elava nella d.
il

Vaso a due manichi.
Oss.

R.

Verghe decussate

e

K

soffoca colla sin.
3.

leone.

22. (Minerv.

T. VI, 5 pag. 116). Vaso a due manichi ri-

Testa di Pallade a

d.

coperta di elmo sul quale sono distri-

petuto
si

al

riverso: nel dritto vi si legge KA: nel riverso

buiti tre fiori e nel basso presso la gronda
cole
4.

Ve im A

i?.

Er-

hanno tre globoletti segno del valore. Di qui comincia

come nel

n.

2 a
sin.

sin.

(TAR)ANTlNilN.
:

la serie delle dietro

monete portanti segni di valore.
di

Testa di Pallade a
la

con elmo ornato d'un dragone

23. Testa di

bue posta

fronte

a

sin.

X
23

R.

Vaso a due
ha un globosono cinque.

nuca

K

R.

Ercole in ginocchio e di fronte con la clava
il

manichi fra quattro globoletti. Nel
letto sulla testa di

n.

vi

nella d. soffoca
5.

leone.
d.
2.5.

bue

e i globoletti del riverso

Testa di Pallade coU' ippocampo alato sull'elmo volta a
R. Ercole deposta la clava con

Vaso

e

due manichi fra cinque globoletti. R. Ancora lau-

ambe

le braccia soffoca il

reata fra ciaque globoletti.

leone.
6.

26. Vaso a due manichi fra cinque globoletti ripetuto al riverso.
d.
fl.

Testa di Pallade con l'aulopide crestata volta a
stante in piedi e di

Ercole
si

27.

Vaso simile ripetuto

fra tre globoletti.

prospetto con

ramo pomifero

ap-

28. Vaso simile al dritto e al riverso:

ma

al dritto è in
:

mezzo

poggia alla clava, avendo la spoglia del leone suUa sinistra:
a sin.
7.

ad un globoletto, un
fra tre globoletti.

astro, e

tm cagnolino

al riverso sta

i

Testa di Pallade con elmo attico ornato di un grifo volta a
d.

29. 30. Tipo simile al precedente

;

ma

nel n. 29 sta

il

vaso fra

R. Ercole sedente sulla spoglia del leone appoggia col
si

due globoletti
n.

e

un

tripode, nel riverso fra
e

due

astri.

Xel

ginocchio destro la clava: a sin.
8.

legge

TAPANT
R. Conchiglia.

30

al dritto

ha un globoletto

un ramo,

al riverso è

Gambaro

o locusta

fi^a

due opposte lettere
piedi

>i-

privo d'ogni segno.
31. Testa di
di

9. Mensa, o sedia e tra

i

un K

e

un

ramoscello. R. Simile

donna posta di
R.

profilo e rappresentata

come

cinta

mensa

o sedia. Il Minervini avverte che in altra monetina si

serpenti.

Vaso a due manichi in mezzo a tre glo-

lesse dall' AveUino
della

TA, che confermò
113). Or.

l'attribuzione da lui fatta

bettini dei cinque che avrebbero dovuto essere a conio intero.

prima

{Oss. pag.

il sig.

Imhooff-Bl. (ilonn.
alla

32. Testa

di donna volta a destra entro

una corona composta
debbono
significare la

gr. I, 3)

ne descrive un'altra, dove sotto

mensa

o
di

di segmenti di c.erchio che di certo

sedia v'è
sotto T,

un

-T- e nel riverso di sopra la sedia,

TAPA,

pelle di capra, aegis. R.

Vaso a due manichi in mezzo a

nei lati

T— E,

e nell'esergo I.
i

cinque globoletti e sormontato da un €
e

10. Lira. R. Sedia o

mensa

fra

cui piedi

TA
I,

un

uccello che

33. Testa di donna volta a sin.

in

mezzo a cinque
:

globoletti.

batte le ali

(cf.

Imhoff Bl. Monn. gr.

2 81 gr. 0,98).
e

R. Lanterna con lacci da portarla sospesa

sta in

mezzo a

11. Conocchia di lana fra

due

astri,

una mezza luna

TA

R. Sedia

cinque globoletti.

Il

Minervini

(^Oss.

Tav. V, 4) ne pub-

forse sacra, cioè votiva, vedi la nota

alla Storia

deW arte

blica una simile, dove però alla testa del dritto volta a sin.

cristiana,
sto
gli

voL

I, t.

216. Il

sig.

Imhooff-Bl. descrive que-

spunta un corno sulla fronte e vi sono quattro globetti.

nummo

(J/onn. gr. p. 2, 4) dal
e

Museo

di Berlino, e

Nel riverso è una
betto.

piccola torre e vi apparisce

un

solo glo-

dà di peso gr. 0,81,

nota che

il

Sambon ha preso
altri

quella

n Minervini

(Oss. pag. 114) ravvisa sul dritto l'imasi

sedia che è al d. per letto;

U

Minervini ed

per una

gine del fiume Taras: e dove

vede una testa di donna

mensa.
12. Testa di

stima che sia Satura. Vede al riverso una torre, o un fero ;

donna volta a

d.

R. Lanterna che

ha di sopra in

ma

non intende a che

le tenie (p. 116) se

non sono

segnali.

130

CALABRIA

T.

C

34. Nella coli. mia. Testa di donna coi capelli alla nuca raccolti sotto la così detta opistosphendone. R.

50. Testa di donna simile alla precedente,

ma

volta a sin. con

Torre con lan:

intorno tre deliìni e davanti

TAPA
:

R. Fantino volto a d.

ternino acuminato sul quale poggia un uccello

dal

muro

che cavalcando corona

il

suo cavallo, mentre egli è corodavanti è

pendono

lacci.

Simile

a

questa

è

la

monetina data dal

nato da una vittorietta volante
le

un

delfino, .tra

Minervini {Oss. tav.
torretta.

V
Il,

n. 4(3), nel cui tipo riconosce

una

gambe

del cavallo

^A

e un'astro:

nell'esargo

TAPA$
lOP
R.

51. Testa di donna uguale a
Oss. tav.

quelle
e

dei

numeri 49, 50 volta
alla

35. (Minerrini

14, 16). Testa di

Pallade cinta di

a d. ha davanti

un

delfino

TAPA,
il

nuca

diadema, col quale ritiene raccolte alla nuca la massa dei
capelli, posta sopra la

Fantino nudo che cavalcando corona

cavallo, fra le cui

sua egida. R. Clava ed arco fra cinque
si

gambe

è

un

tripode.
alla precedente anche pel
d.

globoletti.

Nella collezione del principe Spinelli vi
Il

leg-

52. Testa di donna in tutto simile

geva TA.

Millingen nel Suppl.

pi.

1, 6,

e il

Poole nel

TAPA
due

e il delfino
d.

che

ha davanti a
e
:

R. Cavaliere che
sin.

Catal. p. 227,
Il

228

n.

33, 26 l'attribuiscono ad Eraclea. dato

galoppa a
aste,

imbracciando un clipeo

con la

armata di

Minervini che

l'aveva prima

ad

Eraclea

(1.

cit.

mentre ne lancia ima terza davanti a
al cavallo l'epigrafe

d. è

un

ful-

p.

120)

la concesse poi a

Taranto a motivo dell'esemplare

mine, sotto

APOA
due Dioscori che caval-

del principe di S. Giorgio che reca l'epigrafe

TA. Nondi-

53. Testa di donna fra due delfini volta a d.; sotto al collo vi
si

meno, ove

l'epigrafe

manca

gli pare

che
il

si

possa dare anche

legge AY, e davanti
sin.

TAPA

R. I

ad Eraclea.

Ma

egli

non considera

sistema tarantino dei

cano a
l'esergo

sono nudi e accompagnati dal loro astro: nel-

globetti, che

non ha riscontro in Eraclea.

^A
NIKOAA

36. Testa di donna simile alla precedente. R. Cinque globoletti. 37. 38.

54. Testa di donna simile al n. 53 volta a d. sotto al collo vi
si

Due mezze
R.

lune accostate dalla parte convessa fra quattro

legge AIKOAA chiaramente in luogo di
a sin.

R. I due
in

globoletti.
letti si

Lo

stesso tipo: nel
astri.

n.

39

i

quattro globo-

Dioscori, che cavalcano

l'uno pone

una corona

cambiano in quattro

capo al cavallo, l'altro porta un ramo di palma lemniscate,
dal quale pende

39. Conchiglia. R.
(Eiorelli

Euota a quattro raggi con quattro globoletti
1,

una corona:

in

alto

v' è

il

loro

nome

Mon. ined.

14).

AlOSKOPOl
55. Testa di Ercole giovane coperta dalla spoglia di leone volta

40.

Due mezze
fra

lune opposte fra quattro globoletti. R. Àncora

due mezze lune e uno dei quattro globoletti del conio
intero
tre
(id.
I,

a d.

R. Taranto con la clamidetta gittata sull'omero siniil

non
41.

19).
R. Conchiglia (Carelli,
tav.

stro e

tridente in mano, che montato in biga di cavalli
di

li

T

fra

globoletti.

CXVIII

guida a destra:

sopra

TAPANTINilN,

fra

le

gambe

n. 393).

dei cavalli SI, di sotto ai piedi
(id.

un fulmine
d.

42.

T

fra tre globoletti ripetuto al riverso

n. 394). R.

56. Testa di Ercole giovane volta a
di leone R.

coperta della spoglia
di cavalli

43.

Due mezze

lune

opposte e due

globoletti.

Conchiglia.

Taranto nudo montato in biga
sopra

con

44. Conchiglia. R. Globulo nel centro e tre globoletti intorno
(Avellino, Rull. II, 11, 9).

tridente nella sinistra: di
dei cavalli

EPPO,

di sotto ai piedi

(TA)PANTIIMilN
con capelli legati sul vertice cinta
e filza di perle al collo
:

45. Faretra, clava e T.

La

Descriptio del Carelli n.

806 aggiunge

57. Testa di donna a sin.
di tenia,

un H

a sin. e legge

insieme

W: ma

cotesto
il

H

è

omesso

ha pendenti agli orecchi

nella tavola CXVIII, onde ho io tratto

mio disegno R.

dinanzi

un

delfino e

AIAT,
d.

alla

nuca iA

Due mezze

lune opposte e due globoletti (Carelli, 383).
7?.

58. Testa di donna
cinti
al

volta a

con capelli raccolti intorno, e
filza di

46. Clava fra due mezze lune e due globoletti.

Faretra fra

da sfondone, ha pendenti agli orecchi e
davanti
si

perle

due mezze lune
47.

e

due globoletti

(Carelli, ib. n. 304).

collo:
il

legge:

TAPANTlNilN
il

R.

Taranto
s.

Mia

collezione.

Due mezze lune

in contrario ed

un globo-

cavalca

delfino a sin. portando

tridente nella

e

un

letto al dritto e al riverso del peso di gr. 0,20 (Car. ib. 487).

delfino nella d.; a destra

TAPA^,

di sotto hK

48. Tutti cotesti aurei sono stati presi da
collezioni. Testa di
alla

me

a calco in varie

59. Testa di Pallade coperta di aulopide crestata e ornata con
grifo volta a
d.

Nettuno coronata
ali

di lauro, volta a sin.;

R.

Taranto

con pallio svolazzante e
d.,

tri-

nuca N<

R.
d.

Aquila che con
davanti vi
si

aperte poggia sul ful-

dente nella

sin.

montato in biga di cavalli va a

in alto

mine volta a
si

legge

TAPANTlNflN,

e

vi

una

stella.

rappresentano due stelle e due anfore: di sotto

al ful-

60. Testa di

Pallade

come

al

n. 59,

davanti

TAPANTINilN
spalle

mine NIKAP
49. Testa di donna ornata di sfondone, di orecchini, e di collane con legger velo
gittatole

R. Taranto su biga di delfini a d. dietro le
alto

i in

TA
nuca N< R.
a
d.,

sopra.

È
R.

volta a d. ed

ha

61. Testa laureata di Apollo volta a d., dietro la

davanti un delfino e alla nuca

un E

Nettuno velato a
il

Aquila sul fulmine

ad

ali

spiegate

volta

intorno

mezzo del
vanti
il

pallio,

sedente con in

mano

tridente ha dalui
le

TAPANTINAN,
62. Testa laureata di
a d.

a d.

S,

di sotto al fulmine

lA
delfino e

piccolo Taranto, che leva verso di

mani:
a
è

Apollo

a

sin.

davanti
il

un

^A,

è volto a sin.

ed ha davanti l'epigrafe

TAPANTINUN
un
h

TAPAè

R. Ercole che

combatte

leone a colpi di

destra una stella sotto la sedia

K

e fuori

Taranto

clava, arco e faretra a sin. e in basso h

nudo, salvo un piccolo pallio tragittato dietro le spalle.

63. Testa di donna descritta

al n.

58 volta a

d.;

alla

nuca K

T.

C[

LUCANIA AUSTEALIS

131

B. Taranto sedente di fronte con rocca nella d., sulla quale è

15. Coli.

Imhoof-Blumer. Fulmine
due mezze lune

fra
e

due mezze lune
astri.

e

TA.

avvolta

la lana,

e

un cerchio

forse di lana filata nella

R. Clava fra

due

sin.;

in basso

un

delfino, a d.

TARA?.

64. Testa di Ercole giovane coperta dalla spoglia di leone a d. R. Taranto con tridente nella sin. e orciuolo nella d. cavalca
il

HEEACLEA
Nella
ol.

delfino a sin. di sotto

TAPA^.
n.

LXXXIV,

4. (u. e.

316)
i

il

popolo di Siri misto

65. Testa di Pallade
R. Civetta

come

al

60 volta a

d.,

davanti N(.

di Tarentini e Turini si stanziò fra in quel

due fiumi Siri ed Aciri
(u.

ad

ali

spiegate sul fulmine e a destra
capelli
raccolti

APOA.
d.

luogo dove nella

ol.

LXXXVI

321) fu fondata

66. Testa di donna coi

in

ceroMo volta a

dai Tarentini e Turini una colonia che chiamarono Eraclea
e le diedero

davanti KA.

7?.

Vaso a due manichi

e intorno

TAPAN.

per emporio

e

navale l'antica Siri situata a sole

67. Testa del sole di fronte coronata di raggi. R. fulmine e
di sopra,

TAP

tre miglia (Diod. sic. XII,

36 ; Strab. VI, 264 Liv. Vili, 24).
;

AP
il

di sotto.

Plinio potè
di sopra

perciò

credere

che Eraclea fosse

una volta
scrive, che

68. I tipi medesimi,

ma l'epigrafe
la

TAPAN, di sotto APOA.
di

chiamata
Siri

Siri,

mentre Antioco presso Strabene
di

Notò già
quelli di

Millingen

somiglianza
di

questi tipi con

non solo cambiò
sito

nome chiamandosi
N.
Ili,

Eraclea,

ma

una monetina pur

oro

del re Alessandro di
7).

anche di

(Plin.

H.

11):

Heracha aliquando
S^votsqov

Epiro {SuppL

aux

Considerai, pi. 11 n. 56 pag.

Siris vocitata.

(Strabo,

VI,
xccl

264): ^HqàxXeiav
rovroj.iK xal

xhjBTp'ai f.ista^aXovGciv
storici

ròv tÓtiov. Gli
Siri

non dicono quale dei due popoli trasportati da

Tav. ci.
1.

inEraclea predominasse,
d. R. Vittoria volta

ma

le epigrafi e i tipi delle

monete
dominò

Testa di G-iove laureata volta a
tando un fulmine:

a

d.

por-

eracleesi dimostrano che se negli oboli primitivi vi
il

TAPANTINAN.
un grano
d.
:

dorico dialetto dei Tarentini

col
il

tipo di Ercole, vi fu

2. Simile testa, di dietro

di orzo. R. Vittoria con in

poi preferito nella maggiore unità

culto di Pallade
;

im-

mano una corona va a
3. (Carelli n. 398).

ivi

TAPANTINilN.

portatovi dai Turini, che erano Ateniesi di origine
la testa di Pallade figura sul

sicché

Simile testa. E. Vittoria che adatta un plisin.

dritto nei tetradrammi, disoli; e

peo ad im trofeo di armi: a
4.

TAPANT.
un
trofeo
di

drammi
armi
il

e

dramme, Ercole nei didrammi

vi tiene

Testa simile. R. Vittoria
stando a pie' di esso
il

che

incorona
:

posto del rovescio. Nelle
è l'uccello di Pallade. Il

dramme

vi si vede la civetta

clipeo

a

sin.

TAPANTINillM.
d. e

che
pili

nome

dorico degli Eracleesi è in

5.

Taranto sul delfino con vaso a due manichi nella
copia, nella sin. va a sin., di dietro

cornu-

modi

scritto: vi si legge
:

l-HPAKAEnN, FHPAKAElilN

TAPAN.

R. Conchiglia.
d. R.

1-HPAKAHIilN

il

che

si

spiega dai grammatici nel primo
altri

6.

Testa di PaUade con aulopide crestata volta a
che volto a
sin.

Ercole

esempio per la soppressione della soggiuntiva, negli

soffoca

il

leone: a d. la clava e

TAPAN.

due per mezzo della dieresi in ^HgaxXsiog

e della ectasi in

7.

Testa simile alla precedente, dietro spiga di grano. R. Ercole
assiso sulla pelle del leone appoggiando la sin. alla clava

'HQaxhjiog (Theognost. 11, 57). Questo esempio non fu noto
all' Ahrens
,

laddove raccoglie
pag.
192).

i

dorismi degli Italioti (De

stende
nico
:

la

destra

con im bicchiere [foculum) senza mae IK, forse

dial.

dor.

Nella

epoca

primitiva,

dal

321

a

sin.

TAPANTINilN,

Ixaìog (=: Elxaìog

al 351, Eraclea

emise

soli oboli

d'argento sul cui dritto

nel dorico dialetto (Ahrens, De dor. dial. 184).
8.

pose la testa di Ercole o di Pallade nel riverso poi l'Er-

Nella coU. mia Testa simile alla precedente

n.

6,

ma

sul-

cole che soffoca

il

leone. Questi oboli si

distinguono per
valore di spidi che
e negli

l'elmo è ima sfinge. R. Ercole assiso sulla pelle del leone

l'alfabeto anteeuclidèo dove la lettera
rito e

H ha

con clava nella

sin.

e pocolo nella destra, a sin.

TAPANi

però

si

legge

HE
non

iniziale

di

HEPAKAEIA:

TiNAN.
9.

nella seconda epoca
n.
8,

v'è

esempio nei didrammi

Tipo simile a quello del
lacci che

vi sono però

ben espressi

spezzati inferiori, che sono
l'unico aureo.

dramme,
di bronzo

dioboli ed oboli e nel-

annodavano
8,

la

galea sotto al mento. R. Ercole

Le monete

hanno

inoltre alcuni
:

come

al n.

ma

l'epigrafe è scritta di sotto,

TARANTI,

tipi che dinotano la fertilità del suolo in grano e in vino

10. (Avellino, Bull arch. nap. 1, Vili, 11). I tipi sono simili

vi si è

anche significata la potenza marittima

rappresen-

a quelli del n.
e disotto

9,

ma

al riverso
si

manca

l'epigrafe

TARANTI,

tando un Trifone armato di scudo, di lancia e difeso dall'elmo (tav.
difeso

ad Ercole

legge IKAIOS, che può tenersi per
iniziali si

CU,

12), ovvero di tridente in luogo della lancia

iatero vocabolo le cui
11. Nella coli. mia. e a d.

due prime

sono lette nel n.

7.

dallo scudo e a capo

nudo

(ib. 11).

Credette

il

Mil-

Vaso a due manichi
R.

e da piedi

TA

a sin.
diitto,

lingen, che l'uno fosse Glauco e tenne per muliebre l'altro
e lo disse Scilla [Considér. n.

un bucranio.
mezzo a due

Vaso simile a quello del

114,113)

e ricordò

la favola

ma
13.

in

astri.

cretese e gli amori di Glauco con Scilla, e la magica tra11, 12). Polpo. R. Conchiglia.
R.

12. (Fiorelli, Osserv.

numism.

sformazione di costei operata da Circe:
la riputata differenza di sesso nulla.
fi-a i

ma

io sostengo,

che

Nel Museo

di

Parma. Metà del Pegaso.

Pro toma

di

due mostri non v'è per
di

cavallo frenato e davanti. T.
14.

Al Eochette parve pure quel mostro

sesso fe-

Museo
TA.

di Vienna. Coppia di delfini che vanno a d. di sotto

minile,

ma

opinò, che in esso vi fosse personificata Eraclea
gli

R. Conchiglia.

{Mém. numism. pag. 230). Io ne ho davanti ambedue
17

132

LUCANIA AUSTKALIS

T. CI

esemplari di mia collezione ben conservati, e non iscorgo
in essi quella differenza di sesso che dovrebbe cercarsi nel

23. Testa di Pallade con

elmo

attico ornato del

mostro
il

Scilla.
:

R. Ercole che avendo allato la clava soffoca

leone

a d.

petto rilevato. Il Carelli pertanto così lo ha figurato nelle

hHPAKAHIilN.
24. Testa di Pallade con elmo attico ornato di

sue tavole. Quando
i

le città

greche fecero alleanza contro

un ippocampo.
soffoca
il

R.

Lucani

e

i

Messapii in questa città fu stanziatala sede

Ercole ginocchione
sopra a
sin.

colla

clava

nella

d.

leone:

delle assemblee:
trasferì
il

ma

Alessandro

il

Molosso nel 423 ne

HPA, a destra EY.
elmo
trifale

seggio alle rive dell'Acalaudro, o sia sui confini di

25. Testa di Pallade di prospetto con

ornato del

Eraclea e di Turio: I Lucani possedettero Eraclea dal 427
fino al

mostro Scilla armata di lancia. R. Ercole stante colla pelle
leonina sul braccio sinistro armato di arco e di clava
:

481, nel qual anno la protezione dei Eomaui ne la

in-

liberò, ed essa

rimase loro di poi fedele nelle varie vicende.
seguì la
divisione
dello

torno hHPAKAHlilN.
26. Testa di Pallade simile a quella del n. 25. R. Ercole stante
di prospetto appoggiato alla clava con

Eraclea nel sistema monetale
statere in seste, poi

del didramma.
e

Alla

dramma che ha
civetta si

cornucopia e leonsin.

per tipo la

testa

di Pallade

al

riverso la

tèa nella sin., vaso da bere nel

campo a

e la

leggenda

assegnano gr. 3,72; 3,11. Le monetine ambedue con l'epigrafe HE, pesati dal Carelli (Descriptio nn. 37, 83) di gr.
27.

hHPAKAEinN

a destra.
simile a quella del n. 23. E. Ercole stante
e di arco

La dea Pallade
armato di clava

0,72

;

0,92 appartengono alla

prima emissione

e

possono
recente
il

come

nella

moneta del

n.

25

è

tenersi per oboli battati in quella emissione

piti si

coronato dalla Vittoria.
28.

nella quale per

brevissimo

spazio

di

tempo

adottò

Nel Museo Britannico (Poole,

Calai, p.

230

n. 44).

Acino di

sistema del didramma, della dramma, dell'obolo e dell'emiobolo (Poole, A Calai. 230, 44). Della

grano sul quale poggia una civetta. R. Aratro e sopra hHPA
pesa gr.
2, 26.

dramma abbiamo
gr.

notizia

dal Mionnet, gr. 3,72 e dal Thomas,

3,11

{Hist.

de la
del

29. Parigi, nel G-ab. delle medaglie. Testa di Pallade con elmo
corinzio ornato di

monn.

I,

p.

298). Il
il

Sambon ne
peso.
tra
i

cita

uno

soltanto,

un

grifo.

R. Ercole sedente volto a

d.

quale anche ignora

appoggia la
le

sin.

alla clava e recasi la destra al

mento in

L'arte che è la piìi bella

monete

della

Magna

atto

di

pensare:

davanti OlA, a

sin.

HHPAKAHlilN. Pesa

Grecia ne invita a conoscere
certe

nomi

degli artisti,

ma

in-

gr. 2, 14.

ne sono

le

regole.

Il sig.

Alfredo

Von

Sallet (Die

30. Testa di Pallade con
cresta,

galea

attica

trifala

ornata di bella

Kunsllerinschriften

auf Griechischen

il/wnseji, Berlin,
il

1871)
scritto

messa quasi
il

di prospetto. R. Ercole

armato di clava

ritiene per tali EY(t)P ed

APIST03EN0?,

primo

soffoca

leone

:

a sin. FHP.
volta

sul listello dove poggia Ercole leonticida (Tav. CI n.
l'altro inciso ivi

35),

31. Coli. Liiynes.
tico ornato di

Testa di Pallade

a

d.

con

elmo

at-

medesimo
(ib. n.

e

al dritto

sulla cresta delsi

un
il

grifo.

R. Ercole
sopra

ginocchione armato di
fra le

l'elmo di Pallade

34).

A

questi

nomi parmi
due

possa
sotto
i

clava strozza

leone,

HPAKAElilN,

gambe

aggiungere
il

APISTOAAAAOC

scolpito in
38,, 39).

nummi

di Ercole EY, nell'esergo

una spiga

di grano.

braccio destro di Ercole (ib.

Sembra che

ma-

32. Testa di Pallade con

elmo

attico ornato del
iì.

mostro Scilla

gistrati

monetali abbiano preso d'ordinario posto alla nuca

volto a
soffoca
d.
il

d.

davanti
:

A0ANA.
gambe

Ercole

deposta la clava

della Pallade, o sul
diversi quei, che

campo

del riverso, e che da costoro siano
sigle,

leone

fra le

di lui vi sta

una

civetta, a

non in monogrammo, né in

ma

piìi

hHPAKAHinN.
di Firenze.

distesamente

si

inscrivono,

APl^TOFE
I, 4),

(ib.

40);

AFASlnome
di

33.

Mus.
R.

Testa di Pallade simile a quella del
n.

n. 30.

AAMI
un
volto

(Milling. Syll. suppl.

pare piuttosto

Tipo simile a quello del

32 l'epigrafe
;

è

hHPAKAEilN.
n. 2).

eroe;
si

A0ANA,
legge,

è invece

nome

della dea innanzi aleni

34. (Imhoof-Blum. Griech. Miinz. p. 2 Taf.

LIV

Testa di

come AAAAATHP
;

nelle metapontine sta diinscriversi altri

Pallade coperta di elmo attico crestato e adorno del mostro
Scilla: sulla base della cresta si legge
il

nanzi al volto di Cerere

e

come sogliono

nome API4T03Efronte strozza
il

ed

altri

nomi

degli dei.

NOi
e a d.

dietro

alla

nuca A.

R. Ercole

di

16. Testa di Ercole barbato con la spoglia di leone volto a d.
E.

leone: sulla base dove poggia è di nuovo scritto

APIS:T03E

Leone che va a

d.

sopra 3H.

HPAKAElilN.
dove

Il

Millingen ne descrive uno di sua colsi

17, 18. Coli. mia. Testa di Ercole giovane con la spoglia di leone.

lezione

nel dritto
il

leggeva AFASIAAMI.

(Consid.

R. Leone che va a

d.

sopra

HE ovvero EH come
\m

nel n. 18.

pag. Ili), e ne dà

disegno

nel Supplément. pi. 1, 4).

19. Testa di Pallade con elmo attico ornato di
cole che soffoca
il

grifo.
d.,

R. Er-

Cotesta moueta passò di poi a quanto pare nel
tannico,

Museo Bri-

leone avendo la clava nella

sopra HE.
il

ma l'editore

(Catal. 321, 45) vi

ha

letto

AfASlAAM.
giovanili a

20. Coli. mia. Tipo predetto. R. Ercole
leone, sopra HE.

aggruppato soffoca

La

testa del dritto rassomiglia nelle fattezze

quella di
35.

QaQQayÓQag
pi.

dei Metapontini.

21.

Da un

calco.

Testa di Ercole barbato come al n. 16. R.
il

(Imhoof-Bl. Choix,
di
E.

Vili

n. 2,

54; Mon.

gr. p. 2, 5).
il

Testa

Ercole che soffoca

leone avendo allato la clava : intorno

Pallade a

d.

sull'elmo è un grifo, sotto
il

mento

è
:

un

?.

mPAK.
22. Testa di Ercole giovane volta ad. R.

Ercole soffoca
si

leone avendo da presso la clava
sin.

fra i

Leone che corre a

d.

piedi

legge EY(t)P, a
1.

Hni3A>IAqH.

I sigg. L.

Sambon

sopra 3H.

(Imhoof-B.

cit.)

e

von Sallet in altro esemplare hanno

T. GII

LUCANIA AUSTKALIS

133

letto

EYctA

e il Sallet

tiene

che

questo EYcl)P sia

nome

dal

Sambon [Monn. de

la presqu' ile ital.

1870

p.

287,9)

di artista (Die Kunsterlinscliriften,

1871 pag.

53).

non mi sono

finora occorsi.

La
in

testa della Pallade è di fronte

36. Testa di Pallade con elmo crestato e adorno dell'ippocampo.
7?.

e a sin. vi si legge
4.

APlf

due

linee.

Ercole strozza
a destra

il

leone avendo deposto a sin. la clava

Coli.

Luynes. Testa di Pallade con l'egida annodata al collo ma
vento di

e l'arco:

si

legge HPAKAElilN.

.sollevata dal

modo che
come
ci

le fa

quasi

da nimbo.
le foglie al-

37. Nella coli. mia. Testa di Pallade con elmo corinzio ornato
di

Ella è coronata di lauro,
terne e

dimostrano
a

un

grifo volta a d. dietro la

nuca UH.

R. Ercole presso
sin.,

guarda a

d.

R.

Ercole volto

sin. assiso

sulla
il

un'ara accesa con spoglia di leone e la clava nella
pocolo nella d.

un

pelle di leone appoggia la sinistra alla clava ed

ha

po•

Nel campo

a d.

un fulmine.

colo nella destra distesa,

non sempre espresso dagli
il

editori;

38. Simile pei tipi alla precedente e per l'epigrafe

APISTO-

a
il

s.

HPAKAÉlilN. L'hanno pubblicata
il

Eochette,

il

Luynes,

AAMOS, ma

divisa in tre linee

;

della leggenda l-HPAKAElilN

Millingen,

Miuervini,

il

Poole. Ninno però ha finora
si

rimane soltanto KV.
39. Testa di Pallade di prospetto con galea trifala
Scilla sulla fronte
:

notato che l'egida è annodata attorno al collo, onde
e il

leva

mostro

spinta dal vento e gli fa
p. 226,

da nimbo.

Il

Poole

(A

Calai.

al lato

sinistro

HPA

in

mon.

R. Ercole
il

15) le dà

una corona

di olivo,

ma

l'Avellino che
la

stante

presso

un' ara
sin.

accesa

con la spoglia di leone,

descrive una monetina del

E. M. Borb. nel Catalogo
si

cornucopia nella
la clava;

e il pocolo

nella d. avendo da presso
in

cinge di alloro, ed alloro è sul mio disegno, dove

ve-

da

sin.
Il

API^TOAAMO?,

due

linee,

da destra

dono chiaramente le foglie alterne non opposte come sono
quelle dell'olivo. Sono dunque due
conii diversi.

Hi5.HA>IAim.

cornucopia piuttosto che rappellare la vit-

Eimane

toria di Ercole su di Nesso,
sider. p. 113, 114),

come stima

il

MUlingen {Condall' Ache-

quindi sodisfatto

il

dubbio

del

Minervini, che per altro
il

parmi dinoti quella che portò

la dice coronata di foglie
e l'ulivo

quantunque poi noti che

lauro

loo a cui

ruppe

il

corno che le Ninfe raccolsero e riempit.

sono piante convenienti alla dea delle
della pace.

arti, della

rono di pomi e di frutta. L'Avellino pubblicò (Opus.
tav.

II
5.

guerra

e

11, 4)

un simile nummo, sul quale
quincunce,
il

gli io

parve fossero
fra
l'ara
e il

Testa di Pallade di prospetto con in capo
fronte
il

il trifale

e sulla

espressi cinque E in

dove
di

mostro

Scilla. R. Civetta sopra

ramo

di olivo volta

braccio di Ercole, ho letto

nome

Aristodamo.
corinzio
in
alto
7.
6.

di prospetto;

a d. clava con NI di sopra ed l-HPAKAHIilN.
sin.

40. Testa di Pallade volta a destra

coperta di elmo
alla

Testa di donna diademata volta a
e a d.
8.

R.

Spiga di grano

adorno di un grifo

e

crestato:

nuca

KAE

(l-H)PAKAEinN.
avendo da presso
d.,
il

API^ToHE.
leonina
sin.

R. Ercole di prospetto con cornucopia e la pelle

Coli. mia. Pallade appoggiata all'asta

nella sin. appoggia sulla clava la destra ed ha a
e l'epigrafe

clipeo sta davanti un'ara accesa con patera nella
lo

presso

un bucranio

hHPAKAElilN.

scudo è

il

groma agrimensorio,

del quale l'Avellino scrive
il

(fl.

M. Borb. IV,

XXX,
R.

2),

che è un simbolo
Ercoli

quale deve
e

indicare una

face.

Due

con clava
sin.,

pelle

di

Tat. cn.
1.

leone nella sin. e pocolo nella d. volti a

nell'esergo

Mia

coli.

Testa di PaUade con elmo
:

corinzio ornato

del

mPAKAElilN. Quivi
sti

stesso

l'Avellino afferma, che di que-

mostro Scilla

alla

nuca

K.

R. Ercole di fronte appoggiato
di leone sul braccio sinistro
:

Ercoli ninno ha detto che siano due.

Ne
5
,

parla di poi
6

aUa clava con arco
a sin.
il

e pelle

nella Epistola de

numo Rubastinorum
figura
gr.

p.

opinando
lo

pocolo e accanto alia clava

AOA,

a d.

hHPAKAHlilN.
si

che
si

la

duplice

dinota

il

doppio

valore,

che

In altra simile moneta, ove alla nuca di Pallade

legge

prova dal peso di
è

7,80 paragonato al
gr.

bronzo n. 9
è

HPA
v'è

in

mon.

al riverso a sin.

di Ercole,
il

che
sig.

si

corona,

dove l'Ercole
il

xino e
il

pesa

3,66.

Questo

ancora

un cornucopia,
gr.

e

sopra APNiAS:, e
avverte
11) letto

Imhoof-Bl.

parer mio.

Ne

Cavedoni fu cauto abbastanza quando
p.

(Monn.

p. 2, 10)

che

fu

dal

Sestini {Mus.

oppose {ad Carelli tab.
n.

68) che

il

nummo

della Descriptio

Fontana, III
e

tav. I,

erroneamente
p.

(1)A-PY0AC

72 inciso nella Tab. CLXIII

n.

53 con un

solo Ercole
:

dalKochette
p.

{Lettre

au due de Luynes

41

et

» M.
conii.

era della stessa grandezza di quello che aveva due Ercoli

Schom,

88), EVcfìAC,

e posto fra gli artisti dei la precedente,

perocché doveva insieme notare che
il

il

Carelli gli assegna

2. Testa di Pallade a d. vi si legge
è

come

ma
di

il

nome che
come
si-

peso di gr. 3,69, che è incirca la
il

metà

dell'altro

col

hHPAKAElilN.

R.
il

Ercole

fronte

doppio Ercole

quale pesa

gr.

7,80. Il parere

del

Ca-

nella

moneta precedente,
una

ma

pocolo è a d. e dalla

vedoni fu che questi

due Ercoli

fossero

due

simulacri,
si

nistra
3.

vittorietta levatasi a volo lo incorona.
alle

perchè
è
9,

il

vero tenuto in conto di Palladio non

discer-

Testa di Pallade simile

due precedenti,

ma

l'elmo

nesse.
10.'

di più decorato da una corona di olivo. R. Ercole di fronte

Testa di Pallade con elmo corinzio cinto da corona di

con la pelle di leone sull'omero
si

e sul braccio sinisti-o.

Egli
colla

olivo volta a d. R. Ercole con pelle di leone e clava nella
sin. e
coli,

appoggia alla clava con

la

mano

sinistra,
sin.

mentre

pocolo nella

d.,

intorno HHPAKAElilN.

Il n.

10 nella
attico

destra da se
d..

medesimo
di sotto

si
il

corona: a
piede e

HPAKAEIIIN:
I e

a

mia con

tipi simili,

ove Pallade

ha un elmo

NEilN:

fra

la clava 0.
3,
li),

nomi

laureato ha pari la leggenda l-HPAKAElilN e dietro la testa
di Pallade

AEilN

letto dal sig.

Lnhoof-Bl. [Monn. gr.

AKilN

uno scudo che ha nome

di pelta.

134

LUCANIA AUSTEALIS

T.

cn

11. Testa di

PaUade con galea
armato
di

corinzia volta
e

a d.

R.

Nel

n.

Ciò pure dimostra che non

si

tratta di

prima fondazione

16 tritone

clipeo

di tridente: di dietro

è

ma
i

di rimpianto

;

e così

potranno interpretarsi e comporsi

una luna crescente. Nella collezione mia
dente porta la lancia.

in luogo del trisi

dissensi degli antichi scrittori.
I Metapontini erano certamente in fiore nella cinquantesima

Nel

n.

11 veste

corazza,

copre

coU'elmo, porta scudo e la lancia. Di sotto questo mostro
Ti
si

olimpiade, quando avendo stretta alleanza coi Crotoniati e coi
Sibariti oppressero e distrussero Siri, appropriandosi
territorio, a tal ohe Stefano potè scrivere che fu
il

legge

hHPAKAElilN.

11

Millingen
il

stima

che

sia

suo

Scilla (Consid. pag. 114>.

Vedi

proleg. p. 131.

un tempo
fj

12. CoU. mia. I tipi sono gli stessi,

ma
1.

nel riverso

il

mostro

in che

Metaponto denominossi

Siri

:

MstanóvTiov

nqÓTe-

marino

(dal Mill. creduto G-lauco

cit.)

è coperto di

elmo

Qov 2ÌQig. Sorse quindi l'idea nei moderni che vi furono

crestato e porta lo scudo e la lancia.
13. Nella coli. mia. Testa di

una volta due Metaponti, e così nella edizione Aldina
di fronte

di

PaUade posta

con pallio

Strabene

si

trova corretto in tmi' MszanovTiùiv

un luogo

abbottonato sul petto, coperta di trifale e armata di asta.
B. Trofeo di armi, corazza, elmo, gambali, clipeo e pugnale;

che nei ms. è tov Mstcittovtwv.

Ma

quel testo è giunto

a noi lacunoso, e altro non deve dire, se non che, essere
state

intorno IHPAKAElilN.

due

le città, l'una

più vicina a Taranto, cioè Metala

14. Carelli,

tab. CLXIII, 60, Testa

di Ercole giovane coperta dalla

ponto, l'altra piìi lontana, cioè

Siritide (v.

Cramer ad

pelle di leone volta a d.
15. Nella coli.

R. Clava, faretra ed

hHPAKAElilN.

Strab. VI, 264). Metaponto nell'anno I della olimpiade

LXIX
terri-

mia. Mezzo cavallo volto a d. R. Civetta sopra

accolse Pitagora

(lustin.

XX,
i

4):

ma

dopo fu distrutta
il

fulmine
e

e in alto

HPA. Non par

dubbio

clie

la

civetta

dai Sanniti (Strab. VI, 264),
torio in

quali ne lasciarono
ol.

U

cavallo alludano a
coli.

Nettuno e Minerva.
di

abbandono:
minacciando

onde nella
dire

LXXII,
,

1

Temistocle
.

16. Nella

mia. Vaso ad uso

mescere

e

però

ad un

poteva

ad

Euribiade

che

andrebbe

manico ba grossa pancia

e striata.

R. Spillone con

diadema

cogli Ateniesi a ripopolar Siri la quale era degli Ateniesi

mitella e con cilindro desinente alle due estremità in altrettanti cappi, per adattarla ai capelli.

ab antico, perchè

1'

oracolo aveva detto che doveva essere
:

Per

questo cilindro si

fondata da loro (Herod. Vili, 62)
2i'gtv ifjV sv 'iTciXia fJTrsq

rj/^ieìg

.

.

xof-usv/jisd-a sg

paragoni la mitella e

il

cilindro

d'oro trovato nella

ne-

i^i.isTSQr]

ré èati ix TiaXaiov

sn
Del

cropoli di Cere (Canina, Etruria mariUima,ta.Y.
17. Coli. Imhoof-Bl. Clava
fra fra
le lettere

LIV

fig. 1).

xal tÙ lóyia Xéyei
resto
i

xm

rjixéonv

avxi]v Stiiv xria&ìjvai.

IHPA.

R.

Fulmine

Sibariti la rimpiantarono

chiamando

gli

Achei circa
16, Antiopiìi

due

stelle.

l'olimpiade

LXXXH,
1.

(Diod. Sic. XI, 90; XII,
cit.

18. Testa di Apollo

laureata volta a d.

R. Faretra, clava ed

ch.

ap.,

Strabon.

VI, 264). Di

questa

recente

arco

;

di sopra

un avanzo

di leggenda UH. In
si

un

esemj)lare

Metaponzio dicevano essere originario quel Metaponto, che
dalla serva Menalippe ebbe

della coli. Santangelo vi

legge IHP.

un

figlio di

nome
questi

Beote.
fatti,

19. Coli. mia. Testa di Ercole coperta dalla pelle di leone an-

La "monetazione metapontina conferma
ché dopo
l'ol.

peroc-

nodata

al collo.

R. Arco, clava e

faretra

con

l'epigrafe

le

monete incuse,
si

la

cui

fabricazione precede
stile

IHP

di sopra dell'arco.

LXIX, non

hanno monete di

arcaico,

ma

della

pili bella arte

simile a quella di Turio, città fondata presso

METAPONTUM
Le
origini
di

che all'epoca di cotesto

novello

rimpianto, e a quella dì

Eraclea dedotta dai Turii e dai Tarentini all'uscire della

Metaponto sono

incerte. Dioevasi

fondata

ol.

LXXXVI. Qua!
il

fosse

l'alfabeto

dei Metapontini nella
le

dai Pilli reduci con Nestore dalla guerra di Troia; a loro
si attribuiva
il

prima epoca

fan chiaro le

monete ed ora anche

due

XqvOovv Osgog mandato a

Delfo. Allega-

epigrafi di recente scoperte nel suo territorio

{Not. degli
il

vasi per
i

novella prova la

pompa

funebre, èvayiaanóg, che
:

scavi 1882 p. 119, 120). L'alfabeto posteriore è
euclidèo.

comune

Neleidi celebravano in Metaponto

il s.

cui
v.)

nome

primitivo

La

colonia di Achei aiutata dai Turini capitanati

dicevasi essere stato Alybas (Sleph.
ricordata anche
Ttàhg.

che pare essere
. .

da Cleandride Tanno 313 sostenne una guerra cogli Enotrii
e coi Tarentini al

da Esichio, ove scrive, "AXv^ag ogog
i

.

ìj

termine della quale fu stabilito che
Siri,

i

Ma

altri fra

quali è lo storico Antioco dicevano che

Turini coi Tarentini abitassero insieme in
fosse

ma

questa

era stata fondata da

Metabo

il

quale le diede
il

il

uomo

di

tenuta per

colonia

tarentina.
la

All'epoca del vecchio
di recente di

Metaponzio
che
si

e costoro

additavano

sepolcro di lui r^Qcòov,

Dionigi possiamo
nelle

assegnare
ci rivela

moneta

venuta

vedeva nella

città.

Eforo scrive, che Metaponto deve
di Crissa (ap. Strab.
1.

mie mani, che

una confederazione

Meta-

la sua fondazione

aDaulio tiranno

cit.).

ponto con Caulonia, della quale terremo conto parlando di
questa città dal tiranno Dionigi distrutta.
Il confine di

Altri l'attribuiva ad
lustin.

Epeo

di

Foeide (Aristot. Mirab. 116;

Meta-

XX,

2,

1). I

Metapontini seguitavan la tradizione,

ponto fu dal lato orientale

il

Bradano

:

i

Tarentini fabbricata

che

li

diceva dedotti da Leucippo (Strab. VI, 263), la cui
essi di fatti rappresentano sulla loro

Eraclea, le aggiudicarono Siri

come suo navale ed emporio
Lucani fra
l'ol.

imagine

moneta.

Ma

(Diod.

XIV,

100). Intanto

i

LXXXIV

e

eglino fanno

pompa anche

di

Tarragora

e di

Agesidamida, che
conduttori di

LXXXVI
il

(u. e.

309-317)

si

mostrarono

ai confini dell'agro

però è d'uopo supporre che siano stati
colonie rivelatici dalle

altri

turino e guadagnate alcune battaglie ne invasero in parte
territorio.

monete

e rimasti ignoti alla storia.

Fu

allora che

i

Metapontini

avranno stretto

T.

CU

LUCANIA AUSTEALIS

135

alleanza con loro

e

coniata la

moneta

colla leggenda

AOYKA;
in

Dionigi
a. u.

il

giovane per opera

di

Timoleonte

(01.

CIX, 2

l'avranno anche

fatta

con Turio, di

che fan fede le due

411), e ben a ragione, sapendosi che cotesto Dionigi

monete
(t.

coi tipi delle
n.

due

città e l'epigrafe

AYK

mon.

vessò ed oppresse le colonie greche dell' Italia, fra le quali

CXXIV,
S'

1-3).

dovette di certo essere anche Metaponto.
cipale era quello di Cerere
e

Ma

il

culto prin-

ignora quando Metaponto cadde in potere dei Sanniti,

di Apollo di ohe si

hanno

ma
di

è certo

che costoro vi dominavano
I

ai

tempi della guerra
città
fin

più prove nelle monete.

Pirro.

Koniani

s'

impadronirono di questa

La

bella sua imagine è
si

sempre
il

distinta dalla corona di

dal 482.

ma

essi la trovarono trasformata in sannitica, sotto

spighe e vi

legge talvolta

nome
di

AAMATHP

di dorico
si

la cui dominazione

deve

essersi

introdotto

l'uso dell'ars

ed eolico dialetto. Sui rovesci
l'intera imagine di Apollo

alcune monete

vede

grave con l'alfabeto sannitico, del quale abbiamo un saggio
nella

coll'arco

nella sinistra abbas-

moneta fusa

di sistema semissale

con l'epigrafe MIETA,

sata e

un ramo

di lauro

nella

destra accanto ad

un

ara.

H1ET, di che vedi la tav.
di certo gli asiatici

LXVI

3-6, ove gli elefanti sono
Italia la
e

È

questa un'imìigine della statua di Apollo Pizio ohe ebbe
in

da Pirro mostrati in
;

prima

un tempio
però
era

Metaponto (Plutarc. de Pythiae oroc); prima
in

volta nel

473

(Plin. N. H. Vili)
al

di

modo che

per questo

posta

una

della

piazze

framezzo

ai

lauri,

motivo e per riguardo

peso ridotto se ne può approssi-

quando

lo spettro di Aristeo

Proconnesio dimandò che gliene
e l'ebbe

mativamente
ponto.

fissar l'epoca.

Qui ebbe

fine la zecca di

Meta-

fosse drizzata

una accanto,

(Hend. IV, 13) avendo

risposto l'oracolo che all'apparizione prestassero fede.
di

Que-

Or

quanta

utilità

siano

le

sue

monete s'intende

sta

imagine di Aristea mi pare
(tav.

si

possa raffigurare in una
il

se consideriamo che non vi sono rappresentate soltanto le

moneta

CIV,

3),

che sembra ritrarne

volto.

Posero
si

imagini,
i

ma

di piìi alle imagini vi
si

vi si

vedono spesso dati

inoltre da presso ad Apollo

un lauro

di bronzo,

che vi

nomi

proprii di esse, e

leggono talora quei degli
si

vedeva circa la olimpiade CVI (Athen. Dipnoscph. XIII, 83).
Aristea vi era venerato col
'ÀQKTzaìog (Pindar.

artisti

che le hanno incise. Quanto alle tradizioni

conferma

nome
v.
il

di

Giove Aristeo, Zsìig

ciò che Antioco siracusano scrisse,

quantunque Strabene non
il

Pyth.

IX

110-116),

come

fra gli
:

se ne mostri convinto, (VI, 265) essere stato Metabus

primo

Arcadi, e Servio ne assegna

perchè {ad

Georg. 1, 14)

nome

della città, eambiato poscia in

Metapontum,

e si suol

Apud Arcades prò
liler

love colitur,

quod priinus ostenderit qua-

citare qualche moneta, che scrivendo

METABO

ne conserva

apes reparari debeant, e questo culto durava tuttavia
della dominazione romana, attestando Celso
il filo-

memoria. Joxiìó'' 'ArrCoxog

tì]v

nòXiv Ms-canóvTiov eiQtja&ai
(s. U.)

al

tempo

Trgórsoor MsTcciSov, nceoioro^ào&m S'yarsgov. Stefano
dice che
i

sofo epicureo che v'era,
tal
e.

quantunque scemato

di molto, a

barbari cambiarono
il

il

Msrànovcov

in

Méta^oc,

ma

che ormai nessuno
Cels. L.

il

riconosceva per Dio (ap. Origen.
ì'ti

pare

il

contrario e

Salmasio (in Plin. exercit.) dà ragione ad

HI, 26): tovtov ovSsìg

vo^witfi

dsóv. Pal-

Antioco, dove anche deriva Metabus da Mevajìà, cioè
^ai'vio e tiene

Meva-

lade ed Ercole non
divinità piii

mancano

sulle sue monete, essendo le

che Melapontum non è greco,

ma
1.

Metaponche vi fu
cit.).

comuni nelle

città

Achèe:

ma

una epigrafe

tion.

Nel che parmi s'inganni: perocché
di

è certo

metrica di recente trovata nel territorio metapontino dà ad
a questo eroe
degli scavi
il

un greco uomo

nome Metaponto
ciò

(Strabo,

Non

glorioso appellativo di re,
p.

FANAX

(Not.

dobbiamo con tutto
alcuni che
in

passar [tanto innanzi da dire con
si

1882

119, 120).
in riguardo alla riparal pari di

su quella moneta

rappresenta la testa
si

La Pallade onoravasi precipuamente
tizione dei

dell' eroe fondatore.

Ciò non può esser vero, se

avverte

campi e però

le

si

dà per simbolo

che in

tal

caso

il

nome avrebbe dovuto

leggersi accanto
si

Cerere
Il dio

(tav.

CV,

14, 15)

il

groma agrimen^orio

(tav.

CVI,

I).

alla testa

non sul riverso della moneta, ove
:

legge

il

nome

Ammone

e il figlio Dionisio protettori della pasto-

della zecca

poi in altra

moneta

(Carelli

.tav.

CL

n. 40) la

rizia sono figurati sulle

monete
l'

e

dovrà forse perciò essersi
al tesoro

testa è di donna.
Il

dai Metapontini
e tentò

mandata

imagine di Endimione,

Millingen credette Metaponto di origine etolica

di Elide (Paus. VI, 19, 8), piuttosto perchè pastore che per

trasformare. Metabo nella etolica Metapa, allegando perciò
i

aver egli insegnato

il

corso

della luna.
dall'altro,

Metaponto ebbe
però più discosto,

giuochi celebrati in onore dell'Acheloo (Considérat. p. 19).
ciò

da un lato
il

il

fiume Casuento

Ma

può stare senza una

tal derivazione.

Perocché se

i

Bradano.

Il

bue androprosopo che
il

vi si

vede su due sue

Metapontini ne fossero derivati avrebbero
fiume come
si

effigiato

questo

monete non
da uomo con

è l'Aoheloo,
le

quale in Metaponto fu figurato
;

vede nelle monete degli Acarnani e degli

sole corna bovine

deve dunque dirsi che
si

Eniadi in forma di bue a testa

umana

:

essi invece

il

figurano
il

sia il Casuento.

La monetazione

di

Metaponto

rende anche

da uoiQo con testa munita di corna bovine:
culto dell' Acheloo era diffuso per tutto e
i

e inoltre

singolare per le epigrafi apposte alle imagini, che le dichiarano,

Metapontini ne

come
degli

si

è

detto,

ma

anche perchè
dei
conii.

ci

conservano

i

avevano special motivo possedendo vastissimi campi frugiferi.

nomi
dei

artisti

incisori

Sono

nomi

degli

Poi da Metapo
e

o

Metapa non
si

si

derivò che

Msia-

EAEY0EPIOÌ, AAMATHP, APOAAilN,

degli eroi condut-

ncào:

Msranusvc, uè
Giove

poteva derivare MetuTiuvciog
ci fa

tori del popolo.

AEYKIPPO^, OAPPArOPA?, AfASlAAAAI-

MercijTovTtvog II

EAEYOEPIO?

dedurre

che

àag sono personificazioni NIKA,

hOMONOIA,

YflEIA, sono
artisti

anche Metaponto festeggiasse la cacciata da Siracusa di

nomi dei magistrati ASKAAPIOC, BilClOC, degli

136

LUCANIA AUSTRALIS

T.

CU

API^T03E(ras), KI/V\nN, HPAKAEIAH?. Sulla testa
rere loosta
eli

di

Ce-

27. Coli. mia. Spiga

di

grano in rilievo. R.

Spiga

di

grano

prospetto

si

legge in un didramma ^ilTHPIA,
Il

incusa. Pesa gr. 0,35.

che pare dovesse indicare publiche feste.

Cavedoni opinò

28, 29. Il n. 28, Coli. Dupre';

il

29

Coli.

Luynes. Aoheloo in figura
e

poter essersi detto in forma dialettica invece di
e allegò in confronto il

SilTEIPA
di Caldi

d'uomo a testa barbata con corna ed orecchie bovine, nudo
di prospetto, porta

KoQia per Kóga negli inni
non mi sembra giusto. Su

una clamide richiamata
sin.,

dalle spalle sulle

limaco

:

ma

il

parallelo

un

braccia e pendente, la canna nella
destra: intorno
si

una patera
R.

nella

didi'amma con la testa di Cerere di prospetto, in alto fra
i

legge

N0A03A
pi. 1
n.

AvPEAOIO.

Spiga di

gambi

delle se
la

spighe che la cingono

si

legge FOSIA.

È

grano, a
il

d.

AT3W\, a

sin. locusta.

Nell'esemplare del Luynes
21
;

dubbio
vero
si

dea fosse così venerata in Metaponto, ov-

Millingen {Anc. coins,
5),

Suppl.

aux

consid.

vogliano in tal

modo
i

indicare

i

suoi misteri che

p. 1 n. 2 p.

che l'ebbe prima, e lo
lettera
il

die' inciso,

prese

tenevansi dalla gentilità per
sulla terra.
Il

più sacrosanti e venerabili

per

delfino

la

E

di

H0AO3A
pi.

e

lesse

H0A<3>A

come aveva

letto

Luynes (Metap.

I n, 13).

Non
il

è

sistema monetario di questa città nella età prima è
achee,

pertanto ivi che una imperfezione di conio. Però
itifallico

verso

quello delle colonie

che

si

compone

della unità,

additatoci da Pr.

Lenormant come
p.

composto di

gr. 8,20, del terzo, gr. 2,70, del sesto gr.

1,36, del dodi-

tre trochei (Revue,

1866
Il

96,

97),

trova
{Oss.
il

un

ostacolo
cita

cesimo, gr. 0,68. Coniò di poi
del peso di gr. 15,81, e

il

distatere o

tetradrammo

nuovo
la

e

non previsto.

Minervini
Fiorelli,

p.

123)

lo statere,

che può considerarsi

moneta pubblicata dal

ove

fiume

è rappre-

come un didramma,
tre

trovandosi, sebbeu tardi, dei pezzi di
i

sentato col corpo
tav. I n.
(t.

umano
8),

e la intera testa taurina

(Man. ined.
del
Carelli

grammi

e

frazioni,

quali

perciò sono la metà dello

10
n.

p.

e

ricorda
il

quella

simile

statere e quei di

gr.

1,94; 0,77 che ne fanno perciò la

CLYIII

149).

Ma uè
l'

Fiorelli, uè il Carelli videro

sesta e ottava parte.
Il

mai una
126) opinò che l'O sia iniziale di

tal

moneta. Essa

è

stata
il

così

pubblicata

dal

Minervini

{Oss. p.

Magnan,
perciò
vi

e

da

lui

ha presa
il

Carelli. L' Eckhel, che

o^oXog in una monetina d'argento della collezione Sambon.

riconobbe

Minotauro,

non

altri

cita,

che

il

Ma

il il

Sambon, che nelle Recherches 1863 pag. 138
peso di gr. 0,82
:

n.

21

le

predetto Magnan.
30, 31. Il n. 80 da

non
di

definisce poi qual
lui nel

nome

le si

un

zolfo di Odelli. Testa barbata coperta di

debba.
p.

Ben però
443)

il

figlio

Cat.
il

Borghesi (1881

aulopide volta a

d.,

sopra

AEYKIPPOS:,

alla

nuca un cagno-

39

n.

la dice

un

obolo, e cita

padre

(tav.

XIX

lino sedente e volto a sinistra, a sin. R. Spiga di grano, a d.

n. 8) nelle

seconde Recherches.

Ma
8

poi

in altro Catalogo

META
vi è

a sin., uccello
d.,

colle ali aperte sopra

una

delle foglie
coli,

stampato in

Eoma

(1883

pag.

n.

69) la dichiara dioil

della spiga a

sotto AMI.

Nel

n. 31

ohe è nella

mia,
si

bolo, e vi omette ogni segno di

O, mentre

Sambon padre

omesso

il

cane e invece dietro alla nuca di Leucippo

gliene

dà ben

due: Téle
i

de

taureau entra deux O.

È

legge AMI, e al riverso è

MET

a sin. e a d.

im fulmine.

Il

dunque chiaro che

due

OO
il

non possono in una mone-

Eiccio dice di aver avuta una moneta simile a questa,
col

ma
al

tina di gr. 0,82 dinotare

diobolo, e però l'O neanche

nome «che

ei

crede del magistrato,

HPAKAEIAOY

può

dirsi iniziale di ojìoXog.

lato della lesta e

META

al riverso.

20. Coli. Santangelo. Spiga di grano in rilievo e
R.

/^ETAHONTS

32. (Carelli, 115). Testa di Leucippo coperta di aulopide volta

Spiga incusa.

lesse
fra le

META
due

e

È quell'esemplare sul quale l'Avellino POnS e stimò che fosse moneta [di alleanza
Metaponto
Gli stessi
e Posidonia.
tipii,

a

s.

R.

Una

spiga di grano e sopra

META. Al

lato sinistro

v'è un'altra

spiga per sbalzo di conio impressa in
essa fu poi impressa una

parte
clava

città

fuori del cerchio; su di
è

21. Coli. Borghesi.
vi è inoltre

ma ma

l'epigrafe

META

e

per contromarca. con

Il Carelli

ha stampato
parallele

n.

115 un didramma
11

una locusta in

rilievo

e al riverso lo stesso

due

spighe uguali
72)

e

al riverso.

Eiccio

insetto

egualmente in

rilievo,

a solo contorno.

{Reperì, p.

scrive di aver posseduta

una moneta del

22. Coli. mia. Gli stessi tipi dei due
l'epigrafe è

numeri precedenti,
forma

ma

modulo
laureata

10,

sul cui dritto era la testa di Giove barbata e
e al

TETAP

con

l'

I^ di singolare

arcaica.
sinistro.
di

ad.

riverso due

spighe e da ciascun lato un

23. I tipi medesimi, con l'epigrafe /^ETA, sul lato 24. Coli. mia. Coi tipi

Dioscoro a cavallo e

META.

A me

non

è avvenuto di trovisitati.

medesimi

vi

è al dritto
d.

una testa

vare né l'una né l'altra nei musei da
33. CoU. Santangelo (Imhoof-Bliimer,

me

montone

in rilievo a sin. e

ATS'A a

Mann.

gr. p.

5,

21,

pi.

25. (Carelli, tab.
fra
(cf.

CXLVII
R.

23,24; Descr. 27,28). Spiga in rilievo

A,

2).

Testa giovanile

con accenno di peli
sin., il

alla gota:
vi
si

è

due cerchi

Acino d'orzo fra due cerchi in incavo

coperta di aulopide e volta a
accanto,

suo

nome

legge

Carelli, tab.

CXLVII, 23,24,
gr.

Descriptio

n.

27,28).

OAPPArOPAS,
ONA.
Il sig.

dietro la nuca K. R. Spiga e

META:

Questa monetina pesa da

0,667 a 693 {Car.), da 67 a
i

nel basso
si

Imhooff-Bl. nota che le sigle K ed

ONA

74 (Samb.).

Il

Cavedoni dice che

due cerchi possono

di-

ripetono su quelle monete che portano la testa di Leucippo,

notare gli oboli,

ma

vedi appresso.
R. Testa di
gr. 1,10

che però
l'altro

sono contemporanee
si

:

stima inoltre che

1'

uno e

26. Coli. mia. Spiga di grano in rilievo e /v\ETA.

nome

appartengano alla testa che accompagnano.
vera lezione di questo

montone incusa. Dei miei due esemplari uno pesa
l'altro

Egli anche ha data la
trascritto nel Catalogo,

nome mal

gr.

1,20.

OAPPA? APE^?

T.

CHI

LUCANIA AUSTKALIS

137

34.

Coli.

Odelli.

Testa di Giove laureata volta a
R.

d.

davanti

presume che

il

nome APISiTH

sia

intero,

mentre può assai

EAEYOEPKOS).
ranocchia a
d.

Spiga di grano a
altro

sin.

sulla foglia
si

una

bene compirsi
11. Testa di

API4THTOS.
con opistosphendone
d.

META. In

esemplare

ha

la testa di
al riverso è
;

donna

fregiato

di

gemme
vi
si

Giove laureata volta a
la spiga a
d.
e

d., alla

nuca un fulmine,
di laui'O, e

con pendenti e collana volta a

Dinanzi al

volto

in

alto

un ramo

KAA
KA

a sin.

legge A>IIH. R. Spiga di grano e a sin. un
a d.

pomo

granato,

METAPOIM.

n

Carelli (tab. CLIII,
e

94) cinge la testa di
d.
:

METAP0NT10(N.)
quale

(Cf. Poole,

CotoL 256,141).
cinta
di

Giove di una corona di quercia

legge a

il

Pio-

12. Coli, Imhoof-Bl. {Monn. gr. 16). Testa di donna

relli {Moti. ined. tav. Ili, 5) opina,

che

i

Metapontini così co-

un diadema

sul

sono

le

foglie

di

olivo ed

è le-

ronato rappresentino Giove a riguardo delle origini loro etoliehe e
il

gato con nodo alla
grafe NIKA.
R.

cervice: sul
di

taglio
:

del collo è l'epi-

Cavedoni annota che può
e

riferirsi

anche alla alleanza
{ad
tab.

Spiga

grano

a

sin

META,

a

destra

con Pirro
CLIII, 94).
35. Parigi. Gah.

Alessandro di Neoptolemo

Carell.

una pera.
13. Nella coli. mia. Testa di

donna diademata con pendenti in

delle medaglie.

Testa di Cerere
lucertola e

coronata di

forma
al

di calatisco,

spighe

volta

a

sin.

davanti una
sin.

AAMATHP
a d.

coUo volta a

R. Spiga di
la foglia

granerà
e a

sulla foglia

un

granchio, di sotto

che ha figurata
lettere
in

ma non così intesi nel disegno, e monile sin. A destra vi si legge il nome dell'artista l'iniziale A assai grande e il rimanente delle
R. Spiga di grano e

APXIP

destra granchio,

APXin

META.

minuto Pl?To(HENOS).

META
14.

a d.
mia.

Nella

coli.

Testa
il

simile alla precedente: sul

taglio

del collo vi si legge

nome medesimo APISTO(SEN02:).

Tav. CHI.
1.

R. di Vienna.
d.

Spiga e a

d.

META.
{Catal. 247, 74). Terzo conio dell'artisi

Museo

Testa di Cerere cinta di una

corona

di

15.

Nel museo britannico
sta

spighe volta a

R. Spiga di grano sulla cui foglia riposa

medesimo,
del

il

cui

nome AP12:T03E(N0S)
fronte
della

legge sul

un
2.

uccello: a sin.

METAPON.
di

taglio

collo.

Sulla

donna qui espressa

CoU. Dupré. Testa
e adorna del R.

Leucippo coperta di aulopide cristata
d.
:

rimane un

M

da un altro conio insieme con alquante ari-

mostro Scilla volta e

davanti

AEYKIPPO$.

ste della spiga: onde è facile dedurre che sia l'iniziale di

Due

spighe di grano, a d. E, nel mezzo SI.

META.
n.

R. Spiga e a d.

META.
donna diademata volta a
di artista.
si

3.

Nella

coli.

Luynes

se ne conserva

im esemplare che reca
2.

16. Nella coli. mia. Testa di
al collo si legge

d. dietro

sul dritto la testa di R.

Leucippo simile a quella del

KIMilN nome
di

R. Spiga e a d. di

Due

spighe di grano, sopra
"a

META,

sulle foglie a

sin.

(M)ETA.

Un

artista

nome Eifiav

ha su

alcune

una formica
4.

d.

una locusta.

monete nobilissime
n.

di Siracusa (Poole, Catal. Sicihj p.

175

Coli. mia.

Testa di Cerere posta di fronte con capelli sparsi
R.

199, p. 176 n. 201, p. 177 n. 208).

e coronati di spighe.

Spiga di grano: a

sin.

META,

a

17. Testa di Cerere coronata di

spighe a

d.

R. Spiga: a

sin.

destra bucranio sulla foglia e di sotto
5.

AoA.

META,
R.

a d. astro.

Nella

coli,

mia

foderata. Testa di Cerere velata e coronata

18. Nella coli. mia. Testa di Cerere coronata di

spighe volta
insetto

di spighe

con pendenti e collana. Innanzi

AAMATHP.
in

a

sin.

R. Spiga a sin.

META

a d.

il

Mantis,

vol-

Spiga: a d.
6.

META
i?.

e in basso

KAA.
di

garmente detto cavallo delle streghe.
spighe:
alto

Testa di Cerere

di prospetto coronata

19. Nella coli. mia. Testa di Cerere coronata

di spighe volta
sin. pis-

SlilTHPiA.
7.

Spiga, e a

s.

META.
alla precedente,
n.

asin. davanti

HA.

R.

Spiga, a d.

META

ed YA, a

Da mia
grafe

impronta. Testa simile

ma
6.

l'epi-

side,

frilillum da giuoco.
;

sembra essere

:

hOSIlA. R. Simile al
e di

20. Testa di Cerere con collana e pendenti volta a sin.
stile,
il

davanti

8.

Testa di Cerere messa di prospetto
alla d.

assai bello

groma agrimensorio

e

AAM(ATHP).

R. Spiga e a d.

MET.

AM.

R.

Spiga

di grano,

a sin.

META

a d. testa

21. Nella coli. mia. Testa di Cerere coronata di spighe coi capelli sciolti e fluttuanti alla cervice
;

di bue.
9.

a d. AaI. R. Spiga,

Museo Britannico
capelli cinti
e

{Catal. p. 244,591).
sottile,

Testa di donna

coi

a

sin.

META,

a d. aratro sulla foglia e di sotto

MS.

da ima tenia
collo, è

ha pendenti agli orecchi
e
le
si

22. Nella coli. a sin.

mia. Testa di Cerere coronata di spighe volta
sin.

monile al

volta

a

s.

legge

davanti

R. Spiga, a

META,

a

d.

uccello sulla foglia,

hOMONOlA.
10.

forse aquila.
{Catal. p. 245,62). Testa di

Museo Britannico

donna volta

23. Nella coli. mia. Testa di Cerere volta a d. cinta di largo

a d. coi capeUi cinti

da stretta tenia

rialzati e legati alla

diadema
sorio. R.

e velata a mezzo, davanti

ha

il

groma agrimen-

cervice
di
sia

:

sotto
e

il

taglio del collo si

legge hVriEIA. R. Spiga
Sallet dubita, se Hygiia
I,

Spiga e a

d.

META

che continua a sinistra scri-

grano

META

a d. Il sig.

Von

vendo erroneamente
24. Nella
coli.

PIONT
R.

in vece di

PONTI.

nome

di dea,

tale essendo

VAthena Hi/gia (Pausan.
di

mia.

Testa di donna diademata con pendenti
Spiga e a
sin.

29, 1;

Vin, 358), ovvero

se

nome

una

donna,

come

all'orecchio a

sin.

METAPONTINHN,
stretto

APISITH, che abbia inciso
p. 53).

il

conio {Die Kunsterlinschriften

a d. foglia di oliera. 25. Nella coli. mia. Testa
di

A me

pare strano un tal supposto, e vie più perchè

donna cinta da

diadema

138

LUCANIA AUSTEALIS

T.

CIV

legato alla cervice, con orecohino a tre stalagmi o sia gocce
volta a destra E. Spiga, e a destra

12.

Nel Museo Britannico

(Catal. p. 243, 51).
si

Ercole

stante

META.
i

coperto dalla pelle di leone

appoggia alla clava facendo

26. Nella coli. mia. Testa di donna cinta da sottil nastro più
volte fino al vertice, ove sono raccolti
capelli in
foglia

colla patera libazione sopra un'ara che è a sin.,

m

alto è

un gruppo
sin.

posto

un

teschio di montone.

R.

Spiga e

META.

a guisa di xQÓ^vlog.
la

R.

Spiga, sulla
d.

che è a

13. Testa del

Dioniso

figlio

di

Ammone

con corna di ariete
il

cima

di

un

frutice,

a

METAPON.

volta a d.

R. Spiga e

META. È

singolare
effigie

Duchalais che
di

27. Nella coli. mia. Testa di donna coi capelli raccolti nell'opi-

prende questa

testa

imberbe per

Arne ninfa

stospliendone volta a d.

R. Spiga, a sin.

METAPON,

a d.

trasformata in pecora da Nettuno, suo amante {Revue
fr.

num.

una

foglia di quercia.

1852

p.

340,

341).
n.

28. Nella coli.
volta a d.

mia. Testa

di

donna

cinta di largo

diadema

14. Nella coli. Borghesi. (Catal. tav. I
n. 423).

423). (Catal. tav. I

R. Spiga, a sin.

(M)ETAPO,

a d. foglia di vite.

Cinque acini di grano intorno ad un globetto:

negl'intervalli

/«ETAP.

R.

Spiga e

META. Nella

coli.

Sandal

tangelo bassi

un esemplare

di cotesto
n.

nummo

edito

Minervini (Oss.

num.

t.

VII

12): questo differisce dal

Tav. CIV.
1.

nostro in ciò che l'epigrafe del dritto è retrograda
[Catal. pag.

HATB

'^.

Maseo Britannico
lauro volta
a

250, 92).

Testa coronata di

Un

esemplare simile a quello del Borghesi

è nel

Museo

d.

Sul taglio

del collo v'è scritto
coli.

POA

e

Britannico (Catal. p. 242 n. 45).
15. Nella coli. Borghesi (Catal. tav.
I,

nell'esemplare parigino della
la nuca v'è

Luynes,

POAV;

dietro

n. 423).

Testa di Er-

un

i..

R.

Spiga di grano

META

a d. e a sin. una

cole simile a quella descritta n. 10. R. Spiga, a d. locusta,

civetta che vola.
2.

a sin. /^ETA.
16. Simile testa di Ercole del n. 15.
foglia è
R.

Coli.

Luynes. Testa giovanile con lunghi capelli cinta di un
e decorato

Spiga

e

META.

Sulla

diadema ricamato a meandro
sotto al collo fn
3.

da foglie dilauro
sinistra.

:

un

insetto.

R. Spiga e

META

a

17. Coli. Santangelo. Apollo
:

con l'arco
i

nella sin. e

la destra

Coli.

Santangelo. Testa

giovanile

volta

a sin. di terzo con

appoggiata alle reni porta
tice e

capelli raccolti e legati nel versi

capelli crespi e coronata con foglie di edera: a destra vi
si

guarda a

d.

stando fra due rami di lauro che
R.

pie-

legge

MOA,

forse

UOhOitOi.,
[Oss.

artefice. Il

Minervini vi

gano come per

fargli corona.

Spiga e a

d.

/y^ETA.
R.

ha

letto invece

KAA

num.

pag. 123 tav.

VII

n. 13).

18. Testa di Pallade con galea corinzia volta a d.
d.

Spiga, a

R. Spiga e sulla foglia
4. Coli.

un

serpe, di sotto 01.
s.:

META,

a sin. civetta sopra la foglia della spiga con le

mia. Testa- cinta da doppia corona di olivo volta a

ali aperte.

Una moneta
nella tav.
il

pei tipi

similissima
n.

a

questa è

alla

nuca ^T. R. Spiga e MET.

Il

Minervini (Oss.
è già

p. 124),

incisa da

me

CXXIII

25, perchè invece di

dice rilevarsi ad evidenza che

non

corona di foglie,

META

porta

nome

dei Lucani,

AOYKA. Ma

essa

può

ma una
al capo.
5.

o

due trecce

di capelli che si ravvolgono intorno

ben essere coniata dai Metapontini confederati, prima che
cadessero in potere dei Lucani.

Coli.

Luynes. Testa giovanile coronata di laurea volta a

d.

19. Civetta sopra

un ramo
a
d.;

di

olivo volta a
il

d.;

dietro

Ì.Ì.

R.

R. Spiga.
tal.

Un

esemplare simile del Museo Britannico (CaIl

Spiga a

sin.

META
R.

sulla foglia

groma agrimensorio.

250, 94) ha sul taglio del collo PAP, e sotto t.

Poole

20. Spiga e papavero che porta la capsula sullo stelo priva dalle

nel testo legge

^PAY. Sul

riverso a d. si legge

META. Que-

sue foglie.

Spiga e groma agrimensorio
R.

:

nel basso M.

sto dissenso dell'editore dal disegno ne avverte che nulla
si

21. Testa di Apollo laureata a sin.
di grano: fra

Tripode

e a sin.

spiga

può decidere,
calco.

e

neanche se veramente
in atto di

vi sia ivi scritto.

mezzo META.
di
il

6.

Da un

Apollo sedente

sonare la cetra ha

22. 23. Testa di Cerere coronata

spighe.

R.

Due
tipo,

siHghe e

di dietro l'epigrafe

APOAAHN,

assai

logora, dinanzi un
a d. locusta.

a sin.

META.

Il u.

23 ripete

medesimo

ma

se ne

alhero di lauro.
7.

R. Spiga, a sin.

META,

distingue per una sola spiga.
24. Testa barbata con

Apollo stante in piedi con un ramo di lauro nella destra e
l'arco nella sin.
R.

corna arietine

volta a d.

R.

Spiga fra

Spiga e

AT3M
ma

a

s.

xm vaso
ha in mano
foglia.

a due manichi e una civetta che poggia sopra la

8.

Apollo come

è descritto al n. 7

oltre all'arco

ancora una freccia stando davanti ad un'ara. R. Spiga, locusta e

25. Testa
e

giovanile

con corna

arietine

volta

a d.

R.

Spiga

META.

L'ara è più intera in un esemplare del pari-

META.

gino gabinetto delle medaglie.
9.

26. Nella coli. mia. Tipo descritto al n. 25

ma

volto a

sin. R.

Testa giovanile con lunghi capelli coperti di aulopide senza
cresta volta a d., alla nuca i.
foglia,

Lo
27.

stesso tipo

META,

e

sulla foglia

una

locusta.
il

R. Spiga, civetta sopra la

Lo

stesso tipo ohe al n. 26. R. Ercole strozza

leone avendo
11, 2 pagi 6),

A0A,

e

sin.

META.

dal lato sin. la clava. II Millingen (Supplem.

10. Testa di Ercole giovane coperta della spoglia del leone volta

avverte che Metaponto
rare dì culto
il

è la sola città,

cui sia piaciuto ono-

a

d.

R. Spiga, a sin. mosca, a d.

META.

dio

Ammone.

11. Ercole stante nudo con la clava che appoggia all'omero destro.

28. Nella coli. mia. Testa di Pallade con aulopide senza cresta.
R. Spiga, a sin.

R. Spiga e

META

(Magnan,

Misceli,

t.

III tah. 26).

META,

a d. cornucopia.

T.

CV

LUCANIA AUSTEALIS

139

29. I tipi sono

i

medesimi:
;

ma

al dritto è
il

aggiunta la epigrafe

12. Coli. Santangelo. Testa di Apollo coronata di lauro.

/?.

Spiga

METAPONTI
Suppt.
30.
pi.

al

riverso v'è a d.

cornucopia (Milliugen,

a e sin.

META,

a d.

TEIM,

forse

TsifioxqetTìjc,

perchè

11, 1 pag. 5).

TIMilN qui
d.

è scritto col iota.

Mia

coli.

Testa di Cerere coronata di spighe volta a

R.

lo. Coli. mia. Testa di ninfa acquatica quasi di prospetto con
capelli
sciolti

Spiga, sulla foglia 31.

un

aratro, a siu.

META.

e

sollevati intorno

al

capo

a svolazzo.

R.

Museo

Vaticano. Protoma di cavallo. R. Acino di orzo e

ME
14,

Spiga a

sin.

locusta e

META.
di aulopide

dentro un quadrato.
32. Coli.

15. Testa barbata

e coperta

crestata a d.
al

R.

Sambon

(Minerv. Oss. tav.

VI

n.

7 pag. 124 seg.). Testa

Cerere in piedi di prospetto nell'atto di appoggiarsi
agrimensorio: a
16,
d.

groma

barbata del bue androprosopo, davanti O. R. Spiga e d. simbolo incerto a d. (Minerv.) e ME. Il Millingen {Suppl. pi. 6
u. 2)

META.
elmo corinzio
di lancia a d.
e R.

17. Pallade armata di
di scagliare

di clipeo

nell'atto

ne ba stampata una simile ove manca l'O.
p.

Ma

L.

Sam-

un colpo

Civetta su di una

bon {Recherch. 1863,

138
e

n.

21) attesta cbe nel suo

spiga di grano volta a destra: dietro
plare Pallade è

META.
veste

In altro esem-

esemplare ve ne sono due

pesa gr. 0,82.

pur volta a

d.

ma

la tunica corta

33. Coli. mia. Tre lune opposte ad

un giobetto che

è nel centro

sopra la talare.
18. Coli.

aventi ciascuna nel mezzo

il

proprio giobetto.

R.

Spiga

e

mia.

Pallade

ornata

di

elmo

corinzio,

e di

clipeo
di

AT3M.
34. Coli. mia. Testa di

in atto di fulminare a d.

R. Civetta

su

di

una spiga

montone

in rilievo. R.

Spiga

e

META.

grano volta a

sin.,

dietro

META.
elmo
frigio volta a d.; di sotto

19. Testa di Pallade coperta di
R.

Oo

Spiga e a

d.

ME.

Tav. CV.
1.

20. 21 Coli. mia. Testa di Giove laureata volta a d. R.
di

Due
n.

spighe

Nei Musei

Milano

e di Venezia.

Testa di Cerere coronata

e

un

grifo a d.

;

di sotto e
:

META. Nell'esemplare

20

v'è

di spighe volta a sin. R. Spiga e sopra la foglia
2.

un

forcipe.
R.

una sola spiga
sin.,

un groma agrimensorio
in altro esemplare del n.

sulla foglia a

Testa di Cerere coronata di spighe volta a Spiga e a
sin.

d. ivi

META.

a d.

AT3M

20

si

vede a

OBOAO^.
spoglia
del leone appoggia la sinistra

sin.

un

simile grifo che vola a d.
(Catal. pag.

3.

Ercole coperto
alla clava e

dalla

22.

Museo
sin.

Brit.

262 num. 190). Aquila volta a
si

ha

il

pocolo nella destra; a d. una spiga. R.

ove in un mio calco
a sin.

vede

una corona lemniscata.

Spiga e
4.

META.
e cinti

R. Spiga,

META,

a
R.

d.

fulmine.

Testa di donna eoi capelli ripiegati alla cervice

da im
sin.

23. Aquila sopra fulmine a d.

Spiga, a d. fulmine, a sin

ME:

diadema volta a

d. R.

Spiga fra

le

due lettere

M

E a

nel predetto calco è invece più intera la leggenda,

META.

un erma
5.

itifallico.

24. Coli. mia. Testa velata di Cerere coronata di spighe. R. Spiga,

Figura nuda con semplice stretto pallio sulle spalle, coronata,
con caduceo nella
delabro: a destra
a d.
sin. e

a sin..

EY

in mon., a d.

META.
R.

patera nella d. davanti ad un can-

25. 26. Testa di Cerere coronata di spighe volta a d.
spighe, nel
la spiga, e

Due
è

EY

e

un O.

R. Spiga, a sin.
o

OBO^OS,
segno che
il

mezzo META: nell'esemplare

n.

25 una sola

ME. Questa figura non ha verun simbolo

META

sta a sin.
n.

Un

esemplare n. 26 dato dal
a destra della spiga

la caratterizzi per

un Mercurio, come
poi vale
il

la dichiara

Cave-

Carelli (tav.

CLVIII

165)
il

porta

doni {Saggio, 18).

solo caduceo, che

pur conque-

META

e

un

tripode, a sin.

nome TlMilN.
R.

viene ad altre immagini simboliche.
sto giovane che
il

A me

pare, che

27. Coli. Santangelo. Testa di Apollo laureata a sin.
di grano, a sin.

Spiga

sembra

far libazione suU'ara,
il Srjixog

mentre porta
Metaponto.
volta a

TiMilN, a destra META.

caduceo, simbolo della pace, sia
di

di

28. Coli. mia. Testa di Ercole volta a d. coperta dalla spoglia
di

6.

Museo
d. R.

Vienna. Testa diademata di
sin. l'epigrafe

uomo barbato

leone annodata al collo.

R.

Spiga e a

sin.

META.

Spiga e a

META.
METAP.
R. Spiga.

29. Testa di Pallade di prospetto con

galea trifala. R. Spiga,
d.

7.

Mezzo bue androprosopo

volto a sin. e
i

META

a sin.,

groma agrimensorio a

Questo tipo l'hanno anche battuto
del
8.

Turii, a testimonianza

30. Coli. mia. Spiga e

MET

R.

Tripode e a
Il

sin.

grano di orzo,

De Dominicis, che ne
sin.

possedette l'esemplare.

a d. cigno.
si

R. Spiga e

META.

Minervini {Oss. n.

143

Leone corrente a
supplire

nell'esergo IT3, che
si

mi pare

possa

tav. Ili,

14]) ne pubblica un esemplare con la epigrafe
e solo

HT3n

onde

abbia da riconoscervi un'alleanza di
R.

META
quale

al dritto

un tripode

al riverso a

motivo del

Metaponto con Petelia.
9.

Spiga

e a d.

AT3M.
d. R.

la dichiara

moneta

di confederazione con Crotone.
d.

Testa di Panno con corna caprigne sulla fronte volta a
Spiga
e a sin.

31. Testa laureata di Apollo volta a

E. Tripode, a sin.

ME

META.
e tripode:

a d.

TA.

10. Testa di Apollo laureata volta a sin. R. Spiga
fra

32. Coli. Luynes. Testa di Diana con faretra ed arco al collo volta

mezzo META.
Testa di Bacco coronata
di

a
edera volta a
sin.

d. R.

Vaso a due manichi, a

sin.

META

a d. spiga di grano.

11. Coli. mia.

33. Testa di

Ammone

colle corna arietine volta a sin. R. Spiga,
e a sin.

E. Spiga, a sin.

META,

a d.

il

groma agrimensorio. Questo
il

a d.

groma agrimensorio

META

(Carelli, tav.

CLIX

groma
il

è

un X

(decussis) adoperato ad indicare

cardo

e

n. 164).

deeunianus per

la ripartizione e terminazione dei eampi.

34. Testa di

Fauno con corna caprigne ohe

gli

spuntano sulla
18

140

LUCANIA AUSTKALIS

T.

evi

fronte, coronato di

canna. R. Spiga a d. pisside bossolo e

soprannominato

Xalxsvg,

perchè

aveva

consigliato

agli

a

sin.

META.

Ateniesi la moneta di bronzo, la quale fu del resto dopo

35. Testa di Sileno coronata di edera. R. Spiga e a sin.
36.

META.
grap-

poco tempo abolita

(Athen.
i

XV,

669). Gli Ateniesi stan-

Mia

coli.

Testa di Cerere volta a

d.

R. Spiga, a d.

ziarono in Sibari, mentre

Sibariti si erano

messi
città,

alla

polo d'nva, a sin.

META

quasi perduto.

ricerca del terreno per fabbricarvi

una novella

dove
pili

37. Testa giovanile coperta di pileo conico volta a d. R. Acino
di orzo.

secondo la prescrizione dell'oracolo abbondar dovesse
il

pane che l'acqua. Conducevano seco dieci indovini ate-

38. Testa di donna.
39. Testa di

R.

Grano

d'orzo,

ME

e di sotto TEI.

niesi diretti da iin tal
s^ì]yrjTrjg e pfoiyff.ttoAóyog

Lampone, che però fu detto
(Schol.

fidvrig

uomo

barbato. R. Grano d'orzo fra le due lettere AA E.
R.

ad Aristnph. Nub.
il

v.

331)

:

40. Testa di Fauno.

Grano d'orzo
261

e /V\E.
n. 176).

a tutti

questi

dieci

i

posteri diedero
Turio.

soprannome

di

41. Museo Britannico
R.

{Catal. p.
e

Maschera comica.

BvQiofiàvTfie, yV Indovini di

Lampone

e Senocrito

Grano d'orzo

ME.

giunti ad

un luogo dov'era una fontana chiamata
il

OovQia
:

dissero essere quello

terreno inteso dall'oracolo
i

e

però

fu ivi fondata la città, che chiamossi Turio, e

due indoSic.
i

Tav. evi.
1.

vini ne ebbero

il

nome

di xTictvai, fondatori (Diod.

Testa di Pallade con elmo
di orzo uniti al centro

corinzio volta a sin. R.

Tre

acini

XII, 10). L'anno quarto

della

ol.

LXXXIII,

u.

e.

309,

della

moneta per una

delle

loro

Sibariti e gli Ateniesi condotti da Lisia vi presero stanza.

estremità: negl'intervalli
2.

ME

e

un groma agrimensorio.
R. Simile al n. prece-

Sibari intanto rimase soggetta a Turio
e così si

come suo emporio,

Testa radiata del sole
dente
;

di prospetto.

può spiegare come Stefano abbia potuto scrivere
si si

varia

il

simbolo che è una fiaccola accesa.
d. R.

che Turio
Simile
al

chiamò prima Sibari,
chiamava
a'

e

Varrone {de R. R. 107),
:

3.

Testa di

Mercurio con petaso alato volta a
il

che Sibari

suoi tempi Turio

Sybari, qui
fatto,

n. preced. eccetto il simbolo, che qui è
4.

caduceo.

nunc
mai

Thuril dicunlur.
si

Essa non ne

distava gran

Nella

coli.

mia. I busti dei due Dioscori coperti del pileo
il

perchè da Turio vi
la foglia,

vedeva una quercia che non perdeva
attesta

conico.

R. Simile ai precedenti; solo varia

simbolo che
le

come qui

Varrone

e

dopo

di

lui

è quello dei

due

astri,

insegna dei Dioscori;
unite.
d.:

due

let-

Plinio [H. N.

XVI, 33) ove
ipsa

scrive:

In thurino agro, ubi

tere
5.

ME

del

nome sono insieme

Sybaris full, ex
di dietro TI.
il

urbe prospiciebatur quercus

una
terre

Testa giovanile con diadema alato volta a
R.

nunquam
a
(Aristot.

folla dimitlens.
le

Cominciarono

i

nobili

Sibariti

Tipo simile a quello dei nn. 1-4; diverso però n'è
:

usurpare

prime
V, 2
;

magistrature

e le

migliori

simbolo, che qui è un fiore

donde

si

deduce che la testa

Polit.

Strabo, VI, 1), donde avvenne che gli

alata è quella del vento Zefiro.
6.

Ateniesi insorgessero, e messili a morte (Strab. VI, 263)

Testa simile alla precedente

n.

5,

ma

le ali sono sulla fronte,

v'introdussero nuovi coloni che vi approdarono l'anno
(ol.

310

non

alle tempia. R. Simile al n. preced. se

non che

il

sim-

LXXXIV,
loro

1).

Sarse pertanto nella

ol.

LXXXV,
e cotesti

3 un
greci

bolo è un caduceo.

nuovo dissidio
da

fra gli

Ateniesi di Turio

condotti

a

prendere

il

luogo

dei

Sibariti,

a

THVRIVM
Fra
gli storici antichi

quale dei
e allora fu

due popoli toccasse l'onore di

quel rimpianto,
decidesse.

mandato

a Delfo

perchè

l'oracolo

che trattano di Turio daremo la
i

Apollo fece loro dire che voleva egli

essere

tenuto
i

per

preferenza a Diodoro Siciliano che ne narra le origini e
fatti pili

fondatore, e la lite ebbe fine. Turio era situata fra

due

a minuto e meglio che gli

altri, fra i

quali sono
e

fiumi

il

Grati e

il

Sibari,

ma il

territorio suo si estendeva

da porsi quei che dicevano averla
ivi serbarsi il

fabbricata Filottete

al di là del Sibari fino al

fiume Hylias, dove confinava coi

suo sepolcro e nel tempio di Apollo essere
di

Crotoniati (Thueid. VII, 35.)
e

Ippodamo ne fu

l'architetto

riposte

le

frecce

Ercole

da

luì

possedute

(lustin.,

questi divise la città in sette quartieri, quattro per lo
e tre

L.

XX,

1):

Tliurinontni

urbem

condidisse
visilur

P/iiloctetem
et

lungo

per lo largo, con una piazza in ciascuna d'essi
o

ferunt, ibique adhuo

monumentum eius

Herculis

denominata da un dio
bricato

da un eroe, a cui perciò era fabsi

sagittae in Apollinis tempio,

quae fatum Troiae fuerunt.

un tempio
1.

e vi

preslava culto. I nomi furono

Cotesto Filottete ebbe culto anche in Sibari e in Macalla
e

(Diod.
"Hoc-ia,

cit.)

^Hqàxlsia, 'A(fqodiaiag, 'OXv/imiag, Jiovvaiag,

vedremo che

gli

si

attribuiva anche
(1.

l'impianto

di Siri

QovQia, @ovQira.

Non

pertanto vano sarebbe cerdivinità
dalle monete,
le

e di Petelia.
i

Diodoro dice

XI, 90; XII, 16), che avendo

care

una conferma

di qiieste

Sibariti

coll'aiuto dei

Tessali
Sibari,

rimessa in
indi

piedi

nella

quali ne sono mute, se ne eccettui la fontana Thuria rappre-

ol.

LXXXin,
i

2

la loro

cinque

anni dopo

sentata su di

un bronzo. Ercole,
sono

Afrodite, Giove Olimpio,

ne furono espulsi dai Crotoniati. Ebbero essi allora ricorso
agli Ateniesi

Dionisio non vi

rappresentati.
ó

Eppure

il

vino

di

quali nel terzo anno della

olimpiade prefavore e
di cotesta
p.

Turio

era

rinomato;

&ovqh'og twv èv

6vó/.iaTi,

oivwv

detta (u.

e.

308) fecero una
i

spedizione in loro
Sibariti.

sarCv,, scrive

Strabene (IV, 164).

ricondussero in Sibari
spedizione fu
il

nobili

Capo

Turio fu in seguito rinforzata da nuovi coloni. All'anno

retore Dionisio

(Plut. in Nicla

526)

343

u.

e.

v'erano Ateniesi e Spartani insieme, non sempre

T.

evi

LUCANIA AUSTRALIS

141

perì) iu

pace fra loro: onde avvenne che gli Ateniesi avuta

bronzo,

ma

porta sul rovescio la

lira,

come

nelle

monete

di

la peggio nella

guerra di Sicilia ne fossero cacciati
Polii.

e l'ari-

Reggio, donde pare sia stato imitato, se non è da stimarsi

stocrazia si cambiasse in dinastia (Aristot.

V,

6, 8).

un

indizio di

confederazione. In
al

un secondo bronzo
di

vi si

La

città,

prosperò per tutto

il

secolo quarto e quinto, de-

vede invece

riverso Diana in abito

cacciatrice con
alla spalla

dita al

costume spartano
15),

di nutrire la

chioma (Philostr.

fiaccola nella destra e sinistra in atto di

due giavellotti appoggiati
le

V. Apoll. Ili,
i

come

i

Tarentini.

Nel 386 avanzandosi
i

montare su per

balze accompagnata

Lucani contro

le colonie

greche,
I),

Turini mossero loro
vi furono battuti.

dal cane.

contro (Polyaen.

Strat.

11, 10,

ma


(L. Il

il

Giove 'OfWQioc, e forse neanche

il

Borea, se non

Se non che

le

orde dei barbari Lucani e Brezzii sollevatisi
i

è al n. 6, si
e.

vedono sulla moneta. Noi sappiamo da Polibio
all'

coi Sanniti contro

Eomani nel 472

capitanati

la

seconda

39) che

'Oi.wQwg

i

Turii con altri popoli innalhist.

volta da Stazio Statilio recaronsi allo sterminio di Turio,
la quale

zarono an tempio; ed Bliano {Var.
essi al

XII, 61) scrive, che

come pare

erasi aiSdata ai

Eomani

(Liv. Epit. XI).

Borea dichiarato loro concittadino fabbricarono una
il

Strabene

sembra dire
i

che

i

Lucani ridussero
li

Turio in
egli inil

casa e gli assegnarono porzione di terreno, dandogli

sopran-

schiavitù e che

Tarentini ne

sottrassero.

Ma

nome

di

benefattore,

eveQyaTrjg,

e

gli

facevano

sacrifizii,

tende dire dei Brezzii che saccheggiarono Turio circa

395.
vol-

perchè aveva, spirando, mandato in
trecento navi, che Dionigi
(ol.
il

conquasso l'armata

di

Però i Turini mal volentieri stando soggetti
sero ai

ai

Tarantini
il

si

vecchio menava per assalirli
della

Komani

(Strab. VI, 263): ond'è che

console Pa-

XCVII,

3, u. e.

364).

Hanno però tenuto conto

brieio Luscino ne prese a grande studio la difesa e venuto
alle

fonte Turia che rappresentano coronata di canna palustre.

armi disfece

i

nemici facendone prigionieri cinquemila
I,

V

è

un bronzo con

testa giovanile

laureata

e a capelli

colloro supremo duce Statilio (Val. Max.

Vili, 43). I Turini

corti,

creduta muliebre dal Sambon, ohe l'ha forse veduta

furono grati al tribuno della plebe Elio Tuberone che pro-

nel Carelli
rovescio

(CLXIX, 95)

così

rappresentata. Questa ha nel

pose e fece sancire la legge che dichiarava Stazio

Statilio
e

un

cavallo libero, che saltella.

Penso che

sia

Dio2),

Lucano nemico
corona d'oro
gli
Il
:

e gli

mandarono
altresì

in

dono una statua

una

mede, che ebbe una statua in Turio
a cui è consecrato
i

{Sckol. Pinci. New..

X,

e

una statua

donarono a Luscino, che
H. N.

il

cavallo libero.

Ad

Alessandro

il

Molosso

aveva liberati dall'assedio
console pose

(Plin.

XXXIV,

15).

Turini innalzarono un mausoleo in attestato di gratitudine,
i

un

presidio a guardia dei Turini protetti da
vicine. I Tarentini

essendo egli venuto in Italia per sostenerla contro
Il ritratto di questo re

Lucani.

uno stuolo che stanziava nelle acque
ebbero dispetto
distrussero, poi
e gittatisi

ne

può forse ravvisarsi su quel bronzo
che figura un

addosso all'armata in parte la
loro

di

Metaponto (CV,

6),

uomo barbato
nomi

e col

mandarono

gente

contro

il

presidio

capo cinto da largo diadema.
Gli artisti di Turio non iscrivono
della Pallade
di essi
i

che non essendo più protetto dalla
ai Tarentini.

fiotta

abbandonò Turio
Pirro e di Anni-

loro

sull'

elmo

Seguirono quindi

i

fatti di

come

i

Veliesi,

ma

sulla base del toro, due

bale che a testimonianza di Appiano vi traslocò gli Atellani (VII, 49).

in genitivo "idroQog,

NixàvÓQo, uno in caso retto
anteriori Evdv{Saiiog);
fra le

Terminate

le

guerre cartaginesi

i

Romani

Móloaciog, e fra le
quattro

gambe

dedussero nel 561 una colonia nel territorio di Turio in

gambe AC§vg. Sono nomi

di magistrati, o di alcun

Thurinum acjrum nome
di Copia.
di

(Liv.

XXXV,

9)

:

cotesta colonia prese

dinasta, Jàiion-, KQsiav"In7tó(!zQu{tog). Battono l'unità,

mag-

giore e

il

doppio di essa e questa unità dividono in terze
parti.

Le monete

Turio non hanno nulla di arcaico

stile,"

e in seste

La monetina

di

argento n. 31 del peso
il

esse cominciano al secolo quarto di
dritto altro tipo che la Pallade attica
;

Eoma, né portano nel
il

di gr. 0,47

ha dato da pensare
ci

sin a tanto che
si

eh.
i

Im-

toro che vi

si

vede

hoof-Bliimer

ha additato qual valore
Consta dunque che
i

abbiano

caratl'e-

costantemente al rovescio non è
dei Sirini, e degli

il

respiciente dei Sibariti,

teri del riverso.

Turii dividevano
gr.

Aminei

di queste spiagge,

può però creil

miobolo in cinque once, ciascuna delle quali pesava
incirca. Il lodato editore confessa di

0,10

dersi che ne conservi la tradizione, avendo preso della civetta
ateniese.

posto

non avere un vocabolo

Il

significato

della

voce dovqiog,

che esprima queste frazioni e

rifiuta l'opinione del

Sam-

impetuoso, non è
fare da

proprio
è

del toro che ne potesse

mai

bon, che loro attribuisce la voce triletartemorion colla quale
gli Attici

arma parlante come

sembrato

ai

numismatici.

Ne

denominavano
che
l'obolo
il

tre

quarte parti dell'obolo.
è

Ma

si

poi è vero che cotesto toro sia sempre impetuoso cozzante,

deve notare

dei Turii
si

doppio,

l'uno pesa
il

perchè noi
al passo (v.
(ib. n.

il
i

vediamo non

di

rado andar calmo e talvolta

gr. 0,60, l'altro

94;

primo

divide in sei parti,

secondo

nn. 15-17, 19-21, 24), ed è anche respiciente
e

in dieci.

Questo
gr.

T

si

rivede nel bronzo (T. CVIl n. 23) del
e

29).Iltetradrammo, se ne eccettui Reggio
Italia,

Metaponto,

peso di

1,11-0,97

forse

dovrà riconoscersi anche
gr.

non usato in

fu dagli Ateniesi introdotto in Turio.

nella cifra

H

in

mon.

(nn.

14, 15) del peso di

4,10,

Questa moneta offrendo

un campo più

largo fu sovente

valendo di fatto un emiobolo in bronzo.
Il

insieme coi didrammi lavorata da insigni maestri che vi

Sambon conobbe {Rxherch.'Q. 170)
;

le

due terze

e la

hanno

inscritto

il

proprio nome, Istore, Molosso, Nicandro.
è
:

duodecima parte

la sesta è
(n.

anche nella mia collezione.
di

Una

Su

di

un

raro

didrammo

impressa la testa laureata di
questo Apollo è ripetuto sul

delle unità maggiori

21)

barbaro

stile

e

foderata

Apollo col toro sul rovescio

porta la leggenda

OOVRIil con desinenza

arcaica latina

142

LUCANIA AUSTEALIS

T.

evi

del genitivo plurale in o e due lettere parimente latine VR.

rebbe piuttosto un gigante,
ai

e

potrebbe dirsi OovQiog.
anguipedi

Ma
sa

Dovrà dunque
AteUa,

attribuirsi e

ne saranno autori

i

Campani

di

giganti

che

gli

antichi
all'

finsero

non

si

di Erdonia,

che furono trasferiti da .Annibale in

che abbiano aggiunti
11. Testa di Pallade: il

inguine come a Scilla cani latranti.

Turio (App. VII, 49).
Il

mostro Scilla sull'elmo porta un remo:
R.

bronzo ha in prima per

base
le

l'obolo e

il

doppio e

dietro la nuca

di Pallade è E.

Toro simile

ai

prece:

quadruplo dell'obolo, non che
quali è notevole quella che
ziale
11

divisioni inferiori fra le

denti; sul listello

MOAO^SOM;
la

di sopra

OOYPlilN

nel-

porta sul rovescio

un

T

ini-

l'esergo
rovescio.

un pesce:

estrema lettera

M

mi sembra un i

parmi del

tricalco o sia della quarta parte di obolo.

mezzo toro

è figurato

pome

il

mezzo bue androprosopo

12. Testa di Pallade, sul cui
stra verso la fronte. R.

elmo

il

mostro Scilla alzala

sini-

di
7.

Napoli in atto di nuotare nelle acque.
di

Toro cozzante simile a quello dei
di sotto al toro entro

Museo

Napoli (Avellino, R. Mas. Borb.
il

V
un

tav.

XLV,

I).

nn. 7, 10 di sopra

OOYPIIÌN;
nell'esergo

una

Testa di Pallade sul cui elmo è
sinistra facendo solecchio
:

mostro

Scilla,

che leva la

zona

AAOAO^^O^;

nn

pesce.

sulla gronda è

grifo. R.

Toro
toro

13. Coli. mia. Testa di Pallade simile alla precedente n. 12. R.

cozzante volto a

d.

di sopra

OOYPIilN. Chiamo questo
si

Toro simile a quello dello stesso

n.

12

ma il nome N\OAOÌlistello

cozzante
il

:

non intendo perb che

lanci a tutta forza contro

i.Oi in carattere minuto è scritto sul
il

dove poggia

rivale,

ma

che

corneggi come fa a

modo

di di

esempio
corno
la

toro

:

di sopra

OOYPlJClN

:

nell'esergo

un pesce.
Zeitung,
il

sulle

monete

della
sotto
i

guerra
piedi. Il

sociale

ferendo

14.

Nel Museo
p.

di Berlino (Friedlaender, Arch.

1847

'

lupa che ha
ovvio
nelle

Minervini {Oss. p. 48) dice
di

119

tav. VIII, 6).

Testa di Pallade sul cui elmo

mostro

nostre

monete

ritrovare
il

il

toro

con le

Scilla'

porta

im remo, ed un

grifo è sulla gronda. R.

Toro
il

anteriori
sato,

zampe ripiegate verso

corpo e col capo abbasIl

cozzante: di sopra
toro

OOYPIilN;
tra
i

sulla base dove poggia

ovvero con una sola delle zampe anteriori piegate.
si

NIKANAPO:,
un
pesce.

piedi

del toro

una

locusta.

Nel-

primo atteggiamento non so in quali monete
secondo, che è solenne sulle

trovi,

del

l'esergo

monete

di

Turio, dico, che

15. Coli. mia. Testa di Pallade con

elmo coronato

di olivo. R.

non è atteggiamento di un quadrupede che nuota: ben è
proprio del

Toro andante a sinistra
di

fra

i

cui piedi

è scritto

AIBYS:

nuotante

il

muovere

alternamente

le

gambe

sopra

OQYPlilN

;

nell'esergo

un

pesce.
n.

nell'acqua e poi l'averle piegate,
testa è
alta.

ma
si

in tal

attitudine la

16. Coli. mia. Testa di Pallade simile alla precedente

18:

II toro

di

Turio pare

atteggi alla

pugna

davanti alla fronte

un 0.

R.

Toro andante a

sinistra,

sopra
ali,

dando dei colpi
8. Coli.

all'aria.

OOYPlilN;
nell'esergo
17.

tra

le

gambe un

uccello che batte

le

Luynes. Testa di Pallade con elmo attico ornato del
Scilla, e sulla

un

pesce.
t.

mostro

gronda dinn
sul

grifo. R.
listello,

Toro cozzante
dove
il

Museo

di

Napoli (Avellino, R. Mus. Borb.
cui

V

tav.

XV,
Toro

volto a d.

sopra

0OYPIÌ1N:

toro

12). Testa di Pallade sul

elmo
;

è

un

grifo.

R.

poggia,

15TOPOC:

sulla coscia del toro è scolpito in
la

monosig.

gradiente a sin. di soiH'a
18. (Carelli
t.

OOYPljQN

nell'esergo

un

pesce.

gramma EY veduto
Imhoof-Blumer,

prima volta
ne debbo
tenersi

ed espresso dal

CLXVII.
/?.

27). Testa di Pallade con elmo attico alato

al quale

l'avviso.

Può
di

essere letto

volta a d.
l'ergo

Toro cozzante coronato dalla Vittoria: nel-

EY

piuttosto che

YE
è

e

per

nome

magistrato.
il

GOYPljQN.
con elmo coronato di
olivo.

L'artefice del

tipo

Histor

altronde

ignoto. Qui.

sig.

19. Testa di Pallade

R.

Toro an-

Imhoof-Bl. (Monn.

gr.

pag. 7) raccoglie alcuni esempi di

dante di passo: sopra
20. Coli,

GOYPIilN,

nell'esergo due pesci.

lettere stampate in rilievo sul corpo dell' animale che è posto

mia moneta
:

foderata. Testa di Pallade con
:

elmo co-

sul riverso. Tali sono

H ed E

sul delfino di Taranto,

P
A,

o

ronato di olivo. R. Toro andante a sin.
tra le

di sopra

OOYPIIIN,

K sul leone

di Lycceius,

sulla vacca di Carcyra,

A A

sulla vacca di Durazzo,

M,

gambe A,

nell'esergo

un

polipo.

sul Pegaso di Ambracia, ai quali
I'

21.

Nel Museo

di Vienna. Testa di Pallade con R.

elmo coronato Toro
andante

esempi
lezione
9.

si

può aggiungere
(tav.

3 sul leone di Velia, nella col-

di olivo volta a sin. e di barbaro stile.

mia
di

CXVIII, 24).

a sin.,

di sotto nell'esergo

im

pesce,

di sopra

OOVRlil

Museo

Napoli (Avellino, R. Mus. Borh.ì.
d.

V

tav.

XLV,

3).

con alfabeto misto e flessione del genitivo

plurale in 12,

Testa di Pallade volta a
il

coperta di elmo attico, sul quale è
pietra.

come

l'arcaica latina.

mostro Scilla che scaglia una
8: sopra

R.

Toro simile

al

22. Coli. mia. Testa di Pallade con elmo ornato del mostro Scilla.
R.

n.

GOYPIilN ed
si

EY(t)A: in
EV(1)E

un esemplare

della

Toro cozzante a
tra le

sin.

Sopra OOYPIilN
nell' esergo

è

OPA

(OP

in

coli.

Santangelo

legge

forse

per EVctiP che ha

mon.),

gambe

SAT:
munita

una

spada nel

qualche altro esempio.
10. Coli. mia. Testa di Pallade col mostro Scilla sull'

fodero, che è in basso

di larga piastra a

modo
:

di

elmo che
R.

crispello.

La

spina del manico termina in
e al fodero
si

pomo

ha una

lancia

una

pietra, sulla

gronda di esso elmo

Slil.

Toro

vetta per paramanico,
laccio che fa

vede

annodato

un

cozzante come quello del n. 10, e fra le

gambe

anteriori

da balteo per sospendere l'arma

dall'omero

EYOY,

di sopra
è

R

:

la

leggenda

OOYPI0N
un colpo

è uscita di conio.

a traverso del petto e per cingerla ai fianchi.
23. Coli. mia. Testa di Pallade sul cui elmo è
il

Nell'esergo

un

pesce. Il Cavedoni congettura {Saggio, 19)
di pietra, che par-

mostro Scilla
fino
all'in-

del mostro in atto di gittare

con capelli

sciolti

ed

irti:

è

di

forma umana

T. CVII

LUCANIA AUSTKALIS

143

guine, donde si spiccano due cani terminanti in una sola

alto si legge

OOYPIXIM,

nell'esergo

è

un

pesce.

Questo

coda di pistrice. R. Cotesto pezzo aveva ricevuto in incavo
l'impronta di una testa galeata
rilievo il toro cozzante

magistrato
le 5.

Ifl

battè ancora
lettere.

un

nummo

d'argento che reca

quando
d.
:

le

si

stampò

in

medesime due
di

volto a

di

sopra

OOYPIilN,

Museo

Napoli (Avellino,
R.

R.

Mus. Borb.

V

tav.

XXX,4Ì.
sin.

nell'esergo

un pesce.
di

Testa laureata di Apollo.

Toro cozzante volto a

di

24. Nel

Museo
un

Monaco. Testa di Pallade con elmo coronato
sin.,

sopra QOYPIilN, nell'esergo un pesce.
6.

di olivo.

E.

Toro gradiente a
pesce.

sopra

OOYPION,

nel-

Nel Museo
R.

di

Monaco.

Testa di Apollo
giavellotti

cinta di

laurea.
alla

l'esergo

Diana cacciatrice con due

appoggiati
;

25. Testa di Apollo laureata volta a d. R. Toro cozzante: nell'esergo
Mics.

spalla sinistra, e
stivaletti
ai

una

fiaccola nella destra

ha corta gonna,
andando

(O)OYPIXIN

e fra

mezzo un tripode (Avellino,

R.

piedi e

la faretra sull'omero destro
:

Borb.

V

tav.

XLV,

1).

con celere passo accompagnata da un cane
(cf Avellino,
R. Mus.

a d.
8,

OOYPlilN
dove la
fa-

26. Coli. mia. Testa di Pallade coperta di elmo attico cinto di

Borb.

V

tav.

XXX,

laurea volta a d. R. Toro gradiente a sin. di sopra
fra le

0OYP1,

retra è omessa). Cotesto bronzo è citato a torto dal Cavedoni
nei Ripostigli (p. 234) e nelle note alle

gambe

T, nell'esergo pesce a d. R.

opere del Borghesi

27. Testa di Pallade simile a quella deln. 26. zante volto a d. sopra

Toro coz-

{Oeuvr. VI, 401) per esempio di tipo simile a quello della

OOYPlilN,

nell'esergo

HPA.
d.,

Diana àiitpCnvQog, ossia che porta una
da-

fiaccola in ciascuna

28. Coli. mia. Testa di Pallade con elmo alato volta a
vanti
il

mano ed

è in veste lunga, quale si vede sulla

moneta

di

groma agrimensorio.
;

R.

Toro cozzante a

d.

coronato

P. Clodio figlio di Marco, onde

conferma l'opinione

sua,
di

dalla Vittoria

nell'esergo

OOYPlilN.

che

il

cognome Turinus
il

indichi essere egli originario
lo dice

29. Nella
R.

coli.

mia. Testa di Pallade con elmo coronato di olivo.
d. e respiciente

Thurium, mentre
Certamente
la

Borghesi
di

di

patria

ignota.

Toro andante a

a

sin.,

sopra

OOY (VeIli, 9).

Diana

Turio non ha che far

nulla con

dine una simile data dal Minervini Bull. ardi. nap.

quella di Clodio.
7.

30. Coli. Imhoof-Bl. Testa di Pallade con elmo attico cinto di

Coli. Santangelo.

Testa

della

fontana

Turia
sin.,

coronata

di

una

corona d'olivo, volta a

d.

:

sopra questo tipo è scol-

canna
R.

e

con pendenti agli orecchi volta a
sin. in alto

a d.

OOYPIA.

pito in rilievo

un T.

R.

La

cifra

P

dentro alla quale un

Toro cozzante a
il
fi

ISTI nell'esergo un pesce.

T, indi di sotto
31.

OOY.

Pesa

gr. 0,47.

In altro esemplare
volta
8.
si

campo

è cinto

da una corona e sul toro

Da un mio
a d.
R.

calco.

Testa di Pallade con elmo attico
la cifra
Il sig.

legge

il

nome

ARME.
R. Mus. Borb.t.

Nel mezzo

P

con dentro un T, di sopra

Nel Museo di Napoli (Avellino,

Vtav.XV,

11).

MY,

di sotto

OOY.

Imhoof-Bl. ha dato al rovescio
questa spiegazione

Testa di Pallade con elmo ornato di un ippocampo. R. Toro
cozzante a
9.
d.,

di queste

due monetine 30, 31,

[Zur

di sopra

OOYPIilN,
sin.,

nell'esergo

un

pesce.

Miinzkunde Boeotiens, und des Pelopon. Argos, 1877,

p. 57).

Testa laureata di Apollo a

dietro i?. R. Lira e intorno

La

cifra

P

col

T

significa cinque T,

ma

da quel

T

non trova

OOYPIilN,
(cf.
il

di

sotto

s:nH

iniziali di

due

nomi Sm,

H

per ora un vocabolo proprio nelle divisioni frazionarie,
è iniziale del magistrato,

MY

n.

14).
R.

OOY
Lo

il

nome

della città.

10. Simile" testa di Apollo. 11. Coli. Sant. Testa di

Tripode
d.

e intorno

OOYPlilN.
spalle
e

32. Nella

coli.

mia.

Due mezze

lune accostate dalla parte constesso tipo delle due lune

Diana a

con

faretra alle

vessa e intorno

OOYP.

R.

ma

pendenti

all'orecchio.
d.,

E. Apollo stante con lira nella sin. e

con quattro globettini (cf Piorelli, Mon. ined. tav. 11, 14),
che probabilmente dovrebbero esser cinque, essendo uno dei
globettini uscito di conio.

patera nella

a sin. KAEilN, a d.

OOYPIilN.
cer-

12. Coli. mia. Testa di

Diana
R.

coi capelli allacciati sulla

vice e faretra al collo.

Lo

stesso tipo della precedente,

ma
Tav. CVn.
1.

a sin,

si

legge
1,

OOYPIDN
Testa
di olivo.

a destra

IPPOSTPA.
con

13. (Minerv.

Oss.

11).

di Pallade

elmo

attico
e

Coli. mia.

Testa di Pallade

volta

a

d.

coperta

di

elmo

cinto da

una corona

R.

Toro che

va a destra

attico adorno del

mostro
:

Scilla.

R. Toro che va a destra e
:

volge indietro la testa,

di sopra

OOY.

Il

Cavedoni

ha

guarda
.

di prospetto

di

sopra OOYPI.0.N

tra le

gambe

del

notato che questa moneta fu attribuita dal Carelli a Sibari
(tab.

toro

AAMXIN,

nell'esergo una fiaccola acoesa. Pesa gr. 34, 50.

OLXIV,

20). Essa è invece di Turio,

come

si

mani-

2.

Testa di Pallade con elmo attico ornato del mostro Scilla.
R.

festa dalla epigrafe, ohe

non fu potuta leggere dal

Carelli.

Toro cozzante

;

di sopra

OOYPIilN,

nell'esergo

un pesce.
coronata

14.

Museo

di

Napoli (Avellino, R. Mus. Borb.

V

tav.

XXV,7).
a d.
R.

3.

(FioreUi,

Ann. di numism.
R.

11). Testa di Giove
ali

Testa di Pallade coperta di

elmo

corinzio volta

di laurea volto a d.

Aquila ad

spiegate

sopra

il

Toro cozzante a
iniziali di

d.

di sopra

OOYP,
Icr,

nell'esergo fflSSilOI,
$(.

fulmine: a
4.
Coli.

sin.

OOYPIHN.
attico decorato

quattro nomi Aq,

Sm,

mia. Testa di Pallade con elmo
d.

del

15.

Museo

di

Napoli (Avellino, R. Mus. Borb. V,
sin.

XXX,

11).

mostro Scilla volto a

Su

di questo

bronzo

si

ripete in
R.

Testa laureata di Griove volta a
sopra
16.

R.

Fulmine

alato: di

contromarca la imagine di Pallade

che serve di tipo.

OOYPlilN

di sotto

Th
di

in

mon.
volta a sin.

Toro cozzante,
in iniziali di

fra le cui

gambe
(cf.

posteriori sono le lettere

Museo Kircheriano. Testa
R.

Apollo laureata

un nome

IriTioarou,

CVII

n.

12,): in

Fulmine

alato; di sopra

OOYPIilN

di sotto

Th.

144

LUCANIA AUSTRALIS

T.

CYII

17. (Fiorelli,

Mon. ined.

II,

2).

Testa di Apollo laureata volta

si

vedono

inscritti soltanto nella seconda.
;

Sono

tutti notati

a sin., dietro la nuca
(J)l

S.

R. Cornucopia, a sin.

2X1

a d.

con lettere solitarie

né si saprebbe dire se uno o due siano
aggiunto anche
il
il

e

0OY.
volta a d.
R.

le persone, e se vi si è

grado e la qua-

18. Testa di Apollo laureata

Cavallo libero

in

lità di

magistratura. Par proprio

caso dell'asse semonciale

corsa a
lino

d.,

di sopra

0OY,

di sotto AS""" in

mon. (Avel-

romano, sopra cui trovasi l'epigrafe L P
Oejtur. I pag.

D

A -P

(Borghesi,
l'

R. Mus. Borb.

V

tav.

XX5,

9).

878;

Oss. III).

Qui però ce ne apre

intel-

19. Testa di Pallade con

elmo

attico volta a d.

R.

Mezzo

toro

ligenza
lis

il

trovarsi

una volta

la tronca voce AID, cioè Aedil'

nel n. 19 volto a sin. e intorno 20. 11 tipo

OOYPIIiN.

che giova anche a confermare qui

interpretazione dell'A P

medesimo che

nella precedente,

è volto a d.

e intorno gli si legge

ma OOYP.

il

mezzo toro

proposta dal Borghesi. Di
che deve indicare
e
il

ci

spieghiamo anche

il

Q
di

Quaestor.

Che poi siano due
col

gli edili

21. Testa di Ercole giovane coperta dalla spoglia del leone. R.

due

i

questori
si

quantunque indicati

solo

nome
sito

Mezzo

toro volto a d. In simile
Ili,

nummo

edito dal Piorelli

famiglia,

fa manifesto dal vedere lo

scambio di

delle

{Mon. ined.

8)

vi si legge
II,

GOY

e

^D..

due

lettere,

ora leggendosi
ci

U

C

ora

C

L. Dagli spezzati

22. (ricreili, Mon.

ined.
R.

13).

Testa

di Pallade con

elmo

passiamo agli assi che

danno due epigrafi
dove
il

Q

P L L N
• •

attico volta a d.

Due lune

opposte e nel campo
Boeotiens

OOY.
Pelo-

eAA-C-M-D-L-Q-,
nella seconda
stores.
Il

confronto ne fa accorti, che
il

23. Coli. Imlioof-Bl. (Zur

Munzkunde

und

des

ugualmente che nella prima

Q

vale

Quae-

ponn. Argos 18-77
n.

p.

58). II dritto è

simile a quello del

sistema simile al semonciale non prova come taluni
si
:

22. R.

La

lettera
di

T

nel

mezzo
alla

delle due epigrafi EHI
traversa. Il

falsamente
riori al

sono apposti, che queste monete sono poste-

di sopra,
di gr.

OOYP

sotto

linea

peso è

665

perchè quanto

al

peso della libbra le colonie
I tipi

1,11-0,97.

erano libere di adottare quel che loro fosse opportuno.

24. Testa- di Pallade con

elmo

attico

volta

a d.

R. Testa di
:

del dritto ritraggono quei di

Roma,

eccetto

il

semisse, che

bue

di prospetto

con le infulae pendenti dal collo

di sopra

porta r imagine della Copia in luogo della testa di Griove.
27. Bifronte barbato laureato col segno della libbra sul vertice.

OOY,

di sotto astro.
;

25. Simile alla precedente

ma

al riverso le
si

infulae del bucradi sotto EP.

R.

Cornucopia; a
di Vienna.
:

sin.

COPIA, a

d.

mezza
d.

luna.

nio sono omesse: di sopra

legge

OOY,

28.

Museo

Testa di

donna a

coperta di
R.

velo

e

26. Testa di Pallade a d. con elmo coronato di olivo, R. Pro-

coronata

dietro S segno del semisse.
sin. il

Cornucopia, a d.

toma

di

bue a

d.

ed epigrafe

OO.

COPIA, a

segno S del semisse.

COPIA
Da
Strabene

29. Coli. Sant. Bifronte barbato laureato col segno del valore,

che è la libbra, sul vertice.

R.

Cornucopia a

d.

COPIA

e

apprendiamo

che

i

Romani

mandarono

un segno monetale, a
in fine legge

sin.

Q

P L U N
• •

(11 Catal.,

5179,

iuTuriouna

loro colonia che denominarono Copia (Strabo,
il

M).

VI, 263). Questa asserzione conferma

testo ricevuto di
(t.

30. Coli. Sant. Bifronte simile al precedente n. 29. R. Cornu-

Livio che dice essersi decretato nel 560 di dedurla

XXXIV,
caslrum

copia fra una clava a
sin.

s.

e

un ramo

di lauro a d.;

COPIA

a

53) in

agrum thurinum, ma
1.

fu dedotta nel 561 in

AA-C-/V\.D.L--Q.

Frenlinum. (Liv.
la

XXXV,
ma

9). Il

Mommsen

pensa così {H. de

31. Testa di donna velata e coronata volta a d. dietro alla nuca S
R.

w.

Ili,

188)

e il

Millingen opina che Copia non fu dedotta
nell'agro, e ne dà per

cornucopia a

d.

COPIA, a

sin.

U

C Q.

nella città di Turio,

motivo

il

vedere

32. Testa di Pallade coperta di
i

elmo corinzio volta a
del triente.
R.

d.

Dietro
a d.

che Turio è sempre nominato dipoi (Considérat. pag. 229).
Io stimo che non sia stata dedotta a Turio, e inoltre che
cotesta Copia

quattro globetti, segni

Cornucopia

COPIA
altro

a sin. coi quattro globetti,
si

l'epigrafe

C

L-

Q. In

non abbia avuto lunga
il

vita, e

però che Turio

si

esemplare

legge

come

sopra, n. SI, U

C Q.
d.,

sia ripreso colla vita

suo nome.
si

A

così opinare
il

m' induce

33. Testa di

Ercole con la pelle di leone volta a
R.

dietro

non solo

il

vedere che
si

parla di Turio dopo poi
di questa

56 1

ma

che

tre globetti.

Cornucopia a

d.

COPIA

a sin.

U

I-

AID,

dagli antichi

tace

di

Copia. Plinio non

in basso

i

tre globetti.

ne fa parola,
e neanche
l'

e

neanche l'autore del trattato de coloniis:
Antonino
(n.

34. Testa di Mercurio col petaso alato, dietro due globetti. R.

itinerario di

114 pag. 52).

Ma

Ci-

Cornucopia, a

d.

COPIA,

a sin.

C

U

Q
R.

e

i

due

globetti.

cerone e Cesare nominano Turio nell'agro turino e Cosa in
cui vece Plinio scrivendo di

35. Testa di Mercurio col petaso senz'ali.

Cornucopia, a d.

Milone pone Castellum Caris-

COPIA,

a sin. U-U-AID.

sanum
p. 719,

(11, 57);

onde

si

potrebbe dire col Cellario [Geogr.

che

il

nome
si

AMINEI
Niun dubbio che
la

di Copia fosse andato in dimenticanza. di bronzo, rara, e del sistema

La moneta che

ha di Cop ia è

seconda lettera

'*'\

sia

un mu, non un

semonciale ; l'oncia manca tuttora.
dell' alfabeto arcaico la

La sua

paleografia ritiene

M, san dorico. Però rimane fermo che

si

debba pensare ad

U

acuta, che adopera insieme con la

L

un popolo,
penso che

il

cui

nome cominci
questi
gli

dalle iniziali

Ami: ed

io

normale,

il

che è stato già notato da

me

sulle

monete del

siano

Aminei, dei

quali Filargirio

secolo sesto [Sylloge, pag.

42

can. 9).

La prima emissione
;

dice sull'autorità di Aristotele,

che erano Tessali e ven-

che termina col semisse, non ha nomi dei magistrati

questi

nero in Italia dove trasportarono le viti che

da loro ebbero

T. eviri

LUCANIA AUSTEALIS

145

uome

di

aminee (Yirg. Georg.

II,

97):

Amineos

Aristotelcs

foci Siri città

omonima
:

alla troica Siri e al patrio

fiume (Arist.

ni Pohjticis scrtbit,
vites

Thessalos fuisse,

qui suae regionis
illis

de p. VII, 10

Strabo, VI, 264). Questa tradizione è ricordata

in

Jtaliam

transtìilerint,

atque

inde lìomen
stanza nella
p.

da Ateneo (Dipn. Xlil,

523): ^Toiv

ìjì'

ttqòìzoi.

xaxrjayov

oi

imposìtum. Che

cotesti Aiuinei
si

prendessero

ànù

TQdi'ag èXd-óvTsg. In Siri presero di poi stanza circa
i

l'ol.

Magna Grecia
'Aniraìoc
Tcti.

può

argomentare
»J

da Esichio

74

:

XXIV

Colofonii
cit.
i
;

di

Lidia fuggendo
I,

la

dominazione

del

re

di'

éròg v ozrog,

ycig IlsvxsTia 'Afiiraìa Xsyi-

Gige (Strab. L
Cù'ca la
ol.

Herod.

lA): rrjv

Av3mv

àgz'}'' f^vvovai.

Indi

si

dissero aminee tutte quelle vigne nelle quali
si

L

Sibariti coi

Metapontini

e coi

Crotoniati

le

la vite

aminea

coltivava

(cf.

Plin. H. N.

XIV,

4).

In questo

mossero guerra
deserta quando

e

guadagnando

la distrussero.

Essa tuttavia era
che aveva
ab

senso
il

si

chiama Aminea

la vigna di

un

cittadino di Petelia

Temistocle ricordava

l'oracolo

quale nel suo testamento lascia l'usufrutto di essa agli
(Or.

Au-

antico ingiunto agli Ateniesi di condurvi

una

colonia. Siri batte
e in confedera^

gustali

S67S):

QVA/V\ VINEAW\ VOBIS

AVGVSTAGli antiai

moneta incusa divisa

in quarta a proprio

nome

LIBVS IDCiRCO DARI
chi

VOLO QVAE
(III,

EST A/V\1NEA.
il

zione di Bussento. Questa
nell'
e.

Buxentum non
u.

è la fondata
e.

da Smieito
Sic. L.

non son concordi ad assegnare

luogo
si

Peucezii:

anno

2

della

ol.

LXXVII, 283

(Diod.

XI

questa regione scrive Plinio

16)
;

chiamò poi Mesperò la pongono

48, 50),

tutto al più. tardi nell'anno 287, cioè

un 103 anni

sapia e Calabria in Salentino solo
fra Bari
e.

altri
i

dopo

la distruzione di Siri.

Convien quindi dedurre che Smieito

Taranto. Perecide

addita

Peucezii nel seno

non fondasse,
ovvero che

ionio sr ìoviro

zó/rrm, ed Ecateo attesta
Oi'tor gioie

eie

confinarono

ma conducesse una nuova colonia in quella città, il nummo di Siri non precede l'anno 287 come
Romani furono date quattro navi

cogli Enotrii ì'droQ roTg

noodexé:.

Può quindi

conchiuse l'Eckhel.
In T. Livio è detto che ai
dagli Uriti, ab

opinarsi che la

città

degli

Aminei

stesse fra Metaponto,
il

Bari e Taranto piuttosto che fra Taranto e

capo di Leuca,
si

Uritibus. Si è cercato chi siano cotesti Hi/rites,

dove secondo l'Harduino

li

pone Macrobio, se

corregge

così potenti in mare. Il
Siriti
i

mio

parere

si

è

che siano

questi

i

Salentum in luogo

di

Falenium.

Ma

credo che Macrobio
si

e

che fa d'uopo correggere Uritibus in Siritibus, dai quali
le navi,

veramente intendesse Falernum dove

coltivava la vite

Komani poterono avere
ol.

perchè Siri rimessa in piedi

aminea a suoi tempi {Satwn.
stima che
abitarono
gli

II,

46): e dove egli perciò

dai Tarantini nella

LXXXIV,

serviva di navale agli Eracleesi.

Aminei:

Uva aminea

scilicet

a

regione: nani Aminei fuerunt, ubi

nunc Falernum
i

est: e

ad ogni modo

i

Peucezii

non oltrepassarono
che
il

confini di

Tav. CVIII.
1.

Brindisi ed è piuttosto vero
in

loro suolo si

chiamò

Museo
campo

di Napoli.

Toro che andando,
R.

si

rivolta indietro,

nel

parte Salentino, ponendo Plinio la Egnatia in Salen(II,

di sopra

ilW.

Lo

stesso tipo incuso.

Pesa gr. 2,57.

tino

140).
si

2, 3. Coli.

Luynes.

Il tipo già detto al dritto e

al riverso incuso,

36. Coli, del Luynes. Toro in rilievo che andando a sinistra

l'epigrafe è doppia: nel dritto si legge

MOM^I^M e

in qualche

volge indietro e par che guardi una cavalletta che gli
è posata sulla

si

esemplare

MO^jqW:
n. 2.

nel

riverso

PVtOEM
i

ovvero

tVT

groppa

:

nell' esergo ^ '^/Q.

R.

Lo

stesso tipo

come nel

Suole eccedere di peso

gr.

8,00.

incuso con l'epigrafe stessa in rilievo nell'esergo. Il Luy-

nes nell'elenco che

mi mandò

delle sue

monete

l'attribuì

STBAEIS
Quanti hanno scritto delle
città d'Italia attestano

per congettura ad Aminula Apuliae vel Amiternum. Essa
è quel

medesimo esemplare che fu una

volta visto in

Koma
pre-

(dice

nel 1845.

Pausania VI, 19,
Il tipo

6),

che vi fu una Sibari dove è ora Lupia:
noXéiav
STTQayfióvrjffav

37. Museo di Vienna.
cedente, e
la

è lo

stesso che nel

nummo

'Onótìoi TtsQÌ 'Ivaliag xal

zàv év

epigrafe,

quantunque logora, pure studiata
lati.

avzfi AovTtCag (faci xsiiisvrjv BgsvTsaiov

zs

fisza^v xal

bene

si

legge l'^/K dai due

Il

P. Eckhel la publicò
il

'YSqovvtog jiszalls^XrjXsvai rò
c(Q%càov.

ovoi^ia,

^v^agtv ovaav tÒ
3)

e descrisse (D. n. v. I, 161) citando anche

Magnan.

Ma

la

Antonino

Liberale {Metam.

e.

attribuisce
:

ai

epigrafe non fu da lui ben letta VAA, e la

moneta

si attribxiì

Locresi la fondazione di una Sibari presso

Temesa AoxqoI

erroneamente a Sibari. La quale attribuzione è durata
dura tuttavia
38.
(Fiorelli,

e

nóliv iv 'iTaXia 2vflccQiv sxtidar. La terza Sibari che è
quella della quale trattiamo dicevasi che l'avessero fondata
i

Mon. ined.

II,

12).

Museo
n.

di Xapoli.

Terzo

esemplare della moneta descritta