Sei sulla pagina 1di 1

Cogne, sentenza: i 10 indizi contro Franzoni

1) Le condizioni del luogo - Una casa relativamente isolata, in zona priva di vegetazione, sita in una
piccola frazione ove non vi è passaggio occasionale di persone diverse dai residenti e dove
verosimilmente persone estranee che si aggirino sulla località verrebbero notati;

2) Alibi - L' assenza di alibi a favore dell'imputata, salvo per il breve tempo intercorso tra le 8,16 e le
8,24;

3) La porta non chiusa a chiave - Le poco credibili circostanze riferite dalla Franzoni circa la mancata
chiusura a chiave della porta di ingresso della casa, dovuta alla presunta esigenza di non svegliare il figlio
Samuele. Le pochissime altre volte (3 o 4) in cui il bimbo era stato lasciato solo in casa, la donna aveva
agito diversamente;

4) I pantaloni del pigiama - La circostanza per cui l'autore del delitto indossava i pantaloni del pigiama
di Annamaria Franzoni;

5) La casacca del pigiama - Il fatto che probabilmente l'omicida indossava la casacca dello stesso
pigiama;

6) Gli zoccoli - La circostanza per cui il killer indossava gli zoccoli di Annamaria Franzoni;

7) La bugia sulle calzature - La falsa testimonianza dell'imputata sulle calzature da lei utilizzate appena
rientrata nella propria abitazione dopo aver accompagnato il figlio Davide allo scuolabus;

8) Il ridimensionamento dei fatti - I termini riduttivi nei quali la donna ha riferito le condizioni in cui si
trovava il bambino ("vomitava sangue dalla bocca");

9) La freddezza - L'anomala freddezza dimostrata dalla Franzoni subito dopo la scoperta del figlio
morente: la donna non solo non si è recata in elicottero con il bambino, ancora vivo, ma si è affrettata a
darlo per morto parlando con il marito. A quest'ultimo la donna ha poi chiesto "facciamo un altro figlio? Mi
aiuti a farne un altro?";

10) L'assenza di altri possibili killer - Non risultano motivi di rancore o inimicizie, al di là di piccoli
screzi con alcuni vicini, tali da essere ritenuti movente per un delitto. Inoltre tutte le persone che
risiedono nelle vicinanze sono dotate di un alibi.