Sei sulla pagina 1di 5

Ai sensi del D.P.R 249/98 e delle successive modifiche apportate dal D.P.R. 21/11/2007 n.

293
(Approvazione del Collegio dei Docenti del 9 settembre 2011)

21052 BUSTO ARSIZIO(VA)


Via Quadrelli, 2 Tel. 0331/340.120-341.013-354.007 Fax 0331/340.120 C.F. 81009910126

e-mail galilei@galileibusto.it .WEB www.galileibusto.it

REGOLAMENTO ATTUATIVO DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI Ai sensi del D.P.R 249/98 e delle successive modifiche apportate dal D.P.R. 21/11/2007 n.293 Art.1 Premessa a) La scuola persegue, tra i suoi obiettivi educativi, lacquisizione di un comportamento rispettoso di se stessi, degli altri e delle cose, il rafforzamento dellautocontrollo e del senso di responsabilit. b) Come ogni sistema complesso, la scuola presuppone lesistenza ed il rispetto di regole organizzative e di rapporti interpersonali, che sono alla base di una corretta convivenza civile. c) Gli alunni sono guidati a prendere progressivamente coscienza delle regole e dei doveri che la convivenza impone e questo percorso di interiorizzazione costituisce una parte significativa del progetto formativo dellIstituto. Art.2 Principi generali a) La responsabilit disciplinare personale; nessuno pu essere sottoposto a sanzioni disciplinari, senza essere prima invitato ad esporre le proprie ragioni e senza che ne sia stata riconosciuta la diretta responsabilit. b) Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento pu influire sulla valutazione del profitto. c) In nessun caso pu essere sanzionata la libera espressione di opinioni correttamente manifestate e non lesive dellaltrui personalit. d) Lalunno ha lobbligo di attenersi alle regole stabilite, come dimostrazione di una corretta collocazione allinterno del sistema scolastico e di un processo educativo in evoluzione. e) Le inadempienze e le trasgressioni dellalunno sono da interpretare come segnali di inadeguata consapevolezza dei propri doveri e di scarso senso di responsabilit e richiedono un puntuale e tempestivo intervento da parte dei docenti che, in collaborazione con la famiglia, cercheranno di rimuovere le cause che le hanno prodotte. f) A tutti deve essere garantito un clima sereno in funzione di un lavoro scolastico proficuo, pertanto, in caso di mancanze gravi o reiterate e di comportamenti violenti o pericolosi saranno immediatamente informati i genitori. g) Le sanzioni da applicare ai diversi tipi di trasgressione alle regole devono sempre essere temporanee, proporzionate allinfrazione disciplinare ed ispirate al principio della riparazione del danno e, se possibile, al risarcimento dello stesso. h) Le sanzioni devono tenere conto della situazione personale dellalunno, al quale pu essere offerta la possibilit di convertire la sanzione in attivit in favore della comunit scolastica.

Art.3 Mancanze disciplinari nel dettaglio e sanzioni applicabili Comportamenti sanzionabili Ritardi ripetuti giustificati Assenze ripetute giustificate Mancanza del materiale occorrente Sanzioni applicabili Richiamo verbale da parte del docente Richiamo verbale da parte del docente Richiamo verbale e/o scritto da parte del docente Non rispetto delle consegne a casa Richiamo verbale e/o scritto da parte del docente Non rispetto delle consegne a scuola Richiamo verbale da parte del docente Assenze o ritardi non giustificati per pi Ammonizione scritta sul libretto (docenti) giorni Mancata trasmissione di voti e Ammonizione scritta sul libretto e comunicazioni convocazione della famiglia Disturbo delle attivit didattiche Ammonizione scritta sul libretto e/o ammonizione scritta sul registro da parte dei docenti Falsificazione della firma Ammonizione scritta sul libretto e/o ammonizione scritta sul registro e convocazione della famiglia. (docenti) Nei casi pi gravi eventuale sospensione (Consiglio di classe o team dei docenti) * Comportamento non adeguato allambiente Ammonizione scritta sul libretto e/o scolastico (atteggiamento, vestiario, ordine, ammonizione scritta sul registro e pulizia, rispetto infrastrutture) convocazione della famiglia. (docenti) Mancato rispetto delle regole di convivenza Ammonizione scritta sul libretto e/o civile nei momenti non strutturati ammonizione scritta sul registro (docenti) (intervallo, mensa, incontri con personale extrascolastico, uscite) o mancata osservanza delle norme di sicurezza Utilizzo improprio di materiale durante lo Ammonizione scritta sul libretto e/o svolgimento dellattivit didattica (computer, ammonizione scritta sul registro, sequestro giornali, riviste) del materiale (docenti) Utilizzo del cellulare ed altri dispositivi Ammonizione scritta sul libretto e/o elettronici ammonizione scritta sul registro, sequestro del dispositivo e convocazione della famiglia. (docenti) Linguaggio offensivo o blasfemo Ammonizione scritta sul libretto e/o ammonizione scritta sul registro e convocazione della famiglia. (docenti) Violazione del divieto di fumo ed Ammonizione scritta sul libretto e introduzione ed uso di bevande alcooliche ammonizione scritta sul registro (docenti) e convocazione della famiglia (Dirigente Scolastico) Nei casi pi gravi, eventuale sospensione (Consiglio di classe o team dei docenti) * Violenze fisiche o psicologiche Ammonizione scritta sul libretto e ammonizione scritta sul registro (docenti). Sospensione dalle lezioni e attivit 3

Danneggiamento di beni della scuola, del personale, degli studenti o di persone o strutture esterne in attivit fuori dallIstituto

Trattamento improprio di dati personali acquisiti mediante telefoni cellulari o altri dispositivi elettronici Violenze fatte in gruppo Reati gravi (furto, incendio, danneggiamenti dolosi)

scolastiche fino a quindici giorni (Consiglio di classe o team dei docenti) * Ammonizione scritta sul libretto e Ammonizione scritta sul registro (docenti) e convocazione della famiglia (Dirigente Scolastico) Nei casi pi gravi, eventuale sospensione (Consiglio di classe o team dei docenti) * Sospensione oltre 15 giorni e esclusione dallo scrutinio finale (Consiglio di Istituto) Denuncia al Garante per la Privacy Sospensione oltre 15 giorni e esclusione dallo scrutinio finale (Consiglio di Istituto) Denuncia al Garante per la Privacy Sospensione oltre 15 giorni e esclusione dallo scrutinio finale (Consiglio di Istituto). Denuncia alle Autorit competenti

*Il Consiglio di classe delibera per la scuola secondaria di primo grado; il team dei docenti delibera per la primaria.

Art.4 Interventi educativi correttivi La scuola, per valorizzare il momento della riflessione personale e della consapevolezza delle conseguenze di eventuali comportamenti che configurano mancanze disciplinari, oltre ai provvedimenti disciplinari, pu adottare i seguenti interventi educativi correttivi: a) b) c) d) e) Confronto con la famiglia al fine di seguire una linea educativa comune Consegna da svolgere in classe e/o a casa Invito alla riflessione Scuse formali Attivit finalizzate al ripristino di eventuali danni

Art.5 Procedimento disciplinare a) Le sanzioni disciplinari sono irrogate a conclusione di un procedimento articolato come segue: 1. Contestazione dei fatti da parte del docente o del DS 2. Esercizio del diritto di replica da parte dello studente 3. Decisione b) Nessuna sanzione pu essere irrogata senza aver dato allalunno la possibilit di addurre eventuali giustificazioni c) Per le sanzioni che prevedono lallontanamento dalla scuola o leventuale pagamento di un danno, lo studente pu esporre le proprie ragioni in presenza dei genitori, prima della riunione dellorgano collegiale competente a irrogare la sanzione d) Pu essere offerta allo studente la possibilit di convertire la sospensione dalle lezioni con attivit in favore della comunit scolastica e) Tutte le sanzioni disciplinari irrogate devono essere ampiamente motivate tempestivamente agli interessati ed ai genitori a cura del coordinatore di classe, sentito il Dirigente Scolastico

Art.6 Ricorsi a) Avverso i provvedimenti disciplinari, ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse, entro 15 giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, allOrgano di Garanzia interno alla scuola, che decide nel termine di 10 giorni b) LOrgano, presieduto dal Dirigente Scolastico, composto da due docenti, designati dal Collegio Docenti e da due genitori, designati tra gli eletti del Consiglio di Istituto. Dura in carica due anni e, qualora un membro decada, si proceder alla sua sostituzione. c) LOrgano di Garanzia delibera a maggioranza dei componenti e non ammessa lastensione dal voto. Il presente articolato fa riferimento al D.P.R. 235/07 che ne integra eventuali parti mancanti