Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.it http://twitter.

com/fiscoediritto

COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI FIRENZE SENTENZA DEL 29 APRILE 2011, N. 54/31/11 Svolgimento del processo ....... ricorreva avverso una cartella di pagamento a lui notificata il 22.09.2008 a seguito di un avviso di accertamento relativo all'anno di imposta 2000 elevato nei confronti di ....... deceduto in data 18.6.2007, e notificato impersonalmente e collettivamente agli eredi nell'ultimo domicilio in data 14.12.2007. Si deduceva il difetto di motivazione della cartella di pagamento in cui si omette di precisare che l'avviso di accertamento era stato emesso nei confronti del de cuius e la illegittimit della richiesta stante che il ricorrente, accettante l'eredit con beneficio di inventario con espressa dichiarazione 6.9.2007 per Notaio ....... non sarebbe tenuto al pagamento di quanto richiesto e comunque non obbligato al pagamento della sanzione Iva irrogata. Con sentenza n. 87 depositata il 13.7.2009 la Commissione Tributaria Provinciale di Firenze dichiarava inammissibile il ricorso sia nei confronti della Equitalia Cerit per carenza di vizi propri della cartella, sia nei confronti dell'Agenzia delle Entrate per definitivit dell'accertamento. Avverso tale statuizione l'Agenzia delle Entrate chiedeva la conferma della sentenza impugnata deducendo, in subordine, la sussistenza dell'obbligazione a carico dell'erede appellante per decadenza dal beneficio stante la incompletezza dell'inventario per omesso inserimento di ulteriori debiti ereditari di natura tributaria. L'appellante depositava memoria difensiva. All'esito della discussione in pubblica udienza il procedimento veniva ritenuto in decisione. .. LA VERSIONE INTEGRALE E DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK: http://www.fiscoediritto.it/?page_id=5909
Tutto il materiale contenuto nel presente documento reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso. FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, cos come gratuito tutto il materiale presente. FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo sito contattaci a info@fiscoediritto.it