Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.it http://twitter.

com/fiscoediritto

CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 02 SETTEMBRE 2011, N. 18038 Svolgimento del processo (...) convenne in giudizio la s.p.a. (...) chiedendone la condanna al pagamento della somma di lire 677.541.138 a titolo di saldo del compenso, determinato secondo la corrispondente tariffa professionale, per le prestazioni professionali che, in qualit di geometra, aveva svolto in favore della controparte in esecuzione dell'incarico sottoscritto in data 10 settembre 1991 in relazione alla costruzione del Centro commerciale (X). La societ convenuta si oppose alla domanda deducendo che il compenso era stato predeterminato un tanto al mese e non a tariffa, che l'attivit professionale svolta dall'attore in realt era riconducibile ad un incarico orale risalente nel tempo stipulato anche con altre societ facenti parte del gruppo (...) e che ogni spettanza era stata pagata. Il Tribunale di ......... respinse la domanda sulla base della considerazione che le fatture prodotte dalla controparte erano riconducibili all'attivit professionale oggetto della domanda e che, tenuto conto della quietanza a saldo rilasciata dal professionista con scrittura privata del 31 gennaio 1995, ogni sua competenza doveva ritenersi saldata. Interposto gravame, con sentenza n. 479 del 25 luglio 2005, la Corte di appello di ......... riform la pronuncia di primo grado e, in parziale accoglimento della domanda, condann la societ convenuta al pagamento del minor importo di euro 76.200, oltre interessi, compensando in parte le spese di entrambi i gradi di giudizio. A sostegno di tale conclusione la Corte, richiamato il contenuto della lettera di incarico del 10 settembre 1991, afferm che le prestazioni professionali di cui la parte chiedeva il pagamento del compenso riguardavano specificatamente la costruzione del Centro Citt Fiera ed erano distinte da quelle svolte dal medesimo professionista su incarico del (...) a cui erano unicamente riferibili le quietanze a saldo, aggiungendo per che al (...) non potevano essere riconosciute quelle voci della parcella che esulavano dalla sua competenza professionale di geometra ( quale quella relativa alla progettazione delle opere ) e di cui egli, nella lettera di incarico, non era stato investito in prima persona, ma con una sorta di mandato a reperire e nominare altri idonei professionisti, coordinandone l'attivit, riducendo, in relazione a tali voci, sulla base delle risultanze della consulenza tecnica d'ufficio espletata in primo grado, t'importo spettante al professionista. ..

LA VERSIONE INTEGRALE E DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK: http://www.fiscoediritto.it/?page_id=5882


Tutto il materiale contenuto nel presente documento reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso. FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, cos come gratuito tutto il materiale presente. FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo sito contattaci a info@fiscoediritto.it

Interessi correlati