Sei sulla pagina 1di 10

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 14

NUOVE SCOPERTE
di Michael Tellinger

Il Calendario
di
Recenti ritrovamenti in Sudafrica, suggeriscono che la prima civilt sulla Terra non sarebbe emersa a Sumer 6000 anni fa. I Sumeri potrebbero, invece, aver ereditato le loro conoscenze da una remotissima civilt megalitica, che emerse 100.000 anni fa nella culla del genere umano, e che lasci migliaia di strutture simili a fortezze e uno straordinario calendario megalitico.

Adamo
In apertura,
Alcune tra le migliaia strutture circolari presenti in Sudafrica, studiate da Michael Tellinger. Nella pagina a fronte, in alto, alcuni blocchi del calendario di Adamo. In basso, gli allineamenti dellantico calendario. Michael Tellinger

ltre di 100.000 anni fa, i primi uomini costruirono un calendario di pietra che precede tutte le altre strutture artificiali trovate sino al giorno doggi. Questa scoperta cos sorprendente che richiede un radicale cambio di paradigma e ci avvicina a una nuova visione della preistoria delluomo.
14

Questa Stonehenge africana, che abbiamo chiamato il Calendario di Adamo collegata ai numerosi altri resti di pietra presenti in sud Africa e suggerisce che queste rovine siano molto pi antiche di quanto si sia creduto sinora. Il complesso di strutture presente a Waterval Boven, Machadodorp, Carolina e Dullstroom, copre una superficie

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 15

pi estesa della moderna Los Angeles e si rivelato come la pi grande, misteriosa e antica citt sulla T re ra. La scoperta di statue scolpite nella dolerite, che raffigurano enormi uccelli, alcuni simili al dio egizio Horus, e incisioni di dischi alati, suggerisce che il prototipo della civilt sumera ed egizia abbia avuto origine nel Sudafrica migliaia di anni prima che queste civilt emergessero a nord del continente. Sette anni di ricerca con un gruppo di scienziati ed esploratori indipendenti ci hanno condotto a quelli che possono essere gli elementi cruciali che mancavano alla nostra comprensione della vita e allo sviluppo dei primi uomini moderni. Le nostre scoperte sono state pubblicate in due libri intitolati Adams Calendar e Temples Of The African Gods (inediti in Italia). Ma la ricerca ha anche dimostrato che questi insediamenti di pietra rappresentano le strutture pi misteriose e incomprese trovate fino ad oggi, quanto resta di una civilt che visse in questa zona del mondo per migliaia di anni. Se questa la culla del genere umano, allora siamo fronte alle testimonianze delle attivit umane relative alla pi antica civilt terrestre.

Bantu durante la loro migrazione dal nord, durata dal XIV fino al XVIII secolo. T tto questo lo condusse a u scoprire il misterioso cerchio megalitico che oggi chiamiamo Calendario di Adamo grazie a un incidente aereo, quasi fatale, occorso a uno dei suoi uomini. Heine not strani monoliti eretti al centro di una pi vasta struttura circolare consumata dal tempo, proprio sul margine di un dirupo di unalta montagna. Dopo essersi occupato del velivolo precipitato e recuperato il pilota che ne usc con solo un braccio rotto, Heine torn a indagare i monoliti. Questo fu il momento in cui scopr quanto cieco possa essere chi non vuol vedere. Port circa 5 accademici al sito in cerca di spiegazioni, ma nessuno di loro era in grado

La Scoperta del Calendario


Johan Heine, in quanto aviatore, da oltre un ventennio vola sulle montagne del Mpumalanga. Heine ha maturato un grande interesse per le migliaia di strane strutture circolari in pietra che si trovano sparse in questa regione, iniziando a fotografarle dallalto. Dopo aver consultato vari cosiddetti esperti sulle origini di queste strutture, gli stato detto che si trattava di semplici recinti per il bestiame lasciati dal popolo
15

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 16

IL CALENDARIO
di comprendere il vero significato della scoperta, affermando che si trattava solo di pietre poste l a caso. Un duro colpo alla sua eccitazione iniziale, ma come un vero esploratore non si arrese. Il sito posto sul ciglio di ci che conosciuta come la Scarpata del T nsvaal, geologicamente costira tuita da quarzite della Black Reef, ricca doro. Qui, infatti, inizi la corsa alloro ai primi del 800. Ma i monoliti del Calendario di Adamo sono tutti in dolerite. La vena di dolerite pi vicina al sito a circa un chilometro di distanza. Questo significa che gli architetti ebbero notevoli difficolt nel trasporto dei monoliti, alcuni dei quali pesano oltre 5 tonnellate. Il monolite centrale scolpito con tale precisione da permettere al sole al tramonto di gettare unombra su quello che noi chiamiamo la Pietra Piatta del Calendario. Heine inizi a misurare e calcolare la disposizione e i parametri dei monoliti. Usando i suoi anni di esperienza nella navigazione aeronautica si rese rapidamente conto che la struttura circolare fu volutamente progettata e allineata ai quattro punti cardinali e agli equinozi e solstizi. Ma la completa
A destra, allineamenti del Calendario di Adamo. In primo piano la pietra Horus e i megaliti allineati con Orione. Michael Tellinger

DI

ADAMO
dro sorprendentemente nuovo circa la storia di queste antiche rovine. La realt che sappiamo ben poco su queste spettacolari strutture ed una tragedia immane che ne siano state distrutte a migliaia da persone prive di ogni cognizione della loro importanza, dal settore forestale agli agricoltori sino alle autorit incaricate dello sviluppo dellarea. In seguito alle mie personali esplorazioni aeree e da terra, realizzate negli ultimi 3 anni, posso tranquillamente stimare in ben oltre 100.000 il numero di queste antiche rovine di pietra. Questo dato stato confermato nel gennaio 2009 dallarcheologo Revil Mason. Ci pone un enorme problema per gli archeologi, antropologi e storici, perch la storia accettata di questa parte del pianeta non contempla la presenza in questarea, in nessun momento del nostro passato, di un numero lontanamente sufficiente di persone che possano aver edificato tale quantit di strutture. E la cosa diventa ancor pi complessa se si pensa che queste non erano strutture isolate abbandonate durante una migrazione di cacciatori-raccoglitori. La realt si palesa quando si

esplorazione e la reale et del sito richiesero altri sei anni di studio e molte altre sorprendenti scoperte. Si scopr allora che lallineamento nord-sud-est-ovest, fuori asse di 3 gradi, 17 minuti, 43 secondi. Ci significa che la struttura ha almeno 25.000 anni di et, sulla base di calcoli archaeoastronomici relativi al ciclo precessionale di 26.000 anni. Ulteriori studi di erosione geologica, allineamenti stellari e crescita di licheni sulle superfici ci ha permesso di raggiungere la ragionevole conclusione scientifica che questo sito risale ad almeno 75.000 anni fa, ma le nostre ultime ricerche ha retrodatato questo valore a oltre 100.000 anni fa.

Misteriose antiche rovine in Sud Africa.


Quando iniziammo la nostra ricerca circa sette anni fa, era generalmente accettato dagli studiosi che, sparse per le montagne del Sud Africa, ci sono circa 20.000 antiche rovine di pietra. Gli storici moderni hanno speculato sulle origini di questi resti definendoli recinti per bestiame di scarsa importanza. Una pi approfondita ricerca scientifica dipinge un qua-

16

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 17

NUOVE SCOPERTE
antichi della T rra. Manue fatti che sono stati recuperati da queste rovine mostrano un lungo e prolungato periodo di insediamento che si estende ben oltre i 200.000 anni. Negli ultimi tre decenni, diversi ricercatori hanno sollevato la questione solo per essere ridicolizzati e spesso ostracizzati. Molti scienziati di alto livello e storici hanno espresso il loro sostegno per le origini antichissime di queste strutture e alcuni dei geologi pi anziani in Sudafrica come Gedeone Groenewald, hanno dichiarato ufficialmente che il Calendario di Adamo davvero una struttura artificiale e non una formazione naturale, come alcuni continuano a sostenere. Dato che il Sudafrica la culla del genere umano, non dovremmo essere sorpresi di trovare tali resti, ma dovremmo piuttosto aspettarci questo tipo di scoperte. Dopo una recente esplorazione aerea delle rovine, Groenewald ha osservato che queste sono le pi antiche strutture che avesse mai visto. Sembra che abbiamo a che fare con In questa paci che forse la pi grande, antica e misteriosa ci- gina, altre vilt del pianeta T rra. e strutture in

prende in considerazione la grandezza e la vastit di questi insediamenti e si attesta limpressionante numero di antichi terrazzamenti che li circonda, che coprono oltre 450.000 chilometri quadrati nel sud Africa, e forse anche di pi. Un esame archeologico approfondito delle prove fotografiche di alcune di queste terrazze indica che sono antiche almeno di 5000 anni. La gran parte delle originali strutture dinsediamento sono ancora sepolte e sono visibili ad un osservatore esperto solo dal cielo. La situazione diviene ancor pi complessa quando si osservano le strade che collegavano questi insediamenti. Abbiamo identificato i resti di queste strade tuttora visibili, che si snodano per circa 500 chilometri. Nel loro stato originario avrebbero dovuto coprire migliaia di chilometri. La posizione delle sezioni delle antiche strade da noi scoperte suggerisce che un tempo questa rete si espandeva in modo continuo dalla costa del Mozambico, attraverso il Sud Africa, fino a Zimbabwe, Botswana e forse oltre. Un calcolo approssimativo dimostra che i soli tratti visibili delle strade originarie avrebbero richiesto per la loro costruzione oltre 500 milioni di blocchi tra i 10 e i 50 chilogrammi. Se presumiamo che le strade sono solo il 2% degli antichi insediamenti, il numero di pietre necessarie per costruire lintera citt, diventa inimmaginabile. Con il modello di popolamento ufficialmente riconosciuto relativo allantica civilt dellAfrica meridionale, questo sviluppo semplicemente non sarebbe stato possibile. Laltra questione che dobbiamo affrontare la necessit di costruire strade, in quanto si crede che la ruota sia giunta, in questi luoghi, alla fine del 1400, grazie gli esploratori portoghesi.

Antichi Bacini Auriferi


importante notare che le misteriose rovine del Sudafrica, tra cui Great Zimbabwe e le migliaia di ruderi simili in Africa, si estendono anche in aree con-

pietra presenti a Mpumalanga, Sudafrica. Michael Tellinger

La Citt pi Antica sulla Terra


Le nostre osservazioni suggeriscono che siamo forse di fronte agli insediamenti pi
17

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 18

IL CALENDARIO

DI

ADAMO
descrivono per esteso i primi insediamenti umani e una remota attivit di estrazione aurifera in una terra chiamata Abzu, la terra sotto lequatore. I collegamenti tra civilt sumera e Sudafrica non possono essere ignorati o cancellati e possono essere rintracciati etimologicamente nei nomi e nelle origini delle popolazioni indigene. La prova pi evidente, che per non mai stata spiegata, la parola Abantu, il nome comunemente utilizzato per descrivere i neri sudafricani. Secondo limportante sciamano e uomo-medicina Credo Mutwa, questo nome deriva dalla dea sumera Antu. Abantu significa I figli o la gente di Antu. Gli stessi sumeri si autodefinivano Genti dalle teste nere.

A destra, struttura di Mpumalanga. In basso, petroglifo del progetto di una struttura di Mpumalanga su un blocco del Calendario di Adamo. Michael Tellinger

finanti come il Botswana, Namibia, Zambia, Kenya e Mozambico. Ma perch queste antiche genti erano qui? Cosa facevano? Gli ultimi 200 anni hanno visto un certo numero di esploratori scrivere in dettaglio su queste rovine, ma le loro conclusioni sono state in gran parte dimenticate e i loro libri fuori catalogo. Molti di questi esploratori hanno scritto di migliaia di antichi pozzi minerari in prossimit di queste rovine, molti dei quali sono stati descritti come minere doro, rame, stagno e ferro. Durante la mia ricerca ho trovato almeno 25 antichi pozzi minerari in aree ricche doro e mi stata confermata la presenza di dozzine di ulteriori pozzi da diversi agri-

coltori della zona. Sembra che lestrazione delloro in questi luoghi avvenga da molto pi tempo rispetto a quanto immaginato sinora. Una moneta dellimperatore romano Antonino Pio, risalente al 138 d.C. stata trovata nel 1891 da Theodore Bent, a 25 metri di profondit in una miniera doro. Bent fu il primo uomo a scavare Great Zimbabwe. stato detto anche che il faraone Ramses avesse attraversato il continente africano sino alla punta meridionale, e una delle ragioni era la ricerca di oro in questa parte del mondo. Siamo forse davanti alle leggendarie miniere di Re Salomone? Le pi antiche testimonianze scritta della storia umana, le tavolette sumere,

La connessione di Orione e il falco Horus


Il Calendario di Adamo la testimonianza principale tra queste rovine perch possiamo datarlo con relativa certezza a prima dellevento diluvio, a circa 13.000 anni fa, se non ad addirittura a 75.000 anni fa, sulla base di una serie di valutazioni scientifiche. A sua volta il Calendario di Adamo testimonia la diversa storia del Sudafrica e presenta la prima prova tangibile dei primi esseri umani nella culla dellumanit. Questo gruppo di megaliti era, originariamente, una grande struttura circolare simile a Stonehenge, ma a questo precedente di molte migliaia di anni. La sua forma originaria ancora ben visibile dalle immagini satellitari. Il Calendario di Adamo situato lungo la stessa linea longitudinale di 31 gradi come Great Zimbabwe e la Grande Piramide di Giza. T dei suoi re monoliti erano allineati con il sorgere in orizzontale della cintura di Orione quando questa si elevava allorizzonte almeno 75.000 anni fa. Il pi recente calcolo astronomico suggerisce che lultima volta che la Cintura di Orione si sarebbe elevata in orizzontale in quel luogo fu intorno a 160.000 anni fa. Le ricerche hanno rilevato che il monolito coricato, posto sul cerchio esterno, che segna il sorgere del sole allequinozio primaverile,

18

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 19

NUOVE SCOPERTE
Il posto da dove proviene loro, quindi divenne larabo Afir, che sta per Africa, da cui derivato KAfir, la parola che in gergo identificava la popolazione nera. Nella Bibbia divenne Ofir o Ophir. Dunque, un evidente collegamento unisce tutti questi luoghi, e questo collegamento porta in Sudafrica, da dove loro materialmente proveniva. Dopo tutto la zona da cui stata estratta la maggior parte delloro del mondo nella storia moderna, e nellantichit le cose non dovettero essere diverse. solo una coincidenza che lodierna miniera doro pi ricca al mondo sia la Miniera dOro di Saba e si trovi proprio qui a Mpumalanga, in Sudafrica? Per qualcuha la forma della testa del dio falco egizio Horus e ricorda anche gli uccelli scolpiti in cima ai pali di Great Zimbabwe. Questa sarebbe la pi antica statua associabile al dio falco Horus e dovrebbe attrarre un grande interesse negli anni a venire. Il Calendario di Adamo ci porta sino alle epoche pi prossime alla comparsa dellHomo Sapiens, pi indietro di ogni altra struttura mai trovata sino ad oggi, e forzer storici e archeologi a riconsiderare le antiche attivit umane e la coscienza.
A lato, lallineamento del Calendario di Adamo con Orione. In basso la geometria sacra applicata alle strutture di Mpumalanga. Michael Tellinger

Antichi Uomini
Il Sudafrica detiene alcuni dei pi profondi misteri di tutta la storia umana. Anche se molto stato scritto circa i primi esseri umani apparsi in questa parte del mondo, abbiamo scarse prove sulle attivit o su che stile di vita questi presentassero tra i 250.000 e i 75.000 anni fa. Ci che ci viene detto che circa 60.000 anni fa questa gente inizi una migrazione dallAfrica vrso nord, popolando infine lintero pianeta. Nientaltro. Le prime tracce di intelligenza e coscienza umana apparvero solo 75 000 anni fa circa, quando il popolo Khoisan dellAfrica meridionale inizi a produrre una spettacolare serie di pitture rupestri. Braccialetti e monili finemente lavorati, trovati nella grotta di Blombos nel Capo Occidentale del Sud Africa, dimostrano che questi primi uomini avevano gi sviluppato unalta sensibilit artistica e unabilit nella manifattura dellartigianato. Le leggende diventano ancor pi vivide quando veniamo a conoscenza del grande impero di Monomotapa, i cui re erano potenti e ricchi doro. Muovendoci intorno al 1000 a.C. ci imbattiamo nella misteriosa regina di Saba, che govern su un regno nella terra perduta di Ophir, ricca di inesauribili riserve auree, e il saggio e ricco re Salomone che, sedotta la regina Saba, ottenne da questa tutto il suo oro. possibile che un posto cos esistesse realmente? Era davvero cos ricco doro? Era da qui che i pi ricchi re della terra prendevano il loro oro? Etimologicamente Ophir deriva da un antico luogo chiamato Afer, cio
19

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 20

IL CALENDARIO

DI

ADAMO

IL SUDAFRICA LA CULLA ANCHE SECONDO LA GENETICA


in Africa meridionale pi che in Africa orientale, come generalmente si supponeva. Uno studio che ha fornito la pi chiara idea del luogo di nascita degli esseri umani moderni. Lo studio pubblicato su Pro ceeding of the National Academy of Sciences stato realizzato dai genetisti Brenna Henn e Marcus Feldman. Brenna Henn ha detto che lo studio ha raggiunto due conclusioni principali: Una che c' una enorme diversit nelle popolazioni africane di cacciato ri-raccoglitori. Questi gruppi di cacciatori-raccoglitori sono altamente strutturati e sono piuttosto isolati gli una dagli altri e, quindi, conservano una grande quan tit di variazioni genetiche. Henn ha aggiunto: La seconda importante conclusione che abbiamo preso in considerazione i modelli di diversit genetica tra le 27 diverse popolazioni africane, e abbiamo visto un calo di diversit che inizia proprio in Africa meridionale e progredi sce man mano che ci si sposta verso il nord Africa. Le popo lazioni dell'Africa meridionale, i Khomani Boscimani, pre sentano la pi alta diversit genetica di qualsiasi altra po polazione. Questo suggerisce che lAfrica meridionale po trebbe essere il luogo migliore per individuare lorigine degli esseri umani moderni. Adriano Forgione

L
In basso, gli allineamenti astronomici di una delle strutture di Mpumalanga. In alto, nel box, cacciatori Boscimani. Michael Tellinger

e teorie di Tellinger sullorigine sudafricana delluomo moderno hanno trovato inaspettata conferma proprio di recente. Lo scorso 8 marzo, lUniversit di Stanford in California, ha dirmato i risultati di uno studio genetico sulle popolazioni africane. Attraverso la pi grande analisi sulla diversit genetica delle popolazioni del Continente Nero mai svolta sinora, si appurato che gli esseri umani moderni probabilmente ebbero origine

no possono sembrare domande ingenue, ma dopo aver personalmente esplorato i resti di enormi citt e di antiche civilt in Sudafrica, sono totalmente convinto che ci che pensiamo di conoscere circa la storia pi antica della razza umana, sia quanto di pi lontano dalla realt di quanto si

saremmo mai immaginati. Il Calendario di Adamo colloca in modo deciso le molte antiche rovine del Sud Africa a un periodo dello storia umana risalente a circa 100.000 anni fa, unantichit con cui noi esseri umani moderni non ci siamo mai confrontati sino ad ora.

Chi Michael Tellinger

Michael T ellinger laureato in farmaceutica. Attualmente svolge attivit di ricerca sulle origini delluomo. Con la sua casa editrice, Zulu Planet Publishers, ha pubblicato i saggi Slave Spe cies of God (2005), Adams Ca lendar (con John Heine, 2008) e Temples of the African Gods (2009). T ellinger direttore della MaKomati Foundation, fondazione no-profit, il cui obiettivo la ricerca ela promozione degli antichi ruderi di Mpumalanga, in Sudafrica.
20

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 21

NUOVE SCOPERTE

INTERVISTA

M. TELLINGER
superiori a ogni altra misurazione effettuata in qualunque luogo della Terra, ben oltre i 375 giga Hertz. Tutto ci un supporto scientifico in credibile alla presenza in questi luoghi di una civilt avanzata.
A.F.: Se il Calendario di Adamo cos antico, vi sono elementi ad esso relazionabili nelle tradizioni locali? M . T . : Il Calendario di Adamo una struttura megalitica ben nota tra i custodi della conoscenza in Africa, sciamani, sangoma e uomini/donne med icina. considerato come uno dei due luoghi pi sacri della terra, connesso alla creazione della raz za umana. Nella cultura Africana di questi luoghi conosciuto come La Casa natale del Sole. A.F.: In relazione al Calendario di Adamo, lei parla della presenza di innumerevoli resti di

Adriano Forgione: Dottor Tellinger, potrebbe presentare il suo background ai nostri lettori? Michael Tellinger: Sono un medico, laureatosi in Famaceutica nel 1983 presso lUniversit di Witwatersrand, Johannesburg, Sudfrica. A.F.: Che tipo di ricerche che sta conducendo in Sudafrica e da quando? M.T.: Attualmente sto facendo ricerche sulle origini del genere umano e sulla vera storia del pianeta. Ho iniziato a mostrare interesse per que sto tipo di argomenti nel 1979, durante il mio pri mo anno di universit. Il Calendario di Adamo il luogo principale dove si esplica il mio studio. A.F.: Qual il significato di questa struttura megalitica in relazione ai suoi allineamenti astronomici? M.T.: Il Calendario di Adamo fu progettato per essere allineato ai quattro punti cardinali, N-S-E-O, ma presenta anche una pietra scolpita in forma di falco. Sono dellidea che sia relazionabile alla divinit egizia Horus. Questa scultura segna il sorgere del sole durante lequinozio di primavera nellemisfero sud del pianeta. Sembra che questa sia la pi antica scultura in pietra di Horus mai trovata sino ad oggi. no to che Horus rappresenti sempre il sorg ere del sole, quindi questo potrebbe sig nificare che siamo davanti al luogo del sorgere dellHorus primigenio. C un problema: lallineamento N-S-E-O fuori allineamento di 3.1/- 4 gradi in sen so antiorario in direzione nord-sud. Questo pu significare solo una cosa: il Calendario di Adamo stato costruito in un momento storico in cui nord e sud presentavano un diverso angolo. Sto par lando del vero asse nord-sud, non di quello magnetico. Questo supporta la teoria di Charles Hapgood dello scorri mento della crosta terrestre. La pietra Horus in relazione con altri tre mega liti che sono allineati con il sorgere di Orione. Questo allineamento specifico stato datato ad almeno 160 mila anni fa. So che pu sembrare assurdo ma cos. Allinterno del cerchio del Calendario di Adamo abbiamo anche misurato unin credibile quantit di campi elettromag netici, sia nel vettore verticale che oriz zontale del campo stesso. Inoltre, tracce di elevato calore sono riscontrabili sotto la superficie, fatto che suggerisce la pre senza di un vulcano sotterraneo. Le fre quenze sonore rilevate nel cerchio sono

In basso, un blocco al suolo del Calendario di Adamo. Michael Tellinger

21

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 22

IL CALENDARIO

DI

ADAMO

A destra, alcuni megaliti del Calendario di Adamo. In basso, struttura circolare di Mpumalanga. Michael Tellinger

costruzioni in pietra di pianta circolare, molto simili a quella presenti in Sardegna chiamate Nuraghi. Perch sono cos numerose? M.T.: Ci sono oltre 10 milioni di queste costruzioni in Africa meridionale, una cifra pazzesca. Sono dellidea che si tratta di generatori di energia per la lavo razione dei metalli e dei miner ali, principalmente oro, per mez zo del suono come fonte di en ergia. Queste strutture sono tutte collegate da migliaia di chilometri di canali in pietra che regolavano e assicuravano la con duzione di energia tra tutti i cer chi. Ci sono anche terrazzamen ti agricoli che usavano questo flusso di energia per migliorare la produzione di grano. A.F.: Che tipo di civilt l costru e a quale scopo? M.T.: Questi cerchi ci fanno tornare al primo popolo della terra, che estraeva oro in Sudafrica quasi 300.000 anni fa. Le tavolette sumere lo chiamano
22

Lulu Amelu, e il primo uomo Adamu. Ci sono collegamenti diretti con la tavolette sumere degli Anunnaki e con la de scrizione delle loro attivit di es trazione aurifera sulla Terra. Siamo a conoscenza di oltre

75.000 miniere doro e molte altre sono ancora coperte dal terreno. Questa civilt stata distrutta dal diluvio biblico cir ca 12-13.000 anni fa.
A.F.: Ha trovato strumenti e

14 - 23 Calendario di adamo

18-03-2011

11:19

Pagina 23

NUOVE SCOPERTE
oggetti vicino alle strutture che sostengono la sua ipotesi? M.T.: S. Ve ne sono diversi: Pietre di forma allungata che suonano come campane. Credo che servissero come starter per avviare il sistema di frequenza sonora, in quanto tali pietre emettono un so lo tono. Le migliaia di pietre nelle pareti dei cerchi risuonano a di verse frequenze e ci indica che possono risuonare con molte pietre starter, creando una forte e permanente ondata di energia sono ra. Ci sono anche delle pietre coniche, come coni gelati, che sembrano essere le punte che concentravano il suono in fas ci di energia sonora. Oggi questi strumenti sono chiamati SASERS (Sound Amplification by Stimulated Emission of Radiation), potentissimi dispositivi di energia impiegati in applicazioni belliche. Funzionano come la punta di cristallo in un normale laser, che focalizza la luce in un fas cio. Vi sono poi pietre circolari forate al centro, perfettamente liscie e convesse, come se fossero state modellate dallacqua nel corso dei millenni. Questi sono gli strumenti dei primi minatori e costruttori. Sono dei convertitori che generavano il passaggio da una frequenza a unaltra.

A lato, pietra forata e cono, ritrovate nelle strutture di Mpumalanga. Michael Tellinger

A . F . : Secondo lei, quanto era estesa questa civilt in Africa? Pu offrircene unidea attraverso la geografia moderna? M . T . : Essa copriva la maggior parte del sudAfrica, tutto lo Zimbabwe, parti del Botswana e Mozambico. Unarea grande quanto Francia, Germania e Italia messe insieme.

A . F . : In effetti ci sono strutture simili a quelle che lei ha scoperto in Sudafrica come Great Zimbabwe o i siti DGB del Camerun. C connessione tra tutte queste strutture in Africa? M . T . : Sono tutte relazionate. Durante le con ferenze che svolgo presento i petroglifi e il sim A.F.: Come contraddice il punto di vista uffi- bolismo che le collegano tutte, anche Egitto e ciale su queste strutture quali recinti per il Sumer. Ad esempio posso confermare che ci sono simboli Dogon, una trib del Mali, dota bestiame? ta di inspiegabili conoscenze astronomiche, in M.T.: Queste sono solo dichiarazioni ignoranti che provengono da disinformati storici e arche - cisi a Driekops Eiland, vicino a Kimberley, in ologi, i quali non hanno fatto alcuna ricerca o Sud Africa. reale valutazione scientifica di tali strutture. S, ci sono state mucche nelle strutture negli ultimi A . F . : Mi ha detto, qualche tempo fa, che ci tempi, ma questo non significa che furono sono aspetti della ricerca che non sono ancora stati resi noti. Potrebbe offrire queste costruite a questo scopo. informazioni ora ai lettori F E N I X ? A.F.: Lei parla di unet di 160.000 anni as- M . T . : Hanno a che fare con le misurazioni segnabile a questa civilt. Si tratta di una dellenergia, queste sono informazioni total quantit di tempo enorme, che contraddice la mente nuove. Faremo molte altre analisi e veri storia del Sud Africa e della civilt umana. fiche ma per ora si sa che i cerchi generano an cora enormi quantit di energia, lo abbiamo Come arrivato a questo? M.T.: Non stata una valutazione semplice e misurato. Onde elettromagnetiche, onde sonore rapida, ma molto lenta e con molte piccole prove e firme di calore. Abbiamo misurato il suono raccolte nel tempo, ad esempio, la patina cresciu - pi in alto, 103 dB (decibel) proveniente dalle ta sugli strumenti di pietra, il succitato adegua - mura di alcuni cerchi. Una firma di calore di mento dellasse del Calendario di Adamo, lero - oltre 80 C (176 Farenheit) e 1800 Mega Hz sione sulle rocce e le referenze delle tavolette nel Calendario di Adamo. Questi sono luoghi sumere per come vengono lette dallo scomparso ancora molto attivi ed energetici. Molte ricerche restano ancora da fare . Sitchin.
23