Sei sulla pagina 1di 6

LETTERA AD UN AMICO PER INVITARLO PER LE VACANZE ESTIVE Andria, 20/06/2011 1.

Cara Giulia, da molto tempo che non ti vedo da quando sei partita per Milano e la tua lontananza mi fa star male, perch difficile, per due amiche, stare una lontano dall'altra. Ho deciso di scriverti questa lettera perch si stanno avvicinando le vacanze estive e mi piacerebbe molto trascorrerle con te. La mia citt molto bella e piena di luoghi da visitare, che potremmo vedere anche con le nuove bici, che il comune ha messo a disposizione per i cittadini. Ti far visitare il centro storico, ricco di chiese, piazze e palazzi, i quali sicuramente ti lasceranno a bocca aperta per lo splendore. Ci recheremo anche al Museo del Confetto perch, come tu sai, questa specialit di dolci tipica di Andria. Date le alte temperature, potremmo anche andare al mare e gi so che ci divertiremo un mondo, quindi nella tua valigia ricordati di mettere un costume da bagno ! La sera penso che usciremo con i miei amici. Sai, loro sono molto simpatici e sicuramente li piacerai tanto. Con loro possiamo anche passeggiare per le vie della citt, in modo che tu la conosca meglio. Penso che arriverai in treno come la scorsa volta. Non so se ricordi, ma la stazione non dista molto da casa mia. Una volta uscita dalla stazione, dovrai raggiungere il marciapiede in cui c' un negozio di articoli per la casa, Scaringella. Dovrai svoltare a sinistra sul lato del negozio e proseguire dritto affinch non trovi dinnanzi a te un parco. Attraversando il parco, vedrai alla tua sinistra un palazzo a sei piani. Se ci dovessero essere problemi questo il mio indirizzo : Via XXIV Maggio, 21. Scrivimi presto e fammi sapere l'ora in cui arriverai! Ti voglio bene, la tua amica Angela. P.S.: Ho tantissime cose da raccontarti e sono sicura che ti piacer

trascorrere con me questi giorni! LETTERA AD UN AMICO CHE NON VEDI DA TEMPO Andria, 01/09/2011 2. Cara Chiara,

visto che da un po che non ti scrivo, oggi ho preso decisamente liniziativa. Come stai? Io piuttosto bene e la vita qui scorre sempre nello stesso
modo.

Sai, mi machi tanto, e il mio unico desiderio quello di riaverti qui, accanto a me. Ora sono qui, sul mio divano e rimugino a tutti quei momenti trascorsi insieme. Mi mancano molto le nostre giornate trascorse quest'estate al
mare. Ti ricordi quanto ci siamo divertite? trascorso gi tanto tempo ma lo ricordo come se fosse ieri. Eravamo sulla spiaggia e passavamo ore e ore a chiacchierare e a scherzare, sedute in riva. Rammento anche

quei giorni in cui ti ospitai nella mia villa in campagna. Impiegavamo il nostro tempo in piscina oppure passeggiando e fotografando la natura, il tuo hobbie preferito.
Com' il tempo da te? Qui ci sono ancora temperature moto alte, e la cosa mi rattrista perch fra poco si riaprono le scuole. Sai, ora il caldo mi ha stufata e vorrei tanto che l'aria si rinfrescasse. Sabato scorso sono andata con i miei a fare spese: ho comprato un paio di jeans bellissimi ed un maglione che avevo visto su una rivista; ho trovato proprio quello che cercavo, ma non sono riuscita a trovare una sciarpa, di cui ho un bisogno disperato. Ho comprato anche un paio di occhialini per andare in piscina, perch quest'anno penso di frequentare un corso di nuoto con alcuni miei compagni di classe. E' piacevole stare insieme ai compagni di scuola, con cui si ha una grande confidenza e complicit. E tu hai cominciato a praticare qualche sport? Mi raccomando rispondimi presto e raccontami tutto quello che fai

durante le tue giornate, cos mi sembrer di starti pi vicino. Chiedi ai tuoi genitori se puoi venire a trovarmi, cos potremo passare un p di tempo insieme e allora ci racconteremo tutto dal vivo. Ti abbraccio forte e aspetto la tua risposta, a presto.

LETTERE DIARIO Andria, 11/06/2011 1.Caro diario, da tanto che non scrivevo due righe sulle tue pagine bianche che aspettano con ansia le mie parole, i miei sfoghi, le mie felicit . E vero, magari penserai che quando non ti scrivo perch mi sta andando tutto bene e, quindi, non ho bisogno di te, a cui confidare le mie tensioni, la mia rabbia,. Questa volta, per, ho deciso di scriverti. Sai, tra esattamente due mesi parto per l' America! Visiter New York, Philadelphia, Washington D.C., Toronto e le cascate del Niagara. Ancora non ci posso credere che tra poco tempo sar l. Sono molto eccitata al solo pensiero. L'unica cosa che mi sta tormentando da diversi giorni il viaggio in aereo. Ho paura che qualcosa non vada bene, ma soprattutto ho il timore di sentirmi male, di sentirmi mancare l'aria, come se si chiusi in una scatola e non riuscirci ad uscire. Su questa cosa mi ha un po' rassicurata mia sorella dicendomi che l'aereo molto grande e di certo non avr nessun malore. Anche se star via per una decina di giorni, sentir molto la mancanza dei miei pi cari amici, ma per fortuna possiamo sempre tenerci in contatto tramite e-mail. Ora caro diario ti lascio perch devo cenare, ma non preoccuparti, torner molto presto a scriverti !

Con affetto, la tua Angela.

Andria, 30/08/2011 2. Caro diario, oggi per lennesima volta ho litigato con mio padre perch non rispondevo al telefono, ma non era colpa mia, non lo sentivo. Lui dice che, con la scusa che sto diventando grande, penso solo a me e non agli altri. Ma che vuol dire diventare grandi? Forse sto attraversando il momento critico delladolescenza e non me ne rendendo conto, eppure qualcosa di diverso noto in me rispetto a quando ero piccola; ho subito cambiamenti fisici, ma questo il vero significato di diventare grandi? Io credo di no. Credo sia soltanto una delle tante tappe che mi si presenteranno davanti. Ho paura. Ho paura delle scelte che far, dei rapporti che avr. E strana la vita, un attimo prima non vedi lora di diventare grande e lattimo dopo hai paura di esserlo. Perch ? Quante domande ho da farti, caro diario, peccato che tu non possa rispondermi. A volte ne parlo con le mie amiche, ma loro si fanno le mie stesse domande e nessuna di noi ha una risposta. Le mie amiche sono come me, sono cambiate anche loro, sembra ieri che giocavamo con le Barbie e ci scambiavamo le figurine. Bei tempi! Sinceramente in amicizia anche adesso sono dei bei tempi; quando abbiamo del tempo libero io e i miei amici usciamo e il sabato sera, a volte, ci riuniamo in

pizzeria e ci divertiamo tantissimo. Sto vivendo un periodo molto complicato e anche decisivo per quello che sar da grande. E' un periodo che determina la mia vita futura e perci devo essere aiutata per scegliere la giusta strada . A volte sento molto lontana la presenza dei miei genitori, ma so che loro sono i primi diposti ad aiutarmi in ogni momento. Secondo me lAdolescenza deve essere definita solo una trasformzione molto lunga dal bambino alladulto, in cui ci sono moltissime possibili deviazioni dalla giusta strada. La domanda che mi pongo in questi giorni : Ce la far a passare ladolescenza senza alcun problema? Penso che la risposta sia no, perch la vita piena di problemi da superare. Ora, caro diario, ti saluto, domani dovr sveglirmi presto. Fra non molto ci risentiremo!

Andria, 10/09/2011 3.Caro diario, da un po' di tempo che non ti scrivo, forse perch non ho avuto molto bisogno di te. Tra soli quattro giorni dovr ritornare a scuola. Un po' mi dispiace abbandonare la vita che stavo svoglendo nelle vacanze estive. Mi mancher molto svegliarmi tardi al mattino, uscire tutti i giorni con gli amici, non fare tutti i pomeriggi quei dannati compiti, ma in fondo ho nostalgia della scuola. Bisogna ammettere che la scuola svolge un ruolo molto importante nella nostra vita. Ci responsabilizza, ci aiuta a socializare con gli altri, ci aiuta a crescere, ma soprattutto ci accultura. La cultura, al giorno d'oggi, molto importate perch senza di essa non si potrebbe far nulla. Ricordo ancora quando cominciai a frequentare la scuola l'elementare. Tutto era bello, tutto era nuovo. Stavo bene nel mio grembiule, con lo zainetto sulle spalle, tra i banchi, i primi quaderni, i primi libri... Mi piaceva il profumo di nuovo, di qualcosa che non conoscevo, ma di cui avevo sentito parlare.Ero felice perch stavo per diventare grande e

questo mi faceva sorridere il cuore. Ora che sono alle medie la situazione non cambiata molto, anzi, sono ancora pi felice di prima. A volte penso che quando andr al liceo, mi mancher tantissimo la scuola media. Guardandomi attorno, pensando ai miei compagni,ricorder i pianti, i litigi, le risate, i problemi dei miei amici, i consigli dati. Ricorder le finestre bagnate dalla pioggia, la gioia del primo fiocco di neve. Il tempo che non passa mai, la voglia di scappare e di mollare tutto.Sono tutte cose che mi hanno portato a crescere. Ne ricorder ogni piccola sfumatura per portarmela con me,sempre. Io credo che ci che rende la scuola pi speciale siano gli amici. Loro sono i primi ad aiutarti anche quando nessuno riesce a capirti, nemmeno le persone che ti sono vicine da sempre. Con loro possiamo condividere i nostri pensieri e le nostre sofferenze, perch ci danno la forza di andare avanti, ci accompagnano nei momenti pi difficili e in quelli pi belli. Con loro ogni attimo del giorno si pu trasformare in un gran divertimento. Ti aiutano anche rischiando e riescono a sorprenderti ogni giorno in modo diverso, non aspettandosi nulla in cambio, ma si accontentano di un nostro sorriso. Caro diario, devo ritenermi molto fortunata a frequantare una scuola ma anche ad avere degli amici speciali. Ora ti lascio, ma credo che ci risentiremo presto !