P. 1
Limba Italiana Simplu Si Repede

Limba Italiana Simplu Si Repede

|Views: 696|Likes:
Published by Mihaela Ilie

More info:

Published by: Mihaela Ilie on Jul 12, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

07/09/2013

pdf

text

original

.....

-
in italiana subieetul nu este numit: VIA = 0 strada
, .VENEZIA 65.23.17. De regula cifrele unui num:Y' de telefan se
• pronunta in perechi cinci, douazeci l?i trai,
zece
Dialog 2 Dialogo 2
Patricia (P), 0 prietena (A) Patrizia (P), "arnica (A)
P: Unde P: Dove abita?
A: La Venelia. A: A Venezia.
P: Ce adresa ai? P: Com'e;1 Suo indirizzo?
A: Strada San Canciano 29. A: Via San Canciano 29.
P: Ai telefan? P: Ha il telefono?
A: Oa. A: Si.
P: Irnl etai numArut? P: foAi da il Suo numero?
A: Desigur: Vene!ia 65 23 17. A: Certo: Venezia 65 2317
si Come
,
UNITA 1
I
PREZENTARILEe
LE PRESENTAZIONI
,

Dialog 1 Dialogo 1
Domnul Amico (SA). "signor Amico (SA),
RecepJioner (Al _
SA: Ma. numesc Amico... Giovanni SA: Mi chiamo Amico... Giovanni
Amico. Amico.
R: Amico? .. Amico? Cum se serle, R: Amico?...Amico?
va. rog? scrive, per favore?
SA: A-M-I-C.Q. SA: A·M·I·C·O.
R: Da. domnul Amico. R: 51, iI signor Amico.
Ml CHIAMO AMICO. In ilaliana se spune ca in romana - rna
cheami (rna numesc).
COME 51 SCRIVE? Tot ca in romana; nu este necesar a spu
COME (questo::o:acesla) 51 SCRIVE? Siline locul lui acesta
in aceasta leelie jnvitati:
• sa imrebali de nume, nurnat' de lelefon
• sa un nume lui lilem CU litera
• s1\ folosiri anumite propozi!ii
DIALOGURI • DIALOGHI
ILECTIA 1
Nu uitaU sa vorblti cu voce tare.
• •
9i asculta1i inca a data pal"!i din dialog penlru a va reaminti exacl cum se
pronunta unele propozqii sau expresli. Uit3!i-va. la explicaliile de la sJc:u!?itul
fiecarui dialog. Vet; gAsi indrum;1ri pentru utihzarea corecta a anumilor
expresii, dar reguli gramaticale simple care va aluta sa ce legi
stau la baza limb;i italiene.
4. AI patrulea pas
Trebuie sa intrebuint3!i singuri in EXERCITU • E?ERCIZI
ceea ce ali inva.!31. cu atentie enuntul indicalia exerci!iilor pentru a
exact unde ceind respective. (RezolvMle Ie
gasi!i pe caseltl). lUCfa'!i cu propozqie. in Irei elape:
-pronunta1i tare
raspunsul pe caseta. !?t comparali cu raspunsul
dumneavoastrll
, -dupa liecare raspuns. pe casela esle 0 mica pauztl in care pU1e!i sa
repetati propozitia coreeta. Daea nu va imediat raspunsul exact,
lolosi!i butonul de pauza aJ casetolonului.
$1 aiei fili aten11 la pronuntia intona!ia vorbitorului ineereati. pe cat
posibil. sa 0 redati. intr-o alta etapa trebuie sa puteti sa rezolvati exercifiile
mai repede *i mai bine. Este reeomandabil sa va lmprima!i r:':lspunsurile pe
oalta caseta apoi sa cu caseta original3.
5. AI clneilea pas
Asculla!i inca 0 dala dialogurile capilolului' respecliv. Ve!i vedea ca
majoritatea propozi!iilor expresiilor va sunt alat de cunoscute. incat Ie
intelege!i sensul lara niei un etort.
C{md cu un italian sa ou va sa intalni!i exact cUvlntele
conSlruc!iile pe care Ie De aceea. esle important sa sa
prelua!i inforrna!ia !ili sensul exact. chiar daca nu fiecare ClNant.
in acest scop, in pattea a doua a cursului a silua!ie care este in lei
eonstruita incat la inceput vel1 intelege foarte putin, Apoi vep auzi tot mai
multe cuvinte expresii pe care le·a!i invatat. fncerea!i sa nota!l. pe baza
auzite. cat eva informa!ii importante. Nu va daca nu
pute!i raspunde ime<:liat la intrebare. Ascultati inca 0 data, d<l1i eventual
inapoi .!j.l aseultati cuvintek! propozi!ii1e pe care nu Ie-a!i inteles. panA cfmd
intelege cu ajutorul celor invA!ate ceea ce a!i foSI intrebat.
8
9
-
PREZENTARILEe
LE PRESENTAZIONI
11
UNITA 1
10 mi chiamo Anna Bellini.
(Ma. numesc Anna Bellini.)
-Dove passa Ie Sue vaeanze?
-Le passo a Venezia.
-Com'e il Suo indirizzo?
-Abita a. .. ?
-Si/No, abita a...
PREZENTARILEe
LE PRESENTAZIONI
ti chiami?
(te cheama.)
if Suo cognome?
(numele dv.?)
Come
(Cum)
LECTIA 1
,
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
1. Come chiedere iI nome di qualcuno.
Cum se cineva despre numele lui.
si chiama?
(va.
Non mi sembra di conoscere il Suo nome.
(Nu mi se pare cunosc numele dv.)
2. Come chiedere come si scrive una parola.
Cum se.cere cuiva si:i pronun!e un cuvant pe litere.
Come Sl scrive? B-E-L-L-I-N-I
(Cum se scrie?)
Come chiedere .dove qualcuno passa Ie vacanze.
urn Intrebi:im pe clneva unde-9i petreee vaean!a (eoneediul).
Quale
(Care e)
l
if Suo nome?
___--l_(_p_'8_n_u_m_8_18_d_V_.?.:. )_J
-Unde va. petreeeti vaeanta?
-0 petree la Venetia "
-Care este adresa
-Locuiti la... ?
lacuiesc fa. ..
,
UNITA 1
R: Buon giomo. Qual e il Suo cog-
nome, per favore?
SP: Petronio.
R: E il Suo nome?
SP: Carlo.
R: La data di nascita, per favore?
SP: 3 gennaio 1953.
R: Grazie. Si accomodi.
P: Abiti a Milano?
A: 81, a Lambrate.
P: Com'a il tuo indirizzo?
A: Via Ronco 23.
P: Hai il telelono?
A: SI.
P: Mi dai il tuo numera?
A: 87.01.46.90.
Dialogo 4
II presidente (P), 11 signor Amico (SA)
P: Mi scuzi. Non mi sembra di co-
noscere il Suo nome.
SA: Amico. Giovanni Amico.
P: Mi chiamo Roberto Niccolini.
Piacere di conoscerLa.
SA: II piacere e mio.
P: E questa e il signor Alberto Fon-
tanesl.
SA: Malta Iieto.
Dialogo 5
La receptionist (R),
iI signor Petronio (SP)
0131090 3
Piero (P), Angela (A)
LECTIA 1

R: Buna ziua. Care e numele dv"
va rag?
SP: Petronio.
R: $i prenumele dv.?
SP: Carlo.
R: Data na:,?terii, va rag?
SP: 3 ianuarie 1953.
R: Mul!umesc. Va rog luati loc.
10
Dialog 5
RecePtioner (R),
Domnul Petronio (SP)
Dialog 3
Piero (P), Angela (A)
P: la Milano?
A: Oa, la Lambrate.
P: Ce ai?
A: Strada Ronco 23.
P: Ai telefan?
A: Da.
P: fmi dai numa.rul tau?
A: 87.01.46.90.
Dialog 4
(P), domnul Amico (SA)
P: Scuzati. Am impresia ca nu va
cunosc numele.
SA: Amico. Giovanni Amico.
P: Ma. numesc Roberto Niccolini.
fmi face placere sa va cunOSG.
SA: PlaceTea este a mea.
P: $i acesta este damnul Alberto
Fontanesi.
SA: Foarte bUGuros.
LECTIA 1
-
PREZENTARILEe
LE PRESENTAZIONI

UNITA 1
ILECTIA 1 PREZENTARILEe
LE PRESENTAZIONI
UNITA 1
Ascunali pe easela cum se pronun13 Aseolti 5ulla cassetta come 51
numerele apoi repeta!i.le. pronunciano i numeri e poi Ii ripeta.
1,2,3.4,5.6.7,8,9,10,11,12,13,14,15,
16,17,18,19,20,21,22,23,24,25,26,27,
28,29,30,31,42,53,64,75,86,97,100,101
102,103,104,105,106,107,108,109,110,111,
112,113,114,115,116,117,118,119,120,121,
132, 143, 154, 165, 176, 187, 198, 200, 300, 400, 500
EXERCITII • ESERCIZI

Exercitlul1

Exerciliul 2

Signor Angero Mazzolino
Piazza Barzino 34
Milano
Telefono: (02) 943.35.67
Controlli Ie risposte sulla cassetta.
Adesso dia il Suo nome, indirizzo e
numero di telefono.
Eserclzio 3
Ascolti la conversazione seguente
dove Ie risposte sona state omesse
e cerchi di ri5pondefe seconda
formazioni dale qui solto.
U Suo amlco: Ciao. Dove passi Ie
vacanze?
LeI: (Falconara)
II Suo amico: Qual e illuo indirizzo?
Lei: (Via Dante, 35)
" Suo amico: Hai il telefono?
Lei; (Si)
II Suo arnlco: Com'e il tuo numero?
Lei: (Falconara 34.56.97)
Dottor Giancarro Bottiero
Via Piombelli 19
Orvieto
Telefono: (0763) 69.30.08
r.1spunsurile pe caseti1
Acum spuneti numele dv., adresa 5i
numarul de telefon.. .
Professoressa Alessandra Cere5eto
Via Saporiti 5
Napoli
Telefono: (Ga1) 22,14.73
Exercltlul 3

Ascuh:ali canvorbirea care urmeaza
in care r<1spunsurile au fost omise.
Incercati sa ra.spunde!i conform in-
lorma!iilor date mai ;OS.
Prietenul ctv.: Ciao. Unde petreci
vacanta?

Dv.: (Falconara)
Prietenul dv.: Care e adresa ta?
01/'.: (Slr.Danle, 35)
Prietenul dv.: Ai (elefon?
Dv.; (Da)
Prietenul dv.: Ce numar ai?
011'.: (Falconara 34.56.97)
I

,
!
Eserclzio 2
Manzini
Denicola
Gaggero
Rimbaldo
Tamburrano
Contralli Ie risposte sulla cassetta.
Adesso cerchi dl dire come 51 scrive
il Suo nome.
Esercizio 1
Ascolti la cassetta per sapere come
51 pronunciano Ie lenere dell' ai-
fabeto: A, B, C, 0 ecc.
Cerchi di dire come 51 seTivono i
nomi seguenti:
spuneti cum se
litere urmatoarele
sa
pe
Asculla!i casela pentru a $li cum se
literele allabetului: A. S, C.
o eiC.
incerca!i
pronun!3
nume:
Bosco(B-o-s-e·o)
Cartacci
Favazza
Micelotta
Sanfelici
Controla!i r3spunsurile pe caseta.
Acum sa spuneli cum se
sene numele
Aeum trebuie sa vi! imaginali ea.
fiecare din aceste persoane.
fneereati sa pronuntali numele sa.
spuneli cum se serie. Spuneti
adresa numa.rul de telefon.
Adesso Lei deve immaginare dl
essere ciaseuna dl queste persone.
Cerehi di pronunciare il Suo nome
e di dire come si scrive. Cia anche il
suo indirizzo e il numero di telelono.
i
I
1D1=aIia (a)
vacanla la Falconara pe Str.Dante, 35.
Num<1rul de telefon este Falconara 34.56.97.
Passa Ie vacanze a Falconara in Via Dante, 35.
II numero di 1elefono e Falconara 34.56.97.
12

13
ILECTIA 1 I

PREZENTARILE.
LE PRESENTAZIONI
UNITA 1 I
ILECTIA 2 ISALUTURILE • I SALUTI I
UNITA21
in acea8li lectle invitatl:
• • •
• sa. prezenta!i pe cineva
• sa pe cineva
• sa intreba!i pe cine.... a de data
DIALOGURI • DIALOGHI
iJll<lunalia (b)
Petrecet
i
V3C3ll!a la Rapalk> La hotelul Miramare, pe 51r. Molteni. 89.
de lelefon este Rapall0 56.78.43.
Passa Ie vacanze a Rapallo all'alOOrgo Miramare, Via Molteni, 89.
II numara di telefono e Rapallo 56.78.43.
Dialog 1
Giovanni (G), damnul Martini (8M),
Angela (A)
01810go 1
Giovanni (G), il signor Martini (SM),
Angela (A)
A: Buena sera, signor I :anini,
Comesta?
SM: Motto bene, grazie.
G: Salve, signor Martini. Ben\.muto
aRoma.
SM: Grazie.
G: La presenta mia moglie, I- ,gala.
,

LE - vi: LE PRESENTO MIA MOGUE - va prezint pe SOtii mea -I
. ,
Nu uitali: subieclul nu este numit (10) lE PRESENTO
MOLTO BENE = toarte bine
NON TROPPO BENE = nu prea blne J
L--L- .
G: Buna, domnule Martini. Bine ali
venit la Roma

G: va Pfezint pe sOfia mea, Ange-
la.
A: Buna seara. domnule Martini.
Cum va merge?
SM: Foarte bine,

I
I
14
\

;
I
l
Dialog 2
Postino (P), doamna Pecci (SP)
P: Buna ziua. doamna Pecci. Cum
merge azi dimineata?
SP: Foarte bine, $i

P: Nu prea bine, din pAcate. Am
dormit prost.
SP: Oh, iml pare rau.
OIalogo 2
Postino (P), la signora PecCi (Sf-
.-
P: Buon giorno, signo,.-:J r
Come sta stamattina?
SP: Slo molto bene, grazie. E Ie•
P: Non trappo bene, purtroPtJO.
Ha darmito male.
SP: Oh, mi dispiace.
15
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
I LECTIA 2 JSALUTURILE • I SALUTI IL_U_N_IT_A_2_
CIAO e unsalut numai pentru cunoscutiapropiali.
,

3. Come chiedere la data dl nasclta dl qualcuno.
Cum intrebam pe cineva de data nasterii lui.
LECTIA 21 SALUTURILE. I SALUTI 1__U_N_IT_A_2_
,
(v-ali nascut?)
enato (m) Lei? forma dv.
Quando
enata Lei?
(Gand) (te-ai nascut?)
nato tu? forma tu
sei nata tu?
Dialogo 3
Giovanni (G), Mario (M), it sigr"'or
Martini (8M)
G: Mario, ti presento il signor Mar-
tini. Signor Martini, Le presento
Mario Sansino.
M: Molto Iieta.
8M: Piacere. Come sta?
M: Molto bene. Grazie.
G: Mario, li...J prezint pe domnul
Martini. Domnule Martini, vA
prezint pe Mario Sansino.
M: lncantat.
8M: Cu plAcere. Cum vl!! merge?
M: Foarte bine,
Dialog 3
Giovanni (G), Mario (M), domnul
Martini (8M).
ottobre
novembre
dicembre
Esercizio 2
Aseolti sulla cassetta come si
pronunciano i numeri. Prima sentira
il numero cardinale poi l'ordinale
eorrispondente.
Aseolti sulla cassetta come si dicono
i nomi de; mesi e poi Ii ripeta.
luglio
a9ost o
settembre
apriJe
maggio
9
iu
9
no
Exercltlul2
,
EXERCITII • ESERCIZI
,
Exercitiul 1 Esercizio 1
,
Ascultati pe casetA cum se
numere'le. intai numeralul
apoi numeralul ordinal corespunza-
tor.
Aseultati pe casetA cum se pronuntA
numele lunilor !;>i apoi repetati-Ie.
II
primo (intai) dicembre
(Ia)
dodici (doisprezece) febbraio
ventitre (douclzeci si treil
,
Aten!ie: numaidata de 1 se spune intai (nu una), restul
datelor sunt numerale cardinale.

gennaio
febbraio
matzo
(Bine,
-Ciao
-Salve
-Bene, e tu? (Bine, !;>i tu?)
-Bene, _ grazie, e lei?
multumesc, Sl dv,?)
, ,
-Buona sera
-Buon giomo
Piacere == cu plAcere
Molto lieta = incantat
Molto lieta = incantatA
seara
ziua
2. Come salutare qualcuno.
Cum pe cineva.
Ciao
Salve
Come stai? (Cum 0 duci?)
Come sta? (Cum 0 duceti?)
,
Ti
mio marito (s01ul meu)

presento
mia maglie (s011a mea)
Le
(prezint)
Mario Sansino

la signora Pecci (doamna Pecci)
1. Come fare Ie presentazloni.
Cum sa. prezentati pe cineva
16
17
t _
(
2 I SALUTURILE • I SALUTI I "lJNITA2 LECTIA 2 I SALUTURILE • I SALUTI I_U_N_I_TA_'_2
Exercltlul 3
,
Exercltlul 4
,
Informatia (a)
Mauro Zanchi
Nato il3 gennaio 1953.
Trebuie mergeti la medic.
(secretara) pune
cateva intrebM. Ascultati-o apoi
incercati sa raspundeti
pe informatiile de mai jos.
Informatia (b)
Enrico Pablesi
Nato il 29 maggio 1938
Esercizio 4
Lei deve andare dal medico. La sig-
norina Le fa alcune domande. Le as-
colti e poi cerchi di risponde.re
basandosi sulle informazioni qui
satta.
La signorina: Buon'" giorno. II Suo
cognome, per favore.
Lei: (Zanchi)
La signorina: E il Suo nome?
Lei: (Mauro)
La signorina: Data di nascita?
Lei: (3 gennaio 1953)
La signorina: Grazie. Si accomodi.
Esercizio 3
Ascolti la cassetta per sapere come
si pronunciano gli ani:
1960 1970 1980
1964 1975 1986
1956 1984
1950
1953
1945
1940
1942
1939
Ascultati caseta pentru a cum se
anii:
1930
1931
1933
Buna ziua. Numele
dV.,va rog.
Dv.: (Zanchi).
$i prenumele dv.?
Dv.: (Mauro).
Oomnisoara: Data nasterii?
, ,
Ov.: (3 ianuarie 1953).
Oomnlsoara: Multumesc. Luati lac.
, , ,
uno-primo
due-secondo
tre-terza
quanra-quarto
cinque-quinto
sei-sesta
sette-settimo
otto-oltavo
nove-nona
dieci-decimo
undici-undicesimo
dodici-dodicesimo
tredici-tredicesimo
quattordici-quattordicesimo
quindici-quindicesimo
sedici-sedicesimo
diciasette-diciassettesimo
diciotto-diciottesimo
diciannove-diciannovesimo
venti-ventesimo
ventuno-ventunesimo
ventidu8-ventiduesimo
ventitre-ventitresimo
ventiquattro-ventiquattresimo
venticinque-venticinquesimo
ventisei-ventiseiesimo
ventisette-ventisettesimo
ventino've-ventinovesimo
trenta-trentesimo
douaIeci si unu - al douilleci 5i unu-
. '
lea
(etc,)
unsprezece-al unsprezecelea
doisprezece-al doisprezecelea
(etc.)
unul-intaiul
doi-al doilea
trei-al treilea
(etc.)
cu cele
de pe caseta.
Confronti Ie Sue risposte can quelle
sulla cassetta..
..
18
19
20
01 DOVE SE1? De unde (di) .
,
• VICINO = in apropiere, in veclnatate.
UNITt>. 31
I
SP: Mi dica, signor Rossi. Lei e IDS-
cano?
SA: 51.
SP: Oh, e da quale parte della Tos-
cana?
SA: Oa Siena
SP: E'verso il nord 0 verso II sud?
SA: Ma. non e lontano da Firenze.
SP: Ah, 51.
0lal090 3
La signora Pecci (SP),
il signor Rossi (SA)
set (tu?)
tu?)
e(Lei)?
(sunteli dv.?)
1edesco (m)
(german)
svizzero (m)
(elvelian)
(m)
{italian\
NATIONALlTATEAe
NAZIONALITA
Sono
(Sunt)
Oi che nazionalita
(De ce na!ionalitate)
Dialog 3
Doamna Pecci (SP),
domnul Rossi (SA)
t . Come chiedere la nazionaiita
Cum intrebi de na!ionalitate.
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
LECTIA 3 I
SP: domnule Rossi,
sunte\i tosean?
SR: Da.
SP; Oh, din care parte a 105-
canei?
SR: Din Siena.
$P: E dltre nord sau catre sud?
SR: Nu departe de Florenta.
SP:Ah,da '
I
I ! IL-
M
_
I
_DI_C_A__S_pU_"_e_\I_.m_I_I_m_le_
1
_
E tu,
UNITA 31
I
G: Ciao.
P: Ciao.
G: Oi dove sci?
P: Oi Roma.
G: Dove esattamente?
P: VICino a Piazza Navona
dove abiti?
G: A Ferrara
01810902
Giovane uomo (G), Patrizia (P)
SA: Buona sera.
R: Boona sera, signore.
SA: Mi chiamo Amico.
R: 51, signore. Oi che nazionalita
I.?
SA: $ono italiano.
R: Grazie, signore.
0181090 1
II signor Amico (SA),
ta receptionist (R)
NATIONALlTATEAe
NAZIONALITA

Dialog 2
Un tanar (G), Patrizia (P)
G: Ciao. '
P: Ciao.
G: De unde
P: Din Roma,
G: De unde exact?
P: Locuiesc in vecinatatea Pietii
Navona. t:;)i tu, unde
G: La Ferrara.
SA: BUM seara
R: Buna seara, domnute.
SA: Ma. numesc AmicQ.
A: Da, damnule. De ce na1
ionalita

te sunteti?
SA: Suot italian.
R: damnule.
Dialog 1
Damnur Amico (SA),
receptioner (R)
1n aceasti Ie<:tle invitati:
. ' .
• sA intreba!i pe cineva de nalionalilatea lui
• sa intrebati de provenienta cuiva
• pe aceasta tema.
DIALOGURI • DIALOGHI
ILECTIA 3 I
ILECTIA 3 I
Sono
(Sunl)
NATIONALITATEAe
NAZIONALITA
I
UNITA 31
ILECTIA 3
(10) vengo
(Tu) vieni
(Lei) viene
(luij viene
(Ieij viene
NATIONALITATEAe
,
NAZIONALITA
·eu vin
-tu vii
·Dv. Da Firenze (din Florenl3)
-el vine
-ea vine
EXERCITII • ESERCIZI
,

UNITA 3
Lei (dv.) •
tedesco?
austrjaco?
Tu (IU) 50i
italiano?
I
Si, (da)
I
sono...
I No, (nu) (sunt" .)
ExercUiul 1
,
incercali sa spuneti ca. veni!i din
urmatoarele locuri:
L'ltalia La Francia
La Toscana La Svizzera
Venezia Fjrenze
Milano La Valle d'Aosta
Esercizlo 1
Cerchi di dire che viene dai posti
seguenti:
Friburgo
8rema
Amburgo
SaJisburgo
2. Come chiedere di dove e una persona.
Cum se intreaba de ullde eSle 0 persoana.
daU'
Austria
Ilalia
Vengo
Svizzera
(Vin) dana
Germania
Lui viene
dal
nord
lEI vine'
Lei vlene
da
Rama
(Ea vine)
Firenze
22
Dc'!. dove
De unde
Didove
De unde
Da che parte
(Din ce parte)
sei?
e? sunteti?
viene lui? (vine e11)
viene lei? (vine ea?)
viene lei? veniti dv..
Controlati-va rc1spunsurile pe caseta.
Ascultati forma italiana. a ufl'Mtoare-
lor nume de locuri:
Livorno
Venezia
Napoli
Torino
Toscana
e'Cerclllul2
,
Ciriti conversatia care urmeaza.:
• •
Birbat Ciao.
Femele: Ciao.
Barbat: De unde
Femele: Sum din Milano.
Barba1: De unde exact?·
Femele: Din Lambrate.
Imaginati"vi1 ca veniti din locurile
• •
urmi1toare iricercati sa r<1spundeli
la ;ntrebarile de pe caseta:
Controlli Ie Sue risposte sulia cas-
setta Ascotti la forma italiana del
seguenti nomi di luogo:
Milano
Firenze
Sicilia
Genova
Eaerclzio 2
Legga la conversazione seguente:
Uomo: Ciao.
Donna: Ciao.
Uomo: Oi dove sei?
Donna: Sono di Milano.
Uomo: Oi dove esanamente?
Donna: Di Lambrate.
51 immagini di venire dai posti
seguenti e cerchi di rEspondere
aile domande sulla cassetta:
23
LECTIA 3 I
NATIONALITATEAe
, .
NAZIONALITA
1
,
UNITA 3
ILECTIA 4 IFAMILIA e LA FAMIGLIA I
UNITA 41
Controlati-vA rAspunsurile pc caseta. Control1i Ie Sue risposte sulla cas-
setta.
OIa'ogo 1
Patrilia (P), Claudio (e)
P: Lei eitaliano?
c: S1. Sana di Rama. E Lei?
P: Anch'io sana italiana. Piu
precisamente, sana toscana.
C: Lei esposata a no, Patrizia?
P: No. E Lei?
c: No, sono ancora celibe.
anch'io = eu anche noi = noi
anche tu = si tu ancha Lei = dv.
anche lui = el anche = sr ea
ANCORA = inci
CEUBE = celiba1ar (m)
NUBILE = cellbatara (f)
Lei esposata {Q
Lei e sposato (m)
Lei = dv.
,

,
In .ceasti lectie invatatl:
• sa. intrebati Pe cinEWa 'de familie
• sa intrebati de situatia familiaJA a curva
" .
• sa construili anumite sa. cunoa9tefi anumite expresii
DIALOGURI • DIALOGHI
Dialog 1
Patrilia (P), Claudio (C)
P: SUnfB1i italian?
C: Oa. Sunt din Roma. Si dv.?
P: eu sunt italianca.· Mai precis,
sunt toscana..
c: Oumneata c!isalarita sau
nu, Patrilia?
P: Nu. Oar dumneata?
C: Nu, sunt inca cellbatar.
ANCHE, insemneaza
exempla:
,
Eserclzio 3
Sj immaginl di fare La gUlda per un
gruppo di turisti venuto in Italia per
passare qualche giomo in un buon
albergo. Lei deve presenlare il Suo
gruppo al proprietario dell'albergo.
Exercitiul 3

Uamo (Barbat): Ciao.
Donna (Femeie): .
Uomo (Barbat): Di dove sei?
Donna (Femeie): , .
Uorno (Barbat);Di dove esattamente?
Donna (Femele); .
Milano-Lambrate
Genova-Sampierdanena
Roma-Gianicolo
Venezia-Mestre
Torino-Porta Nuova
Napoli·Rlone Saneita
Jmaginali-va ca. juca!i rotul ghidului
pentru un grup de veniti in
Ilalia pentru a petreee c:.leva zile
intr·un hotel bun. Dv. trebuie sA
prezentati grupul p4'"oprietarului
hotelului.
Model:
Lei: Signor Marzatti, Ie presento Frau Bauer.
II signor Marzotti: Piacere. Benvenuta in !talia.
lala numele catorva membri ai
grupului dv.
proprietarutui hotelului.
Dr. Schwarz
Fraulein Weiss
Herr Lietz
Controlati-va raspunsurile pe caseta.
Ecco i nomi di alcune membri del
Suo gruppo. Ora Ii presenti al
proprietario dell'albergo.
Frau Weinkauf
Herr Schonleben
Fraulein Jtl.gger
CantroHi Ie Sue risposte sulla cas-
setta.

Dialog 2
l)oamna Pecci (SP),
dOmnul Amico (SA)
Buna. seara, domnule Amico.
Suntetr aici pentru araceri?
SA: Da.
5P: Sotia dv. insole:?te?
SA: Nu, sotia mea a acas<1.
Oialog02
La signora Pecci (SP) .
if signor Amico (SA)
SP: Buona sera, signor Amico. Lei e
qui per attari?
SA: 5J.
SP: Sua moglie La accompagna?
SA: No, mia mogtie e rimasta a
casa.
24
25
I LECTIA 4 I FAMILIA. LA FAMIGLIA 1__U_N_IT_A_4_
IlECTIA 4 .1 FAMILIA. LA FAMIGLIA 1__U_N_IT_A_4_
CUM 5E 5PUNE- COME 51 DICE
(nu se
bambino (copil mic) (m)
pronunta.)
un figlio (fiu)
Ho fratello lfrate\
10
(Am) bambina (COpil mic) (I)
(Eu)
una figlia (fiica.)
sorella rsora\
Quanti figli
ICalO trateJli ha?

sorelle (ai?)
Calel
bambini
bambine
(nu se pronunta)
due figli
liglie
Abbiamo
Noi
figli maschi
tre (copii de sex masculin)
fratelli
sarelle
No {Nul
Si (oa)
SP: Ha dei figll, signor Amico?
SA: 51, ho un figlio e due figlie.
E Lei, signora Pecci, ha dei f19117
SP: Dio mia, 51! Ho anche sei nipoti!
sposata?
(;"'salori'3?1
leie
(Dv. sunteli?)
1. Come chiedere se una persona e Spos8ta.
Cum sa data 0 persoana e casatorita.
sposato?
(casa.torit?)
, FIGU = '11; dar copii

SP: copii, domnule Amico?
SA: Oa, am un fiu !;'i doua Wee.
91 dumneavoastr? doamna
Pecci, aveti copii?
$P: Doamne, da! Am nepoli!
Sono
(Sunt)
celice (celibatar) (m)
nubile (celibatara.) (f)
sposato (easAfarit) (m)
divorziato (divot1at) (m)
sposata (I)
divol'liala ldivortatAl.L
(nu se pronunta.)
10
Noi
Non
ho
abbiamo
figli
figlie
fratelli
sorene
Eserclxio 1
EXERCITII _ E5ERCIZI

Exerciliul 1

Ascultati urma.torul dialog pe caseta.: Ascolti il dialogo che e inciso sulla
cassetta:

Leiha dei
fig!i? (tii, copiQ
fralelli? Iratil·
(Dv. aveW)
delle soreUe? surari
2. Come chiedere Informazioni suUa famlglia dl qualcuno.
Cum se car informalii despre familia cuiva
,.
27
I LECTIA 4 I FAMILIA • LA FAMIGLIA 1__U_N_IT_A_4_ LECTIA4
, FAMILIA. LA FAMIGLlAI__U_N_IT_A_4_
La signor. Bini: Boona sera signor Verdi.
?
............................... _ .
Ii signor VerdI: 51.
La signor. Bini: ?
II signor Verdi: No, mia moglie ea casa can i bambini.
La signor. Bini: ?
II signor Verdi: Abbiamo due liglie e una figlia.
Ooam"a Pinetta: BUM seara, dofll.
nule Feibiger. Sunteti aici pentru
afaceri?
Domnul Feiblger: Da
Doamoa Pinetta: Sunteli aid cu
familia dv.?
Domnul Feiblger: Nu, sotia mea a
ramas aeasa, ca de alttel copiii
nostri.
,
Doamna Pinetta: $i cop!i aveli,
domnule Feibiger?
Damnul Felbiger: Am un liu 0
fi'ca..
sceneta cu voce tare, imagi·
nandu-va urmatoare cu
personajele indicate mal jos.
La signora Pinetta: Buona sera,
signor Feibiger. Lei equi per aftari?
II signor Felblger: Si.
la signora Pinetta: E' qui con la
Sua famiglia?
II signor Felbiger: No, mie moglie e
rimasta a casa. Come pure i nostri
figlL
la signora Pinetta: E quanti figli ha.
signor Feibiger?
II signor Felblger: Ho un 'Igllo e una
figlia.
Legga ad alta voce la scenetta. lm-
maginando i dialoghi seguenti can i
personaggi indicati qui salta.
Observati ca TntrebAriie doamnei
Bini nu suot imprimate pe casela.
incercati sa. puneti dv. aceste
,
intrebAri; ascultati raspunsurile im-
aginati-va. ca. ...orbiti dv. cu damnul
Verdi.
Controlati-va rMpunsurite pe caseta.
,
Notera che Ie domande della sig-
nora Bini non sana incise suUa cas·
setta Cefchi di fare lei queste
domande, ascalti Ie risposte e im-
magini di partare Lei al signor Verdi.
Controlli Ie sue risposte sulla casset-
ta,
Esercizio 3

Exercitlul 3
,
incepeti sA va faceti Per· lei comincia a fare conoscenZ8. Le
soanele sunt foane interesate de persone sona molto interessate aile
situatia dv. familiala. Ce trebuie sa Sue circonstanze familiari. Casa
spl:meti? deve dire?
lala. un exemplu: Ecco un esempia:
Domanda: Lei esposata (sposato)?
Risposta: Si.
Domanda: Ha dei fig1i?
Risposta: Si, abbiamo un bambino.
a) Signor Ruckert passa Ie sue vacanze qui con sua
mogUe e Ie sue due tiglie.
(Damnul ROckert petrece concediul aici, cu satia sa
cele doua fiice ale sale).
. b) Signor Neubert e qui per a"ari can sua moglie. Non
hanna figli.
(Damnul Neubert e aiei pentru ataceri cu lui. Nu au
copiij,
Controla!i-va raspunsurile pe caseta.
Exercitiul 2
,
Ascultati urmatarul dialog de pe
caseta:
Controlli Ie Sue risposte sulla cas-
sena.
Esercizio 2
Ascolti il dialoga seguente sulla cas-
setta:
lata cateva variante: Ecco alcune varianli:
a) Ha un figlio e una figlia.
b) Ha due figli maschi.
c) Ha tre figlie.
d) Ha avuto tre figlie e poi un tiglio.
raspunsurile pe caseta. Controlli Ie Sue risposte sulla cas-
setta.
28
29
ILECTIA 5 I
CUMPARATURI ill.!
LE SPESE (1)

I
UNITAs ILECTIA5
CUMPARATURI ill.!
LE SPESE (1)
I
,
UNITAS
in aceasU. leetJe lovitali:
, , ,
• salnlreOO11 in prlWaJii despre diverse lucruri
• sa va interesali de preturi
DIALOGURI • DIALOGHI
Co Desigur, domnule.
Doriti si a1tceva?
• •
0: Nu, Asta e totul. cat
lace?
Co: Patru mii opt sute, domnule.
Co: Gerto. signore. Grazie. Le oc-
cure altro?
0: No, grazie. E IUfta. Quant'e?
Co: Quattromilaottocenta, signore.
IN CHE POSSO SERVIRl.A? = cu ce vii pot servi?
sau mai exact: cu ce va pot Ii de folos?
1. Come chiedere queUo che Lei vuole In un negozio.
Cum sa cereti ceea ce YTeti intr-un magazin.
a) Quando Lei vuele attirare l'attenzione di un commesso/una commessa.
Cand dori!i sa atrage!i aten!ja unui vAnza.tor sau unei vanzaloare.
Dialog 1
Claudio (GI), vanzator (Co)
Co: Cu ce va pot servi?
CI: yrea La Republica.
Co; 0 mie doua sule de lire.
Cl: aceste doua. reviste.
Co: Face nella. mii oouA
sute de lire.
,

Dialogo 1
Claudio (Gl), commesso (Co)
Co: In che posso servirLa?
CI: Varrei La Republica, per lavore.
Co: Milleduecenlo lire.
CI: E queste due miste.
Co: Grazie. Sona novemileduecento
lire.
,

QUANT'E.? -:'CitJace?'
QUANTO COSTA? ClI coati?
QUANTO COSTERA? = CAt ar costa?
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
31
c) Quando Lei vuole comprare case che non sf possono cantare.
Cand sa cump!irati lucruri care nu pot fi numarate. .
b) Quando Lei vuole comprare case ehe si possono cantare.
Cand dori!i sa cumpafa!i lucruri care pot Ii numarale.
SI, signora.
Certo, signore.
per favore?
(va rog?)
cartoline (cArli
as inns
francoboli (timbre)
fiOfi
dei
delle
aiutarci
alularmi
(sa ma ajuta!i) Puc
(PutetO
Vorrei

vrea)
P: Potrebbe aiutarmi?
Co: CellO. si.
P: Vorrei delle aspirine, per favore.
E quelle mollette Ii.
Co: Tremilaquatrocento lire, per fa-
vore.
Co: Desidera?
0: Si. Vorrei dei fiori.
Co: Ho delle bellissime fresia. Op-
pure ci sono delle rose
stupende.
0: Vorrei cinque rose, per favore.
Oillogo 2
Patrizia (P), commesso (Co)
OlalO9o 3
Daniele (0), commessa (Co)
30
Co: Ce dorili?
0: Da. vrea ni!i'te flOl'1.
Co: Am frezii foarte frumoase. Sau
aici sum ni!i'te trandafiri
incantatori.
D: vrea cinci trandafiri, rag.
Dialog 2
Patrizia (P), y[mzator (Co)
Dialog 3
Daniele (0), vanzatoare (Co)
P; A!i putea sa rna. ajuta!i?
Co: Da, bineinleles.
P: vrea aspirine. va fog. $i
acele agrafe pentru par.
Co: Trei mil patru sute de Jire, va
rog.
Il
UNITA 51 CUMPARATURI C!l!
LE SPESE ill
del (pentru subStantive masculine la singular)
ne sa
della (pentru substantive feminine la singular)
• larina .
[ LECTIA 5
",
,
,
,
UNITA5
" "
CUMPARATURIl.!l!
LE SPESE ill
LECTIA5
. ,
Vorrei
sapone
dOrQ
del dentifricio
tabacco
wea)
della limonata
d) QuandO lei vuole comprare una cosa sola.
Cand vl1?!i sa: cumparati un singur IUCN.
, Vorrei

dell' (pentru substantive masculine sau feminine la
singular; cazul subsranlivelor care incep cu a vocala)
- olio •
33

Si. vOHei anche .
(Oa, vrea inca )
No. etUfto. Grazie.
Nu asta e lOt. Multumesc.
EXERCITII • ESERCIZI
,
uel/o?
uesto?
dei {penlru substanrivefe masculine la pluraQ
- fiOfi celini -
delle (pentru substanrivele feminine ta plural)
- cartoJine,si --l
Exercitiul 1 Esercizio 1
,
Oesidera allro?
(OOtiti altceva?)
Quanta costa
2. Come chiedere iI prezzo di quaicosi.
Cum de unui lucru"r__,- -;emTITI"'------,
iuemua Ire
Costa quattromila lire
rremilaquatlrocento lire
pe caseta. cum se pronunrc1 Ascolti sulla cassetta come si
urmt:itoarele lucruri apoi inCerC3!i pronunciamento Ie cose seguenti e
sa Ie repetati. poi cerche di ripetare.
una botiglia di vino (0 sticlc1 de vin)
un bicchiere di vino (un pahar de viol
una ta.zza di te (0 de ceai)
3. Come dire che vuole qualcosa d'alattro 0 non vuole nienl'altro.
Cum sPUrle1i ahceva sau nimic altceva.
h
,
,
,
,
Alentl.1
,
Unu! substantiv peate avea all gen in romana naliana,
De exemplu:
UN GELATO (m) = 0 en
UN BICCHIERE (m) = un pahar (n)
UN NEGOZIO (m) "" 0 pravalie (f), un magazin (0)
UN FIORE (m) = 0 f10are
un bocaUe di birra (0 cana de bere)
meuo chik> di mele (0 jumAtate de kilogram de mere)
un chilo di banane (un kilogram de banane)
Vorrei un bicctUere di vino (un pahar de vin)
una botiglia di lane {o sticlA de laple}
un pacchetto eli buste (un pachet de plicurij
una scatola di fiaminiferi 10 cutie de
e) Quando Lei vuole comprare una quantita speciflca di qualcosa
Cand sa cumpArali 0 cantilate anume de ceva
un
panino
nelato tin
Vorrei
rMsta
cartolina
una
busta (plic)
meIa
32
II.
una scatola di cioccotatini (0 cutia cu bomboane de ciocolata)
un'aranciata (0 oranjada, un suc de portocale)
una limonata (0 limonadfl)
un chilo di mele (un kilogram de mere)
un mezzo chilo di pere (0 jumatate de kilogram de pere)
Ora dk:a che Ie vuole comprare.

Acum spune!i ca doriti sa Ie

Verific3!i-va. r.:ispunsurile pe caseta.
I
CUMPARATURI (1)- I UNIT" 51
LE SPESE ill· .
e) Ne c.inque, per favore. V b
f} Desidera, signore? ./f
g) Duemila lire, per favora. «.....
h) Ho delle bellissime cartaline. A <}
i) Desidera altro, signore? (
- "
Verifichi Ie Sue risposte sulla casset.
ta
ILECTIA 5
UNIT" 51
I
CUMPARATURI (1l..!
LE SPESE ill
ILECTIA 5 I
Controlat
i
-
va
raspunsurHe cu caseta. Controlli Ie Sue risposte su\la cas·
setta
Ecca un elanco di cose che Le pas-
sono essere utili quando viaggia. Le
chieda.
Exercltlul 2
,
lata careya lucruri care va pot Ii utile
cand
Cereti·le.
un gelato (0 inghetata)
una guida turistica (un ghid turistic)
un elanco di alberghi (o Iisla de hoteturi)
un pettine (un pieptene)
una spazzola (0 perie de par)
un fossetto (un ruD
Esercizlo 2
Verlficatl-v!i raspunsurile pe caseta..
Verifichi Ie Sue risposte sulla casset-
ta

Exercltlul 3
,
Piero este la Flarenta si Vfea sa.
. ,
cumpere cat!i ilustrate.
Puteli sa puneli ordine in canver-
reprodusa mai ios?
a) Quanto costa tutto questa?
b) Carta, signore.
c) Vorrei delle cartoline.
d) No, grazie.
34
Esercizlo 3
Piero e a Firenze e vuale comprare
delle canoline. PUD mettere ordine
nella conversazione riportala qui
sotto?
35
ILECTIA G
CUMPARATURI (2l..!
LE SPESE (2)
,
UNITAG ILECTJA G I CUMPARATURI
LE SPESE (2)
I
UNITA 61
in ace.stl lactle invitatl:
• alte intorma;ii utile daca va ocupati de cumparaturi
DIALOGURI • DIALOGHI
0181
0904
Anna Santi (AS), impiegato (I)
AS: Mi scusi. Mi potrebbe dare delle
informazioni? Quanta costa un
trancoboUo per la Germania?
I: Lettera 0 eartolina?
AS: lenera.
J: Una lettera per la Germania
costa seicentocinquanla lire
,
per tavere.
AS: Mi dia sei francobolli da seicen.
tocinquanta lire, per favore.
I: Ecco. Tremilanovecento lire, per
tavore.
Dialogo 5
Claudio lCI). Piero (P).
cameriere (Ca)
GI: Cosa prendi?
P: Una birra alia spina per favore.
CI (AI cameriere): Due birre alia
spina, per favore.
Ca: Due birre alta spina sono [remi-
laquatrocemo lire, per tavore.
CI: Ecco quattromila.
Ca: Molte grazie. signore.
CJ: Alia salute!
P: Gin.Cin!
Dialog 4
Anna Santi (AB), functionar (I)
AS: MA scuza!i. Afi putea sA-mi dati
informali;? Cat costa un
timbru pentru Germania?
I: Scrisoare sau carte po!?tala?
AS: Scrisoare.
I: 0 scrisoare pentru Germania
costa sute cincizeci de Ure.
Dialog 5
Claudio (CI), Piero (P),
chelner (Ca)
AS: Dati-mi timbre de sase
sute cincizeci de lire. va. rog:
I: lata. Face trei mii noua. sute de
rire.
ECCQ = latii (ag poftim)
ECCOtO! = Jatl-I!
ECCOLA! ::: lat-o!
ECCOTJ! = lata-tel
ECCOMI! = lati-mi!
ECCOLl! = lati-i!
CI: Ge iei?
P: 0 bere la cUlie, Ie rag.
CI: (Catre chelner): Doua ben la
cutie, va rag.
Ca: ooua beri la culie lac Irei mil
palru sule de lire, va rog.
CI: lata patru mil.
Ca: Mul,umesc mu", domnule.
CI: sanAtate!
Noroc!
Dialogo 3
Anna Banfl (AB), eommesso (Co)
Co: Posso aiutarLa?
AS: Non grazie. Sio solo dando
un'acehiata.
PANINI ALL'CUO = coapte cu ulei de rnasline
PANE lNTEGRALE = paine integrala sau neagra.
UNA DOZZINA D"l OUVA = 0 duzina de QUa (12)
MEZZA DOZZINA 01 OUVA = a jumatate de duzina-de QUa (6)
,

C: 0 jumatate de litru de bere. Un
gin tonic. Face totul patru mil de
lire.
Dialog 3
Anna Banfi (AB). vanzator (Co)
C: La sUela sau la cutie?
EM: La cutie. va. rag. un gin tonic.
Co: Va. pot ajuta?
AS: Nu, Arunc doar a
privire imprejur.
Dialog 2 Dialogo 2
Enrico Montini (EM), chelner (e) Enrico Montini (EM), carneriere (C)
EM: A!'f vrea a bere, va. rag. EM: Vorrei un boccare di birra. per
favore.
C: In bottiglia a alia spina?
EM: Aria spina per tavora. E un gin
tonic.
C: Un mellO Huo di birra. Un gin
tonic. Quattromila lire in tuna.
Dialog 1 Oialogo 1
Doamna Pecci (SP). La signora Pecci (SP),
vanzator (Co) :7:==,----
SP: Aveti cu ulei? SP: Ha del panini afl'olio?
Co: Da. Co: Si.
SP; Aveti si paine integrala.? SP: Ha anche pane integraJe?
Co: Nu. 'jmi pare rau, dar nu avem. Co: No, mi dispiace rna non ne ab-
Doriti aftceva? bramo. Destdera altro?
SP: vre3 0 duzinA de oua, va rag. SP; Vorrei una dozzina di OUIJa, per
Cat face? lavore. Quant'e?
36
37
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
Verifichi Ie SUB risposte surra casset_
ta.
ILECT'A 6 ]
LECTIA6
I
CUMPARATURI (2)e

I
UNITA 6
--
CUMPARATURI (2)e
LESPESE@
Verifica!i-va raspunsuri[e pe caseta.
I
UNITAal
Esercizjo 2
Immagini di essere aU'ufficio postale,
e chieda i prezzi del francoboUi
seguenli:
un foglio dj francobolii del valore di
650 lire .
un foglio di francobolli da 800 lire
francobolli da 700 lire
cinque francoboUi da 400 lire
due francobolli da 700 lire e tre da
900 lire
un loglio di 10 francobolli per posta
aerea
Exercltiul2
Imagina,i-va ca sunteri la oficiuJ
cere!i prefurile urmaloarelor
timbre:
o coala de timbre in valoare de 650
lire
o coaJa de timbre de 800 lire
cinei timbre de 700 lire
cinci timbre de 400 lire
doua timbre de 700 lire trei de 900
lire
o coala de 10 timbre par-avian
1. Come dire che lei non vucle comprare niente.
Cum spune!; ca. ou doriti sa cumparati nimic.
Do solo un'occhiata, grazie.
(Arune daar 0 prrvire, mUr!umesc.)
2. Come chledere II prezzo dell'afrancalura.
Cum cerell pretul francarii (unei .

una leltara per I'llalia? (In lIalia)
Quanto costa
(0 scrisoare) per \a German,a? (In Germania)
per i paesl del Mercato Comune?
(CAt costA)
una cartolina (1n !aTile Pie'!ii Camune)
1/0 carte alA'
per una lettera
Ia Germania
un francobollo per !'ltaria
per una canol ina
Midi3
I'Inghiltera
-
(Dati-mi) da 500 lire
due francobotli da 650 lire
.
da 1000 lire
EXERCITII • E5ERCIZI

ExercitluJ 1

ca sunte!i inlr-un bar
unde ceva de baut. Cum
lrebuie sa lucruri[e urma.toare?
un pahar de bere
o sticl;1 de apa: tontta
o bere [a cutie 0
un Crodino
o Coca-Cola
o oranjada:
un whisky cu sifon
Eserclzlo 1
Immagini di essere in un bar dove
prendere da bere. Come chiedereb-
be la cose seguenti?
un boccale di birra
una botiglia di aqua lonica
una birra aJla spina e una limo·
nata
un Crodino
una Coca-Cola
un'aranciata
un whisky e soda

38

39
DIALOGURI • DIALOGHI
UNITA 7
Dialogo 2
La signora Pecci (SP),
Enrico Martini (EM), Agnese (A)
SP: Vai siete di Venezia, signor Mar-
tini?
EM:Sl, siamo di Venezia.
5P: Dicono che e una cita beUis-
sima.
A: 5i, 10 edawera. E beHissima.
5P: C'e una bellissima cattedrale,
se mi ricordo bene.
EM: 51, la basilica di San Marco.
SP: Fa bel tempo in questa
stagione?
A: Certo, in primavera e malta
bello. Covrebbe andarci.
SP: Mi piacerbbe mollo.
LOCURI • I LUOGHI
BASILICA 01 SAN MARCO (Basilica esta a biseric3 in care se ana
o relicva sfant:i)
CATIEDRALE (0 biseric:i mare lotr-un care este sediu
episcopal)
CUOMO (0 alta denumire pentru catedral:i)
VERO? = Nu-i 8S8?

C'E UN BEL PAESINO = E 8colo un dtuc frumos (singular)
CI SONO DEI BELLI PAESINI = Aeolo sum eiteva situce
frumoase (plural).

,
,

LECTIA 7 I
SP: Sunteli din Venelia, domnule
Martini?
EM: Ca, suntem din Venetia.

SP: Se spune cA e un foarte
frumas..
A: Ca, e, intr-adevar, 'aarte'rurnas.
SP: E acolo 0 catedralA,
dacA-mi aduc bine aminte.
EM: Ca, biserica Sfintul Marco.
SP: Vremea e frumoasa. in acesl
anotimp?
A: Ca, primAvara e foarte frumoa-
Sa. Trebuie s.l1 mergeti acolo.
SP: Mi-ar plAcea mult. '
Dialog 2
Ooamna Pecci (SP),
Enrico Martini (EM), Agnese (A)
CUM 5E5PUNE • COME 51 DICE
1. Come chledere dove $1 tfovano Iluoghi.
Cum unde se ana un loc.
,
x
UNITA 71
I
C: E cam'e il tempo?
R: Be, emalto variabile. Certe volte
c'e bel tempo, altre valte piove.
Tu sei di Rama?
c: 81. Sona del Gianicalo.
R: E dav'e il Gianicolo?
C: E 'proprio nel centro di Rama.
R: E com'e?
C: E una zona narmal\ssima,
niente di speciale,
c: CiaO, di dove sei?
R: Sana di Pinerola.
c: Oav'e?
R: E un paesino del Piemante.
C: II Piemonte e al nord avest dell' .
Italia, vero?
A: Si.
C: E com'e?
A: Ci sooo Ie cotline del Manferrata
e Ie Alpi. Ci sono anche molti
bellissimi paesini. E una regiane
malta bella Covresti andarci.
01810go 1
Claudio (C), ragazza (R)
LOCURI • I LUOGHI
Dialog 1
Claudio (C). lala (R)
c: Ciao, de unde
R: Sunt din Pinerolo.
C: Unde e?
R: E un sAtue in Piemont.
c: Piemont e in nord-vestul Italiei,
nu-i
R: Da.
c: $1 cum arata?
R: Acolo sunt colinele Monferrato
Alpii. Mai sunt multe satuee
minunate. E 0 regiune foarte
frumoasa. Trebuie sa mergi
acolo.
e: 5i cum e vremea?
R: Eh, e tcarte schimbatoare. Una-
ori e vreme frumoasa., alteori
Tu 8!?ti din J:loma?
c: Da. Suot din Gianicolo.
R: 5i unde e Gianic04o?
C: Echiar in centrul Ramei.
R: $i cum e?
c: E 0 zona de ora!?

nimic special.
in aceasti lectle invitati:
• sa intrebati dcspre locuri
• sa. intrebali unde sa alIa ele
• sa cereli 0 c1escriere a lor
• sa. reeomandati un lac
ILECTIA 7 I
40
41
,
,.
ILECTIA 7
LOCURI • I LUOGHI
,
UNITA 7
ILECTIA 7 LOCURI • I LUOGHI
UNITA 71
E
(Este)
vK:ino
Milano.
a

Rama.
aile A1Di.
Toscall3.
E
;n lombardia.
Sicilia.
(Este)
Sardenna rSardiniaY.
nel Venelo.
Ila\ Lazio.

costa est.
sui Mediterraneo.
suU' Adriatico.
2. Come chledere la descrizione dl una reglone.
Cum sa cere!i descrierea unei regiunl (zone).
Com'e questa regions? (Cum e acaastA regiune?)
bella.
betlissima. (foane Irumoas.1)
plata (plata)
collinosa (ondulata. CU coline)
montagnosa. (muntoasA)
boscosa. rrnpadurilA)
'-__....l. ..;-o=ln --J
Prepozi!ll:
di = de IaIdin: In = in; a (vicino.) = laogMn aPfopiere de: su -= pe (in sen·
sui: pe coastA, pe mare)
Sono
(SUnI)
Dav'e
(Unde e)
Ferrara?
II Piemonte?
Venezia?
Come sono j paesaggi? (Cum sunt peisajele?)
belli. (frumoase)
bellissimi. (fcarte trumoase)
piani. (plate)
collinosi. (ondulale, cu coline)
montagnosi. (muntoase)
boscosi. (impMurite)
- lural-
bella foresta
C'e una (0) grande interessante.
(Acolo e) r-
un (un) bel lago interessante.
ranete
bel.IO = frumos: bellisslmo = foarte frumos; platto -= plan; colJinoso =
colinar. deluros: monlagnoso = munlos; boscoso = pAduros.
grande = mare: vecchio I vecchl. -= Mlran, batranA: foresta = pAdure'
lago = lac. '
a+iI=al
a + Ia "" alia
3+i=a;
a+le=alle
su +11 -= sui
su +la = surra
su+i=sui
su + le= sulle
urmitoarele
il (m. sing.) di + it = del
la (1. sing.) di + la = della
i (m. pluraQ di + i = dej
Ie (t. plural) di + Ie = delle
in + il = nel
in + la = nella
in+;=nei
in + Ie = nelle
Prepozi111 cu artlcol hotirit: .
sulla costa est = pc coasta de est; sui Mediterraneo -= pe Medilerana;
suU' Adrlatlco -= pe Adriatica
42 43
45
,
UNITA 7
Esercizio 3
1.- Novara, Milano.
2.- 5usa, Torino.
3.- Porta Torres, 5assarl.
4,- Augusta, Siracusa.
5.- Ischia, Napoli.
6.· Salsomaggiore, Parma.
7.- Ro.....ereto, Trenlo.
8. - Chioggia, Venezia.
9.- Recanati, Ancona.
10.- MoUetta, Bari.
Esercizio 2
Precisi dove sono i luoghi seguenti:
LOCURI • I LUOGHI
Exercitiul 2
,
Exercitiul 3
,
Exemplu: Dov'e Mestre? (Unde se a f l ~ Mestre?
(Esempio) Non elontano da Venezia. (Nu e departe de Venetia.)
1.- Dov'e Novara?
2.- Dov'e 5usa?
3.- Dov'e Porta Torres?
4.- Dov'e Augusta?
5.- Dov'e Ischia?
6.- Dov'e Salsomaggiore?
7,- Oov:e Ro.....ereto?
8.- Do 'e Chioggia?
9.- Oo 'e Recanati?
10.- Do 'e Molfetta?
-Non ho mai sentito parlare di Balzano; dov'e?
-Brindjsi e nel sud, vera?
-Bari en ~ nord 0 nel sud dell'llalia?
-Ho sentito molto parlare di Genova. Oov'e?
-Palermo enel nord?
rsclza!i unde sunt urmatoarele
curi;
LECTIA 7
,
tudia!i bine urm:1torul dialog ~ i as-
uI13\i-1 cu aten\ie pe caseta.:
I
l
I
I LUOGHI UNITA 71
4.
(singular) 5.
6.
7.
(plural)
B.
p
10
freddo in primavera.
Fa caldo d'estate.
ciove in autunno.
ara;
; plove == piQua.
ESERCIZI
S
c
.
Eserclzio 1
0
La signora Schmidt s'interessa
c
molta aJl'ltalia. Risponda aile Sue
(
domande.
c
L'
ord dell'ltalia. S
.?
L' e.
,
S
L
,
LOCURI.
un parco.
un fiume.
una spiaggia.
ctei parchi.
,del fium!.
delle s ia
neve in inverno.
pioggia d'eSlate.
C'B
(Acolo e)
C'B
(E muM)
Ci sona
(Acolo sunt)
LECTIA 7
,
I. primavera = prima.vara; !'estate = II
I'autunno = toamna; l'lnverno = iama
3. Come chledere del elima.
Cum sa intreaba despre Werne.
Che tempo fa?
(Ce vreme esta?)
II tempo e bello?
(Vremea e frumoasa?)
flume == (aU; spiaggia = plaja..
Exercitiul1
,
Doamna Schmidt este foarte inter·
esata. de Italia. R:1spunde!i
intrebclrilor ai.
Exemplu: Dov'e Brescia?
(Esempio) Brescia enel n
1.-Ho sentito che Lei edi Ferrara. Dov'
2.-Cosi, Lei e di Verona, signor Bianchi
3.-00v'e esalamente Milano?
44
18 neve = za.pada; la ploggla = ploata
EXERCITII •
,
-
ILECTIA 7 I
LOCURI e I LUOGHI
, I ILECTIA 8
UNITA 7 __' __
DRUMUL CORECTe
LA STRADA GIUSTA
UNITA 81
Acum conversa!i cu 0 prietena. a <N.
americana, vOf'bindu·j de
rele locuri:
Eeeole la sau eeeole Ii acolo (c.ftnd se arata cu mana).
locul aste in apropiere S8 qui sau qua (aiel, acolo).
(Per) di II sau (per) dl la inseamna: acolo de-a lungul, sau: acolo in acea
directie.
in aceasta lectle iovitatl:
. . .
• sa intreba!i despre drum.
• sa intrebali daca exista in apropiere anumite indicatoare.
• sa. intrebali cat de depane este un loc.
DIALOGURI • DIALOGHI
-
Loc
(Luogo)
Rama
Milano
Torino
Pisa
Napoli
Venezia
46
Reglune
(Regione)
oel lalia
in Lombardia
in F'iemonte
in Toscana
in Campania
oel Veneto
Faccia la stessa conversazione con
una Sua arnica americana, parlando
dei Juoghi seguenti:
Monumente importante
(Monumento irnportante)
La Basilica di San Pietro
(II Vaticano)
II taatro La Scala
La Mole Antonelliana
La torre pendente
II Maschio Angioino
UCanal Grande
Dialog 1
Ooamna Pecci (SP), Claudio (C)
SP: Scuz3!i, ali putea sa rna ajutat;?
Sunl prio apropiere taarete
pentru doamne?
c: Desigur. lata-Ie acolo.
Locuri departate
eceole la
eceole II
(per) di n
(per) di la
Dialog 2
Patrizia (P), Claudio (C)
P: Este vreo cabina
telefonica in apropiere?
C: Da. Mergeti drept inainte ve!i
gasi a eabina telefonica. pe
dreapta.
P: Cat de departe e1
C: Mai mult sau mai purin de doua
sute de metri.
P: va mult.
OIalogo 1
La signora Pecci (SP), Claudio (C)
SP: Mi scusi. Potrebbe aiutarmi? Ci
sana delle toilette par signore
qui vicino?
C: Carta, eceole la.
Locurf aproplBte
eccole qua
eccale qui
(per) di qui
(per) di qua
Oi.logo 2
Patrizia (P). Claudio (C)
P: Mi scusi. C'e una cabina
lelelonica qui vicino?
C: Si. Vada di la e tlOl/era una
cabina sulla destra.
P: Quanta edistante?
c: Piu 0 mana duecento metri.
P: La ringrazio malta.
47
DRUMUl CORECTe
LA STRADA GIUSTA
UNITA 8/
I
qui vicino?
(pe aproape?)
49
dena gioventU? (casa tineretului?)
II teatro?
I'Uffieio Postale?
Ia S1azione della rnelropolitana pili vicina?
la banca pili vicina?
la toilette ill vicina?
DRUMUl CORECTe
LA STRADA GIUSTA
telefona
bar
UfflCio PastaJe
buca delle lenete
(cutie de senson)
banea
stazione
una
(0)
un
(un)
C'.
(Exis.a)
Sa dirmi dov'IL
sa·mi Spuneti unde e...)
CUM 5E6PUNE • COME 51 DICE
Pottebbe dirmi dove sl trova
(Ati pulea sa·mi spuneti
unde sa .
C: Ceva rnai muk sau rnai putin c: Piu 0 mena einquecento metti.
(aproximatlv) de cincl sute de
rnetri.
s: Multe s: Grazie infinite.
IlECTIA 8
1. Come chiedere se un po.to evicino.
Cum sa daca un loe e aproape
2. Come chledere la strada.
Cum intrebati de un drum
,
UNITA 81
I
C: Si. Vada fino al semafaro. Gin
su Via Dante. E'vicino alleatro.
AM: Grazie lante.
Dialogo 4
Enrico Verdi (EV), una signora (S)
EV: Mi scusi. POirebbe indicarmi la
strada per la stazione della
metropolitana piu vicina?
S: Si. Vada sempre dirino e la
Irova sulla Sua sinistra
EV: Grazie.
AM: Mi scusi. C'e una farmacia qui
vicino?
U: 51. F'renda la prima strada a
sintstra. E' di fronte al cinema
01810go 3
Agnese Martini (AM), uomo (Uj
Sa: No. Mi dispiace. Non k> so. Non
sono di qui.
01810g06
Claudio (e), una Signora (5)
01810go 5
Un signore (Se), una signora (Sa)
Se: Mi scusi. Potrebbe indicarmi
dove si trova Via XX settembre?
s: Quanta edistante?
s: Mi scusi. Sa dirmi dove si trova
rUfficio Poslale?
lECTIA 8
,
Dialog 3
Agnese Manini (AM), b:ilbat (U)
Dialog 6
Claudio (C), 0 doamnA (S)
s: Scuza!i-ma. Puteti sa-mi
unde se Oficiul
Prn,>lal?
C: Da Merge1i panA la semalor.
Coti!' pe Calea Danle. E Ianga
lealru.
S: La ce djstanta sa afIA?
AM: Scuz.3!i. E wee tarmacie prin
aproplere?
U: Da. pe prima strada la
stanga. E peste drum de
cinema
AM: mult.
Dialog 4
Enrico Verdi (EV). 0 doamnA (5)
EV: Scuzali. At; pulea sa·mi
strada ce duee spre cea mai
apropiatol de metrou?
S: Da Mergeti tot inainte 0
la stanga dv.
EV: Mu4umesc.
DIalog 5
Un domn (Se), 0 doamna. (Sa)
5e: Scuzati. Ni putea sa·mi arAtati
unda sa gaseste Calea XX sep-
lembne?
Sa: Nu. Imi pare rau. Nu !itilL Nu
sunt de aiei.
48
-
UNIT" 81
Esercizio 1
Immagini di essere can Enrico.
Chieda Ie informazioni necessaria
per Irovare questi pasti:
Esercizlo 2
I signori Beneni fanna Ioro prima
....isita a Roma. Hanna qualche diffi-
colta. Siudi bene il dialago seguente
ascoltandalo sulla cassena.
Risposte:
DRUMUL CORECTe
LA STRADA GIUSTA
Exercltlul1
,
Rispunsuri:
EXERCITII • ESERCIZI

LECTIA 8
,
200 me!tj
Piu 0 mena
(mai mull sau mai pulin de) r 5 minuti a piedi
10 minuti
dialogul urmalar, ascullan- Studi tI diaJogo seguente asconsn-
du-l pe easeta. dolo sulla eassetta
Enrico: So che ruftieio PostaJe equi vicino.
(9tiu cll ofieiul e aici (in apropiere)).
La moglie: Enrico. ci siamo persi! Chiederb a qualeuno. Mi scusi. Potrebbe
indiC3fmi la strada per l'Utfieio Postale?
(l::nrieo, n&oam ratacit. Vol intreba pe cineva. Scuzali-mA. Ati
pUlea sa-mi aralali drumul cAIre oficiul
51
lmaginafi-va ell eu Enrico.
Cer8!i inlorma!iile neeesare penlru a
gAsi urmatoarele locuri:
Enrico: So ehe la banca equi .... icino.
Enrico: So che rufficio oggeno smarriti equi ....icino.
Enrico: So che illeatro equi ....icino.
Enrico: So che la stazione equi vicino.
Exercitiul 2
,
Damnul doamna Benetti lac prima
lor ....izitA \a Roma. Au unele dificut-
tati. Studiati bine dialogul care ur-
meazA ascullandu·1 pe casela.
La signora Benetti: Mamma mia! Dobbiamo trovare assolutamente una
toilette!
(Oosmna Benetti: Mama! Trebuie sa ga.sim neaparat 0 toaleta)

UNIT" 81
I
Risposte:
la banca?
,'Ufficio Postale?
il Muntcipio?
il FOfO?
il Colosseo?
DRUMUL CORECTe
LA STRADA GIUSTA
Rispunsuri-
Quanta distante
(CAt de departe e)
LECTIA 8 I
50
3. Come chiedere quanta e dlstante un posto.
Cum sa. intrebali la ce distanta. sa alia un loe
.
Continui su questa strada
all'a09010 (la coil) (Mergeti in conlinuare pe .
fino
aceasta strada)
(paM)
al pon,e (13 pod)
Vada sempre diritto 31 sematoro
(Meraeti lot dre",)

la prima sulla Sua sinistra
Prenda
Ia seconda strada a destra
Ouali-o pel
la terza
Piazza Rama
Gin a sinistra verso
Via XX settembre
Qntoarceti) a destra (cll1re)
Corso Genova
vlcino (apwape) all'utficio Postale
di fronte (in fatal alia libreria
aJ cinema
E'
suUa sinistra
suna desua
(este)
a sinistra
a destra
di la
sempre dirino

ILECTIA 8
DRUMUL CORECTe
LA STRADA GIUSTA
UNITA 81
ILECTIA 8 I
DRUMUL CORECTe
LA STRADA GIUSTA
UNITA 81
Immagini di essere signor BeneUi,
Richieda i servizi di cui ha bisogno.
II signor Benetti: Chiedero a Qualcuno. Mi scusi. C'e una toifene qui vicino?
(Damnul Benetti: Voi intreba pe cineva Scuzati. Exist3 0 toalet.:l. prin
apropiere?)
Imaginati-vA ell sunteli domnul
Benetti. Caretl indicatiile de care
aveti nevala.
La signora Benetti:
Mama mia! Dobbiamo trovate assolutamente un Uffido Postale.
Mama mia! Dobbiamo trovaTe assolutamente una fermata delrautobus.
Mama mia! Dobbiamo t(OVaTe assolutamente una banca.
Mama mia! Dobbiamo trovaTe assoJutamente una stazione delta
metropolitana.
Marna mia! Dobbiamo trovare assolutamente un parcheggio (0 parcare).
4.A: .
B: l'ostello delta gioventu? SI. Si trova in Piazza Roma.
S.A: .
B: Una farmacia? C'e una farmacia in Via Martiri della Uberazione, mi pare.
6.A: ..
B: Sl. Continui sempre diritto e prenda la seconda a deslrs. U c'e Piazza
Primo Maggio.
7.A: .
B:Via della Galena? Via della Galena? No, mi dispiace ma non 10 SQ.
B.,A: .
B: La cattedrale? Si. Cominui sempre diritto al semaforo e giri a sinistra.
52

53
Eserclzlo 3
Eco alcune risposte che semira
quando chiedera informazioni per
trayare un posto. Puc darsi che Lei
un giomo dovra dare risposte simiJi.
Legga accuralamente i dialoghi qUI
sotto cercande di formulare Ie
demande. Ascolli Ie conversazioni
sulla cassetta.
Exercitiul 3

MAMA MIA! are in italiana valoarea exclamativului roma-
nesc: Mama!
,

lata cateva raspunsuri pe care Ie veti

auzi cand veti cere infOfm3\ij pentru
a gasi un loc. Se poate ca in1r-o zi
dv. sa trebuiasca sa dati raspunsuri
cu grija dialogu·
rile de mai jos. incercand sa formu-
lati intrebante. Ascultati conversatia
• ••
pe caseta.
1.A: .
8: Una cabina telefonica? Mi dispiace, ma non sono di qui.
2.A: ..
B: Palazzo Pitti? Attraversi il ponte. Poi continui sempre dirito.
3.A: ..
B: Si. C'e una fermata in Corso G€nova
DIALOGURI • DIALOGHI
I
LECTIA 91 A CERE PERMISIUNEAe [ UNITA 91
· CHIEDERE UN PERMESSO
in aceasta invata!l:
• a cere permisiunea
• a cere cuiva
• a intreba daca cava esta sau nu inga.duit
V: Va bene.
P: Mi potrebbe prestare anche il
fanalino?
V: 5i, va bene. Eccolo.
P: Grazie infinite.
Dlalogo 3
La signora Pecci (SP), una vicina (V)
SP: Signora Cardona, buon giomol
Signora Cardona.
V: Buan giorno. E'lei sIgnora
Pecci?
SP: Si. Mi PUD prestare della lUC-
chera, per favore?
V: SI. SeOl'altro. Aspetti un mo-
menta. 01a a prendere 10 zuc-
chera).
SP: Grazie infinite. Trappo gentile.
55
M: Posso prendere la macchina
. ?
O9gl, caro.
Ma: No, mi dispiace.
M: (incredula): Non posso?
Dlalogo 4
Giovane moglie (M),
giovane maIito (Ma)
... DELLO ZUCCHERO = ceva zahar.
o cantitate nedeterminatA.
UNA GOMMA A TERRA = 0 panA; cova.nt cu cuvant ar fi =un
cauciuc la pamant.
ECCOLO = (LO = 91)
,

,

V: E in ardine. (S-a l.licut).
P: Mi·ai putea imprumuta fanK?
Dialog 3
Doamna Pecci (SF), 0 vacina M
SP: Ooamna Cardona, buna. ziua!
Ooamna Cardona.
V: Buna ziua. dv. doamna
pecci?
SP: Da PUle,i sa-mi imprumutati
zahar. va rog?
V: Da. Binein!eles. un
moment. (Se duce sa ia
zahArul)
SP: Multe multumiri. (Sunte!i) 'oarte
amabila.
V: Da. E in ardine. lata.-1.
P: Multe mul!umiri.
Dialog 4
TanAra (M),
lanar sot (Ma)
M: Pot sa iau azi, dragul
meu?
Ma: Nu, imi pare rau.
M: (incredulil) Nu pot?
I
LECTIA 91 A CERE PERMISIUNEAe I UNITA 91
. --J. CHIEDERE UN PERMESSO
P: (Bussando alia porta della
vicinal
V: Buon giorno, Patrizia. Cosa c"e?
Dialogo 2
Patrizla (P), una vicina (V)
P: Guardi. Ho una gamma a terra.
V: La veda bene.
P: Mi potrebbe prestare la Sua
bicicletta? Sono gia in ritardo
per illavoro.
s-a
imprumu!i
Deja am
CHtEOERE UN PERMESSO - a cere vole
NEANCHE LA = nlel Kolo
NON EPERMESSO = nu'este yole
,

P: (Bate la poalta vecinei).
Dialog 2
Patrizia (P), 0 vecina (V)
V: Buna ziua, Patrizia. Ce

P: Am 0 pana.
V: 0 vad, bineinleles.
P: Ai pulea sfl-mi
bicicleta dumitale?
intatziat la lucru.
54
Dialog 1 01810go 1
Franco Ghat" (FG), PlatO (P) Franco Ghetri (FG), Piero (P)
FG: Scuzaji-rnfl... FG: Mi seusi...
(Mal tare): Scuz81i-ma. (Piu forte):Mi scusi.
P: Da. P: 51.
FG: Por sa parchez aiei? FG: Posso parcheggiare qui?
P: Nu, damnule. Nu e permis sa P: No, signore. Non e permesso
parcati aici. parcheggiare qui.
FG: Pot sc'li parchez 3eolo? FG: Posso parcheggiare Ia.?
P: Nici acolo parcarea nu es1e per- P: Neanche la, non e permesso
misa-. parcheggiare.
FG: Dar asta e absurd. FG: Ma questa e assurdo.
I
LECTIA 91 A CERE PERMISIUNEAe I UNITA 91
. . CHIEDERE UN PERMESSO
ILECTIA 91 A CERE PERMISIUNEAe I UNITA 91
CHIEDERE UN PERMESSO
c: Norocosule!
Dialog 5
Plero (Pl, Claudto (C)
Me: Nu. Nu po,i,
M: Mascalzone! putea avea
atunci bani penlru un taxi?
Ma: Nu. Nu am (R3Zgan-
dindu-se): Sa da. POli lua
oa
M: Nu! N-are importan!:!. Pot sa
merg pe jos.
Ma: lalta-ma, nu voiam...
M: Du-te la dracu!
trantind .
Ma: Cerule!
Piero se aUa in casa lui Claudio. EI
sa reinnoiasca 0 vache
prielenie.
P: Claudio, putea sa ciau un
telelan'?
C: Oa, binetnteres.
P: Multumesc. (Rldica receptorul
formeaza numarul). Halo! Sunt
Piaro Pucehisso. Din Genova
(Pauza). Pol sa tree sa Ie vad?
(PaOla). Asta seara.? (Pauza.).
Pot treee pe la 81 (Paula).
Pe curand. (Pune
receptorul la k>c). Claudio, era
Anna Am 0 intalnire diseara.
P: Posso fare una doccla, per
favore?
C: SI. senz'altro. It bagflO edi la.
Eserclzlo 1
Chieda iJ permesso di' prendere in
prestito Ie case seguenri:
Exercitlul1
,
FARE UNA TELEFONATA _ • d. un telefon
PRONTO = gata. se spune insa. cand ridici receptorul
incepi 0 convorbire)
VEOERTI =a te vedea. (U =pronumele se Ieaga de verbuJ Ja in-
finitiv veder)
FARE UNA DOCCIA = a face un dus
EXERCITil • E5ERCIZI
,
,

P: putea face un
c: Da, bineinleles. Baia e acolo.
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
1. Come chiedere II permesso e dare II permesso.
Cum sa ceri eum sa dai permisiunea.
,
avere (avea)
macchina?
prendere in preslito I. btcicletta?
flua cu im rumuO
Posso
prendere
impermeabile? ,
(POI)
vedere
giomale?
adoperare (sa
questa
rasoia? (aparat de ras)
servese)
ombrello?
- .-
della zucchero?
.
sedermi
Posso
venire (veni) con te I Lei?
andare (merge) (cu tine I Dv.?)
mettermi (alo1turi de'
Cereli permisiunea de a lua cu
imprumut urmo1toarele lucruri:
,
,
,
P: Claudio, POsso lare una
telefonala, per favore?
C; 51,senz'altro.
P: Grazie. (Prende il ricevitore e fa
il numero). Pronto, Sono Piero
Pucchisso. Oi Genova. (Pausa),
Posso passare a vederti?
(pausa). Stasera? (Pausa). Pas·
so passare verso Ie 87 (pausa).
Grazie. A piu tardio (Melle giu il
ricevitore), Claudio, era Anna.
Ho un appumamento per stase·
'a.
C: Fortunato!
0181090 5
Piere (P), Claudio (C)
Piero e a casa di Claudie. Vuole rial-
lacciare una vecchia amicizia.
Ma: No. Non puoi.
M: Mascalzone! Posse avere i soldi
per il tassi, dunque7
Ma: Ma no, non ho spiccioli. (Aipen-
sandod): Ma sl, puoi prendere
la macchina, insoma.
M: No! Non impona. Posse andarci
a piedi.
Ma: Scusami, non velevo...
M: Va aJ diavolo!
(Esce sbattendo la porta)
Ma: Santo cielo!
MI DISPlACE - iml pare rau
AVERE I SOLDI = • Ivea bani
SPICCIOU = rnaruntls
, ,
,

56
57
ILECTIA 91 A CERE PERMISIUNEAe I UNITA 91
CHIEDERE UN PERMESSO
ILECTIA 10 I CALATORI'I e VIAGGI UNITt. 10
Exemplu; Posso prendere in prestito il tuo giornale?
(Esempio) -bicicletta
-impermeabile
-rasoio
in aceasta lecpe
• spuneti cum sa cAlat0riti
• sa bilete pentru diferite mijloace de transport
• sa comandali un taxi
51. certo.
81. sicuro.
Va bene.
No, mi dispiace.
No. non Ie I glielo 10 posso permettere.
No. non puol I pUD.
Assolutamente no!
Acum rAspundeti la intreban. Adesso risponda alle domande.
1. Posso prendere in prestito la tua biciclena?
2. Posso pJendere in prestito il tuo rasoia?
3. Posso prendere in prestito if tuo pettine?
4. Posso prenciere in prestito la tua spazolla?
5. Posso prendere in prestilo il tuo rossetto?
6. Posso prendere in prestito illuO denlifricio?
7. Posso prendere in prestno iI tuo spazzolino da denti?
8. Posso prendere in prestito la Sua macchina?
9. Possa prendere in prestito i tuci pantalanl?
10. Posso prendere in preslito la Sua penna?
Verific31i-vA ascultand Ora verifichi Ie risposte ascoltando
casela. Poate ca, dv. la cassetta. Forse Ie Sue risposte
sunt diferite de cele ale autorului. sana diverse da quelle dell'autere.
DIALOGURI • DIALOGHI
FIUMICINO este aeroportul din apropiere de Roma.
Dialogo 1
La signora Pecci (SP), impiegato (I)
SP: Un biglietto di sola andanla per
Rama Termini, per favora.
Quanlo costa?
I: Quattromilatrecenlo, lire.
(Le da il biglietto),
SP: Grazie.
OIalogo 2
Anna Pannazzi (AP), impiegalo (I)
AP: Un bigl.ielto andala e ritorno per
Fiumicino, per favore. Quanlo
cosla?
I: Tremila. (Le da ij biglietto).
AP: Grazie.
c: Piazza Sam'Andrea, per favare.
S: MiUeduecento lire.
(Le da il biglietta)
C: Grazie.
Oialogo 3
Claudia (C), iI bigliettaio (8)
,

I: Trej mii. (ii da biletul).
AP:
I: Patru mii trei sule de lire.
(Ii da bile!ul).
SP:
Dialog 2
Anna Pannazzi (AP), functionar (1)
AP: Un bilel dos-inletS, pentru
fiumkino. va rog. Cat costa?
Dialog 1
Ooamna Pecci (SP), funclionar (I)
SP: Un bilet dus pana la Roma,
rog. Cat costa?
Dialog 3
Claudia (C). taxalorul (6)
C: Piala SI. Andrei, va rog.
8: 0 mie douA sule de lire.
(Ii dA bilelul).
C: Mul!umesc.
Esercizio 2
Ascolti Ie domande della cassetta.
La voce Ie chieder3 sa puC> prendere
in preslito carte cose. Risponda sin-
ceramenle. Sia cortese nella rispos-
ta, S9 possibile. Ecca qualche ex-
pressione che potrebbe servire.
Exercltiul2
,
Ascultati intrebarile de pe casela:.
Vocea va va intreba daca poate lua
cu irnprumut anumite lucruri.
RMpunde!i sincer. Fqi cunenitori in
r:lspunsurile dv., daca sa poale. lata
cateva expresii care va pot Ii de
fo105.
58
59
ILECTIA 10 I CALATORII. VIAGGI
UNITA 10
ILECTIA 10 I
CALATORII • VIAGGI
,
UNITA 10
61
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
1. Come dire dove lei vuo(e andare.
Cum sa spune unde vreli sa pIeC3!i.
IA: Solo andata a andata e ritorno?
AS: Solo andata
IA: Classe economica?
AS: No, prima classe.
IA: Un momento, per favore. Devo
controlare che tuno vada bene.
Si, va bene. La costara cinque-
centoquarantamila lire.
AS: Faro un assegno. Ecco la mia
carta assegni.
IA: Grazie.
AB: A che ora c'e I'accettazione?
IA: L'ultima accettazione sara aile
quindici e trenta.
AS: E il numero del vola?
IA: Alitalia 578.
AB: Grazte.
Vorrei
vrea)
2. Come compfare un blglletto?
Cum sa cumpa.ra!i un bilet?
a) Salendo su un autobus 0 a una stazione di metropolitana,
Urcand fntr-un autobuz sau la 0 stape de metrou.
L' ACCETTAlIONE este (ermenul i(aljenese pentru prezentarea la
, aeroport. Se insa destul de des l}i termenul engfezesc
• (italienizat): II check·ln.
IA: Numai dus sau dus-intors?
AB: Numai dus.
IA: Clasa
AS: Nu, clasa intt'iia.
IA: 0 clipa, va rag. Trsbuie sa con-
Hotez daca tatul e in regula. Da,
e in regulA. va va costa cinci
suts patruzeci de mii de lire.
AS: va scrlu un cec. lata carnetul
meu de cecuri.
IA:
AB: La ce ora este prezentarea?
IA: Ultima prezentare va Ii la cin-
cisprezece treizeci.
AS: $i numarul zborului?
IA: Alitalia 578.
AS: Mul!umesc.
andare in aereo 3 I Edimburgo
pfec cu avk)nuf la
k
I Monaco
prendere I'aereo per ! Berlino
(sa iau avio"ul "tnll .:
L __.....cA""m"'b"'e"le"e"'!E!esii inseamna acelasi lucru.
AB: VOfTei prendere un aereo per
Ginevra.
IA: Si.
AB: Quando ci sara il prossimo
volo?
IA: II prossimo volo e aile sedici e
quindici. Arrivera e
quaranla.
AS: Posso prenotare, per favore?
Dialogo 6
Anna Benetti (AS),
impiegata dell'agenzia (IA)
Dlalogo 5
Agnese Martini (AM), il tassista (T)
AM: (AI telefono) Pronto. Avrei
bisogno di un tassi, per favore.
T: Quale eil Suo indirizzo?
AM: II mio indirizlo e Via Indipen-
denza 33.
T: _Dove va?
AM: Alia stazione, per favore. 11 piu
presto possibile.
T: 11 tassi arrivera Ira dieci minuti.
AM: Grazie.
s: Due per il museD delle cere, per
favore.
B: Tremilaottocento.
S: Potrebbe dirci quando dob-
biamo scendere. per favore?
B: Certo.
S: Grazie.
OIa10go 4
Signore (5), iI bigliettaio (8)
Dialog 5
Agness Martini (AM), taximetrist (T)
AM: (La tele10n) Ala! avea nevoie
de un taxi, va rag.
T: Care este adresa dv.?
AM: Adresa mea este Calea Inde-
penden!ei 33.
T: Unde mergeW
AM: La gara, va rag. Cat mai rspecle
posibil.
T: Taxiul va sosi in zece minute.
AM:
Dialog 6
Anna BeneUi (AS),
functionara de agentie (lA)
, ,
AB: dari sa iau un avian pentru
Geneva.
IA: Da.
AB: Cflnd va ti urmatorul zbor?
IA: Urmatorul zbor este la
:!?i cincispfezece.
Va ajunge la optsprezece
patruzeci.
AS: sa rna prenatali, va fog?
60
Dialog 4
Un damn (8), taxatorul (8)
s: Doua pan:' la muzeul ligurilor
de cearA, va rog.
B: Trei mH opt sute.
S: Puteti sa ne spuneli cand
trebuie sa coboram?
B: Desigur.
s: Multumesc.
ILECTIA 10 I
CALATORII • VIAGGI
,
UNITA 10
ILECTIA 10 I
CALATORII • VIAGGI
,
UNITA 10
Due Piazza Principale
per favora
rre
per
il Cam0.!!:!29!io
Cosa dicono Ie persone seguenti?
(Ce spun urmatoarele persoane?)
1. II signor Doccini va ad abitare a Sestri.
2. La signora Forlini va a visitare Piacenza
3. I signori Brusoni vanna ad abitare ad Ancona
4. L'ingegnere Tongiorgi e la sua segrelaria vanno a visitare
Venezia.
5. II signor Soardi va ad abitare a Bari.
6. IsignOf"j Giuliani vanna a visitare PaJermo.
7. La signora De Maio e sua f'9/ia vanna a visitare Trieste_
8. I signori Pieri vanna ad abitare a Brescia
9. La signorina Vemocchio va a visitare Reggio Calabria
10. I signori Rjzzi vanna ad abitare a Trema.
.'
,
,
per favore
Piazza PrincipaJe
II Campidoglio
Fiumicino
b) AJla stazione.
La gara.
Un'aoclata MHano
Un'andata e ritorno Bari per
Due aodata
per
Napoli favore
Tra andata e rnorno
Esercizio 2
Exercitiul 2

Ascohi Ia conversaztone seguente
sulla cassetta:
II blgliettaio: Si tenga forte! (TinC!i-va bine!)
Una signora: 1/ museo del1,e cere, per favore.
II blgliettaio: BOO
Una signora: Potrebbe dirmi quando dovro scendere, per favore?
II bigllettalo: Certo.
Una signora: Grazie.
Asculta!i pe caseta urmatoarea con-
versalie:
Inchipuiji-va ca vrep mergeti in Immagini di voler andare nei posti
urmatoarele k>curi. in pauze. seguentt Parli nelle pause. Che
Ce a!i spune? cosa direbbe?
II Campidoglio
Caslel Sant'Angelo
Sam'Agostino
Pona Garibaldi
Tealro Nazionale
Immagini di dovere andare a Padolla
per un incontro di affari. Avra bisog-
no di un'andata e rilorno.
Dira:
Yorrel un'andata e ritorno per Padova, per favore
In Italia exista dollA feturi de bilete: ANDATA = dus ANOATA E
RITORNO = dus-inlors.
Pretul este dupa kilometru OL CHILOMETRAGGIO}. Biletul dus·
intOrs e aproape dublu ca pret decat eet de dus.
EXERCITII • ESERCIZI

,

c3 trebuie s3 mergeti la
Padova, penlru 0 inta.lnire de afaceri.
Avell nevota de un bilet dus-intors.
Ve11 spune:
Exereltlul1 Eserclzio 1

inChipuili-va c:i trebuie sa. mergeti la Immagini di dovere andare a Orvielc
ONielc, uncle veli locui. Avefi navele dove abitare. Avra bisogno di
de un bilel dus. Vetl spune: una sola andata. Dira:
Vorrei un'andata per Orvieto
62
63
ILECTIA 10 I cALATORII. VIAGGI
I UNITA 10 I II,.ECTIA11IPROBLEME DE EXPR,MARE·IUN,TA 11 I
" LA LINGUA
in aceas1i leetle invitatl:
, , ,
• s:.l: spuM1i ca. nu cava
• sa. imrebati de sensul sau traducerea cuvintelol, on aunor propozitii
• sa caret' repetarea unor expresii
DIALOGURI • DIALOGHI
ExerciUul 3
,
Vre,i 0 prenotare pentru un zbor la
PiS3. Functionara de la agen!ia de
,
c;1.l<1torie (biroul de VOi8J) va pune
unele intrebari. Ascultali intrebArile
5i incerc81i raspundeli. Conver·
, .
salia demaiiOSeinregistrata.pe
caselA va va servi drept model.
Esercizio 3
Lei vuole prenolare un vola per Pisa.
L'impiegata all'agentia di viaggio Le
fa qualche domanda. Ascolti Ie do-
mande e cerchi di rispendere. La
conversazione qui sotto e ineisa
sulla cassetta e Le servira da madel-
10.
Dialog 1
Franco Ghetri (FG),
un strain (Str)
01810go 1
Franco Ghetri (FG),
un straniero (SU)
lmplegata: Buona sera, signore. Posso aiutarla?
Lei: Voglio prenotare un vola per Pisa. Quando partira il prossimo ameo?
Impiegata: 11 prossimo volo eaile otto e trentacinque e arrivera aile nove e
cinquanta.
lei: Posso prenotare subito, per favore?
Implegata: Andata 0 andala e ritorno?
lei: Solo andata.
Implegata: Prima classe 0 classe economica?
lei: Classe economica. per favore. Qual eil numero del vola?
Impiegata: TW 931.
lei: Grazie.
Imila!i conversalia de mai sus
ambete roluri, pe eel
al c:.l:l:.l:torului !?i pe cel al functionarei
de voiaj.
informatij1e unni:ltoare:
Imiti la conversazione qui sopra as-
sumendo i due ruoli, il roolo del
viaggiatore e del Impiegata
dell'agenzia di viaggio.
Usi Ie informazioni seguenti.
ANOIAMO = mergem.
Formula peate "fifolosita;>i cu alte cuvime;
ex: CANTIAMO = sa",cAnUim, DORMIAMO = sj,-dormlm.
- E COSA VUOLE- DIRE? = ce inseamni? (cevrea sa zJc:.l:?)-
VOLERE _ a vrea; DIRE = a zlce,
Olalogo 2
cs: Mangiamo alliceo?
P: Sl. Si sgrana abbastanza bene
alia mensa.
CS: Si sgrana? Cosa vuol dire?
P: Si sgrana vuol dire si mangia. Si
mangia abbastanza bene alia
mensa.
CS: Ah, bene. Capisco, Grazie.
65
Patrizia (P).
una coUega straniera (CS)
FG: Allora, andiamo a Sgobbare!
5tr: Scusi, Sgobbare? Non capisco.
FG: Sgobbaret Sgoobarel
5tr: E cosa vuole dire esattamente?
FG: Sgobbare e lavorare. Andiamo
a sgobbare vuole dire: andiamo
a lavorare.
5tr: Ah, bene. Adesso capisco. Gra-
zie.
Dialog 2

,
'FG: Acurn, haide la Sgobbare!
5tr: Scuzati, Sgobbare? Nu inteleg.
FG: Sgobbare! Sgobbare!
5tr: Ce ar insemna exact?
FG: Sgobbare inseamn:.l: a lucra. S:.l:
mergem la 5gobbare inseamna.:
sa. mergcm la lucru.
5tr: A, bins. Acurn Mu1tu-
mese.
PatriZia (P),
ocolega. str:tina (CS)
cs: Mancam la liceu?
P: Da Se (sgrana) mne la
cantina (mensa).
CS: Sgrana? Ce vrea sa. insemne?
. P: Sgrana, adica se manancli. Se
rnananca destul de bine la can-
tina.
C5: A, bine. Mullumesc.
I
i
,
,
,
l
"
'I
I
l

7,35
11,45
Partenza
6.30
9,40
Milano
Napoli
1. EE 5.100
2. LH 1.134
64
L1:CTIA11 PROBLEME DE 11 I
LA LINGUA
LECTIA11 PROBLEME DE EXPRIMAREelUNITA 11 I
LA LINGUA
, (VOl) POTETE =voi
(LORO) POSSONO .1 pot
OIalogo 4
Enrico Verdi (EV), un straniero (StL)
Str.:Mi scusi, signor Verdi. Come si
dice questa in italiano?
OIalogo 5
II signor Amico (SA),
una callega straniere (CS)
(II signor Amico vtsita Roma in mac-
china con una collega straniere)
CS: (Indicanda un canello can la
direzione dellungolevere)
Come si pronuncia queslO?
SA: Aseohi, si pranuncia cosi: lun·
goteverB. Ci provi anche Lei,
cs: lungotevere.
SA: Motto b€me. E'perfeno.
67
EV: Queslo euno sfilatino.
Str.:Ah, bene. E questa? Come SI
chiama?
EV: Questa eun bacio di dama.
(Lei) PUO dv. put,,!!.
(NOI) POSSIAMO nol putem
POSSO VENIRE? pot sA vln (eu)?
PUOI ASPETTARE? = po,' sa (tu)?
SFILATINO =0 pAine lungA. de SOD gr.
BACI 01 DAMA = IUfsecuri rotunde cu ciocolata in miiloc.

,

,
(Domnul Amico viziteaz3 Roma in
cu un coleg strain)
CS: (ArAtand spre un indicator catre
· Lungotevere) Cum S9 pronun-
tc1?
SA: Aseulta, se pronunta asa: Lun-
gotevere. inceatca dumneata.
CS: Lungotevere.
SA: Foarte bine. Perfect.
Dialog 5
Domnul Amico (SA),
un coleg strain (CS)
OIalog 4
Enrico Verdi (E'J), un strain (Str.)
domnule Verdi.
Cum se cheama aceasta in
italianii?
EV: Se cheam::1: un sfilatino.
Str.:A, bine. $i aceasta? Cum se
cheama?
EV: Aceasta e un bacia di dama.
(i.Jn sarut de femeie)
(LUI) PUC) el poste
(LEI) Puc) ea poate
In ltalia existA
1000; 2OPO; 5000; to.OPO; 50.000; IOP.ooo de lire
9i urmAtoarele monede:
10; 20; SO; tOO; 200: 500 de lire,
PUO PARt...ARE? = putel1 si -
:::'I:i;:t 0 a personale din itaiianA. Amintim insa. ca _
" de celt;!: .mal nu ,S9 pronunta.· ".
IO=eu; rU=tui:-I..UI=el: ,LEI=ea;
••trl; N01=nol; VOI=vol; LORO=el.
. , " '
POTERE =·a putea;
,, lat,!):·1 conlugat:'
'. (10) POSSO = eu pot
(TU) PUOI = tu Poll
,

L1CEO = liceu; Inlre 14-19 ani
UCEO SCIENTlFICO = cu specialitate.
UCEO CLASSICO = 'cu sludiul de baZa latina gteaca.
LICEa UNGUISTlCO := cu studiuflimbilor moderne
Dialog 3 0181°9° 3
Doamna Pecci (SP), La signora Pecci (SP).
un tana.r turist (Tl) un giovane turista (TI)
TT: 0 cane (ilustrala), va TI: Una cartolina, per favore.
rag.
SP: Poltim. 750 de lire, va rog. SP: Ecco. 750 lire, per favore.
IT: Am doar 0 bancnota de 10.000 TI: Ho solo un blglietto da 10.000
de lire. Ma ,lire. Mi $Cusi.
SP: (Vorbind repede) Nu are impor- SP: (Par1ando in frena) Non ha im-
tanta. portanza
TT: Ce' anume? puteti vOfbi IT: Cosa? Puo parlare un po'piu
mai rar? lentamente?
SP: Nu are im-por·tan-t3. SP: Non ha irn-por:tan-za. .
TT: A, bine. inteleg. TT: Ah, bene. CaplSCO. Grazle.
PROBLEME DE EXPRIMARE-IUNITA 11 )
LA LINGUA
LECTIA11 PROBLEME DE EXPRIMARE_[UNITA 11 I
LA LINGUA
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
ZUCCONE = persoani tare de cap (figural)
68
Ascolti la cassetta e decida cosa
vuoje dire.
Eserclzio 2
Aseolli Ie conversazione seguenti.
Ogni volta che Lei sente qualcasa
che non capisce, chieda casa vuol
dire.
Ascultali caseta decideti ce vreli
sa spuneti.
,
Exercltlul 2
,
Asculta!i conversatiile urmtltaare. De
Cale ori vi se pare etl nu in!elege\i,
cereti sa vi se spuna ce inseamntl.
B. Olea che Lei non eapisce e poi:
(Spune!i c.1 nu apoi:)
1. ehieda di ripetare la frase. 3. di ripetare piu lentamente.
(cereti s.1 repete fraza) (sa repete mai incel)
2, di denare Ie parole, Ie espressioni. 4. di parlare piu chiaramente.
{cereli sa spuna pe liIere cuvintele, (sa vorbeascA mai clar)
expresiile)
Ecco alcune espressioni utile:
(lata caleva expresii utile)
Scusi. Non capisco.
Cosa vuo! dire questa?
Come?
Pub parlare un PO'piu lentamente?
Come SI scrive?
Puc) ripetare, per favore?
PUD parlare un po'piu chiaramente, per favore?
Esempio:
A: Ecco ruSL
B: Scusi, rna non capisco. Cosa vuel dire rUSL?
A: USL vue! dire: Unita Sanitaria locale.
Ascultat
i
casela ;>i decideti ce vreti Ascotti la cassetta. Oecida cosa vue!
sa. spuneli. dire.
RAI: Radio Televisione Iialiana
PCI: Partite Comunista Ilaliano
DC: Oemocrazia Cristiana
MEC: Mercato Europeo Comune
UPU: Lega llaliana per la Pro/ezione degli Ucceli (ucceli=p;)stlri)
69
sgobbare?
questa?
Iozuccone?
Esercizio .,
EXERCITII • ESERCIZI
Exercitiul 1
,
Gasa vuot dire
"(Ce inseamna?)
-
poo
ripetare
questa un po'piu lentamente?
dire
sl dice queslo in italiano?
Come sl pronuncia questa?
si scrive auesta?
3.-Come chiedere come 6i dice, sl scrive 0 91 pronuncia qualcosa.
Cum eere!i sa vi sa spuna cum S8 zice, cum S8 serle sau cum S8 pronunta
un cuvant anume.
Cum sa rezolvali unele probleme Come affrontare i problemi della lin·
privind diverse expresii. Qua.
A. Un Italiano/ un'italiana Le parla,
(Un italian/ 0 italianca va.
1. indistintameme 2. in ger90 3. trappa fretta
(neclar) (in jargon, in dialect) (prea repede)
-
2.·Come chledere una repetizlone pi" lenta e plu chiara.
Cum sa cerel' 0 repetare mai lent:li mai clara?
1.·Come dire che Lei non caplsca.
Come chiedere che signiflea qualcos••
Cum spune!i c3 nu intelegeti cava.
Cum cerell sa vi se spuna ce semnifica!ie are ceva.
Come? Non caplsco.
I LECTIA
12
1
PROFESlie
LE PROFESIONI
UNITA 121
I
I LECTIA
12
1
PROFESlie
LE PROFESIONI
UNITA 121
DIALOGURI • DIALOGHI
in aceasli '.elle invitatl:
, , ,
• sa despre profesii
• sa. intrebali unde lucreaza cineva ce profesie are
ERO _ am fost
MOLTO mult, (foarte)
BELLO"" Irumos
Atenfie la utilizarea lui MOLTO;
MOLTO BELLO"" foarte frum08
MOlTO CARA = foarte drag
MOLTO COMODO = foarte util
MOLTISSIMO "" foarte muU, deosebit de muD
BELLISSIMO"" foarte frurnos, deosebit de frumos
Dialog 1
Enrico Verdi (EV),
doamna Pecci (SP)
EV: Cu ce vA ocupati?
SP: Sunt seeretara.
EV: Unde lucrati?
SP: lucrez la FAD.
EV: Ce este FAD?
SP: FAO este Food and Aglicutture
Organisation (OrganiZ3!ia
tru Hrana si Agricultura, in
engleza) este a parte a ONU
se alia la Roma.
EV: va place aceasta munca?
SP: Da Munca mea imi place foarte
mult. Efoarte Interesanta,
Oialogo 1
Enrico Verdi (EV).
la signora Pecci (SP)
EV: Cosa fa nella vita?
SP: Sana segretaria,
EV: Dove lavora?
SP: Lavoro alia FAO.
EV: La FAO, cos'a?
SP: La FAD e la Food and Agricul-
ture Organisation (una parte
delle Nazioni Unite) ed e a
Roma.
EV: Questa lavoro la piace?
SP: SI, mi piace malta iI mio lavoro.
E malta interesante.
Dlolog 2
Doamna Pecci (SP),
Enrico Verdi (EV)
SP: $i dumneata? CU ce fe ocupi?
EV: Eu? Sunt medic. Adic:'. am fast
medic.
SP: Ce vreli sa spune!i?
EV: Sunt pensionar.
SP: $1 '1<1 place aeast IUCTU?
EV: A, da. imi place !oarte mult.
SP: Cum
EV: Vreau sa. spun ca am libertate.
$i tibertatea face placere.
,

0181090 2
La signora Pecci (SP) .
Enrico Verdi (EV)
SP: E Lei? Che cosa fa?
EV: 101 50no medico. Cioe ero
medico.
SP: Casa vuale dire?
EV: Sono in pensione.
SP: E questa La piace?
EV: Ah, sl. Mi piace mohissimo.
SP: Come mai?
EV: Vuole dire liberta. E la libena fa
piacere.
,

70
'CCSA FA...? = Ce facetl..?' FARE = a 'ace
,
(10) FACCIO (eu) I.c;
(TU) FAI (tu) foci;
(LUI/LEI) FA (el/ea) face;
LEI FA = dv. face!i; .
(NOI) FACCIAMO (nol) facem;
(VOi) FATE (vol) facell;
(lORO) FANNO (el) foc.
,
Dialog 3
Enrico Montini (EM).
Anna Banfi (AB)
AS: Cu ce va
EM: Sunt directorul unei sucursate a

AS: Inlr-adevar? la care sucursal:!
lucrati?
EM: la "$tanda" din Pia!a Dante.
AB: $i unde se aM?
0181090 3
Enrico Montini (EM),
Anna Banfi (AS)
AS: Cosa fa Lei nella vita?
EM:Sono direttore di una SUCCUf-
sale della
AS: Dawero? In quale succursale
lavora esattamente?
EM: La "Standa" in Piazza Danle.
AS: E dove si trova?
71
-
I LECTIA
12
1
PROFESlle
LE PROFESIONI
,
UNITA 12
I LECTIA
12
1
PROFESlle
LE PROFESIONI
,
UNITA 12
SUCCURSALE - sueur8ala. ,mala
ADESSO MJ RICORDO = acum iml adue amlnte (imi amintesc)
STANDAK = cunoscut supermagazin din ltalia cu liliale in ma-
joritalea ora!?elor. Alte supermagazine: La Rinascente Upim.
NE HO CINQUE = Am (de la ei) cinei siplamani. .
NE = de la el
Cosa fa Lei nella vila?
Lui
e
disoccupalo/ disoccupata
Lei .
--
Lora sana in oensione (!Utt'e due) {amimdofl
farm3cista
Lui
attore! aMce
e infermiere! infermiera
Lei
studente! studentessa
cameriere! cameriera
,
"
Suo figlio/ Sua figlia?
il signor Verdi?
Suo marito! Sua moglie?
lui! lei?
l'impiegato!I'impiegata
13 segretaria
il dottore/ il medico
ecc letc,)
Faccio
Cosa fa
,
I
EM: Vicino alia stazione. Termini a
Rama.
AS: Ah, s1. Adesso mi ricardo. E
lavora a tempo pieno?
EM: Lavoro 45 ore alia setlimana.
AS: E'tanto.
EM: E'anche troppe!
AS: Ma la domenica elibera?
EM: st
AB: Quante settimane di feria ha
all' anna?
EM: Ne he cinque.
I

EM: in apropiere de gara Termini. la
Rama.
AS: A, da. Acum imi amintesc. Si
,
lucrati norma intreag<1?
EM: Lucrez 45 de ore pe saprama...
na,
AS: E mutt
EM: E prea multi
AS: Dar duminica e Iibera?
EM: Da.
AS: Cate s<1ptamani de concediu
aveli pe an?
EM: Cinei saptamani.
CUM 5E 5PUNE.. COME 51 DICE
2. Come chiedere dove lavora qualcuno.
Cum sA intrebati unde lucreaza cineva
1. Come chledere la professlone di qualcuno,
Cum sa pe cineva de profesla lui.
Casa fa Lei nella vita?
(Cu ce .... a ocupali?)
Dove
lavari tu?
lei?
(Undo) lavara
lui?
Sono
impiegato! impiegata
dottore/ medico
segretaria
rappresentante
professore
djrellore di banca
pOliziotlO
commesso
Alispunsuri
lola....ora
Lei lavora
Lui [avera
Risposte
alia FIAT
all'Alfa Romeo
ar supermercato
al bar Corallo
in un negozio
in un bar
72
73
1
LECTIA 12
,
PROFESlie
LE PROFESIONI
UNITA 121
I LECTIA
12
1
PROFESlie
LE PROFESIONI
UNITA 12
r
3. Come chledere quante ore lavora qualcuno.
Cum intrebali dille ore lucreaz:l cineva.
alia senimana?
Quante ore lavera al giorno?
al mese?
SIP = Societa Italiana per l'Esercizio Telefoniea
ENEL = Ente Nazionale per l'Energia Elenrica
FIAT = Fabrica Italiana di Automobilj Torino
SAl = Banea d'America e d'ltalia
curia vescovile = sediu episcopal
RAI = Radio Televisione Italiana
Ho un posta
tAm un serviciu\
prowisorio
fi5SO
Exercltiul 2
,
Esercizie 2
vera
maestro
maestra
medico
professore
professoressa
Adesso dica qual e la Sua
professione:
Ecca un elenco di alcune profes-
sioni, Ascotti bene come si pronun-
ciano e poi Ii ripeta.
inferrniere
infermiera
ingegnere
maestro
maestra
meccanico
medico
idraulico
rappresentante
segretaria
impiegato
impiegata
studente
studentessa
casalinga
dona di servizio
cameriare
cameriara
Eserclzio 3
urtna.toarele Dica che lei esercita Ie professioni
seguenti:
studentessa
dona d'aHari
uoma d'aHari
este adevarata
Exercltiul 3
,
Acurn spune!i care
dv, profesiune:
Spune!i ca exercitati
profesiuni:
architeno
dattilografa
studente
0 a catorva profesiuni, As-
cultati cu atentie cum se pronunta si
" , ,
apoi repetari-le.
architetto
attore
anrice
poliziotto
cassiere
autista
parruchiere
parruchiera
casalinga = casnica
,
Esercizio 1
per una delle
nciosa = plleticas
mal pagato = prost platit
Risposte
5. la BAI
6. la Ferrari
7. la curia vescovile
8 la RAI
Diea che Lei lavora
dine seguenti:
Exemplu (Esempio): Lavore alia SIP
EXERCITII • ESERCIZI

" la SIP
2.I'ENEL
3, la Banea Comereiale
4,Ia FIAT
Exercltlull
.
c:l lucrati in urm:ltoarele
Raspunsurl
8 ore al giomo
In genere 35 ore alia settimana
I
Normalmente tavara (piu 0 mena) 21 ore al mese
I
Of solita a tempo pieno
a meta tempo
4. Come chledere se a qualcuno place II suo lavaro.
Cum intrebaJi pe cineva dacA-i place munca lui.
II Suo lavoro Le piace?

locuri:
.
Mi piace molto.
E'lnteressante, (Positivo)
Non c'e male.
Non e Iroppo ooi050.
E'mal pagalo. (Negativo)
La delesto.
74 75
1 LECTIA
13
1
"
ACASA • A CASA
,
UNITA 13
I LECTIA 13
,
"
ACASA • A CASA
,
UNITA 13
in aceasta lectie inviitati:
, , ,
• sA vorbiti de casa dv.
• sA intrebati unde cineva
• sa. intrebati de cata. vreme cineva locuieste acolo
, ,
• sA folositi anumite expresii legate de lema.
DIALOGURI • DIALOGHI
Dialog 1 Dialogo 1
Enrico Verdi (s.V), Enrico Verdi (EV),
doamna Pecci (SP) 18 Signora Pecci (SP)
EV: Unde locui!i, doamna.? EV: Dove abita, signora?
SP: Locuim in RameL SP: Abitiamo at centro di Roma.
EV: A, da. Ave!i 0 casa sau un apar- EV: Ah, bene. Ha una casa 0 un ap-
tament? partamento?
SP: 0 casa. SP: Una casa.
EV: E mare sau e mica.? EV: E'grande a piccola?
SP: E destul de 'mare. Avem sase SP: E'abbastanza grande. Abbiamo
camere. sei stanze.
EV: Atunei e mare. Locuiti la Roma EV: Allora e grande. Abita aRoma
de mult timp? da malta tempo?
SP: De doutueci de ani. SP: Da vent'anni.
CHIESA = biserica
GIOVEDI SCORSO = joia trecuta
GIOVEDI PROSSIMO ' joia viitoare
SAPERE "'" a ljItl
(10) SO (eu) (TU) SAl (.u)
(LUI/LEI) SA "'" (el/ea) (NOI) SAPPIAMO "'" (noi)
(VOl) @APETE (vol/dv.) (LORO) SANNO (ei)
CONOSCEAE = a cunoat;;te
200 metri dalla stazione.
100 metridalfa chiesa.
AB: E'li di quando?
SP: Da giovedi scorso.
AB: E dove si trova?
SP: Si trova in Corso Millo, vicino al
Giardino Pubblico.
AB: Ah, sl, to so. Ha una bella came:
ra?
SP: Ha una camera al terzo piano.
AB: E'tranquilla, spero.
SP: Sfortunamente, c'e molto rumo-
reo Ma la camera e pulita. Ho
anche il bagno.
AS: Ah bene. La positione dell'alber-
go ebuona?
SP: La stazione ea 200 metri.
a
La villa e
La stazione e
,

AS: Si unde se afla?
,
SP: Se in Corso Millo, in
apropiere de Gradina publica.
AS: A, da, stiu. Aveti 0 camera
, ,
frumoasa?
SP: Am a camere) la etajul trei.
AB: E spero
SP: Din nefericire, e muM galagie.
Dar camera e curata. Am chiar
baie.
AB: Bine. Pozitia hotelului e bunA?
SP: Stalia (de metrou) este la 200
de metri.
AS: $i de cand suntet:i acola?
SP: I?e joia trecuta.
,
,
';
I
,
;1
!I
i
In Italla majoritatea populaliei in case familiale. Un bloc
de locuiole (apartamente) se cheama un PALAZZO. 0 casa famili-
ala mare se nume!?te UNA VILLA, una mai micA- UNA VILLETIA.
o casa la tare) sau intr-o zone) recreative) se la SECONDA
CASA (a doua casal, utilizata in concedii la de saptama-

,

Dialog 2
Anna Banfi (AS),
domnul Pecci (SP)
AS: Unde sunteti cazat? (Unde ati
tras?)
SP: La hotelul Monte Rosso.
Dialogo 2
Anna Banfi (AB),
il Signor Pecci (SP)
AS: Dov'e a1l0ggiato?
SP: A!I'albergo Monte Rosso.
Dialog 3
Piero Sanfi (pal, Enrico Verdi (EV)
PB: Dumneavoastra unde locuili?
EV: Laculesc la Roma, in Piata Na-
vona.
PB: La ce numar?
Dialogo 3
Piero Sanfi {pal, Enrico Verdi (EV)
PS: Dove abita Lei?
EV: Abita a Roma, in Piazza Navo-
na,
PB: Che numero?
76
77
,
lei
abita aRoma
da
quanta tempo?
sta ii nuanto?
2. Come chledere da quanta lempo 81 abita in un certo posta.
Cum sa intreba!i de cand sta eineva intr·un loe anume
1. Come chledere dove abit" quaJcuno.
Cum sa. inlrebati undo cineva
Dove abita Lei?
Che tipo di abitazione avete?
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
,
UNITA 13
ACASA • A CASA
I glomi
(Zilele)
Rispunsurt: Rlspostl:
venti giorni
Oa giovedi seorso

031 weekend scorso
ha UI1 bella posizione. I
a '- _
LECTIA 13

lunedi = luni
manedi = rnaI1i
mercoledi = miercuri
giovedi = joi
venerd1 = vineri
sabato = sambata.
domenica = duminica
I mesi
(lunile)
gennaio = ianuarie
febbraio = februarie
mana = martie
aprile = aprilie
maggie = mai
9iu9no = iunie
luglio = iulie
agosto = august
settembfe = septembrie
oUobre = octomb6e
novembre = noiembrie
dieembre = decembrie
3. Come descrivere la poslzlone dl un'abltazlone.
Cum sa descrieti pozijia (situarea) unei locuinte.
La metropolitana
sltrova
a 100 metri.
Un
motto vicino.
I negazi
si trovano di fronte.
I
4. Come descrlvere iI posta dove 51 abita.
Cum sa situarea locuinlei dv.
I Lei abita ! I·
f
. .
UNITA 131
EV: Numero 15, interno 4.
PO: Non e per caso rex-casa di
Giuseppe Verdi?
EV: No, quella e i/ numero 22. 10
abita di fronte.
PB: Che lipo di abitaziono e?
EV: E'un appartamenlo ammobilia·
to.
PS: E'in affino?
EV: Carta.
PS: E'molto caro?
EV: No, b abbastanza economico.
PB: Lei abita solo?
EV: Si, abita da solo.
ACASA • A CASA
un monolocale.
una casa.
un appartamento.
un palazzo.
un appartamentino.
un alberqo.
ESSERE IN AFFITTO = a Iocui cu chirie.
Majoritatea locuiesc cu chirie, deoarece prerul
caselor (apartamentelor) esle foarte ridicat.
Abita in
Abitiamo in
,

PB: E inchiriat?
EV: Oesigur.
PO: E foane scump?
EV: Nu, e aproape economic.
P8: LOCtJlli singur?
EV: Da. locuiesc singur.
EV: NumArul15, apartamenlul 4.
PB: Nu cumva e losta casa a lui
GIuseppe Veldi?
EV; Nu, aceea e la numAruI 22. Eu
locuiesc vizavi.
PB: Co de k>cuinlA este?
EV: E un apartameflt mobilal.
I LECTIA
13
1
78 79
ACASA • A CASA
r-·-----
,
UNlTA 13 LECTIA 13


ACASA • A CASA
I
,
UNITA 13
Rispunsuri: Risposti:
I
rcen.tro.(d8Ua cila). I
. A_b_"_O_i" __-'u:::e"rrr:::e"na"'. _
tranquilla.
Abitiamo in
una zona industriale.
oooolare.
un paesino di
Cereti acestor persoane sa va spu- Chieda a queste persone dove abi-
nc1 unde locuiesc. tano.
Exemplu (Esempio) :Lei abita in un appartamento, signora?
Apoi dati dv. raspunsul: Poi faccia Lei la risposta:
SlIno, abito/abitiamo in ...
Exemplu (Esempio): Lei abiti in un appartamento, Signora Canepa?
No, abito in una casa.
EXERCITII • ESERCIZI
, Exercijiul 2 Esercizio 2
un appartamento
un appartamento ammobiliato
un palazzo
un monolocale (garsoniera.)
una casa popolare
una casa
una villetta
un appartamentino
una camera da studente
un collegial un residence
ExercHlul1
,
0 a unor diverse tipuri de
locuinle. Ascultali cum S8 pronunla.,
apc! repetati-Ie.
Eserclzio 1
Ecco nn elenco di diversi tipi di
abitazione. Aseolti come si pronun-
ciano e poi Ii ripeta.
<:""'ntiti de urmatoarele expresii? Si ricorda delle espressioni seguen-
ti?
Dove abita Lei? (Unde locuiti dv.?)
Che tipo di alloggio ha (Lei)? (Ce gen (tip) de locuinta aveti dv.?)
Da quando abita Ii? (De cat timp locuili acolo?)
La casa ha una bella pozisione? (Casa are 0 pozitie frumoasa?)
(Lei) abita da solo? ((Dv.) locuiti singur?)
lnchipuiti-va ca vorbqi cu persoanele Si immagini di parlare can Ie per-
deserise mai jos. Asumati-va ambe- sone descritte qui satta. Assuma i
Ie roluri foJosind expresiile furnizate due roll usando Ie espressioni for-
mai sus. Ar Ii util sa ascultati mal in- nite qui sopra. Sarebbe utile aseol-
tai caseta. tare prima la cassetta.
a) La signora Benassi abita da sola in una villetta al centro di Milano da
vent'anni.
b) Signor Donati abita in un palazzo nella periferia di Roma da tre anni.
cu atentie informaliile urma.- Guarda Ie informazioni seguenti:
toare:
La signora Canepa == una casa
La signorina Bottazzi = un appartamento
II signor Molinari = un monolocale
I signori Bini = una villetta
Silvia Segni = unq camera da studente
II signor Bruscon = un palazzo
Exercltlul 3
,
Piero sta de yorba cu un eoleg. II
intreaba unde Care vor Ii
intrebarile lui Piero? AscuJtati caseta
interpretati roluJ Jui Piero.
Coli ega: Buon giorno.
Piero: ?
Collega: A Firenze.
Eserclzlo 3
Piero parla can una collega. Gli
ehiede dove abita. Quali saranno Ie
domande di Piero? Ascolti la casset-
ta e interpreti il ruolo di Piero.
81
I LECTIA
13
1
ACAS'A • A CASA UNITA 13
ILECTIA 14\
iN CAS'A • IN CASA
I UNITA
14
1
Piero: ?
Collega: No, in un appartamento.
Piero: 7
Collega: $1. La fermata della corriera e a 50 metri.
Plero: 7
Collega: Da Ire mesi.
in aceas1a fecUe invatati:
, , ,
• sa. vorbiri despre case ;;i focuin!e
DIALOGURI • DIALOGHI
Acurn un cofeg at d.... va. intreaM
acelea!?i lucruri. intrebarile
;;i raspunde!i-i.
82
Adesso un Suo collega Le chiede Ie
stesse cose. Ascolti Ie sue domande
e risponde.
Dialog 1
Anna Banti (AB),
Mirella Puchisso (MP)
MP: imi place mull casa dv. Aceasta
e camera de zi?
AB: Da E camera noastra de zi.
MP: Aveti 0 sufragerie?
AS: Da. E aiel ala-turL
MP: Gate dormiloare aveW
AS: Doua, Una pentru mine Piero
alta pentru Frederico.
MP:A, da Oesigur.
Dialog 2
Silvia Molinari (SM),
Enrico Verdi (EM)
SM: Spune-mi, Enrico. Cum e apar-
tamentul familiei Pecci?
EV: Au un apartament foane fru-
mas, Se in Via Tiziano.
SM:Ah, da, Dar interiorul cum
este (cum arata)?
EV; ExistA a camera de zi. a sufra-
gerle, 0 bucatArle, a baie cu
W.C. cateva dormitoare.
8M: Cate camere de dormil (donni·
loare) au?
EV: Nu exact.
8M: asta e tot?
EV: Nu, mai au un balcon.
Dialogo 1
Anna Banti [AB),
Mirella Puchisso (MP)
MP: Mi piace motto la Sua casa
Questa eil salona?
AS: $i. E'il nostro salotto.
MP: Ha una sala da pranzo.
AS: $1. E'qui accanto.
MP: Quante camere da letto ha?
AS: Due. Una per Piero e me e
raltra per Frederico.
MP; Ah, si. Certo.
Dlalogo 2
Silvia Molinari (8M),
Enrico Verdi (EM)
SM: Oimmi, Enrico. Com'e l'apparta-
menta dei Pecci?
EV: Hanna un appartamento malta
bella. E' in Via "Tiziana.
SM:Ah, sl. Lo so. Ma l'interno
corn'e?
EV: C'e un salOtlo, una sala de
pranza. una cucina. un bagno
con gabineno e alcune camere
da letto.
8M: Quante camere da lena hanna?
EV; Ma non so esattamente.
SM: Ed elutto?
EV: No. Hanna anche un balcone.
B3
I LECTIA
14
1
. -
IN CASA • IN CASA
I UNITA
14
1
I LECTIA
14
1
iN CASA • IN CASA UNITA 141
CUM 5E 5PUNE • COME 51 OICE
84
85
Alsposte:
un salono.
una sala da pranzo.
una cucina.
un bagno.
Ire camere (da lena).
un terrazzo.
un balcone.
un garage.
un ascensore.
C'C
Ho
(Lei/lui) ha
(Lora) hanna
Rispunsuri'
sgabuzzino = cantina = demisol; solaio = solanu
,
bagnio
Abbiamo
due garage.
tre camere (da letto).
abinetti.
2. Come chiedere quanle stanze cl sono.
Cum intrebali cate camere are cineva. (stanza = camera)
Quante stanze
ha Lei? dv.?)
ci sono? fexist3\
una cucina?
una sala da pranzo?
un salotto?
un terrazzo?
C'e
un balcone?
un bagnno?
una sgabuzzino?
una cantina?
un solaio?
un e?
Dlalogo 3
SiMa Molinari (8M), un'arnica (A)
SM:Vieni da me?
A: Certo, con placare. Dove abitj?
SM: Ho un piccolo monolocale.
A: Dove?
SM: In un palazzo di Corso Genova.
A: E'ad Albaro, vero?
8M: Si.
A: Coo numero?
8M: Numero 34, inferno 14.
A: C'e rascensore, spero!
DA ME = II mine (in casa mea)
OA DINO = nume 'ipic al unui restaurant. (De attfel. ca in romana:
La Dina)
, C'E l'ASCENSORE = exlsli lilt (ascensor)
• CI SONO TRE CAMERE = existS. trei camer.
C'e + nominativ singular
CI sana + nominativ plural
Dialog 3
Silvia Molinari (8M), 0 prtelena (A)
SM: Vii la mine?
A: Sigur, cu placere. Unde Iocu-
lesti?
,
SM: Am 0 mica garsoniera.
A: Unde?
8M: iotr-un bloc pe Corso Genova.
A: E in Albaro, nu-i
SM:Da.
A: La ce numar?
8M: NumArul34, apartament 14.
A: Sper ca. exista ascensor!
1. Come chiedere 18 descrizlone dl un'abitazi'one.
Cum sA inlrebati despre descrierea unei locuinte
, ,
.
la Suacasa?
il too artamento?
Com'e di Frederico?
la casa del signior Benassi?
del si niar Banti?
86
Exercltlul 1
,
EXERCITII • ESERCIZI
,
,
UNITA 14
-
A
,
..........
,
6)
'7
,

.....
"
11" I

v
E3
c
87
Eserclzlo 2
Immagini di essere iI proprietario
degli appartamenti raffigurati qui
sopra. Faceta una descrizione di
nominando tutte Ie stanze.
Per aiutarsi, ascotti la cassetta.
Esercizio 3
Faccia una descrizione del Suo ap-
panamento.
dumnea·
iN CAsA • IN CASA
Exercttlul 3

apartamentul
,
-
0-
--
A A
, v
6)

c_
tt

,
A
-

-

J

!%r,\
.....
I

,
.... -
I
l
t
LECTIA 14
,
-
Descrieti
,
voastrA.
ExercilJul 2
ca sunte!i proprietarul
apartamentelor desenate mai sus.
Faceti descrierea ftecaruia numind
toate incAperile (camerele).
Pentru a va. ajuta, ascultati easeta.
UNITA'14 1
EserclzJo 1
Immagini di essere il proprierario
degli appartamenti qui solo. Rispon-
da aile domanede:
. -
IN CASA • IN CASA
1. C'e una cucina?
2. C't! un 009001
3. Ci sono dei gabinetti?
4. C't! un sakltto?
5. C'S una camera cia letta?
6. C'e un ascesore?
7. C's un garage?
8. C'S lSI terrazzo?
9. C'it una sala da pranzo?
LECTIA 141
lmaginat"'va. cl Sunlefi proprielarii
apartamentetor de rna; jos. Raspun-
de!i la intrebarile:
,
UNITA 15
I
LECTIA lS!AUTOBUZE TRENURlel
AUTOBUS ETRENI L-__
ILECTIA 15/ AUTOBUZE TRENURlel
AUTOBUS E TRENI

in 8ceasla leetle jnvstatl:
• • •
• sA vorbiti despre mijloacele de transport
• sa cand incotro pleaca autobuze sau trenuri
DIALOGURI • DIALOGHI
Dialog 1
Un turist m.
un soler de autobuz (G)

T: Scuza!!. Acest autobuz merge
pana. la Porta Principe?
G: Nu, trebuie sa.-Iluali pe 47.
T: Unde e statia?
G: Ea e aceea
9
i. Va fi urmatorul
autobuz.
T: Mul,umesc.
0I81ogo 1
Un lurisla en,
un guidalore di aulobus (G)
T: Scusi, Questa autobus va fino a
Porta Principe?
G: No, deve prendere il numera 47.
T: Dov'e la fermata?
G: E'la stessa. E il prossimo
autobus.
T: Grazie.
Dialog 3
Enrico.Verdi (EV),
funClionar al cailor ferate (IF)
Olalogo 3
Enrico Verdi (EV),
impiegato delle Ferrovie (IF)
EV: La prossima partenza per An·
cona, per favore?
IF: La prossima partenza e aile 18
e zero cinque.
EV: D'accordo. E a che ora arriver;')
ad Ancona?
IF: Arrivera aile 23 e ventricinque.
Dialog 2 OIalogo 2
Anna Santi (AB), Anna Santi (AB),
funC!ionar de la metrou (1) impiegato della metropoJitana (I)
AS: Urmatorul tren merge AS: Scusi. II prossimo treno va fino
la Dom? alDuomo?
I: Da. I: 51.
AS: Trebuie sa-I schimb? AS: Bisogna cambiare?
I: Nu. E un tren direct. I: No, eUn treno diretto.
AS: AS: Grazie.
Dialog 4 0181090 4
Silvia Molinari (SM), Silvia MolinarI (SM),
funcrionar al ferale (IF) impiegato delie Fenovie (IF)
SM: 5cuzati. Pentru aeroportul din SM: Scusi. Per andare all'aeraporto
Pisa, va rag? di Pisa, per favore?
,

,

FINO A... pini I....
E'LA STESSA = e (statie) sau: tol acelsti
in Ilalia autobuzefe opresc door in sta!iiJe oficiale (marcate). Ulti-
ma se capollnea reap de linie). 6ilelele pOI Ii cum-
parate Ia tutungerii sau de ziare.
S1S0GNA CAMBIARE? _ trebuie sa-I schlmb? mc1 transbor-
dez?). AceJa!?i lucru e valabil in alte expresii, ca de pildA:
BISOGNA DIRE? :;: trebule si spun?
BISOGNA SCRIVERE? :;: trebuie sa. scrlu? (sau: e necesar sA... )
!
1
,

ARRIVERA... el (lreoul) va sosi (viilor).
De regula, verbele fac viitorul cu inlinilivul + 0 termina!ie.
De exemplu:
(io) part-Iro; (Iu) part·lral; (luVleQ part-Ira: (leI) part-Ira;
(noi) part-Iremo; (vol) part-irete; (lora) part--ir.no.
in ltalia exista urmatoarele categorii de trenuri:
RAPIDO "" rapid cu tichet suplimentar (II rapldo);
ESPRESSO:;: expres sau DIRETTO = direct care numal
in prlnclpaJe;
ACCELERATO =accelerat sau LOCALE =local care opreste in
toate garlla (echivalenl la noi cu 1renul personaQ. .
88
89
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
I
LECTIA 15 IAUTOBUZE $1 TRENURlel UNITA15 I·
. AUTOBUS E TRENI
,
IL VATICANO - Vaticanul. Un stat independent in mijlocul RameL
in eI se aflA Basilica Sf. Petru !?i sediul papalitA,ii.


Forme ale vHtorului
lnfinitiv Vinor
parlare parl-ero, part erai, pari-era,
ra rl-eremo erete, rl-erann6.
vendere vend-ero, vend-erai, vend-era,
{a vindol vend-eremo, vend-erete, vend-eranno.
linire fin·lro, fin-irai, lin ira,
(a terminal fin-iremo fin-irete, fin-iranno,
UNITA 15]
Risposte'
Milano?
Bari?
Napoli?
Treviso?
Risposte'
Rispunsurl'
Raspunsurl'
A che ora e il prosimo treno per
Cum sa intrebatl incotro merge un autobuz sau un tren
Prenda il numera nove.
ILuatil
la direzione Camoodonico,
Scenda
al municipio.
(CohoraN
al comissariato.
alia stazione d Ii autobus.
Cambi ana Piazza della Madonna
tSchimbam dell'Orto.



• •
a Porta Principale?
Lei va
a Piazza Brignole?
II prossimo autabus/treno va in centra?
La linea numero 13 va
all'ospedale?
Lei si ferma
all'albergo?
all'teatro?
alJ'aeroporto quale aUlobus
a Castelgandolfo quale carriera

Per andare
ci vuole?
alia stazione quale linea
a F'iazza Manzlni uale fermata
2. Come chledere lor. dllNlrtenza e I ora dl .rrtva,
Cum sa. intreba!i de ora plecArii ora sosirii.
I LECTIA
15
1AUTOBUZE l?1 TRENURlel
AUTOBUS E TRENI
queslo pomerlgglo = in saara aceasta
• •
.
Milano stamatil'la
C'l! un treno per
Bari Ira poco
Napoli questa pameriggio
Treviso
818mauna In Ulmlnea a aceasta
I
I
Ii
j
I
I
P8: Oov'e la fermata?
lA: La fermata e proprio di fronte
a11'a1bergo.
PB: Per andare al Vaticano, quale
linea davo prendere?
IA: La linea 81.
PB: A che ora parte il prossimo
autobus?
IA: C'e un aU10bus ogni 30 minuti.
IF: Deve prenoere il Ireno per
Roma al binario 3.
5M: Bisogno cambiare?
IF: Si, deve cambiare a Pisa e
prendere il trenD per I'aeropor-
to.
SM:Grazie.
IF: OJ niente, signora.
DI.logo 5
Piaro Sanfi (PB),
irnpiegato dell'albcrgo (IA)
IF: Trebuie sa trenul spre
Rama, de Ia Hnla 3.
SM:Trebuie sa-I schimb?
IF: Da. Trebuie sa.-1 schimba!i la
Pisa sa 1uati trenul spre
aerolXlrt.
8M:
IF: Pentru nimic, doamna..
Dialog 5
Plaro Sanfi (PB),
hotelului (IA)
PB: Pentru a merge la Vatican ce
linie trabuie iau?
IA: Linia 81.
P8: La ce ora. pleac;1 urmatorul
autobuz?
IA: E cate un autobuz la fiecare 30
de minute.
P8: Unde e stafia?
IA: Sta!ia e chiar peste drum de
hotel.
1. Come chiedere la destlnazlone di un autobus a dl un Irena.
90

91
EXERCITII • ESERCIZI

Esercizio 3
Exercltlul 3
,
I LECTIA 15/AUTOBUZE $1 TRENURlel UNtTA
15
1
AUTOBUS E TRENI .
Imagina!i-vA ca sonle!; un lurist la Immagini di essere un turista a
Roma. Ce vefi spune in srtuafiile ur- Roma. Cosa dice nelle situazioni se-
matoare: guenti:
a) Lei. ealia fermata dell'autobus, linea 45; vuole andare a tealro
b) leI al Coloseo; vuOle andare a Palazzo Madama' che
cosa chlede aJ guidatore? '
c) lei e Sl:aziane Termini (Rama); va all'aeroparto di Fiumicina rna non
sa quale treno deve prendere.
d) iI rearra vuole tomare in albergo, rHotei Bristol. lei e alla fermata
dell autqbus. l'autObus arriva

I
<

I'
r
,
,
!
i
,
.." Eserclzio 2
Quante frasi puc castruira partendo
dal'e espresSioni seguenti?
Eserclzio 1
Lei vuoJe sapere I'ora di partenza
OOgli autobus e dei treni per i luoghi
qui indicati. Quali sono Ie domande
che bisogna formulare?
5. autObus-Forli
6. cornera-Udine
7. treno-l'Aquila
8. treno-Palermo
1. treno·Orvieto
2. lreno-Bergamo
3. carriera-Genova
4. treoo-Sassari
Exercitiul 1

Exercltiul 2

9 .
mezzoglorno = juma.tatea zilei, ora 12, (dar = sUd, parte meridionala.).
Brescia aUe 3 e 17.
Arriva a Piacenza a mezzanotte,
Ae io Emilia alle 15 e 30.
mlezu ora
Cate fraze pute!i sA construiJ,i pkl-
cand de ra urmatoarele expresii?
parte
alte 14 e 35.
II prossimo
treno
a meuogiorno e 20.
autobus e
afl'una e 20.
a mezzo lorna e =Ia 51
Vre!i sa care eSla ora plecArii
autobuzelor lrenurilor pentru
locunla indtcate mai ;OS. Care sunt
intrebarile pe care tcebuie sa Ie for-
mulati?
I
LECTIA 15 IAUTOBUZE !?I TRENURlel UNITA 15
. AUTOBUS E TRENI
Roma?
a
Em i? Lei va I.
Questa treno va al municipio?
Questo autobus va al teatra comunale?
in centro

92
93
ILECTIA 161RAPORTURI PERSONALEel UNITA 161
I RAPPORTI PERSONALI
I LECT'A 16jRAPORTURI PERSONALEe/ UNITA
16
1
, RAPPORT' PERSONALI
in aceasta lectie invitatl:
• • •
• sa: cu cineva
• 51! va. exprima!i multumirea
• sa. exprima,i unele nume
• sa. persoane sa stabili!i relatii
DIALOGURI • DIALOGHI
DI' ... = la spune; Observati alte forme ale imperativului:
FA = fi odati (fare == a face); OA' =: da-mi (dare = ada);
STA' = slai locului {stare =- a sta};
VA' = du-le (andare =: a merge)
BRUTTO = unit; BELLO == frumos;
BRUTTlNO =: nu prea frumos (nu arata bine);
SEWNO = drigut.

Notati terminatiile ina amelioreaz:' intensitatea semnificatiei
•• •
unui cuvant brutto-brunino; bello-bellino

CUM SE SPUNE • COME SI DICE
1. Come scuzarsl con persone che Lei conosee bene_
Cum sa v:' sCuza!i fata de persoane pe care Ie bine.
Scusa Non posso piu barrare.
Mi disoiace Non cosso oiu man iare niante.
Fare =: a face
lacevo = la,ceam
facevi :::: f<!1ceai
'acava = 'acea
facevamo =: fc1ceam
facevate = laceati
facevano == fc1ceau
Oialogo 2
V: Patrizia, cara, mi dispiace. Sei
trisle?
P: Ma sl, sona dawera t(jsle.
V: Era cosi affetluosa.
P: Si, evero. Griselda era sempre
mollo aftettuasa.
V: I galli non SOna sempre aftel.
tuasi.
P: No, e vera. Ma Griselda era
mOlto simpatica.
V: Quanti anni aveva?
P: Aveva dOdici anni.
V: Povera Griselda! Accetta Ie mie
pill sincere condoglianze.
Patrizia (P),
la sua arnica Veronica (V)
P; Grazie.
Palrizia (P),
prietena ei Veronica M
V: Draga mea Pafrizia, imi pare
r.au. Irisla?
P: Da. Sunt intr-adevar trista.
V: Era alat de afecluoasa.
P: Da. este. Griselda era tot-
deauna loarte afectuoasa.
V: Pisicile nu sunt IOldeauna afec-
tuoase.
P: Nu. eSla. Dar Griselda era
foarte slmpalica.
V: Cali ani avea?
P: Avea doisprezece ani!
V: Sarmana Griselda! Accept:', te
rog, sincerele male condole-
ante.
P: Mul!umesc.
Avere = a avea
avevo = aveam
avevi = aveai
aveva = avea
avevamo = aveam
avevale = aveafi
avevano = aveau
Dialog 2



EV: Seusa. Non posso piu ballare.
SM: Niente di male. Anch'jo sono
stanca
EV: Vuo; beTe qualcosa?
SM: Che buon' idea!
EV: Gasavuol?
8M: Prendo una Coca-Cola.
EV: Bene, anch'io prendero una
Coca-Cola. Oi. chi e la ragazza
I
· ?
a.
8M: E'Etena. L'amica di Sergio,
EV: E'molto carina. Non trovi?
SM: Dawero? 10 la trovo bruttina.
Oialogo 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (8M)
,.

Dialog 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia (8M)
EV: Scuza.-ma.. Nu mai pot dansa
8M: Nu face nimic. $i eu sunt
obosita..
EV: Vrei sa bei cava?
8M: Buna. idee!
EV: Ce
SM: lau 0 Coca-Cola.
EV; Bine. 9i eu voi lua 0 Coca-Cola.
Spune, cine e fata aceea de
acolo?
8M: Este Elena, prietena lui Sergio.
EV: E foarte dragut:l. Nu
8M: iotT-adev;)r? Eu n-o gasesc prea
dragu!a..
94
95
r
96
E molto da parte Sua
Lei e troppo gentile.
Lei e mono gentile.
2. Come rlngranare qualcuno.
Cum sa multumiti cuiva.
o 0
-La ringrazio.
a piacere.
olto gentile da parte Sua.
-Motto gentile da parte Sua.
G azie.
97
EserclzJo 1
Ecco un elenco di attivita. Per eser-
cnarle bisogna esere in forma. As-
cotti come si pronunciano e poi Ii
ripeta.
EXERCITII • ESERCIZI
o
ExercltJul1
,
p
rilaeallto = moale (cu fona
o
ben vestIto = bine imbr<1cat
5. Come fare I complementl:
Cum sa exprimali complimente,
lata 0 lista de aetivitMi. Pentru a Ie
o
praetlca trebuie sa. fiti in forma. As-
o
cultal! cum se pronunl<\, apoi
repetati-Ie.
o
COffiI:atulazioni
Leiha
un vestito stupendo
una cravatta beUissma
0
r
II rosso
Lasuagona Le sta motto bene.
-Mi f
Questo vestito
-E'm
pranzo
e
II Suo dolce eccelente
"'no
era
Penso che
(luO
$ia abbastanza
complessato/ -a.
tlet) timido/-a.
dinamico/ -a.
unaragazza ottlmista.
0
un uomo veramente pessimiSta.
EO
un tipo motto riservatol -a
una persona paziente.
rilassatol -a
ben vestito/ -a.
u e= oare
ILECTIA 161RAPORTURI PERSONALEel UNITA 161
I RAPPORTI PERSONALI
!
I
Rispunsurl: Non c"e di che.
Niente di male.
Nlente di grave.
Non fa niente.
Grazie
Grazie infinite
Grazie tante
Mooe grazie
__....L ...J
3. Come esprimer8 II proprio eondoglio e.on una persona eonosciuta.
Cum exprimati compAtimirea dv de a persoanl1 cunoscuta
4. Come chiedere se qualcuno apprezza un a"ro.
Cum sa intrebati daca cineva apreciaza 0 alta persoana.
0
0

Mi dispiace sapere della malatia
Griselda
di suo f.glia
Mi addolora ricevere questa brune notilie'
Marco

Boris Becker?
di
Sophia Loren?
Cosa pensa Roberto Benigni?
Lorectana Berte?
del 5i nor Canova?
Boris Becker?
Come trova
Sophia Loren?
il signor Canova?
Ekma?
Lui
tranquillo/ -a.
Lei
etropo pessimista.
riSE!f\I3to/ -3.
I LECTIA 161RAPORTURI PERSONALEel UNITA
16
1
I RAPPORTI PERSONALI
LECTIA 16 RAPORTURI PERSONALEe \ UNITA
16
1
. I RAPPORTI PERSONALI
I LECTIA 161RAPORTURI PERSONALEel UNITA
16
1
1RAPPORTI PERSONALI
. C' . u6 5Cusare con
lata cateva expresii cu care wpute!l I 51 P
scuza La puteti asculla pe seguenti. Le pub ascoltare:
. Ml scusi
Ml displace
Til La chledo scusa
Mi disPlace molto
5. Chi eAlicia Lonzj?
6. Chi eGiuseppe Bonino?
7. Chi eMichela Banti?
8. Chi eGlovanna Bonino?
99
Eserclzlo 3
Ecco alcune espressioni per
descrivere Ie persone. Ascolti la
caseUa per sapere come si pronun-

-snob
- simpatico/a
- gentile
- coscienzioso/a
- pazlente
- Intelligente
- generoso/a
- sempre di boon umore
- pensieroso/a
snob
simpatic/a
dragU\
cOfl!iliincios
rAbdAtor
inteligent
generos/A
mereu bine dispus
gOod"or/e
LI famiglil Bonino
1. Chi eMateo?
2. Chi eAndrea?
3. Chi ePiero Bonino?
4. Chi eMarco Lanzi?
Piero-Giovanna
, T_-
l
Anna·Marco Lanzi Matteo-Michela Santi
I I 1 1-+1-'1
Alicia Sergto Piero Andrea Giorgio Giuseppe
Exercillul 3
lata. cateva expresii pentru
descrierea persoaneJor. Ascultali
easeta pentru a elm se pronun!A.
Priviti acest arbore genealogic Guardi questo albero genealogico e
rASpunde!i la intrebAri. risponda aile domande.
Exemplu: Chi e Mateo? Mateo e II marno di Michela, e iI padre di
(Esempio) Andrea e it flglio di Giavanna.
frasi
Esercizlo 2
Ecco i membfi di una famiglia. As·
catti come 51 pronunctano i nom! per
designare I membri della famiglia e
poi Ii ripeta
marito-moglie
padre-madre
noono-noona
figlio-figlia
fratello-sorella
nipote-nipotina
Immagini di essere uoppo
per continuare a esercitare Ie attlvit3
qui sopra. SI scusi di non potere
continuare.
ballare - a dansa
nuotare - a inota
giocare a tennis - a juca tenis
, carrere· a alerga
camminare • a merge (a hoin:tri)
lavorare • a lucra
poltare la valigia - a puna (a duce) valiza
pulire I'appartamento • a face cura-lenia in apartament
Ie
Exercltlul 2
,
sot-sotie
, ,
tat:i-mam:li
bunic-bunlcA
fiu-fUca
frate-sora
nepot-nepoatA
98
lata membfii unei tamilii. Ascultal
i
cum sa pronunl:li caJitatea lor, apo4

Imagina\i.vA eft prea
perllru a continUa sA faceti ac-
tivitatile din Iista de mai sus. Scuzat
l

, .
va. cA nu mai puteti contlrMJa
Exemplu; Mi scusi. Non posso piiJ camminare.
(Esempio)
I LECTIA 16IRAPORTuR' PERSONALEel UNITA
16
1
I RAPPORTI PERSONALI
ILECTIA17 IPASIUNle, PASSATEMPI.I 171
,
Mana Grazia: 21 de ani. simpatica. mereu bine dispusa.
Maurlzio: 30 de ani, prost. mereu nepunctual.
Simona: 35 de ani, foarte inteligenta., nerabdatoare.
Valerio: SO de ani, superficiall?i nerves.
43 de ani, timkl:l
Filippo: 28 de ani, generos mereu bine dispus.
descrieli Adesso cerchi di descrivere Ie per-
sane segueflti:
in aceaati lectie fnvi.atl:
· .,.
• sa despre pastunile dv.
• sa. spune!i ce ce flU mW1cap cu pta.cere.
Dlalogo 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (SM)
SM:peceator
SM: Ecco if mio appartamentino.
EV' .
SM:E'molto piccolo.
EV: Ma non fa niente. Hai una be«a
vista.
SM:Non c'e maJe.
EV: Ti interesi di cinema?
SM:Si, ho una vera passione per i
fum.
EV: Hai delle foto di attori e attrlci
famosi?
SM:SI.
EV: Questo chi EO
SM:Questo eMarcello Mastroiani.
EV: E quelJa Ii?
SM:Omella Muti,
EV: E queflo?
SM: Nanni MorettI. Ma tu non ti in·
tendi affano di attori?
EV: No. Non mi interesso di cinema.
DIALOGURI • DIALOGHI
Dialog 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (SM)
SM: latA micul meu apattament.
EV: E drngU!.
SM: Efoarte mic.
EV: Nu face nimic. Ai 0 vedere
frurnoasa.
SM:Nu e rea.
EV: Te intereseaza cinematograful?
SM: Da, am 0 adevArata pasiune
pentru filme.
EV: Ai fotografii ale unor faimosi ac·
,
tori si aetrite?
• •
SM: Da.
EV: Acesta cine e?
SM:Acesta e Marcello Mastroiani.
EY: cea de acofo?
SM: Omelia MutL
EV: acela?
SM: Nanni Moretti Oar tu nu
ntci un actor?
EV: Nu. Nu rna pasioneaza cinema-
tograful.
SM: Pa.cat!
-
- di canivo ull101'e
- in ritardo
- superfidale
- crOOno/a
- borghese
- affascinante
• nervoso
prost dtspUS
nepunctual
superftcial
prOSl/a
burghez (burtA verde)
(fermec:Mor)
nervos
Acum incercati sa
urmatoarele persoane:
,
,

Mastro,iani = renumit actor in 1
Ometla MUli = aetrita. de film, :;i1i1scuta in 1955, '
• •
Nanni Moretti ,'"' regizor actor de fMm.:nAscut 1n 1953.-, ,,:' ',0
100
101
I 171 PASIUNlel PASSATEMPI I UNITA
17
1
I LEC-pA
17
1PASIUNlel PASSATEMPI I UNITA.'17!
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
01 ,u"lJ9Ier.. .....
, 01... e D1..",...1d•...
• MIINTENOO 01 ATIORIITAUANI = auntlnlonne, despre/in legi-
turi cu aetorU llafIeni.
INTENDERSI 01 QUAlCOSA = a II informal tn-legituri cu ceva.
Dialog 2 Dlalogo 2
SiMa Molinari (8M), Silvia Molinari (8M),
Enrico Verdi (EV)
8M: Ce fact in timpul tau 8M: Cosa rai neI too tempo libero?
EV: preocup de EV: Mi interesso di lingue.
8M: 0 8M: Stai imparando una lingua?
EV: 03. invat germana. EY: Si, sto irnparando il tedesco.
8M: De ce gennana? 8M: Perchb il tedesco?
EV: 0, imi place berea germana!fi EV: Oh. Mi piace la birra tedasea. E
am 0 germana. ho una macchina tedesca.
8M: De care? 8M: Quale?
EV: Un Polo. • EY: Ho una flak>.
,
j
Dialog 3
Anna Banli (AB), un aaspete (0)
AB: Mil due sa fac cumpara.turi. Ce
va place sa mancan7
,
0: arice eu placere.
AB: Sine. Voi cumpAra anghinare.
0: A! Nu prea imi place anghi-
narea.
AB: Sine. Nu anghinare. Atunei
spanac?
0: Nu-mi place spanacul.
AB: A Nu spanae. Alunci r3!A eu
ponoCale?Ebuna.
0: A. Nu-mi place carnea de
pawe.
AS: Sine. Pasilre nu. Atunei putina
paine!?i apa!!
Dlalogo 3
Anna Banfi (AB), un asp.e (0)
AS: Vado a fare Ia spesaCosa Le
piace magiare?
0: Mi piace tutto.
AS: Bene. ComprefO del carciofi.
0: Ah! non mi piacciono motto
carclofi.
AS: Bene. niente earciofi. E aUora
degli spinaei?
0: Non mi placciono gli spinaci.
AS: Ah. niente spinaci. Dunque
anatra aJI'araneia E'buona.
0: Ah. Non mi piece iI poIlame.
AS: Bene, niente poJlame. E'allora,
un po'di pane e acqua!!
,

e: 8punaun:
di musica?
di cinema?
di film?
dl rt?

Lei s'interessa
Lego
Lui/lei legge
Lellegge
1. Come fare domande ..,gn Inter.... dl quaJcuno.
Cum intrebati pe cineva de ce este interesat.
Lei ha del passatempi?
ehe cosa fa Lei quando ha det tempo Iibero?
Cosa fa nel Suo tempo libera?
PatlOfama
ia Republica.
il Corriere della Sera.
nRadiocorriere.
Grazia.
'- .. __..J
STO IMPARANDO IL TEDESCO = Invi! germ.n.
Stq Imp.arando 0 aqiune in Sa compuoe
cu un attverb Ia gef1Jnziu eu ... mfo;
-..-.-.-..-.--. '. ·/·········0., .,.,......... • . _
"Stare
,
<:<' 5to... ' ,;; impoy-ando =.invil!
sib... ,"'.'
Stiamo.. , mangiando = mancarn
Stai... bevendo = bei
St9... 'v. aspettando =
QY"f-E?layf'l-l =
UNAMACCHINA (iemlnin) QUALE? UNA POLO,
UN G10RNALE (maseulln) QUALE? OGG!. ',.
102
103
LECTIA 17 PASIUNlel PASSATEMPI I':UNITA
17
1 PASIUNlel PASSATEMPI I
atennis.
GioCo aI calcio (fOlbal).
.
(Joe) aI kltto.
aile calte.
.
i1 pianoforte.
Ia chittara.
Eserclzio 1
Ecco un elenco di passatempi. As-
cotti come si pronWldano.
AdriaRi Michele
il cinema. i concerti
10 sci I'equitazione
Parll degli interessi di Giulia, Mas-
simo. Adriana Michele.
ExerciUul1

lata 0 lista cu cateva pasiuni.
tati cum se pronunta..
Glulia Massimo
la musica it realro
il footing la fotografia
Vort>i1i 2.cum despJe pasiuniJe celor
patru: Giuliat Massimo. Adriana "i
Michele.
Singular
Plural
Risposte:;
EXERCITII • ESERCIZI

Rispunsurl-

Ado<o
Amomolto il pesce
Mi piace il polio
Non mi piace il ciocolato
Non mi piace moho
Nonmi

ce atfatto
Adore
Amomotto
Mi piacciono gil splnaa
Non mi piacciooo te tagtiatelle verdi.
Nen mi piacciono moIto
Nonmi

10110 atratto
cinema
tealro.
musica.
fotogratia.
pittura
ane classical modemal imoressiooista.
Ieziooi eli danza I
lezjoni dl equitazione..:
10 jog.
dello sport
dei footing
del "iardi j!!io!....----l
Mi interessa di
Faccio
Lui/lei fa
I
Preodo
---

2. Come chledere quello che place a qualcuno.
Cum sA intrebati pe cineva ce mananca bea cu placare.
I. Che tosa La place I I
Lui/lei s'interessa dj
lingua.
macchine.
film.
Exerchlul2

Michele a Joarte dinamic. ii place
mutt sa. stea in aer liber. Adrianal nu·
i place stea in aer liber, prefers'
ocupatiile care-i permit sa. stea in
CBSa.. Un ziarist Ie ia cAte un interviu.
Interpretati rolullui Michele pe
cel al Adrianei. Pentru a va controla
ascultati caseta.

Eaerclzlo 2
Michele e motto dinamico, gli piace
malta stare all'aria aperta. A Adriana
non piace stare all' aria aperta.
preferisce Ie occupazioni che Ie per-
mettono dl stare in casa. 'Un gior-
nalista II sta intervistando. Interpreti
il ruolo di Michele elo di Adriana. Per
controllare Ie Sue risposte. ascotti la
cassetta.
104
105
I.LECTIA171 PASIUNle, PASSATEMPI I· UNITAl? I
Michele. Le piace Ia musica?
Adriana. Lei fa del footing?
Michele, Lei va in bicicleta/fa del ciclismo?
Adriana, Lei s'interessa di cinema?
Michele, Lei gioca a tennis?
Adriana, Lei gioca a carte?
Michele, Lei va a sciara?
Adriana. Lei si interessa di acte modema?
Michefe, Lei suona it pianoforte?
Adriana, Lei leggs Eva Express?
I
.1
..
.'
,

I PASIUNle, PASSATEMPI I uNrrA
17
1
Lei prende/gradisce un pezza del dolce det
0 pot1ie de dulce a bucAtarulUl?)
Posse offriLe un uovo alia coque?
(VA pot oferi un ou moaJe?)
Lei vuok! una fetta di pate?
(Dorili 0 felte de paleu?)
Le piace 13 bistecca. vera?
(Va place, intr·adev3r, biltecul?)
A: La pace j pesce?
B: No, mi dispiace, rna II pesce non mi piace.
A:. Lei mangia if polio?
B: Mi scusi, rna non mangio iI polio.
A: La piace iI fonnaggio?
B: Ah, 51. Mi piace motto II formaggio.
Exercitlul 3
,
Unearl esta neeesar sa. spuneli cl 0
anumita maneare sau 0 anumita.
blutura. nu va. place. Este Joarte im-
portant sl spuneli cu polite,e aceste
lucruri. exemplele de mai jos.
le veti gas! inregislrate l1i pe caseta..
ImagWlati-vAca surteJi un vegetarian
convins un antialcootic, dar ca
m&ncati si beti orice a1tceva
.. ,
Raspundep in mod corespunzato< Ia
de mai jos. Pentru a "a
controla raspunsurile, ascultati
casma.
106
Ellrclzlo 3
Ogni tanto enecessaria dire che un
caito elba 0 una certa bibita non
place. E'molto importante dire
questa . cose can molta conesia.
Guardi gil esempi qui sona; Ii travers
tutti incisi sulla caseUa.
Immagini di essere un "egetariano e
pure astemio. rna che mangia tutto il
resto.
Risponda come carwiene" alle
damande qui satta. Per controllare
Ie Sue risposte; ascolti la cassetta.
I

1
I
1
Gradisce un bicchlere di "ina?
(Dorqi un pahar cu "In?)
Prendiamo un bicchere di vino insieme?
(Lua.m, impreuna, un pahar cu "in?)
Gradisce una cotokma aKa mtlaneze?)
(Dorili un cotlet milan8Z?)
Gradisce dell'acqua minerale gassata?
(Dorili apa minerala. gazoasa.?)
Vuole un quarto del rossa sfuso deUa casa?
(Vreti-un stert de vln aJ casei?)
107
, ,
LECTJA18
-:
LA RESTAURANT-
AL RISTORANTE
UNITA 18 I LLECTIA18 I
LA RESTAURANT-
ALRISTORANTE
UNITA1S!
***
DIALOGURI • DIALOGHI
in Keast' lect1e tov.,.!I:
• sa refinefi 0 masa.
• sa comandall inu-un restaurant
• sa intreba!i pe partenerul <Iv. ce ar don sa mWnce.
***
Pa: Poi mia moglie prende il risouo
aIle vongole e io Ie lasagne.
C: Va bene, signore. E di secon-
do?
pa: Un arrosto di vitello e un fritte di
pesce.
C: Cosa Le posso servire da bere?
pa: Mi dia Ia carta dei vini, per
favore.
C: Subito.
Cosa prendi come antipasto,
eata?
AS: 10 prendo prosciuno e melone.
E tu?
PS: 10 prendo I'antipasto mislo. E
come primo?
AS: 10 vorrei iI risono aIle vongole.
Mi piace pesce.
P8: Ed to prendo Ie lasagne.
AS: Oi secondo?
PB: l'arrOSlo di vitello.
AB: Ed io il flitte misto di pesce.
PS: Cameriere!
C: SI, sigllOf'e. E'pronto per ordi-
nare?
P8: SI. antipasto misto mia
moglie il prosciutto e melone.
C: Prosciutto e melone, 51, signore.
AS: Eu iau jambon !,Oi pepene. tu?
PS: Ce iei ca aperitiv, dragA?
VORREI = •• vrea
VORREMMO = am vrea
, Antipasto = aperitiv. (Numele de .ntlpasto, adica inainte de pas-
• te, masa traditionala italiana).
Antipasto Rli$to sa compune din diverse faluri de salam,
Mertadella
PS: 0 friptura de tript.
C: Ce va pot servi de baut?
PB: Dali-mi lista de vinuri, vA rog.
ps: Eu iau un aperitiv aSOftat. $i
felul intai?
AB: Eu vrea pilaf (rizoto) cu
scoici. imi place
PB: 8i eu iau teitei.
, ,
AB: Felul OO?
PB: Friptura de
AS: $i eu tript asortat.
PB: Chelner!
C: Da domnule. gata pen-
tru comanda?
PS: Oa A!f vrea aperitiv asortat iar
mea jambon !fi pepene.
c: Jambon:;oi pepene. Da, dom-
nule.
PB: Apoi SOfia mea is pilaf cu scoici
si eo taitei.
, ,
C: Bine, domnoo. telul OO?
c: lmediat.
PB:

,
,
,
I
l
Oialogo 1
Piero Banti (PB), Anna Banfi (AB),
proprietaIio del ristorante (PR),
cameriere (C)
PR: Pronto. Oa Antonio. buona sera,
PB: Pronto, boona sera. Vorrei
prenotare un lavole per questa
sera.
PR: Ve bene, signore. Per ehe ora?
PB: Ha un tavolo disponibile aile
nove?
PR: Certo. Che nome?
PB: Banti.
PR: Per quarte pecsone?
PB: Un tavolo per due.
PB: Buena sera. Ho riservato un
tavolo.
PR: 81, signore. Che nome?
PB: Banti.
PR: Ah, s1. II signor Santi. Per di qua,
per favore. Le va bene questo
tavolo?
PB: Molto bene, grazie.
PR: AIo! Antonio", BunA seara
P8: AJo! Buna seara vrea sa
retin 0 masa pentru asta searA.
01810
9
1
Piero Banfi (PB), Anna Banfi (AB),
proprietanJl restaurantului (PR),
chelner (C)
PR: Sine, domnule. PentnJ ce ora?
PB: A""1i 0 masa dispooibila la Ofll
noua?
PR: Desjgur. Pe ce nume?
PB: Banti.
PR: Pentru persoane?
PB: 0 masA pentru doi.
P8: Buna seara. Am rezervat 0

PR: Oa, domnule. Pe ce nume?
PB: Banfl.
PR: A, da. Oomnul Sanfi. Pa aici va
rog: va convine aceaslA
PB: E foarte bine.
108 109
ILECTIA
18
1
LA RESTAURANTe
AL RISTORANTE
,
UNITA18
,
I LECTIA
18
1
LA RESTAURANTe
AL RISTORANTE
UNITA t81
2. Come prenotare un tavolo 81 ristorante.
Cum sa. retineti amasa. la un restaurant.
, ,
,

Proscluttoe melol1'- = jambon afumafcupepene.
$et:;9ndo plato doi (eel principal), sec:ompune din diverse
Wptui'i sau
Qcmtornl =9<¥riitOri.
Vorrei prenotare un
tavolo per
stasera.
domani.
iovedi rossimo.
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
persone, per favore.
due
Quattro
Per che ora?

'"Ie-o""tt'"o"'?:----
_________uer Ie nove?
Per quante persone?
(Un tavolo) per
Che nome, per favore?
1
---------- Banfi. 1
E'a nome _""'-"== _
Rasora.
, , ,
, '
prendi da mangiare?
bere?
bibita?
Checosa antipasto?
prende (LeO come primo piato?
verdura/contomo?
dolce?
1. Come chiedere queUo che vuole manglare e bere; come ardinare.
Cum sa cereti ceea ce vreti sa mancati sau sa beti' cum sa comandali.
Lei:
Camerlere:
Lei:
Prendo
Varrei prendere
Perma
Prendiamo
Mia maglie prende
II mio amoco prende
La mia arnica prende
(Salata de rm;ii.
supa genoveza.
File de juninca..
de pore.
Cartofi
I'instalata di pomodori.
iI minestrone alia Genovese.
il filetto di manzo.
la braciola di maiale.
Ie patatine fritte.
i formaggi.
la creme caramel.
la frutta.
un caffe.
- BranzA.·
Crema. de zahar ars.
Fruete.
Cafea.)
3. Come ordinare da bere.
Cum sa. ba.uturi.
Cameriere: Che casa prendete da bere?
Del vino? Della birra? Dell'acqua minerale?
Lei: Del vino./ Un aperitivo./ Un teo
Camerlere: Rosso?/ Un Martini?! Alia menta.
Rose?/ Un Carodino'/ AI tiglio? (tei?)
Bianco?
Ha del Barola?/ Ha del Campari?/ Ha della verbena?
No. Ho un Chianti./ Bene. No. Ho il Bitter'/ SI.
Bene. Un bon ChiantL/
Bene. Un Bitter San Pelegrino./
Bene. Una verbena.
110
111
LECTIA 181
LA RESTAURANT-
AL RISTORANTE
EXERCITII • ESERCIZIO

, ,' .... ' ,
UNITA 18
LECTIA 18\
LA RESTAURANT-
AL RISTORANTE
Menu della Casa
r
Convorblrea 1:
Dumneavoastrll prietenul dumneavoastrll nu prea mai ave!i bani la
sfarsitul coneediului. Din aeeastll eauzll doriti sll rnaneati eat rnai ieftin
, "
posibil. Nu vll mai puteti permite sllluati vin ca atare, cornanda!i
Convorbirea 2:
Merge!i sA maneati impreunll cu un coleg de afaceri. Dorind im-
presionati, eomandati cele mai seumpe feluri. Nu uitati cere!i :?i lista de
vinuri. La sunte!i atat de nu mai puteti comanda desert, dar
comanda!i cafea.
Exercltiul 1
,
Imaginali-va. ca. sunteti la restaurant.
Formulati doua. conversatii diferite
, '
eu chelnerqa dupa. fur-
nizate mal jos. Va trebui sa. consult-
ali meniul care urmeaza. (dupa. con-
vorbiri). Cand yeti ce vrB1i sa.
spuneti, ascultali caseta serviti-va.
de conversatia care are inregistrata
numai vocea chelnerqei. Pentru a va
controla raspunsurile, ascultali
caseta.
Esercizio 1
Immagini di essere al ristorante. For-
muli due conversazioni differenti con
la cameriera secondo Ie informazioni
fornite qui soto. Dovr3. consultare il
menu seguente. Quando sapra
quello che vuole dire, aseolti la cas-
setta e 51 serve della conversazione
in cui C'€! solo la voce della
cameriera incisa. Per control are Ie
Sue risposte, ascoltl la cassetta.
Antipasti
Prosciutto e melone (£ 3.500)
Antipasto misto (£ 3.000)
xxx
Primi piatti
Trenette al pesto (£ 5.000)
Rvioli al sugo di carne (£ 6.000)
Lasagne al ferno (£ 5.500)
Cannelloni specialita della casa (£ 5.800)
Minestrone (£ 4.500)
Risotto aile vongole (£ 6.500)
xxx
Secondi piatti
Arraste di vitello (£ 9.500)
Bistecca alia fiorentina (£ 17.000)
Fritto misto di pesce (£ 10.000)
Zuppa di pesce (£ 20.000)
Cotoletta alia milanese (£ 10.000)
Coniglio arrasto (£ 8.500)
xxx
Contorini
Patate fomo (£ 2.500)
Patatine fritte (£ 2.000)
Insalata mista di stagione (£ 2.000)
Piselli in umido (£ 2.000)
Zucchini ripieni (£ 2.500)
xxx
Dolci
Creme caramel (£ 3.000)
Torta di mele (£ 3.000)
Tartula (£ 3.000)
Tiramisu (£ 3.500)
Zuppa inglese (£ 3.500)
Gelato (£ 2.500)
Gaffe (£ 1,000)
112
113
ILECTIA, 18 I
LA RESTAURANT.
AL RISTORANTE
I UNITA. 18
1 LECTIA19 I
HOTELURI.
GLI ALBERGHI
1 UNITA.
19
1
DIALOGURI • DIALOGHI
,

114
Trenette 81 PlitSto --' untipic fel'iilta.i (pritJ:l()piatto) din Liguria.
o pasta. cu SdSverde depa.trunjel, ulei us"
turol parmeianras.
13isteccllalla 'rlofcmtlna = un steak (feliegroasa de carne de
vita.) la grat§lr, nu prei3. patruns:i,
zuppa dl pesce = a foartescumpasup<1
mai multe soiuridepe.!?ti.
Cotol.tta- aUa mllanese =*nitel pan{i, '
Tal't4'o = ingheJ8ta cugust detrl!fe.
TJramlsu = un desertcu '
2uppa Inglese = untgrt. ' "
in aceasta leetie invatati:
• • •
• retineti 0 camerA la un hotel.
• •
Dialog 1
Piero Sanfi (PB),
recep!ionerul unui hotel (A)
PB: Buna ziua. Aveti 0 camera.

pentru aceasta saara, v<1 rag?
R: Pentru 0 sau pentru
doua?
PB: Pentru 0
A: Pentru cate nop!i?
PB: Pentru 0 singura noapte.
A: Am 0 camera. libera. pentru 0
noapte.
PB: Cu baie?
A: Da. Cu baie.
PH: Care e pretul? (Cat costa.?)
A: 85.000 de lire, domnule.
PB: Nu aveti nimic mai putin scump
(mai ieftin)?
A: Nu, imi pare rau.
PB: Atunci 0 iau.
A: Care e numele dv.? (Cum va
numiti?)
PB: Sanfi.
A: De acord, domnule Sanfi. Puteti
sa.-mi dati 0 legitimatie, va. rag?
PB: Carnetul de conducere se
poate?
A: Da, binein!eles.
OIalogo 1
Piero Santi (PB),
la receptionist di un albergo (R)
PB: Buon giorno. Avete una camera
per stasera, per favore?
A: Per una persona 0 per due?
PB: Per una persona.
A: Per quante notte?
PB: Per una sola notte.
R: Ho una camera libera per una
sola notte.
PB: Con bagno?
R: 51. Con bagno.
PB: Qual eil prezzo?
R: 85.000 lire, signore.
PS: Non ha niente di menD caro?
R: No, mi dispiace.
PB: Allora la prendo.
R: Qual eil Suo nome?
PB: Sanfi.
A: D'accordo, signor Sanfi. Mi PUQ
dare un documento, per favore?
PB: La patente va bene?
R: 51, certo.
115
IlECTlA
19
1
HOTELURle
GUALBERGHI
I UNITA
19
1
I LECTIA
19
1
HOTELURle
GLI ALBFRGHI
I UNITA
19
1
!
In Jtalia exiSta. parru eategorii de hOteluri. In atara de.acestea.
exist'll !ii clltegorl.luMO (h9tel de lux). Se gAsesc penslonl
(pensiuni) de trei dase. La hotefuri pensilri penslone
COfl'lpietl mezza penalone.. Miculdejun se totdeauna
,,-- --- --- ,
, separat. '
QUALCOSA 01 BElLO = cay. frumos.
aUALCOSA DIINTERESSANTE cev. Inter.unt
NIENTE DI BELLO delocfrumos.
NIENTE DIBUONO "Imlc bun.
fA Italia; la,-hoteluri saG'pensiuni, e necesara.tot-
ckiliUna 0 in mod sa arata permisul de poocIu-
(ll pltente) care are totograf13 posesorului.
GM:Exist.1 baie?
R: Ambele camere au
taaleta.
GM:Micul dejun esla inclus?
R: Nu. Micul dejun e aparte
cast<l 10.000 de lire de per·
soana (de cap).
GM:$unt de acord. Pot sa. ...ad ca-
marele, va rag?
R: Da. doamnA. lata
cheile. Camera 27 !?i camera 28.
Urma,i-ma, va rog.
GM:C'e ancha il bagno?
R: Le due camere sana con doccia
e gabineno.
GM:E compressa la prima colazio.
ne?
R: No. La prima colazione eo a par-
te e costa 10.000 lire a lesla.
GM:O·accordo. Posso vedere Ie ca-
mere, per favore?
A: Si. Certamente, signora. Ecca Ie
chiavi. La camera 27 e la came-
ra 28. Mi segua, per favore.
il dieci maggio.
il venti giugn(o.
iI trenla 3flOstO.
Dialog 2
Giutiana Molinari (GM),
recePfiooerut unui hotel (R)
GM:Buna ziua.
A: BlJIla ziua, doanlna.
vrea doua camere,va rog.
Una pentru mine sotul meu,
cealalta: pentru cei doi copii ai
mat
R: Da, doamoa. Ali faeut rezer-
vare?
GM:Nu. Nu am 'acut rezefVare.
R: Pentru cibe nopti?
GM:Pentru doua noptl.
R: Ivn 0 camera co pat dublu 0
camerA co douA paturi.
GU:Bine. E in ordine. Pute1i scl-mi
spuneli prelul, va. rog?
R: Camera cu pat dublu costa
60.000 de camera cu
delIA patun 75.000 de lire.
116
Dlalogo 2
Giuliana Molinari (GM) ,
Ia receptionist di un albergo (R)
GM:Buon gtomo.
A: Buon giorno, signora.
GM:Vorrei due camera, per favore.
Una per me e per mio marito e
l'altTa per I miai due bambini.
R: 81. signora Ha riservato?
GM:No. Non ho r1selValO.
R: Per quanta noni?
GM:Per due nani.
R: He una camera con Jetto matri-
moniale. E una camera con due
!eni.
GM:Bene, cfaccordo. Mi puc. dire il
prazza, perfavore?
A: La camera con letta matrimonia-
Ie costa 60.000 lire e la camera
con due kmi 75.000 lire.
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
1. Come chledere una camera all'a·lbergo.
Cum sa rezerva!i 0 camera la hotel.
a) Che Upo dl camera?
Ce fel de camerA?
con un leUo.
.-
singola/e.
una camera
per una persona.
per due persona.
Vcrrei
per mia moglie (e me).
r j miei fi Ii.
lelefono.
due camere
doccia e W.C.
con
bagno.
,
balcone.
b) Per quando?
Penlru cand?
I
i Per
117
I LECTIA
19
1
HOTELURle
GLI AL.BERGHI
UNITA 191
I
t
I LECT'A
19
1
HOTELURle
GLI ALBERGHI
UNITA 191
per
Adessa faccia Ie prenotazioni
seguenti. Per cantrollare Ie sue
risposte, ascolti la cassettta.
~ 1 3 ( 7 )
9)25(2)
h) 2 4 (1)
Q 2 3 (1)
D15(2)
le cifre tra parantesi indicano
quanta tempo Lei vuole restare.
Cifrele dintre par-anteze indica
penlru cat timp dori!i sa statio
(1).- Una none.
(2).- Due nani.
(7).- Una senimana.
Acum face1i urmatoarele rezervari.
Pentru a va controla raspunsurile,
ascultati caseta.
a) 1 (1)
b)24 (2)
c) 1 3 (1)
d) 2 (7)
e) 2 (3)
2. Come informarsi sui tipo dl rlstorazione offerta.
Cum va informati asupra posibilitaliior de lnancare

.

Sipuo
cenare Qui?
fare la rima colazione da voi?
c) Per quanto tempo?
Pentru cat limp?.
una notte.
due
notti.
Per
tre
una sett;mana.
nuindici niorni.
Lei fa
Voi fate
meua pensione?
pensione comp4eta?
servizlo tislOlante?
3. La partenza
Plecarea
PUD prepararci il conto, per favore?
con un assegno?
Posso pagare con la carta Visa?
con ali Euroch "u"as,,-,-?_-,
EXERCITII • ESERCIZI

Exercitiul1

Esercizio 1
Ooriii sa rezeNati 0 camera. eiltele
de mal jos indica lelul camerel pe
care 0 vreti.
Lei vuole prenolare/riselVare una
camera. Le cifre qui solto indicano il
lipo di camera che desidera.
1.- Una camera per una persona.
2.- Una camera per due persone.
3.- Con bagno.
4.- Con doccia.
5.- Con televlsione.
118
119
ILECTIA 20 I SFATURI. CONSIGLI
UNITA 20 I ILECTIA 20 I SFATURI. CONSIGLI I UNITA 20
DIALOGURI • DIALOGHI
in aceasti lectie lnvitati:
• • •
• sa intrebati daca. trebuie sau nu sa faceti ceva
, '
• sa alcatui!; anumite Propozilii
Cappelta SlsUna - Capela Sildina, cu piClura muralA a lui
Michelangelo.
Stanze dl Raffaello = Camerele lui Rafael, de fapt, camerele pri-
vate ale papei lulius alii-lea, intre 1508 1514, cu perefii pictafi
de Rafael Sanzio.
L'appartamento del Borgia = vestilului imoralului
papa Alexandru al VI·lea, una din mania atractJi ale muzeului
,
Vatican.
Dialog 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (SM)
8M: Ce facem azi?
EV: muzeele Vaticanului?
SM:Nu.
EV Sine. Trebuie sa mergem.
SM:Ce avem de vazut?
EV: Capela Sixtin:1. Trebuie sa.
vedem camerele lui Rafael.
8M: Asta e tot?
EV: Da de unde! Nu. nu. Trebuie
vedem neapAral apartamentul
Borgia Pinacoleca.
8M: cat limp ne ia vizitam toa18
acestea?
EV: Ne va lua toala ziua.
SM:A, nu. E ingrozitor. Nu vreau sa
petree toatA ziua in muzee!
Trebuie sa ga5im altceva de
Jacut.
EV: Ce anuma, de exemplu?
SM:Dupa. mine, lace 0 plimbare
pe Tibru.
EV: lntr-adevar?
8M: Oa, intr-adevar.
EV: Bine, de acord, Vom face cum
wei tu.
120
Dialogo 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (SM)
8M: Cosa si fa oggi?
EV: Conosci i musei Vaticani?
SM:No.
EV: Bene. Dobbiamo andarci.
8M: Cosa c'e da vedere?
EV: C'e La Cappella Sistina. Bisogna
vedere anche Ie stanze di Raf·
faello.
8M: E'tutto?
EV: Ma no, rna no. Bisogna vedere
assolutamente I'appartamento
dei Borgia e la Pinacoteca
8M: E quanta tempo ci yarra per
visitare tutta questo?
EV: Ci vorra tutta la giarnata.
8M:Ma na. Che barba! Non voglio
passare tutta la giornata nel
musei! Bisogna trovare qual-
cos'altro da fare.
EV: Che cosa. per esempio?
8M: Per me, vorrei fare una gila in
batteilo sui Tevera.
EV: Oawero?
8M: 51, veramente.
EV: Bene, d'accordo. Faremo come
vuoi tu.
,
I
.!
Dialog 2
Claudio (C), (P)
P:' Unde duCe!i in concediu?
C: Pledn Germania.
P: A, bine. $i unde, mal exact?
C: Ma duc la Berlin,
P: Foarte interesant.
deja Berlinul?
C: Nu, deloc. Ce trebuie sa vizitez?
P: Mai intaj trebuie v;zilata Poarta

C: A, da. -
P: Apoi trebuie sa urcari in turnul
de televiziune; dupa aceea,
trebuie s:l merge!i la Potsdam,
la Sanssouci.
C: Ce este aceasta?
P: E un foarte frumos castel din e-
poca lui Frederic alII-lea, regele
Prusiei.
c: lmi trebuie 0 pentru Germa-
nia?
P: Nu. Nu e necesara. Dar sa nu
uitati aparatul de fotografiat.
Oialogo 2
Claudio (C), il suo principale (P)
P: Dove va Lei per Ie ferie?
-C: Vado in Germania.
P: Ah, bene. E dove esattamente?
c: Vado a Berlino.
P: Malta interessante. Conosce gia
Ber1ino?
C: No. Niente attalo. Gosa bisogna
visitare?
P: Prima bisogna visitare la Porta
Brandenburghese.
C: Ah, si.
P: Poi bisogna salire sulla Tore
della Televisione; inoltre bisog-
na andare a Potsdam, a
Sanssouei.
C: Coo'e questa?
P: E'un belJissimo castello dell'e-
poca di Federico II, re di Prusia.
c: Ci vuole il vista per la Germa-
nia?
P: No, non e necessario. Ma non
dimentichi la macchina fotogra-
fica.
121
!lECTIA 20 I SFATURI. CONSIGlI I UNITA 20 I
Venard1?
Sabatto mattina?
Sabalto sera?
Oomenica?
lisla de mai sus: care sunl Guardi I'elenco qui sepra: quali
obieclere pe care trebuie sc"l Ie luar; sana Ie case che bisogna portars
in situatiire men!ionate mai jos? ' nelle cirCOSfanze qui elencate?
Exemplu: Deve portare I'ombrello.
(Esempia)
1,- Ce !rebuie sc"llua!i eu dv. daca mergeti la cumparc'ituri?
2.· Vreti sa juea!; totbal.
3.· Ali vrea sa lenis.
4.- Planuiri 0 eillatorie prin tara.
5.· Vre!i sa merge!i ra teatru.
6.- Este caJd vreti sa merge!i la pisc;n;1
7.- Vre!i sa petrace!i concediul in slrtlintllate.
B.-La de sa.ptamana. ramaneti fa tara. la prietani.
g.- Ploua.
10.- Cerul asle innoral.
!lECTIA 20 I SFATURI. CONSIGlI I UNITA 201
occhiali da sore (ochelari de soare)
sold; (bani)
uno spazzolino da denli (0 perie de din!i)
una cartina (a harta)
un Coslume da bagno (un castum de baie)
una racchetta da tennis (0 racheta de renis)
un passaparto (un
scarpe da tennis
dei big/ieni (bilete de calatorie)
un ombrello (a umbrela)
Exerciliul 2 Esercizio 2
Priviti a pagina din agenda lui Guarda una pagina deU'agenda dj
Claudio. Ce (rebuie sa lactl in Claudio. Cosa deve lare agni 9
ior
-
tiecare zi? no?
Exemplu: Domenica? Devo visilare i musei Vaticani.
(Esempio)
Lunedi?
Marted1?
Mercoledl?
Giovedi?

i
,
,
,
,

'.
:
,
I
,
..
,

"
,
{
r
I

,

I
,
i
,
,
I
davo comprare una c: Ah, 51. E
peUicoia!
Eserclzio 1
Ecco un elenco di cose di cui avra
bisogno per Ie vacanze:
Exercitlul 1
,
EXERCITII • E5ERCIZI
,
2. Come dire quello che bisogna fare.
Cum spune1i ca trabuie sa faceel ceva
3. Come dire che qualcosa non e necessaria.
Cum spune!i ca nu trebuie sa face!-i ceva
·Bisogna andare a vedere la Pinacoleca?
-No, non enecessaria.
-Bisogna fare una passeggiata in battello?
-No. non enecessaria.
-Bisogna avere II vista?
-No. non enecessaria.
c: A,da. 9i trebuie sa cumpar un
film!
1. Come chledere se blsogna fare qualcosa.
Cum intrebati dacA lrabuie sa laceti ceva
lata 0 Usta de lucruri de care ve!i
avea poale nevoie in concediu:
,
,
,
avere un vista?
Bisogna passare un'inlera giornata?
andare a SerUno?
,
camprare una peUicola.
salire suUa Tore della TeJevisione.
Bisogna vadere la Porta Brandenburghese.
andare a Potsdam.
visitare il castello.
I ! INON OIMENTICHI nu una ( a nu 50 una)
CUM 5E 5PUNE • COME 51 CICE
122
123
ILECTIA 20 I SFATURI - CONSIGLI UNITA 20 I ILECTIA 21 I
JOCURI SI SPORT-

GIOCHI E SPORT
I UNITA 21 I
ASCULTATI CU ATENTIE e ASCOLTI
• •
Pe easela co Texte de aseun.t sunt inregrstrate diaJoguri, scenete sau
relatari care va ajuta sa va antreml!i in exerci!iul ascultatii celD( ce vOIbesc
italiana La inceput, probabil ca nu ve!i intelege,lotul. E vorba in&/; ca mai
sa. putet' prelua inlormaliile eele mai importante.
Ascultati Parte prima, Scena prima de atatea ori de cate Qri esle nevoie ca

sa puteti raspunde in italiana (ori sa va precizati in romana) la eele patru
intrebari de mai jos. Daca dori!i pute!i sa ciliti textele dupA ce a!i urmarit
caseta
Scena prima
Una vlsita inaspettata
Parte prima
1. Perche Ja zia di Marco non sa se elibera sabalo pomeriggio?
2. A che ora arrivera Marco dalla zia?
3. Che cosa propane la zia a Marco?
4. Perche Marco dice alia zia che non mangia molto a mezzogiorno?
DIALOGURle DIALOGHI .
in aceasts inva1ati:
• faceti propuneri (sa propuneti ceva)
• sa sugerati euiva sa faceti un lucru impreuna
• sa intreba1i dac<1 cineva un anumit luem
• sa. intrebati '5i sa discutati cat de des trebuie fik:ut un anumit lucru
• • •
Dialogo 1
Enrico Verdi (EV),
Silvia Molinari (SM).
un'arnica di Silvia: Atlna Pia (AP)
8M: II tempo ebello.
EV: Cosa facciamo?
8M: Andiamo alta piscina?
EV: Buona idea.
SM:Anna Pia sa nuotare?
EV: Non so. Anna Pia, fa bet tempo.
Andlamo alIa piscina?
8M: Sai nuotare?
AP: Ma, sl. Adora nuotare.
EV: 10. invece. non nucta malta
bene.
AP: Non fa nienle. Ci andiamo.
EV: D'accorda.
BELLO
AdjectW se acorda cu substantivul pe care-I determinc1. Daca es-
te pus dupA substantiv, are urmatoarele forme:
m f
1\ tempo I" La-casa
" Hbambino e bello La bamblna flo bella
II cane La gatta
,

AP: Nu faee nimic, sa met'gem.
EV: De acord.
Dialog 1
Enrico Verdi (EV),
SiMa Molinari (SM),
o prietena. a SiMei: Anna Pia (AP)
SM:Vremea e frumoasa..
EV: Oe faeem?
8M: mergem la piscina?
EV: Buna: idee.
8M: Anna Pia !?tie sa inoate?
EV: Nu Anna Pia, e vreme
frumoasa. Mergem la pisdna?
8M: Stii sa inoti?
• •
AP: Bineillleles. Ador inotuI.
EV: Eu nu inot prea bine.
- visitare i musei Vaticani.
- riservare una camera Albergo delle Poste.
. comprare una coIlana per Silvia.
- telefonare a Sitvia.
- comprare una racchetta.
- andare aI Gianicofo.
- fare il jogging.
- prenolare un lavolo, Oa Massimo.
AGENDA
Oomenica
LuneOl
Martecfi
Mercoled1
Giovedi
Venerdi
Sabatto matt ina
Sabatto sera
124 125

LECTIA 21
JOCURI SI SPORT-

GIOCHI E SPORT
[ ,UNITA 21
I LECTIA 21 I
JOCURI SPORT-
GIOCHI E SPORT
UNITA 21 I
m.p!. !;pl.
I musel Le piscine
I bambini 5000 belli Le- sano beUe
I flori Le rose
este inainteasubstantivului are unm1l.oarele forme:.
II bet tempo La beVa casa
II bet bambino La bella gatta
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
·Ma no!
-$i, volentieri.
-Can piacere.
nuOlare?
cantare?
peseare?
giocare a cak:io?
giocare a bridge?
suooare 11 pianoforte?
guidare?
baRere?
(leo) sa
Sa;
Lui/1ei sa
Lui/lei non sa
2. Come chledere se quaJcuno s. tire qualcosa?
Cum sA intrebati daca. cineva slie sa faca cava
• •
1. Come proporre dl t.re qUlJcO",
Cum sa propuneti sA faceti ceva
3. Come dire che sl '8 qUllcosa speno.
Cum spuneti ca.t de des se face cava
• •
.
a pescare?
Andiamo alia piscina?
a cavallo?
a cak:io?
Giochiamo a tennis?
a carte?
Facciamo una passeggiata?

a? una
BaJliamo?
Usciamo in macchina?
l iaJTK)?

Lei va a pescare?
Lei gioca spesso aruggby?
Lei fa delle
n ? e.
Le belle piscine
Le belle rose
Di.logo 2
Arm. Banfi (AB),
Ia sua vicina Mariana Ohio. (MG)
MG:Dov'e Federico O99i1
AB: Sullungofiume, suppongo.
MG:E cosa ci fa?
AS: E'andato a pescare.
MG:Va spesso a pescare?
AB: Ma Sl! Quattro 0 cinque vohe al-
Ia settimana p;u 0 meno. Sono
sempre sola
MG:Perche non va con lui?
AS: Non so pescare. E suo marito
dov'e?
MG:E domenica. Giaca a calcio.
AS: Giaca spesso?
MG:Gioca tutte Ie domeniche, tuni i
martedi. E gioved] si aliena. So·
no sempre sola.
AS: Perche non va con lui?
MG:lI calcio non mi interessa.
I bel tempi
1bet fiori
,

Dialog 2
Anna Banfi (AB),
vecina ei Mariana Ghini (MG)
MG: Uncle e azi Federico?
AS: Cred ca: e pe makJl raului.
MG:$i ce face?
AB: A plecat Ia pesctJn.
MG:se duce des la pescuit?
AS: Oa! AproxlmaUv de patru sau de
cinei on pe sa.pUlmanA. Sunt
mareu singura..
MG:Oe ce nu metgefi eu el?
AB: Nu sa pescuiesc. SOlul
dumitale uOOe e1
MG:E duminica. Joac:\ fotba!.
AB: Joaca des?
MG:Joaca in fieeare duminicA in
fieeare mal'li. $i joi S9 antra-
neaza.. Sunt singura totaeauna.
AB: De ce nu merg91i cu al?
MG:Nu rna intereseaza. fotbalul.

126
127
,
..
__l.....::u='::.::"'.::bocce",eat=o"-.'__--JI
intrebati pe clneva daea. poate par- Chieda a qualcuno, S9 sa par-
ticipa la aetlvit:lti1e de mal jos. tecipare aile attivit8 elencate qui.
Exemplu: Lei sa nuatars? Maria-Grazia sa nuotare?
(Esempio)
Per IE' SIH:' as·
Col!1 la cassella,
Esercizio 3
lei; Malleo, nioctlifmlO a calclo'!
Matteo. Si. blltma iclea,
lei' Maddalena. glorlllil!Ho a c<lrte'i
Maddalena' Nc. non "'0 gloGi!re <I
cane.
Proponga a Maddalena
a) dl andare a l>allarl!
b) dl andare a sewr!'
c) di andare a pescare.
ell dl yiocare a caleio.
ej dllare una
a juea bridge
a sehla
a cailia
a gttll
a Juea lenis
GIOCHI E SPORT
JOCURI 51 SPORT-

a ciWui
a inola
a cOflduee masillt1
a caniGlia ghitara
a dansa
Exercltlul 3
,
Asculta!i casela pen/ru a va controla
raspullsurile,
Dv,: Matteo, Jucam lolbal?
Matteo: Da, idee.
Dv,: Maddalena. lucAm carti?
Maddalena: NlL Nu sa JDC C;'lf11
Proponga a Matteo
al di giocare a calcio.
b) ell andare a cavallo
c) dl gJocare a carte
d) eli giocare a lennlS.
e} di andare alia pisctna
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
ASClllla!i aCllm pal1ea a doua (Parle seCOnda) a pnrnulu, lexl (Scena primal
!?i eaUla!; s:'l dupi:l aceea la Ilrmalo;qrp.!p intrf'11<"l1l. Odea don!r
pule11 asculta Ie)(tul tie la inceput.
1. In clle modo trova la zola Malco cambl<lto"?
2.- Dove abIta Marco a Savona?
3 - Dove lllangl3 Marco alia sera?
4 - III elm partE' dellllomio voqhono andaal SOpr<lllu:lo ; ChPlllJ (It
Marco'}
5, La zin c11 Marco (l d accordo COil la 7t<) qU:J1ltu I
vlamJi 111 Oriente?
ILECTIA 21 I

UNITA 21 I
Eserclzio 2
Eserelzlo 1
Proponga a qualcuno dl panecipare
aUe attivita elencate qui.
GIOCHI E SPORT
JOCURI 51 SPORT-


Exercitiut 2
,
Vado
a pescare
a sciara tutti I giomi.
LeiI1ui va
in
.
ina luni i sabati.
Gioco abridge tre votta alla
Giochiamo a tennis settimana.
da mangiare ogni tanto.
Faccio delle gile
quando ho tempo,
k! sese
Mi alieno
EXERCITII • ESERCIZI
ProPUfle1i CUNa sA participe la ac-
tivitatile din urmatoarea lisla.
a citl = legere
a cl1Jari = andare a cavallo
a merge la piscina = andare alia piscina
a pIeca in = uscire in macchina
a canta fa ghitara.= suonare la chitarra
a dansa = ballare
a face 0 pwmbare = far.e una passeggiata
a hoinari = fare una gila a piedi
a ;uea bridge :: giocare a bridge
IlECTIA21
128
129
iL"ECTIA 22 1CAZURI DE URGENTA.
',_:-J LE URGENZE '
I •

ILECTIA 22 !
CAZURI DE URGENTA.
,
LE URGENZE
I' -- -:---,
: UNITA 22 .
,---
in aceasta lectle
• !>;'i rerell Cl)\Jl0r 'Ill cazul unei perle de aulornobil
• sa stablh!1 0 prograrnare la (loctor
PB: Desigur.
I: Trimit Ime(JIClI pe emUV<l, Va Ii la
dv, intr·Q Jum31ate de or:"t,
PB: Mul!urnest:
PB: eM!)
I: Mclncln <;uIJI1()
da lei 'ra 1ll.,1! 1)'3,
PB: Gram:.
< ." .,
,
DIALOGURI • D1ALOGHI
HAl RAGIONE ai dreplale.
AVERE AAGIONE -:: a avea dreptate
Cu auxlliarul a ave::l (avere) se lac mai ffiulle conslrUC!1I
AVERE TORTO = a nu avea dreplate
AVERE PAURA = a avea frica (a se Ierne)
AVERE FREDDO = fi Irig
AVERE CALDO = a-Ii fj cald
AVERE FAME -"" a-Ii ti roame
AVERE SETE = 11 sete (a fl ul:-;pl;-Il,
Lilerele <1e pe placa (Ie illmalncul;ue <1 OIdSll1 '11
care e inscJisa
MI (Milano): TO (Tonno): VE IVcllella): PV (Pavi<l), PO 'PClrle-\/n)
GE (Genova); BO NA (Napoli), BZ (BD17<111uj ROMA
(Roma) .
FIAT = Fabbnca Ilahana dl AutomobJlI Tonno.
statale - statali .:. clrum (drumun) n.allollilJe.
provinclali -= drum jlldC!C3n ((10pilrtmnmllnll.
stJperstrade = !?OSelf> ell (lolla bemi de clfcl/lalle.
autostrade 3L1lnsrrtlzi
Dialog 1
Plero Banll (P8). Anna Sanli (AB).
fUl1Cllo(lar al AGI· Autotllobil Glut)
Itah,l/l ,I)
ciudat!
P8: Al dreplale.
AS: Ce e?
PS: Nu sttu.
AS: Opresle' Pnvesle aburii!
PB: Flr-af sa he! E radliltorlll Fierbe.
AS: Trel)ule sa chernam ACI·lIl.
Acolo e un telefoll.
1: Ala! Aulornal)11 Club.
PS: Am 0 pana.
I: Dati tnt. va rog. num3rul £iv. de

P8: Milano gO 87 65.
t: Ce rlklSlll:t aveti?
PB: Flat Uno
I: Ce culo,1m?
PB:
1: fml da!i. vtl rag. num..... rul lie
telefon?
PS: 237
I: iml p1l1e11 spune unde va alia!!?
PB: Pn drurnul nallOnal 113, la 30
1011 rJe Ancona. Ijng:l Falcona·
ra
I: SUlllP.t1 1111'Illbrll ACt"
130
•••
Oialogo 1
Piero Banli (PBl. Anna Banli (AB).
Implegato dell"ACI- Automobile
Club rfltaha (J)
AS: Ascolta! Clle SUano
PB: Hal ragione.
AB: Cos'e?
PB: Non so.
AB: Fermali! Guarda II
PB: AccidenlP E II radiawre. Bolle.
AB: Bisogna chiamare rACI. C-e un
telefono Ii. Sbrigati!
I: Pronlo
l
AUlomubd Cluh.
PB: Ho un q1l3stO rttla m<l;cchma.
I: Mi dla, per lavore. il Suo
numero dllar9a.
PB: Milano 90 87 65
I: Clle rnaCChlrl<'l tl<l?
PB: Una Flat Uno
I: 01 clle colore?
PB: Rossa.
I: Mi lila. per lavore. !I nUlllero (fel
leleform?
PB: 237.
I: !-Ai PliO dire dove silrova?
PB: Sulla stalale 113. a 30 cllilomelri
d"l Ancona. vicino a Falcon..H8
I: Ha la lessem df'II"ACI?
,

Dialog 2
Sllv!a Mrnul.HI (SM). (P1ephnl'f'r {RI
R: Al<l! Bunt-l L.ll/a
(c..lImlellll) dOCloruhll SCIIoila
SM: don sa 0
la doctor
A: Spunetl mll1l1rneJe dv. roy
SM: Silvia Mohnan
Dialogo 2
Sllv,il Moltn;m (SM) 't·..i,f,ti,."·.... :"
._..._---- .. ,_._._--_. --- .
R: Pronto blllJl1 \:I,orln; L dl'llllll,,'
lono rli'!1 dOIlOl Srlloi!;J
SM:Pronlo Yom:!! priola!,'!'· \1:\ ill'-
pUlltart)t:n\o CtHlli rj'illllr>,:
R: MI dla il Suo !l(l/nf1 j'" ,. ,n''- .
,J'.' ... 1 i: ... <1
SM: Sllvlil MOlinari.
131
UNITA22
Form. di cortesia
si fermi!
aseolti!
si sbrighi!
mi aspeni!
guardi questol
ICAZURI DE URGENTAe
LE URGENZE
Forma famJllare
fermaW
aseolta!
sbngati!
aspettami!
guarda queS1o!
2. Come chledere a quak:uno di fare qualcosa.
Cum sa spuneti (ceretil euilla sa faea eeva.
3. Come dire I'ora.
Cum sa spune!i ora.
1.00 E I"una.
2.00 Sono Ie due.
3.05 Sono tre e cinque.
3,55 Sono Ie Ire e cinquantacinque/ Ie quauro meno cinque,
4.10 Sono re quattro e dieci.
4,50 Sono Ie quatlro e einquanta/ Ie cinque meno diSCi.
6.15 Sono Ie sei e un quaM.
7.30 Sono Ie sette e mezza.
8.45 $ono Ie ana e quarantacinque/le nove meno un quarto.
9.00 Sono Ie nove del mattino.
21.00 Sono Ie nove della sera.
17.00 Sana Ie cinque del pomeriggia.
12.00 E'meuagiorno.
00.00 E'mezzanatte.
13.00 $ono Ie tredici.
15.45 Sana Ie quindici e quarantacinque,
Azi :: Oggl
Azi dlmrnea!3 :: Stamatttina
Azi dupa masa :: Questa pomeriggia
.., Stasera
Maine :: Domani
MAine dirninea!a :: Dornalll mattina
Maine dupa masa = Oomani pomeuggio
Maine saara = Domanr sera
ILECTIA 22
;
j
I


,
,
,
_.- ,

-. - r
UNITA 221
R: Si, sIgnora. Ouando \luole
venire?
SM: Sarebbe possiblle stamalll!1a?
R: No. Mi dispiace. Stamallina non
e possibile. Pub vellire stasera
aile sei e mezza?
SM: D'accordo. Alle sel P. mezza
stasera. Arrivederci,
R: Arrivederci,
BrescIa.
Manlova.
. .,
Pavia.
a Ferrara,
; Balzano.
.-_.._-- ----
, _dar .. _, _...
da Napoh.
_-c'
vicino
CAZURIDE URGENTAe
LE URGENZE
nOli lantana
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
R: Da. doam••a. Cand dorili sA
?
venl'll.
SM:Ar Ii pasi!);l in aceasla diminea·
,.?
R: Nll, Iml pare rAll in aceastA
nu se poate. Pute1i
vem disear3 la !i'l JumAta-
fa?
SM: Sun! de acord. La
jum3131e disear3. La revadere_
R: La revedere.
1. Come dire dove sl trova una macchioa.
Cum sa unda se afla masina.
IL!......lI_p_E_R_C_O_R_T_E_SI_A_-_V_i_,_OQ I
Dove 51 {rewa?
r'·' -,-_. ':"-SlJl1a'Siatale'(S112f' ,,'-_...-----
I
I __ sl:lll .. __
20 chilometri da
!, a 15 chilomeln
Sono __ .. _,
Siamo
!
-
I
132
133
I LECTIA 221 CAZURI DE URGENTA.
LE URGENZE
UNITA 22l


)
,
LECTIA 22

L _
CAZURI DE URGENTA.
,
LE URGENZE

EXERCITII • ESERCIZI

A nome di chi?
Quando \/uole venire?
Puo venire aile quanra?
Pub venire domani?
Esercizlo 2
Ascolti ancora una valla ii dialoyo 1.
Imrnagloi di avere un guaslo aUa
mar-china sull'alliostrada Lei l>Os-
slede una Mercedes rossa 8·01-
CVP. Telelon. della cabina che si
trova a 15 chilometri da Sesln
levanle sulla A 11 nella direzione di
llVorno. Cornpleti la conversazlone
qui sotto, che eincisa sulla cassetta
Faccla 10 slesso esercizio tIlfallra
v(,lta. lmrnaginl questa volta di pos-
seelere una Dael::! UI<-llia 8-02-ECA.
Ll>1 $1 troy;:! sulr'autostrada A 10, a 22
etl
i
lomelri da Vlcenza. e va nella
clirezlono di Padova Anctle questo
(Mllaga eIflciso sulla cassella_
Exercitiul 2
Asculta!i 0 rlala dlatogul 1 Im-
aglna!l-v:J c<'i aVe!l 0 pana la rtlHSlllti
pP. ilutostrad:l. Ave!i un Mercedes
rosu illmatneulal c:J B Ol-CVP,
Telelollati de la cablllil Wlclonica
allat:lla 15 km de Scsln Levanlo. pe
A 11. in livorno
de mai jos care este
inreglS1rata pe caselA.
ACI: Pronto. AutomobIle Club.
Lei: (Aveli 0 pana)_
ACI: MI dkJ. per eorteslO. II Sun nurnern di targa.
Lei: ._._ _ _._.
ACI: Ctle rnacchlna ha?
Lei: .__ __.....
ACI: II numera fli telelano, p€,r tavore
Lei: .. .
ACt: Dove 51 Itnva?
Lei: .
ACI: Ha la lessera den'Aulomoblle Cluh d'llalia?
Lei: (Nu_ SUnle!1 mcmbru al ACR)
ACI: Manda SlltlUO qualcuno,
Lei: .
Faceli acelasi eXmCi!UI 0 dat:t
flllaUlnati-vtl de data aeeaSla cil
pOSe(jal! 0 Dael" galhend. 8-02
ECA V?l <--lliati pe iltJlOSlrarl,l A 10.10.
22 kill. Vlcenz<l. mergeu in
eJlreclia PaJova SI acest es!e
imprill1al pe casel;).
,

__- __0
= leri
= leri mattina
= leri pomenggio
= leri sera
Esercizio 2
Rlcorda 11 dlalogo 2 $ulla c<=lssetla?
Ripera la conversallorie qUI
assumendo il ruolo lit $11\11::1 Mohnml
(8M).
1eri
len dimineal<:i
leri dupA masfl
leri sear3
V:J. dialogul 2 de pe caselfl?
Rcpel3!i converS3!la de mal JOS
asumandu-va rolul Silvie. Molinari
(8M).
ExerciUul1

R: Pronto, buon 9ioroo ArnbulalOno del doltOl Bngnole.
SM: {Ali don 0 programare),
A: Mi (jla II Suo nome, per cortesla.
SM: (SpuIlH!i-v3 nurnele).
A: QUCindo vuole venire?
SM: (Azi dlminea!a),
A: No. Mi displCice, Stamattina non e possihile, PUG vcrmE' <llll.' Sl'1 P
n1ezz<l?
SM: (Veilitl la om respectlv:'l),
A: ArrivetlerCL signora,
4. Come prendere un appunlamenlo dal donore.
stabiliti 0 __•. _
. il dottore. - !
! Varre. prendere un 'il dOllor Brignole. J
'[ appunlamenlO per vedere 1 ., d • t
". .. L_ I en.ls a.
134
135
,
UNITA 23
LECTIA 23 , E=Rc::Rc::0::..:..:..:RI
-_._-
,---'--- .. _- '.,,"--
,
,
LECTIA 23 GRESELI. GLI ERRORI
. J '
l
" - --'-
, I
UNITA 23 !
1
c: enst;:; 700 rl., IIH' (j(l3mnJ
AS: M,) m:11 .. sc
,

C. Costa 9J 700
AS: CI p.mserlJ
VECCHIO ,- vechi {(i:lf $1 t):,\trall)
FORSE ANCHE-cc poate chiar
FRUlLATORE ,= mixer
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
1" Come scusarsi e rispondere a delle scuse"
Cum sa va scuza\1 ,?I sa r:'ispuncJelr la scuZP
Selisa_
Seusl
,
--
sua,
tua

cllledo
\111<1
lina 1,1lDl
C'P dl ctle
e'e prohli!!l1<-l_
C e (I allarrn<Hsl.
e'e da
p __
co1pa
Non e
SClisarni
MI seLlSI per II ritareJu
ScusCllell11
lUI Pliltlo
tHI ,,<:ISU
NOll
2. Come dire che qualcosa e roUo e non funziona"
Cum S;) spline!1 CO) cpva pstp (Idc'cl SI !lU fWlctinlleaza
Prego_
Non e IlIl'11Ie,
,
MI drspiare (Javvt'ro.
r----.-- '- .--
I Le
TI
Dialogo 3
-----------
Sdvl;) Molinari (SM), teCI1I[;O della
Metro 2000 (RlparaZIUI1e dl eleltro-
dOlllesllCI) (TM)
SM: Buon piorno_ MI plIO Cllulare?
TM: Buon signura. Mi dlCd
SM: E'lt mlC C e qunlcosa
ell£! nOll va
TM: CliP cosa c"e esattarnellte'l
SM: I cnlml SOlltl ilrultl
TM: E lullo')
SM: No" fa andw L1no strano
rurnorP
TM: Bene
SM: Me 10 puo flpar'Hp·!
TM: Lp l1lilnrje!\") qil(llcuno II pill
f!r!?c:t(: ;loss,hll':'
SM:Grall"! Porr;},i'il,r,·
NOli ,"uUllo perckrc' Ii
clw c e sui Canai 5,
TM: Faro delllllu llleqlo(J
SM:Gralie
Dialog 3
----_._--,-
Non va "'- /),j IllPr'lp. rlU hmclr(llleal3,
La macchina non va =c InaSrrl'-1 I1U merge_
Questo frullatore va benissimo -co excelerll
Si:I.;;l rJnlll)<1rl ISr-.1) , letmlculllil de
:<\ 2U{)CJ (Reparalll de apara-
liir:)f,II'r!rilc;lsnicct i (TM'I
----- - ---- --------- - -- -_._--
SM: BUll3 llL,a Ma puletl "I lila?
TM: 611')<1 doarnn/1_ Spllnell,
SM: E 'iorbCl rle lelt."/lzorul rneu, E
': r!','a carp nLl
TM. Ce ;lIIurne" mal preCis)
SM: CUIOlrh-> Slllll lirak
TM:.'..c;t,ll' !!lllll"
SM: Nu M,-l1 L'1I"p $1 UII lfJomol
,"ilJ(!dl
TM: 61!1('
SM: r..1. : rl:p,H,-j"!
TM:'/,) lli11l1t pi' UIH:.'V:1 I;dl 111:11
eLi Plltll1(j
SM: Mliitulllf's\' AI uUIi',1 S;) VIII;)
<lSl/1 SPilr;-)"; vr';C!\j Sd plUfr]
we:.-,I('rll 1.11 (j,:> Cdll,II',
TM: \,'CllldfY U' p!)1
SM:
138
139
I LECTIA 23 1aRE!:;ELI • aLi ERRORI I UNITA 23\
LECTIA 23

aRE!:;ELI • aLi ERRORI I UNITA 23 ]
2,-11 SllO orOlogio ritarda
3.-La m8ssa a fueco della Sua mac-
china fotografica non va bene.
Adesso inlerprell II IUolo dl Ull lUllS
la. I dialoghl sono l/leis. sulla cassel·
la
1.-11 suo rasclo non lunzjol1a
(T): Puo ripararmelo?
(Te): Faro del mio megtio.
(n: Quanta tempo ci voml?
(Te): Tarni domani.
(n: Grazie.
Acurn inlerpreta!i tOlul unui tuost.
O,alogunle sunl i'nreglsuate pe
caseta.
l.-Aparalul dumneavoaslra de (as
nu IUflCtioneaza: blne.
2.-Ceasul dv. imarzie.
3.-DispozililJul de clanlate a!
aparatului de fotografial nu merge
bine.
?
,
f

,
iJ
.,
I
(bene)
,
-
rotta
rolla

..- ....._-.,..,-- ---,--
II malare I
La lnzione fUflziona
, ;
non ,. J
t freni I Ii
Le marce ' funzionano
.,_J!__ ...L .J
l
rT"j'rue':;'ultore ,.---. ,
I II mio fasoia
t ILmio.asclugacapelli -----i eo
I La f.bbia I
-,
asc:lugacapelli := usc:nor de (Ioen)
3, Come chledere una riparazione 0 un pezzo dl rieamblo,
Cum cereti 0 sau 0 piesa de schimb,
[
- ripararmelO?
ripararmela?
Puo
cambiarmeli?
__ __,_
Exercitiul2

Daca dv. ar Ii in pana, ar
trebui sa lelelonati penlru a cere
ajutoL Cili!i dialogul urmtllor care va
l/a servl drept model apot asculta!l
casela.
Esercizio 2
Se la Sua macchlna losse glJ3sta,
blsognerebbe telelonare per
chledere aiuta, Legga it d!alo90
seguellle ehe servll a da modeilo e
pal ascolti la cassella.
it = mase. sing, - II mto telel/isore.
la = lem. sing. la mia zuppa.
i = lllasc plural - I miei lratelh.
Ie = lem. plural - Ie mie smelle.
EXERCITII • ESERCIZI
,
acesl dialog. Ascohi queslo dialogo.
Tecnica!o (Tel: Btlon giorno, signore/a.
Turista (1): Buon giorno. Mi puo aiulare? II mio asciugacapelli non funziona
bene,
(Tel: Cos'ha?
(1): Fa un strano rumore.
(Te): Ah
l
Exercitiul 1

Esefclzio 1
Impiegala dell'ACt (I). Automobilista (A)
I: Pronto. Automobile Gklb d·ltalia. Boon giomo.
A: Buen glome. Mi puo aiutare. per lavore?
I: Gasa c'e?
A: La mla macch,lla non va.
I: Dov'e?
A: Fm Givilaveccilia e Rama.
I: Ghe Upo di macchina ha?
A: Ho una Polo
I: COlTIlJ 51 rhltlllla Lei?
A: Hmzag, H·E·A·Z·Q·G
I: Casa 113 esattanwnle 13 Sua tllClccllina'}
A: La cinghia del ventllatore e ro11a.
I: Ha la lesser a d(diACI, signor Herzog?

140
141
A: No, rna sono membra dell'ADAC.
I: Rimanga vicino alia macchina. Le mando subtlo qualcuno.
A: Grane.
I LECTIA
23
1GRE!?ELI • GLI ERRORI I UNI;A 23J
Adesea pot surveni incidenle $1 09nl tanto succedono dcyh lllClden-
aluncl Irebllle s::l $lqi sa v::l SCU13!i Ii e allora blsogna sCUS3rSI
CU eon coneSl3
Exernplu: Sono veramenle spi3eenle.
(Esernplo) Ho rotto una lazza. Le ehiedo scusa.
Dialogurile sunt inregistrate pe
case1a. roJul unu! turist
servindu-vi':l de informatiite lurnizale
mal los.
I.- Mercedesul dv. 190 esle in
intre Bergamo !.?i Cremona. Crede!i
c<l aSle yorba de baterie, care s-a
gotit.
2.- Audi 100 al dv. are a pana inlre
Breccanecca Cogorno. Radialorul
esle defect.
3.- Fordul SIerra al dv. are a pana
intre Empoli !?i Pisa. Maloru! 'ace
zgomole ciudate.
Exercitiul 3

I dialoghi sono Incisi suJla cassetta.
Assuma il fuola di un funsla serven-
dosi delle Infonnazioni farolte qui
sollo.
1.- La Sua Mercedes 190 ha Ull
9U3510 fra Bergamo e CreIllO/l;l. Lei
pensa che sia ia callana che e
scarica
2.- La Sua Audi 100 ha un guasto Ira
Breccanecca e Cogorno II radiatore
eratto,
3,- La Sua Ford Sierra tla un guaslO
Ira Ernpoli e Pisa. II rnotom fa
slrani rumor!.
Eserclzio J
I
..
I
·1 LECTIA
23
1GRE!?ELI. GLI ERRORI I UNITA
ASCUlTATI CU ATENTIE. ASCOlTI
Aseulla!i uhlma parte (Parte quarta) a primului lext (Scena prima) !?i
la intrebarile urmatoare. Daca dorqi, lasa,i sa se deruleze intregul
text din Scena prima. Ve!i ti surprins Gilt de multe lucruri a!i putut intelege
lnlre limp.
Scena prima
Parte quarta
1. Che cosa mangia Marco dopo i cannelloni?
2. Perche la zia dice che Marco era malta leslardo da bambino?
3. Quari sana i clienti plIJ difflCiri per Marco?
4. Cosa pensa ra zia del eiba inglese?
Acum ineerca!1 sa va scuza!i pentru Adesso cerchi dl per gil lrl-
incidentele in$ir3le mai jos. eidenli elencati qui sollo.
a) Ali span 0 vaza (rOlla un vasa).
b) v3rsat vin pe tala de masa. (rovesclato del vino sulla
!ovagHa)
c) A11 pierdut cheia locuinrei. (pereJuto la Sua Cht3ve)
d) Ali ars cuvenura patulul care s-a ga.unt. (bruClalo In copena eJel
letto che si e bucata)
e) Atl l::lsat apa din vana sn curga pe jos. (lascl<:lto lra[)occare
racqua del bagno)
I) Ali calcat pe pisicti {peslato II gatto}
142

:1
'I
I
1 143
L
LECTIA24
,
BOll. LE MALATTIE
,
UNITA 24
I LECTIA
24
1
BOll. LE MALATTIE
,
UNITA24
DIALOGURI • DIALOGHI
in aceasta lectie invatati:
• • •
• sa spuneti c<"l sunteti bolnav
• sa. descrieti simplomele unei boli
• sa intreball de medicamente impotriva unei boli
0: Capisen, Le consiglio di
re qualche giorno a Ip.tto i::.
niente calcio,
C: No, dotlom.

CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
QUALCHE GIORNO. Aeeastf1 expresie inseamnf1: cateva
zile chiar dacf1 substantivul giorno este la singular
La fel si expresia QUALCHE ORA FA = cateva are rna; inainte.
ora este la singular,
Ho
(Am)

,
1. In farmacia.
In farmacie.
a) Come descrivere una malattia poco seria.
Gum sa descrietl a boala usoara,
la pancla (stomacul)
MI fa male ,I cuore (inlma)
(Mil doare) 1<1 testa (carLl1 ),
______,_.,' ,Ia .• ",
Non nesco a clorrTllre, (Nu sil donn)
b} Come descrivere certi sintomi.
Cum s<'l descrieti anurnite simptorne.
.,.-._.. _'-- '- ..',' ',',"" '" _..•. " .'" '-".,'
l'lnfluenza (gnpa).
un'insolazjone (insolatlel.
il raffreddore (rf1ceala),
mal ell dentt (dureri de dlntl)
la febbrf! alta (febra mille)
la (Jlarr8Cl ,:dlaree'l.
II cataro katar 11;llall
. . ,
. 0: fnteleg, Vf1 sff1tuiesc sf1
neti cateva zile la pat. $i ff1rf1 tat-
bai.
c: Nu. domnule doctor,
Dialogo 2
Claudio (C). un dotlore (0)
--_._--
0: Che cos'ha?
C: Credo dl essermi slogalo 13
caviglta
0: Le fa molto male?
C: 51. rnollissimo.
0: Mi saprebbe clescrlvere questa
(Jalore?
c: MI fa male quando Canlllllt1tl,
Dialogo 1
Silvia Molinari (SM),
un farmacista (F)
SM: (AI tarmacistal Scusi Ha qual-
cosa per II mal dl fegato?
F: Che tipo di male 113 esalta-
mente?
8M: Ho la diarrea. E ho mal di testa.
F: Oa quando SI sente male?
SM: Ho la diarrea da len
F: Le do una cura per la diarrea.
SM: GrazJe
F: E deve comprare delle a.spmne
per il mal di testa.
SM: Quante ne deva prendere?
F: II dasaggio e I)ldlcal0 sui
to.
0: Ce aveli?
C: Cred c<'l mi·am scrantit (Iuxat)
glezna.
0: Va doare r<'He
C: Da. foarte fall
0: Ati putea sa rnl clescrietl
aceasta
c: Ma (Joare cand urnblu (pasesc)
Dialog 2
Claudio (C). Lin doctor (0)
Dialog 1
Silvia Molinari (8M).
un farmacist (F)
SM: (Catre farmacist) Seulati, Avell
ceva penlru dureri Ilepatice?
F: Ce fel de dureri avell, mal
precIs?
SM: Am diaree dureri de cap.
F: De cand va. simtili faU?
SM: Am diaree de ieri.
F: Va dau ceva irnpotriva diareei.
SM: Multumesc,
F: Pentru durerile de cap trebuie
sa luati asplrine.
SM: Cale Irel)Ul8 stl. iau?
F: DOZ3Jui e Indica! pe flacon,
144
j
145
------,
ILECTIA 24\
BOll. LE MALATTIE
-_._- -------,
ILECTIA
24
1
BOll. LE MALATTIE
,
UNITA 24
Ese,cizio 1
Dica clIP 1(' sCYlIlmtl p,ltk rlpi cc,,,Jc,
Le f<-UlllO mall! A:,clJlll i,l ".1":""'1\,1
per ta prOtlllnCIC'l
(i II hrdccio
7 13
8 l'orecctllo
Ii gll10CUliO
to ),1 gol"
Esercizio 2
147
Esercizio 3
Cf)lllrOUr Ie Slot' ... as;·otLln'"!l)
1<.1 cdsselln,
Irl!erprf'll II flll)lo rjl!II;; J11<l1:\l;1 ilPI
(,lldlu!J(l SP,OllPIII(! II rllnlu (Il" rlnr
!nlt' I! IIlriSO i-I\lltil';.1<,st>1I;1
EXERCITlleESERCIZI
,
Exe,ciliul1
_._.... -
Spune!. ca va dor pi"i'"!r
ale corpullll Asculfal1 mal. inr<ii
caseta pentfu pronun!lf!
I. la tesla
2, la gamba
II plPde
4 Ia m3l1O
5 la set lICllil
Ekerciliul 2

r Ml '-a-olaie- .-'--"-a-- -1;;;:---
I Ho la reuhre una selllrn;ma
.-.-,
__Ho la __ __ ,.
Dv ce ali spune r1ac:', Co::.a rhrp-bOO let 'jl!'.
t, All aveil dlnen de dUlll?
2 A!llllaru.:at pwa mulle r;uese?
3. Ali 1,);'1111 prea mull Vln
4. Ap ilV();:l tllSP?
5. ATI C'lveC'll1uren dp llIecllr?
6. All avea rehr:t?
7. A!l aVe'l PIl':IOIl/i Iw:ar?
8 Ali i-l\fea WI accidpllT"
!l A!I pe f.lF-l1ll!ll':h(}
CO.llrolillr va r:"lspllllsr,lrlie il${'ll!l;md
Ci'lSl'til
Exercillul 3
, _._..
IntNpretati rollJl IlOln.:l\'91 din
("\1;:JIOOlJl urm:\.tor Rolul doctOr! ilUI e
IiHP.Distral pP. casettL.
,




'.
I
,
-

-
,
J
1
,
I

I
--'
,
• _..
--,
,
_ __.'. •• _. ,__
_#. -- ,...-' •
Ie mor!>lcatwe
d',nseltl.
Ilflsolaziolle.
conlm
;
un·ape (.llulIl:l)
,U":l
--
primae;
! due volle al QIOfflO (de doua orl pe zi).
....;.... c;t9£C),i _. ._
.-- . '.,-'
---
- -- _.,_..
_.- la cavlgha. .
strapp;l!o lHl musculo {rntlndere de
storto II pol!'iO (SlJCII incheietura mainll)
__ r .._ • __ __
$0110 staID punlO cJa
(Am loSl intepat clc)
essennl
Credo dl
.,..' -
146
Dove Lf! fa male'}
Del quando Le la male·)
E'clfl rnolto tempo clIP flO !'iolln·'
Posso vcclerLe In lingua?
E'la f)rI!Tl<J voila rile ne solt»')
Le la malto male?
,
,
,
,
Ho
,

-
.-
una pnmala
qllalcosa
un lubello rli asp.,ine
uno SClroppO.
delle piliole
una medlculCt.
.. ,, __
,
__
2. Oal dottore.
Lri mediC,
i ,-"- -.r_ -_." ---
mal dl schlena (spate,
mal dl oeoti.
lll;lle alia g;unl)H 'plclor).
illale all ._.
,"- _..
-
.-
, -
-- --
i
,
,
le daro
,
,
IVtl VOl cia)


!
Lei segue una cura?
l' -"-. -,,- '._'--'- .-.-
, Prenda questa
t (lU3!1 asta)

[ LECTIA 241
BOll e LE MALATIlE UNITA 24
LECTIA 25
,
iN CONCEDIUe
LE VACANZE
---_. __.•..__..

UNITA 25
'. -----
Malata
1 Salutl II donore
3. Olea ehe Lei ha mal di gala.
S. Dica ehe e cOJnlnclalo due giorni
fa.
Dottore
2. Cos ha?
4. Da quando ne solre?
6. Le darb qualcosa.
in aceasta
• sa vorbiri despre planuri de viitor
• sa va exprirna!1 Inten\iile
DIALOGURI • D1ALOGHI
Dialogo 1
---_._._..-
Piero Banfi IPS), Wid 1"III(:q<l ie.
-_.-
C: Parte I'('r Ie ;;-lC;1I12P (jllF':-;! ;H'
110')
PB: 51 eertC]
C: '/a In <'11\).'1'1(")
PB: No PartlCliliU In fUji)I:."
C: \/,1 VHrso II Ilord (I '<f'rs" <! ",uli'
FA CALDO = e cald: FA FREDDO = e frig
Trentino - regiune in Alpii Doloml!1
,

Dialog 1
Piero Banfi (PB). 0 colega (C)
C: Plecati in concedlU in acest an?
PB: Da, Desiguf. (Blnein\eles).
C: la hotel?
PB: Nu, Plectlrn cu rulota.
C: Mergerl SlJfe nord sau spre
sud?
PB: Daca e cald ramc'mern la Tren- PB: 5e fa cdidtl rlflkHfl'I!):' 'II TIH'
tina. Dar. probabil. vorn merge tlrlC1 Mil pl"IJd!lllllH'·r1li:' dl'r1f'.'
pe Coasta Adriatlcli, fTH) sull" Cl,o;I" A(lrl;\lli.:;\
c: bine COClsla C: Conus!;!' beJl" 1,1 C('Sld
AdriallclI? Adr!,I:ora','
PB; Da. Cunosc un mlc camplflq PB: 8, CIHHIS('O WI I);{:i L'
aproape de Rlmlni. peqr.pOo"UI II) ;'l Rw

ASCULTATI CU ATENTIE • ASCOLTI
• •
Ho mal di schiena: Ire settimane,
Ho fa diarrea: ieri.
Ho mal di denti; Ire giomi.
Ho la febbre: due giorni.
in aceasltl. Jeqle incepe 0 noua sceneta. (Scena seconda), Ascult31i partea
intaia (Parte prima) de alalea ori cat va eSle necesar ca sc'l puteli r<1spunde
fa urm<'i.loarele lntreba.ri:
Scena seconda
Un invito a cena
Parte prima
1. Perche Claudio e a Milano'
2. Perehe non ha partato i bambini?
3. Ghe GDSa propane Elisabetta a Claudio?
4. Quanta tempo ci vuole per anivare dall'atbergo di Claudio aHa casa di
Ehsabetta e Mario?
5. Perche Mano dovrebbe arrivare prirna delle otto?
Dialog 2
Doamna PeccI (SP),
vecina ei (V)
Dialogo 2
La SI!JJl()fil P01 ISP
la sua VIC1I1;1 {'/I
V: Plecali in concedlu in acest afl.

SP: Da. Vorn pleca in aprilre
V: Penlnl cat tlmp plf!Cati'i
SP: Vom fi plecall lIle.
V: Unde mergeti,
V: Panl' pi" i,' '. i.:o· q ,II",'
';Iqn(>fd"
SP: 8, P,'Hl'ri'!Tl' ',' 'II"I!'"
V: Pf'l """,,' i,,'in.!,:,'
SP: S!;,,'''I'', .,'" ';,."".'" '..J"."
V: J()';".<1 ';'(jr"",r,i
148
149

LECTIA 25
,
,
IN CONCEDIUe
LE VACANZE
--------.------
,
UNITA 25
'- -------+-
in aceasta
• sa vorbiri despre planun de viitor
• sa va exprima!1 Inten\iile
DIALOGURI • D1ALOGHI
Dialog 1
Piero Banfi (PB). 0 colega (C)
c: Plecati in concedlU in acest an?
PB: Da, Desiguf. (Blnein\elesl.
c: la hotel?
PB: Nu, Plecam eu fulota.
C: Mergerl SlJfe nord sau spre
sud?
PB: Daca e cald ramanem la Tren-
tlnO. Dar. probabil. yom merge
pe Coasta Adriatlcli.
c: Cunoasletl bine Coasla
Adriaticll?
PB: Da. Cunosc un miG camplrlq
aproape de Rlmlfli
1
Piero Sanfi IPS), Wid ie,
--..- ,---- -
c: Parte I'('r If' ;;-lC;lII2P (jllF':-;! ;H'
110')
PB: 51 CenC]
c: '/all1 <'111,)('1'1(\")
PB: No PartlCliliU In
C: V,l vprso II nord (I '<f'rs., '! ":>uli'
PB: 5e fa cdliJt\ flflklffl'I!):' 011 TIH'
tlrlC1 Mil pr',IJd!lIIIIH'_"1li:' ,1I'r1f','
fTH) sull" Cl,,,;lo1 A(I'I;)ll":;)
C: Conus!;!' bellI' 1,1 COSld
A(!r!,l:ora','
PB: 5, C(HHIS('O W1 I);{:i L' ';111'
Df'qrl'C' '0"(,1I11'I?l R,,,'
,

FA CALDO - e cald: FA FREDDO - e frig
Trentino - regiune in Alpii Doloml\1
Dialog 2
Doamna PeccI (SP),
vecina ei (V)
V: Plecati in concedlu in acesl afl.

SP: Da. Vom pleca in aprilie
V: Penlnl cat tlmp plf!Cate
SP: Vom fi plecall 1I1e.
V: Unde rnergetl,
Dialogo 2
La sl!JJ1nr<" P('I ISP
la sua VIClll;1 {'/I
V: Partl' pi" " i':"Sl ;11",'
slqnord-'
SP: S' P,'Ul,ri'111' ,- 'II"I!':'
V: Pf'l """" - i"ln,I(:'
SP: S!;1r'"I''' '.',. ,;,,";.. '" '-j".,,,
V: J(>;,·.d ';.q""'d,;
149
-
---
LECTIA 25
,
iN CONCEDIU-
LE VACANZE
L
1
UNITA 251
I
L __
,
IN CONCEDIU_
LE VACANZE
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
1. Come fare domande per sapere qualcosa sulle intenzioni del Suo
interlocutore.
Ce intrel)3rr sa pune!1 pentru a alia ceva despre Intentille InlerlocUlorului dv
2. Come esprimere un·intenzione.
Cum sa exprirnalr 0 Intent ie,
-- ..
,
'.' -'

In aprrlc,
con la rulotte,
qllllld!CI_ glomi_, _"
In Brel<lona.
sulla COS18
'II FrallCI'-.l

111 M(lrocco
(l T;iIlqen,
II: montauna
III Svizzer<1
, ,,',-
Ulla settll11ClIla in Val {i'Aosld,
molto
qlllflCllCI
a Pl8cll
eielle 911(' 111 tlll:lcletl,l
ill ll1ilcctlina.
--
Vado
AI1CJlillTlO
Fi-lro
FareiTlo
Passero
Pasererllu
Restero
Restererno
Anura
AndreIT10
Lpi VA COil qualcllllO')
COflle.,iauq;:'rCl'1
COSCl tlCl IntellZ10lW dl fmfl'l
-- .. ..
Partlro
Parllremo
SP: 10 e lTliO rTli:lrIto <lllrllClllhJ III
Maroc(;o,
V: A Tcmgeri?
SP: Si, A Tangeri.
V: E' ulla cillCl molto 1I1teressanle!
SP: Si Credo
V: COllosce II Maroccn';
SP: No, Per Illenle. E-Ia pnrn3 VOlt;l
V: Cosa 113 If1tellZlon0 dl (am'
SP: Be', vOtJllarno 1111 ro"di
mare. sfwro. E anOra a VISil8rp.
la CaSI)at1,
V: Ah, SI L:1 Cilsball E Il\olto Inle-
ressante,
SP: Conosce belle II M,uocco')
V: All. SI. Multo belle, 10 e rnlo
marito CI andi,lIno spesso,
SP: Davvero?
SP: Eu 51 so!ul Illell
Maroc.
V: La Tanger?
SP: Da. La Tanger
V: E un oras foarte 1I11eresant.
SP: Da. Cred (Presupuflj.
V: Cunoaslell Maroelll?
SP: Nu. Deloe E pwna 0;)(21
V: Ce Intentlonati s:J. faceti?
SP: P<"J.i. vrem s;'l, tacern plaJa Mi
eJe mare, Si VOl merge sa vlzitez
Casbah-lil.
V' A. (la, Caslxlh·ul. E !oarte inte-
res3nt
SP: CUlloasleli bille MaroeLli?
V: A, da Foarte bine Ell 51
barbatul mell mergern acola
des,
SP: Intr-adevar'l
Lei I-larte per Ie vacanze (quest'anno)?
Sicuramente
Certo Sigur (far<?l indoial8)
Senz'altro
Probabilmente
Forse Poale (nu se stle)
Non eSICurO
SClera (VOl sctlla)
Sciererno (Vam Scilla)
Pesc)lero (Voi pescul),
Pescherelllo (Vom pescui)
EXERCITII • E5ERCIZI
,
Per quanta tempo partite?
Dove va?
Lei va solo,/a?
Lei va can sua l11oglie
7

Exercitiul 1
-------"...---
lata cateva mijlodCe de tr;lIlsport
Esercizio 1
ECCll del rneZlI ell trans porto.
151
150
Exemplu. Pang. - aereo.
(Esemplo) l'anno prosslmo vado a Parigl. Partlro in aereo.
1. . Irena S. Vienna· Ireno
2. Londta - 3ereo 6. Dover· hovercraft
3. La Corsica· battello 7. Copenhagen· treno
4, Rom<.l rnacchlna 8. II Cairo - aereo
IN CONCEDIU-
LE VACANZE
UNITA 25 ]
I
I LECTIA
25
1
,
IN CONCEDIU_
LE VACANZE
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
A.seultal; part:a a (Parte secoda) a lextului al doilea (Scena seconda
dIn nou de alalea on pant! 'Ie!, pulea raspunde la rnlrebarile urmatoare ).
Scena seconda .
Parte second.
1. Che mesliere'a Claudio?
2. Perehe eimportante ehe Claudio sappia parlare I'lngiese?
3. Che c?sa fa vedere Claudio a Mario e Elisabetta?
4. Perehe a Mario piace fare II giardintere?
5. Che mesllere vuale tare il tiglio di Mario e Erisabetta?
i
I
,
,
UNITA 25
Pan(ro in macchlna.
In aereo
col trena.
In battelle.
con illraghel1o.
con rhovercraft.
In btciclel1a.
Lei visitera i luoght erencari qlli 50110
con i mezzi di Ifansporto tndicali.
Esercizlo 2
Ascolti la conversazione seguente.
poi parh dei Suoi progeni per !f
ferie. II Ulolo A einciso sulJa cassetta
P. Iocca a lei interpretare it ruora B
'.101 plec<l ell m<l:SHla
ell aVJof'lul
ell lrenol.
CLI vaporul
ell terry-boal-ui.
ell nav:! pe perna de aero
ell blClcleta.
Exerciliul 2
,
Ascul1atl converSa!l3 urmatoare.
apol vorbili de proieClele dv. de con-
Cedill. Rolul A p-ste inregislral pe
r:aseta Vt>. reV'ine sa imerpretal, ralul
8.
'Ii':, ..·llIla loew,)e din !JSlrt de mal ios
ell mlJloacele cJe Iranspon enumer3·
lH
Ruolo A
1 Dove '1:1 LeI tn lene quesfallllo?
Rualo B
2. (Oica dove va).
3 Per qU<lnlo ternpo parte"
4. (Oica per quanlO lempo)
5. Va (da) solo if)
7 Can chI' mezzo vlaggia?
9, C!1e cos" hil tn1e'lllonc dl lare
(Iurilnle Ie ferie?
6, (Oica se parte con qualeuno).
8. (OlGa eon mezzo viaggla).
10 (O,ea cosa vuole lare).

152
,
153
I
DIALOGURI • DIALOGHI
INVITATIILE • GLIINVITI
,
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
P: Inl!1l!, cosa lal Clllllldfli Si'I;1 I
I: Durnani ser,:f) NI':'IlIL'
Perche?
P: An(llalOo al ClnCll1.l? C e 1'l1Ia
la DoIce-- al LUIOII!f£'
I: E Ullil !)UOl1<l 1(le:I. tJ, vli'HI d
premiere
P; O'accordo
I: Un altll110 011. 110. (lIJ!Ildlli pon
va 1)E'ne, Devll IIlCUIlITdrt!
iliTlICI cll Filippo,
P: Ctle per:calo Un allra voila.
lorse
I: 51. lin allra voila
_______11&----..,
\l/5
I: Oil. al1arlall'i
P: E Cum \,001 flIe'!Je? P: Che 1l1eravIgli;J' ConlP V;;11110 It'
case'
I: SunlPll1 bll'e (}111;1I1(j(J1 IHultu· SII<lI'110 l)ellP 1l11l e dlk,'. qr"lll'
mesc,
P: Irene. Ctl :ilCI Ill;'lI/1e SA;lI,,'?
I: MIm,c seafCi? la Slill . NUI1IC. De
co?
P: Mmgem la Cinema" Ruleaza
-'Irma cea dulCe lUllllele
I: BunA Idee. Vil sCi ma 1('1 de la
hOlel?
P; De ..cord
I: Un morn(lili Nu. rn;lIne Ill! e
!)llle TrebUifl s<"l il1ta.llwsc
clIlJrleWTlI de Ai 1111 Filippo
P: POilU' ;'iltitdal{t
Si.
No, mi dlsplacf!
Nlenle. perche?
1. Come chiedere se qualcuno e libeto pet acceltare un invito.
CUln tlltreb<lp rfactl clneva estf! hbcr penlru a accept" 0 IIlVltallP
.. - "'-. .. -"
Sei Ilbero slaser,.;? \
Lei e libera daman!? ;
._-- -.. lai domCl.ni sela? 1
Che cos<i \
la leI queSlu weekend? ,
, . ,..I
',---
[LECTIA INVITATIILE • GLIINVITI 2_6'
,
I
,
.- "
,
UNITA 26
Dialogo 2
PaHlZla Pecci (P). Irene ,II!...)__
P:
I: prOIllO. Posso parlare can
PalnllB Pecci. per lavore?
P: Sana 10.
I: Palflzla, sana io. Imoe.
P: Irene rna sel a Parigi?
I: SL sana a Parigi con Filippo.
E'qU! per affan.
Dialogo 1
Plero Sanfl (PB). Silvia Molinari (SM)
- ._-
5M: Pronto,
PB: Pronto sei lu. SilvIa?
SM: 51. Sana 10. Plero. Buon giorno.
PB: Buon glorno 5el hber<! stasera?
511.1: 5lasera? 51
PB: Vuoi andare al concerto?
SM: Quale concerto?
PB: C'e un concerto di Jazz al Grand
HOTel. Gi andlamo?
511.1: Si. MI farebbe molro piacere-.
PB: Bf!ne. Ci Iroviamo nell"atrio.
SM: Va bene. Nell"atno. A che ora?
PB: Aile alto
5M: O'accordo. Aile otto.
PB: Arriveclerci, SilVia, A stasera.
SM: Arrivederci, A stasera.
in aceasla lec1ie inv3tali:
, , ,
• stt lace!i 0 Invila!le
• sa relllZ8!1 politicos a 1I1\11talie
154
Dialog 2
P<ltrlll8 PecCI (Pl, hene (I)
---- ..-
P: Alo'
I: Alol Pot verb1 ell Patflllil PeccI.
,,:trag?
P: ELlsun!.
1: PatrizlCI. slJnl eu, Irene,
P: Irene. esti 1:1 Pans?
I: Da. sunl la Pans cu FiliPPO, E
aici pentru afar:cn
Dialog '.
PlI'lTO Banll (PS). Silvia Molinari (SM)
SM: Alo'
PB: Alo' Tu esll Silvia?
$M: Da. ell sunt. Plero. BlIna Zlua.
P8: Buna ziua. E$-tlliber<'l diseara?
SM: Disemt'i? Da
PB: Vrei sa rnergi la concert?
SM: Ce concert?
P8: E un COlleen de jazz la Grand
HOlel. Mergem?
SM:Oa ifni va lace muna placere.
PB: Bine. Ne intalnlln in loaler.
SM: E bine. in faater La ce onP
PB: La opl.
SM: De acord. La opt
PB: La revellere. $lIvl<.1. Pe diS8<lra.
SM: La revedere. Pe rllsear<'l,
,
I LECTIA 26
,

ILECTIA 26!INVITATIILE • GLiINVITI
I LECTIA 2611NVITATIILE • GLi/NVITI LI_U_N_IT_A_'_26_
Nell'atrio.
A che ora?
lSi, con Piacere·1
Non sono libera/-a.
Esercizlo 1
Qui sotto ci sono tre punti di parten-
za indicati da un asterisco. Segua Ie
freece per vedere quanto conV8r-
sazioni pub cosruire.
Dove ci troviamo?
D'accordo.
Mi passi a prendere?
r
I*VUOi andare
I al cinema?
1E' impossiblle·I ·,I *Andiamo al bar? I
EXERCITII • ESERCIZI

L---_IO.K. A elle ora?1 I Aile otto.
-I Quandoci
!Davanti a!
IMollo bene. Arrivederci.I ..J
l"'Andiamo a un ristorante?l--ID'accorcta Quando l--I Va bene. stasera.1
Peccato.
iovedi non va bene.
]
------1 Venerdi. forse? !----IE'possibile,
giovedl?

Mai jos sunt lrei puncte de ptecare
indicate de 0 stelut<,t
direC1ia pentru a vedea
cate conversatii puteti construi.
Exercitiul 1

vedere?
..
senlire?
VUOI
vuole
non paso.
eImpossibile.
non epossibile,
Mi dispiace,
Sono spiacente,
Mi SGusi,
Grazie, rna
Sfortunamente.:..-__-' -'
156 157
4. Come rlfiutare un invito.
Cum sa. refuzati 0 invitatie.
3. Come accetare un invito.
Cum sa. acceptati 0 invitalie.
51. con piacere.
D'accardo.
Rimaniamo d'accordo cosio
Molto bene.
Perche no?
E'una buona idea!
2. Come lnvltare qualcuno?
Cum sa invitati pe cineva?

Vuoi andare al cinema
Lei vuole al concerto
domani?
--"-'-" •
Andiamo I
a teatro
!
questa pomeriggio?
----_.. _.
!
Le andare all'opera
----1
stasera?
tarebbe
I
---
venire
i
dame
placere
;
> ._--_.


Quale film i
Quale commedia ;
Quale s ettacolo I
Quale concerto - '-j
I
i LECTIA 26 INVITATIILE. GLiINVITI
, '
__..-

, .
l UNITA 261
" .
INTALNIRI.
GLiINCONTRI
C'e un concertD 81 Grand Hotel CI andlarno?
CI troviarno aile selle P IT\t!zza'J
E' Ilbero stasera?
Esercizio 2
Una delle suoe collegtle Le lelefona
per propnrLe un appuntamento II
ruolo della collega eInCISO sulla cas-
setta. Interpreti HSuo ruolo.
DIALOGURI • DIALOGHI
Dialog 1
(G) (EIJ)_g.ulrlo (Gi
EV: Cle-lL)' EV C ' : IflU
G: Ciao EIlrICU
'
Ce mal fac!,1 G: CI;l() tnnco' COlm.'
EV: Stau l,inlsor, EV: Stu ilemJfle
G: Esli IiI18r maine? G: S81 nw:a Iil)ero doman('
EV; D<l, pima la pranz, EV: 51 fllwa mez..:oglurt10,
G: AI chef sa Joci tenIS? G: Hai voglia di a terIlS'"
EV; Cu placP.fp. La opt, ca dB obl- EV: Con plClcerP Aile nUo. come al
eel? solita?
G: De acord. G: D·accordo.
EV; Ne intalnlm 13 club? EV; CI ta)Vl,una <il c1llb
7
G: Foarte bine. Pe maine. G: Benissuno, A (JcHnal1l.
EV: Pe maine EV: A domanl
in aceasta leclie invatatl:
• • •
• propuneti a face eeva impreuna
• sa Slablhll laeul $i ora unor activilPlll

la conVerS,1llun8 Quesla
Slitl coil ega Le propnnp un
Rlpela
voila la
film
Collega:
Lei.
Collega.
Lei:
Collega-
Lei-
Coil ega Nt'11 atno.
lei- .", ... _
Collega- ArnvedRrci,
Lei. _ ,
COlwersatla De aceastc"l
data coleglJl(a) elv. va prop\Jl1e un
fIIIll
Exercitiul 2
,
Una ellfl colegele dv. lelefoneaza
pPfllru a va propune () int.3Inire.
Rolul colegei este inreglstrat pe
easela. Dv, Interpretati-v<1 singur(a)
rolu!.
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
. ,
Ascullatl .1ClIln ultima parte (Parte terza) a celui de at dollea text ($cena
seconda), de atalea ori de cale or! socotill necesar ca sa puletl r<?l.splHlcle
urm;)1oarelorintreb<1ri:
$cena seconda
Parte terza
, Cllf' t!po e la ragazz3 dl GHJVamll?
2 Pt,rr::tlp non pi;:JCp. a Mano (; Elisab8\ta?
3 CliP r::osa sUQUenscf' Elisallelta a Claudio prima dl salut<lrlo?
4 Ctw c()sa slIgqr'flsu' Inv('ce CI<lllc!IO?
CIAO! - Un salut nt:ifTlai penlrLJ eel apropl3tl.
CLl Ciao se poale s<=llula si cand Illtalnestl SI caml II.' dflsparJi.
Renelatl conversatia De 3Cf::as\<'l
uala culegul(fl) va propune 3d Vd
Illtainitl la ora 8
RlfJ8td la converse'ilIone Ouesl;-l
volta la Sua collega Le propnllP rll
l(lconlrarSI aile 8
,

Dialog 2
Anna Banll (AS),
Valena _
V; Am chel sa la laboc.
AB: Uncle esle?
V: La Ciliavarl III fiecare tJurnirw;J
e lJr1 talcloc {n Plata M;11171111.
AB: De co nil? UmJe I1P intall1lrn·!
V: Ascult<"l. CU!loslr Corso Gello·
va?
Dialogo 2
Anna S(l!lfr {AB;,
(V)
V: Hn dl andare al mercdlC,
(JHlle
AS: D'II/",I
V A Cllldvdri 0Ulll clomenled Cf'
lill Illl'rcato (jpllt: pilleI III PIClZ/d
M<llllll1l.
AS· PCI"·!l;' no'l Dove Cilroviamo':'
V: Ascult, Cnnosce Corso Geno·
11:1"/
158

I LECTIA
27
1
• •
INTALNIRle
GLiINCONTRI
I UNITA
21
1
, ,
INTALNIRle
GLiINCONTRI
,
UNITA27
Ci Iroviamo
AS: E in capa.tul cAii Tappani. ffil se
pare?
V; Da AI dreptate. Ei bine. pe
calea Tappani se aM barul
MSport". Putem sa oe dam
inta-loire aCOlO.
AS: Bine. De acofd. La ce ora?
V: La zeee. E bins?
AS: Da. da. Maine la barul "Sport'".
la zeee.
Dialog 3
Silvia Molinari (8M),
Enrico Verdi (EV)
SM: Am chef sa. fac 0 plimbflrica. Vii
cu mine?
EV: De ce nu? Vnde mergem?
8M: A!? vrea sfI pOI/esc pUlin an·
ticarialele de carti. 11i conl/ine?
EV: Ca..,i vechi... nu prea rna
enluziasmeazA.
SM: Dar mie imi plac mutt aceste an-
hcariate. Hai!
EV: Bine. de acord. Oar numai de
data aceasta. Unde ne intalnim?
SM: in lala galeriei Uffizi.
EV: mai precis?
SM; In lala inlrArii principale.

EV; De acord. Cand?
8M: 0 ora. 11i convine
EV: Bine. Peste 0 ora..
AS: E' in fondo a viale Tappanl ffil
sembra?
V: 51. Hai ragione. Ebbene. su
viale Tappani c'e il bar
Ci possiamo dare appuntamen.
to Ii?
AB: Bene. O'acCOfdo, A che ora?
V: Aile dieci. Le va bene?
AS: 5i, SI. Oomani, bar MSport'" aile
dieci.
01810go 3
Silvia Molinari (8M).
Ennco Verdi (EV)

8M: Ha voglia di fare una passeg·
giatina. Vieni con me?
EV: Perche no? Dove andiamo')
8M: Varrei guardare IJn pO'le Jibrerie
anliQuarie, Ti va?
EV: Oh. sai com'e! I vecchl librL
non mi enlUSl3smallO.
SM:Ma a me piaCCiOOO lanto quesle
librerie. Vienl!
EV: Bene, d'accordo. Solo per
questa volta, Dove ci Iroviamo?
8M: Davant; agli UffiZI.
EV: Ma dove esanamenle?
Sal: Davanti all'enlrata principale.
EV: O'accOfdo. Quando?
SM: Fra un·()fa. TI va bene cosi?
EV: Bene. Fra Uffors.
I
1
!
I
I
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
Hovoglla
Lei
Vuole venIre?
Vieni can me?
D'accordo?
Le va bene cosI?
2. Come proparre a qualcuno un appuntamento a una certa ora.
Cum sa. propuneti cuiva 0 intalnire la 0 anumit<'i ora,
Aile ono
" . Aile nove I?
Fra un quarto d'ora I va bene.
Le
Fra dieci minuti
Amezzoglorno meno un quarto.
A che ora ci troviamo? Aile tre e cinque,
Aile sette e ventL
3. Come proporre a qualcuno un appuntamento In un certo Juogo.
Cum sa propune!i cuiva 0 intalnire intr-un anumit Ioc,
Dove ci troviamo?
r----r-:;'::::,-----,
al club.
davanli al duomo,
at bar Carducci,
,

160
PASSEGGIATINA (diminutivul de \a passeggiataj '0 rnict'l plltTl-
bare, 0 plimMrica
,
,
161
Exercitiul2 Eserclzlo 2
,

UNITA27
I
Faccia delle conversazioni simi Ii ser.
vendosi delle informazioni seguenti:
• •
INTALNIRle
GLI INCONTRI
Lei elibera domani sera?
S
· h'?
I. perc e.
C'e un noovo film al Mignon. Vuole andarci?
Buona idea. Dove ci troviamo?
Davanti aJ bar Gristal1o.
Edove si trova?
In Piazza Garibaldi all"an9010 della via Martiri della liberazione.
Bene. A che ora ci vediamo?
Aile 7,30.
D'accordo. A domani.
Andrea:
Maria:
Andrea:
Maria:
Andrea:
Maria:
Andrea:
Maria:
Andrea:
Maria:
I LECTI!.
27
1

servindu-vtl de urmatoarele infor-
matii:

a) Cinema "Nuovo" - Bar "Corallo" - Mercato del Pescel Via Aivoli _20 00
b) Libreria Pane e vino - Bar "Sport" - Piazza della Fenicel Via Pra _4,30.
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
, ,
Cu leq;e incepe un nou lelet de ascultat (Seena lena). Ascullati
partea lntala (Parte prima) de alatea ori pana yeti constata ca puteii
r3sp!.Jnde urmc1toarelor intrebM: . .
Seena terza
A cas.: Problem; dl famiglia
Parte prima:
1.- Quali sooo i vantaggi della casa di riposo?
2.- Quali Ie obiezioni di Gianfranco alIa casa di riposo?
3.- Perch,e la casa dei Tenardi non epiu adana ad aspirare la nonna?
4.- Qual e I'obiezione di Lucia aJl'idea di avere la nonna in casa?
aile ore
,
UNITA 27
vi troverele
g) 16,00
h) 20,00
Diea che
seguenti:
e) 14,45
n19,45
c) 12,30
d) 19,30
• •
INTALNIRle
GLIINCONTRI
EXERCITII • ESERCIZI
,
a) 11 ,00
b) 17,15
Exercitiul1
,
Imaglnati-va ca cineva va intreaba lmmagini che qualcuno Le chieda
unde '1<1 veli 10taln1. un loe dove vi troverete. Proponga un
de intalnire. luogo d"incontro
Exemplu: COllega: Dove ci Iroviamo?
(Esempio) Lei: Ci uoviamo davanli al tealm?
Propuneti acum colegutui (colegeij Proponga adesso al Suo collegal
dv. sa in urm:1toarere 10- alIa Sua collega di trovarvi nei luoghi
curi: seguenti:
a) a/I'entrata del cinema
b) aJ Gran Gaffe Defilla
c) suna passeggiata a mare
d) al museo archeologico
e) sono i por'lici
f) davanli al duomo
g) nel parco della Villa Rocca
h) dallanti alia stazione
Eserclzlo 1
Immagini che qualcuno Le chieda a
che ora vi troverete. Proponga
un'ora.
Exemplu: Coli ega: A che ora ci traviama?
(Esempio) lei: Aile dieci.
Spune!i vA intalni!i la urma.loarele
are:
ca cineva va cere sA va
la 0 anum]ta ora. Propuneti-i
ora.
ILECTIA 27\
Exercltlul3
,
Ascultati conversatie:
, ,
Eserclzlo 3
Ascolti la conllersazione seguente:
162
163
I LECTIA
28
1
, --
IMBRACAMINTEe
ABB1GLlAMENTO
l UNIT/>.
28
1 I LECTIA
28
1
iMBRACAMINTEe
ABBIGLIAMENTO
UNITA 281
DIALOGURI • DIALOGHI
in aeeasHi lectie invatati:
• sa. cumparaii lucruri'de imbraca,minte 9i cadollri
2. Come descrivere queUo che vuole comprare.
Cum sa descrie1i ceea ce doriri sa cumparari,
c: Ha g;a qualche idea, signore?
EM: Ha 9ia abbastanza gioiel1i.
C: De( perfumo, lorse?
EM: Cosa mi consiglia?
C: Vendiamo motto d'Orien-
signOf8.
EM: Posso provarla?
C: Cenamente!
EM: Che buono! Ouanta costa?
C: 39.000 lire, signore. Vuole una
canfezione regalo?
EM: SI. per favore.
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
Confezlone regalo. Vanz<1torii vanza.toarele din Italia se strc':'l·
duiesc mull sa. faea frumoase pachete de cadou.
Domande possibi1i:
,

C: AVE!!i vreo idee, damnu'e?
EM: Are deja destule bijuterii .
C: Un parfum, IXl8te?
EM: ce rna sfatuiJi?
C: 58 cauta mult d'Oriente",
domnule.
EM: Pot sA-I incerc?
C: Sineinteles.

EM: Ge bun! cat costa?
C: 39.000 de lire, domnule. Dori\i
un ambalaj de cadou?
EM: Da, va. rog.
Di che cok>re?
Qual eIa Sua mjsura?
Che misura porta?
Di lana? Dl catone? Di seta?
.,
1. Come chiedere degll at1Jcoli di ablgTiamento.
Cum sa cereti articote de imbr:ic:iminte.
dei guanti?
(Lei) ha una camicia?
f- amaloni? --1
Cerco una- 9Onna.
'- ...I..-"":.:"-"m"'a lione rosso.
01810901
Anna Banfi (AS), 13 earromessa (G)
C: Buon giorno. signora. Posso
aiutafLa?
AB: 51. Cerco del guant!.
C: Si. signora. Qu::;.le misura ',wale?
AS: Credo di <lvere il nurnero 7.
C: Ecco dei guanti. Nurryero 7.
AB: Ah, no". Non Ii l1a di pelle?
C: Sl, signora. Ecco i Quanti di
pelle.
AS: U posso provare?
C: Certo. signora.
AS: Non ha la misura piu grande?
C: Certo. signora. Ecco.
AS: Molto bene. Ha la stessa misura
in btu?
C: Mi dispiace, signora. Non
abbiamo blu.
AS: Allam, non Ii prendo. Arriveder-
ci.
C: Arrivederci, signora.
EM: Buon giorno.
C: Buon giorno, signore.
EM: Gerco un regalo per mia moglie.
Dlalogo 2
Enrico Martini (EM).
la commessa (C)
Dialog 1
Anna Banli (AB), vanztnoarc (C) _
C: Buna ziua, doamna.. Pot va
aiut?
AS: Da. Caul ni!?t8
C: Da, doamna.. Ce dari!!?
AS: ered ca. am numa-ruI7.
C: lata. m<1nu9i numarul 7.
AB: A, nu... Nu ave!i de piele?
C: Da, doamnA. lata de
piele.
AS: Pot sa Ie incere (probez)?
C: Bineinteles, doamrta.
AS: Nu 0 mai mare?
C: Cum sa nu, doamM. lata..
AS: Foarte bine. aceea!,)i
rTIasura in albastru?
c: imi pare rau, doamna. Nu avem
In albastru.
AS: Atunei nu Ie iau. La revedere.
Dialog 2
Enrico Martini (EM),
v:inzatoarea (C)
c: La revedere, doamna.
EM: Sunil ziua.
C: Buna ziua, damnule
EM: Caut un cadeu pentru selia
mea.

164
165
bianco?
Non I'ha in grigio?
.
roso?
la
misura
piu grande?
Diu ciccola?
una
Nonha
grande?
niente di piu
piccolo?
,
UNITA28
Eserclzlo 1
. "
IMBRACAMINTEe
ABBIGLIAMENTO
Alcune frasl utili:
Posso provarlo?
Questo non mi piace.
Lo/La/LitLe prendo.
Quant'e?
Quanta castana?
EXERCITII • ESERCIZI
Exercitiul 1
,
Citeva propozi'" utile:
Pot sA-J iocere?
Acesta nu-mi place.
Olil/le iau.
Cat face?
Cat costa?
Imaginati-vA cA sunteli un am de Immagini di essere un uomo d'affari
afaceri in vizitA la Floren!a. A!i gMit in visita a Firenze. Ha trovato un pic-
un mic magazin pe Lungarno. colo negazio sui Lungarno. La com-
VanzAtoarea vA prezintA cateva messa Le fa vedere, parecchie cose
tucruri ~ i dv. a intreba!i de pretu1 e Lei chiede il prezzo di ciascuno.
fiecAruia. Deoarece cumpara!i un Visto che compra un regalo per Sua
cadou pentru salia dv., cumparati moglie,. compra solo case che piac-
numai lucruri care plac unei ciono a una donna. Non compra
doamne. Nu cumparati nimic pentru niente per se. Ecco due conver-
dv. lata doua conversatii - model. Le sazioni modella; Ie trovera incise
veli gasi inregistrate pe caseta. sulla casssetta.
Exemplu: Commessa: Ecco una gonna molto bella.
(Esempio) lei: Quanta costa?
Commessa: 95.000 lire.
lei: Bene. La prendo.
Commessa: Questa cravatta eelegante.
lei: Quanto costa?
Commessa:25.000 lire.
lei; Grazie, non la prendo.
gonna = fusta.
Acum formula!i dv. conversa!ii ase- Adesso formuli Lei delle conversa-
manatoare. zioni similj.
Commessa; 1- Le piacciono questi calzini? (ciorapi)
2- Le posso proparre questa collana? (colier-Iant)
3- E questa camicetta di seta? (bluza de matase)
4- Questa camicia eelegante. ( c a m a ~ a )
ILECTIA
28
1
UNITA28
nailoo.
Guoia.
rasa.
lana.
di
iMBRAcAMINTEe
ABBIGLIAMENTO
piccolo/grande/stretto.
E'trappo iccola/ rande/stretta.
piccoli/grandi/stretti.
Sono trappa iceolel randi/strette.
LECTIA28

4. Come chiedere un consiglio.
Cum sa. cereti un sfat

un signore.
un regale
' mia moglie.
Cereo
per mio marna.
qualcosa
una ragazza.
un neonato.
giallo = galben
blu scura = albastru lnchis
cuolo = piele de vita.
raso = neled
3. Come chiedere qualcosa dl dlverso.
Cum sa. intreba!i despre altceva.
azzurro.
giallo.
nero.
i136.
•(in)
rosso.
i13a.
Porto
blu scuro.
il40.
verde chiaro. i142.
166
167
I LECTIA
28
1
iMBRACAMINTEe
ABBIGLIAMENTO
UNITA 281 I LECTIA
28
1
iMBRACAMINTEe
ABBIGLIAMENTO
I UNtTA
28
1
lata. 0 lista. de pe care darili Ecca un elenco di vestiti che vuole
sa. Ie cumparati. Ascuttali cOrlller- comprare. Ascolti la conversazione
!?i rostil'-va rolul. e reciti il Suo tuofo.
1. Una gonna • di coIone - (OSSO scutro - misura 38 - Non si
dimentichi di chiedere il preuo.
2. Una camicetta - di seta - misura 40 . giaHa.
Citi!i aceasta COflvefSatie-model. 0 Legga questa conversazione - mo-
yeti gAsi inregistrata pe caset:J. dello. La trCJVera incisa suna casse"3
Commessa: Che cosa desidera?
Lei: CereD un maglk>ne.
Commessa: Qual ela Sua misura?
lei: Porto i14O.
Commeasa: OJ lana?
Lei: Si, di lana.
Commess.: Oi che colore 10 vuole?
lei: Blu scure.
Commessa: Questo emolta bello.
Lei: 51, mi piace molto. Quanta costa?
Exercitiul 2
,
esercizlo 2
Certamente. signora, 10 spogliatoio Sun! prea mici. Ceva mai man
edi qui.
Mi dispiace. signora. Sono gti unici saJutati.
che abbiamo in marrone.
ASCULTATI CU ATENTIE • ASCOLTI
, ,
Ascutt3!i ultima parte (Parte seconda) a celui de aI treilea text (Scena terza)
I pana caRd yeti pulea raspunde la urrrultoarele intrebari:
Seena terza
Parte second.
1. Quale aspetto della vita delta nonna preoccupa Gianfranco?
2. E quale altro aspetto preoccupa Paolo?
3. Com'e rappartamenlo della nonna secondola signora Chiara?
4. In inverno che cosa fa ra signora Chiara per aiutare la nanna?
5. Quali problem! creeral'offerta di Gianfranco?
\ nonna
lnverno = larnA.
;
Exercltiul 3
,
Imaginati-va ca. suntei;i 0 dienta iotr-
un magazin. CumparCl!i pantaloni.
rolul in conversa!ie.
Commesa:
Buon giorno. Cosa desidera?
Si, signora. Che misura porta?
Oi che colore 11 vuols?
Ecco dei pantaloni rossi molto
eleganti.
E questi pantaJoni marroni?
168
'\ Esercizio 3
lmmagini di essere una cliente in un ':
rtegQlkJ. Compri (lei pantaloni. Inter·
preli if Suo ruolo nefta conversazto·
ne,
Cllenta:
pantalom
Masura 42.
Ro!;>ii sau maro.
Nu prea va plac.
va plac. Vrel; sa-i probati.
I
!
l
169
DIALOGURI • DIALOGH.I
I LECTIA 29f-ONVORBIRI TELEFONICE·I UNITA
29
1
. TELEFONATE
in aceastil lecUe invitatl:
• • •
• sA va prezentati Ia reJefoo
• s:1 intrebati de cineva
• sa IAsati un mesaj
c: Grazie lante.
Y: Oi niente, signore.
C: Arrivederci.
V: Arrivederci.
01810go 3
Enr;co Verdi (EV), una voce (V)
EV: Buona sera. C'e Maria Grazia.
per favere?
V: Chi la desidera?
EV: Sono Enrico Verdi.
V: Un animo... No, non c'e in ques-
ta momenta.
EV: Ah, che
V: Ma non emica colpa mia!!
EV: Passo lasciare un mesaggio?
V: AspeltL
EV: Put'> chiederle di telefonarmi ij
piu presto possibfle?
V: Come si chiama, ha detlo?
EV: Sono Enrico Verdi.
V: E il Suo numero?
EV: 31.41.62.
V: D'accorda. Le chiedero oi
telelonarle.
EV: Grazie lante. Arrivederci
V: Arrivederci.
171
Posso lasclare un messagglo? Aceasta eSla in ltalia 0 expresie
standard rogi pe cineva sa Iransmita ceva cuiva.
,

c: mult.
v: Nu aveti de ce, domnule.
c: La revedere.
V: La revedere.
Dialog 3
Enrico Verdi (EV), 0 voce M
ILECTIA 29f-ONVORBIRI TELEFONICE.I UNITA 291
TELEFONATE
EV: Buna seara E acokl Maria
Grazia va rag?
V: Cine
ev: Sunt Enrico Verdi,
V: Un moment... Nu, nu e acurn
aici.
EV: A, ce neplacere!
V: Nu e vina mea.
EV: Pot lasa un mesaj?
V: A!?leptali.
EV: 0 puteti ruga sa-mi telefaneze
cat mai repede posibil?
V: Cum ati spus ca va. cheama?
EV: Sunt Enrico Verdi.
V: numlirul dv.?
EV: 31.41.62.
V: De acord. 0 voi ruga sa va
telefoneze.
EV; Mul!umesc mutt La revedere.
V: La revedere.
01810go 1
Silvia Molinari (8M), una voce M
SM:Pronlo.
V: Pronto, 51?
SM: Vorrei par1are col signor Banfi.
perfavore.
V: Mi dispiace. Qui non c'e nessun
signor Banfi. Ha sbagliato
numero.
SM: No. Non credo: non ho lana il
91.46.10?
V: No. Qui ei191.36.10.
SM: Ah, mi scusi il disturbo.
V: Prego, di niente.
SM: Arrivederci.
V: Arrivederci.
Cialogo 2
Claudio (C), Ul'la voce M
V: Pronto, chi cerca?
C: C'e il signor Brunetti, per
favore?
V: Un momento... no, non equi.
C: Posso lasciare un messagio?
V: Certo.
C: Gli dica, per favore. che Claudio
Borghioli ha telefonato.
V: II signor Borghioli. Gli dara il
messaggio.
SM:Alo!
V: Ala! Oa?
SM:A!} don sa. vorbesc cu damnul
8anti, va. rog.
V: imi pare rau. Aiel nu exista. nici
un domn 8anfi. Ati
numlirul.
SM: Nu. nu credo Am format
91.46.10.
V: Nu. Aiei e 91.36.10.
SM: A, scuza!i pentTu deranj.
V: Va. rag, nu face nimie.
SM: La revedere
V: La revedere.
170
01810g 1
Silvia Molinari (8M). 0 voce M
Dialog 2
Claudio (C). 0 voce M
V: Ala! Pe cine cauta!i?
C: Damnul Brunetti e acola, va.
rog?
V: 0 c1ipa.... nu, nu este aKj.
c: Pot lasa un mesaj?
V: Desigur.
c: Spune,i-i, va rag, ca. a teletonat
Claudio Borghioli.
V: Damnul Borghioli. ii 'Ioi trans-
mite mesajuL
---_.
EXERCITII • ESERCiZI

I
LECTIA TELEFONICEe [ UNITA 29
L __--,.__ TELEFONATE ._- ,
I
I
f-- ··_-t
!
Gli/Le pub
c'e Gianni alleleiOno? -'j

ha It signor Verdi?
telefOflero piu !Cirdi? . ._. _. I
,
telefonare jl signor Banll?
, chiedere di telefonarmi II piu presto pos:;ibilc:?
1_ .. _<__ __farmi una , ..!
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
1. Come dire chi It Lei.
Cum spuneli cine sunteti dv.
Maria Grazla.
Pronto. Sona Marino Doni.
Enrico Verdi.
ILECTIA TELEFONICEel UNITA
29
1
TELEFONATE
Fare una telefonata
Negli esercizl seguel1ti, Lei dov·
rebbe lelefonare ai numeri indlcatl-
Cerchi di farlo. magan raiUlo di
qualcuno. Per conlrollare Ie Sue
ascolll ia cassetta,
Eserclzio 1
Paolo Oentone
Negozio di ferramente, Fai da te, Casseforti. Via Fabio Filzi 2
Chiavari 31 81 96
A da un telefon
in Uv. trebuie sa
!elelona!i la numerele indicate.
'ncercali sa face!i macar cu ajlitorul
CllIVa. Pentru a contro!a r,"ispun-
surHe, ascultati casela.
Exercitiul 1
,

con la stgoora Pecci,
Posso partafe con iI Sign<>( PUchisso,
con la signorina Bini.
r favore?
2. Come ehledere dl p.rl.re con qualcuno.
Cum sa SPUlle1i c3 dOriti s:1 vorbiti cu cineva
Samuel9
Anna (per 'avore)?
L.__ nOf' Bini
ageJl!ia de gospod:J.rie Oentone. Prezenta!i-vA. stl
vOrbili eu domnul Demone.
Mario Carioli
Meccanica, Elettrauta, Montaggio antifurti, Via Aida Moro 62
Como 26 0048
Giuseppe Volpi
Falegnameria, Ebanisleria. Corso Geno\la 55
Pavia 30 32 03
173
Eserclzlo 2 Exercitiul 2
,
Chema!! tamplariaVolpi.Asigurati·va c<\ format bine numa-rul
Prezemati-va. Ali dari sa cu domnul Lelia, Afla!i cil damnul
Lelia nu este acolo. Dori!i scl-i l3Sa!1 un mesaj.
Exercltlul 3 Esercizio 3

(
per lei?
per la signora Pini?
per Gianni?
Der lui?
Posso lasciare un messaggio

3. Come laselaTe un messaggio.
Cum sa lasati un mesaj.
172
Scusi il disturbo.
Non enienre.
Un animo.
Mi disptace. Piero non c'e.
Lei ha Sbagliato numero.
Che nome delia dire?
Chi parla, per favora?
I LECTIA 2*ONVORBIRI TELEFONICEel UNITA 29 1
TELEFONATE .
LECTIA 291CONVORBIRI TELEFONICEel UNITA 29]
TELEFONATE
Suna. telelanul. Va. prezenlati !.>i intreba\i cine este la aparaL Ooam-
na care <:I sunat ar dori sa vorbeasca. cu domnul Rizzi. Domnul Rizzi
nu este acolo. 0 rugati pe doamna sa sune maJ Ifuziu
Exercitlul 8 Esercizio 8
,
Suna. lelefanu!. va prezenlati !.>i dati numa-rul dv. de telelan. Doam-
na care a sunal ar dori sa·i vorbeasca. domnului Pierantoni, pe care
<:tv. nu-I c3 a gre!?it numArul. Ooamna repeta
numarul pe care I-a formal. 0..... repeta!i numArul pe care-I ave!i !.>i-i
sDuneti doamnei cA a gresh:.
• • •
sa, chemafi casa Viani, pentru a vorbi cu damnul Carioli,
mecanic auto. Prezenta!i-vi:!.. Asigura1i-v:'J. ci:!. este eel dont
Ali numa-rul va scuza!i pentru deranj.
Exereltlul 4 Esercizio 4

Giacomo Savini
Impianli idrau!icl e elehrici, Riscaldamento
Via Fiorilli 4
Torino 65 02 201
Chematl instalatorul. Asigurati-va cA numarul este bun. Prezentati-
" .
va. Ati d()(i sa vorbiti cu damnu! Pucchisso. Nu este aCOle. Veti
" .
suna din nau mai tarziu.
Exercitiul 7
,
Esercizlo 7
,
Exercltlul 5

Esercizjo 5 ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
, ,
Dott. Nicola Bruni
Ottica optometrista, Lenti a camatto,
Via Vittorio Veneto 39
Trema 98 52 88
Chemati oplicianul. Asigura!i-va ca numa-rut format esle eel bun.
Prczentati.va.. Ali dori sa vorbqi cu domnul Binetti. Nu esle aeole.
Rug3!i sa va. sune mai tarziu. Dati numarul dv. de lelelon.
• A prlml un telefon
In exerciliile urmatoare dv. primi!i
teleloane. Interpreta!i rolut dv. dar,
daca vre!l. putetl inlerpreta ambele
roluri. Penlru a va conlrola raspun-
surHe, ascultali casela.
Exereltlul 6

Ricevere una telefonata
Negli esercizi seguenti lei riceve
delle telefonate. Interpreti il Suo
ruolo, rna se vuole pub interprelare
tutt'e due. Per conlrollarp. Ie risposle,
ascolti la cassetta.
Esercizio 6
in aceasta lectie incepe un ncu text de ascultat (Scena quarta). Ascul-
ta!i partea intaia (Parte prima) panA caM veti putea raspunde intreb:lrilor
care urmeaza.
Scena quarta
Una cena fuorl
Parte prima
1. Teresa e Maria hanna la stessa opinione sui corso di linguistica
all'universita?
2. Secondo Maria. perche Ie idee di Chomsky non sano originali?
3. Qual eil giudjzio di Maria sulle universita in generale?
4. Qual e il paSliccio che ha combinalo Maria?
Suna lerefonu!. va prezentati. Doamna care va. cheama ar dod sa.
vorbeasca cu domnul Busi. Damnul Busi nu este acolo. inlreb3!i pe
doamna care a sunat daca. nu vrea sa. lase un mesaj.
174
175
OBIECTE PIERDUTEe
OGGETTI SMARITTI
I_UN_I_TA_' __
ILECTIA 30 I
OBIECTE PIERDUTEe
OGGETTI S".ARITTI
UNITA 30 I
DIALOGURI • DIALOGHI
In aceasta lec!ie
• sa anlJnta\i a pierd8re sau un fun
• s;'} spune!i I;n.-le $.'1U dmd .a!i pierdut cC'·...a
• descrieli 0 silU8!ie .
1. Come segnalare una perdita 0 un furta.
Cum sa anun!8!i 0 pierdere sau un fun.
177
\laligena.
var ia.
A8: Buon giorno. Ml puO aiulare,
. per favora?
A: Che cosa c'e. signora?
AS: E'iI mio cane. Ho perso if mio
cagnolino.
A: II Suo cane, signora? E come si
chiama?
AB: Si chiama Oscar.
A: Ma ci sono tanli cani che si
chiamano Oscar, signora. Che
liJXl di cane?
AB: E'un barboncino. Un barbon-
cino nero.
A: Abbiamo parecchi barboncini.
signora
AB: Ma Oscar mi viene incontro
quando 10 chiamo.
A: E'normale che i cani vengano
incontro quando Ii si chiama.
AS: Ma solo il mio piccolo Oscar
viene quando k> chWno to...
A: D'accordo, signora. Come
\loole.
AB: Oscar. Oscar! Eccoio. Grazie,
Dlalogo 3
Anna Banli (AB), ageme (AI
la mia
perso
dimemicato
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
CANE = cline;
CAGNOUNO = citelus, cilne rnic
, ,
Ho

,
Dialog 3
Anna Banti (AB), un (A)
AS: E un puder. Un pudel negru.
AB: Dar Oscar vine sa rna. intampine
cand il chern.
A: E normal pentru caini sa vina
dmd sunt chemafi.
AS: Dar numai micul meu Oscar
\line cand it chern eu...
A: De acord, doamncl. Fie cum
vreti.
,
AB: Oscar, Oscarl lata-I, multumesc.
,
A: Avem mai pudeli, doamna.
AS: Buna. ziua. Ma. pu1eti ajuta, va
rag?
A: Despre ce e vorba, doamna?
AB: Despre meu. Mi-am
pierdut
A: Cainele dv.. doarnna.? 9i cum 'i1

AS: il cheama Oscar.
A: Dar sunt at3tia cain; pe Cafe ii
cheama Oscar. Ce rasa este?
Dialogo 1
Silvia Molinari (SM). lmpieyato dell'
UHicio "Oggef1i Smarriti" (I)
Dialogo 2
Piero Sanfi (PB), cameriere (C)
SM:Mi scusi.
I: Si, signorina?
SM: Ho perse la ;'il.ligia.
J: Me 10 puc descrivere?
SM:E'dicuoio.
I: Si, e di ehe colore?
SM: E·azzurra.
I: E' nuova?
SM:SI. E'nuQvissima. E ha una chiu-
sura lampo.
I: E'questa qui?
SM:Ah, si. Grazie Infinite.
PB: Mi scusi. Ho dimenticato la mia
maechina fotogratica.
C; Che tipo di macehina?
P8: Era una vecchia Leiea.
C: Ha una custodia?
PB: Si, una custodia di euaio.
C: Di che colore?
P8: La custodia emarrone.
C: E'questa qui?
PB: Ah, si. Grazie malte.
SM: Scuza\l.
I: Oa,
SM:Am pierdllt valiza.
I: Mj·Q pUle!i descrie?
8M: E de piele.
I: Da. ce culoare?
8M: E albaSlra..
I: E noua?
SM: Da, loarte Si are a incuie-
,
toare cu cifru.
I: Aceasta este?
SM:A, da. Multe mullumiri.
OIalog2
Silvia Molin<lri iSM), al
Oficiului de obieete plerduI2 (I)
Dialog 2
Piero Banfi (PB), chelner (C)
176
PB: Am unat aparatul de fo-
tografiat.
C: Ce marca de aparat?
P8: Un Leica vechi.
C: Are un toe?
PB: Da. Un toc de piela.
C: De ce culoare?
PB: Tocul asia maro.
C: E acesta de aici?
PB: A, da. Multe
179
pacca fa
venti minuti fa.
ieri.
verso Ie otto.
I UNITA 30 I
per..
fasciata (1.5.)
persi
laseiati (m.p.)
perso ( )
I
m.s.
asciato
perse (f)
lasciate .p.
ho
OBIECTE PIEROUTEe
OGGETTI SMARITTI
abbiamo
,.
II
Pub descrivere
(10)
(Noll
LECTIA30 I
II materiale/la stoffa
4. Come descrlvere queUo che ha perduto.
Cum sa descrieli ceea ce 31i pierdut
E' di plastica.
di lana.
d'OfO.
Sono
d'argento.
di cOione.
di nailon.
di cuoio.
vilrsta Culoare MaMma Forma
nuovo beige grande rotonda
nuovissimo v",de piccolo quadrato
vecchio marrone chiare abbastanza piccolo rettangolare
giallo scure lungo
cono
E'
..... o ..... e {maschile singolare}
.....a .....8 ('emminile singolare)
Sana
..... i .. ,o.i (maschile plurale)
..... 8 ..... i ifemminile l u r a l ~ '
il cappotta?
I'ombrella?
L -'-__...J.--!!.il nat I",io,,-?_-,
I UNITA 30 I
OBIECTE PIEROUTEe
OGGETTI SMARITTI
2. Come dire dove h. perso qualcosa.
Cum sa spuneti unde ati pierdut ceva
3. Come dire quando ha perso qualc::osa.
Cum sa spune!i ceind ati pierdut ceva


perso IaSua
macchina fotografica?
Quando ha
dlmenticato
. vallnena?
i Suoi ..m"""i?
178
• •
.
rnesso?
vista? (m.s.)
.
nPrso?
Dove I'ha
Messa?
.
vista? (I.s.)
?
if passapofto.
rubato 1'()(oIogio.
Mi hanno

i guanti.
preso gli assegni di viaggio.
nlj occhiali.
lascialo
dimBnticato (m.s.)
L'ho ~ s o all'aIOOr9°·
lasciata al municipio.
persa (f.s.) nella metropolitana
Uho
dimenticata at Colosseo.
petsi davant! aUa stazione.
laseistl (m.p.) al Foro Romano.
La he
dimenticati
sull'autobus.
perse
an' Ara Pads.
Iasciate
.
(f.p.)
dimenticate
II.ECTIA 30 I
r
ILECTIA 30 I
OBIECTE PIERDUTEe
OGGETTI SMARITII
UNITA 30
ILECTIA 30 I
OBIECTE PIERDUTEe
OGGETII SMARITIl
UNITA 30 I
5. Come dire quello ehe e'er. denlra.
Cum sa sPUneti ce era inauntru.
neUa valigia?
Che cosa c'era nella borsa?
dentro?
i miei saleH.
C'erano tutti i mtei documerni.
i nostri vestiti.

Lei:
Implegato:
Lei:
Impiegato:
Lei:
lmplegato:
LeI:
Mi scusi. Ho perso gli occhiali.
U puO descrivere?
Sona nuovi.
Dove Ii ha persl?
SuWautobus numero 14.
Sono questi i sooi occhiaii?
Oh, si! Grazie.
Eserctzk) 3
Assuma il Suo ruolo in queste con·
versazioni Lei ha perso/smar-
rito gll oggetti indicati.
Exerchlul3

Ferrovie delle State
Ufficio oggelli smarrill
1. ombrello • nuovo - I'autobus 13.
2. portafoglio - nuovissimo - gabinetti.
3. borsa - cuolo - bar.
4. portafoglio . patente - autobus 47.
lunedi martedi rnercoledi giovedl
oggetto borsa portafoglio ombfello oroIogio
trovato
colore marrone bianco nero
<foro
eta veechja nuovo nUOVO
nuevo
contenuto passapono
250.000 lire
Luogo Museo
Circola Stazione

Archeologico Savoia di Lavagna
pubbIici
Asumati-va rolul dv. in aceste con·
versalii: Ali pierdut (all rA-tacit) obiec-
tele indicate, cu caraeterlsticile lor.
gli oggetti
Esercizio 2
Eserelzio 1
ha parsa
legga Ie conversazione seguenti. Le
trovera incise sulla cassetta
Mi scusi. Ho perso Ia mia valigia.
MeJa pub descrivere?
E·nuo....lssima.
Dica che
seguenti:
1. il Suo passaporto.
2. un valigia.
3. un mana di chiavi.
4. il Suo portafoglk>.
5. i Suoi assegni di Yiaggio.
6. il Suo ombrello.
7. un accendino.
8. II Suo orologio.
aceendlno = bricheta
EXERCITII • ESERCIZI
,
2
dialogurile La ga.si!i
inregistrate pe
Lei:
Implegato;
Lei:
Exercltlul1
,
Spuneli ali pierdul
obiecte:
180
Implegato:
Lei:
Irnpiegato:
lei:'
Dove I'ha persa?
Nella metropolitana.
E'questa qui?
Si. Grazie tante.
Ascultati conversalia care urmeaza.
Priviti informaliile mal sus. Alegeti
., .
obleclul pe care I-atl pierdut con-
Struqi conversalia.
Ascolti la conversazione 58guente.
Guardi Ie infonnazione qui sepra.
Scelga I'oggetto ha perso e
completi la conversazK>ne.
18
ILECTIA 30 I
OBIECTE PIERDUTEe
OGGETTI SMARITTI
UNITA30
I LEqTIA 31 I SERVICIILE e I SERVIZI
UNITA 31 I
ASCULTATI CU ATENTIE • ASCOLTI
• •
Ascultali ultima parte (Parte seconda) a celui de al patrulea text (Seena
quarta), cand veli putea rAspunde urmatoarelor intrebari.
Seena quarts
Parte seconda
1. Quanta ritardo hanna Ie due ragazze?
2. Quali scuse ha Teresa per iI ritardo?
3. Che cosa rimprovera Teresa a Carlo?
4. Perche Maria finisee col non prendere la minestra di pescecane?
5. PerchS i camerieri sono lenti a servire i quattro amici?
DIALOGURI • DIALOGHI
in aceastill lectle iovitatl:
• • •
• sa duceti objecte la reparat sau curalat
OIalogo 1
8ivia Molinari (8M), impiegato (I)
8M: Buon giomo.
I: Buon giomo, signorina.
SM:Vorrei far riparare questa radio,
per favore.
I: Poso guardarla? Che cosa c'e
che non va?
SM: Fa un rumore stranissimo.
I: Dove t'ha comprata?
SM:Qui.
I: Ha la garanzia?
8M: No. Non I'ho tenuta.
I: Faro mio meglio. Ma non Le
posso promettere niente.
SM: Bene. Quando sara pronta? Ne
avro bisogno la settimana pros-
sima.
I: Mi displace, ma non prima della
fine del mese.
SM: Quanto castera?
I: Non 10 so esattamente. Fra Ie
diecimila e Ie quindicimila lire.
8M: Mamma mia! Va bene.
Dialog 1
Silvia Molinari (SM), funClionar (I)
SM: Buna ziua.
I: Bun:1 ziua,
vrea sa.-mi reparali acest
radio, va rog.
I: Pot sa-l v:1d? Ce nu merge
bine?
SM: Face un zgomot foarte ciudat.
I: Unde I-ali cumparat?
SM:AicL
I: Aveli certificatul de garantie?
SM: Nu. Nu I-am pastrat.
I: Voi face tot ce pot. Dar nu va
promtt nimic.
8M: Bine. $i cand va fi gata? Voi
avea nevoie de el sa.ptamfma
viitoare.
I: imi pare rAu, dar nu se poate
mai repede de
8M: Cat va costa?
I: Nu stiu exact. intre zece mii si
• •
cincisprezece mii de lire.
8M: Mama! Merge.
Posso aiutarLa?
51. Ho persa la Mia valigia.
Oi che colore e?
E'marrone.
E'nuova?
51. E'nuovissima.
Che cosa c'era denlro?
C'erano i miei vestili.
Dove I'ha perduta?
AlI'entrata del Pantheon.
E'questa qUi?
51. Grazie molte.
lmplegato:
Lei:
Implegato:
Lei:
Implegato:
Lei:
Impiegato:
Lei:
Impiegato:
Lei:
Irnplegato:
Lei:
182
183
rLECTIA I SERVICIILE. I SERVIZI
.UNITA 311
31 I SERVICIILE. I SERVIZI I
CUM SE SPUNE • COME SI DICE
1 EXERCITII • ESERCIZI
1. Come ,,. rtpar.re 0 pullte degll oggettl.
Cum sa da!i obiecte la reParat sau curatat.
.:luanda sara pronto/proma?
:luando saranno prontVpronte?
Ne avfei blsogno domani. E'possibik!?
Esercizlo 1
II contenulo di questa ',asi
nell'Ofdine sbagliato. Le puG rimet-
(ete nel loro ordine giusto? La
tradUZione romena farse La aiutera.
Eserclzio 3
Immagini di essere una persona
molto pigra. II Suo arnica Sergio, al
eontrario, emalta attivo. E'eapaee di
fare tutto. Lei preferisce ehe gli altri
taceiano tutto per Lei.
Setglo: Lavero la maeehina.
Exercitlull
,
Con!inutul acest()( propozi1ii este
intr·o ordifle Pute!i sa Ie
punE1i in ordinea lor fireasca?
Traducerea in romBna va va ajuta,
poote.
Vooei far sViluppare il mio pianoforte. (sa-mi dezvolt pianul)
Vorrei far riparare il mio completo, (sa.mi repar costumuQ
Verret far tagliare Ie mie scarpa, (sa-mi croiesc pantofll')
Varrei far stirare Ia mia pellicora (sa-mi calc filmuQ
Verret far riparare i miei capelli. (sa.mi repar pAruQ
Varrei far lavare e secco questa radio, (sa spalla uscat acest radio)
Verret fat accordare questa camicia (sA.mi acordez aceasta
Exercftlul 2 Esercizfo 2
,
Mergand spre casa. vi se intAmpla Andando a casa Le capita un inci-
In accident; cMeti de pe bicicJeta. dente; cade dalla bicidena Tuni j
Hainele dv sunt complet murdare $uoi vestiti sooa sporchi e Ie Sue
Juerurile stricate. MergE1i la diverse case sona rotte. Va net diversi
magazine_ Ce spune!i? (Completati negozi necessari. Che eosa dice?
punctele cu CtNantul potrivit). .
1. II mio cappono emalta spareD. VOHei far10 .
2. II mio orotogio e rotto. Vorrei fal10 .
3. 1/ mio cappello e maeehiato. Vorrei 'arlo .
4. La mia macchina fotografica erona. Varrel ..
5. La mia eamicia esporca ......
Exercltiul 3
,
Imaginati-v3 ea sunteti 0 persoana.
foarte eomoda Dimpotriva,
prietenul dv. Sergio este foarte activo
Este in stare faea totul. Dv.
preferati ea sa Ie faea pe toate
pentru dv.
,
J
!
verso il cinque.
fra due aiorni.
di mercoledi.
della settimana prossima.
Iavare
(jparare
questa radio.
questa rascia.
questa orolO9io.
pantaloni=·'.---I
questa genna.
uesto :::0,-._-,
Vorrel far
2. Come deacrtvere I guutl.
Cum sa descrie1i stricaciunUe.
Coo cosa c's che non va?
E',OIlo. (Slricat)
Non funziona piu. (nu mai funetioneaza.)
Fa degJi straoi rumari. (face zgomote ciudate)
E'macchiato. teste murdar; cu pete)
3. Come chledere qUindo qualcosa sar. pronto.
Cum sa intrebati cancl V3.fi gata ceva
Ri.pun.url poalblle:
(RI.poste po.alblll)
Sara pronto/pranta
Saranno rontVpronte
MI dlspiace, rna non prima
184
185
ILECTIA 31 I SERVICIILE - I SERVIZI I_U_N_'T_A_3_1_
I LECTIA
32
1
ACCIDENTE-
GLIINCIDENTI

Exemplu: Lei: 10 faro lavare la macchina.
(Esempio)
Lavere la macchina.
Lavero Ie finestre.
Laven) la camicia.
Menero in ordine la mia camera.
Faro' il mio letto.
Stirero i miei pantaloni.
Lucidero Ie mie scarpe.
Spazzolero il mio completo.
Riparero la mia radio.
Riparero il fusibile.
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
• •
in aceasta. leetie incepe un text nou (Seena quinta). Ascultati
(Parte prima) din nou de atatea ori pana. veti putea rAspunde la Intrebc1nle
urmatoare.
Seena quinta
Transferlrsl 0 no?
Parte prima
1. E'molto grande l'ospedale di Siena?
2 Perche Anna non vuole lasciare Milano?
3: Perche e molto importante avere una buona pensione per il Professor
Sturzi?
in aceasti leetie invitatl:
, . .
• anuntati un accident.
. ,
• sa. descrie!i imprejura.rile unui accident.
DIALOGURI • DIALOGHI
P: E'Sua, questa macchina, sig-
nore?
Se: 81.
P: E'Sua, questa macchina, sig-
nora?
Sa: Si.
P: Mi potete dire che cos'e suc-
cesso?
Se: Volevo girare a sinistra, ho
trenato...
P: E'tutto?
Se: Questa macchina hfl sbattuto
contra la mia. Andava troppo
forte.
Sa: Non e affato vera!. Andavo
molto piano!
P: Posso vedere la Sua patente?
0lal090 1
Un poliziotto (P), un signore (Se),
una signora (Sa)
Se: Ecco.
P: E i1libretto?
Se: Ecco.
P: Facciamo if verbale.
Dial090 2
Automobilista (A), ciclista (C)
A: E'ferito?
C: No. Non c'e niente di
A: Grazie a Dio!
Sa: Nu e deloc adeva.rat. Mergeam
foarte incet.
P: Pot sa. va.d permisul de con-
ducere?
Se: Poftim.
P: $i legrrimalia?
Se: Poftim.
P: Sa. facem pracesul verbal.
Dialog 2
Automobilist (A), ciclist (C)
P: E a dv. aceasta, dom-
nule?
Se: Da.
P: E a dv. aceasta,

Sa: Da.
P: fmi puteli spune ce s-a
intamplat?
Se: Voiam sa. virez la stanga, am
tranat...
P: Asta e totul?
Se: Aceasta. a pocnit-o pe a
mea. Mergea prea repede.
Dialog 1
Un (P), un damn (Se),
o doamna. (Sa)
A: Sunte!i ra.nit?
C: Nu. Nu e nimic gray.
A: Slava. Domnului!
Ascolti la cassetta per sapere cosa
fara Sergio. Doppo Lei, sempre
pigro, fara fare Ie stesse cose da
qualcun altro:
Ascultati caseta pentru a !p:i ce va
face Sergio. Apei dv. -mereu comod-
veti pune pe faci!rl
lucruri:
Sergio:
186
187
I L.ECTIA
32
1
ACCIDENTEe
GL.l INCIDENTI
1 UNITA
32
1 I L.ECTIA
32
1
ACCIDENTEe
GL.I INCIDENTI
I UNITA
32
1
188
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
1. Oomande che potrebbe f.re un poIiziotto,
intrebati pe care le-ar putea puna un potitist,
sempre diritto
a sinistra.
a destra
andare
girare
attraversare
la strada
r-;:;:;==__-j--....!!.il asa io a livelJo.
superare una macchina.
una bicicletta.
in Corso Buenos Aires,
Ero all' inerotio (la rascruce)
suUe strisce pedonali.
al passaggio a Jivei/o.
Eravamo sui marciapiede.
at semaforo.
Era
Eravamo
VOievo
189
. Timpul 'recut
Pentru a fofosi timpul trecut e nevoie de ajutAtoare avere
(a avea) essere (a fij. .
, vere essere
• ho abbiamo sono siamo
hai avete sel steie
ha hanna e sona
2, Come dire dove Lei era.
Cum spunB1i unde erati.
3. Come descrtvere quello che aveva fntenzlone dl fare.
Cum sa. descrieli ce aveafi intentia sa faceti.

in biciclena.
in macchina.
in mOlo.
L- -l.....:!.a '::.. .. - --l
c: Non ecalpa mia?
A: Come?
C: Avevo la precedenza.
A: Ma e uscita proprio davanti a
me'
C: Volevo girare a sinistra
A: Ma non I'ha indicate!
C: Si che "00 indicato! Lei oon ci
ha fatta caso.
A: Ma non evero.
e: Lei andava trappo forte.
A: Ma no. Non sonG affatto
d'accordo!
C: Ouoque dobbiamo chiamare Ia
poflZia
A: No, non e necessaria. Non ci
SOrlO feriti.
e: Bene. Allora mi pub dare il Suo
nome ed indiriuo?
c: Atunci trebuie sa chemi!lrn

A: Nu este neeesar, Nu exista.

C: Bine. Atunei putefi sa-mi dati
numele ctv. adresa?
c: Voiam sa virez Ia stAnga
A: Dar nu atl semnalizal!
C: Sa da. Am semnalizat! Dv. nu at!
observat.
A: Dar nu e adeva.rat.
C: Dv. mergeati prea r&pede.
A: Nu. Nu sUllt dekx: de acord!
c: Nu e vina mea.
A: Cum adlca.?
c: Aveam prioritate.
A: Dar ap chiar in fata mea!
MI diea queUe ehe esuccesso.
Oov'era lei?
Oov'e successo?
lei era in macehina?
lei era a piedi?
Dove andava?
Ache velocna aodaval viagglava?
I I
PRECEDENZA = p_e. I
.. _a_p1i_ca_priortt_·_·_· al_ea_de_d_'eapl __a. --'
I LECTIA32 I
ACCIDENTEe
GLiINCIDENTI
,
UNITA32
LECTIA32

ACCIDENTEe
GLI INCIDENTI
UNITA 32
190 191
Esercizio 2
Adesso immagini di essere stata
nella Sua macchina e diea aJ
poJiziotto dov'e stato e dove voleva
andare,
EXEACITII • ESEACIZI
,
ha sbanuto contro la mia macchina.
latta cadere.
urtato.
iovestito.
aggancialo.
mi ha
a) Viale Armendola.
Era su Viale Armendola.
b) Via RipoliNia Bonta.
Era in Via Ripeli e volevo 9irare in Via Bonta.
La mota
La macchina
La vespa
L'autobus
La bicicletta
Exemplu:
(Esempio)
Exercitiul 1 Esercizio 1
,
lmagin<i!i-vA ca tIebuie scl Immagini di dovere rispondere alle
Ia intrebarile unui care domande di un pohziotto che \fUele
vrea sa unde erati cand s·a pe. sapere dov'era quando esuccesso
trecut accidentul. Utiliza!i informaliile un incidente. Si SeNa delle informa-
date mai jos, zioni fornite qui satto.
Exemplu: a) Viale Giosue Carducci· marciapiede.
(Esempio) Era sui marciapiede del Viale Giosue Carducci.
b) Via Nueva/Corso Genova,
Era alnnccocio fra Nueva e Corso Genova
marclaplede = tratuar, pielonal.
a) Corso CasanovaNia Bonta
b) V13 derk! Boneghe Oscure • marciapiede.
c) Via Ubef1.Wia Orsolini.
d) Viale San Marco· marciapiede.
e) Via Nino BixioNJa Trieste,
f) Corso Roma • marciapiede.
Exercitiul 2
,
Aeum imaginati-va. ca. erati la drum,
In dv 'i1 informati pe
unde erati unde voiati sa merge!i.
Forma de trecut sa cu unul din aeeste verne cu
panicipiuL
l'autobus mi ha urtato
La bidcletta mi ha agganciato
, Trecutul varbelar fr30zitive se cu avere, al celor in-
• tranzitive cu esset'e.
Paolo earrivalo.
Pao4o e Claudio sooo arrivali.
Maria e Laura sena arrivale.
5. Come descrivere la Sua velocita.
Cum sa: vitaza pe care 0 aveati.
Andavo a 20 chilometri all'ora
Non andavo forte.
Andavo motto piano.
6. Come deacrlvere queUo che esuccesso.
Cum sa: descr;eti ce s-a intamplat
4. Come descrlvere queUo che faceva.
Cum sa descrieti ceea ce faceati
,
si efermata/-a di colo.
Una macchina
arrillato/-a a lutta velocita.
Un/una ciclista
e
uscilo/-a davanti a me.
Un camian
caduto/-a.
Un camioncino
attito/-3 (tutto di un coloo),
-
Un pedone
girato (senza indicare).
Una moto
ha attraversato (senza guardare).
esitato.
,
a casa.
Tamavo dall'ufficio.
Andavo al cinema.
in citta.
,
I LECTIA
32
1
ACCIDENTEe
GLI INCIDENTI
I UNITA 32
DESPRE CONCEDlie
LE VACANZE
UNITA 331
I
DIALOGURI • DIALOGHI
In aceasta leelie invitati:
• • •
• sa despre lucruri inlamplale in lrecut
a) Corso Europa
b) del CappucciniMa Perugino.
c) Viale Tappani/Piazza Dante.
d) Via Vrttoria
e) Via Nuova.
nViale TappaniNia Martiri della Liberazione.
Exercitlul 3 Esercizio 3
,
Dialog t
Anna Banfl (AB). Manna (M)
Dialogo 1
Anna Sanfi (AB), Manna (M)
192
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
, ,
Ascultali acum partea a doua (Parte seconda) a textului al cincilea (Scena
quinta) pana "e1i putea raspunde urmatoarelor intrebilli:
Scena qulma
Parte seconda
1. Ouali sono Ie obiezioni del*a signora Slurzi aU'tdea di andare a vivefe a
Siena?
2. Perctle sarebbe impossibile avere una villa can parco vicino a Milano?
3. Qual euno dei vantaggi principali del posto di caposervizio a Siena?
OIalogo 2
AS: Buon giorno. Manna,
M: Buon giorno. Anna. E allora. te
vaeanze. sana <:IlIdate bene?
AS: Non lanlO.
M: Oh. che
AS: It tempo eslato brullissimo.
M: Ma che peccatn'
AB: La camera ern orrell·
da.
M: Ma ehe
AB: E'costalo lroppo.
M: Mamma
AS: L'ascensore era guaslo. E 1<'1
scala era malla rlplda
M: Mi displace tanlO.
AB: Gli alln Ospili non erano sl1n·
pal lei.
M: Che orrore
l
Pavera amlC:-t mia..
Avanli. prendiamo una lazza (ll
caffe 1l1StenlP..
AB: GraZI€)
193
Ennco Verdi (EV,
§.llv13 I.S",M"i-,-.
-:c ----
EV: SilVia, alltma It':! V<lcanzp" sono
andale bene?
SM: 51. molto [)ene.
EV: TI SPllr<Wi:lI<:t l)I!lle <til ;IIIJef90')
Dialog 2
[lInen (EV\.
(SM) ...__
EV: SilVia \I-al pellp.cLJ! eu bille con
corliul?
SM: Dil, loarte [111m
EV; T"'ill Sllll(11 Ii') hOlel?
AS: Bun:J llua. MarIna.
M: Bun.1 lIua. Anna. Ei, concediuJ
s-a petrecut eu bine?
AS: Nu chiar.
M: Val. ee pacal!
AS: Vremea 8 fast loarte urata_
M: Ce pac8t!
AS: Camera de la hOlel era groaz-
nIC."I_
M: Ce p;)cal!
AS: A (:oslat prea mull.
M: Doamne
l
AS: Liltul era stricat !?I scam era
foarte
M: Imi pare alai de rau.
AS: Cellalli OaSpe!1 nu erall Slm-
patiel.
M: Ce 81ma mea pnelena
Hai sa IJem 0 de calea
impreuna_
AS: Multumesc.
lei:
pe lrotuar.
Mergeati 13 gara.
Un biciclist a traversat strada pe

a trecut peste biciclist.
o Porsche ro!;iie.
Nu, din p:tlcate.
Qui sono.lrovera Ie domande di un
poliziono. Queste domande 50no in-
cise sulla cassena con dei silenzi
per Ie Sue risposte. Dectda quello
che vucla dire e poi interpreti il Suo
fool0.
E aUora?
Che tipo di macchina era?
Ha vista 13 farg3?
Mai jos "eli gasi intrebarile unul
polqist. Aceste intrebari sunt
inregistrate pe casela. cu pauze
Pentru dv. Dectdeli mai
intai ce vreJi sa. spuneti, apoi inter-
pretali-va. rolu!.
Pollziotto:
Mi pub dire quello che esuccesso?
Dove era lei?
Dove aOOava?
Mi descriva queUo chee successo.
ILECTIA 331
DESPRE CONCEDII-
LEVACANZE
r--;--
LUNITA 331
[LECTIA 331
DESPRE CONCEDII-
LEVACANZE
!
,
UNITA 33
194
CUM 5E 5PUNE • COME 51 DICE
Come descrlvere Ie vacanze dell'anno scorso
Cum sa descriell concediile de anul
,

II mare era
Esercizio 1
Imrnagini di essere andate IWI paesl
seguentl:
,... A._.' ' __
' --
, 09nl Qlorno "
I
lulli i giornl
.'
E' piovule
tullo .; tempo
L
- caldo - i
,
freddo. ;
,
L. .•
caldo
freddo.
La cuclOa era
Faceva abbastanza
4. Come descrivere I pas.li?
Cum sa mancarea (mesele).
Exernplu: Francia.
(Esempio) Sono andato III Francl;'!
Siarno andali in Frallclil
195
EXERCITII E5ERCIZI

, Le camere I orribili. 1,
erano I
I osH del cam g"io,,-...;,.: -",
J. Come descrivere IIlempo.
Cum sa. descrieti vremea.
Exercitiul t
,
cil ali fest in urma.loa-
rele tilri:
ecceJlente.
CattNa.
.; . --- -
! I pasti erano insufflcienti. I
i p"o"c"o"c"'o"'s"to"s"i.__-'J
j magnilico.
Faceva un tempo I splendido. I
'- J
SM:Avevamo una camera stupenda
con un balcone.
EV: E il panorama era bello?
SM:Si. Con vista sui mare.
EV: Ma Silvia. hal urfabbronzatura
magnifica! 1IleOlpo era bello?
SM: Certo Un tempo splendido.
EV: Faceva calda?
8M: Ah. si. A mezzaglQrno faceva
ami. ttappa calda.
EV: E il mangiare. come '-hai lrol/a·
to?
SM: II mangiare era eccellente e non
castava quasi niente.
Come ha lrovato
SM: Mancarea a fast excelenta!?i n-a
costal aproape nimic.
SM: Am avut 0 camera superM. cu
baleon.
EV: era frumoasa?
$M: Da. cu vedere spre mare.
ev: Siivia. e!?ti bronzala superb.
Vremea a foot lrumoasa?
SM: Sigut. a fast Ull limp splendid.
EV; A tost cald?
SM: Da. La pranz era chiar prea
cald.
EV: Mimcarea cum a fast?
........,..,=-=------r---:::-::-::=---
L'albergo eccellente, I
II campeggio er<l abbastanza hello/-a. i
camera ,... __-J.__ __ .. , .J
1. Come dire dov'eandato/a.
Cum sa spuneli -,-_
I Sana ! al-m-a-,-e-,--- -
L
-'L - I andalo/-a (5.) F-
81 e 1-------.. _.; rn ranCla. i
i in Aha Adige. J
Siamo ' andali/·e (p.) in montagna.
L-=- -:-...JIC-=- ... al!estero.
2. Come descrivere l'all099io.
Cum sa descrie!i cazarea (gA.zduirea).
la'villella? --I
falbergo? I
L- __._J
196
A!i ",vul vreme Ha avuto bellempo?
Exemplu: Vremea a losl frumoasC'i.
(Esemplo) Ha fatto bellempo.
a) Vremea a fast piticuitil.
b) A ploua! in hecare II.
e} Apa ma.rii era rece.
d) Vremea a fost flerblnle
e) A plaua! din cimej in cand.
1) Vremea a losllrumoas:'.
UNITA33
197
[ LECTIA 331 OESPRE CONCEOlle
LEVACANZE
ASCULTATI CU ATENTIE. ASCOLTI
, ,
Ascultati acurn ultima parte (Par1e terza) a celui de al cincilea text (Seena
quinta) de atatea ori de cale ori va este necesar ca sa rMpundeti la
intrebarile care urmeazA: .
Seen. quInta
Par1e terza
1. Perche sarebbe impossibile alia signora Sturzi continuare i suoi studi di
lingue?
2. Federico efavorevole aJridea di Ifanslerisi a Siena per due motivi. Quali?
3. Che avantaggio c'e a lrivere molto vicino al proprio poste di lavaro secon-
deAnna?
4. Perche e importante che Siena sia vlcino a Spoleto per la famiglia Sturzi?
Esercizio 3
Ascott. la convelsaLlOI1p. sl'gUl.>lIle.
Puo fare Lei Ie dOIll<lnde (JI SIlvia?
Esercizio 2
e) Greda
l) Spagna
u) Parigt (a Pangi)
h) La Costa Auuna (SUllil )
Avevamo Ull pallOlama stille
La ClJCilla era eccellentf!
Faceva rnoho caldo
All, si. Faceva \111 tempo splt'mhdo
L all>elgo nOli era pel mente male
OESPRE CONCEOlle
LE VACANZE
alilaita
0) Germarlla
c) In!Jllll1ell;i
d) 5t:oZlit
Exercltlul 3
,
Asculla\l convmsaha care urmeaz:t
Pulel. pune inllel>:lrdp Sllvlei?
Silvia' _
Lei. le vacanle SOIlO andale bene
Silvia
Lei
$Iho'ia
Lei:
Silvia'
Lei.
Silvia'
Lei'
Silvia'
Lei
ILECTIA 331
1LECTIA
34
1
MICUL DEJUNe
FARE COLAZIONE
I UNITA 34
I LECTIA
34
1
MICUL DEJUNe
FARE COLAZIONE
I UNITA
34
1
in .ceasti lectie Lnvit.t1:
, , ,
• sa. unete speciarrta.!i ale m;cului dejun italian.
• sa. apreciati cantitA1i
DIALOGURI • DIALOGHI
198
Dialog 1
Pietro (Pl, Rosa (R)
Risponde alle demande lJtilizzando
gli articori partitivi.
R: Grazie, aflrettanto!
Eserclzio 1
EXERCITII .• ESERCIZI
,
Exercitiul 1
,

Artlcoli partltlvl = articolele partitive.
ArUcolul partitiv evidentiaza a anurnita cantitate se constituie
din alaturarea di de un anumit attico! (iI, 10, la, I, gU, Ie).
il pane- del pane
il 2ucchero - della zucchero
Ia farina - del[a farina
i pinoli - dei pinoH
gli zucchini - degli zucchini
Ie noei - delle nOCt
1. in negative, ori melto sau poco nu S8 pune ar-
ticolul partiliv:
• non c'e piu marmeltata nel baranolo.
• c'e mollo latte in friga: ....
2. Dupa. notiunl de cantitate sa pune numai dl:
• quanle feUe di pane 1alJlio?
Un mic dejun itallenesc se aseamana. cu unul romAnesc. EI con-
sta din chille, salam sau (branza), cafea cu lapte sau
ceai. Eventual un au moaJe. Unii nu iau micul dejun, ci beau 0
catea la un bar.
199
,

,

R: Ia fel!
Raspundeti la intrebari folosind ar-
ticale partitive.
Exemplu: Non c'e piu vina?
(Esempio) Si, c'e ... vine neUo scaffaJe.
Si, c'e del vino nelto scatfale.
••
P: Hai messo la pentola sui fuoco?
R: 51, certo, I'acqua sta per bollire.
Vorresti del catfe 0 del Ie?
Purtrappo non c'e piu malta
caffe.
P: Non importa. Preferisca in ogni
caso iI teo
A: E non c'e piu neanche 10 zuc-
chera.
P: Alk>ra 10 prendo can ;1 lane.
Per6 vorrei una vera colazione
italiana.
R: Bene. La prepariamo insieme?
Tu tagli il pane a fene ed io
prendo il burro e la mannellala.
SuI tavolo ci sana i biscotti e Ie
brioche.
P: Ouante fene di pane taglio?
R: Cinque 0 sei bastano. Guarda, if
pane e 13. denlro la credenza
Apri 10 sparteUo all'angolo!
P: Hei, non c'e piu marmellata nel
baranolo.
R: Ma si: nello scaffaJe in alto c'e
della mannellata di pesche.
P: Mi dai illatte, per favore?
R: Oh, e linito. Puoi prendere [a
botttglia in frigo, per piacere?
P: Ecco[a, e buon appetito!
Oi.logo 1
Pietro (Pl, Rosa (R)
prefer
P: Cafe felii de pa.ine sa. tai?
R: Cine! ori vcr ajunge.
painea e aici, in dulap.
Deschide de Is coil·'
P: Hei, nu mai e marme1ada. in bor-
can.
A: Sa da, pe rattul de sus este
marmeladA de piersici.
P: imi dai laptele, te rog?
R: Vai, s·a terminal. Poti lua sticla
din frigider, te rog?
P: lar-o! Potta buna!
P: Nu conteaza. Oricum
ceaiul.
R: Nici zahAr nu mai aste.
P: Atune; it beau cu Iapte.
vrea· un adevarat mic dejun
itaJienesc.
R: Bine, il pregatim impreuna? Tu
tai palnea 1n lelii. eu iau untul
marmelada. Pe masa sunt bis-
culli !ii
P: Ai pus ceainicul pe foe?
R: Bineinteles, spa sta. sa cloco-
teasca.. Vrei cafes sau ceai?
Prea muM cafea nu mai este.
1LECTIA
35
1
MUNCA • LAVORO UNITA 35
[LECTIA 351
MUNCA • LAVORO
,
UNITA35
Daca doua forme de trecut se referc1la timpuri diferite, se folo-
pentru trecutul mai indepc1rtat trapassato prossimo.
De exemplu:
, - Fortunatamente hanna scoperto dove avevano messo la bom-
• ba.
- Non mi sana svegliato in tempo, perche era andato a dormire
troppo tardio
Exercitiul 1
,
P: Nu. Nu 9tiu nimic. leri am avut 0
zi libere) 9i m-am dus la socrii
mei, la lara. Nu na-am vazut de
o groaza de limp. Ne-am intors
acasi:i foarte tarziu.
G: Atunei nu !;'tii nimic de bomba
care a explodat in gara Bolog-
na?
P: A, ffi-am obi
9
nuit cu aceste
ameninlari de atentate, 898 eel
nie! n-as fi dat alentie.
, ,
G: Dupa explozie au inchis toate
garilemaiimportante.Maitarziu
au telefonat Brigazite Ro!;'ij !;Oi au
amenintat ca var face sA ex-
plodeze 0 alta bomM.
A: Din fericire au descoperit locul
unde au pus-o !iii dupa cf'.lteva
ore totul a reintrat in normal.
G: Da, dar toti au aJuns len cu
intarziere.
P: Da? Sa. speram eel azi totul va
merge bine...
202
P: No, non so niente. leri he avuto
un giorno libero e cosi siama
andati a trovare i miei suoceri in
campagna. Non ci vedevamo
da secoli! Siamo ritornati a casa
molto tardio
G: Allora non sal niente della
bomba che e scoppiata ieri alia
stazione di Bologna?
P: Ah, mi sono abituato a queste
mlnacce di attentati, non avro
fatto attenzione.
G: Dopo resplosione hanno chi usa
tute Ie stazioni pili importanti.
Pili tardi hanna telefonato Ie
Brigate Rosse e hanna minac-
ciato di far scoppiare un'altra
bomba.
A: Fortunatamente hanna scoper-
to dove I'avevano messa e
dopo qualche ora tutto e ritor-
nato normale.
G: Si, pera tutti sana arrivati In
ritardo ieri.
P: Ah, sl? Speriamo che oggi vada
tutto bene.....
Mod de construire cu verbur ajutc1tor
avere: essere:
io avevo messo io era andato/a
tu aveVI messo tu eri andato/a
, lUi/lei aveva messo lui/lei era andato/a
• noi avevano messo noi eravarno andati/e
VOl avevate messo Val eravate andati/e
lora avevano messo loro erano andati/e
Atenllel La verbul ajutator essere, participiul (andato/ aI i/ e) se
acorda cu subiectul.
EXERCITII • ESERCIZI
,
Esercizio 1
Completa!i fotosindu-v"a Completi I'esercizio servendosi delle
de indicatiile continute in text. indicazioni contenute nel testo.
, ,
Exernplu: -... (io - appena - andare a letto), quando qualcuno ha
(Esempio) suonato alia porta.
Ero appena andato a letto, quando qualcuno,ha suonato
alia porta.
a) ... (io - appena - andare a letto), quando qualcuno ha suonato '
alta porta.
b) Ho telefonato a Maria per invitarla a pranzo, rna ... (1ei - gia -
finire di mangiare).
c) Sana venuti a trovarmi a1le 8 di sera, rna ... (io - gia - partire) per
andare al cinema.
d) Luigi ha sgridata sua figlia, solo perche ... (tei - ritornare) dopa
rnezzanotte.
e) Ha fatto rnolti errori all'esame, perche ... (lei - non prepararsi)
adeguatamente.
f) Mi sana arrabbiata molto, perche non ... (voi - non awertirmi)
della festa.
g) Marco estato insopportabile tutta la serata, rna ... (lui - lavorare)
durarnente per quasi dieci are.
h) Perche hai interrotto gli studi se ... (hJ - dare) quasi tutti gli
esami?
203

,
,
pros·
,
UNITA 35
Esercizio 3
R,li"D\Jd :I CklIP(V-' ,. (C,:1\P',··
; Ill(; LISdll(!(l Ii lrapassalo
simo
MUNCA • LAVORO
- .... _----_.
Exercitiul 3
, .... , -
.-,'1 .1:1
Pietro len (' ilfn";-ilU :11 r11;Hi!U ,llid SI:lLil1IIt' P ,'I'" "']
_ (c(>lllprare) Illllullf)!\(1;-,' fit)!: iLHt'1 1;1 Jjf;-'PU1 1."l!II(' '-ill .'
enlr,110 tla InC(lIII!,-lto; Slll11 col!i",;I" /,,[)!'!1,',;' "",i
Cl-If' {v(!(h'rp) iultlilla '",ol!<l ii! !JrjP:.1 'I' h,J;':',)
(JI WI d!tpntatn (j(CIIl' Bri{J:ilf' ROS",l' '1', P;, ,!,'I II' ':'
(sapPrP) :a no!lZIa. Df'rcltf' i,(!Ss.>re) (Lt: SLI()t prl Ii q, Vi ,-
ripil esploZionp, I collf'Cjt1: Il,mnu <111('11(; ran ':").IT!, , I l'_ ,! 'I!' ',n' ,
prima. II lrelH1 (afn.. COl I tnnitt' 0If:' (jl rtl;wl()
LECTIA 35
,
'.)1 Dopo (laSLI,He: SI,' SIIIL,,j,ll;l
111 Dopo (l)ere! tutti] la nolh' Si ,.;('tllltl l'lill('
1'1 MI P. venuto Ifl mentl' chi' " (prenelerf:) Ull ar1/!1l1lIiHllPllll, (id: (j,}!"'t,,
Reci\ltl dlaloUlI! 51 cnmpif'tdli t'xpr
n!lul foiosilld trapassato prosimo
UNITA35
Esercizio 2
Infinttivul 'recut
(infinito passato)
aver mangiato
aver letta
aver dormito
essere andale/aiVe
MUNCA. LAVORO
Exercitiul 2
,
Pentru subiect in italian!:!; poate 11 folosit infinitivul trecut (in-
Ilnlto passato)
Exemplu:
Inflnltlvul prezent
(infinito presente)
manglare
leggere
dormire
andare
Compteti I'esercizio servendosi delle
indicazioni contenute nel testo. At-
tenzione: usi l'infinito passato e,
quando e necessario il trapassato
prossimo.
ExempJu: Maria ha detto di ... (non essere lei)
(Esempio) Maria ha detto di non essere stata lei.
(Maria a spus cc1 nu a fost vina ei)
- Dopa aver fatto colazione, sono andalo a lavorare.
- 51 eaccorto dl essersi comportato male.
- 5i sono vergognati dl non aver portata un regalo.
- Le Srigate Rosse hanna fatto sapere dl aver messo un'altra
bomba.
,

204
1 LECTIA
35
1
a) Maria ha detto di ... (non essere lei).
b) Luigi e Piero hanno temuto di ... (fare) una cattiva impressione aJle
ragazze.
c) La professoressa ha ammesso di ... (essere) troppo severa.
d) La professoressa ha ammesso che l'esame ... (essere) troppo difficiJe. (At-
tenzione!)
e) L'imputato ha affermato di ... (non dire) la verita il giomo prima:
1) Ho sognato di ... (vincere) una Ferrari.
Comptetati
. de indic8tii continute in text. Atentie:
folositi lollnlto passato !?i cand esta
neeesar trapassato prossimo.
1LECTIA
36
1
ZIARE • GIORNALI I UNITA.
36
1
I LECTIA
36
1
ZIARE • GIORNALI

UNITA. 36 !
,
In aeusti leetie invalali:
• • •
• aIle de a va exprima gandunle
•. sa va exprima!i propriile vederi
DIALOGUAI • DIALOGHI
rarea pe plan
P: Da. ai dreptate. Daca: Europtl Sl
America vor sa. 0
pe Marte, !lalla ar treblll sa par-
licipe....
la cooperalione III
campo
scienllfico.
P: 51. hai raglone Se Europa ed
America '0'091101'1(.' rnandare una
ffilssione su Marte. rlta!ia dov-
rebbe partE!Clpare...
In verbela care exprima 0 parere se lok>sesc adesea la
chiar daca in vorbirea curenla. uneori peale Ii folosit Sl
llldIC3tlVUI. .
Congiuntivo presente
Congiuntivo pasnto
Se ca de la passalO prossimo cu
essere sau cu avere + participiut pertecl.
mostrare - io abbia moslrato
decidere - io abbia declso
partire . io sia partito
avere
abbia
abbia
abbia
al)biarno
abbiate
abbiano
207
partlre
part•
parta
parta
partiamo
partiale
panano
decidere
declda
decida
dec;da
decidiamo
decldlate
decidano
essere
Sla
Sla
Sla
slama
siate
siano
mostrare
mostri
mostri
mostri
mostrino
mostriate
moslrino
10
tu
lui/lei
nai
VOl
lora
10
tu
luiltei
n01
VOl
lora

,
A: Hal lelia I'Micolo sui progello di
mandare una nave con eQui-
paggio su Marte?
P: Si, rho leno stamatina.
A: Gasa ne pensi'
P: 5e 5i trana di ricerche spa1.iali,
penso che sia giusto spendem
del denaro. Sai che i fond! sana
slall dimezzatl dOli 1975 in pOI?
Non credo che si moslli abbas-
lanza interesse per la misSloni
spaziali.
A: Si, penso che lu abbia ragl0118.
Secondo me, e tempo che SI
decidano a camblare 101 lora po·
IItica dl ricerca.
P: E successo 10 sll!sso can 18
Comunita Europea. Ho 1"lmpres·
slone che per lantl anni aohiano
solo dlscusso sellza risolve.p.
nessun problema.
A: SonD convinlo che da un po'di
tempo akunl Pae_. siano vera-
mente interessali ad una pill
Slrella collabnrazlone.
Per eSD!T1pio s81l1ba clw l'Italia,
la FranCia e la GermanrJ siano
decise i:l rafforz<H8 sempre pill
Olalogo 1
Alberto (A), Pieuo (P)
A: Ai Cltlt articolul despre proieetul
de tnmitere a unei nave spapale
ell echipai pe Marte?
P: Oa. I-am citit azi dimineat:J,
A: Ce erezi?
P: Dae:'! e51e vorba de cercetAn
spa1iale cred c:'l e bine sa se
ctlelluiascA bani. $til ce fondun
all losl alectate din 1975 pana
all? Nu cred c:' se arala
(t1emollstreaza) deslul interes
la!" de misiuntle spal1a1e
A: Da- cred ca at dreptate. Dupa
mine e timpul sa. 5e decKla sa·sl
sctlimbe POli11C3 de cercelare.
206
P: La lei s-a Intarnplat 51 cu Com
unltalea Europeana. Am IIn-
presla ca de alalia ani au puncH
doar rliscutli. ltira a wzolva nlei
o problema.
A: Sunt COIW111S c:l peSIP, puhn
timp unele VOl it cu alle'o'(iral
interesate lnlr·o mal stransa.
colahorare,
De exernplu, $£.> pam ctl IlallCl.
Franta si Germal1l<'1 sLlnl dccise
sti accelereze mc!.l mull coope·
Dialog 1
Alberto (AI. Pietro (P)
in aceasta lecUe invitati:
. ' .
• sa. exprima!i temporalul. cauzalul condi!ionalul cu ajutorul gerunziului.
DIAlOGURI • DIAlOGHI
.\ LECTIA 371
$COALA • SCUOLA
9colarii italieni spun prolesorului lor simplu professore. .
Toate profesiile sau titlurila se exprima direct, reverentios , .
I UNITA
37
1
diului. sunt sigura ca vai lua din allo studio sono sicura d·
nOll note bune .' . I pren-
. dere d. nuevo del bei voti
,

[ UNITA 37 \
SCOALA • SCUOLA
• ILECTIA 37\
•••
210
essere-essendo
avere-avendo
211
Gerunzlul. este a forma verbalA nedeterminat<1; din aceastA cauzA
se conluga. Sa propozitia cauzala condo
." 1-
lavor-are Javor-ando
legg-ere legg-endo
sent-ire sent·endo
Se fol08e,te: '
1. pentru a reda a cauza (cuvinte introductive : siccome perche
polche, vista che etc.): ' ,
- Fiinclca n-are chef sa vina cu noi, ramane acas<1.
- Siccoma non ha voglia di venire con no· , I, rtmane a casa
Non avendo voglia di venire con noi, omane a casa.·
2. pentru a temporalul (cuvinte introduetive: mentre
quando, ogm volta che etc.) ,
- Cand rnA p1imbam prin pa ••
_>< rc, md gGlndeam la vara care trebuia

- passeggiavo per il parco, pensavo all'estate che stava
per arnvare.
Pnsegglando per il parco, pensavo aWestate che stava per
arrlvare.
3. pentru a exprima 0 condi!ie (cuvAnt introductiv: se)
- Dacc1 pJecc1m la ora 5, nu e circul81ie. .
- Se partiamo aile 5, non troviamo traffico
Partendo aile 5, non lroviamo
4. in propozi!ii introduse prin: in care
- Monta!i in care introduceti !?uruburile in facute.
- Mentate II mobile, inserendo Ie viii negli appositi foni.
,

F: Ha ragtone, professoreX). Sto
avendo mohi problemi con la
famiglia e non rieseo a studiare
regolarmente.
Pr: Forse, parlando can i tuoi,
trovero una soluzione.
F: Non credo che sia necesario.
Le promena di studiare seria-
mente. Dedicando piu tempo
M: Ma FrancesCa, quando fai I
compiti?
F: Mamma, lasciami In pace: in
televisions c'e una uansmis-
sione interessantisshna.
M: Guardando sempre la televisio-
ne, non impari niente.
F: E tu, sgridandomi sempre e
dicendomi cosa davo fare non
mi aiuti, di sicuro.
M: Fai queUo che vuoi. Ma impeg-
nandoti un po'di piu, potrest;
prendere dei voti malta pili alti.
P,: Correggendo I compiti. Fran-
cesca, hO notato che per la
seconda votta il tuO e il peg-
giore della classe. Cosa sue-
cede?
0I110go 1
Francesca (F), Madre (M),
Professors (Pr)
F: Aveti dreptate, domnule
profesor. Am multe problema cu
familia nu sa studiez
cu regularaale.
Pr: poate ca, vorbind cu ai till, vOl
gasi 0
F: Nu cred este necesar.
promit sa invAl cu seriozitate.
Consacrand mai mult timp stu-
fA: Francesca, lectii1e cand 1i Ie
faci?
F: Mama. lasa-ma. in pace: la
tffievizor e 0 transmisie toarte in-
teresanta..
M: Privind mareu televizorul nu
inveti nimic.
F: 5i tu, daca rna
mereu spuiW1du-mi ce trabule
sa fac nu rnA aiU!i, cu siguranla.·
M: Fa. ce vrei. Dar daca ai fi pulin
mai implicata ai putea avea note
mult mai bune.
Pr: CorectflOd Francesca,
am notal ca. pentru a doua oara
a la esta cea mat slaba. Ce sa
inl<\mplA?
Dialog 1
Francesca (F), mama (M),
profesorul (Pr)
LECTIA37

SCOALA • SCUOLA

UNITA 371. [
SCOALA • SCUOLA
,
.
UNITA 37 i
._.__.
212
Esercilio 4 Exercitiul4
,
a) Se Sf fa molln SpCH"t SI rllVl'fll,l lobus!1
b) 5e (POdII UI1,l scajr)la U< Cif)C:CilIClllnl, It' f;-li '-11'1;]
I)UUflil Irnpressiorle \AltPI11IO)lP')
c) Se Ilili (Jel probli!llH PUCll SPlTlpril telpfm1Clmii
d) Se coni. nesel ancori-l <J J!rf:'rldere II freno,
e) Se jJarharno COIl pdp" torse f1l1SCIiHno ad Ii PPrrlWSSO rllUS
Cln',
Pronumele personalfe' (mi, ti, 1o. la. gti etc) se tip
gerunzlu ca adv(>r\),,!!' rrOllornlllale ci. "e,
- Poiche non cl varlo, hn piLl tempo per parlare COli te
Non andandocl ho pill tempo per parlare con fe,
. Sicome non la vecJu, vado via.
Non veelendola vCldo via
,

.213
cple (jOlla IratE' !(ihJSI!HI a I" (Jut-' Ims!. US,·Hl(jU potere
putea $1 f' II
El<emplll: - Comp IdeCio d np;Udrt' una IJlclc!ptl:f"
IEsemplo) - Dl!V1 as,IH' sfnllHell!1 aelatll
. Puoi 1;ll)H·II;!('lta. usando gil stfUIlH:'llt! aeJat!1
'1,\ CUtfH:' IdC','IP ,1 np,lrarp 1)ll'lcletta?
- 0,'\'1 usarl--' qil <;1rw'li.'! I:' ,,·utl,
I)) CI1IlH:> !:ll d Cil.', h.'rH(i
rl( i'tli' lid Ill):"
c 'I fell Ill, l d ("(\!" I" ' "->' d' lrdta'!
- Inollil allend::!' ,,!.,
fJ'1 Come IdCCI<lmu drl .lrlll-u,' ell ','lriPlna'i
PrerHJ!;lrllil II hilS
p) Corne tdll; d J)d(jd'·..' (i'1 :1111'[(':<.;; (j('l!a (;asa',
LavUfldlT10 dlP( I r;rl' e1! 111';\111'"
Eserclzlo 3
Esercizio 2
Esercizio 1
EXERCITII ESERCIZI
,
Exercitiul 3
,
Exercitiul 2
,
Exercitiull
,
Transformi Ie frassi, usando il gerun-
dio.
Exemplu: - 5e si fa molto sport, si diventa robusti.
(Esempio) - Facendo molto sport, si diventa robusti.
gerun- Transformi Ie frassi, usando il gerun-
dio.
Exemplu: - Mentre mi lavo Ie mani, mi guardo nello specchio.
(Esempio) - Lavandomi Ie mani, mi guardo nella specchio.
a) Mentre mi lavo Ie mani, mi guardo nello specchio.
b) Quando si sbaglia, si impara.
c) Ogni volta che vado al cinema, incontro qualcuno che conosco.
d) Mentre guardavo la televisione, mangiavo del cioccolato.
e) Quando ti ho vista, non Ii ho riconosciuto. (Attenzione!)
Transformati frazele folosind gerun-
ziul.
Transformati fTazale folosind
,
ziul.
eu ajutorul ge- Transformi Ie trasi, usanda il gerun-
runziului. dio.
Exemplu: - Siccome non studia abbastanza, Francesca prende dei
(Esempio)voti bassi.
_Non studiando abbastanza, Francesca prende del voti
bassi.
a) 8iccome non studia abbastanza, Francesca prende dei vati bassi.
b) La madre sgrida Francesca, perche non esoddisfatta di lei.
c) Vista che non migliora, Francesca deve andare a parlare col
professore.
d) Siccome aveva paura della reazione del padre, Francesca ha
deciso di impegnarsi di piu.
e) Siccome era malata, la mamma di Francesca non e andanta a
parlare can iI professore.
I LECTIA
38
1
LAcOAFORe
CAL PARRUCHIERE
I UNITA
38
1 [ LECTIA 381
LACOAFORe
CAL PARRUCHIERE
,
UNITA38.
'----_._j
in aceasta leclie invitati:
• unele expresil necesa're la coafor
• adjeclivel
or
DIALOGURI • DIALOGHI
Esercizio 1
EXERCITII • ESERCIZI
,
Imparare rltaliano e piu dlVertenle clle fattcoso.
(A invata i!aliana e mal dislracliv dedlt obosllor).
E piu convenlente a tare la spesa al supermp.fI:alo
piuttoslO che andare al mercalO.
(E mal convenabil sa faci 1:1
supermagalJn dedit la magazin).
I miei capelli sono piu corti dei tUDt.
(p3rul meu este mai scurt decal aI13u.)
Francesca epiu alIa di sua madre.
(Francesea e mai inaUa decat mama ei.)
Exereitiul1
,
dl
(piuttosto)
che
Forma de compara!ie a adjedivelor se lace eu ajutorullui pi':' sau
meno. Pentru argumentare se fok>se!,>te piu = mal multo
1. dupa di urmeaz3 substantive sau pronume.
2. dupa (piuttosto) ehe urmeazt'i adjective, adverbe, vNbe la ill·
finitiv sau constructii prepozi!ionale.
,

s: Come quella della ragaZZil sulla
10(0 appesa alia parele? E slala
votata miglior modella deWan·
no.
R: Am ineredere in ctv.: sunt foarte R: Mi fido di LeI: SOIlO sempre con·
mu1tumita de coa'urile dv.! tentissima dei SlJoi tagIi'
5: Ca aceea a fetei din posterul de
pe perete. A fast clasilicata cel
mai bun model al anului.
Completa!i exerci!iul cu di (cu sau Comptetate J'eserclzio. inserendo di
articoQ ori cu che, in eu (con 0 senza artlColo) 0 che negll
puncte. spazi vuoti.
Exernplu: II miD cane epiu bello .. _tuo.
(Esemplo) - II mio cane epill bello del
al l! mio cane epiu bello .. , tUD.
b) Fllburgo si lrova pIll VICino ana FrancIa. a"a SVIIzera?
c) Maria e aneora PIU alta ... prima.
$: $ .. rho vista anclfio. E veta-
mer lIe betlisslma.
R: Vonel una petti natura simile,
solo un po' pill ondulata e un
po plIJ scura.
Dialogo 1
Aosa (A), signor Simoni (S)
R: Buon giomo
S: Bllon giorno, signora Gini
R: Ho fissalo un appuntamento
per Ie 10
$: Benissimo. Prego. si accomodi
pure. arrivo sublIO...Al1ora. sig-
nora. Come Ii vuole i capelli.
questa volla? Come sempre 0
un po'piu corti? Cosa ne dice,
58 facciamo una leggera per-
manente?
R: Mah. non so proprio. Forse
potrebbe iarli un po'piu ricd Mi
sembra che sliano meglio.
$: Vediamo... Che ne dice. se Ii tin·
giamo un po'? Biondo scuro, 0
lorse e add.rittura meglio cas-
Hmo. Sane I colori che vanno
plU di moda. adesso.
R: II piu laglio che ho vista recen-
temenle. e quelio dl un'attrice
francese. campana l'aUra set·
hmana su
A: Cea mai bum\ pe care
am vazut-o de curfm,d esle cea
a unei actrite !ranceze. ap:J.rutA
saplamana' lrecuta. In revisla

s: 0<1. Am \f:'zut·o eu. Era inlr-
adev:'ll foarte Irumoas3..
A: vre3 0 plept:ln:ttura
doar PU!1I1 Illill
ondlllat3. pllIUI mal
R: Buna ziua.
s: ziua. doamntt Gioi.
R: Am fixat 0 programare pentru
ora 10.
S: Foarte bine V:J rog. lua!i loe. Vin
de indata... doamn3.
CUIll sa fie parul de
aceast3 data? Ca de obieel. sau
putin mai scurt? Ce-a!i zice
dactl. am lace un per-
manent?
R: Hm, nu prea Poale av
putea 53-1 laCe!i mai on-
dulal. cred ctl·mi sta mal bine.
s: sa vedem.. , Zice dacA I·
<1m vapSl Un blond inchtS
sau mai bine castaniu Suot
culorile eele mal la moot'!
Dialog 1
Rosa (R). damnu! simoni (5)
214
215
rLECTIA 38 :

LACOAFORe
DAL PARRUCHIERE
,-----
I UNITA38
"------.- .. -
LACOAFORe
DAL PARRUCHIERE
,
UNITA 38 '
,
,
.---
hI iil7lJl\fprlwlor Cil piacere se eu di pill
Ml fJlOCC' di piu tare !il: "acrtr'llC ad agOSIO p1Ul1osto clle a luglio.
filll! pl<lf'e Inallllu" sa mi lac COI)CP.(hlll in august dedll in luhP)
Esercizio 3
Exerci1iul 3
---'--
Superiativul in Ilahan,1 sc formeazA CU artlcolul hot,)r;'l1 ill 1.11;).
iI pit' grande OlUSeo dl slona flCJ!ur"lle
Ja PIU coslOsa plelra prezlosa.

a) Per paler .. devl fare mot!: ('SNelll
hlll teleglomale <h RAI 3 e... dl qllello di RAI 1
c) E . II nslnranlp atrangoto 0 qUI!1I0 rn plan:fJ
d) Cilmnllno .. 1:011 Ie scarpp. da glnfl<lstlca ehe l,;f1!l d p, ·HI
e) Sulle u!tllnt· f10vlla. 10 sono Illformato (flU'
f) La So/ullone d\t, hal propnS{01lt1 selnl)r;.l It. (fil,·ii., (j,'i liH)' 11:
lega
g) E '" lacerfl, pll!ttns!n ell'" elf' tin sClm:dl(';'"l(:
11) Si vive, $11 nOll S! hall/l(> fl(1C1rlllarr'
i) Piutlosto <:!w :lire Iln;t hUql,t C. dire la veW,l (' an:Nt;lIf' Ie ("fill.
seguenze
I) Tl place .. lit CII(;ina Iral1(;l.'se () (jllella 11<111,111<1'.'
a) Marra· raoal.!;) inlelliOfHll(!, sClloia.
b) Prezzi . alii - esserei in CIl!;j
c) Tun fralr!lfo . persona - llIale<lUc<Jla _io aver Xl
ol La RUSSia gtande . ICI ra
Forma!! o. superlatNe. lofosUld Fnrmarf' ddlp trast :"1111 Sllpl'd.I!I:'
indicalll' utllrllando te ImllCilllllf Ii ',l'l
Excmplll: - Marla raYit77il 1I)l('lIt!j£111le SCtl(liil
(Esemplol M<'lll,l piu inlelligente SLlltJl"
,
:I, .Cand superlalrvu! urmeazi'i llnLlJ pronume sall dl'itll !>lIt;sldIlIN
oj. esle necesarl:l rrepC)lIllii di (CLl articol)
Francesco eII ragauo pill t.'lnfipallCO 1utto iI corso
. Daca. dup,1 superlaliv urrneR.Za 0 Pfop(llJ!le. treblJlf! COil
junctivul:
Francesco e II rafJalZo PIU anllpatico che io conOSC3_
1
,
migliore. dl piu
Esercizio 2
di piu III [llserl!p, meglio
1lf'!.111 SpeW vuoll
P,,!, putt'l pi'lrlan', , '11(111"111), de"l farp molt I
PUIPI p,:Hlare megtio 1'11,'111<11\0 (Jf'VI lare l!lolll (>SI'I-
Exerciliul 2
-_.- ----'--.. -_.
MEGUO - MIGLIORE = mai bun
Megllo este augmE'ntatlvlll de la bene !;Ol CSle un ad..crh
Din accasltl cauz;'l ('su:! loiosil delermllla mal tllne VQf-
l>ele !?I adjeclrvele.
Con If! lelltl a contano veda meglio che con yh occhi<tli
t
(CU lentilele de vM mal bine (lecat ell
Migliore esle i'lIlUlIleJ)lalIVul de la buono'a.'I;e!?t eSle lUI adlectlv
Dill CatUa. esrelotosil pe lang:'l substantive pp.lllru elle
dett"rnill1a: psI£? tllOllv\l1 pOIl!rU care are plural - migliori
GI,U1ni e LlJiqi 50no ma LUigi (! mlgliore dellral{!lto in
IJlIllllilslll:a l11p.nlrc Giill1lll e migliore In l"meese,
(GI;tJllll "I Luigi sunl ilemwll. rJal LIUgl c rnal bun lil gllllllast!Ca. pc
C<lllri Glilnru e m('l,llJUO fa
til M,o I! {II tri-' iii 1111 j)lU UJU\'<U1P. In.a ma(/rf-!
(.) P:tSS:UP pi" Via Ganl);.jI(1l f' plU corw . passar(' per II celluo
f) Ouest anno ho vrslo plU It<llla. _III Francla
Hl $ICCOlTlf' 'jOIlO ncrvoso. uevo spesso II Ie, clle phi
let/velD _ r.:ltfe
It) H1 moJO pill pencoloso anrJare Ifl tll<lcr:IIHla.
I) Le sp1wme della Srcllla $0110 plU pubIC, , que1le (1(llla Sarcleqn8
,

P\Jll('!l megllo migliore
Inc:urllp ill punelf'
EXprn!llll
lEs(r!TljW1f
216
;>17
1 LECTIA
38
1
X) vreodata - mal
- Questa e la canzone piu bella che io abbia mal sentito!
DIALOGURI • DIALOGHI
,
UNITA39
219
Dialogo 1
Pietro (Pl, lmpiegata (1m),
Direttore della filiale (Oir.)
1m: Buon giomo. Desidera?
P: Vorrei incassare quest'assegno.
1m: Mi spiace, rna non e possibile.
Siccome e un assegno sbar·
rata, pub solo versare la somma
su un canto corrente, ma non
prelevarla.
P: E per prelevare denaro dal
canto di mia moglia?
1m: Non ha dietro una carta di
credito?
P: No, rho dimenticata a casa. Ma
sana sicuro che c'e un modo
per fare un prelievo dal canto di
mia moglie, usando quest' as-
segno!
1m: Vado un attimo a parlare can ij
direttore. Attenda un secondo,
ritorno subito.
P: La ringrazio!
1m: Posso disturbarLa, dottore? C'e
un cliente che vorrebbe incas-
sare un assegno sbarrato.
Magari pUG scamblare due
parole con lui.
Dir: Arrivo. Chi e?
Dialog 1
Pietro {Pl, Func!ionar (1m),
Directorul filjalei (Oir.)
Dir: Sosesc. Cine e?
in aceasta leqie
• conversatii utile pentru incasarea sau plata unui cee
• construi!i propozi!ii relative
1m: Bunt:i ziua. Ce doriti?
P: As vrea sa. incasez acest cec.
" .
1m: Imi pare rt:iu, dar nu se poate.
Este un cec de Pute1i
doar sci vcirsati suma intr-un
cant curent, dar n-o pute1i
ridica.
P: $i pentru a ridica bani din con-
tul soriei mele?
1m: Aveti a carte de credit la dum-

neavoastra?
P: Nu, am uilat-o acast:i. Dar sunt
sigur cci existt:i 0 posibilitate
pentru a face a incasare din
contul sotiei meIe folosind acest
cec.
1m: Un moment. ma duc sa vorbesc
cu directorul. 0 c1ipci,
revin imediat.
P: Vti multumesc.
1m: Pot sa va derq.njez? Am un
client care ar vrea sa incaseze
un cec. Ni putea sa schimbati
doua vorbe cu el?
I LECTIA
39
1 LA BANC.&. e IN BANCA I
----
,
UNITA38 LACOAFORe
DAL PARRUCHIERE
e) Rama - citta - popolosa . ltalia.
f) Gli Uffizi - museo - bello - io aver vista. Xl
g) Tu - amico - fedele - io avere.
h) L'Aida - opera - famosa - Verdi aver seritto.
X
)
i) IIlago di Garda - esteso - laghi italiani
,

218
r---- -----1
: LECTIA 39 I
. ,

-".- -----_... -_.-
-
LA BANCA • IN BANCA
I LECTIA
39
1
LA BANCA • IN BANCA
,
UNITA39
?20
a) Un assegno sbarrato
1 Ii'",', :1H'",ISS:l\() 1'1
;.: ;:.' .,..i'"i(1 .,,"IS,-I::' un I" (lt110 baneanI).
b) Pietro potrebbe ritirare del denaro.
1- con una carta di credito.
2- dal canto delta moglie can un assegno sbarrato.
3- dal suo eonlo con un assegno sbarrato.
c) Alia fine Pietro decide
1- di rinunciare a prelevare del denaro.
di prelevare denaro da! suo canto e lasciar perdere
I'assegoo sbarralO.
3- di versare rassegno sbarrato sui conto e di ordinare un
nuevo libretto di assegni,
221
Pronumele relattv se pentru a lega doua propozttii care
se refera la subiect. '
Quel cane si chiama Fide· Quel cane cammina in strada.
- Quel cane, che cammina in strada. si chiama Fido.
Cand pronumele relativ es1e subiect sau obiect aJ unei
relative, in itariana. sa che.
Sublect: II bambino che porta i pantaloni rossi eilliglio di Rosana
Oblecl: II bambino che vedi eiI figlio di Rosanna
Cand pronumele relativ eSle exprimat prinlr-o prepozi!ie, exisl<1
dou<1 posibillta!i:
1. cui (nedeterminat ca che)
2. i1 quale (masculin singular: I quail (mascurin plural); la quale
(feminin singular): Ie quail (leminin plural)
Observa!l:
- i1libro di cull del quale Ii ho parfato estalO pubblicato daUa
Mondadori.
- Le ragazze con cull con Ie quail sana andato in piscina si chja-
mana Luisa e Francesca,

,
I' nS(li .. a
lrd
COl\lro!li 1('
Esercizio 1
Rileqqa d rJlalOijU
I"PSf!fCllJ1l, SC€ghell(1
f
1,
P0<;SllJl!lti'l quella glllSICl
SOIUIIOI1! nella casst'Jt1<J
1m: E quel eha U\UOSSit
I unpeHnealJlle. (II IrontH <'1110
SjJl Jnello 5
Dir: All. 10 conusco e uno COil clli
ho qla avulO dpi probleml in
pClssalo!
1m: Se vuole. posse (hrgh che Lei (>
occupalo.
Oir: Lasc! perdew. Vado 10 <1 par
largh
Oir: C<ipISCO il Suo pfOlJlem<'l. C'e
SOlll una possibl!lla (l CIO<J ella
lp, prlm<l vp.rSt rassenno sui
511" e f)Ot c:lm ntlfl la
S\llllln:-f con lin Suo assentlO
P: PllftroppO non P. posllJ'!C' IIUIl
1"'11 P rllll3SIO Ilctnlllelll) 1111 OlSeu
no
'
PelO r>l>nrel oldloare till
1ll10VO hbretto
Oir: SOlo deve aSpnll;lW
,Ilia Ilh'lzorl?-lla. $1
pUlP II l) npa$1 onl lcud: l10
1
nllWlll) iJ f;I:L,>
1IIIhretto
• ESERCIZI EXERCITII

Rf'Cllltl •. ':I)I",,,!:: pxprCI!lli(
(III' \"" pn,>111ilttt'l.!1 pc!
('Pd [JUlia C:lI'l'l'!,ll, \.'.'\ solUllile \w
I,' :\,
Exercitiul 1
--- .
Oil: A. ,I cunOS1. i.: lIflul r:u care am
i1l1l1! prol)ICme III UP-cui'
1m: OacCt IJrNI pOl spun c....
ocup.<11
Olr: N ·an" UlIlJl1fidll!,'t (Iue sa
vUlh,!sc ell "L
Dir: Vi'! prnl)lE"l11il. EXlsla 0
IJt)S!hllilate allume. ca
rl'l st'l VrlfS<l11 lTlel! ,mal ce<:lJI ill
"?' ilJXM sA mllca!l
SUnlil Coli Ull r:cr: al (hI'.
p' TOluSI. n:"ll 11 f>OSlbll? Nu In'i1
It),l, r."hll"!'> 'II.! '11.:'lcar un r.1'!i:
PUilie as pUlt'n r:em un carnel
nOll
Dif: PprlPC1. Nurnm r." Vil trebu. sa
.lst£>ptalJ :1".'(' de ora
lli<l!1 11.)( ">dll f{!'.,p!1111 mal larllli
<:;.: n'l; IJrt·!Jtll.!'l i,It·", Will> llli
'lOll carr 10:'\ I
1m: f:U Impermeahll
r'rtf" :111:1 1'\ la!a qhlSt:'lJllJl 5
[ LECTIA 391 LA BANCA • IN BANCA I,--U_N_IT_A_39_
Exemplu: - Non ho voluto parlare con il 1iglio della signora Francia.
(Esempio)- Ho avulo una lite con la signora Francia. la settimana
scorsa.
- Non ho voluto parlare con il figlio della signora Francia,
con cull con la quale ho avulO una lite la settimana scor-
sa.
a) Non ho voluta parlare con il figlio della signora Francia.
Ho avulO una lite con la signora Francia la settimana scorsa.
b) Non eriuscita a Irovare la strada.
Le avevo descritto la strada nei particolari.
c) Luigi mi ha regalato un anello d'oro!
Ho regalato a Luigi un libro per il suo compleanno.
d) Non vedo piu i miei compagni delliceo.
Uscivo spesso con i miei compagni del liceo, quando andavamo a
scuola insieme.
e) II palazzo appartiene ad una famiglia nobile di Roma.
Ci troviamo di fronte al palazzo.
f) Mi ricordo ancora di quegli anni.
Ci siamo tanti divertiti durante quegli anni.
g) La pianta equeUa verde, con Ie foglie larghe.
Volevo comprare la pianta.
h) Ho perso il portafoglio.
Avevo lasciato 200 000 lire nel portafoglio.
i) II signore eil presidente della ditta.
II siQnore porta i pantaloni grigi e la giacca marrone.
,
UNITA39
223
a) - Can ... sei andato al cinema ieri sera, dopo avermi telefonato?
- Con Piera, la ragazza di ... ti ho gia parlato piu volte.
E quella mia campagna di liceo ... eandata a vivere a Genova can la
famiglia, ma adesso e... per qualche giorno a far vista agli amici.
b) - Pronto ... parla?
- Sana Marina, c'e Patrizia per favore?
- Sono io, Marina ... e successo?
- Niente! Ti ho telefonato perche ho bisogno del numero di telefono
di Paola.
- Mi spiace, ma non ho I'agenda ...
- Sai ... potrebbe avere il suo numero di telefono?
- Forese Roberto; anche lui conosce Paola!
c) - Scusi, c'e la signorina Florio?
M L
· '?
- a el ... e.
- Sono it meccanico a ... la signorina ha telefonato stamattina.
- Vengo per riparare I'auto.
- Ah, ha capito! 10 sona suo fratello. Posso aiutarLa?
- Mi dica solo dov'e la macchina!
- E ... in cortile.
ILECTIA
39
1 LA BANCA • IN BANCA I
----
Esercizio 3
Attenzione a non conlondare chi,
che, qui, cui!
Inserisca negli spazi vuoti la forma
esatta.
Esercizio 2
Leghi Ie due frasi, utilizzando, come
nell'esempio, i pronomi relativi.
Exercitiul 2
,
Atentie, nu confunda1i chi, che, qui,
cui!
Introduceti In locurile goale forma
exaeta.
Exercitiul 3
,
Legati eele douA fraze foloslnd, ca in
exemplul urmAtor, pronumele rela-
tive.
222
ILECTIA 40 I
HOROSCOAPEe
OROSCOPI
UNITA 40 I ILECTIA 40 I
HOROSCOAPEe
OROSCOPI
UNITA40 I
,
DIALOGURI • DIALOGHI
in aceasti lectle invatati:
• simbolurile italiene zodii
• exprimarea formelor de viitor
1.-emo
2.-81e
3.-anno
Plural
M: Sembra non mena ottimistico
del tuo. Ma tu cradi veramente
aile previsioni degli oroscopi?
Riceverete sia lettere inaspet-
tate sia la visita di vecchi amici,
che non vedete da molto
tempo. Se manterrete la calma,
tutto si svolgera come vorrete",
G: Dipende: se sono buoni ci
credo; altrimenti, no!
M: Ma non mi dirai che dai credito
a quetlo che e'e scritto?
G: Ma na, Marianna. Dimentichero
tutto fra pochi minuti. Prima che
tu creda che io sia super-
stizioso, voglio dirti che per me
esolo uno scherzo. 10 sana una
persona trappo razionale per
dare importanza a queste case!
Sing.
Viitorul se prin adaugarea urmatoarelor terminatii la
infinitiv, eu vocara scurtati1:

2.-ai
3.-a
Leggei'e legger...o, legger-ai etc.
-Dofmire· oormir-6, dormir-ai etc.
. Atenpe: la verbele de conjugarea I-a a de la are se preschimba in
e; -


,

V81i primi fie scrisori
tate, fie vizita unor vechi prieteni
pe care nu i-ali vazut de mult
timp. DacA va. veri pAstra cal-
mul, totul se va petraee dupa.
cum daritr.
,
M: Nu pare mai ptJ!:in aptimist
dedit al tAu. Tu crezi, intr-
adeva.r, in previziunile horos-
caapelor?
G: Depinde: daca. sunt bune, cred,
Altfel, nul
M: Ei, n-o sA-mi spui ca. acorzi
incredere la ceea ce serie!
G: Nu, Marianna, voi uita totul in
cateva minute. inainte de a
crede ca. sunt superstqios,
vreau sa.-ti spun cA pentru mine
e doar 0 gluma.. Sunt 0 per-
soana prea r31ionala. pentru a
da imponanta aeestor lucruri!
M: Hai ragione. Mi chiedo se il mio
oroscopo sia buono come il tuo,
benche io non creda molto a
queste case! Hai voglia di dare
un'occhiata?
G: Di che segno sei?
M: Sana un Saggitario.
G: Vediamo: Vergine, Bilancia,
Scorpions... Sagitlano. Sei,'.
pronta? Qui dice: "Avra una
timana piena di sorprese,
Dialogo 1
Giuseppe (G), Marianna (M)
G: Senti, Marianna, prima di partire
vorrei controllare cosa dice it
mio oroscopo. Allora: Capricor-
no, Acquario, Pesci, Ariete,
Toro, Gemelli, Cancro". ah ecco
Leone:"11 futuro vorra confrontar-
vi con alcuni problemi familiari,
che pera troveranno una
soluzione senza che dobbiate
preoccuparvi La vostra situa-
zione finanzaria migliorera, ma ,
,
non dovrete prestare denaro';
neanche agli amici. Meta set- ,. ,
timana sara il miglior periodo
per fare progetti'. Non male,
che diei?
-G: Auzi Marianna, inainte de a
pleca 8!? "rea sa. controlez ce
spune horoscopul mau.
Capricorn, varsator, Ber-
bee, Taur, Gemeni, Rae... ah,
iata. si Leu: "Viitorul va face sa
va 'confruntati ell unele
problema familiale, care S8 'lor
solutiona totus] tArt!. sa fie
sa va 'ocupati de ele,
Situatia dv. tinanciara. S8 va
ameliora, dar nu trebuie sa
Imprumutati bani nlei chiar
prietenilor. Mijlocul s<1pt<1manii
va fi perioada cea mai bunA
pentru a face proiects', Nu e
rau, ce zici?
M: Ai dreptate. M<1 intreb
horoscopul meu este la fel de
bun ca al ta.u, cu toate ca. eu nu
prea ered in aceste lucrurL Vrei
sA-li arunei 0 privire?
G: Ce zodie e!?ti?
M: Sunt Sagetator.
G: sa. vedem: Feeioara., Ba
1an
t
a
,
Scorpion... Sagetator. E!?ti ga-
ta? Aiei zice: "Veti avea 0 sap-
ta.mana plina. de surprize.
Dialog 1
Giuseppe (G), Marianna (M)
224

225

ExercitJul1 Esercizio 1

Umpleti sPatlile goale folosind forme Riempiete gli spazi vuoti utilizzando
ale viitorului Ie forme del futuro
ExempJu: -Non so sa ... rlO.potere) "telefonarti, perche ... (io·essere)
(Esempio) impegnato fino a lardi.
-Non so potr6 telefonarti, perella sara impegnato fine a
tardio
a) Non so se... (io-potcre) telefonarti, perche ,.. (io-essere) impegnato
fino a tardL
b) Mi hanna detta che Maria ... (arrivare) a Milano il16 e ... (partire) il
18. Ma perche sta solo due giorni?
c) Gli anari ... (aOOare) male se Ia crisi economica ... (conlinuare).
d) Che sorpresa, Paolo e Franeesca! Ho sentito ehe ... (partire) per
gli Stati Unitl e ehe ... (fermarsi) per un anno. E vera?
e) 10 canasco Marta: anche questa volta non ... (mantenere) la
promessa!
f) Sa metti della Wodka nel sueeo d'arancia 10 non 10 ... (bere).
g) Sa mi accompagnr aWopera ... (lu-vedel'e) quel lenore famosis-
sima.
o h) Ricarda di dire' a Salvatore che non ... (io-venire) alia partita,
perche ho promesso a mia $Orella che ._. can a com-
prare.
UNITA 40 I
HOROSCOAPEe
OROSCOPI
QSe Maria e Claudia non ... (impegnarsij, non ... (riuscire) a superare
I'esame.
Exerclliul 2 Eserclzlo 2
If] italiana sa poate folosi indleativul In italiano, e possibile utilizzare
prezent pentru a exprima aetiuni !'indicativa presente anehe per
viiloare. $ubstituifj in paragraful Care esprimere azkmi Mura. Net brano
unneaza vel'bele la prezent eu verba ehe segue, sostltuite per iscritto i
la viitor. presenti con i futuri.
teri ho telefonato a Gelsomina che mi ha detto ehe domani, a Palazzo
una mostra di minerali, Apre aile 9, rna e meglio an.
darel PIU tardl, perehb nnaugurazione dura almena un'ora
Dopa Ia mostra posssiamo andare a mangiare un gelato e nel tarde
pomeriggio, d incontriamo con Patrizia, che dOmanl mattina .rriva
da Roma.
Se hai voglia, la sera guardlamo quel nuovo ·film francese useite
pochi giomi fa, 0 aUarna a casa a vedere la televisione. '
, LECTIA 40 I
UNITA I
HOROSCOAPEe
OROSCOPI
Oe observat:
1.-essere face viitorul cu -prefixul sa, (sar6, sarai etc.)
2.- Une5e verbe au un viitor neregulat, ca de pikJii:
avere al/ro poterre petro
sapere sapro vedere vedro
andare aOOro vivere vivro
bere berra rimanere rimarro
tenere terro venire 'J006
volere vorra
EXERCITII • ESERCIZI

,

ILECTIA 40 I
F
ILECTIA 41 I UN FURT • UN FURTO I UNITA41 I ILECTIA 41 I UN FURT • UN FURTO
,
UNITA41
Tn .ceuti Iectie
• sa exprimati'propozitit cu verbe viitor care pot avea sens de trecut.
DIALOGURI • DIALOGHI berclzio 1
Riscrivete Ie trasi in cui compare un
dubbio, utilizzando il futuro semplice
ad anteriore.
EXERCITII • ESERCIZI
Exercltiul 1
,
229
Exemptu: -Forse hai capito mate.· Non mi sembra possibik! che
(Esempio) Marco abbia dena questa di tel
-Avrai capito male. Non mi sembra possibile coo Marco
abbia dena questo di tel
a) Forse hal capito male. Non mi sembra possibile che Marco abbla
dena questa di tel
b) Farse sbaglio. rna Maria non dice la veritA.
c) Non riesci a trovare Luigi a casa? Ma non e possibile che tu abbia
sbagliato numero?
d) Oggi c'e sciopero dei bus. Acctdenti; MBf"cel1o non 10 sa e forse
sta aspettando aUa fermata!
e) Guarda! un pacheno sui tavok>! FotSe eil regale di complean-
no di mamma a papa per Paoo.
Ho un terribile mal di testa, forse perche ieri he guardato tuno il
giomo la TV.
g) Coo bena giacea! E di Amlani; rna terse costa un patrimonio!
h) -Quanti anni mi dai, Mario?
. Forse hai piU 0 meno 25 anni. Carla
.. Bravo. hai indovinato. Ma forse te I'ho detto io quaJche gMlmo fa?
i) Pietro i! gia due ore in ritardo: 'OfSa ha perso II freno.
Rescriefi frazele. in care apar dubii,
folosind viitorul simplu viitorul
anterior.
Villor II
avro cantato
. avro:,leno
partite
pr"'
des-
vcr fi trecut
o las adesea
In italian4vitorul peate fi foJosit pentru aetiuni in
treeu sau actit.ri vitoare
" ." .
1...Jn ViJ:or, cu vftOlU simpkJ:
-,GiM.avrii i raffreddor'e e perci6 non e veolAa allavortJ.
2.-ln Ire<;llt, cu \/IIONI"llJ
. , ....
.• Non'Sto. bene:, nro manglato..troppo.
este a\clltuit cu verbul ajuta.tor (a fi sau a
ticiplul verbului. de eon(ugar.
Inflnltiv:', " Vlltor'l
cantare cantero
, leggen)
partire partin)
,

Diolog 1
Doamna Negrini (N),
Inspecte< de (I)
228
DIo!o¥0l
Signora Negrini (N),
Inspelte<e di po!iz::ia:J("I).,----;--,--,-=-=
I: ARora, Stgnor'a, da dove sooo
entrati i ladri?
N: Mah, saranno passati daUa
finestra; la lascio spesso aperta.
I: E i suoi vicini... non hanna sen-
tito niente?
N: I mlei vicini? Non avranno fatto
N: Veeinii mei? N-au dat atentie; lin atenzione; lengooo sempre la
mereu televizorul cu sunetul la te4evisione a volume altissimo. A
maximum! La ora asta cine quest'ora i Isdri chissa dove sa-
pe unde vor fi hOfii? ralmo?
Nu trebuie sa va I: Non dave preoccupatsi, sig·
VOf incerca sa se 35- nora; staranno cercando di nas-
cunc:lA, dar noi ii yom gasi. condersi rna noi Ii troveremo!
N: sa sperAm! N: SperiamoJ
I:
I: Oed. doamna, pe uncle au intrat

N: eul
fereastra;
chisa.
I: 9i vecinii dv... n·au BUZII nimic?
DIALOGURI • DIALOGHI
CONDUCEREe
GUIDARE
I UNITA 42
M: Ma casa sana tutti questi seg-
nalatori? Questa eil tachimetro?
Bene. Ora la macchina ein folie.
Meta Ia- chiave nell accensione
e giri. Provi! Giri la chiave in
sensa orario e accenda il
motore.
Is: Esatto! E queUo e I'indicatore
della benzina. A destra del
volante c'e la levetta di cam-
utazione delle luci che Lei deve
azionare per poter partire. Ma
prima guardi sia nella spec-
chietto retrovisore, sia in quello
laterale. Bene! Appena la strada
e libera, accenda la luce di
direzione di sinistra, schiaccj la
frizione e metta in prima,poi len-
tamente prema sull'accelerato-
re,
M: Va bene cosi?
Is: Perfetto. Ma giri ancora un po'i1
volante, cosi usciamo dal par-
cheggio. Ecco, partiamo pure!
CONDUCEREe
GUIDARE
231
Terminatiile Imperativului in italianasunt
ARE ERE IRE
pers.1I sing.(tu) ' -I ·i
pers.1lI sing.(Lei) -I -a -a
pers.1 pl.(noi) ·iamo -iamo -iamo
pers.1I pl.(voO -ate ,·ete', -ite
1.- Formele regulate sunt identice cu cele,ale indicativului prezent
,

piciorul stang pedala
care este ambreiajul. Introduceti
cheia in demaror si rasuciti.
. . ' ,
Incercati! Intoarceti cheia in
, ,
sensu! acelor de ceasornic si
pomiti motorul. '
M: Dar ce sunt toate aceste indica-
toare? Acesta este vitezome-
trul?
Is: Exact. lar e indicatorul
de t>enzina. La dreapta
volanului se afti1 maneta de
semnalizare luminoasa., pe care
dv. trebuie sa. 0 aetionati inainte

de a porni. Mal intai insa va.
uitati in oglinda retrovizoare sau
in cea laterala. Bine! Acum
drumul e liber, aprindeti sem-
nalizatorul luminos pe stanga,
apasati pe ambreiaj, b<'1gati in
viteza intaia, apoi actlonati incet
acceleratorul. "
M:
Is: Perfect. Dar mai rasuciti putin
volanul, asa yom iesi din locul
de acurn pornim!
[ LECTIA 421
I UNITA
42
1
Is: E da molto tempo che vorrebbe
iniziare a prendere lezioni di
guida?
M: Ho sempre voluto guidare, ma
adesso mi sono decisa perche i
bambini devono andare a
scuola.
Is: Allora iniziamo. Alia Sua destra
c'e la leva del cambio, che Lei
usa per cambiare Ie marce.
Per faria, perc deve premere
can il piede sinistro questa
pedale, che ela frizione.'
Is: Non c'e bisogno di essere ner-
vosi. Prima di tutto si segga
comoda, si rilassi, e si metta a
suo agio. Eh, pera da quella
panel Oggi Lei deve guidare la
macchina!
M: Ah, scusi, ha ragiane. E difficile
perdere Ie proprie abitudini!
Is: Questa e la Sua prima lezione
di gUida, se non sbaglio, sig-
norina Piatti?
M: SI, Sl. Devo ammettere che sono
un po'nervosa!
0181090 1
Marcella (M), Istruttore (Is)
M: A, scuzati. Aveti dreptate. E
greu sa. renunti la propriile
obisnuinte!
, ,
Is: De cat limp ati fi vrut sa. luati
leC1;ii de conducere?
M: Totdeauna am vrut sa. conduct
dar acum lTl-am dads,
deoarece copi tTabuie sa.
meargala
Is: Atunei sA incepem. La dreapta
dv. se afl1i de
viteze, pe care dv. i1 folositi
pentru a schimba vitezele.
Pentru a face acest lucru
trebuie mai intai sA apasati cu
230
Is: Aceasta esls prima dv. leqie de
conducers, daca nu rna
Piatti?
M: Da, da. Trebuie sa. admit
(recunosc) ca sunt putin ner-
voasa. (emotionala).
Is: Nu tTebule sa. fill nervoasa.. Mai
intai de toate asezati-va. comod,
, ,
relaxati-va. simliti-va. degajata..
Ei, acum pe aceasta. parte! Ali
tTebuie sa. conduceti
Dialog 1
Marcella (M), Instructor (Is)
,in aceasti lectie Invitatl:
, , ,
• unele n01iuni despre conducerea automobilului
• sa exprimati notiuni folosind imperativul
EXERCITII • ESERCIZI
,
3.·lmperativulla persoana a II-a sfngutar se tonneazi':il ClI non +
verbulla InflnltlY:
nu vorbi • non pariare
ExercttluJ 1 Eserclzlo 1
,
RescrieJl urmatoarele Utilizzando k! lonne derl'imperativo,
utilizAod formele Imperativului. rrscriva seguenti trasi.
Exemplu: .perch8 non dai un aiuto a MarcelJo?
(Esempio) .(la' un aiulo a Marcelto!
a) Perche non dai un aiuto a Maccelk>?
b) Devi fare attenzione a quello ehe d;ci!
c) Dovremo partire prima delle 8, per arrivare in tempo.
d) Signora, dave stare in silenzio per qualche minuto!
e) Luigi e Roberto: dovete andare a comprare illattel
1) Paolo, devi mangiare di piiJ e lavorare di mana!
g) Carla, devi essere piu paziente con i bambini!
h) CarD, devi dire al direttore di darti qualche giorno di ferie!
i) Avete vogUa di giocare a pallone?
come
,
UNITA42
Eserclzio 3
a) accendere il motore
b) cambiare Ie maree
c) sapere se c'e ancora benzina
d) azionare iI cambia
e) guardare chi c'e dietro
l) partire.con la maechina
g) guidare la macchina
h) misurare la velocita
;) segnalare un cambiamento di dire·
ziona
i) regoJare la velocita
CONDUCEREe
GUIDARE
ExerclUul3
,
. -formele de lipul da', dl', sla', fa' cer dublarea consoanei:
da-mi - dammi
spune - dilk>
,

I LECTIA
42
1
22'
Exerct!lul 2 Esercizio 2
RescrieJ.i acest paragraf subslituind Risciva il brano, sostiluendo a91; im-
imperativelor cu lu pe cele cu Lei. peralivi in tu, quem in LeI. (Anen-
(Atentie Ia pronume!) zione ai pronomi!)
-Piera chiede un consiglio a Mana, perci1e la sua ragazza 10 vuoJe
rasciare.
-Ascolta per patere riconquistar1a, dille che la ami, falle moh.i regali e
telefonarfe spesso, cosi lei sa che tu la pensi.
-Non essere sempre cosi impaziente e quando lei \lUole andare a
comprare, accompagnala.
-Stalle vicino e aiutala, quando ha bisogno di teo
-Non lasciarla soJa e non andare in giro sempre con i tuoi amici.
-La sera guarda la terevisiooe insieme a lei 0 portala a teatro a aI
cinema.
Serie!i intrebAri rAspunsuri ca in Scriva domande e riposte
exemplul de rna; jos., dar corecte. nell'esempio, ma g;uste.
Exemplu: -A cosa serve la leva del cambio?
(Esempio) -La leva del cambia SelVe a cambiare Ie maree.
A cosa serve? A cosa servono?
1. la leva del cambia
2. la fnzione
3. l'accensione
<1 10 speccietto retrovisore
5. Ie luci di direzione
6. la prima marcia
7. I'acceleratore
8. il volante
9. l'indicatore di benzina
10. il tachimetro


fate
andate
dite
state
dale
,
UNITA42
Slamo
abbiamo
facclamo
and"'mo
diciamo
stiall)O
diamo
CONDUCEREe
GUIDARE
Atel11le: Pronumele personale se pun in fata verbului in cazul
calor c;te (Lei), dupa verb, in celelalte cazurl.
dall·mi ca"ea - ml dia illibro (Dv.)
da·ml cartea - damml illibro (tu)
2. Cateva forme neregulale:
essere: sii sia
avera: abbi abbia
fare: 'a'/fai 'aecia
anetare: va'jvai vada
dire: di' diea
stare: sta'/stai stia
clare: da'/dai dia

,
,

232
I LECTIA
42
1
DIALOGURI • DIALOGHI

In aceaata leetie invitall:
, , ,
• cum pute!i exprima 0 actiune a catei indeplinire este probabilA.
(Exercipile leC!iilor 43, 44 45 care au referire, se ana la sfal'!?itul
Leqiej 45).
GRAOINARITe
GIAROINAGGJO
I UNliA 43/
C: Adesso ehe ei penso, emeglio
tare COme diei tu. /0 ho una
arnica laureala in scienze
naturali. Se Ie chieda un con-
siglio. ml aiuta di sicuro; lei si in.
teressa motto di eeologia!
LECTIA'43

c: Dacl:rl ma. gandesc, e mai bine
sa facem cum ziei lu. Am 0
prietena licentiata. in !?tiinte
Daca. ii Cer un stat, rna.
cu siguranta. Ea e foarte
Inreresata. de acologie!
I UNITA
43
1
GRAOINARITe
GIAROINAGGIO
Dialog 1
Luigi (L), Caterina (C)
L: Auzi draga:, acum oe dedicatn
grAdina,itului!
C: Ai dreptate. Dacli nu suntem
atenli, '.lor multe buruieni.
.
l: Bine. Atunei dsci:!. tu tai iarba eu
rnA ocup de straturi.
.C: De acord. dupa aceea
plantam bulbi de lalele
gladiole.
L: Os, dar mai intai, daca nu
sapam patrlantul !?i nu-l
nu putem p1anta
nimic.
C: Eu rna due sa iau de
lucru, iar tu Ie duei sa eumperi
bulbi.
L: Trebuia sa eumpA! al1ceva?
c: Da. Daca vram M tim siguri ca
totul va merge bine, sa
luilm un ierbicid.
l: Nu sunt de acord. Aceste sub-
stante infesteaza mediul am-
biant. E mai bine s:i
sa. eombatem cu sub-
stanfe naturale.
234
Oialogo 1
Luigi (L), Caterina (C)
L: Senti cara, ora ci dedichiamo al
giardino!
c: Hai ragione. Se non facciamo
attenzione, cresceranno motte
erbaece.
L: Bene. Allara sa tu tagli I'erba, io
rni oceupo deUe siepi.
c: D'aceorda. e dopa piantiamo i
bulbi dei tulipani e dei gladioli.
L: Si, rna se prima non zappiamo
Ia terra e non la concimiamo.
non possiamo plantare nulla.
c: 10 vado a prandere i guanti da
lavoro e tu vai a comprare il
coneime e i bulbi.
L: Deva comprare qualcos'altro?
C: Eh. si. Se vagliamo essere sieuri
che tuno vada bene, dobbiamo
prendere anehe un antiparassi-
lario.
L: Non sona d'accordo. Queste
sostanze inguinano I'ambiente.
E meglio cereare di eombanere
i parassili con soslanze nalurali.

235
!I.ECTIA
45
1
CURATENIA CASEle.
,
LE PULIZIE 01 CASA
,
UNITA45
I LECTIA
45
1
CURATENIA CASEle
,
LE PULIZIE 01 CASA
,
UNITA 45
in aceaeti leetle invitati:
• • •
• sa despre lucrurl care nu S-8U petrecut. dar soar fi putut petreee.
DIALOGURI • DIALOGHI
EXERCITII • ESERCIZI

Oillog 1
Rosa (A), filea ei Gianna {G},
Pie1ro (P)
R: Gianoa, ai de praf poIile1e?
G: Nu, nu incA, mama. am inceput
eu tereslrale,
R: A, cureti ferestrele!
G: Oa, de ce? Ai nevoie de mine
pentru altceva?
R: Nu, nu... Ili mutt
pentru ajutor, in lelu acests am
limp sa spal farfuriile!
G: Fir-ar sa fie! cat suot murdare
aceste ferestre. Daca fi
curatal mai des, fi avut mai
fll.4ine probleme.
R: Ai dr9ptate, dar nu prea mai am
limp.
G: M3J'nA, aspiratorul nu
lunc!ioneaza.,
R: 9tiu. Oac.i tata I·ar fi dus la
reparat luna trecuta., acum I-am
Ii avut deja reparat, dar eI a in-
sistat ca. af vrea sA·1 repare sin-
gur.
G: bineinteles, nu I-a facut inca!
A: Sigur! cum e tata. 9i daca.
m-ai ajuta s<\ intind rutele?
G: sa lasam balta cavoarele?
238
Dlalogo 1
Rosa (R). sua figtia Gianna (G),
PielIo (P)
R: Hai gia spolverato gli scaffali,
Gianna?
G: Non ancora mamma, ho in-
iziato con Ie finestre.
R: Ah, stai pulendo Ie 1inestre!
G: 51. perche? Hai bisogno di me
per qualcos'aItro?
R: No. no... ami ti ringrazio molto .
delt'aiuto, cosi ho tempo di
lavare i piatti!
G: Accidenti. quanta sono sporche
ste flOestre. Se Ie avessl pulite
piu spesso, avrei avulO meno
problemi.
R: Hai ragiooo. rna non ho mai ab-
baslanza tempo.
G: Mamma, I'aspirapofvere non
funziona
R: La so. Se papa I'avesse portato
a (iparare il mese scorso, a
quest'ora ce 10 avrebbero gia
ridato, rna lui ha inslstlto a voler·
10 riparare da solo,
G: E naturalmente non I'ha aneora
fatto?
R Certo! La sal com'e paptl. E S9
mi aiutassi ad appendere i
panni?
G: E lasciamo perdere i tappeti?
R: Ei da, admiland ca tu nu vrei
mergi in gra.dina sa 5e bati.
G: OX Cum programul de
nu s-a terminal inca, mal
am limp sa ;:;terg poIitele de praf
inainte de a te ajuta cu albjlume.
R: Eu intre timp curat pantofji.
P: Ciao la toti.
G: Ciao tatlt Fii atent! Eu mama
de doua ore abia am
terminat de curatat pavimentul.
ce ai flkut cu pantofii.
Daca te-ai fi ;nainte de a
intra n-ai fi murdArit pavimentul!
(parchetul!)
P: Scuzati-ma. Pur simplu nu m·
am gandit.
R: dacli dadeai la reparat
aspiratorul, am fi putut sa·1
folosim.. _
P: Bine... bine. Imi pare foarte
rau... maine i1 due imedial la
reparat.
Exercttiul1
,
Recitqi Leetia 43 !?i observati
folosirea indicativului pentru a ex-
prima a condqie realizabila in
prezent sau in viitor.
,Completati spatiile libere punand
verbele la indicativ prezent sau,
eventual. la viitor.
R: Eh, si. Ammesso che tu non
vogria andare in giardino a bat-
ter/i.
G: OX Ma siccome la lavatrice
non ha ancora linito il program-
ma, ho ancora lempo di spol-
verare gli scatfali, prima di
aiutarti con la biancheria.
R: E io Intanto pulisc;o Ie scarpe.
P: Ciao a tutti.
G: Ciao papa Papa anento! 10 e
mamma stiamo ravorando da
ore e abbiamo appena finito di
pulire il pavimento.· Guarda
rosa hai combinato can Ie
scarpe. Se Ie avessi pulile prima
di entrare, non avresti sporcata
i/ pavimenta!
P: Scusatemi. Non ci aveva
proprto
R: E se avessi fano riparare
I'aspirapotvere, avremmo pOluto
usarlo.
P: Va bene, va bene. Mi spiace
molto... domani 10 porto subito
ad aggiustare.
Esercizlo 1
Rileggete I'unita 43 e osservate I'usa
dell'indicativo per esprimere una
condizlone realizzabile nel presente
o oel futuro.
Aiempite gH spazi vuati, menenda i
verbi al presente indicativa 0, even-
tualmente, al futuro.
239
,T
,
,
ILECTIA45,I

CURATENIA CASEI.
,
LE PULIZIE DI CASA
I UNITA
45
1
LECTIA 451

CURATENIA CASEle
,
LE PULIZIE DI CASA
I UNITA 45
Exemplu: -Sa ". (tu-venire a prendermij aU'un;versita, (noi-potera)...
(Esempio) andare fnsieme a pranzare.
-Sa ml vlenl I prendere an'universita, passlamo andare
klsieme a pranzare.
a) Sa ... (tu-venire a prendermi) all'universita, (nai-potere) ... andars
insieme a pranzare.
b) [M>-telefonarti} ... stasera, S8 ... (tu-essere) a casa
c) Maria (venire a trovarmQ... rnefcoledi pomeriggio, se... (Iei.uscire)
dallavoro puntuaJmenle.
d) Sa... (noi·andare) a canars da Luigi, dopa (noi-potere) ... aodare
tutti iosiams al cinema.
e) Se II bambino egg! non (sentir"Sl) ... meglio, (noi-dovere) ... portalo
dal donore.
f) Sa (tu-avere) ... un appuntamento aMe 5, (noi-avere) ... solo mez-
lora per stare insieme.
g) Sa (tu-non sbrigarsQ. (noi-arrivare) ... in mardo aoche oggl.
h) Sa (noi-volere)...andare in montagna, (noi·dovere) ...comprarci un
magliooe di lana.

La verbele terminate n are. a se transforma in e:
,
cantara· canterei
•. ,
fossimo
'OSlO

Esercizio 2
Rllegga iJ diak>go detl'unita 44 e os-
servi came Sl esprima la condizione
coJ congiuntivo imperfelto e la con-
sequenza can il condlzlonale
semplice.
1.-ssimo
2.-sle
3.-sselO
1,-ssi
2.-S!:i1
3.-$5e
Sing.
PI,
Conjunctivul imperfect ullimele doua litere ale inlinillvulw c;c
deoparte S8 adauga termlna!lile urm.aloare:
Essere
fossl
fossi
fosse
,

a) Se (ia-patere) ... ailltarh. 10 ItO·lam) .. ,
I») 5e (Tu-velllnni a prendere) . aile 8, (noi-polerc) € gil
allri at ristoranle.
c) 5e (lul·comprare) ." un al mare (r'lOl-passarej tulia
!i
d) 5e (lui·amarti) ... verarnenle. n"l1 rn;:\l soli1
ej 5e (low-vOlefp.) <Jc('OlllPdHlklrllll. /lo·esSere}. moltll cnlltPtlli1
f) 5e (val·avcre ... del ;IILltD_ (Iei·cssem) "elOllre rlls
ponil)rlp.,
So (IOSJlocare) ," I)f'rlfl alennls, (1(l·aCl.(ltarel. I:l lLI<lprOposta
11) Se (IlOl-rtUSf":IW) . a parl,ue Call 11 proless()(e. fnr':>e (nol CO!1Vln·
cerlo) .. a darel piu tempo per prepar;m.'1
241
Exerciliul 2
,
Recltip dialogul de la Leqia 44
serva!i cum se expflln<, condi!ia cu
conjunclivul Imperfecl con·
secLJ!ia Cll condi!ionalul simplu,
Spa!ille lit>ere punand Rll!mplle gli SPall vuorl I
verbele la conjunctivLlI imperfect vetbi al cong1tlllllvO unperfNlo e ;-11
simplu. condlzionale semplicl!
Exemplu: . Se .. , ailitarti. 10 (Io·faro) ", volerltler!
(Esemplo)· 5e potessi (lIllian. II) farel volentlen

,
·,
,.
,
'.
r
'I
,
,
1
,
,
,
,
j,


I
,avremmo
, avreste
ONfebbero
saremmo'
sareste
sarebbero
1.-1
2.-sti
3.-bOO
1.*mmo
2.-$Ie
3.-bbero
Sing.
PI.
CGndltlonalull
,
Urma:tQal'ete.terminaHi se VO( ada.uga infinitivului:
Essere , Avere
sarei avrei
saresti avresti
sarebbe avrebbe
,

240

LECTJA 45

CURATENJA CASEI-

LE PULIZIE 01 CASA
IUN,TA45
ILECT'A 46\
-
URGENTAe
,
CAsa 01 EMERGENZA
I
UNITA 46
Cornplela!1 spalille libere punfmd l=llempite gil spazl vuoti. mcllendo I
verbele la coniuncllvul prezenl !?i la verlJi al c:ongiunlivo Irapassalo 12 al
campus. condizlonale cornpOSIO.
Exemplu: -5e (tu-Iavurare) ... pil'J senamenle. non,., (Ioro·licenziarti).
(Esempio) -5e lu avessi lavorato pil'J senamente. non II 8vrebbero
licenziato,
a) 5e (tu· lavorare) ._.plll senamente. non ... (Ioro-licenziarti).
Il) 5e if [reno non (esscre) ... in rilar(10. (lo-rluSClre) ... n vcdere la
mostra.
c) 5e (lu-rlcorrJarsi) ,.. di tnandarle I sold!. (Iel-potere) ". comprarsi i
hbn dl CUI aveva blsoUno.
d) Se Franco e Susanna non (addormenlarsij. (toro-porere) ... it 111m
In leleVlslone
c) 5e nOI non (andare) ... da lei. lei non (venire a ... sicura-
mente.
f) 5e (tu-pulire) ... il pavunento. papa e mamma non (l<lmentarsl) ...
(Jella sporclzia.
gl 5e ,., a fare la spesa. (lo-percJere) " l11eno
tempo,
Exercitiul 3
,
Reel!i!i dialogul cle la lectia 45 ob·
servali cum se exprim:l condl113 ell
conjunctivul mal mutt ca perfect
consecullCl eu trecut.
DIALOGURI • DIALOGHI
013.1090 1
Franca (F). Antonio (A)
F: AntoniO, cos

A: E Ull U3sfICCIO. II Sly'
nor TOSI II nOSlm VICino. e 510110
CullO da lin inlarctu HallOO
chlarnato lUi ambulanl.<I ..
rhanno <:OI)(lul(o SUI1l1O
all'ospedale
F: AccldentJ' E tll da Clll ap·
preso la 110117Ia?
A: E slalC\ Dror.no la lJlonh", r:lw
niP 1'11(1 COrlHII1lc8tn Pov8w1a,
ha piantu tulto II POfllUIIU9IO,
ma :-l.PPE'flil Iu S<-lputo Ch(l Il'
condlllolli (Jel manto sonu
rni9llor<lle. Sr .. un po f1pleS<l: I
InenlC:I sono ottllllisti. rna hanllU
conslgllalo ill TOSI (II
I;worare (Jj fll('JlO e ,-h Illassun eli
pili. Hanna pr<....·lsIO Url<J sel·
[Imana (II degPllz<=l C pcu sara
cJlmesso.
F: Eh. certo che 11 TOSI ncgh
Unirnl tempI vela
mente: sr v(lde ell(! il cuore nOli
Ila rellO Pill MI'llo che
lullo e IlIliw bl'IW.
F: AntoniO. ca al? E!?tlli'1ra chell
F: Flr-ar lie! Si III de la cine (II
('lllal
A: Mi-a CotT)unlcat·o chlar 5011a
Saraca, a pl81lS loala spara; d<lf
dupA ce a alia! c.::t slarea s(Jtulul
S-3 ameliarat. s-a mai reTlloptal
pu!in! M'ldlCu slInt optlnUSl1. (1m
I-au Sfc'UUlI pe dOrllnul losl sf!
lucreze llIal putnl sA se
relaxeze mal mult Au prevMUl
o tie ullemare. apof
va pulea I€!;>i
Dialog 1
Franca (F), Antonio (A)
A: S-a llllamplal ceva r;)u_ DOllll1ul
Tosi. veClrlul nOSlru. a suleri, un
infarcl Au chenJat 0
!?J I-au dus Splt"t
in aceasta lectie invatati:
, , ,
• cele mai imponanle forme neregulale de partfcipill
. F; Ei. sigur c:' in ullimul Illnp dam
nul Tosi a e)llagerat inlr-3ejevSr.
Se vede ca: inlma nu I-a rezrsl<tl
,
Tolul e binp, canel S8
ell binc, (Textual: e rll<li Pull1"1
rAu clact\ tolul sl.'lrSestE' llule)
i
Esercirio 3
Rilegga il dialogo dell"unila 45 e as·
seM come si esprima la condizione
col congluntivo trapassato e la
r:onsequenza cor condizionale pas-
sato,
Conjunctivul mai mult ca perfect se conSlruie!?le eu conjunctivul
Ullperlecl al verbului esere avere 5i panicipiul verbului de con-
JugaL
- se tu avressi pullto Ie IinesLre. avrei avUIO mena prOblemi.
Condilionalulll se eu de la essere !7i
avere $1 pamcipiul verbului de conjugal.
- se lu avessi pulito Ie linestre. avrei avuto mena problemi.

,
242 243
,
URGENTAe
,
CASe 01 EMERGENZA
e) Allora, per la resla di compleanno elullO pronlO. L'unico problema
che non ho anCOra ... sane Ie bevande!
f) Sona stata operata di appencticite: e stala un'operazione molto
semplice e sono stato ... net giro dl una settimana.
g) Hai ._. di fumare, Pia? E gia da un anna che mi dlc! che 10 vuoi
fare!
h) La polizia e riuseita a catturare it ladro, ehe e stata ... imrnedi·
alamente in careere.
ij Dopa la mal1e del marila, la signora non si epiu ...
-
A: Oncum, I-au prescns Irel
stlpl:unani de repaus absolut.
Dar nu-. lIa foloSI 13 nimlc: il
CWlOSC pe dornnul asi. nu a
inCelal 0 secunda sa lucreze:
e f:'JcUl
F: El. fapt e ca un InfarCI e un lucru
serias: nu trebuie sa·' iel peSIp.
pleior. De data aceaSIa lOllll g·a
501u\IOn<l.1 eu 0 re<.1rcs;\re. dar
daca nu sci se
schimhe..
A: SO\la a suslilllJI ca se va ingrljl
ea sa-I convinga sa duca 0 viattl.
mai calmaI
F: Au allat si cei dUl rarnil13 Sac-
r:11i?
A: Da. l.la. sllrea s·a rt.1span(l11 im·
ech<-ll iIlICl<1I<'1
,
UNITA 46
A: Comunque gil hanna prescfluo
Ire settimane (Ii assolute riposo.
Ma non serwa a nulla: in co-
nosca i1 signor Tos•. non ha rnar
smesso un secondo dl lavmare,
e fall a cosi!
F: Mail, fallo sla che lin inlarcto e
una cosa seria. lIon blsogn<l
prenderla SOllog;:llnba. Questa
voila e SlalO lullo risollO con UI1
rtcovero, rna se non SI cleclcle a
cambiare...
A: La moglie t,a sostenuto ch£' ci
lei a convlflcerlo a COIl-
durre una vila piu calma
F: La hanr.l0 saputo anche I Sac-
chi?
A: Si. si. la nOllziiJ SI e sparsa suI)·
ilo In lutlO iI ViC1I1Cllo.
I LECTIA
46
1
, I URGENTAe
CASe 01 EMERGENZA
UNITA 461
Exercitiul 1

EXERCITII • ESERCIZI

Esercizio 1
COlllplct;lh spa1ule Irberf:! foloslIld Rlempa glr spazi vlIOII. usando j par·
parttcipn din dialogul precedenl tiC1Pl del dlalogo precedente.
Exemplu: - Guarda cos'h,u fallo. Piero
'
Hal . lullo II sale per II
(Esemplo) paVlmenlo!
- GU<'irda cos·hallallo. Pima! Hal sparso tUlia II sale per il
pavil1'lenlO!
a) Guarda cos'hal lalla. Plero
l
Hai ... tutto II sale per II pavlment0!
bl LUigi e proprio (111 bugialclo! Pensa che ieri hfl .. 01 aver vinlo un
prplT)IO allQtto:
c) Per rI mal dl gOla i1111e<Jico mi 113 queste pillole e dello sciroppo.
d) Mmi;::J. h<-li ... (lei fiolin (leila Pursi? Si e SpOSJto la sel·
tlillana scorsa
l
244
245
I LECT'A
47
1 A REPARA e RIPARARE LI_U_N_IT_A_4_7_
LECTIA 48

TELEJURNALe
TELEGIORNALE
'i-U-N-IT-A-'
1, 1
I
II
I
I
• Stall UOltl:
II preSldenle della Repllbbhc<-l SI e
recalo oggl In vISlta ufflciale rlegll
Slati UOltl E panno da FIllnllCInO
e arrivalo a Washington aile 14 ora
locale Dopo esseH-' <;lalO ncevu!o.)
dal segretano til Stala "mencano Si
e incontr3tO COil rapplesentilill.
delta comunl1a ltallan<-l. <I CUI ha par-
lato JI saluto del (;OllnallOnah nmastl
In patna.
II programma tiel per I
prosslmi Qlornl e moUo unellso e
prevede. cllre a conlClni con Ie
gerarchle polltlche ameucanc. una
serie dl appuntamelllJ call
della finanza (-' delllf1(lllSlrlil
americane voltl .1 lavonre Invp.s-
timellli In naha.
II presldunte della Genf'lal Mo:ors III
occasione dl un r:cevnnellio
Ilallan;J tl;l 913
espresso tl suu appreu3menlO per
10 sviluppo cJclfec0I10mi<l llalian<l
nelfullllJlO deCetHlIU e ha <lSSiCllralo
un nnpegno persnnalp per una pIll
slretta cooper.wone Ira I due alleali,
(Te)(le)
Pre!?edintele de la General Motors,
cu ocazia Pfimirii sale la ambasada
italiana. !?i-a exprimat aprecierea sa
privind dezvoltarea induslriei rtaliene
in ufliffiUI deceniu a un
reprezentant personal pentru 0 mal
strimsa cooperare intre cel doi atiali
Programul pre!?edintelUi pentru zilele
urmMoare este loane intens !?i
prevede, in alara conlactelor Cll
ierarhia polilica americana, 0 serle
de intalniri cu ai tinan!el
industriei amencane pentru a
lavoriza inveSll!ii in Italia.
• Sialele Unlle:
republicli s·a dus all
intr-o vizita. oficial:l in Stalele Unite. A
plecat de la fiumicino a ajuns la
Washington la ora 14, ora locala
Dupa ce a lost prim!l de secrelarul
de slat american, S-3 inlalnll cu
reprezentanti ai eornunhatii i1:aliene.
carora le-a transmis salutul
eona!ionalflor rama!?i in patrie.
elencale
A: Dobbiamo inumidire i muri !Jer
slaccare la carta, poi usiamo la
spatola per spargere 10 stucco,
Allavoro!
lnserisca Ie prepos1zioni
negfi spazi vuoti.
Esercizio 1
EXEACITII • ESEACIZI

Exercitlul 1
,
A: Trebuie sa umezim perelii
pentru a seoate vechiul lapel,
apoi sa cojim gledul cu 0
spatolA. La lucru!
Introduce!! de mai jos in
spa!iite libere.
da, in. a, di, dal, ai, per, con
a) - Vieni con noi ... cinema. Plero?
· Mi spiace. rna stasera ho molto ... fare.
b) • Pronto, Maria. sono Clarissa!
· Ciao. Clarissa, che sorpresa. Ma Ii sento COS! male ... dove lelefoni?
- Sana a Napoli e ci resta ancora ... qualche glomo.
c} - Signor Pini. ha lempo _,_ aiutarmi a porlare Ie valigie in macchina?
· La aJuto moho volentiari, 10 inizio ... portare questa grande.
d) • Non ho piu voglia ... sludiare; vado lare una passeggiata!
- ... questa tempo eimpossibile uscire casa.
e) - Hanna rubala la borsa alia signora PisanI!
- E chi estalo?
- Non si sa, ma erano ... Ire e avevano la faccia copena.
f) • Mio Dio, quanto sei lento Francesco! Se non mangi piG ... Iretta nOll
arrNeremo mar!
- Senti Pia, 10 sai che non mi piace fare Ie cose velocemente.
Lasciami ...
9) - Sono venuto ... prendere sua figlia. Signora: puc chiamarla?
- Luisa ha lelefonato e ha detto che ritorna '.' casa can mezz'ora ... ri-
tardo perChe ha perso il treno.
h) - Pronto, Matteo.
- 51, sono io, chi e?
- Oh, finalmente. Ho cerealo lutto if giomo .,. raggiungerti, Ma dove sei
stalo?
- Aile 5 sana andalo.. , denlista e aile 7... Maria e ho mangiato .. casa
sua.
248
249
-
I LECTIA
48
1
TELEJURNALe
TELEGIORNALE
UNITA 48
LECTIA 481
TELEJURNALe
TELEGIORNALE
I UNITA
48
1
EXERCITII • ESERCIZI
,
a) "Si erecalo in visita uHiciale... signi1ica:
1- la notizia visita non estata tenula segreta.
2- il presldente ha incontralo personahta 3mericane.
3- il presidente e andalo in America non come privalO cilladino. rna
come rappresentante dell'llalia.
e) '., .. ha assieuralo un impegno personale" signllica:
,. ha pramesso che gli americanl II1vestiranOQ In Italla.
2- ha promesso di occuparsi personalmente della eooperazione Ira I
due Paesi.
3- ha della ehe ci sana buone probabilita ehs I'ltalia diventi aneora
piiJ ricca can I'aiuto degli americanL
b) a ••• volti a lavorire inveslimenli in Ilalia" significa:
t _ gli appuntamenti sono un prelesto per raggiungere un allro
scope, gil mvestimenti in llalia.
2· gli appuntamellli mlrano a convingere gil American] ad inveslire in
lIalia.
3- gli appuntamenli sana inconln in cui si parla della favorevole
sitl/alione economlca in Ilalia.
Esercizio 1
Rilegga il primo brano e scelga Ira Ie
tre parafrasi di ogni !rase quella
giusta.
Exercitiul1
,
prima parte a textului ale-
geli din eele Irei paralraze la liecare
pe cea corecia-,
I

I
• Unione Sovietica:
Oggi a Mosca allri sciopen In
diverse parti della cina. I
demonstranti si sana raccolli. come
spesso e successo in passalo, di
lronte al Cremlino e hanno gridalo
slogan contra il presidente. inneg·
giando aHa politica riformatrice del
5111daco dl Mosca.
II presidenle Sl lrova ora sirena fra
due 1uochl: a destra t rilorrnatori In-
51510no per un pUJ deciso camblo
nella politica economica e un piiJ
rapida avviclnamento ai sistemi oc-
cidentali, iniziando dalle pnvatiz-
zazionl delle imprese di Slalo: a
slnislra il fortp apparato militare non
vuole rinunciare al suo; privilegl e
minaecia un colpu dl mano.
Se a cio aggiungiamo la disaslrosa
crisi economica delrURSS e la latta
per t'autonomia delle Repubbliche
del Baltica, la posizione del presi-
dente appare veramenle precarja.
• Uniunea Sovietica:
AZI la MosGova au 10s1 alta greve in
diverse ale
Demonstran!li s-au adunat. cum
adesea g·a intamplal in trecul, in
lala CremHnulu; au slrigal slogane
i'mpotriva alaturandu-
sa polilieii reformatoare a primarufui
Moscovet.
este acum strans intre
dou:J fOGur;' la ctreapl8 relormatorii
insista pentru 0 schimbare rna;
declS3 in po!ltica economica 0
mai rapida la sistemele oc-
cidentale. ini!iind privalizarea
intreprinderilor de stat: la stanga.
puternicul aparat mllilar nu vrea sa
(enuote la pnvilegiile sale
ameninl3 cu 0 lovilura..
Daca la acestea adtlugam dezastru-
oasa crizti economic<1 a URSS, !;)i
lupta penlru aulonomie a Repubti·
cilor ball ice, pozi!ia
apare, intr·adev:Jr, precara
Exercltiul 2
,
Reciti!i a doua parte a leXlului si
chnlfe eele Irei parafraze la
fiecare pe cea eorecli't
Esercizio 2
Rilegga il secondo brano e scelga
Ira Ie Ire parafrasi di ogni frase
la glusla,
250
,
,
,

f
I
l
251
- -
iLECTIA 481
L._. . I
TELEJURNALe
TELEGIORNALE

UNITA 48
[ LECTIA 491

o RETETAe

UNA RICETTA
.1
UNITA 491
a) "11 presidenlp. 5i !rova slrelto Ira due fuochr' signlhca:
1- II preSldenle non sa plU cosa lare.
2- il presi(lente "Iene "tlaccato da due parti.
3- II presidenle 'Juole rinunclare alia sua carica.
in aceasta lectie invatati:
• • •
• preg:Jtirea une! specialila!i aUlenlic itahene.
• utilizarea adverbelor pronolllinalc.
DIALOGURI • DIALOGHI b) ..... minaccia un calpa di mano" significa:
1. mU13ccia di ablJandonare il soslegno al presidente.
2- mlnaccia di allearsi con la destra.
3 minaccI3 dl voler prendere il potere.
c) ".. la POsll1one apparc precafla- sUJnlhca:
1_appare ancora pegglore dl quello che e.
2· appare instablle.
3- appare terribile.
252
Dialog 1
Franca {Fl, mama (M)
F: Mama.. azl ai pronliS s3
ceva bun.
M: fA griji, mi-am anlllllit.
F: $i ce ai de gand (ee intenlio-
nezi) sa lad?
M: Trebule sa lie 0 surprll3. dar
daca chiar vrei sa 8!ii vrea
sa lac un liramisU.
F: HmmL.. abia sa-I gus!.
M: Atunci .. _ sa vedem dac3 am
cumparat 101 ce trebuie (toate
ingredientele) Mal intai 0
jumalate de kg de mascar·
pone!
F: Nu e cam mull?
M: Pentru 6 persoane? Glumesh?
Apol 200 rJr. de fri$-ca. 3 auta.
zallt'lr. vani1ie. biseuill. calea.
pral de ciacolata. (cacao). Da.
pxista tolui.
F: Pot sa te ajut,
M: Desigur, in timp ce tu moi bis·
in calea. eu free galbenLl-
surile ClJ mhar.

F: Imi va trebui un secall
Oialogo 1
..__
F: Mamma. Oggl hal promf'ssn di
prepararCI qualeosa dl buona
M: Non tl preoccupare rne ne
sana ricordata.
F: E cosa hai Illtenzione (II farcI?
M: Doveva essere una sorpresa.
rna se proprio 10 vuo; sapere.
varre. prepararvi un tlrarnlsll.
F: Ehmm... non veda rora

M: Allara.. vedi<1mo S8 ho com-
pralO lulti gli Ingredientl Prima
di tuna mezzo chilo 'Ii O1;:,.-·<.;al-
panel
F: Non eun !lo'lroppo?
M: Pef 6 persone? Scherzi? POI
200 gramml di panna (Ia mOIl-
tare, 3 uova. zlJcchero. va1l1glia.
savOlaldi, caNe. cloccolato In
pOlvere, 51. c'e tutto_
F: Posso aiutarti. mamma?
M: Certo, rnentre tu Illtingi
savoialdi Ilel caffe. io sballo I
tuorli Carl 10 zuccllero
F: Ci metlerai un secolo
l
253
I LECTIA
49
1
o RETETAe

UNARICETIA

UNITA 49
LECTIA 49 ,
o RETETAe
UNA RiCETIA
I
.
UNITA 49
_----I
Tiramisu = un ton special.
Mascarpone = sort de branza puloasa din lombardla.
F: Da, sunt gata. Acum trebuie
in straturi intercalate ell
cremtl intt-un vas sufrerent de
d
' ?
aane,nu.
M: Exact. $i la urma se pudreaz:J
eu c.ocolat:J pe 10altl suprafa!a.
Va I. delicios sao' punem in
lngider. a!?3 va II gala penfru
diseara.
M: Am un mixer; tala a
ieri unul nou. pentru ci;l celalall
nu mai pulea Ii (eparat. Astfel
fac mascarponele Iteplal. tala.
Acum bat
Ie incorporez in crerna de mas-
carpone de a!?a
ea devine rna; spumoasa !?i rnai
usoar:!. Perfect. Tu ai terminal
cu
M: Ho il frullatore, papa ne ha COlll-
prato uno nuovo leri perche
I'allro non si poteva piu riparare.
Falla, adesso aqgiungo il mas-
carpone gradualmente... eceD.
Adesso sballo gli albuml e 1<1
panna e Ii Incorporo crellla
di mascarpone e uova. COSI
divenla piu schiumosa e leg-
gera. Perfetto. Tu hai flllito con I
savoiardi?
F: 51. sana pronli. Adesso blsogna
disporli a strati can la crema in
un reclpiente alJbastallza
prolondo. no?
M: Esatto. E aHa fine SI spruzza del
cioccolato sutla superficie del
liramisu. Sara dcllzioso Mel·
tlamolo in Irlga COSI per stasera
sara promo.
EXERCITII • ESERCIZI
CI
1. Se eu A (anclare a)
Vai IU a eomprare il pane? 5i. ci vadi i01
(ci = a comprare)
Pensi !u a sbaflere Ie uova? Si, CI penso io!
(ci = a sballere Ie uova)
2. Exprima sensur de acolo
Fino a quando stai a Torina? Ci. SIO fino al 15 marzo
(ei == a Torino) .

,
Exercitiul1
=:::c=:;:,:::.:.: Esercizio 1
R.1spunde!i [a inlrebari lolosind ne i R
indicaliiJe dIn paranteze lspondete domande. utilizzan·
. . do ne e Ie lndlcazioni Ira parantesi.
Ouante mele hai compralo? (2
(Esemplo) Ne ho compralo 2 chili.
a) COmprato? (2
b) Hal la dl panire ra mallina presto? (no)
C) Qua.nlt bambini hal vista in spiaggia? (5)
d) Hal II di pasSa{e a salutarla? (no)
e) Aveta blsogno delralloggio aJ mare in lugJio? (si)
f) Avete parlato del vlaggio in Cina? (no)
g) Ha de.! f.ormaggio svizzero? (no)
h) Quanti cucchlalni di 2Ucchero vuoi /leI caNe? (2)
Exercitlul2
"-"-=,== Esercizio 2
Raspundeli ra intrebari rolosind ci si R
indica!iile din paranleze . domande, utlilizzan_
, '. do CI e Ie Indlcazionl tra paranlesl.
Exemplu: Pensale VOl a fare ra spesa? (si)
(Esempio.l -$i, Cl penSlamo no,-
I
I
•,
I
I
,
,
I
,
,
I
NE 5i CI
NE
1. Se eu 01 (aver blsogno di)
Ouando hai bisogno dell' auto? Ne ho bisogno dOlnanr
ene =' delfaulo)
Hal voglia di venire a teatro? No, nOll ne flO voglla.
(ne :; di venire a leatro)
2. Exprima 0 parte dlnlr-o canlitale.
Quanti zucchini vuole. Signora? Ne vmrei mezzo chIlo.
(ne :; dl zucchIni)
,

254
I
255
I LECTIA
49
1
o RETETAe

UNA RICETTA
,
UNITA49
ILECTIA 50 I
OASPETI e OSPITI
, UNITA 50 I
-
DIALOGURI • DIALOGHI
a) Pensare VOl a fare la spesa? (si)
b) Quando and!amo in vacanza? (i' mese proSSlnlO)
c) Hal pensalo a mandarle una cartolina? (no)
d) Hal finalmenle rinuncialo a vo!er andare negli Stali Unit!? (si)
e) A che ora Piero evenulo al cinema? (aUe 8)
f) Hai pravato a telefonargh leri sera? (si)
g) Sei abituato a restare sveglio fino a lardI? (no)
h) Sei slate coslretto a sposarla? (sl)
256
in aceasta lec!ie
• pronumele personal neaccenluat
Dialog 1
Marta (M). Luigi (L),
Giulia (G), Paolo (P)
M: Drag:', 31 impachetal deja
cadourile penlru G13nna
Paolo? vrea sa i Ie dau dupa
cina.
L: Sigur. !i Ie-am pus pe

M: Arata-mj-Ie! Felicitari. E chiar un
pachet lrumos.
L: Am lttcut cum am pUIUI mal bl-
ne. (Mi-am dat OSleneala).
M: la U!?a. Sunl el. eu
siguranl a
M: Ciao, loarte plJllctuali.
Cu aU'lt mai bine ca am inceput
sa gatesc la limp.
G: Ei. lilchipuie!i! Am Ii eLi
placere. V-am adus 1000grallile
dIn vacan!a de Pa!?tel
L: adus? Aproape ca am
uilal (de ele). Arat3\i-le!
P: lala-Ie! Draga. Ie ara!i tu? Eu ma
duc un moment sa cumpar
l
i
g
ar
i. .
L: Glumesti? Iti dau eu. Am
(acasa) doua pachete,
Dialogo 1
Mana (M). Luigi (L).
Giulia (G). Paolo (P) _,
M: Cam, hal gla imp<lcr:hetatto rI
regalo per G131ln;] e Paolo?
Glielo vorrei COllsegnare dOPll
la cena
L: Gena. Guarda. t,;> I 110 messo slil
lavolo.
M: Fammelo vedere' Cornpluoentl.
eproprio un bel p<lc..hello.
L: Ho latta del miD megllo.
M: Suonano al1a porta, s,orlO
sicuramente loro
l
M: Ciao. siete pU11lllRlisSHTII Mel)('
male clle 110 UH7.I;}\O III tempo ,I
CIIClnare.
G: AvrelllfllO aspeHmu
volenlieri. VI al)hl;II110 porti'110 If:'
fotografle delle vaC"I1Zp. dl
Pasqua!
l: Ce Ie avete portate? Me Ill' ern
quasI dimenllcato! Falecele
vedere!
P: Eccale. Cara. gliele fal vedere
tu? 10 vado un aUuno a com-
prare Ie sigarette,
L: Scherzi? Te Ie (Jo in Ne!w (jue
pacchetti (a casCl)
257
258
OASPETI • OSPITI

259
,
UNITA 50
Esercizio 1
OASPETI • OSPITI
,
EXERCITII • ESERCIZI
,
Exercitiul 1
,
Rispondete aile domande, utiJizzan-
do Ie indicazioni fra parentesi, come
nell'esempio.
Exemplu: -Chi ti ha regalato quel maglione? (mio 1ratel10)
(Esempio) -Me I'ha regalato mlo fratello.
a) Chi ti ha regalato quel magIi one? (mio Iralello)
b) Chi vi ha portato la torta clle c'e in frigo? (un amico)
c) Cili ha mandata a Paola e Stefano quella lettera? (Ii lora genitori)
d) Chi dara a Piero quesla notizia? (io)
e) Chi ti fa vedere la strada per arrivare in montagna? (mio cugino)
f) Chi vi ha consigliato questo ristorante? (un conoscente)
g) Chi ha dovuto restituire illibro a Massimo? (Maria)
h) Chi ha prestato la macchilla a Francesca e Luigi? (un vicino)
LECTIA 50

Rtlspundeti la intreMri folosind in-
,
dicatiile din paranteze_ ca in ex-
emplu.
Combina'ii ale pronumelui personal neaccentuat
10 I. Ii Ie ne
mi me 10 mela meli mele me ne
- ----
--
Ii telo te la te Ii te Ie
te ne
_gli/le _gli.l?lo ghela _____ gliele liene ..
CI ce 10 cela ce Ii cele ce ne
------- - --- _._---- .
- ---
VI ve 10 vela ve Ii vele ve ne
- ------- ,
SI selo se la se Ii sele se ne
,

pronumele personal neaccentuat Xl S8 include in trei
cazun:
1.- la forma de bazit non si puc dirglielo
2,-la imperaliv: dammelo
3.- la gerunziu: portandogliela, Ie ho fatto un piacere.
Xl vezi leqiile 37 42.
UNITA 50
M: Sentite. la cena e quasi pronta:
e meglio se Ie fotografie Ie guar-
diamo piu tardi. d'accordo?
P: Ehmm, questi gnocchi sono fa-
volosi. Hai messo dei funghi nel
sugo?
M: Si, funghi e noci. e una ricetta di
mia suocera.
L: Veramente? Mia madre non me
Ii ha mai faUL
M: Forse non te ne ricordi. Per
secondo vi ho fatto della carne
e per contorno dell'insalata mls·
tao
P: Ci vuoi proprio viziare! Ah, Luigi,
Marta mi ha detto per telefono
che vi siete comprati una nuova
macchina.
L: SI, una Tipo, te la faccio vedere
quando scendiamo. Sono malto
soddisfatto. Non me \a Im-
maginavo cosi comoda.
P: SaL anch'io devo comprarmene
una nuova e stavo pensando di
prendere 0 una Tipo 0 una
Renault 5,
L: La Renault 5 non te la consiglio
perche consuma troppa ben-
zlna.
P: Mah, vedremo.
P: Vrei cu adevarat sa ne fad
vicio9i. A, Luigi, Marta mi-a spus
la telefon ca v-ati cumpl':'irat 0
ma9ina. noua..
L: Da, e 0 Tipo, arat cand '10m
cobora. Sunt foarte mul!umit.
Nu mi-o inchipuiam atat de
comod;).
P: Stil si au trebuie sa.·mi cumptlr
. '.
una noua 91 rna gandesc sa iau
o Tipo sau un Renault 5.
L: Renault 5 nu te sfi:ltuiesc
deoarece consum<1 multa. ben-
zin<1.
P: Ei, yom vedea.
M: Da, ciuperci 9i nuci. E a reteia
de la soacr<1-mea.
L: fntr-adeva.r? Mama nu mi le-a
f:!lcut niciodata.
M: Poate nu-!i aduci aminta. Ca
falul dol v-am f<':lcut carne !;it ca
garnitura 0 salata mixta.
M: Auziti. dna e aproape gala; e
mat bine s.!:\; ne uitam mai tarziu
la fotografii. De acord?
P: Hmm, aceste g<1lu9te sunt fan-
tastice. Ai pus ciuperci in sos?
I LECTIA 50 I
-
TEXTE DE ASCULTAT
SCENA PRIMA
UNA VISITA INASPETIATA
Marco (Mj, la zia Maria (ZM), 10 zio Bruno (ZB)
Marco lavora da poco In una nuova agerlZla di viaggi a Savona. La sua
famlgl13 abita a Pisa e cosi. quando lavora, abita da solo. deciso tor-
nare a Plsa per vedere i suoi amici e per raccontare un po come va II suo
nuovo lavaro, Ma prima ell par11re vuole anche cereare di vedere una sua zia
che abita a Genova perche II Ireno che prendera per andare a Pisa 51
termera anche a Genova.
Parte prima
iSuona iI lelefono)
2M: Pronto?
M: pronto, zia? Sana Marco.
ZM: Oh, ciao. Marco. Che bella sorpres3' Come va il tua nuovo lavoro':
M: Bene (Jlrei anche malta bene
ZM: I cfjenti sono gentili? Ce ne sona tantl?
M: Si. S'I. C'e sempre tanta genIe nell'agenzia e finora sana stati tuttI quanli
moito cortesi.
ZM: Eh. ma non si sa mai, perelle la genIe di Savona e strana!
M: (Rldendo) Non It preoccupare ZIB SO difenderml. Senti. zia. S8 tl
tpletono e per sapere se CI posslamo vedere questa sabato, nel
pomeriggio sei libera? , '
ZM: Ma, non so, devo parlare un attllno can 10 zio: torse avra organlzzato
qualche cosa. Come mai vieni a Genova? , '
M: Oh rllente dl speciale, Ho decISO semplicemente dl tornare a Pisa per
passare il weekend dai mlel genitort. Sana ansiosi di saperecame vanna
Ie case a Savona.
ZM: Ah. d'accQ(elo.
M: E cosi ho pensata ehe, essendo casa tua malta vicIna alia staziot.le
palrel fare una raplda visita per vedere te e 10 zio e pal npreneJero II
treno Dill tard! verso sera.
ZM: Che buan idea. Senti. 10 zio mi dice ehe tutta va bene: potremo fare in
t
'>
modo eli avere II Ill)er0 Verso ehe ora arnveres I
260
M: Ma, basta fare un po' di calcoli. L'agenzia chiude aUe undici e mezza.
Potro prendere il treno che parte per Genova verSo meuogiorno e un
quarto. Sara da te verso I'una. Per la partenza non ci sana problemi. Ci
sana tanti treni che vanna da Genova a Pisa.
ZM: Ma senti, Marco. Se il treno arriva proprio a queH'ora, dovresti mangiare
can no!.
M: Ma no, ma no, zia. Vengo solo per prendere un caffe, non Ii voglio dis-
turbare.
ZM: Mamma mia, Marco! Se vieni a quell'ara e non mangi can noi, mi offen-
do. Dawero! Vieni a mangiare dunque. Ci fara malta piacere e non eaf-
fatto un disturbo per noi.
M: D'accordo, zia. Ma, per favore, non fare niente di speciale, un semplicis-
sima piatto di pasta mi bastera. Non mangio molto a mezzogiorno.
ZM: Vedremo, vedremo! Ci vedremo questa sabato, dunque.
M: 81, ciao, zia. Salutami tanto 10 zio.
ZM: Ciao, Marco. A sabato.
Parte seconda
(Sabato, a casa della zia Maria e delia zio Bruno. Macro bussa alia porta
e 10 zio viene ad aprire.)
ZB: Marco, ma che bella sorpresa!
M: Ciao, zio. Come stai?
ZB: Benone, direi. E tu?
M: Oh, malta bene. Un po' stanco can questa nuovo lavoro, ma comincio
ad abituarmi.
ZB: Appunto ti volevo chiedere com eva... Ah, ecco la zia. .
2M: Marco, ciao, ciao. Siamo veramente contenti di vederti. Ma scusaml,
Marco, sei dimagrito. Cosa fai a Savona? Lavari tutto il tempo e non
mangi in modo Giusto! Voi uomini! ..
ZB: Oh, Maria! Non cominciare! U povero Marco non e venuto per sentlrsl
criticare. E poi ricordati che Marco non epiu u ragazzino.
M: Non ti preoccupare, zia. Mangio benissimo a Savona. Ho trovato una
camera in una pensione, dove la sera mi fanno la cena, che ecompresa '
nel prezzo della camera. E ti posso assicurare che mangio malta bene.
ZM: E a mezzogiarno, cosa fai? .
M: Di solita prendo solo un panina e una tazza di caffe. Poi verso Ie Cinque
faccio una spuntino can i colleghi.
261

ZM: Bene. ma sona contenta che tu sia venuto qui oggi, perche cosi so che
mangerai bene almena per una volta
ZB: Parlaci del tuo nuovo Iavera. n lrovi bene?
M: 51, benissimo. I colleghi sono simpalicissimi e facciamo tante risate.
ZB: Avete motto da fate?
M: Ah, sl. Manina e sera la nastra agenzia esempre piena di genie. Sai, in
questa periooo, tuni quanti vogliono aOOare all'eslero. sopranuno in
Oriente. Anche stamattina he prenatato un Yiaggio per due a Singapore
e a Hong Kong.
ZM: mla! Non capisco questa desiderio di andar8 in Oriente. spe-
clalmente quando c'e tanto da vedere qui in nalia
M: dai,. C'eo sempre per vedere l'ttaHa, rna se capita
. I c:ccaslone, dr aOOare da qualsiasl parte all'estero, bisogna coglierla.
Z8: 51, ha raglooe Marco. Anch'io Ia penso come teo Se mi capitasse
I'occasions, me ne andrei in Cina F un paese che ho sempre
desiderato vedere.
2M: Adesso, basta con Ie chiacchiere. Metttiamoci a tavola
Parteterza
M: Oh, che buono, zia! Hai fatto i cannelloni. Proprio il mio piatto preferito!
ZM: Ma, che siano riusciti. Ho preparato fa pasta slamattina, rna
non ml sembrava malta boona aveva un colore un po' strano.
ZB: Ma il profumo e ottimo e son sicuro che saranno squisiti come al solito.
M: Mi siedo qua, zia?
ZM: 51, sl, dove vuoi.
ZB: A.ssag9ia un po' questa vino, Marco. Me I'ha mandato Olio fratello. Ti
place?
M: 51, 8 buonissimo dawero.
2M: Ecco, Marco, ti servo subito. E non aspettarci, comincia sUbito. E tu.
Bruno, ne vuai tanti?
ZB: No, .no. Due mi bastano. Non sana pill abituato a mangiare tanto a mez.
loglorna.
2M: I tuoi genitori stanno bene?
M: 81. Mia madre sta pensando seriamente di andare in pensione J'anno
Eun po' stuta dell'insegnamento. Mia padre e sempre iJ
solita, rna anche lui comincia a pensare aHa pensione. Tun'e due, mi
262
sembra, vogliono andarsene via da Pisa. Forse per tomare ad abitare
vicino a Genova, sulla costa, da qualche parte.
2M: Oh! Ma che bellezza! 8arebbe dawero bello avere i tuoi genitori qui a
Genova come un tempo. Sai, non abbiamo pili i figli a easa e lua madre
eI'unica sorella che O1i erimasta.
ZB: Ma devi dire a tooi genitori di venire a Genova uno di questi giomi.
Posso interessarmi un po' aile case in vendila e cosi palremo girare"per
Ie agenzie immobiliari insleme. Sai, questo eil momenta giusto per com-
prare; i prezzi non sono ahi e sopranuno a Genova Sf pasono fare dei
buoni affari.
Parte qU8rta
M: ehe buooi questi cannelloni, zia. Ne posso prendere ancora?
ZM: Ma certo, Marco. Sono proprio contenta che ti piacciano cos! tanto.
Dopo ti ho fano un po' di pesce, OuaJcosa di motto semplice. Sai, aJ
mercato, it sabato mattina, non si trova quasi niente di veramente fres-
co. Non so perctte.
Z8: Ma Ie sardine che hai comprato mi sembrano moIto belle e fresche.
2M: Sl, hai raglone, rna eun fatto piuttosto ecoezionale. Sardine cosi non si
trovano mica ogni senimana. Bruno, vuei ancora dei cannelloni?
ZB: No, mi basta cos!. Ma erano dawero buonissimi.
M: 51. lia, i tuoi sooo sempre i miglioli cannelloni del mondo.
2M: Bene. Se ne avete mangial: abbastanza, passiamo aile sardine. Ho fatto
anche un po' di verdura cotta come contomo. Spero che ti vada bene,
Marco. Sai, quando eri non volevi mai mangiare la verdura Mi
ricordo ancora di certe crisi che hai latta con tua madre per non man-
giare queUo che non Ii piaceva. Eri morto testardo da bambino!
2B: Ma, Maria, basta. Ti ho gia detto che Marce non e piiJ un bambino.
(Ridendo) Pera evero, Marco, tacev! delle crisi spaventose da piccolo a
tavola. Me ne ricordo anch'io.
M: (Ridendo anche lui) Dio, era proprio cosi testardo e difficile? E pensate
un po', adesso faccio un lavoro dove bisogna sempre essere cortesi
can la gente, non mi devo mai arrabbiare. Vi assicuro, pert'>, che certi
miei client; sana dJfficill. Soprattutto i vecchi che vogliono sempre trappe
spiegazioni su case che fanno, lrancamente, rldere.
ZB: Ah, i vecchi, pero, bisogna eereare di capirli!
263
M: 51, ma figurati, la settimana scorsa mi e capitata una signora malta dis-
tinta, che voleva andare in Inghilterra, e ha voluto che io scrivessi a tutti
gli alberghi dove andra, per precisare che non poteva bere il te col latte
ne mangiare la carne can la salsa di menta!
2M: Ah, ma tu non devi ridere, Marco. Se dovessi andare in Inghilterra,
anch'io sarei proprio preoccupata per iI mangiare. Tutti quanti sap-
piamo che gli inglesi mangiano cose orribili: patatine frine con tutto,
pane vecchio... Solo a pensarci mi si rivolta 10 stomaco.
ZB: Maria, Maria, attenta! Prima di entrare in crisi, non dimenticare di servirci
Ie tue sardine. Marco ha un treno da prendere.
M: Oh, non vi preoccupate, ce ne sana tanti.
2M: Ecco Ie mie sardine al forno. Spero che vi piacciano. Marco, mi dai iI tuo
piatto?
264
,
j
!
"
TEXTE DE ASCULTAT
SCENA SECONOA
UN INVITO A CENA
Elisabetta Massone (EM), Mario Massone (MM). Claudio Massone (CM)
Parte prima
CM: (Suona il telefono...)
EM: Pronto.
CM:E' questa il numero quarantadue, trentatre, ventotto?
EM: Si.
CM:Parlo con la signora Massone?
EM: 51, certo.
CM:Elisabetta, sana Claudio, Claudio Massone, tuo cugino.
EM: Ma che sorpresa! Claudio, dove sei?
CM:Sono a Milano.
EM: Ma cosa fai qui?
CM:Sono qui per affari.
EM: Da quanta tempo?
CM:Gia da quindici giorni. Torno a casa domani.
EM: Cosa? Te ne vai gia aRoma?
CM:51.
EM: Etua moglie e can te?
CM:No, non e venuta con me. Sai, i bambini sana ancora piuttosto piccoli.
EM: Ah, sl, i bambini. Quanti ne hai adesso?
CM:Ne abbiamo due; Piero...
EM: Ah, sl! Piero! Quanti anni ha adesso?
CM:Due anni.
EM: Etua figlia, come si chiama?
CM:Cinzia.
EM: Ah, Sl, mi ricordo adesso, Cinzia. E quanti anni ha?
CM:Sette anni e mezzo; c'e anche Mario?
EM: No, non in questo momenta. E' appena uscito per fare delle compere.
CM:Oh, che peccato!
EM: Ascolta, Claudio, casa fai stasera? Non potresti passare a salutarci?
CM:Pensa di Sl, sana Iibero.
EM: E allora, vieni a casa nostra a mangiare.
265
••
CM:Sei moho gentile, ma non so... non vorrei disturbarvi.
EM: Ma eosa did? Devi venire assmutamente. Da Quanta tempo non ei
vediamo?
CM:Ah... I'ultima volta sara 51ata almena tre anni fa... forse quattro. Bene,
vengo. Come faccio per trovare easa vostra?
EM: Aseotta, prendi I'autobus 24 bis ehe ti porta fino alia stazione Porta
Garibaldi. davanti alia stazione, davanti alia fermata,
troverai in Via Brescia
CM: Bene, nessun problema.
EM: Vai giu per Via Brescia. poi pass! due incroci (il primo can un semaforo).
Al terzo incracia, giri a sinistra in Via Santo Spirito; nOI abitiama al
numero quattra.
CM: Ha capito; Via Santa Spirito 4. Quanta tempo ci varra piu 0 meno per ar-
rivarci?
EM: Oal centro alia stazione Garibaldi ci vorranno 20 minuti e poi daUa
stazione a casa nastra una decina 0 anche mena.
CM:Ci sono tanti autabus?
EM: Ah sl, ce n'e uno ogni 20 minuti.
CM: Bene, d'accordo. Ounque a stasera. Verso che ora arrive?
EM: Guarda. se puoi arrivare prima della ano, avremo il lempo di prendere
un aperitivo.
CM:Buonissima idea! Allora. a slasera.
EM: Si, a stasera
Parte seconda
(Oai Massone)
CM:Buona sera, Elisabetta
EM: Buona sera, Claudia.
CM:Buona sera, Mario.
MM:Buona sera, Claudio.
EM: E' un vera piacere rivederti dopo tanto tempo.
CM:Si, fortunatamente stasera era libera. Gli affari, sai, mi lengono tanto ac-
cupata.
EM: Allera, cugino mio, come vanna Ie cose aRoma? Cosa fai esattamente?
CM:Sono amministratore di una fabbrica.
MM:Che tipo di fabbrica?
CM:E' una fabbrica di prodottl alimentari.
266
MM:Ah, lavori nell senore agra·alimentare, dunque?
CM:Si, proprio cos!. Guarda, per dirla chiara, fabbriChiamo pasta di ogni tipo
e salse varie.
MM:Ma guarda pera. E' una buona sistemazione.
CM:Ah, sl. Fa parte di una compagnia intemazionale, cosi posso viaggiare
motto anche atl'estero.
.EM: Oh che bellezza! Ma. senli, par1i inglese?
CM:Ma si che parle inglese a piuttosta ramericana.
EM: Ma edifticile !'inglese, no?
CM:SI, davo ammetlere che euna lingua difticile.
EM: E tua moglia, come va?
CM:Va benissimo. Guarda, ho una foto. Ecco mia moglie al centro del grup·
po, in costume da bagno; faceva caldissimo quel giorno. A sinistra c'e
Cinzia e a destra Piero con il suo cagnolino, Zarro.
MM:Ma, hai una tamiglia stupenda!
CM: E voi due, cosa fate?
EM: Ma, oiente di speciale. Mario e in pensiane da un anno Ha un piccolo
lavara come giardinere in una villa malta vicina.
eM: Ci passi molto tempo. dunque?
MM:Ma no, rna na. E' un giardino piunosto piccolo e non ci sana mohe
piante. Ci vado una 0 forse due vohe alia senimana solo la mattina. Mi
tiene in esercizio e poi la paga non emale.
CM:E tu, Elisabetla, cosa fsi?
EM: lo? Sono sempre segretaria
CM:E dove lavori?
EM: Lavore al CIAG di Milano.
CM:CIAG? Ma cos'e il CIAG?
EM: E' it Cenlro Internazionale per l'Accoglienza dei Giovani.
CM:Ti piace come lavOf"o? •
EM: Ah Sl, mi piace moltissimo. E' molto interessante e poi ci sane tanti
stranieri che arrivano: inglesi, francesi, americanL.
CM:Ci vengono anche dei ramani?
EM: no, e un centro internazionale. Ci sana altri centri per i giavani
che vengono a Milano.
CM:Avete un figlio, mi pare.
MM:Sl, sl, il nostro Giovanni.
CM:Ah sl, Giovanni. E cosa fa adesso? E' sempre alliceo?
267
..
MM:Ah, no! He fatto la maturita cinque anni fa.
CM:Cosa? Gia cinque anni tal
MM:Ma sil
CM:E adesso cosa fa?
MM:Adesso sludia all'Academia della Belse Mi.
CM:E cosa ci fa esattamente?
MM:Ah, sai, e una SCUDla malta speciale ella prende pochissimi studenti
all'anno. Giovanni vuole specializzarsi oel rest3uro dei quadri e dei vee-
chi mobili.
CM:Avra. da studiare aneera per malta tempo?
MM:Ha quasi finito1utti gli esami e ha gi3 trovato un posta in una dina di an-
tiquariato qui a Milano che fa buoni affari.
CM:Ma che successo! Dovete essere motto soddisfatti di lui.
MM:Si e no. Comunque, par1iamone dopa cena.
Parte terza
EM: Ah. sal, il povero Giovanni ci da tante preoccupazioni. SaL fra cugini.
possiamo par1are di queste case; ti spiego. Quando studia....., lavorava
tantisslmo e non usciva quasi mai la sera. Lavora....a aoche il weekend.
Appena ha finite gIl studi, ha inconlfalo una ragazza. E' una ragazza pill
vecchia di lui, avril a1meno venlotto anni e adesso dice che vuale
sposarla.
CM:Ma cosa c's di piu normale?
EM: Ma questa donna non eadana.
CM:Ma come, non eadana?
EM: Non vuole assolutamente conoscerci e non ci dice mai una parola.
CM:Strano. Ma come mai?
EM: Giovanni dice che e molto timida, ma non ci crediamo. E' una ragazza
che fa parIare la gente. Gia ha avuta tanti amici e non etutto, perche ieri
sera Giovanni ci ha detta che e ineinta e vuole sposarla fra due a tre
settimane. Figurati il nastro state d'animo! Non sappiamo che fare.
Giovanni non vuole assolutamente parlarne. E' un testardo!
CM:Ah, mi dispiaee per voH Deve essere una vera preoecupazione. Pensare
che questa ragazza non vi vuole conaseere e ehe Giovanni la sposera e
presto sara padre; questa pensiero vi fara senz'altro soNrire, tanto pill
che Giovanni efiglio unico.
268
,
EM: SI, puoi immaginarti come ci senlramo. Ti fmemo sapere queUo che
succedera.
CM:Ma adesso devo lornare all'albergo, SI sia faceodo lardL Grazie per la
belllssima serala.
MM:Siamo molla conlenti di averll visto. Tanh saluti a tua mogtie e a IUOI
splendidi bambini.
EM: La prossima voha, por1all qUI can te.
CM:Grazie, siete trappe genlili, rna anche voi dovreste venire a Rama a
vederci.
MM:E chi 10 sa! PercM no?
CM:Allora, d'accordo: la prossima votta ci vediamo a Roma. Per it momenta
vi ringrazio ancora tantlssimo per la bel1isslma serata Arrivederci.
MM:Arrivederci. Claudio.
EM: Arrivedercl Claudio e bL.lon viag91O,
269
TEXTE DE ASCULTAT
SCENA TERZA
A CASA- PROBLEMI Dj FAMIGUA
II Sl!Jnor Paolo (.S?), ," slgoOfa Cluara {sq. LucIa ill. Glanfranco (Gi_
II vecchio SergiO Tenardl e morto ranna seorso. Sua moglle Elvira ora ha
anm e non nesce piu a vlvere da sola cosi la fanuglJa del figlio
-dt...,· Teqardl 51 r:1l.cde Sf! non sarebbe il casa di OSplt8rla a casa lora. i
--Ildrrti 3bllano In un bp.1I apparlamenlo. nel centro di Tonno. con CllClna.
e Ire da lello _Ora i genitori aceupano una delle
,it,rF.er.e. ha d'ClaSsfltte, anm. occupa la seconda e la terza e per
Glill)lr,mco La fd1mgtl3 Tenarc!l e sernpre andata motto [j'accordo con i
n(lf1IlIITla questa 1'l1.lOV;l Sllu.:lzlone pone problema.
Parte prima
SP: DUllque, asr;:ollale lulll La Ilorlrla e sola aCI"sso e m· ,
. .. I pare cl1e non la
possl<lmo lasclare nel suo piccolo apo311amenlo Credo ene debha
",erllfe ad al)l{am con nOi. E COSt se per casu fe capita QUHlctle malauia.
!a posslarno curare
SC: Bpne_._ earn. raPtsco lulto queUe che dlcr. ma SC'1I che non e cos.
La Ilonna CI € alia sua ImlllJenaenla Esce per la spesa
dgnl glcmo Le pmcp. LJSClre vedere I suO! amiCI nei negoZl e non ,reno
p·alJl:n ell'" SIB d rlr:,urdo con la lua Idea
L: Arlen ,f) 1I011 crerlQ clw Ie lil' c;a placele Vf;-PlJe ael aOl{a(e va /lOt e poi
IIUI! dlluentlCalt' r:he c€' tllla rJI 'nollo c
< "--,,,,. VI Ilk! a cas.:! nostra.
A 11110 po-Here samboe moflo 1l!f>91;0 clle IH /lonna andasse ad aaitar€, In
quesla casO! ell rlposo E un pnslo s{upendo e II personale e Ie ,nfer.
IllIere SOIlU mollo gellhh e fJotrerno andare a !rovare fa nonna molto'
SJ-leSSO perch€' e solo a cinque 0 seJ fnUlutl da qUi POlremrno andare a
!fOvarJa glomo e pOlrt"lJhe p<lssare da nOt il weekenrl
G: A!':ro1ta. lUCia non parler31 sui SP.flO' Non pOSSlamo mIca clliedere alia
notlll;t Cli lasc'are II Sun nppanarmml0 e (II andare ad abifare in una'
C::t,!>dCh rl11050 E veechla lnrse anchp, lin po debbole, e non piu in
graou dl da sola anclle cI"lll-J dtfficolta a sCllire e SCl!nrJere Ie;'
SCCile, ,Dpnso rile SIRo rTloi! ..) c:l1e il'l ·,fm03 arJ abi!mf:' cl;) noi ner,
IH'Slru appartClmen!o,
270

SP: ProPflO cosio Gianlranco. Sono ceno che la Ilonna non .:orelme
in una casa di (iposo. E' Hoppa Indlpendenle. Ie place la sua lIt,ml.' ;: .:
dobblamo anche rispettare la sua 0pln!one. CI ha dena tallle .. ('!(
non Ie placerebbe atfatto abltare In una casa dove non Co. SOllO a'·
zian!. Non accetterebbe mal dl abllare 10 Ulla casa ell f1IJOSO_ hlvf-:n· -;1::
venisse ad abrtare qUI.sarebbe In famlgha, CI veClf(·bt)oC ugn. 911)fll('\
COSt terremmo sempre il coniano.
SC: Ma. PaOlO, dllneotlchl una cosa C"e 11 pfOhlema dellf> (:cllllCrt! flr'J flgll
Abblamo la noslra camera. e Ie camere dl LUCia e d! Gianf.t'lIlC\!. f·
flIent'ahro. Cosi: se la nonna velllsse ael ablla,e da nOI. CI creerelJbe lnl
bel po· di problemi. Per esempio. a Lucia 0 Glanlranco rl()vrebher(l
cedere fa camera alia nonna. POI c·e il problema dei mol)!h. Lil 1101l11il hil
tanti mobili a casa sua e noi, invece. non abblall10 sp,wo nPllltTlPI\I. Ih.'f
una sedla in camera di LUCia ne In Quella dl Glanlranco E po: i;:i Ihilll',,',
ha un gran letto, due tavolini. un dlvallo 1m pollronfl ;1 P IlOl1 f'
tulto...
L: Si. si. mamma ha raglone. E por. frallcamenle, nOn cf!c1erc la. !T\!a
camera. Poi c·e un'aUra cosa. Sapele LJellissl0l0 cill! al1<'1 nO'lnil Ill.'11
place la musica pop, Dice sempre che la radiO e HOpPO e CO'::>I. SIl
venisse ad abllare da nOI ci sarebbetO sempre del problPffil a callsa
della musica. Non Ie lalebbe alfatto placere che 10 asCOllaS$l I 1lI1et c1IS·
chi. Questa proprio non euna buona Idea.
Parte seconda
G: Ma non dirai suI serio. Lucla
l
Non pensl che aUa 111;"\ musICal A dill' ;3
verrta sono stula anch'io della lua musica e anche per me lua raflln e
troppo forte_ No. 10 mi preoccupo dl ben altro: pAr eselllpiO !;1 110nlld
non si la piu oa manglare come dovrebhe. Sono certo rlOIl mangm
bene e questa ml pare un problema piUltoSIO g, ave Sf' velll,>se ;1(1
abitare da noi, mangerebbe di plU e mcgho. E poi. il rnlU 1.1<'11 ere. fl()/1 r.
costerebbe motto di PltJ lar cia man91are pel cinque pmsl1rh' ;rl/ec:e rl.
quattro_
SP: La penso propriO come Ie. Glanrranco PO! Ce (!elrnllro La !)(jlfnO! nl)1l
ha piu la memoria mollo buolla e ognl tanto dlmentici'\ r11 I "UOI
conti: prima ci pensava sempre il nonl1O e adesso la nonna tla anr:he
delle grosse ditficolta ad aprire Ie buste, per leggere Ie Ipllere E poi,
09n\ tanto, come ho gia deno_ dimentica di pagare i Suoi contI. Duf' 0
271
or

tfe messi la. Ie hanna laglialo II lelefono perche aveva dlmenlicalo di
pagare ta bollena. come e dif1icile la vita per una vecchia che
IIIVe da sola. Non e solo per il mangiare e per il latla che dimentica dl
farsi da mangiare. ci sono aoche altri problemi.
SC: Sai benlssimo che 50no malta atfezionata alia nanna. la parte della
nosHa lamigha e capisco bene Ie sue difficolta e I sual problemi. E' VerD
ehe adesso e molto debole e non puo piu pulire il suo appartamento.
Non ha piu lanla lorza e certo che non e desiderabile che slia 1n un ap·
partamento sporeo rna. tuno sammato. e molla difficile prendere una
decisione di questa lipo.
l: Arno aoch'io lanlissimo la nonna e trovo ehe la cosa piu spiacevole e
darle fimpressione ehe non Sia piu capace di badare a S8 slessa come
un tempo. E' malta sensibile, 10 sappiamo tuni. Non vorrei ofenderla.
G: La nonna ha dei problemi soprattutto in inverno. Quando fa freddo,
piove forte 0 nevica. echiaro che non efacile per Ie! uscire. Sapete tutli
che .1 sabato vado io alar la spessa per lei. e Questo l'aiul3 molto. Le
compro pane e lutlo queUo di CUI ha bisogno per la sellirnana, rna in
fonda credo che sarebbe piu facile se lei venisse ad abitare da noi.
l: Bisogna pensare anche alia sua vIta sociale, Ognt domenlca va in ell/e-
sa, ha tam! amici che Irequentano la parrocch!a e che vede ogni dome·
nlca, Non vorebbe certo perdere il cant alia can i SUOI amiCI della chiesa
G: Adesso stai Se venisse a slare con nol. pOlrebbe con,
tinuare ad andare in chiesa, la domenlca, So benlssimo che non VUOt
lasciare la tua camera, Lucia, ma io arno tantissimo la nanna, e sempre
stata malta gentile can me, AIIora sana disposto a cedere la mia camera
e a dormire sui dlVano in sala da pramo.
sc: Bene, forse hai ragione. Non possialllo mandare la nonna In una caS<:l
di riposo. Tu. Lucia, devi lmparare a tenere II volume mellu forte e a fare
mena rumore nelrappanamenlO, Farebbe piacere anche al vlcrnl! E
mollo gentile da parte tua oMme la lua camera alia nonna. Giantranco.
Se eo d'accordo di venire ad abilare da not bisognera comprare per te
un lello smontabile da mettere in salollo. Pera non so dove melleremo r
tuoi libr\.
L: O'accordo, d'accordo. avele ragiene. La nonna verra da nOI e Gianfral1-
co petra mettere i suoi libri nella mia camera... rna non la sua collezioni
Iji t,enini!
,
,
!
I
,

"
,

,
j.
,
., ,. ,un', d'OCCOfdo Compreremo un lelto smontabile.
Sp· Bentssmo, COS' slamo· d'
. Lucia terra la sua radio meno forte e Ia nanna avra Is camera I
Glanfranco, Non ci resta che chiedere il parere della Ma eccola
che arriva per il pranzo; ho appeAa sentito la porta dell ascensore,

r
j
,
273
,
272
,
\
)
,
TEXTE DE ASCULTAT
SCENA aUARTA
UNA CENA FUORI
Piera (Pl, Meria (Ml, Teresa m, Carlo (C)
Teresa e Maria studiano a1l'universlta di BokJgna; corK:lividono da due anni
un piccolo appartamento nel centro slorico. Tutt'e due hanna un fagazzo;
Maria conosce Piero almena da tre anni e oggi e un giomo speciale per
Teresa 9 Carto percM si conoscono da due anni e vogliono fesceggiare
questa anniversario con gil altn amici.
.Parte prima
T: (Maria arriva dalla sua ultima lazione della giornata,) Ciao, Maria, com'e
andata la lezione oggi?
M: Ma, insomma, era interessante, rna iI professore ha un modo dj parlare
talmente noioso che fa addormentare tutti. Sai, snche Ie idee piu geniali
interpretate da lui sembfano banali ed insipide.
T: Ma di che cosa par1ava?
M: Oh, vcleva presentarci'gli uttimi svilupi della teoria di Noam Chomsky, II
linguista americana. Ci ha parlato del linguaggio dei bambini e
della casiddetta grammalica universale.
T: Ma. Maria, non e un argomento appassionante, can molte possibjlita di
ricerca, stimolante al massimo?
M: 51, sl, 10 so, rna come ti ho gia detto, questa professore ha un tocco
speciale: ogni idea che stiora diventa (come dire?) fruna marcia Anch'io
sana d'accordo can te: a prima. vista, questa corso sulla linguistica
maderna mi sembrava una cosa bella, interessante, nuava rna, non 10
so, ne sono gia Slura. Almeno da quanta ci ha raccontata il professore,
sembra una discipfina cosi arida e futile. Dai, Teresa, questa tizio vuole
dare ad intendere che la grammalica e la casa pili impartante del
mondo, che tutti i bambini nascana con una grammatica gia pronta nel
cervella e che basta jl contatta can il linguaggl0 quotidiano per fare
scanare 10 svilupo del bambino. Ma francamente cosa c'e di nuovo in
un'idea simile? Non 10 so, rna c's della gente che fa un muccl1io di. soldi
dicendo cia che ogni madre e padre sanno gia benissimol Ma forse non
ho capito bene oppure e questa professore che non sa presentare
bene iI pensiero di Chomsky, Oh, chi sa? PiLi vado avanti can 10 studio,
274
piu mi sembra che Ie universit3 siana veramente squallide; tutti quai
pmfessori can Ie lora piccole specialita dl ricerca senza alcuna ap-
plieazione pratica alia Sai,forse evera che Ie universit3 sana torri
d'a....orio riservate a persone ehe pensano di valere piu degli altri per il
solo fano di avere una laurea .
T: Mamma mia, Maria! 5ei proprio di umore nero stasera: ti rendo noto che
ceniamo fuori. Adessa basta can queste stupidaggini sulle universita! Ti
proibisco di nominare aneara la linguiSlica! Oat sa eontinui cosi, finirai
con problemi di ipertensione e, alia lua verde ela, sarebbe un vero pee·
cata. Cooa ne direbbe, il tuo caro Piera?
M: Oh Dio, Piero! Ho dimentieato di teletonargli per confermare per
stupidal! Oh ehe guaio! Doveva prenotare lui il tavolo aJ ris-
torante cinese, Spero che I'abbia fatta 10 stasso. Oh, mi sento 9ia male,
ho combinato il mi solita pastieeio l!lt
T: Oai, Maria, non esagerarel Se non troviamo posta al ristorante cinese, ci
sono tanti altri posti carini a Bologna.
M: E' inutile eercare di larmi eapire che questa non eimportante, So ehe ci
tieni. Dammi un gettane e vado subito a telefonare. Non sono aneara Ie
sei e Piero sara. ancora in ufficio.
T: Eccone due. Ma dawero non egrave.
M: Oammi qual Vada e lorna in meno di due minuti. Oio mio, se la linguis-
lica ti fa dimenticafe j veri piaeeri della vita, allora c'e ....eramente qualche
cosa che non va !!
T: Maria, Ii avevo proibito di fare que! nome!
M: Quale nome?? Ciao!! (Esce)
Parte seconda
(Pili tard; al ristorante cinese.)
P: Ma insomma, dove sono quelle due belleue?
C: Si ....ede che hanno deciso di farsi aspettare un po'.
P: Si, rna esagerano. A....evo prenotato per Ie otto e mezza e, guards, sono
9ia quasi Ie nove. .
C: Ma, dai, Piero, sai benissimo com'e Maria. Avra dimentieato duemiJa
eose e poi avranno avuto una lunga discussione sulla toilette da indas-
sare stasera.
275
P:
c:
M:
T:
P:
c:
i
M:
,
,
P:
I
I:
I
I
P: Non toccare la mia Maria! Sappiamo tutti che qualche volta eun po' in
decisa rna devi ammettere che certe volte anche la tua Teresa non
scherza!
C: 51, e vero. Non hai avuto difficolta a prenotare stasera, il ristorante e
dawero pieno?
P: Non sto a raccontarti quel che esuccesso. Ho dovuto telefonare verso
Ie sei dicendo che era molto urgente e che dovevano fare uno sforzo
speciale per noi! Fortunatamente if cameriere che ha risposto si ricor-
dava di noi e cosi ha fatto un miracoloe ci ha trovato questa tavolo...
C: Eccole finalmente, Ie ragazze!! Solo mezz'ora di ritardo, eh?! Come rna'
cosi puntuali stasera?
.T: Carissimo Carlo! La so, siamo in ritardo, rna, didamo che ci sana stat
parecchi problemi. C'e tanto traffico in giro oggi. Non ho trovato da par
cheggiare. Sono dovuta andare in un parcheggio a pagamento!! M8
non importa, dopo tutto eccoci qua e voi uomini dovreste essere con·
tenti di mangiare can due splendide ragazze come noi.
M: Dawero! Abbiamo speso un capitale per vestirci all'ultima moda,
P: Ah 51, anche I'occhio vuole la sua parte. Avete ragione. Ma adesso dob-
biamo ordinare altrimenti non mangeremo prima di mezzanotte.
Scusatemi, amici, ma ho fame.
C: Anch'io. Non ho avuto il tempo di mangiare oggi a mezzogiorno. Avr6
preso al massirno un tramezzino e un caffe verso Ie tre,
T: Carlo! Quante volte ti devo ripetere che dovresti mangiare meglio e piu
regolarmente. Vuoi dire che una tazzina di caffe e un tramezzino bas-
tano per uno che ha tanto da fare come te?
C: Ascolta, Teresa, non ho volutomangiare troppo oggi a mezzogiorno per
potere fare onore alia tavola stasera!!
M: Oh, voi due, sembrate gia due sposini can questi discorsi sui pasti
regolari ed il bisogno di nutrirsi bene!! Dov'e il menu?
P: Ecco, mia cara.
M: Ooah, c'e la minestra di pescecane! Che bello! Prendo questa;
senz'altro mi fara sognare.
P: Oppure darti degli incubi. Figurati tanti pescecani che ti inseguono aHa
ricerca della tua tenera carne!
M: Basta, Piero! Pera hai ragione, se mangio una cosa simile, sana sicura
che la faccenda finira male. Cosi prendo il mio solito involtino
"primavera". Poi I'anatra aile mandorle.
276
P: 10, invece, mangera la minestra di pescecane. E dopo il maiale in salsa
agrodolce. .
M: Un maialino come te non dovrebbe fare il cannibale! Mi fai assaggiare la
tua minestra? Solo un piccolo assaggio?
P: Ma, Maria, ti ho gia awertito che ti fara fare brutti sogni.
M: 51 rna, vista che mangi la stessa minestra anche tu, saremo insieme in
questo sogno e so che mi proteggerai.
C: Oh, rna che fiducial! Questa e proprio bella! Prendo anch'io la minestra
di pescecane e come piatto forte... Chi sa? Avrei voluto prendere iI
maiale come te, Piero rna, se 10 prendi tu, potro assaggiarlo nel tuo piat-
to e cosi prendera qualcos'altro. Ummmm, mi attira il polio alia can-
tonese stasera. E tu, Teresa, cosa prendi?
T: Non so, proprio non so. Ci sana tante buone case. E poi, questa e una
serata speciale per noi, e voglio mangiare case diverse. Comincero con
il pate pekinese e poi ho una voglia matta di mangiare un po' di pesce.
COS! prendo merluzzo alia Marco Polo... E' un rischio, rna un rischio cal-
colato! Dio, adesso ho dawero fame anch'io!
Prendiamo riso cantonese per quattro, no? Nessuno vuole riso fritlo?
Bene, aggiudicato, riso cantonese per quattro.
E da bere cosa prendiamo?
Per me, acqua gassata, can un po' di ghiaccio perche, qui fa un caldo
spaventoso.
Acqua minerale gassata anche per me.
E per noi due un po' di birra cinese. Cosa dici, Carlo?
Certo. Mi sembra che sia la cosa migliore per un pranzo dnese.
Ma il servizio e lento stasera. Come mai non sona ancora venuti a
prendere la nostra ordinazione?
Carissima, Ii hai fatti aspettare e cosi si vendicano un po'
277
TEXTE DE ASCULTAT
Scena quinta
TRASFERIRSI 0 NO?
II professor Siurzi (PS), la signora Sturzi (55), Federico (F), Anna (A)
II professor Marco Sturzi e psicologo e psichiatra. II suo ambulatorio privata
e a Milano, netl'ltalia settentrionale. II professors ha visto I'annuncio di un
concorso per iI posta di primario-caposervizio dl psichiatria all'ospedale di
Siena. La famiglia Sturzi possiede un belissimo appartamento nel centro di
Milano, in un palazzo motto madamo; al quinto piano ha un salotta molta
grande, una bella cueina moderna. quanro camere da lena, doppi servizi e
un grande terrazzo.
Sua moglie studia lingup. all'universita. di Milano. $j sta preparando anche
per un diploma 'speciale dj interprete. La piacciono motto fa Germania e la
lingua tedesca e spera di diplomarsi I'anno prossimo.
Hanno un figlio che si chiama Federico. SI sla preparando per la
scientifica aJ liceo, dove ha tantissimi amici. Hanna anche una liglia. Anna,
che frequenta anche lei il liceo e che suona il vtolino. Ha quindici anni e gia
suona nell'orchestra del conservatorio di Milano.Anche lei ha moltissimi
amici al liceD e al conservalorio.
Tutti i membri della famiglia parlano di questa posta di primario a Siena e si
chiedono se if professore dovrebbe porre la sua candidatura 0 no. Carto che
Siena e lantana da Milano e, sa it professore ottenasse il posta, la famiglia
dovrebbe lrasferirsi a Siena.
. Parte prima
SS: Senti, Marco, ci puai dare infarmaziani su questo posta di Siena?
PS: Allora, sl trana di un posta di caposervizio, un posta malta importante
dunque. II caposervtzio dirigera una equipe di tre primari e venticinque
fra dottori e infermieri, pili a meno.
5S: E in questa ospedaJe, quanli pazienti ci sona?
PS: Quasi duecento.
A: Francamente, papa, non voglio lasciare Milano. Sa; che ci tengo a
suonare il violino nell'orchestra dei giovani. Ci saranno dei concerti
magnifici l'anno prossimo e non varrei perderne nessuno. Suoneremo
una sinfonia di Beethoven, it che sara un'esperienza bellissima per me.
E poi non so neanche se c'e un'orchestra per giovani a Siena, ne un
278
I
conservatorio. E poi, chissa. anche se ci fosse, farse avrei difflCOlla per
entrarci vista che nessuno mi conosce a Siena. Capisci, papa, non
voglio fare la dtfticile, rna laseiare Milano in questa momento per me
sarebbe un vero disastro.
PS: Certo, cara. Tl capisco benissiTTlO, rna un'altra cosa che dobbiamo
vedere insieme, Qui, a Milano, sana medico privata non convenzionato
can l'Unna Sanitaria. E questa vuale dire che quando avro sessant'anni
non avro pensiono. Bisognera che cerchl a tutti costl dl farmi una buona
pensione anche perctle devo pensare alia vecchiala della mamma che
non ha mai lavorato da quando siete nati. lovece, 58 accetto it posta di
caposervizio all'ospedak! psichiatro di SK!na, avro diritto a una pensione
di Stato che passerebbe alia mamma 'lei case che fossi gia marta!!!
Questo emelta importante: voi giovani non dovete dimenticare che con
l'eta il problema della pensione diventa sempre pili grande.
Pane seconda
55: Ma Marco. carissimo, bisogna pensare ai figli. Guarda un po' il caso di
Federico: sai benissimo che gil rimangono solo due anni per preparare
la maturila e, se dovesse cambiare !iceo in questa momenta. i suoi studi
ne risentirebbero. Dovremmo cereare una nuava scuola e non so
neanche se i licei di Siena sana buoni e se i programmi della maturita
sana gli stessi. Bisognerebbe farse mandarlo a un liceo privata che
costa maltissima. La tua idea di aOOare a Siena non sara tanto facile da
realizzare.
PS: E' vera lutto queUa che did. cara. Certo sarebbe mollo bello rimanere
qui a Milano e farse pili lardi traslerirci in una villa di periferia con un
bello parco interno. Ma, guarda casc, quando avrai sesant'anni saremo
costretti a lasciarta perche la mia pensione privata non bastera per
pagame I'affmo! E, poi, quando andro in pensions, chissa quanto
costeranno gli appartamenti a Milano! Probabilmente motto piu di aggi.
E'chiaro che dobbiamo cominciare a fare delle economie per il futuro e.
con una buona pensione di stalo, ci potremo permettere un discreto
tenore di vita nella nostra vecchiaia.
A: Ma S8 tu prendessi questo posta, papa, sarebbe necessaria comprare
una casa a un appartamento a Siena?
PS: No, non necessariamente. G'e un alloggio previsto per it caposervizio
che potra essere una villetta a un appartamento.
279
JD-
A: Ma questa, casa vucle dire esattamente'l
PS: Questa vuole dire che ci sara una casa per noi lutti nel parco
dell'ospedale. Sara un bellissimo parco, ne sona certo. Senz'altro ci
sarebbe pill spazio che in questa appartamento. D'accordo e bello
stare oel centro di Milano con un bel terauo come abbiamo qui, rna
sona corMnto che staremo ancora meglio a Siena, con un grande giar-
dina.
Parte terza
55: Mat Marco, questa posta edunque ben pagato, spero.
PS: Ma, si, certo. E' un posta di caposerviziol Non so quanta guadagnero
con esatteua, rna certamente motto piu di quene che guadagno qui a
Milano.
55: Ma penso a miei studi di tedesco. Sa lasciamo Milano adesso, davo in-
teffompere la preparazione per il mio diploma di interprete. E questa mi
dispiacerebbe motto. Dopa tutta la preparazione che ho gia fatto,
sarebbe un vera peccato non passare resame e non tentare di
prendere questo diploma, che e mono prestigioso. Ho Javorato mottis-
simo. 10 sai. E ho fatto tanti progressi. sopranutto in questi unimi mesi. E
10 so benissimo - a Siena non ci saranno scuole di Iingue specializzate
neU'insegnamento delle lingue commerciali, come qui a Milano.
F: Secondo me, papa ha avulO un' idea genials. Non mi piace atfatto il
clima di Milano. Qui fa sempre freddo, e poi piove in continuazione. Fa
proprio schilo! A Siena, sono sicum coo il clima sia tun'altra c<:.'t'1.. C:
sara tanto sole e tara malto calda. Mi piace il sole e poi non ci saranno
Ie orribili che coprOllo sempre il cielo qui a Milano. Per non par-
lare della neve in invemo e della nebbia. Poi c'e un'altra cosa; se abitas-
sima in una villetta con un parco intorno, potremmo tenere un cane:
sapete tutti che ho sempre desiderato avere un cane. Dunque, io sana
dalla parte di papa!
PS: E tu, Anna. rosa pensi?
A: Ma. pap:t, dici che sarebbe un bel vantaggio per te vivere cosi vicino aI
tuo luogo di lavoro e Ii capisco. Ma, d'altro canto,questo vuol dire che
sarai di servizio ventiquattr'ore su ventiquanro. Sarebbe molto difficile
uscJre la sera can la mamma per andare a teatra a al cinema. Bisogna
pensarci bene, no?
280

F: Avete dimenticato una casa. Sarebbe bello abitare a Siena perch£! cosi.
saremmo piu vicini alia nostra casa di campagna in Umbria
benissimo quanta ci 'a piacere andare a Spoleto, e se abit8SSlrYlO a
Siena, potremmo andarci piu spesso, ferse egni weekend. E' tanto Ion-
tana da Milano che non ci possiamo andare che una votta a11'anno. Oai.
andarci p4u spesso sarebbe un vero piacere per tutti quanti.
PS: Va bene, basta cosi per il momento. Vedo che questa mia idea e un
grande problema per tutti noi. Ci sono dei vantaggi e anche degli svan-
taggi. Pensiamoci ancora un po' e poi riparliamone ancora Prima di
prendere qualsiasi decisione.
281
VERSE NEREGULATE
283
282
INFINITIV
PREZENT
IMPERFECT PERFECT
PIACERE a placea piaccio, piaci, piacevo 50no piaciuto
ANDARE a pleca vado. vai, va,
andavo sono andato piace. piacciamo.
andiamo, andate.
placete, pi3CCiono
vanna
POTERE a pUlea posso, puoi, pUC, pelavo he potuto
APRIRE
a deschide apro. apri
aprivo
hoaperta
possiamo,
AVERE
aave3 ho, hai, ha,
",eva he avuto
potele, possono
abbiamo, aveta,
PRENDERE a/ua prendo. prendi prendevo he presQ
hanna
RIMANERE a famane rimango, rimani, rimanevo sono rimasto
SERE
a baa
bevO, bey;, beve, bevevo he bevuto
rimane.
beviamo, bevele,
rimaniamo.
bevono
rimanere,
CADERE a cadea cada, cadi
ca_o sono caduto
rimangono
RISPONDERE araspunde rispondo, rispond! rispondevo he risposto
CHIEDERE a cere chiedo, chiedi chiedevo he chiesto
SAPERE a sfi so, sai, sa, sapevo he saputo
CHIUDERE a inchide chiudo, chiudi
chiudevo ho chiuso sappiarno,
CONOSCERE conosco, conosci
conoseevo ho conosciutc sapete, sanno
CORRERE a fugi corro, corn
eorrB\lo ho corso SCRIVERE a sene serrvo, scrrvi serivB\lO ho seritto
CRESCERE a
cresco, cresci
crescevo sooo STARE asta sto, stai, sta, stavo sono stato
cresciuto stiama, state,
DARE
ada do, dai, da, davo ho data stano
diamo, date,
TENERE a line tengo, tieni, 'liene, tenevo ho tenuto
danno
tieniamo, tenete,
DIRE azice
dieo, dici, dice, dicevo hodeno tengooo
diciamo, dite,
USCIRE a ie-?i eseo, esci, esce, uscivo sana uscito
dieono
usciamo, uscite,
DOVERE a trebui davo. devi, dave, dovevo ho dovuto escono
dobbiamo,
VENIRE a veni vengo, vieni, venivo sono venuto
dovete. devono
viene, veniamo.
ESSERE aft
sono, sei, a, era sana state venite, vengono
siama, siete, sana
VIVERE a trai vivo, vivi vivevo ho yissuto
FARE a face faccio, fai, fa, facevo hofatto
VOLERE avrea voglio, vuoi, volevo hovoluto
faeciamo, fate,
vuole, Yogliamo,
fanno
volete va tiona
LEGGERE a citi leggo, leggl leggevo holena
METTERE a pune
metta, metti meneva ha messa
...
CUPRINS
LECT\A 45 CUAATENIA CASEI
UNIT}, 45 LE PULIZIE DI GASA 238
CONTINuruL CASETELOR 4
URGENTA
UNITA 46
CAsa DI EMERGENZA 243
PAEFATA. iNDRUMARl UTILE 5
LECTIA 46
UNIT}, 47 RIPARARE 246
LECTIA 47 AAEPARA
_feTIA f PREZENTARJlE UNIT}, 1 LE PRESENTAZIONI 9
UNITA48 TELEGIORNAlE
249
UNIT}, 2
LECTIA48 TElEJURNAL
LECTIA2 SALUTURILE I SALUTI 15
o RETETA
UNIT}, 49 UNA RICETTA
253
LECTIA3 NATIONAUTATEA UNITA3 NAZIONALITA 20
LECTIA 49
OSPITI
257
UNIT}, 4
LECTIA 50 OASPETI
UNITA 50
c.ECTJA 4 FAMILIA LA FAMIGLIA 25 260
'_ECTIA 5 cUMP.A.RArURI (1) UNITA 5 LE SPESE (1) 30
TEXTE DE ASCUlTAT
282
LECTIA6 cUMPARArURI (2) UNIT}, 6 LE SPESE (2) 36
VERSE NEREGULATE
284
LECTIA 7 LOCURI UNIT}, 7 I LUOGHI 40
CUPRINS
LECTIA8 DRUMUL CQREer UNITA 6 LA STRADA GIUSTA 47
lECTlA 9 A CERE PERMISIUNEA UNITA 9 CHIEDERE UN PERMESSO 54
LECTlA 10 CALATORII UNIT}, 10 VIAGGI 59
LECTlA 11 PROBLEME DE EXPRIMARE UNITA 11 LA LINGUA 65
LECTlA 12 PROFESII UNITA 12 LE PROFESIONI 70
LECTlA 13 ACASA UNITA 13 ACASA 76
LECTfA 14 iN CAS'" UNITA 14 IN CASA 83
LECTlA 15 AUTOBUZE ~ I TRENURI UNITA 15 AUTOBUS E TRENI 88
LECTJA 16 RAPORTURIPERSONALE UNITA 16 I RAPPORTI PERSONALI 94
LECTtA 17 PASIUNI UNITA 17 I PASSATEMPI 101
LECTIA 18 LA RESTAURANT UNITA 18 AL RISTORANTE 108
LECTlA 19 HOTELURI UNITA 19 GLI ALBERGHI 115
LECTIA 20 SFATURI UNITA 20 CONSIGLI 120
LECTIA 21 JOCURI ~ I SPORT UNITA 21 GIOCHI E SPORT 125
LECTIA 22 CAZURI DE URGENT.A UNITA22 LE URGENZE 130
LECTIA 23 GRE$ELI UNITA23 GLI ERRORI 137
LEGflA 24 80U UNfTA 24 LE MALATIIE 145
LECTlA 25 iN CONCEDIU UNITA 25 LEVACANZE 149
LECTIA 26 INVITATIILE UNITA 26 GLlINVITI 154
LECTIA27 lNTALNIRI UNfTA27 GLiINCONTRI 159
LECTIA 28 1MBRAc.AMINTE UNITA 28 ABBIGLIAMENTO 164
LECTJA 29 CONVORBIRI TELEFONICE UNfTA 29 TELEFONATE 170
i
LECTlA 30 OBIECTE PIERDUTE UNITA 30 OGGEnI SMARITII 176
LECTlA 31 SERVICIlLE UNITA 31 I SERVIZI 183 ,
LECTIA 32 ACCIDENTE UNITA 32 GLiINCIDENTI 187
"
1
LECTIA 33 DESPRE CONCEDII UNITA 33 LEVACANZE 193 1
LECTIA34 MICULDEJUN UNITA 34 FARE COlAZlONE 198

,
LECTlA 35 MUNcA UNITA 35 LAVORO 201
,
LECllA 36 ZIARE UNITA 36 GIORNALI 206

LECTIA 37 $COALA UNITA 37 SCUOLA 210

LECTIA 38 LACOAFOR UNITA 36 DAL PARAUCHIERE 214
LECTIA 39 LA BANcA UNITA39 IN BANCA 219
LECTIA 40 HOROSCOAPE UNITA 40 OROSCOPI 224
,

LECTlA 41 UN FURT uNrrA 41 UN FURTO 228
,
UNITA 42
;'
LECTIA 42 CONDUCERE GUIDARE 230
LECTlA 43 GRADINARrr uNrrA 43 GIARDINAGGIO 234
L1=qlA 44 TELEVIZIUNE uNrrA 44 LA TELEVISIONE 23,
,
,
285
284 I
f

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->