Sei sulla pagina 1di 5

Quannu moru

(Versione originale in lingua siciliana) Quannu moru jittatimi nti nna lavanga comu si fa cu li vestii a saccu dossa mann jittatimi tirrena tirrena attaccatimi cu la corda pigliatu punpedi a la vardedda di nna jumenta nti ssi chjiani di Mennulara di Cuda di Vurpi a la Ghrutta Affumata chi mi strascina di nna punta allatra unni veni veni e mi fa firriari fumarusa di ssi Hharci a Pank tuttu lu feu. Lassatimi purtari arrassu di li limmita mmezzu timpi e bizzola timbuna timpuna petri petri valati valati mmezzu spini e fratti pranii pranii vaddi vaddi hhjiakki hhjiakki kuti kuti hhjiumara hhjiumara naki naki. Quannu sugnu sfracellatu mpastatu tuttu di sangu lassatimi akkinari nti ssi kozza ariusi di laffacciata cu lu sirenu di la luna

addormiri lurtima vota. Allarba facitimi stari mmezzu lu suli chi koci a kociri fina la skatta di mazzijornu fina ka smorka lu ventu fina ca arrivanu larpegli e mi piglianu e rijinu tutti nszemmula e sparpagliati nnallaria farki bianki ki mmi tennu mmukka pezzi pezzi atu atu fina ddankapu kki ghatu fina a lu cielu fina ki volu. Autore: Michelangelo Caldara
Agrigento 2 febbraio 2004

(Traduzione in lingua italiana)

Quando muoio
Quando muoio gettatemi da un precipizio come si fa colle bestie a sacco dossa. Oppure gettatemi per i campi legate mi con una corda pigliato per un piede alla sella di un giumenta nelle piane di "Mennulara" da "Coda di Volpe" alla "Grotta Affumata". Lasciate che essa mi trascini da un estremo allaltro a casaccio e mi faccia girare

fiera e ombrosa dalle "Hharci"a "Panak" tutto il feudo. Laciate che mi porti lontano dai confini delle terre coltivate in mezzo ai terreni impervi fra zolle e pietre basolate in mezzo alle spine e agli arbusti fra i peri selvatici lungo la valle gi fra le crepe lungo la fiumara fra i ciotoli dentro i gorghi. Quando poi sar sfracellato impastato tutto di sangue lasciate che risalga fra i picchi areosi dellaltipiano roccioso col sereno della luna perch possa dormirci lultima volta. Allalba mettetemi a cuocere sotto il sole fino allo scoppiare dellafa di mezzogiorno fino a che il vento lento si risvegli e cominici a soffiare fino a quando non arriveranno gli uccelli rapaci del luogo e mi solleveranno prendendomi tutti assieme e divisi in aria. Falchi bianchi che mi terranno in bocca fino in alto. Pezzo pezzo fin lass . E ancora pi in alto. Fino al cielo.

Fino a quando non avr cominciato a volare.

Autore: Michelangelo Caldara


Agrigento 2 febbraio 2004

Dedicato: Ai falchi degli altipiani e delle valli di fiumare. Ai falchi dellaltipiano di Mennulara (Al Balhat Marhalla), del Mizzaro (Al Minzar) e dellintera valle del Platani. Agli uomini semplici che avranno avuto impastata lanima di terra e dali. Allo zi Santo Bruno, libero uomo degli altipiani menzionati, il cui incipit orale mi ha ispirato il testo. A mio padre. Alla vita.

(English Version)

When I die
When I die Throw me along a landslide As it is done with beasts Like a sack of bones; Otherwise Throw me into the fields, Tie me with ropes By a foot To the saddle of a mare In these flatlands of Mennulara Of The Foxs Tail. To the smoked cave Ill be dragged From one place to another, Wherever it be; And make me go around Proud Throughout Harci To Panaki All over the land estate. Let me be brought

Away from the estates limits Among mounds and knolls, Amidst hillocks, Among tors, Through valleys, Between oregano plants and wild grass, Through thorns and thistles, Throughout flatlands And gorges And creaks And stones And torrents And deep holes in their water. When I am torn to pieces, Blood-spattered, Let me go up These airy hummocks Which permit me to see far With the peacefulness of the moon To sleep my last sleep. At dawn Leave me Under the scorching sun To scorch Till the crack of midday, Till when the wind breaks, Till when the claws arrive And take me and lift me All together and in pieces Into the air Of falcons, Snow-white, That hold me in their beaks Piece by piece, High, Up there And further on To the sky Till I fly.

(English Translation by Prof. Angelo Baccarella)