Sei sulla pagina 1di 2

U SPAVENTAPASSIRI

Aíva ‘n annu e ggiá ppariva ve !!hiu. Era rristatu " " á r’a stati prima,

ô suli, all’acqua, ô ventu: un ferruve! !hiu rruggiatu sutt’ô traficu r’u clima.

LO SPAVENTAPASSERI

Aveva un anno e già sembrava vecchio. Era rimasto là, al sole, all’acqua, al vento dall’estate scorsa: un ferrovecchio arrugginito sotto il lavorio del clima.

A

pa# # hia nci nisciva ‘i tutt’ê parti,

La paglia fuoriusciva da ogni parte,

non impressionava più un uccello!

‘i

sutt’ê cazunetti, r’u cappe" " u:

dai calzoni, dal cappello;

pirdiva r’a bbuggiacca ligna e ccarti, non nci faciva speci manc’ôn ce" " u!

e

dalla giacca perdeva legni e carte,

Passava i jorna senza mi trava# # hia, cu ll’o ! !hi tristi e !!hiusi, mmuntunatu; spittava sulu e bbiatu mi s’a qua# # hia, ormai chi ssi sintiva bbandunatu.

‘U rrussi # # hiau u suli na matina cu ll’aria frisca e cchina ‘i ggerzuminu;

u campu era na bbella figurina,

vistutu ch’i culuri d’Arlecchinu.

All’intrasatta si sintíu tirari

‘i sutta r’a bbuggiacca, !hianu !hianu.

«E eccu " " ocu chi ffini’ê campari!» dissi, pinzandu ch’era l’ortulanu.

Ma quandu l’o !!hiu si japríu ‘i na nga# # hia, vitti na rrindine" " a chi cc’u pizzu circava mi nci tir’ôn fil’i pa# # hia, mancu si ffussi statu nu scugnizzu.

«Chi ffai? mi mangi u cori? Cosi ‘i pacci!» rissi u pupu, pi # # hiatu ormai r’a lissa. «É mme# # hiu allura mi mi cardu a facci s’i ce" " i c’haiu mi s !hiantu fann’i fissa!»

Trascorreva i giorni senza lavorare, con gli occhi tristi e chiusi, immalinconito; aspettava solo di morire, lì, beato, giacché si sentiva ormai abbandonato.

Lo risvegliò il sole una mattina con l’aria fresca di profumo e gelsomino;

il campo era una bella figurina,

rivestito, com’era, dei colori di Arlecchino.

All’improvviso si sentì tirare da sotto la giacca, piano piano. «Ed ecco che ho finito di campare!» disse, pensando fosse l’ortolano.

Ma aprendo un occhio, da una fessura vide una rondinella che col becco cercava di strappargli un filo di paglia, neppure uno scugnizzo.

«Che fai? Mi mangi il cuore? Cose da pazzi!» disse il fantoccio, preso ormai dalla malinconia. «Roba da vergognarsi, se gli uccelli che dovrei spaventare mi prendono pure in giro!»

«Chi ccapiscisti? Non ti pizzulíu» nci rissi a rrindine" " a, senza bbri # # hi. «Na stampice" " a r’u to’ bbendiddiu

«Cosa hai capito? Non ti stuzzico per schernirti» gli disse la rondinella, senza remore. «Un pochettino del tuo bendidio

e a fuleia priparu p’i me’ fi # # hi».

e

preparo il nido per i miei figlioli».

U

pup’i pezza nci pinzau na stampa;

Il

pupazzo di pezza ci pensò un po’ su;

apoi, cu ttantu amuri e ssimpatia,

poi, con tanto amore e simpatia,

dissi: «prima carcunu mi mi bbampa,

disse: «Prima che qualcuno mi dia fuoco,

pi

# # hiti chi " " u chi tti serbi a ttia!»

prenditi quello che ti serve!»

U

ce" " u rringrazziau cu ssentimentu,

L’uccello ringraziò con sentimento,

tirau tri ffil’i pa# # hia e ssi ndi íu, mentri u spaventapassiri, cuntentu, !hiuríu tutt’i ddu’ o ! !hi e ppo’ muríu.

tirò tre fili di paglia e scappò via, mentre lo spaventapasseri, contento, chiuse entrambi gli occhi e così morì.

Interessi correlati