Sei sulla pagina 1di 51

EDOAR DO SCAR PETTA

Miseria e nobilt
Traduzione in dialetto messinese di E nzo C ic ero e G iovanni P l ut ino

(1995)

1996 Il Cappellaio Editore

PERSONAGGI

Gaetano Semolino, ex cuoco arricchito, padre di: Gemma, ballerina Luigino, spiantato, innamorato di Pupella Vicenzo Scappellotto, servitore di casa Semolino Brasi Marranzano, idem Ottavio Favetti, marchese Eugenio, suo figlio, innamorato di Gemma Giacchino Castelli, padrone di casa Ciaramella-Scocciaicollo Pasquale Ciaramella, ex-salassatore Concetta, sua moglie Pupella, sua figlia Felice Scocciaicollo, scrivano Luisella, ex-sarta, sua convivente Bettina, moglie di Felice e cameriera di casa Semolino Peppinello, figlio di Felice e di Bettina

ATTO PRIMO

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Giacchino seduto al tavolo, irritato. Poi Luigino L UIGINO (d.d.): permesso, gioia mia? GIACCHINO: Chi ? Favorite. L UIGINO (entrando): Oh! chi vedo! Don Giacchino! E voi come mai qua, gioia mia? GIACCHINO (si alza e va incontro a Luigino, dandogli la mano): Mah, vinni picch avanzu 5 misati da du signori che saffittarono stappartamentu mei... ma lassamu peddiri, vah. Vui, chiuttostu, chi stati facennu? L UIGINO: Lo volete sapere? E io ve lo dico, gioia mia, ma basta che non dite niente a nessuno, e specialmente a pap, gioia mia! GIACCHINO: Oh! Non ci pinzati. L UIGINO: Dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di don Pasquale, Pupella, una vera pupatella, e per quella giovane, gioia mia, farei qualunque cosa. GIACCHINO: E con pap come stiamo, in paci o sciarriati? L UIGINO: Sciarriati, gioia mia, sciarriati! GIACCHINO: E bravu! L UIGINO: Due mesi fa mi sono preso 50 mila lire dalla scrivania, e me ne sono andato. Lui non disse niente. Solamente, non mi vuole pi ricevere in casa. GIACCHINO: E dicistu nenti! L UIGINO: No, ma quello fa cos, e poi gli passa. Sempre cos facciamo, gioia mia: quando mi servono denari, io me li piglio e me ne vado; appena li ho finiti, per mezzo di mia sorella ci faccio pace... Ora, per esempio, gioia mia, in tasca mi sono rimaste solo 400 lire: domani devo assolutamente fare pace con pap, gioia mia. GIACCHINO: E si dumani pap havi lovu giratu e non voli fari paci, vui comu manciati, gioia mia? L UIGINO: Eh! non fa pace! Ne sono sicuro, c mia sorella che lo comanda a bacchetta. E poi pap ricco, gioia mia. LInglese quando mor lasci tutto a lui. GIACCHINO: Quali Inglisi? L UIGINO: Come: quali Inglisi? Quello dove lui era cuoco! GIACCHINO: Ah, pap prima era cuoco? L UIGINO: Sissignore, gioia mia. Stava con un Inglese ricchissimo, il quale, gioia mia, non avendo parenti, quando mor lasci tutto a pap... Mi pare 30 milioni.

ATTO PRIMO

GIACCHINO: Ah! L UIGINO: S, perch gli voleva bene come a un padre, erano quindici anni che lo teneva con lui. GIACCHINO: E bravo! V che bella fortuna! L UIGINO: Eh! Solo questa? Oltre poi di questa fortuna, gioia mia, pap ha la figlia, mia sorella Gemma, che prima ballerina del Vittorio Emanuele, e ogni stagione piglia duecento o duecentocinquantamila lire... e capite, con tanti soldi, poi, che se ne fanno, gioia mia? GIACCHINO: Oh! Questo certo. buono che ci buscate pure voi qualche cosa... gioia mia! L UIGINO: Ma, don Giacchino, se vedete pap, vi raccomando, non dite niente. GIACCHINO: Oh, non dubitate. Anzi, siccomu dumani parrari cu iddu picch si voli cattari na casitta che haju o Cuntissi, si mi rinesci, mentri parramu, ci mettu na bona parola pi vui. L UIGINO: E io vi ringrazio tanto tanto, gioia mia!... Bene, bene... Ma scusate, gioia mia, non c nessuno in questa casa? GIACCHINO: La signora Concetta e Pupella ora arrivano. Luisella a sarta nta dda stanza. Gli altri non li ho visti ancora, purtroppo! L UIGINO: Ah Pupella, quanto sei bella! E poi, che passione che ha per me: se la sta divorando! Lavete notato che ultimamente cos sognante e pallida? GIACCHINO: Sar sognante, ma chidda pallida picch mori i fami. Ora annau ca mamma a fari un pegno, pi puttari du fili i spaghetti e na fedda e canni! L UIGINO: Voi che dite, gioia mia?!... Come, quellangioletto muore di fame? Possibile! GIACCHINO: Mori i fami, gioia mia! L UIGINO: E io ho solo 400 lire! GIACCHINO: E i ma chi vuliti? L UIGINO: Ma s! Se non ho soldi, ho credito per tutte le trattorie... Ora faccio venire la cena per 5 persone... spaghetti al sugo, carne, polli, pesce, tutto! Quella ragazza non deve stare digiuna! GIACCHINO: Bravo! Questo significa avere cuore! (Sente rientrare Concetta e Pupella) Aspettate, chi sunnu iddi.

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Giacchino, Luigino, Concetta e Pupella CONCETTA: Ah! Lagenzia chiusa, chidda chiudi equattru! PUPELLA (si accorge di Luigino, presa dalla gioia e ammonisce la madre): Basta, stativi muta, cc c ddu figghiolu chi mi voli spusari! L UIGINO: Signora rispettabile... gioia mia! GIACCHINO: Ti para chi puta mancari! L UIGINO (sentendo, a Giacchino): Eh? GIACCHINO (come nulla fosse): Eh? L UIGINO: Se mi trovate qui in casa vostra, stato perch amo immensamente vostra figlia, ed essendomi accorto che lei pure mi ama, io cos, senza perdere tempo, vi dico che la voglio bene e me la voglio sposare. CONCETTA: Signore, questa vostra sollecitazione nel parlare, mi gonfia di gioia e di condoglianza. Io come madre non potrebbo dare una risposta coincisa! Allinfuori di me c puranche il padre, che sarebbe il suo germinatore, ma sono certa per che anchegli quando sentir la notizia ne avr molta giubilazione. La ragazza avesse molta roba da portarle in dote, ma per le troppe disgrazie capitanate al padre, non possegge neanche il corriere. Come la vedete... la scrivete. Nella nostra casa non trovate altro che buone viscere e disonore! L UIGINO (piano a Giacchino): Don Giacchino, avete sentito! GIACCHINO: Fici na bedda parrata! L UIGINO: Me ne sono accorto. (A Concetta) Dunque, signora, io veramente non voglio niente, voglio solamente la ragazza. CONCETTA: E va bene, allora tornate domani e parlate pure col padre. L UIGINO: Va bene, signora, cos far, eh, eh... Don Giacchino, voi venite pure? GIACCHINO: Nooo! na parola! Io aspettu a ddi du galantomini: mhanna pagari! L UIGINO (prendendosi Giacchino in disparte): Non vi preoccupate, vah, andiamocene. GIACCHINO: No, no, no, non schizzamu, mhanna pagari, si no stasira succedi... L UIGINO: Domani vi pago io. GIACCHINO: Veramente? L UIGINO: Qua la mano. GIACCHINO: Parola donore? L UIGINO: Don Giacchino quando vho dato la mano mi pare che basta, no?! GIACCHINO: Si u diciti vui! (A Concetta) Va b... dunque, donna Cuncetta, io mi nni vaju. Salutatemi tanto tanto a don Pascali e... CONCETTA: E chi , no vuliti spittari cchi? GIACCHINO: No, no... poi si fici puru tardu... ci vediamo il mese entrante, vah, stativi... (a Luigino che lo trae a s) Eh? (bisbiglia con Luigi, quindi a Concetta) Donna Cuncetta, allora noi ci sentiamo fra due mesi. Stativi bona... (c.s.) Eh?...

ATTO PRIMO

Donna Cuncetta, ci vediamo fra tre mesi... (c.s.) Ancora?... Donna Cuncetta, io cc non ci vegnu cchi! Stativi bona, salutatemi a don Pascali e puru a don Felici... (via) L UIGINO (a Pupella): A rivederci, gioia mia, e buon appetito!... buon appetito!... PUPELLA: Grazie. L UIGINO (andando via): Buon appetito... buon appetito. Statevi bene. PUPELLA: Eh, s!... Buon appetito!... Cc nun c mancu a speranza i manciari!... Mamma, comu vi pari stu figghiolu? CONCETTA: Eh, non c mali, un giuvinotto simpatico. E poi, figlia, basta chi ti levi i sta miseria. Mhanna dittu ch figghiu di na persona ricchissima... Speramu chi fussi seriu.

ATTO PRIMO

SCENA TERZA

Concetta, Pupella e Luisella L UISELLA (entra e va a vedere se c acqua nel catino): E chi , qua acqua non ci n' cchi? CONCETTA: E mi pari chi u stati vidennu. L UISELLA: Eh, ho visto, e comu si fa senza acqua? Io haju siti! CONCETTA: E a pigghiativilla. PUPELLA: Chi , no sapiti che lacqua shava annari a pigghiari a funtana dda fora?! L UISELLA: S, s, e comu no, u saccio, lo so benissimo. Ajeri ni pigghiai tri cati, e oggi putriuvu aviri a compiacenza mi ni pigghiati un catu puru vui. PUPELLA: Ah, io non ma fidu, no, mi fa mali u pettu. L UISELLA: Ah! CONCETTA: E a mia mi fa mali a testa. L UISELLA: Uh, vediti, vediti... vediti quantu mi dispiaci... e va b, chisti fissarii sunnu... Pu petto na bella carta senapata, e pa testa na para i prese i tabaccu: vi sollicitati cincu o sei voti, stranutati, e vi passa. CONCETTA: Io non haju bisognu i stranutari, stranutati vui, donna Luisella! L UISELLA: Io non nhaju duluri i testa, io staiu bona. PUPELLA: E puru nui stamu boni, ma lacqua na vulemu pigghiari! L UISELLA: Vaddati chi dispettu! Pari chi si cos, vui non hata biviri puru... quannu biviti vui, bivu puru io. CONCETTA: Io pi mia non haju siiti. PUPELLA: E mancu io haju siti. Io haju fame!... A pignata sta puru bugghiennu! A cu ci bugghi, poi, no sacciu! L UISELLA (alla finestra): Ah, chi bellaria frisca!... Me parunu centanni mi vene Feliceddu... Mi vogghiu nnari a cattari menzu chilu i sasizza, un pocu i lattuga, e un litru i vinu bonu... Ah, mi vogghiu scialari! PUPELLA: Mamma, ora chi veni pap e potta i soddi, avema cattari tri custate i viteddu, un chilu dancioi salati, e du litri i vinu bonu... Ah, ni vulemu ricriari! CONCETTA: A facci i cu non voli!... L UISELLA (canta): Centu sunnu i cani i Brasi, ma raggia nta bucca i lamma non ci ni trasi... (Suonano il campanello)

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Concetta, Pupella, Luisella e Pasquale PUPELLA: Chistu sicuru u pap: che bellu!... (Va ad aprire e torna subito con Paquale) Oh, pap, finalmenti vinistu!... Io non ci a faca cchi da fami... E dai, nnamu, spicciativi, cacciate i soddi, avemu cattari tri custati i viteddu, un chilo dancioi e du litri i vinu bonu. Nnamu, spicciativi, cacciate i soddi, cacciatili! PASQUALE: Ma chi cacciu, lanima cacciu?, che t cacciari? Lassimi stari, me figghia! Stai camminannu ti stamatina, e non potti rinesciri a cunsari na lira, una sula!... CONCETTA: Ma chi stai dicennu? PASQUALE: E chi dicu, a verit! CONCETTA: E comu si fa cu sta povera figghiola?... Chidda have fami. PASQUALE: E io chi ci pozzu fari?, chi pozzu fari? Anzi, io pensava che me facivi truvari quattro fila i spaghetti. CONCETTA: E comu ti faca truvari?... Chi mi lassasti quacchi cosa stamatina? PASQUALE: Stamatina non ti lassai nenti. Ma tu, vidennu chi sava fattu taddu, veru, putivi fari un pignu, un pignareddu. U fattu chi siti mali organizzati, chistu ! CONCETTA: Ora spittaumu a ta mi nu dicivi!... Annai antura e truvai lagenzia chiusa. (Luisella ride) PUPELLA: Mamma, chidda ridi, a viditi? CONCETTA: Eh, pi fozza!... Chidda ora, donna Luisella, havi ragiuni i ridiri, picch tu spittavi a to patri pi manciari, e io spittava a me marito, senza pinzari chi chistu non hava statu mai n patri n maritu... Hava stato sempre un calandruni e sautafossa! PASQUALE: Oh, senti, non chi ama cuminciari a solita storia i tutti i jorna; io mi pigghiu baratte e barattelli e mi nu vaju, capisti? Non basta a vita chi staju facennu!... Poi donna Luisella ni putra fari a menu i ridiri, s... picch si cc cuminciamu a ridiri... nui putemu ridiri finu a dumani supra i so spaddi! L UISELLA: Ah, veru? Riditi supra i me spaddi? Ma annativinni, pizzentuni! PASQUALE: Pizzentuni s, ma onesti per!... chiddu chi non ponnu diri lautri! L UISELLA: Don Pascali, parra comu parrari, si no chiddu chi non ci fici a to mugghieri, tu fazzu a ta! PASQUALE: E tu si femmina, bidduzza, mi pozzu mettiri cu ta, mi pozzu mettiri? L UISELLA: S, s... E non ti mettiri. CONCETTA: Si tu chi ti v sentiri sti palori, pa testa dura chi hai! Si non tavira piaciutu giucari, si non tavira piaciutu u vini, a stura avivi ancora a puta i salassaturi. PASQUALE: Ava ancora a puta i salassaturi? E chi ma livai pi cuppa mei a puta? Fu leprica nostra chi canciau!... Foru i medici chi rovinaru u nostru misteri! Nenti cchi salassi, cuminciaru a diri, nenti cchi salassi, non vi livati sangu! E intantu senti morti improvvisi tutti i jorna. E picch? Per labbondanza di

ATTO PRIMO

sangu: a jettulu stu sangu! Ah, ma io quannu sentu na morti improvvisa mi ricru tuttu quantu!... Liggiti, liggiti i giunnali. Io mi fermu davanti alledicola, io leggiu, maggiornu. Dici: morto il commerciante Caio, bene! morto il commendatore Tizio, benone! Si si salassaunu non muriunu... Nui sta morti cettu na facemu. CONCETTA: E chi voi moriri improvvisu! Nui muremu i debulizza, senti a ma. Non mi dispiaci pi ma, ma pi dda povira criatura! PASQUALE: Tutti i jorna a stissa storia, tutti i jorna... (a Concetta) U sapunaru passau? CONCETTA (sgarbata): No saccio! PASQUALE: Non sapi mai nenti. (a Pupella) Felice si ritirau? PUPELLA: No ancora. PASQUALE: No ancora, eh? Pacenzia, me figghia, pacenzia. Chiddu ora veni Feliceddu, potta quacchi cosa i dinari, e io ti fazzu manciari... Tanti voti ci l pristatu io a iddu, eh! Nhai assai fami? PUPELLA: Assai, pap! PASQUALE: Lassa crisciri, segnu i salute, me figghia. PUPELLA: Eh pap, vui diciti sempri i na manera, sempri a stissa canzuna! PASQUALE: Ma vui chi vuliti i ma?, chi vuliti i ma! CONCETTA: Antura vinni don Giacchino u patruni i casa, e ora ora si nannau. PASQUALE: E chistu u gujaiu, vidi! Avanza 5 misi daffittu. E unni si pigghiunu, unni sanna pigghiari? (Suonano il campanello) PUPELLA (va ad aprire, poi torna): Peppineddu, u figghiu i don Felici.

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Concetta, Pupella, Luisella, Pasquale e Peppinello PEPPENIELLO (pallidissimo): Buongiorno. PASQUALE: Hei, buongiorno Pippineddu, to patri quannu veni? PEPPENIELLO: Ora veni, u lassai chi stava ricittannu u tavulinu. PASQUALE: E tu picch stai cos, chi ti succidiu? PEPPENIELLO: Chi mava succediri, don Pascali!... Pi prima cosa, staiu murennu i fami. PASQUALE: Eh, tutti u stissu culuri hannu! PEPPENIELLO: E stamatina chi fici colazioni forsi? Du cudduri cu lova e 4 arancini. PASQUALE: Scusa! PEPPENIELLO: E picch annai a truvari u campari. Iddu mi cattau, si no ancora stara diunu. E pi causa du cumpari, scippai du 2 cauci du pap. PASQUALE: Scippasti 2 cauci i to pap, e picch? PEPPENIELLO: Pecch mava mannatu unni unu cu na littra, mi ci ciccava quacchi cosa i soddi. Io ma misi nta sacchetta, e prima passai unni u cumpari. Chiddu mi cattau larancini, e io 3 mi misi nta sacchetta unni cera a littra. Quannu annai unni du signori, nautra picca mi ruzzuliava di scali: visti a littra tutta lodda, e si misi a fari buci: Diccillu a ddu poccu i to patri chi sta littra ci lava mannari e putiari comu a iddu, no a un signori! PASQUALE: Ma pi fozza!... Tu metti larancini unni cera a littra! L UISELLA: E ti desi sulu 2 cauci? Io taviria ammazzatu! Ehi! Sai che ti dicu, oh!, vidi mi tinsigni un misteri, e a buschiti u pani, picch nui non ti putemu dari a manciari! PEPPENIELLO: Sissignore, chistu u sapemu... e non dubitati ca siccatura va livamu... U cumpari un sinzali di cammareri... mi voli beni... e dissi chi mu cecca iddu un padruni. Pare che accuss, chi me sacrifici, mi pozzu cattari i cudduri e larancini! PASQUALE: Tutti cibi dilicati, ah! Veni cc, ma to patri porta quacchi cosa i soddi o no? Nui stamu spittannu a iddu, u sai? PEPPENIELLO: Ah, stati spittannu a iddu? E stati frischi allura! Chiddu non fici mancu na lira sta junnata. PASQUALE: Possibili? (suonano il campanello) Ava essiri iddu. Non avi mancu a fozza i sunari u campanellu. Va japri, va japri, va. (Pupella va ad aprire)

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Concetta, Pupella, Luisella, Pasquale, Peppinello e Felice PUPELLA: don Felici. PASQUALE: Felici, buongionnu. FELICE: Saluti, Pascali. Buongiorno a tutti, buongiorno, buongiorno... PASQUALE: Felice, nui stamu spittannu a ta. FELICE: E manciati, io manciu dopu. Mi vogghiu ripusari un pocu. PASQUALE: No, chi capisti? Stamu spittannu a tia pi cattari quacchi cosa... Io stamatina non fici nenti. Lunica spiranza eri tu. FELICE: E aspettati a mia? E comu ti passa pa testa i spittari a mia, ah, Pascali? Io ora ora fina i iastimari come un turcu. U voi capiri? I stamatina i lottu finu a stu mumentu, mi navira vinutu unu mi si fa scriviri un bigliettu, na littra! Nenti! Cu ddu tavulu sutta u cacciri i Gazzi, sai... Na vota viniunu da provincia, si faciunu scriviri i littri pi caccirati, sai, e poi ti ringraziaunu, si, s! na vita, caru Pascali, che non si p fari cchi, eh!... U scrivanu pubblicu finiu, finito... PASQUALE: E hai ragiuni, hai ragiuni. FELICE: ... finito Pascali... E poi gilatu, sai, senza mi mi pozzu pigghiari na tazza e caf, u cunfottu i quacchi cosa i caudu. Niente da fare. Non si p fari cchi, caro Pascali, niente... Ava mannatu addassassinu i me figghiu a... (vedendo Peppeniello) Ah, cc s tu, ah?, s cc? Musca carogna, cc s? Mutu!, ora ti stai mutu!... (a Pasquale) Chiddu un signore tantu bonu, capisci... havi assai chi mi cunusci, e sempri quacchi cosa mi lha mannatu: un bigliettu i 100, i 200 liri... Pascali, puru i milli liri! PASQUALE: Puru!? FELICE: Comu no! A Natali e a Pasca un bellu bigliettu i milli liri! (ne mima le dimensioni) PASQUALE (mostrandone le vere dimensioni): Felici, i milli liri su tanti, i milli liri. FELICE (c.s.): Pascali, in certi occasioni i milli liri su cos!... Eh, e chiddu ci potta a littra a ddu riccu signore tutta lorda nsivata... (a Peppeniello) Cos ca puttasti? PEPPENIELLO: E chi fu io? FELICE: E cu fu? PEPPENIELLO: Foru larancini... FELICE: Ah, ora foru larancini? PEPPENIELLO: Ma poi a soddisfazioni va desi. FELICE: Ah s, e quali soddisfazioni? PEPPENIELLO: Ddi tri arancini chi luddaru a littra: mi manciai nta tri muzzicuni! FELICE: Si manciau nta tri muzzicuni?! (Fa per inveire, ma Pasquale lo trattiene) Pascali, tri muzzicuni: ma chiddu ni pigghia in giru, u v capiri? PASQUALE: Nenti ci fa, lassulu nnari, picciriddu! FELICE (a Peppeniello): Va beni, stasira parramu!

ATTO PRIMO

L UISELLA: Eh, va b! Parramu dumani, parramu!... Io a stura lavira pigliato, e mi lavira misu sutta! FELICE: Chiddu na criatura: o metti sutta, chi metti sutta? PASQUALE: E veru. PEPPENIELLO (savvicina a Luisella): Vui a cu vi mittiti sutta? Ma chi mi pigghiastu, pi nu sceccu?... Mi nnu vaju, sissignore!... Na vota su bastunati, nautra vota su buci... E chi divintai, un cani?!... Ora mi nu vaju unni u cumpari, e iddu mi trova un patruni: travagghiu e manciu. P esseri chi trovu un patruni chi mi voli beni, chi mi dugna a manciari, e cc non ci vegnu cchi!... Mai cchi. (Quasi piangendo, va via di corsa) CONCETTA: Poveru picciriddu! PASQUALE: Povera criatura. (savvicina alluscio, e chiama) Peppineddu! S, dumani! Vadda come sta currennu chiddu, a pigghiulu cchi!... CONCETTA: Fici bonu chi si nannau, poviru picciriddu! Sempre strapazzatu... L UISELLA: Vui pinsati allaffari vostri. Chisti su cosi chi non vi riguardunu! CONCETTA: A mia?!... E chi mi ni frega! Fu picch mi fici cumpassioni! L UISELLA: Ma annativinni! Cumpassioni?... Biatu cu havi cumpassioni i vui! CONCETTA: Luisella, ora chi cuminci nautra vota?... Vidi sa poi finiri! L UISELLA: E vidi sa poi finiri tu!... Havi i stamatina chi mi stai tuzzuliannu, tu e stu tritrolu i to maritu! PASQUALE: Chi divintai tritrolu ora? (a Concetta) U vidi, pi cuppa toi? Pi cuppa toi, u vidi? (Felice gli rovina addosso) Ouh?... Felici, chi succidu?... Felici? FELICE (riprendendosi): Ah?... No... chappa essiri... quacchi scussitta i terremotu. PASQUALE: Comu a ma, Felici, precisu! Sinta u pavimentu chi mi curra sutta i pedi... L UISELLA (a Felice): Ehi, senti a mia! Dumani vidi i truvari na casa, na camira, un pittusu, puru un pittusu, abbasta chi nannamu i cc. CONCETTA: E u stissu ti dicu puru a tia! (Urta Pasquale, che cade addosso a Felice) PASQUALE: Ma viditi chi modi, viditi chi modi! FELICE: Pascali, io sugnu debuli, tu ti jetti i supra... PASQUALE: E io puru sugnu debuli... FELICE: E va beni, va beni, dumani si ni parra. Possibili chama fari sempri questioni? PASQUALE: Alluttimu alluttimu non fu poi sta gran cosa. Ni dispiaciu chi si nannau u picciriddu, chistu tuttu. FELICE: Nossignore, chiddu sicuramenti si nannau unni u cumpari. U cumpari ci voli beni, ci fa a colazioni, ci dugna 3 o 4 ova bugghiuti... (Pasquale si sente mancare) Iddu chistu mancia: castagni, nuci... Pinsamu nui inveci comu ama fari! (quasi piangendo) Pascali, io non arrivu mancu a stasira!... Ah! Mi mancunu i sintimenti! PASQUALE: Cuncetta, tu chi vulivi pignurari? CONCETTA: U to soprabitu e 2 linzola... Stannu ancora supra u lettu.

10

ATTO PRIMO

PASQUALE (prende linvolto e si avvicina a Felice): Felice, Filiciuzzu, na picca i pacienzia, va. FELICE: Ho capito. E chistu facemu ogni gghionnu... chi viggogna... (va a prendere il cappello) PASQUALE: Unni vai?, unni vai? FELICE: Mi pigghiu u cappeddu, Pascali. Sentu friddu, capisti ora? Si nesciu senza cappeddu, a junnata rigida... PASQUALE (fa per prendersi le lenzuola): E s, s... Dammi cc, va. Ora scinnu io. Io sugnu cchi svigghiu... FELICE (tenendosi strette le lenzuola): No, no... PASQUALE: E va beni, senti, senti prima bonu di unni passari, ah? Si no finisci chi tonni arreti chi mani vacanti, capisti? FELICE: Dammi cc. No... PASQUALE: No, senti a mia, senti a mia: giri di cc, arrivi a svolta da cantunata... FELICE: Di chi? PASQUALE: Da cantonata. FELICE: Allangulu! Pascali, allangulu! PASQUALE: Allangulu. Io t ricuddari com tunnari, tu peddiri tempu, e va b... Vai dal pizzicagnolo... FELICE: U salumeri! PASQUALE: U salumeri, comu voi tu. U salumeri. Ti fai dari un chilu e menzu i bucatini. FELICE: Un chilu e menzu i pasta, va... PASQUALE: Poi, ti raccomannu a qualit. FELICE: Pascali, tu cu sta fami chi hai vai pinzannu a qualit da pasta? PASQUALE: Se non bona, me fa u stomucu pisanti. FELICE: Ma fammi u piaciri!... E poi, io non ci pozzu annari unni u... dal pizzicagnolo. PASQUALE: E picch? FELICE: Picch non ci pozzu annari. Picch... lautru misi ci puttai un pantaluni e un gil, e ci dissi: Fra due giorni me lo vengo a pigliare. E non ci annai cchi... PASQUALE: E io mancu ci pozzu annari, pecch havi a me cupetta invernali, e quindi... FELICE: E stu salumeri havi tutta a nostra roba, vidi!

11

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Concetta, Pupella, Luisella, Pasquale, Felice e Eugenio EUGENIO (entrando): permesso? FELICE: Chi ? EUGENIO: Scusate, abita qui un certo don Pasquale?... PASQUALE: Vadda cu c? U macchisinu! EUGENIO: Oh! Don Pasquale! PASQUALE: Macchesino rispettabile! Quale onore! (a Pupella) A pigghia na seggia pu macchisinu. (Tutti si affollano per prendere le sedie. Parapiglia generale. Felice si siede sulla sedia senza fondo) Scusate se ci trovate in queste condizioni. E vostro padre come sta? EUGENIO: Eh, non c male, grazie. PASQUALE: Va sempre appresso alle ballerine? EUGENIO: Sempre, sempre, e poi con me fa il severo. PASQUALE: Gi, me ricordo... A malerba crisci, eh? Beh, vi presento lamico mio... (vede Felice sprofondato nella sedia) Felice?... Felice? FELICE: Eh, ch fari? PASQUALE: E lo so, ti viene male... (lo aiuta; infine, a Eugenio, che nel frattempo sera messo a discutere con Concetta e Pupella) Macchesino? EUGENIO: S? PASQUALE: Vi presento il mio amico Felice Scocciaicollo. EUGENIO: Tanto piacere! FELICE (alzandosi): Pronto a servirvi in tutto quello che mi crederete utile. In me troverete puntualit e onest. EUGENIO: Comodo. PASQUALE: Il macchesino, il macchesino nostro! Felice, Felice? Quando io avevo la bottega di salassatore, il padre di questo giovane... era patrone di casa mia. Che nobilone, che signorone, eh!... E a mamma, a Macchesa, morse, vero? EUGENIO: Eh s! Ormai sono 4 anni. PASQUALE (a Felice): Morse la Macchesa! FELICE: E a mia chi mi ni frega! PASQUALE: Ah, che dama! Che fiore!... Macchesino, a che devo lonore della vostra visita? EUGENIO: Ecco... PASQUALE: Se posso servirvi... EUGENIO: S, don Pasquale. Si tratta di un gran favore, che solamente voi e vostra moglie mi potete fare. PASQUALE: Io e mia moglie? EUGENIO: S.

12

ATTO PRIMO

PASQUALE (a Felice, piano): Felici, non chi chistu voli quacchi cosa i soddi? FELICE (c.s.): E capitau bonu, capitau! PASQUALE (c.s.): No, mi dispiaci mi ci rifiutu, capisci? (a Eugenio) E macchesino ditemi in che posso esservi utile. EUGENIO: S, ecco... non so se in presenza di... PASQUALE: Ah, di Felice? Eh, ma Felice per me pi che namico un fratello! FELICE: Ah, ha detto proprio la parola giusta! Potete parlare liberamente perch rester dentro nel mio cuore il vostro segreto. EUGENIO: Posso fidarmi? (d la mano a Felice) FELICE: Fidatevi pure. EUGENIO: Mi fido. FELICE (fra s): Io non ma fidu cchi da fami! EUGENIO: Dunque, dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di un certo Gaetano Semolino, che una volta faceva di mestiere il cuoco e ora molto ricco. Lei si chiama Gemma: un angelo di ragazza, alla quale il padre ha fatto studiare il ballo fin da bambina, e ora scritturata al Vittorio Emanuele come prima ballerina. Lei per... lei non contenta del suo stato attuale, perch... lei mi ama veramente, vorrebbe essere mia e... PASQUALE: E il padre si oppone? FELICE: Il padre... EUGENIO: S, il padre! FELICE: Il padre stroppone? PASQUALE: Ma che centra stroppone? Che ho detto: stroppone? FELICE: Sissignore! PASQUALE (scandendo): Ho detto: Il padre si oppone. FELICE: Pascali, non puta annari essere di cognomi stroppone? PASQUALE: Ho detto... FELICE: Tu hai detto fra i denti sroppooo...: stroppone! PASQUALE: E ancora assai ama parrari i sta storia? FELICE: Tu hai i denti che non vanno... EUGENIO: Ad ogni modo, lintoppo sapete qual ? che i miei parenti non acconsentiranno mai a questo matrimonio. Ora, scusate, che posso fare io, povero giovane? Posso andare da mio padre, mio zio e mia zia e dire loro: venite in casa di un certo Gaetano Semolino, ex cuoco, a parlare del mio matrimonio con la figlia che una ballerina? Io lo domando a voi se lo posso fare, ditemi voi. PASQUALE: No, non lo potete fare! Non lo dovete fare! Felici, no p fari! FELICE: E no fa, Pascali, chi voi i mia? PASQUALE: Eh no! FELICE: Si no po fari, no f! PASQUALE: Quelli sono nobili, proprio la crema da nobilt! Testa alta! FELICE: Semu nui chi avemu a facci sutta a miseria!

13

ATTO PRIMO

PASQUALE (a Eugenio): E cosa pensate di fare? EUGENIO: Eh, che cosa penso... Io avevo deciso di non pensarci pi. Ma cosa volete? Io amo troppo Gemma, e sento che non posso dimenticarla facilmente! PASQUALE: E ora come vi regolate? EUGENIO (avvicinandosi con la sedia, mentre gli altri fanno lo stesso): Voi solo, amico mio, voi soli mi potete aiutare. PASQUALE: Io? EUGENIO: S. PASQUALE: In che modo? EUGENIO: Voi dovete diventare il marchese Ottavio Favetti, mio padre. (a Concetta) Voi la contessa dellIbis, mia zia... E qualche altro amico vostro... (a Felice) il signore, per esempio, il principe di Casador, mio zio. FELICE: Io? Io sugnu i sta manera e fazzu u principi i Casanova?!... PASQUALE: Casador, Casador!... FELICE: Eh, noi siamo agli sgoccioli, autru chi! PASQUALE (a Eugenio): impossibile, umanamente impossibile! EUGENIO: Ma perch impossibile? Don Pasquale, proprio voi, s voi, dove trovare di meglio? Sentite, faremo una magnifica finzione, eh? Io stesso vi presenter in casa di Gemma. FELICE: Marchesino, abbiate pazienza, mi permetto dintervenire perch, come giustamente ha detto lui, siamo amici carissimi. Marchesino, voi adesso, acceso dallamore, non badate a quelle che possono essere... ( infastidito da Pasquale, il quale ne imita i gesti) a quelle che... a quelle... a quelle che possono essere tutte le conseguenze. E vero? E s, perch voi vedete tutto facile, (c.s.) vedete... vedete... vedete... (sbottando) mi stai facennu nubbari, Pascali! PASQUALE: E chi ? FELICE: E lassa stari, sunnu mossi mei, falli fari a mia, no! Sono gesti miei, che li faccio... tu mi fai cunfunniri cu sti mani! Oh! Io sugnu debuli, tu fai accuss... io mi drummentu, capisti? Eh, mi drummentu! PASQUALE: E va b, non mi movu cchi. FELICE: Dunque, siamo arrivati l sopra voglio concludere, vero , per una ragione qualunque si scopre questa finzione... noi non attraversiamo nemmeno un periodo di fortuna... noi, diciamolo, siamo in disgrazia... che cosa succede? Succede che voi non ne avete niente, e noi buschiamo! E per quale motivo, con quale coraggio ci volete fare buscare? EUGENIO: No, macch! A questo non ci pensate nemmeno! FELICE: No, ci dobbiamo pensare, eccome! Marchesino, noi non siamo in condizione di incassare bastonate. Manca proprio la struttura fisica. Non cattiva volont, per allontanate qualunque idea! Quale che? a cascia chi non ci a f! EUGENIO: Ho capito, ma non c nessun pericolo, perch io so quello che dico. FELICE: Eh, ma io so come mi sento, quello il guaio!

14

ATTO PRIMO

EUGENIO: Io conosco il tipo. Il padre di Gemma un asino. Quando creder di avere in casa una famiglia cos nobile, per la troppa gioia lui non capir pi niente, e io avr tutto il tempo di riuscire nel mio scopo. PASQUALE: Abbiate pazienza, marchesino. EUGENIO: Prego, prego. FELICE: Ci consigliamo un momento. PASQUALE: Un minuto... (appartato, a Felice) Che dici? FELICE: Io dico questo: per fini onesti? PASQUALE: E come no! FELICE: Eh, sai, sti signorotti, a un certo punto... signori e signorotti... PASQUALE: No, no, no, e poi un galantomu, signore di nascita propriu, pa famigghia... FELICE: Eh s, signore... e nuddu sapi nenti! Sai pecch? Se si tratta di un ratto, quacche cosa che... PASQUALE: No, e chi rattari? Chi ratti, Felice? FELICE: Eh, accettiamo! In fin dei conti, chi putemu aviri cchi i na firriata i bastunati? Chistu remunera, chistu cc, no? PASQUALE: Speriamo chi remunera! (a Eugenio) Macchesino? EUGENIO: E allora? FELICE: E allora... accettiamo. EUGENIO: Benissimo. PASQUALE: Io chi sono, chi sono? EUGENIO: Mio padre, il marchese Ottavio Favetti. PASQUALE: Io sono Favetti. CONCETTA: E io chi sono? EUGENIO: Mia zia, la contessa dellIbis. PUPELLA: Pap, e io non sugnu nenti? PASQUALE: C mia figlia, dove la lascio a mia figlia? EUGENIO: Aspettate!... mia zia ha una figlia... Benissimo! Verr anche lei, e sar la contessina del Pero. PUPELLA: Uh! Che bella cosa! PASQUALE: Ehi! A cuntissa e a cuntissina! (si profonde in inchini ricambiati) Signora contessa, contessa... A cuntissina... contessina, i miei rispetti! EUGENIO: Quello che mi raccomando, per: aria di nobilt, albaga... FELICE: Ah, se per questo, siamo nati bene. EUGENIO: Bene, bene, bene. Io poi domani mattina verr e vi dar altre istruzioni. FELICE: Si capisce! Nome, cognome, relazioni... per mantenere una conversazione... EUGENIO: naturale, naturale, in ogni minimo particolare. Se farete bene le vostre parti, io sapr ricompensarvi...

15

ATTO PRIMO

FELICE: Questa lultima cosa. EUGENIO: E no, no, perch? Ve lo sarete meritato. E poi l starete benissimo, come no? L mangerete, berrete... Per esempio, a colazione: omelette, cotolette, formaggi. A pranzo fanno la lasagna, sapete?, la buona lasagna alla peloritana, bella imbottita: mozzarella, salsiccia, polpettine, e il rag che viene fuori! (Pasquale sta per svenire ascoltando lenumerazione. Felice va per scuoterlo) Potete immaginare quale squisitezza. E poi: polli arrosto, quaglie allo spiedo, del pesce con maionese, roastbeef, scaloppine, frutta, formaggio, caff, liquori... FELICE (a Pasquale, battendo le mani per svegliarlo): Uehi! Eh?! PASQUALE (riavendosi): Eh? passato, passato. (fa per alzarsi dalla sedia) FELICE: No, no, si, siediti. EUGENIO: Ch successo? FELICE: Niente. Un poco di nausea, ha mangiato da poco. Sa com? (a Pasquale) Stai meglio? PASQUALE: Eh! (a Eugenio) E... dove dobbiamo andare? EUGENIO: Ah, non lontano. Ho qui un biglietto con lindirizzo. (Caccia fuori da un portafogli un biglietto e lo d a Pasquale) PASQUALE (guarda il biglietto e poi lo passa a Felice): Leggi tu, che io vedo solo lasagne. FELICE (leggendo): Cavaliere... (a Eugenio) Ah! cavaliere? EUGENIO: Ma che cavaliere! un titolo che si dato da s. FELICE: Bravo! (riprende la lettura) Cavaliere Gaetano Semolino. Viale Garibaldi, 127, palazzo proprio con giardino. E questo? EUGENIO: S, s, il palazzo suo, e pure il giardino. FELICE (indicando il biglietto): Allora questo ce lo teniamo noi! EUGENIO: naturale, serve a voi! FELICE (a Pasquale): Fozza chi truvammu na cosa bona! PASQUALE: Asp... Macchese, macchesino... e per i vestiti come facciamo? FELICE: Gi, gi, come facciamo? EUGENIO: semplice: indosserete i vostri abiti da festa. FELICE (indicando il proprio abito): E... questo ... questo la festa, il riposo festivo... compleanno... s, tutto tutto! EUGENIO: Va bene, ho capito. E allora torner domani mattina e porter tutto quanto occorre. Va bene? FELICE: Guardate, mettiamoci bene daccordo su questo qua, su questo punto qua. Cc si dice: Porter tutto quello che occorre? EUGENIO: S. FELICE: No, ma... proprio tutto veramente! EUGENIO: Ma s, tutto. FELICE: Dovete cominciare dai pedalini, scusate se dico questa cosa... EUGENIO: Va bene, va bene.

16

ATTO PRIMO

FELICE: ...Tutto, proprio tutto! E... e... EUGENIO: E...? FELICE (vergognandosi un po): Eh? EUGENIO: Dite don Felice, dite prego. FELICE: Le maglie di lana! EUGENIO: Bene, anche le maglie di lana. FELICE: Due maglie di lana per uno... anche le smesse, se capita... EUGENIO: No, e perch? L UISELLA: Marchesino, marchesino, scusate una parola. EUGENIO: Parlate. L UISELLA (a Eugenio, indicando Felice): Questo signore, che devessere vostro zio, il principe di Casador, non vi ha detto che ci ha una moglie, la quale sono io? Eh, dovrebbe portare pure a me, non vi pare? FELICE: Non c una particina? EUGENIO: Mi dispiace, cara mia, ma non possibile. Saremmo in troppi... E poi mia zia, la principessa di Casador, gravemente malata... Malata di petto! un anno che non esce di casa, lo sanno tutti... proprio non... FELICE (a Luisella): Ma perch lo devi mettere in imbarazzo? Se il marchesino lo credeva utile, lo diceva fin dal principio: ci serve un altro personaggio. Prum! Eccolo qua! EUGENIO: Eh, s. FELICE: Oh, bravo! Non possibile, non ne parliamo pi. Marchesino, noi non vogliamo guastare quello che avete detto. Noi vogliamo collaborare con tutto il cuore, sperando di riuscire per essere poi noi la causa della vostra felicit. EUGENIO: E io vi ringrazio infinitamente (stringe la mano a Pasquale, poi la porge a Felice) Caro... FELICE (sottraendosi perch commosso): No, no, no... EUGENIO: La prego. FELICE: Ma vi pare! EUGENIO: Su don Felice! FELICE (bacia la mano a Eugenio): Quanto siete buono. EUGENIO: Beh, arrivederci a domani, eh! (scambio generale di saluti) PASQUALE: Fate passare il macchesino! (Eugenio esce)

17

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Concetta, Pupella, Luisella, Pasquale e Felice L UISELLA (a Felice): Ehi, ehi!... Vidi chi sta vita na vogghiu fari cchi, capisti? Na vogghiu fari cchi! Perci vidi chiddu ch fari, spignimi tutti i cosi mei, picch mi ni vogghiu annari i cc. FELICE: Luisella, Luisella, t dittu tanti voti non mi nominare i pigni, capisti? Non mi nominari sti pigni. Tu sai qual era prima a me condizioni, e si ava bisognu di to pigni!... Signuri mei, tutti quisti sunnu cosi proprio... cu senti a parola pegni, va trova chi si cridi. Insomma, chi ci voli pi spignurarli? 10.000 lire miserabili! L UISELLA: Veru? Ma quannu ti sivveru non erunu miserabili, per? FELICE: Mi sivveru mi ti dugnu a manciari: si non capisci chistu!?! L UISELLA: E cu tu fici fari? Quannu io ava manciari chi me pigni allura non stava suggetta a tia! FELICE: Mannaggia a motti e a testa mei, mannaggia! Sta testa cc! PASQUALE: Feliciuzzu, sta cammu, non talterari. FELICE: Mu dicia Bettina me mugghieri, mu dicia. Dicia: Na fimmina comu a mia na trovi. E cos fu! L UISELLA: E si capisci chi na trovi comu a to mugghieri! FELICE: Picch? Chi ci voi diri a me mugghieri? Non parrari i dda fimmina si no mi fai divintari pazzu furiusu! L UISELLA: Vattinni, v! F u pazzu, f! Chi tu non fattu mai nenti, mai! E chi parramu a fari? Iddu fa u principi, u macchesi, a cuntissa, e cc ristava a cammarera, a sevva! CONCETTA: E non cera nenti i mali!... Quannu si voli beni a un omu, si fa qualunqui cosa. L UISELLA: Ehi, ehi, tu statti muta, picch a tia ti tegnu supra u stomucu, u vidi? Cc! CONCETTA: A mia mi teni supra u stomucu? Vattinni, chi io cu tia proprio non mi vogghiu sciarriari, picch mi loddu i mani!... L UISELLA: Vero, ah? E lodditilli sti mani, lodditilli! PASQUALE (a Concetta): T dittu tanti voti: quannu ci sugnu io presenti, t stari muta! L UISELLA: E si capisci! Quannu c lomu, fati parrari lomu. (Ride) PASQUALE: Ma picch, non sara omu io, donna Luisella? L UISELLA: Annativinni, omu! Ci manchira autru! PASQUALE: Ehi, Felici, chidda affenni per! FELICE: Pascali, ti presentu i me scusi. PASQUALE: Ma chi scusi! Io non vogghiu passari guai, Felici! CONCETTA: Ma quannu u passi i guaju, quannu u passi u guaju? Nautru maritu a stura lavira incuta i sangu a chidda dd!

18

ATTO PRIMO

L UISELLA (gridando): S, e veni cc, veni! A cu inchi i sangu, a cu? CONCETTA (c.s.): A vattinni, motta i fami! (Baruffa, con Pupella, Pasquale e Felice in mezzo a trattenere le due) L UISELLA: Lassa chi non mi tenunu, e ti incu io! CONCETTA: No diri cchi, no diri! FELICE (con le acque pi calme): Donna Cuncetta, io poi vi dicu a vui chi chiddi non sunnu cunsigli che d na mugghieri assinnata! Passa u guajo, inchi i sangu, chi significa! Pascali non omu di guai! (a Luisella) A tia poi... unni s? L UISELLA: Sugnu cc, sugnu cc. FELICE: A tia poi ti ricoddu... ricodditi i me palori: dumani io mi vogghiu vinniri locchi, vogghiu fari u briganti, non sacciu chiddu chi fazzu! Ti spignu sti pigni, e ti ni vai chi non ti vogghiu vidiri cchi, basta! Uh! L UISELLA: Mi ni vaju, mi ni vaju. FELICE: Uh, santa Littra mei! Non vita... PASQUALE: E s. FELICE: ... Cc si mancia pani e vilenu!... Vilenu, sulamenti! Eh! Non si p comunicari... PASQUALE: Eh, non si p, nuddu senti... non possibili. FELICE: Supra na muntagna vurra fari leremita, u rumitu... chistu vurra fari. Dalla porta in fondo avanzano uno sguattero e un facchino che portano una grande gerla: a scena da manciata.

19

ATTO SECONDO

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Vicenzo e Peppinello
V ICENZO (dal fondo a Peppinello, che lo segue con un involto sotto il braccio): Vieni, Vieni, Peppinello!... Entra, non avere paura... aspetta cc, e non ti moviri. P EPPINELLO : Va bene. V ICENZO : Unn chi nesci u patruni, e io ti presentu. Ma, dimmi na cosa... tu com che canusci a Michele u senzali? P EPPINELLO : Picch ci fici u cumpari o pap... e io sugnu u s cumpareddu. V ICENZO : Ah! E iddu ti mannau cc? P EPPINELLO : Sissignore. Mi dissi: Vai dd, che chidda na casa bona pe tia, c' Vicenzu che amicu strittu, parra cu iddu, e non ti nincaricare. V ICENZO : Va bene, Pippineddu, ma fino a un certu puntu. Io cc nun sugnu u patruni. Ora videmu che dici iddu. Si ti voli fari ristari, bene, e si no chi pozzu fari?... Ti nni vai. P EPPINELLO : Mi nni vaju? E unni vaju, don Vicenzu?... Io staju murennu i fami! V ICENZO : Ma viditi vui quant curiusu chistu cc! Ma dimmi na cosa: tu lhai na mamma e nu patri? P EPPINELLO : Lhaju, lhaju, ma comu si non lavissi. V ICENZO : E pcch? P EPPINELLO : Picch sunnu cchi dispirati i mia... A me casa si mancia un ghiornu s e un ghiornu no... V ICENZO : Ho capito, ho capito! Ma t patri, t madri, non che savissiru siddiari che tu stai fora da casa, che fai u cammareri?l P EPPINELLO : No?!... Chiddi mi dissiru: Ehi, imparai nu misteri, e vattinni, picch nui non ti putemu dari a manciari. V ICENZO : Ah! Chistu ti dissiru? E bravo!... Vidi che beddi patri e matri che hai!... Va bene, Pippineddu, nun ti preoccupari, ora ci sugnu cc io che pensu pi ttia, ah!... E dintra a sta truscia che hai? P EPPINELLO : U vistitu i cammareri, che mu regalau u cumpari. V ICENZO : Benissimo. Pippineddu, sentimi bonu. Si tu voi ristari sicuru nta sta casa, diri a tutti quanti che io sugnu to patri; e si u patruni ti dumanna: Vicenzo che t?, tu rispunneri: M patre, eccellenza. Capisti bonu? P EPPINELLO : Don Vicenzu, vui abbasta che mi faciti manciari, io vi chiamu puru mamma! V ICENZO (ride): Ah, ah, ah! E a cu che ti dumanna tu diri sempri a stissa cosa, che io sugnu to patri. P EPPINELLO : Va bene. GAETANO (d.d., gridando): Tu s na bestia, tu nun s bonu a nenti, vattinni fora! V ICENZO : Mutu, u patruni! Mittemuni cc. (si ritirano in fondo)

20

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Gaetano, Biase e detti GAETANO (entrando con una treccia di rose, seguito da Biase): Lassa, lassa a ma! Mannaggia a cu ti fa stari fora da iaggia! B RASI: Ma unni a vuliti mettiri? GAETANO: A vogghiu mettiri supra a testa i t soru!... Vaddati! C diri a iddu unni a vogghiu mettiri... VICENZO: Eccellenza, ch successo? GAETANO: Vicenzu, stai ddocu, e me fai veniri stu calandruni i S. Mattinu? Veni cc, pigghia dda seggia e metti sti ciuri supra a dda porta. VICENZO (eseguendo): Subito! B RASI (ridendo): Ma chaviti fari a festa, don Gaetano? GAETANO: Tu statti zittu e nun ridiri, pecch si no ti incu i bastunati!... Entrate fuori! B RASI (c.s.): Uh! Entrate fuori! GAETANO: Ehi! Non tanta confidenza, s! B RASI: Ma io... GAETANO (gridando): Fuori! fuori! (Brasi esce) Vidi chi sceccu!... Fazzu a festa! un regalino pe mia figlia Gemma. Oggi lanno avversario della sua nascita, e ce lo devo festeggiare come si deve. VICENZO: Giusto. GAETANO: Ah, Vicenzo, io ti voleva dire na cosa. Quando mi parri, non ti scoddari del titolo. Tu dici sempri: Eccellenza, eccellenza, eccellenza! Ma prima vene il titolo, e poi leccellenza. Per esempiu, io ti dico: Vicenzo, hai fatto la tal cosa? S, cavaliere eccellenza... Hai capito? VICENZO: Va bene!... Cavaliere eccellenza, vi dovrei dire una cosa. GAETANO: Che cosa? VICENZO: Peppinello, vieni avanti, e saluta il signore. PEPPINELLO (si fa avanti): Servo vostro, eccellenza. GAETANO: Buon giorno! E cu stu picciriddu? VICENZO: Cavaliere eccellenza, mio figlio, e non ho dove metterlo... e se il cavaliere vostra eccellenza lo permette, lo volessi tenere vicino a me... Vi servir pure lui: gli date quacche cosa di sordi e a mangiare!... GAETANO: Ah! bravo!... Tu sei il figlio di Vicenzo? PEPPINELLO: Lui m patre a me! GAETANO: E si capisce! Si tu s so figghiu, iddu hava esseri to patri, no?... Mi piaci! un beddu picciriddu. (prendendo Vicenzo in disparte) Vicenzu, dimmi na cosa, veni cc... ma tu mi pari chi mi dicisti chi non eri ammugghiatu? VICENZO: Ah! E non sono ammogliato... GAETANO: E allura chistu?

21

ATTO SECONDO

VICENZO: Ma come se fosse... Capite? GAETANO: Va b, va b, va b, ho capito, ho capito! (ritorna presso Peppinello) B, allora, sa chi p fari? Per ora, fallo stare co te, ci diamo cinquanta liri o misi, e si appressu si compotta bonu ci ni damu puru cchi assai. VICENZO: Grazie, eccellenza... ossia, cavaliere eccellenza! Peppinello, bacia la mano al signore... (Peppinello bacia la mano a Gaetano) GAETANO: No, lassa stari, lassa stari... PEPPINELLO: Vincenzo m patre a me! GAETANO: S, ho capito! Ora mu dici natra vota?... Senti, veni qua!... Tu come ti chiami? PEPPINELLO: Peppinello. GAETANO: Peppinello, cc c lo timbro. PEPPINELLO: E che lo timbro? GAETANO: U campanellu. (suona un tocco) Un tocco, la cameriera di mia figlia. Ma tu non ti preoccupari, non ti devi movere. (suona due tocchi) Due tocchi... B RASI (entrando): Comandate, eccellenza! GAETANO: Ouh, chiddu non hava statu mai cos puntuali comu a ora! (a Biagio) Chi tha chiamato? B RASI: Due tocchi, eccellenza. GAETANO: A ta ti n dari un bonu, beddu ncasciatu!... Vatinni, chi non chiamai a ta! (Brasi guarda la treccia di rose sulla porta, e va via ridendo) No, io a ddu salami l mannari a casa, mi l livari davanti. VICENZO: Perdonatelo, cavaliere eccellenza, quello un pocu scemu. GAETANO: S! E pottitillu a to casa, ddu scemu!... Dunque, due tocchi, o chiamo a tuo padre o a ddautru animali anfibiu chi si nannau ora. (suona tre tocchi) Quando poi senti sti tre tocchi, segno che chiamo a te, e tu ti presenti... Hai capito? VICENZO: Va bene, cavaliere eccellenza, non vi preoccupate! Il figghiolo ha talento. Annamuninni, Pippineddu... PEPPINELLO: Permettete, signore... (arriva presso la porta, si volta e ripete a Gaetano) Vincenzo m patre a me! GAETANO: Di novu? E chi voi i ma? (Vicenzo e Peppinello escono) Ah che giornata, lanno anniversario di mia figlia Gemma, che bella giornata!...

22

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Eugenio, Brasi e detto EUGENIO (d.d., gridando con Brasi): Tu sei una bestia qualunque, capisci! B RASI (d.d.): Io haju lordini mi non vi fazzu passari! EUGENIO (d.d.): Una volta!... Ma adesso lordine si cambier! Non mi rompere la testa! (d un urto a Brasi ed entrano insieme in scena) GAETANO: Che cos? Che cos? EUGENIO: Egregio cavaliere!... GAETANO: Macchesino, ma io vaveva pregato... EUGENIO: Di far venire qui mio padre e i miei zii... Ebbene, essi son venuti, sono al cancello e aspettano me per entrare. GAETANO: Possibile! EUGENIO: Sono state tante le mie preghiere che finalmente li ho persuasi. Vi raccomando per, cavaliere, di riceverli bene... Si tratta della contessa dellIbis, del marchese Ottavio, del principe di Casador... GAETANO: Uh! Mamma mia, aspettate!... Brasi, va chiama a Vicenzu, subito! (gridando) Subito! Subito! B RASI: Pronto! (corre via) GAETANO: Ci volessero i guanti, no, macchesino? EUGENIO: E si capisce! I miei parenti non danno la mano se non c il guanto. GAETANO: Fortunatamente ne ho un paro nella sacca! (tira fuori un paio di guanti e se li infila frettolosamente) EUGENIO: Dunque, io vado... Cavaliere, mi raccomando! (esce) GAETANO: Sangue di Bacco! Questo un grandonore, figlia mia fortunata!... (gridando) Vicenzu!... Brasi!... VICENZO (giungendo insieme a Brasi): Comandate, cavaliere eccellenza! GAETANO: Chi stavi facennu? VICENZO: Io stava vestendo il piccirillo. GAETANO: Che piccirillo e piccirillo!... Ora non u mumentu i pinzari a sti cosi!... Cc stanno arrivanno principe, marchese, contessa, tutta la famiglia di don Eugenio! VICENZO: Don Eugenio? Veramente? GAETANO: Mittitivi i guanti!... Ni aviti guanti? VICENZO e B RASI: No. GAETANO: Mancu i guanti aviti! E allura stati chi mani darreti, accuss! Vicenzu, tu ti metti vicinu o puttuni, drittu comu na sentinella, i sta manera. VICENZO: Non ci pinzati, lassate fari a mia! (esce) GAETANO: Brasi, tu mettiti cc, vicinu a sta porta, e nun ti moviri, hai capito?... E ricorditi, quando ti chiamo: Cavaliere Eccellenza! B RASI: Cavaliere eccellenza!

23

ATTO SECONDO

GAETANO: Chi ? B RASI: Sono io. GAETANO: E chi v? B RASI: E... e si mi veni nu stranutu? GAETANO: Nun thanna veniri stranuti. B RASI: E si mi veni? GAETANO: E si te veni tu ffughi! B RASI: Cavaliere eccellenza! GAETANO (insofferente): Ah! B RASI: E quannu mu ffugo... GAETANO: Non ti moviri i cc, statti femmu... Mutu chi su cc. (si pone in atto rispettoso)

24

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Pasquale e detti; poi Concetta, Pupella e Felice EUGENIO: Venite, pap, venite... (entra Pasquale) GAETANO: Rispettabilissimo signor macchese... (dandogli la mano) Lonore che lei mi concorda mi stupidisce, mi fa diventare, direi, quasi scemo. Io mi credo dessere proprio impotente, vale a dire che... che non mi trovo alla portata di poter degnamente contraccamb... camb... ( interrotto da Pasquale) PASQUALE: Psst! Psst! Basta... Se io sono... Se io mi... (mostra a Brasi il cappello perch glielo tolga di mano, ma il servo non si muove) Basta!... Se io sono venuto... e, se io... Basta! GAETANO: E cu sta parrannu!... (Pasquale butta il cappello a terra. A Eugenio) Macchesino, ebb?... Pecch ha gettato il cappello a tera? EUGENIO: Perch nessuno glielha tolto di mano, logico. GAETANO: Uh! E ddanimali chi non si movi. (a Brasi) Ehi, ehi! Iazza u cappeddu. Animali, pigghia u cappeddu! B RASI: E vui mi dicistu: Non ti moviri! (prende il cappello) EUGENIO (sottovoce): Cavaliere, andate a ricevere mia zia la contessa... Spetta a voi. GAETANO: Ah! Spetta a me... Quanto chiedo permesso al macchese. (a Pasquale) Signor macchese! (Pasquale gli tende la mano e quasi lo colpisce. Fra s) Mi paria chi mi dava na moffa! (esce incontro a Concetta) PASQUALE (a Eugenio, ammiccando): Eh?! EUGENIO: Bravo don Pasquale, continuate sempre cos, vi raccomando. PASQUALE: Non vi preoccupati. A chisto u giustu io, a chistu. EUGENIO: Confido in voi. GAETANO: Venite, venite, illustrissima signora contessa. (Rientra conducendo per mano Concetta; seguono Pupella e Felice a braccetto) La prego, accomotatevi. EUGENIO: Cavaliere, vi presento lillustrissima signora contessa dellIbis, mia zia... (Gaetano sinchina) sua figlia Clara, contessina dellIbis... (c.s.) il marchese Ottavio Favetti, mio padre... GAETANO (tra s): Ah, chistu chiddu chi simina moffi! EUGENIO: ...e mio zio, il principe di Casador. GAETANO (tra s, dinanzi allindifferenza di Felice): Chistu mancu mi caccula! (a tutti) Fortunatissimo di avere conosciuto una famiglia tanto lustra ed illustrata! EUGENIO: Il cavalier Gaetano Semolino, padre di Gemma. GAETANO (tra s, ancora riferito a Felice): Chistu non mi p propriu vidiri! (a Brasi) Brasi, Brasi, f veniri subito 5 gelati, subito! B RASI: Subito, cavaliere eccellenza. (Via) PASQUALE (a Gaetano): Seduto! Dunque, voi siete il padre della ragazza che mio figlio dice damare tanto?

25

ATTO SECONDO

GAETANO: Per servirla!... E posso assicurarla che anche mia figlia gli diporta un amore inqualificabile, ci sostiene proprio una grande pas-sione. FELICE: Questa, per esempio, per me una novit... Quando mai le ballerine hanno avuto una passione! Passione e ballerine sono due cose opposte! GAETANO: Ma, badate, principe... vero che le ballerine sono straveleganti e non sostengono affezione per nessuno: ma mia figlia unaltra cosa. Quando la conoscerete, vedrete... che direte... sapete... avete... una bella cosa... PASQUALE (a Felice): Ma chi parra in versi chistu? GAETANO: Io appunto pensando che mia figlia era una ballerina, mettevo quasi limponibile, sempre da parte di lor signori illustrissimi, e con poca propenzione... anzi, con molta insufficienza io subivo questamore scellerato... ma dal momento che mi veggo assediato, circuto da una famiglia tanto lustra, io non posso fare altro che prendere mia figlia e buttarla in mezzo a voi!... Amatela e compatitela, e a me suo padre poi credetemi per sempre vostro umilissimo parente Gaetano Semolino. PASQUALE (a Felice): Firma, chiudi a littra e a mbuca! (a Gaetano) Signore!... io era molto contrario a questo matrimonio, ma vedendo che poi mio figlio piangeva la mattina... piangeva il giorno... piangeva la sera... piangeva la notte... FELICE (piano): E chistu ciancia sempri! PASQUALE (a Felice): E chi voi i mia, caccari a manu no? (continuando, a Gaetano) Dissi fra me e me: questo ragazzo ne piglier certamente una malattia, accontentiamolo e non ne parliamo pi. Daltronde, egli ha quaranta milioni di rendita, e pu sposare la ragazza che pi gli piace... GAETANO: Quaranta milioni! PASQUALE: Oh, oh, oh!... Ma che cosa sono! FELICE (tra s): Ma cu lhava vistu mai! PASQUALE: Mio fratello il principe di Casador ha gi fatto il testamento tutto in suo favore... FELICE: S, s!... I miei milioni sono suoi. CONCETTA: Scusate, c mia figlia, che anche vostra nipote. FELICE: E va b, voi mi dite sempre questo, contessa! Io la roba mia la voglio dare a chi mi pare e piace. La contessina tiene il vostro... Il vostro che ne fate?... Avete tanta roba! EUGENIO: Va bene, di questo potrete poi parlare a casa. Qui non mi pare il momento. PASQUALE: Dunque, dunque, dicevamo... vedendo che Eugenio si era ridotto uno spaghetto, mezzo, quasi la met, per amore di questa signorina Gemma, ci riunimmo tutti i parenti e si decise di accontentarlo. Solo mia sorella la contessa qui presente era un poco duretta... un poco duretta... FELICE (a Pasquale, piano): Era?... S, molti anni fa!... Ora modda, Pascali, muddicchiusa! PASQUALE (a Felice, piano): E si modda, mi l cianciri io, Felice, va bene? (continuando, a Gaetano) Ma fin con lacconsentire anche lei.

26

ATTO SECONDO

GAETANO: E ora molla, brava! CONCETTA: Io se era un p duretta, avevo mille canne di ragione... Che ci passava per testa a mio fratello, il marchese Ottavio, e laltro mio fratello, il principe di Cassarola... PASQUALE: S, i cassaroli! Casador, contessa... questa contessa sbaglia sempre i cognomi. (a Felice) Va a finiri chi ninguaia a nui, eh? CONCETTA: Dunque, dicevo... erano padroni di fare quello che volevano... ma io la contessa del Gesso... PASQUALE e FELICE: DellIbis, dellIbis. CONCETTA: Scusate, scusate fratelli, dellIbiso chi lo dicono? I lazzaroni in mezzo alla strada. Noialtri nobili diciamo del Gesso. GAETANO: Scusate, e non ha ragione la contessa?... LIbiso chi lo dice? Proprio la gente di bassa castrazione! CONCETTA: Dunque, dicevo... io, la contessa del Gesso, apparentarmi con una ballerina? Questo solamente mi faceva stare in attitudine di sospensione; ma poi sentendo che la ragazza aveva buoni principi e fini, dissi: Ebbene, sia fatta la volont vostra!... GAETANO: E io vi ringrazio con la faccia per terra. B RASI (portando un vassoio con 5 gelati): Ecco servito, cavaliere eccellenza. GAETANO: Ah, bravo, qua a me!... Se i signori vogliono prendere i gelati. (Assalto al vassoio) PASQUALE: Oh, ma perch questo disturbo? Ma perch tanti gelati? FELICE: S... Noi mangiamo sempre gelati. GAETANO: Ma che disturbo! dovere, nientaltro che dovere!... FELICE (a Pasquale): Avia sei anni chi non pigghiava gelati! PASQUALE: Io mi lhavia proprio scuddatu! FELICE (a Gaetano): Ma vostra figlia, questa signorina Gemma, quand che ce la fate vedere? GAETANO: Subito!... Brasi! Vai a chiamare mia figlia Gemma, subito, subito! B RASI: Subito, cavaliere eccellenza! (Via) FELICE (colpito dal tono di Brasi, a Pasquale): Pascali, chiddu mi pari chi minaccia! PASQUALE: Non chi ni canuscu? Chistu sulu ci manchira! GAETANO: Vedrete!... Un angioletto... un tipetto di vitt e di candelore. FELICE: Ah, e poi balla divinamente! Io posso garantire che poche volte lho vista ballare, ma balla molto meglio di quante ballerine ho visto a Parigi. GAETANO: E che, principe, siete stato pure a Parigi? FELICE (ridendo con Pasquale): Ah, ah, ah! Se sono stato a Parigi!... Ma io e mio fratello andiamo e veniamo!... Fratello, quante volte siamo stati in Francia? PASQUALE: Uh!... B RASI: Ecco qua la signorina!

27

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA

Gemma e detti, poi Giacchino GAETANO (andando incontro a Gemma e prendendole la mano): Vieni, vieni, figlia mia cara. Figlia mia benedetta! Nobile figlia!... Bacia la mano al tuo secondo padre e ai tuoi nobili parenti. (Gemma obbedisce e poi siede vicono a Eugenio) PASQUALE: Bravo!... Bella ragazza! FELICE: Davvero tanto, davvero tanto, proprio! CONCETTA: veramente una graziosa fanciulla! FELICE: Ah! Sar una coppia invidiabile! GAETANO: I parenti del tuo caro Eugenio acconsentono con piacere al vostro matrimonio. Sei contenta? GEMMA: E vi pare!... Contentissima! GAETANO: Brava!... (Gli invitati finiscono intanto di sorbire il gelato, e Brasi, rimessi i piattini sul vassoio, esce) A proposito, macchesino, ma voi giorni fa mi dicevaste che la principessa di Case-e-ova stava... EUGENIO: Cavaliere! Casador! GAETANO: Oh, Casador! Ho sbagliato pure io il cognome!... Dunque, dicevo, la moglie di vostro zio qui presente, mi dicevaste che era ammalata, vero?... Adesso come sta? EUGENIO: Ah, male, molto male! FELICE: Male, uh! Da morire! S! I medici gi tutti daccordo, labbiamo capito, oramai ci siamo rassegnati. Perch, che vuole fare? Oramai, se muore quella, ne sposeremo unaltra. GAETANO (ridendo): Ah! ah!... Che bel carattere che ha il principe, per! B RASI (sulla porta): Cavaliere eccellenza! Nel salone c una pessona che desidera di parlarvi! GAETANO: Chi ? B RASI: Dice che si chiama don Giacchino Castelli. PASQUALE (a Felice): Don Giacchino Castelli! FELICE (terrorizzato): U patruni i casa! GAETANO: Ah, ho capito! il propietario di quella casa a Contesse che io forse raccatter... Ma adesso non mi pare il momento... Va b, vah... fallo entrare... B RASI: Subito, cavaliere eccellenza. (esce, quindi rientra con Giacchino) Favorite signore. Pasquale, Felice, Concetta e Pupella si raggruppano e restano a testa bassa per non farsi riconoscere. Gaetano si alza per andare incontro a Giacchino. Brasi esce. GIACCHINO: Grazie... Carissimo don Gaetano. GAETANO: Don Giacchino, io vaspettava i stamatina... Vui vinistu giustu ora!

28

ATTO SECONDO

GIACCHINO: Chi vuliti? Eppi tanti cosi i fari! GAETANO: Ma ora impossibili parrari. Haiu ospiti na famigghia nobilissima... si tratta da futtuna i me figghia, capistu? GIACCHINO: Ah, allura non vi vogghiu scomodari. Tornu stasira. GAETANO: Mi fariuvu un favuri ranni, piddaveru. Scusati... GIACCHINO: Mancu lhava diri, pi carit. (Avvicinandosi a Pasquale, Felice, Concetta e Pupella senza riconoscerli) Signori, scusate se vi ho disturbati... ma non potevo immaginare che don Gaetano era occupato con voi... Fate pure il vostro comodo. (Fra s) Ma chi si pigghiunu a tistati? (A Gaetano) Don Gaetano, ni videmu stasira allura. GAETANO: Arrivedecci. (Giacchino esce) Signori, vi sporgo le mie scuse... FELICE: Ma che scuse e scuse!... Quando si parla con noi non si d retta a nessuno. PASQUALE: Noi non siamo abituati a essere trattati cos! GAETANO: Perdonatemi, non lo far pi, stata la prima e ultima volta! (Fra s) Ouh, salteraru! Eccu picch si pigghiaunu a tistati! PASQUALE: Va bene, non se ne parli pi. FELICE: Ma se ritorna quelluomo, non lo fate pi entrare, mandatelo via! PASQUALE: S, s, non lo fate entrare pi! GAETANO: Sarete serviti. EUGENIO: E dunque... pare che si sia tutto concluso per il matrimonio, vero? PASQUALE: S, s, tutti. FELICE: Siamo tutti contenti. GAETANO: Non c nulla difficolt, non vero? Bravo, bravo!... Adesso... adesso vi vorrei dire una cosa, ma... non so come la pigliate... ho paura di affendervi... FELICE: E badate a quello che dite... PASQUALE: Ma che cosa? GAETANO: Siccome oggi, oggi stata la nascita di mia figlia... FELICE: Ah, il compleanno! GAETANO: S, e perci avevo ordinato al cuoco un piccolo pranzetto. Volevo sapere se... volevo sapere se... Lo dico o non lo dico? PASQUALE: Dite, dite, non cambiate idea! GAETANO: Per il pranzo siamo a tavola io e Gemma solamente, non c nessuno estraneo... Perci io volevo sapere se... volevo sapere se... FELICE: Parlate, per Bacco! GAETANO: ...Se posso ricevere lonore di avervi a pranzo con noi! FELICE: Oh!... GAETANO (fra s): E fici u guaiu, vidisti! FELICE: Aveva ragione di avere paura. Noi ci siamo sempre negati... PASQUALE: Noi non siamo abituati... FELICE (fra s): A mangiare! PASQUALE: Che ne dite, contessa?

29

ATTO SECONDO

CONCETTA: Fate voi, marchese. PASQUALE: Principe, cosa ne dite? FELICE: Eh, cosa ne dico? Io non vorrei assumermi tutta la responsabilit. Direi, per questunica volta, dato che il compleanno della ragazza... Si tratta daccettare per questunica volta. (f finta di confabulare con Pasquale; infine, dice fra i denti) E va b, va, accettiamo. PASQUALE (c.s.): E s, accettiamo. FELICE (forte a Gaetano, che non ha sentito): Abbiamo accettato! GAETANO: Accettate?! Uh, veramente? Grazie, ve ne sar graziato fino alla morte! FELICE: Ma vi fa tanto piacere se noi restiamo a pranzo qua? GAETANO: Moltissimo! FELICE: Ah, lo vedi? E allora, se a mio fratello non dispiace e se al marchese fa piacere, io direi: restiamo anche domani. GAETANO: E anche dopodomani! FELICE: Dopodomani! PASQUALE: E sono tre giorni. (a Felice) Che dici? FELICE: Eh, tre giorni, tre giorni. Abbiamo i nostri impegni, per questo... (riferendosi a Gaetano) simpatico, mi simpatico, proprio simpaticone! PASQUALE: Eh, per tre giorni si deve lasciare tutto... FELICE: Abbiamo lambasciatore svedese... ci scombina un poco, ci scombina... (a Gaetano) Permettete? GAETANO: Prego, prego, prego. FELICE (facendo finta di consultarsi con Pasquale e Concetta, fa sentire solo le ultime parole): E s, bisogna dare proprio un taglio. Va bene. (a Gaetano) Dunque... direi che impossibile, tre giorni impossibile... GAETANO: Uh! Quanto mi dispiace... FELICE: ...Dobbiamo fare una settimana. GAETANO: Una settimana?! FELICE: S, si interrompe e poi si ripiglia di nuovo... GAETANO: Una settimana? Due settimane! PASQUALE: Due?! FELICE: Eh? GAETANO: Due settimane! FELICE: Ma quanto bello, guarda... eh, eh, eh! (a Pasquale) Ma lo capisci? Quello si mette in lizza con noi! PASQUALE: Con noi? FELICE: E gi, noi siamo persone difficili, quando ci intestardiamo... Aumenta, capisci? Una settimana, due settimane, lui aumenta perch non sa... PASQUALE: ...picch non sapi a nostra fami! FELICE: ...non sa che persone difficili siamo noi quando... eh, eh! (biascica qualcosa a Gaetano)

30

ATTO SECONDO

GAETANO: Eh? FELICE (di getto): Un mese! GAETANO: Due mesi! FELICE (subito): Dammi a mano! Ah! GAETANO: Bravissimo! Adesso datemi il permesso, vado a dare gli ordini necessiti per apparecchiare il pranzo, eh! Gemma, Gemma, accompagna a contessa e a contessina nta t stanza, e facci togliere i cappelli, le pelliccie, tutto quello che vogliono... Principe! Macchese! Questa casa vostra! Fate quello che volete voi. L c il giardino: pascolate!... E se desiderate qualche cosa, ordinate, l c il timbro, e sarete subito serviti... Ah, che piacere!... Che grande consolazione!... Che bella cosa, che bella cosa!... Ma unnera mucciatu tuttu stonore! (esce) EUGENIO: Bravi, bravi, seguitate sempre cos, mi raccomando, sempre cos. PASQUALE: Basta che si mangia, macchesino! FELICE: Voi state tranquillo, non vi preoccupate!

31

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Luigino e detti L UIGINO (venendo dal giardino): Signori miei, scusate!... Oh, che vedo: Pupella!... La madre!... PUPELLA: Don Luigino, e vui chi faciti cc? L UIGINO: Come che faccio qua?!... Io sono il padrone di casa, gioia mia! PUPELLA: Ah! L UIGINO: Allora voi siete quelli che avete fatto la finzione? Oh, che bella cosa!... Allora possiamo stare sempre vicini, gioia mia! (labbraccia) PASQUALE: Amico!... Io sono il padre, sapete!... L UIGINO: Ah! Voi siete il padre? Benissimo!... Io stamattina sono venuto in casa vostra per parlarvi e non vi ho trovato... Sappiate che io amo vostra figlia e me la voglio sposare, gioia mia. PASQUALE: Ora non il momento di parlare di queste cose. GEMMA: Luigino, ha ragione! Dopo se ne parla. Per ora vattene! L UIGINO: Me ne vado?... E quando faccio pace con pap? GEMMA: Appena ci mettiamo a tavola, tu ti presenti con una bella barzelletta e vedrai che finisce tutto. PASQUALE: S, fateci mettere prima a tavola! FELICE: Tra il primo e il secondo piatto vi fate avanti voi e dite la barzelletta. meglio che non aizziamo!... L UIGINO: Va bene, va bene, cos far, gioia mia. Pupella, scusami cara, ma ci vediamo pi tardi... Amami, sa... amami sa! PASQUALE: Amami, sa!... E vi ho pregato, io sono il padre!... E voi chi siete? L UIGINO: Come chi sono? Io sono il figlio di Semolino, io sono un giovane ricchissimo, posso fare la fortuna di vostra figlia... (prende Pasquale a braccetto e si dirigono verso il giardino) PASQUALE: Mia figlia una brava ragazza. FELICE (avvicinandosi a Pasquale, mentre questi va via): Pascali, cummna ddocu! Tu si cu un pedi nta fossa! EUGENIO: Gemma mia, sapessi quanto sono contento. GEMMA: E io pure. Non so come ho fatto a trattenere le risa. (a Concetta e Pupella) Signore, venite con me nella mia stanza, accomodatevi. CONCETTA (mentre esce con Gemma e Pupella) Pi ma non si naccuggiu, picch io a cuntissa a sacciu fari bona piddaveru. FELICE: Me ne sono accorto!... Tutti ddi fissarie chi dissi!... U gessu, a cassarola... EUGENIO: Lei? E pure voi, don Felice, ma state un po attento! FELICE: Ma voi non mi avete detto niente in merito alla malattia! Non sapevo che dire... i medici, la rassegnazione, ne sposo unaltra... EUGENIO: Appunto!

32

ATTO SECONDO

FELICE: Ma non vi preoccupate, adesso vi far vedere il vero signore. EUGENIO: Voi? A tavola? FELICE: E come no, a tavola! Siamo nati bene, non per dire... Ah, ma si mangia a momenti? EUGENIO: S, tra poco. FELICE: Capite! Ho un poco dappetito. EUGENIO: E lo vedo! FELICE: Faccio un giretto in giardino. EUGENIO: Fate bene, don Felice, a fra poco. (esce dietro alle donne)
F ELICE: Eppuru, ddu parrucchieri mi cumminau propriu perfettu... Non pozzu ridiri che mi cadunu i baffi, u vidi... mi cadunu i mustazzi!... Eh, chi lavrebbe detto! Eppure, chi sa, chi sa che la sorte non mi far diventare qualche cosa di buono! A la fine, sono ancora giovane, che ci vuole ad avere un colpo di fortuna? Quello un attimo! Eh! E alora... allora vorrei cercare... mia moglie! A vulissi truvari, la vorrei vedere, io vorrei avere la soddisfazione di dirle: Guarda! Guarda! Tu mi hai trattato in quel modo, tu non ti sei curata pi di me, ed oggi io sono un signore! Oh, che dici?, che hai detto, vuoi far pace?... Ebbene, se vuoi fare pace ora ti metti il cappello, perch non puoi venire con me senza cappello! Che bella soddisfazione, eh!... Che bella vendetta!... Che bella cazziata mi feci quannu mi truvau dintra cu Luisella a sarta?! Mamma mia!... Quattro persone non erano capaci di levarmi sotto di lei! Muffittuni! Ho ancora i segni! Daltra parte, la gelosia... Bah! Chiss dove sta adesso!... Pensiamo a noi, pensiamo che sono un signore, un principe, e come principe posso fare quello che mi pare e piace... Che cosa potrei desiderare?... Ah!... un bicchiere di vermouth, tanto per stuzzicare lappetito!... (suona un tocco di campanello sul tavolino)

SCENA SETTIMA

Bettina e detto; poi Peppinello, quindi Vicenzo B ETTINA: Comandate, eccellenza. FELICE (atterrito, fra s): Mia moglie qua!... Guarda che bicchiere di vermouth! (si volta dallaltra parte) B ETTINA: Eccellenza, sono venuta io, perch ho sentito un tocco, e con un tocco vengo sempre io. FELICE (c.s.): E a me un tocco m venuto! B ETTINA: Dunque, che comandate? FELICE: Ma... io... volevo... B ETTINA: Io so tutto, io sto dalla parte della signorina... Questa una finzione che avete fatto tutti quanti, annamu! FELICE (fra s): Allora sa che sono il marito!... Allora... (si volta) Bettina mia, moglie mia!...

33

ATTO SECONDO

B ETTINA: Che?... Feliciello!... Ah, pezzu dinfami!... Assassinu!... S tu! S tu!... FELICE: Ma u sai o no sai?... Ma allora non sai niente! B ETTINA: A questo sei ridotto, a fari mbrogghi?... Galiotu!... Birbante!... Ah, ti capitai nautra vota sutta... Disgraziatu!... Infame!... Omu senza cori!... Sei anni, sei anne luntanu da mugghieri, senza preoccupassi cchi si sta fimmina era viva o morta! FELICE: Ora glielo vogliamo fare sentire a tutti quanti? B ETTINA: Sei anni, sei, senza farmi vidiri na vota a dda povera criatura!... Ma ora finita, ora basta! Unn Peppinello? Unn me figghiu?... Parla!... Assassinu!... FELICE: Va bene, va bene, io ti dico tutto, io ti dico tutta la verit, ma per carit, non gridare! Qui siamo in una casa che se ci scoprono... B ETTINA: Tu hai ragiuni che nun pozzu gridari, picch si no mettu nte guai a signurina Gemma... nun pozzo parrari... nun pozzu diri tu cu s... Ma per, ouh! U vidi stu curtidduzzu... (tira fuori un coltello a serramanico) FELICE: Bettina! Bettina!... Posate il coltelluccio! Bettina!... B ETTINA: Tu gghiavu dintra a panza si non mi dici unn me figghiu! Parra, rispunni! Unn! FELICE: Eh... Oh... Io non so chi siete e che cosa dite... Io sono il principe di Casador!... B ETTINA: Ah, s u principi di cassaroli? A mia non mi nimporta! Unn me figghiu? (minacciando col coltello) FELICE: Indietro, indietro indiavolata! Stai indietro col coltello! Chiamo un servo e vi faccio cacciare via. (suona tre tocchi) PEPPINELLO: Comandate eccellenza? B ETTINA: Cu stu picciriddu? FELICE (avvicinandosi a lei): Statti muta! Questo nostro figlio Peppinello. B ETTINA: Me figghiu. (d un grido e corre ad abbracciare il ragazzo) Ah, Peppinello, Peppinello mio, Peppineddu! Quantu ti facisti beddu! Oh, quantu s beddu, dammi un baciu. (lo bacia) PEPPINELLO: E voi chi siete? B ETTINA: Io sugnu to mamma, a vera mamma toi! (piange) VICENZO (entrando): Ehi, che succidiu?... Che fici u picciriddu? B ETTINA: Vicenzu, Vicenzu, chistu me figghiu!... Erunu 6 anni che no vidia!... (al ragazzo) Ma parra! Rispunni!... Com che ti trovi nta sta casa? PEPPINELLO: Vincenzo, m patre a me! (stupore di Felice) B ETTINA: Veni!... Veni, cuntimi tutti cose... figghiu! (via insieme a Peppinello) VICENZO: Principe, perdonate!... Quel piccirillo mio figlio! FELICE: (precipitandosi addosso a Vicenzo): Figlio!!! Tuo?!? (lo afferra per la gola) VICENZO: (impaurito) No! No! Principi, ma chi fa? Io era venuto a dirvi ch pronto da manciare! Aiutu! FELICE: (lasciando la gola di Vicenzo) Ah! Si mancia, finalmenti! E chistu ti sabbau... per ora! (via)

34

ATTO SECONDO

VICENZO: Ma chi ci manca quacchi rutedda, o principi? Mi stava ffugannu! (al

pubblico) E poi, u sintistu chi Pippineddu figghiu i Bettina? Cosi da non credere. E come cu dicu ora a don Gaetano? Mah!?! (via)

35

ATTO TERZO

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Felice e Bettina. Da dietro le quinte si odono voci e applausi. GAETANO (d.d.): Bevo e faccio brindisi, Di tutto cuore, Allillustrissimo, Signor... Amore!... VOCI (d.d.): Bravo! Bravo!... Molto bene! FELICE (entra in scena mezzo brillo. Entra Bettina, lo vede e fa per andare via): Un momento, signora! Un momento... Lasciatemi prima parlare, lasciatemi dire prima le ragioni, e poi farete tutto quello che vi pare e piace. B ETTINA: Io non pozzu sentiri nenti, haju primura. FELICE: Io non debbo dire che poche parole, e voi le dovete sentire, perch io le debbo e le voglio dire. Ricordatevi che sono vostro marito. B ETTINA (ride): Marito! Tu, marito? FELICE: Non ridete e statemi a sentire. B ETTINA: Giustu ora voi parrari? Parramu dumani, quannu ti finu a sciampagna. FELICE: Io non ho bevuto, e non ho mangiato... B ETTINA: Si vidi! FELICE: Non ho fatto che piangere tutto il tempo della tavola... Tutto quello che vi dissero... cio, che io sperdevo soldi con Luisella, la salta... la salda... la salta... erano tutte bugie, tutte calunnie! Calunnie!... Non era vero niente!... Ero stato due o tre volte in casa di quella donna, ma sarebbe tutto finito, se voi non aveste fatto quella scenata. Quando voi... (sta per cadere) B ETTINA (fa per accorrere): Felici! FELICE (aggrappandosi alla poltrona): C la poltrona... Non sono ubriaco, io, non non sono... il dispiacere che mi fa girare la testa! Quando voi, in casa di Luisella stessa, davanti alle ragazze, alle sue discepole, mi faceste quel cazziatone... Oh, fu tale la vergogna che... io giurai di non vedervi mai pi! Dopo 6 mesi mi mandaste a chiedere nostro figlio... cio, nostro: vostro!... Chiddu dissi: Vincenzo m patre a me... Io ve lo negai, vi ricordate? Ma perch ve lo negai? Perch dissi: Solamente cos Bettina verr da me per fare pace. Questo Bettina non lo fece... E allora, per forza, io per corrivo... ritornai da Luisella e... e il resto lo sapete voi! Poi... le disgrazie... B ETTINA: Bella, bella scusa!... E dda povira criatura senza cammicia!... Ma comu, un patri chi fa stari u figghiu senza cammicia! FELICE: E che direste se neanche il padre aveva la cammicia? B ETTINA: Bella cosa!

35

ATTO TERZO

FELICE: Questo succede quando marito e moglie si litigano... la donna che deve pensare al figlioletto... e anche al marito... Mamma mia chi dibulizza!... Non sai... quelle che sono... le cose della famiglia... Adesso mi dovete dire, io lo voglio sapere, questo anche se mi dovete dare un forte dolore: io voglio sapere come va... che Vincenzo, il servo di questa casa, il padre di mio figlio?... A no, guardate, io voglio la verit! B ETTINA: Du poveru picciriddu muria di fami e u cumpari Michele u mannau a sebberi intra a sta casa. U patruni, trattannusi dun carusu, non se lavissi cettamente pigghiatu; ma Vicienzu, essennu amicu i Michele e avennuni cumpassioni, u presentau nta sta casa comu figghiu soi, e ci dissi a Peppineddu: A cu chi ti dumanna, tu diri chi io sugnu to patri. FELICE: Veramente! B ETTINA: Veramente! (Esce Vicenzo col vassoio e le tazze, e si ferma sotto la porta in fondo.) Chi fai? FELICE (in ginocchio.): Bettina mia, se cos... se mi hai detto la verit...

SCENA SECONDA

Vicenzo e detti, poi Gaetano. VICENZO (sorpreso dalle parole udite): Uhm, principe scusate, devo portare il vassoio in giardino. FELICE: Mi cadunu i brazza nterra. (Siede sulla poltrona.) B ETTINA: Veni Vicienzu, scuta!... Siccome lillustrussimo signor principe, qui presente, crede che Peppineddu veramente figghiu toi, diccilla tu a verit, vah. Picch du picciriddu ti chiama patri? FELICE: S, per curiosit...ecco... VICENZO: Ecco qua, illustrissimo... Ma per carit, nun ci dite niente a don Gaetano!... Quel povero piccirillo stava in mezzo a una strada, abbandonato da tutti, e io per farlo stare in questa casa, ci ho detto a don Gaetano chi mio figlio, e vi assicuro, illustrissimo, chi ci voglio bene proprio come a un figlio, pecch lo merita, povira criatura... E se potrei sapere chi il padre, ci vorrei dire: Infame e assassinu, ma cu quali curaggiu abbannunasti na povera criatura to menzu a na strada!?...Ma tu si nu poccu!... Si na carogna!. E si mi risponderebbe, principe, parola mia, passeria un guaio!... Infame, assassinu, galiotu!... Ppuh! a facci soi! Ma perch, Bettina?... U principi crida chi eri me mugghieri? B ETTINA: Precisamente. VICENZO: Nossignore, eccellenza. Bettina una brava figghiola, onesta e travagliatora... Permettete? (Fa per andare via.) Principe!... u marito un infame!... (Via per il giardino.) FELICE: Bettina, Bettina mia, io ti giuro che non lo faccio piu. Non ti fazzu biliare chi...

36

ATTO TERZO

B ETTINA: Va bene, staremo a vedere. FELICE: E Peppinello dov?... Me lo voglio abbraccaiare e baciare. B ETTINA: Ora non possibile. U picciriddu sta durmennu. Se ti vidi vicino o letto cu sti baffi u fai scantari. FELICE: No, no, io non lo sveglio, lo bacio piano piano. Lo voglio abbracciare e baciare. (Infilando il braccio di Bettina) stata la gente che ha messo la cattiveria. (Arrivano al primo uscio di sinistra.) Quando vedono marito e moglie che vanno daccordo, ci sono sempre... vedono che sono felici e allora... B ETTINA: Ma che dici? (Vanno via.) GAETANO (entrando con Vicenzo dal giardino): Veni cc, fammi capiri. Ma posso mai credere che il principe s nnamorato di Bettina? VICENZO: E ci dovete credere, cavaliere eccellenza, pecch io ne sono pi che cetto. Quando sono venuto a pottare le tazze, li ho trovati tutti e due in questo posto qua. Il principe in ginocchio davanti a Bettina, con le mani nelle mani, che ci diceva: Bettina mia, se cos... se mi hai detto la verit. GAETANO: E qual sta verit? VICENZO: E io che ne saccio?... Per, io sospetto quacche cosa. Forse al principe ci pareva che Bettina era mia moglie e lei ci stava dicendo di no... GAETANO: Ah, sicuro... E ora dove sono andati? VICENZO: E non lo so... GAETANO: Basta, tu non ti proccupare, se la vede lei!... U principe puru maritatu, e Bettina po veniri e capiddi ca principessa. VICENZO: E io pe questo ve lho detto... E pure il principe pu venire alle mani col marito di Bettina. GAETANO: Ma perch, Bettina sposata? VICENZO: Sissignore, cavaliere eccellenza, vui non sapete niente. Bettina maritata, ma sta divisa dal marito... Ma questo non vole dire niente, pecch se da un momento allaltro il marito vene a sapere il fatto, e chi facemu?... GAETANO: E si capisci... VICENZO: Tanto pi che Bettina ha pure un piccirillo. GAETANO: Ah, ha pure un figlio? VICENZO: S, cavaliere eccellenza, e sapete chi ?... Peppinello, il caruso che vi presentai stamatina. GAETANO: Pippineddu? U sevvitureddu?... E non figlio tuo? VICENZO: S, mio figlio, ma il padre il marito di Bettina. GAETANO: Ah, ora s chi non capa cchi nenti! VICENZO: Ma mi raccomando per, non ci diciti nenti. GAETANO: Ma che ti pare! Che sono nasciuto ieri?... Per, bisogna vedere di sistemare sta cosa... Tu, intanto, vai a pigliare il caff e portalo fuori in giardino.

SCENA TERZA

37

ATTO TERZO

Eugenio, Gemma, Pasquale, Concetta, Luigino, Pupella e detto. Indi di nuovo Gaetano. GEMMA: Pap, che avete fatto?...Ci avete lasciati soli? EUGENIO: Senza di voi, capirete, noi siamo della gente morta. CONCETTA: E poi mi pare che non sia un atto legale abbandonare i conviti a tavola e non fare pi la comparsa. PASQUALE (piano): Cuncetta, stattiti muta, nun parrari! (a Gaetano) Volevamo fare un brindisi alla vostra salute ma non vi abbiamo pi visto. GAETANO: Dovete scusarmi, sono andato a vedere se il giardino era tutto illumato, perch, se non vi dispiace, il caff lo piglieremo l. PASQUALE: Nel giardino?... Che bellissima idea! L UIGINO: Pap, pap, allora se i signori permettono, io vado con la contessina a vedere il giardino illuminato. GAETANO: Aspetta, veni cc!... Adesso ci andiamo tutti quanti nel giardino! Mannaggia a iaggia, mannaggia!... S!... sa voli puttari nto giaddinu! PASQUALE: A proposito, mio fratello il principe, ove?... GAETANO: S! S! E come le volete?... Come le volete, al tegamino o a occhio di bue? PASQUALE: No! No, mio fratello ove?... ov?... a unni ? GAETANO: Ah, vostro fratello! E dove sta... io mi credevo che era con voi. PASQUALE: No, no, ha lasciato la tavola e non s pi visto. GAETANO: Ah non si pi visto? Aspettate un momento, datemi tre minuti e permesso, vado a prendermi un fazzoletto. PASQUALE: Fate, fate pure, accomodatevi. (Gaetano va via dal primo uscio a sinistra) EUGENIO: Gemma mia, sapessi quanto sono felice! GEMMA: Povero pap, crede sempre a tutto! L UIGINO: Pupella mia, cuore di questo petto. (Labbraccia) Mi vuoi bene, gioia mia? PUPELLA: Ma s, assai, assai! CONCETTA: E tu, Pascalino, nun mi dici nenti?...Anima dellanima... PASQUALE: Di to mamma e di to patri!... Statti muta un mumentu! EUGENIO: Silenzio, ecco don Gaetano! GAETANO (entrando): Eccomi qua! Vogliamo andare? PASQUALE: Andiamo pure. GAETANO: Prego, contessa! (Offre il braccio a Concetta. Tutti si avviano verso il giardino).

SCENA QUARTA

38

ATTO TERZO

Brasi e detti, poi Luisella. B RASI: Cavaliere eccellenza, vi fuori la principessa di Casador. (Sorpresa generale.) GAETANO: La principessa di Casador! EUGENIO: Mia zia! Possibile! PASQUALE: Dopo manciatu ci voli u digestivu, u vidi. GAETANO: Macchesino, vostra zia. (A Pasquale) Vostra cognata qua? PASQUALE: Ma io, io non s... EUGENIO: Ci deve essere un errore. (A Brasi) Scusate, vi ha detto proprio cos: la principessa di Casador? B RASI: La principessa di Casador... Ma se vedereste come malata. Non ha la forza neanche di parlare. Io le ho domandato: Ma chi cercate?. E lei mi ha risposto: Qui ci sono i miei parenti, qui c il principe mio marito: perci annunziatemi. EUGENIO: Ma chi, la principessa? Ma andiamo, assurdo! GAETANO: Ma come!... Quella sta cos male, i medici non danno speranza, e lei se ne va camminando?!... Ma forse ci sar qualche cosa di serio. Chi sa cosa vi vorr dire!... Ora la riceveremo. (Via per il fondo con Brasi.) PASQUALE: Macchesino, annamuninni!... Levatini sti robbi in coddu, chi cc fini a schifu! EUGENIO: Ma no, no, don Pasquale! Ve lho gi detto, ci devessere un equivoco. L UIGINO: Io vi consiglierei: perch non ve ne scappate dal giardino tutti quanti? PASQUALE: Senti a chistu, va! Accuss ni pigghiunu puru pi latri e narrestunu. CONCETTA: U cori mu dica i non veniri. PASQUALE: Ma ddu disgraziato i Felice a unni ?... Macchesino, pinsti a chiddu chi aviti a fari, picch fustu vui! EUGENIO: Si, va bene, ci penso io. Ma adesso s, animo, un po di coraggio! GEMMA: Ma a sta principessa come le saltato in mente di venire qua? GAETANO (di dentro): Piano!... piano, principessa. Siamo arrivati, ecco qua. (Concetta e Pasquale voltano la faccia dallaltra parte.) Luigino, Luigino, pigghia na poltrona! L UIGINO: Subito, pap. (Preparata una poltrona al centro della scena.) L UISELLA (entrando, molto pallida. Gaetano e Brasi laccompagnano in mezzo alla scena sorreggendola per le braccia): Grazie, signore. Quanto siete buono! PASQUALE: Luisella! CONCETTA: Pascali, Luisella! EUGENIO: La moglie di don Felice (Gaetano e Brasi fanno sedere Luisella sulla poltrona.) L UISELLA (respirando): Ah!...

39

ATTO TERZO

GAETANO: Principessa, ma come v venuto nella testa di uscire da casa a questora. Voi siete tanto ammalata!... Macchesino, baciate la mano alla zia. Macchese, abbracciate la cognata... PASQUALE: Dopo, dopo... GAETANO (fra s): Ma quantu si vonnu beni sti parenti! PASQUALE: Cognata mia, cara cara. (Labbraccia) Donna Luisella chisti sunnu manciatine i testa! EUGENIO: Mia cara zia! (Le bacia la mano; piano) Ma perch avete fatto questo, perch? CONCETTA: Ci sembrata molto strana questa vostra visita, cara cognata... Con la malattia che avete, uscire di casa significa proprio abbreviarsi la vita!... (piano) Avissi a moriri! L UISELLA: Si, ora, spetta!... S, lo so, lo so, io non dovevo muovermi di casa. Ma cosa volete?... Mi sono vista sola, abbandonata da tutti, e ho detto: Giacch debbo morire assolutamente, voglio morire in mezzo ai miei dilettissimi parenti, fra le braccia del mio amato consorte. GAETANO: E vinni a moriri propriu nta me casa! L UISELLA: Lo so, lo so che voi poco mi curate, e che aspettate con ansia la mia morte... Ah, lo so, lo so!... Ma come si dice: morte desiderata non viene mai! (Tossisce.) GAETANO: Ah, questo certo! L UISELLA: Se avevate un poco di affetto per me, dovevate dire: Povera principessa, e adesso che cosa fa lei sola a casa? Noi ci divertiamo, mangiamo, beviamo, e quella povera principessa sta a digiuno. GAETANO (a Eugenio): Sta a digiuno? EUGENIO: No, no, cavaliere, non ci badate. Lei dice sempre cos. Ma cara zia, se siete stata digiuna, stato perch il medico vi ha proibito di mangiare. L UISELLA: Si, si, ma adesso mi sento meglio... Mi ho mangiata due uova dure e un pezzo di pane. GAETANO: Ha fatta una colazione leggera, la principessa! L UISELLA: Tanto per avere la forza di venire qua e di vedere la bella sposina. (Tossisce) GAETANO: Ouh, ma chista propriu rovinata! L UISELLA: E poi voglio parlare con mio marito, il principe, di una cosa molto seria... A proposito, ma dove sta il principe? (Si guarda intorno) GAETANO: E stai frisca, stai. Io dico che sar andato gi in giardino, perch io ho fatto una grande luminazione stasera. L UISELLA: Bravo, bravo!... E allora andiamo a parlare col principe in giardino... Ho bisogno di parlare col principe!... GAETANO: Eh no, no, no, principessa. E laria di giardino pu essere che vi fa male! L UISELLA: No, no, no, mi fa bene! Me lha detto il medico! Aria dei giardini, tutti i giardini... Andiamo, datemi il braccio.

40

ATTO TERZO

GAETANO (a Pasquale): Macchese, che ne dite? le dovrebbe fare male laria del giardino? PASQUALE: Ma, dopo che muore, a voi ve ne importa? GAETANO: No! PASQUALE: E lassatela annari!
GAETANO : Ma non chi dopu chi mori ci hama fari puru a stanza mortuaria! LUISELLA : Che ha detto? GAETANO : Ha detto che possiamo andare. Andiamo! LUISELLA (Alzandosi con laiuto di Gaetano): Piano, piano. Le gambe mi fanno Giacomo-Giacomo. GAETANO : A me mi fanno Michele-Michele. LUISELLA : Ah, mi tremano le gambe! Signore mio, io sono tanto debole, che voi non potete credere... Questa lora... Questa lora... GAETANO : Da teglia ca scalora: e facemu a focaccia! LUISELLA : A questora mi si abbaglia la vista. Poi mi viene laffanno, la tosse, le convulsioni, i dolori... Quanti mali, quanti mali!... GAETANO : Ora chi vaju nto giaddinu, a sutterru sutta un pedi i limuniara! LUISELLA : Per, sapete quando mi calmo, quando mi sento bene?... Quando vedo il principe... Voi fatemi vedere il principe, e io... pah: una rosa di maggio! GAETANO : E va beni, va! E vi faccio vedere il principe. LUISELLA : Andiamo! (Escono tutti per la porta del giardino. Brasi solo, impalato) GAETANO (rientrando): Brasi! Brasi! BRASI: Cmandate, caval... GAETANO (lo interrompe): Lassa stari. Va dicci a Vicenzu mu potta stu caf binidittu. E vidi si p truvare u principi, chi chidda havi u vermu solitariu: sta facennu propriu comu na suttanata! BRASI: Pronto. (via) GAETANO : Ah, che giornata convulsionata! (via per il giardino) A scena vuota, entrer Vicenzo con il vassoio del caff. Andata-ritorno a-dal giardino.

41

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Vicenzo, Ottavio, poi Eugenio, indi Gaetano VICENZO (entrando): Sono in giardino a prendere il caff. Faccio strada. OTTAVIO: No, caro, vado da me, grazie. Sono di casa, io. (Si avvia verso il giardino) Oh, guarda che illuminazione e quanta gente... Oh... ma cosa vedo!... Eugenio, mio figlio!... (Si allontana) EUGENIO: Maledizione! Quella donna, quella donna far scoprire tutto!... (Sorpreso) Pap!... OTTAVIO: Si, proprio pap. Pap che viene a domandarvi cosa fate in questa casa!... Eugenio!.... Una delle due: o mettete giudizio e ascoltate gli avvertimenti di vostro padre, oppure allontanatevi da Messina e non vi fate pi vedere. Siete perfettamente a conoscenza che per i rovesci subti in Borsa, vostro padre non ha pi i mezzi di una volta. la principessa che oggi pensa per me e per voi... E se domani appurasse la vita che fate, sarebbe un gran pasticcio per voi e per me. EUGENIO: Ma che vita faccio io?... Amo una buona e onesta ragazza, ho promesso di sposarla e la sposer!... OTTAVIO: Parlate di quella ballerina? EUGENIO: Sicuro! OTTAVIO: Sposarla? (Ride) EUGENIO: Si, sposarla perch un angelo! Mi ama tanto e io non cerco di meglio. OTTAVIO: E io, vostro padre, mi oppongo!... GAETANO (entrando): Quantu avvisu u principi chi a principessa... Oh, signor Beb! Signor Beb, allora voi siete qua?... E come! Nessuno mha detto niente!... Bene... Macchesino, vi presento il signor Beb... EUGENIO (con sorpresa): Come?... Il signor Beb?... GAETANO: Gi, cos si fa chiamare; il suo pesolonimo!... A voi vimporta? EUGENIO: No! GAETANO: E va bene!... Signor Beb, vi presento il macchesino Eugenio Favetti, fidanzato di mia figlia. EUGENIO: Tanto piacere!... E ditemi cavaliere: viene spesso qui il signore? OTTAVIO: No, qualche volta... GAETANO: No spesso!... spesso! OTTAVIO: Ma che spesso... GAETANO: Si, spesso!... spesso! OTTAVIO: E si, spesso... spesso! GAETANO: Eh!... don Beb voi non dovete dire bugie! (Ad Eugenio) Capite, quello viene e fa lo sposimante con mia figlia! Ma ora ha capito che voi siete il fidanzato e non ci viene pi. Intanto, datemi il permesso pecch voglio andare a dire al principe che la principessa lo vuole vedere, senn laffannamento non

42

ATTO TERZO

ci passa. (Poi ad Ottavio.) Don Beb, don Beb, voi non dovete dire bugie, senn siete un cattivo pesolonimo! (Via dal primo uscio a sinistra.) EUGENIO: Bravo! Lei dunque il signor Beb?!... Lei dunque viene spesso in questa casa?!... OTTAVIO: Insomma, io sono un uomo... sono vostro padre, e non debbo rendere conto a voi delle mie azioni! EUGENIO: giusto!... Non so cosa rispondervi, e il meglio che possa fare di andare via... (Prende il cappello) Permettete per, caro padre, che io vada a raccontare tutto a mia zia, la principessa. OTTAVIO: Oh!... EUGENIO: Oh! Questo lo far, sul mio onore, lo far!... OTTAVIO: Voi non farete nulla di tutto questo! Insomma, volete sposare quella figliola?... Ebbene sposatela!... EUGENIO: Si, ma col vostro consenso. OTTAVIO: Ah, no! col mio consenso mai! EUGENIO: Benissimo! E allora io dir alla zia che quel padre si chiama Ottavio Favetti, soprannominato il signor Beb, e quel figlio semplicemente Eugenio!... OTTAVIO: Venite qua! Fermatevi, millantatore!... Vedremo di aggiustare la cosa...

SCENA SESTA

Gaetano, Felice e detti, poi Gaetano, Luisella, Pasquale e Concetta. FELICE: Dunque di che si tratta?... che cosa mi dovete dire? State qui impalato... mezzora che non parlate... GAETANO: E io dentro non potevo parlare!... Cera Bettina... FELICE: Ah, la cameriera?... Mi piace quella donna. GAETANO: E mi naccugga!... Principe, sapete chi venuto e vuole parlare con voi? FELICE: Chi venuto? GAETANO: Nientemeno che la principessa vostra moglie! FELICE (stupito): Ah!... E io comu fazzu?... GAETANO: E io che ne saccio! FELICE: No, no, dico: come fo io?... GAETANO: Quella vi vuole vedere, senn laffannamento non ci passa... Aspettate, ora ve la porto io stesso qua... Ehi, Don Beb, scusate se non vi posso dare tanto retta, ma sono occupatissimo!... Per... vi presento il principe di Casador... OTTAVIO (ad Eugenio): Che?... GAETANO: Qua poi ci ho il marchese Ottavio Favetti... OTTAVIO: Io!...

43

ATTO TERZO

GAETANO: La contessa dellIbis... Perci spazientate. Fate voi, macchesino, fate le mie feci. (A Felice) Ora ve la porto, ora ve la porto!... (Via per il giardino) OTTAVIO (ad Eugenio): Ma che razza di pasticcio questo?... Il principe, la principessa, il marchese!... EUGENIO (ridendo): Venite, pap! Venite con me e vi spiegher tutto... Ci sar da ridere a crepapelle!... (A Felice, ridendo) Caro zio!... FELICE (con grande sussiego): Addio, nipote. EUGENIO (sulla porta): Caro zio! (Ridendo) Ah, ah, ah! (Via per il fondo a sinistra.) FELICE: Si, Si... ride limbecille!... OTTAVIO: Ah, ah, ah! Ma guarda con che sussiego fa il principe. (Ridendo) Signor principe di Casador! FELICE: Tu sei dei nostri? (Ottavio, ridendo ironicamente, segue Eugenio e via.) GAETANO (con Luisella, Pasquae e Concetta a ruota): Ecco siamo arrivati. Eccola, eccola qua... Principe, vedete chi vi porto? FELICE: Ah, ora s che semu completi! L UISELLA (abbraccia Felice): Ah, marito mio, caro, caro!... Ho da dirti tante cose! Abbracciami, e dimmi puru tu quacche cosa. (Abbraccia forte Felice) FELICE: Ma come, come?!... Lei non morta ancora, u vidi?... Quando dicono i medici: spacciata! Si sbagliano, u vidi cca... lei sta bene. (A Pasquale) E voi che ne dite di questa visita? PASQUALE: E che debbo dire!... Mha fatto tanto piacere! CONCETTA: Siamo rimasti tutti meravigliati! L UISELLA: No! Ma perch tanta meraviglia? Perch tanta sorpresa? Io certamente non ero morta ancora!... E tu caro principe, avevi gi dimenticata la tua cara principessa? (D un pizzico a Felice) FELICE: No! Ma che dimenticata!... Pocanzi a tavola si parlava di voi. GAETANO: E ho capito! Io qua sono di troppo. Voi forse dovete parlare di cose di famiglia, e perci ora meglio che me ne vado. PASQUALE: E veniamo anche noi... FELICE: No!... mio fratello e gli altri sono parenti, possono rimanere. GAETANO: E dice bene il principe, dice bene. Voi siete parenti e potete restare. Io me ne devo andare perch sono un estraneo, per adesso... ma tra poco sar anchio parente e allora... Per adesso me ne vado. (Via per il giardino) L UISELLA (viene avanti con le mani nei fianchi): A quanto pare, non ci piaciu a nuddu chi io vinni cc. Picch donna Cuncetta si muzzica u limuni, don Pascali si muzzica u mussu, e tu mi voti i spaddi!... Ma chi!.. Che credevate, che a casa avevate lasciato il cagnolino? (Dando un urtone a Felice) PASQUALE: Vui tuttu avuvu a fari, tranni chi veniri cc, picch vavumu avvittutu. CONCETTA: Alluttimu, poi, nun si trattava dun misi, ma di na para di iorna. L UISELLA: Na para i ionna chi io ava a stari a dijunu. Ma io non parru a vanvera: io lhaju cu stu pezzu dassassinu chi mi puta puttari puru a mia!

44

ATTO TERZO

FELICE: Ma io non mi nannai in campagna!... non mi nannai a fari a villeggiatura!... Si trattava i fari na cottesia a namico pi guadagnari un piatto i minestra, e tu nun ci putivi veniri! L UISELLA: E io vinni u stissu! Sti robi (mostrando labito che indossa) mi fici pristari i na signora, e mi presentai. PASQUALE: E facistu na cosa bona, vero donna Luisella? Chisti sunnu pensati i na fimminedda! L UISELLA (adiratissima, scuotendo a destra e a sinistra il cappellino che ha in testa): Pascali, Pascali! nun mi chiamari fimminedda sai, picch senn, cu sti nebbi chi haju, non sacciu comu va a finiri. FELICE: Luisella, qua non siamo a casa nostra!... Qua siamo in casa di un signore... Fammi u piaciri: statti muta, ah! L UISELLA: Ma chi muta e muta! Io ti l dittu chi sta vita na vogghiu fari cchi, nun ti vogghiu vidiri cchi.

SCENA SETTIMA

Detti e Bettina che entra, e resta ad osservare tutti tenendosi in disparte. FELICE: Ma cu ti voli vidiri cchi!... Io pi causa toi passai tutti sti guai! L UISELLA: Pi causa mei passasti tutti sti guai? Vatinni, chi tu statu sempre un dispiratu! FELICE: Io? Io sara stato un disperato? Pascali, parra tu, vah. PASQUALE: Eh! dimmillu a mia, dimmillu a mia!... Chistu tu no poi diri, picch canuscennu a ta diventau un pizzenti. L UISELLA: Ppuh, a facci toi!... PASQUALE: Supra i to canni! L UISELLA: Pi ma divintau un pizzenti?!... Ma si chiddu mi pignorau tutti i me cosi. FELICE: I pegni... i pegni... Ma cu mi dugna 10.000 liri quantu na sentu cchi? B ETTINA (avanzando): Ti dugnu io!... PASQUALE: A mugghieri i Felici... L UISELLA: Ah, donna Bettina cc? Signora... signora... FELICE (in mezzo alle due donne): Cama fari cc. ah?... cama fari?! L UISELLA: Ma che sorpresa!... che meraviglia!... Allora vuol dire che ci pensate voi... Vuol dire che gliele date voi le 10.000 lire... Tanto per voi non sono niente 10.000 lire?... B ETTINA: E si capisce, che non sono niente, picch io mi guadagnu ca fatica!... E sai chi ti dico, Luisella!... Vattinni chi boni, picch senn ti ni vai malamenti! L UISELLA: Me ne vado malamente... me ne vado malamente... Ma vattinni, vah! Vacci a fari u lettu a signora, chi chistu poi fari. E a ma nun mi poi diri nta facci: vattinni!

45

ATTO TERZO

PASQUALE: Idda a mugghieri e comu tali u po diri! (Mentre gesticola lascia cadere per terra, di sotto al pastrano, una posata dargento.) FELICE: Pascali... Nui cc annamu in galera, u capisci? PASQUALE (Raccoglie in fretta la posata e la ripone su una mensola): Ma che! Io a tavola ero distratto... L UISELLA: Ma a mugghieri, a mugghieri se lava pigghiari cu maritu chi fa tutti sti mbrogghi... e accuss cu ci perdi sugnu io, puvaredda i ma! B ETTINA: No, me l pigghiari sempre cu tia che ti mentisti cun omu maritatu! CONCETTA: E si capisce!... Na bona figghiola ne fa sti cosi! L UISELLA: Ehi, trabicculu scassatu, statti muta, picch ti pigghiu a moffi, prima a ta e poi allautri!... (Si azzuffano urlando e strepitando, e nella zuffa Felice perde uno dei suoi baffetti finti)

SCENA OTTAVA

Gaetano, Gemma, Luigino e Pupella dal giardino. Giacchino, Vicenzo e Brasi dal fondo. Indi Ottavio, Eugenio e detti. GAETANO: Oh, oh!... E chi ntraseru i lavannari! (Accorrono tutti gli altri e riescono a separarli) GIACCHINO: E chi ? I fora si sentunu buciuni! GAETANO (a Felice): Principe, che successo?... (Guarda Felice che ha un baffo solo) Principe!... Se n caduta una mignatta!... (Felice sorpreso avvicina la mano alle labbra e gira intorno a Gaetano) S, e ora ca voli truvari arreti i ma? FELICE (a Gaetano): Forse, chi sa... qualche mossa di sangue!... GAETANO: Ma quale mossa di sangue, principe! Eh, macchese, ma che sto fatto? L UISELLA: Ma chi diciti? Ma quale principe?... Quale marchese?... Vi pigghiaru pi fissa!... Questi sono quattro disperati!... Uno don Felice Scocciaicollo, lo scrivano, e laltro don Pasquale Ciaramella, il salassatore! GAETANO: Che ? L UISELLA: Un certo don Eugenio chi fidanzato con vostra figlia, lha fatti travestire cos per potervi imbrogliare, e io mi sono finta principessa pi putiri scummigghiari tutti cosi! GAETANO: Ah s! L UISELLA: Ma comu signore, vui occhi nta frunti non ni tiniti... Chiddu era u principi, u marchisi, a cuntissa... e vui nto menzo. Ma sapiti chiddu chi vi dicu: pi dumani puttatimi i 10.000 liri picch senn, a unni sugnu sugnu, vi ni dugnu dui nte mussa e vi fazzo peddiri u sapuri du pani a unu a unu! U principi, u marchisi, a cuntissa... Malanova chi maviti tutti quanti! (Via per il fondo a destra, mentre compaiono sulla soglia Ottavio ed Eugenio) GAETANO: Possibile! vero tutto questo?

46

ATTO TERZO

GIACCHINO: Sissignore, don Gaetano! Ma quali principi, macchesi e cuntissi?!... Chisti mhanna dari cincu misati pi nappattamentu chi ci affittai! GAETANO: Ma chi stati dicennu! (gridando) E il macchesino dov? EUGENIO (avanzando con Ottavio): Don Gaetano, perdonatemi, ho fatto fare questa finzione perch amavo troppo Gemma ed ora sono pronto a sposarla con il consenso di mio padre, qui presente. (Mostra Ottavio) GAETANO: Come! E voi siete suo padre?!... PASQUALE: Lui Favetta... lui Favetta... GAETANO: Tu statti zittu picch ti spasciu a tia, ah! (a Ottavio) E pecch vi facevaste chiamare il signor Beb? OTTAVIO: Per venire in questa casa da incognito e parlare con Gemma. Volevo conoscere il suo carattere, e vedere se era degna di mio figlio! GAETANO: E ci posso credere? OTTAVIO: Ma certo! GAETANO: E allora sposatevi e il cielo vi benedica! EUGENIO: Finalmente! (Abbraccia Gemma) L UIGINO: Pap, pap, benedite pure noi!... Io amo la contessina, la contessina mi ama, e ci vogliamo sposare, gioia mia. GAETANO: Ouh! Ma quale contessina e contessina?!... Fatemi capire, questa ora chi ? PASQUALE: mia figlia. CONCETTA: E io sugnu a mamma. GAETANO: E tu com che tinnamorasti accuss, tuttu nta na vota? PUPELLA: Ma che!... Nui facemu lamuri da un misi e menzu!... L UIGINO: Pap, che dite? GAETANO: Va bene, ch diri. Per il piacere che ho maritata a mia figlia, vi sposerete anche voi. PUPELLA: Ah, che bella cosa! L UIGINO (abbracciandola) Gioia mia! GIACCHINO: Don Gaetano, scusate, ma a mia i cincu misati cu mi dugna? GAETANO: Vi dugnu io! Semu nto ballu, e ballamu! GIACCHINO: Va bene, comu diciti vui! GAETANO (a Felice): Principe... Principe, veni cc! FELICE: Io mi nu vaju... Io mi nu vaju... GAETANO: Voi stavate nella camera di Bettina. E pecch dicevaste nfaccia a Peppinello: Figlio mio! Figlio mio!? FELICE: Perch Bettina mia moglie e Peppinello mio figlio. B ETTINA: Sissignore, eccellenza! Siamo stati divisi sei anni e ora per questo avvenimento ci siamo incontrati di nuovo. GAETANO: E Peppinello vostro figlio? VICENZO: Sissignore, eccellenza, e io per farlo rimanere in questa casa vi ho detto che era mio figlio.

47

ATTO TERZO

GAETANO: Mannaggia a iaggia, mannaggia!... Vidi quanti imbrogghi!... E ddautru menzu assassinu i picciriddu, comu fici a patti naturali!... Vicenzo m patre a me!... Unn? Unn ora? VICENZO: Sta dentro a quella camera. (Mostra la prima porta a sinistra) Si sta mettendo il vestito. GAETANO: Aspettate, voglio vedere si si ricorda. (Suona tre tocchi)

SCENA ULTIMA

Peppinello e detti. PEPPINELLO: Comandate, eccellenza! GAETANO: Bravo! Dimmi una cosa! (Conducendolo nel mezzo della scena) Tu di chi sei figlio? PEPPINELLO: Vicenzo m patre a me! GAETANO: Ora ti dugnu na moffa!... Non vero!... Questo te lhanno imparato. Tuo padre questo qua! (Mostrandogli Felice) PEPPINELLO (voltandosi): Uh! Pap! FELICE: Si, tuo padre, che ha passato tanti guai fra la miseria vera e la falsa nobilt!

48