Sei sulla pagina 1di 8

Gestione separata INPS

Proposte di modifiche

Tema Criticità Proposta di


modifica
Gestione separata I soggetti indicati Si propone in
dalla legge, a prima ipotesi che
decorrere dal 1° alla Gestione
gennaio 1996, separata possano
sono stati tenuti a iscriversi solo i
iscriversi alla liberi
Gestione separata. professionisti
Più in generale, le senza cassa e le
disposizioni di cui categorie
trattasi sono assimilabili,
destinate ai mentre la
lavoratori che gestione dei
hanno redditi lavoratori
derivanti da: “paradipendenti”
1. attività potrebbe
professionale; confluire nel
2. lavoro Fondo Pensione
autonomo ex Lavoratori
art. 53 D.P.R. Dipendenti.
22 dicembre
1986, n. 917
e lavoro
autonomo
occasionale di
cui all’art. 44
Decreto Legge
n. 269/2003,
convertito con
legge n.
326/2003, se
il reddito
annuo è
superiore a €
5.000,00;

Pag.1/8 Roma, 30/04/2011


3. vendita a
domicilio, se
il reddito
annuo è
superiore a €
5.000,00;
4. contratti di
associazione
in
partecipazion
e;
5. borse di
studio per il
dottorato di
ricerca;
6. assegni di
ricerca;
7. formazione
specialistica
dei medici;
8. collaborazione
coordinata e
continuativa
o a progetto.

Ricongiunzione Lo scopo della Intervenire


ricongiunzione è urgentemente
quello di ottenere per renderla
un'unica pensione meno onerosa
calcolata su tutti i
contributi versati. I
contributi
ricongiunti sono
equiparati a tutti
gli effetti a quelli
obbligatori versati
durante il rapporto
di lavoro. La
ricongiunzione è
diventata
eccessivamente
onerosa, spesso
nell’ordine di

Pag.2/8 Roma, 30/04/2011


centinaia di
migliaia di euro, e
quindi
inaccessibile a
molti lavoratori,
compresi i giovani
che, con l’attuale
dinamica del
mondo del lavoro,
cambieranno più
volte attività
professionale.

Totalizzazione La totalizzazione Intervenire


prevede che urgentemente
determinate affinchè venga
categorie di confermato il
lavoratori (tenuto diritto a
conto anche della usufruire del
disciplina della calcolo
ricongiunzione) retributivo per la
abbiano la parte di
possibilità di contributi versati
cumulare periodi in tale regime,
assicurativi non sommando con
coincidenti, di calcolo
durata non contributivo solo
inferiore a tre anni la quota parte
(il termine iniziale versata nella
era di sei anni) o Gestione
con almeno 20 separata
anni di
contribuzione
complessiva e 65
anni di età, oppure
40 anni di
contribuzione
complessiva a
prescindere
dall’età, al fine del
conseguimento di
un’unica pensione.
La totalizzazione,

Pag.3/8 Roma, 30/04/2011


ancora per molti
anni, fino a
quando l’intero
sistema non
passerà al sistema
contributivo,
penalizza
fortemente i
lavoratori più
anziani che pur
avendo versato per
decenni contributi
nel sistema
retributivo come
lavoratori
dipendenti,
vengono poi
riportati totalmente
nel sistema
contributivo
aggiungendo solo
pochi anni di
contribuzione nella
Gestione separata
per poter
raggiungere i 40
anni di
contribuzione. E
spesso il lavoratore
si vede decurtata la
sua pensione in
modo significativo,
anche del 30-40%.

Finestra Raggiunti i 40 anni Eliminare la


di contribuzione, finestra per i
l’attesa della lavoratori che
“finestra” di 12 o hanno raggiunto
18 mesi per poter i 40 anni di
effettivamente contribuzione,
percepire la anche grazie alla
pensione diventa ricongiunzione o
un ulteriore grave alla

Pag.4/8 Roma, 30/04/2011


onere per il totalizzazione
lavoratore che si
trova spesso nello
stato di
inoccupazione,
senza nessuna
copertura di un
sistema di
ammortizzatori
sociali e incentivi
alla occupazione.

Aliquota Il prelievo in Mantenere


questione risulta il l’aliquota, nel
più elevato per suo complesso,
quanto riguarda le nella misura
categorie di attuale del
lavoratori diverse 26,72% solo
dai lavoratori qualora e
dipendenti. Infatti, fintantoché non
data la natura del sussistano le
tipo di rapporti condizioni per un
esaminati, ossia a loro
tempo determinato adeguamento alla
e quindi misura
caratterizzati mediamente
dall’incertezza sul praticata dalle
piano della altre casse libero
stabilità lavorativa, professionali.
il prelievo appare Naturale
eccessivo sia completamento
rispetto di tale riforma
all’ammontare del -anch’esso in
reddito percepito, omogeneità
sia rispetto alla qualitativa con la
tipologia gestione dei
dell’attività lavoratori
lavorativa, per dipendenti –
definizione consisterebbe nel
precaria. definitivo
riconoscimento
per via normativa
del principio di

Pag.5/8 Roma, 30/04/2011


ripartizione
dell’obbligo
contributivo per
2/3 a carico del
committente e
per 1/3 a carico
del lavoratore
libero
professionista.

Versamenti Il problema dei Appare


volontari versamenti necessario che
volontari è siano abolite, per
diventato di una chi si iscrive alla
criticità Gestione
significativa in separata, le
quanto sono attuali
sempre di più i limitazioni
lavoratori che, per all’autorizzazione
crisi economica o da parte
per ristrutturazioni dell’INPS alla
aziendali, perdono prosecuzione
il posto di lavoro volontaria della
dipendente prima contribuzione per
di aver raggiunto i raggiungere il
minimi diritto alla
pensionistici e non pensione o per
possono avvalersi aumentarne
della prosecuzione l'importo,
volontaria nel modificando
momento in cui quindi
diventano radicalmente
lavoratori l’art. 6, comma
autonomi e si 2, del D.Lgs. n.
iscrivono alla 184/1997
gestione separata secondo cui la
contribuzione
volontaria non e'
ammessa per
contestuali
periodi di
assicurazione ad
una delle forme

Pag.6/8 Roma, 30/04/2011


di previdenza
obbligatoria per
lavoratori
dipendenti,
pubblici e privati,
per lavoratori
autonomi e per
liberi
professionisti,
nonché per
periodi
successivi alla
data di
decorrenza della
pensione diretta
liquidata a carico
delle predette
forme di
previdenza.

Addebito ai In pratica, per i Tenendo conto


committenti lavoratori che, mentre il
autonomi con 4% di rivalsa al
partita IVA non è datore di lavoro
prevista la era congruo al
ripartizione dei tempo di
contributi di cui promulgazione
alla gestione della legge n.
separata 662/96 in quanto
(rispettivamente il contributo
2/3 a carico del INPS totale era
datore di lavoro e del 10%, oggi che
1/3 a carico del tale contributo è
lavoratore), ma già al 26.72%
solo la facoltà della andrebbe
rivalsa di cui alla aggiornato il
legge n. 662/96, comma 212, art.
art. 1, comma 212, 1 della legge n.
che prevede 662/96,
l’addebito al prevedendo a
committente del regime anche per
solo 4% dell’intera tale categoria di
quota vigente. Tale lavoratori iscritti
Pag.7/8 Roma, 30/04/2011
comma non è mai alla gestione
stato modificato. separata una
percentuale di
addebito ai
clienti pari a 2/3
del contributo.

Pag.8/8 Roma, 30/04/2011