Sei sulla pagina 1di 7

15 – 16 Maggio 2011

ELEZIONI PER IL RINNOVO

DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL COMUNE DI CETARA

TERRA LIBERA
PROGRAMMA AMMINISTRATIVO
(Artt. 71 e 73, comma 2, D. Lgs. n. 267/2000)

Candidato Sindaco GAETANO D’EMMA


Proposte Amministrative

Ai cittadini del

Comune di Cetara

La lista dei candidati al Consiglio Comunale e la collegata candidatura alla carica di Sindaco, contraddistinta
dal simbolo “Barca con vela latina tricolore solcante il mare con in basso a destra un pesce di colore blu ed in
basso al centro la scritta TERRA LIBERA”, qui di seguito espongono il proprio programma amministrativo
per il quinquennio di carica degli organi del Comune:

IDENTITA’

A) Valorizzare con ogni iniziativa utile l’identità e la storia del popolo cetarese, in tutte le sue componenti
economiche e sociali, per restituire alla nostra comunità un orgoglioso spirito di appartenenza.

AMBIENTE, TERRITORIO ED IGIENE

A) RACCOLTA DEI RR.SS.UU.

Il piano di raccolta integrata dei rifiuti per il Comune di Cetara prevede un sistema articolato con l’intento di
minimizzare il quantitativo di rifiuto “ residuale” che viene conferito in discarica, grazie ai servizi di raccolta
differenziata.
La raccolta cosiddetta “porta a porta” è il sistema di riciclaggio che ottiene il maggior risultato (75% -
80%). E’, inoltre, un modo per responsabilizzare ogni cittadino sul corretto conferimento dei rifiuti e per
migliorare l’aspetto dell’arredo urbano attraverso l’eliminazione dei cassonetti su strada, con notevoli ed
immediati benefici per la pulizia delle nostre vie e delle nostre piazze.

1) Raccolta rifiuti residuali (o indifferenziati).

Il sistema di raccolta dei rifiuti urbani indifferenziati viene effettuato nel contesto del più generale sistema
integrato di tutte le raccolte ed ha ad oggetto tutto ciò che, in via residuale, è destinato allo smaltimento
finale. Viene prevista la raccolta “porta a porta”, mediante il ritiro giornaliero dei sacchi che l’utente
conferisce fuori dal proprio ingresso nella fascia oraria consentita. Considerate le caratteristiche territoriali
ed urbanistiche del Comune, si prevede l’utilizzo di gasoloni che consentono una capillare copertura del
territorio.

2) Raccolta frazione organica.

La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti è altamente strategica, in quanto è la frazione
maggiormente contenuta nei rifiuti urbani; con la captazione di questo flusso è possibile raggiungere i più
elevati obiettivi di legge. Sia per la raccolta della frazione organica che per quella indifferenziata è previsto il
ritiro porta a porta, tutti i giorni. Nelle zone caratterizzate da case sparse (Fuenti), verrà proposto il
compostaggio domestico. Alle famiglie verrà distribuito a cura dell’Amministrazione Comunale, in

 
comodato d’uso gratuito, l’apposito contenitore (composter) che permetterà loro di utilizzare il composto
negli spazi verdi di proprietà. Le utenze ad elevata produzione di frazione umida (alberghi, ristoranti, pub
ecc.) posizioneranno i bidoni carrellati da 120 litri fuori dal proprio esercizio.

3) Raccolta vetro e plastica.

Il servizio continuerà ad essere effettuato mediante l’utilizzo di contenitori stradali: tale sistema è l’unico
proponibile per questa tipologia di rifiuti. Altri tipi di raccolta sono sconsigliati per ragioni di sicurezza
dell’operatore. Per l’espletamento del servizio saranno utilizzati gli attuali contenitori posizionati sul
territorio comunale secondo la distribuzione della popolazione. Lo svuotamento avverrà con automezzi
appositamente predisposti e contestualmente verrà effettuato il lavaggio. Sarà realizzato un piccolo massetto
in corrispondenza delle campane adibite alla raccolta differenziata, con installazione di griglia e pozzetto
sifonato per la diretta immissione delle acque di lavaggio nella rete fognaria. Ogni qualvolta si provvederà
allo svuotamento delle “ campane” lo spazio sottostante sarà accuratamente lavato e disinfettato.

4) Raccolta carta e cartone.

I cittadini depositeranno i sacchetti presso le proprie abitazioni nella fascia oraria stabilita. I titolari degli
esercizi commerciali depositeranno davanti all’ingresso dei propri esercizi la carta ed il cartone nella fascia
oraria consentita.

5) Raccolta rifiuti pericolosi ( pile e farmaci) e alluminio.

Il servizio consiste nello svuotamento periodico, previsto mensilmente, dei contenitori ubicati sul territorio.

6) Raccolta ingombranti e RAEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Il servizio prevede il ritiro presso:


a) le utenze che ne fanno richiesta;
b) i punti dove vengono segnalati abbandoni.
I cittadini potranno depositare i rifiuti ingombranti e i RAEE negli scarrabili che saranno ubicati in un’area
appositamente attrezzata. Questi ultimi saranno poi conferiti presso il centro di raccolta RAEE.

7) Raccolta olii usati.

Ultima frontiera ecologica è la raccolta con conservazione e smaltimento degli olii usati. Si calcola che sia di
cinque chili pro capite il consumo medio per abitante in Italia. Verranno distribuite delle taniche (con la
formula del comodato d’uso) e del materiale informativo. Tali taniche verranno svuotate una volta al mese
evitando così di versare gli olii nella fogna.

B) SERVIZIO DI SPAZZAMENTO, LAVAGGIO E DISINFEZIONE STRADALE.

Un’attenzione particolare meritano le operazioni di spazzamento ed in particolare:


a) Pulizia strade, vicoli, piazze, aree pubbliche e zona portuale;
b) Pulizia ed innaffiamento giardini pubblici;
c) Lavaggio e disinfestazione strade;
d) Pulizia caditoie stradali.
Le operazioni di pulizia di strade, vicoli, piazze, aree pubbliche, verde pubblico e della zona portuale devono
avvenire manualmente perché a causa delle morfologia del territorio non vi è la possibilità di impiego di
mezzi meccanici. Esse sono rivolte a rimuovere non solo i rifiuti ricorrenti, casuali ed eccezionali ma anche i
rifiuti propriamente stradali e stagionali. Il servizio di lavaggio strade risulta un elemento complementare ed

 
integrante del servizio di spazzamento manuale. È infatti finalizzato all’eliminazione delle polveri, degli olii
e dei grassi inquinanti, prodotti - in particolare, dal traffico automobilistico-, che si depositano sul suolo
prevalentemente nel periodo primaverile – estivo. Il servizio sarà effettuato con cadenza bisettimanale.

Nel periodo estivo ( giugno – settembre ) il servizio di spazzatura delle strade, con svuotamento cestini
gettacarte e pulizia di eventuali rifiuti depositati presso le “campane” dovrà essere effettuato due volte al
giorno. Occorre comunque attivare specifici strumenti e strategie diverse per raggiungere gli obiettivi fissati
e superare il 50% della raccolta differenziata, come:

- localizzare un deposito per gli automezzi della N.U. ( e ciò al fine di evitare proteste da parte dei cittadini a
causa dei miasmi che fuoriescono dal deposito incontrollato di rifiuti) dotato di servizi per il personale e di
attrezzature per il lavaggio degli automezzi e dei cassonetti;
- attrezzare uno spazio per il deposito dei rifiuti ingombranti diverso dal deposito attuale allocato in zona
porto.
Riuscire a creare un Centro Comunale di Raccolta dotato di database, ove tutte le utenze del Comune sono
registrate. Ogni utenza può richiedere la propria tessera, che è nominativa e non cumulativa, cioè serve
soltanto ad identificare l’utenza. Il Database serve a registrare la quantità di rifiuti che il cittadino pesa
(proprio così!). Diminuendo la produzione di R.S.U. e quindi differenziando si ottiene una riduzione sulla
T.A.R.S.U. Occorre razionalizzare ancora di più i costi del servizio rifiuti solidi urbani, cercando nel
contempo di creare nuovi posti di lavoro.

COOPERAZIONE ISTITUZIONALE

A) Realizzare un virtuoso e sinergico meccanismo di cooperazione con tutti gli enti pubblici statali e locali
sovraordinati, per agevolare la realizzazione di tutte le iniziative pubbliche e private utili allo sviluppo
sociale ed economico del paese.
B) Promuovere la variazione sostenibile del piano paesistico regionale, al fine di individuare nuove zone
edificabili nel territorio comunale.
C) Difendere e tutelare in ogni sede, nazionale e comunitaria, la pesca del tonno rosso, che, ancora oggi,
rappresenta buona parte del prodotto interno lordo del paese.
D) Azione di raccordo e di sostegno istituzionale a tutte le attività private, ivi compresa la piccola pesca,
oggetto di possibili finanziamenti e sussidi economici pubblici.

OPERE PUBBLICHE

A) Accelerare i lavori di prolungamento del molo di sopraflutto del porto peschereccio, al fine di accrescere
la funzionalità della struttura portuale e di aumentare i margini di protezione dell’arenile principale.
B) Avviare l’attività di progettazione e di realizzazione, attraverso il procedimento del project financing, di
un nuovo braccio del porto, parallelo al molo di sopraflutto già esistente, per addivenire ad un ragionevole
riequilibrio delle attività e degli spazi portuali tra turismo e pesca.
C) Riqualificazione dei locali dell’ex istituto scolastico Aldo Moro ed eventuale relativo affidamento a terzi,
per la realizzazione di una struttura ricettiva turistica.
D) Prolungamento di circa 10 metri dell’attuale copertura del torrente Cetus per consentire manovre di
inversione di marcia a pulmini ed autocarri.
E) Predisposizione sul Molo Madonnina di un congruo numero di banchetti, gratuitamente utilizzabili dai
pescatori, per la vendita del pescato.
F) Ampliamento e messa in sicurezza di via Tuoro e via Vecchia comunale.

 
G) Agevolare l’ordinato svolgimento dei lavori di rimessaggio delle imbarcazioni.
H) Attivazione reale della fornitura di ghiaccio comunale agli operatori della piccola pesca.
I) Installazione, con cadenza stagionale, di gavitelli destinati alle imbarcazioni da diporto, nello specchio
d’acqua antistante la torre saracena, per implementare il flusso di visitatori.
J) Illuminazione pubblica alimentata con impianti fotovoltaici, al fine di garantire il massimo risparmio
energetico e, quindi, economico.
K) Avviare, in conferenza di servizi con la Provincia di Salerno, la Regione Campania e la Soprintendenza
per i B.A.A.A.S. di Salerno, l’iter di progettazione e di realizzazione di un parcheggio pubblico, da
localizzare, anche eventualmente previa apposita variante al PUT, nel luogo ritenuto più idoneo e
compatibile coi vari interessi pubblici da tutelare.
L) Rielaborazione, secondo le indicazioni della Soprintendenza per i B.A.A.A.S. di Salerno, del progetto di
copertura del torrente Cetus, in località Cannillo, per la realizzazione di un parcheggio pubblico.
M) Ripascimento e sistemazione funzionale dell’arenile principale.
N) Sistemazione di tutti i sentieri montani interpoderali, al fine di agevolare lo sviluppo dell’attività agricola
(in particolare, completamento del sentiero principale in località Corso e del sentiero Puontico).
O) Avviare una puntuale e chirurgica serie di interventi di risanamento idrogeologico del territorio comunale.
P) Potenziamento della rete fognaria per la frazione Fuenti ed alcuni vicoli.
Q) Riqualificazione ed ammodernamento dell’impianto sportivo polifunzionale del Cannillo con copertura
tipo tendostruttura.
R) Ampliamento, con annessa riorganizzazione dei locali pertinenziali, dell’area cimiteriale.
S) Ristrutturazione dei bagni pubblici esistenti.
T) Realizzazione di altri bagni pubblici nella zona Casale.
U) Verificare la fattibilità e la realizzabilità, in sinergia con gli enti sovraordinati competenti, di un idoneo
impianto di depurazione.
V) Costruzione di una cappella dedicata alla Madonna del Buon Consiglio in Località Fuenti.
W)Restauro conservativo degli edifici dedicati al culto (Chiese: S. Pietro, S. Francesco, Madonna di
Costantinopoli); Ripristino Cappella Madonna del Popolo.
X) Puntuale manutenzione ordinaria e straordinaria di tutti gli edifici e gli impianti di proprietà del comune,
con la creazione di un apposito capitolo di spesa nel bilancio comunale, alimentato dagli introiti derivanti
dalla gestione del patrimonio immobiliare.

EDILIZIA PRIVATA

A) Avviare, compatibilmente con la strumentazione urbanistica comunale, provinciale e regionale vigente,


nuovi interventi di edilizia cooperativa convenzionata e, ove necessario, promuovere l’approvazione delle
varianti urbanistiche a tal uopo necessarie.
B) Agevolare la realizzazione di parcheggi privati pertinenziali, sfruttando la normativa di favore di cui alla
L.R. Campania n. 19/2001.
C) Agevolare il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, evitando qualsiasi forma di
discriminazione tra i cittadini.
D) In sintonia col nuovo PUT regionale in via di approvazione, accelerare il procedimento di approvazione
del nuovo Piano Urbanistico Comunale, dei relativi Piani Urbanistici Attuativi e del nuovo Regolamento
Urbanistico Edilizio Comunale, per l’individuazione di nuove aree edificabili, necessarie a realizzare una
ragionevole estensione del territorio comunale.
E) Agevolare la riqualificazione e la sistemazione dei fondi agricoli esistenti, al fine di tutelare l’esercizio
dell’impresa agricola, anche attraverso la promozione di attività agrituristiche.

 
POLITICHE GIOVANILI ED OCCUPAZIONALI

A) Sostegno economico agli studi universitari per i giovani meritevoli appartenenti alle fasce deboli.
B) Ampliare, compatibilmente con la normativa vigente, l’ambito di operatività della società comunale
Cetara Servizi e Sviluppo Unipersonale S.r.l. per implementare i servizi di sua competenza e,
conseguentemente, le sue potenzialità occupazionali.
C) Democratizzare l’assetto gestionale della società comunale Cetara Servizi e Sviluppo Unipersonale S.r.l.,
mediante la nomina di un Consiglio di Amministrazione, senza ulteriori oneri economici per il Comune e
per la società stessa.
D) Qualora per legge dovesse rendersi obbligatorio lo scioglimento della società di servizi “Cetara Servizi e
Sviluppo Unipersonale Srl.”, incentivare la creazione, in sede locale, di una cooperativa di servizi, che si
occupi, compatibilmente con la normativa vigente in materia di affidamento dei contratti pubblici, dei
servizi già attualmente affidati alla società stessa nonché di tutti gli altri servizi e lavori consentiti dalla
legge.
E) Azione propulsiva e di stimolo, anche attraverso esenzioni economiche, affinché, in piena libertà, possano
svilupparsi le iniziative imprenditoriali, artigianali, commerciali dei privati cittadini.
F) Creazione di un Centro giovanile attrezzato, dedicato alle attività ludiche e culturali (corsi di Musica, di
Educazione Civica, di Sostegno agli studi ed altre attività formative), nei locali siti in zona Parco degli
Ulivi, di recente acquisiti al patrimonio comunale (ex proprietà Dell’Acqua).

POLITICHE CULTURALI

A) Drastica riduzione delle inutili manifestazioni, con corrispettiva riqualificazione di quelle che, da sempre,
caratterizzano la nostra identità, come la Sagra estiva del Tonno Rosso e del Pesce Azzurro.
B) Valorizzazione dei locali della Torre Saracena, da utilizzare come sala polifunzionale per
l’organizzazione di manifestazioni culturali di particolare rilievo e come sede di rappresentanza del
Comune di Cetara; si auspica, inoltre, la stipula di apposite convenzioni con l’Università degli Studi di
Salerno e con gli Ordini Professionali interessati per la localizzazione di corsi di specializzazione e di
approfondimento.
C) Valorizzazione funzionale della sala “Mario Benincasa”, mediante l’organizzazione di incontri, convegni
e manifestazioni su tematiche di interesse generale, in fattiva collaborazione, nel rispetto della diversità
dei ruoli e della reciproca autonomia, con la PRO LOCO e le altre associazioni locali di carattere
culturale nonché con gli altri enti pubblici e privati di volta in volta interessati.
D) Conferma, ed anzi, ulteriore valorizzazione del gemellaggio con la città di Sète.
E) Incentivare l’associazionismo sportivo e culturale.

POLITICHE SOCIALI

A) Finanziamento di iniziative sociali e culturali a favore degli anziani (Cinema, Teatro, Gite sociali).
B) Sostegno agli anziani per il disbrigo delle pratiche burocratiche mediante l’istituzione della figura del
Consigliere Comunale di Turno.
C) Riorganizzazione interna degli uffici comunali, al fine di renderli più efficienti e più funzionali per i
cittadini.
D) Completamento e perfezionamento dell’informatizzazione dell’attività amministrativa.
E) Aiuto socio-sanitario qualificante e mirato a favore dei soggetti non autosufficienti, potenziando
l’assistenza domiciliare integrata.

 
F) Rendere accessibile l’arenile principale ai soggetti diversamente abili e, compatibilmente con le
disponibilità economiche, istituire un servizio pubblico di Guardia Spiagge.

TURISMO

A) Sollecitare presso la Provincia di Salerno l’istituzione di apposito servizio di trasporto marittimo per
potenziare l’afflusso turistico.
B) Agevolare l’installazione di pedane e, nel periodo invernale, di impianti di chiusura precari ed amovobili
per tutti gli esercizi commerciali con una consistente quantità di suolo pubblico in concessione.
C) Pianificare nel periodo estivo un programma di eventi che punti sulla qualità, piuttosto che sulla quantità
delle manifestazioni.
D) Agevolare gli esercizi commerciali mediante la riduzione del costo del ticket parcheggio per i loro clienti.
E) Creazione, mediante apposito concorso di idee, di un brand utile a pubblicizzare l’immagine del paese.
F) Prorogare fino alle 2:30 l’orario di chiusura dei pubblici esercizi con divieto categorico di diffusione di
musica e di rumori dopo le 24:00.
G) Compatibilmente con le disponibilità finanziarie del Comune, prorogare l’orario di servizio della Polizia
Municipale nel periodo estivo, al fine di garantire un’adeguata vigilanza.
H) Istituire un servizio navetta permanente usufruibile, mediante la stipula di apposite convenzioni, anche
dalle strutture ricettive esistenti nel territorio comunale.
I) Portare ad esecuzione il Piano Spiagge vigente mediante il rilascio di ulteriori concessioni demaniali
marittime con finalità turistico – ricreative, garantendo, comunque, un adeguato margine di spiaggia
libera.
L) Favorire, anche nell’ambito della spiaggia libera, la creazione, ad iniziativa privata, di un servizio di
noleggio di sedie ed ombrelloni da mare.
M) Incentivare la presentazione di progetti volti alla realizzazione di “Hotel sparsi”, valorizzando i ruderi ed
i sentieri agricoli esistenti su tutto il territorio comunale.
N) Copertura con Wi-Fi libero dell’intero Lungomare.

POLIZIA MUNICIPALE E VIABILITA’

A) Abolire la ripartizione in zone delle aree di sosta ed i relativi permessi onerosi.


B) Aumentare la quantità e la qualità della dotazione accessoriale della Polizia Municipale.
C) Nel periodo estivo, potenziare l’organico degli addetti alla vigilanza, anche per garantire l’ordine nelle ore
notturne.

Il candidato Sindaco
Gaetano D’Emma