Sei sulla pagina 1di 11

Un

 popolo  di  
insegnanti,  poeti  e  
formatori  
Basta  con  i  luoghi  comuni  sui  sistemi  educativi  
e  la  formazione  professionale.  Per  favore!  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Gilberto  Collinassi    

 
Il  capro  espiatorio  
In   un   recente   convegno   cui   partecipavano   esponenti   politici  
regionali  e  provinciali,  funzionari  dell’amministrazione  regionale,  
rappresentanti   delle   categorie   imprenditoriali   e   dei   lavoratori   -­‐
mentre   venivano   introdotti,   illustrati   o   commentati   i   risultati   di  
una   ricerca   sui   fabbisogni   formativi   delle   imprese   del   territorio-­‐  
ho  avuto  l’occasione  di  ascoltare  per  l’ennesima  volta  una  quantità  
di   frasi   fatte   e   luoghi   comuni   sul   tema   della   formazione  
professionale  e  del  sistema  scolastico.      
Questo   profluvio   di   banalità,   costantemente   riproposto   in   ogni  
incontro  in  cui  si  parli  di  sistemi  formativi  e  del  mondo  del  lavoro,  
è   impressionante   per   la   quantità,   avvilente   per   la   povertà   del  
contributo   fornito,   stupefacente   per   la   trasversalità   rispetto   agli  
interlocutori   che   l’adottano,   privo   di   reale   riscontro   con   dati  
oggettivi  se  ci  riferiamo  alla  nostra  regione.      
 
Purtroppo  ci  troviamo  di  fronte  a  due  fenomeni  tipici:  
 
-­‐    non  so  se  sia  vero  che  nel  nostro  paese  tutti  sono  poeti,  di  sicuro  
tutti  si  pensano  competenti  in  materia  di  insegnamento  e  in  grado  
di   suggerire   soluzioni   per   risolvere   i   problemi   che   affliggono   il  
nostro  sistema  educativo/formativo  (chi  non  è  mai  stato  a  scuola?  
chi  non  ha  un  figlio  o  un  parente  che  la  frequenta?   chi  non  ha  mai  
partecipato  ad  un  corso?  ...  tutti  si  sentono  in  grado  di  dare  giudizi  
in  merito);  
 
-­‐   la   storia   ci   insegna   che   nei   momenti   di   crisi   sociale,   culturale,  
economica,  quando  le  situazioni  problematiche  sono  complesse  e  
per   esse   non   sono   prospettabili   soluzioni   a   breve   o   medio  
termine,   sempre   si   cerca   con   funzione   catarchica   un   capro  
espiatorio.   Un   soggetto,   reale   o   immaginario,   su   cui   scaricare   la  
responsabilità   dei   guai   o   dell’incapacità   di   trovare   soluzioni   per  
risolverli.   Pare   che   i   politici   della   maggioranza   così   come   quelli  
dell’opposizione,   i   rappresentanti   dei   lavoratori   e   quelli   delle  
associazioni   di   categoria   –insomma   tutto   l’arco   della  
rappresentanza   istituzionale   e   sociale-­‐   siano   afflitti   da   entrambe  
le  patologie.  E  pare  che,  per  quanto  attiene  al  capro  espiatorio,  ne  
abbiano   –finalmente-­‐   trovato   uno   adatto   alla   crisi   occupazionale  
ed  economica  che  caratterizza  questo  momento  storico:  la  scuola  
e  la  formazione  professionale.  
 
Si   attribuiscono   infatti   ai   due   sistemi   responsabilità   pesanti  
relativamente   all’effettivo   livello   di   “occupabilità”   offerto   dai  
percorsi  formativi  che  realizzano  (intesa  -­‐in  modo  riduttivo-­‐  come  
capacità  di  un  disoccupato  di  trovare  subito  un  nuovo  lavoro),  in  
particolare   per   quelli   mirati   ad   affrontare   la   crisi   occupazionale  
attuale.   Si   invocano   di   conseguenza   processi   di   rinnovamento  
delle   strutture   scolastiche   e   della   formazione,   l’innovazione   delle  
metodologie   e   tipologie   formative,   un   contatto   più   stretto   con   il  
mondo   del   lavoro,   un   coinvolgimento   maggiore   e   diretto   delle  
imprese   quali   soggetti   formativi.   Temi   questi   tutti   sacrosanti,   sui  
quali  il  mondo  dell’istruzione  e  della  formazione  professionale  di  
questa  regione  sono  impegnati  e  stanno  intervenendo  da  anni,  pur  
in  presenza  di  una  legislazione  vecchia  di  decenni  (come  la  legge  
regionale   76/1982   sulla   formazione   professionale   regionale)  
oppure   in   continuo   stato   di   cambiamento   (come   la   riforma   della  
scuola,   che   procede   a   strattoni   dal   2001   con   l’intervento  
scoordinato  di  ben  quattro  ministri  :  Berlinguer,  Moratti,  Fioroni  e  
Gelmini),  di  reiterati  tagli  agli  investimenti,  della  scarsa  attenzione  
delle  parti  sociali,  della  strumentalizzazione  che  sempre  la  politica  
aggancia  a  queste  tematiche.  
 
Le   prospettive   per   un   sistema   che   permetta   la   formazione  
organica   e   integrata   per   l’intero   arco   della   vita   dei   cittadini   di  
questo   paese   non   sono   quindi   molto   incoraggianti,   nonostante   la  
buona   volontà   di   molti   soggetti.   Ma   il   capro   espiatorio   ce  
l’abbiamo,  quindi  possiamo  stare  tranquilli.  

Non  ci  sono  più  le  stagioni  di  una  volta!  


Chi   di  Voi  non  ha  sentito   pronunciare   negli  ultimi   20   (venti!)  anni  
in   ogni   convegno,   tavola   rotonda,   meeting,   brain-­‐storming,   focus  
group   sul   lavoro,   sulla   formazione,   sulla   scuola,   sulle   crisi  
occupazionali,   sui   fabbisogni   formativi   almeno   una   decina   di  
queste  affermazioni,  alzi  la  mano!    
 
Chi   di   Voi   non   ha   avuto   occasione   di   leggere   simili   frasi   su   articoli  
di   giornali   e   riviste,   nei   rapporti   di   ricerca,   nei   documenti   di  
programmazione  regionale,  nazionale  ed  europea,  nelle  interviste  
rilasciate   da   autorevoli   rappresentanti   delle   associazioni   di  
categoria  e  dei  lavoratori,  faccia  un  passo  indietro!  
 
 A  beneficio  di  costoro,  propongo  una  breve  summa  dei  più  usuali  
-­‐beceri,   triti   e   ritriti,   ormai   patetici   e   insopportabili-­‐   luoghi  
comuni   cui   innumerevoli   relatori   ed   esperti,   ma   soprattutto   i  
politici,  ricorrono  quando  parlano  dei  problemi  della  scuola,  della  
formazione  professionale,  del  mondo  del  lavoro  e  del  legame  che  
intercorre  fra  questi  soggetti:  
 
Il  sistema  educativo  di  istruzione  e  formazione  è  autoreferenziale  
I  giovani  escono  dalla  scuola  impreparati    
Non  si  formano  i  profili  richiesti  dal  mercato  ma  quelli  voluti  dalle  scuole  
Non  si  fa  formazione  sulle  tecnologie  più  aggiornate  in  uso  nelle  imprese  
I  corsi  sono  sempre  sproporzionati  in  durata  rispetto  al  fabbisogno  reale  
Le  attività  formative  producono  scarsi  risultati  occupazionali  
Gli  insegnanti  lavorano  poco  e  non  sono  aggiornati  
Non  c’è  competizione  fra  scuole  e  università  
 
La  formazione  non  soddisfa  i  fabbisogni  del  territorio  
La  formazione  è  lontana  dalle  imprese  
Le  figure  professionali/competenze  sono  specifiche  del  territorio  
Gli  imprenditori  hanno  bisogno  di  formazione  manageriale  
Lingue  e  informatica  non  servono,  meglio  corsi  su  saperi  professionali  
Programmazione  formativa  è  asincrona  rispetto  a  fabbisogni  imprese  
La  formazione  costa  troppo  rispetto  ai  risultati  che  offre  
Gli  Enti  di  formazione  si  arricchiscono  con  i  soldi  pubblici  
 
Non  si  fa  analisi  dei  fabbisogni  formativi  delle  imprese  
Le  imprese  esprimono  fabbisogni  solo  a  breve  termine  
Scuole  e  formazione  professionale  non  dialogano  con  le  imprese  
Il  mondo  del  lavoro  e  quello  della  scuola  usano  lingue  e  modelli  diversi  
Bisogna  adottare  le  competenze  come  riferimento  comune  
Serve  un  sistema  di  certificazione  delle  competenze  professionali  
 
C’è  una  scarsa  attrattività  delle  professioni  tecniche/operaie  
Nessuno  vuole  più  sporcarsi  le  mani  
Nessuno  vuole  fare  più  l’operaio,  muratore,  idraulico,  carpentiere,  ecc..  
Non  si  fa  sufficiente  orientamento  professionale  ai  giovani  
La  scuola  non  riesce  a  orientare  le  famiglie  verso  ciò  che  serve  alle  imprese  
 
Si  impara  veramente  solo  facendo  
Solo  lavorando  nell’impresa  si  impara  veramente  
Bisogna  integrare  istruzione,  formazione  e  lavoro  
Bisogna  riconoscere  la  valenza  formativa  del  lavoro  
Le  tipologie  formative  proposte  non  sono  più  adeguate  ai  fabbisogni  
C’è  bisogno  di  individualizzare/personalizzare  i  piani  di  studio  
E’  necessario  riconoscere  la  formazione  non-­‐formale  
 
Ebbene,   come   ha   scritto   Umberto   Eco1   riferendosi   al   film  
Casablanca,  quando  tutti  gli  archetipi  irrompono  senza  decenza,  si  
raggiungono   profondità   omeriche.   Due   cliché   fanno   ridere.   Cento  
cliché  commuovono  ...  il  colmo  della  banalità  lascia  intravedere  un  
sospetto   di   sublime.   Qualcosa   ha   parlato   al   posto   del   regista.   Il  
fenomeno   è   degno   se   non   altro   di   osservazione.     Beh,   ci   troviamo  
nella  medesima  situazione:  il  fenomeno  va  osservato  e  analizzato  
con  la  massima  attenzione.    
 
E’  divenuto  ormai  improcrastinabile  per  tutti  coloro  che  di  questi  
problemi  si  interessano  da  anni,  in  termini  non  strumentali  e  con  
la   reale   intenzione   di   trovare   soluzioni,   per   tutti   coloro   che   sono  
convinti   che   istruzione   e   formazione   sono   una   priorità   assoluta  
per   evitare   il   declino   del   nostro   paese,   di   interrogarsi   in   prima  
istanza  sul  perché  risulti  così  difficile  impostare  un  ragionamento  
serio  sul  tema,  sganciato  una  volta  per  tutte  dai  luoghi  comuni  (e  
magari  invertendoli2).    
 
Infatti   se   è   vero   che   i   luoghi   comuni   rappresentano   spesso   (ma  
non  sempre)  delle  ovvie  verità,  e  dire  la  verità  non  dovrebbe  fare  
mai   male   in   un   paese   civile,   è   altrettanto   vero   che   la   loro   funzione  
è   prevalentemente   “fàtica”3,     mirata   cioè   a   creare   o/e   mantenere  
un   canale   comunicativo   positivo   fra   interlocutori   ma   non   a  

                                                                                                               
1   Eco   Umberto,   2003,     “Dalla   periferia   dell'impero.   Cronache   da   un   nuovo   medioevo”   ,  

Bompiani,  cap.  “Casablanca,  o  la  rinascita  degli  dei”    


2  a  cura  di  AlFb,  2010,  “Una  volta  qui  era  tutta  città”,  ET  Einaudi  
3  Trupia  Pietro,  2009,  “Cento  talleri  di  verità-­‐Autobiografia  didattica”,  Angeli,  pag.104  

e  Umberto  Eco,  2010,  “Una  volta  qui  era  tutta  città”,  Espresso  on-­‐line  
trasmettere  informazioni  o  fornire  valore  aggiunto  rispetto  ad  un  
tema  in  discussione.      
 
Va   detto   inoltre   che   molto   spesso   queste   frasi   fatte   vengono  
formulate   utilizzando   sinonimi,   oppure   presentando   i   medesimi  
concetti   con   perifrasi   o   parafrasi.   In   questi   casi   occorre   tenere  
presente   che   due   parole   o   frasi   possono   intendere   la   stessa   cosa  
dicendola   tuttavia   in   modo   diverso,   adottando   diversi     punti   di  
vista,   accenti,   culture   e   ideologie,   rappresentando   quindi  
molteplici   e   differenziate   “verità”   di   solito   utili   in   termini  
strumentali,  quando  non  demagogici,  a  chi  le  usa.    
 
Ad   esempio,   anche   scuola   e   formazione   adducono   spesso   luoghi  
comuni  quali  giustificazioni  per  l’inadeguatezza  di  servizi  da  loro  
offerti,   inaccettabili   quanto   quelli   citati   in   precedenza   come  
argomenti   di   confronto   per   un   reale   miglioramento.   Ne   riporto  
anche  in  questo  caso  alcuni,  a  titolo  di  esempio:  
 
I  fabbisogni  vengono  espressi  male  e  con  tempi  troppo  stretti  
Le  imprese  non  sono  capaci  di  esprimere  i  propri  fabbisogni  
I  dati  statistici  non  sono  aggiornati  e  forniscono  dati  fuorvianti  
La  scuola  deve  lavorare  anche  per  il  futuro  non  solo  per  il  contingente  
 
Insegnare  è  sempre  più  difficile  
Manca  la  motivazione  allo  studio  da  parte  dei  giovani  
I  genitori  non  collaborano  con  i  docenti  
Le  famiglie  scaricano  sulla  scuola  tutta  la  responsabilità  educativa  
E’  difficile  coinvolgere  le  imprese  in  attività  di  stage  veramente  formativi  
Le  imprese  non  rispondono  alle  nostre  sollecitazioni  
 
Contratti  e  regolamenti  non  ci  permettono  di  lavorare  bene  
Gli  insegnanti  sono  sottopagati  e  in  crisi  di  identità/missione  
I  contratti  impediscono  interventi  di  valutazione/motivazione  insegnanti  
Dobbiamo  rispettare  il  programma,  non  c’è  spazio  per  altre  cose  
Abbiamo  poco  tempo  a  disposizione  rispetto  agli  obiettivi  da  raggiungere  
I  regolamenti  europei,  nazionali,  regionali,  provinciali  sono  complicati  
 
Ciascuno   di   noi   quindi   ha   il   proprio   elenco   di   banalità,   più   o   meno  
vere,  cui  fare  ricorso  per  difendere  lo  status-­‐quo  o  argomentare  in  
termini   polemici.   Quel   che   è   certo,   è   che   non   è   possibile   dare   corso  
a   un   confronto   costruttivo   -­e   ancor   meno   innovativo-­   ragionando  
per,   e   a   partire   da,   frasi   fatte.   Anzi:   la   cosa   è   assai   pericolosa   in  
quanto   porta   quasi   sempre   a   conclusioni   e   scelte   errate   perché,  
sempre   parafrasando   Eco,   non   basta   essere   ignoranti   per   essere  
innocui,  soprattutto  se  si  ricoprono  ruoli  decisionali!  
 
Se   desideriamo   realmente   far   evolvere   i   sistemi   educativi   e  
formativi   in   termini   strategici,   dobbiamo   abbandonare   una   volta  
per  tutte  la  demagogia  ed  essere  capaci  di  accollarci  la  pena  della  
separazione  da  facili  e  comode  identità.  
Che  fare?  
Semplicità  e  assunzione  di  responsabilità  
Come  ci  insegna  De  Bono4,  in  termini  generali  bisogna  tendere  alla  
semplicità   dell'estrema   elaborazione;   una   semplicità   cioè   in   cui  
l'efficacia   pratica   e   l'essenzialità   della   forma   siano   presenti   in  
grado   elevato.   Non   la   semplicità   del   vuoto   ma   quella   della  
compiutezza.   Solo   le   soluzioni   semplici   si   dimostrano   nel   lungo  
periodo   efficaci   (danno   dei   risultati   tangibili   da   subito   e   li  
mantengono  nel  tempo)  ed  efficienti  (costano  poco  e  quindi  sono  
più  sostenibili  socialmente).    
Inoltre   è   auspicabile   un   maggior   livello   di   assunzione   di  
responsabilità  politica  e  amministrativa  nella  scelta  e  promozione  
delle  soluzioni  che  si  dimostrano  oggettivamente  migliori  di  altre,  
superando   interessi   corporativi   o   di   parte,   valorizzando   ciò   che   di  
buono   si   fa   ed   è   stato   fatto.   Purtroppo     sappiamo   bene   che  
l'accettazione   delle   responsabilità   non   è   un   compito   facile   per  
nessuno:   non   solo   perché   introduce   il   tormento   della   scelta   (che  
comporta   sempre   una   perdita   e   un   guadagno),   ma   anche   perché  
preannuncia   la   perenne   preoccupazione   di   aver   compiuto   un  
errore5.    Ciò  non  deve  scoraggiarci  nel  sollecitare  e  promuovere  la  
definizione  di  una  strategia  di  sviluppo  del  sistema  di  medio  lungo  
termine  sorretta  innanzitutto:  
-­‐   “dal   credere”   nel   valore   di   ciò   che   si   sta   facendo,   in   quanto  
consapevoli   di   operare   per   il   bene   per   la   collettività   e   non   per   il  
proprio;  
-­‐   “dall’essere   coerenti”   in   ciò   che   si   dichiara   e   ciò   che   si   fa,  
rinunciando  a  logiche  spartitorie  e  alla  difesa  del  particolare;    
-­‐  “dall’essere  concreti”    dando  seguito  ad  azioni  che  offrano  reale  
valore   aggiunto   per   il   sistema   (efficienza,   efficacia,   coerenza,  
equilibrio).  

Innovazione  degli  strumenti  di  analisi  dei  fabbisogni  


L’analisi   dei   fabbisogni   formativi   del   mercato   del   lavoro   e   le  
conseguenti   indicazioni   di   orientamento   dei   sistemi   educativi   e  
formativi   sono   il   primo   settore   che   necessita   un   profondo  
rinnovamento  dei  metodi  e  degli  strumenti.  Infatti  se  è  vero  che  la  
formazione   non   risponde   ai   fabbisogni   delle   imprese,   ciò   è   dovuto  
principalmente   all’inadeguatezza   degli   strumenti   di   analisi  
disponibili  e  dalla  scarsa  strutturazione/collegamento  delle  reti  di  
soggetti   che   intervengono   sul   territorio   al   riguardo   (agenzia  
regionale   del   lavoro   in   primis,   poi   centri   per   l’impiego,   enti  
bilaterali,  associazioni  di  categoria,  enti  di  formazione,  università).    
 
Oggi   come   oggi   si   stanno   affrontando   queste   tipologie   di  
rilevazioni   ed   analisi   con   strumenti   vecchi,   obsoleti,   adatti   ad   un  
mondo   del   lavoro   ed   un   mercato   che   non   esistono   più;   con   una  
                                                                                                               
4  De  Bono  Edward,  1998,  “Essere  creativi”,  Il  Sole  24  Ore  
5  Bauman  Zygmunt,  1999,  “La  società  dell’incertezza”,  Il  Mulino  
sovrastruttura  di  soggetti  (in  particolare  quelli  che  rappresentano  
imprenditori   e   lavoratori)   spesso   ridondante,   che   opera   con  
logiche   concorrenziali,   naturalmente   tesa   a   mantenere   lo   status  
quo   in   termini   di   regole,   norme   e   metodi   e   che   raramente   è  
portatrice   di   reale   valore   aggiunto.   Occorre   immaginare   nuovi  
ruoli   -­‐e   soprattutto   responsabilità-­‐   per   coloro   che   vi   devono  
contribuire,   immaginare   nuovi   strumenti   operativi   di   raccolta   e  
diffusione  delle  informazioni,  sviluppare  strumenti  di  rilevazione  
ed  analisi  previsionale  diversi  dagli  attuali.  
 
Scaricare   la   responsabilità   della   scarsa   efficacia   dell’analisi   dei  
fabbisogni   formativi   sul   sistema   della   formazione   professionale  
oppure   attribuire   solo   all’ente   locale   la   capacità   di   affrontare  
seriamente   ed   efficacemente   le   problematiche   occupazionali   del  
territorio  significa  lavorare  per  cliché.  
 
E’   l’Agenzia   Regionale   per   il   Lavoro   che   dovrebbe   essere   motore  
dell’innovazione   e   sperimentazione   metodologica,   catalizzatore  
delle   eccellenze,   collante   e   coordinatore   della   rete   e   dei  
ruoli/responsabilità   attribuiti   ai   vari   soggetti   di   una   rete   che  
agisce   in   base     a   principi   di   sussidiarietà.     Un   simile   intervento  
risolverebbe   alla   radice   il   problema   della   corrispondenza  
fabbisogni/proposta   formativa,   quello   dell’auto-­‐referenzialità   dei  
sistemi  (non  solo  di  quelli  della  formazione,  ma  anche  di  scuola  e  
università  e,  non  ultimi,  di  quelli  della  rappresentanza  delle  parti  
sociali!)  per  gli  aspetti  sui  quali  questi  riescono  ragionevolmente  a  
intervenire  nel  breve  periodo  (altro  infatti  è  impattare  sui  trend  di  
scelta  delle  famiglie  e  cittadini).  
 

Politiche  di  orientamento  e  comunicazione  integrate  


Manca   nel   paese6,   ma   anche   nella   nostra   regione,   una   rete  
orientativo/informativa   integrata   per   il   Life   Long   Learning   in  
grado   di   facilitare   la   transizione   dalla   scuola   al   lavoro   (e  
viceversa),   nonostante   alcuni   tentativi   di   costruirla   ci   siano   stati.  
Molteplici   soggetti   intervengono   in   modo   parcellizzato   per  
promuovere   ciascuno   le   proprie   proposte   formative   o  
occupazionali  sul  territorio,  senza  reale  coordinamento,  senza  una  
strategia   di   comunicazione   complessiva,   spesso   senza   che   queste  
attività  trovino  esplicito  riconoscimento  formale  ed  economico.  
L’ottica  di  formazione  per  l’intero  arco  della  vita  implica  invece  un  
approccio   Life   Long   anche   per   le   politiche   di   informazione   e  
orientamento  del  cittadino,  studente  o  lavoratore  che  sia.    
Su   questo   versante   molto   si   può   e   deve   fare,   se   si   riescono   a  
superare   i   campanilismi   e   gli   ostacoli   derivanti   –anche   qui-­‐   dalla  
presunta   centralità   di   soggetti   che   ormai   centrali   più   non   possono  
essere   per   poter   fornire   un   servizio   di   questo   tipo   non   solo   agli  
studenti  ma  ai  cittadini  tutti.  
 
                                                                                                               
6  
Gelmini-­‐Sacconi,   2009,   “Italia   2020   -­‐   Piano   di   azione   per   l’occupabilità   dei   giovani  
attraverso  l’integrazione  tra  apprendimento  e  lavoro”  
E’   auspicabile   che   l’Agenzia   Regionale   dell’Orientamento   adotti  
senza   indugi   e   atteggiamenti   autoreferenziali   ottiche   di  
decentramento   del   servizio,     di   differenziazione   e   ampliamento  
della  rete  dei  soggetti  attivi  sul  territorio  a  vario  titolo,  di  garanzia  
di   prossimità   dei   servizi   al   cittadino,   di   integrazione   e  
implementazione  di  nuove  possibilità  orientative.      
Questo   è   –forse-­‐   l’unico   modo   per   controbattere   i   fenomeni   di  
abbandono   di   certe   professioni   a   causa   della   loro   scarsa  
attrattività;   di   promozione   e   comunicazione   delle   prospettive   di  
crescita   professionale   nelle   varie   aree   economiche   trainanti   del  
nostro   territorio   (vedasi   i   Poli   formativi   e   i   Poli   ITS);   del  
bilanciamento   fra   i   desiderata   degli   studenti,   le   richieste   delle  
imprese,   le   proposte   di   percorsi   formativi.   In   altre   parole   della  
promozione   di   una   cultura   del   lavoro   coerente   con   i   fabbisogni  
attuali   delle   imprese   e   con   le   strategie   di   sviluppo   futuro   del  
territorio.      
 
Ovviamente  la  questione  dell’attrattività  delle  professioni  non  può  
essere   solo   risolta   attraverso   l’informazione   e   l’orientamento:   è  
più   un   problema   di   mercato   del   lavoro   che   un   problema   della  
formazione  o  dell’orientamento.  
 

Riconoscimento  delle  competenze  professionali  e  attribuzione  


di    valore  d’uso  reale  delle  certificazioni  
Che  il  costrutto  di  competenza  sia  ormai  stato  assunto  come  unico  
possibile   riferimento   adottabile   per   favorire   la   trasparenza   fra  
sistemi  educativo/formativi,  mondo  del  lavoro,  cittadino  è  assodato.    
Benché  ci  si  trovi  ancora  in  presenza  di  una  moltitudine  di  modelli  
e  approcci  che  differenziano  le  singole  regioni  del  nostro  paese  e  
in   mancanza   di   un   riferimento   comune   europeo   non   è   più  
procrastinabile   l’adozione   da   aperte   della   nostra   regione   di   un  
sistema   di   verifica,   certificazione   e   riconoscimento   delle  
competenze   tecnico-­professionali,   anche   assunte   in   contesti  
formativi  non  formali.      
 
Questo   è   un   passaggio   fondamentale   e   che   coinvolge   in   modo  
molto   stringente   oltre   all’amministrazione   regionale   anche     le  
imprese   ed   i   sindacati   (che   purtroppo   al   riguardo   hanno  
dimostrato   finora   ben   scarsa   attenzione,   se   si   va   oltre   le  
dichiarazioni  di  principio  “da  convegno”).    
Infatti   il   valore   d’uso   di   una   certificazione   di   tal   genere   si   ha  
solamente  quando  a  fronte  di  un’attività  di  formazione,  verifica  e  
certificazione   delle   competenze   professionali   corrisponda   poi   un  
effettivo  riconoscimento  delle  stesse  da  parte  del  mondo  del  lavoro.      
 
Ciò  significa  recepire  all’interno  dei  contratti  di  lavoro  i  repertori  
regionali   di   riferimento,   legare   a   questi   standard   i   sistemi   di  
selezione   del   personale,   utilizzare   i   repertori   per   rilevare   e  
definire  i  fabbisogni  formativi,  applicarli  ai  sistemi  di  valutazione  
e  premianti  nelle  imprese,  ecc..      
 
Temi   evidentemente   delicatissimi   e   che   implicano   per   tutti   la  
difficile   “assunzione   di   responsabilità”   di   cui   si   è   parlato   in  
precedenza,   in   quanto     i   modelli   per   competenze   comportano  
vantaggi   e   svantaggi   sia   per   le   imprese   che   per   i   lavoratori   e,   di  
solito,  ciascuna  delle  parti  desidera  i  primi  rinunciando  volentieri  
ai  secondi.    
 
Un   simile   sistema   di   certificazione   offrirebbe   innumerevoli  
vantaggi   e   costituirebbe   un   passo   importante   verso   la   soluzione  
della   maggioranza   dei   problemi   che   i   cliché   ripropongono  
costantemente,  ne  ricordo  solo  alcuni:  
-­‐ l’interazione   efficace   (trasparenza)   fra   imprese,   sistemi  
dell’orientamento  e  sistemi  educativi  e  formativi;  
-­‐ una   programmazione   didattica   modulare,   snella   e   adattabile,  
che   coinvolge   direttamente   le   imprese   (per   la   valutazione  
delle   competenze,   per   l’utilizzo   di   laboratori   e   attrezzature  
che   nessuna   scuola   o   ente   di   formazione   può   più   ormai  
permettersi)  e  know-­‐how  specifici;  
-­‐ si   rivaluterebbe   e   darebbe   significato   al   “Libretto   formativo  
del   cittadino”   ed   i   lavoratori   vedrebbero   riconosciuto   sia  
formalmente   che   in   termini   di   effettivo   “valore   d’uso”   le  
competenze   acquisite   durante   lo   studio   Life   Long,   compreso  
l’apprendimento  in  contesto  non  formale.  
 
Operare  congiuntamente  per  perseguire  questi  ambiziosi  obiettivi  
dovrebbe  essere  uno  degli  impegni  prioritari  per  di  tutti  i  soggetti,  
in   particolare   sindacati   e   imprenditori.   Anche   in   considerazione  
del  fatto  che  a  livello  nazionale  si  sta  ragionando  sulla  possibilità  
di  eliminare  il  valore  legale  dei  titoli  di  studio  per  introdurre  una  
cultura  del  merito  e  della  qualità  sostanziale,  un  simile  approccio  
comporterebbe   automaticamente   un   profondo   rinnovamento   dei  
sistemi   educativi   e   soprattutto   in   quelli   della   formazione  
professionale   (competenze   dei   formatori,   sviluppo   metodologie  
innovative   di   valutazione     dell’apprendimento   e   dell’efficacia   e  
della   qualità   della   formazione,   sviluppo   di   strumenti   e   proposte  
formative   flessibili,   ecc.).   Formare,   certificare   e   riconoscere  
competenze   richiede   però   la   definizione   di   un   ruolo   formativo  
nuovo  per  l’impresa,  in  particolare  la  micro-­‐impresa,  senza  la  quale  
l’azione   formativa   per   competenze   rischia   di   essere  
inevitabilmente  monca.  
 
E’   un   cliché   invece   pretendere   che   ai   lavoratori   possa   garantire  
flessibilità   e   occupabilità   la   sola   formazione,   senza   che   siano  
presenti   gli   altri   meccanismi   necessari   a   sostenerle,   meccanismi  
che  sono  tipicamente  di  competenza  di  altri  soggetti.  
 
Un  ruolo  formativo  (verosimile)  per  l’impresa  
E’  vero  che  si  impara  facendo,  ma  serve  anche  una  prassi  riflessiva  
che  consolidi  i  saperi  acquisiti  lavorando;  su  tempi  e  modi  si  può  
discutere,  ma  che  questo  sia  necessario  è  certo.      
Non   per   nulla   la   questione   del   riconoscimento   e   strutturazione  
dell’apprendimento  non  formale  è  una  delle  questioni  centrali  nella  
discussione   sul   apprendimento   permanente   in   Europa.     Essa   si  
sostanzia   in   pratica   nel   problema   degli   standard   di   competenza  
professionale   di   riferimento,   di   cui   si   è   già   detto,   e   nel   ruolo  
formativo  che  l’impresa  può  verosimilmente  svolgere  all’interno  di  
un  sistema  sociale  che  le  chiede  anche  questo.  
 
Ci   riferiamo   qui   soprattutto   all’impresa   piccola   e   micro,   non   alla  
media   e   grande   che   già   possiede   al   suo   interno   strutture   di  
formazione  formale.  Sul  ruolo  formativo  della  micro  impresa  non  
si   dice   nulla,   non   esistono   ricerche   e   si   applicano   ad   essa   i   modelli  
che   emergono   dagli   studi   effettuati   su   quella   di   maggiori  
dimensioni,  che  sono  del  tutto  inutili  in  questo  diverso  contesto.  
 
E’   quindi   molto   importante   dare   inizio   ad   un   serio   confronto   per  
identificare  e  specificare  un  reale  “ruolo  formativo”  per  la  PMI  e  la  
microimpresa,   all’interno   di   un   sistema   di   formazione   Life   Long  
che  ha  le  competenze  professionali  al  centro  e  che  preveda  per  le  
aziende   un   coinvolgimento   diretto   nell’osservazione,   verifica   e  
analisi   delle   competenze   possedute   da   studenti,   tirocinanti   e  
lavoratori   in   stretta   collaborazione   con   i   sistemi   formativi,  
scolastici  e  universitari.  
 
Invocare   un   ruolo   attivo   dell’impresa   perché   tutti   sappiamo   che   si  
impara   facendo   e   quindi   si   apprende   solo   in   azienda   -­‐e   morta   lì-­‐   è  
un  cliché.  
 

Riforma  dei  sistemi  educativi  e  della  formazione  professionale  


Tutti   i   luoghi   comuni   sulla   scuola   e   sui   sistemi   di   formazione  
professionale  regionali  (con  gli  opportuni  e  necessari  distinguo  fra  
regione   e   regione   che   vanno   tenuti   presenti   nel   nostro   paese)  
rappresentano  delle  verità  vere  quando  si  riferiscono  a  problemi  
legati   alla   mancanza   di   una   riforma   organica   della   scuola   da   un  
lato  (fra  cinque  anni  dovremmo  vedere  i  primi  risultati  dell’ultimo  
atto   di   un   processo   di   riforma   iniziato   nel   2001   dalla   Moratti   e   sul  
quale  sono  intervenuti,  facendo  e  disfacendo,  quattro  governi)  e  al  
mancato  aggiornamento  della  legge  regionale  che  regola  il  sistema  
di  formazione  professionale  locale,  la  n.76  che  risale  al  1982.    
 
Sulla  scuola  c’è  poco  da  dire,  se  non  che  essa  vede  purtroppo  una  
progressiva   riduzione   delle   risorse   economiche   allocate   cui  
corrisponde   una   pressante   richiesta   di   evoluzione   e  
rinnovamento,   che   risulta   nei   fatti   impraticabile   a   causa   della  
mancanza  di  risorse  e  nell’impossibilità  di  intervenire  seriamente  
sul   personale   a   causa   degli   eccessivi   vincoli   posti   dai   contratti.  
All’interno   del   sistema   scolastico   è   impossibile   effettuare   una  
seria  valutazione,  selezione  e  composizione  del  corpo  docente  che,  
va  detto,  è  comunque  stato  sottoposto  a  innumerevoli  “strattoni”  
senza   che   una   strategia   complessiva   di   sviluppo   e   qualificazione  
del  sistema7  venisse  esplicitata  e  portata  a  compimento.  
Così   come   la   scuola   pubblica,   anche   il   sistema   della   formazione  
professionale   regionale   è   stato   sottoposto   negli   ultimi   anni   a  
modificazioni   radicali,   della   struttura   delle   organizzazioni,   nella  
tipologia   degli   interventi,   nelle   modalità   di   finanziamento,   nei  
rapporti   con   gli   altri   soggetti   economici   del   territorio.   Il   tutto   in  
mancanza   di   una   nuova   legge   che   impostasse   la   strategia   di  
sviluppo   di   lungo   periodo   del   sistema   educativo/formativo  
regionale  nel  suo  complesso.    Ne  deriva  un  sistema  che  si  muove  a  
vista,  prigioniero  di  vincoli  posti  nei  singoli  avvisi  e  bandi  di  gara,  
nonché  nei  regolamenti,  che  sono  privi  di  una  visione  strategica  di  
sviluppo.    
 
Sulla   necessità   di   porre   rimedio   a   tale   situazione   tutti   concordano  
ma  sono  ance  qui  presenti  interessi  incrociati  e  contradditori  che,  
in   mancanza   di   un   obiettivo   strategico,   la   politica   non   è   ancora  
stata   in   grado   di   risolvere.   E’   un   cliché   affermare   che   enti   di  
formazione   e   scuola     operano   per   mantenere   lo   status   quo   e  
costruiscono   proposte   formative   auto-­‐referenziali,   ciò   è   privo   di  
ogni  fondamento  nella  nostra  regione.  
 

Semplificazione  gestionale  e  amministrativa  


Occorre  trasformare  lo  slogan  proposto  a  tutti  i  livelli  di  gestione  
dei  fondi  comunitari,  cioè  la  “semplificazione  delle  procedure”,  in  
prassi  operativa.      
 
Ciò   si   può   realizzare   solamente   partendo   da   un   presupposto:   la  
semplificazione  va  riferita  all’utente  non  al  gestore  (cioè,  in  ordine  
di   priorità,     all’allievo   e   non   all’ente,   all’ente   e   non   alla   direzione  
regionale,   alla   regione   e   non   al   controllo   di   secondo   livello   ecc)  
con   un   ragionamento   che   parta   sistematicamente   dalla   base   (dal  
fruitore  del  servizio)  e  non  dal  vertice  (chi  fornisce  il  servizio)  su  
tutta  la  catena  del  valore.    
 
Fare   questo   richiede   una   volontà   politica   fortissima   e   un  
coinvolgimento   straordinario   dei   funzionari   regionali   e   dei  
soggetti   attuatori   “per   spostare   l’attenzione   dalle   procedure   ai  
risultati  e,  prima  ancora,  al  destinatario”8.  

                                                                                                               
7  Campione-­‐Ferratini-­‐Ribolzi,  2005,  “Tutta  un’altra  scuola”,  Il  Mulino  
8  
Gelmini-­‐Sacconi,   2009,   “Italia   2020   -­‐   Piano   di   azione   per   l’occupabilità   dei   giovani  
attraverso   l’integrazione   tra   apprendimento   e   lavoro”,   Priorità:   Facilitare   la   transizione  
dalla  scuola  al  lavoro