Sei sulla pagina 1di 48

DM1POM...............23.03.2011.............17:49:43...............

FOTOC24

NUOVA

GAZZETTA DI MODENA Inserto gratuito al numero odierno della Gazzetta di Modena


Direttore responsabile: Antonio Ramenghi - Stampa: Citem Mantova

-
1981 2011

30
°

Anniversario

UNOCCHIOALPASSATO
PROGETTANDOILFUTURO di Antonio Ramenghi
Tocca me, ultimo arrivato, saluta- mo, di quel che andiamo a cercare
re i nostri lettori e con loro brindare per informare chi non ha tempo e
a questo compleanno importante del- modo di farlo.
la Gazzetta di Modena. Cercando soprattutto di dar voce e
Trent’anni per un giornale sono po- spazio a chi non ce l’ha, o fatica ad
chi e tanti insieme. Sono comunque averlo, rappresentando come meglio
l’età della maturità piena, quella do- possiamo la realtà modenese nelle
ve si può e si deve dare il meglio. E al- sue tante luci e anche nelle sue om-
lora, da ultimo arrivato, vi dico cari bre. E continueremo ad essere la vo-
lettori che qui c’è un gruppo di bra- ce libera di questa comunità.
vissimi professionisti impegnati a da- Ripercorrere brevemente con voi i
re il meglio. Alcuni sono qui sin dal nostri primi trent’anni è un modo
primo giorno, quel 24 marzo del 1981, per ricordare insieme il cammino fat-
quando le rotative stamparono il pri- to, le gioie e i dolori provati, ma so-
mo numero. prattutto la crescita della nostra co-
La Gazzetta da allora è molto cam- munità che ha fatto passi importanti
biata, nei contenuti e nella grafica, sia sul piano culturale e sociale che
migliorando i propri servizi e da ulti- su quello economico.
mo avviando, come è stato con l’edi- La vostra Gazzetta nel corso di que-
zione per le edicole, un intensissimo sto 2011 realizzerà anche un impor-
rapporto con la nostra provincia nel- tante rinnovamento che marcherà Inserto a cura di:
la versione sul web, www.gazzettadi- una leadership informativa nella no-
modena.it. Il nostro sito è cresciuto stra provincia utilizzando tutti gli Rossella Sant’Unione, Saverio Cioce, Stefano Luppi
rapidamente e lì i nostri lettori posso- strumenti che la tecnologia oggi ci
no interagire con la redazione e con consente per informarvi.
gli altri lettori. In questo modo dan- Mi fermo qui, cari lettori, lascian-
do vita a una comunità che insieme dovi allo sfoglio di queste pagine spe-
vuole conoscersi, discutere, confron- ciali, con gli interventi dei direttori 1981 - 2011
ALL’INTERNO

30
tarsi sul presente e sul futuro delle che in questi trent’anni mi hanno
nostre città. preceduto (Candido Bonvicini, Um- °
Nel primo numero di trent’anni fa
l’allora direttore titolava il saluto ai
berto Marchesini, Carlo Accorsi,
Pier Vittorio Marvasi, Antonio Ma-
24 marzo 1981
lettori “Senza padrini e senza padro- scolo e Claudio Salvaneschi), con i sa-
Anniversario
In edicola debutta
ni”. Per la Gazzetta è così anche og- luti dei nostri rappresentanti istitu-
gi. Siamo senza padrini e senza pa- zionali, con la riproposta di uno sti- la Nuova Gazzetta
droni. molante articolo che Edmondo Ber-
Abbiamo un editore che ha fatto selli scrisse su queste colonne il 10 È un martedì mattina il primo
grande il nostro gruppo editoriale e gennaio 1987 e che trovo ancora at- giorno della Nuova Gazzetta di
che ci lascia liberi, pienamente libe- tuale, come molti dei suoi scritti per Modena che torna in edicola il
ri, di fare il nostro lavoro di giornali- la Gazzetta. 24 marzo dell’81.
sti. E questo è per noi un grande van- Cari lettori, ci avete voluto bene
taggio, raro nel panorama della stam-
pa nazionale, ma insieme anche una
per trent’anni e so che continuerete
a volercene. Grazie. E sappiate che
6 settembre 2007
grande responsabilità. siete ricambiati da tutta la redazio- Il mondo piange
Al “senza padrini e senza padroni” ne, dai tipografi, dagli amici della
io vorrei aggiungere anche un “sen- concessionaria Manzoni. Luciano Pavarotti
za nemici e senza amici”. Nel bene e Un ultimo, speciale saluto lo voglio
nel male (che speriamo sia poco) sia- riservare, anche a nome vostro, agli
mo mossi solo dalla voglia di far be-
ne il nostro mestiere che è quello di
edicolanti modenesi che svolgono
per noi e per voi un lavoro importan-
12 maggio 2002
dar conto con onestà intellettuale di te, prezioso e sappiamo quanto fatico- Il Modena di Amadei
quel che succede, di quel che vedia- so. Un grazie anche a loro.
torna in serie A
P12POM...............23.03.2011.............17:23:15...............FOTOC24
DM2POM...............23.03.2011.............17:13:53...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 III

L’avventura del ritorno in edicola


Tre direttori in cinque anni e una redazione di giovanissimi
Nel microcosmo dei giornali la nascita di scontato. La capacità non solo di raccontare nelle mani della famiglia del fondatore Arnol- un blasone antico di tre secoli, la tipografia
un nuovo quotidiano finisce sempre per assu- ma anche di trovare notizie, approfondirle e do, è oculato. Attorno al nucleo della Gazzet- che fu ammodernata da cima a fondo con im-
mere toni da epopea i cui contorni si distin- spiegarle, si mette insieme con tenacia. ta di Mantova vengono allestite le redazioni pianti nuovi di zecca. A Modena e Reggio tor-
guono nelle storie personali, nei ricordi di Chiusa per problemi finanziari la vecchia per le due testate gemelle dall’altra parte del navano testate scomparse da meno di un de-
chi resta e in quelli di chi torna, magari, per testata risorgimentale nei primi anni ’70, la Po, mettendo in comune la tele-trasmissione cennio, con redazioni fatte da pochissimi pro-
una rimpatriata. Anche la Gazzetta di Mode- Mondadori sceglie di entrare nel settore dei con i primissimi computer, per mandare in ti- fessionisti e giovani che dovevano imparare
na non fa eccezione. Con tre direttori nei pri- ‘locali’ nel 1981, dopo il positivo debutto nei pografia testi già composti e a misura. Fu tra il mestiere a bottega, scrivendo ogni giorno
mi cinque anni sta lì a dimostrare come la quotidiani con la ‘Repubblica’ di Eugenio i primi esperimenti editoriali di questo tipo di tutto, cercando di capire senza giudicare.
formula del consolidamento in edicola, del Scalfari, di cui è socia. L’esordio di un gigan- in Italia. Il giornale mantovano portava in do- Ecco come i primi tre direttori ricordano
radicamento tra i lettori, non è mai un fatto te editoriale, all’epoca ancora saldamente te un patrimonio consolidato di esperienze, le esperienze di quegli anni.

Quei giorni di allegro furore Ritmi frenetici per una sfida Amore per Modena e la sua gente
riportando ai lettori La Gazzetta che era anche una vita magnifica e il rispetto per “i suoi ragazzi”
Che giorni di allegro furo- mi volle a ce- Quanto ho amato questa città che nella Carlo Accorsi, terzo diretto- vivere - iro-
re furono quelli di trent’anni na nella soli- mia memoria è come un profumo prezioso re della Gazzetta dal 1983 al nia della sor-
fa quando si decise di riporta- ta trattoria composto da ingredienti che vanno dal sapo- 1985, è scomparso nel 1998. te - proprio
re la Gazzetta in edicola. di Maranello re di gioventù, alla tensione di una sfida per Qui di seguito pubblichiamo vicino alla
Una ventata di sana follia dove aveva far nascere il nuovo quotidiano cittadino, al- il ricordo della figlia France- vecchia sede
sembrava soffiasse non solo una stanza le corse affannose per riuscire a chiudere il sca, che vive e lavora a Man- della Gazzet-
sulle redazioni e sui giornali- riservata e giornale in tipografia con tutto, ma proprio tova e che nelle righe che se- ta. Amava
sti ancorati alle abitudini de- che mi ama- tutto quello che è accaduto in giornata, al pia- guono traccia un ritratto af- Modena e
cennali negli uffici delle tra- va perchè cere, a ogni ‘indomani mattina’, di sfogliare fettuoso del padre. amava rac-
dizioni consolidate: il ritorno ero stato il il giornale appena uscito confrontandolo con contarla, at-
dell’antico quotidiano che si- compagno di la concorrenza. E così ogni santo giorno del «È difficile riuscire a tra- traverso la
gnificato avrebbe avuto per banco di Di- calendario, salvo i sei in cui i quotidiani non smettere a parole i ricordi, le Gazzetta,
una platea di lettori un pò im- no a Villa Candido escono e, magari, qualcun altro di ferie (non Umberto emozioni e le sensazioni lega- giorno dopo Carlo
pigrita e su cui era scesa an- Braida e con Bonvicini troppi - mi raccomando - per riposarsi) ma Marchesini ti a mio padre e al periodo in giorno. Ri- Accorsi
che l’abitudine agli appunta- lui avevo fat- sempre con l’orecchio al telefono fissso: i cel- cui egli lavorò alla Gazzetta cordo anco-
menti con le televisioni? to a mano il giornalino di lulari erano di là da venire. A qualcuno parrà una vita infa- di Modena. Sono ricordi di ra i sabati mattina di luglio,
La vecchia Gazzetta che ri- classe, il ‘Ficcanaso’. me, invece per me e per tutti i colleghi che partecipavano a una bimba, avevo dieci anni quando eravamo in vacanza
torna come un giovane Laz- E anche per questo il gran- quell’ avventura pareva una vita magnifica. Impossibile far- all’epoca, intrisi di quell’a- nelle Marche, e lui dettava al
zaro o un’icona riscoperta e de Enzo mi voleva bene. ne senza, come ora mi è impossibile non rimpiangerla. Per- spetto fiabesco che sempre telefono il fondo per l’edizio-
spolverata? Questo ed altro Lui dialogava solennemen- chè a quella sfida, ingaggiata nei primi anni Settanta dalla assumono i ricordi lontani. ne della domenica, rigorosa-
si chiedevano gli ipotetici te con Canestrini, Brera e gli Mondadori di Mario Formenton, neoproprietaria della Gaz- Gli anni modenesi sono sta- mente a braccio, senza aver
duellanti: sarà più difficile la altri mammasantissima del zetta di Mantova, ero stato chiamato dal presidente della so- ti indubbiamente uno dei mo- scritto nemmeno un appun-
concorrenza? Meglio punta- giornalismo sportivo; a me ri- cietà editrice ‘Editoriale Le Gazzette’, Piero Ottone, da poco menti più felici della vita di to. Mi piaceva il suo modo di
re sulla cronaca nera o sui spondeva molto semplice- ex direttore del Corriere della Sera. mio padre, dal punto di vista scrivere schietto, caustico,
retroscena della politica? mente: «Sì, no, forse. Candi- Da principio come inviato per i tre quotidiani, l’antica Gaz- umano e professionale. Scel- essenziale, mai retorico, pro-
E come influirà l’ora di do: però la vedo così...» zetta di Mantova, più i due giornali neonati, per volontà della ta difficile, quella di lasciare fondamente ironico.
chiusura delle pagine? Sapre- Ecco perchè tornai a Mode- Mondadori, Gazzetta di Modena e Gazzetta di Reggio. In quel- la famiglia, sia pure durante Ricordo anche le sue arrab-
mo interpretare gli umori di na con il cuore e batticuore. la veste su indicazione di Ottone, feci una serie di lunghe in- la settimana, e di trasferirsi biature, quando sfogliando il
una provincia sempre aperta Riaprivo la Gazzetta dove terviste (nei settimanali popolari si chiamano ‘a cuore aper- in un’altra città. Scelta im- giornale trovava qualche re-
alle innovazioni e coraggiosa- era stato cronista anche mio to’) ai personaggi delle tre importanti città. Qualche nome: portante, di cui mio padre fuso, o qualche inesattezza.
mente tesa alla conquista di fratello Giancarlo, nome di Luciano Pavarotti, Giuseppe Panini, Carlo Alberto Cornelia- non si è mai pentito e che ha Era un perfezionista, esigen-
nuovi traguardi? Noi doveva- battaglia ‘Giancabò’. Avrei ni, Romano Prodi, De Tomaso, Giacobazzi, Cremonini e tan- sempre ricordato con immen- te con sè stesso quanto con
mo e potevamo essere gli in- riscoperto gli incontri con tissimi altri. Un modo, mi spiegava Ottone, per capire e in- sa soddisfazione. chi lavorava al suo fianco.
terpreti del nuovo, ma anche Mario Venturelli, il grande serisi nel territorio in cui uscivano i nostri quotidiani. Ricordo quanto ero fiera di Amava profondamente il suo
i custodi dei tanti patrimoni solitario pittore che viveva Pochi mesi dopo sempre Piero Ottone, mi convocò per affi- lui - era il Direttore! - e quan- lavoro, ed è stata per lui un-
di questa provincia, viva e vi- ai Tre Olmi. darmi la direzione della Gazzetta di Modena che per quasi to ero emozionata ad andare ’immensa soddisfazione riu-
tale come poche. Quando diventai direttore due anni mi fece vivere una delle più belle avventure della a trovarlo in ufficio, nella scire a far decollare la Gaz-
Tornavo a Modena dall’ della Gazzetta commisi un mia vita. Insieme a colleghi coi quali ho condiviso le fatiche e vecchia sede di via Emilia zetta e a renderla una testata
“esilio” bolognese, dalle pere- peccato di omissione al qua- l’ebbrezza di un quotidiano in continua espansione. est 36. Ero fiera di vedere il con una tiratura importante,
grinazioni in molte terre, e le vorrei rimediare oggi. Fu un periodo fortunato, fatto più di vittorie che di sconfit- rispetto e la stima di cui go- rispettata ovunque. Era un
con l’orgoglio di tornare nel- Non citai il mio direttore te. La squadra funzionava a tal punto che si fece nascere an- deva tra i ‘suoi ragazzi’, mi giornalista vecchio stile, lo
la mia città come direttore Marcello Morselli, il mio ca- che la testata Gazzetta di Carpi. Insomma, si filava con il ven- sentivo importante anch’io era nell’anima. Ancora oggi
dell’antico quotidiano. Volle- pocronista Remo Lugli che to in poppa per costrure le fondamenta di quello che altri di- perchè ero sua figlia. l’amore per la scrittura, per
ro festeggiarmi in molti. Lu- aveva vinto uno dei Premi rettori, insieme alla storica redazione, con qualche dipartita Mio padre ha amato Mode- l’uso corretto della lingua, il
ciano Pavarotti con una spa- Viareggio con ‘Le formiche verso nuovi lidi professionali e qualche arrivo, hanno poi fat- na e la sua gente, e ne è di- piacere di raccontare con le
ghettata casalinga: lui muo- sotto la fronte’, Augusto Mi- to diventare un importante edificio qual è l’attuale Gazzetta ventato a pieno titolo un cit- parole il mondo che mi cir-
veva il mestolo e canticchia- nucci saggio e coltissimo or- di Modena, il quotidiano di una città e di una provincia fra le tadino a tutti gli effetti. Vive- conda sono l’eredità profes-
va davanti ai fornelli un’aria ganizzatore della Terza pagi- più belle e sviluppate d’Italia. Dove si continua a eccellere re ed amare la città era il suo sionale che mi ha lasciato. È
della Boheme, Giuseppe Can- na che mi aiutò a leggere nel lavoro, ma anche a sapersi godere i piaceri della vita, modo per esser modenese, scomparso da tanti, troppi
carini Ghisetti che stava nei Steinbeck, Hemingway e quelli della buona tavola in testa. E dove, mi si conceda un ri- perchè solo facendo parte anni. Sul comodino ho anco-
libri di storia per aver guida- Faulkner. I giornalisti spes- cordo e un rimpianto molto personale, riposa, nella chiesa della città riteneva di poterla ra oggi una sua foto alla Gaz-
to la resa degli ottantamila so sono immemori e ingrati. del convento francescano di Puianello, padre Raffaele da Me- raccontare. L’ha apprezzata zetta, seduto alla scrivania
tedeschi in Alta Italia, sodale Qualche volta, se possono stre che ho conosciuto da ragazzo a Salsomaggiore. A cui de- talmente tanto da trasmetter- con l’immancabile sigaretta
di mio padre Elio nel corso rimediano. Come sto facendo vo tantissimo. Anche questa mia professione. mi lo stesso amore, al punto in mano: sullo sfondo una
Allievi Ufficiali e amico di oggi. E per tutti, della mia re- L’avrete capito. Modena e la Gazzetta sono un pezzo impor- che, dieci anni dopo, quando enorme foto aerea di Mode-
Enzo Ferrari: «Il mio unico, dazione, saluto Daniela, pre- tante della mia vita. Lasciatemi finire qui perchè, e non me ho deciso di studiare Giuri- na, con il Duomo e la Ghir-
vero amico» scrisse di lui il ziosa e impareggiabile segre- ne vergogno, mi sono venuti i lucciconi agli occhi: lunga vita sprudenza, non ho avuto dub- landina E un sorriso sulle
Drake ne ‘Le mie gioie terri- taria di redazione. e altri trionfi mia amatissima e indimenticata Gazzetta. bi su quale università sceglie- labbra».
bili’. Già, Enzo Ferrari che Candido Bonvicini Umberto Marchesini re. Sono tornata a Modena, a Francesca Accorsi

www.mo.cna.it

Ci si mette molto
tracce.com

per diventare giovani


{P. Picasso}

leader nei valori. Paolo, imprenditore


DM3POM...............23.03.2011.............17:14:02...............FOTOC24

IV GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

«Il mondo e il mondo di Modena»


Lo slogan del lancio sempre attuale per un’informazione attenta e vivace
Non si bagna il pennino nell’inchiostro del- no essere guardate con la stessa attenzione. nieri di questa informazione sono stati i gior- ne anzichè il ‘lenzuolo’ con nove colonne, te-
la retorica se si dice che con la Gazzetta, dal E che la stessa meticolosità poteva e doveva nali nati assieme e dopo la Gazzetta. Dagli an- stimoniava la voglia di praticità. In trent’an-
1981, diventa quotidiano un nuovo modo di essere usata per i resoconti delle sedute del ni Ottanta in poi è stato tutto un fiorire di ini- ni la Gazzetta di Modena ha cambiato tre vol-
guardare alla propria città e alla provincia. Parlamento come per quelle del consiglio co- ziative editoriali sull’esempio di Modena-Reg- te sede: via Emilia est 36, via Taglio 22 e via
«Nel vostro giornale Sandrone e Woody Al- munale. gio-Mantova: non più un secondo dorso, un Ricci 56, per ospitare una redazione via via
len» c’era scritto a lettere cubitali sui manife- «Cambiano i confini geografici delle noti- giornalino di serie B con cronache di piccola più numerosa. E il futuro? L’innovazione di
sti che anticiparono il ritorno del giornale. zie che seguite, non la cura con cui le raccon- importanza, ma il coraggio di affrontare le prodotto, ormai in arrivo, con pagine comple-
Che cosa voleva dire? Che le notizie di casa e tate». Era questo uno dei punti cardine del questioni irrisolte di casa propria con una fo- tamente a colori. Qui di seguito pubblichia-
quelle da Roma avevano la stessa dignità; an- decalogo che veniva ripetuto come un’impe- liazione molto ricca, anche 48 e 56 pagine. mo il diario di bordo dei direttori che si sono
zi, che il mondo e il mondo di Modena poteva- rativo morale. Bisogna convenire che i pio- Lo stesso formato, semitabloid a sei colon- succeduto dal 1986 al 2011.

Quando De Tomaso e Iacocca Io, un direttore fortunato Una città sempre sorprendente
pensavano a nozze Fiat-Chrysler tra grandi persone ed eventi specie davanti a sfide difficili
Ma qui siamo in Polonia o chiacchiere Sono stato un direttore fortunato. Ho visto Claudio Salvaneschi, diret- anche i tem-
nella Silicon Valley? Era que- con lui all’ho- la Ferrari rivincere il mondiale dopo 21 anni, tore della Gazzetta dal 2008 a pi difficili.
sta la domanda furbina che tel Canal- il Modena calcio tornare in serie A, la Panini metà gennaio del 2011, raccon- Un giorna-
ci si doveva aspettare da chi grande che volley conquistare il mondo. Ho scovato il fi- ta i suoi tre anni in cui è ri- le vive e cre-
si trovava di passaggio a Mo- era casa sua, glio di Togliatti, Aldino, in una clinica di Mo- masto alla guida del nostro sce nel tem-
dena negli anni Ottanta. poteva succe- dena. Ho usufruito delle folli intuizioni di Lu- giornale. Per lui, con espe- po proprio
Domanda di sicuro succes- dere di tro- cianone e del suo Pavarotti International, ho rienze professionali in tutta come una
so, almeno al caffè e nei salot- varlo in com- visto il mondo politico sfaldarsi, sono arriva- Italia e le radici in Emilia, la persona, im-
ti, se non proprio nelle boc- pagnia del to che c’erano Pci e Dc e me ne sono andato scoperta di Modena è stata para, racco-
ciofile e all’ipercoop. Metten- suo grande in una sarabanda di simboli, e già ci si do- un’esperienza quotidiana. glie esperien-
do piede in quel fortunato amico Lee Ia- mandava quando sarebbe finito Berlusconi. ze, soffre e
tassello provinciale di un’Ita- cocca, che da Sono stato un direttore fortunato. Da Modena si vede lonta- ha momenti
lia altrove arrancante, era figlio di im- Pier Vittorio Mi hanno chiamato (Piero Ottone, Rino Antonio no, si vede l’Italia come è sta- felici. Claudio
impossibile capire come quel- migrati della Marvasi Bulbarelli, la Mondadori pre-Cavaliere) alla Mascolo ta e quello che sta diventan- Soprattut- Salvaneschi
la società rigorosamente or- provincia di Gazzetta di Modena che non avevo ancora 35 do, si vedono rotte e obietti- to si sforza
dinata potesse esprimere an- Benevento aveva scalato la anni (oggi è l’età nella quale si viene assunti, se va bene, co- vi, trappole e paure: si vede di rendersi utile al meglio
che, in una sorta di scenario Ford fino a diventarne presi- me redattori ordinari). Sono arrivato che usavamo dei termi- quello che da direttore della delle sue possibilità.
parallelo, una straordinaria dente ed era poi passato a sal- nali di fatto ciechi - sistema Seledi - e me ne sono andato con Gazzetta di Modena per qua- La Gazzetta è stata sempre
concentrazione di spiccatissi- vare la Chrysler. Se Cesare e per Internet. si tre anni ho cercato di inter- uno sprone costante a fare
me individualità, alcune di Romiti e gli Agnelli avessero Ho avuto la fortuna di frequentare dei veri e propri giganti pretare e raccontare, insie- meglio, a fare di più, sempre
spessore nazionale, qualcu- dato retta al progetto messo dell’informazione, gente che veramente ha fatto del bene a me ad una redazione forte e dalla parte dei cittadini: que-
na mondiale. a punto da quei due sotto la questo e ad altri giornali: da Carlo Caracciolo a Mario Lenzi, attenta. sto è nel suo Dna, fa parte
Se osservavi e raccontavi Ghirlandina, la Fiat, che an- a Sergio Carlesi, a Marco Benedetto a Luigi Riccadona, a Lo- Essere stato alla guida del- della sua storia.
dalla redazione di un giova- che allora se le cavava per il renzo Bertoli, Sergio Baraldi, Bruno Manfellotto, Luigi Car- la Gazzetta, dopo i molti anni La Gazzetta è tante cose in-
ne giornale locale gli accadi- rotto della cuffia, non avreb- letti e la lista sarebbe ancora tanto lunga. del collega e amico Antonio sieme.
menti di quell’intreccio socia- be dovuto aspettare altri Con loro negli anni abbiamo rivoltato il giornale come un Mascolo, è stato davvero mo- Da fuori, arrivando a Mo-
le senza eguali, potevi riceve- trent’anni e Sergio Marchion- calzino in una gara continua al miglioramento, nel cercare tivo di orgoglio. dena, si hanno in testa le soli-
re la telefonata dell’Ingegne- ne per fare la società con di essere uno strumento d’informazione indispensabile. La Gazzetta è il giornale di te cose: la Ferrari, il mangia-
re, quello che nell’universo Chrysler. Quel genio di Giu- Sono stato un direttore fortunato. Modena, di una comunità re bene, il Duomo e la pove-
automobilistico era più im- seppe Panini dedicò per sette Ho potuto sempre sbagliare di testa mia, mai per conto ter- con un grande senso civico e ra Ghirlandina, l’Accade-
portante della General Mo- anni molto del suo tempo al- zi. Ho avuto, infatti, per venti anni un Editore vero che della una indubbia saggezza del mia.
tors. Era circa la metà degli la Camera di Commercio, di fiducia nei propri uomini ha fatto tesoro, modello, baluardo, buon vivere che si sta però Poi, s’impara tutto il resto,
anni Ottanta, una delle sue cui aveva accettato la presi- rispetto. scontrando con problemi e e dirigendo la Gazzetta lo si
ultime stagioni, quando En- denza per puro spirito di ser- Sono stato un direttore fortunato. Ho imbarcato sulla nave criticità a cui la politica non impara rapidamente.
zo Ferrari si sentì ingiusta- vizio. Modena poteva permet- corsara della Gazzetta dei ragazzi imberbi che ora sono fior riesce più a dare concrete, ra- C’è l’economia, la politica,
mente bersagliato da reso- tersi per quella carica l’in- di professionisti, alcuni anche per giornali nazionali. pide risposte. la sanità, la cultura, c’è un
conti e commenti; andò su ventore dell’impero delle fi- Ho goduto degli scontri e dei confronti di persone, redatto- Celebrare oggi questo anni- ‘sistema - Modena’ che un
tutte le furie e alla conferen- gurine. Ma attenzione era do- ri, davvero di valore. Abbiamo gioito e sofferto assieme (co- versario della Gazzetta è im- quotidiano può contribuire a
za stampa invitò non più di vuta anche a una sinistra in me quando morì per Aids la nostra carissima poligrafica Da- portante perchè ci si sente mantenere vivo e vigile, a di-
una dozzina di testate di tut- difficile equilibrio tra la sua niela). Ci siamo arricchiti e anche se capitava di mandarci a parte di una storia ricca e fendere e a far progredire.
to il mondo, compresa ovvia- organizzazione locale e il ruo- quel paese, ci siamo voluti bene. dalle mille sfaccettature, Le antiche strade di Mode-
mente la Gazzetta di Modena lo di apripista sul piano na- Sono stato un direttore fortunato. Tanto mi hanno regalato una storia viva e fatta di uo- na, i suoi cieli, la luce rossa
nella persona del suo diretto- zionale. persone come Mario del Monte, Pier Camillo Beccaria, Giu- mini e donne che amano Mo- dei tramonti e le voci, i sorri-
re di allora, che ero io. Di au- Modena concedeva piena seppe e Franco Cosimo Panini. E nella straordinaria ricchez- dena. si e anche le urla, tutto rima-
tomobilismo sportivo ero as- fiducia al suo giornale che za e organizzazione di Modena la mia oasi, quasi quotidiana, La Gazzetta è davvero un ne impresso nella mente: c’è
solutamente digiuno, e Ferra- da parte sua cercava di ri- era una corsa al campo d’atletica, a quella meravigliosa vascello agile che si muove la città vera e quella immagi-
ri lo sapeva. Però il suo sen- cambiare. E quelle sue cre- realtà che è la Fratellanza di Finelli e Gigliotti, di centinaia in un arcipelago dalle acque nata e in un giornale le due
so delle istituzioni era tale scenti capacità ebbero una di persone serie, che faticano per piacere e per un risultato, a volte tempestose, ma sem- città coesistono, vivono l’u-
da apparirgli inconcepibile convincente dimostrazione senza ricevere una lira. pre con una rotta precisa, e na nell’altra, crescono e an-
che non fosse invitato anche quando sulla Gazzetta comin- Eppoi quel giovanissimo Massimo Bottura, per noi era il con una linea chiara e traspa- che sfioriscono a tratti e poi
il direttore del giornale di ciò ad apparire la foto di più grande cuoco del mondo: e lo è diventato davvero. rente. si riformano.
Modena. Edmondo Berselli, che esor- Sono stato un direttore fortunato. Sono i lettori esigenti Io credo nel patrimonio di Un giornale ha questo com-
Un altro grande dell’auto- dì nel giornalismo nella sua che fanno un buon giornale e i modenesi sono sanguigni e risorse, di passione, di intelli- pito anche: mantenere viva
mobile, Alejandro De Toma- città, subito proponendosi co- perfezionisti e ci hanno aiutato non poco: noi avevamo il ti- genza e di onestà intellettua- la città e non lasciarla assopi-
so, che pure non era di origi- me scrittore di gran razza. mone ma loro erano il vento. Sono stato un direttore fortuna- le che è racchiuso nella reda- re o cadere nella sfiducia,
ni modenesi e nemmeno ita- La Gazzetta ringraziava to. Adesso che è finita, guardo la Gazzetta di Modena, la sfo- zione della Gazzetta e che è nell’ignavia o, peggio, nella
liane, da Modena non voleva Modena consegnandole un glio con orgoglio e mi trovo come a casa. M’illudo di trovarci un altro dei piccoli tesori del- rassegnata accettazione del-
allontanarsi neanche a Fer- grande personaggio in più. ancora qualcosa di mio, di nostro. la città che possono aiutarla l’esistente.
ragosto. Passando a fare due Pier Vittorio Marvasi Antonio Mascolo ad affrontare le nuove sfide e Claudio Salvaneschi
P13POM...............23.03.2011.............17:22:49...............FOTOC24
DM4POM...............23.03.2011.............17:14:05...............FOTOC24

VI GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

Buon compleanno dalle istituzioni


Gli auguri del Comune e dei presidenti della Provincia e della Regione
Trent’anni che, nella storia dell’informazione, hanno se- zetta di Modena sono arrivati in redazione i messaggi delle
gnato uno dei periodi più significativi di tutti i tempi, caratte- tre figure istituzionali più importanti del nostro territorio. A
rizzato da evoluzioni e rivoluzioni epocali. Dalla macchina fare gli auguri sono stati infatti il sindaco di Modena Giorgio
da scrivere fino al computer, dalla carta stampata alle infor- Pighi, il presidente della Provincia Emilio Sabattini e il presi-
mazioni in tempo reale on line, i tre decenni di vita della Gaz- dente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani. Qui di se-
zetta hanno visto il giornale tradizionale trasformarsi al pas- guito, in questa e nelle successive due pagine, i loro interven-
so con il resto della società in un crescendo entusiasmante ti che ribadiscono l’importanza dell’informazione e della
che, guardando agli anni passati, a volte sembra ricoprire un stampa locale sottolineando anche il valore e il significato de-
arco di tempo ben maggiore. gli investimenti, recentissimi ma già consolidati, sul fronte
In occasione del trentesimo compleanno della Nuova Gaz- della comunicazione multimediale e in rete.

GIORGIO PIGHI, SINDACO DI MODENA

Una tappa che ci rende orgogliosi


Un importante traguardo. E a tagliarlo è un po’ tutta la città
Trent’anni di “Gazzetta di nuove visioni, nuove compe-
Modena” sono un gran bel tenze, nuovi linguaggi.
compleanno, un appunta- E la “Gazzetta” interpreta
mento che ci fa sentire an- bene tutto questo, come si in-
che un po’ orgogliosi perché tuisce dall’effervescenza con
a tagliare quel traguardo in la quale, dalla carta stampa-
fondo siamo anche noi. ta, si sta aprendo alla rete in-
È una storia che ci aiuta a ternet e alla multimedialità.
comprendere la realtà in cui Io sono tra coloro che non po-
viviamo, una realtà alla por- trebbero mai rinunciare a
tata dei nostri occhi, e che al sentire le pagine sotto le dita
tempo stesso nel rituale
ci ricompren- sfoglio mat-
de. Sulle pa- tutino del
gine di un giornale e,
giornale, so- con l’orgo-
prattutto del- glio di appar-
la città, si tenere a que-
compone e si sta città, leg-
ridefinisce go “alla mo-
ogni giorno denese”, cioè
una rappre- mi ci spec-
sentazione chio. Alla ri- Una veduta di piazza Grande col Comune, il Duomo e la Ghirlandina La Bonissima, il simbolo della città di Modena, sul palazzo comunale
di Modena cerca di noti-
che cambia zie, ovvia-
nel tempo e mente, ma
che ci aiuta anche con at-
a non smar- tenzione alle
rirci e a non critiche e ai
perdere la commenti.
memoria. Cerco con-
Segno rin- ferme alla
novato di mia idea di
una lunghis- città, certo, e
sima tradi- mi piace rico-
zione di vita- noscerla an-
lità della che nelle cu-
stampa loca- riosità minu-
le che oggi si te o nei risul-
riconferma tati raggiun-
con quattro ti nella cultu-
quotidiani ra, nell’am-
nelle edicole, biente, nel
periodici, te- Giorgio Pighi sociale, nello
levisioni e ra- sport. Dalla
dio che indicano una vivace lettura cerco di trarre ele-
situazione di pluralismo e menti per una lettura nuova,
quindi di democrazia. Per la adeguata ai nostri giorni e a
mia generazione, i trent’anni quelli che verranno, per con-
segnavano l’appartenenza or- tribuire a far sì che Modena,
mai definitiva alla stagione pur con tutte le difficoltà, re-
della maturità; per i ragazzi sti un gran bel posto dove vi-
e le ragazze di oggi indicano vere.
il tempo in cui ci si affaccia Giorgio Pighi
sulla scena sociale portando Sindaco di Modena La sala del Consiglio comunale, al primo piano del palazzo municipale, durante una seduta

Le cose non,
come crediamo,
tracce.com

avvengono
ma vengono.
{Seneca}
Alberto, consulente
DM5POM...............23.03.2011.............17:14:11...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 VII
EMILIO SABATTINI, PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Pungolo e strumento di dialogo


Per chi amministra un mezzo di verifica del proprio lavoro
Ogni mattina come mi- quotidiano tradizionale, in
gliaia di modenesi inizio la tempo reale: twitter, blog, fa-
mia giornata leggendo la Gaz- cebook. Sono canali che favo-
zetta di Modena, insieme agli riscono la partecipazione, so-
altri quotidiani. È un mo- prattutto dei giovani, al con-
mento importante, perché fronto sui temi di maggior in-
mi consente non solo di te- teresse. E quando si allarga
nermi aggiornato su quello il dibattito, quando si lascia
che accade nel nostro territo- spazio alle opinioni, quando
rio, ma anche di capire come si favorisce il dialogo costrut-
viene percepito il nostro lavo- tivo, quando si lascia spazio
ro di amministratori pubbli- alle intelligenze, è sempre
ci. Di misurare, cioè, se ciò un fatto positivo. Può essere
che facciamo è in linea con a volte scomodo, per noi am-
le esigenze e ministratori,
le aspettati- ma è indub-
ve dei cittadi- biamente un
ni. Non sem- servizio che
pre il verdet- viene reso al-
to che ci arri- la colletti-
va dalle pagi- vità. L’augu-
ne del giorna- rio che por-
le è positivo: go a diretto-
del resto, è re, redazione
inevitabile e a tutti i col-
che facciano laboratori, è
più notizia che l’entusia-
gli elementi smo per le
di critica ri- nuove sfide
spetto a quel- non venga
li di plauso. mai meno.
Ma in ogni Dobbiamo,
caso, anche tutti, guarda-
le critiche so- re avanti per
no importan- superare la
ti perché so- depressione
no uno stimo- e il pessimi-
lo e, a volte, smo che que-
possono an- sti lunghi
che essere mesi di crisi
elemento di economica e
ripensamen- sociale ci
to di alcune hanno lascia-
scelte. L’ap- to addosso.
puntamento C’è sempre
quotidiano bisogno del
con il giorna- vostro pun-
le, quindi, golo e dello
non solo è stimolo a far
un piacere meglio, ma Alcune
ma anche un c’è anche bi- immagini
dovere, im- sogno, ogni dei centri
portante tanto, di principali
strumento di Emilio Sabattini qualche pic- della nostra
dialogo con cola iniezio- provincia.
la comunità che ci ha scelto ne di ottimismo. Di ricordar- Dall’alto
come suoi rappresentanti. ci, tutti quanti, che questa in senso orario:
Le ricorrenze sono momenti provincia ha enormi poten- la piazza della
in cui si fanno dei bilanci, zialità, capitali umani, intelli- Dama Vivente
ma anche occasioni per pia- genze, risorse, voglia di di Castelvetro,
nificare nuove avventure. scommettere. Sarò un sogna- la reggia
Ho trovato significativo, tore, ma queste notizie vor- di Sassuolo,
quindi, che proprio il 30º rei leggerle più spesso, ogni piazza Martiri
compleanno della Nuova giorno. Per cominciare la a Carpi
Gazzetta di Modena, un’età giornata non solo io ma, cre- e qui a sinistra
adulta coincida con un pro- do, anche gli altri lettori, con la stazione
getto di potenziamento del un briciolo di speranza in sciistica
portale web e, più in genera- più. Buon compleanno. del Cimone.
le, degli strumenti che con- Emilio Sabattini A destra
sentono una comunicazione Presidente della Provincia la sede della
ancora più rapida rispetto al di Modena Provincia
P14POM...............23.03.2011.............17:22:37...............FOTOC24
DM6POM...............23.03.2011.............17:16:24...............FOTOC24
IX
GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011

VASCO ERRANI, PRESIDENTE DELLA REGIONE

Trent’anni, l’età della maturità


Un quotidiano diventato bussola per la comunità in cui opera
Trentanni, sono l’età della un territorio, ma anche ad es-
maturità. Sono sicuramente sere al passo coi tempi, se-
un periodo in cui anche un guendo e adeguando la pro-
giornale locale come “La pria offerta ai mutamenti te-
Nuova Gazzetta di Modena” cnologici e alla crescita cultu-
ha avuto il tempo di radicar- rale e di esigenze dei propri
si sul territorio e costruire - lettori, sicuramente diversi
con l’esperienza quotidiana, da quelli che lo accolsero
giorno per giorno e copia do- trentanni addietro.
po copia - un ruolo di busso- Infatti, oggi, il quotidiano,
la per la comunità in cui ope- oltre all’edicola, ha conqui-
ra. I quotidiani locali rappre- stato uno spazio anche nella
sentano un sua costante-
contributo si- mente ag-
gnificativo giornata ver-
allo scorrere sione on-line
della vita su Internet,
quotidiana, è possibile se-
raccontando guirlo su
- in maniera iPad e sui so-
capillare, dal cial network
comune ca- Facebook e
poluogo alla Twitter. Un
più piccola intreccio tra
frazione del- edicola, com-
la provincia puter e smar-
- fatti, avve- tphone che
nimenti e ini- dimostra
ziative, ma con chiarez-
allo stesso za che que-
realizzano sto quotidia-
anche una at- no sa unire
tività di ser- la profondità
vizio estre- delle radici
mamente uti- che ha sapu-
le alla cittadi- to realizzare
nanza. Una con i suoi let-
volta il diret- tori, a inno-
tore Antonio vative pro-
Mascolo, in spettive per
un editoria- il futuro.
le, definì il Non mi re-
suo quotidia- sta che auspi-
no, a con- care che il
fronto con cammino del-
gli altri, un la Nuova
giornale cor- Gazzetta di
saro. Credo Modena pro-
che l’immagi- segua corsa-
ne rendesse ro come ha Dall’alto
bene la voca- fatto nei pri- in senso orario
zione e lo sti- mi trenta an- immagini dei
le informati- ni di vita, raf- centri storici
vo che La forzando, di alcune delle
Nuova Gaz- ogni giorno, principali
zetta di Mo- il suo ruolo città della
dena voleva nell’ambito nostra regione:
esprimere e Vasco Errani dell’informa- piazza del
interpretare. zione locale. Guercino
Ma oltre a questo, il quoti- Un ruolo, come già ho sot- a Ferrara,
diano ha anche saputo co- tolineato in precedenza, im- la Pilotta
struire, nei tre decenni di vi- portante che - con la libertà di Parma,
ta, un legame particolare che auspichiamo debbano una veduta
con il territorio diventando- sempre avere i media - non del centro
ne anche la voce, (impegnato dovrà mai tradire l’obiettivo di Reggio,
com’è proprio a dare voce al primario di porre al centro le due torri
territorio) della tradizione la notizia da porgere ai pro- di Bologna
modenese. pri lettori. e infine
La Nuova Gazzetta di Mo- Vasco Errani la tomba
dena, riesce quindi a ben rap- Presidente della Regione di Dante
presentare la tradizione di Emilia-Romagna a Ravenna
DM7POM...............23.03.2011.............17:16:31...............FOTOC24

X GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

Eddy sempre con noi 2010

L’11 aprile muore Edmondo Berselli, giornalista e scrittore


L’11 aprile 2010 muore a Modena saggista.
Edmondo Berselli, una delle voci più Alla notizia, Modena diventa il ter-
autorevoli della cultura e del giorna- minale del lutto di tutta Italia. Il cor-
lismo italiani. Una voce libera, viva- doglio arriva dal presidente della Re-
ce, esemplare, illuminata e partico- pubblica Napolitano e da numerosi
larmente cara alla Gazzetta. Berselli, rappresentanti della vita pubblica ed
infatti, per anni ha onorato il nostro istituzionale. Le esequie si svolgono
giornale con i suoi interventi che an- in Duomo il 14 aprile. A dare l’addio
cora oggi sono attuali ed efficaci. ad Edmondo c’è tutto il mondo dell’e-
La morte arriva una domenica po- ditoria, ci sono tre sindaci (di Mode-
meriggio. Non è inaspettata perchè na, la sua città, di Campogalliano
Edmondo è malato da tempo anche suo paese di origine e di Forte dei
se fino alla fine continua a lavorare Marmi che da anni aveva scelto Ber-
mettendo a punto l’ultimo saggio selli per la giuria di un importante
“L’economia giusta”. Ha 59 anni e premio letterario) e soprattutto tanti
nella sua storia professionale ci sono amici, famosi e non.
anni di direzione della rivista Il Muli- In ricordo di Edmondo Berselli,
no, collaborazioni con i più importan- per i trent’anni della Gazzetta, abbia-
ti quotidiani italiani e, da ultimo, mo voluto riproporre uno degli arti-
quella con il Gruppo L’Espresso sia coli pubblicati sul nostro giornale. È
per il settimanale che per La Repub- datato 10 gennaio 1987. Ma potrebbe
Edmondo Berselli blica. Oltre all’attività di scrittore e essere stato scritto anche solo ieri.

I battitori liberi sono fastidiosi


Modenesi inquadrati
e ammalati di ufficialità
Caro direttore, presentante del partito. Al- rassicuranti. Qualche volta Insomma, per essere legitti- ne modenese impettiscono a cia volare magari un po’ di
mi sono chiesto spesso per- l’ufficialità non si sfugge: di- si scalderanno, ma - come di- mati a formulare un’opinio- ogni portata, esibendo orgo- stracci. Però, però. Il fatto è
chè la nostra città non fa no- scutendo, poniamo, del cen- re - quasi per dovere di ap- ne occorre una patente rico- gliosamente le medaglie e i che i battitori liberi sono fa-
tizia. Perchè questa Modena tro storico, metteremo insie- partenenza, per obbligo di nosciuta, essere passati al riconoscimenti di una carrie- stidiosi. Pretendono di drib-
ricca, produttiva e industrio- me il presidente del quartie- clan. Il dibattito politico-cul- guardaroba e avere conserva- ra consacrata ai fornelli di blare le burocrazie. Di parla-
sa offre di sè un’immagine re interessato, una bella pa- turale, in questi casi, non si to la tesserina, o come mini- una tradizione infallibile: ec- re a puro titolo personale. Ta-
tutto sommato grigia, sfoca- rata di uomini di partito, i differenzia mai da una di- mo avere un incarico in una co i leggendari Tortellini, gliano corto su questioni che
ta poco attraente. Varie volte rossi, i bianchi e i verdi, sot- scussione al Rotary. Si litiga, Usl. Tutto questo produce ri- con il loro famoso ripieno; ed solo un accorto e complicato
la domanda che rivolgevo a to la guida benevola e char- a volte volano parole grosse, sultati devastanti. Se non al- ecco il mitico Zampone, che equilibrismo consociativo ha
me stesso è rimasta senza ri- mante di Pier Camillo Becca- si lanciano accuse e contrac- tro, toglie qualsiasi spazio al- tutto il mondo ci invidia. Ec- portato, dall’originaria sem-
sposta. Ho provato a riflette- ria. Una bella fila di persone, cuse. Poi si avvicina l’ora del le voci libere, non allineate. co il consenso, ecco la demo- plicità e chiarezza, a una
re a fondo: che ci sia un defi- ognuna con la maglietta del- pranzo, e allora le parti fa- Batterie di allevamento sot- crazia. Ma anche ai pranzi di complicatissima rete di rap-
cit strutturale di cultura, va- la propria squadra. La pensa- ranno appello alle parole traggono il mercato ai polli famiglia alla lunga non ci si porti. Sfuggono alla grande
le a dire una pura e semplice no tutti in modo diverso, agi- d’ordine della partecipazio- ruspanti. Ogni iniziativa vie- diverte più. Si aspetta sem- Omologazione, e non esita-
mancanza di produzione di tano bandierine di colore dif- ne, della discussione fra i cit- ne passata due volte nel ma- pre che qualcuno inventi no, se è il caso, a criticare
idee? Alla fine dei conti, mi è ferente, politicamente saran- tadini, del coinvolgimento: cinino, triturata minutamen- qualcosa di nuovo, e questo l’apprezzato menù della ca-
sembrata un’ipotesi da scar- no agli antipodi, ma solo lì, in fretta perchè arrivano i te e impastata in una polpet- qualcuno non arriva mai. sa. Ecco, a me sembra che
tare. L’università è ricca di riconoscibili, identificabili, crostini caldi e gli antipasti. ta altamente omogeneizzata Fuori dalla metafora gastro- Modena abbia fatto di tutto
bei nomi, modenesi e non mo- e digeribilissima: disgraziata- nomica stiamo sempre aspet- per tagliare l’erba sotto i pie-
denesi. Che so, i Paolo Bosi, Berselli mente, però, a sapore unico, tando l’entrata in scena di di a chi non fa parte delle pre-
gli Alberto Clò, i Marco Cam- era nato a prevedibile ancora prima di qualche deviante di classe, miate consorterie riunite. In
mellini, i Muscatello sono un Campogalliano ingollare il primo boccone. I di un eccentrico di talento, cambio della legittimazione
marchio di garanzia. E sep- nel 1951 cuochi di questa vieille cuisi- di un battitore libero che fac- la città chiede tessere di rico-
pure dispersa in molti rivoli, noscimento. E si priva così
la cultura a Modena trova oc- del contributo di chi potreb-
casioni varie e molteplici di be rinfrescare un po’ l’atmo-
espressione. Che cosa manca LA SUA BIBLIOGRAFIA sfera. Tanto, alla prossima
allora? Perchè la torta, con cena sociale, ci saranno tutti
tanti ingredienti nella teglia, È vasta la bibliografia di Edmon- ma del ’68” (Mondadori), “Canzoni. gli invitati d’obbligo, quelli
non lievita quasi mai? Ades- do Berselli e contiene alcuni titoli Storia dell’Italia leggera” (Il Muli- che hanno voce in capitolo:
so credo di avere trovato cult della saggistica tra Novecento no), “Storie, sogni e rock’n roll” fra un avanti popolo e uno
una spiegazione. Una fra le e nuovo millennio. A ritroso: “L’e- (Promo Music), “Venerati maestri. scudo crociato, un grand’uffi-
tante possibili, ma forse non conomia giusta” (Einaudi), “Sarà Operetta immorale sugli intelligen- ciale e un decimo livello, un
la meno significativa. una bella società” (Promo Music), ti d’Italia” (Mondadori), “Venti di segretario di sezione e un tut-
Secondo me la nostra città “Liù. Biografia morale di un cane” Striscia” (Mondadori Electa), “Quel tofare di fazione, si accomo-
è ammalata di ufficialità. Uf- (Mondadori), “Miss Italia 1939-2009. gran pezzo dell’Emilia” (Mondado- derà tutta la nomenklatura,
ficialità è la sindrome brezne- Storia, protagoniste, vincitrici” ri), “Post-italiani. Cronache di un con i cartellini al posto giu-
viana per cui in ogni momen- (Mondadori Electa), “Attraverso paese provvisorio” (Mondadori), sto sul tavolo; che vengano
to, in ogni occasione, per Rovereto” (Egon), “Sinistrati. Sto- “Mille libri per il Duemila” (Il Sole allora i Tortellini e lo Zampo-
ogni ricorrenza, per ogni ini- ria sentimentale di una catastrofe 24 Ore), “L’Italia che non muore” ne, questi emblemi involonta-
ziativa c’è il funzionario ad- politica” (Mondadori), “Adulti con (Il Mulino), “Il più mancino dei ti- ri di una cucina che macina
detto, il presidente dell’ente, riserva. Com’era allegra l’Italia pri- ri” (Mondadori). tutto. Cordialmente suo.
l’assessore preposto, il rap- Edmondo Berselli
P37POM...............23.03.2011.............17:22:28...............FOTOC24
DM8POM...............23.03.2011.............19:24:21...............FOTOC24
XII
GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

24 marzo debutto in edicola 1981

Spazio ai modenesi illustri. E Vasco canta a Modena Est


Quando arriva nelle edico- mincia da zero, quasi tutti
le la mattina del 24 marzo, la esordienti; i collaboratori al-
nuova Gazzetta di Modena le prime armi rincorrono lin-
trova una folla di lettori cu- guaggi e personaggi, in un ca-
riosi a salutare il ritorno del- ledoscopio che riserva una
la storica testata cittadina. pagina a Carpi e una a Sas-
Le copie passano di mano in L’immagine suolo per tutto quello che ri-
mano come nel dipinto del drammatica guarda la provincia. E’ una
pittore Mario Molinari che, del Papa Modena molto diversa da og-
non a caso, viene ristampato subito dopo gi quella che si scopre su
a colori e distribuito gratis l’attentato quella Gazzetta: le morti per
assieme al giornale. in piazza droga sono numerose e così
L’uscita del primo nume- San Pietro omicidi passionali, portati a
ro, preceduta da un numero il 13 maggio. termine da uomini e donne,
zero servito solo come test A colpirlo tutti geminiani purosangue.
per i giornalisti, è stata pre- alle 17.22 Nello spirito dei tempi c’è
ceduta per due settimane dal- fu il turco il racket dei dormitori, con
la pubblicità che spiegava ai Ali Agca operai Fiat che non trovando
modenesi la novità di un casa si sdraiano per qualche
giornale capace di parlare IN PIAZZA SAN PIETRO ora nella sala d’aspetto della
con lo stesso approccio dei stazione, l’arresto per la som-
fatti del mondo e di quelli di ministrazione di cibo avaria-
Modena.
Nella prima settimana in
sette pagine di cronaca di
Attentato a Giovanni Paolo II to del titolare dell’Orso Bian-
co. E poi le interviste alle glo-
rie modenesi in trasferta, co-
città si raccontano fatti e per- Sono densi di avvenimenti epocali i giorni in cui rinasce me Francesco Guccini che
sonaggi. Grande spazio ai la Gazzetta di Modena. In Polonia partono i primi scioperi dopo vent’anni torna in città
mostri sacri della modene- organizzati ai cantieri di Danzica, poi arriva l’attentato a per incidere da Umbi il suo
sità che scrivono in dialetto: papa Woytila, il 13 maggio in piazza San Pietro. A Roma il disco. Il rocker Vasco Rossi
Preti, Urbini e Marenzi. Il governo Forlani sta per cadere (crollerà tre settimane do- partecipa a una serata con 16
Modena in trasferta per il po) sotto l’esplosione dello scandalo P2, la loggia segreta rock band giovanili alla poli-
Torneo Anglo Italiano sban- di Licio Gelli, il crollo della lira e l’inflazione al 22%. Il mi- sportiva Modena Est, una
ca gli avversari. nistro Reviglio pubblica i 150 mila nomi di super-evasori. sorta di “sentiMoband” dei
Una piccola redazione co- giorni nostri.

1982 I magnifici undici di Bearzot


Italia Germania 3-1: gli Azzurri sono Mondiali
È un’apoteosi quando la se- 126 C2, un missile per l’epo-
ra dell’11 luglio, allo stadio ca, con 580 hp; l’ingegner For-
Bernabeu di Madrid, Dino ghieri nel descrivere le no-
Zoff alza la Coppa al cielo. La vità del motore turbo è pru-
nazionale di Enzo Bearzot è dente ma ci pensa Gilles Vil-
campione del mondo. L’Italia leneuve a infiammare i tifosi
per la terza volta conquista quando prova la vettura sul
il titolo più prestigioso del circuito di Maranello.
calcio con un gruppo di atleti Modena è in fermento per-
che passeranno alla storia: chè di fronte all’ennesima
da Paolo Rossi a Marco Tar- crisi economica, che da que-
delli, Gaetano Scirea, Anto- gli anni anni diverranno en-
nio Cabrini, Bruno Conti. In demiche a in Italia, la cassa
tribuna d’onore anche il Pre- integrazione è raddoppiata e
sidente Pertini che partecipa il sindaco - operaio, come si
con entusiasmo da vero tifo- autodefinisce Mario Del Mon-
so allo spettacolo della parti- te, protesta contro i tagli go-
ta. Una notte memorabile Un’immagine dell’alluvione che colpì la Bassa modenese nel 1982 vernativi: «Non si tocchino
suggellata sul 3-1 finale con- asili, scuole e consultori».
tro una Germania che non TRA BOMPORTO E FINALE Per reazione i modensi si
può che arrendersi alla su- buttano sull’azzardo consen-
premazia degli Azzurri. È tito, affollando le ricevitorie
Nando Martellini a suggella-
re l’entusiasmo finale con il
suo “Campioni del Mondo”
Il Panaro sommerge la Bassa di Totip, lotto (1,6 miliardi
d’incasso) e totocalcio (6.5 mi-
liardi). L’assessore De Pietri
urlato per tre volte di segui- Nella notte del 9 novembre cede l’argine del Panaro a promette l’utilizzo per la
to dai microfoni della Rai. Cà Bianca per un fronte di 120 metri. La piena, che ha una città dell’ex autodromo che
Con un’intervista esclusi- portata d’uscita del fiume di 60 metri cubi al secondo, col- deve ancora diventare il Par-
va alla Gazzetta a metà ’81 pisce 2500 ettari di terra tra Bomporto e Finale Emilia. È co Ferrari. Promette di urba-
Enzo Ferrari aveva promes- la peggiore alluvione degli ultimi trent’anni, e i più colpiti nizzare solo un terzo dell’a-
so la riscossa ai tifosi ed ecco sono gli agricoltori. Il presidente della Provincia promet- rea e di riservare il resto a
che alla vigilia del campiona- te: «Le casse sul Panaro pronte entro il ’93». bosco: «Sarà pronto in dieci
to di F1 del 1982 presenta la anni» garantisce.
DM9POM...............23.03.2011.............17:16:43...............FOTOC24
XIII
GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011

I tre giorni di Sandro Pertini 1983

Il presidente in Accademia e a Maranello da Enzo Ferrari


L’anno inizia con un perio- rimonia del giuramento dei
do nero per quanto riguarda cadetti. E proprio quella sera
la criminalità. Il 14 gennaio sconvolge il cerimoniale an-
la Gazzetta mette in fila le 35 nunciando l’intenzione di an-
rapine in città negli ultimi dare lui a cena da Fini e non,
quattro mesi. Dal giorno come era previsto, di farsi
successivo la cronaca deve Il corpo servire nella residenza pre-
aggiornare la contabilità, a di Aldo Moro fettizia dal famoso ristorato-
partire da un assalto all’orefi- nel bagagliaio re. Il giorno dopo ed anche il
ceria di largo Garibaldi, con di una Renaul 30 Pertini prosegue la sua vi-
una sparatoria tra forze del- in via Caetani sita incontrando anche, a Ma-
l’ordine e banditi in mezzo ai il 16 marzo ranello, Enzo Ferrari. Auto-
passanti. Uno dei malviventi del 1978. revolezza, cordialità, vicinan-
resta a terra ucciso. Lo statista za alla gente renderanno il
Di positivo nello stesso pe- era stato suo soggiorno memorabile
riodo la liberazione di Lorel- rapito per i modenesi che ne furono
la Signorino, figlia di un im- il 9 maggio testimoni diretti.
prenditore carpigiano; in po- dalle Br Nello sport in città si trat-
che settimane verranno arre- tiene il fiato per le condizio-
stati tutti e sei i componenti TERRORISMO ni del pugile Roberto Cassa-
della banda di rapitori. Tre nelli, in coma dopo un brutto
giorni dopo incursione nello ko a Palermo: si salva. E per
studio del notaio Amorotti,
sequestrato assieme alle se-
gretarie.
Sentenza per il delitto Moro Lucio Cusma, che vince il ti-
tolo europeo dei Pesi Legge-
ri. Grandi feste. Ma a tener
L’anno però si caratteriz- La sentenza per il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro, banco è la Ferrari, con Ar-
za, e in positivo, per la visita il leader democristiano assassinato dalle Brigate Rosse, è noux e Tambay che coi nuo-
di uno dei presidenti della lo spartiacque da cui inizia la parabola discendente del ter- vi motori turbo aspirano al
Repubblica più amati dagli rorismo di casa nostra. Continuerà, rallentando, la catena Mondiale. E mentre il mon-
italiani. È la fine di maggio di omicidi mirati verso i simboli dello Stato ma il distacco do è scosso dall’attentato al-
quando arriva in visita San- con gli italiani sarà sempre più netto; anche a Modena al- l’ambasciata americana a
dro Pertini. Il presidente è in cuni atti di criminalità comune fanno intravvedere lega- Beirut con più di 40 morti, la
città la sera del 28 per parte- mi con la lotta armata di estremisti neri e rossi. città s’interroga sullo sposta-
cipare il giorno dopo alla ce- mento della Fiera.

1984 Rivive la facciata del Duomo


Finito il restauro. Monsignor Quadri dal Papa
Il governo Craxi apre l’an- gioielli romanici d’Italia.
no promettendo come obbiet- Il bilancio fatto dal procu-
tivo il dimezzamento dell’in- ratore Walter Zannini parla
flazione, cioè un 10% annuo: di 16.005 denunce penali defi-
con queste premesse si capi- nite in un anno a fronte di
sce come anche a Modena, 16.475 arrivate, nonostante il
come nel resto d’Italia, ci sia deficit di organico. La media
la corsa verso l’acquisto di di una rapina o un’estorisio-
massa di Bot e Cct che garan- ne denunciata ogni due gior-
tiscono interessi a due cifre. ni è la cifra criminale di una
Il leader del Psi conta sulla Modena che incassa i colpi
fedeltà dei ‘Bot people’, men- dello sbarco in grande stile
tre va allo scontro con la delle mafie; l’alleanza camor-
stampa estera sui suoi meto- ra-n’drangheta si affaccia
di autoritari per imporre a dietro il mancato sequestro
colpi di fiducia il condono Ottani di Campogalliano,
edilizio. Monsignor Santo Quadri ricevuto a Roma da Papa Giovanni Paolo II che porta all’arresto di sette
Mons. Santo Quadri, arci- persone e a due arresti per
vescovo di Modena, viene ri- l’omicidio del Crostolo.
cevuto da Papa Giovanni SINDACATI-CONFINDUSTRIA Due giovani di Medolla ten-
Paolo II e il mondo cattolico tano un viaggio avventura:
è in fermento per il completa- Guido Neri e Fabrizio Rusci
mento del restauro della fac-
ciata del Duomo: alla fine,
spendendo 500 milioni (solo
Scontro sulla scala mobile equipaggiano una Renault 4,
un’utilitaria che evoca atmo-
sfere coloniali e spartane, e
50 dal Comune), le sculture S’infiamma lo scontro sulla scala mobile, che Confindu- partono per l’Africa: 11 mila
della Genesi rifulgono come stria e governo vogliono sterilizzare. A Modena manifesta- km in tutto. Intanto arriva il
nuove. Nasce lo slogan zioni spontanee nelle fabbriche e contrapposizioni tra sin- decreto che autorizza la pro-
“Quando le cattedrali erano dacalisti Cgil e quelli Cisl-Uil sono all’ordine del giorno, a duzione di Parmigiano tutto
bianche” che sarà il contras- partire da Scam e Ciam. Lo sport piange la scomparsa del- l’anno, cancellando la distin-
segno per le celebrazioni del- l’allenatore-mito Franco Anderlini. All’estero Beirut è in zione tra maggengo (quello
l’ottavo centenario della fon- fiamme e scompare Andropov, lo zar rosso del Cremlino. primaverile-estivo) e il ver-
dazione di uno dei più grandi nengo prodotto d’inverno.
P15POM...............23.03.2011.............17:22:06...............FOTOC24
DMAPOM...............23.03.2011.............17:17:01...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XV

Rapito e ucciso Giorgio Molinari 1985

Dopo più di un anno il corpo ritrovato nel Ferrarese


Modenesi sotto shock per lo della siderurgia modene-
la fine di Giorgio Molinari, il se, appena ricapitalizzata
dentista di Mirandola rapito con un investimento di 60 mi-
il 15 marzo del 1984. La figlia liardi di lire arrivati anche
accetta le trattative e chiede dalla Cee per i nuovi impian-
il silenzio stampa dicendosi ti. I premi per i tagli di produ-
pronta a pagare il riscatto. La tragedia zione fanno pendere la bilan-
Ma il 3 luglio ’85 il telefoni- di Stava cia a sfavore dei 230 occupa-
sta della banda, catturato poi di Tesero ti. Oggi, demoliti anche i fab-
in autostrada e condannato in Trentino bricati-simbolo della cittadel-
all’ergastolo, rivela l’uccisio- si porta via la operaia del Novecento, su
ne e la sepoltura del medico 268 persone quell’area stanno crescendo
sotto il pavimento di una vil- travolte enormi fabbricati. In munici-
letta in costruzione nel Fer- da un mare pio, con spese arrivate a 265
rarese. Nel frattempo, sem- di fango che miliardi, ci si scontra sugli
pre a Mirandola, una vasta sommerge appalti. Sulla Modena-Sas-
mobilitazione porta all’allon- l’intera suolo, per la metropolitana
tanamento di Carolina Cuto- vallata leggera, è pronto il progetto
lo, nipote del boss camorri- da 20 miliardi; la caserma
sta che continua a essere ri- DUE MODENESI TRA I MORTI dell’8º Campale in via Emilia
conosciuto come seminfer- si svuota, va via il reggimen-
mo di mente mentre gesti- to. All’Usl scoppia lo scanda-
sce, come rivelato dalle inter-
cettazioni, traffici di droga
dal Sudamerica e l’elimina-
Un mare di fango cancella Stava lo sui bilanci: in prima battu-
ta si scopre che le spese per
la gestione della Tac sono su-
zione dei rivali. A proposito Sono le 12.22 del 19 luglio, quando i bacini di decantazio- periori all’acquisto. Caos an-
di droga: in provincia vengo- ne della miniera di Prestavel rompono gli argini scarican- che in Comune dove le mino-
no stimati 2000 consumatori do a valle 160mila metri cubi di fango che, scendendo a 90 ranze parlano di gravi irrego-
abituali di eroina e la cifra è chilometri orari, travolgono la frazione di Stava di Tese- larità quando viene votato
confermata dalle 100 mila si- ro. Il paese e la vallata vengono spazzati via e muoiono 268 l’acquisto dei capannoni ex
ringhe vendute in un solo an- persone. Quest’anno anche un’altra tragedia, quella del- Ragno dove trova posto la
no. Per l’industria una brut- l’Heysel a Bruxelles dove si disputa Juventus-Liverpool Fiera. E’ scandalo per le peri-
ta pagina è quella della chiu- per la finale di Coppa Campioni: 39 i morti, 32 gli italiani. zie sui prezzi a tecnici ester-
sura delle Acciaierie, simbo- ni: anche qui altra inchiesta.

1986 Disastro nucleare a Chernobyl


Dall’Urss l’incubo nucleare dilaga a tutta l’Europa
È l’anno di Chernobyl, autorità chiedono di non
quello in cui l’incendio di creare allarmismo e al tem-
una centrale nucleare nell’U- po stesso invitano a non man-
nione Sovietica incenerisce giare insalate. Nessuno toc-
la propaganda sull’atomo pu- ca cibi freschi, niente latte ai
lito e sicuro. Sono le 1.23 del bambini per i foraggi conta-
26 aprile quando il reattore 4 minati e gli agricoltori si ri-
dell’impianto esplode. Siamo trovano con danni enormi.
a 120 chilometri da Kiev, in Secondo omicidio in pochi
Ucraina e 350mila sono le mesi di una donna. I modene-
persone che vengono evacua- si intanto si consolano con lo
te. Anche l’Italia viene bom- sport. Il Modena torna in B
bardata dai radionuclidi che dopo un lunghissimo purga-
si liberano dall’impianto e torio in C1 e la Gazzetta dedi-
che vengono trasportati dal ca un’edizione straordinaria,
vento. La Pianura Padana di- il lunedì. Stesso entusiasmo
venta così un immenso cati- per la Panini per il quinto ti-
no dove si rovesciano sostan- La palazzina di via Torino distrutta dall’esplosione tolo tricolore dopo dieci an-
ze chimiche e angosce che ni. Commentando lo scudet-
toccano ogni aspetto della vi- IN VIA TORINO to il comm. Giuseppe Panini
ta quotidiana. Tra Forlì e lo dedica a Velasco, uomo
Reggio vengono rilevati tassi della Provvidenza. In mag-
di radioattività da 3 a 34 vol-
te superiori alla media e an-
cora dopo due settimane dal-
Esplode un palazzo, sette morti gio, alla vigilia dell’estradi-
zione del marito, la ballerina
polacca Katherina Mirosla-
lo scoppio del reattore russo, Con un boato nella notte del 22 gennaio esplode un pa- wa che si esibisce allo Shil-
Modena si ritrova con un li- lazzo in via Torino. Muoiono sette persone - tra cui due ling, accusata dell’omicidio
vello di sei volte superiore al- bambini - e dodici sono ferite. Una tragedia causata da di un imprenditore di Par-
la media. Nei bar di Piazza una fuga di Gpl dal serbatoio di un’auto parcheggiata nei ma, è ancora a piede libero e
Grande non si discute solo di garage. Il gas risalendo lungo le scale, causa un esplosio- parla di ruoli in tv o al cine-
contatori geiger portatili e di ne che squarcia la palazzina. Per giorni si cercheranno i ma. Oggi, dopo la latitanza e
bequerel ma anche di verdu- resti delle persone che sono morte nella tragedia. una dozzina di anni carcere,
re e parmigiano a picco. Le si è anche laureata.
DMBPOM...............23.03.2011.............17:16:47...............FOTOC24

XVI GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

Terremoto, maggio di paura 1987

Scosse per due settimane. Crolli a Carpi, Modena e Bassa


La terra trema da Carpi al- lendo l’antica chiesa di S.Ca-
la Bassa ai primi di maggio, terina; così il popolare parro-
il 2, facendo cadere cornicio- co noto per essere il “prete
ni e balconi e rendendo im- della Formula 1” che segue
praticabili diverse abitazio- in pista da vent’anni, viene
ni. Le scosse di terremoto si ribattezzato Don Ruspa.
ripetono per altre cinque vol- Un manifesto Ma in campo ecclesiastico
te nelle due settimane succes- appeso crea polemiche anche la deci-
sive. Enormi i danni ma da in una strada sione del parroco di Portile
Roma arriva subito una pri- di Roma sulla di obbligare i bambini che
ma risposta, 3 miliardi solo scomparsa fanno catechismo ai ritiri spi-
per Carpi. In due scuole di Ri- di Emanuela rituali in montagna, a paga-
vara cinque classi fanno le- Orlandi. mento, prima di fare la Cresi-
zione in cortile per alcuni Della ragazza ma. Chi non partecipa non ri-
giorni, tre famiglie a S.Felice dal 1983 ceverà i sacramenti: «Che no-
sono sfollate. Anche il sinda- non si è vità è? - protestano i genitori
co Barbolini a Modena recla- saputo - I bimbi hanno seguito tutto
ma danni per 100 miliardi più nulla il catechismo e di questo non
tra cimitero di S.Cataldo e se n’è mai parlato».
Palazzo Comunale. RAPITA NELL’83 Mentre la Panini manda in
Subito dopo le scosse più visibilio i tifosi gialloblù di
forti molti cardiopatici sono volley per il sesto scudetto, il
ricoverati in ospedale per lo
spavento: uno di loro però
era ricoverato a Bergamo
Appello per Emanuela Orlandi secondo consecutivo con Ve-
lasco, Modena si appresta a
un evento di fama internazio-
per il trapianto. Adolfo Bal- Il vescovo sassolese don Camillo Ruini, nominato dal pa- nale ospitando nello stadio
do è stato il secondo modene- pa segretario della Cei, invita a votare la Democrazia Cri- un concerto degli U2.
se con il cuore nuovo. stiana. Dopo le furiose polemiche abbozza una marcia in- La band irlandese si trova
Alla Crocetta sorprende dietro dicendo che il documento dei vescovi indica ai catto- bene sotto la Ghirlandina e
ma non fa scandalo la con- lici le priorità per il bene dell’Italia. A Roma i genitori di viene ricevuta in Comune
danna per don Sergio Manto- Emanuela Orlandi (il papà è funzionario del Vaticano) of- dal sindaco Alfonsina Rinal-
vani a 10 mesi e dieci milioni frono 750 milioni per per avere notizia della figlia, scom- di: nella notte 70 mila perso-
di multa (pena sospesa) per parsa nel 1983 mentre stava rientrando a casa. ne arrivate da tutta Italia in-
aver attivato le ruspe demo- fiammano lo stadio.

1988 A 90 anni muore Enzo Ferrari


La notizia, il 15 agosto, a funerali avvenuti
I funerali in forma privata. ternazionali: in aprile c’è sta-
Poi, il giorno dopo, l’annun- to il concerto di Sting, con 30
cio della morte: «Si è spento mila fans, al Braglia. In quel-
alle 7 di domenica 14 agosto lo stesso stadio due mesi do-
Enzo Ferrari». Era stato pro- po si consuma l’affondamen-
prio il Drake a lasciare que- to del Modena Fc che dopo
sta volontà al figlio Piero una sola stagione da neopro-
che, rispettandola, lo accom- mossa in B ritorna in C1.
pagna nell’ultimo viaggio al Consola almeno il titolo mon-
cimitero di San Cataldo assie- diale di tiro con l’arco ad An-
me ad una decina di parenti drea Parenti e quello tricolo-
strettissimi. Se ne va così, re nel basket femminile con
nel cuore dell’estate, mentre l’Oece di Cavezzo. A metà
la stragrande maggioranza giugno apre l’ipercoop I Por-
dei modenesi è in vacanza, tali e pure lo svincolo della
l’uomo che ha legato per sem- tangenziale nord, con 6 km
pre il suo nome all’auto e al di asfalto su quattro corsie
mito della velocità, tanto da Il Pontefice in visita a Maranello verso le direttrici autostrada-
diventarne sinonimo e sim- li. Intanto si cerca il terreno
bolo per antonomasia. Un ad- LA VISITA DI WOJTYLA per il nuovo ospedale di Bag-
dio schivo e solitario come giovara, con una spesa pre-
schivo e solitario era quel no- ventivata di 120 miliardi.
vantenne a cui il mondo si in-
china per un’ultima volta.
Telegrammi arrivano dai cin-
Torna un Papa dopo 131 anni Nella cronaca fa scalpore
il tentativo di una moglie car-
pigiana, 28 anni, che cerca
que continenti. Solo pochi È l’anno della visita di papa Wojtyla a Modena, la prima d’incastrare il marito, in vi-
mesi prima proprio Ferrari, di un pontefice dopo quella di Pio IX nel 1857. Giovanni sta di un divorzio per avere
forse sentendosi prossimo al- Paolo II arriva in città a fine giugno ed esordisce con un l’affidamento di entrambi i fi-
la fine, aveva dato il via libe- «Sia benedetta questa città» che conquista subito tutti i gli, con l’accusa di stupro. Il
ra ad una riorganizzazione modenesi, credenti e laici. Cerimonie con sindaco Pci e il mezzo? La testimonianza
interna alla Ferrari. vescovo Quadri al fianco. E poi lo storico incontro a Mara- prezzolata di una dipendente
In questo stesso anno a Mo- nello con un ormai malatissimo Enzo Ferrari. di 19 anni che poi ritratta tut-
dena arrivano personaggi in- to e confessa.
P16POM...............23.03.2011.............17:38:55...............FOTOC24

UN AIUTO PER COMPRARE CASA?

VIENI A CONOSCERE MUTUOFELICE.


DMCPOM...............23.03.2011.............19:24:10...............FOTOC21

XVIII GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

Impresa storica della Panini 1989

Vince l’ottavo scudetto, il quarto consecutivo con Velasco


Il 1989 è l’anno della palla- mavera l’epidemia dell’afta
volo. La Panini a giugno con- epizootica negli enormi alle-
quista l’ottavo scudetto della vamenti suinicoli concentra-
sua storia, il quarto consecu- ti tra Castelnuovo e Formigi-
tivo, entrando così nella leg- ne. All’inizio le autorità mini-
genda del volley. Sono le mizzano poi, quando il conta-
19.27 del 13 maggio, un saba- gio è indiscutibile, gli alleva-
to sera, quando con un peren- Silvana tori chiedono i vaccini: ven-
torio 3-0 il sestetto modenese Dall’Orto gono negati. Arriveranno a
travolge la Maxicono nella è rilasciata giorni di distanza e utilizzati
gara quattro della finale tri- dopo un su mezzo milione di maiali.
colore. È la Panini del com- rapimento Ma 60 mila sono stati abbat-
mendator Giuseppe, quella durato tutti, pure le carcasse sotter-
di Velasco che proprio su 194 giorni rate sono un’emergenza. In
questo trionfo lascia dopo e terminato città infuriano le polemiche
quattro anni conclusi con al- con un per la presenza di massoni
trettanti titoli italiani. Una riscatto nella sanità; le denunce pub-
carrellata superlativa che di 4 miliardi bliche vengono rintuzzate
manda in delirio i tifosi e che dal responsabile Ausl, Mez-
fa di Modena la capitale del- RISCATTO DI 4 MILIARDI zetti, che garantisce: «Scelte
la pallavolo. solo professionali».
I famigliari delle vittime Nel frattempo il numero di
della strage di Ustica si ribel-
lano alla politica degli omis-
sis che coprono la ricerca dei
Si risolve il sequestro Dall’Orto immigrati diventa massic-
cio: mettono a disposizione
spazi per ospitarli i parroci
colpevoli per l’esplosione del- La mafia dei sequestri non molla la presa su Modena e in vecchi edifici in disuso e il
l’areo in volo. Tra i morti del- mette a segno il rapimento di Silvana Dall’Orto, moglie di Pci mette a disposizione alcu-
l’attentato anche un carpigia- Giuseppe Zannoni titolare di uno dei più importanti grup- ne Case del Popolo nel Carpi-
no e una ragazza modenese pi ceramici nel distretto Sassuolo-Scandiano. Dopo 194 giano. A Modena scende in
di 16 anni, Paola Bonati, in giorni, a maggio, la donna è rilasciata su riscatto di 4 mi- campo, non senza polemi-
volo per raggiungere i genito- liardi. Racconta di essere stata rapita da una banda di sar- che, il Comune che allestisce
ri in vacanza. Tra maggio e di e che i malviventi si sono sempre comportati in manie- una speciale agenzia-casa
giugno i fatti di piazza Tien ra impeccabile offrendole persino salmone e chamagne. per trovare alloggio ai lavo-
An Men a Pechino. A fine pri- ratori di colore.

1990 Le “Notti magiche” dei Mondiali


L’Italia è terza. Pavarotti “inventa” i Tre Tenori
I modenesi sudano e sogna- ne vista, per la parte monu-
no davanti ai maxischermi mentale che è poi il lascito
per i Mondiali di calcio. E più importante degli Estensi,
quando Totò Schillaci segna come una risorsa artistica
il gol che qualifica l’Italia per la città. Si apre la discus-
per la semifinale l’entusia- sione su un eventuale sposta-
smo li spinge ai caroselli in mento della scuola ufficiali
auto sui viali con “concerti” dell’esercito e dei carabinieri
di clacson fino a notte tarda. in altra sede per trasferirci il
Giusto il tempo di incontrare Comune; è un dibattito esti-
pochi giorni dopo l’Argenti- vo che non lascia tracce.
na di Maradona e il sogno La bella stagione invece
svanisce nella sconfitta. lancia anche a Modena il pro-
Resta, sportivamente, la getto dei “Cortili”, quelli dei
consolazione di una seconda grandi edifici pubblici in cen-
F1 modenese, la Lambo della tro recuperati per una miria-
Lamborghini progettata da de di incontri e musica visto
Mauro Forghieri, l’uomo dei Silvia Baraldini al suo arrivo in Italia dopo l’estradizione dagli Usa che mancano i soldi per i con-
successi con Enzo Ferrari; certi coi grandi nomi.
ma avrà vita effimera. A pro- CONDANNATA NEGLI USA Comune, Provincia e Ca-
posito, alla guida delle Rosse mera di Commercio ingrana-
il francese Alain Prost che no la quarta per la Mode-
promette scintille.
Ci si consola con Pavarotti
che inventa a Roma, alle Ter-
Scoppia il caso Silvia Baraldini na-Lucca, mostrando l’appog-
gio degli enti gemelli delle
province interessate, ma non
me di Caracalla, il concerto Persino papa Woytila interviene negli appelli per la libe- se ne fa nulla.
dei Tre Tenori; è un successo razione di Silvia Baraldini, di origini mirandolesi e in car- Il docente di Fisica dell’U-
planetario che fa un po’ da cere negli Usa con l’accusa di favoreggiamento di terrori- niversità, Franco Baracchi,
apripista agli eventi musica- sti. Gravemente ammalata verrà portata in Italia molto incaricato di sorvegliare la
li di Modena del “Pavarotti tempo dopo, nel ’99, per finire la pena. Ma a tener banco è radioattività nei locali sanita-
and Friends”, dove si mesco- l’Urss, con Gorbaciov sotto scacco e Ieltsin che fonda il ri dice pubblicamente che c’è
la l’opera al pop e al rock. suo partito. La Nato tende la mano al Patto di Varsavia. troppo radon in Radiologia a
L’Accademia Militare vie- Sassuolo e viene licenziato.
DMDPOM...............23.03.2011.............17:16:57...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XIX

I delitti del mostro di Modena 1991

Nel ’91 quinta delle nove vittime. Non verrà mai scoperto
Nel 1991 torna a colpire il no in tempo e dopo la spara-
“mostro” di Modena, il killer toria catturano due banditi.
seriale che dall’85 al 1995 uc- La moglie del titolare esaspe-
cide ben nove giovani donne. rata: «Visto che lo Stato non
Una caratteristica accomuna ci difende noi non paghiamo
le vittime: sono tutte giova- le tasse».
ni, tossicodipendenti e qual- L’episodio segue a un me-
cuna anche prostituta per po- La strage se di distanza la sparatoria
tersi procurare i soldi per la del Pilastro di via Benedetto Marcello.
droga. Per gli inquirenti i de- a Bologna. Due bande arrivate da Caser-
litti sono un rompicapo. Le La banda ta aspettano i nemici sotto ca-
indagini continueranno, di della Uno sa; in un uragano di fuoco re-
omicidio in omicidio, puntan- Bianca stano feriti due banditi. Po-
do sulla pista di un solo re- colpisce che ore dopo stessa musica a
sponsabile ma non porteran- dall’87 Modena sud, dove vengono
no mai nè alla sua identifica- al 1994 intercettati i banditi che han-
zione nè, tanto meno, ad al- causando no assaltato un furgone di
cun arresto. Il caso finisce 24 morti Arezzo carico di lingotti d’o-
anche sulle cronache nazio- ro per oltre 3 miliardi: la ban-
nali e in televisione. Poi dal TERRORE A BOLOGNA da fugge verso Carpi e in
1995 il “mostro” smette di col- una strada di campagna, a
pire. Fortunatamente non ci Ganaceto, riesce a effettuare
sono più vittime, ma sfortu-
natamente la vicenda cade
nell’oblio e i nove delitti re-
Uno Bianca, la strage al Pilastro il cambio dell’auto. Prefetto
e questore vengono fatti og-
getto di polemiche: durante
stano insoluti. È il 4 gennaio del 1991. Sono le 22 quando presso il quar- la festa della Polizia gli agen-
Il 1991 porta a Modena an- tiere del Pilastro di Bologna una pattuglia dei carabinieri ti disertano le celebrazioni.
che tanti altri fatti di crona- cade sotto i colpi di un gruppo criminale che si trovava lì Gli immigrati toccano quo-
ca nera: si fanno i conti con per caso, diretto a San Lazzaro di Savena in cerca di un’au- ta 9 mila: le previsioni indica-
sparatorie, rapine e seque- to da rubare. È l’azione criminosa più violenta messa a se- no 620 mila residenti nel
stri. Il 3 giugno la famiglia gno dalla Banda della Uno Bianca che dal 1987 sino all’au- 2020. Già nel 2005, per effetto
Longagnani a Casinalbo vie- tunno del 1994 causò la morte di 24 persone e il ferimento dei nuovi modenesi arrivati,
ne sequestrata e rapinata in di 102. Inizia quest’anno anche la guerra nei Balcani. abbiamo superato le 700 mila
azienda; i carabinieri arriva- persone in provincia.

1992 L’assalto di Maniero all’Estense


Rubato il capolavoro del Velazquez e altre tre opere
Anche per Modena è un an- in carcere per appalti milane-
nus horribilis, che inizia, il si. Dai politici locali un coro:
23 gennaio, con il clamoroso «E’andato via prima che sce-
furto del ritratto di France- gliessimo tra varie proposte.
sco I del Velasquez e di altre Il problema non esiste». Nel-
tre preziose opere. La pista la girandola di proposte sulle
sugli autori dell’assalto alla opere pubbliche il Comune
Galleria Estense viene rico- invita a Modena l’ennesima
struita e porta a Felice Ma- archistar, Maurice Culot, bel-
niero, il boss della mala del ga e architetto preferito di
Brenta. Alla fine i dipinti tor- Mitterrand che deve rifare
neranno a casa ma zone piazza Grande. Dopo varie vi-
d’ombra resteranno per sem- site e incontri nulla di fatto.
pre su tutta la vicenda. A Gargallo di Carpi Gianni
A metà febbraio parte un’ Varini dice che gli appare in
inchiesta a Milano sulle rube- visione la Madonna; il vesco-
rie ai danni degli anziani ri- vo, mons. Staffieri, dice che
coverati in un ospizio, il Pio Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, simboli della lotta alla Mafia non è credibile ma tutte le do-
Albergo Trivulzio: è l’inizio meniche, per quattro anni,
della più grande inchiesta LA MAFIA A PALERMO arrivano pullmann di fedeli
del dopoguerra, Mani Pulite. da ogni parte d’Italia. A Mi-
In due anni vengono setaccia- randola i genitori di Lorenzo
ti rapporti tra malaffare e
malapolitica, qualche rivolo
dell’inchiesta a Modena si
Uccisi Falcone e Borsellino Ligato, 33 anni, piangono
quando riabbracciano il fi-
glio trovato in stazione: per
ferma. «Avremmo bisogno La mafia colpisce i due giudici simbolo della lotta alla due settimane senza memo-
anche noi di un Mario Chie- criminalità organizzata. Il 23 maggio il giudice Giovanni ria aveva vagato a Bologna.
sa» spiega il Procuratore Falcone, protagonista della maxi inchiesta che portò alla A Sassuolo i carabinieri chiu-
Walter Boni. A maggio viene sbarra 474 mafiosi, viene ucciso con la scorta a Palermo. dono una discoteca, la Oasis,
arrestato l’ex direttore della Aveva lavorato a Modena nell’ 85 sugli affari del clan Ba- dove trovano 1200 persone
Cogefar, impresa collegata al- dalamenti. Il 19 luglio è colpito Paolo Borsellino. In Via anzichè 500. Stesse chiusure
la Fiat che costruisce l’ospe- D’Amelio uccidono il magistrato e i 5 agenti della scorta. a Pavullo per Settecento e
dale di Baggiovara per Ccc, Mikos.
P17POM...............23.03.2011.............17:20:52...............FOTOC24
DMEPOM...............23.03.2011.............17:17:22...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXI

Ciclone Mani Pulite sull’Italia 1993

Craxi salvato dal parlamento. Arresti anche a Modena


Il ciclone di Mani Pulite genti ai partiti (tutti, con di-
spalanca le porte a una cate- verse quote, coinvolti) per
na di confessioni e documen- vendere le traversine dei bi-
ti, portando in carcere o da- nari. Dopo la confessione
vanti ai magistrati anche i esce dal carcere mentre un
vip dell’economia e della poli- ex dirigente modenese del
tica. La goccia che fa traboc- Michail Conaco, il gruppo di coordi-
care il vaso è il “no” del Par- Gorbaciov namento delle coop edili ade-
lamento delle richieste di au- a Modena rente alla Lega, finisce in ma-
torizzazione a procedere con- a fine maggio nette per corruzione e finan-
tro Craxi in quattro processi. per ricevere ziamento illecito ai partiti;
A Modena la Gazzetta si fa un premio poi ottiene i domiciliari per
portavoce dello scontento, L’anno prima ragioni di età.
raccogliendo le testimonian- si era Si allunga fino a Modena
ze di chi manifesta e appog- dimesso anche l’inchiesta per le forni-
giando le petizioni contro da Capo ture alla Centrale del Latte
scelte che sembrano impu- dello Stato di Milano.
nità parlamentari anzichè Per altre ragioni, truffa al-
immunità. Carlo Giovanardi la Cee sui rimborsi Iva, fini-
indirizza lettere di congratu- A MAGGIO A MODENA sce nei guai una ditta di Ba-
lazioni al giudice Di Pietro. stiglia, con 13 arresti in tut-
Le inchieste dei magistrati to. Alla dogana di Campogal-
milanesi arrivano anche in
città dove tra la primavera e
l’estate viene arrestato Giu-
Un premio a Michail Gorbaciov liano 1000 addetti alla logisti-
ca sono a rischio per la cadu-
ta delle frontiere e la riduzio-
lio Caporali, già super-ammi- Modena si prepara a fine maggio ad accogliere Gorba- ne del traffico merci. Iacp (ca-
nistratore delle Fs in quota ciov che viene a ritirare un premio. Nei Balcani la Serbia se Popolari) promette di ven-
Pci, che chiama in causa il continua i bombardamenti sulla Bosnia e i civili sino a dere 2300 appartamenti a chi
partito e la spartizione degli che Clinton non ordina ai bombardieri Usa di fare lo stes- ci abita da dieci anni mentre
appalti con le coop. so contro le truppe di Belgrado. Il ministro della Difesa al a Cavezzo si tiene il primo re-
A Modena viene arrestato Mak Pi 100 in Accademia replica alle minacce serbe con- ferendum comunale d’Italia:
il titolare della Masoni Pre- tro l’Italia. E lo sport? I canarini incassano una pesante viene approvato di misura il
compressi. Si alza il velo sul sconfitta a Bologna (2-1) coi rossoblù che giocano in dieci. nuovo palasport, ma non i
meccanismo del 3% di tan- suoi ampliamenti.

1994 Il debutto di Silvio Berlusconi


Primo incarico alla presidenza del Consiglio
È l’anno in cui il ‘Signor A Montefiorino il 18 giu-
Tv’ scende in campo e con- gno arriva Oscar Luigi Scal-
quista per la prima volta la faro per ricordare la repub-
carica di presidente del Con- blica partigiana.
siglio. Berlusconi passa per A Modena impazza l’usura
un solo voto in Parlamento. e il giro di soldi sporchi: la Fi-
All’atto dell’insediamento nanza scopre che in città e
Napolitano, per il Pds, gli ri- provincia operano 2400 so-
corda di rispettare le leggi. cietà finanziarie (di cui cento
I modenesi sono più coin- più che sospette), ovvero un
volti all’eterna accoppiata decimo del totale di quelle re-
‘Sesso & Soldi’. Interesse alle gistrate in tutta Italia.
stelle al processo contro una Il Comune è sotto schiaffo
pornostar e suo marito, accu- per il Piano Traffico, su cui
sati di offrire spettacoli hard viene negato un referendum
con accoppiamenti multipli, cittadino, che per le penali
con tariffa di 30 milioni a se- per espropri illegittimi; i ri-
rata. Il Tribunale di Modena Ayrton Senna, il pilota brasiliano muore in un incidente a Imola correnti e i loro eredi lamen-
li condanna a 20 mesi. tano pagamenti ridicoli per
Seguendo invece il filone TRAGEDIA A IMOLA terreni agricoli che in pochi
di una rapina in via Puccini anni diventano edificabili.
viene arrestato un trentenne Ogni volta sono risarcimenti
di Serramazzoni con mi-
gliaia di foto di donne, com-
prese alcune quattordicenni,
Muoiono Senna e Ratzenberger miliardari.
Per il caso Priebke, uno
dei massacratori delle Ardea-
in pose pornografiche. A Car- Il mondo della Formula Uno e dello sport in generale è tine, un finalese emigrato in
pi una donna abbandona il fi- scosso dalla tragedia di Imola: in un week end di sangue Argentina racconta alla Gaz-
glio dopo il parto in ospeda- muoiono i piloti Ayrton Senna, probabilmente il più gran- zetta la doppia vita in Suda-
le. A Soliera in giugno due de di tutti i tempi e Roland Ratzemberger. Otto persone merica del nazista ricercato
nonni sono processati per in- tra pubblico e tecnici restano feriti. Rabbia e polemiche per crimini di guerra.
fanticidio per aver ucciso il dopo la strage: il circuito di Imola sotto accusa. Sull’acca- Nei massacri del Ruanda i
nipote nato da una relazione duto vien aperta un’inchiesta della magistratura. morti della guerra civile si
tra la figlia e lo zio. conteranno a milioni.
DMFPOM...............23.03.2011.............17:17:26...............FOTOC24
XXII
GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

I GRANDI EVENTI

Anche le tensostrutture vengono utilizzate massiccia-


mente per offrire spazi coperti al pubblico in caso di
maltempo; il Festival Filosofia, infatti, si tiene a set-
tembre e la pioggia spesso non manca. Qui sopra il so-
ciologo Zygmunt Bauman a passeggio nelle strade di
Modena con la sua immancabile pipa. A fianco due stu-
dentesse consultano la guida delle manifestazioni.

Quando la filosofia
diventa spettacolo
e riempie le piazze
Da dieci anni il Festival della Filo- rita nel filone della riscoperta della
sofia ha iniziato a riempire le piazze cultura di alto livello ma alla portata
e le strade di Modena, Carpi e Sassuo- di tutti, con intellettuali di levatura
lo, creando una nicchia di turismo nazionale e internazionale che discu-
che prima non esisteva. Con un bilan- tono con studenti e appassionati di
cio arrivato a un milione di euro per ogni estrazione sociale.
l’ultima edizione, interamente versa- I numeri dichiarati sono molto alti
to da enti pubblici e fondazioni ban- e nel tempo si è radicata una piccola
carie, la rassegna modenese si è inse- economia fatta di gadget e libri.

L’ecologista indiana Vandana Shiva è stata ospite d’onore al Festival Filosofia. Qui sopra la vediamo durante
un’affollatissima conferenza in piazza Grande, sede principale degli incontri
Laureata in fisica, si è specializzata in economia nelle battaglie per un agricoltura pulita e contro gli Ogm
A sinistra lo psicanalista Umberto Galimberto, presenza fissa nei dialoghi col pubblico

www.mo.cna.it

Ci si mette molto
tracce.com

per diventare giovani


{P. Picasso}

leader nei valori. Paolo, imprenditore


P18POM...............23.03.2011.............17:20:40...............FOTOC24
DMGPOM...............23.03.2011.............17:17:18...............FOTOC24

XXIV GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

I GRANDI EVENTI

Tutti gli ospiti di Big Luciano. Da sinistra Bono degli


U2, sopra Grace Jones e a destra Sting. Sotto al cen-
tro della pagina: Pavarotti a fianco del Dalai Lama. A
sinistra al centro: arriva nell’ex ippodromo modene-
se un personaggio popolarissimo in tv: Mike Bongior-
no, con la moglie Daniela. Applausi ed entusiasmo an-
che per le altre stelle dello spettacolo dello show.

Pavarotti & Friends


una parata di stelle
da tutto il mondo
Per l’Africa, per l’Iraq e anche per sicale come nel Concerto dei Tre Te-
la Bosnia. Per alcuni anni Modena di- nori a Roma, sempre con Big Lucia-
venta la capitale morale di un’inter- no come protagonista. Il Novi Sad e
ventismo umanitario che va oltre il il suo edificio ducale diventano lo
glamour della parata di stelle. Eppu- sfondo per concerti in mondovisione
re con Pavarotti and Friends la colla- e soprattutto richiamano, una volta
borazione tra artisti della musica va in più, l’attenzione di un pubblico
oltre la filantropia eccezionale di Li- enorme e delle star dello spettacolo
ve Aid di Bob Geldof e l’apoteosi mu- sulle vittime delle guerre.
DMHPOM...............23.03.2011.............17:17:12...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXV

In alto Andrea
Bocelli
(a sinistra)
A fianco
Brian May e
Roger Taylor
dei Queen
A fianco
Zucchero
Fornaciari
e Lady Diana
d’Inghilterra

Qui sotto
Ricky Martin
cantante
amatissimo
dalle
giovanissime
che si sono
appostate
dal mattino
per un
autografo
o solo
per vederlo
P19POM...............23.03.2011.............17:20:42...............FOTOC24
DMIPOM...............23.03.2011.............17:16:20...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXVII

I GRANDI EVENTI

Appuntamento estivo di grande musica e di grande al-


legria quello del Festival delle Bande Militari che ha
portato a Modena compagini internazionali. Qui alcu-
ne immagini di passate edizioni. Da sinistra: un con-
certo dell’edizione 2005. Qui sopra banda scozzese
nel 2007 e a destra musicisti del Gruppo Hosoo Tran-
smongolia che partecipò all’edizione 2007 del Tattoo.

Festival delle bande


Modena capitale
del Tattoo italiano
Una manifestazione diventata, nel stazione è arrivata l’anno scorso alla
tempo, tradizione; cresciuta negli an- sua diciannovesima edizione, prece-
ni fino a diventare famosa a livello duta come sempre da “Rataplan”,
internazionale, capace di portare sul- l’anteprima che vede protagonisti i
le strade della città e della provincia giovani strumentisti provenienti del-
compagini di tutto il mondo: questo le scuole di musica di tutta la regio-
il Festival delle Bande Militari, uno ne. Uno “squadrone” colorato, “apri-
dei grandi eventi che ha portato il no- pista” al festival vero e proprio fatto
me di Modena nel mondo. La manife- di concerti di gala e parate.

La manifestazione nel 2010 A sinistra la Banda dei Bersaglieri, nel 2008, sfila di
corsa sulle strade modenesi. Qui sopra un momento
arrivata alla 19ª edizione dello spettacolo di chiusura dell’edizione 2008 con la
grande parata di fronte all’Accademia Militare
DMLPOM...............23.03.2011.............17:17:39...............FOTOC24

XXVIII GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

Lo scandalo divise sporche 1995

Un agente arrestato, tre indagati. De Gennaro a Modena


«Perchè è venuta qui a Mirandola.
chiedere la pensione? A noi In Inghilterra viene arre-
lei risulta deceduta». Di fron- stato e rilasciato il modenese
te a questa risposta una pen- Paolo Vaccari, di Greenpea-
sionata di 75 anni si rivolge ce, che con altre centinaia di
alla Gazzetta per denunciare manifestanti aveva bloccato
il caso di malaburocrazia. Giulio il treno con scorie radioatti-
Inutile dire che in pochi gior- Andreotti ve pronte per essere riciclate
ni le arrivano dall’Inps scuse a Perugia in un impianto nucleare.
e pagamento di pensione e ar- nell’aula Nello Zaire, in mezzo alla
retrati. A Carpi a maggio un del Tribunale micidiale epidemia del virus
utente si rivolge al giornale davanti alla Ebola, ci sono cinque missio-
per segnalare una bolletta da Corte d’Assise nari modenesi.
70 milioni di lire. per il processo A Finale, San Felice e For-
Scoppia il caso delle cosid- per l’omicidio migine manifestazioni per
dette “divise-sporche” in di Mino evitare che vengano chiusi i
Questura; in seguito a un al- Pecorelli piccoli ospedali: lotta vana.
tro delitto del “Mostro di Mo- “La Bugatti in agonia” tito-
dena” (in tutto saranno nove la la Gazzetta. Lo storico
le donne uccise, l’ultima pro- PROCURA DI PALERMO marchio era tornato a pro-
prio all’inizio di gennaio di durre a Campogalliano. Ma
quest’anno) la famiglia di le supercar in 8 anni si conta-
una ragazza affida a un inve-
stigatore privato le indagini.
Da qui si scoprono nell’am-
«Andreotti venga processato» no sulle dita di una mano e il
patron modenese Romano
Artioli si ritira.
biente delle lucciole strane Il 2 marzo del 1996 la procura della Repubblica di Paler- A fine anno, il 18 dicem-
continguità con agenti della mo chiede di poter processare il senatore a vita Giulio An- bre, Modena perde un altro
Ps. Per i colleghi è uno sho- dreotti. L’accusa, che prende le mosse dalle dichiarazioni dei suoi “portabandiera” più
ck: a Modena arriva il su- del pentito Buscetta, è di essere stato il referente della ma- importanti e conosciuti nel
per-poliziotto De Gennaro e fia in politica. Il sette volte presidente del Consiglio sce- mondo: muore a 70 anni Gior-
l’operazione porta al trasferi- glierà di farsi processare, sia per questa che per le altre pe- gio Fini titolare dell’omoni-
mento alla Celere di Milano santi accuse come quella di essere il mandante dell’omici- mo ristorante e del marchio
di un sovrintendente che da dio di Mino Pecorelli. Alla fine ne uscirà indenne. che ha reso internazionale la
vent’anni era in servizio a nostra cucina.

1996 Modena si spacca sui tracciati Tav


Petizioni, cortei, proteste: alla fine passa il nord
Luca Cordero di Monteze- presentano un poderoso stu-
molo diventa presidente di dio tecnico che dimostra la
Confindustria e tenterà più possibilità di un affiancamen-
avanti di riunire in una sola to parallelo al tracciato esi-
organizzazione anche i picco- stente, sotterraneo, e senza
li industriali di altre associa- impatto sul territorio. Ma
zioni. Il suo lavoro non ottie- neppure 50 mila firme di tre
ne successo, a differenza di petizioni, cinque grandi ma-
quanto accaduto a Treviso, nifestazioni con trattori e
perchè i “piccoli” della no- striscioni, smuovono il sinda-
stra provincia si ritengono co Barbolini e la sua giunta
poco tutelati da un’unica dal votare per un viadotto
struttura associativa. che chiude a nord la città.
A giugno arriva il nuovo Nel campo della tutela dei be-
vescovo; è mons. Cocchi che ni storici si apre lo scontro
sostituisce mons. Santo Qua- sul restauro del “Compian-
dri. Per Pavarotti invece sia- Proteste per i divieti contro i rischi del virus mucca pazza to” di Guido Mazzoni, la sta-
mo alle ultime battute del di- tua in terrecotta viene priva-
vorzio del secolo tra Luciano ta dei suoi colori antichi di
Pavarotti e la moglie Adua; IN EUROPA cinque secoli e lasciata solo
il tenorissmo viene sorpreso, nel colorito rosa dell’argilla.
si fa per dire, da un fotografo Il 18 ottobre muore Giuseppe
indiscreto che lo ritrae in
mezzo al mare dei Caraibi
mentre bacia la segretaria
La psicosi della “mucca pazza” Panini, re delle figurine e del-
la pallavolo modenese. Terre-
moto in Comune per l’allon-
Nicoletta Mantovani. In marzo si scatena in tutta Europa la paura della muc- tanamento del segretario co-
Ma a tenere banco per il ca pazza. Una commissione scientifica inglese comunica munale, Teodosio Greco: lui
terzo anno consecutivo sono ufficialmente che il morbo della “mucca pazza” è trasmis- fa ricorso e vince tutte le cau-
le imponenti mobilitazioni sibile all’uomo. Crollano i consumi di carne bovina e an- se. Dal 2006 è in attesa di un
popolari contro il percorso che in Italia si segnalano i primi casi di contagi e morti so- rimborso miliardario deciso
della Tav; il Comune di Mo- spette. Scattano anche divieti di commercializzare alcuni dal tribunale per lo ‘stalkin-
dena tentenna fra tre percor- tagli di carne. È rivolta in difesa della fiorentina. g’ amministrativo di cui è
si, i cittadini si organizzano e stato vittima.
P20POM...............23.03.2011.............17:20:55...............FOTOC24
P38POM...............23.03.2011.............17:21:01...............FOTOC24
DMNPOM...............23.03.2011.............19:24:02...............FOTOC21

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXXI

A Parigi muore Lady Diana 1997

Incidente automobilistico il 31 agosto nel tunnel dell’Alma


Grande commozione per la ho realizzato un sogno quel-
morte di due donne: Lady lo di contribuire a riportare
Diana, nell’incidente dell’Al- il sorriso sui volti dei bambi-
ma e Marta Russo uccisa al- ni», parole di Luciano Pava-
l’Università La Sapienza di rotti dopo avere inaugurato,
Roma. L’omicidio avviene il il 21 dicembre, a Mostar nel-
9 maggio. Nel 2003 la Cassa- l’ex Jugoslavia, il centro mu-
zione condannerà in via defi- Violenta sicale per bambini realizzato
nitiva gli ex assistenti uni- rapina con i proventi del Pavarotti
versitari Giovanni Scattone a danno & friends. Al progetto hanno
e Salvatore Ferraro. La mor- di Francesco partecipato anche altri big
te della Principessa del Popo- Biagini come Zucchero, Bono degli
lo, ex moglie del principe imprenditore U2, Ligabue, Bennato, Pelù.
Carlo d’Inghilterra, avviene modenese. Criminalità a Modena. Il
invece il 31 agosto: si schian- Quattro 23 dicembre don Oreste Ben-
ta nel tunnel dell’Alma a Pa- i malviventi zi ha fatto visita al centinaio
rigi in auto con il fidanzato assaltano di prostitute che esercitava-
musulmano Dodi al Fayed. la sua casa no alla Bruciata, in zona Cit-
Ancora oggi la famiglia del tanova: attraverso una cate-
ricchissimo magnate assicu- L’INDUSTRIALE BIAGINI na umana ha voluto sensibi-
ra che fu un complotto della lizzare contro lo sfruttamen-
Corona inglese. to del corpo femminile.
Maxi tamponamento nei
giorni di Natale: il 23 dicem-
bre sull’Autobrennero nei
Sequestrati in casa e rapinati Lutto infine nel mondo im-
prenditoriale: muore il 13 di-
cembre Giovanni Alberto
pressi di Carpi oltre 100 auto Il noto imprenditore e presidente della Lapam-Licom di Agnelli, 33 anni, figlio del fra-
sono rimaste coinvolte in un Modena Francesco Biagini la notte del 13 dicembre è stato tello dell’Avvocato, Umberto
incidente con 26 feriti. Fortu- rapinato in casa e picchiato da quattro malviventi. Sono Agnelli. Era l’erede designa-
natamente, causa la nebbia stati momenti drammatici quelli vissuti da Biagini, dalla to della Fiat e viene ucciso
fitta, la lunga colonna di au- moglie Carmen e dal fratello Giuseppe. Quattro malviven- da una rara forma di tumore
to viaggiava a velocità mode- ti stranieri hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’indu- all’intestino che in 8 mesi se
rata, ma a parte le ferite lievi striale e dopo avere malmenato i tre hanno rubato denaro lo porta via. Solo pochi gior-
la paura è stata tanta. e gioielli per un centinaio di milioni di euro. ni prima aveva assistito a
«Sono davvero commosso, una partita della Juve.

1998 Contesa sulla terapia Di Bella


Accordo tra il ministro Bindi e il medico modenese
Diventa in pochi giorni un ta dello sport e l’allora vice-
evento nazionale la terapia presidente del Consiglio Wal-
contro il cancro che il profes- ter Veltroni.
sor Luigi Di Bella, un anzia- Per la cronaca nera da ri-
no ex professore universita- cordare lo scandalo pedofilia
rio modenese, dice di avere che si abbatte sulla Bassa:
messo a punto. Seguiranno una vicenda drammatica
molti mesi di polemiche, spe- che, dal punto di vista giudi-
ranze e dichiarazioni smenti- ziario, finirà nel nulla.
te il giorno dopo che porte- Negli Stati Uniti scoppia lo
ranno migliaia di malati spe- scandalo Lewinsky, la love
ranzosi a recarsi davanti ai story clandestina tra il presi-
cancelli del medico a Mode- dente Bill Clinton e la stagi-
na. Il 10 gennaio le polemi- sta della Casa Bianca, Moni-
che in parte si placano per- ca Lewinsky. Il 21 settembre
ché il professore incontra viene reso pubblico il video
pubblicamente l’allora mini- della confessione del presi-
stro della Sanità Rosy Bindi D’Alema e Ciampi brindano all’insediamento del nuovo esecutivo dente davanti al Gran Giurì.
che inserisce la cura antitu- In America lo vedono in 22
morale del professore mode- MASSIMO D’ALEMA milioni di persone. Clinton,
nese a verifica ufficiale. imbarazzato, è costretto ad
Centenario con polemica ammettere il “rapporto im-
per la nascita di Enzo Ferra-
ri: il Drake nacque nel 1898
in una casa di via Paolo Fer-
Un ex-Pci a capo del governo proprio”, ossia orale, avuto
con Monica nella Sala Ovale
durante la telefonata politica
rari 85 e la costruzione, in Per la prima volta un ex comunista, Massimo D’Alema, a un senatore. Clinton riu-
mani private, cade a pezzi. diventa presidente del Consiglio dei ministri: accade il 21 scirà poi a superare, nono-
Serviranno ancora molti an- ottobre poiché alcune settimane prima, grazie a una “mos- stante una richiesta di impea-
ni perché si parta con il pro- sa” politica di Francesco Cossiga e all’uscita della maggio- chment per avere mentito
getto del Museo Enzo Ferra- ranza di Rifondazione comunista di Fausto Bertinotti, il sotto giuramento, il brutto
ri, pronto a fine 2011 e nato governo Prodi cade. Novità anche al governo tedesco: elet- momento e il partito demo-
da un’idea della Gazzetta cui to il 27 ottobre Gerard Schroeder a capo dell’esecutivo. cratico successivamente vin-
si uniscono subito la Gazzet- cerà ancora le elezioni.
P21POM...............23.03.2011.............17:38:50...............FOTOC24
DMOPOM...............23.03.2011.............17:14:33...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXXIII

Notte di fuoco, è il racket? 1999

Un raid di 40 minuti. Tre pizzerie distrutte da roghi dolosi


Brutto inizio d’anno per la ta vicina a fogli di catrame
nostra città. Il 4 gennaio in durante i lavori in corso alla
una stessa notte sono state sede dell’Osservatorio Geofi-
incendiate tre pizzerie in sico dell’Università.
città, il “City new”, il “Picco- In Appennino, il 7 luglio,
lo Giardino” e “La Vignole- una scossa di terremoto del
se”. É bastato un raid di 40 Il calciatore 6º grado Mercalli terrorizza
minuti con tre roghi attribui- Renato la popolazione e provoca dan-
ti tutti alla stessa mano per Braglia ni all’ospedale di Pavullo, a
immaginare che dietro al fat- ha stabilito case e a diverse chiese alcu-
to possano esserci regola- un record ne delle quali verranno an-
menti di conti della malavita indossando che chiuse al culto. Le scosse
organizzata. Prima tappa del 499 volte di assestamento seguiranno
tour criminale alle 4,20 con la maglia per diversi giorni.
l’incendio al City New di via gialloblu È l’11 agosto quando anche
Emilia Ovest cui sono segui- in vent’anni Modena si ferma per assiste-
te mezzora dopo le fiamme di carriera re ad una eclissi di sole. Lo
in via Vignolese e pochi mi- sportiva spettacolo è preceduto da
nuti dopo al Piccolo Giardi- una grande attesa tanto che
no. Danni per centinaia di LUTTO NEL CALCIO vanno a ruba gli occhialini
milioni di lire e sempre mag- che consentono di protegge-
giore l’ipotesi racket. re la retina da ogni inconve-
A giugno un incendio met-
te a repentaglio l’integrità
della torre di sinistra dell’Ac-
Addio a Braglia, aveva 79 anni niente. Alla fine lo spettaco-
lo sarà inferiore alle aspetta-
tive, poco più di una sorta di
cademia costruita nel 1634. L’attenzione della cronaca è su personaggi modenesi tramonto anticipato.
Dopo l’intervento tempesti- che però “locali” non sono di certo. Se ne va, a 79 anni, Se ne va il 4 dicembre 1999,
vo e massiccio dei vigili del l’ex campione di calcio Renato Braglia, un’autentica ban- a 79 anni, una delle figure
fuoco i danni si riveleranno, diera con la maglia gialloblu del Modena nel ventennio a istituzionali più importanti
per fortuna, inferiori a quan- cavallo della seconda guerra mondiale compreso l’anno della storia italiana, la reg-
to temuto e verrà accertato del mitico terzo posto in serie A nel 1947. Un record le sue giana Nilde Iotti, prima don-
che a provocare le fiamme è presenze in gialloblu: 499. Pavarotti ha guai con il fisco: na presidente della Camera
stato il malfunzionamento di dovrebbe quasi 6 miliardi per i redditi del 1989-1995. dei deputati dal 20 giugno
una fiamma ossidrica lascia- 1979 al 22 aprile 1992.

2000 La Ferrari sul tetto del mondo


Dopo 21 anni torna Mondiale con Schumacher
Dopo decenni la Ferrari ri- ammettere finalmente le ca-
porta un suo pilota, il fuori- dette tra i suoi ranghi: al ter-
classe tedesco Michael Schu- mine di mesi durissimi dal
macher, sul tetto del mondo punto di vista fisico e degli
(a fine carriera il pilota tra- studi diverranno ufficiali del-
dirà la Rossa correndo, ma l’esercito italiano.
non vincendo, con la teutoni- Su scala nazionale e inter-
ca Mercedes). Dopo una ca- nazionali sono due le notizie
valcata trionfale e soprattut- di rilievo. Il 20 gennaio muo-
to dopo 21 anni di delusioni re ad Hammameth, in Tuni-
per la mitica marca di Mara- sia, il leader socialista Betti-
nello Schumi vince, dopo 8 no Craxi che era nato a Mila-
mesi di battaglie, 10 gare che no il 24 febbraio 1934. Per i
lo incoronano nella classifi- detrattori dell’ex presidente
ca generale. Alla presentazio- del Consiglio è morto un lati-
ne della nuova auto, il 7 gen- tante, per gli amici se n’è an-
naio, l’avvocato Agnelli era L’intero team Ferrari che ha portato la Rossa alla conquista del Mondiale dato, in esilio, un perseguita-
stato profetico: «Come voglio to che era stato anche umilia-
che sia la Ferrari nel 2000? to, ai tempi dell’inchiesta Ma-
Bella o brutta non mi interes- ARRESTATO UN GIOSTRAIO ni Pulite di Tonino di Pietro,
sa, mi basta sia vincente». con lanci di monetine.
L’ultima parte della stagione In America George W. Bu-
è stata quella davvero entu-
siasmante: quattro vittorie
su quattro gran premi - Ita-
Sventato sequestro Cremonini sh inizia il secondo mandato
da presidente.
Infine impossibile, venen-
lia, Indianapolis, Giappone, Sventato sequestro del re delle carni Luigi Cremonini: i do alla storia minimalista
Malesia - e un tripudio di carabinieri di Genova arrestano un giostraio che con 5 modenese, non citare l’addio
gioia con il parroco di Mara- complici voleva rapire l’industriale a Natale. Una vicenda alla Bocca di Rosa della
nello a scampanellare le cam- fortunatamente molto meno drammatica di quella accadu- città: se ne va Gina Ferrari,
pane a più non posso. ta alla prostituta Concetta Giuliano, 39enne, uccisa con 57 72 anni, prostituta per me-
A livello sociale è impor- coltellate. Sarà condannato a sei anni, con incapacità di in- stiere e anche per convinzio-
tante la decisione dell’Acca- tendere e volere, l’ex ferroviere Sebastiano Mauro. ne. Di lei si dice abbia “salva-
demia militare di Modena di to” molti matrimoni in città.
DMPPOM...............23.03.2011.............17:14:18...............FOTOC24

XXXIV GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

11 settembre: il mondo trema 2001

Attacco terroristico alle Twin Towers di New York: 3.000 morti


Sono le 8.45 dell’11 settem- ottobre un Md80 e un Cesna
bre quando, a New York, un si scontrano in pista: muoio-
aereo passeggeri va a schian- no 118 persone.
tarsi contro una delle torri Modena ancora una volta
gemelle del World Trade Cen- ha soddisfazioni dalla Ferra-
ter di Manhattan. In un pri- ri che incassa i due titoli
mo momento il disastro, per Matteo Mondiali piloti e costruttori
quanto terrificante, sembra Nadalini con Schumacker e Barrichel-
accidentale. Ma 18 minuti do- il 14enne lo. Luciano Pavarotti festeg-
po, alle 9.03, un secondo ae- soffocato gia con un memorabile con-
reo si schianta contro l’altra a Limidi certo al teatro Comunale i
torre mentre arriva la segna- La madre suoi quarant’anni di carrie-
lazione di un terzo aereo di- racconta ra ed è record anche per l’edi-
rottato e diretto verso il Pen- di una rapina zione del Pavarotti & Frien-
tagono. Si sta consumando di banditi ds di maggio che al Novi Sad
una delle più grandi tragedie stranieri registra 18mila spettatori e
dalla fine della seconda guer- Risulterà una raccolta di 3 miliardi e
ra mondiale: un attacco ter- tutto falso 670 milioni a favore dei pro-
roristico al cuore dell’Ameri- fughi e dei bambini afghani.
ca che avrà come bilancio DELITTO DI LIMIDI All’inizio di luglio, a Mode-
tremila morti e conseguenze na, è ufficiale la chiusura del
pesantissime sul piano degli mercato bestiame di via Ca-
equilibri di politica interna-
zionale. È l’apocalisse a New
York; il mondo è incollato ai
Matteo soffocato a 14 anni naletto: dopo cinquant’anni
cesserà a fine mese per la-
sciare posto alle ruspe nell’a-
televisori, Wall Street crolla Matteo Nadalini aveva 14 anni. La sera del 13 settembre rea interessata dal progetto
e con lei vacillano le econo- il papà esce a comprare del gelato. Quando rientra trova della Fascia Ferroviaria.
mie internazionali. Ovunque la moglie Paola Mantovani in piscina, legata e imbavaglia- L’11 luglio la sentenza del-
nel mondo occidentale vengo- ta, e il figlio soffocato. La donna racconta di una rapina la Corte d’Appello che riabili-
no adottate misure di sicurez- violenta ma gli investigatori non le credono. E dopo poco ta don Giorgio Govoni dal-
za senza precedenti. la mamma di Matteo viene arrestata per omicidio preme- l’accusa di pedofilia. Il sacer-
Nemmeno un mese dopo ditato aggravato dalla crudeltà. Anni dopo la donna sarà dote della Bassa era morto
l’Italia è scossa da un altro completamente scagionata e il delitto resterà insoluto. d’infarto all’indomani della
incidente aereo. A Linate l’8 richiesta di pena a 14 anni.

2002
Il Modena in A dopo 38 anni
Cortei in città e festa con la squadra al Novi Sad
Il 2002 per Modena è l’an- Pierangelo Bertoli lasciando
no del ritorno in serie A. Do- in eredità alcune delle più
po un’attesa durata 38 anni i belle canzoni italiane.
canarini conquistano, con A far sorridere i modenesi
tre giornate di anticipo sulla è invece ancora lo sport. È il
fine del campionato, la massi- 7 maggio quando Casa Mode-
ma serie in cui rimarranno na sconfigge davanti a 7mila
per due anni. È un pareggio tifosi al PalaPanini la Sisley
a reti inviolate allo stadio e conquista lo scudetto. A di-
Marassi di Genova a sancire cembre Michael Schuma-
la promozione alla luce, an- cher regala alla Ferrari il
che, dei risultati delle altre quinto titolo mondiale.
squadre che coi gialloblu si Luciano Pavarotti, che pro-
giocano l’accesso in A. La prio in quest’anno perde en-
certezza matematica arriva trambi i genitori, diventerà
alle 16.55 sull’1-1 del Napoli a nuovamente papà: Nicoletta
Cosenza. In campo esplode la Mantovani, la sua compa-
gioia. E mentre a Genova Il primo gennaio la lira va in pensione e arriva l’euro gna, è infatti in attesa di due
Amadei, Tosi, De Biasi e cal- gemellini.
ciatori esultano, a Modena i DAL 1 GENNAIO Una tragica recrudescenza
tifosi si scatenano con cortei del terrorismo rosso. Il 19
che, come tradizione, conver- marzo viene ucciso a Bolo-
gono in largo Garibaldi. Alla
sera grande festa al parco
Novi Sad con i canarini accol-
In Europa entra in vigore l’euro gna il professor Marco Biagi,
docente alla facoltà di Econo-
mia e commercio dell’Univer-
ti come eroi da migliaia di so- Dopo una fase sperimentale entra in vigore dal primo sità di Modena e collaborato-
stenitori. gennaio la moneta unica europea. L’euro equivale a re del ministero del Welfare.
L’11 settembre un altro fat- 1.927,36 lire e, secondo il ministro dell’Economia Giulio Biagi stava realizzando una
to di sangue. A Modena in Tremonti garantirà agli italiani una moneta più salda e riforma dell’ordinamento
via Del Mercato una guardia un recupero della macchina produttiva. Il suo ingresso se- del lavoro che prenderà il
giurata uccide la fidanzata e gnerà un’ondata di rincari ma al tempo stesso metterà al suo nome e a lui verrà anche
poi si suicida. A ottobre se sicuro l’economia nazionale nel contesto europeo. intitolata la stessa facoltà di
ne va a 60 anni il cantautore Economia e commercio.
P22POM...............23.03.2011.............17:22:16...............FOTOC24
DMQPOM...............23.03.2011.............17:14:27...............FOTOC24

XXXVI GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GAZZETTA

La tre giorni del presidente 2003

Ciampi con la moglie a Modena, Carpi, Sassuolo e Maranello


Alle 16.30 del 9 marzo Mo- ex fidanzata negli uffici della
dena accoglie il presidente ditta che la ragazza, pure
della Repubblica Carlo Aze- 28enne, gestisce con la sorel-
glio Ciampi. Per lui e la mo- la. Poi si suicida. A San Feli-
glie, signora Franca, una vi- ce quattro ragazzi di 16, 17,
sita di tre giorni che li por- 18 e 21 anni muoiono in un
terà anche a Sassuolo, Carpi La palazzina incidente alla curva di Riva-
e Maranello. Primo appunta- del comando ra. A maggio Modena perde
mento, per il Capo dello Sta- Carabinieri un altro grande dell’automo-
to, è in Accademia in occasio- a Nassiriya bilismo: muore a 74 anni Ale-
ne del giuramento dei cadet- colpita jandro De Tomaso, titolare
ti. La coppia presidenziale al- da un pick up dell’omonimo marchio di
loggia a palazzo Foresto, se- imbottito granturismo. E a luglio se ne
de della Prefettura, che per di tritolo va anche Luigi Di Bella, fisio-
tre giorni diventa una sorta Le vittime logo famoso per la sua tera-
di Quirinale modenese, luo- dell’attentato pia contro il cancro.
go di incontri e pranzi ufficia- furono Non solo brutte notizie. Lo
li. Per la signora Franca, ol- diciannove sport ancora una volta rega-
tre ai momenti ufficiali ac- la soddisfazioni, dal Modena
canto al marito, anche visite LA GUERRA IN IRAQ alla Ferrari (Schumi conqui-
private al Duomo e ai musei sta il sesto titolo mondiale e
e autentici bagni di folla tra supera Fangio). Ma questo è
l’entusiasmo della gente.
Se la visita del presidente
è per Modena un momento
Strage a Nassiriya, 19 morti l’anno baseball. La grande ri-
velazione della stagione è in-
fatti il risultato della “Gb Ri-
di gioia con grande partecipa- È il 12 novembre quando dall’Iraq arriva la notizia del- cambi” che arriva alla finale
zione popolare il 2003 porta l’attentato di Nassiriya. Diciannove i morti militari e civi- per il tricolore. Luciano Pa-
però anche fatti luttosi che li. L’Italia paga il suo primo tributo di sangue nella guerra varotti e Nicoletta Mantova-
scuotono l’opinione pubbli- voluta da George W. Bush contro Saddam e iniziata a mar- ni si sposano il 13 dicembre.
ca. A Prignano, a gennaio, zo. L’attentato avviene alle 8.40 ora locale corrispondente A celebrare le nozze al teatro
un uomo di 55 anni uccide la alle 10.40 italiane. I kamikaze usano prima un’autobotte Comunale è il sindaco Barbo-
madre di 89 e poi si toglie la per aprirsi la strada. Poi un pick up imbottito di tritolo si li. Vasco Rossi raggiunge ci-
vita. Ad agosto un 28enne lancia contro la palazzina del comando dei carabinieri. fre record per fans ai concer-
fredda a colpi di rivoltella la ti e vendita di dischi.

2004
Un nuovo sindaco per Modena
Pighi succede a Barbolini che lascia dopo nove anni
Un 2004 importante per ragazzina che alla fine chie-
Modena sul fronte ammini- derà di poterlo rivedere pro-
strativo e politico. Dopo no- prio mentre Jacopo sta mo-
ve anni la città vede cambia- rendo in ospedale.
re il suo primo cittadino. Le L’anno è denso anche di
elezioni del 12 e 13 giugno in- importanti eventi culturali:
fatti portano alla guida del il premio Nobel per la Fisica
Comune Giorgio Pighi, avvo- Carlo Rubbia apre l’Anno Ac-
cato 55enne, che conquista la cademico dell’Accademia mi-
poltrona di primo cittadino litare, mentre il Nobel per la
con un netto 63,8% di voti Letteratura Dario Fo tiene in
Cambio anche al vertice del- piazza Grande una lezio-
l’amministrazione provincia- ne-spettacolo sul Duomo di
le dove a Graziano Pattuzzi Modena. In migliaia corrono
succede Emilio Sabattini, ad ascoltarlo non solo dalla
promosso dall’elettorato con provincia, ma non mancano
il 65% dei voti. le polemiche a cominciare da
Ma è una vicenda dolorosa Stefano Baldini esulta dopo la conquista dell’oro nella maratona quelle sollevate dal vescovo
a proiettare la città sulla cro- Cocchi che critica la ricostru-
naca nazionale. Il 9 aprile vie- OLIMPIADI DI ATENE zione dei fatti proposta.
ne infatti trovato, abbando- Grande appuntamento al
nato in un piccolo giardino Palapanini per gli appassio-
di un condominio di via Wa-
gner, un neonato. Le condi-
zioni del bambino sono dispe-
Baldini, oro nella maratona nati di musica: sul palco sale
infatti Sting che regala uno
dei concerti più memorabili
rate. Il piccolo soccorso e ri- C’è anche un po’ di Modena nell’oro olimpico vinto da ospitati dalla città.
coverato alla Neonatologia Stefano Baldini ai giochi del 2004 ad Atene. L’atleta che Sul fronte sportivo prose-
del Policlinico, viene battez- conquista la maratona è infatti allenato da Luciano Gi- gue il trionfo delle Rosse e di
zato Jacopo. Per poco meno gliotti, il 70enne professore modenese guru del podismo Schumacher. E a Riolunato
di un mese la sua storia com- che ha già portato alla vittoria olimpica Gelindo Bordin. E arriva El Pibe de Oro, Diego
muove l’Italia mentre le ri- il terreno di allenamento su cui Baldini ha costruito l’oro Armando Maradona, che tie-
cerche portano in breve ad cerchiato è la pista del campo scuola alla Madonnina. ne a battesimo la seggiovia
identificare la madre. È una Valcava.
DB1POM...............23.03.2011.............19:26:25...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXXVII

Muore il Papa dei giovani 2005

Giovanni Paolo II se ne va il 2 aprile. I fedeli: santo subito


Due giornate di preghiere al momento in cui il respiro
per la folla in piazza San Pie- era diventato superficiale ed
tro sotto le finestre del palaz- era subentrata una grave in-
zo Apostolico. Poi il 2 aprile sufficienza cardiorespirato-
la notizia: è morto alle 21.37 ria. È il cardinale di Sassuo-
a 84 anni papa Giovanni Pao- lo Camillo Ruini a dare il
lo II. Si conclude con un mes- Una delle giorno precedente la morte,
saggio di monsignor Sandri immagini con una omelia al momento
ai 70mila fedeli in piazza San simbolo della chiusura delle porte di
Pietro lo storico papato del del funerale San Pietro in segno di lutto,
primo papa polacco, nato a di Giovanni il senso del triste momento:
Wadowice il 18 maggio 1920. Paolo II «Il pontefice già vede e tocca
E’ stata una malattia sofferta Milioni di fedeli il Signore». Rese note anche
quella del penultimo papa, a Roma le ultime parole di Giovanni
tutta pubblica: «Il Santo Pa- per rendere Paolo II dedicate ai giovani:
dre - spiega il portavoce Joa- omaggio «Vi ho cercato, adesso siete
quim Navarro Valls, figura alla salma venuti da me. Vi ringrazio».
cui si deve larga parte della I funerali saranno un evento
“creazione” mediatica che epocale. I fedeli reclamano
contorna questo papa - è mor- A BAGGIOVARA DI MODENA «santo subito».
to nel suo appartamento pri- Per quanto riguarda la cro-
vato e si sono subito messe naca cittadina va segnalato
in moto le procedure previ-
ste dalla Costituzione aposto-
lica: la certificazione della
Inaugurato il nuovo ospedale il lutto nel mondo politico e
non solo per la morte di Ren-
zo Imbeni, modenese, apprez-
morte è stata effettuata dal I lavori sono durati dodici anni. Ma finalmente, nel me- zato sindaco di Bologna dal
cardinale camerlengo Eduar- se di giugno, viene tagliato il nastro del nuovo ospedale co- 1983 al 1993. Nel 1989 Imbeni,
do Martinez Somalo, poi il se- struito a Baggiovara. Si chiamerà Sant’Agostino-Estense nato il 12 ottobre 1944, diven-
gretario di Stato Angelo So- e prenderà il posto della vecchia struttura in centro, or- ne parlamentare europeo e
dano ha recitato il De Profun- mai chiusa. È costato 189 milioni di euro ed ha attrezzatu- vicepresidente del Parlamen-
dis e sono risuonati i rintoc- re all’avanguardia. Alla cerimonia inaugurale prendono to Europeo dal 1994 al 2004.
chi delle campane». Le spe- parte oltre mille e cinquecento ospiti anche se sono assen- All’età di 89 anni scompa-
ranze per Karol Wojtyla era- ti rappresentanti dello Stato. re anche il re dei liutai Wal-
no terminate il giorno prima ter Lusetti.

2006 Mondiali azzurri in Germania


Nella nazionale di Lippi i modenesi Toni e Zaccardo
Quest’anno l’Italia si divi- la sconfitta dei cugini d’Ol-
de a metà tra l’esultanza per tralpe si è verificata pochi
la vittoria della nazionale di minuti prima quando Zidane
Marcello Lippi ai Mondiali con una testata ha messo a
in Germania e l’immensa tra- terra Materazzi, in gioventù
gedia del rapimento e dell’o- giocatore del Carpi. La notte
micidio del piccolo Tommy della vittoria, il 9 luglio, fe-
Onofri, angelo biondo di 18 sta emozionante per tutta l’I-
mesi di Parma. Se siamo per talia e anche in piazza Gran-
la quarta volta sul tetto del de. Ma se a luglio si ride, in
mondo calcistico - dopo il primavera gli italiani aveva-
“campioni del mondo, cam- no pianto, e tanto. Il 2 marzo
pioni del mondo, campioni di Tommaso Onofri, un anno e
mondo” di Nando Martellini mezzo, viene rapito e 29 gior-
nel 1982 ora siamo al “Il cielo ni dopo viene ritrovato cada-
è azzurro sopra Berlino” di vere a Sant’Ilario vicino al
Marco Civoli - lo dobbiamo fiume Enza. Agghiacciante
anche al notevole apporto Il conferimento della laurea ad honorem a Enzo Biagi la confessione dell’omicida
dei calciatori modenesi Cri- Mario Alessi, manovale:
stian Zaccardo di Spilamber- IN UNIVERSITÀ «L’ho ucciso io non sopporta-
to e Luca Toni di Stella di vo il suo pianto anche se i
Serramazzoni. Il centravan- miei complici Salvatore Rai-
ti, nel 2011 passato alla Ju-
ventus, festeggia un’annata
d’oro perché prima del titolo
Laurea ad honorem a Biagi mondi e Antonella Conserva
non erano d’accordo». Oggi
Alessi è all’ergastolo. A Par-
mondiale gli era stata asse- Anno di eventi importanti per lo sport modenese, tra l’u- ma esiste un’associazione in
gnata la scarpa d’oro in scita di Schumacher dalla Ferrari e i 60 anni dalla fonda- memoria di Tommy e sono
quanto bomber d’Europa gra- zione del Centro sportivo italiano di Modena. Il tedesco stati pubblicati anche alcuni
zie alle 31 reti segnate con la chiude il 23 ottobre a Interlagos, in Brasile, la sua carriera libri. Il papà di Tommy, dopo
maglia della Fiorentina. Gra- in F1 (in realtà rienterà con la Mercedes). Infine il giorna- anni di dolore anche per infa-
zie anche all’apporto dei mo- lismo: il rettore dell’Università Pellacani ha assegnato manti insinuazioni, viene col-
denesi l’Italia ha battuto la una laurea ad honorem al grande giornalista Enzo Biagi. pito da infarto. Da allora è in
Francia ai calci di rigore, ma uno stato vegetativo.

da Gustare e deGustare

Nei punti vendita


P39POM...............23.03.2011.............17:22:25...............FOTOC24
DB2POM...............23.03.2011.............17:17:49...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XXXIX

Il mondo piange Pavarotti 2007

Il tenore muore il 6 settembre a Modena. Aveva 71 anni


Il 6 settembre muore Lucia- detto XVI. «Papà, so che mi
no Pavarotti. A 71 anni se ne hai tanto amata e so che mi
va il tenore più famoso e più proteggerai sempre. Ti porte-
amato al mondo che ha porta- rò con me nel mio cuore bam-
to con sè, in giro ai quattro bino»; «Si prova un sentimen-
angoli del pianeta, anche la to di cordoglio - queste le pa-
sua città. Due giorni dopo Piazza Grande role del Santo Padre - per la
Modena si ferma per rendere gremita dipartita del grande artista
omaggio a uno dei suoi figli il giorno che con grande talento parte-
più illustri, con migliaia di dei funerali cipativo ha onorato il dono
persone che assistono dalle di Luciano divino della musica». Pro-
piazze del centro alla messa Pavarotti prio per queste doti, unite a
funebre celebrata in Duomo In migliaia quella di essere stato vicino
alla presenza della moglie Ni- salutano agli amici di gioventù sino al-
coletta Mantovani, della fi- il tenore. la fine, le polemiche uscite a
glia Alice, delle sorelle e del- Sarà sepolto pochi giorni dalla sepoltura
l’ex moglie Adua consolate a Montale nel piccolo cimitero di Mon-
da una lunga lista di star co- tale suonarono per molti tri-
me Bono degli U2, Zucchero, sti e offensive. Non tanto i
Jovanotti, Gianni Morandi, EVENTI AL PALAPANINI presunti dissapori tra la ve-
Franco Zeffirelli. Presenti an- dova e la famiglia del mae-
che tanti politici alla messa stro, quanto le dichiarazioni
celebrata dal vescovo Cocchi
- dopo l’omaggio alla salma
effettuato dal presidente del-
I cicloni Benigni e Beppe Grillo di Franca Corfini Strata e di
Lidia La Marca, rispettiva-
mente mogli del dietologo e
la Repubblica Giorgio Napoli- Un anno per Modena consacrato allo sport, tra la F1 del del pianista di Lucianone,
tano - dal presidente delle Na- dopo Schumacher - vittoria di Kimi Raikkonen al primo che in un programma tv so-
zioni Unite Kofi Annan al- anno sulla Rossa, 21 ottobre - e volley con la vittoria fem- stennero che Nicoletta tor-
l’ex premier Romano Prodi fi- minile in Coppa del Mondo. Senza dimenticare lo spettaco- mentava il maestro isolando-
no a Rutelli e al sindaco Pi- lo con gli show di Roberto Benigni al Palapanini e Beppe lo dai suoi amici. La Manto-
ghi. Molto toccanti i due mes- Grillo che porta a Bruxelles il caso del deposito gas di Ri- vani non poté fare altro che
saggi letti durante la cerimo- vara. Cittadinanza onoraria a Remo Bodei per la sua de- chiedere un maxi risarcimen-
nia funebre, della figlia di ap- cennale attività al Festival Filosofia. to di trenta milioni per diffa-
pena 4 anni e del papa Bene- mazione.

2008
Un presidente nero alla Casa Bianca
Barack Obama è il 44º presidente degli Stati Uniti
«Questa notte abbiamo di- gi, secondo i sondaggi, la sua
mostrato che l’America può popolarità sembra un po’ in
cambiare. L’America è cam- calo, ma era altissima al mo-
biata se uno come me può di- mento della vittoria sull’eroe
ventare presidente». A parla- di guerra John McCain.
re così, il 4 novembre 2008 Importanti anche le noti-
(insediamento ufficiale il 20 zie dalle cronache modenesi
gennaio 2009), è il 44esimo dell’anno. Il 7 settembre si è
presidente Usa, il senatore di realizzata una Unione tra i
colore Barack H. Obama, 50 Comuni di Carpi e San Possi-
anni da compiere il prossimo donio che per una volta va
4 agosto. Un evento, l’elezio- molto oltre la politica: quel
ne del primo nero a capo del giorno sono infatti convolati
“condominio mondo” che re- a nozze i sindaci di Carpi En-
sterà storico soprattutto pen- rico Campedelli, 42 anni e di
sando a quanto gli afroameri- San Possidonio Tanja Lugli,
cani hanno subito nei secoli Obama, 44º presidente degli Stai Uniti, il primo di colore 32 anni.
passati a causa della tratta Modena piange il vescovo
degli schiavi. Sono del resto emerito Santo Quadri che ha
passati pochi decenni dall’I GHIRLANDINA E PIAZZE retto le sorti della diocesi dal
Have a dream di Martin Lu- 1983 al 1996, ricevendo anche
ther King e dalla fine dell’A- papa Giovanni Paolo II nella
partheid in Sud Africa grazie
a Madiba Mandela. Obama
in precedenza è stato senato-
Grandi architetti per Modena sua visita cittadina del 3-4
giugno 1988. Sul fronte delle
battaglie civili Modena il 5
re junior dello stato dell’Illi- Duomo, Ghirlandina e le piazze Mazzini, Matteotti e Ro- novembre ha segnato un pri-
nois dal 2005 al 2008: doppia ma saranno riqualificate: i tre luoghi sono affidati dal Co- mato: è la prima città in Ita-
laurea alla Columbia e alla mune all’archistar svizzero Mario Botta con una cerimo- lia dove un giudice permette
Harward University ha lavo- nia pubblica il 4 dicembre. Per i lavori alla Ghirlandina il a un uomo in ottime condizio-
rato come avvocato nella di- municipio incarica l’artista della Transavanguardia Mim- ni di salute di nominare la
fesa dei diritti civili e dal mo Paladino di realizzare un “vestito” colorato. In piazza moglie, in caso di malattia in-
1992 al 2004 ha insegnato al- XX settembre spariscono i chioschi di Paolo Portoghesi. validante, “garante delle sue
l’Università di Chicago. Og- attività di fine vita”.
P33POM...............23.03.2011.............17:22:32...............FOTOC24
P34POM...............23.03.2011.............17:22:41...............FOTOC24
DF1POM...............23.03.2011.............17:23:26...............FOTOC24
DB5POM...............23.03.2011.............17:17:06...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XLIII

L’Abruzzo trema: 308 morti 2009

Il terremoto del 6 aprile devasta L’Aquila. 65mila sfollati


A dominare la cronaca ita- pesante il bilancio sul piano
liana è il terribile sisma che della devastazione dei centri
il 6 aprile colpisce al cuore il storici dove vanno in frantu-
centro storico dell’Aquila e mi in pochi secondi capolavo-
alcuni paesi dell’Abruzzo. La ri inestimabili. Il 10 aprile i
scossa della notte del 6 aprile funerali di Stato di 205 delle
è preceduta da una lunga se- Un momento 308 vittime a Coppito dell’A-
rie di scosse minori. La se- della visita di quila alla presenza di 1600 fa-
quenza si apre il 14 dicembre Napolitano miliari e 5000 persone. Le ese-
2008 e riprende con maggiore Il presidente quie sono officiate dal segre-
intensità il 16 gennaio 2009 è stato tario di Stato Vaticano Tarci-
per protrarsi, con intensità in città sio Bertone e dal vescovo del-
continuamente crescente, fi- due giorni l’Aquila Giuseppe Molinari.
no all’evento principale. Le incontrando Sempre sul fronte naziona-
scosse di assestamento si pro- le autorità le un altro lutto commuove
lungheranno per circa un an- modenesi l’opinione pubblica: l’8 set-
no. La scossa distruttiva del politiche, tembre a Montecarlo muore
6 aprile si verifica alle 3.32. economiche Mike Bongiorno. Con lui se
Nelle 48 ore successive si re- ne va un pezzo di storia della
gistrano altre 256 scosse di VISITA A MARZO Rai e del costume italiano.
cui tre, il 6, il 7 e il 9 aprile su- Modena in questo 2009 get-
periori al 5º grado. L’Aquila ta invece le basi per profondi
e l’Abruzzo sono in ginoc-
chio. Pesantissimo il bilan-
cio in termini di vite umane:
Modena in festa per Napolitano cambiamenti urbanistici. Si
progetta infatti la riqualifica-
zione urbanistica di impor-
i morti sono 308, circa 1600 i Marzo è un mese importante per Modena con la visita, tanti e storici complessi del
feriti di cui 200 gravissimi ri- il 18 e 19, del presidente della Repubblica Giorgio Napolita- centro storico e l’inaugura-
coverati negli ospedali di Te- no. Nel suo soggiorno il presidente ha incontri con tutte le zione di musei (quali l’ex
ramo, Avezzano, Chieti, Pe- autorità politiche, sociali ed economiche. Nel fitto calenda- ospedale S.Agostino che sarà
scara, Ancona, Roma, Rieti, rio da ricordare le visite alla Camera di Commercio, al Po- pronto nel 2015). In quest’am-
Foligno e Terni, circa 65.000 liclinico, alla Ferrari a Maranello e soprattutto alla Fonda- bito va segnalata anche la po-
gli sfollati alloggiati in tendo- zione Biagi con un commovente discorso in ricordo del sa della prima pietra, il 20
poli, auto, alberghi lungo la professore dell’ateneo ucciso dalle nuove Brigate Rosse. aprile, del Museo casa natale
costa adriatica. Altrettanto Enzo Ferrari.

2010 Lanfranchi centesimo vescovo


Il 14 marzo Cocchi lascia dopo quattordici anni
Va “in pensione” l’arcive- forze dell’ordine nella lotta
scovo Benito Cocchi e al suo contro la criminalità organiz-
posto arriva monsignor Anto- zata. Il pentito Angelo Corte-
nio Lanfranchi. Nel 2010 in- se fa rivelazioni sulle attività
fatti c’è il cambio al vertice legate al traffico di cocaina
della diocesi di Modena-No- che, secondo quanto sostie-
natola e dopo 14 anni dal ne, sarebbero gestite da anni
giorno dell’insediamento, nel Modenese da esponenti
quando disse di «voler diven- di clan calabresi. Oltre all’an-
tare modenese», monsignor drangheta anche la camorra
Cocchi lascia. Entrò in cari- subisce “il pugno di ferro”
ca il 9 giugno 1996 e passa il con l’arresto di venti suoi
testimone di una delle dioce- esponenti e al sequestro di
si più antiche al mondo il 14 beni per 10 milioni di euro.
marzo quando, in Duomo, Drammatico il bilancio del-
monsignor Lanfranchi diven- la cronaca nera che rimbalza
ta il centesimo arcivescovo. sulla stampa nazionale: Da-
Benito Cocchi ringrazia la co- A sinistra Sarah Scazzi. A destra Yara Gambirasio niele Bellarosa uccide a Car-
munità richiamando i valori pi, il 19 settembre, i genitori
della Chiesa. Molto attento AVETRANA E BREMBATE Enzo e Francesca Benetti e li
al futuro di Modena anche getta nel lago di Garda; don
Lanfranchi che rivolge un Giorgio Panini, parroco di
messaggio ai giovani delle
parrocchie sottolineando so-
prattutto il problema delle
La fine atroce di Sarah e Yara Brodano (Vignola) uccide l’a-
mico-socio d’affari Sergio
Manfredini e ferisce la mo-
poche vocazioni. La tragica fine di due adolescenti domina la cronaca tra glie. Infine la pakistana Sha-
Ma tanto altro accade nel- fine 2010 e inizio 2011. Ad Avetrana di Puglia Sarah Scaz- naz Begum uccisa dal marito
la nostra città quest’anno. zi, 15 anni, sparisce il 26 agosto mentre si sta recando dal- Ahmad Khan Butt e dal fi-
Le istituzioni sono allarmate la cugina, Sabrina Misseri. Il suo corpo verrà fatto ritrova- glio Umair a Novi il 3 ottobre
per le infiltrazioni mafiose al- re tra il 6 e il 7 ottobre dallo zio Michele Misseri. A Brem- per avere tentato di difende-
l’interno del tessuto economi- bate Sopra di Bergamo il 26 novembre sparisce Yara Gam- re la figlia, Nosheen, pure lei
co e il mese di marzo segna birasio, 13 anni. Verrà ritrovata uccisa tre mesi dopo. ferita, che non voleva sposa-
una serie di successi delle re un connazionale.
P41POM...............23.03.2011.............17:22:46...............FOTOC24
DB6POM...............23.03.2011.............17:18:05...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XLV

Giappone, incubo nucleare 2011

Il terremoto e lo tsunami. Poi lo scoppio delle centrali


Il 2011 è iniziato da neppu- mento della prima grande
re tre mesi ma ha già portato scossa nelle prefetture di
con sè diversi evente che pas- Miyagi, Ibaraki e Fukushi-
seranno alla storia e che an- ma. I danni arrecati dal terre-
cora tengono col fiato sospe- moto causano il malfunziona-
so il mondo intero. mento degli impianti dove le
Sono le 14.46, ora locale, Massimo procedure automatiche di
quando il Giappone è colpito Bottura raffreddamento dei reattori
da una dei terremoti più for- è stato eletto si interrompono a causa di
ti degli ultimi 150 anni. Una a Parigi black-out elettrici. Scattano i
scossa di magnitudo 8.9 scuo- miglior chef primi allarmi ma anche le
te il Paese che se, in qualche del mondo. prime esplosioni e lo spettro
modo, “resiste” al sisma ce- Il premio di Chernobyl e Tree Miles
de allo tsunami che si scate- gli è stato Island si staglia sempre più
na di conseguenza e che de- assegnato nitido sul cielo del Giappone.
vasta la costa est. Un muro dalla Non è più sufficiente l’eva-
di acqua di 10 metri si abbat- Accademia cuazione delle popolazioni re-
te sulle prefetture di Fuku- della cucina sidenti anche a decine di chi-
shima e Miyagi. Il fiume Na- lometri dalle sedi delle cen-
tori si gonfia e sommerge ca- ELETTO A PARIGI trali che “cadono” come biril-
se ed edifici. Fuori uso l’aero- li. Anche Tokio si svuota, la
porto, con l’acqua arrivata al gente cerca rifugio il più lon-
primo piano dell’aerostazio-
ne. Gli scenari sono apocalit-
tici. Man mano che passano
Bottura, uno chef mondiale tano possibile, nel sud, e i go-
verni stranieri invitano i lo-
ro cittadini a lasciare il Pae-
le ore e i giorni le dimensioni All’inizio di febbraio arriva per Modena un’affermazio- se. Crolla anche la Borsa che
della tragedia prendono for- ne internazionale. Massimo Bottura, chef della Francesca- in due giorni fa segnare una
ma e sono da cataclisma: na, è nominato il migliore cuoco al mondo. Il riconosci- perdita di una ventina di
città rase al suolo, migliaia mento gli viene conferito dalla parigina Accademia inter- punti. E siamo all’oggi, con
di morti e di dispersi. Ma l’a- nazionale della cucina. La motivazione ufficiale è che la un Giappone in ginocchio e
pocalisse ha ancora in serbo cucina dello chef modenese è una sintesi perfetta di tradi- l’Europa che si interroga,
un ulteriore micidiale colpo. zione, scienza e arte. Bottura succede a Bocuse, Blumen- non senza polemiche, sulle
Erano 11 i reattori delle cen- thal, Adrià, Guerard. sue politiche energetiche e
trali nucleari attivi al mo- sulla scelta del nucleare.

2011 Libia: è guerra contro Gheddafi


Il 19 primi attacchi aerei. L’emergenza profughi
Quando uscì la nuova Gaz- zione libica fedele al dittato-
zetta nel 1981 i titoli di aper- re. Ora i miliziani possono
tura degli Esteri erano sem- muoversi sul terreno usando
pre per la Libia. All’epoca autoblindo e armi pesanti
Muhammar Gheddafi aveva ma non hanno più la copertu-
inviato un corpo di spedizio- ra dal cielo che garantiva lo-
ne in Ciad per regolare i con- ro la certezza di un successo
fini e le zone d’influenza. senza perdite.
Ora, da alcune settimane, L’insurrezione partita dal-
la Libia è di nuovo al centro le zone orientali del Paese si
dell’attenzione internaziona- è estesa verso occidente,
le per la rivolta scoppiata coinvolgendo man mano tut-
contro il rais e la conseguen- te le città costiere dove vive
te guerra. Il comitato degli in- la quasi totalità della popola-
sorti, che chiama alla libera- zione. La capitale è ancora
zione nazionale, ha chiesto saldamente in mano al colon-
aiuto all’Onu e alla comu- nello, asseragliato in un com-
nità internazionale: l’intera Sanguinoso tentativo di rapina a Portile: un bandito viene ucciso plesso militare di fianco a un
Libia, con l’eccezione dei aeroporto da cui riceve i ri-
clan che hanno fatto fortuna SCONTRO A FUOCO A PORTILE fornimenti, ma le bombe oc-
grazie alla dittatura, recla- cidentali contro le strutture
ma la fine di un regime totali- militari hanno fatto capire a
tario. Gheddafi ha ordinato,
dal suo bunker blindato,
bombardamenti aerei e con
Rapinatore ucciso dalla polizia tutti la disparità delle forze
che sono in gioco.
Gheddafi gioca sulle riser-
armi pesanti sulle città indi- Sanguinoso assalto ad un’oreficeria di Portile il 1º feb- ve petrolifere, attacca l’Italia
fese e sulla popolazione. braio. Una banda di giostrai arriva dal Veneto per assalta- e l’Europa agitando la minac-
La mobilitazione interna- re la gioielleria Viola ma è intercettata dalla polizia che cia dei terroristi. Ed è crona-
zionale ha prodotto sinora va ad attenderla a Portile. Le auto dei banditi sono circon- ca di queste ore il protagoni-
una reazione tardiva nei tem- date e all’ordine di arrendersi Giuseppe Mayer, 61 anni, smo di Francia, Inghilterra e
pi ma rapida nella guerra ae- estrae una pistola. Viene fermato dagli agenti che lo feri- Usa. Dopo polemiche il co-
rea, distruggendo in poche scono mortalmente. Gli altri rapinatori si arrendono. mando delle operazioni è pas-
ore i sistemi radar dell’avia- sato alla Nato.
P42POM...............23.03.2011.............17:23:20...............FOTOC24
DB8POM...............23.03.2011.............17:18:12...............FOTOC24

GAZZETTA
I 30 ANNI DELLA GAZZETTA GIOVEDI’ 24 MARZO 2011 XLVII
LA SFIDA DEL FUTURO

Dalla carta stampata al web


un dialogo continuo
per un’informazione globale
Il sito www.gazzettadimodena.it ha iniziato il 2011 con un record
febbraio è stato chiuso con un milione 91mila e 874 contatti
Il futuro corre sul web. E la Gazzetta prio a cavallo tra il 2010 e il 2011, un po-
ha accettato la sfida delle nuove tecnolo- tenziamento del nostro sito e delle inizia-
gie e delle nuove forme di comunicazio- tive promosse on-line che i lettori hanno
ne, sicuramente la rivoluzione epocale premiato facendoci segnare a febbraio un
del ventesimo secolo. Ecco allora, pro- record di clik.

Proprio pochi giorni fa, in- Da non dimenticare face-


fatti, il 3 marzo scorso, la book e, da poche settimane, i
Gazzetta annunciava di aver blog che sono stati aperti e
chiuso il mese di febbraio che propongono i “diari” dei
con un totale di milione 91mi- nostri giornalisti e di alcuni
la e 874 contatti. Un risultato collaboratori d’eccezione.
importante che ci sostiene Ancora nuovi spazi dedica-
nell’intento di fare sempre ti alle giovani band modene-
più del sito una finestra aper- si, le “pagelle” dei parlamen-
ta, in tempo reale, su tutto tari modenesi, le inchieste
quanto accade a Modena e in sui beni artistici e architetto-
provincia e su tutto ciò che nici dimenticati e in degra-
riguarda Modena e i modene- do, gli appuntamenti del fine
si. Dalla cronaca allo sport, settimana raccolti nella ru-
dall’economia al costume, brica “La Bussola”, in un
un aggiornamento costante continuo dialogo tra la pagi-
che si arricchisce di appro- na scritta e quella virtuale
fondimenti - i focus - che cer- nell’idea che già il presente e
cano di sviscerare temi e pro- l’attenzione di migliaia di sempre più il futuro saranno
blemi che riguardano la no- spettatori come il recital di all’insegna della interatti-
stra realtà. Oltre a questi, i Beppe Grillo al PalaPanini. vità. E nella consapevolezza
video, le dirette twitter delle Ma anche fotogallerie di fatti che tutto questo è stato reso
partite di serie Bwin allo sta- importanti o di iniziative cu- possibile dall’interesse e dal-
dio Braglia, del volley di Ca- riose, magari segnalate pro- l’affetto di voi lettori che ci
sa Modena, o degli eventi più prio da voi lettori che, in que- seguite da trent’anni e che
significati a partire dal Con- sto modo, diventate preziosi avete fatto della Gazzetta il
siglio comunale fino agli “collaboratori” sul campo giornale più diffuso nella no-
spettacoli che catalizzano del vostro giornale on-line. stra provincia.

AUTORITRATTO
Ecco lo staff dietro le quinte del giornale
17 giornalisti, 4 fotografi, 5 poligrafici e tanti collaboratori
Qui accanto Il direttore, sedici giornali- turn-over fisiologico di ogni sport: Stefano Aravecchia,
la redazione sti, cinque poligrafici (a Mo- azienda, che ha visto colle- Fabio Rossi e Paolo Vecchi.
della Gazzetta. dena: Rossella Zuccoli, Ange- ghi “emigrare” anche lonta- A parte i direttori del pas-
In alto la Godeass, Silvia Franchini, no da Modena verso destina- sato (il cui saluto per questo
un giornalista Rossana Corsini, Milva Ru- zioni importanti e che ha re- trentesimo anniversario è
al lavoro sulla stichelli), quattro fotografi, galato, negli anni, altrettan- raccolto all’inizio di questo
piattaforma tanti preziosissimi collabora- te importanti new entry. inserto) e i giornalisti che,
internet. tori e poi, a Mantova dove la “Capitanati” dal direttore dopo un’esperienza più o me-
Al centro: una Gazzetta viene stampata, i te- Antonio Ramenghi, i giorna- no lunga alla Gazzetta, sono
pagina twitter. cnici della Citem, i “signori” listi che oggi compongono la andati in altre testate, vor-
della rotativa, pazienti ed redazione della Gazzetta so- remmo riservare, qui, un pic-
espertissimi professionisti no per la cronaca: Davide colo specifico ricordo all’uni-
che completano il lavoro del- Berti, Saverio Cioce, Giovan- co co-direttore del giornale:
la redazione. ni Gualmini, Andrea Marini, Sergio Carlesi, toscano,
È questo lo staff che sta Pierluigi Salinaro, Rossella scomparso qualche anno fa,
dietro le quinte del giornale Sant’Unione e Stefano Tota- che tra il 1994 e il 1996 mise
che trovate ogni giorno in ro; per la provincia: Claudia tutta la sua esperienza, la
edicola o che potete leggere Benatti, Rino Filippin, Carlo sua professionalità e la sua
nell’edizione on line. Uno Gregori, Gianluca Pedrazzi e umanità a disposizione della
staff che si è modificato nel Alberto Setti; per l’econo- Gazzetta e di tutti i suoi re-
tempo affrontando il mia: Stefano Turcato; per lo dattori.
P23POM...............23.03.2011.............17:23:11...............FOTOC24