Sei sulla pagina 1di 4

LA CONQUISTA DELL'AMERICA.

IL PROBLEMA DELL'ALTRO
Autore: Todorov Tzvetan
Anno Edizione: 1997
Editore: Einaudi
Pagine: 321
Prezzo: € 15.49

Nel secolo che segue il primo viaggio di Cristoforo Colombo, le regioni dei Caraibi e del Messico sono lo
scenario di avvenimenti fra i più sconvolgenti della storia degli uomini. Todorov ripercorre quelle vicende,
leggendole - attraverso le più famose cronache e relazioni di Cortes, Las Casas, Duran, Sahagun - non
tanto quanto incontro-scontro fra due civiltà, quanto come scoperta e impatto con l'"altro".

DOMANDA: Spesso si dimentica che la scoperta fu innanzitutto conquista, distruzione, sterminio:


manifestazioni terribili di una irrefrenabile avidità di ricchezza. Come può essere accaduto tutto questo?
La passione per la ricchezza che si impadronisce degli individui a quest'epoca è qualcosa di nuovo. Certo
non è stata inventata nel XVI secolo la sete dell'oro, ma è nel XVI secolo che nasce una nuova mentalità
che potremmo chiamare economica e non più sociale, voglio dire con questo che l'insieme dei rapporti
umani si trova riconducibile a dei rapporti economici. Penso però che sia molto importante considerare
anche una dimensione etica, morale della conquista dell'America; non si tratta solamente del fatto che gli
spagnoli volevano assolutamente arricchirsi, è anche in particolar modo perché non rispettavano quegli
esseri che avevano di fronte, perché li consideravano una specie di sottouomini, e questo è largamente
attestato dalla letteratura dell'epoca, li consideravano come degli esseri intermedi tra le scimmie e
l'uomo. Di conseguenza non c'era nulla di contrario a sterminarli sia direttamente, per impadronirsi della
loro ricchezza, sia indirettamente adoperandoli con dei ritmi di lavoro assolutamente infernali e che gli
indiani non potevano sopportare e che li facevano morire a trent'anni perché non potevano sopportare
che dieci anni di lavoro a quelle condizioni nelle miniere d'oro e d'argento. E' dunque un tipo di
comportamento morale che è indirettamente responsabile di questo risultato spaventoso.
Abbiamo delle testimonianze del XVI secolo, di queste popolazioni che ci rappresentano la loro immagine
degli spagnoli. Sono delle testimonianze estremamente emozionanti, toccanti sul piano estetico ed
emotivo, ma non si può dire che gli aztechi o altri gruppi di indiani abbiano capito gli spagnoli. Al
contrario gli spagnoli ed in particolare qualcuno, come Cortés, hanno una notevole conoscenza degli
indiani, di queste popolazioni sconosciute. Tuttavia dopo questa comprensione ci sono comportamenti
diversi ed in effetti gli spagnoli si impadroniscono e poi distruggono. Bisogna dirlo, ricordarlo sempre, che
la conquista dell'America è il più grande genocidio che mai la storia dell'umanità abbia conosciuto perché
sono morte più o meno 70 milioni di persone a seguito di questa intrusione, e questo numero
rappresenta circa il 90% della popolazione del continente americano. E questo vuole dire che, anche
paragonato al grande massacro del XX secolo, c'è qui un triste record.

DOMANDA: Prof. Todorov, Lei ritiene che la scoperta dell'America abbia un signifcato simbolico: la
scoperta dell' "altro" o del "diverso" da parte della civiltà europea. Perché ha privilegiato proprio questo
avvenimento storico?
Certamente l'incontro con l' "altro" avviene lungo tutto il corso della storia. I Greci scoprono il loro "altro"
in Asia, incontrando gli Sciti, i Persiani, i barbari. I Romani si scontrano con il loro "altro" nei barbari
venuti dal nord e negli invasori venuti del sud.
Se, però, dovessimo scegliere un avvenimento emblematico, credo che quello più importante per la storia
europea sia la scoperta e la conquista dell'America. In primo luogo per le sue proporzioni quantitative: si
tratta della scoperta dell'altra metà della terra, non di una piccola isola o di una parte interna di un
continente dove non si riusciva ad arrivare; in secondo luogo questo mondo "altro" era completamente
ignoto. Certamente anche gli arabi o i cinesi erano per gli europei popolazioni sconosciute, ma, per lo
meno, su di essi circolavano storie e quindi se ne aveva una vaga idea.
Al contrario, riguardo a quelli che oggi noi chiamiamo "amerindi" l'ignoranza era totale. Per questo
l'incontro con loro rappresenta una sorta di laboratorio privilegiato per osservare l'incontro dell'Europa
con il suo "altro".
Qual é la conseguenza della conquista dell'America? Il mondo diventa piccolo, diventa una porzione di
spazio conosciuta: a partire da quel momento si assottiglia lo spazio dell'alterità, la distanza della
differenza. Noi sappiamo che le differenze tra culture sono indispensabili per il cammino stesso
dell'umanità. Abbiamo bisogno di una distanza tra "noi" e l' "altro da noi", per riuscire a guardarci
dall'esterno.
2
Certamente la scoperta dell'America non è la sola storia esemplare. Penso, in modo particolare, a delle
vicende interessanti avvenute durante le crociate, che rappresentano l'incontro della civiltà europea con
quella araba, che era, per molti aspetti, superiore. Esistono vari aneddoti. Ricordo, per esempio, un
racconto di un medico arabo che registra i comportamenti "selvaggi" degli europei i quali, di fronte ad
una gamba ferita, non trovano di meglio da fare che amputarla, in condizioni igieniche spesso precarie
tanto che la gamba si infetta e l'uomo muore dopo tre giorni. Il medico arabo descrive gli europei come
dei selvaggi che non conoscono gli elementi più semplici della medicina. Al contrario, egli sa curare
queste ferite con l'applicazione di alcune piante, di unguenti che guariscono senza alcuna violenza. C'è
qui un interessante sguardo gettato su di noi: gli "altri" ci colgono nel ruolo di barbari.
Tratto dall'intervista "Universalismo e difesa dell'alterità: Las Casas e i Conquistadores" - Parigi,
abitazione Todorov, mercoledì 7 dicembre 1988

------°°°°-----

Taglio del libro (p.307): Todorov si interroga sul tipo di approccio da adottare per
esporre i risultati della sua indagine sulla “conquista dell’America”. Sceglie la storia
esemplare che non è né il discorso sistematico, né un romanzo, ma invece una storia in
cui si raccontano dei fatti particolari na si cerca di trarre la “morale” della storia,
consapevoli che questa non esaurisce la storia.

Come è costruito il libro? E’ diviso in quattro parti (scoprire, conquistare, amare,


conoscere) e un epilogo.
Scoprire: dedicato alla descrizione e discussione del punto di vista di Colombo.
Conquistare: mette in evidenza la grande importanza del punto di vista diverso tra
conquistatore (Cortes) e il conquistato (Monteczuma)
Amare: esprime il punto di vista di Bartolomeo Las Casas che si pone a metà strada tra
quello dello schiavista (comprendere > prendere > distruggere) e quello di chi con
l’altro vuole comunicare, senza imporgli nulla. Punto di vista che Todorov ritiene
“colonialista”. In questo capitolo Todorov si interroga tra l’altro sul rapporto tra
uguglianza e ineguaglianza, identità e differenza.
Conoscere: in questo capitolo vengono analizzata la tipologia delle forme di conoscenza
dell’altro. In particolare parla di due scrittori che hanno scritto sul mondo degli indiani
(Seguun e Duran). Interessante l’ultimo paragrafo sull’opera di Seguun.

La recensione di Giuliano Gliozzi

------°°°°-----

Un esempio di lettura effettuata da studenti


Con questo lavoro gli studenti Mauro Grandi e Laura Guarnieri della classe II B a.s. 1998/99 vogliono
presentare l'opera di Tzvetan Todorov intitolata La conquista dell'America e il problema dell'altro: con
essa il Todorov vuole mostrare attraverso il racconto della "storia esemplare" della conquista, il
comportamento dell'uomo quand'esso è messo di fronte all'altro assoluto.
L'opera è rigidamente suddivisa nelle seguenti sezioni, che abbiamo ritenuto opportuno mantenere anche
nel nostro lavoro:
Scoprire La figura di Colombo ed il suo universo mentale
Conquistare Cortés e Moctezuma: il confronto tra spagnoli ed indiani
Amare Eguaglianza o ineguaglianza; Las Casas, il difensore degli indiani
Conoscere Tipologia dei rapporti con l'altro; Duràn e Sahagùn
Una riflessione sulla morale della "storia esemplare" della conquista
La profezia di Las Casas
dell'America
3
Queste sezioni coprono il periodo storico compreso tra la scoperta vera e propria, nel 1492, e la
fine del XVI secolo, presentando alcuni personaggi emblematici di queste fasi: nella sezione Scoprire, il
protagonista è Colombo, di cui l'autore cerca di scoprire l'universo mentale e le sue idee circa la nuova
terra ed i suoi abitanti; in Conquistare, i protagonisti diventano due, cioè Monctezuma e Cortés,
attraverso i quali vengono analizzati i due contrapposti schieramenti, indiani e spagnoli, che si affrontano
nella conquista del Messico.
La sezione Amare vuole invece presentare il periodo storico successivo alla conquista, dominato
dal problema dell'eguaglianza o ineguaglianza tra spagnoli e indiani; oltre a questo dibattito, è presentata
la figura di Las Casas, il grande difensore degli indiani; in Conoscere poi, Todorov effettua una
interessante analisi della "tipologia dei rapporti con l'altro", presentando anche due figure di studiosi degli
indios, Duràn e Sahagùn, che hanno raccolto le conoscenze, la storia, la cultura e tutto ciò che era
possibile trovare sul popolo azteco, prima che finissero per sempre nell’oblio. Il loro gigantesco lavoro di
raccolta, durato in entrambi i casi fino alla morte, ci permette oggi di conoscere qualcosa, praticamente
tutto quello che sappiamo viene da queste fonti, sulla civiltà azteca e sui suoi costumi.
Infine, nella sezione La profezia di Las Casas, Todorov, partendo da una profezia-maledizione del
frate domenicano, ci conduce ad una profonda riflessione sul nostro modo di rapportarci all'altro, al
diverso; questo argomento, secondo l'autore, è per il nostro mondo assolutamente vitale, giacché ormai
ci stiamo tutti avviando, volenti o nolenti, ad una globalizzazione totale.
L'altro, conclude il Todorov, "deve essere scoperto", poiché, nel caso contrario, la storia delle
conquista dell'America dovrebbe mostrarci, con sufficiente chiarezza, le conseguenze di questo mancato
riconoscimento.

SCOPRIRE
Il primo personaggio presentato da Todorov è Colombo, lo scopritore dell’America,
paradossalmente mai accortosi di averla scoperta, l’uomo che per primo osò sfidare le radicate credenze
che descrivevano il tragitto tra Europa ed Asia come immenso, ed il mare popolato di sirene e mostri di
ogni tipo.
I primi dubbi su Colombo li abbiamo non appena cerchiamo di capire perché è partito, quali scopi
aveva e quali teorie lo hanno convinto a lasciare la Spagna per una terra la cui esistenza appariva ai suoi
contemporanei quanto meno dubbia.
Scorrendo le pagine del suo diario di bordo, abbiamo l’impressione che Colombo abbia un unico
obiettivo nella spedizione, e cioè l’oro, e che tutto il suo agire abbia questo esclusivo fine; citeremo due
passi dal suo diario il primo dei quali è datato 13 ottobre 1492, il giorno successivo alla scoperta: "Facevo
attenzione e cercavo di comprendere se avessero dell’oro"; e ancora: "Decise di andare all’isola che
chiamavano Baneque, dove aveva capito da informazioni ricevute che c’era molto oro" (13 novembre
1492).
E’ però sufficiente leggere per intero i suoi scritti per accorgersi che è vero semmai il contrario: a
Colombo le ricchezze interessano in quanto ne conosce il valore di esca per gli altri, e sa utilizzarle per
tenere legati a sé i suoi uomini durante tutti i viaggi; ad essere interessati alle ricchezze sono i suoi
uomini, ma non solo i marinai, anche i gentiluomini che lo accompagnano nei viaggi successivi e gli stessi
sovrani spagnoli che hanno finanziato la spedizione.
Malgrado la controversia scoppiata poi tra gli eredi del navigatore e la Corona, a Colombo il
denaro interessava relativamente, e solo in quanto faceva parte del riconoscimento del suo ruolo di
scopritore: ciò che gli stava davvero a cuore, era la diffusione della fede cristiana in tutto il mondo, come
dice egli stesso nel febbraio del 1502: "Spero di poter diffondere il santo nome di Nostro Signore e il Suo
vangelo in tutto l’universo".
La religiosità di Colombo non è solo di facciata, ma è autenticamente vissuta, tanto che, ad
esempio, egli non viaggiava mai la domenica, e il suo bisogno di denaro è anch’esso al servizio della
diffusione del vero Dio: Colombo coltiva il sogno, in ritardo di diversi secoli, di bandire con i denari
guadagnati nelle Americhe una nuova Crociata per liberare i luoghi santi di Gerusalemme.
Questa idea è ben documentata dagli scritti personali del navigatore, e ci dà notizie di un uomo
niente affatto moderno, ed ancora legato ad un’idea ormai morta nei suoi conterranei europei almeno dal
XIII secolo: può suonare paradossale che l’America sia stata scoperta da un uomo che ci è difficile
definire moderno, a cui i contatti con Dio interessano più di quelli con gli uomini, e con una forma di
religiosità ancora di tipo medioevale, e che sia proprio tale scoperta, fatta da un medioevale, a proiettarci
nell’età moderna.
La figura di Colombo è però troppo complessa per poter essere abbracciata tutta da un unico
aggettivo: da un lato, infatti, egli subordina tutto a un ideale esteriore ed assoluto, la religione cristiana,
4
mentre dall’altro la scoperta della natura, l’attività in cui meglio è riuscito, diviene per lui non un mezzo,
ma un fine: per Colombo, come per noi moderni, "scoprire" è un’azione intransitiva: "Voglio vedere e
scoprire più terre possibili" (19 ottobre 1492); "Ciò che più desiderava era, a quel che diceva, di fare altre
scoperte" (riportato in Las Casas, Historia, I, 146).
Pare perfino che i profitti interessino a Colombo solo secondariamente: ciò che conta sono le
terre e la loro scoperta, e si direbbe quasi che tale scoperta sia a sua volta subordinata al resoconto del
viaggio stesso: la cosa non ci sorprenda, in un uomo che è partito per l’ignoto per aver letto il racconto di
Marco Polo.
Per conoscere meglio la controversa personalità di Colombo, è interessante un episodio
raccontato da Las Casas nella sua Historia, in cui è riportato il diario del terzo viaggio del navigatore: per
dimostrare che la terra che aveva scoperto era il continente, e non un’altra isola, dice infatti "Sono
convinto che questa è una terraferma […]. Ciò che mi conferma saldamente in questa opinione è questo
fiume così grande, e il mare che è così dolce. Sono anche parole di Esdra, libro IV capitolo sesto, là dove
si dice che sei parti del mondo sono di terraferma e una parte è acqua […]. Me lo confermarono anche i
discorsi di molti indiani cannibali da me catturati in altra occasione, i quali dicevano che a sud del loro
paese c’era la terraferma" (Historia, I, 138).
La convinzione di Colombo si fonda dunque su tre argomenti, cioè l’abbondanza di acqua dolce,
l’autorità dei libri santi e l’opinione di altri uomini da lui incontrati, e questi argomenti rivelano che il suo
mondo si articolava in tre sfere, una naturale, una divina ed una umana, sfere che corrispondono, niente
affatto casualmente, ai tre moventi all’origine della conquista: uno umano (cioè la ricchezza), un altro
divino (l’espansione del cristianesimo) ed infine uno legato al godimento della natura.
Per noi queste tre sfere non possono essere messe sullo stesso piano, e per giunta Colombo, in
questa specifica circostanza, se ha ragione, ce l’ha soltanto in relazione al primo argomento, poiché non
capiva nulla di quanto gli indiani dicessero, né questi capivano lui, e per quanto riguarda Dio, noi non
consideriamo questo rapporto, come invece chiaramente faceva Colombo, facente parte del mondo della
comunicazione; questa "comunicazione" con Dio è però assai importante nel suo mondo concettuale,
come dimostra, ad esempio, il suo credere all’esistenza del paradiso terrestre.