Sei sulla pagina 1di 12

L A B O R AT O R I DI PRODUZIONE E DI RICERCA

Terapie Avanzate
Tecnologie rigenerative per le
insufficienze terminali d’organo
IL PROGRAMMA DI MEDICINA Obiettivo principale di questo programma è lo
RIGENERATIVA E TERAPIA CELLULARE sviluppo di approcci terapeutici innovativi,
non sostitutivi, mirati a riparare tessuti ed
L'insufficienza terminale d'organo rappresenta organi malati, difettosi o disfunzionali sulla
una significativa causa di mortalità a livello base dell'utilizzo di terapie cellulari,
mondiale e può manifestarsi in pazienti di ingegneria tessutale e biotecnologie
qualsiasi età. Il trapianto di organi è oggi l'unica rigenerative.
cura esistente per insufficienze terminali di
organi quali fegato, polmone e cuore e la Allo stesso modo, attraverso approcci
probabilità di sopravvivenza dopo trapianto ha innovativi di immunomodulazione, si vuole
raggiunto negli ultimi anni i massimi livelli storici. intervenire su processi patogenetici sistemici
e d'organo che caratterizzano sia le infezioni
Tuttavia, la carenza di organi disponibili virali in pazienti immunocompromessi sia
consente di trapiantare solo una parte dei forme patologiche di tipo cronico-degenerativo.
pazienti in attesa di trapianto. L'estensione
dei criteri di accettazione degli organi ha reso Un aspetto assai importante del programma
possibile incrementare il numero dei donatori è quello di sviluppare le metodiche
cadavere, ma il divario tra il numero innovative di terapia cellulare secondo
crescente di pazienti con insufficienza protocolli conformi alle Norme di Buona
terminale d'organo e la scarsa disponibilità di Fabbricazione (GMP) in modo che esse
organi è destinato a restare incolmabile. possano essere immediatamente utilizzabili
in ambito clinico.
È quindi necessario ricercare nuove strategie
terapeutiche. In quest'ottica, la medicina
rigenerativa offre interessanti alternative alla
medicina sostitutiva.
I LABORATORI

E’ attiva dalla primavera del 2007 presso


ISMETT, l’Unità di Medicina Rigenerativa e
Terapie Cellulari. Nata con l’obiettivo di
ridurre il divario tra necessità e disponibilità di
trapianti attraverso lo sviluppo di nuovi
approcci biomedici alla riparazione tissutale,
comprende oltre 250 mq di camere bianche
suddivise in tre laboratori di produzione in
grado di funzionare indipendentemente l'uno
dall'altro, dove sono prodotte cellule per uso
clinico in conformità alle GMP.

Ogni laboratorio è provvisto della propria


entrata e della propria uscita, questo per
assicurare un flusso unidirezionale del
personale. In aggiunta, le specifiche della
qualità dell'aria ed il livello di contenimento
dell'accesso sono in conformità alle GMP
generalmente osservate nelle industrie
farmaceutiche.

Il funzionamento dell'intera struttura è


gestito da un sofisticato sistema di controllo
computerizzato interfacciato con un sistema
avanzatissimo di monitoraggio dei parametri
ambientali (attraverso sensori di pressione
temperatura, umidità, contatori particellari e
rilevatori di ossigeno e anidride carbonica) e
con un sistema di monitoraggio strumentale
che consente di controllare in continuo la
performance di strumenti critici, quali cappe,
incubatori, frigoriferi e congelatori.
All'interno della struttura, inoltre, sono
installati avanzati sistemi di telepresenza e
telescienza volti a potenziare l'interattività e
facilitare lo scambio di know-how tra il
personale operante a Palermo ed esperti
geograficamente distanti.

Ad esempio, in ogni ambiente e dentro ogni


cappa sono installate telecamere di rete
motorizzate controllabili in remoto e ogni
microscopio è corredato di una telecamera,
cui si può accedere da qualsiasi parte del
mondo, utilizzando una connessione ad alta
velocità.

Questi sistemi permettono al personale di


laboratorio di interagire (in audio e in video)
con collaboratori esterni durante una
procedura di isolamento e ottenere consulti a
distanza, in tempo reale, da esperti situati in
qualsiasi parte del mondo.

Grazie a questi sistemi, i laboratori di


produzione possono anche funzionare da
centro di formazione a distanza.

L'Unità, che si trova all'interno di un centro clinico


all'avanguardia, è inoltre dotata di laboratori di
ricerca. Questa organizzazione strategica
consente di accelerare e facilitare la traslazione
di innovativi approcci terapeutici sviluppati in
laboratorio, in concrete applicazioni cliniche.
STRUMENTAZIONE

I laboratori di produzione e di ricerca


presentano una dotazione strumentale ampia
e capace di supportare attività di ricerca e
sviluppo integrate nei diversi campi della
biomedicina e delle biotecnologie.

Oltre alla dotazione di base per biologia


cellulare (cappe a flusso laminare, incubatori
CO2, frigoriferi, congelatori, contenitori per
azoto liquido, microscopi invertiti, centrifughe
refrigerate) i laboratori sono dotati di
microscopi a fluorescenza diretti ed invertiti,
un sistema di microscopia time-lapse con
incubatore per colture cellulari, un sistema di
acquisizione e analisi di immagini in luce
trasmessa, UV e chemiluminescenza,
uno spettrofotometro UV/visibile e un
luminometro per piastre. E' presente inoltre
un citofluorimetro di ultima generazione con
possibilità di sorting ad elevata efficienza.

I laboratori hanno, inoltre, una significativa


dotazione per attività di biologia molecolare
con sistemi semi-automatici di estrazione
di acidi nucleici da cellule, tessuti e
microrganismi, sistemi di amplificazione
genica mediante end-point/real-time PCR,
sistemi di valutazione dell'espressione
genica mediante microarray. I laboratori
sono supportati da un laboratorio di
microbiologia per lo sviluppo di colture di
batteri/lieviti da utilizzare per applicazioni
biotecnologiche.
ATTIVITA’ IN CORSO E  Sviluppo di terapie rigenerative
IN VIA DI SVILUPPO mirate alla rigenerazione
cardiaca.
Le attività di ricerca e produzione di cellule
dell'Unità sono rivolte a sostenere i programmi  Sviluppo di terapie rigenerative
clinici di trapianto e terapie cellulari di ISMETT mirate alla rigenerazione ossea.
per la cura dell'insufficienze funzionali terminali
d'organo.  Sviluppo di terapie cellulari mirate
all'abrogazione di meccanismi
L'Unità di Medicina Rigenerativa e Terapie autoimmuni.
Cellulari è attualmente focalizzata sulle
seguenti attività:  Sviluppo di terapie avanzate in
grado di indurre tolleranza
 Trapianto di cellule progenitrici immunologica altamente trapianto-
epatiche in pazienti affetti da specifica.
insufficienza epatica cronica.
 Sviluppo di sistemi di coltura
 Trapianto di isole di Langerhans tridimensionale a perfusione nel
in pazienti affetti da diabete mellito campo della medicina
di tipo 1. rigenerativa, finalizzati alla
produzione di cellule da utilizzare
 Immunoterapia cellulare adottiva per trapianti cellulari o per produrre
delle infezioni virali post-trapianto mediatori rigenerativi, e all'utilizzo di
mediante linfociti citotossici bioreattori come supporto
autologhi/eterologhi. extracorporeo d'organo.

 Sviluppo di terapie innovative  Sviluppo di Information and


basate sull'uso di cellule progenitrici Communication Technologies
fetali umane. (ICT) per ambienti a
contaminazione controllata.
 Sviluppo di terapie rigenerative
mirate al trattamento di lesioni
acute e croniche della pelle.
I laboratori dell'Unità supportano anche
l'Alleanza dei Gruppi Bioreattori, costituita
dal Gruppo Bioreattori di ISMETT, quello del
McGowan Institute for Regenerative
Medicine di UPMC e quello della Facoltà di
Medicina Charité di Berlino.

La creazione di questa alleanza rappresenta un


approccio integrato alla ricerca e un
catalizzatore di innovazione scientifica,
raggruppando risorse e competenze molto
diverse e complementari fra loro, che non
si troverebbero nei singoli gruppi isolati.
L'alleanza tra i Gruppi Bioreattori si basa quindi
su una collaborazione globale di ricerca
interdisciplinare e scambi internazionali di
tecnologie utili alla traslazione clinica delle
attuali conoscenze nell'ambito dell'ingegneria
tessutale e della biologia delle cellule
staminali, in terapie cellulari.

Gli interessi di ricerca dei tre Gruppi


Bioreattori sono focalizzati su metodi di
coltura tridimensionale a perfusione multi-
compartimentale per applicazioni terapeutiche
di cellule staminali umane di origine epatica,
cutanea, midollare, cardiaca, pancreatica e
nervosa.
Per ulteriori informazioni contattare:

ISMETT Telefono: 091 2192484


Via E. Tricomi, 1 Fax: 091 2192422
90127 Palermo research@ismett.edu
www.terapiecellulari.com

Regione Siciliana