Sei sulla pagina 1di 6
aA 0 0 | prs10007% aoa 110T TT! om eos COPIA MOZIONE al Consiglio Comunale Pavesi Emiliano — Consigliere Comunale Cy Re. OGGETTO: MOZIONE di REVOCA DELLA DELIBERAYN. 4 del 12 gennaio 2011 avente ad oggetto “patrocinio legale ad amministratore per apertura procedimento di responsabilita penale” IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE Le funzioni del sindaco sono disciplinate dagli articoli - 46 del D.Lgs. 267/200 secondo cui il sindaco nomina i componenti della giunta, tra cui un vicesindaco, e pud in ogni momento revocare uno o pil assessori, dandone motivata comunicazione al consiglio. - 50 del D.Lgs. 267/2000 secondo cui il sindaco @ [organo responsabile dell'amministrazione del comune; rappresenta l'ente; convoca e presiede la giunta, nonché il consiglio comunale quando non @ previsto il presidente del consiglio; sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici e all'esecuzione degli atti; esercita le funzioni che gli sono attribuite dalle leggi, dallo statuto e dai regolamenti, sovtintende all'espletamento delle funzioni statali e regionali attribuite o delegate al comune; esercita le altre funzioni attribuitegli quale autorita locale nelle materie previste da specifiche disposizioni di legge e, in particolare, adotta le ordinanze contingibili e urgenti in caso di emergenze sanitarie o di igiene publica a carattere esclusivamente locale; nomina i responsabili degli uffici e dei servizi; attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali e quelli di collaborazione estemna; provvede, sulla base degli indirizzi stabiliti dal consiglio, alla nomina, alla designazione e alla revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni. - 32 della legge n. 833/1978 e 117 del D.Lgs. n. 12/1998: secondo i quali il sindaco autorita sanitaria locale ed in questa veste pud anche emanare ordinanze contingibili ed urgenti, con efficacia estesa al territorio comunale, in caso di emergenze sanitarie e diigiene publica = 98 del D.Lgs 267/2000 secondo cui il sindaco nomina il segretario comunale, che dipende funzionalmente da lui, scegliendolo tra gli iscritti all'apposito albo. II segretario cessa automaticamente dallincarico con la cessazione de! mandato del sindaco che 'ha nominato, salvo che non sia confermato dal nuovo sindaco. - 54 del D.lgs 267/2000, secondo cui il sindaco, nel rispetto degli atti di indirizzo emanati dal Ministro dell'interno, sovraintende: + alla tenuta dei registri di stato civile (é ufficiale dello stato civile) e di popolazione (@ ufficiale dell'anagrafe) ed agli adempimenti demandatigli dalle leggi in materia elettorale (presiede la commissione elettorale), di leva militare e di statistica; + alla emanazione degli atti che gli sono attribuiti dalle leggi e dai regolamenti in materia di ordine e di sicurezza publica; + allo svolgimento, in materia di publica sicurezza e di polizia giudiziaria, delle funzioni affidategli dalla legge; + alla vigilanza su tutto quanto possa interessare la sicurezza e lordine pubblico, informandone preventivamente il prefetto. Inoltre, il sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta, con atto motivato e previa comunicazione al prefetto, provvedimenti, anche contingibili e urgenti nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico, al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano I'incolumita publica e la sicurezza urbana. Se lordinanza & rivolta a persone determinate e queste non ottemperano allordine impartito, il sindaco pud prowedere dlufficio a spese degli interessati, senza pregiudizio dell'azione penale per i reati in cui siano incorsi Con tali prowedimenti, in casi di emergenza, connessi con il traffico 0 con quinamento atmosferico o acustico, ovvero quando a causa di circostanze straordinarie si verifichino particolari necessita dell'utenza o per motivi di sicurezza urbana, il sindaco pud anche modificare gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici, nonché, diintesa con i responsabil tertitorialmente competenti delle amministrazioni interessate, gli orari di apertura al pubblico degli uffici pubblici localizzati nel territorio. II sindaco segnala alle competenti autorita, giudiziaria o di publica sicurezza, la condizione irregolare dello straniero o del cittadino appartenente ad uno stato membro del'Unione europea, per la eventuale adozione di provvedimenti di espulsione o di allontanamento dal territorio dello Stato. Nell'ambito delle suddette funzioni, il prefetto pud disporre ispezioni per accertare il regolare funzionamento delle stesse. In caso d'inerzia del sindaco o del suo delegato nelesercizio delle medesime funzioni, il prefetto pud intervenire con proprio prowvedimento. {I sindaco, previa comunicazione al prefetto, pud delegare l'esercizio delle funzioni di ufficiale del Governo, esclusa 'emanazione delle ordinanze contingibili ed urgenti, al presidente de! consiglio circoscrizionale; ove non siano costituiti gli organi di decentramento comunale, il sindaco pud conferire la delega ad un consigliere comunale per l'esercizio delle funzioni nei quartieri e nelle frazioni (jl cosiddetto prosindaco). - 1 del R.D. 733/1931 (Testo unico delle leggi di publica sicurezza) secondo cui il sindaco @ autorita locale di pubblica sicurezza, nei comuni dove manca il capo dell ufficio di publica sicurezza del luogo - 15 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, secondo cui il sindaco @ autorita comunale di protezione civile: al verificarsi dell'emergenza nel territorio comunale, assume la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alle popolazioni colpite e prowede agli interventi necessari dandone immediata comunicazione al prefetto e al presidente della giunta regionale. Quando la calamita naturale o l'evento Ron possono essere fronteggiati con i mezzi a disposizione del comune, chiede Vintervento di altre forze e strutture al prefetto. Ed inoltre il sindaco, nel'esercizio delle sue funzioni i! sindaco adotta provvedimenti amministrativi, solitamente in forma di ordinanza 0 di decreto, Va tuttavia rammentato che, in virtt del principio di separazione tra funzioni di indirizzo politico-amministrativo e di gestione, i provvedimenti del sindaco, come quelli degli altri organi politici, non possono invadere l'ambito delle funzioni di gestione, riservate ai dirigenti (0, nei comuni minori, ai funzionari che ne esercitano le funzioni), salve le eccezioni espressamente previste dalla legge. Per lo stesso motivo, il sindaco non é pit titolato a stipulare contratti per il comune (mentre pud stipulare gli accordi di programma, data la loro natura politica). Che tra le funzioni su indicate non si scorge quella di partecipare a, convocare, una riunione informale tra consiglieri, assessori e simpatizzanti politci CONSIDERATO CHE Nel'emanazione della delibera oggetto di censura, la giunta comunale ha premesso 1) "visto l'articolo 67 del DPR 268/1987 che cos! recita: 1. L'Ente, anche a tutela dei propri diritti ed interessi, ove si verifichi ‘apertura di un procedimento di responsabilita civile 0 penale nei confronti di un suo dipendente per fatto atti direttamente connessi all'espletamento del servizio e all'adempimento dei compiti d'ufficio, assumera a proprio carico, a condizione che non sussista conflitto di interessi, ogni onere di difesa sin dall'apertura del procedimento facendo assistere il dipendente da un legale di comune gradimento. 2. In caso di sentenza di condanna esecutiva per fatti commessi con dolo o con colpa grave, !'Ente ripetera dal dipendente tutti gli oneri sostenuti per la sua difesa in ogni grado di giudizio. 2) visto l'articolo 22 del DPR 347/1983 che cosi recita: Patrocinio legale de! dipendente per fatti connessi all'espletamento dei compiti d'ufficio. Lente, nella tutela dei propri diritti ed interessi, assicura l'assistenza in sede processuale ai dipendenti che si trovino implicati, in conseguenza di fatti ed atti connessi all'espletamento del servizio ed al'adempimento dei compiti d'ufficio, in procedimenti di responsabilita civile 0 penale, in ogni stato e grado del giudizio, purché non ci sia confitto di interesse con lente. Articolo quest'ultimo che risulta abrogato dal dpr 333/1990, quindi non pit in vigore e quindi nemmeno pid richiamabile; 3) visto l'articolo 50 del DPR 333/1990 che cosi recita: 1. Restano confermate ed approvate anche per il periodo antecedente, ove non modificate 0 sosfituite dal presente regolamento, le disposizioni di cui ai decreti del Presidente della Repubblica 25 giugno 1983 n. 347, 31 maggio 1984 n. 665, 13 maggio 1987 n. 268 e 17 settembre 1987 n. 494. In relazione alle esigenze di omogeneizzazione alla disciplina di comparto, il decreto interministeriale 12 luglio 1982, riguardante il personale delle camere di commercio, sara modificato con la procedura prevista dalla normativa vigente, sentite le organizzazioni sindacall maggiormente rappresentative sul piano nazionale. 2. | commi 1 2 dell articolo 21 I' articolo 22 del decreto del Presidente della Repubblica 13 maggio 1987, n. 268 sono abrogati. 4) visto: in particolare, il comma primo delarticolo 28 del CCNL 14 settembre 2000 rubricato “patrocinio legale” che dispone: Lente, anche a tutela dei propri diritti ed interessi, ove si verifichi 'apertura di un procedimento di responsabilité civile 0 penale nei confronti di un suo dipendente per fatti o atti direttamente connessi all'espletamento del servizio al'adempimento dei compiti d'ufficio, assumera a proprio carico, a condizione che non sussista conflitto di interessi, ogni onere di difesa sin dall'apertura del procedimento, facendo assistere il dipendente da un legale di comune gradimento. 5) La giunta comunale ha inoltre considerato che la giurisprudenza (si osservi senza richiamarne alcuna) ha ritenuto applicabile per gli amministratori locali la disciplina dettata per i dipendenti pubblici, sopra richiamata; 6) la giunta comunale ha, inoltre, considerato che pud ritenersi consolidato il principio in base al quale i dipendenti pubblici e gli amministratori devono essere tenuti indenni dalonere delle spese legali sostenute per difendersi nei giudizi penali che abbiano dovuto affrontare per atti, fatti ad omissioni connesse all’esercizio delle loro funzioni .. (omissis). RILEVATO. - Che la giunta, in modo arbitrario, ha ritenuto il fatto del 7 ottobre 2010, per cui & pendente procedimento penale nei confronti del sindaco, direttamente connesso all'espietamento del mandato istituzionale dello stesso, ma, fatto grave, cid senza alcuno specifico riferimento ad articolo di legge, regolamento, o statuto, che desse disposizioni sul punto, owero sul deliberando patrecinio; - che in realta il fatto di cui trattasi é relativo ad una riunione “informale” tenutasi il 7 ottobre 2010 alle ore 21.00 presso la casa comunale, cui hanno partecipato consiglieri comunali, assessori, simpatizzanti della lista di maggioranza, durante la quale il signor sindaco avrebbe pronunciato le frasi oggetto di querela, ricevuta presso il proprio domicilio in data 29 dicembre 2010” EVIDENZIATO Che detta riunione non rientra tra gli atti, fatti od omissioni connessi all’esercizio delle funzioni proprie del sindaco; RITENUTO PER QUANTO SOPRA che se jl fatto del 7 ottobre 2010, per cui & procedimento penale nei confronti del sindaco, rubricato 792/2010 RG. del Giudice di Pace di Bergamo, non fosse direttamente connesso all'espletamento del mandato del sindaco, costituirebbe danno al'erario per il Comune, censurabile anche dalla Procura della Repubblica e dalla Corte dei Conti, con eventuale responsabilita penale degli autori della delibera stessa, tanto premesso, IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA il Sindaco e la Giunta Comunale a revocare con urgenza, in quanto contraria alla legge, la deliberazione di Giunta Comunale n. 1/11 del 12 gennaio 2011; DISPONE che la presente delibera sia inviata a Sua Eccellenza il Prefetto, onde consentire allo stesso di assumere i conseguenti provvedimenti che riterra necessari. Si chiede che a presente mozione ex art. 60 Reg. Cons, Com. venga discussa durante la prossima seduta de! Consiglio Comunale. 11 febbraio 2011 In fede oo