Sei sulla pagina 1di 1

Bisogna opporsi alla vecchiaia e compensare i suoi difetti con diligenza:

bisogna combattere così come contro la forza delle malattie, così contro la
vecchiaia: bisogna avere cura della salute, fare esercizi con moderazione,
mangiare e bere quel tanto da ricostituire le forze, non da opprimerle. In verità
non bisogna provvedere solo al corpo, ma molto di più alla mente e all’anima;
infatti la mente e anche l’anima, così come in una lampada non versi più olio, si
estinguono con la vecchiaia. Il corpo certamente si aggrava con la fatica degli
esercizi, la mente e l’anima vengono rianimate esercitandosi. Appio Claudio
amministrava 4 figli, 5 figlie, una grande casa e (era) cieco e vecchio: aveva
infatti un’anima tesa come un arco e non soccombeva alla vecchiaia. Così
infatti la vecchiaia è degna di onore e bisogna stimarla se, difendendosi da
sola, non è sottomessa da nessuno.