Sei sulla pagina 1di 1

“IMPARARE L’OTTIMISMO”

OBIETTIVO
 riconoscere lo "stile esplicativo" (ossia quel che diciamo a noi stessi di fronte
alle avversità), e della dinamica mentale che sta alla base dell’ottimismo per
individuarne gli effetti sulla qualità della vita.
 neutralizzare l'abitudine di pensare "mi arrendo ", mediante le tecniche
cosiddette "ABC";
 Imparare a utilizzare uno stile esplicativo orientato all’ottimismo
 Riorientare il pensiero organizzativo all’ottimismo
 Incremento della performance individuale tramite l’approccio ottimista.

PROGRAMMA
 Test sul pensiero ottimistico/pessimistico prevalente dei
partecipanti
 Perché è difficile essere ottimisti
 L’importanza dell’ottimismo per la performance e l’equilibrio
personale
 Imparare l’ottimismo: modificare il proprio Stile Esplicativo
 Le caratteristiche dei soggetti pessimisti
 Modificare le “3P” del pessimismo: permanenza, pervasività,
personalizzazione
 Metodologie e tecniche per riorientarsi all’ottimismo: la tecnica
A-B-C (D-E):
o A: Adversity
o B: Belief
o C: Consequences
o D: Discussion
o E: Energization
 Esecitazione: apprendere la tecnica A-B-C (D-E) per modificare il
proprio stile esplicativo