Sei sulla pagina 1di 1

B.

2 – SCIABOLA ( Lepidopus caudatus )


• Caratteristiche nutrizionali
Valori energetici: Valori nutrizionali:
Qualità per 100 gr
 Carboidrati 6,8 % Acqua 75,62 g
 Grassi 29,9 % Calcio 4 mg
Ferro 0,81 mg
 Proteine 63,3 % Fosforo 263 mg
Magnesio 27 mg
Manganese 0,019 mg
Potassio 288 mg
Selenio 0,048 mg
Rame 0,126 mg
• Descrizione _________________________________ Sodio 90 mg
Colesterolo 39 mg

Ha il corpo assai allungato e sottile ai lati, molto simile ad una


grossa cintura. La bocca è abbastanza grande, munita di denti

Fonte: h
molto appuntiti, motivo per cui questo pesce va maneggiato • Qualità organolettiche___________________________
con molta cautela. La pinna dorsale è abbastanza allungata: Il pesce sciabola ha ottime carni e può essere consumato in
inizia nella regione nucale e termina sul peduncolo caudale. diverse forme. Spesso presenta parassiti all’interno della
Sia le pinne ventrali che le pettorali sono piuttosto piccole. Il cavità viscerale che risultano pericolosi per l’uomo, pertanto è
colore del corpo, appena pescato è argento assai brillante ma meglio consumarlo cotto e mai crudo. Il pesce non deve avere
dopo alcune ore perde un po’ di questa brillantezza e odore ammoniacale. La polpa deve essere compatta e
cominciano a comparire chiazze brunastre. Può misurare fino a leggermente rosata, non gialla. Premendo un dito sulla carne
2 metri e toccare i 6 kg di peso. Ha carni bianche, molto non deve rimanere l’impronta poiché questo è indice di scarsa
digeribili per cui è particolarmente apprezzato soprattutto freschezza. La pelle deve essere integra senza segni marcati.
nelle regioni meridionali ove è attivamente pescato con
palangresi di profondità.

Fonte:h
• Metodi di cattura con particolare riguardo a quelli Aree di provenienza _____________________________
legati alla tradizione e cultura del territorio siciliano
Il pesce sciabola è diffuso nel Mar Mediterraneo
Il pesce sciabola viene pescato con reti a strascico, tremagli, (prevalentemente la zona occidentale), nella costa atlantica
palangari di profondità, ciancioli e lenze. Le maggiori catture si orientale (dall’Islanda al Sudafrica) e nell’indo-pacifico,
registrano a Messina e nel golfo di Napoli. pressoché ovunque.
Vive nelle acque costiere fino alla discesa della piattaforma
continentale negli abissi , da -40 a -620 m di profondità,
soprattutto su fondali fangosi.