Sei sulla pagina 1di 2

Equazioni di base per il solido di de Saint Venant

Ottobre 2004

1 Ipotesi di base

Tensioni:

σ xx = 0

  τ xy = 0

σ yy = 0

Forze di volume:


F x = 0 F y = 0

F z = 0

Forze di superficie:


p x = 0

p y = 0

p z = 0

sulla superficie laterale.

(1)

(2)

(3)

2 Equazioni statiche (o indefinite di equilibrio)


∂τ zx

∂z

∂τ zy

∂z

∂τ zx

∂x

= 0

0

=

+ ∂τ zy ∂y

+ ∂σ zz ∂z

= 0

(4)

Le prime due equazioni indicano che τ zx e τ zy non dipendono da z. Quindi τ zx =τ zx (x, y) e τ zy =τ zy (x, y).

3 Equazioni al contorno

3.1 Superficie laterale (n z = 0)


0 = 0

0 = 0

τ zx n x + τ zy n y = 0

(5)

Le prime due equazioni al contorno sono identicamente soddisfatte mentre l’ultima impone che il vettore tensione tangenziale sia tangente al contorno (τ · n = 0).

3.2 Basi (n z = ±1)


τ zx = ±p x τ zy = ±p y

σ zz = ±p z

(6)

Queste tre equazioni (puntuali ) sono sostituite dalle equazioni di equivalenza (globali ):

  N z = A σ zz dA

M x = A σ zz y dA

  M y = A σ zz x dA

  M z = A (τ zy x τ zx y) dA

    T x = A τ zx dA

T y = A τ zy dA

(7)

4 Equazioni costitutive (elastiche lineari isotrope)

ε xx = ε ε zz = γ xy = 0

E

yy

=

1

γ zx = γ zy =

1

G

1

G

ν

E

ν

E

σ zz

σ zz

σ zz

τ zx = 2(1+ν)

E

τ zy = 2(1+ν)

E

τ

zx

zy

τ

5 Equazioni cinematiche

  

ε xx =

ε yy =

ε zz = γ xy =

u

∂x

∂v

∂y

w

∂z

∂u

∂y

γ zx = w ∂x

γ zy = w

∂y

=

=

=

+

ν

E

σ zz

ν

E σ zz

1

E σ zz

∂v

∂x = 0

+ G τ zx = 2(1+ν)

∂u

∂z

=

1

E

τ zx

+ G τ zy = τ zy = 2(1+ν)

∂v

∂z

=

1

E

τ zy

(8)

(9)

Da queste equazioni, per integrazione e attraverso l’uso di opportune condizioni al contorno, si ricavano le componenti di spostamento u(x, y, z), v(x, y, z) e w(x, y, z).

6 Equazioni di compatibilit´a (o di congruenza interna)

2 σ zz

2

zz

∂x

σ

2

∂y 2

σ

2

zz

∂z 2

σ

2

zz

∂x∂y

∂x

=

=

=

=

0

0

0

0

∂τ zy

∂x

∂y ∂τ zy

∂x

∂τ zx

∂y

∂τ zx

∂y

=

= ν

ν

2 σ zz

∂y∂z

1+ν

1+ν

2 σ zz

∂x∂z

(10)

Questo gruppo di equazioni indica le condizioni alle quali devono sottostare le deformazioni ε αα e γ αβ affinch´e si possa ricavare, attraverso opportune integrazioni, un campo di spostamenti regolare.

7 Note

Le equazioni precedenti (statiche, cinematiche, costitutive, al contorno e di compatibilit´a), opportunamente combinate, portano ad un sistema di equazioni differenziali nelle incognite σ zz , τ zx , τ zy che rappresenta le equazioni di Beltrami-Michell nel caso di solido di de Saint Venant. Se, invece, si assumono come incognite gli spostamenti u, v e w, si possono ottenere le equazioni di Lam´e per lo stesso problema.

8 Per chi volesse saperne di

R. Baldacci, Scienza delle Costruzioni, UTET (Torino), 1970-76 (soluzione del problema di de Saint Venant in termini di tensioni).

G. Colonnetti, Scienza delle Costruzioni, Einaudi (Torino), 1953-57 (soluzione del problema di de Saint Venant in termini di spostamenti).