Sei sulla pagina 1di 169

Generale Federico Torre

(1815-1892)

exÄté|ÉÇx áâÄÄx Äxäx


xáxzâ|àx |Ç \àtÄ|t wtÄ DKHL
DKHL tÄ DKIF
áâÄÄx vÄtáá|
vÄtáá| DKFL@
DKFL@DKGD

Girolamo Induno (1825-1890), La partenza dei coscritti nel 1866


(1878, olio su tela, Milano, Museo del Risergimernto, © foto Saporetti Milano)

da L'Italia militare, rassegna mensile, Anno I, Vol. I, p. 3 (giugno 1864),


pp. 267-435.
Generale Senatore Federico Torre
(1815-1892)

Nato a Benevento il 27 aprile 1815 da Giovanni e Maria Giuseppina Fallace, morto a Roma il 6
dicembre 1892. Laureato in filosofia e matematica e poi in ingegneria nell'Università di Roma,
tenente dell'artiglieria civica romana a Venezia nel 1848, promosso capitano per merito di guerra,
prese parte alla difesa della Repubblica Romana di cui fu per un giorno ministro della guerra (4
luglio 1849). Esule in Piemonte, dove visse di insegnamento e collaborazioni, fu richiamato come
tenente colonnello e capo di stato maggiore dei volontari di Romagna attelati a difesa della
Cattolica. Fu poi Direttore generale dei materiali d'artiglieria e genio nell'Emilia e, dopo
l'annessione, capo divisione e direttore generale delle Leve, Bassa-forza e Matricola, coi gradi di
colonnello (21 novembre 1860) e poi di maggior generale (31 dicembre 1863). Deputato di
Benevento nelle legislature VIII-XII (1861-74) e XV (1882) nel gruppo liberale-moderato,
Promosso tenente generale il 4 dicembre 1873, senatore del Regno dal 10 maggio 1884, fu
Commissario di vigilanza alla Cassa militare dal 29 novembre 1884 al 27 aprile 1886. Residente in
Roma in via di Torre Argentina 47, era decorato di medaglia d'argento al valor militare e delle
medaglie della Repubblica Romana, a ricordo delle guerre combattute per l'indipendenza e l'unità
d'Italia e col motto "Unità d'Italia 1848-1870", nonché insignito degli Ordini dei SS. Maurizio e
Lazzaro (cavaliere il 26 marzo 1860, commendatore il 6 giugno 1863, grande ufficiale il 18 agosto
1866, gran cordone il 12 febbraio 1891) e della Corona d'Italia (cavaliere il 22 aprile 1868, grande
ufficiale il 19 marzo 1874) e dell'Ordine austriaco di Leopoldo (commendatore il 17 ottobre 1869,
gran cordone il 18 marzo 1883).