Sei sulla pagina 1di 4

E.H.

      Roma,  15  maggio  2010  

EDWARD HOPPER
 
È  impossibile  ignorare  l’uomo  Hopper  studiando  la  sua  arte.  Ci  sono  infiniti  esempi  di  artisti  la  cui  
opera   è   stata   l’esatto   contrario   della   loro   vita   o   del   loro   carattere   e   che   hanno   prodotto   grandi  
cose   non   per   ciò   che   erano,   ma   nonostante   ciò   che   erano.   Nel   suo   caso,   invece,   tutta   la   sua  
produzione  artistica  sembra  completamente  intrecciata  col  suo  modo  di  essere  e  di  vivere.    
La   semplicità   del   suo   lavoro,   l’economia   dei   mezzi   espressivi,   l’eliminazione   delle   decorazioni  
piacevoli  sembrano  derivare  direttamente  dal  suo  comportamento  ascetico.  Charles  Burchfield  
 
1. EDWARD
 
Sembra  che  ci  sia  qualcosa  di  ineluttabilmente  coerente  in  tutto  ciò  che  riguarda  Hopper  e  il  suo  
lavoro:  anche  il  suo  aspetto  fisico,  la  modestia  quasi  imbarazzante  con  cui  considera  la  sua  arte,  i  
suoi  modi  dimessi.  Onestà  è  la  parola  che  viene  subito  in  mente  guardando  l’uomo  e  la  sua  arte.  
Charles  Burchfield  
 
L’idea   di   una   roccia   come   simbolo   di   un   ostinato   individualismo   è   talmente   abusata   che   esito   a  
usarla  ancora.  Eppure,  per  quanto  cerchi,  è  praticamente  impossibile  trovare  una  figura  retorica  
più   adatta   ad   esprimere   quello   che   provo   per   Edward   Hopper   come   artista   e   come   uomo.   Così  
dev’essere   una   roccia:   una   roccia   che   resiste   fermamente,   inaccessibile   e   impermeabile   alle  
correnti   dei   cambiamenti   e   della   decadenza,   che   corrodono   la   struttura   del   mondo   artistico  
contemporaneo.   Su   una   tale   roccia   si   può   edificare   uno   di   quei   nobili   fari   che   Hopper   ha   reso   così  
famosi   e,   come   una   pietra   miliare   che   brilla   nel   sole,   la   sua   opera   resisterà   ferma   e   senza  
cedimenti.  Charles  Burchfield  
 
All’epoca  degli  studi  disegnava  la  figura  meglio  di  qualunque  altro.  Nei  suoi  quadri  il  paesaggio  è  
ben  disegnato,  le  case  ben  fatte.  I  suoi  interni  non  sono  meri  fondali  delle  figure,  ma  hanno  valore  
autonomo.  Hopper,  infatti,  possiede  in  misura  straordinaria  l’intelligenza  di  quella  che  potremmo  
chiamare   la   dignita’   del   peso.   La   sua   immaginazione   afferra   il   peso   delle   cose:   la   solidità   della  
materia  è  l’ancora  che  impedisce  al  suo  umore,  a  volte  un  po’  sarcastico,  di  lasciarsi  andare.    Il  suo  
colore   ha   una   sobrietà   di   tono   che   ignora,   o   forse   compatisce   sinceramente,   il   magnetismo  
sensuale  di  una  tavolozza  più  complessa.  Forbes  Watson  
 
2. CON JO

In  Hopper  non  c’è  niente  di  superfluo,  di  artificiale,  di  retorico.  La  sua  arte  e  la  sua  vita  hanno  anzi  
eliminato,   silenziosamente,   queste   tre   cose.   Quando   deve   dire   qualcosa   parla   con   una   voce   piatta  
e  monotona,  profonda,  ogni  sillaba  è  uno  spondeo  che  cade  nella  conversazione  come  un  blocco  
stradale  e  bisogna  superare  per  proseguire.  Non  spreca  niente:  né  un  gesto,  né  una  pennellata,  né  
una  parola,  né  un  pensiero.  Ma  il  chiacchiericcio  di  Jo  urta  contro  il  silenzio  del  marito,  come  un  
pennino  d’argento  che  gratta  contro  un  muro.  Brian  O’Doherty  
 
Vive  al  quarto  piano,  in  una  stanza  studio  con  delle  finestre  che  si  affacciano  sulla  piazza.  I  muri  
grigi,  il  soffitto  alto,  una  stufa  a  carbone  col  tubo  nero  che  getta  luce  sulla  parete  liscia,  un  torchio,  
una  scatola  di  legno  e  un  cavalletto  largo  e  pesante  compongono  la  sorprendente  geometria  del  
suo  ambiente  di  lavoro.  Vestito  con  una  giacca  verde  scuro,  sta  in  piedi,  con  le  braccia  conserte,  

1
E.H.       Roma,  15  maggio  2010  

abituato  ai  lunghi  silenzi:  una  figura  torreggiante,  forte,  dai  modi  gentili,  un’ombra  di  fermezza  e  di  
riservatezza  sul  volto  e  un  lampo  di  animazione,  di  intelligenza  negli  occhi.    
“lui  non  dipinge  mai  queste  cose”  esclama  vivacemente  la  signora  Hopper.  “Neanche  la  camera  da  
letto   con   i   suoi   angoli   incantevoli.   Io   dipingo   quello   che   lui   non   dipinge”.   La   signora   Hopper   lavora  
nello   studio   accanto,   anch’esso   una   stanza   larga   e   capiente,   ma   piena   di   quadri.   Intervista   con  
Suzanne  Burrey  
 
H:  “A  me  non  interessano  molto  i  fiori,  in  tutto  il  mio  lavoro  ho  fatto  solo  un  quadro  con  dei  fiori”  
“perché  non  vuoi  dipingerli?”  gli  chiede  Jo.  
H:   “perché   hanno   già   la   cosiddetta   bellezza.   Non   puoi   aggiungervi   niente   di   tuo.   Manet   sapeva  
aggiungerci   qualcosa.   La   qualità   della   pittura,   del   colore.   Se   ti   piace.   È   come   con   i   tramonti.   La  
gente   di   qui   mi   parla   sempre   di   tramonti   meravigliosi.   Ma   è   quello   che   tu   aggiungi   che   li   rende  
meravigliosi.   No,   la   gente   semplice   pensa   che   la   bellezza   sia   nel   soggetto:   un   vaso   di   gigli   o  
qualcosa  di  simile.  Nel  soggetto  non  c’è”  
Int:  “Come  scegli  i  tuoi  soggetti?”  
H:“Semplicemente  per  quello  che  mi  piace  dipingere”  
Int:  “Quando  dipingi?”  
H:  “Quando  riesco  a  costringermi”  
“Eddie  aspetta  sempre”  dice  la  signora  Hopper”  “e  solo  quando  è  molto  colpito  si  alza  e  prepara  
una  tela.  È  convinto  che  la  pittura  sia  una  dura  fatica”  Intervista  con  Brian  O’Doherty  
 
“Ci   vuole   molto   tempo   perché   un’idea   mi   colpisca”   dice   Edward,   “poi   devo   meditarla   a   lungo”.  
Non   inizio   a   dipingere   finché   non   ho   tutto   chiaro   in   mente.   Quando   sono   pronto,   vado   al  
cavalletto”.  “allora  si  ferma  tutto”  aggiunge  la  signora  Hopper  “noi  non  facciamo  più  nulla  quando  
Eddie  dipinge  un  quadro”.  Intervista  con  Suzanne  Burrey  
 
3. L’OPERA È L’UOMO, NON SPUNTA DAL NULLA. HOPPER
 
DICHIARAZIONE:   La   grande   arte   è   l’espressione   esteriore   della   vita   interiore   dell’artista,   che  
rivela  questa  vita  interiore  nella  sua  visione  personale  del  mondo.  La  vita  interiore  di  un  uomo  è  
un  regno  vasto  e  variegato  e  non  riguarda  solo  dei  piacevoli  accordi  di  colore,  forma  e  disegno.  Il  
termine  “vita”  come  lo  si  usa  in  arte,  è  qualcosa  che  non  si  può  disprezzare,  perché  coinvolge  tutta  
l’esistenza:  l’arte  deve  reagire  all’esistenza,  non  evitarla.  Hopper  
 
Il   mio   ideale   di   pittura   è   sempre   stato   la   trascrizione   più   esatta   possibile   delle   impressioni   più  
intime  che  mi  suscita  la  natura.  Se  questo  fine  è  irraggiungibile,  allora  lo  è  anche  la  perfezione,  e  
questo  vale  per  ogni  ideale  pittorico  e  per  ogni  attività  dell’uomo.  Hopper  
 
C’è  il  suo  modo  modesto,  discreto,  quasi  impersonale,  di  costruire  la  pittura;  il  suo  uso  di  forme  
angolari   e   cubiche   (non   inventate,   ma   esistenti   in   natura);   le   sue   composizioni   semplici,  
apparentemente  non  studiate;  la  sua  fuga  da  ogni  artificio  dinamico  allo  scopo  di  inscrivere  l’opera  
in  un  rettangolo.  Charles  Burchfield  
 
Come  un  suonatore  di  pianoforte  deve  sempre  tenersi  in  esercizio,  così  ci  vogliono  anni  di  tirocinio  
tecnico  per  arrivare  a  dire  quello  che  si  ha  da  dire,  ammesso  che  si  abbia  qualcosa  da  dire.  Hopper  
 
Io   sono   un   realista   e   reagisco   a   fenomeni   naturali.   Da   bambino   sentivo   che   la   luce   della   parte   alta  
di   una   casa   era   diversa   da   quella   della   parte   bassa.   C’è   una   sorta   di   gioia   che   riguarda   la   luce   sulla  

2
E.H.       Roma,  15  maggio  2010  

parte   alta.   Ho   sentito   dire,   in   un  simposio,   che   l’arte   si   trasmette   dal   cuore   sulla   tela   attraverso   la  
punta   delle   dita.   Ora,   una   certa   arte   viene   dal   cuore,   ma   deve   essere   integrata   con   l’invenzione  
mentale.   Non   è   così   facile   come   la   punta   delle   dita.   È   un   lavoro   duro.   Come   tutto,   nell’arte   e   nella  
vita,  è  duro.  Hopper  
 
Dipingere   è   una   trasformazione   in   cui   la   forza   d’immaginazione   collabora   con   la   memoria   per  
riprodurre  solamente  ciò  che  è  urgente,  cioè  il  necessario.  In  questo  modo  il  proprio  ricordo  non  è  
altro  che  l'invenzione  liberata  dalla  tirannia  della  natura.  Hopper  
 
L’arte  moderna  è  l’arte  di  sempre:  l’arte  di  certe  personalità  che  sono  sempre  moderne,  perché  
racchiudono   in   sé   una   verità   fondamentale.   È   questa   verità   che   rende   il   miglior   Moliere   nuovo  
come  Ibsen,  e  Giotto  moderno  come  Cezanne.  Hopper  
 
Per  me  forma,  colore  e  disegno  sono  solo  mezzi  che  servono  a  uno  scopo,  strumenti  di  lavoro,  e  
non   mi   interessano   molto   in   se   stessi.   A   me   interessa   soprattutto   il   vasto   campo   dell’esperienza   e  
delle  sensazioni.  Di  “esperienza  umana”  bisogna  parlare  con  cautela,  per  non  correre  il  rischio  di  
confonderla  con  il  banale  aneddoto.  Ma  mi  ha  sempre  dato  fastidio  la  pittura  che  si  occupa  solo  
delle  armonie  e  dei  contrasti  del  colore  e  del  disegno:  il  mio  scopo  in  pittura  è  sempre  stato  quello  
di   usare   la   natura   come   mezzo,   per   cercare   di   fissare   sulla   tela   le   mie   reazioni   più   intime   di   fronte  
al  soggetto,  così  come  mi  appare  quando  lo  amo  di  più,  cioè  quando  il  mio  interesse  e  il  mio  modo  
di  vedere  riescono  a  dare  unità  alle  cose.  Hopper  
 
Quando   ci   si   trova   davanti   un’interpretazione   così   profonda   della   vita   quotidiana   e   dei   paesaggi  
che   ci   sono   familiari,   ci   si   meraviglia   che   nessuno   abbia   mai   dipinto   così,   rivelando   quello   che   tutti  
volevano  e  tutti  vedevano,  ma  non  pensavano  avesse  dignità  di  arte.  Hopper  su  Charles  Burchfield  
 
L’aspetto   di   una   strada   asfaltata   sotto   il   sole   cocente   di   mezzogiorno,   macchine   e   locomotive  
abbandonate   in   stazioni   sperdute,   la   pioggia   estiva   che   ci   riempie   di   una   noia   sconsolata,   i   muri  
bianchi  di  cemento  e  le  costruzioni  d’acciaio  dell’industria  moderna,  le  strade  in  piena  estate  con  il  
verde   acido   dell’erba   rasa,   le   Ford   polverose   e   i   cinema   dorati,   tutta   la   vita   soffocante,   volgare  
delle   piccole   città,   e   tutta   la   desolata   tristezza   dei   nostri   paesaggi   in   periferia:   si   può   trarre  
ispirazione   da   queste   cose,   che   gli   altri   evitano   e   sfiorano   con   indifferenza.   Hopper   su   Charles  
Burchfield  
 
Non  c’è  nell’opera  un  distacco  freddo:  la  cosa  è  stata  vista,  il  tempo  si  è  fermato.  E  noi  riviviamo  il  
brivido,  trasposto  nel  parallelo  dell’arte.  Charles  Burchfield  
 
A  volte  sembra  ispirarsi  ad  alcuni  momenti  particolari  nei  rapporti  umani.  Che  cosa  ha  portato  a  
quel  momento?  Cosa  avverrà  dopo  quella  che  sembra  un’esplosione  inevitabile?  Come  se  fossimo  
arrivati  alla  scena  madre  di  un  romanzo,  e  improvvisamente  capissimo  che  questo  non  c’entra  con  
la   vera   essenza   del   quadro,   l’intensità   della   sua   luce   e   la   magistrale   distribuzione   delle   forme   e  
degli  spazi  geometrici.  Questa  sensazione  di  assistere  a  un  momento  di  incubazione  della  vita  di  
una  persona  la  si  ritrova  tante  volte.  Charles  Burchfield  
 
Guardare  i  suoi  quadri  ci  ricorda  quando  attendiamo  qualcosa,  quando  siamo  arrivati  in  uno  dei  
suoi   luoghi,   sfiniti   dopo   un   giorno   di   guida   faticosa:   queste   opere   sono   un   commento  
incredibilmente  penetrante  alla  nostra  vita.  Charles  Burchfield  
 

3
E.H.       Roma,  15  maggio  2010  

C’è  l’elemento  del  silenzio,  che  sembra  pervadere  tutti  i  suoi  lavori  più  importanti,  qualunque  sia  
la   loro   tecnica.   Questa   dimensione   di   ascolto   è   evidente   nei   quadri   in   cui   compare   l’uomo,   ma  
anche  in  quelli  in  cui  ci  sono  solo  architetture.  Può  avere  le  risonanze  emotive  più  diverse:  essere  
impressionante   e   solenne,   o   gravido   di   attesa,   può   rinchiudere   un   certo   senso   del   mistero,   o  
scoprirsi  anche  dove  ci  si  aspetterebbe  ogni  sorta  di  chiacchere  e  di  attività.  Charles  Burchfield  
 
Tutte  le  analisi  critiche  hanno  cercato  di  scandagliare  questo  mistero:  come  fa  Hopper  a  rendere  
importanti  tutte  le  cose,  a  dar  loro  un’importanza  che  deriva  dalla  incommensurabilità  tra  causa  e  
effetto?   Perché   poche   persone   su   una   veranda   che   guardano   un   bosco   buio   sono   qualcosa   di   più?  
Perché  la  luce  del  sole  che  cade  su  un  piano  si  trasforma  in  un  evento?  Perché  una  strada  vuota  
cattura  l’attenzione  come  una  lenta  pioggia  ininterrotta?    
In   realtà   Hopper   ha   reso   epica   la   noia,   sacralizzato   i   nostri   momenti   di   banale   disattenzione,   ha  
battezzato   la   nuda   scena   con   la   luce,   misurandola   secondo   una   solenne   geometria   spaziale.   Ha  
affrontato  la  vita  in  ogni  quadro,  per  conquistare  una  certa  intimità.  Brian  O’Doherty  
 
Gli   basta,   apparentemente,   poco:   una   balaustra   ideale,   che   allontana   l’immagine   dal   primo   piano;  
un’angolatura   prevalentemente   obliqua   e   dinamica,   che   sottolinea   la   distanza   tra   chi   vede,   ed   è  
immerso  nel  flusso  del  divenire,  e  ciò  che  è  visto,  che  si  staglia  immobile  sullo  sfondo.  È  allora,  in  
quell’intuizione   vertiginosa,   che   la   visione   diventa   assoluta,   e   l’immagine   può   apparire   in   una   luce  
abbagliante,   trionfale,   o   al   contrario   intendersi   della   malinconia   di   chi   teme,   nella   vita   e   nell’esser  
stesso,  un’assenza  di  significato.    
Di  questo  soffrono,  alcune  sue  figure:  più  che  per  la  mancanza  di  solitudine,  per  la  mancanza  di  un  
senso   da   dare   alla   realtà.   Gli   alberghi   e   i   binari   ferroviari,   così   ricorrenti   nelle   sue   opere,   sono  
simboli   di   una   condizione   di   straniamento   e   di   esilio.   Non   è   un   caso   che   le   immagini   più   solari,   più  
felici,   siano   quelle   in   cui   l’uomo   non   compare,   e   in   cui   la   luce   crea   un   ordine   maestoso.   Elena  
Pontiggia  
 
Aleggia  nelle  opere  un’intensa  solitudine,  che  si  avverte  anche  quando  compaiono  delle  figure.  
Conosciamo   tutti   le   rovine   di   Pompei,   dove   furono   ritrovate   persone   sorprese   dalla   tragedia,  
fissate   per   sempre   in   un’azione   (un   uomo   fa   il   pane,   due   amanti   si   abbracciano,   una   donna   allatta  
un  bambino).  Analogamente,  Hopper  ha  saputo  cogliere  un  momento  particolare,  quasi  il  preciso  
secondo  in  cui  il  tempo  si  ferma,  dando  all’attimo  un  significato  eterno,  universale.    
C’è   una   cameriera   che   si   sporge   per   prendere   un   pompelmo,   ma   non   c’è   disagio   nell’azione  
incompiuta.  C’è  un  anziano  signore,  che  forse  ha  appena  detto  “bene,  vogliamo  andare?”.  Sembra  
un  episodio  banale,  ma  Hopper  riesce  a  racchiudere  in  questo  quadro  tutti  i  gesti,  tutta  la  vita  di  
una  grande  città.  Charles  Burchfield  
 
Eppure  non  è  la  solitudine  il  significato  fondamentale  delle  opere  di  Hopper.  E  non  perché  non  ci  
sia.  Lui  stesso  disse  “si  parla  troppo  di  solitudine”.  La  pittura  di  Hopper  è  piuttosto  il  tentativo  di  
rappresentare  i  fondamenti  della  natura  e  dell’uomo.  Hopper  dipinge  un’ora  eterna.  L’immobilità  
senza  suono,  quando  tacciono  i  rumori  della  valle,  e  il  riposo  della  natura  ha  qualche  cadenza  del  
riposo   eterno.   È   un   momento   di   solitudine,   certo,   ma   è   soprattutto   un   istante   in   cui   le   cose  
quotiane  (una  casa  di  pochi  piani,  una  pompa  di  benzina)  non  sono  più  strumenti  ovvi,  ma  segni  
miseriosi.    Elena  Pontiggia  
 
Il  faro  e  la  casa  sulla  collina,  perfetti,  come  forme  originarie  colte  nella  loro  vita  nascosta  e  nella  
loro  causa  ultima,  portano  impresso  il  sigillo  dell’eternità.  La  luce  che  li  avvolge  non  è  il  chiarore  
atmosferico,  ma  una  luce  che  conosce  variazioni.  Elena  Pontiggia