Sei sulla pagina 1di 2

c  

Il pensiero critico trova il suo fondamento nella conoscenza scientifica, in fatti ed


osservazioni reali senza risultare viziato da preferenze personali, pregiudizi o
comportamenti abitudinari negativi che possono portare ad affermazioni tipo ͞in
questo reparto abbiamo sempre fatto così le medicazioni͟.
Attraverso il pensiero critico, l͛infermiere è in grado di mirare al raggiungimento
della Phrònesis, cioè a quella saggezza pratica necessaria per combinare la
generalità dei principi con la particolarità di ogni realtà assistenziale.
La Phrònesis non può essere soltanto insegnata a livello didattico poiché è il frutto di
quell͛insieme di esperienza e conoscenza amalgamato dal pensiero critico.
Pensare criticamente significa mettere a fuoco i vantaggi e gli svantaggi delle varie
alternative, abbandonare schemi di pensiero prefissati ed affrontare la realtà sotto
nuovi punti di vista al fine di personalizzare l͛assistenza, modulare il linguaggio
specifico di categoria alle capacità cognitive d ella persona, esprimere giudizi in base
a criteri fondati sulle evidenze e pertanto obiettivi in quanto liberi da
condizionamenti sia dei propri sentimenti, valori ed interessi che da quelli altrui.
Chi utilizza il pensiero critico è consapevole del fatto che le proprie convinzioni
potrebbero essere errate e pertanto le analizza e le modifica alla luce di nuove
conoscenze.
Consapevole del fatto che talvolta le nuove idee possono arrecare disagio e che le
vecchie convinzioni possono talvolta rappresentare un a resistenza al cambiamento
in quanto infondono una certa sicurezza, esamina nuove idee necessarie per
affrontare i continui cambiamenti del contesto in cui esercita e cerca la soluzione
assistenziale migliore non cadendo nellatentazione di optare per scel te facili e di
routine ma di minor efficacia.
il pensiero critico è la capacità di criticare tutte le idee, al fine di individuare quella
migliore per formulare una diagnosi infermieristica su cui fondare un piano di
Nursing. Formulare giudizi sulla capacità della persona di gestire o soddisfare le
proprie attività od i propri bisogni. Pensiero critico, inteso come chiave di volta per
lo sviluppo e l͛affermazione di una filosofia di pensiero che contraddistingua l͛essere
e l͛agire di ogni infermiere.
4    
      
 
I pensatori critici cercano il ›  e il   dietro alle cose.
Fanno, insomma, le domande giuste, prima ancora che dare le risposte giuste.

=
   
    
Si tratta di trarre vantaggio dalla diversità e dai contributi che possono dare persone
di genere, provenienza, esperienza diversi.

    
 
I primi due sono atteggiamenti di carattere deduttivo, ma i pensatori critici devono
anche avere un 
 
che permetta di vedere le opportunità dove altri
vedono i problemi o gli ostacoli.

     


La complessità non lascia spazio alla presunzione di conoscere tutte le variabili. Per
questo è necessario sentirsi a proprio agio anche in un ambiente in cui il
cambiamento è la costante e sono richieste decisioni rapide.