Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.it - http://twitter.

com/fiscoediritto

CORTE DI CASSAZIONE - ORDINANZA 23 NOVEMBRE 2010, N. 23763

Premesso
- che la decisione indicata in epigrafe ha respinto l'appello proposto dalla contribuente avverso la
decisione di primo grado che ne aveva dichiarato l’inammissibilità del ricorso promosso avverso
avviso di rettifica e liquidazione di imposta di successione, perché sottoscritto da professionista
abilitato ma del tutto carente della sottoscrizione della parte;
- che i giudici del gravame hanno, in particolare, rilevato che la sottoscrizione della contribuente
non risultava apposta nemmeno in calce alla procura ad litem comparente sul ricorso introduttivo
(ma solo in calce a quella apposta sull'atto di appello); ..............

°°°°°°°°°°°°
LA VERSIONE INTEGRALE E’ DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK:

http://www.fiscoediritto.it/page/CORTE-DI-CASSAZIONE---ORDINANZA-23-
NOVEMBRE-20102c-N-23763.aspx

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.
FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente.
FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando
i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo
sito contattaci a info@fiscoediritto.it

°°°°°°°°°°°°

Segui Fisco e Diritto anche su Twitter all’indirizzo http://twitter.com/fiscoediritto