Sei sulla pagina 1di 1

I caratteri delle repubbliche italiane

Le vicende che avevano interessato la


Francia tra il 1789-1791 era state seguite
con un occhio di riguardo dagli intellettuali
e dai nobili più colti e aperti. Questo
interesse era vivo anche in Italia, dove
trovavamo però la distinzione netta tra chi
condannava i moti di rivoluzione e chi
invece li appoggiava. Questi ultimi favorino
l'entrata dei francesi in Italia, vedendoli non
come dei conquistatori ma come dei
liberatori.
La parte settentrionale dell'Italia era già
stata conquistata nel 1797 con la pace di
Campoformio, dove Napoleone aveva
costituito la repubblica Cisalpina, costituita
dalla Lombardia e l'Emilia Romagna, e la
repubblica Ligure.
A queste due repubbliche si andò ad unire
nel 1798 la repubblica Romana, che
sostituiva il potere temporale del papa.
Ferdinando IV, re di Napoli, cercò di
impedire la creazione della repubblica, ma
prima ancora che le truppe francesi
arrivassero a Roma abbandonò la capitale e si fece scortare in Sicilia dalle flotte inglesi.
Nel 1799 si unì ad esse anche il regno di Napoli, con il nome di repubblica Partenopea, conquistata
dal generale Championnet.
Tante furono le riforme attuate dai francesi: le istituzioni giuridiche ed economiche della Francia
furono instaurate nei territori italiani; e a Roma e a Napoli furono aboliti i vincoli alla proprietà
nobiliare.
Queste repubbliche servivano però per risanare il debito pubblico francese e per finanziare la guerra
contro l'Inghilterra: infatti furono razziate di ogni proprio bene, mettendo le terre in vendita e
imponendo le imposte fiscali.
Inoltre non avevano una propria autonomia, venivano create o disfatte a seconda della necessità.
Non ci fu mai da parte di Napoleone e della Francia l'idea di unificazione del territorio italiano,
che ,impoverito, rimaneva alla razzia di popoli e culture diverse.
L'errore francese fu quello però di scegliere come uomini di governo, non giacobini, ma
rappresentanti della borghesia moderata, che non fecero niente per conquistarsi l'appoggio popolare.
Questa fu infatti la causa qualche anno dopo della fine delle repubbliche italiane.

Fonti
Immagine: http://www.scribd.com/doc/42448836/Fine-Repubbliche-Italiane
Testo: pag 222-223 de 'La conoscenza storica 2'