Sei sulla pagina 1di 97

~

C.O.N.I. - F.I.L.P.J.

GIORGIO SOZZI

REALIZZAZIONE TECNICA ~ ........



01 G.S. BERTOLETTI OISEGNIOI GIANCARLO MANGINI

o

~~---..,..---------------~.,--- .. -- .... - ...... -----------------------...,

GIORGIO SOZZI I'Autore

Maestro di judo, cintura nera IVO

dan, tecnico del Kodokan Cremona, Presidente Com ita to Regionale Lombardo F,I.L.P.J, .. settore judo, redattore rivista Athlon. collaboratore riviste

Samurai /Bushtdo .. Sportivo.

2

GIANCARLO MANGINI, l'illustratore nativo di Pola, cartonista -caricaturista

internazionale, telecronista sportivo, ha lavorato in mezzo mondo. dagli Stati Uniti alIa Spagna. dal Giappone a Cuba, dalrInghilterra al Nicaragua, apparendo in innumerevoli testate. Ex-azzurro di baseball - «col judo 10 sport piu popolare del Giapponc», ci tiene a sottolinearlo - quindi tecnico del CONI, e da anni vicino al mondo delle Arti Marziali, dove ha fondato e diretto un paio di pubblicazioni.

Quando iniziai la pratica del judo, oltre vent'anni fa, fui colpito dalla difftcolta comune di apprendere nomi strani, patrimonio degli anziani della palestra, e che tramandavano oralmente. Quando un palo d'anni dopo, quasi per caso, entrai in possesso di un libro di judo, mi accorsi che anche i pill anziani tanti nomi non Ii conoscevano ed altri ancora Ii ripetevano ad orecchio, come il latino di certe vecchie che recitavano il rosario in chiesa.

Una sera della tarda primavera del 1963 venne in palestra un signore con due bambini: io ero bloccato dai p' .sturni di un incidente stradale e cosi, per rendermi utile alia Secreta .

Poi, come spesso accadeva nelle piccole palestre. eravamo rimasti senza insegnante. dopo averne cambiati tre in due anni, e mi venne affidato un turno di ragazzotti, ed il problema, da me gia sofferto, di avere qualcosa di scritto come base per coloro che seguivano il mio corso. divenne stringente.

Redassi un manuale ciclostilato con tanto di disegni che in seguito, una volta fondata la mia palestra provvidi ad ampliare ed arricchire. Oggi non e difficile trovare un buon libro di judo, ma per i bambini che peraltro numerosissimi affollano Ie nostre palestre, non c'e ancora niente, al contra rio di quanta avviene in qualche paese straniero.

E COS! l'idea di pubblicare qualcosa per i pill piccoli che, grazie alia scnsibilita del Presidente della FlLPJ. dott. Matteo Pellicone, e diventata realta.

La speranza, come sempre. e di aver fatto qualche cosa di utile per il judo italiano.

3

Kioomi Chito e Takasue Fukutomi erano i pill aggressivi e prepotenti. «Ehi, cuoco, e immanqiabile!» e, senza nemmeno avere assaggiato i cibi, picchiavano il cuoco e tiravano i piatti sui camerieri.

Un giorno, nella mensa dell'Univcrsita, si trovava a passare un giovane piccolo e magro, un vero spasso per gli studenti prepotenti. «Non cl piaci» disse uno, mentre I'altro gli sferra va un violento pugno.

II giovane non oppose resistenza, data la sua debolezza, ma l'umiliazione gli brucio pill del colpo subito. Da allora una molla, un chiodo fisso, un tarlo gli rodeva I'animo: vincere il complesso d'inferiorita fisica, diventare forte!

Aveva sentito parlare del ju-jitsu, ma non era facile per un giovane di buona famiglia entrare in una scuola di una disciplina screditata ed in vistoso declino come il ju-jitsu, ma quel giovane non conobbe ostacoli e finalmente riusci a farsi accettare nel dojo di Hachinosuke Fukuda.

Quel giovane si chiamava Jigoro Kano.

4

JU

00

JIGORO KANO nacque nell'ottobre del 1860 nella citta di Mikage. Nel 1877 si iscrisse alia scuola di

ju-jitsu del maestro Fukuda della scuola di Tenjln-Shinyo-Ryu. Dopo la morte del maestro Fukuda studio col maestro Iso, della Tenjin-Shinyo-Ryu e, do po la morte di quest'ultimo, passe con Tsunetoshi Iikubo della scuola di Kito-Ryu. Nel 1882 Jigoro Kano apri la sede del Kodokan, in una sala del tempio Eishoji, vivendo in comune con i propri allievi (9 in tutto con un tatami di circa 24 metri quadri). Nel 1886 dopo due spostamenti di sede il Kodokan si installo a Kudan Karni-Fujimi-Cho; la superficie dei tatami era circa

80 metri quadrati. In quell'anno in un torneo organizzato dal prefetto Mlshima gli allievi del giovane Kodokan si batterono alIa pari con i veterani campioni di ju-jutsu: cia creo grande celebrita al Kodokan.

Nel 1887 Kano istitui il .Iu-no-kata. Nel frattempo si era laureato e cominciava a ricoprire incarichi pubblici. Nel 1895 con un gruppo di allievi di alto grado stabili il «Gokyo», cioe il metoda di insegnamento diviso in 5 sezioni. Nel 1907 stabili il Kime-no-kata, il Katame-no-kata, il Naqc-no-kata. Nel 1909 trasforrno il Kodokan che, da impresa privata, divenne una societe legale. Nel 1920 fu rivisto l'antico go kyo sopprimendo talune tecniche e aggiungendone di nuove. Jigoro Kano viaggio moltissimo allo scopo di diffondere il suo judo Kodokan che ormai aveva soppiantato il vecchio ju-jutsu. Mori il 4 maggio 1938 sui piroscafo Hikawa Maru che 10 riportava in patria dopo un viaggio al Cairo in preparazione delle olimpiadi. II judo fece l'ingresso nei giochi olimpici nel 1964 a Tokyo.

Nel 1958 si inauguro la nuova sede del Kodokan in Tokyo, con 5 sale di judo e 2000 tatami di superficie (circa 4.000 metri quadrati'].

Scriveva Jigoro Kane: <do studiavo il ju-jitsu non solo perche 10 trovavo interessante, rna anche perche capivo che era il mezzo pill efficace sia per l'educazione del corpo che dello spirito. E da questo fatto mi e venuta l'idca di diffonderlo dovunque. rna era necessario migliorare il vecchio ju-jitsu, per renderlo accessibile a tutti, perche 10 stile antico non era previsto ne immaginato per l'educazione fisica 0 morale e la cultura intellettuale. Quest'ultima infatti non era che un frutto casuale del vecchio ju-jitsu, che era esclusivamente concepito per vincere. D'altro canto, sapendo che ciascuna delle scuole di ju-jitsu aveva Ie sue qualita e i suoi difetti, ne conclusi che sarebbe stato necessario rifare il ju-jitsu anche come arte di combattimento Cosi, prendendo di volta in volta Ie cose pill interessanti che avevo appreso nelle diverse scuole ed aggiungendovi mie personali invenzioni, io fondai un nuovo metodo per la cultura fisica e !'educazione menta le, come pure per vincere in combattimento. Chiamai cia: "Judo Kodokan". Perche 10

chiarnai Judo invece di JU-jitsu? Porche io insegno non solamente il "jutsu" (arte) Certo, io insegno "jutsu", rna e suI "do" (via) che io vorrei insistere specialmente ... Esistono due altre ragioni per Ie quali evitai il termine di jutsu. Una e che esistevano delle scuole che spesso si lasciavano andare a praticare tecniche violente e pericolose sia di proiezione come di leve articolari aile braccia e aile gam be, per cui

molta gente pensava che il ju-jitsu fosse una cosa da evitare; ed anche in certe palestre la sorveglianza era insufficiente e gli allievi anziani picchiavano i giovani, cosi che il ju-jitsu era disprezzato come occasione di influenza nefasta sui giovani. 10 volevo dimostrare che cia che io insegnavo non era cosa pericolosa e nei metodi d'insegnamento, del tutto differente dal ju-jitsu. La seconda ragione e che il ju-jitsu era caduto in

discredito. Alcuni maestri, per vivere, facevano delle esibizioni con i loro allievi, altri andavano a fare combattimenti fra i lottatori di sumo: queste pratiche degradanti per un'arte di combattimento mi ripugnavano. Ecco perche evitai il nome di jutsu e adottai judo al suo posto. E per distinguerlo dalla scuola di .likishin-Ryu che anch'essa impiegava il nome di judo, chiamai la mia scuola "Judo Kodokan", malgrado it titolo fosse un po' lunqo».

5

!UDOGI = E' L~8ITO DI CHI PRArlCA TUDO.

\

OBI ::

&'LA crNTURA

cu e euo: £SSE:RE DI DIVERSI COLORI:

BIANCA, GIALLA, ARANCIO, VeRDE, BLU I MARRONE, N~RA, BIANCA S ROSSA I ROSSA I

ZOOI<I =

SONO L E;; "c IABATTE" DEL PRATICANDO

Dr TUDO.

TATAMI:

e'IL TAPPETO. IN EUROPA

E.·DI DIM£NS IONI DI "".1 )(' ..... 2.

IN GIAPPONG E DI MISURA LEGGERMENTE PIU' PICCOLA, INOL TR e: IL IiTATAt--1\"

ORIGINALE GIAPPONESE E~.A FATTO CON PAGLIA r» RISO

6

COME 51 ALLACClA LA CINTURA (081)

7

IL SALUTO (1<£1)

LA LEZIONE COH\NCtA CON u, SAl-UTO (REI) FATTO IN

GINOCCHtO (ZAREI), A5SIEME .0. TUTTI GL.I ALTR\ ALLIEVI ALLIN~ATt Pe:R ORDINE: 01 GRADO DA UN L.ATO DEL- TAPPETO E: IL MA e:-

5TRo OAL LATO OPPOSTO. __ ---

8

BI50GNA SALUTAf<£ IL PROPRIO COMPAGNO PRIMA E:

oaeo 06NI LAVORO DI ALLENAME:NTO. /L .. SAL-UTa /:-MOl-TO IMPORTANTE:

INDICA RISPETTO/ COI<RETTEZZA, L~AL TA" ve es o COL.U I CON It~UA'_£ Sl PRAT/cA.

'I... SAl-UTO SARA' FATTO 5TANDO IN

PIEDI (RITSU 1('£1).

LE PRESE (KUMI-KATA)

LA PRESA AL TUDOGI DELL /AVVERSARIO

E \ DI /MPORTANZA F-'ONDAfvfENTA L FE PER L.A BUONA RIUSCITA DELLA TECNICA CI-I~

51 VUOL POR-TARE. L-A PRESA FONDAMENTAL-FE DALLA POSIZIONfE DI tvtlGI- SHI2EN - TAl 51 EFI=ETTLJA Pt<ENDENDO CON I-A MANO SINISTIi'A L.A /vtANICA DESTRA DIEL YUD061 D~ L - L/AVVERSAR/O

ALI-'ALTEZZA DEL

GOM/TO ~ CON L-A ~ANO DESTRA 11- SAVE/?0 S/ItJISTRO ALL'AL.TEZZA DeL PETTO.

NEL TUDO AGONI5TlCO 06Nl CAMPIONE SCE6LIE At-JCHE PRESS

DIVERse A GECONDA

DEI COLPI CHE VUOL.E PORTARE'.

9

CONSIST£; !VEL. T<O}.1" oee e L.A POS(ZION DI cQUILIBRIO DeLL/AVVERSAf<IO PER. POI PORTA~E L/ATTACCO REALE. INALTRE PAeOL-E

BISOGNA Cl-lc LA LINEA DI G~AVITA CH£ PAF<T£ OAt... BAR/CENTRO D/ UK£: (COLUI CHi: sus/seE) CADA A DJ f=UORJ DEL I?£TTAtVGOLO IM~ MAG/NARIO C/-IS HA COM E DUE L.AT I OPP05TI I PI5DI. LA POS/Z/ONE OJ; uKr; 51 »uo' ROfo1- PE:f<E UT/LIZZAND LA P1<OPR/A I="ORZ OPPUI<E GUEl-L.A

OERIVANTE: DA UNA SUA P1<ECEDENTE INIZIAT/VA.

LEE DIRr=Z/ONI FONDAMENTAL/ DEL. KUZUSl-Il 50NO :AVANT AVANTI DE5TRO-SINISTRO, LATERALG DESTI<O -SINISTRO, .. INO/ETROI INDISTRO DEST~O - SINISTRO.

LO SQUILIBRIO (KUZU5~1)

L:'/NSEGNAMENTO CLASSICOI Dopa It. KUZUSHJ I P1<EVEDE LA FA5E OJ T5UKUR1, CHI: CON51STE NELL.. .. AZ\ONE

PREPARATORIA DEL..L'ATTACCO E, Dopa

TSUKURI, Il .. KAKE CHI:

VA DAL MOM£: "-ITO IN CUI IL CORPO DI UK£:

STA Pf;R STACCARS\ ~""7

FINO Al..LA CADUTA.

IN PI<ATICA E" MOL-TO DI1=FICIL~ DISTINGUERE L..~ TRE: 1=ASI, DATA ANCJ-lE L-A VcL.OC/TA' 01 ESECUZIONE AL MASSIMO SI POTRA' DIRE CI-I£; UN ATTACCO, CI-I~ NON HA AVUTO SUCCESSO, MANCAVA DI KAKc.

J

Uf<EMI (CADUTE)

USHJRO - UKEMI (IND\ETJ<O) (CADUTA)

YOKO - UKEMJ (FIANCO L-ATERALE) (CADUTA)

M I Gl (De-ST~A)

HI DARl (~'\N'5TRA)

11

MAE - UKEM\ (AVANTI) (CADUTA)

~ \

\ '

12

SHISEI (POS\210NI)

SHIZEN - ~ON -TAl (POS/ZIONE) (FONDAHENTALE)(COI?Po)

I P/~DI SONO PARALLELI, PUNTE LEGGERHENTE AP£fCTE € DISTANZA F~A I TALLONI Pf<E£SSAPOCO U6UALE ALLA LARGI-I/EZZA DELLE SPALL~.

:rIGa - HON - TAl

(DIFESA ) (FONDAHENTALE) (C01?Po)

ce GANB£ SONO MOLTO DIVARICATE I GINOCC/-IIA PIESATE, DISTANZ4 FI?A I TALLONI PRESSAPPOCO DOPPIA RISPETTO ALLA LA~GHEZZA DELLE .5PALL£.

A SecoNDA CHE SlA LEGGERKENTE AVANZATO II- PIEDE DESTRO 0 SINISTROI AVREMO:

MIGI- SHIZEN -TA \ HI DARI-SHIZEN-TAI

M\GI-JIGO -TAl HIDARI-TIGO-TAI

13

SH1NTAl (SPOSTAM Et-JTI)

AYUMI-A5Hl (MARCIA) (PIEOE)

TSUGJ - ASH) (SUCCe:SS\ONE) (PIED!::)

UN P1EDE E' USATO COME PRINCIPALE, \../At-iRO SEGUE STR1SClANDO.

TAl - SABAK\

(COI<PO) (SCHIVARE - RUOTA RE)

SONO MOV1MENT( CII<COLARI DEL CQI<PO I IN01SPEI'JSABILl PER L/ATTACC.O COME PER

LA DlFESA.

14

CLASSIFICAZIONE TECNICA

NEL TUDO TUTTO IL CORPO E LA MENTE.:,OLTRE

CHE LO SPIRliO DEL TUDOKA, PARTt;CIPANO ALVESE:CUZIONE 01 TECNICHE DI PROIEZIONE E 01 CONTROLLO. LE SUDD1VISIONI CHE SE-

GUONO HANNO PERTANTO SOLO VAl-ORE:

DIDATT1CO.

~ NAGE WAZA ~ tecniche di lancio JUDO ~ KA TAME WAZA ~ tecniche di controllo ATE WAZA = tecniche di attacco aile parti del corpo dell'avversario

NAGE WAZA

______ ASHI WAZA = tecniche di gamba, piede TACHIWAZA ~

(tecniche «in piedi»] KOSHI WAZA - tecniche di anca

~ TE WAZA ~ tecniche di mano. braccia

SUTEMI WAZA MA SUTEMI WAZA ~ suI dorso

(tecniche di «sacrificio»] ___________

YOKO SUTEMI WAZA = sul fiance

/OSAE WAZA - tecniche per immobilizzarc a terra l'avversario KA'rAME WAZA~SHIME WAZA ~ tecniche di stranqolamento

KANSETSU WAZA ~ tecniche di esecuzione di leve articolari

UDE ATE

/ (attaccare con il braccio o con la mano)

YUBI-SAKE ~ estremita delle dita

KOBUSHI pugno ~TEGATANA' taglio della mana HIJI = gomito

ATE WAZA

ASHIATE

(attaccare con la gamba o con il piede)

f HIZAGASHIRA - ginocchio SEKITO = pianta del piede KAKA TO = tallone

15

LE TECNICHE (WAZA) FONOA}'(ENTALI DELLE PRO/fEZ/ON I (NAGE) SI DIVIDONO IN:

ASHI (GAHBA ,P/EDE) K05H J (ANCA)

TE (SRACCIA, SPALLe) SUTEMI (SACRIFICIO), CHE PUO' ESSERE MA,

SE CHI LANCIA CADE SUL DORSO,OPPURE YOl(O SE CADE .sUL FIANCO.

O'ORA IN AVANTI CHIAME:REMO I DUE:

PRAT/CANTI

TORI, COLUI CHE cSEGUc,

UKE, COLUI CHE SUB/seE.

I 16

UKE

J,

SEGU/~EMO, NELLA PRESENTAZIONE DELLE TECNICHE, II.. GO (CINqUE)

KYO (PRINe/PI) OVV£RO / CINQUE GRUPP/ TI?ADIZ/ONALI DI ISTR.UZ/ONE.

1L PRIf'1o GOKYO (GO=CINQUE, ,",YO: PRINelPI D/IN5£GNAMENTO) R ISAI...E AL 1895 e VENNE POI RIFORMATO NEL- 1920. E' TUTT'ORA ALLO

STUDIO UNA SUA ULTE:RIORE MODIFICA.

GOKYO

GOKYO 1895
Hiza guruma o goschi Uchi mata Uki waza Yoko wake
Sasae TK. ashl Ko soto gari Obi otoshi Kata guruma Ko uchi gari
Uki goshi Koshi guruma Tobi goshi Hikkomi gaeshi Ashi guruma
Tai otoshi Seoi nage Utsu ri goshi Kake gake Yoko gake
o so to gari Tomoe nage o soto otoshi Soto makikomi o uchi gari
De ashi barai Okuri as hi b. Sumi gaeshi Tsuri goshi Yama arashi
Yoko otoshi Harai goshi Uki otoshi Tawara gaeshi o soto guruma
Ushiro goshi Yoko guruma Tsuri Komi goshi
GOKYO 1920
De ashi barai Ko soto gari Ko soto gake Sumi gaeshi o soto guruma
Hiza guruma Ko uchi gari Tsuri goshi Tani otoshi Uki waza
Sasae TK. ashi Koshi guruma Yoko otoshi Hane makikorni Yoko wakare
Uki goshi Tsuri k. goshi . Ashi guruma Sukui nage Yoko guruma
o soto gad Okuri ashi b. Hane goshi Utsuri goshi Ushiro goshi
o goshi Tai otoshl Harai TKA o guruma Ura nage
o uchi gari Harai goshi Tomoe nage Soto makikorni Sumi otoshi
Seoi nage Uchi mata Kata guruma Uki otoshi Yoko gake La classificazione delle tecniche segue diversi criteri come la difftcolta di caduta, 0 la preparazione alia tecnica seguente, oppure una tecnica vista come azione success iva 0 controcolpo alia precedente, ecc.

II valore pedagogico del Gokyo non e pero immutabile. Infatti dopo una prima stesura nel 1895, arrive la seconda nel 1920, dove alcune tecniche furono tolte, altre cambiarono ordine.

Ad esempio, De ashi barai che occupava il sesto posto del primo gruppo fu elevato a prima tecnica da insegnare.

II prof. Kano ne spieqo i motivi: «De ashi barai e una delle proiezioni pill delicate del judo. Per riuscirvi, anche con una persona compiacente, bisogna aver compreso I'essenziale del judo, l'importanza del piazzamento del corpo (tai sabaki), l'angolo che i due corpi devono form are, I'utilizzazione dosata della forza del nostro corpo, il fatto che senza "tempo" nessuna proiezione e possibile e molte altre cose, come la forma a "cucchiaio" che il piede che spazza deve assumere e, in fine, la caduta, che e facile per i novizi perche il corpo scivola lungo il suolo». A questo punto bisogna aggiungere che il judo e disciplina in continua evoluzione e sono Ie competizioni a decretare il successo, e quindi 10 studio, di tecniche a preferenza di altre. Cosi puo capitare che derivazioni di movimenti fondamentali acquistino una fisionomia propria ed assumano importanza superiore alla tecnica d'origine (ad esempio, Te guruma rispetto a Sukui nage). Esiste pero anche il rischio di esaurire la rice rca attorno aile tecniche pill usate in competizione, impoverendo cosi il bagaglio culturale del judo.

17

TECNICHE IN PIEDI

18

~

DE ASH I BARAI

(AVANZATOJ (PIEDE) (sPAZZAliE )

ASHI WAZA

DEVI FARE AVANZAI?E UKE DI UN PASSO ...

... QUANDO IL SUO PIEDE AVANZA,UN ATTI}-fO P21MA CHE SI APP06GI AL TAPP£TO ...

•.. LO ''sPAZZ/'' CON LA PIANTA DEL ruo PIEDE.

19

HIZA GURUMA

(GINOCCHIO) (RUOTA)

ASHI WAZA

20

TI DEVI 5POSTARE MOLTO LATE~AI-MENTE RISPETro A UKE ...

...APPOGGIARE IL iUO PIEDE SULLA PARTE ESTEI?NA DEL SUO GINOCCI-IIO ...

... POI TIRAI?E CON LE BRACCIA GIRANDO CON LE SPALLE.

5A5AE- T5URI-KOM1-A5Hl (HANTENEIlE) (TIll ARE SDLLEVAAJDO)(PIEDE) PESCA~E

561UILIBRATO UIrE TIRANDOLO E SOLLEVANDO IN AVANTI ...

...BLOCCA IL SUO PIEDE: CON LA PIANTA DEL. TUO ...

... e <;,IRA CON LE SPALLE CONTINUANDO L"'AZIO~E DELLE BRACCIA.

21

UKI - G05Hl (PLUTTUANTE) (ANCA)

ROMPl 1-"equlL. 'BRIO

DI UKE AVANTI OeSTRo, INSERE:NDO IL TUO 8RACCIO SOTTO 11- SUO IN MODO OA STAB1LIRE UN CONTATTO •..

. .. SOLL.EVALO

e PRO' ETTAt-O ...

... RUOTANDo LE ANCHE

OA OeSTRA A SINISTRA.

22

o - 50TO - GAR' (GRANDE) (FALCIATA) (EST£RNA)

FAl AVANZARE UKE MENTRE CON LO SQUJI...IBRIO GL.I PORTl IL PESO DEL CORPO SUI... pleD~ CHE e" VEN UTO AVAt-.JTI ...

ASHI WAZA

. .. AVANZl L.ATERALMENTE, LANe lANDO DIETRO \1... suo CORPO ...

... LA TUA GAMBA C~E POI FAL.CERA'

L-A SUA CON VIOL.ENZA.

23

o - SOTO - OTOSHI (GRANDE)(E.STER~O) (CADEI<E)

ATTENZIONE:

ANCHE se 5\ PUO' CONSIOERARE OERIVATA OA O-SOTO-6AR1,6\ TRATTA 01 UNA TECNICA O,VE"RSA, ATTUAL-Me~TE. NON IN5E~ITA

NEL.. GO- KYO.

TORI AVANZA COL PIEDE. SINISTRO ESTERNAHENTE AD UKE SQUILIBRANDOLO /NDIETRO A DESTRA ...

.,. POI ENT~A CON LA GAMBA DESTRA ALTA DI£TRo LA COSCIA E ...

•.. SC I VOLA VERSO IL 8ASSO/

CON UNA FORTE PRESS/ONE ...

'TO RI SPIN6E FORT£HENTE CON LE BRACCIA e CON II.. CORPO PIlOI£ TTANDO UK£:.

24

o - G05HI (GRANDE) (ANCA)

K05H\ WAZA

ROMPI L'EQUll..lBRIO 01 UKE IN AVANTI ...

PASSA LA TUA HANO DIETRO,6TABIL-ENDO UN CONTATTO FRA LA SUA PAt-JC IA E LE Tue ANCHE ...

... POI SOLLEVA LE ANCHE, ~ADDRIZZANDO LE GAMBE E PROIETTALO DAVANTI ATE.

... PIEGANDO LE' C;INOCCHIA PE~ A88ASSARTI ...

25

26

o UCHI GAR\

(6~ANDE)(lNTr-1?NA) (FALCIATA)

ROMPI L/E:qUIL'B~/O DI UK£ INDIETRO DESTRO ...

... ~ GLJ FALCI LA GAMBA DESTRA, QUASI DISEGNANDO UN CJ:RCHIO SUL TAPP£TO.

ASH} WAZA

. .. ENTRA CON LA TVA GAMBA TRA LE SUE ...

" ,



,

-, ,,_"

'-------,.---

TE.

WAZA

lPPO~ .. 5EOI-NAGE

!lOTTO L "EGUILIBRIO DI UKE IN AVANTI ...

... POI f?ADDRf2ZI LE: GAHBE E LO LANel DAVANTI A TEE.

...pO~TI IL TUO B~ACCIO SOTTO LA SUA ASC€LLA E LO CARICI-lI SUL DOR'SO" ABBASSAN DOTI ...

27

KO SOTO GAR\

(PIC(OLA) (ESTEI?NA) (FALCIATA)

ASHl WAZA

ROTTO L/EQUILIBRIO DI UK£' INDIETRO SINISTRO, TI SPOSTI 01 FIANCO ...

. .. c FALCI CON LA PIANTA DEL TUO PIED£: J)ESTRO

IL SUO TALLON£ ...

... NELL.A DI1?E:Z/ONE DELLE DITA DEL SUO P/EDE.

28

KO UCH\ GARI (PI((OLA) (INTeRNA) (FALCIATA)

ASHI WAZA

ROTTO [_"EQUILIBRIO DI UKE INDIETRO DESTRO ...

. .. FALCI CON LA P/ANTA DEL TUO PIEDE DESTRO IL SUO TALLON€ DESTRo" .

... 1?ASENT~ AL TAPPETO, NE:LLA DIRE:ZIONE DELLE SUE DITA, SPINGENDO

COL CORPO ...

29

K'OSHI (ANCA)

GURUMA (~UOTA)

... SOP~A LA SUA SPALLA, I='INO A CIRCONDARGL I IL COLLO £0 INSERIR£ PROFONDAHENT£ L~NCA ...

30

KOSHl WAZA

BIS05NA ~OMPERE '- /E~UILI BRIO DI UKE AVANTI 0 AVANTI- D£STRO. POI DEVI PASSAR£ IL TUO BRACCIO DESTRO ...

• .. INFINE !<,ADDRIZ ZA L£ GANBE, GIRANDO COL BUSTO VERSO SINISTRA I LANCIANDO UK!: DAvANTI ATE.

SE, CON LA PRESA A DESTRA, ENTRI A SINISTRA I SPINGF:NDO IL SUO so-ora D£ST~O VERSO L 'At.. TO, AVR£HO

SODE (MANICA) TSURI '1

KOMI GOSHI.

T5URI - KOMI GOSHI lTI1?ARE SOLLEvANDol. (ANCA)

1· N PE SCARE: " ./

KOSHI VJ</AZA

L 'AZIONE DELLE 61<'ACCIA VERSO L~LTO DEVE POI<TARE UI\E SUl-L.E TLJE ANCHE I CHE 51 SONO INS£RIT£ /N BASSO ...

... POI RADDR/ZZA LE GAMBlE E TIRA POI?TE CON LE BRAce/A, COSI' CHE UKE CADR~ SULLA SCHIENA DAVANTI ATE.

31

OKUR 1- ASHI ... BARA'

( I DUE) (PIEDI) (5PAZZA1?IE)

ASH) WAZA

QUANDO UK£:

SI SPOSTA LATc(i?ALM[;NTE .. ·

··.MENTRc T<IUNISCE I PIEDt LO SPAZZI CON LA PIANTA DEL PIED6 •..

... NELLA D/REZIONfE DEL sua MOV/MENTO, AL.l- 'At. TEZZA DELLA

CAVI(jL.IA~ ..

<,

, , t--..-/~_... ~ _ -. _ .. __ "

... AIU TANOOTI CON t..~ZIONE DELLE MANI VERso L."ALTO.

32

TAl - OTOSHl ((ORPO) (CADERE)

TE WAZA

ROMPl

L.'t:QUI LISRIO al UKE

AVA~TI- OE5T~O ...

... MENTRE TI APPOGGI CON n, PleDE SINI5TRO DOPO UNA PICCOLA ROTA'ZIONE

E' DISTENDI L.A TUA GAMBA DEST~A FINO A PIAZZARE n, TUO PIEDE DESTRQ OLTRE IL 5UO ...

POI L.O P~OIETT'

CON AZIONE CONTINUA DELLE 8~AC(IA.

33

HARAI GOSHI (SPAZZARE) ( ANCA)

... GIRA COL BLJSTO FINO A STABILIRE UN CONTATTO FRA LA TUA ANCA E LA SUA PANC/A, POI SPAZZA ...

34

K05HI WAZA

ROMPI L/E~LJILIBRIO

DI UK£: AVANTI- DfESTI?O "ENTRANDO" CON I PIEDI" QU£LLO D£5TI<'O DA VANT/ AI SUOI" .

• .. CON LA TUA GAMBA DESTRA LA SUA.

UCHI - MATA (INTERNO) (COSCIA)

ASHI WAZA

eorro J_ 'EQUIL-18RIO DI UI(E AVANTI 0 AVANTI-DEST~O ...

... CON l.A eAkBA DES TIi'A FALCI L"INTERNO D€LLA CoSOA 51NISTRA DI UKE, SOl.LE . VAAJDOl-O .. ,

... E TIRANDO IN CONrINUITA' CON LA NANO SINISTfi.>A.

35

~(§) [P~D~<SOfPU@

KO - 5010 - GAKE (PIC{OLO) (ESTERNO){AGGANCIAHENTO)

ASH} WAZA

POI L.O AGGANCIA CON IL SUO PIEDE 51N1STRO ALL. ~AL TE ZZA DELL.A CAVIGLIA, ESTERNAMENTE.

ROTTO L'EQUILISI<IO 01 ut<E INOIETRO- DESTRO, TORI PORTA IL PESO 01 UKE SUL. suo TALLONE DE5TI<O···

... E SPINGE CON LE MANI FACENDOLO CADERE ALL'INOIETRO.

36

DE-ASHI- BARAI (SI SPAZZA IL PIEDE PRIMA

CI-I E 51 APP06GI

A TERRA)

KO- 50TO- GAR) (~I !=ALCIA IL PIEDE CJ-IE REGGE IL PESO DEL CORPO) SQUILIBRIO OIRETTAMENTE VERSO IL SASSO.

KO-SOTO-GAKE (51 AGGANC fA II...

PIEDE 0 LA GAMBA DI UKE, CJ.{E J?E66E IL PESO DEL CO~PO) S~UILIBRIO,

501-1.. EVA VERSO L"AL TO PRIMA

01 SCHIACCIA~E

IN BASSO.

37

T5UR\· GOSH\ (SOLLEVARE:. ) (ANCA)

t<OSHl WAZA

ROTTO L ~E:<5JUIL IBRIO DJ UI(E IN AVANT/···

TORI P~ENDE UKE IN CINTU~A E LO SOLLEVA SULLfE ANCI-IE" ••.

E" LO PRO/ETTA DAVANTI A s e ?

1(0- TSURI-GOSHI VAf?IANTE IN CUI

JL BRACCIO DI

TORI PASS"A SOTTO L'AS(EL.LA SINISTf('A DI ore.

o -TSURI- GOSH I IL BJ<A ((10 DI TORI PASSA SOPRA

/L BRA((IO SINISTf?O DI UK£.

38

YOKO - OrOSHI (FIANCO,LATEffALE) (CADUlA)

ROTTO L 'EQu/L.IBRIO SUL

F JANCO DfFSTfC>O D/ UKE ...

IE CADE 5UL F IANCO SJNIST~O, CONTINUANDO LA TRAZIONE DELLIE 8RACCIA '"

YOKO-5UTEMI WAZA

TORI AVANZA L.A GAHBA SJNISTI<A SCIVOl-ANDO SUL TAPPETO ALL'ESTERNO DEL PIEDE DESTRO DJ UKI: ...

y

/

PRO/ETTA UKE I CHE: CAD£ ALLA SINISTR'A DJ TORI.

39

A5H r .. GURUMA

(GAMBA-PIEDE) (RUOTA)

TOR.I RONPE L/EQUILIBRIO DI UK[£ AVANTI- D~STRO ...

ASHI WAZA

IND/~ TfCE6GIA COL PIE DE SI NJ. STRO E DISTENDE L.A GAMBA DfESTRA DAVANTI A '-LA DE.s~ Df UI(E r «»

BLDCCANDOGLI IL GINOCCHIO CON 11.. PIEDE. PROSEGUE NELLA 20TA" ..__--~-------~

ZIONE DEL CORPO VERSO SINISTRA... P~OIETTANDOLO IN CERCH/r SOPIlA LA PROP(CIA SPALLA

40

HANE - GOSHI

(ALA) (ANCA)

POI LO SOLL£VA L.ANCIANDO INOIETRO LA GAMBA DESTRA, PIEGANDO £ G//?ANDO IL CO;?PO VERSO SINISTRA.

K05HI WAZA

TORI ROMP£: L-'EGUIL 181<10

DI UKE AVANTI DEST~O, CERCANDO IL CONTATTO A L.IVELLO D£:LL 'ANCA DESTF(>A ...

UIrE VOl-A SOPRA i.E ANCHE DI TORI SeCONDO UNA T~AIETTO~/A CIRCOLAR'E.

41

HARAI .. T5URI-KOMI- ASH' (SPAZZA~E) (T/RARE SOJ,.LEVANDO) (PIEDE)

ASH' WAZA

TORI ROMPE L"EQUILIBRIO DI UKE AVANT/-DESTRO, APPL.ICANDO )..:sUI<I-KONI ...

POI SPAZZA CON FOI<ZA IL SUO PIED!: DESTRO ALL' INOIETRO, CONTINUANDO L"AZIONE DELLE BRACCIA ...

E RUOTANOO

ce SPAL..LE VeRSO SINISTRA, LO PRO/ETTA.

42

TOMOE - NAGE

(CERCHIO) (LANCIO)

MA-SUTEMI WAZA

TORI ROMP£ L~EQUILIBJ<IO DI UKE: IN AVANTI ...

... POI ENTRA CON u: PIEDe SINISTRO FRA ~UcLLI 01 ul(E E VA A SEDERSI VICINO AL TALLONE ...

J.1ENiRE APPOGG/A LA PIANTA DEL PIEDE DESTIlO SULL 'ADDONc 01 UKE.

POI TORI DISTENDE LA GAMBA DESTICA, CONTINUANDO LA TI?AZIONE DELLE" MANI, LANCIANDO UKE SOP~A LA SUA TESTA.

43

KATA - GURUMA

(SPA,-'-A) (!?UOTA)

TE WA7.A

TORI ~OkPE L 'EQUILIBRIO DI UKE IN AVANTI-DESTRO .•

POI AVANZA II.. SUO PIEDE DEST~ TRA ~U£.LL I OJ Ul(~ E POIlTA LA SUA ""ANO DESTI?A FRA L.E COSCE DELL 'AVVERSARIO AB~ BASSANDOSI, FINO AD APPOGGIARE LA NUCA SUL FIANCO DESTRO

DI UKE.

INFINE, SEMPRE ;IRANDO CON LA MANO SINIS;I<A SOLL eVA UKE 5ULLE SPALLE, IlADDRIZZANDO LE GA ""BE E L.O P1<O/~TTA .

44

SUMI - GAESHI

(ANGOLO) (f<OVESC/Af?~) 4}@ ~@

TORI SI l-ASCIA CADt:REi SUL DORSO, APPOGGIANDO IL COL LO DeL PJE:DE: DIETRC)

ROTTO L 'EGlUILIBI?IO DI UI(J; IL GINOCCHIO 0 LA COSCIA

AVANTI A DESTRA t.. .DELLA GA"-fBA 51N/STRA DI UK/: If.

E LO PROIETTA SOPRA

DI sE.

MA (DORSO) 5UTEMI (SACRIFIC/O) WAZA (TEeN/CA)

1

!: '

I

I

I

45

TANI - OT05H\ (NELLA VALLE) (CADUTA)

I<OrTO L /EQUr L I BRIO DI UK£: IND/ETRO

A DESTRA ...

... PROlcTTANDOLO SULL..A 5CI-IIENA.

YOKO ~ FIANCO 5UTEMI = SACf?IFICIO WAZA -:. TE(NICA

TOR' 51 "SACRIFICA" LA5CIAtJDOSI CADERE SUL ~IANCO.

46

. .. ToRI SCIVOLA co« LA GAMBA SINISTRA DIETRO UK!: ...

HANE - MAK1KOMI

... TO~I ENTRA CO}.;1E peR HANE GQSI4/ ...

E'UI\lA TeCNICA COMBt-

NATA FRA 50TO- MA~Il<OMI e HANE GOSHI

ROTTO L. 'cQu I L I BR 10 01 LJk'"EE AVANTJ A DESTRA ...

• .. POI Sf GETTA AtSUOLO, RLJOTANDo IL CORPO VEERSO SINISTRA, TRASCINANDO UKE, II.. GUALE ROTOLA SOPI<A

DI LUI.

47

48

5UKUl-NAGE

.. ' TORI 51 SPOSTA SUI..

FIANCO DESTRO DI UI\E, GLI AI=I=ERRA LE GAMBlE DIETRO L.E COSCE ...

TE WAZA

{lOTTO L "E:@UILIBf<IO DI UKE AVANT/SINISTRO •..

. .. LO SOLLEVA SULLE RENI

E LO PROIETTA AL L "INDJlETI?O.

TE· GURUMA (BRAC(IA)( RUOTA)

TE \)GlAZA

ECCOVI UN ESEMPIO SU ATTAC(O Dt UCHf-~ATA

C¥UESTA TEC.~lCA 51 APPL-ICA ANCHE SU ATTACCO 01 IPPOI\ISEOt- NAG'E:, HARA1-G05Hl, O» SOTO - GAR I E COSI' VIA ...

UT5UR1- GOSH\

((AHBIAHENTO DI {A NCA) POSTO, «rroe-o )

UI<E ATTACCA CON UNA T£CNICA D'ANCA ...

POI" pRINA CI-/£ RICADA, TORI INS£RISCE LA SUA ANCA ...

50

KOSHI WAZA

TORI DAPP1<IMA LO CONTI?Ol.l.A, GLI C/fCCONDA LA VITA CON LA HANO S/NI5TI?A E" CON UNO sroero I>El.L'ADDONE LO SOLLEVA

NO/.. TO IN AL.TO ...

e /"'0 PRO/ETTA CON UNA TECNICA D/ KOSHI- WAZA A SINIST~A.

o - GURUMA (GIlANDE) (RUOTA)

ASHI WAZA

RaTTO L 'EQUILIBRIO

01 UKE AVANTI·DESTllo CON UN ~OV'MENTO CIRCOLARE ...

... TORI DISTENDE LA PROPRIA GAMBA DESTI<A SOTTO LA PANCIA DI UKIE E RLJOTA F=ORTENENTE VERSO S/NI5TRA ...

COIAE CONS£GU£NZA DELLA ROTAZIONc, LA GAMBA SPINGE. INO/iET~O VERSO L. ~ AI.. TO ED UK£:

CADE IlUOTANDO SLILLA GAMBA DI TORI.

51

NON FA.TE CONFUSIOI.JE..~/

ASH 1- GURUMA (ASJ-II-WAZA) IL TALLONE DJ TOI?l

BLOCCA IL- GINOCCI-IIO

DI UI\£, SENZA

CONTATTO DEI COIlPJ.

0- GURUMA (ASJ.lI.\lIAZA) IL eONTATTO 51 STAB/LIseE FRA LA GAMBA DESTRA

DI TOI?l CHE SBAR~A ENTRAMBE LE COSCE

DI UKE IE FALCIA AL MOMENTO DELLA PROlfE.Z/ONIE •

HARAI-G05HI (KOSHI.WAZA) IL CONTATTO E"STR£TTO A LIVE"LLO DEL TRONCO

£: DELLE ANCHE.

TORI CARICA UK£:

SLJLL"ANCA IE FALCIA LA SUA COSCIA DEST~A SOL DAVANT/.

52

SOTO - MAk"1 KOMI (ESTER-NO) (AVVOLGERE.ARRorOLA~SI)

YOKO -5UTEMI WAZA

TORI 5TABIl.ISCE UN FORTE CONTATTO CON UI\E; GLI PASSA CON LA MANO DESTRA SOPRA LA TESTA E PIAZZA l-A 6A"'tBA DESTRA ESTERNAMENTE ALLA SUA ...

POI SI 1-ANe IA IN AVANT/ VERSO SINISTRA, J:ACENDO ROTOLAfClE

IL CORPO DI UKE

soPRA DI SE/

~OTTO 1-"EQUILIBRIO

DI UICE AVANTI DEST1<'O .. ·

53

UKI - OT05HI (Ft. UrrUANTE) (CADERE)

TE WAZA

UKE AVANZA CON IL PIEDE DESTRO ...

. .. TORI INDIETf?£GGIA LAfCGAHENTIE CON IL PIEDE SINISTRO APPOGG/ANDO IL GINOCCI-1I0 AL SUOLO ...

... F TIRA CON LE= MANI VERSO IL BASSO.PROIETTANDO UKE IN CI:RCHIO, SOPRA IL SUO PIEDE DE5TRO.

54

@@ rPruaIR:J@O[?O@

o - 50TO - GURUMA (GRAIJDE)( ESTEI?NA) (RLJOTA)

ASHI WAZA

POTTO L"EQUILIBRIO

D/ UI\E INDlfETRO A DESTRA 0 IND/FETRO .•.

." TO~ I DISie NOE L.A PROPRIA GAMSA DESTRA DIETt?O QUEL.t.E DI UKE '"

'" E LO PRO/ETTA Au: '/NDIETf<>O FACENDOLO RUOTARE SUL.LA GAMBA.

UK' - WAZA

(FLUTTUANTE) (TECNICA,MOVIHENTO)

.•. TORI INOIETREEGGIA II... PIEDE S/N/5TRO I: 51 I-ASCIA CADt:R£ SUL FIANCO SINISTRO, DISTGND£NDO L-A GA"-'fBA S/NI.5 TRA DAVANTI AL PIED£:

DESTRO DI UK£ ...

56

YOKO-5UTEMI WAZA

ROTTO I.../EQUILIBRIO

Df UKE AVANTI-DESTRO ...

E L 0 PR'O 1£ TTA

AL DI SoPRA DI se.

YOKO - WAKARE (FIANCO, LATERAL E) (SEPARAZIONE)

YOKO-SUTEMI WA-z.A

•.. TOIi!I 51 ''sACRIFICA'' L.ASCIANDOS I CADERE SUL FIANCO SINI.sT~OI PROP(?IO SOTTO AD Ut:£ ...

1i!OTTO L 'EQUILIBRIO DI UI\E AVANT! ...

... £ LO PRO/eTTA SOPRA DI SE ....

QUESTA TEC.NICA VIE"NE GENERALMENTE USATA COME CONTROCOLPO SU ATTACCO Dl UK'- GOSHI, SEOI - NAGE ...

I

57

YOKO - GURUMA (FIANCO,LATE~ALE) (RUOTA)

YOKO SUTEMl WAZA

.... TORI ~UINOI SCIVOI..A CON L.A <SAMBA DE:STRA T~A ce GANBE DI UKIE

E 51 LASCIA CADERE SUL. F/A1-JCO DeSTRO ...

TORI 51 ABBASSA PER TENTARE UN CONTRo COLPO TIPO UT5URI-GOSI-II" su UN ATTACCO 01 ANCA D/ UKEE e

GLI CIRCONdA

LA VITA CON

L-A NAtJO SUJIS-rRA ...

UKE PER E:VITA~E DI E:SSE~E LAN" C/ATO, 51 PleGA IN AVANTI E'TORI SPOSTA LA SUA NA "-10 DE STR A SUL VeNTRe DI UKE ....

... E LO PRO/ErTA AL DI SOPRA DE.L LA SUA SPALLA SINISTRA.

58

USH I RO - GOSHl (INDI £ TIlO) (ANCA)

K05HI WAZA

UKIZ ATTACCA DI ANCA E TORI LO BLOCCA CIRCONDANDOGL.I l.A

VITA CON LA MANO SINISiRA.

POlI..O SOLI..EVA Ii!.ADDR.lZZANDO L~ 6AMB£: E SPINeENDO CON II- VENTRE: II- ' PIU' ALTO PaSSIBIL e .

TORI IND/cTR£:6GIA CON LA 6AMBA SINISTICA A SEMICERCH 10 E:

FA CADERE UKIE SUL DORSO.

1""

59

URA· NAGE (INDJETRO, OPPOSTO) (LANe/o)

MA .. 5UTEHI WAZA

UKE ATTACCA IN K05~1 WAZA E TORI LO BLOCCA CI«CONDANDO LA Vi,A CON L.A HANO .sINISTf?A ..

... POI TOR I L.O SOLLEVA SPIN~ GENDO FOr<IcMcNT5

CON L/ADDOHE veRSO L 'AL.TO

E LO LANCIA DIET~O,

SOPIlA L.A PROPRIA SPAt.LA (

SINISTI?A ... \~

60

SUMI- OT05Hl (ANGOLO) (CADUTA )

TE WA7A

TORI ROMPE

J.. / EG?LJ IL.l SR 10 DI UKE VERSO L/INDI(i.TRO DESTRO •..

. , . E. LO PROI eTTA CON L/A'ZIONE COMBINATA DEI-/" G MANI I'·

IL PRINCIPIO 01 SUM I-OrOSl-Il e" UGUAL.E A GlueL.L.O 01 UKI- o TOS..., 1 •

CAMBIA SOL.O L.A OIREZION'E 0. eSECUZIONE.

61

YOKO" GAKE

(FIANCO, LATERALE) (AGGANCIAHcNTO)

.. , POI TORI COLPISCE.

UKE COL P/EDE SINISTRO ALLA CAVIGL/A D£STRA, 5PIN<5£ND06LI VIA

I- /APP066/0 E LAse/ANDosl CADERE SUL FIANCO SINISTRO ...

... NENTRE: UKE

CADlE A SUA VOLTA, PARA LL E LA /'wi EN T£. A TORI.

62

YOKO 6UTEMl WA7.A

TORI T<01-1PE /..."EGUIL.IBRIO DI UJ(E AVANTI- DESTF<O, PORTANDOGI-/ IIPESO DEL CORPO

SUL PIEDE DeSTRO ...

m~~~[\QD W~&

CONCATENAZION I (AZIONI SUCCESSIVE)

TORI PER ATTACCAQE SFRUTTA , PROPRI MOVIMENTI 01 ATTACCO :

1) ATTACCANDO DUE VOl- TF:

NELLA ST£5SA DIREZIDNE (DI FIANCO, IND/ETRO, AVANTI ).

2) ATTACCANDO CON UNA TEe' NICA IN UNA DIR£ZIONE

E CONCLUDENDO NIELL.A DIREZION£: OPPOSTA.

3) ,A.rTACCANDO CON UNA TECNICA IN PleDI PEr? PO~TARE L.~V"" VGRSAR/O IN NE - WAZA

(LOTTA A TERRA).

4) ATTACCANDO CON UNA T£CNICA DI KATAME-WAZA IN PI€DI

(~.s: STRANGOLAMENTI) E CON· CLUDENDO CON UNA PROI£ZIONE.

s) ATTACCANDO CON UNA TECNICA DI KATAME-WAZA AL SUOL-O (es: IMMOBILIZZAZION~) E CONCLUDENDO CON UI\J'AL TR>A TECNICA DI CONTROl-LO

(es: '-EVA).

51 POSSONO SOLO RAGGRUPPAJ;C'E ESEMPl PERCH£:" IL CAMPO E' VASTI55IMO.

TORI PUO':

1) At\)T I C I PARE L'ATTAC{O.

2) 5EGUJRE LA DIREZIONE DELL~ATrACCO.

3) BLoce ARE LA DIRE"ZIONE DELL 'ATTACCO.

~) 5CHIVARE LA DIREz/ONf:

DELL~TTACCO .

.5) RIENTRARE 5UI..LATTAC(O.

((

~0000 ~CJ~L%

CONTRATTACCO TECNICA

SI P0550NO SOLO RAGGRUPPARE

E5EMPI PERCHE' IL CAMPO E'VAST/5S/MO.

64

TECNICHE A TERRA

65

[(£1J~~ W~

(CONTROLlO) (TECNICA)

LE TECNICI-IE DI CON Tt<QL. 1-0 (I<ArAfvf~ WAZA) 51 DIVIDONO IN fMkOBILIZzAZIONf rOSAE), SOF"FOCAMENTI (SI-IIHE) E L-fEV~ (KANSET-SU).

OL.TJC.'E AL TACHI WAZA (T~CNICUE IN PII=O'), n, )"UOO COMPRENDE n,

NE WAZA (TECNICHE ,,-L SUOLO) CI-4~ ,NCLUDONO IN GRANDI5SI~A PA~Te TECN'CHE 01 CONTROLLO (KATAHE WA2'A)

KATAME

/ OSAE=(IMMOBILIZ"ZAZION/) WA7A ~ SHIME= (STf?ANGOLAIo.IENT/) KANSET5U = (I-EVE)

~ rJfjfJYi1ljJ

(IMMOBILIZZAZION I) (TECNICA)

L"I~MOB)LIZZAZJO~E CONSI-

STE NEt- SLOCCAr.ze A TER'RA CON l-E 5PALLE L:'AVVERSARIO PER UN PERIODO MASSIMO

D1 30 SECOND!, TRA5CO~S" ,

QUAL.., L"ARBITRO DICHIAREeA:

fPPON .'

66

O~A ESPONIAMO ,T\PI PR.INCIPALI 0\ IMMOBIL t 'ZZA 'Z lONE CON \..E VARIAZtONt (kUZUs<E) PIU' NOTE ~ MA \..e VARIANTI

PERSONA\..t POSSONO

E55ERE MOL-TO __

~UMEROSE ...

KE SA = GE5A (PilON. GI-I£SA) KATAME = GATAME

I-A K CAMBIA IN G QUANDO LA PAROLA E'PRECEDUTA DA UN .... AL iRA ."

r;.$: KATANE WAZA "'3 HI'ZA GATAME)

67

HON - GE5A- GATAME (FONDAMENTALE)(FASClA)(If..f MOBIL. IZZAZIOIJE)

TORI

E'SEDUTA

SUL F/ANCO

DI UKE:~GLJ BLOCCA IL BRACCIO DE:STT<O PR£NDENDOLO SALDAHcNTE PER LA MANICA , ..

05AE WAZA

68

'" E GLI CIRCONDA IL COL-LO CON IL. BRACCIO SINISTIlO. TORI

T/£N~ L-E GANSE AL.LA1<GATE e ABBASSA LA TE"STA.

KUZURE - GE5A - GATAME (VARIAZIONE) (FASCIA) (INMOBILIZZAZIOAJE)

OSAE WAZA

...

E UNA

VARIA'ZIONE

Dl .... 0"1 GESA· TORI APPOGGIA LA MANO OeSTRA

6UL TAPPETO OPPUR-=···

... PUO" PRE'NDERE u, BAVERQ

DA O'ET~O.

69

USHIRO r GE5A -GATAME (INDIETRO) (FASCIA) (IMMOBII-IZZAZIOAJE)

OSAE WAZA

E' UN CONTI?OLLO A FASCIA

DA DIET~O.

/L BRACCIO DESTRO CONTROLLA

IL 8RACC.IO DESTRO

DI UK£···

... ,.."ENTRE IL BRAce 10 SINISTI<'O DI TORI vA A PRENDERE. LA CINTURA PASSANDO soPI?A 050TTO LA SPALLA 01 UI\E.

70

MAKURA" GE5A -GATAME (eUSC/NO) (FASC/A) (IMMOBILIZZAZIONE)

"CUSC.INO" PERCHE'L-A TE STA 01 UKE. "~I PO SA " 5ULLA CO-

SCIA 01 TORI!

TORI e' OfETRO UI(E, GLI PIAZZA LA COSCIA 5QTTO

LA ,.eSTA . CON LA MANO SINI STRA' PRENOE LA CINTU~A ~ CON LA DE"STJ?A 6Ll CONTROLLA IL 6RACCIO.

OSAE WAZA

" \'

ECCO UN KUZU~r=

(VARIANTE)

71

KATA - GATAME

(SPAL LA) (IMMOBILIZZAZIONE)

05AE WAZA

TORt CONTROLLA L/AVVER5A~'O BLOCCANOO

IL.. 5UO BRACCIO OE:STRO CON LA PROPRIA TE::STA.

lE- MAN' CHIUDONO; LA GAMBA 51N16TRA E'TESA

A PIEDE PIATTO SUL TAPPETO; LA GAMBA OE"GTRA, P/EGATA,

E 'CON IL G'NOCCI-I'O CONTRO 'L FIANCO

01 UKE.

72

YOKO .. SHIHO ... GATAME

(lATO) (QUATft<o PUNTI) (IMMOBII-IZZAZIONE)

OSAE WA7.A

E'UN CONTROl-LO lATERAlE PER QUATTRO PUNTI.

u, PE:TTO

01 TORI SCHIACCIA UKE .. ·

... TENE:NDOGL-I u, BAVERQ CON L-A MANO 6lNI5TRA 60TTO IL-

CO L- 1..0 e L.A CI~TURA

CON L.A MANO DEGTRA

CHE PASSA TRA L..E GAMBE.

I

73

KUZURE - YOKO-SH1HO -GATAME (VARIAZ/ONE.) (LATO) (QUATfRO) (lMMOBILIZZAZIONE) PUNTI

51 CHIAMANO LE VARIAZIOI\lI DI YOl<O - 5J-1fJ-JO - GATAM E.

LA POSIZlONE OJ TORI E'UGUALE, CAMBIA SOL-TANTO LA pOSlzrONE DELLE BRACCIA·

05AE WAZA

acco .ALCUNI ESEMPI :

74

KAMI - 5HIHO- GATAME

(AL DI SOPRA) (~VATTRO) (IMMOBILIZZAZIONE) PUNTI

05AE WAZA

TORI E' DIETRO UKE, IN GINOCCHIO o CON LE 6AMBE ALLUNGA""\E'

CON Lc MAN' PA55A sOTTo

l-E 5PAL.lE 01

UKE PER ANDARE A PRENDERE

LA CINTURA ...

... E 1..0 CONTROLLA CON IL PETTO.

KUZURE- KAMI-5HIHO- GATAME (VARJA2/0NE.) (AL DI ) (QUATTRO) (IH1--10BIL.IZ2AZIONE)

SOP~A PUNTI

TORI CON IL BRACCIO De:STRO CHIUDE IL DE:STRO 01 UKE SOTTO LA PROPRIA ASCELLA I ANDANDO A PRENDERE It. BAVERO ALL/ALTEZZA DEL COLlO.

L.E GAMBE

DI TORI POS50NO eSSERE RACCOLTE, AL..1..UNGATE I OPPURE UNA TESA E L'ALTRA

RACCOLTA"MENTRE \

LA LINEA oELL.A POSIZIONE DEL CORPO 01 TORI E Lc6GERMENTE DEVIAiA 1<15PETTO A QUELLA DI LJKE.

75

TATE - SHIHO- GATAME" (VERT/CAL E) (GUATr~O) (IMMOBIL/ZZAZIONE) PUNT/

TORI e'SeOUTO A CAVALClONI SUL- PETTa

DE L.L.' AvvE R5A~IO; CON l-A MANO SINlSTRA PA5SA IL BRACCIO SOPJ<A L.A SPAl-L.A SINI5TRA 01

Uf(E e VA A PRENDERE

LA CINTURA

5UL. OORSO.

76

OSAE. WAZA

CON 11- BRACCtO DESTRO TORI PR~NDE IL PROPRIO BAVERO CONTROL.LANDO FRA COL-L.O

E' SPAL.LA IL. BRACCIO 51NISTRO Dl UK'E.

LE' GA ..... BE

SONO PIE:GATE SOTTO LE

ANCHE: 0 L.E COSCE Of UKE.

KUZURE - TATE - SH1HO - GATAME (VARIAZIONE) (VElZTICALE) (tlUATTRO) (IMMOBILIZZAZ lONE) PLJNTI

OSAE \XIAZA

COME V'STO IN PRE:CEDENZA

51 TRATTA 01 VARIAZIONI DEl-LA TECNICA FONDAMENTA1-E.

77.

~nfM)rn ~

SOFFOCAMENTO TECNICA

ATTENZIONE! LO SCOPO E" QUElLO 01 OTTENERE \..A RESA or UKE (CI-IE BATTERA' PIU" VOLT£ /...E MANI, SLJL TAPPETOJ o SUL CORPo 0/ TORI) MEOIANTt:: 5OFFOCAMENTO.

IL CORPO 01 UKE DEVE E5SERE CONTROLLAIO E LE MANI DEVONO ESSERE IN POSIZIONE PERF=ETTA. (NON SI TRATTA DLJNQUE DI

TIRARE IL COLLO AD liKE .. -)

LO 5TR>ANGOLAMENTO PUO eSSERE:

SANGUIGNO (51 OTTI£NE LA Rt::SA COMPRIMENDO LE \ A1<T£RJ~ CAlCOTJDEEc, ARRESTANDO COSI L'AFI=LLJS50 DI5ANGlJ£ AL CIERVELLO)

RE5PIRATOR10 (SlOTT/ENE LA 1<£SA COMPR//v1cNDO

I-A LARINGE, A1?I?£STANOO COS/' I.:'AFFLUSSO D "A 1<'/4 NEt POl-MONt)

MISTO (QUANDO SIOTT£NGONO L."EFFE'TTO SAN6LJ/6NO FE RESPIRATORIO INS/£MIE)

CJlJIT~~~a@oo~ g

5HIME = J/ME

(es: S/·I/M£ WAZA me HADAKA riME)

ANCORA ATTENZIONE 1/

GL/ STIeANGOLAMENTI POSSONO ESSEI?E ESEGU/T/ ANCHE IN POS/ZIONI D/VERSE DA QUELL.E /NDICAT£.

78

KATA- TUJI-JIME

(FORMA) (CROCE) (STI?ANGOLAHENTO)

S~'ME yPAZA

TOR\ e' SOPRA A UK~

"A CAVAl-CIONI:' CON L.A MANO 51NISTRA (POLLICE ESTERNO) AFFERRA u, BAVERO SINISTRO, CON LA MANO DE5TRA QUEL.:

LO DESTRO(POLLICE INTERNe)

POI ,ORI PREME CON \_'AVAMBRACCIO DESiRO SULLA <?lOLA OJ UKE TIRANDo J=ORTE' CON'L.A MANO 5IN'STRA, APP06- GIANDOSJ ANCHE CON

IL.. CORPO.

LO 5TESSO PRINCIPIO (JUTI) 51 RJ5CONTRA IN

TUTI-JIME

GIAKU= PRESA fNVERSA

NAMJ:

PRE5A NORMAL.E

e'DIVERSA LA PRE5A DELL.E MAN' CHE' AFFERRANO P~OFONDAMENTE I BAVERl. TORI CH1UDE IL COLLO TIRANOO VERSO Ol 5£:. ~ SPOSTANDoSI IN AVANTI COL CORPO.

79

HADAKA -TIME

(NUDO) (srRAN60LAHE:NTO)

SHIME WA7A

TORI AFf:ERRA LE PI<DPRIE. ... BL-OCCANDO LA TESTA DI

MANI t: TIRA ALL "INDIETfi>O... UKE CON LA PROPRIA SPALLA.

80

TORI PUO'ANCHE PRENDERE CON L.A NAND DESTRA

/L SUO AVAIvIBR'ACCIO SIN/STRO e PDRTA1?E LA MANa SINISTRA DIETRO /L COLLa

DI UKE.

OKURI- ERI - TIME"

(A DU~)(BAVEI?O){STI?AN60LAMENTO)

5HIME 'XIAZA

TORI E' DIIET~O UKE . CON LA

MANO DESTRA 61..1 PI(>E:NDE: /L BAVE~O $INISTRO (POLLICE INT£RNO); CON LA MAI\JO S/NISTRA PASSA sorTO LA SUA ASCELI..A GINISTRA E VA A PRIENDERE IL BAVERO DESTRO (POLL ICE INTERNO). POI TORI CHIUDE 5TRANGOL.ANDo.

81

KATA-HA- TIME

(FORMA) (ALA) (STRANGOLAMENTO)

SHIME WAZA

TORI e' DIETRO UKE.

CON LA MAt-JO DESTRA PRENDE I\", BAvE:RO SlNJ5TRO OJ UKE (POLLICE INTERNO) COME: PER OKURI.

POI PAS5A u, BRACCIO SfNf5TRO SOTTO t.:~5CeL-LA

Of Uf(E e GLIE\...O PORTA OfE'TRO IL COLLO I APPOGGIANDO L-P- MANO SULL..A NUCA.

pOI TORI CHIUDE IN STRANGOLAME? N'-O.

SODE - GURUMA .. TIME (MANICA) (RUOTA) rSTI<ANGOLAMF;Nro)

,

TO!?I E DIE:TRO UI<IE. CON LA MANO 5INIST~A GL.I P~ENDE IL BAVEI?O S/NISTRO (POLL .c E ESTEI(>NO)

PASSA NDO DAVANTI AL COLLO DI UK'E ...

E CON L.A DESTRA PRENDE IL jUD061 SU/../..A SPAL t.A SINISTRA ... (PAS-SANDO DII:T1?O It. COL I.())

POI ,ORI CHIUD£' LO STI?A.NGOLAM£NTO.

82

MOROTE - JIME

fA DUE MANI) (STRANGOLAMENTO)

A VOL.TE e' CHIAMATO IN MODO DIVERSO

5HlME WAZA

1:' CERTAMENTe UNO STRANGOLAMENTO SAN<sUIGNO. :JKE 51 AI?ReND~ PER LA P~E:SS/ONF: 5ULLE' A~TERIE :AROTIDEE Pf<OVOCATA DAL.LA ~OTAZIONE DEI POl-SI 4.LL/INTf3RNO e VERSO I-"'AL..TO I 01 TORI.

5ANKAKU - JIME (TRIANGOLO) (STRANGOl-AMENTO)

DALLA POS/ZION!:

INFeRIORE TORI PASSA

LA GAMBA DEESTR'A SUL LATO EIN/STRO DEL COLLO 01 UKE E VA AD INCASTf<>ARE II- PIED';: DE:STfC10 N~LL/INCAVO DEL GINOCCHIO SINISTRO.

1-0 STRANGOLAMt=NTD SlOTT/ENE CON L/AZ(ONG DEL.LE 6AMBc.

83

LEVE

TECNlCA

,

LO 5COPO DELLA LEVA E QUELLO Of OTTENERE LA RESA 01 UKE (CHE BATTERA' PIU'voLTE LE MANI

5UL 'TAPPETO 0 SlJL CORPo DI roer)

MEDIANTE: FO~ZATURA ALL 'Af2- TICOL..AZIONE DEL. GOMITO 51A

IN eSTENSIONE CHE Il\J TOR510NE·

u, CORPO OJ UKE DEVE eSSERE CONTROLLATO. SO~O PR01SJTE \...EVe= AD ARTICOLAZ IONI

DIVERSE DAL GOMITO.

UDE .. GARAMI (BRAce/o) (AVVOLGEI('E)

TORI E' 50PI<A uI(e. CON LA MANO srNI6TRA GI..I PRE:NDE u, POL-SO SINISTRO

E 1..0 PORTA A TERRA, Ple-GATO A 90C?

POI TORI PAS5A 11.. BRAce 10 Dr=STRO SOTTO ~Uf:I..LO 01 UKE ~ VA AD APPOGGIARE 1-A MANO OESTRA SUL PROPRIO PCLSO 5INISTRO; E"D ESE"GUe Li:VA SOLLEVANDO L.E:GGERMENTE

11- 8RACCIO DE5TRO.

TORI PlJO' ESEGUIRE UNA

LEVA ANCHE /NVERTENDO LA PRESA DELLE: B~ACCIA; IL CONT£10LlO DEL COI<PO RESTA IN VA J<>IA TO.

84

UDE - Hl51GI - TUG' - GATAME (BI?A((IO)(~OMPE~E.) (C~OCE) (CONT~OLLO)

UKE E' A TERRA SULL.A SC,l-tIENA. TORt BLOCCA u, BRACCIO DEST~O 01 UKE.··

POI TORt S\ AlLUNGA (PERPENDICOLAI?HENT£ A UIrE) T/~ANDO n, SUO BRACCIO E ...

l<AN5ETSU WAZA

". McNTRE GL-l PORTA l.-A GAMBA SINISTR'A 50P~A II- COl-LO .

... SPINGeNDO L.EGGE:RMENT~ VE'RSO VAl-TO CON IL.. Ve:NTRe. LA L-EVA 51 OTT'eNE PER \PERTE"-JSIONE DEL GOMITO.

ATTENZlONE .'

85

UDE - HlS1GI- UOE - GATAME" (BRAce/D) (!?OMPERE) (BRA CC 10) { CONT~OLLO)

KAN5ETSU WAZA

,

LJk:1? e SCHIENA A TER~A.

TORt 6Lt DISTENDE 11.. BRACCtQ 51NISTRO ABBASSANDo IICORPO IN MODO CHE LA MANO stNISTk>A 01 UKE SIA BLOCCATA FRA LA TESTA E L-,A SPALLA.··

POI TORI APP0(361A I.E DUE MANJ SUL GOMITO SINISTI<O 01 LJICE PREME~DO E GIRANDO VERSO SINI5TRA·

. UDE - HISIGI - HIZA - GATAME (BRACC10)(ROMPcRE) (GINOCCHIO) (CON TROLL 0)

,

UKe E F"RA L.E GAMBE 01 TORI CHE LO RESPINGE CON 11_ PIED'E DESTRO ALLUNGANDOLO A TERRA.

TOR' SI SpoSTA SUI... FIANCO DeSTRO, 6LI BLOCCA IL BRACCIO DE5TR'O SOTTO

L- /ASCE 1.. LA E APPOGGIA IL PIEDE SINISTRO SUL FIANCO DI UK'E MENTRE CON IL GINOCCHIO SfNISTRO GLI PREMf:

SUL- GOMITO. ,__

86

HARA - GATAME (VENTRE) (CONTf?OL.LO)

MENTRE CON LA MANO OESTRA TIENE UKE SOTTO 6TRANGOLAfv1Et-JTO.

WAK' - GATAME (ASC£LLA) ((ONTI?OLLO)

M E"NT ~ E 6L, B LOCC A

IL GOMITO SOTTO L.:'ASCEL LA.

KAN5ET5U WAZA

TORI OISTENDE IIBRACCIO SINI5TRO DI Ut(E PREMENDO CON LA PANCfA GlJL GOM'TO ...

TORI Ol5TENDE II.BRACCIO 51NI5TRo DI UKE E LO TII<A VERSO L:'AL.TO .•.

87

SANKAKU -GATAME (TRIANGOLO) ((ONTROLLO)

KANSET5U 'XIAZA

R'PETO CHE ESI5TONO MOL..TE' VARlANTI ALlE LEVE DE'SC.R1TTe, ,ANCHE IN 'RE'LAZ10NE A\...L.E POSIZ/ONJ DI TOR t E U~E I MA COM UN· ~UE VENGONO 5EMPRE RICONOOTTE A ESTENSIOtJE o FLE5510~e OLTRE u, LIHI-rE Fl.610LOGICO DELL.A ARTICQLA210NE" IN CAUSA, TALVOLTA UNITO AD UN

LAVORO DI TORSIONE .

~-----

88

ARBITRAGGIO

89

ARBITRAG6\O

NELLE COMPETIZIONI Dl TUDO E' NECESSARIO CHE VENGANO STABILITE DELLE REGOLE D\ SVOLG\MENTO DELLE GARE/ CRITER\ PER ASSEGNARE LA VITTORIA, PUNIZIONI PER AZIO"" -~

5COR~ ETTE , E:CC.

L'ARBITRO 1..1 INVITA A FAf?SI It.. SALUTO

(1<£ I) ~ POI \ ANNUNCEfA A VOCE MOLTO AL.TA "HAJIME" (CONINCfATE);

QUAIVDO VUOL£ INTERROMP£F<FE (_/AZIONE 6RIDERA' "MATTE"(ASP6TTAT£); E PER CHIUDERE L 'INCONTRO D/~A\ ".sOREMADE ., (FINITO).

L ~RBITRO 51 SERVE DJ GE3STI E DJ PAROLE P(;R CONDUR'ICE IL COH-

BATT/MENTO.

I DUlE JUDOKA SOND 01 F!?ON' TG UNO CON t..A' C INTURA ROSSA c L-~LTRO CON t:» CINTURA BIANCA.

QUANDO UN ATLt:TA PROIETTA L/ALT~O NETTAMENTE SULLA SCHIE:! NA CON FO~ZA

E VELOCITA' J_ -'AR B ITI<O ANNUNCGRA' "'PPON'" (OPPURE QUANDO

----- uNO T/£N£ IMHOBILIZZATO A ~ TERRA PeR '30" L 'AVv£RSAI?IO, 0 I\\\'\." ANcoRA SEGlUf:STI 51 ARR£NDf:

su UNA L~VA OD UNO srRANGOLAH£NTO) L",PPoN CHIUD£ u: C01-f8ATTIM£NTO PRIMA' DEL TEHPO REGOl.ANEN - TARE.

GUANDO UN ATLETA PRO/~TT4 L'ALT~O IN NAN/ERA BELLA MA NON TANTO DA MER/TARE L/IPPON PERCJ-I£' MA MeA UNO DEI T~£ ELEMENTI ((ADLJTA NETTAM[ENTe SULLA .sCH/ENA, FORZA, VELOCITA'), L/AR8JT~O ANNUNCERA' "WA7.AAR,"(OPPUI<E qUANDO UNO TIENE IMHOBILI2ZATO L"ALTf?O A TEI<I?A ALMENO PeR 2~'J. DUE' WAZA-A~I 51 SOMMANO e PANNO L/IPPON.

90

QUANDO UNO TUDOKA REALIZZA UNA TEeN/CA CHE NON MERITA 11_ WA2A-AR'/ P£,fi!.CI-I£'/VIANCA DI UNO D£{ TREE €LfElvtENTI (_PI?OlcZIONE NeTTA ALL"INDIETRO, FO~ZA, VEl-OeITA'), L'ARBIT~O ANNUNCERA "YUKO"(OPPU~E CJJUANDO L 'IMt-fOBILI ZZAZ lONE VI£NE:

MANTENUTA ALf.1ENO per? 20/~. GLI YUI\O NON SI SoNMANO.

QUANDO UN COHBATT€NT~ FA CAD£~E L/ALTRO CON UNA CERTA FOI<ZA 0 V£LOCITA'

SUL FIANCO D£L CORPO, SULL.A COSCIA/ SULL "ADDONE 0 SUI GLUTEI E NON

MERITA IL RISULTATO DI YU"O, L/ARBIT1?O ANNUNceRA' I'KOKAIt (OPPUICE: Q.UANDO /..:'IM·

MOBILIZZAZ(ONE A Tf:RICA V{ENE MAN· TENUTA ALHENO 10") / IrOKA NON SI SOkNANO.

qUANDO L..'ARB\TRO VUOL..E AMMON IRE UNO 0 TUTTI c DUE GL-t ATLETI PERCHe' NON ATTACCAt-JO (NELLA LOTTA IN PIEDI) ASSE6NERA \ IL MULltVELLO COM~ AVVERTIM~NTO c POll SE L..'ATL.ETA AM~ON ITO IN$\STt= NELLA UPASS\VlTA'" VERRA' ANCORA PE~ALIZ- ' ZATO CON IL t--tULINEL-LO MA CON SANZIONI CRE~ SCENTI : SHIDO I CHUI, KEIt(OKU, FI"-IO ANCHE

ALLA SQUA-

'--~ LIFICA

(HANSOt\UMAKE).

QUANDO COMINCEf?A \ L'IHHOBILIZ'ZAZIONE L"ARBITFeO ANNUNC£RA'

"OSAE --

t<o~~

. .. ~ PE~

\ NTER ~OMPEJ?l.A "TOt<ETA':

91

LE SANZIONI 5H1DO (COR~/SPONDcNTE AL KOKAl CHU\ (CORRISPONDENTE A YUKO), KEIKOKU (CORRfSPONDENTf:

A WAZA-ARI), 51 SOMMANO, NEL SENSO CHE DOPO UN'INFRAZIONE VIENE COMMINA"'TA UNA ce~TA SAN" ZIONE; ALL I'/NFRAZIONE SUCCESSIVA VERRA' ATTRl BUITA L-A PE'NALITA' SUPE"RIORE I' ANCHE SE J_/AiLETA COMMETTE 5EMPRE LA STE55A IReEGOL-ARITA', FINO AI-L.A S~UAL.IS=-ICA (HANSOKU-tvtAK£).

LF SANZIONI Vt:NGONO ATTI<IBUITE PER INI=RAZ IONt ALL-£:

RE<:10L I: (USCITA DAL.L"AREA, PASS/VITA', ECC.) 0 PeR 5 COR f?€TrEZZc (A ZIONI P£:1i?/COL-OSE PeR L'INCOl-UHITA\) e. ~(.t AL-L.A FINE \" OIEL COHBATTIH£NTO,

VENGONO T~A5FORHATE SUL TA8ELLONE IN VANTA6GI T~CNICI CORR/- 5PONDENTI.

;,

DIZIONARIO

93

DIZIONARIO DEI TERMINI GIAPPONESI P(() USA TI NEL JUDO

Arbitraggio

Hajime - combattete Matte - aspettate

Matte jikan - aspettate (anche al cronometrista)

Sonomama ~ non muovetevi (s! fermano anche i cronornctn)

Yoshi ~ continuate

Osae komi ~ immobilizzazione

Osae komi toketa ~ immobll.zzazione rotta

lppon - punta Waza-ari - quasi ippon

Waza-ari ni chikai waza - quasi waza-ari Kinsa - vantaggio tecnico

Shido - osservazione

Chui - richiarno

Keikoku ~ nchiamo ufficiale Hansoku make - squalifica Sogo gachi - vittoria composta F usen gachi - assenza

Kikcn gachi - abbandono Hiki-wake - parita

Sore made - finito

Hantei - decisione

Tecnica delle proiezioni e dei contralli

Ashi - piede. gamba Ayumi - marcia Barai - spazzare Basami - forbici

Do ~ tronco (del corpo) Do (michr) - via

Dojo - luogo dove si pratica il judo En - collo. bavero

Gake - agganciamento

Garami - avvolgere

Gari - falciata

Gokyo - 5 principi

Hadaka - nudo

Hane - ala

Hara - ventre

Hidan - sinistra

Hij: - gomito

Hisigi - rompere

Hiza - ginocchio

Hon - fondamentale

Ippon - un punta

Jime - soffocamento

Jigotai - posizione di difcsa

.Iitsu - arte

Ju - f1essibile

Judogi - abito del judo

Judoka - colui che pratica iI judo Juji - croce,incrociare

Kaeshi - rovesciare. contrattacco Kake - esecuzione

Kami - al di sopra, vella Kata - spalla. modello, tipo

Katame - controllo. immobilizzazione Ken ken - saltare all'interno

Kesa - fascia (trasversale del corpo)

Kiai - insierne, unione di spiriti, grido particolare

Ko - piccolo

Kodokan - la scuola per studiare la via sede del judo a Tokyo

Komi - sollevato. sotto

Koshi - anca

Kumi - presa

Kuruma - ruota

Kyo ~ principio, gruppo Kyu - c1asse

Kuzushi - squilibno Kuzure - rotto

Kwansetsu - articolazione Maitta - mi arrendo

Maki - avvolgere

Maki-komi - avvolgere dentro Mata - coscia

Migi - destra

Morote - due mani

Nage - proiezione

Ne - terra. suolo

No - perfezione di

0- grande

Okuri - a due (coppia) Obi - cintura

Osac-korm - immobilizzazione Otoshi - caduto. eadere

Uke - ricevere (I'iniziattva] Ukemi - cad uta

Uki - fluttuante

Ura - indietro. opposto Ushiro - dictro

Utsuri = cambiamento (attorno) Wakare - separazione

Waki - ascella

Waza - tecnica

Yama = montagna

Yoko - fianco

Zen = setta del buddisrno

A s

H

I

94

(piede)

Randori - esercizio Iibero Renraku - concatenazioni Sabaki - schivare, ruotare Sankaku ~ triangolo

Sasae - man tenere. tenere Se - dorso

Seoi - prendere sui dorso Sensei - maestro

Shiai - combaltimento Shiho - quattro lati Shirne - strangolamento Shintai - spostamento Shisei = posizione

Sode - manica

Soto - esterno

Sukui - cucchiaio

Sumi - angolo

Sutemi - lasciarsi cadere, sacriticio Tachi - posizione in picdi

Tat - corpo

Tani - valle

Tatami - stuoia

Tate - lunghezza

Te - mano

Tomoe - linea curva, area Tori - prendere (I'tniziativa) T sugi - succcssione Tsukkomi - spingere

T sukuri - preparazione Tsuri ~ tirare

Tsuri komi - tirare sollevando Uchi - interno

Ude - braccio

l ' dan - sho dan 2' dan - ni dan

3' dan - san dan 4' dan - shi dan

5' dan - go dan

6' dan - roku dan T dan - shichi dan 8 dan - hachi dan 9' dan - ku dan 10' dan - ju dan

Cintura blanca - shiro obi Cintura gialla - kuro obi Cintura arancione - dadaiiro obi Cintura verde - midori obi Cintura blu - aoiro obi

Cintura marrone - kuriiro obi Cinture nera - kro obi

Cintura rossa - aka obi

Ago - mento Ale - colpire

Atemi - colpo sui corpo Age -Ievare

Arashi - tempesta

Dori - prendere

Mune - pet to

Naname - obliquo, diagonale Oshi - spingere,premere Tokui - movimento favorito Ryo - ambedue

SOMMARIO

1 - preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 - tecniche in piedi .

3 - tecniche a terra . . . . . . . . . . . . . . . 4 - arbitraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 - dizionario .

paqma 6 paqina 18 pagina 65 pagma 89 paqma 93

95

*

w

COMITATO OLiMPICO NAZIONALE ITALIANO FEDERAZIONE ITALIANA LOTTA PESISTICA JUDO