P. 1
Studio della Derivabilita e della Continuita delle funzioni

Studio della Derivabilita e della Continuita delle funzioni

|Views: 907|Likes:

More info:

Published by: Tony Cogliano Allechi Spencer on Nov 09, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/22/2012

pdf

text

original

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ DI UNA FUNZIONE

Erasmo Modica
www.galois.it

1

STUDIO DELLA CONTINUITÀ DI UNA FUNZIONE

Per studiare la continuità di una funzione bisogna determinare il suo dominio e, se si escludono dei
valori, lì vanno certamente ricercati i punti di discontinuità.

Se la funzione è definita a tratti, quindi è formata da più rami, potrebbe avere altri punti di
discontinuità e precisamente il punto di discontinuità potrebbe trovarsi nei punti in cui la funzione
cambia legge, ovvero dove finisce un ramo e inizia il successivo.
Per verificare la continuità in un tale punto, basta calcolare il limite per
0
x x ÷ sia da destra che da
sinistra. Se i valori sono diversi si ha un punto di discontinuità.

ESEMPIO

Sia data la funzione definita a tratti:

( )
2
3 2
3 2 5
1
5
x x
f x x x
x
x
¦
¦ ÷ s
¦
= ÷ + < <
´
¦
¦ >
¹


Essa risulta continua nei tre tratti, ma bisogna studiare cosa accade nei punti in cui cambia legge.
Poiché

( ) ( )
2
2 2
lim 3 1 lim 3 1
x x
x x l l
÷ +
+ ÷
÷ ÷
÷ = ÷ ÷ + = ÷ =

la funzione in 2 x = è continua.
Poiché

( )
2
5 5
1 1
lim 3 22 lim
5
x x
x l l
x
÷ +
+ ÷
÷ ÷
| |
÷ + = ÷ = =
|
\ .


la funzione in 5 x = è discontinua.


STUDIO DELLA DERIVABILITÀ DI UNA FUNZIONE


Per studiare la derivabilità di una funzione bisogna derivare la funzione ed escludere i punti in cui
la derivata non esiste o è infinita o assume due valori diversi.

Per trovare i punti di non derivabilità è necessario calcolare il dominio della derivata e se la
funzione è definita a tratti, bisogna calcolare la derivata nei punti in cui la funzione cambia legge.
Se si ottengono dei valori differenti, allora la funzione in quel punto non è derivabile perché la
tangente al suo grafico a destra è diversa da quella a sinistra e quindi è presente un punto angoloso.

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ DI UNA FUNZIONE

Erasmo Modica
www.galois.it

2
Osservazione: Se in un punto una funzione non è continua allora non può essere derivabile.
La continuità è una condizione necessaria ma non sufficiente per la derivabilità.



ESEMPIO

Sia data la funzione definita a tratti:

( )
3
2 2 3
2 2
4 2 5
2 9 5
x x
x x
f x
x x
x x
+ ÷ < < ¦
¦
÷ ÷ < ÷
¦
=
´
÷ < <
¦
¦
÷ >
¹



Essa risulta essere discontinua nel punto 3 x = e, di conseguenza, non è derivabile. Calcoliamo la
derivata della funzione:

( )
( )
2
3
1 2 3
1 2
1
'
2 5
3 4
2 5
x
x
f x
x
x
x
÷ < < ¦
¦
÷ < ÷
¦
¦
=
´
< <
¦
· ÷
¦
¦
>
¹


Nel punto 2 x = la derivata sinistra e la derivata destra della funzione non coincidono e, di
conseguenza, la funzione non è derivabile.
Nel punto 4 x = la derivata prima tende ad infinito e quindi in tale punto la funzione non è
derivabile.
Nel punto 5 x = la derivata sinistra e la derivata destra della funzione sono diverse e, di
conseguenza, la funzione non è derivabile.
La funzione risulta quindi continua nei punti 2 x = , 4 x = e 5 x = ma non derivabile in tali punti.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->