Sei sulla pagina 1di 2

riconoscimento zuccheri riducenti

Riconoscimento degli zuccheri riducenti

OBIETTIVO:

Vedere come è possibile riconoscere gli zuccheri riducenti mediante l’uso del reattivo benedict.

PREREQUISITI:

La reazione che avviene sugli zuccheri riducenti mediante l’uso del reattivo benedict è una reazione “redox”, ovvero di ossido-riduzione. La zucchero perde elettroni e di conseguenza si ossida mentre il rame rameico contenuto nel

benedict acquista elettroni e si riduce[(Cu++)+(2e-)]

facilitare la reazione è necessario porre le provette a bagnomaria. In presenza

di zuccheri riducenti si nota il cambiamento di colore del reattivo dal blu (rame

rameico) al rosso arancio (rame metallico).

dal blu (rame rameico) al rosso arancio (rame metallico). Cu°; inoltre per MATERIALI: Beuta, 5 provette,

Cu°; inoltre per

MATERIALI:

Beuta, 5 provette, spatola, becher, pipetta, piastra termoelettrica e porta provette;

SOSTANZE:

Acqua, amido, glucosio, fruttosio, saccarosio e benedict;

PROCEDIMENTO:

Prendere 5 provette, segnare con un pennarello indelebile la sostanza inserita

in ognuna di essa e inserirli nell’apposito porta provette. Preparare le provette

con le sostanze in polvere diluite con acqua ed infine aggiungerci il reattivo Benedict. Mettiamo le varie provette in un becher riscaldato per far avvenire la reazione più rapidamente. Osservare i cambiamenti che avvengono e riportarli nella tabella.

OSSERVAZIONI:

Colore

iniziale

REAZIONE

Colore finale

file:///C|/Documents%20and%20Settings/Generico/Documenti/Siti%20Web/laboratorio/lab_file/esp_2.htm (1 di 2)05/08/2006 17.54.15

riconoscimento zuccheri riducenti

riconoscimento zuccheri riducenti CONCLUSIONI: Grazie all’utilizzo del reattivo Benedict è possibile riconoscere due

CONCLUSIONI:

riconoscimento zuccheri riducenti CONCLUSIONI: Grazie all’utilizzo del reattivo Benedict è possibile riconoscere due

Grazie all’utilizzo del reattivo Benedict è possibile riconoscere due zuccheri riducenti: il Glucosio e il Fruttosio; inoltre queste due sostanze sono presenti anche nella marmellata e nel miele. Questi zuccheri fanno reazione con il Benedict perché il legame doppio con l’ossigeno del gruppo carbonilico è debole e spezzandosi provoca la reazione. Il Saccarosio, invece, non fa reazione perché è formato da Fruttosio e Glucosio che per unirsi hanno già perso un legame doppio perché con la reazione di condensazione si ha la perdita di una molecola di acqua, quindi senza questo legame libero la reazione non può avvenire.

senza questo legame libero la reazione non può avvenire.

file:///C|/Documents%20and%20Settings/Generico/Documenti/Siti%20Web/laboratorio/lab_file/esp_2.htm (2 di 2)05/08/2006 17.54.15