Sei sulla pagina 1di 3

PROGRAMMA SECONDO GIORNO SUBURBANA

TEATRO A.S.U.
Il progetto si intitola A.S.U. artisti socialmente utili ,rappresenta in maniera ironica la
condizione di precariato che,da concetto di lavoro precario,si amplia a quello di esistenza
e di arte precaria.
Lo spettacolo è teatro canzone per cui si alternano parti recitate a momenti musicali live.
Lo spettacolo è organizzato da slamproject sound, gruppo di Reggio Calabria, un isieme di
musicisti, scrittori, pittori e artsiti dalle molteplici personalità... ci ritroviamo puntualmente
fra i meandri del Barrio e le periferie dell’anima.

ROMA CALLING
Fanno parte di questo progetto “Canzoniere della memoria” e “Rancore”.
A seguito dei recenti mutamenti dello scenario politico nazionale ed in particolare di quello
romano, il nostro pensiero è rivolto agli spazi sociali nella nostra città. Le occupazioni,
(sociali, abitative, socio-abitative, di protesta e d’ogni tipo) sono da sempre un punto di
riferimento per le lotte politiche, sociali e culturali, per il riconoscimento della ricchezza
delle diversità, per la cultura dei diritti, ma anche per una visione alternativa della musica e
della produzione artistica in generale, svincolate e liberate dalle sole logiche del profitto.
Sono ambienti in cui la musica ha sempre trovato o creato lo spazio e il tempo per
muoversi liberamente fino a divenire spesso incubatori di nuove culture. Sono palcoscenici
speciali, sempre aperti a gruppi alle prime armi che potrebbero non trovare posto in altri
contesti; sono palcoscenici liberi, dai quali esprimersi senza controlli e senza censure;
sono palcoscenici sui quali è possibile fondere il desiderio di esprimersi suonando, con la
voglia di cambiare uno stato di cose ritenuto iniquo o inammissibile; palcoscenici dai quali
dare voce e musica all’antifascismo, all’antirazzismo, all’antisessismo e dai quali
denunciare ogni forma d’ingiustizia sociale. Sono palcoscenici intorno ai quali spesso,
lavorano instancabilmente persone che non sono retribuite se non dalla loro personale
soddisfazione di produrre allegria, lotta e cultura di un certo tipo. Sono palcoscenici dai
quali si canta per finanziare progetti, per alimentare sogni, per portare solidarietà a chi
ogni giorno è privato delle proprie libertà. Sono palcoscenici che hanno sempre dato
spazio alle voci delle nostre emozioni, della nostra rabbia e del nostro amore. Roma
Calling ritiene che questo patrimonio debba essere difeso e tutelato e rivolge un appello a
tutti i musicisti e le band che condividono questi pensieri: portate particolare riguardo ai
modi e alle forme con le quali suonate dentro questi spazi, promuovete e partecipate a
concerti per il finanziamento di queste strutture, eliminate o abbattete i cachè quando
suonate nelle occupazioni (rivolgendoli magari verso strutture e spazi che hanno solo
logiche di profitto e commerciali), suonate nelle occupazioni abitative che lo richiedono,
siate pronti a suonare in posti che da un giorno all’altro possono finire sotto sgombero, ed
infine di utilizzate ogni palcoscenico ed ogni concerto per denunciare qualsiasi tipo di
attacco venga mosso nei confronti degli spazi sociali occupati e di tutte le persone che li
vivono e li rendono vivi. Mai un “palco” indietro… gli spazi sociali non si toccano.
RANCORE
I Rancore nascono nell'inverno del 2002 dall'incontro di quattro ragazzi del litorale romano
che dopo aver militato in varie formazioni locali, decidono di unire le forze e far nascere un
progetto volto a esplorare le sonorità punkhardcore. Dopo pochi mesi inizia un'intensa
attività live supportata da un discreto numero di pezzi originali e nello stesso periodo la
band registra il primo demo omonimo di quattro tracce. Segue un nuvo periodo ricco di
attività live in numerosi locali e centri sociali di Roma – l.o.a.. Abrobax, c.s.o.a. ZK, c.s.o.a.
La Strada, Stay Free, Alpheus, exbocciodromo, Pirateria del Porto, TorreMaura Okkupato,
etc - ed a varie manifestazioni -"Questa è Roma mica...", Hate & War festival, hardcore
contest, Festa del precariato - che si protrarrà fino a maggio 2004 quando il gruppo torna
in studio per iniziare la lavorazione del loro primo Full album "Rifiuto". L'album registrato
presso l'Outer Sound Studios, si compone di 16 tracce cantate in italiano, frutto del lavoro
di oltre due anni della band e tratta ,tramite testi diretti ed espliciti, tematiche sociali e
politiche di cui i componenti della band si fanno critici osservatori. A novembre 2004
avviene l'incontro con la Raged Records, con la quale viene stretto un accordo di
distribuzione e promozione dell'album; nel corso dei mesi successivi la band partecipa con
la piccola etichetta Indy romana alla stesura dello split album *6 nel quale sono presenti
tre tracce di Rifiuto e registra per la stessa etichetta Janie Jones dei Clash per l'album
"Strummer - A Clash Tribute". Nell’Agosto del 2005 Cristiano lascia il gruppo e la band è
costretta a prendere tempo; dopo pochi mesi subentra alla batteria Davide che dopo un
breve periodo in sala permette ai Rancore di tornare di nuovo sul palco. Nel 2007 i
Rancore stanno lavorando al nuovo full album, ad altre partecipazioni parallele e
collaborano attivamente a RomaCalling.

NO THANX
No Thanx Hard Core da Grottaglie... Nascono dalle ceneri degli Sputo Punk Rock.... era il
2006 quando dopo aver definitivamente perso per strada l'avvocato bassista, e dopo aver
gia' perso il nostro timido batterista si decide di dare il via ad un progetto disimpegnativo
che sia solo un ritrovarsi per suonare e cazzeggiare un po' a colpi di accordi degli zeke
gorilla bisquits e mistreakers!!!! Ma si sa... Non si puo' suonare solo per il cazzeggio, si
avverte il bisogno di comunicare di esternare i propri pensieri e cosi' inizia la composizione
di pezzi propri..... e cosi' prende il via un nuovo progetto.... No Thanx, un NO
GRAZIE....forte... alle politiche e metodiche clericali, sempre piu' marce e subdole, alle
politiche e alle scelte imposte dalle grandi nazioni che mirano ad un dominio delle menti e
non solo a quello dei mercati un NO GRAZIE alle case farmaceutiche a braccetto con i
laboratori di sperimentazione animale e i vari laboratori di cosmetica carnefici ogni minuto
di morti di animali innocenti nel nome della scienza alla repressione esercitata dalle forze
dell'ordine,su chi tenta di distruggere tutto questo o quantomeno di resistere!!! NO THANX
ovvero no grazie a tutto questo schifo che oggi ci circonda e vorrebbe ingoiarci con tutte le
scarpe!!!!!
BRIGATA LIBERTARIA
I BRIGATA LIBERTARIA sono una band antifascista della provincia di Lecce nata nel
marzo 2006 con il vecchio nome di BUIOPESTO, quando finalmente i quattro componenti
si decidono a suonare insieme. Il materiale finora composto presenta un'attitudine
Streetpunk-Oi!, con testi impegnati e di critica sociale. Nel luglio 2007 vengono registrati 5
pezzi che vanno a finire in uno split con i bergamaschi FRODE, RANGOTANK e VERMI,
uscito a dicembre 2007 e totalmente autoprodotto.
RANGO TANK
I Rango Tank nascono nel 1999 in seguito al riflusso politico che segnò la fine del
movimento degli anni'90. Dopo le esperienze di autogestione degli spazi sociali occupati nel
nord Italia ,tra cui esperienza seriatese ,il bisogno di dare continuità a quella progettualità
politica ha contribuito a fare nascere, tra le altre cose, la prima Oi! band della bergamasca .

- i Rango Tank scelgono Oi! Perché rappresenta il miglior veicolo musicale capace di
esprimere la rabbia e la protesta politica della classe lavoratrice.

- I Rango Tank hanno permesso al collettivo antifascista di Seriate di aumentare la


superficie di contatto con il giovane proletariato di questa piccola oasi rossa nel deserto
leghista ,contribuendo a rafforzare le file e le attività del collettivo stesso oltre che a far
nascere altri gruppi musicali politicamente schierati nel fronte antifascista.

- I Rango Tank sono Mary; Stefano; Fabrizio