Sei sulla pagina 1di 33

Il Programma Competitività e Innovazione CIP

Alessandro Dattilo ES-COM

Le azioni verticali del programma

IEE è suddiviso in una serie di “azioni verticali” ed “azioni orizzontali” raggruppate all’interno dei vari progetti che esplorano i

molteplici campi correlati al settore

dell’energia (produzione, trasporti, edifici, ecc.)

Alessandro Dattilo ES-COM

1.

Progetto SAVE:

azione verticale 1: Moltiplicazione degli edifici “di successo” ;

azione verticale 2: Ammodernamento delle strutture di edilizia popolare ;

azione verticale 3: Approcci innovativi per le industrie;

azione verticale 4: Attrezzature e prodotti ad alta efficienza energetica.

2.

Progetto ALTENER:

azione verticale 5: RES per la produzione di elettricità;

azione verticale 6: RES per la produzione di calore;

azione verticale 7: Applicazioni per RES di piccola taglia;

azione verticale 8: Sistemi di propulsione alternativi per i veicoli (condivisa con STEER).

3. Progetto STEER:

azione verticale 9: Politiche per un uso efficiente dell’energia nei trasporti;

azione verticale 10: Rafforzamento delle conoscenze delle Agenzie locali

Alessandro Dattilo ES-COM

Le azioni orizzontali del programma

Coinvolgono gli aspetti legati al particolare sito di installazione, al monitoraggio ed alla valutazione tecnico-economica.

azione orizzontale1: Comunità energetiche sostenibili; azione orizzontale2: Creazione delle agenzie

locali per l’energia;

azione orizzontale 3: Meccanismi finanziari ed incentivi; azione orizzontale 4: Monitoraggio e

valutazione.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 1

Un effettivo miglioramento dell’efficienza energetica negli edifici è ottenibile su nuove costruzioni.

Lo scopo di questa azione verticale è il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, incluse le misure per la riduzione del

consumo di energia e l’impiego di sistemi RES

(Renewable Energy Systems)) e CHP (Combined production of Heat and Power).

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 1

strumenti per l’applicazione delle Direttive sugli edifici (in particolare attraverso la

pubblicazione di Call for Tenders);

sviluppo di nuovi schemi per la fornitura di servizi energetici negli edifici;

realizzazione di edifici pubblici “virtuosi” che servano da esempio.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 2

Attualmente ci sono circa 2,5 milioni di edifici di edilizia popolare presenti sul territorio della UE (consumo di energia pari al 45% del totale

imputabile al settore degli edifici).

Scopo: promuovere l’efficienza energetica degli edifici di edilizia popolare: studiando nuovi

approcci nella progettazione sia promuovendo

il rifacimento delle strutture esistenti, al fine di ridurre il consumo di energia per tali edifici di circa il 30%.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 2

crescita

della

consapevolezza,

educazione e formazione;

soluzioni avanzate per la ristrutturazione

degli edifici;

promozione del cambiamento a livello

legislativo ed istituzionale.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 3

Il comparto industriale del paesi CEEC (Central and Eastern European Country) a

causa della carenza di tecnologie e del

degrado delle strutture mantiene il consumo di energia più elevato dell’UE.

Scopo: contribuire alla riduzione della domanda

di energia del settore industriale per i prossimi

10 anni.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 3

strumenti per la gestione dell’energia (audit energetici, etc)

servizi energetici per le PMI;

promozione di nuove

tecnologie

di

produzione

di

energia

quali

CHP

e

poligenerazione.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 4

Negli ultimi 15 anni, riduzione dei consumi per il

riscaldamento richiesta di

domestico,

aumento

della

energia

per

l’utilizzo

di

apparecchiature elettriche.

Scopo: intervenire nel settore delle apparecchiature elettriche (certificazione

energetica degli elettrodomestici, definizione di

standard produttivi stringenti) impiegate in vari settori, inclusi gli aspetti legati alla climatizzazione ed illuminazione degli ambienti.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 4

rafforzare l’applicazione e promuovere la conoscenza del marchio di efficienza

energetica delle apparecchiature;

monitorare le trasformazioni del mercato e preparare il terreno per le nuove iniziative

comunitarie.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 5

Mira alla corretta applicazione delle Direttive in campo energetico varate dal Parlamento

europeo ed alla sua implementazione nello

Stato Membro.

Fornire le basi per una futura revisione del

mercato delle RES. Affrontare una serie di

problematiche relative all’introduzione di tali apparati sul mercato ancora scettico.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 5

generazione distribuita di elettricità;

obiettivi della legislazione nazionale;

problemi legati alla struttura della rete di distribuzione;

elettricità “verde”.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 6

Questa azione è volta alla promozione dei sistemi basati su fonti rinnovabili attraverso la definizione di aspetti ad essi collegati quali

miglioramento della filiera della

biomasse, definizione di standard comuni sui combustibili impiegati. Inoltre l’azione

è volta alla valorizzazione di tecnologie

geotermico

meno

consolidate

quali

il

solare

ed

il

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 6

Legislazione sui combustibili e norme relative ai sistemi RES;

instaurazione di un mercato per gli

combustibili ad essi

apparati

collegati;

RES ed

i

promozione e formazione.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 7

In numerosi edifici risulta possibile ottenere una sostanziale riduzione delle emissioni di CO2 ed

un consistente risparmio energetico attraverso:

l’isolamento dell’involucro esterno; la

generazione di energia attraverso sistemi environmentally-friendly.

Supportare la

climatizzazione e di produzione di elettricità che utilizzino sistemi RES di piccola taglia per la

produzione on-site all’interno degli edifici.

produzione

di

sistemi

di

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 7

adozione di sistemi solari per acqua calda sanitaria e per climatizzazione;

introduzione di sistemi a biomasse per il riscaldamento degli edifici;

installazione di sistemi di cogenerazione

di piccola taglia e pompe di calore.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 8

la Commissione europea ha stabilito che entro il 2020 il 20% dell’energia richiesta dal settore dei trasporti venga fornito attraverso

soluzioni energetiche alternative.

La parte che riguarda la produzione dei combustibili alternativi sarà di competenza del

progetto ALTENER, mentre quella riguardante il

loro impiego nei veicoli sarà di competenza del progetto STEER.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 8

legislazione, regime fiscale, norme e standard di produzione per i combustibili alternativi;

filiera di produzione e strutture di mercato per i combustibili alternativi;

creazione di un mercato per equipaggiati con propulsori alternativi;

Alessandro Dattilo ES-COM

i

veicoli

Azione verticale 9

Il miglioramento dell’efficienza energetica nel settore dei trasporti risulta vitale

L’attuale accordo volontario tra la commissione e le industrie automobilistiche europee e giapponesi, permetterà secondo le proiezioni, una riduzione delle emissioni di CO2 dai

veicoli pari a circa il 25% in meno rispetto al

valore del 1995.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 9

miglioramento dell’efficienza energetica nel settore dei trasporti;

strumenti economici ed incentivi;

informazione ed educazione;

riduzione della domanda di trasporto.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione verticale 10

La rete delle Agenzie locali per l’energia gioca un ruolo chiave per l’adempimento delle politiche europee

Il personale delle Agenzie dovrà quindi essere in grado di diffondere l’applicazione di “buone pratiche” legate

all’amministrazione dell’energia;

incrementare la conoscenza riguardo i combustibili alternativi, ecc.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione verticale 10

formazione ed educazione del personale di Agenzia riguardo i combustibili alternativi

ed utilizzo di energia nel settore dei trasporti;

supporto agli attori locali per la partecipazione ai progetti.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione orizzontale 1

Il summit di Rio ha introdotto il concetto di piano per lo sviluppo sostenibile locale che si deve concretizzare attraverso la creazione delle

cosiddette “comunità sostenibili”.

Saranno i banchi di prova delle nuove tecnologie energetiche sperimentando, su piccola scala, i

vari sistemi

Alessandro Dattilo ES-COM

Le attività perseguite saranno orientate verso tre aspetti principali:

1. politiche di azione locali;

2. nascita e sviluppo di un mercato locale dell’energia;

3. promozione

cittadini.

della

partecipazione

dei

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione orizzontale 1

promuovere la partecipazione dei

cittadini ed il coinvolgimento degli attori locali coinvolti nel settore dell’energia;

pianificazione delle comunità locali per un uso efficiente delle RES;

stabilire condizioni favorevoli per la nascita

la crescita di un mercato locale dell’energia.

e

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione orizzontale 2

Questa azione mira a fornire supporto e guida agli attori locali (Autorità pubbliche, ONG, associazioni di cittadini, ecc.)

attraverso la presenza di più efficienti

agenzie locali che possono a loro volta promuovere eventi che coinvolgano i cittadini.

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione orizzontale 2

supporto alla creazione di agenzie per l’energia a livello locale e regionale ed alla realizzazione di una rete nazionale tra le varie agenzie;

creazione dei gruppi di riflessione;

creazione di strumenti di gestione per le agenzie per l’energia.

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione orizzontale 3

Lavorare alla creazione di nuovi schemi di finanziamento e di incentivi che possano rendere più attraenti i sistemi basati sulle fonti rinnovabili.

Scopo:

finanziari utilizzati in passato al fine di

individuarne punti di forza e di debolezza in

strumenti

analizzare

i

vecchi

gettare

creazione di nuovi e più efficaci

strumenti di promozione.

modo da poter

le

basi

per

la

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione orizzontale 3

analisi dei vari strumenti finanziari adottati nei vari Paesi dell’Unione;

sviluppo e promozione di nuovi

strumenti

finanziari

l’adozione dei sistemi RES;

organizzazione di forum e piattaforme per lo scambio di esperienze relative ai vari meccanismi finanziari adottati.

ed

incentivi

per

Alessandro Dattilo ES-COM

Azione orizzontale 4

Le attività di monitoraggio e valutazione del programma IEE riguarderanno sia i progetti attuati a seguito delle varie Call

pubblicate, sia i reali benefici e la reale

applicazione della politica di intervento comunitaria.

Scopo: definizione di una metodologia che

permetta di ottenere una visione completa dei risultati raggiunti

Alessandro Dattilo ES-COM

Aspetti principali dell’azione orizzontale 4

monitoraggio e valutazione delle differenti politiche attuate nel campo dei RES;

metodi, indicatori, e modelli per la definizione del futuro impatto delle politiche adottate;

piattaforme per lo scambio delle esperienze di monitoraggio e valutazione .

Alessandro Dattilo ES-COM